Issuu on Google+

SETTIMANALE DI INFORMAZIONE FONDATO NEL 1983

Poste Italiane spa - Spedizione in a.p. - D.L. 353/2003 (conv.in l.27/02/2004 n.46) art. 1, comma 1 - DCB Pc

GIOVEDÌ 26 GENNAIO 2012 - ANNO 30 N. 2 - EURO 0,20

Iren nel mirino dell’Europa: “Controllo pubblico precario”

Pubblicità inferiore al 45% - Contiene IP www.corrierepadano.it

WEEKEND

Concorrenza e principi di trasparenza, Bruxelles vuol vederci chiaro PARADISO A PAGINA 4

Commercio, si cambia - L’analisi dei direttori delle associazioni di categoria, Arzani e Struzzola

Liberalizzazioni al via: ”Domenica aperto”

Moni Ovadia a Fiorenzuola A PAGINA 8

Manovra, gli effetti su Piacenza: grande distribuzione alimentare già attrezzata, prudenti i negozi di vicinato. Consumatori favorevoli. Le perplessità dei sindacati Dopo aver scatenato soprattutto polemiche, la liberalizzazione degli orari degli esercizi commerciali - tra consumatori soddisfatti e sindacati perplessi - inizia a produrre effetti più concreti anche a Piacenza. Le analisi dei direttori di Unione Commercianti e di Confesercenti.

Soccorso e assistenza cambiano volto

Audio Bullys al Fillmore

DOSSENA A PAGINA 3

A PAGINA 9

Fiorenzuola

Valorizzare le terre verdiane per l’Expo: un corso ad hoc IANNOTTA A PAGINA 13

Sport

Volley: Rebecchi Nordmeccanica alle finali di Coppa Italia DOSSENA A PAGINA 15

Volontariato, è boom: ai corsi sempre più giovani e stranieri GAZZOLA A PAGINA 5


Corriere Padano

26 gennaio 2012

2

VILLAGGIO GLOBALE

Scuola - E’ già tempo di iniziare a pensare a come preparare bene il rush finale

Greco e matematica, una maturità ostica Le prove scritte dell’esame più temuto si svolgeranno il 20 e 21 giugno Scelte secondo il criterio di rotazione le materie rese note dal ministero Il ministro Francesco Profumo ha scelto le materie della maturita' 2012: Greco al Liceo classico, Matematica al Liceo scientifico, Lingua straniera al Liceo linguistico, Pedagogia al Liceo pedagogico, Figura disegnata al Liceo artistico, Economia aziendale ai Ragionieri, Topografia ai Geometri, Alimenti e alimentazione all'Istituto professionale per i servizi alberghieri e della ristorazione. Al classico e' stata rispettata l'abituale alternanza fra Latino e Greco. Le prove scritte dell'esame di maturita' dell'anno scolastico 2011/2012 si svolgeranno il 20 giugno (prima prova) e 21 giugno (seconda prova). Per quanto riguarda, appunto, la seconda prova, sono state scelte Greco al classico, Matematica allo scientifico, Lingua straniera al linguistico, Pedagogia al pedagogico, Figura disegnata al liceo artistico. Per gli istituti tecnici e professionali sono state scelte materie che, oltre a caratterizzare i diversi indirizzi di studio, hanno una dimensione tecnico-pratico-laboratoriale. Per questa ragione la seconda pro-

va puo' essere svolta in forma scritta o grafica o scritto-grafica o scritto-pratica, utilizzando, eventualmente, anche i laboratori. Le materie scelte per alcuni indirizzi sono: per l'istituto tecnico commerciale (ragionieri), Economia aziendale; per l'istituto tecnico per

geometri, Topografia; per l'istituto tecnico per il turismo, Lingua straniera; per l'istituto professionale per i servizi alberghieri e della ristorazione, Alimenti e alimentazione; per l'stituto professionale per i servizi sociali, Psicologia generale e applicata; per l'istitu-

to professionale per tecnico delle industrie meccaniche, Tecnica della produzione e laboratorio. Per il settore artistico (licei e istituti d'arte) la materia di seconda prova ha carattere progettuale e laboratoriale (Architettura, Ceramica, Mosaico, Marmo, Oreficeria ecc.) e si svolge in tre giorni. Le materie affidate ai membri esterni hanno seguito, "laddove si e' rivelato opportuno, il criterio della rotazione delle discipline", fanno sapere dal ministero. Sono poi 40 gli istituti scolastici coinvolti nel progetto Esabac, finalizzato al rilascio del doppio diploma italiano e francese ed attuato sulla base dell'Accordo Italo-Francese sottoscritto il 24 febbraio 2009. Quest’anno, per la prima volta, dirigenti scolastici e insegnanti presenteranno on line la domanda di partecipazione agli esami di Stato in qualita' di presidenti di commissione e di commissari d'esame. L'elenco completo delle materie scelte per tutti gli indirizzi e' consultabile sul sito www.miur.it (Agenzia Dire, www.dire.it)

Taglio dei vitalizi, è caos: venti deputati ricorrono La casta si 'ribella'. Una ventina di deputati hanno fatto ricorso contro il taglio dei vitalizi deciso dall'Ufficio di presidenza lo scorso dicembre: il reclamo e' arrivato al Consiglio di giurisdzione della Camera dei deputati presieduto da Giuseppe Consolo, un organismo interno che decide tutte le controversie che rigurdano Montecitorio. Tra questi deputati ci sarebbero anche 'nomi illustri' che vengono tenuti sottochiave da Consolo perche' esploderebbe subito la polemica. Interpellato dalla 'Dire', il deputato di Fli ha confermato: "Si' e' vero la notizia e' ancora riservata perche' i ricorsi sono arrivati solo da pochi giorni. Non capisco come sia venuta fuori, ci sono anche dei nomi illustri. Ma non dico chi sono. Per ora sono arrivati qualche decina di ricorsi, diciamo una ventina, ma altri ne stanno arrivando. Dobbiamo ancora vagliare le carte, neanche io che sono il presidente ho potuto vederle bene. Ma non c'e' nessun richiesta d'urgenza e non abbiamo un limite per decidere. Ci vorra' tempo. Dovro' nominare i relatori del caso, poi sentire le parti e gli avvocati. Per ora i nomi li faccio tenere sotto chiave". Gli unici due nomitativi, non confermati ne' smentiti, sono quelli del deputato Pdl Adriano Paroli e del deputato della Lega Daniele Molgora: il primo pero' risulta cessato dal mandato parlamentare il 17 gennaio scorso.Consolo spiega che i ricorsi presentati da alcuni deputati contro il taglio dei vitalizi riguardano comunque aspetti diversi. In ogni caso, dopo il 'giudizio di primo grado' del Consiglio di giurisdizione c'e' 'un secondo grado' al Consiglio di Appello dell'organismo a cui si puo' fare ricorso dopo un primo pronunciamento. (Agenzia Dire, www.dire.it)

Il ‘verde’ Profumo: “Scuole ecologiche, risparmieremo nove miliardi e mezzo” Parte il piano per gli istituti “green”: il Cipe ha sbloccato fondi per 456 milioni anche per i nuovi edifici a basso impatto ambientale ROMA - Parte il piano per le scuole 'verdi', con cui il Governo conta di risparmiare fino a 9,5 miliardi. È quanto sostiene il ministro dell'Istruzione Francesco Profumo, intervistato dal 'Sole 24 ore'. Il Cipe ha sbloccato fondi per 456 milioni di euro, per la messa in sicurezza delle scuole. "Si tratta di un'ulteriore iniezione di fondi per l'edilizia scolastica, che si aggiunge a quella gia' prevista dal Piano di azione coesione, che testimonia l'impegno del governo, del ministro Barca e mio personale, a intervenire su questo fronte- dice il ministro- Il Cipe ha liberato 197 milioni, a valere sulle risorse stanziate a favore del Fondo per lo sviluppo e la coesione previsto dalla legge 183 del 2011, a cui vanno ad aggiungersi 259 milioni per ulteriori interventi, da selezionare tra quelli evidenziati dal tavolo tecnico all'interno della Conferenza unificata. In quell'occasione erano state individuate le Regioni che beneficeranno dei fondi, cioe' Abruzzo, Molise, Campania, Puglia, Basilicata, Calabria, Sicilia e Sardegna". I 197 milioni, invece, "saranno spesi per interventi su tutto il territorio nazionale. Circa le opere, riguarderanno la messa in sicurezza degli immobili, ma anche la loro dotazione strutturale e non". Gli ulteriori 100 milioni per i nuovi edifici sono la novita' maggiore, secondo Profumo: "Con queste risorse potremo mettere in cantiere la costruzione di nuove scuole progettate proprio per la

UE: In arrivo il diritto all'oblio sulla rete loro funzione, e in chiave moderna. Ne abbiamo bisogno perche' il patrimonio immobiliare scolastico e' molto datato. Nel 75% dei casi costruito prima degli anni '80. Spesso in edifici nati per altri scopi e quindi adattati a ospitare i ragazzi e le loro necessita'". Proprio i nuovi istituti dovranno avere, come caratteristiche, partendo ad esempio dalla planimetria "una concezione piu' moderna della didattica e delle esigenze relazionali degli studenti, ipotizzando meno corridoi e aule monoclasse e piu' spazi comuni e aperti, in cui sperimentare i nuovi approcci didattici consentiti anche dalle nuove tecnologie. Inoltre, avremo la possibilita' di affiancare i nuovi istituti ad aree verdi e servizi aperti alla cittadinanza, per trasformarli in luoghi civici in cui generazioni, esigenze e culture possono confrontarsi". Ma non solo: "Alla scuola puo' essere collegata una serie di servizi di uso collettivo come una biblioteca di quartiere aperta dalle 10 alle 22, spazi per la musica

e laboratori di lingue straniere dai 3 ai 99 anni". Capitolo impatto energetico. Qui l'obiettivo dei 9,5 miliardi: "Le nuove tecnologie ci permettono oggi di poter progettare edifici a impatto pressoche' zero, con notevoli risparmi nei costi di gestione del medio-lungo periodo". Attualmente, spiega il ministro, "la gran parte degli edifici scolastici e' in classe energetica G, la piu' bassa, che si traduce in circa 200 euro al metro quadro di bolletta. Una cifra ben diversa dai 35 euro al metro quadro della classe energetica A. Numeri alla mano, e' facile ipotizzare i margini di risparmio. A partire dalle nuove scuole, per poi estendere gli interventi agli oltre 10mila edifici gia' esistenti, i risparmi si aggirerebbero attorno ai 9,5 miliardi se si arrivasse ad avere tutte le scuole in classe A. Cosi' facendo il costo energetico si ridurrebbe a circa 3 miliardi, anziche' gli attuali 12,5 miliardi". (Agenzia Dire, www.dire.it)

ROMA - All'indomani della chiusura da parte dell'FBI del sito Megaupload, noto per l'offerta illegale di musica e film gratuiti, che ha portato anche all'arresto del suo fondatore "Kim Dotcom" Schmitz, il commissario UE per per la Giustizia dell'Unione Europea, Viviane Reding, interviene al Digital Life Design in Germania, esprimendo la volontà dell'Europa di trovare un punto di equilibrio tra libertà d'informazione e diritto d'autore con la creazione di uno strumento normativo adeguato ai tempi. Il commissario ha segnalato anche la questione della cancellazione di dati personali on line, il diritto all'oblio per tutti coloro che subiscono danni di immagine a causa di un uso improprio di foto o informazioni personali sui social network. La normativa in itinere permetterà agli utenti di internet di chiedere la cancellazione dagli archivi elettronici dei dati che li riguardano. Tutte le aziende che pubblicano siti Internet avranno personale dedicato al rispetto dei dati personali. Essi stessi dovranno informare l'utenza in caso di violazione e furto di dati personali, entro 24 ore dall'avvenimento. 'Sarà una legge europea da applicarsi a tutti gli Stati membri, a tutte le aziende che offrono i loro beni e servizi ai consumatori,' dice la Reding , ' anche se i loro server si trovano fuori dai confini europei'. (Dire Giovani, www.diregiovani.it)


26 gennaio 2012

Corriere Padano

3

IN PRIMO PIANO Saracinesche su - L’analisi dei direttori di Unione Commercianti e Confesercenti

Liberalizzazioni al via: “Domenica aperto” Esercizi commerciali, primi effetti su Piacenza: già attrezzata la grande distribuzione alimentare, mentre i negozi di vicinato per ora aspettano ha una regia unica”. “Nel prossimo incontro con l'assessore al Commercio Katia Tarasconi - anticipa Struzzola - si potrebbe valutare un discorso di tur-

ANDREA DOSSENA Dopo le polemiche, la liberalizzazione degli orari degli esercizi commerciali - tra consumatori soddisfatti e sindacati perplessi - inizia a produrre effetti più concreti anche a Piacenza. Per capirne la reale portata, però, occorrerà qualche mese: su questo concordano i direttori di Unione Commercianti e di Confesercenti,Giovanni Struzzola eFausto Arzani. “Catene e grande distribuzione alimentare - spiega Arzani - stanno rendendo permanenti le aperture domenicali mattutine che occasionalmente già facevano, mentre l'apertura domenicale anche pomeridiana sarà probabilmente scelta - almeno in via sperimentale - da centri commerciali ed outlet, perchè le utenze sono differenti. Molti piccoli commercianti (salvo qualche caso isolato, che c'era già), invece, molto probabilmente per ora alla domenica resteranno chiusi”. “Per alcuni negozi di vicinato - aggiunge Struzzola - aprire di più potreb-

pubblica ed ha appena adottato, in consiglio comunale, un regolamento di polizia urbana piuttosto severo. Il tema del rumore, però, non turba i sonni

“Alla fine parla il cassetto: si aprirà di più solo se ci sarà un guadagno”

be essere un'opportunità, per altri no. Di certo la grande distribuzione va verso l'apertura mattutina ogni domenica”. Il punto fondamentale, naturalmente, è capire se stare aperti di più garantirà un guadagno: “Occorre – osserva Arzani - tener conto dei costi in più per bollette e integrativo per il lavoro nei festivi dei dipendenti”, “comunque - aggiunge Struzzola - quello che parla alla fine è il cassetto. Si terrà aperto di più solo se au-

menteranno gli incassi”. “La liberalizzazione - pronostica Arzani - potrebbe essere positiva o negativa, di certo è stata fortemente voluta dalla lobby della grande distribuzione. Il rischio di un'ulteriore desertificazione del centro storico di Piacenza non va sottovalutato e, considerando che gli outlet sono i naturali competitors dei centri storici, ci sarà da valutare se pianificare le aperture nel cuore della città, perchè il vantaggio di un outlet è che

nificazione e rotazione delle aperture: una liberalizzazione indiscriminata, oltre a pesare eccessivamente su vita e famiglie degli operatori, potrebbe infatti produrre il paradosso di negozi aperti ma senza clienti”. Sul tema si era espresso anche il sindaco Roberto Reggi: “Se le province intorno a noi tengono aperto di domenica e di sera, nuotare controcorrente rischierebbe di far perdere la clientela”. Le aperture serali e notturne, però, potrebbero creare problemi di convivenza in una città che (vedi i guai affrontati in questi anni da numerosi locali pubblici, ultimo l'Irish pub in via Santa Franca) venera il rispetto della quiete

Decreto Monti, in arrivo oltre venti farmacie in più Le stime: sei/sette in città, una quindicina in provincia. Federfarma: “Così il sistema collasserà” Oltre venti farmacie nuove potrebbero aprire tra Piacenza e provincia. Sono le stime calcolate su quanto finora emerso del decreto Monti, sulla base delle quali in città potrebbero aggiungersene sei o sette, mentre una quindicina potrebbero distribuirsi sul territorio. I nuovi punti vendita andrebbero ad affiancarsi alle 27 farmacie cittadine esistenti oggi e alle 90 che punteggiano la provincia.

Il provvedimento, annunciato come un beneficio per i cittadini, non convince però Federfarma: “Il decreto non è stato ancora pubblicato - ha rilevato la presidente provinciale Paola Rebecchi ma, se così fosse, le eccessive aperture rischiano di destabilizzare il sistema e di provocarne il collasso sia a livello nazionale che provinciale”. Secondo Federfarma, inoltre, “tutti i sondaggi con-

fermano come l’attuale sistema incontri il gradimento dei cittadini per capillarità, professionalità e servizi forniti. Siamo disponibili a nuove aperture per un tetto del 10%, ma il confronto che abbiamo chiesto al governo ci è s tato finora negato“. Federfarma nazionale ha proclamato uno sciopero per il primo febbraio. (an.do)

Qualità dell’aria, Piacenza tra le peggiori città d’Italia La qualità dell’aria a Piacenza è pessima: lo rivela il “Dossier Mal’aria 2011” di Legambiente, che riporta un quadro nazionale non certo confortante. Nella classifica delle città più inquinate nel 2011, Piacenza si classifica al 26° posto, con 81 superamenti della soglia consentita di Pm10; la vicina Parma si trova al 19°, Modena al 21°, Reggio Emilia al 24°, Rimini al 28°, Ferrara al 30°, Bologna al 32°, Ravenna al 34° e Forlì al 44°. Nel 2010 sono state 48 le città capoluogo che hanno esaurito il “bonus” di 35 superamenti del limite giornaliero di protezione della salute umana. Un piccolo miglioramento rispetto all’anno precedente, con 9 città in meno, ma decisamente insufficiente in una situazione così critica: basti pensare che Torino (con 134 superamenti) e Frosinone (108), le prime due città in classifica, hanno superato il li-

mite di oltre il triplo concesso dalla legge. Ancora una volta la Pianura Padana si è rivelata la zona più critica: 15 città tra le prime 20, addirittura 30 tra le 48 che hanno superato il limite di legge, appartengono a questa area. In generale nel 2011 ben il 67% dei capoluoghi di provincia monitorati non ha rispettato il limite consentito di superamento della soglia di Pm10, con un aumento del 12% rispetto al 2010. Il 2012 non è iniziato meglio: si rileva che nei primi venti giorni di gennaio tutti i capoluoghi abbiano superato il limite almeno un giorno ogni due. La criticità dell’aria in Italia è confermata dai dati dell’Agenzia Europea per l’Ambiente, che riporta ai primi posti della classifica delle città più inquinate Torino, Brescia e Milano, precedute solo da Plovdiv, in Bulgaria. Costanza Alberici

del sindaco: “Il diritto al riposo va conciliato con quello a divertirsi, inoltre i nostri pendolari potrebbero far acquisti alla sera, al ritorno a Piacenza”. Maggior movimento richiederà maggior presenza di uomini

in divisa che, tagli permettendo, saranno quindi probabilmente chiamati ad ulteriori sforzi. Per Cgil, Cisl e Uil, infine, il rischio è che i datori di lavoro – per aumentare i margini, erosi dalla crisi – finiscano per sottopagare commessi e dipendenti facendoli lavorare di più invece di assumerne altri: per i sindacati il rischio concreto è che si penalizzino i lavoratori senza dare un impulso al commercio. Nelle foto a lato, Struzzola (a sinistra) e Arzani (a destra)

Piacentini, su Facebook il dibattito è pimpante Sulla pagina Facebook di Vivi Piacenza la discussione in merito agli effetti su Piacenza della liberalizzazione degli orari degli esercizi commerciali si conferma particolarmente vivace. Secondo Cristina “non è che tenendo aperto 24 ore su 24 la gente spende di più: il rilancio dei consumi si ha solo tagliando le tasse”, mentre Renato osserva che “Libertà di tenere aperto negli orari più opportuni non significa essere obbligati a farlo. Quanti negozi al mattino sono completamente vuoti?”. Katiuscia si chiede “perchè non facciamo orari piu lunghi anche nelle banche, poste e uffici pubblici?”, mentre dal punto di vista di Michele il discusso provvedimento pro aperture libere va interpretato come “l'ennesimo, straordinario regalo alla grande distribuzione: ci saranno 240mila posti di lavoro in meno per licenziamenti e/o chiusure nelle piccole e piccolissime aziende al dettaglio”. Dal profilo di una nota cartolibreria del centro di Piacenza, infine, osservano: “Non mi si venga a dire che così si lavora di più! Già alle 7 di sera dalle nostre parti, e non siamo neanche troppo lontani da Piazza Cavalli, non gira un'anima... Figurarsi la domenica!!! Le vetrine con le luci accese ci saranno ma chi non ha commessi già sta 9 ore dietro il banco, 8 le passa a dormire e nelle altre 7 vorrebbe vivere...”. Sempre che non tassino pure quello. (a.d)


Corriere Padano

26 gennaio 2012

4

ATTUALITÀ POLITICA

Il caso - Lettera choc della Commissione europea al Ministro degli Affari esteri

L’Europa: “I Comuni non controllano Iren” La partecipata rischia una procedura di infrazione: per Bruxelles, la multiutility non è in mano pubblica e viola il regime di concorrenza nella gestione dei rifiuti MASSIMO PARADISO Iren nel mirino dell'Unione europea: violata la concorrenza e il principio di trasparenza negli appalti. Quella arrivata da Bruxelles lo scorso 25 novembre è una lettera di fuoco indirizzata al ministro degli Affari esteri e, in copia, ad Iren spa (già Enia), la società quotata in borsa e partecipata dai Comuni di Piacenza, Parma e Reggio Emilia che fornisce acqua, gas e gestisce il riciclo dei rifiuti. La missiva firmata dal segretario generale della Commissione europea, Valerie Drezet- Humez, mette quindi in evidenza uno scenario in-

Iren pubblica: mito sfatato? Sin dalla costituzione di Enia, poi fusa l'anno scorso in Iren spa, i Comuni che ne fanno parte come Piacenza, Parma e Reggio Emilia ci hanno sempre ripetuto che “la società rimarrà in mano pubblica” nonostante- era chiaro- la delocalizzazione di alcuni servizi in diverse realtà della penisola, come Torino e Genova. I dubbi espressi da alcune minoranze sul controllo pubblico della società, in

Assetto “insufficiente ad assicurare un’influenza determinante sulle decisioni e sugli obiettivi strategici” quietante per la società partecipata dagli enti pubblici nord emiliani, aprendo una

sue controllate. Ergo, i Comuni contano in Iren e nelle decisioni da assumere per la gestione di acqua gas e rifiuti come un due di picche visto che la società ha fini commerciali. Secondo l'analisi della Commissione europea, quindi, il rapporto di controllo in mano pubblica “è insufficiente ad assicurare un'influenza determinante sia sugli obiettivi strategici che sulle decisioni importanti”.

vera e propria procedura di infrazione che rischia di paralizzare il sistema Iren sul territorio.

consiglio comunale e non solo, erano però fondati. Stando alla missiva, infatti, il con-

Niente concorrenza: i contratti di Iren come carta straccia?

trollo societario sulla società Iren Emila spa “non è esercitato dalla società Iren spa in maniera totalitaria, ma in modo parziale, aggiungendosi ad esso anche le società Delmi spa e Plurigas spa” che compartecipano alle controllate della società Iren rispettivamente al 15 e al 30% rendendo così ulteriormente

Agogliati contro don Enzo: come Peppone e don Camillo Ipotesi di abuso d’ufficio per il primo cittadino di Ferriere per la discussa vicenda dell’ex scuola elementare di Brugneto La storia ricorda molto quella di Peppone e don Camillo. Ma questa volta, invece di finire a tarallucci e vino, l'epilogo verrà scritto nelle aule del tribunale. Il Peppone di turno risponde al nome di Antonio Agogliati(nella foto), primo cittadino di Ferriere in quota Pdl e già finito sotto inchiesta qualche mese fa dalla Procura di Piacenza per la vicenda legata alla realizzazione di pale eoliche- sei in tutto per 130 metri d'altezza l'una sul crinale che separa la Valtrebbia e la Valnure, fetta di appennino vincolata dalla Soprintendenza. Da quanto si apprende, però, la Procura vorrebbe avere un nuovo “colloquio” con il sindaco riguardo ad una vicenda che non è certo legata alle candidature del Pdl alle prossime elezioni comunali: l'ipotesi formulata dagli inquirenti è infatti di abuso d'ufficio dopo che Agogliati avrebbe imposto al parroco di Brugneto, don Ezio Molinari, lo sgombero di una scuola elementare. Una vicenda che risale all'anno scorso e che ha tutti i connotati per entrare in un racconto di Guareschi. Il sindaco avrebbe infatti imposto al parroco di sgomberare la locale scuola elementare in disuso (utilizzata tutt'al più come rifugio per gruppi parrocchiali ed escursionisti) per la ristrutturazione dei locali. Dietro l'imposizione di Agogliati si nasconde, però, un rapporto molto teso con il parroco fatto di piccole scaramucce e ripicche. Fu infatti proprio don Ezio, durante un'omelia domenicale, a scagliarsi contro la realizzazione delle pale eoliche sull'appennino che, in ultima istanza, portarono Agogliati e il suo dirigente del settore Ambiente ad essere accusati dalla Procura di reati ambientali. Il sindaco, ancora livido dalle esternazioni del

parroco, chiede quindi a don Ezio di levare le tende adducendo ad un generico “manutenzione dei locali”, anche se nessuna delibera è stata fatta votare dal consiglio comunale e nessun piano di riqualificazione dello stabile è passata tra gli uffici del municipio. Ma il parroco, oltre ad invocare l'aiuto di Dio, fa anche un esposto ai Carabinieri per vederci chiaro. Uno smacco, come la vede Agogliati, e onde evitare di mettere in mezzo giudice e forze dell'ordine, tenta l'accordo. In una lettera, il pidiellino punta quindi su toni concilianti affinché don Ezio sbaracchi l'ex scuola elementare e riconsegni le chiavi dell'edificio, offrendo anche una lauta ricompensa in denaro per chiudere “l'incresciosa” vicenda: 500.000 euro da stralciare- verosimilmente- dall'8 per mille e da versare direttamente alla parrocchia. Un'offerta poco credibile, quella di Agogliati, e il parroco non abbocca. Anzi, in barba al proverbiale perdono cristiano, lo denuncia aggiungendo benzina al già alto fuoco delle denunce a carico del sindaco di Ferriere. E questa volta, per il pidiellino, l'accusa è di abuso d'ufficio con la sua attesa comparizione davanti al giudice già calendarizzata per il mese prossimo. Un epilogo che neanche Guareschi avrebbe mai immaginato. par

“precario il controllo dei Comuni azionisti (Piacenza, Parma e Reggio Emilia)”, i quali infatti dispongono di partecipazioni azionarie direttamente nel capitale di Iren e non in quello di Iren Emilia facilitando l'acquisizione di una vocazione prettamente commerciale a favore della società Iren spa e delle

Per la multiutility si profilano quindi guai. E grossi. Da un lato, è chiaro, per la presa di coscienza da parte dell'opinione pubblica che il controllo sulla gestione della società non è demandato al pubblico; dall'altra, ancora più grave, perché è possibile ritenere che i contratti per lo smaltimento dei rifiuti stipulati da Iren si rivelino mera carta straccia. La Commissione europea

dedica infatti una pagina intera della sua lettera per cercare di capire come sia possibile che i Comuni abbiano dato in gestione ad Iren lo smaltimento dei rifiuti (si legga inceneritore) senza un regolare bando e, quindi, senza una “concorrenza preliminare”. Piacenza, dal canto suo, ha un inceneritore- quello di Borgoforte, a meno di quattro chilometri dal centro cittadino- che smaltisce 120.000 tonnellate di rifiuti l'anno e la cui gestione, a quanto pare, sembra possa essere stata affidata ad Iren senza un regolare bando. Il che dovrà portare il Comune a fornire spiegazioni all'Unione europea di tutti i contratti di servizio relativi allo smaltimento dei rifiuti con durata e valore economico dettagliato, pena la messa in mora. Il che non è così facile come bere un bicchier d'acqua.

Nella foto in alto, una veduta aerea della sede Iren di Borgoforte. A lato, il palazzo UE di Bruxelles

Primarie del centrosinistra, polemiche per i cartelloni Idv e per il pullmino di Dosi Nel centrosinistra sembrava filare tutto liscio. Sei candidati e una data: il 5 febbraio per la scelta del portacolori diretto a palazzo Mercanti. Ma anche durante le primarie il clima è ardente. Sotto accusa è l'Italia dei valori e i cartelloni pubblicitari che in diversi punti della città invitano a votare per il candidato Dipietrista alle elezioni primarie. Il regolamento per la partecipazione alle consultazioni interne al centrosinistra era chiaro: vietato fare pubblicità a questo o a quel candidato. Ma l'Idv sembra aver sgarrato. Anche se l'appiglio dei

Dipietristi piacentini è di forma, visto che i cartelloni non citano né il nome del candidato, Samuele Raggi, né la sua foto. La pubblicità ritrae solamente, infatti, il leader dell'Idv, Antonio Di Pietro, ed il sindaco di Napoli, Luigi De Magistris, invitando i cittadini piacentini a “votare il tuo sindaco” con il simbolo del partito in bella mostra. Una mossa, questa, che non è stata digerita dai vertici del Pd e dagli altri candidati alle primarie che, per la verità, non ci sono andati per il sottile neanche sul pulmino elettrico usato da Paolo Dosi (Pd) per fare incetta di voti prima del 4 febbraio.

Piacenza, il nuovo sindaco scelto tra il 6 ed il 20 maggio Election day, il 6 maggio i piacentini saranno chiamati alle urne per decidere il prossimo sindaco dell'era post Reggi. Arriva dal Viminale la decisione delle scadenze elettorali del 2012 che vedranno cinque Comuni del piacentino impegnati nell'eleggere chi governerà la città per i prossimi cinque anni. Oltre a Monticelli d'Ongina, Villanova d'Arda, Carpaneto Piacentino e Bettola, Piacenza è il banco di prova di centrodestra e centrosinistra nella conquista all'ambita poltrona di palazzo Mercanti dopo un decennio di governo guidato da Roberto Reggi. Secondo le istruzioni fornite dal ministero dell'Interno, la data fissata per il voto è il 6 maggio con la possibilità di ballottaggio per il 20 dello stesso mese. I partiti e le possibili liste civiche hanno quindi 100 giorni esatti per preparare la volata al municipio, tra ancora diverse incertezze su candidati e alleanze. Se il centrosinistra sceglierà il proprio maratoneta tra i sei in lizza durante le primarie del 5 febbraio, il centrodestra si pensa possa affrontare le elezioni in maniera “frantumata” con la Lega da una parte, l'Udc insieme a Fli e

Election day primaverile: piacentini al voto anche a Bettola, Carpaneto, Monticelli e Villanova Api dall'altra e il Pdl insieme a qualche civica di stretto rito centrista. Proprio il Pdl, per altro, celebrerà il congresso provinciale il prossimo 4 febbraio affrontando il rinnovo delle cariche interne al partito ed il nodo del candidato. Il quale, però, dovrà essere definito ed indicato in ultima istanza dai vertici nazionali del partito (in maniera analoga, il candidato del Carroccio sarà espressione di via Bellerio). L'attesa è dunque tutta rivolta alle prime settimane di febbraio quando la rosa dei nomi che concorreranno per la carica di sindaco saranno meglio definite e scatterà, inesorabile, l'ora della campagna elettorale senza esclusione di colpi. Massimo Paradiso


26 gennaio 2012

Corriere Padano

5

ATTUALITÀ

Il fenomeno - Croce Rossa, Croce Bianca, Misericordia e Associazione Volontari Ospedalieri, realtà in gran fermento

Volontariato, è boom di iscrizioni Giovani, disoccupati e stranieri: cresce la loro presenza ai corsi di formazione totale di 77.180 km percorsi. I confratelli attivi (circa una trentina) intendono coinvolgere gli abitanti del quartiere Basurica per sensibilizzarli maggiormente all'attività della Confraternita.

FRANCESCA GAZZOLA Il volontariato piacentino è in gran fermento: è boom di iscrizioni ai corsi di formazione e nuovi volontari si affacciano sullo scenario sociale. Sulle ambulanze - affianco ai tanti pensionati e alle numerose casalinghe che da sempre offrono il loro prezioso contributo alla popolazione - troveremo sempre più con maggiore frequenza anche tanti giovani, persone che hanno perso il lavoro e cittadini stranieri volenterosi di prestare servizio di assistenza e soccorso gratuito al territorio. Nelle maggiori associazioni di volontariato piacentino quasi la metà delle domande di iscrizione ai nuovi corsi formativi riguardano ragazzi dai 18 ai 30 anni. La grande “new entry” di quest'anno saranno però gli extracomunitari, segno di una buona integrazione sul territorio. Ma non mancano anche tanti disoccupati e persone in mobilità che si tengono occupate prestando un generoso servizio alla popolazione. Abbiamo tracciato una panoramica di alcune tra le principali associazioni di volontariato piacentino, pilastro fondamentale della società civile e fattore di crescita della coesione sociale.

Croce Rossa, già 30 stranieri al corso di formazione Nel 2011 la Croce Rossa ha registrato un notevole incremento di servizi rivolti alla popola-

Avo:da Piacenza a Castello. Ora si guarda a Bobbio

zione con quasi 4.500 servizi sportivi e ad eventi e 38mila servizi di trasporto infermi offerti dalla Cri piacentina e dalle sue 11 delegazioni provinciali. Servizi in aumento grazie anche all'istituzione della Cut (Centrale unica trasporti) con crescita del 20% rispetto al 2010 e miglioramento della gestione delle emergenze grazie al nuovo servizio della Cri di San Nicolò. Il commissario Domenico Grassi ricorda l'importante servizio offerto ogni giorno dall'ambulatorio infermieristico aperto fino alle 20 (unico a Piacenza) , “che nel 2011 ha offerto quasi 17mila prestazioni”. Sono 1.120 i volontari della Cri, di cui circa un terzo giovani. La fascia giovanile è in costante aumento: “E' cresciuta del 10% rispetto al 2010 – spiega il vicecom-

missario Vds Cri, Curzio Sechi, che aggiunge:“Su circa 120 domande di iscrizioni annuali ai corsi, quasi la metà sono giovani”. Novità di quest'anno è il boom degli stranieri al corso (che partirà il 2 febbraio con presentazione alla Scuola di Polizia): su un centinaio di adesioni, ad oggi, circa una trentina sono stranieri.

Croce Bianca, boom di affluenze con 120 iscritti al nuovo corso La grande attenzione dei piacentini al mondo del volontariato è presto dimostrata anche dall'elevata affluenza al nuovo corso formativo della Croce Bianca, con già oltre 120 adesioni, suddivise tra giovani e meno

giovani aspiranti volontari. Il 2011 è stato un anno importante per la Croce Bianca che ha offerto ben 17.407 servizi al territorio per un totale di 287.400 km percorsi, “con un incremento - spiega il presidente Giancarlo Carrara - del 5% rispetto al 2010”. Anche i volontari crescono di anno in anno (quelli attivi al momento sono 250) con un trend di ingresso costante, formato da un centinaio di iscrizioni ai corsi e con una permanenza circa del 30% . “Il 25% dei km percorsi nel 2011 – spiega il consigliere Paolo Ruzza ha riguardato i trasporti privati per visite, dimissioni e ricoveri”. Seguono le emergenze in convenzione con il 118 (18%) e quelle fuori dalla convenzione (18%), i trasporti prenotati con il Cut (10%), quelli per accom-

pagnamenti per servizi sociali vari (10%), quelli interni alla Croce Bianca (9%) e all'ospedale (7%); e per servizi vari (3%).

Misericordia: nuova sede e tanti progetti Salto di qualità per la Confraternita La Misericordia che dai primi di gennaio si è trasferita nel nuovo Centro Polifunzionale della Besurica. Soddisfatto il governatore Rino Buratti che anticipa l'intenzione della Confraternita di aprire un ambulatorio medico in accordo con il Comune di Piacenza. Positivo il 2011 con 4.521 servizi di trasporto (divisi tra visite, dimissioni, dialisi, ricoveri..) per un

Cresce anche l'Avo (Associazione volontari ospedalieri) che in un anno ha incrementato il numero di volontari di una trentina di unità, salendo a quota 230. Merito anche del nuovo gruppo di Castelsangiovanni che si è costituito lo scorso maggio. “Negli ultimi anni – spiega la vicepresidente Avo, Marisa Monticelli – grazie a Svep – abbiamo realizzato il sito internet e il giornalino dell'Associazione e da fine 2011 siamo aperti agli studenti per i crediti formativi. Abbiamo così promosso Avo anche tra i più giovani, ad oggi circa una decina”. Nel 2011 sono state 8,5mila le ore di servizio prestate in otto reparti ospedalieri (Area Critica, Medicina oncologica, Medicina Eri, Neurologia, Geriatria, Chirurgia – oggi sostituita da Cardiologia) a cui si aggiungono le 600 ore all'ospedale di Castelsangiovanni. E ora si guarda a Bobbio con un nuovo gruppo che dovrebbe costituirsi a primavera.

Nelle foto a lato, volontari della Croce Rossa (a destra) e della Croce Bianca

Besurica: nel nuovo centro polifunzionale social housing, Misericordia e vigili urbani Inaugurazione, sabato 21 gennaio, per il centro polifunzionale della Besurica a Piacenza i cui lavori, iniziati nel settembre 2008, si erano conclusi il 30 novembre scorso. Costata poco meno di 7,3 milioni di euro, la nuova struttura (dove le attività sono iniziate da diverso tempo) “è - per il sindaco Roberto Reggi (nella foto a sinistra, con don Franco Capelli) - la riprova del fatto che la collaborazione pubblico-privato, nonostante le sempre

più scarse risorse degli enti locali, funziona bene da anni: lo confermano la realizzazione di hospice, forno crematorio, asili e parcheggi”. “Il cuore della Besurica” comprende un fabbricato di tre piani più uno interrato (con box, magazzini e cantine), la piazza pubblica coperta e il parcheggio pubblico da oltre 5mila mq. Nell’edificio ci sono gli uffici comunali con il Comparto 2-3 della Polizia Municipale, il centro diurno, le resi-

denze temporanee per anziani, la sede della pubblica assistenza Misericordia (foto a destra), la palestra riabilitativa, il centro analisi e la pizzeria. A realizzare i lavori è stata Indacoo: “Un intervento - ha spiegato il presidente Fabio Salotti - che rispecchia le due anime della cooperativa: quella dell’edilizia sociale proveniente da Piacenza 74 e quella più costruttiva e residenziale di Coop Valdarda”. (an.dosse)

Trecolori, anche il baratto è solidarietà Tre progetti e già 50 soci per la neonata associazione. Piace il mercatino di via Tortona Progredire, innovare, operando un volontariato attivo che dia voce ed ascolto alle persone indigenti e meno fortunate. Questo l’obbiettivo della neonata Associazione piacentina Trecolori, situata in via Tortona e che vanta una succursale anche nella città di Torino. A circa un mese dall’inizio della propria attività l’organizzazione conta una cinquantina di soci tesserati (il costo della tessera è di 15 euro), che investono tempo e risorse a favore di chi ne ha veramente bisogno. Tre i progetti più importanti ideati in vista del 2012. Il primo, il Progetto Verde, prevede il pagamento delle spese di riscaldamento di cinque famiglie della città selezionate in base a criteri specifici. Il secondo Progetto è l’Azzurro, che avrà inizio dal 1° febbraio, e si concretizzerà in un ciclo di lezioni di supporto, alla normale frequenza scolastica, fornite ad un gruppo di studenti che vivono situazioni problematiche. Infine il Progetto Arancione, che consta nella raccolta di fondi che saranno destinati ad una delle associazioni di ricerca presenti sul territorio piacentino. Ma l’attività di Trecolori non si frema qui, a partire dal mese di dicembre, presso i locali dell’associazione, è stato

allestito il mercatino Barattiamo dove è possibile scambiare oggetti, capi d’abbigliamento, libri e bigiotteria. I volontari si occupano inoltre di ideare un serie di eventi che avvicinino la comunità piacentina ha questa nuova realtà associativa. Il 6 gennaio si è svolta, oltre alla Briscola Benefica a coppie. anche la visita ai piccoli ospiti del reparto di Pediatria dell’Ospedale Guglielmo da Saliceto, a cui sono stati donati dei giocattoli. Sabato 14 gennaio si è invece tenuta l’iniziativa “Ma che sera!”, nel corso della quale i partecipanti si sono potuti divertire, a suon di musica, con il gioco della sedia ed il karaoke. Gli

eventi del mese di gennaio si concluderanno con un cineforum dedicato a “Pianeta Verde” di Coline Serreau. Febbraio si aprirà invece con tre pomeriggi dedicati al Carnevale e all’arte del travestimento. Trecolori, presenta e vanta un parterre di eventi di primo piano volti a soddisfare gli interessi e le passioni di tutte le generazioni. L’Associazione, nata solo da pochi mesi, possiede tutte le basi per trasformarsi in una ricca realtà culturale, sociale e ricreativa. La speranza è che sempre più aiuti e sostegni arrivino sia da parte di privati che dalle istituzioni. Silvia Belloni

BREVI Il Mercato europeo non lascia e raddoppia: sul Facsal e a Cadeo Uno a Cadeo e uno a Piacenza. Il primo a giugno e l'altro, come di consueto, a metà settembre. Il Mercato Europeo, dal 2012, raddoppia alla faccia della crisi e a dispetto delle vociinfondate- di un possibile “trasloco” dal Pubblico passeggio. “Quella di Piacenza è una delle piazze migliori, non pensiamo proprio ad andarcene” precisa Giacomo Errico, presidente nazionale della Federazione degli ambulanti (Fiva). Dal prossimo giugno, i banchi del Mercato Europeo saranno quindi a Cadeo per poi trasferirsi in autunno sotto i platani del Facsal. “Questo raddoppio- sostiene Errico- ci rafforzerà e la prossima sarà di sicuro la migliore edizione del nostro mercato”. (m.pa)

La protesta dei tir: presidi anche ai caselli di Piacenza e provincia La protesta dei tir ha toccato anche Piacenza e provincia. Presidi degli autotrasportatori aderenti al "movimento dei forconi" si sono infatti verificati lungo le strade di accesso ai caselli autostradali di Piacenza Sud, Piacenza Ovest, Fiorenzuola (A1) e Castelsangiovanni (A21). Nonostante la presenza delle forze dell’ordine, si sono registrate alcune ripercussioni anche sulla circolazione ordinaria, con code soprattutto lungo la via Emilia. (d.an)


Corriere Padano

26 gennaio 2012

6

CITTÀ UTILE

BORSA DELLA SPESA

Polizza per casalinghe: pagamenti entro il 31 Farmacie FARMACIE DI SERVIZIO A PIACENZA DAL 27.1.2012 AL 2.2.2012 TURNO DIURNO: dalle 8,30 alle 22 SAN LAZZARO – Via E. Parmense, 22/A DR. CROCI – P.zza Cavalli, 29 TURNO NOTTURNO: dalle 22 alle 8,30 27.01 OSPEDALE – Via Taverna, 74 28.01 CARDONA E CORVI – Via Colombo, 124 29.01 BESURICA – Via Malaspina, 2/A 30.01 FARNESIANA – Via Farnesiana, 100/E 31.01 SAN GIACOMO – Via V. Veneto, 88 1°.02 COMUNALE DI VIA MANFREDI – Via Manfredi, 72/B 02.02 DR. GIANNI CORVI – C.so V. Emanuele, 121 3.02 SAN FRANCESCO – Via Sopramuro, 7 E' possibile accedere alle farmacie, in servizio di turno, ricomprese nella ZTL, comunicando al farmacista il numero di targa del proprio mezzo.

Mercati settimanali Lunedì: Bettola, Borgonovo Val Tidone, Caorso, San Nicolò, Castell’Arquato, Castelvetro Martedì: Ferriere, Nibbiano, Piacenza Farnesiana, Pontedellolio, Pontenure, Travo, Vernasca Mercoledì: Carpaneto, Marsaglia, Piacenza, Pianello, Vigolzone Giovedì: Agazzano, Castelsangiovanni, Fiorenzuola, Gossolengo, Gropparello, Perino, Piacenza Farnesiana, Podenzano, Villanova Venerdì: Cortemaggiore, Lugagnano, Monticelli, San Giorgio, Rivergaro, Roveleto Sabato: Bobbio, Fiorenzuola, Piacenza, PC Besurica Domenica: Agazzano, Alseno, Borgonovo, Caminata, Carpaneto, Castelsangiovanni, Cortemaggiore, Gragnano, Gropparello, Monticelli, Morfasso, Nibbiano, Pianello, Pontedellolio

Avis, i prelievi PRELIEVI ITINERANTI MESE GENNAIO 2012 28/01/2012 BORGONOVO V.T. (sabato) 29/01/2012 CORTEMAGGIORE – S.NICOLO’/SANTIMENTO

(Info a cura del Settore Servizi Sociali e Abitativi Comune di Piacenza)

Domanda di assegnazione alloggi di edilizia residenziale pubblica e domanda per cambio alloggio su richiesta dell’assegnatario Il Comune di Piacenza, Direzione Operativa Servizi alla Persona e al Cittadino, comunica che a partire da lunedì 16 gennaio 2012, sarà possibile ritirare la nuova modulistica per la domanda di assegnazione di alloggi di Edilizia Residenziale Pubblica presso l’Ufficio Abitazioni, via Taverna 39, gli Sportelli Informasociale, l'URP, le sedi dei Quartieri, le Organizzazioni Sindacali degli Inquilini e i Caf convenzionati. Le domande consegnate all’Ufficio Abitazioni del Comune di Piacenza, via Taverna 39, all’ Ufficio Protocollo Generale del Comune, P.zza de’ Cavalli n. 10 o inoltrate tramite Raccomandata R.R. entro il 15 maggio, rientreranno nella graduatoria pubblicata in data 30 luglio 2012. Sempre dalla stessa data presso ACER Piacenza, Via XXIV Maggio 28 e presso l’Ufficio Abitazioni, via Taverna 39, potranno essere ritirate dai nuclei già residenti negli alloggi di edilizia residenziale pubblica i modelli di domanda di cambio alloggio da consegnarsi esclusivamente presso ACER. Le domande, consegnate entro il 15 maggio, rientreranno nella graduatoria per la mobilità pubblicata in data 30 luglio 2012. Per informazioni rivolgersi allo Sportello Informasociale.

Distribuzione gratuita farmaci di fascia C La Regione Emilia Romagna ha prorogato fino al 31 dicembre 2012 le misure anticrisi tra cui la distribuzione gratuita dei farmaci di fascia C. Presentando, presso gli sportelli Informasociale, il modello ISEE (relativo ai redditi 2010 di importo non superiore ai 5.000,00 euro) e una fotocopia del documento d'identità verrà rilasciata la documentazione necessaria per usufruire di tale esenzione che resterà valida fino al 31 dicembre 2012. Per informazioni rivolgersi allo Sportello Informasociale

Primo anno in famiglia – 6° bando pubblico Il Comune di Piacenza, Direzione Operativa Servizi alla Persona e al Cittadino, comunica che in data 2 gennaio 2012 si è aperto il 6° bando "Primo anno in famiglia"; fino al 31 dicembre 2012 sarà possibile richiedere i contributi previsti nel regolamento del bando. Il progetto consiste nell'erogazione di un contributo integrativo dello stipendio dei genitori, regolarmente occupati, che intendono usufruire dell'astensione facoltativa dal lavoro dopo la nascita di un figlio, nel suo primo anno di vita. E' un progetto comunale finalizzato al sostegno dei genitori che necessitano di un periodo di aspettativa da lavoro, retribuita al 30%.Per informazioni, ritiro modulistica e supporto nella compilazione delle domande occorre rivolgersi allo Sportello Informafamiglie&bambini presso il Centro per le Famiglie, Galleria del Sole, n. 42, nei seguenti giorni: lunedì - giovedì - venerdì – sabato dalle ore 9,00 alle ore 12,00 – mercoledì dalle ore 9,00 alle ore 12,00 e dalle ore 13,30 alle ore 16,30.

A…mare l’inverno e la primavera Il Comune di Piacenza, Direzione Operativa Servizi alla Persona e al Cittadino, comunica i seguenti soggiorni vacanza previsti per i mesi di Gennaio-Febbraio 2012: LIGURIA: - Pietra Ligure: dal 29 gennaio al 4 febbraio; - Sanremo: dal 21 gennaio al 4 febbraio; - Varazze: dal 21 gennaio al 4 febbraio; - Alassio: dal 21 gennaio al 4 febbraio - dal 29 gennaio al 12 febbraio - dal 23 gennaio al 6 febbraio; - Andora: dal 21 gennaio al 4 febbraio; - Cavi di Lavagna: dal 26 gennaio al 13 febbraio. ISOLE CANARIE E SPAGNA - Tenerife: dal 9 al 30 gennaio e dal 30 gennaio al 13 febbraio; -Gran Canaria: dal 30 gennaio al 13 febbraio; - Torremolinos: e dal 29 gennaio al 12 febbraio. SICILIA - Capo d'Orlando: dal 30 gennaio al 13 febbraio. Per informazioni e prenotazioni rivolgersi all’ Agenzia “I VAGGI DELLO ZODIACO” via Manfredi,12 - Telefono 0523 713477.

Scade il 31 gennaio il termine per pagare l'assicurazione obbligatoria per le casalinghe, che offre una tutela in caso di infortuni tra le mura domestiche. L'importo annuale del premio da pagare all'Inail è di 12,91 euro. Tutte le persone di età compresa tra 18 e 65 anni che svolgono in via non occasionale, gratuitamente e senza vincolo di subordinazione, il classico lavoro casalingo (cura della famiglia e della casa) sono obbligati a sottoscrivere questa polizza. Sono escluse tutte le persone che svolgono altre attività fuori dalle mura domestiche che comportino l'iscrizione a forme obbligatorie di previdenza. Sono escluse anche le persone che hanno un reddito inferiore a 4.648,11 euro e se appartengono a un nucleo familiare il cui reddito complessivo non supera i 9.296,22 euro (in questo caso il premio è a carico dello Stato). Chi non si assicura in caso di infortunio non è coperto. Ricordiamo che il premio è deducibile ai fini fiscali. Info: www.inail.it.


26 gennaio 2012

Corriere Padano

7

ECONOMIA E LAVORO Confindustria - Una convenzione ad hoc con le banche per i finanziamenti

Imprenditori di domani, buone idee cercansi Il progetto “Impresa Compiuta” punta a favorire e sostenere gli under 45 incentivando l’innovazione nel settore della produzione di beni e servizi “Impresa compiuta” è l’iniziativa di Confindustria Piacenza che dimostra come imprenditori si diventa, o meglio, si può diventare. Alla base, la convinzione per cui conta, in primo luogo, l’idea imprenditoriale, la voglia di mettersi alla prova dei fatti. Fare il “Grande Salto” si può, con l’ aiuto dell’associazione di via Quattro Novembre (“Un aiuto, ha sottolineato il presidente Emilio Bolzoni, che non faremo mai venire meno”). Il progetto di promozione dell’imprenditorialità, illustrato ieri l’altro dalla vicepresidente di Confindustria Piacenza e Responsabile alle Relazioni Esterne, Consuelo Sartori, ha lo scopo di favorire un cambio di mentalità, agendo sulle disposizioni nascenti, in particolare, su quelle di tanti giovani (under 45) che non possono rassegnarsi a una crisi che va superata, con impegno e competenze, bisognose di essere formate, ma anche con un pizzico di fantasia. Quanto alle risorse economiche, non vengono dimenticate: proprio durante la Conferenza stampa di presentazione è stata formalmente sottoscritta da Confindustria, Cassa di Risparmio Parma e Piacenza, Banca di Piacenza, Banco Popolare - Divisione Banca Popolare di Lodi e Consorzio Fidindustria, la convenzione creata ad hoc, riguardante le modalità di erogazione dei finanziamenti che sosterranno le idee imprenditoriali vincenti ( che alla fine si ritiene possano essere 4 o 5). Confindustria Piacenza si propone così come un vero “incubatore” di imprenditori e imprese, pronta a sostenere la costituzione di nuove nascenti aziende piacentine incentivando la presentazione di idee, meglio se innovative, relative al settore della produzione di beni, ma anche di servizi. Va ricordato che le idee imprenditoriali potranno essere inviate fino alla fine di marzo. Poi, selezionati da un Comitato di Valutazione, i potenziali futuri imprenditori, avranno la possibilità di percorrere un completo iter imprenditoriale.

Scuola edile, cambio al vertice Il neo presidente Filippo Cella: “Riqualificazioni e approccio imprenditoriale gli ingredienti per l'edilizia del futuro”

Cioè: - seguire un percorso di formazione gratuito destinato ad accrescere le proprie competenze manageriali, costruire un piano di impresa (Business Plan) al fine di individuare i punti di forza e debolezza dell’idea imprenditoriale, la fattibilità economica e tecnica, calcolare il fabbisogno finanziario e individuare le fonti di copertura dello stesso. - costituire le neo Imprese con l’assistenza e il supporto tecnico di Confindustria - ottenere un finanziamento fino a euro 50.000,00 in assenza di garanzie reali - in caso di idee imprenditoriali particolarmente innovative, verrà effettuata un’analisi da parte dell’Associazione IBAN (Italian Business Angels Network) per valutare la possibilità di un finanziamento diretto. Confindustria Piacenza si impegna inoltre a offrire, per due anni la quota associativa prevista per i membri dell’associazione. I promotori e sostenitori del progetto “Impresa Compiuta”, sono, oltre a Confindustria Piacenza: l’ Amministrazione Provinciale di Piacenza (attraverso l’ Assessorato Lavoro e Formazione Professionale), la Camera di Commercio, la Cassa di Risparmio Parma e Piacenza, la Banca di Piacenza e Banco Popolare –Divisione Banca Po-

polare di Lodi, il Consorzio Fidindustria, le Università Locali e Forpin che metterà a disposizione un corso gratuito, ma obbligatorio, per la formazione imprenditoriale: un essenziale master che avrà il suo maggior pregio nell’azione di tutoraggio svolta da imprenditori senior. “Questo è solo il primo progetto della delega che mi è stata affidata dal presidente Bolzoni, ha annunciato Consuelo Sartori: l’inizio di una serie di iniziative concrete che abbiano come comune denominatore il sostegno dell’attività industriale e la diffusione della buona cultura d’impresa nel nostro territorio”. Anche il presidente Emilio Bolzoni ha sottolineato nella sua introduzione come l’iniziativa “Impresa compiuta” sia “Qualcosa di bello che inizia”. Si avvia un ciclo, che l’Associazione imprenditoriale di via Quattro Novembre mostra di avere ben preparato. “Intendiamo operare, ha spiegato il Presidente, affinché avvenga il rilancio della tradizione manifatturiera della Provincia di Piacenza: questa città ha una enorme tradizione in questo senso. L’Italia fino a poco tempo fa era il secondo paese al mondo per pil manifatturiero pro capite (la ricchezza prodotta da industrie e artigiani rispetto all’entità della popolazione, ndr), ora siamo i secondi in Euro-

pa, appena dietro alla Germania. La nostra tradizione si è un poco appannata a causa della finanziariarizzazione dell’economia e dell’espandersi dei servizi. E’ importante quindi che si rilanci la nostra tradizione manifatturiera e noi opereremo in questo senso. Abbiamo perciò bisogno, ha continuato Bolzoni, di nuove vocazioni imprenditoriali, i giovani facciano scelte in questo senso, occorre che i giovani prendano in considerazione seriamente l’opzione imprenditoriale. E per promuovere queste nuove leve, ha promesso a sua volta, stiamo preparando altre iniziative di cui vi terremo informati”. L’iniziativa a favore della piccola industria, ha segnato davvero un buon riscontro in avvio in particolare per il sostegno convinto di tre importanti Istituti di Credito (“Ci siamo resi conto noi stessi, ha ammesso Consuelo Sartori, che fare rete è possibile e utile”). L’attesa, adesso, è quella di registrare l’impatto dell’iniziativa in termini di partecipazione. E alla fine di marzo, quando si faranno le prime valutazioni, sarà già primavera.

Da sinistra la vicepresidente di Assindustria Piacenza Consuelo Sartori e il presidente Emilio Bolzoni

Cambio della guardia alla presidenza della scuola edile di Piacenza: Aldo Silva passa il testimone a Filippo Cella, ex presidente del Gruppo Giovani Industriali e titolare dell'impresa edile Cella. Una carriera nel settore, insomma, che consente al neo-presidente di avere idee chiare e disincantate da subito, e una formula vincente anche in tempi di crisi: “Per lo sviluppo di progetti nell'edilizia è il momento peggiore, causa questa crisi congiunturale, che sta andando avanti da tempo. A mio avviso, come ente formativo che rappresenta un po' tutto lo spettro del settore edile, abbiamo una sola chance: accrescere il già alto livello dei percorsi formativi, per trasmettere l'adeguato approfondimento sui temi più attuali, come l'attenzione all'efficienza energetica e alla tutela ambientale. Questo per sensibilizzare committenti sia pubblici che privati anche sulla riqualificazione del patrimonio esistente. Lo stimolo giusto infatti è a mio avviso la ristrutturazione: è da lì che il settore può ripartire. Ecco l'impulso che dobbiamo dare, assieme alla trasmissione dei consueti temi fondamentali, come la sicurezza sul lavoro”. L'offerta formativa cambia continuamente, seguendo l'evoluzione del settore; qual è il prossimo passo? “La formazione negli ultimi anni ha iniziato a ricoprire un ruolo essenziale anche alla luce dell'evoluzione normativa che riguarda l'edilizia, ad esempio in materia energetica, di macchine, o ancora di sismica” -continua Cella - “ed è divenuta sempre più elemento distintivo per le aziende. In un momento come questo, seppur difficile, la scuola edile può fare un ulteriore passo avanti, rivolgendosi non solo alle imprese o a quegli addetti in cerca di un lavoro, ma anche a un'utenza giovane che riscopra nell'edilizia l'aspetto più industriale, imprenditoriale. Il nostro compito formativo è anche questo: interessare al settore un'utenza diversa, preparando così quel ricambio generazionale che attualmente manca, essendo il nostro ambito per così dire “di improvvisazione”. Questo sforzo da parte della scuola avrebbe un ritorno su tutta l'utenza di riferimento; del resto, Piacenza ha valori e una tradizione nel settore”. Il futuro dell'edilizia locale e nazionale? “Piacenza, ed in generale l'Italia, dovrebbe puntare sulla ristrutturazione, senza saturare ulteriormente il territorio. I nostri edifici sono ad un livello basso, anzi bassissimo: la manutenzione nel nostro Paese c'è poco e male. Puntare sulla riqualificazione del già esistente sarebbe un importante impulso per la cantierizzazione”. Costanza Alberici


Corriere Padano

8

26 gennaio 2012

VIVIPIACENZA

Passerini, film e libri per grandi e piccini

Tendenze d’Inverno, iscrizioni al via

Grandi e piccini, tutti in Biblioteca Passerini Landi. Mentre in Sala Augusto Balsamo si continuano a raccontare i film (sempre alle 16), sabato 28 alle 16, in biblioteca ragazzi Giana Anguissola, Fabrizio Quartieri terrà il laboratorio per 25 ragazzi (8-14 anni) “Nella tana del faraone”. Info e iscrizioni: 0523306247 e biblio.ragazzi@comune.piacenza.it. Tornando ai film, giovedì 26 Rosella Parma omaggerà Elizabeth Taylor (nella foto) parlando di “La gatta sul tetto che scotta” e “Improvvisamente l’estate scorsa”; martedì 31 Giuseppe Gandini affronterà “La croce di ferro” di Sam Peckinpah.

Festival “Tendenze d’Inverno” al Fillmore, atto secondo: via alle iscrizioni. Venerdì 24 e sabato 25 febbraio ripartirà dal grande palco di Cortemaggiore il cammino di “Tendenze 2012”, 18ma edizione. Iscrizione gratuita aperta ai gruppi emergenti della regione con repertorio originale. Spedire entro domenica 5 febbraio all’indirizzo info@tendenze.net il modulo di iscrizione e il regolamento compilati e sottoscritti, scaricabili dal sito www.tendenze.net o ritirabili presso la sede di 29Cento ai Giardini Sonori in Cavallerizza.

WEEKEND Giornata della memoria, Moni Ovadia a Fiorenzuola ‘La via di una scimmia’, il Trieste 34 è kafkiano Al Teatro Trieste 34 di Piacenza ritorna sabato 28 alle 21 la rassegna di spettacoli “al femminile” Le Voci della Luna. In scena, “La via di una scimmia”, tratto da "Una relazione all'accademia" di Franz Kafka, con la drammaturgia e la regia di Gaetano Sansone e, in scena come protagonista, Monica Bonomi (in foto). Di fronte ai membri di un’accademia, una ex scimmia espone le tappe attraverso cui è arrivata a inserirsi con successo nella società degli uomini. Questa la trama kafkiana, un processo inverso a quello della Metamorfosi, paradossale apologo su un’integrazione disperata e grottesca. Racconto amaro, ironico, feroce nel descrivere gli uomini, buffo e malinconico allo stesso tempo, mai interpretato prima da una donna. Ma ora, attraverso una voce femminile che propone in termini efficaci il maltrattamento dell’anima, la manipolazione e il violento paradosso morale a cui la scimmia si deve piegare, essa può forse attuare la sua rivincita, descrivendo una trasformazione in un "umano" che non rinnega quell'idea dell’antica radice selvatica, la sorgente a cui attinge la voce stessa dell'arte.

CINEMA Jolly: ‘Le nevi del Kilimangiaro’ e l’armonia spezzata Un dramma sociale leggero come un palloncino. È “Le nevi del Kilimangiaro”, l’ultimo film del francese Robert Guédiguian, al Jolly di San Nicolò mercoledì 1 febbraio alle 21.30. Nonostante la recente perdita del lavoro, Michel vive felicemente, circondato dall’affetto degli amici, dei figli e dei nipoti, insieme alla moglie Claire con la quale ha condiviso trent’anni di matrimonio e di impegno politico. Le loro coscienze sono immacolate tanto quanto la loro visione della vita. Questa armonia viene spezzata il giorno in cui due sconosciuti armati entrano nella loro casa derubandoli dei loro risparmi e lasciandoli sotto shock. Lo shock è ancora più forte quando scoprono che l’aggressione è opera di un giovane operaio licenziato insieme a Michel. Quella violenza è opera di uno di loro. E l’interrogativo è amaro: per chi e per cosa abbiamo lottato?

Rassegna su cinema e buddismo, ‘Samsara’ penultimo film Penultima proiezione, martedì 31 alle 21 al Cinema Iris 2000, per la rassegna Cineclub dedicata a “Cinema e Buddismo: pensiero, riflessione, spiritualità”. Sullo schermo, “Samsara” di Pan Nalin, 2001. Nel film, una carovana di lama, condotta da Apo, vecchio e saggio monaco buddista, va a prendere Tashi che per 3 anni è rimasto in meditazione solitaria in un luogo inaccessibile, alla ricerca dell’illuminazione spirituale. Ma l’incontro con la bellissima Pema risveglia i suoi più intimi desideri, e così capisce che per rinunciare all’esistenza terrena bisogna prima provarla. Abbandona il monastero, sposa Pema e da lei ha un figlio, Karma. Ma non è pronto ad affrontare tutti gli aspetti della vita quotidiana.

Lo spettacolo “Senza Confini-Ebrei e Zingari” venerdì 27 al Teatro Verdi Presentazione di libro e dvd sabato 28 nella sala dell’Orologio in Comune PIETRO CORVI Il Teatro Verdi di Fiorenzuola celebra La Giornata della Memoria: venerdì 27, alle 21 per il cartellone di Prosa, ecco lo spettacolo “Senza Confini - Ebrei e Zingari” di e con Moni Ovadia, che sabato 28 alle 11 nella Sala dell’Orologio del Comune presenterà poi insieme a Felice Cappa (autore il primo, regista e giornalista il secondo) il loro libro con dvd allegato “Binario 21. Il canto del popolo ebraico massacrato”: liberamente tratto dal poema di Yitzhak Katzenelson, il volume è stato realizzato con il contributo di Liliana Segre, interrogata da Ovadia, che ricorda la sua esperienza diretta di deportazione. Sia la Segre che Katzenelson sono sopravvissuti all'Olocausto, seppure in modi diversi, e le loro esperienze si intrecciano in questo racconto. Veniamo allo spettacolo di venerdì, in cui Ovadia (voce), uomo di cultura, impegno politico e opinionismo attivo, di natali bulgari e di famiglia ebraica sefardita, da sempre impegnato nella divulgazione in Italia ed Europa della cultura Yiddish, sarà accompagnato da Paolo Rocca al clarinetto, Massimo Marcer alla tromba, Ion Stanescu al violino, Albert Florian Mihai alla fisarmonica, Marian Serban al cymbalon e Marin Tanasache al contrabbasso. Gli ebrei e il popolo degli "uomini" (Rom) per secoli hanno condiviso lo stesso destino: la condizione di nomadismo, una storia spesso tragica per colpa delle nazioni che li tolleravano o li per-

seguitavano ma sublime per loro esclusivo merito. Nomadismo non come vocazione originaria, ma come risposta di dignità e indipendenza per rispondere alle persecuzioni. I popoli chiedevano solo di vivere secondo la loro identità senza recare nocumento a nessuno ma non fu loro concesso, se non in brevi periodi ad arbitrio dei poteri delle maggioranze, perché il loro esempio poteva rivelarsi deflagrante per sistemi tirannici e verticisti. Essi seppero essere in tutto e per tutto popoli, per cultura, tradizioni, spiritualità, profonde strutture del sentimento e immediata riconoscibilità emozionale, ma senza confini né burocrazie, senza eserciti, polizie né retorica patriottarda, sospesi fra cielo e terra a cavallo dei confini, dunque temuti al punto da essere “fantasmatizzati” come capaci di ogni nequizia, stigmatizzati come essenza del male e poi sterminati con facilità.

JAZZ Milestone: ultime semifinali Piacenza Jazz Fest, anteprima del concorso per gruppi e solisti con il Daniela Satragno Trio Venerdì 27 e sabato 28, ultimi due turni di semifinali del concorso nazionale per giovani jazzisti “Chicco Bettinardi”, al Milestone di via Emilia Parmense, alle 22.30 con ingresso libero e tessera Anspi. Venerdì, i due gruppi che si misureranno in quest’ultima selezione della Sezione “B”, sono i Bop Chop, di Arizzano (Verbano-Cusio-Ossola) con Dario Trapani alla chitarra, Michele Guaglio al basso e Riccardo Chiaberta alla batteria e il Line Out Quartet di Reitano (Messina), composto da Alessandro Presti alla tromba (già premiato dal pubblico all’edizione 2011 del “Bettinardi” - Sezione Solisti), Roberto Brusca al pianoforte, Carmelo Venuto al contrabbasso ed Emanuele Primavera alla batteria (già secondo classificato all’edizione 2010 del “Bettinardi” - Sezione Gruppi, con l’ensemble Even 3). I concorrenti solisti che si confronteranno invece sabato nell’ultimo appuntamento di eliminatorie per la Sezione “A” sono Francesco Patti al sax, 17 anni, di Capaci (Palermo), Andrea Montalbano, clarinetto, 21 anni, di Sciacca (Agrigento) e Leonardo Caligiuri, pianista ventenne di Parma.

È ormai in rampa di lancio (si svolgerà dal 26 febbraio al 31 marzo) la nona edizione del Piacenza Jazz Fest e, come già l’anno scorso, la prestigiosa kermesse firmata PC Jazz Club e patrocinata dal Ministero peri Beni Culturali si presenterà al pubblico con una ghiotta anteprima, mercoledì 1 febbraio alle 21.15 all’Auditorium della Fondazione di Piacenza e Vigevano di via Sant’Eufemia, l'ente che sostiene e promuove il festival fin dalla prima edizione. Ad andare in scena sarà il concerto del Danila Satragno Trio intitolato "Un lupo in darsena": la vocalist (nella foto) sarà affiancata da due eccellenti comprimari, Dado Moroni al pianoforte e Rosario Bonaccorso al contrabbasso. Il progetto nasce durante la registrazione dell’ultimo cd della Satragno (2006), dal titolo omonimo, dedicato alla musica e alla poesia di grandi cantautori italiani e il cui repertorio si basa sulla rivisitazione in chiave jazz di famosi brani italiani: un viaggio attraverso il microcosmo dei singoli artisti, con una particolare attenzione a quelli liguri.


26 gennaio 2012

Corriere Padano

9

VIVIPIACENZA Filarmonica de La Scala, diretta al cinema

‘Music and words’, serata tra blues e jazz

Giovedì 26 alle 19.45 al cinema Iris 2000 prende il via il ciclo di concerti della Filarmonica de La Scala trasmessi in diretta con la qualità del digitale, il video in alta definizione, l’audio in alta risoluzione, la regia ad hoc curata del piacentino Pietro Tagliaferri e l’accompagnamento di un presentatore d’eccezione come Francesco Micheli. Si inaugura con la direzione e il pianoforte di Daniel Barenboim. In programma: De Falla, Noches en los jardines de España; Ravel, Rapsodie espagnole, Alborada del gracioso, Pavane pour une infante défunte e Boléro.

Secondo appuntamento, giovedì 2 febbraio alle 21.30 nella Sala Nelson Mandela della Camera del Lavoro di via XXIV Maggio, con la rassegna di concerti “Music and words”, un viaggio nel mondo attraverso la musica, partito da Liverpool la scorsa settimana e in approdo stavolta a Chicago, Memphis e New Orleans. In programma, blues, jazz e dintorni con i Box Quartet: Mauro Sbuttoni (voce e armonica), Carmelo Tartamella alla chitarra, Alex Carreri al basso elettrico e Simon Gomez alla batteria. Ingresso, 5 euro. Prossimo appuntamento, mercoledì 15 febbraio con i Folk’s Wagon.

A CURA DI PIETRO CORVI

MUSICA

Una ‘notte bianca’ per ricordare la Shoah Musica, cinema, suoni, voci e parole per il Giorno della Memoria: una insolita “notte bianca” per ricordare la Shoah, caratterizzata da un denso programma di eventi, va in scena venerdì 27 a partire dalle 21 all’auditorium “Nelson Mandela” di via XXIV Maggio per la rassegna “Musica e parole” firmata Arci e Cgil. Si parte alle 21 con il recital teatrale “Una scala per le fragole”, scritto e diretto da Carla Antonini, con le voci recitanti di Luca Isidori, Sara Marenghi, Tino Rossi e Cristina Spelta e le musiche di Luca Garlaschelli (contrabbasso) realizzate dal KletzBand Trio, con anche Erio Reverberi al Violino e Gian Pietro Marazza alla fisarmonica. Alle 22.30 seguirà la presentazione del saggio “Piacenza 1938-1945 le leggi razziali” a cura della Antonini, dunque, alle 23, in collaborazione con associazione “Concorto”, la proiezione del cortometraggio “Toyland” del tedesco Jochen Alexander Freydank. Seguiranno interventi, letture e canzoni accompagnati dalla musica del KlezBand Trio. A mezzanotte, concerto di Gabriele “Gaby” Finotti (chitarra acustica e voce) e dei suoi Misfatto (con Melody Castellari e Alberto Zucconi alle voci, Paolo Baioni al piano e Andrea Farinelli alla batteria, nella foto): presenteranno il disco “Undici eroi morti” in cui è presente un brano dedicato alla Shoah, “I Giorni della Memoria”, sul cui tema sarà presentato anche un videoclip. Si chiuderà all’una (in collaborazione con l’associazione “Cinemaniaci”) con il commovente e complesso capolavoro filmico del francese Louis Malle “Arrivederci Ragazzi”.

Lagartija, Spaccamonti e Balkan Beat al Baciccia È come sempre una settimana dai mille sapori, quella del Caffè Baciccia, compresa tra i concerti dei piacentini Lagartija, sul palco giovedì 26 con il nuovo album “Particelle” - disco studiato e ragionato ma pieno d’istinto, piccolo gioiello di rock evoluto che guarda al prog, al jazz e al pop - e quello del chitarrista, compositore e sperimentatore torinese Paolo Spaccamonti, di scena giovedì 2 febbraio con la sua musica strumentale cristallina che nasconde voci e silenzi, effetti a pedali e inserti elettronici. Con lui sul palco, il trombettista Ramon Moro; apertura affidata alle sapientissime mani del piacentino Michael “Mikeless” Fortunati (in foto), che presenterà i pezzi del suo primo cd ufficiale. Un passo indietro, e venerdì 27 gennaio toccherà alle Balkan Beat, tre ragazze che in live fanno respirare profumi dell'Est tra fanfare, sevdalinke, sonorità gipsy e balcaniche. Sabato 28 alle 18.30 si presenterà poi il libro antologia del premio letterario “Racconti nella rete”, pregevole iniziativa on-line che vuole stimolare, aggregare, valorizzare e promuovere la creatività e le attitudini professionali in ambito letterario. Dopo, in serata, dj-set reggae con la dance hall dei Jah Lion, soundsystem vintage che spinge roots giamaicano ma anche moderne produzioni digital-dub inglesi fin dal ’97.

WEEKEND BAMBINI

Audio Bullys, al Fillmore l’elettronica di rango È come portarsi a casa l’atmosfera di un club in cui si incontrano hooligans, punks e gente che muove il sedere con la house. UK Garage, lo chiamano. Impastato di funk, dub e hip hop per rifare i connotati alla dance music. Il passato e il presente del pianeta Londra. Questo e molto altro è quanto promettono il duo di dj e produttori inglesi Audio Bullys: musica elettronica di rango, non solo da ballare ma anche da ascoltare e da scoprire, che invaderà il Fillmore di Cortemaggiore sabato 28 per il terzo capitolo della saga di eventi “Feel-More Dance Movement”. Simon Franks e Tom Dinsdale, il cui debutto nel circuito mondiale della scena electro risale ai primi 2000 e al successo di un singolo dinamitardo come “We don’t care” (il relativo videoclip fu diretto da Walter Stern, già autore di “Firestarter” dei Prodigy e di “Bittersweet symphony” dei Verve), saranno in buona compagnia: prima e dopo il loro set, a tenere alta la temperatura in pista ci penseranno i dj residenti Techfood, Q.U.I.A., Nikas Wolf e Il Leprotto. Inizio ore 22.30; ingresso 10 euro.

Bullone Pub, weekend giovane tra hard rock e pop anni ‘90 Doppietta live giovane, tutta piacentina e in odore di pieno “90’s revival” nel weekend del Bullone Pub. Venerdì 27, anticipati dagli Hidden Jennifer, tornano a farsi sentire le scatenate (e scosciate) hard-rocker in erba More Than Waves (nella foto) e gli Zebra Fink, con la loro sempre più rodata ricetta in bilico tra rivisitazioni grunge e rock all’italiana. Sabato toccherà invece allo sbilenco tributo a Max Pezzali e Mauro Repetto degli 88trash. I ragazzi annunciano “una serata di ignoranza come se non ci fosse un domani”: per festeggiare “la festa del niente e la festa della parrucca”, chi si presenterà con tupè avrà nientemeno che la possibilità di salire sul palco per cantare e ballare l’ultimo pezzo durante il gran finale.

“Il flauto magico” di Mozart al Piccolo Teatro di Milano “Il flauto magico” di Mozart, fiaba musicale di fantasia inesauribile con una musica dal fascino segreto, torna in scena al Piccolo Teatro di Milano - per soddisfare i tanti spettatori rimasti a bocca asciutta dopo un successo straordinario nella passata stagione - con la grande regia dell’inglese Peter Brook, interpreti freschi e di talento e al pianoforte Alain Planès e Matan Porat. Dal 31 gennaio al 12 febbraio, il martedì alle 19.30 e 21.30, mercoledì e venerdì alle 20.30 e 22.30, il sabato alle 19.30 e 21.30 e la domenica alle 16 e alle 18.

‘Ranocchio’, avventure al teatro Filodrammatici Le avventure di Ranocchio e dei suoi amici, tra giochi, curiosità e piccole domande esistenziali, humour gentile e voglia di vivere: ritorna in scena a Piacenza per le famiglie lo spettacolo di Teatro Gioco Vita “Ranocchio”, dedicato ai bambini a partire dai 2 anni. Doppio appuntamento domenica 29 gennaio 2012 alle ore 16.30 e alle ore 18 al Teatro Comunale Filodrammatici per la Rassegna di Teatro per le famiglie “A teatro con mamma e papà”. Spettacolo a pubblico limitato, dove gli spettatori trovano posto in una piccola arena che garantisce anche ai più piccoli una fruizione ottimale, è tratto dai libri illustrati di Max Velthuijs, tra i più celebrati autori e illustratori per l’infanzia al mondo. La regia è di Fabrizio Montecchi, che ha curato anche l’adattamento teatrale insieme a Nicola Lusuardi, le scene sono di Nicoletta Garioni, le sagome di Federica Ferrari, le musiche di Michele Fedrigotti e i costumi di Sara Bartesaghi Gallo. In scena Marco Ferro e Valeria Sacco, con Maddalena Maj alle luci.

CLASSICA Castelsangiovanni, al Verdi il concerto “Vox Foeminae” Per la stagione musicale del Teatro Verdi di Castelsangiovanni curata dall’Istituto Musicale Palestrina arrivano sabato 28 alle 21 la mezzosoprano Annamaria Chiuri (in foto) e Paolo Zannini al pianoforte con il concerto “Vox Foeminae”. La celebre cantante offrirà un saggio delle sue straordinarie e attraenti capacità vocali cariche di pathos in un programma estremamente vario, che spazia fra arie celebri del melodramma italiano, del periodo impressionista francese e dell’espressionismo mitteleuropeo fino alle “romanze da salotto” tardo-ottocentesche. Musiche di Grieg, Bizet, Tosti, Debussy, Satie, Strauss, Weill, Gnocchi, Cajkovskij, Donizzetti, Verdi e Mascagni.


Corriere Padano

10

FUORINGIRO

26 gennaio 2012

TEMPO LIBERO

AGENDA WEEKEND

‘Pantheon’ tra numismatica, filatelia e Diabolik Torna a Piacenza Expo il 27 e 28 gennaio la nuova edizione di Pantheon, consueto appuntamento dedicato a numismatica, filatelia e collezionismo. Circa novanta espositori, suddivisi nelle sezioni Filatelia, Numismatica, Cartolinafilia, Telecarte, Materiali e articoli vari da collezionismo, animeranno le due giornate. La fiera è ad ingresso gratuito e prevede, tra le varie iniziative, una “Mostra sul Fumetto: Diabolik” nell’angolo Kover Kollection FDK, in cui saranno esposti francobolli, cartoline, annulli filatelici e disegni

Soresina: anteprima di ‘Puzzle’, il nuovo spettacolo di Kataklò La nuova produzione della compagnia Kataklò viene presentata in anteprima nazionale al Teatro Sociale di Soresina (Cr) sabato 28 gennaio: si tratta di una composizione corale e poliedrica, che accosta coreografie storiche e opere prime realizzate dagli stessi danzatori. La regia e la supervisione artistica sono di Giulia Staccioli. Info e biglietti su www.teatrosoresina.it

“Uno, nessuno e centomila” al teatro di Casalmaggiore

PIACENZA – FARMER’S MARKET

BETTOLA – SNOW FESTIVAL

Il 23 e 30 gennaio, Piazza Cavalli a Piacenza ospiterà Farmer’s Market, mercato contadino e mercatino di prodotti locali. Il mercato è visitabile dalle ore 8.00 alle 18.00.

Il 28 gennaio a Bettola gara di Snow Board organizzata dal Progetto Penice, evento promozionale aperto agli amanti della tavola con salti e strutture a disposizione dei raiders con premi e gadjets per tutti. Iscrizione gratuita, stand gastronomici sulle piste e tanto altro. Rifugio lo Scarpone a disposizione per cene e buffet. Noleggio attrezzature.

PIACENZA - ALAN SORRENTI, PAGO & DEJAVU Gennaio all'insegna degli anni '70 e '80 al Bellavita di via Chiapponi. Ogni sabato sera il locale ospiterà i migliori interpreti e le migliori band italiane, che faranno rivivere, con la loro musica, la magia di quegli anni. A chiudere nel migliore dei modi gli appuntamenti di gennaio toccherà, sabato 28, ad Alan Sorrenti. In tale occasione si esibiranno anche Pago e la band dei Dejavu. Ogni sabato sera dopo le esibizioni live dei vari artisti, spazio alla discoteca.

Il 27 gennaio al Teatro Comunale di Casalmaggiore (Cr) va in scena “Uno, nessuno e centomila”, di Luigi Pirandello, con la Compagnia Krypton e la regia di Giancarlo Cauteruccio: una versione di questo “romanzo umoristico” (come lo definiva lo stesso Pirandello) che strizza l’occhio a Beckett e concretizza un inedito Vitangelo Moscarda a caccia delle sue plurime identità. Info e biglietti su www.teatrocasalmaggiore.it

PIACENZA – IN…CANTO D’OPERA

Ponchielli: la Nona di Beethoven nella trascrizione di Liszt

CAORSO – “LE VIE DELL’INCANTO”

Sabato 28 gennaio al Teatro Ponchielli di Cremona il pianista pisano Maurizio Baglini chiude in bellezza il Liszt Project, che nel corso della passata stagione ha celebrato i duecento anni dalla nascita del compositore: eseguirà al pianoforte la trascrizione della Nona Sinfonia di Beethoven elaborata da Franz Liszt nel 1864. Lo affiancano Eva Oltivanyi (soprano), Hannah Esther Minutillo (mezzosoprano), Arthur Espiritu (tenore), Abramo Rosalen (basso) e il Coro Costanzo Porta.

Domenica 29 gennaio, alle 17,00 presso la Sala dei Teatini, “In…canto d’opera”, eventi collaterali alla stagione lirica 2011/12. Alla scoperta delle pagine più significative dei melodrammi in cartellone con la partecipazione di giovani cantanti. Direzione artistica Marco Beretta, al pianoforte Mikael Nellborn. Sabato 28 gennaio, in occasione della “Giornata della memoria”, presso il Teatro Cine Fox di Caorso verrà presentato il libro di poesie “Le vie dell’incanto” di Cristian Gardella. L’evento, ad ingresso libero, avrà inizio alle ore 10,00.

Lodi City Blues anticipa la Winter Session Una serie di appuntamenti per gli amanti del blues a Lodi: in attesa della sesta edizione della tradizionale Winter Session, che si terrà il 10 e 11 febbraio presso il Teatro alle Vigne, la città sarà animata da “Lodi City Blues”, una serie di appuntamenti live dal 26 gennaio al 5 febbraio. Il programma dettagliato è disponibile su www.lodiblues.com

Giornata della Memoria a Parma: Il Canto di Israele di R. J. Moretti Il 28 gennaio alle 21.00 all’Auditorium del Carmine di Parma, e il 29 gennaio alle 18.00 presso Villa Pallavicino a Busseto, va in scena "Il Canto di Israele" di Riccardo Joshua Moretti, massimo compositore italiano di musica ebraica. Il concerto si inserisce nell’ampio programma di iniziative che Parma dedica alla Giornata della memoria. I brani saranno eseguiti al pianoforte dallo stesso compositore con i solisti della Filarmonica Toscanini. A cura di Costanza Alberici

BETTOLA – APPUNTAMENTO A BELLEVILLE Domenica 29 gennaio alle 16.30 nel Salone Polivalente di Bettola appuntamento con la rassegna “Benvenuti a Cartonia 2011-12”: verrà proiettato “Appuntamento a Belleville”. Ingresso libero.

FIORENZUOLA: MOSTRA FOTOGRAFICA AL CCF Domenica 29 gennaio il Club Cinefotografico Fiorenzuola ospiterà l'incontro con l'autore e socio CCF, Corrado Ajolfi. “La giornata – spiega Guido Decrema del Club fiorenzuolano - vedrà il nostro socio Corrado Ajolfi proporsi in veste di scrittore per raccontare con le parole una storia scaturita dalla propria fantasia e raccolta nel suo romanzo d'esordio: “Come Germogli di Talea”(Edizioni Caosfera)”. Ajolfi sarà anche protagonista della mostra fotografica – in esposizione fino al 12 febbraio - “Retrospettiva Fotografica”, un percorso attraverso trent'anni di splendide fotografie del fotoamatore. (fg)

MOSTRE percorso propone alcuni capolavori della produzione bucolico-pastorale di Bruzzi ricompresi per lo più tra il 1870 e primi anni Ottanta; protagonisti indiscussi sono pastori, pastorelle, greggi, contadini, bovini e muli, ritratti in gesti caratteristici e lavori quotidiani della vita di campagna tipica dell'Appennino, che Bruzzi ebbe occasione di studiare dal vero durante la sua permanenza a Roncole di Groppallo. Tra le opere esposte: "Spaccalegna", "Mulattieri dell'Appennino", "Prime giornate di bel tempo" e "La mandria sperduta".

I Canti della Merla nel cremonese Negli ultimi tre giorni di gennaio, cosiddetti “della merla”, nel cremonese si rinnova un’antica tradizione contadina: gruppi contrapposti intonano canti in un suggestivo botta e risposta per auspicare un buon raccolto. Quest’anno ripropongono la tradizione Gera di Pizzighettone, il 28 gennaio, in Piazza Mercato; Crotta d’Adda in via Porto dal 29 al 31 gennaio (con falò e distribuzione di vino e castagne); Casalmaggiore e Annicco il sabato 29; Soresina dal 30 gennaio al 1° febbraio.

inediti, tutti opera di Giorgio Montorio, disegnatore del mitico Diabolik, che sarà presente per dediche e autografi. Sempre presso Kover Kollection FDK, la "Mostra Filatelica Ferroviaria" di Fabio Cavaglieri, con plastici e modellini. Quattro gli annulli postali speciali che verranno emessi in questa occasione: due dal Circolo Culturale Filatelico e Numismatico di Piacenza e due aventi per oggetto rispettivamente Diabolik e la Mostra Filatelica Ferroviaria. c.a.

STEFANO BRUZZI LA POETICA DELLA NEVE GALLERIA D'ARTE MODERNA RICCI ODDI

STEFANO BRUZZI - UN MACCHIAIOLO TRA PIACENZA E FIRENZE FONDAZIONE DI PIACENZA E VIGEVANO – CRIPTA DI SANTA LIBERATA

Dal 21 ottobre 2011 al 19 febbraio 2012 La Galleria Ricci Oddi dedica una mostra a Stefano Bruzzi, pittore piacentino di primo piano tra XIX e XX secolo, dedicata alla suggestiva “poetica della neve”. Il

Dal 28 ottobre 2011 al 19 febbraio 2012 Un'altra mostra a Piacenza per celebrare Stefano Bruzzi in occasione del centenario della sua morte; l'esposizione propone una cinquantina di opere che ripercorre-

rono l'evoluzione del suo linguaggio artistico, indagando la portata dell'influenza di Bruzzi alla nascita di nuove poetiche del vero.

GIULIANO MAURI - 1960-2010 TRA PROGETTO E SIMBOLO MUSEI CIVICI DI PALAZZO FARNESE Dal 15 gennaio al 10 marzo 2012 Una retrospettiva dedicata all'artista lodigiano contemporaneo Giuliano Mauri, scomparso nel 2009 in Spagna. In mostra venti sculture di grandi dimensioni, progetti di installazioni e una ricca galleria fotografica delle sue opere ambientali, “architetture naturali” che lo hanno reso famoso a livello internazionale, tra cui la celebre la Cattedrale vegetale del 2001: situata nel comune di Borgo Valsugana, è stata realizzata con più di tremila rami intrecciati nelle forme di una cattedrale a tre navate. a cura di Costanza Alberici


26 gennaio 2012

Corriere Padano

11

A TAVOLA

CUCINA DI CASA

Radicchio trevigiano duttile in cucina Si chiama anche “spadone” ed è il capostipite di tutti i radicchi rossi: radicchio di Castelfranco e di Chioggia, di Verona. Le prime coltivazioni nell’Ottocento Il radicchio trevigiano è un ortaggio molto duttile che si presta ad essere cucinato in tanti modi. Tuttavia per gustare al meglio il sapore dolce-amaro e la croccantezza delle sue foglie, niente di meglio del radicchio tagliato a spicchietti e insaporito con il classico condimento di olio, aceto, sale e pepe. Oppure, come consigliano alcuni buongustai trevigiani, versando sull’insalata già condita un mestolo di pasta e fagioli bollente. Il radicchio trevigiano arriva sui mercati già ad ottobre, ma si tratta di quello precoce, che pur essendo un buon prodotto, non ha le caratteristiche di quello autentico, il cosiddetto

Risotto al radicchio di Treviso Ingredienti per 4 persone: 350 g di riso fino o superfino, 4 cespi di radicchio di Treviso (300 g circa), circa 1 l di brodo (anche di dado), 2 cucchiai d’olio extravergine d’oliva, 2 fettine di pancetta magra, 1 noce di burro, 1 cipolla media, ½ bicchiere abbondante di vino rosso, 2 cucchiai di grana o parmigiano grattugiato, sale. Preparazione: Eliminate il gambo dai cespi di radicchio quindi sfogliatelo e lavatelo più volte sotto l’acqua corrente. Dopo averlo scolato, stendetelo sopra un canovaccio per asciugarlo quindi dividete le foglie in due verticalmente lasciandone da parte qualcuna delle più belle per decorare il piatto. Spellate la cipolla, divide-

tela in due e affettatela sottilissima. Scaldate l’olio e fatevi appassire dolcemente la cipolla insieme alla pancetta tagliata a pezzettini. Quando la cipolla è cotta e leggermente imbiondita, unitevi il radicchio, salate e alzate la fiamma. Lasciatelo

“radicchio spadone”. Questi splendidi e saporiti fiori bianco-rossi sono pronti solo a fine novembre e durano fino a febbraio. CURIOSITA’: quando si pulisce il radicchio, anziché buttare le grosse radici, pagate fra l’altro a “peso di radicchio”, si possono recuperare secondo una vecchia abitudine delle massaie venete. Si lasciano a bagno in un bicchiere d’acqua sistemato all’aria aperta, sul davanzale di cucina, dopo due o tre settimane spuntano dei cespi di radicchio, più piccoli dei primi, ma con le stesse caratteristiche. Ancora ottimi da mangiare o per abbellire la tavola. cuocere per qualche minuto mescolando spesso quindi, quando si sarà asciugato, aggiungete il riso e mescolate per qualche minuto fino a quando il riso sarà diventato lucido. Bagnate con il vino, fatelo sfumare quindi aggiungete due mestoli di brodo bollente e continuate ad aggiungere via via che viene assorbito. A cotture ultimata, fuori dal fuoco, mantecate il riso con il burro e il formaggio grattugiato, accomodatelo in un piatto da portata profondo e decorate tutto intorno con le foglie di radicchio fresche, disposte a raggiera.

Penne al radicchio Ingredienti per 4 persone: 350 g di penne rigate; 3 o 4 cespi di radicchio di Treviso del peso complessivo di 400 g; 40 g di prosciutto crudo dolce; 2 cucchiai d'olio extravergine d'oliva; 1 cipolla media; 2 cucchiai di grana o parmigiano grattugiato; sale e pepe. Preparazione: Mondate i cespi di radicchio dalle foglie esterne e dal gambo, lavateli, sgocciolateli e tagliateli a pezzetti piccoli. Scaldate l'olio in una padella ampia e fatevi appassire dolcemente la cipolla tritata. Unite al soffritto anche il prosciutto tagliato a listerelle e lasciate cuocere per una decina di minuti. Quando la cipolla comincia a prendere colore, unitevi il radicchio, salate, mescolate e lasciatelo cuocere a recipiente coperto per una decina di minuti. Se a fine cottura fosse necessario, fatelo un po' asciugare a fiamma vivace. Cuocete la pasta, scolatela un po' al dente e fatela saltare per un minuto nella padella con il radicchio. Fuori dal fuoco, amalgamatevi il formaggio grattugiato e servitela subito.

Radicchio arrosto Ingredienti per 4 persone: 4-5 cespi di radicchio di Treviso (400 g circa); 2 cucchiai d'olio extravergine d'oliva; sale e pepe. Preparazione: Mondate il radicchio scartando le foglie esterne più dure e lasciando solo un pezzetto di gambo. Lavatelo, sgocciolatelo e dividete ogni cespo in quattro spicchi. Asciugatelo, mettetelo su un piatto e conditelo con olio sale e pepe. Lasciatelo insaporire per una decina di minuti prima di metterlo sulla griglia. L'ideale sarebbe il fuoco di legna ma si può usare anche la piastra di ghisa o il grill del forno. Lasciatelo cuocere due o tre minuti per parte, pennellandolo con il condimento. Servitelo caldissimo come contorno per carni arrosto o alla griglia. Una versione più ricca del radicchio arrosto prevede di avvolgere ogni spicchio con una fettina sottilissima di bacon, prima di metterlo sul fuoco. In questo caso il radicchio non deve essere prima condito con l'olio.

Le mie trattorie

Trattoria Ongina, culatello e pesce fritto Questo magico locale, degno, al di là dei meriti enogastonomici, di essere considerato quasi un museo etnografico, per l'autenticità delle persone che lo frequentano, sorge per pochi metri in territorio parmense. Alcuni avventori, con i loro visi scolpiti e rubizzi, il mitico patron Giuliano Botti, le donne impegnate in cucina, tutrici delle tradizioni della "bassa" sono testimoni della tradizione. Qui, dove l’Ongina e l'Arda confluiscono nel Grande Fiume è sempre stata terra di confine e quindi di incontro; tracce del locale risalgono al 1810 quando la dogana, sita nelle vicinanze, determinò l'apertura di un punto di ristoro (un'idea che si fa risalire al padre di Giuseppe Verdi, allora proprietario del fondo) in un luogo in cui l'umidità è ideale per la stagionatura dei salumi. Il profumo degli insaccati è il primo a colpire le narici di chi entra in trattoria. Se ne accorsero anche i componenti la troupe di Bertolucci quando nel 1975 il “maestro” girava Novecento sulle rive del Po. Per un anno circa la tavola di Giuliano Botti fu la preferita per le merende: Burt Lancaster, Robert De Niro e Gerard Depardieu furono conquistati dai salumi stagionati nella cantina, dal pescegatto pescato e fritto. Culatello, salame, prosciutto, spalla cotta, "strolghino" sono di casa, così come i croccanti tranci di pesce gatto e di anguilla fritti. Se si gradisce sviluppare il pasto completo i primi piatti hanno il loro punto di forza nei tortelli d'erbetta e ricotta, altre specialità sono i cannelloni con ripieno di carne e i cappelleti con la zucca. Le pietanze sono basate sugli arrosti e sull'anatra o altri animali da cortile preparati in vari modi. A fine pasto concludono i semifreddi della casa, le crostate di frutta e la sbriciolona. I vini sono gutturnio e barbera di piccoli produttori piacentini ma anche lambrusco e fortana di produttori parmigiani. Trattoria Ongina Via Ongina 2 - Polesine Parmense (43010) Tel.0524-98112 - Chiuso: mercoledì Sante Migliorini


Corriere Padano

26 gennaio 2012

12

ASSISTENZA AUTO

Auto, l’importanza della manutenzione Con la stagione invernale è assolutamente indispensabile sottoporre la nostra auto ad un vero e proprio check up Una corretta manutenzione della propria auto incide sui consumi di carburante e sul conseguente impatto ambientale. Curare con attenzione la propria auto è un guadagno per se stessi e per il pianeta. Con la stagione invernale, poi, è assolutamente indispensabile sottoporre la nostra auto ad un vero e proprio check up, ad un tagliando. La differenza di temperatura, abbinata magari ad un controllo periodico carente, può portare infatti a ritrovarsi con dei problemi per la nostra vettura che, diversamente, non si sarebbero riscontrati. Ma cosa bisogna controllare quando la colonnina di mercurio scende sotto una certa soglia? Ecco una lista da tenere sempre sott'occhio, su cosa far controllare: - Liquido refrigerante (controllare il livello e nel caso rabboccare) - Olio motore (controllarne il livello e ricordarsi che il cambio dell’olio motore deve essere fatto dopo tot chilometri o dopo un anno) - Filtro olio (sostituire il filtro olio ad ogni cambio dell’olio motore) - Liquido lavavetri (controllare il livello e nel caso rabboccare)

- Controllo livello liquido freni (il liquido freni va sostituito ogni due anni) - Batteria (controllare la carica) - Candele (far controllare l’efficienza delle candele) - Tergicristalli (d’estate il calore può indebolire i tergenti in gomma dei tergicristalli. Per avere una visuale sgombra in caso di pioggia, assicurarsi che le spazzole anteriori e posteriori aderiscano al vetro in ogni suo punto) - Controllo dei pneumatici

Obbligo gomme invernali, come individuare le strade interessate L'obbligo di tenere a bordo catene da neve o di montare gomme invernali (riconoscibili per la sigla M+S – Mud+Snow – sulla spalla) è in vigore dal 15 novembre 2011 al 15 aprile 2012. Per chi fosse sorpreso a non rispettare questi obblighi, sono previste multe che vanno da un minimo di 80 Euro ad un massimo di 318 Euro. Anche in caso di tempo sereno e manto stradale perfetto, o se vi trovate su tratte stradali dove il rischio di nevicate è davvero molto basso, ma comunque interessate all'obbligo, le contravvenzioni sono sempre in vigore. L’obbligo di montare gomme da neve o tenere a bordo le catene, deve essere rispettato anche dai possessori di veicoli a trazione integrale e, in ogni caso, gli pneu-

matici devono essere montate su tutti gli assi, non solo quello di trazione. Chi sta pensando ad una alternativa, come per esempio le “calze”, la abbandoni all'istante, perché non sono considerate dal Codice della Strada. Infatti, garantiscono aderenza solo su neve fresca e non sono equiparate né alle catene né alle gomme da neve. Per evitare qualsiasi malinteso riguardo l'obbligo, visto il caos che e la scarsa infomazione in merito, Viabilità Italia, il servizio istituito presso il ministero dell'Interno, fornisce l'elenco delle strade italiane (autostrade, statali, regionali e provinciali) lungo le quali vige l'obbligo di catene a bordo o delle gomme invernali montate per ogni regione.

(assicurarsi che la pressione delle gomme sia quella raccomandata, tenendo presente le basse temperature influiscono sulle prestazioni dei pneumatici) - Sostituire il filtro aria abitacolo (filtro antipolline) - Sostituire il filtro aria motore (un filtro aria pulito diminuisce i consumi ed aumenta l’efficienza del motore) - Controllare l’efficienza dell’impianto di climatizzazione (se necessario eseguire la ricarica del gas refrigerante)

SUMARTE S R L P U B B L I C I TÀ

Vorremmo incontrare uomini e donne dalle spiccate capacità relazionali.

Attivi, motivati, intraprendenti e abituati a lavorare per obbiettivi

CERCA AGENTI DIVISIONE PUBBLICITÀ LOCALE SEDE DI PIACENZA

Se pensi di avere queste qualità inviaci il tuo CV, potresti entrare a far parte di un Gruppo in crescita che saprà premiare la tua voglia di fare. Invia una mail a: s.bellinazzi@corrierepadano.it

EDILIZIA

PIACENTINA.it


26 gennaio 2012

Corriere Padano

13

DALLA PROVINCIA Fiorenzuola - Le occasioni del Bicentenario del Maestro e del maxi evento milanese

Le terre amate da Verdi puntano su Expo 2015 Valorizzare il territorio, un corso per operatori del settore dal 30 gennaio. Bisagni (Terre Traverse): ‘Un big come relatore’. Magnelli (Strada Po): ‘Bassa da rivalutare’ MANUELA IANNOTTA Fornire le competenze e le abilità per valorizzare in modo sostenibile quelle terre amate dal genio di Giuseppe Verdi, che qui abitò, divenne imprenditore agricolo e anche consigliere provinciale. Fare sistema come territorio e preparare una rete di aziende su una figura di importanza internazionale, qual è quella del Maestro, in cui la cultura materiale e immateriale, rurale e spirituale, del territorio piacentino trovano un elemento identitario e un tema forte di sintesi. È nato con tali obiettivi il corso di formazione “Il territorio di Giuseppe Verdi”, promosso dalle due associazioni “Le Terre Traverse” e “La Strada del Po e dei Sapori della Bassa piacentina”, che prenderà il via lunedì 30 gennaio, alle 20, nella sede fiorenzuolana dell’ente di formazione professionale Tutor. Finanziato dalla provincia di Piacenza (sull’asse 3 dell’azione 331 del PRIP, con determina 2528 del 28 novembre 2011) e attuato da Tutor, questo corso è un’iniziativa nuova, ideato da Ilaria Dioli e Anna Maestri e frutto del lavoro congiunto delle due associazioni, particolarmente sensibili alla valorizza-

zione e alla tutela del patrimonio territoriale locale. Un patrimonio che, per i soci promotori del corso, ha due nuove occasioni per essere riconosciuto e divulgato: nel 2013 si celebra, infatti, il bicentenario della nascita di Giuseppe Verdi e nel 2015 a Milano va in scena l’Expo, incentrato sul tema “Nutrire il pianeta”. È in vista di tali appuntamenti futuri che “Le Terre Traverse” e “La Strada” hanno deciso di lavorare insieme ed elaborare un percorso formativo rivolto a chi si occupa di promozione del territorio e quindi di ospitalità turistica, ristorazione, recettività, produzione e vendita di prodotti tipici Questi, dunque, i destinatari del corso sul territorio verdiano, che avrà una durata di alcuni mesi, si concluderà a fine aprile. Le lezioni previste sono 13, cui vanno aggiunte alcune ore di lavoro individuale e due visite guidate, e si terranno il lunedì sera (salvo particolari esigenze), principalmente nella sede di Tutor, ma non si esclude l’eventualità che si possano effettuare anche nei Comuni da cui provengono i partecipanti, in modo da agevolare la frequenza del corso. È prevista una classe minima di 18 iscritti, ma l’obiettivo dei

promotori è di arrivare a 20 persone e per chi è interessato, c’è ancora tempo fino a lunedì per coprire gli ultimi posti rimasti liberi. (Per informazioni e iscrizioni si può scrivere a terretraverse@libero.it oppure a coordinamento@tutorspa.it, o rivolgersi direttamente a Tutor, a Romano Tribi, coordinatore del corso. Il costo per ogni partecipante è di 139 euro). Per raggiungere gli obiettivi fissati e costruire un network territoriale ispirato al brand

“Il territorio rurale di Giuseppe Verdi”, il corso si avvarrà di relatori esperti, dai professori dell’Università Cattolica di Piacenza, Paolo Rizzi (docente della prima lezione) e Francesco Timpano, da Laura Schiff responsabile dell’Ufficio Turismo della regione Emilia-Romagna, a Giuseppe Martini, critico musicale di Verdi, a Corrado Mingardi, altro grande esperto del geniale compositore. Inoltre, saranno organizzati laboratori, lavori di

gruppo, si ascolteranno e raccoglieranno le esperienze di operatori di altri territori. Insomma, si uniranno teoria e pratica per formare, come ha spiegato il direttore della “Strada del Po e dei Sapori della Bassa piacentina”, Mario Magnelli, “un gruppo di operatori che possano costituire la loro offerta richiamandosi al nome di Verdi, perché Verdi ha osservato - è il nume tutelare dell’identità della Bassa e in questo modo potremo inter-

Zobia: entro l’8 febbraio le domande per partecipare allo storico Palio Manca meno di un mese all’edizione 2012 della Zobia, in programma dal 16 al 19 febbraio, ma i motori della festa si stanno già scaldando e l’8 febbraio scade il termine per presentare (all’Ufficio Cultura)le domande per partecipare al Palio, che verrà assegnato domenica pomeriggio, 19 febbraio, al termine della seconda sfilata dei carri e dei gruppi (la prima si svolgerà nella serata di sabato 18). E la Zobia sarà ancora una volta un richiamo per gli amanti della fotografia, che potranno partecipare al Concorso sociale Zobia 2011 del Club

cinefotografico di Fiorenzuola, mentre è stato cancellato il Concorso interregionale della Zobia, fino all’anno scorso organizzato anche con la collaborazione dell’Amministrazione comunale. Il direttivo del Ccf spiega così la decisione: “L’Amministrazione, a causa dei noti vincoli di bilancio che i Comuni sono tenuti a rispettare, ha drasticamente ridotto i contributi economici destinati in generale all’edizione 2012 della Zobia, rendendo per noi economicamente insostenibile l’organizzazione di questo concorso”. maia

cettare un interesse più vasto, l’attenzione di tutti, anche di chi non è interessato alla cultura rurale, enogastronomica”. “Anche la nostra associazione si è caratterizzata per una forte attenzione al legame tra cultura enogastronomica e cultura a 360 gradi”, ha proseguito il direttore della Strada, convinto che la Bassa sia stata troppo a lungo sottovalutata.“Speriamo di riuscire a far conoscere i valori di queste terre che Verdi ha amato in modo appassionato”, il suo auspicio. Per il presidente delle “Terre Traverse”, Gianpietro Bisagni, il corso è “ben strutturato” e i relatori “molto validi”. “Avremo anche un relatore importante, con cui siamo in contatto (di cui non ha voluto svelarci il nome, ndr), che verrà a spiegarci cosa sarà l’Expo 2015, perché è stata candidata Milano e quale sarà la ricaduta sui territori vicini”. “Inoltre - ha aggiunto- ci piace molto il fatto che questo percorso formativo sia rivolto anche ad operatori extragricoli, che in base alle richieste di iscrizione pervenute sono già la maggioranza”.

Nell’immagine in alto: Giovanni Boldini, Ritratto di Giuseppe Verdi (1886)

Podenzano, a fine mese il bando per la nuova piazza del paese

Monte Penice: impianti sci salvi per altri due anni Buone notizie per gli amanti della neve e degli sport invernali: la stazione sciistica del Penice – unica tra le province di Piacenza e Pavia - proseguirà la sua attività e verrà valorizzata come importante meta turistica e sportiva del territorio. Scongiurato il rischio di chiusura degli impianti di risalita - previsto per il prossimo aprile - i gestori potranno chiedere la proroga della scadenza tecnica di altri 2 anni. La commissione bilancio della Camera – in seguito agli emendamenti dei parlamentari piacentini Massimo Polledri (LN) e Paola De Micheli (PD) - ha aperto alla proroga di ulteriori due anni di tutti gli impianti a fune d'Italia, ferme restando le preventive e necessarie verifiche sulla sicurezza. “Questo risultato – afferma l'assessore provinciale Maurizio Parma - premia un impegno comune e un proficuo gioco di squadra. Ottenuta la garanzia sui tempi, ora il nostro obiettivo sarà rilanciare l’attività sciistica nel piacentino, di concerto con tutti gli ‘addetti ai lavori’, come importante leva turistica e sportiva”. Parla di “successo enorme”, Pierluigi Sala, titolare degli impianti di Monte Penice: uni-

ca alternativa era la chiusura della sciovia e la morte dello sci alpino. Alcuni problemi restano, abbiamo necessità di catalizzare maggiori presenze sulla nostra montagna e di impostare una strategia comune per il futuro, insieme a tutti i titolari di impianti della Regione”. Grande soddisfazione per il sindaco di Bobbio, Marco Rossi - che parla di “grande risultato ottenuto grazie ad un perfetto gioco di squadra, partito con l’interessamento dell’assessore Maurizio Parma in Regione - a cui va il mio ringraziamento, insieme ai parlamentari - che ha ottenuto un finanziamento di 140mila euro sulla legge 17 a favore degli impianti e del parcheggio disabili de “Le Vallette” di Ceci”. “Mantenere un impianto di risalita, ottenute le necessarie garanzie sulla sicurezza - ha commentato l’onorevole Polledri - ha un ampio impatto sociale con riscontri positivi sugli insediamenti e sul mantenimento in vita della nostra montagna”. “La possibilità della proroga – ha aggiunto l’onorevole De Micheli – ci consente di poter disporre di tempi adeguati per reperire risorse per il finanziamento dei nuovi impianti di risalita”. (fg)

Il 2012 sarà l'anno della piazza di Podenzano: la comunità avrà finalmente un salotto a cielo aperto in cui incontrarsi, divertirsi, discutere e trascorrere il tempo insieme. Il nuovo punto di ritrovo sorgerà proprio al centro del paese, su di un'area di 12 mila metri quadri a nord di via Montegrappa, nella zona occupata un tempo dalla vecchia scuola e da alcuni rustici limitrofi e che oggi è utilizzata come parcheggio. La nuova piazza diventerà il fulcro delle attività ricreative, di manifestazioni e mercati ed ospiterà anche il nuovo Centro polifunzionale del Comune guidato dal sindaco Alessandro Ghisoni (nella foto). L'intervento è atteso dalla comunità da diversi anni ed è oggi vicino alla sua concretizzazione: a fine mese verranno pubblicati il bando di gara e il disciplinare di gara relativi al primo stralcio dell'intervento (per un totale di 2 milioni di euro). Oltre alla piazza – che si estende da via Montegrappa fino a via Dalla Chiesa – verranno realizzati un doppio porticato coperto con annesso un edificio predisposto per una probabile destinazione commerciale e - a chiusura - un Centro polifunzionale-Cen-

tro civico, dotato di biblioteca, mediateca, sala per conferenze e sala prove di musica. La parte a sud della piazza sarà accessibile alle auto ma consentirà anche la sola pedonalità in occasione del mercato settimanale e di altre manifestazioni. Francesca Gazzola

Nucleare, il Cipe sblocca 15 milioni Tesoretto in arrivo anche a Caorso Il Cipe (Comitato interministeriale per la programmazione economica) ha approvato la ripartizione dei contributi 2010, pari a 14,7 milioni di euro, fra le Province e i Comuni che ospitano centrali nucleari dismesse e impianti del ciclo del combustibile nucleare, a titolo di compensazione territoriale. Il famoso “tesoretto 2010” potrà essere ripartito anche tra province e comuni confinanti nel raggio di 10 km: quindi non solo Caorso ma anche Piacenza, Monticelli, Cortemaggiore, San Pietro in Cerro, Pontenure potranno

beneficiare dei fondi sbloccati nei giorni scorsi dal Cipe e destinati a realizzare interventi di riqualificazione nei territori interessati dal nucleare.(fg)


Corriere Padano

26 gennaio 2012

14

SPORT

Un derby dopo l’altro per il Piacenza Calcio Domenica la supersfida allo Zini contro la Cremonese, poi il tribunale All’andata con i grigiorossi fu un disastro: biancorossi contro il pronostico GIOVANNI DOPERNI Derby. Basta una parola. La partita delle partite, un’attesa che massaggia il cuore affaticato dai dispiaceri. All’andata non fu un disastro e c’erano alibi seri a giustificare l’amaro della sconfitta con la Cremonese. Domenica allo Zini le premesse non sono confortanti in previsione di una rivincita. Anche se, appunto, di derby trattasi. E si possono pescare mille luoghi comuni. La classifica, il fattore campo e il confronto tra gli organici assegna ai cugini l’obbligo del pronostico a favore. Tanto per cambiare il Piacenza fa il cavallo di rincorsa, costretto an-

Non ce ne voglia Simone Guerra, ma l’aggettivo sciagurato che fu di Egidio Calloni sta diventando un marchio sulle spalle dell’attaccante di San Nicolò. E non ce ne voglia il buon Melucci, gigante gelatinoso nel cuore della difesa. Tre occasioni sprecate, una concessa: fatta la frittata e fatta la differenza che sul piano prestazionale ha invece sicuramente premiato l’incerottato Piacenza. Con Piccinni al posto di Parola, Monaco ha perso qualcosa nel palleggio, ma il centrocampo ha guadagnato in rapidità d’esecuzione. Il ripescaggio di Volpe ha fornito un’eccellente apporto al reparto avanzato: dell’ex livornese gli assist che avrebbe-

Mercato: dopo Bombagi e Campagna occorre soprattutto uno stoccatore che a saltare i tanti, troppi, ostacoli che incontra lungo il cammino. Una squadra che in trasferta ha raccolto poco e che ha incantato in un’unica occasione a Crema. Nei dintorni, comunque, di Cremona se si vuole iniettare un po’ di fiducia nei biancorossi, belli ma sfigati contro lo Spezia.

ro consentito a Guerra di segnare in pantofole. E ci risiamo, la lingua batte sul dente che duole. La cronica mancanza dello stoccatore è il più grave dei mali. Arriverà, in ogni caso, da un mercato che ha già portato in dote a Monaco (nella foto)quel Bombagi che in un quarto d’ora ha mostrato nu-

meri e intraprendenza interessanti. E’ arrivato anche Dario Campagna, difensore che in verità nelle ultime due stagioni ha giocato poco a Verona dove evidentemente il direttore generale Molinari ha avuto modo di conoscerne e apprezzarne le caratteristiche. Chiaro che con questo innesto si apre il varco per la cessione di Stefano Avogadri cercato dalmeno sei club in serie B, Vicenza e Crotone in testa. Chia-

ra la strategia e, a ben vedere, legittima: limare il monte ingaggi per consentire a Fabrizio Garilli di presentarsi con qualche fardello in meno davanti ai giudici. Se poi ci sarà pure l’assist di qualche mecenate in grado di garantire i milioni che servono alla sopravvivenza del club tanto meglio. Non basta la somma che la Roma verserà nelle casse biancorosse per il gioiellino Ferrante. Ma adesso che derby sia.

Scritto coi piedi (di Cesare R.)

Noi andremo, perchè perdersela dagli spalti è improponibile Milano. Delli Carri mangia al Giardino dei Segreti di via Sottocorno (angolo Via Calvi),. in compagnia di Moggi jr e un procuratore di cui non mi viene il nome. Cremonese - Piacenza è alle porte, ma loro sembrano non curarsene. Lo fanno in tanti del resto. La settimana del derby era una specie di frullato multivitaminico, un’ endovena energetica, oggi è una messa a suffragio. Poco importa la diversa posizione di classifica delle

due squadre, poco importa il risultato già scritto. Il punto focale è che l’evento ha perso connotazione popolare. Inutile prendersela con i divieti imposti dalle vigenti normative. Un modo per superarli c’era ed era semplicissimo. Noi andremo, perché perdere la partita sul campo ci sta, perdersela dagli spalti è improponibile. Noi andremo perché i giorni indimenticabili nella vita di un uomo sono cinque o sei in tutto ed

escludere a priori che domenica prossima possa divenire uno di questi, è da scartare. Noi andremo perché dopo Bombagi e Ivanov, vogliamo vedere da vicino Campagna e Rodriguez. Noi andremo perché giocare a Trapani è una cosa, giocare a Cremona è tutt’altro. Noi andremo perché il cinema teatro “Filo” è un bel posto, ma lo “Zini” ci piace di più. Noi andremo. Plurale maiestatico.


26 gennaio 2012

Corriere Padano

15

SPORT

Copra Elior, Monti risveglia i biancorossi Esordio casalingo esaltante per il nuovo tecnico: Macerata battuta 3-1 Domenica al PalaBanca derby con Casa Modena, quarta forza del torneo ANDREA DOSSENA Battere la squadra che scendeva in campo da prima in classifica, giocando con una intensità tale da esaltare il pubblico piacentino fino a rendere il PalaBanca rovente come nelle sfide più accese dei playoff: è quello che è tornato a fare il Copra Elior stroncando per 3-1 la Lube Banca Marche Macerata. Vero che i marchigiani erano reduci da una estenuante (e sfortunata) trasferta di Champions League a Novosibirsk in Siberia, ma è altrettanto vero che Zlatanov e compagni hanno sfoderato una prestazione eccellente e a tratti altamente spettacolare che non solo ha “gasato” i Lupi biancorossi della curva come nei giorni migliori, ma ha fatto spellare le mani anche agli spettatori solitamente più distaccati. Merito della squadra, che dopo mesi da incubo è tornata a esprimersi secondo le proprie potenzialità, ma merito anche del già acclamato nuovo allenatore Luca Monti (foto al centro, sopra), che in pochissimo tempo sembra aver saputo toccare i tasti giusti per ritrovare le scintille tecniche e mentali che sembravano smarrite. Dopo lo 0-3 rimediato a Trento contro i “campioni di tutto” il coach a-

veva chiesto ai suoi un atteggiamento diverso e più convinto fin dal primo pallone, e la brillantezza e la cattiveria agonistica dimostrata dal Copra Elior

contro una big di livello assoluto sono state la risposta migliore. Da segnalare le prestazioni di un devastante Papi (foto al centro, sotto), di Holt (al suo me-

glio) di Zhekov (miglior partita dal suo arrivo) e di un ritrovato Marra, ma quello che ha colpito è stata la ritrovata solidità complessiva mostrata dai biancorossi, che hanno saputo superare le difficoltà emerse nel terzo set – vinto dagli ospiti – per sfoderare un quarto parziale da applausi. Una prestazione di questo tipo potrebbe aver regalato al Copra Elior quell’iniezione di fiducia che solo i risultati positivi possono portare, di sicuro ha riacceso l’entusiasmo dei supporters e basta leggere la pagina dei Lupi Biancorossi (foto a destra in alto) su Facebook per rendersene conto: “Il Copra che è sceso in campo sputando sangue e lottando su ogni pallone - ha scritto un tifoso - avrebbe svegliato anche un orso dal letargo”. Con un tono di voce che probabilmente desiderava rispolverare da mesi, a fine match lo speaker Nicola Gobbi proclamava che “Piacenza è tornata”, ma è vietato montarsi la testa perchè gli esami non finiscono mai e anzi ricominciano già domenica al PalaBanca nel difficile derby emiliano con Modena. Un’altra vittoria, contro la quarta forza del campionato, sarebbe il miglior modo per accelerare quanto “ordinato” dal presidente Guido Molinaroli: la rimonta in classifica.

Rebecchi Nordmeccanica, impresa in Coppa Italia Nuova impresa della Rebecchi Nordmeccanica Piacenza, che ha conquistato per la prima volta nella sua storia le Final Four di Coppa Italia di A1. Le “ragazze terribili” di coach Marchesi si sono guadagnate l’ambito lasciapassare per le sfide di Modena (in calendario sabato 28 e domenica 29) con la splendida vittoria per 3-2 ottenuta sul difficile campo di Villa Cortese, squadra vincitrice delle ultime due edizioni del trofeo. Assorbita in fretta la sconfitta in campionato patita proprio a Modena con la Liu-Jo, Leggeri e compagne (con Lehtonen superlativa e Pachale - nella foto - eroica) hanno sconfitto Villa Cortese recuperando due match point in un tie-break da urlo, e sabato sfideranno in semifinale Urbino, che come Piacenza è per la prima volta in assoluto tra le prime quattro di Coppa. Nell’altra semifinale, Busto Arsizio se la vedrà con le padrone di casa di Modena. (a.doss)

Vittorino, la borsa di studio “Cavalli” alla giovane nuotatrice Giulia Verona La grande festa di fine anno del nuoto biancorosso, svoltasi nei giorni scorsi alla Vittorino da Feltre, è stata come non solo un’occasione per tracciare un bilancio dell’eccellente anno sportivo appena passato agli archivi e per pensare all’ormai imminente ripresa dell'attività agonistica, ma anche per la consegna della borsa di studio in ricordo dell'ex nuotatrice fiorenzuolana Martina Cavalli, scomparsa alcuni anni fa, che viene assegnata sulla base dei risultati agonistici ma anche della media scolastica. La borsa è stata assegnata a Giulia Verona, vincitrice del titolo italiano a squadre della 4 x 100 misti Esordienti A, di quattro titoli regionali e autrice di cinque nuovi record regionali. Nell'occasione sono stati anche premiati alcuni nuotatori biancorossi delle varie categorie, sulla base degli eccellenti risultati conseguiti nel 2011: Alessia Ruggi, Camilla Tinelli e Giulia Verona per il titolo italiano giovanile; Gaia Bisceglia, Sofia Savini e Francesca Bertolotti per i record regionali; Francesco Vacca per il titolo regionale; Eleonora Bertolotti e Giulia Veneziani per la partecipazione ai Campionati Italiani giovanili; Lorenzo Zangrandi, Pietro Bosi, Federico Vacca, Riccardo Pennini, Angelica Varesi, Federica

Favero e Filippo Celoni per i vari titoli e risultati conquistati. Presenti per l'occasione il presidente Sandro Fabbri, il consigliere delegato al nuoto Filippo Manvuller, il delegato provinciale della Federnuoto Luigi Zangrandi e lo staff tecnico biancorosso guidato da Gianni Ponzanibbio.

IL MIO SPORT stico dei Colli Salsesi. La marcia, a partenza libera dalle 08,30 alle 09,00, prevede tre percorsi da 5, 11 e 16 Km. Il tempo massimo di percorrenza previsto è di 3 ore

BETTOLA – MOTOGELO 2012 Torna Motogelo, il motogiro nazionale d’eccellenza promosso dal Moto Club Cavaciuti di Piacenza. La manifestazione (vedi foto)si svolge il 4 e 5 febbraio a Bettola.

BOBBIO – CAMPIONATO NAZIONALE CITTADINI MASTER SALSOMAGGIORE TERME – 36° GIRO PODISTICO DEI COLLI SALSESI Domenica 29 gennaio, il G.P. Quadrifoglio organizza a Salsomaggiore Terme il 36° Giro Podi-

Il 5 febbraio presso la pista di sci di fondo delle Vallette di Ceci verrà organizzato - neve permettendo - l'appassionante Campionato Nazionale Cittadini Master: la gara è organizzata da Sci Club Bobbio.


Corriere Padano

26 gennaio 2012

16

CHI CERCA TROVA

ANNUNCI VARIE Vendo due poltroncine di legno, schienale curvo imbottito di pelle verdone come il sedile. Vendo a Euro 130 cad. Entrambe a Euro 200. Tel. 338.7582065 o 0372.840077 dopo le 19,00. Vendo sveglia soprammobile, carica manuale, con rose dipinte a mano a 20 Euro. Vendo a prezzo modico. Tel. 338.7582065 o 0372.840077 dopo le 19,00. Vendo trespolo, con gabbietta, alto 1,60 m, di ferro ramato a Euro 100 e stia (gabbia per polli e conigli) con tre abbeveratoi a Euro 100 trattabili. Tel. 338.7582065 o 0372.840077 dopo le 19,00. Vendo fornello a gas, tre fuochi, portatile, seminuovo con cucchiaioni di legno, a Euro 80. Vero affare. Tel. 338.7582065 o 0372.840077 dopo le 19,00. Vendo pettineuse fine 800, con specchio diviso in tre parti e richiudibile. Vendo unitamente a sedia con schienale curvo, imbottito di raso, a prezzo libero. Tel. 338.7582065 o 0372.840077 dopo le 19,00. Vendo tante vestaglie da camera, di panno, di seta a nido d'ape, azzurre e rosa, una decina a prezzo modico presa visione. Tel. 338.7582065 o 0372.840077 dopo le 19,00. Vendo tavolino da salotto, ovale, di legno, basso a Euro 20 e rete con materasso ad una piazza a Euro 30. Tel. 338.7582065 o 0372.840077 dopo le 19,00. Vendo soggiorno stile spagnolo con tavolo, fratino, sei sedie con schienale estraibile a Euro 500 trattabili. Tel. 338.7582065 o 0372.840077 dopo le 19,00. Vendo a metà prezzo stufa a pellet ventilata termo rossi, in garanzia, per mancato utilizzo. Tel. 0523.844557 Vendesi articoli natalizi, giochi, cancelleria, tutto a metà prezzo. Tel. 0523.768338

AFFITTO E VENDITA Affittasi o vendesi ufficio a Piacenza, in zona Le Mose, di 200 mq. Da vedere, prezzo trattabile. Tel. 338 9005270 Affitasi garage a Cortemaggiore, disponibile singolo o doppio, zona ex Agip. Tel. 0523.837342 Affitasi bell'appartamento 110 mq, nei pressi Lupa a Piacenza, 5° piano. Ascensore, cucina , 2 camere, salone, possibilità di ricavare un'altra stanza, 3 balconi, bagno, cantina. Riscaldamento centralizzato. Libero in gennaio 2012. 650 Euro al mese più spese condominiali. Tel. 338.6643057

LAVORO Aiuto anziani - baby sitter - disbrigo pratiche. Signora piacentina di 46 anni con esperienza e referenziata cerca lavoro per ore pomeridiane. Disponibile anche per commissioni. Automunita. Tel. 327.5811350 Signora italiana pratica offresi per pulizia scale, uffici, appartamenti, stiro o come operaia. Tel. 338.5434515 Pulizie casa, scale, stiro. Signora referenziata cerca lavoro nei comuni di Gragnano, Rottofreno, Gazzola, Piacenza. Tel. 333.7517320

AUTO E MOTO Offro moto Guzzi Nevada 750cc Km 6000, prezzo interessante. Tel. 334.3247741 o 0523.824648 Offro cerchi in lega per WW Golf da 17' con gomme in ottimo stato. Tel. 339.1535059, ore pasti. Offro cerchi in lega per BMW serie 3 da 16'' e 17'' con gomme in ottimo stato. Tel. 392.9902456, ore serali.

Avviso ai lettori Ricordiamo che per il servizio di pubblicazione degli annunci la redazione non riceve alcun compenso sulle transazioni commerciali, non effettua vendite dirette, non è responsabile per la qualità, la provenienza o la veridicità delle inserzioni né dell'esito della transazione oggetto dell'inserzione stessa. Le richieste di inserzioni sono espressamente subordinate al consenso dell'Editore alla pubblicazione ed alla disponibilità di spazi La Direzione pertanto si riserva il diritto di modificare rispettando il messaggio, rifiutare o sospendere una inserzione a proprio insindacabile giudizio, nonché di effettuare dei controlli sull'inserzionista. L'editore non risponde per eventuali ritardi rispetto alla data indicata dall'inserzionista, o perdite causate dalla non pubblicazione dell'inserzione per qualunque motivo e non è responsabile per eventuali errori di stampa. Gli inserzionisti sono responsabili di quanto indicato nella richiesta di inserzione e sono obbligati a risarcire all'editore ogni pregiudizio, di qualsiasi tipo, eventualmente da esso sopportata in relazione all’inserzione commissionata ed al suo contenuto.

COME TRASMETTERE L’ANNUNCIO GRATUITO Compila in stampatello la cedola pubblicata a fianco e spediscila a: CORRIERE PADANO VIA XXIV MAGGIO, 4 29122 PIACENZA Oppure trasmettila via fax al numero: 0523 754369 Inoltre è possibile inviare una e-mail all’indirizzo: annunci@corrierepadano.it


CORPAD 26-01-12