Page 1

16 ottobre 2011

Lazio - Roma

Anno 3 - n°1

Ruggiero Rizzitelli

Il Derby, emozioni e sensazioni di chi lo ha vissuto in prima persona Ruggiero che emozione si prova a giocare il Derby di Roma? “Bisogna provarla perché con le parole non si riesce bene a raccontare. La tensione, il nervosismo, la smania di giocarlo ti prendono già molto tempo prima della gara e in base al risultato se ne continua a parlare per sei mesi, fino al ritorno”. Hai vissuto anche le stracittadine di Torino e Monaco, cosa c’è di diverso qui, cosa rende unico quello di Roma? “La tensione è completamente diversa; l’importanza che la gente ripone in questa gara e il seguito che la stessa ha, la rende unica. Mi stupisco che un allenatore come Zeman, che li ha vissuti in prima persona, continui a dire che valgono solamente tre punti. Prendi il caso di Reja, stando solo ai risultati ottenuti dovrebbe avere una statua dai tifosi laziali, ma avendone persi 4 consecutivi viene mal visto. Da questo capisci quanto conta”. segue a pag. 3 Dall’8 Dicembre del ‘28, data del primo derby disputato, di anni ne sono passati tanti e tanti sono anche i derby che hanno visto la Roma assoluta protagonista della stracittadina. Con o senza il Capitano Francesco Totti. L’uomo dei record non sarà della gara quest’oggi ma resta il giocatore ad averne giocati di più, ben 34, ad averne vinti di più, ben 12, e tra i giocatori in attività è quello che ne ha decisi di più scrivendo pagine indelebili di calcio con ben 8 reti realizzate. L’uomo dei record, dicevamo, l’uomo capace di vincere un derby da solo senza neanche giocarlo: “quello delle 11 vittorie”! E non poteva essere altrimenti, i numeri

non tradiscono, hanno una loro storia! Ed a pensarci bene l’11mo sigillo non poteva non arrivare contro chi ha scritto in maniera indelebile nella propria storia quel numero composto da una decina e da una unità: ben 11 campionati passati nella serie inferiore. Non giocherà, dicevamo, ed è un peccato visto com’è finito l’ultimo: 2-0! Doppietta e CINQUINA servita sul manto erboso dell’Olimpico. Purtroppo quest’oggi il Capitano non potrà fare 13 anche se la sua stracittadina l’ha vinta in maniera eccelsa a livello dialettico nella conferenza stampa di giovedì. Purtroppo non sarà in campo e purtroppo per gli avversari anche in

questo caso i numeri parlano chiaro: non ne ha giocati 9 nei quali la Roma ha conquistato ben 5 pareggi e 4 vittorie. Numeri pesanti che avranno pure un significato... Come sono pesanti i numeri di Eddy Reja capace di calare il poker di sconfitte nelle sue 4 stracittadine. Sarà comunque il derby dei nuovi arrivi, dalla presidenza americana a Luis Enrique, da Pjanic ad Osvaldo ma con De Rossi a difendere la romanità in una gara che non potrà mai essere una partita come le altre. Un derby è sempre qualcosa di speciale specie se si parla di quello di Roma capace di coinvolgere la città non per 1 giorno ma per 2, 3, 4, 5...

LE GARE 7ª DI ANDATA IERI

Catania - Inter Milan - Palermo Napoli - Parma ORE 12.30 Cesena - Fiorentina ORE 15.00 Atalanta - Udinese Cagliari - Siena Chievo - Juventus Genoa - Lecce Novara - Bologna ORE 20.45 Lazio - Roma


16 ottobre 2011

Lazio - Roma

TORNA STEK, PJANIC TREQUARTISTA L'ex Lione in vantaggio per sostituire Francesco Totti. Ballottaggio Kjaer-Burdisso, favorito il danese. In porta si rivede Stekelenburg dopo il calcio di Lucio Dopo le vittorie contro Parma e Atalanta, la Roma è chiamata al delicato impegno di domenica sera contro la Lazio. Al derby mancherà sicuramente Francesco Totti, alle prese con un guaio muscolare accusato nel corso della gara contro l'Atalanta. È Miralem Pjanic il candidato principale a prendere le redini del Capitano, dopo la prestazione confortante sulla trequarti offerta contro la squadra di Colantuono. Le alternative portano il nome di Bojan e di Erik Lamela. Quest’ultimo non ha ancora giocato un minuto con la maglia giallorossa a causa del famigerato problema alla caviglia. Con Bojan trequartista, saranno Osvaldo e uno tra Borriello e Borini a formare la coppia d’attacco. Con Pjanic e Lamela al posto di Totti, dovrebbe invece essere confermato il duo

LAZIO - ROMA

Osvaldo-Bojan, che tanto bene ha fatto contro l’Atalanta. A centrocampo Luis Enrique dovrebbe schierare De Rossi davanti alla difesa con Pizarro e Gago intermedi. In difesa resta da assegnare solo una maglia, con Kjaer in vantaggio rispetto a Burdisso, tornato ad allenarsi solo giovedì dopo gli impegni con la Nazionale. Confermato Heinze al centro della difesa, con Rosi e José Angel sugli esterni. In porta, tornerà Stekelenburg dopo la botta alla testa rimediata contro l’Inter. Alessandro Carducci

ROMA: Stekelenburg, Rosi, Heinze, Burdisso, J. Angel, Simplicio, De Rossi, Perrotta, Pjanic, Bojan, Osvaldo A DISP.: Curci, Cicinho, Kjaer, Gago, Taddei, Borriello, Borini ALL. Luis Enrique SQUALIFICATI: DIFFIDATI: LAZIO: Marchetti, Konko, Biava, Dias, Radu, Gonzalez, Ledesma, Brocchi, Hernanes, Cisse’, Klose A DISP.: Bizarri, Stankevicius, Lulic, Mauri, Sculli, Rocchi, Kozak ALL. Reja SQUALIFICATI: DIFFIDATI: ARBITRO Tagliavento di Terni ASSISTENTI: Ghiandai Giordano IV: Celi

AMARCORD

Il ricordo delle partite del passato firmato Lacrime di Borghetti Prima dei giocatori serbi, il tre l’aveva mostrato a tutto il mondo solo il Principe Giannini, alla fine di un derby giocato un pomeriggio di sedici anni fa. Per i tifosi della Roma della mia generazione, sarebbe meglio dire “il” derby. È lì che abbiamo perso la verginità (qualcun altro potrebbe obiettare che, in realtà, l’abbiamo persa con Vavra, ed è difficile dargli torto), mentre in Balbo, Fonseca e Cappioli abbiamo scoperto la nostra Santissima Trinità. Me lo ricordo bene quel giorno. In un’era ancora analogica, la sorpresa fu che a Roma e provincia Rai Tre trasmise la partita in diretta. Questione di ordine pubblico. Da solo nella mia stanza, guardavo un derby per la prima volta, cercando di capire cosa ci fosse di tanto speciale. La piccola televisione era il mio oracolo. Le risposte non tardarono ad arrivare. Il colpo di testa di Balbo. Lo sguardo di Cervone. Il raddoppio di Fonseca su invenzione di Moriero. La magia del Principe per il terzo gol di Cappioli. La corsa liberatoria di Mazzone. Quell’epoca sembrava finita,

ed invece ci risiamo. Di nuovo la Rometta. Di nuovo i problemi di ordine pubblico. Di nuovo la partita in televisione. Di nuovo novembre. Ma la mia non è nostalgia di un passato che non tornerà. È speranza che tutto si ripeta. Compreso quel tre finale, mostrato con orgoglio a tutto il mondo dal nuovo capitano della Roma, un ragazzo di Ostia che, come me, sedici anni fa guardava un derby in televisione, sognando un giorno di poterlo giocare. lacrimediborghetti.blogspot.com


16 ottobre 2011

Lazio - Roma

VII: CAMPIONATO SENZA PADRONE

QUI LAZIO

Dopo sei giornate non c’è una formazione dominatrice della situazione, classifica corta ed incertezza rendono tutto possibile

Recuperato Klose, Reja affronta l’incubo derby nel tentativo di evitare la cinquina. Rocchi in panchina il francese Cissè dal primo minuto in campo

La VII giornata di campionato, la VI giocata, visto che c’è da recuperare la gare d’esordio si conclude con il derby di Roma, prima stracittadina di questo indeciso campionato. E’ partito alla grande il Napoli di Mazzarri pronto a dare spettacolo tanto in Italia quanto in Europa. Solita partenza a rilento per il Milan campione d’Italia insabbiato a metà classifica e pesantemente umiliato proprio dal Napoli nelle precedenti giornate. L’altra candidata al titolo, l’inter dei numerosi allenatori dopo Mourinho, si trova a ripartire con il “disaster manager” Ranieri che avrà il difficile compito di rimettere in carreggiata una squadra composta da troppe prime donne allo sbando. In testa comandano le due bianconere Juventus e Udinese con la sqaudra di Guidolin vera rivelazione di questo inizio di stagione nonostante

Dopo la sosta per le nazionali Reja recupera l’attaccante tedesco che formerà il tandem d’attacco con Cissè. Clima teso in casa Lazio dopo i due giorni di ritiro per cercare di sfatare il tabù derby. In perfette condizioni Hernanes e Gonzeles rientrati dalla nazionale e subito in campo dal primo minuti. Inizialmente in panchina Stefano Mauri. Dubbi in difesa: ballottaggio fino all’ultimo tra Biava e Stankevicius con quest’ultimo favorito per sedere in panchina. Centrocampo a tre formato da Ledesma, Brocchi e Gonzalez. Tra i pali confermato Marchetti mentre Rocchi guarderà il derby dalla panchina.

le importanti cessioni effettuate durante il mercato estivo. La Roma dell’asturiano Luis Enrique è un cantiere aperto e cerca la sua definitiva identità nell’attesa di amalgamare i nuovi. L’Atalanta di Colantuono sta stupendo tutto avendo azzerato molto prima del previsto la pesante penalizzazione di inizio stagione comminata a causa dello scanalo scommesse. Tra le neopromosse ottimo inizio per

Ruggiero Rizzitelli

Non la penso come Zeman il Derby non sarà mai una partita qualunque segue da pag. 1 In casa giallorossa ci sono molti giovani appena arrivati che non conoscono ancora la realtà della capitale. Cosa diresti loro per fargli capire cos’è il Derby a Roma? “Credo che nessuno meglio di quei due romani (Totti e De Rossi, ndr) possa spiegare quello che si prova. C'è stata un'attesa di 15 giorni e credo che questo abbia aumentato le aspettative in loro oltre che l’ansia. Devono solo stare tranquilli”. Chi vedi favorito tra le due per domenica, chi arriva meglio? “Io vedo favorita la Lazio per scaramanzia. A parte gli scherzi, per me entrambe arrivano bene viste le ultime partite. Il gioco della Roma, però, alla lunga può pagare”. Angelo Maria Papi

il Novara di Tesser capace di battere addirittura l’Inter multimilionaria. Bologna e Cesena sono le delusioni di inizio stagione avendo fin d’ora conquistato soltanto un punto a testa. Ottimo l’inizio di stagione del Palermo dell’esordiente Mangia e del Cagliari di Cellino. L’altra neo promossa Siena non sta demeritando riuscendo anche ad esprimere un gioco spumeggiante.


CORRIERE DI ROMA STADIO Periodico d'informazione sportiva Edito da: DN COMUNICAZIONE Direttore Responsabile: Emiliano Di Nardo sede e redazione: Via Aurelia n.317 tel. 06.83605561 - 392.6059221 e-mail: redazione@corrierediroma.it stampa: Abilgrafh Elaborazione Grafica: Serena Prosperoni Concessionaria di Pubblicità: Promozioni Pubbicitarie Aut. Trib.di Roma in attesa di registrazione La responsabilità degli articoli è dei singoli autori E' vietata la riproduzione anche parziale

CORRIERE DI ROMA STADIO  

Periodico d'Informazione Sportiva distribuito nia Pressi dello Stadio Olimpico di Roma nel OCCASIONE delle gare casalinghe della ROMA

Read more
Read more
Similar to
Popular now
Just for you