Page 1

SETTIMANALE DI INFORMAZIONE FONDATO NEL 1983

iugno

l 10 g

Fino a

2018

Poste Italiane spa - Spedizione in a.p. - D.L. 353/2003 (conv. in l. 27/02 2004 n. 46) art. 1, comma 1 - DCB Pc

iugno

l 10 g

Fino a

GIOVEDÌ 10 MAGGIO 2018 - ANNO 35 N. 13 - EURO 0,20

Dalla Lupa a San Lazzaro, REDAZIONE resurrezione a nord-est

2018

Poste Italiane spa - Spedizione in a.p. - D.L. 353/2003 (conv. in l. 27/02 2004 n. 46) art. 1, comma 1 - DCB Pc

VIVIPIACENZA

Ok della giunta al piano di Terrepadane. Bisotti: “Operazione doverosa” A PAGINA 4

Rendere competitivo l’Appennino, Bonaccini: “A breve incontro per la SS 45”

Coop e montagna, sinergie per il rilancio del territorio

Colonna di pace, tappa a Piacenza A PAGINA 7

“Una montagna di imprese”: progetto di Confcooperative per la creazione di nuova imprenditorialità attraverso l’innovazione e la progettazione integrata Una impresa per rimanere in montagna ha bisogno di multifunzionalità, di diversificazione e di progettazione integrata. Ma anche di infrastrutture e strade, di fiscalità agevolata e di una rete di sinergie tra tutti i soggetti che operano sul territorio: dalle aziende alle scuole, dalle istituzioni alle associazioni di categoria. E’ ciò che è emerso dall’incontro conclusivo del percorso ‘Una montagna di imprese’ promosso da Confcooperative in collaborazione con l’Università Cattolica di Piacenza e l’Istituto superiore Tramello- Cassinari (sede di Bobbio).

Sabato 12 a Calendasco una giornata di festa

Frutti Antichi, focus su biodiversità A PAGINA 7

GAZZOLA A PAGINA 2

Lavoro

Giù la disoccupazione su il precariato A PAGINA 3

Sociale

Misericordia, l’appello: “Spazi insufficienti” TRENCHI A PAGINA 5

Bene confiscato alla mafia, Don Ciotti all’inaugurazione A PAGINA 2

Settimana Celiachia gli eventi a Piacenza A PAGINA 6


Corriere Padano

10 maggio 2018

ATTUALITÀ

2

Don Ciotti all’inaugurazione del bene confiscato alla mafia Ci sarà anche don Luigi Ciotti, fondatore e presidente di Libera, alla cerimonia di inaugurazione del capannone della zona industriale di Ponte Trebbia, confiscato alla mafia e acquisito dall’amministrazione comunale di Calendasco. La cerimonia è prevista sabato 12 maggio alle 10.30 e vedrà la partecipazione del presidente della Regione Emilia Romagna Stefano Bonaccini. Protagonisti della riqualificazione sono stati anche i sedici richiedenti asilo ospitati presso l’ostello “Le tre corone” del paese. Al loro fianco, un gruppo di studenti francesi arrivati a Piacenza nell’ambito del progetto Erasmus. Sotto lo stretto coordinamento di docenti e professionisti dell’Ente Scuola Edile di Piacenza, hanno realizzato passo dopo passo quanto previsto

dal progetto dell’intervento: un mix delle migliori proposte emerse con il concorso di idee promosso nei mesi scorsi, a cui ha preso parte una ventina di alunni della scuola stessa, realizzando uno spazio che sarà destinato al ricovero delle attrezzature comunali e al coinvolgimento delle associazioni locali. Dopo l’inaugurazione, per tutta la giornata, sono previste visite guidate al bene confiscato con i volontari di Libera. Alle 12.30 pranzo della legalità. Alle 14 laboratori di creatività, giochi, teatro, calcetto. Alle 15 presentazione del libro “Quei pantaloni bucati... il “Moro”, partigiano Cesare Rabiotti” di Rossella Groppi e Filippo Zangrandi, illustrazioni degli studenti delle terze medie di Calendasco. Alle 16 spettacolo teatrale.

Coop e montagna, sinergie per il rilancio del territorio Progetto sviluppato da Confcooperative per la creazione di nuova imprenditorialità attraverso l’innovazione e la progettazione integrata

Corvi: ‘’Nuove connessioni per diventare competitivi’

FRANCESCA GAZZOLA Una impresa per rimanere in montagna ha bisogno di multifunzionalità, di diversificazione e di progettazione integrata. Ma anche di infrastrutture e strade, di fiscalità agevolata e di una rete di sinergie tra tutti i soggetti che operano sul territorio: dalle aziende alle scuole, dalle istituzioni alle associazioni di categoria. E’ ciò che è emerso dall’incontro conclusivo del percorso ‘Una montagna di imprese’ promosso da Confcooperative in collaborazione con l’Università Cattolica di Piacenza, l’Istituto superiore Tramello- Cassinari (sede di Bobbio), e con la partecipazione del GAL del Ducato e il sostegno della Camera di Commercio. Il percorso – costituito da due incontri precedenti tenutisi a Bobbio, nel mese di febbraio, e a Ferriere, nel mese di marzo – è terminato con una giornata di dibattito, presso l’Auditorium Santa Chiara a Bobbio, a cui è intervenuto anche il presidente della Regione Emilia Romagna, Stefano Bonaccini (vedi articolo dedicato). Il progetto nasce per valorizzare la montagna piacentina e le realtà presenti sul territorio, attraverso l’innovazione delle imprese e la creazione di nuova imprenditorialità. L’iniziativa è stata coordinata da Nicoletta Corvi (direttore di Confcooperative) e da Paolo Rizzi (docente dell’Università Cattolica di Pia-

cenza) ed ha rappresentato l’occasione per presentare un’indagine sui giovani che vivono in montagna (a cura dell’Istituto Tramello di Bobbio) e per raccogliere le testimonianze di diverse cooperative e aziende che lavorano sul territorio. Tanti gli spunti di riflessione: ‘Il progetto “Una montagna di imprese” - ha affermato il presidente di Confcooperative, Daniel Negri – ha evidenziato il forte interesse dei giovani a rimanere sul territorio appenninico. Le tre giornate di dibattito – ha aggiunto Negri – hanno offerto la possibilità di valorizzare le eccellenze della montagna piacentina e di promuovere le realtà che, con spirito innovativo, operano sul territorio’. Durante la giornata sono state presentate alcune innovative cooperative di montagna, nate in questi mesi sul territorio: la cooperativa di comunità ‘Valnure’ di Samuele Risoli (che si propone di coinvolgere le realtà imprenditoriali

Il presidente della Regione Emilia Romagna, Stefano Bonaccini - presente a Bobbio in occasione dell’incontro ‘Una montagna di imprese’ (vedi articolo sopra) – ha ragionato con i sindaci e con i presidenti delle associazioni di categoria presenti all’Auditorium S. Chiara, su come rendere competitivo il territorio montano, dalla proposta di un fisco agevolato per le imprese agli investimenti su strade e infrastrutture: ‘Stiamo ragionando sulla possibilità di proporre una fiscalità di vantaggio per le imprese che operano in montagna. Ci stiamo lavorando e vorremmo elaborare una proposta in tempi brevi’, ha affermato Bonaccini, il quale ha ricordato anche l’impegno dell’amministrazione regionale nella copertura totale del territorio con la banda larga, affinché vi siano – in futuro - condizioni paritarie di competitività’. E’ stato il giornalista Giangiacomo Schiavi, già vicedirettore del Corriere della Sera, ad evidenziare i punti cruciali per il rilancio della montagna, ‘che passa attraverso scuola, sanità, infrastrutture, trasporti, formazione professionale e investimenti: ‘Nel corso degli anni si è andati avanti per sottrazione e si sono perse funzioni importanti. Da qui occorre ripartire per incoraggiare quegli imprenditori eroi che resistono sul territorio e che investono in montagna’. La Statale 45 è stata al centro del dibattito

e non, da Ponte dell’Olio a Ferriere, per promuovere le risorse dell’intera valle), l’esperienza di ‘Nuovi Residenti’ di Manuela Ferrari e Ferriere Sport Camp’, di Marco Bergonzi che proprio in occasione dei workshop ‘Una montagna di imprese’, ha annunciato la costituzione a brevissimo di una nuova realtà di impresa cooperativa grazie anche all’avvio di nuove partnership tra le cooperative dell’Alta Valnure. Ad evidenziare difficoltà e punti di forza delle imprese di montagna è stato l’imprenditore Marco Labirio di Gamma Spa di Bobbio, che ha spiegato la sua esperienza ai ragazzi delle scuole. Il professor Rizzi ha posto l’attenzione su due dati significativi: ‘Il 54% dei giovani intervistati vorrebbe diventare imprenditore e sogna di avviare una impresa in montagna, e più del 40% dei ragazzi vorrebbe vivere nel suo paese di origine’, dimostrando così un forte attaccamento al terri-

torio. In questo contesto bene si inseriscono i nuovi corsi di formazione ‘Fare Impresa’ promossi da una rete di Enti di formazione piacentini e finanziati dalla Regione Emilia Romagna e presentati da Elena Busca di Ireecop (Confcooperative) per favorire l’imprenditorialità: ‘Si tratta di corsi gratuiti rivolti a giovani e inoccupati, e suddivisi su più percorsi: l’avvio di impresa (16 ore), la libera professione (16 ore), gli aspetti normativi e giuridici per l’avvio di impresa (16 ore), l’impresa cooperativa (16 ore). Si può scegliere, inoltre, tra corsi relativi alla redazione del business plan (40 ore), corsi di gestione delle vendite (16 ore) e degli acquisti (16 ore), di gestione economica di impresa (32 ore) e della logistica (32 ore). E ancora: corsi sul bilancio di esercizio (32 ore) e sugli strumenti di project management (32 ore); sulla digitalizzazione d’impresa (16 ore) e sul marketing (40 ore).

La creazione di nuove connessioni tra le realtà presenti sul territorio era l’obiettivo principe del progetto ‘Una montagna di imprese’ di Confcooperative: ‘Dai focus group che abbiamo avviato con i soggetti che operano sull’Appennino – ha affermato Nicoletta Corvi, direttore di Confcooperative – è scaturita la volontà di lavorare insieme per favorire l’integrazione fra le imprese esistenti, attraverso una logica di rete e di multifunzionalità. Con il progetto, volevamo far emergere le potenzialità delle singole realtà e promuovere lo scambio di esperienze tra le imprese: così è stato e ne siamo molto orgogliosi. Proprio in quest’ultimo mese – ha aggiunto Corvi – nascerà una nuova realtà cooperativa dall’esperienza di Ferriere Sport Camp scaturita proprio dal nostro percorso ‘Una montagna di imprese’. Il direttore di Confcooperative ha poi sintetizzato il filo conduttore del progetto: ‘Innovare attraverso la ricerca di caratteri distintivi, al fine di anticipare le richieste del territorio anziché inseguirle. Solo così – ha aggiunto Corvi – possiamo rendere la montagna - a tutti gli effetti - un luogo dove poter fare impresa’.

Gal del Ducato, Crotti: “Aggregare per innovare” La giornata ha rappresentato anche l’occasione per fare il punto della situazione sui nuovi bandi promossi dal Gal (Gruppo di azione locale) del Ducato. ‘Aggregare per innovare’ è lo slogan con cui il presidente del Gal, Marco Crotti, ha spiegato gli obiettivi del nuovo soggetto per la gestione a livello locale dei programmi di sviluppo delle aree rurali: ‘Solo insieme possiamo combattere lo spopolamento e rilanciare la montagna, incentivando quelle imprese che vogliono investire in queste zone, integrando agroalimentare, turismo, imprese e ambiente’. Crotti ha poi annunciato i nuovi bandi promossi dal Gal: accanto alle ‘Nuove opportunità per vivere il bosco’ (in scadenza a giugno), si inseriscono gli investimenti in aziende in approccio individuale e di sistema, i contributi per le cooperative di comunità, i nuovi bandi rivolti alla logistica delle produzioni agroalimentari, alla sentieristica e al recupero di strutture per servizi pubblici. Nella foto in alto a destra Nicoletta Corvi

Regione, Bonaccini: entro l’estate incontro a Bobbio per la SS 45

con i sindaci della vallata: il presidente Bonaccini – sollecitato dal sindaco di Bobbio, Roberto Pasquali - ha annunciato un incontro entro l’estate a Bobbio per fare il punto – insieme ad Anas - sui cantieri in programma sulla SS45. Bonaccini ha poi evidenziato lo stanziamento a breve di 30 milioni di euro per i Comuni, da destinare al recupero di edifici e luoghi dismessi e ricordato le eccellenze della Regione Emilia Romagna: ‘Esportiamo 57 miliardi di euro di prodotti all’estero e per il quarto anno consecutivo siamo la prima regione in Italia per crescita economica’, ha sottolineato Bonaccini, ricordano poi i 44 prodotti Igp della Regione ed eveidenziando le tre Dop piacentine. ‘Lavorare insieme per la montagna’: è l’impegno assunto da più parti (istituzioni, associazioni di categoria, imprese) per valorizzare l’Appennino e creare lavoro per coloro che decidono di restare e di costruirsi un futuro in queste zone. La tavola rotonda – coordinata dal professor Paolo Rizzi (Università Cattolica) ha raccolto le testimonianze del presidente di Confcooperative, Daniel Negri e del direttore di Confindustria Belluno, Andrea Ferrazzi che hanno illustrato le esperienze dei rispettivi territori. Nelle foto, da sinistra: Giangiacomo Schiavi, Andrea Ferrazzi, Stefano Bonaccini, Daniel Negri, Paolo Rizzi


10 maggio 2018

Corriere Padano

PRIMO PIANO

3

Municipale, Giorgio Benvenuti è il nuovo comandante E’ Giorgio Benvenuti, altoatesino, 56 anni, il nuovo comandante della Polizia Municipale di Piacenza. Benvenuti, originario di Bolzano, doveva prendere servizio alla guida della Municipale di Jesi nelle Marche ma ha rinunciato all’incarico in quanto vincitore del bando per il Comando di Piacenza, in sostituzione di Piero Romualdo Vergante che aveva lasciato la nostra città nel novembre scorso alla volta di Monza. Benvenuti era nella rosa dei cinque finalisti scelti dal sindaco di Piacenza Patrizia Barbieri. L’incarico nella nostra città giunge dopo il mandato triennale – dal marzo 2015 ad oggi – alla guida del Corpo di Polizia Municipale dell’U-

nione Terre d’Acqua nella provincia bolognese, mentre nei due anni precedenti era stato comandante della Polizia Municipale di Casalecchio di Reno (che aveva già guidato dal 2001 al 2005). Dal 2005 al 2013, è stato dirigente della Polizia Municipale di Imola, mentre dal 1998 al 2001 ha ricoperto il ruolo di comandante della Polizia Municipale di Calderara di Reno, dopo un’esperienza decennale nel Corpo di Castel San Pietro Terme, dapprima come agente, quindi come ufficiale di Polizia Giudiziaria e vicecomandante. Nato a Bolzano, laureato in Giurisprudenza all’Università di Bologna, Benvenuti ha superato la selezione cui erano stati ammessi 19 candidati. Prenderà servizio il 15 maggio prossimo.

Giù la disoccupazione, su il precariato Lavoro, preoccupano gli infortuni I sindacati: “Dati drammatici: gli infortuni non mortali a Piacenza sono cresciuti” Zilocchi, Cgil: “Il rilancio passa dalla manifattura non dal lavoro precario on demand“ “I dati sono drammatici. Gli infortuni non mortali, nella nostra provincia sono cresciuti”. E’ l’allarme lanciato dal palco del Primo Maggio dai segretari cittadini Cgil, Cisl e Uil Zilocchi, Molinari e Sozzi insieme al presidente provinciale di Anmil Piacenza, Giovanni Ferrari. “Dopo una diminuzione degli infortuni e delle ‘morti bianche’ in corrispondenza con gli anni di crisi economica – hanno proseguito – oggi assistiamo ad un aumento di morti e infortuni. Disinvestire sulla sicurezza nei luoghi di lavoro è un terreno fertile per chi vuole speculare sul lavoro, e questo Primo Maggio vuole mandare un messaggio forte e chiaro: così non va. Occorre tornare ad investire sulla sicurezza e nella prevenzione dei rischi”. Rispetto a quello regionale, Piacenza, insieme a Bologna, registra un dato in controtendenza: “Gli infortuni non mortali sono aumentati del 6% nel 2016 e del 2% nel 2017 – confermano Ferrari e Molinari – 4950 sono le denunce presentate lo scorso anno. Non conosciamo ancora i dati relativi al 2018 ma già ci sono stati infortuni piuttosto gravi”. Risultano in calo, invece le malattie professionali (251 casi nel 2017). Otto le morti bianche. “Si muore dove il lavoro non è più di qualità – denuncia il segretario Cgil Gianluca Zilocchi – La sfida dei prossimi anni è quella di inserire il tema della sicurezza nella contrattazione e nel confronto coi datori di lavo-

ro”. “Occorre una presenza più attiva dei lavoratori – conferma la segretaria Cisl Marina Molinari – e una maggiore consapevolezza: dobbiamo ripartire dalla legge sulla sicurezza. Sono stati presentati, inoltre, i dati relativi alla ricerca alla base della nona edizione dell’Osservatorio sull’economia e il lavoro in Provincia di Piacenza. Uno dei dati più significativi dell’osservatorio è la ripresa dell’occupazione fotografata dai dati di stock sul mercato del lavoro nella provincia di Piacenza. Nel corso del 2017, infatti, vengono registrati 5.043 occupati in più, pari a una crescita del numero degli occupati del 4,1% rispetto all’anno precedente, ossia

in assoluto il dato più significativo dall’inizio della crisi. Di conseguenza cresce il tasso occupazionale, che passa dal 66,3% del 2016 al 69,4% del 2017, superando, per la prima

regionale che si attesta invece al 6,5%. Gianluca Zilocchi, segretario generale Cgil Piacenza, nel commentare i dati dell’’Osservatorio sull’economia e il lavoro in pro-

Molinari, Cisl: “Dobbiamo ripartire dalla legge sulla sicurezza” volta, anche il dato regionale del 68,6% registrato nel corso d el 2017. Decresce invece il tasso di disoccupazione, che passa dal 7,5% del 2016 al 6,1% del 2017, situandosi sotto la media

vincia di Piacenza – curato da Ires Emilia-Romagna per conto della Camera del Lavoro e giunto quest’anno alla nona edizione – ha sottolineato come l’impoverimento occupazionale nell’indu-

stria e l’aumento dell’occupazione nei più generici “servizi” sia uno degli aspetti più controversi del report presentato qalla Camera del Lavoro di Piacenza. Il report della Cgil fornisce annualmente un quadro aggiornato sull’andamento dei principali indicatori economici e delle dinamiche occupazionali e demografiche a livello provinciale, con confronti in serie storica e con i livelli regionali e nazionali. “La crescita percentuale degli occupati è concentrata nei servizi, +9%, come hanno spiegato Marco Marrone, ricercatore e autore del lavoro, e il presidente Ires Giuliano Guietti. “In particolare nella categoria del commercio, che include anche la logistica. Decresce invece l’occupazione in tutti gli altri settori”. I ricercatori hanno sottolineato il fatto che oggi ci troviamo di fronte a “indicatori che bastavano fino a qualche anno fa, ma che oggi ci danno una fotografia sfuocata in un’economia in cui si diffondono i “lavoretti” con zone grigie di occupazione, in particolare nei servizi”. Diminuiscono nel 2017 i residenti stranieri a Piacenza (-1,5%) continua lo spopolamento montagna (-0,9) mentre regge la pianura. E cala drammaticamente la popolazione residente tra i 30-40, con punte di meno 4,2 sulla fascia 35-40. Il “tasto più dolente del rapporto” ha spiegato Morrone, “è la ‘nonnuova occupazione’. Siamo di fronte ad un travaso da contratti a tempo determinato, tecnicamente

delle “trasformazioni” di contratto, e a un nuovo boom di lavoro autonomo che se all’ inizio della crisi nel 2008 poteva essere una via di fuga da un mercato del lavoro impermeabile, oggi registriamo dati di forte crescita che nasconde verosimilmente una quota di ‘false’ partite IVA monocommittenti. E’ ripresa una tendenza da parte datori lavoro a non prendersi la responsabilità salariale”. “Grazie a Ires per un osservatorio che porta dati di “qualità” – ha commentato Zilocchi – e che dimostra una certa coerenza rispetto alle cose che sta dicendo la Cgil in questi anni, rispetto agli effetti che certe politiche hanno prodotto: il “jobs act” non ha rafforzato il lavoro di qualità ne diminuito la precarietà. Questi dati ci confermano che il territorio e il Paese hanno bisogno di una politica industriale, di sviluppo di lungo respiro. Non possiamo permetterci di vivere con una politica che progetta per il giorno dopo, la politica deve progettare i prossimi 20 anni”. Zilocchi ha parlato di “incentivi a pioggia dati a tutti, con una decontribuzione di cui hanno goduto anche i banditi”. E sia i ricercatori, sia il segretario della Camera del lavoro hanno sottolineato come “gli indicatori statistici non forniscano una fotografia a fuoco del lavoro, basti pensare che se uno lavora un’ora a settimana è “occupato”. Ma andiamo a chiedergli se si sente un lavoratore occupato o se sta lottando per dare da mangiare a sé e alla sua famiglia”. Tuttavia, “in Emilia-Romagna ci sono dati confortanti anche per delle politiche regionali differenti, per esempio con un Patto per il Lavoro che mette in campo investimenti per 15 miliardi, grazie anche alla condivisione con il sindacato. Il sindaco Patrizia Barbieri ha lanciato tempo fa l’ipotesi di un tavolo per lo sviluppo economico: auspichiamo fortemente che parta davvero. Ce n’è bisogno più che mai”

Per la tua cerimonia Servizio sartoria immediato

Orario continuato Domenica aperto


Corriere Padano

4

10 maggio 2018

ATTUALITÀ

Dalla Lupa a San Lazzaro, resurrezione a nord-est Anche la giunta Barbieri sembra determinata a portare avanti il progetto di Terrepadane. L’ex assessore Silvio Bisotti: “Operazione doverosa” (fl) Si annuncia come uno degli interventi di riqualificazione più importanti degli ultimi trent’anni il piano di recupero dell’immensa area di via Colombo, retrostante il Palazzo dell’Agricoltura, cioè lo spazio a ridosso del centro storico che va dalla Lupa fino a San Lazzaro. Si tratta di un’area di 130mila metri quadrati, per gran parte (113mila metri) di proprietà del Consorzio Terrepadane, ma che comprende anche l’immobile comunale dell’ex mercato ortofrutticolo e l’area del Piano Caricatore. Una fetta di città oggi cosparsa di vecchi edifici, capannoni industriali, silos, desolatamente degradata e fatiscente. Che il Consorzio Terrepadane intende riportare a lucido attraverso un iter urbanistico costruito insieme alla giunta Dosi e che oggi sembra stia per avere l’ok anche dall’amministrazione Barbieri. Un mega piano di riqualificazione con l’idea di far nascere un vero e proprio maxi-quartiere dotato di tutti i servizi. Il piano di recupero prevede che, una volta riqualificata, l’area contempli una superficie edificata di 70mila metri quadri. Nelle previsioni del master plan, già realizzato dagli architetti incaricati dal consorzio, ci sono anche alloggi di housing sociale, spazi ricreativi (verde pubblico, ma anche sportivi), uffici e strutture alberghiere, parcheggi, molta area verde e una quota di commerciale. Il tutto per decine di milioni di euro di investimento. Imminente sembra ora il via libera della giunta Barbieri all’accordo di programma, e senza decisive modifiche urbanistiche: “Il piano non cambia – ha

confermato il presidente di Terrepadane Luigi Bisi - l’impianto della riqualificazione sostanzialmente coincide con quello presentato”. Il piano, già illustrato dai precedenti inquilini di Palazzo Mercanti, suscita però ancora perplessità e tante sono le domande sul tappeto. Ad esempio sul residenziale: in una città che conta già migliaia di alloggi sfitti, qual è la sostenibilità di centinaia di nuove unità abitative? O sul commerciale, aspetto sul quale si rincorrono voci incontrollate: quanto spazio occuperanno nuovi negozi o nuovi store? Come reagiranno i commercianti e le rispettive categorie di quel centro storico che da

BERNARDO CARLI “Dum Romae consulitur, Saguntum expugnatur, ...” Un po’ di cultura classica per dire che ciò che è già avvenuto è spesso metafora di ciò che sta accadendo. La frase è di Tito Livio, storico romano tra il 50 a.C e il 20 d.C. : “Mentre a Roma si discute, Sagunto viene espugnata”. Mentre il senato si consumava in inconcludenti discussioni, la città di Sagunto, dopo un lungo assedio, veniva espugnata e rasa al suolo da Annibale Barca. Piccola nota locale: Annibale è quello degli elefanti, lo stesso del quale si stanno approntando i festeggiamenti in occasione della battaglia del Trebbia. Vale la pena ricordare che si tratta di condottiero africano, astuto quanto spietato che poco ci mancò che facesse subire a Roma la sorte della citata Sagunto. Riflessione, mi domando: con quale motivazione noi, eredi dei cives romani, festeggiamo un invasore pericoloso e sanguinario che fece strage del nostro esercito sulle rive del nostro fiume? E arriviamo al punto. Son passati oltre due mesi da quando per l’ultima volta ho scritto di politica. Si concludeva una campagna elettorale dominata da notizie false, calunnie e altre amenità. Scrivemmo che era indispensabile non far mancare la presenza al voto, che la politica è un’arte nobile alla quale non ci si dovrebbe mai sottrarre. L’appello era rivolto a tutti, ma soprattutto ai giovani, perché questi sono il futuro dell’Italia. Raccomandavamo di non cedere alla nausea di fronte alle debolezze umane che stanno pure nella politica. Due mesi ed eccoci qua a dover dire ai giovani, a coloro che avevano raccolto il nostro appello, che non potevamo immaginare quanto sarebbe poi accaduto. In verità non è la prima volta che la formazione di un governo richiede tempo; è già accaduto e accadrà ancora, giacché la prudenza non ammette fretta, ma a distanza di oltre due mesi, poco è cambiato dal

Maxi piano di riqualificazione del Consorzio Terrepadane, Bisotti: “Obblighi stringenti impediranno di creare cattedrali nel deserto” qualche anno sta faticosamente uscendo dalle sabbie mobili della desertificazione? E ancora: l’incognita della bonifica, perchè alcune zone dovranno essere bonificate prima di qualsiasi tipo di intervento. Problemi veri, e tuttavia è difficile rifiutare una soluzione in

grado di resuscitare una non secondaria porzione di città oggi letteralmente defunta. Di questo avviso è Silvio Bisotti, assessore all’Urbanistica nella giunta di Paolo Dosi nonché segretario del Pd, tra i fautori del progetto allora e oggi sempre convinto della bontà dell’o-

perazione. “Non possiamo lasciare alle ortiche tutto quel comparto – spiega Bisotti –. In qualche modo va recuperato alla città. Nell’accordo di programma sono coinvolti anche la Provincia e la Regione, quindi ci saranno più occhi che monitoreranno il buon andamento dell’operazione. Da come l’avevamo impostato noi - e credo resterà così - ci saranno obblighi stringenti che non permetteranno di creare cattedrali nel deserto, e mi riferisco a tutte le opere di urbanizzazione (strade e interventi di pubblico interesse) che saranno realizzate comunque e a prescindere dalla gradualità della realizzazione delle varie strutture interne. In sostanza: non è che questi fanno il supermercato, poi decidono di smettere e il resto rimane devastazione. Poi è chiaro che alcuni lotti si realizzeranno nel tempo e qui sarà necessario un costante controllo della pubblica amministrazione, al fine di scongiurare qualsiasi forma di degrado”. Qual è la maggiore criticità? “Io credo che la vera discussione - risponde l’ex assessore all’Urbanistica - si animerà attorno alla dimensione dell’insediamento commerciale che prevede supermarket e negozi di vicinato per 14mila metri quadri. Molti a suo tempo hanno paventato l’operazione come l’ennesima colonizzazione della grande distribuzione, in grado di mettere in difficoltà il resto dell’economia commerciale. In realtà le analisi fatte, i riscontri avvenuti e un sostanziale accordo con le associazioni di categoria dei commercianti, mi consentono di dire che il problema sembra superato anche perché

La fiera della prepotenza segna il fallimento della politica giorno dopo le elezioni se non la constatazione di un fallimento della politica. Il confronto tra l’attuale situazione e quello che

L’effetto sarà di nauseare i cittadini rafforzando scetticismo e rabbia nei confronti della politica si è detto durante la campagna elettorale, provoca scoramento: le affermazioni bellicose, i giudizi tranchant sugli avversari al limite dell’ingiuria, le sentenze senza prova d’appello, si sono dissolte come neve al sole. Tanti anni fa, la mia generazione accolse come capziose fino al ridicolo certe formule politiche. Erano gli anni delle “convergenze parallele”, con buona pace di Euclide. L’ossimoro di allora era tuttavia funzionale a varare quella nuova formula di governo che si chiamò compromesso storico. Nulla a che vedere con quello che accade in questo tempo. Per carità, avevamo capito tutti che la promessa di Berlusconi di innalzare la vita media a 120 anni era una spiritosa boutade da imbonitore, ma tutto il resto era credibile e spacciato per fattibile: reddito di cittadinanza e cancellazione di ogni beneficio acquisito per i politici di vecchia data, anche se il provvedimento appariva fragile da un punto di vista costituzionale come un castello di

carte. Inutile elencare tutte le promesse, sta di fatto che siamo andati alle urne convinti che non ci sarebbero stati “inciuci” e fiduciosi in ciò che era stato promesso, anche se in alcuni casi sembrava assai complicato. Questo però sarebbe poca cosa, perché di compromessi è fatta la politica. Il fatto davvero “sgradevole” è che le parole dure, gli attacchi bassi, gli insulti e le trivialità in un battibaleno sono state dimenticate. “Mai un governo con Tizio”, “meglio qualunque sventura piuttosto che stringere rapporti con Caio”, “le nostre posizioni sono del tutto inconciliabili”, “il suo partito è nazista” ecc. ecc. . Queste cose sono state dette pubblicamente poco più di due mesi fa e adesso si fa finta che tutto questo non sia mai accaduto. Oggi nessuno si prende la briga di motivare ritrattazioni davvero indecenti di fronte ad un elettorato che non può che pensare il peggio della politica. Ci sia consentito tuttavia dire che vi è una sola forza politica che si è astenuta da tante in-

l’intervento contempla spazi per esercizi di vicinato e darebbe ospitalità anche al comparto commerciale che ora gravita su via Colombo. Oggi apprendo – prosegue Bisotti - che la Lega sarebbe contraria alla metratura dell’insediamento commerciale ma questo mi sembra un problema tutto interno alla maggioranza. In sostanza, pur muovendo alcune pedine (per quanto riguarda le opere di compensazione che magari la nuova amministrazione preferisce gestire in modo parzialmente differente - vedi la sede dei vigili che forse verrà portata a Borgo Faxhall anziché nell’edificio dell’ex consorzio – personalmente non ho nulla da eccepire); in sostanza – riprende il segretario Pd - rimango dell’idea che sia un intervento importante, decisivo per riqualificare tutta la zona, integrato con l’intervento relativo al finanziamento del Bando periferie. E’ chiaro che va gestito con molta attenzione, monitorando il tutto costantemente, senza perdere colpi. E soprattutto auspicando che il mercato sia in grado di assorbire la nuova proposta commerciale e residenziale. Via Colombo, teniamolo presente, nella sua parte prospiciente l’area di cui stiamo parlando, non è priva di criticità sia sociali che urbanistiche. La riqualificazione in oggetto può rilanciare l’intero quartiere. Si tratta di un’operazione doverosa”.

Nella foto in alto a destra Silvio Bisotti. Al centro un’immagine dell’area dell’ex Consorzio Agrario

temperanze; questa però è la perdente, quella che ha meritato meno voti. Che significato ha tutto questo? L’elettorato legittima bugie e volta faccia? Oppure chi ha governato paga il prezzo d’essersi sporcato le mani nel cercare di tenere in piedi una baracca che stava vacillando. Certamente il PD non è privo di colpe, ma gli si riconosca almeno di aver agito con dignitosa moderazione, di non aver urlato, fatto proclami. Oggi questa stessa forza ha scelto di occupare il ruolo che l’elettorato gli ha affidato: stare all’opposizione, ma questo gesto suscita di nuovo critiche e attacchi, gli si rimprovera di non partecipare a questa poco edificante fiera della prepotenza. Intanto Sagunto crolla sotto l’incombere degli eventi. Ma la memoria corta non è prerogativa solo dei politici se un autorevole giornalista inglese, forte dei costumi più sobri del suo paese, si meraviglia dell’atteggiamento reverenziale della televisione di Stato nei confronti di Silvio Berlusconi (ovvio che nelle sue reti televisive la reverenza è d’obbligo). A lui mai vengono fatte domande o rammentate le sue vicende giudiziarie, le condanne in giudicato per reati particolarmente odiosi per chi pretende di amministrare uno Stato che ha imbrogliato e derubato. Da tutto questo marasma che ci condurrà fatalmente ad elezioni anticipate per incapacità di formare un nuovo governo, quali previsioni si possono fare con certezza assoluta se non un notevole incremento dell’astensionismo, quel male che anche noi, nel nostro microscopico piccolo, avevamo cercato di combattere sollecitando ogni cittadino e soprattutto i giovani a non disertare le urne. Con la medesima legge elettorale, inefficace e pasticciata, frutto di tanti inutili compromessi, la situazione di stallo rischia di restare tale con l’aggravante di aver ulteriormente nauseato i cittadini rafforzando scetticismo e rabbia nei confronti della politica tout court.


10 maggio 2018

ATTUALITÀ

Misericordia, già 2mila prelievi: “Spazi insufficienti” Il trend di questa realtà sanitaria è in evidente crescita: da gennaio ad oggi effettuati 1.800 prelievi del sangue THOMAS TRENCHI Quando si reclamano disperatamente spazi per esercitare il diritto alla salute, vuol dire che l’apparato pubblico sta andando in cortocircuito. Alle porte di Piacenza, nel quartiere Besurica, la Confraternita della Misericordia – un’associazione di volontariato attiva nell’ambito sanitario – dal 2013 gestisce un ambulatorio con-

Non è la prima volta che gli operatori della Misericordia contattano Sportello Quotidiano per provare a sollecitare le istituzioni sulla necessità di nuovi spazi. «Possiamo contare su sette infermiere volontarie in pensione e su due medici», spiega il presidente dell’associazione Rino Buratti. «I nostri locali sono stati forniti dal Comune nel 2011. Li abbiamo ristrutturati e adattati

Il presidente Rino Buratti: “Se il Comune provvedesse a dotarci di un’ulteriore stanza, il servizio migliorerebbe a beneficio della collettività” venzionato con l’Ausl che offre prelievi, iniezioni, visite e medicazioni in una zona suburbana del territorio. Ma gli spazi in cui erogare tali prestazioni – enormemente richieste dalla cittadinanza – sono ogni giorno più stretti e scomodi. «Se l’amministrazione comunale ci mettesse a disposizione un’altra stanza, ipoteticamente quella del punto prestito libri in via Perfetti (i cui muri confinano con l’attuale ambulatorio in via Braille), potremmo continuare a soddisfare i bisogni della comunità», propone la dottoressa Chiara Belluardo, una delle volontarie che assistono i pazienti tutte le mattine dalle 8:30 alle 11:30. Il trend di questa realtà sanitaria è in evidente crescita: da gennaio ad oggi, sono già stati effettuati 1.800 prelievi del sangue. In più, dopo la chiusura del laboratorio di prelievi ematici nel reparto ospedaliero di diabetologia, l’impegno della Misericordia ha subìto un’impennata. Nel 2017, sono stati registrati 7mila interventi con le ambulanze e 5mila esami del sangue, rimarcando lo spostamento delle persone verso le strutture mediche periferiche.

alle norme sanitarie con un costo iniziale di circa 80mila euro, seguendo un tortuoso percorso burocratico. All’esterno è presente un capannone che contiene tre ambulanze, tre pulmini e un’auto medica. A fronte di queste spese, fino al 2030 non pagheremo l’affitto». Per accogliere il più ampio numero di pazienti, da alcune settimane è stato aggiunto un lettino al posto del banco dell’accettazione. «Certo è che», aggiunge Buratti, «se il Comune provvedesse a dotarci di un’ulteriore stanza, il servizio migliorerebbe a beneficio della collettività. Per ora, non abbiamo ricevuto nessuna risposta ufficiale». Voci di corridoio da Palazzo Mercanti darebbero il sindaco intenzionato a valutare l’allargamento dell’ambulatorio della Misericordia presso il punto prestito libri in via Perfetti, per lo meno concedendo una delle cinque sale esistenti. I fondi erogati per il distaccamento della biblioteca infatti termineranno il prossimo 30 giugno, in attesa di un eventuale rinnovo oppure di una nuova destinazione d’uso da parte della Giunta.

(dal sito https://sportelloquotidiano. com)

Nella foto a sinistra Rino Buratti, presidente della Confraternita della Misericordia. In alto l’ambulatorio della Besurica

L’associazione gestisce alla Besurica un ambulatorio convenzionato con l’Ausl che offre prestazioni sanitarie

Corriere Padano

5


Corriere Padano

10 maggio 2018

SPECIALE CELIACHIA

6

Aumentano i celiaci, +15.569 diagnosi in Italia Aumentano i malati di celiachia in Italia. Nel 2016 il numero totale delle nuove diagnosi è stato infatti di 15.569, oltre 5.000 diagnosi in più rispetto all’anno precedente, e risultano diagnosticati in Italia 198.427 celiaci (di cui 2/3 appartenenti alla popolazione femminile e 1/3 a quella maschile). Molti, però, sono gli italiani che non sanno di essere malati: si stima che siano circa 408.000, infatti, i celiaci non ancora diagnosticati. E’ il quadro tracciato nell’ultima Relazione annuale del ministero della Salute al Parlamento sulla celiachia, relativa al 2016. Le Regioni in cui si sono registrate maggiori nuove diagnosi sono la Lombardia con +5.499 diagnosi, seguita dal Lazio con +1.548 diagnosi e dall’Emilia

Romagna con +1.217. Ad un anno dall’entrata in vigore del nuovo protocollo diagnostico, confrontando i dati nel triennio 2014-2016, si sottolinea nel documento, «emerge un incremento delle diagnosi più spinto, forse favorito dalla maggiore sensibilizzazione dei cittadini ma anche dai nuovi indirizzi scientifici». La celiachia è una condizione infiammatoria permanente in cui il soggetto che risulta affetto deve escludere rigorosamente il glutine dalla dieta. Questa patologia, ormai classificata come malattia cronica, si sviluppa in soggetti geneticamente predisposti e colpisce circa l’1% della popolazione. Ad oggi la Regione abitata da più celiaci risulta la Lombardia con 37.907 celiaci residenti,

seguita dal Lazio con 19.325 e Campania con 18.720. Varie le sfide per il 2018, afferma la Relazione, a partire dal “dare piena applicazione al Protocollo diagnostico individuando sul territorio i presidi del Servizio sanitario nazionale per la diagnosi della celiachia ai fini delle esenzioni, dando così le stesse opportunità diagnostiche ai cittadini”. La celiachia “è ancora una malattia in gran parte ‘sommersa’ e da scoprire e la sfida maggiore per il 2018 è proprio garantire l’applicazione del nuovo protocollo per la diagnosi su tutto il territorio nazionale, considerando che si stima che siano oltre 400mila gli italiani celiaci non ancora diagnosticati”. A sottolinearlo è il direttore generale dell’Asso-

ciazione italiana celiachia (Aic), Caterina Pilo, commentando i dati della Relazione 2016 al Parlamento sulla celiachia. «In Italia attendiamo 600mila casi di celiachia, considerando che la prevalenza della malattia è dell’1% sulla popolazione, ma siamo ancora intorno a un terzo delle diagnosi fatte. Le diagnosi crescono grazie alle nuove tecniche e la maggiore sensibilizzazione delle persone, ma bisogna lavorare ancora molto. Innanzitutto applicando su tutto il territorio il nuovo protocollo per la diagnosi approntato dal ministero e che non è applicato ovunque». E’ quindi necessaria, «una maggiore omogeneità dei centri sul territorio, ed il recente decreto ministeriale ne prevede almeno uno ogni provin-

cia». Quanto ai tetti di spesa garantiti per le esenzioni ai celiaci, «sono al momento in revisione e all’esame della conferenza Statoregioni. Si va nella direzione di una loro riduzione perche ci sarà un adeguamento ai nuovi prezzi dei prodotti alimentari per celiaci, che sono calati. Ci aspettiamo che sia un adeguamento contenuto». «Dal 2015 al 2016 le diagnosi sono aumentate confermando il trend di crescita», afferma anche il presidente Aic, Giuseppe di Fabio. Evidente, sottolinea, è «la differenza di genere: la celiachia

è donna e su oltre 198mila casi, 140mila sono donne. Il monitoraggio dei sintomi specifici delle donne, quindi, resta una strategia sempre valida». Ancora molti, però, gli obiettivi che restano da realizzare: «Vorrei vedere ad esempio uniformità di diagnosi tra le diverse regioni e pari trattamento. La Relazione invece ci mostra che si ha più possibilità di ricevere una diagnosi di celiachia a seconda di dove si vive, mentre i pazienti sono uguali ovunque e meritano pari assistenza», conclude di Fabio. (da www.vita.it)

In arrivo la settimana della celiachia: eventi a Piacenza

Da sabato 12 a domenica 20 maggio si svolgerà la 4° edizione della Settimana Nazionale della Celiachia. Organizzata da AIC - Associazione Italiana Celiachia, l’evento si propone di sensibilizzare tutti i cittadini sui temi inerenti l’intolleranza permanente al glutine, attraverso manifestazioni, incontri, iniziative nelle scuole e molto altro. Il tema centrale per l’edizione 2018 saranno i diritti e le tutele delle persone celiache in Italia. AIC si dedica con passione tenacia alle relazioni istituzionali in tema di diritti e tutele. A Piacenza in occasione di tale settimana,

presso gli Istituti Comprensivi di Piacenza, Castell’Arquato, Cadeo, Fiorenzuola d’Arda, Traversetolo, Cortemaggiore, Carpaneto, Gropparello, Gossolengo, Alseno, nelle mense scolastiche e dei servizi educativi, verrà proposto un menù interamente senza glutine, per far comprendere a tutti i bambini che mangiare senza glutine si può, e anche con gusto. Questo avviene nell’ambito del Progetto regionale: “Tutti a Tavola Tutti Insieme, le giornate del menù senza glutine”. Il 12 maggio presso l’Auditorium della Fondazione di Piacenza e Vigevano (ore

10,30) si parla del libro “Le ricette diverse di Gigio Furetto”, dedicato ai più piccoli. Lunedì 14 e lunedì 28 maggio presso la cucina dell’Istituto comprensivo di Podenzano “G. Parini” dalle ore 19:30 alle ore 21:30 Laboratorio di cucina senza glutine organizzato da A.u.s.l. di Piacenza in collaborazione con A.I.C. Piacenza, tenuto dalla docente e chef Debora Saccardi. Secondo i dati più recenti si stima che in Emilia Romagna gli intolleranti al glutine siano 14.000, a Piacenza e provincia circa 1000.

Buon per te prodotti senza glutine

VENDITA E PRODUZIONE PROPRIA DI ALIMENTI SENZA: GLUTINE, ZUCCHERO, UOVA, LATTOSIO. RITIRIAMO I BUONI EROGATI DALL’ASL Via R. Boselli, 77 - Piacenza - Tel.0523 579727 - www.buonperte.com

G L U T E N

Piazza Europa, 26 - Agazzano (PC) - info: 340 69 70 402 Chiuso martedì e mercoledì Aperto anche la domenica a pranzo su prenotazione Orario apertura: dalle 18 alle 24 - info@fricando.it - www.fricando.it

F R E E

Laboratorio Artigianale di Prodotti Senza Glutine Pasta fresca - Pane e dolci - Gastronomia

Aperti da Martedì a Sabato Chiuso Domenica e Lunedì via Pietro Cella, 80 - Piacenza 0523/400414 Orario continuato Via Garibaldi, 19 0523/072791 Tel. ingrosso: 0523 499062

Il laboratorio “I Cucinieri” aderisce al progetto AIC Alimentazione Fuori Casa

Aperti da Martedì a Sabato

Pizza classica ad alta digeribilità Pizza senza glutine per celiaci

Chiuso Domenica e Lunedì via Pietro Cella, 80 - Piacenza glutenfree@icucinieripc.it I Cucinieri srl

Via Terracini, 10 - 29020 QUARTO DI GOSSOLENGO (PC) TEL. 0523 55 71 32 moltopizza@gmail.com Lunedi chiuso


10 maggio 2018

Corriere Padano

VIVIPIACENZA Colonna di pace, tappa a Piacenza

Torna nel piacentino la quarta edizione della manifestazione “Una Colonna di Pace”, manifestazione storico-rievocativa in programma il 13 maggio. L’associazione “Tracce di Storia”, che raccoglie i collezionisti privati di mezzi militari d’epoca, porterà una colonna di mezzi militari alla quale si aggiungeranno anche collezionisti provenienti da Piacenza e province limitrofe. L’evento vuole ricordare la storica data dell’8 Maggio 1945, “Giornata della vittoria”, che segnò la fine delle ostilità della Seconda Guerra Mondiale in Europa.

La manifestazione è organizzata da associazione GS Cadeo-Carpaneto, associazione culturale “Terre Piacentine” e associazione “Tracce di Storia”, in collaborazione con i Comuni di Carpaneto e Piacenza e in sinergia con associazioni locali, il gruppo Alpini Carpaneto e le associazioni combattentistiche e d’Arma. Il programma prende il via alle ore 8.30 a Carpaneto Piacentino, per spostarsi poi a Piacenza, dove ci saranno iniziative fino a tardo pomeriggio: info su wwww.comune.piacenza.it.

Frutti Antichi, edizione al via all’insegna della biodiversità

Sabato 12 e domenica 13 maggio appuntamento al Castello di Paderna a Pontenure per scoprire rare specie floreali e arboree Sabato 12 e domenica 13 maggio 2018, dalle ore 9 alle 19, si rinnova al Castello di Paderna a Pontenure (PC) l’appuntamento con l’edizione di primavera di “Frutti Antichi”, rassegna di piante, fiori e frutti dimenticati e prodotti di alto artigianato, promossa dal FAI - Fondo Ambiente Italiano e realizzata in collaborazione con il Castello di Paderna e il Comitato FAI di Piacenza. Protagonista della nuova edizione di “Frutti Antichi”, la quarta nella sua versione primaverile, è la biodiversità: i visitatori potranno scoprire rare specie floreali e arboree, antichi semi, colture ormai poco diffuse e conosciute, recuperate da agricoltori appassionati che lavorano per preservare e valorizzare la ricchezza dell’ecosistema. La manifestazione, tra le più amate rassegne di florovivaismo in Italia, vedrà per due giorni, tra i giardini e gli spazi del Castello di Paderna, circa 130 espositori selezionati. Nel prato antistante sarà presente la zona mercato dove si troveranno primizie dell’orto, prodotti a km

zero e produzioni alimentari tipiche del territorio. Gli agricoltori saranno a disposizione per trasmettere la propria esperienza e condividere i segreti dell’orto e delle coltivazioni. Ampio spazio sarà riservato, inoltre, all’arredo da giardino, all’antiquariato e all’artigianato. Sabato 12 maggio, dopo l’inaugurazione della manifestazione alle 10.30 con gli allievi della scuola

TEATRO MUNICIPALE: ALLIEVI DELLE SCUOLE DI DANZA NE “LA CENERENTOLA”

Sarà una Cenerentola a passi di danza, quella che andrà in scena al Teatro Municipale venerdì 11 maggio alle ore 21, fuori abbonamento nel cartellone della Stagione Danza 2018. Lo spettacolo, su musiche di Gioachino Rossini nell’anno delle celebrazioni per il 150° della scomparsa, vedrà salire sul palcoscenico i danzatori delle scuole di danza di Piacenza, selezionati lo scorso novembre nel corso di un’audizione al

media di Pontenure - che condurranno i visitatori alla scoperta della chiesa di Valconasso nei due giorni della manifestazione dalle 15.00 alle 18.00 - sarà presentato il libro “Italia spontanea” su storia, ricette e tradizioni delle piante spontanee. Alle 15.00 si terrà un incontro sulla gestione del verde pubblico con gli agronomi Emanuela Torreggiani e Marco Carboni e in collaborazione con

Legambiente di Piacenza. Alle 16.30 sarà proiettato il documentario Hunger4Bees con le giornaliste Monica Pelliccia e Adelina Zarlenga, un viaggio tra l’Italia e l’India, per scoprire la relazione tra il declino degli insetti impollinatori e la sicurezza alimentare, attraverso le voci di apicoltori e apicoltrici. Seguirà alle 17.30 la conversazione a cura dell’esperto Gian Carlo Bergamaschi sulla scelta delle varietà erbose per coltivare un buon prato, il quale tornerà anche domenica alle 16.00. Domenica 13 maggio si comincia alle 10.00 con “Il giardino che si mangia”, un incontro sui fiori commestibili ed erbe spontanee a cura di Marco Gramaglia, per proseguire con l’appuntamento per bambini e ragazzi con l’entomologa Ilaria Negri dell’Università del Sacro Cuore di Piacenza sulle api e le farfalle (alle 11.00 e alle 15.00) e poi con una lezione del docente di zoologia e di etologia e sociobiologia Donato A. Grasso dell’Università di Parma sulla biodiversità, dal titolo “Animal (R)evolution”.

Municipale che ha visto la partecipazione di un centinaio di giovanissimi allievi. Il balletto sarà l’approdo del percorso formativo “Leggere per...ballare” della Federazione Nazionale Associazione Scuole Danza.

TRIESTE 34, ULTIMO APPUNTAMENTO CON “GOLDEN NIGHT(S)” Alle ore 21 di sabato 12 maggio va in scena al Teatro di Via Trieste 34 l’ultimo spettacolo della rassegna “Golden Night(s)”: si alza il sipario sul “circo dei sensi”. Un fumoso night club, una ribalta accesa; complice Golden Din Din, nel ruolo di “maitresse”, il pubblico sarà condotto alla scoperta dell’erotismo e dei sensi.

Al San Matteo torna “Linea di confine” Apre lo spettacolo “Incidenti d’amore” Il Gruppo Teatrale Quarta Parete organizza, con il patrocinio del Comune di Piacenza, la dodicesima edizione della rassegna teatrale Linea di Confine. Gli spettacoli andranno in scena a Piacenza, al Teatro San Matteo, spazio oramai identificato come il luogo deputato per le produzioni dei gruppi teatrali della città. Tutti gli spettacoli avranno inizio alle 21.00. Linea di Confine vuole offrire una possibilità di confronto per realtà teatrali non professioniste che spesso non hanno l’opportunità di uscire dagli stretti confini del proprio territorio e dimostrare come anche compagini amatoriali siano in grado di realizzare prodotti teatrali di qualità.

La rassegna quest’anno propone quattro spettacoli, che spaziano per tema e genere in diversi ambiti

teatrali, creando ancora una volta una mappa curiosa e accattivante. L’esordio è previsto venerdì 11

maggio con la black comedy “Incidenti d’amore” proposto da Quarta Parete. Sabato 12 maggio sarà la volta del Gruppo Teatrale Il Palcaccio di San Giorgio di Mantova che presenterà “Tre attimi”, un ensemble di tre atti unici comico/grotteschi di Anton Cechov. Martedì 29 maggio sul palco del Teatro San Matteo saliranno gli studenti del Laboratorio Teatrale Follemente dell’Istituto Commerciale Romagnosi con “Incantesimi e misfatti”. Il quarto e ultimo spettacolo è di Quarta Parete: in scena “Pupe, whisky e gangsters”, un testo ambientato nell’America degli Anni Venti. Lo spettacolo sarà presentato il 1° ed il 2 giugno, con due diversi cast.

7

AGENDA WEEKEND PIACENZA - Cultura e Motori 2018 Venerdì 11 e sabato 12 maggio si terrà, nella sede del Politecnico di Piacenza, l’edizione 2018 di Cultura e Motori: esposizione di vetture storiche, immagini fotografiche e pittoriche. PIACENZA - Festa della mamma Dall’ 11 al 27 maggio cinque appuntamenti, gratuiti e aperti a tutti, animano il centro città a Piacenza per festeggiare la figura della madre e della maternità. Info su www.comune. piacenza.it PIACENZA - Conversazione sul ‘68 Sabato 12 maggio alle 17.30, presso gli Orti di via Degani, primo incontro del ciclo di tre conversazioni sul ‘68 organizzato da Cittacomune “Anche se il nostro maggio...”. Bruno Cartosio parlerà e discuterà con i presenti di “Beat generation e Nuova Sinistra negli Stati Unit d’America”. PIACENZA - Concerto Gospel Sabato 12 maggio ore 21, presso la Sala dei Teatini, concerto del coro Placentia Gospel Choir per la Festa della Mamma e Famiglia. PIACENZA - Giornata Mondiale della Croce Rossa 2018 Sabato 12 maggio, sul Pubblico Passeggio, edizione 2018 della Giornata Mondiale della Croce Rossa. Incontri, street food, truccambimbi e molto altro. PIACENZA - Mini Rocket Club on tour 1° edizione Domenica 13 maggio 1° Raduno Ufficiale di Mini nella splendida cornice di Piazza Duomo. PIACENZA - Teatro DiVino Sabato 12 maggio in Piazzale Plebiscito Festival del Vino e del Teatro Indipendente. PIACENZA - Il Farnese Cavalli e Carrozze Domenica 13 maggio 1° rievocazione storica in costumi d’epoca con partenza del corteo storico alle ore 15.30 da Piazza Cavalli, Palazzo Farnese, Area Daturi. PIACENZA - Allegro con brio stagione 2017-2018 Alla Sala dei Teatini, concerti aperti alla città in collaborazione con Conservatorio Nicolini. Prossimo appuntamento domenica 13 maggio ore 17 con Debussy a quattro mani.

IN PROVINCIA PONTENURE Sagra dell’asparago piacentino Dodicesima sagra dell’asparago piacentino, nata su iniziativa della Pro Loco di Pontenure e dei produttori di asparagi di Muradello, con l’obiettivo di diffondere la conoscenza di questo prodotto pregiato della terra. Dall’11 al 14 maggio. FIORENZUOLA - Festa del Vino e Street Food Da venerdì 11 a domenica 13 maggio a Fiorenzuola d’Arda, in Corso Garibaldi si tiene la Festa del Vino e Street Food. BORGONOVO V.T. - Spring Break Domenica 13 maggio torna l’aperitivo nel fossato della Rocca di Borgonovo Val Tidone con musica live, mostra fotografica e “Photo set experience”.

A Fiorenzuola domenica 13 maggio

“L’Arte in 2CV” , l’omaggio di Bussandri alla storica Citroën Imperdibile appuntamento per gli appassionati di auto, quello del 13 maggio prossimo a Fiorenzuola d’Arda, presso la Concessionaria Bussandri in via Umbria 7/9: per tutta la giornata ci sarà la manifestazione “2 Cavalli in Fiore”, raduno itinerante di auto storiche Citroën 2 CV e derivate. Contestualmente prenderà vita l’evento “L’Arte in 2CV”, un’iniziativa a cura della Concessionaria Citroën Bussandri, in collaborazione con Joy di Roberta Ticchi, Alberto Minissi, Danila Pluderi, Romano Fassa e Stefano Villaggi: un omaggio “artistico” a questo iconico modello della casa automibilistica francese che proprio quest’anno compie 70 anni. Per realizzare l’evento gli organizzatori hanno invitato tutti gli appassionati di Citroën 2CV ad “omaggiare” la storica auto in forma artistica: dipinti, disegni, manufatti, composizioni grafiche, ma anche testi e poesie, che saranno esposti in rassegna il 13 maggio, presso il salone espositivo della Concessionaria. L’idea più originale, poi, verrà decretata da una giuria di esperti e riceverà un premio. Inoltre nella stessa giornata ci sarà la possibilità di partecipare al “gioco” fotografico “Fotografa la 2CV e vinci!”: basterà fotografare le auto durante la giornata nelle varie tappe del raduno, inviare gli scatti più belli e attendere l’esposizione - con relativa premiazione - che avrà luogo a luglio sempre a Fiorenzuola durante la manifestazione “6 giorni delle rose” presso il locale Velodromo.


Corriere Padano

8

10 maggio 2018

SPORT

Piacenza, c’è un tabù da sfatare Contro la Giana basta un pari

Venerdì sera tornano ad accendersi le luci del Garilli. Arriva la Giana di Albè per una gara da dentro o fuori, una di quelle da emozioni forti. Calato il sipario sulla regular season, si aprono i playoff: due turni tra squadre dello stesso girone, poi, per chi sopravvive, saranno playoff nazionali contro le compagini degli altri gironi. Pronti via, i ragazzi di Franzini affronteranno la Giana Erminio: 4 precedenti, 3 sconfitte e un pareggio per i piacentini. Nell’ultima sfida, al Garilli, i lombardi concludono un brillante primo tempo in vantaggio per 1-0 (guizzo di Chiarello), ma vengono raggiunti, a 20 minuti dal 90’, da Pesenti. Da allora, i biancoaz-

zurri hanno portato a casa 5 punti sui 18 disponibili, cadendo, in due casi, tra le mura amiche. Il Piacenza, al contrario, dopo quella partita ha perso (immeritatamente) a Carrara, per poi mettere in fila sei risultati utili consecutivi (3 vittorie e 3 pareggi) e ha recuperato il lungodegente Taugourdeau (che, per il momento, dovrebbe aver rinunciato a farsi operare all’inguine, anche perché non sente più dolore). I padroni di casa, i quali avranno a disposizione due risultati su tre nei 90’, nelle ultime settimane, hanno mostrato una forma psicofisica invidiabile: la difesa, guidata da un Fumagalli sempre più miracoloso, è tornata ad essere il

fortino inespugnabile della scorsa stagione, a centrocampo Della Latta giganteggia e gli strappi di Segre e di un Corradi in crescita, spesso e volentieri spaccano in due le retroguardie avversarie, mentre, in avanti, l’affiatamento tra Corazza e Pesenti aumenta di partita in partita (con un Romero, determinato come non mai, scalpitante in panchina). Eppure, la Giana di Albè (tecnico dei lombardi dal 1994), fa paura: i gorgonzolesi, che si presenteranno in Emilia senza nulla da perdere, dispongono di individualità (Chiarello, Okyere e Perna su tutti) in grado di risolvere la partita in qualunque momento, anche se la stella Salvatore Bruno (199 reti in

Emanuele Balduzzi

Nico Ber té

333 7320277

335 7322791

In piccola palazzina interna APPARTAMENTO PIA NO RIALZATO con possibilità di ingresso autonomo e composto da soggiorno,tinello, cucinotto, veranda, due camere da letto, bagno, balcone, cantina. Le facciate della palazzina stanno per essere com pletamente ritinteggiate. Posto auto condominiale. Classe “F” Ep 275,25 RIF. 7831 € 62.000

ALLE PORTE DELLA CITTÀ

VICINANZE ZONA STADIO in piccola e recen te palazzina servita da ascensore, APPARTA MENTO al secondo ed ultimo piano composto da soggiorno, cucina abitabile, due camere da letto matrimoniali, doppi servizi, tre balconi, cantina e garage. OTTIME FINITURE, TERMO AUTONOMO, ZANZARIERE. Classe “E” Ep 184,82 RIF. 7846 €146.000

SAN NICOLÒ

Appartamento al PIANO PRIMO di piccola e re cente costruzione, LUMINOSISSIMO e composto da ampio soggiorno con controsoffitto e faretti, cucina abitabile arredata, terrazzo coperto, due camere da letto, doppi servizi, balcone, cantina e GARAGE DOPPIO. PARQUET NUOVO IN TUTTE LE STANZE, porta blindata, zanzariere, termo autonomo e climatizzato. RIF. 7601 € 139.000

VIALE DANTE

APPARTAMENTO COMPLETAMENTE RISTRUTTURA TO all’ultimo piano di piccola palazzina Mq 100 circa composto da ampio ingresso, soggiorno, cu cina, due camere da letto matrimoniali, doppi ser vizi, ripostiglio, tre balconi, cantina garage. Ottime finiture con parquet, blindata, aria condizionata, controsoffitto con faretti, serramenti nuovi laccati sia esterni che interni, predisposizione allarme. RIF. 7751. € 138.000

VIA ZAGO

ZONA ESSELUNGA

FIORENZUOLA

DI VIA MANFREDI in posizione molto tranquilla ed in piccola palazzina di sole tre unità, appar tamento al piano rialzato composto da ingresso, cucina abitabile, soggiorno, due camere matri moniali, bagno con vasca e doccia, tre balconi, ampia cantina e garage di circa 22 mq. Buone condizioni, aria condizionata, serramenti dop pi. Senza spese condominiali. Ace in corso. €110.000 RIF. 7836

In zona centrale, al terzo piano c/a di signorile contesto, appartamento composto da ingresso, ampio soggiorno, cucina abitabile, due camere da letto, bagno con vasca e doccia, ripostiglio, tre balconi e cantina. Buone finiture, predisposi zione aria condizionata. Ace in corso. €75.000 trattabili. RIF. 7847

PONTENURE

VIALE DANTE

Tra VIALE DANTE e VIA BOSELLI con tutti i servizi nelle vicinanze in piccola palazzina immersa nel verde circostante, appartamento al piano secondo ed ultimo composto da ingresso, soggiorno, cucina, due camere da letto, bagno, balcone, cantina. Termoautonomo, serramenti nuovi, bagno rifatto. RIF. 7804 € 75.000

In piccola palazzina appartamento al piano ri alzato composto da ingresso, soggiorno, cucina abitabile spaziosa, due camere matrimoniali, bagno ristrutturato, due balconi, ampia cantina, solaio e garage. Spese condominiali irrisorie. Ace in corso. € 85.000 Trattabili RIF. 7802

VIA STRADELLA

VIC. OSPEDALE

BILOCALE ULTIMO PIANO in piccola palazzina di recente ristrutturazione composto da soggiorno con angolo cottura, camera da letto, bagno, ripostiglio, due balconi, posto auto. COMPLETAMENTE ARREDATO IDEALE INVESTIMEN TO. NO SPESE CONDOMINIALI. RIF. 7515. €76.000

VICINANZE OSPEDALE appartamento al secondo ed ultimo piano di palazzina ben tenuta e com posto da Ingresso, soggiorno, cucina semiabitabile, due camere da letto, bagno, ripostiglio, la vanderia, terrazzo/veranda. Finiture dell’epoca. Persiane nuove in alluminio. Termoautonomo RIF. 7669 € 75.000 NIVIANO VILLA A SCHIERA di recente costruzione disposta su due livelli abitativi oltre a seminterrato e composta da soggiorno, cucina, due camere da letto, due bagni, balconi, garage, GIARDINO PRIVATO. VIA IV NOVEMBRE appartamento completamenteRISTRUTTURATO all’ultimo piano di piccola palaz zina e composto da ingresso/disimpegno, soggiorno con cucina a vista e balcone, due camere da letto MATRIMONIALI, bagno, ripostiglio, balcone, cantina e piccolo GARAGE. IMPIANTI, PAVIMEN TI, SERRAMENTI NUOVI. TERMOAUTONOMO E CLIMATIZZATO. € 122.000 INFRANGIBILE Appartamento al piano rialzato di bella palazzina di sole sei unità abitative. Sog giorno, ampio tinello con cucinotto, disimpegno, due camere da letto, bagno ampio con vasca e doccia, ripostiglio, balcone, cantina, garage grande. Buone finiture, caldaia nuova, climatizzatore. Poche spese condominiali. € 125.000

Sasi

a.berte@capitalmarket.it

e.balduzzi@capitalmarket.it VIA POGGI

carriera, settimo marcatore della storia della serie B tra quelli ancora in atività) mancherà per infortunio. Proprio nel match del Garilli dello scorso 24 marzo, gli ospiti hanno impressionato (soprattutto nel primo tempo) per qualità e intensità di gioco; i Franzini boys dovranno essere bravi a chiudere tutti gli spazi. Altre sfide playoff del girone A: Viterbese-Pontedera (che, curiosamente, si sono trovate una di fronte all’altra sabato scorso al Rocchi, con tanto di vittoria dei padroni di casa 1-0) e Carrarese-Pistoiese. Ne riparleremo sabato.

APPARTAMENTO RISTRUTTURATO posto al 2° piano s./a. di piccola palazzina, composto da ingresso, soggiorno, cucina abitabile a vista, due camere grandi, bagno, ripostiglio, balco ne, cantina ed ampio garage. Ottime finiture. aria condizionata, zanzariere. Basse spese condominiali. Classe en. E, Ep tot. 182,12. € 165.000. RIF. 7748

Appartamento ristrutturato con buone finiture, composto da ingresso, soggiorno con cucina a vista, due camere molto spaziose, bagno, due balconi, cantina e garage. Spese condominiali minime. Classe F, Ep tot. 241,76. € 78.000 trattabili. RIF. 7774

PODENZANO

In tranquillo contesto ristrutturato, proponiamo appartamento al piano terra composto da sog giorno con angolo cottura, due camere da letto, bagno, ripostiglio, ampio garage di 23 mq. e po sto auto in cortile condominiale. Buone finiture, porta blindata, vetri doppi, zanzariere, inferriate, serramenti esterni in alluminio nuovi. Ace in cor so. € 95.000 Trattabili RIF. 7808

AFFITTI VIA MAZZINI in signorile contesto ben abitato, appartamento al primo piano su due livelli, totalmente ristrutturato e libero da mobili, composto da soggiorno, cucina abitabile, due camere matrimoniali, bagno, balcone e cantina. Aria cond.. Ace in corso.

€ 650 mese.

RIF. 7334 VIC. PUBBLICO PASSEGGIO

appartamento totalmente ristrutturato libero da mobili al primo

piano di contesto signorile, composto da ingresso, sala da pranzo, cucina abitabile, ampio soggiorno, due camere da letto, doppi servizi con vasca e doccia, ripostiglio, cantina e

PUBBLICATE LE GRADUATORIE ERP (CASE POPOLARI) PER ASSEGNAZIONE E CAMBIO ALLOGGIO Sono state pubblicate le nuove graduatorie per l’assegnazione di alloggi di Edilizia Residenziale Pubblica e di cambio alloggio: entrambe hanno validità dal 30 marzo 2018. Gli elenchi sono consultabili sul sito del Comune di Piacenza (sezione Albo Pretorio) e presso l’ufficio Abitazioni, in via XXIV Maggio 28, aperto lunedì e giovedì dalle 8.45 alle 13.30, mercoledì dalle 8.45 alle 12 e giovedì anche dalle 15.30 alle 17.30. ESONERO CANONE RAI PER I CITTADINI CON PIÙ DI 75 ANNI E UN REDDITO INFERIORE A 8000 EURO I cittadini che hanno compiuto 75 anni, con un reddito annuo inferiore a 8.000 euro, possono presentare una dichiarazione sostitutiva con cui attestano il possesso dei requisiti per essere esonerati dal pagamento del canone TV. CONTRIBUTO BABY-SITTING E SERVIZI ALL’INFANZIA Le madri lavoratrici autonome o imprenditrici possono richiedere un contributo a sostegno dei costi per la baby sitter o l’asilo nido.Il contributo sarà erogato secondo le modalità previste per il “Libretto Famiglia”. La domanda va presentata esclusivamente all’Inps entro il 31 dicembre 2018 o comunque fino ad esaurimento dello stanziamento previsto dalla legge. ANDIAMO IN GITA A PIACENZA: VISITE GUIDATE ALLA CITTÀ PER LA TERZA ETÀ Proseguono le visite guidate pensate per coinvolgere chi è interessato a scoprire la propria città. A maggio visite alla cupola del Duomo e di Santa Maria di Campagna. Per informazioni e prenotazioni contattare l’ufficio Attività socio-ricreative al numero 0523/492724.

garage. Ace in corso. € 750 mese. RIF. 7844 LA VERZA appartamento al 1° e ultimo piano di piccola palazzina, libero da mobili, compo

-

LA VERZA in quartiere di sole ville PORZIONE DI BIFAMILIARE di ampia metratura, composta da piano rialzato con porticato d’ingresso, soggiorno, cucina abitabile, bagno, terrazzo; piano primo con tre camere da letto e bagno; mansarda open space completamente finita; piano seminterrato con tripla autorimessa e zona cantina/lavanderia. GIARDINO PRIVATO SU TRE LATI. € 290.000

sto da ampio soggiorno con angolo cucina, due camere grandi, bagno con vasca e doccia

VIA VENETO IN ESCLUSIVO CONTESTO, SPLENDIDA MANSARDA TOTALMENTE RISTRUT

-

PONTENURE appartamento composto da soggiorno con angolo cottura, camera matrimoniale, camera singola, bagno, balcone. Piano secondo con ascensore. Parquet zona notte. Possibilità garage. € 110.000

TURATA CON ARREDI NUOVI

e due terrazzi. Classe G eptot. 264,16.

€ 420 mese RIF. 7038

. Aria condizionata . No spese condominiali. Ace in corso.

500 mese. RIF.7691

AGENZIA IMMOBILIARE Via P. Cella, 9/E, 29121 Piacenza (PC)

Giornale indipendente: distribuito gratuitamente nella città di Piacenza e nei comuni limitrofi attraverso espositori posti nei luoghi di aggregazione e passaggio. Direttore responsabile: Giuseppe De Petro. g.depetro@corrierepadano.it

Editore: Sumarte S.R.L. Largo Erfurt, 7 29122 Piaenza Tel. 345 8004819 www.corrierepadano.it Pubblicità Sumarte S.R.L Pubblicità 29122 Piacenza Largo Erfurt,7 Tel. 335 5620636 E-Mail: infosumartepubblicita.it Stampa: FDA Eurostampa Srl Borgosatollo (BS) Registrazione Tribunale di Lodi n.162 in data 20/07/1983

Associato Unione Stampa Periodica Italiana

Corpad 13 del 10 05 2018  

Coop e montagna, sinergie per il rilancio del territorio

Corpad 13 del 10 05 2018  

Coop e montagna, sinergie per il rilancio del territorio

Advertisement