Issuu on Google+

redazione@corrieredellisola.com

ISCHIA

a pag. 3

SPORT •

CONSIGLIO COMUNALE: ISCHIAMBIENTE LA MAGGIORANZA AGGIRA L’OSTACOLO

SPORT

CafèFlorio da noi il caffè è un piacere

• gelati in coppa • • aperitivi •

a pag. 13

Corso F. Regine, 95

ISCHIA AL COMANDO BATTUTO IL NOCERA 3 A 1

Forio

Anno XVI - n. 8 • 8 - 13 Marzo 2012

settimanale GRATUITO delle isole di Ischia e Procida • www.corrieredellisola.com

L’ALILAURO

MOLLA!!!

Gli armatori protestano contro l’aumento dell’IVA sull’acquisto del carburante La compagnia ischitana manterrà solo quattro corse: Ischia – Napoli Beverello delle ore 06.30 e delle ore 08.40 e Napoli Beverello – Ischia delle ore 07.35 e delle ore 17.55. Stessa sorte riguarderà probabilmente Caremar e Medmar. Si rischia la paralisi, a farne le spese utenti e pendolari

CASAMICCIOLA

a pag. 4

IL COMMISSARIO TRAGHETTERÀ IL COMUNE VERSO LE ELEZIONI

ABBATTIMENTI

a pag. 5

ABUSIVISMO GUIDA ACCUSA, LA REGIONE RISPONDE

TRADIZIONI 8 MARZO THE WOMAN’S DAY

a pag. 9


2

• PRIMOPIANO

8 - 13 Marzo 2012

www.corrieredellisola.com

L’8 marzo stop alle corse, gli armatori protestano contro gli aumenti dell’IVA sull’acquisto del carburante

IL VASO DI PANDORA DEL GOLFO DI NAPOLI L’Iva la paghiamo tutti noi ed è giusto che la paghino anche gli armatori

L’ISOLA SI RIBELLA…

SUL WEB

• di Annamaria Punzo

È

storia di dicembre l’imposta, subentrata a seguito del pacchetto “salva Italia”, dell’iva al 21% sul carburante e sui beni di servizio utili per la manutenzione delle navi e dei mezzi veloci sul Golfo di Napoli. Una storia che sembrava aver avuto al tempo un lieto fine, con la corsa allo stop perentorio della postilla, passata inosservata, all’interno della manovra discussa da parte dell’Ass. Vetrella. Stesso Vetrella che durante la prima consulta per la Mobilità aveva assicurato una rapida soluzione al problema date le mille, giustificate, preoccupazioni che nei giorni antecedenti l’incontro avevano portato le varie compagnie iscritte all’Acap (Alilauro, Navigazione Libera Del Golfo, Medmar Snav, Alilauro Gruson Spa, Giuffrè Lauro, Pozzuoli Ferries) in uno stato di agitazione. Ad oggi dunque nessuna soluzione e quella minaccia risalente al tredici febbraio, apparentemente lontana dal manifestarsi, si realizza in un’inquietante avviso. Dall’otto marzo non saranno assicurate altre corse se non

quelle strettamente necessarie di servizio pubblico, nelle fasce orarie più interessate. Ma, attenzione, ancor peggiore notizia quella che vede l’impossibilità pratica dal 31 marzo di assicurare le partenze, sia di servizio pubblico che non, a seguito delle disastrose condizioni economiche cui verserebbero le Compagnie. Nei mesi che hanno interessato tali vicende, abbiamo lentamente notato ugualmente la misteriosa sparizione di svariate corse da parte di alcune compagnie. Misteriose in quanto rimosse da un giorno all’altro, ma di fatto notificate nei siti di informazione delle Compagnie. Dal fronte per la tutela dei cittadini del Golfo, l’Autmare invoca, in una lettera diretta alle autorità competenti del distretto Campano, una riunione per scongiurare il pericolo dato dai tagli previsti nelle prossime settimane, sottolineando la già precaria situazione delle tratte Napoli- ischia e Napoli- Capri. Intanto le Compagnie interessate

CORRIERE DELL’ISOLA è un settimanle distribuito gratuitamente ogni giovedì ad Ischia e Procida,

DIRETTORE RESPONSABILE Diego Mattera d.mattera@corrieredellisola.com

Registrazione al tribunale di Napoli n. 4816 del 20/11/1996

www.corrieredellisola.com redazione@corrieredellisola.com tel. +39 08119503495

pubblicano sui siti internet le news riguardanti il cambiamento di orario, con un bilancio disastroso. L’Alilauro manterrà solo quattro corse: Ischia – Napoli Beverello delle ore 06.30 feriale e delle ore 08.40 e Napoli Beverello – Ischia delle ore 07.35 feriale e delle ore 17.55 vM. Stessa sorte riguarderà con qualche corsa in più Caremar e Medmar. Stessa Medmar che parlando dei fatti in corso ha annunciato la totale adesione all’iniziativa dell’Acap, non solo nell’intenzione di creare un disagio ma nella vera e propria necessità di sospendere le corse, date le onerose spese che a breve la Compagnia dovrà affrontare. Le prospettive a detta di quest’ultima sono drasticamente, senza mezzi termini, due: la sospensione dei servizi o l’aumento della tariffa verso i residenti. L’eventualità di un fallimento è troppo alta per pensare di mantenere la situazione invariata. Le posizioni delle Compagnie certamente non porteranno che ad una

condizione di difficoltà per gli isolani, stessi che non hanno però saputo cogliere dal fronte dei mille avvisi di queste settimane la neanche troppo latente preoccupazione degli Armatori, destinati a vivere una situazione che necessariamente fin dall’inizio lasciava presagire un disagio per tutte le fasce interessate. Se dal fronte politico locale sono state inviate missive richiedenti spiegazioni e soluzioni dal Sindaco di Forio all’ On. Vetrella, contemporaneamente la mancanza di coesione politica nel manifestare un disagio tanto manifesto quanto pericoloso, rende difficile presagire un risvolto positivo per la situazione o, quanto meno, una risoluzione a breve termine. Un vaso di Pandora che nel mese di marzo ha deciso di aprirsi rovinosamente verso l’inizio della tanto desiderata stagione lavorativa, che quest’anno parte non solo con le difficoltà date dalle mancanze economiche delle tasche degli italiani, ma anche con un grande punto interrogativo, che ironicamente possiamo designare cosí: meglio il gommone o la barca a remi? Il sondaggio è aperto.

SOCIETA’ EDITRICE Nuvola Grafica Via M. Schioppa 78 - Forio (NA) PROGETTO GRAFICO, IMPAGINAZIONE E STAMPA Nuvola Grafica www.nuvolagrafica.it

L

unedì 5 marzo. Nel giorno dei festeggiamenti di San Giova Giuseppe Santo Patro dell’isola arriva un bel regalo agli ischitani. Locandine esposte nelle biglietterie della compagnia Alilauro hanno annunciato il via all’agitazione contro il pagamento dell’Iva sui carburanti disposto dal governo. Dall’8 marzo solo due corse al giorno da Ischia per Napoli, alle 6.30 ed alle 8.40, e due corse da Napoli ad Ischia, alle 7.35 ed alle 17.55. Tanto basta per far scattare l’allarme rosso e la protesta su Facebook, via Internet. Molti i post pubblicati che contestano la scelta della compagnia Alilauro. Numerose le associazioni che contestano il piano di agitazione

Hanno collaborato a questo numero: Stefano e Pancrazio Arcamone, Pietro Di Meglio, Sacha Savastano, Cristian Messina, Annamaria Punzo, Federica Formisano, Paola Casulli, Roberta Maria D’Ambra, Manuela Whitehead, Claudio Iacono, Alessandro De Cesaris, Maria Luisa Esposito Foto: F. Trani, S. De Sanctis, A. Pesce

degli armatori. Giovanni Lombardi dell’Atec - associazione trasportatori e commercianti - afferma: “Sono mesi che viviamo solo di minacce da parte degli armatori che vogliono fare solo quello che gli fa comodo”. Andrea D’Ambra ha inviato una mail (invitando da facebook tutti i cittadini a farlo) all’AGCM, alla Commissione Garanzia Sciopero, alla Procura della Repubblica chiedendo “l’intervento delle Autorità in indirizzo affinché verifichino ciascuna per le proprie competenze se il comportamento della società Alilauro non possa qualificarsi come ‘abuso di posizione dominante’ e/o altro illecito penale e/o amministrativo”.

CONCESSIONARIA PER LA PUBBLICITA’ Nuvola Grafica Via Mons. Schioppa 78 • 80075 Forio (NA) Tel. +39 081 19503495 Mob. +39 3409360501 corrieredellisola@nuvolagrafica.it commerciale@corrieredellisola.com


redazione@corrieredellisola.com

3

ISCHIA •

8 - 13 Marzo 2012

Nell’ultimo consiglio comunale

LA MAGGIORANZA AGGIRA L’OSTACOLO ISCHIAMBIENTE Ma restano le perplessità sullo stato di salute della partecipata

D

oveva essere il piatto forte del consiglio comunale di Ischia. La questione Ischiambiente e la situazione economica della partecipata, che tanto preoccupa l’opposizione, s’è invece risolta in un nulla di fatto. Merito, ammesso che tale possa essere definito, della maggioranza guidata da Giosi Ferrandino. L’introduzione all’ordine del giorno dei due regolamenti – edilizia ed acque reflue – si è rivelata la carta vincente della maggioranza, che è riuscita ad invertire l’ordine del giorno (mossa peraltro annunciata) e spostare in tarda serata la discussione sulla partecipata. «È fondamentale l’approvazione dei regolamenti – ha motivato il sindaco ad inizio dei lavori – perché solo così si possono assicurare regole certe ed uguali per tutti i cittadini ed eliminare il potere discrezionale degli uffici competenti». Retorica, probabilmente. In politichese puro, per giunta. Perché una amministrazione in carica da cinque anni avrebbe avuto tempo, modo e numeri per approvare per tempo i due complessi di norme che regolano edilizia e scarichi fognari. Ed invece quella guidata da Giosi Ferrandino – nel frattempo volato a Berlino per la Itb – li ha utilizzati in maniera strumentale per aggirare l’ostacolo ed evitare le inevitabili insidie cui sarebbero

andati incontro affrontando in consiglio la questione Ischiambiente. C’è stata, la discussione. Ma è durata pochissimo, nemmeno un’ora. E per giunta è iniziata in tarda serata, dopo che il consiglio aveva discusso i regolamenti e i rispettivi emendamenti, tutti presentati dalla maggioranza. Sono state affrontate alcune delle questioni centrali, a cominciare da quei bilanci che nel solo 2011 segnalano un passivo superiore al milione di euro ma al cui interno, denunciano dall’opposizione «è difficile orientarsi visto che le documentazioni fornite dal presidente di Ischiambiente sono lacunose ed incomplete». Mancavano gli elenchi dei fornitori, i contenziosi, gli appalti. Cioè tutta la

documentazione ‘sensibile’, in grado di svelare del tutto il mistero Ischiambiente. Che è davvero un mistero, al di là degli (spesso) strumentali attacchi dell’opposizione. L’appalto per la fornitura dei servizi è in scadenza a maggio. E con l’obbligo di procedere a bando pubblico di gara imposto dalle nuove normative (fino ad oggi si è proceduto con l’assegnazione diretta) rendono particolarmente importante valutare lo stato di salute economico della partecipata. Proprio a causa della sua natura giuridica, infatti, gli eventuali debiti di Ischiambiente ricadranno sulla collettività, che potrebbe trovarsi nei prossimi anni a dover fronteggiare un nuovo caso Asse.

APPALTI DI FAVORE

E OPERAZIONI POCO CHIARE Ecco cosa contesta l’opposizione

C’

è Giosuè Mazzella, «che incassa 120mila euro all’anno con la sua agenzia assicurativa per stipulare l’80 per cento delle polizze assicurative di te». E Ischiambiente». ci sono anchee lo smaltimento improprio dei rifiuti derivati dall’edilizia ccaed i dati taroccati sulla raccolta differenziata «che è molto al di sotto del 50 per cento reclamizzato dal sindaco e dalla sua maggioranza». Ma c’è anche un milione di perdite nell s solo 2011, assunzioni clientelari, corsie preferenziali nella stipula dei contratti. Insomma, Ischiambiente continua ad essere una perfetta macchina clientelare, stando almeno ai dati – pochi, in

verità – che il consigliere Giuseppe Di Meglio (che rappresenta l’opposizione con Carmine Bernardo, Ciro Ferrandino e Davide Conte) è riuscito ad estrapolare dal faldone di docum documenti che, dopo m di battaglia un mese c il presidente con di Ischiambiente Gianni Di Meglio, sono stati m messi a disposiziione dell’opposizione zio A finire zione. n nell’occhio del ciclone c’è soprattutto il contenzioso « «aperto nel 2009 dalla stessa m maggioranza» con Ciro Cenatiempo «che vuole il posto fisso in azienda». M Ma tra le tante strane stranezze, a saltare all’occhio sono soprattutto quelle 120 tonnellate di rifiuti derivanti dall’edilizia che, in spregio alle normative vigenti, sono state smaltite attraverso la partecipata. Perché?

HAI UN PUB O ENOTECA? HAI UN RISTORANTE? HAI UN ALBERGO? HAI BISOGNO DEL DESSERT?

ALEMAGNA

O EDI M TO TA COS R TOR PE 11,00 € VA +I

COMPRA 4 TORTE DI PASTICCERIA ALEMAGNA/DAVIGEL

RICEVERAI IN OMAGGIO 1 TORTA A TUA SCELTA centro servizi vendite Trav. Michele Mazzella 234/b tel e fax 081902756 - 0819761072 - 0819760477 www.laraspata.it - info@laraspata.it


4

• ATTUALITÀ

8 - 13 Marzo 2012

www.corrieredellisola.com

Casamicciola tra passato e futuro

“IL COMMISSARIO TRAGHETTERÀ IL COMUNE VERSO LE ELEZIONI.” Frallicciardi e Silvitelli sul Commissariamento, priorità all’ordinaria amministrazione • di Sacha Savastano

L

a fine della giunta D’Ambrosio a poco più di due mesi dalla tornata elettorale ha creato senza dubbio un contesto nuovo per tutte le forze politiche che a breve saranno coinvolte nelle amministrative. Una situazione di stallo che vede Casamicciola privata delle forze elette in uno dei momenti più caldi della propria storia recente, eppure è proprio tale condizione di stasi che potrebbe rivelarsi insperato trampolino di lancio verso quel rinnovamento auspicato un po’ da tutti come nuovo punto di partenza. Intanto il neoCommissario Simonetta Calcaterra, la quale ha già ricoperto lo stesso ruolo per il comune di Saviano nel 2007, si trova a dover condurre il comune termale verso l’ouverture della stagione turistica, sfida questa che nell’attuale congiuntura di crisi generale attraversata dal settore può

rappresentare davvero un problema di difficile risoluzione, visto e considerato come di solito i Commissari Prefettizi, non dovendo rispondere agli elettori, raramente prendano decisioni strategicamente di lungo termine, preferendo limitarsi alla gestione del quotidiano, ed a preparare il terreno in vista dell’insediamento di una nuova amministrazione. “Ma l’ordinario rappresenta proprio la sfida più difficile” – è la considerazione di Ciro Frallicciardi, consigliere d’opposizione – “Per noi ora di certo la situazione è più tranquilla, l’insediamento del Commissariato garantirà a tutte le forze politiche la possibilità di potersi approcciare in modo tranquillo alla campagna elettorale e alle elezioni, a pensare al futuro: un clima ancora più adatto per un confronto sereno. D’altronde ci avviciniamo alla Pasqua, la dottoressa Calcaterra sicuramente sa che per Casamicciola sarà vitale presentarsi ai nastri di

partenza della stagione con qualche cantiere in meno e con un territorio dall’aspetto più decoroso, com’è interesse per tutti i principali agenti economici, dalle strutture alberghiere ai commercianti, oltre che dei cittadini stessi.” Prudente anche il parere di Giuseppe Silvitelli, della maggioranza: “So che a breve il Commissario incontrerà il Sindaco per discutere delle incombenze da risolvere

nell’immediato. Ovviamente non posso sbilanciarmi riguardo la politica gestionale del Comune durante il Commissariamento. Di certo, ci apprestiamo a vivere il periodo delle elezioni, e dunque la preoccupazione principale dovrà essere quella di traghettare Casamicciola e la collettività verso le amministrative nel modo più idoneo, come conviene a tutti.” Grande cautela dunque da parte dei

politici di ambo gli schieramenti, com’è ovvio nei periodi di transizione quali quello odierno, e occhi ben vigili su un domani ancora da costruire che potrebbe però trovare proprio in questo clima un da “Governo Tecnico”, se si lascia passare il paragone un po’ improprio, l’humus ideale per svilupparsi nel migliore dei modi.

LA DOMANDA Continua la persecuzione dei poveri Cristi che non avendo santi in Paradiso non hanno speranza

ABBATTIMENTI

PERCHE SOLO PER LA POVERA GENTE? • di Peppe D’Ambra

L’

SALDI

amico Michele R. mi sollecita un pezzo duro sui prossimi abbattimenti che si verificheranno sulla nostra isola, sollecitato a sua volta da un gruppo di lettori di Panza. Dopo avergli risposto che per quanto riguarda la “durezza” del pezzo è più cosa sua che mia, vista la differenza di età, ritorno su un argomento da me trattato diverse volte e nelle quali ho sempre criticato la scelta fatta dal Magistrato nei suoi interventi che non ha tenuto abbastanza conto della malafede di questa classe politica unica e vera responsabile dello sfascio del territorio. Atteso che in Campania e nei comuni limitrofi a quello di Napoli gli abbattimenti hanno interessato anche grossi abusi edilizi di chiara appartenenza alle forze del male, devo prendere per buona l’affermazione fatta dal Giudice Di Chiara in un Convegno tenutosi presso l’albergo Augusto di Lacco Ameno alla fine dell’anno scorso. I miei interventi

su quest’isola sono conseguenza di ciò che i sindaci mi mandano, quindi la gente deve chiedere al suo primo cittadino il perché ad essere colpiti sono solo e sempre i poveri Cristi che hanno sudato le classiche sette camice per farsi un tetto sopra la loro testa. Ora caro Michele che pezzo duro possiamo fare se non nei confronti di quei nostri concittadini che avendo fatto fino ad oggi i “cazzi” propri con la convivenza dei politici da loro scelti, oggi si trovano traditi e abbattuti da quegli stessi politici che non hanno nessun scrupolo a salvare i loro simili o qualche albergatore amico. L’unica risposta dura la dessero loro quando questi politici andranno a bussare alla loro porta per chiedere il loro voto promettendogli mari e monti. Non si scordassero questi nostri concittadini che chiedono nostri interventi “duri” di quante volte si sono fatti prendere per il culo dal politico di turno che aveva promesso un nuovo condono, anche nelle ultime passate tornate elettorali.


redazione@corrieredellisola.com

5

ABBATTIMENTI •

8 - 13 Marzo 2012

Mentre il presidente del Tar attacca gli enti locali (anche isolani), Caldoro propone un ddl che somiglia tanto ad un condono

ABUSIVISMO: GUIDA ACCUSA, LA REGIONE RISPONDE • di Cristian Messina

I

schia torna nell’occhio del ciclone e, come da tradizione ormai, non grazie alle sue bellezze ma a causa della “questione abusivismoâ€?. Dopo i servizi di Rai 3, ‘La Stampa’ e ‘Il Corriere della sera’, l’isola verde torna protagonista suo malgrado con le inequivocabili dichiarazioni di Antonio Guida, presidente del Tar della Campania. In occasione dell’inaugurazione dell’anno giudiziario, il magistrato si è scagliato infatti contro gli enti locali, secondo lui coresponsabili degli abusi chee da tempo usurpano i territorii e i paesaggi campani. Un’accusa forte che mette in evidenzia l’oscura trama fatta di clientelismo e di leggi poco incisive, che nei fatti anche ad Ischia hanno promesso un’oasi felice a tanta povera gente (una casa, magari ora da abbattere, in cambio di un voto) e permesso a tanti imprenditori di costruire in maniera

selvaggia (non sono pochi, infatti, gli alberghi da abbattere). Una situazione sotto gli occhi di tutti, che secondo Guida è prodotto dell’inefficienza e della tolleranza degli enti locali nel controllo e nella gestione del territorio, cause principali dell’abusivismo dilagante che rischia di distruggere un patrimonio naturale unico al mondo e veicolo di attività economiche, investimenti e occupazione. Specchio di questa qu realtà, ha ricordato il m magistrato, i tanti ricorsi al Tar pervenuti nel 2011 da comuni come Ischia (148 ricorsi), Capri, (62), Sorrrento (67), territori cioè so sottoposti a vincoli paesaggiti i stici, a rischio idrogeologico e di grande richiamo turistico. Numeri, questi, che segnalano comunque una leggera flessione rispetto al 2010, dimostrazione che risulta quantomeno placato l’uso sfrenato di cemento a favore, almeno sembra, di interventi di edilizia minima. Le dichiarazioni di Antonio Guida arrivano proprio quando gli esponenti

principali della Regione Campania si espongono in prima persona sul tema, probabilmente anche condizionati dalla pressione dei media e degli elettori. Tra questi il governatore Stefano Caldoro, che ha sottolineato come ÂŤil controllo sul territorio per la parte edilizia è compito dei Comuni, mentre la Regione ha competenza sui piani paesaggistici per i quali abbiamo una programmazione su scala molto largaÂť. Proprio un disegno di legge promosso da Caldoro e legato a doppio filo al tema-abusivismo, denominato ‘Piano paesaggistico regionale’, promette la verifica di quei vincoli ambientali, paesaggistici ed idrogeologici che finora hanno impedito interventi sul territorio, ma che nei fatti sono stati aggirati come testimoniano gli innumerevoli abusi perpetrati in tutta la Campania. Se il ddl dovesse passare, la maggioranza punta ad approvarlo entro l’estate, ÂŤnon ci saranno piĂš divieti assoluti nĂŠ vincoli astrattiÂť, ha annunciato Marcello Taglialatela, assessore regionale all’Urbanistica.

L’intenzione - ha continuato l’esponente del PDL – è valutare area per area, caso per caso decidendo d’intesa con il governo, le sovrintendenze e gli enti locali. Se all’opposizione sembra quasi un condono mascherato, questa misura rappresenta invece una speranza per chi ha commesso abusi in passato, forse anche per tanti ischitani: spetterà infatti alle istituzioni stabilire se in una determinata area alcuni manufatti potranno restare a determinate condizioni, dovranno essere demoliti oppure abbattuti e ricostruiti altrove, ha affermato Taglialatela. Una misura che, se approvata, risulterebbe certamente di difficile applicazione ad Ischia, territorio ormai saturo, a forte rischio idrogeologico e sotto vincolo paesaggistico

dal 1999. Quello che è certo – ha concluso Marcello Taglialatela con chiaro riferimento all’isola verde - è che risulta necessario distinguere fra ecomostri e piccoli abusi di necessità, quelli perpetrati insomma dalla povera gente. E cosÏ, quasi in contemporanea con le forti accuse di Antonio Guida, la Regione si prepara a mettere mano alla questione-abusivismo e lo fa con una misura che porterà con sÊ molte polemiche. Un progetto, quello firmato da Caldoro e Taglialatela, che potrebbe interessare anche la nostra isola e che – intenzionato almeno a parole a difendere i diritti del normale cittadino - rischia di mettere in secondo piano le necessità di un territorio ormai saturo che potrebbe non sopportare altre colate di cemento.

In corteo per dire no agli abbattimenti e solidarizzare con la signora Elisabeth

I MILLE DI PROCIDA • di Gennaro Savio

“I

Io vi ringrazio con tutto il cuore e vi devo dire che non mi sento sola e che mio marito questa sera sarebbe l’uomo piÚ felice del mondo. Lui dal Paradiso vi ringrazia perchÊ era lui che amava questa casetta�. Con queste parole pronunciate col volto coperto dalle lacrime e tra gli applausi scroscianti degli oltre mille cittadini che come un fiume in piena hanno attraversato in corteo le strade principali di Procida dando origine ad una straordinaria e incredibile manifestazione di protesta popolare, Elisabeth, la signora povera, vedova e sola a cui lo Stato vuole abbattere la casetta di appena venti metri quadrati, ha voluto ringraziare tutti coloro che con straordinario affetto le hanno voluto esprimere sinceri sentimenti di vicinanza e di solidarietà. L’imponente corteo è

partito alle ore 18.00 dal porto di Marina Grande ed intorno alle 20.00 è giunto in piazza Olmo dove c’è stato il comizio conclusivo. Gennaro Savio ha detto che lo Stato anzichĂŠ mostrare i muscoli per demolire vergognosamente una casetta, dovrebbe preoccuparsi di portarsi in via Morena per realizzare una stanza da letto ad Elisabeth visto che è costretta a dormire su di una brandina che all’occorrenza apre nel cucinino. E dopo aver sottolineato il fatto che ad andare giĂš non è la grossa speculazione edilizia affaristica e camorristica ma le abitazioni dei poveri cristi, ha citato un piccolo aneddoto. “Nei giorni scorsi, ha raccontato Gennaro, per telefono Elisabeth mi ha detto di essere stata avvicinata da una persona che le ha chiesto come mai non si fosse vergognata di aver mostrato in televisione il suo piccolissimo lettino. Personalmente ritengo che a vergognarsi debbano essere le Istituzioni dello Stato italiano

'*4*0-"#

.FEJDJOBGJTJDBFSJBCJMJUB[JPOF ‡ ‡ ‡ ‡ ‡

Osteopatia e posturologia Tecarterapia, laser, ultrasuoni, elettroterapia, infrarossi Magnetoterapia, chinesiterapia, massoterapia, trazioni vertebrali Riabilitazione respiratoria,riabilitazione neurologica Radiofrequenza per il trattamento della cellulite e delle adipositĂ  localizzate

%S-VJHJ1PMJUP%"CVOEP 7JDP4"OUPOJP"CBUF 'PSJP /B

5FM

a tutti i livelli e gli uomini che le rappresentano che consentono ad ioni Elisabeth di vivere in queste condizioni di indigenza senza preoccuparsi di darle una mano e decidendo finanche di demolirci l’unico bene che possiedeâ€?. Durissimo è stato l’intervento di Domenico Savio, Coordinatore del Movimento di Lotta per il Diritto alla Casa della Regione Campania e organizzatore della manifestazione che ha dichiarato: “Male ha fatto ieri il Comune di Procida a chiedere il mutuo alla Cassa Deposito e Prestito per l’abbattimento delle case che sono andate giĂš. Ci sono norme legislative per le quali i Comuni possono rifiutarsi di assumere questi mutui. E dunque noi chiediamo al Sindaco Capezzuto di non procedere all’abbattimento di questa casetta e delle altre case abusive che corrono il rischio dell’abbattimento o dell’autodemolizioneâ€?. Poi Domenico Savio, ha espresso enorme

ssoddisfazione per la riuscita della m manifestazione: “Qui a Procida è rinat rinato un movimento di lotta regionale forte e credibile che porterĂ  avanti con determinazione la battaglia contro la tragedia degli abbattimenti svergognando tutti i partiti dell’arco costituzionale che ne sono responsabiliâ€?. Al termine della riuscitissima manifestazione una delegazione di manifestanti ha incontrato il Sindaco di Procida che un po’ a sorpresa ha dichiarato che al momento il Comune di Procida per mancanza di fondi non procederĂ  agli abbattimenti a partire dalla casa di Elisabeth. “Il Comune di Procida, ha detto Capezzuto, sta attraversando un momento di grandissima difficoltĂ  economica, sicuramente oggi andare a reperire dei fondi per abbattere le case è un’impresa assurda ed è difficile ipotizzare che a breve il Comune possa avare la possibilitĂ  finanziaria di abbattereâ€?.

PAVICLIMA

> installazione caldaie > climatizzatori > impianti termoidraulici > montaggi tende sole tempotest > preventivi gratuiti

DAL FREDDO TI DIFENDIAMO NOI CONDIZIONATORE PULIZIA TECNICA, classe A SANIFICAZIONE E CONTROLLO 9000btu_450 â‚Ź

12000btu_550 â‚Ź

(fornitura, installazione ad opera d’arte e iva inclusa)

40 â‚Ź

per un condizionatore sempre efďŹ ciente

CALDAIA PER RISCALDAMENTO E PRODUZIONE ACQUA CALDA 20000 BTU, MARCA ITALIANA A PARTIRE DA 550

â‚Ź

OFFERTA TUTTO COMPRESO! Macchina + installazione ad opera d’arte!

info 389 0551398 - 329 7943604 | pavigas@libero .it


6

• ISOLA

8 - 13 Marzo 2012

www.corrieredellisola.com

C’erano una volta due isole A e B

SU CHE ISOLA STAI?

• di Andrea D’Ambra

C

’erano una volta due isole che chiameremo (per ora) A e B: sull’isola A la benzina era a 1,92 euro al litro e il Pil/reddito pro capite di 16mila euro.

Sull’isola B la benzina era a 1,66 euro al litro e il Pil/reddito pro capite di 18mila euro. Sull’isola A, contrariamente all’isola B non c’erano università né grandi opportunità di lavoro e gli studenti e i pendolari che per lavoro dovevano

recarsi in terraferma erano costretti a sborsare fino a 14 Euro al giorno. La disoccupazione attanagliava entrambe le isole ma sull’isola B oltre all’indennità di disoccupazione c’era un salario minimo garantito anche per chi non

lavorava e aiuti economici per chi aveva una casa in affitto o aveva da poco avuto un figlio. Sull’isola A invece il lavoro era equiparato ad una concessione arrivata dall’alto e si concentrava nei pochi mesi estivi in cui l’isola era affollata dai turisti ma il lavoratore aveva interesse a togliersi dalla testa di “chiedere” il giorno di riposo settimanale o il rispetto delle ore giornaliere fissato dal contratto e/o dalla legge. Un bel giorno gli abitanti di una queste due isole decisero che ne avevano abbastanza di continuare a sopportare e decisero di scendere in strada a manifestare contro il caro vita e in particolare per il costo della benzina. Dopo giorni di proteste e manifestazioni pacifiche e notti di scontri e disordini con la polizia alla fine le autorità, visto il crescere del malcontento, annunciarono la diminuzione di quasi

10 centesimi per litro della benzina e gli abitanti potettero tornare a casa e assaporare con soddisfazione la vittoria ottenuta (ma senza sotterrare l’ascia di guerra). La domanda che vi pongo ora è, secondo voi, a quale delle due isole appartenevano gli abitanti scesi in piazza a manifestare? La logica ci farebbe tendere a rispondere l’isola A, dove la benzina era a 1,92 euro, il reddito pro capite inferiore e le condizioni economiche e sociali erano certamente non migliori rispetto all’isola B. E invece no, a manifestare furono gli abitanti dell’isola B, per ragioni oscure che lasciamo studiare ai migliori sociologi, forse ormai, come nella parabola della rana bollita, per gli abitanti dell’isola A era troppo tardi per protestare, presi dal disfattismo e dalle frasi fatte del tipo “tanto protestare non serve a nulla”

perché tanto “in un modo o nell’altro saremo sempre noi a pagare”, avevano rinunciato a fare i cittadini per trasformarsi in sudditi scambiando i diritti per concessioni e il voto con piaceri. I fatti appena descritti sono tutti veri e seppur narrati al passato risalgono ad appena una settimana fa: l’isola A è in realtà l’Isola d’Ischia mentre la B è l’Isola della Riunione (Réunion), territorio francese a tutti gli effetti nell’oceano indiano tra il Madagascar e le Mauritius. Chissà se la lezione degli abitanti della Riunione (che è applicabile a qualsiasi ambito) possa essere un auspicio per gli abitanti della Val di Susa e venga presa ad esempio anche da quelli dell’Isola d’Ischia (e perché no da tutti noi) quando qualcosa non va e piuttosto che protestare optiamo per la strada più “comoda”, quella di abbassare le braccia e la testa.

Le attuali difficoltà economiche del paese, alimentano il miraggio della ricchezza facile.

ATTENTI AL “GIOCO” ROVINA LE PERSONE! Il ministro Riccardi promette non marginali che il gioco d’azzardo produce”. Questo è il pensiero del ministro che ha condi regolamentare il settore • di Maria Luisa Esposito

È

tutto legale, ma il gioco italiano è una macchina da guerra che fa vittime tutti i giorni. A tal proposito, Andrea Riccardi, il ministro del “sociale” con delega per le dipendenze, ha promesso di intervenire in parlamento, in quanto il settore ha bisogno di urgente regolamentazione. Infatti l’obiettivo è quello di arrivare al divieto della pubblicità o almeno a una ferrea regolamentazione degli spot: attualmente 3 su ogni 10 pubblicità in tv. L’erario nel 2011 ha avuto un’entrata che ha superato i nove milioni di euro ma lo Stato pur incassando tanto da questo settore “non può non occuparsi delle categorie più a rischio e dei drammi sociali

tinuato dicendo che: “in questo momento di grande difficoltà economica il miraggio di una ricchezza facile e immediata ha mandato in rovina molte persone, perchè il fenomeno del gioco d’azzardo sta assumendo in alcuni casi i contorni di una vera dipendenza psicologica”. Anche il segretario generale dei Sert italiani, Fausto D’Egidio, dice che nei piccoli paesi, la compulsione da gioco è il problema più pressante subito dopo l’occupazione. In Italia, solo Toscana e Veneto ritengono la compulsione da gioco una malattia e qualche ente locale attento, ha preso iniziative in proprio, come per esempio la provincia di Trento, che ha votato all’unanimità la delibera “Mai più licenze vicino a scuola o centri giovanili”. E mentre i comuni di Empoli e Reggio Emilia hanno avviato iniziative contro i video poker,

SPEDIZIONI NAZIONALI ED INTERNAZIONALI

RACCOMANDATE

IMBALLI E CONFEZIONI

DOMICILIAZIONE POSTALE

ARTICOLI PER L’UFFICIO

SERVIZI MAILING

CANCELLERIA

PRODOTTI PER L’INFORMATICA

Galano Trasporti FORIO Via Mons. Schioppa, 60 tel. 081 998891

si apprende che a Pavia, nel 2011, ogni persona in media ha puntato 2.900 euro, notizia che ha fatto definire la città “Las Vegas del nord”. A questa battaglia difensiva annunciata dal ministro Riccardi si è aggiunta anche la dente voce di Gianni Armetta, presidente w. della browser tv Streamit Twww. tv, che ha preso ufficialmente lee distanze dal gioco d’azzardo on line, annunciando che saranno chiusi progressivamente tre canali esterni e non saranno più ospitati canali o spot che promuovano il poker. Una statistica dell’università La Sapienza ha evidenziato chee il 52% dei giocatori on line problematici ha un genitore con lo stesso problema e che in Italia c’è un milione di soggetti a rischio ludodipendenza. Chiaramente, la situazione nazionale

rispecchia quella regionale e provinciale. A Ischia, come a Napoli, la febbre del gioco coinvolge uomini, donne, giovani e anziani, tutti schiavi di gratta e vinci, slot machine e scommesse sportive, dando vita a una “ludopatia” che ch rischia di diventare una nuova fo forma di tossicodipendenza del m millennio. Inoltre, sul territorio i ischitano sono presenti centinaia di macchinette “mangia soldi” e il miraggio di una ricchezza facile e immediata ddi cui parla il ministro colpisce tu i i ceti sociali e, per chi ha tutt prob problemi di controllo, il contraccolpo finanziario improvviso risulta essere destabilizzante per intere famiglie. Auguriamoci tutti che il ministro raggiunga il suo intento al più presto.


redazione@corrieredellisola.com

7

ISOLA •

8 - 13 Marzo 2012

Il nuovo presidente dell’asso pini ha le idee molto chiare sugli obiettivi da perseguire

DARIO DELLA VECCHIA L’ASSO DI PINI

I V E BR

Poste le basi per la creazione di una rete che tuteli e promuova l’ambiente • di Pietro Di Meglio

I

schia non sarà la Svizzera, ma cercare di promuovere l’ambiente come svolta poliico-sociale pare sia possibile. Il 10 gennaio è stato eletto presidente dell’Associazione per la difesa dei Pini e della Flora dell’isola d’Ischia Dario Della Vecchia, che ha le idee molto chiare sugli obiettivi da perseguire. Infatti ha subito apportato una modifica sostanziale allo statuto estendendo lo scopo sociale alla salvaguardia del mare e del territorio. Primo passo di questo nuovo corso è stata la costituzione di un tavolo di concertazione, il 24 febbraio scorso, con altre associazioni ambientaliste e non, proprio sulle tematiche ambientali. Sono state così poste le basi per la creazione di una rete che tuteli e promuova l’ambiente. Secondo l’idea di Dario Della Vecchia l’Asso Pini deve proporsi come interlocutore delle pubbliche amministrazioni creando anche un osservatorio ambientale stabile per tutelare

e focalizzare di più l’attenzione sul patrimonio ambientale e pubblico. “I presidenti dei consigli direttivi che mi hanno preceduto hanno ideato e proposto numerosi progetti, sviluppati poi dal Comune d’Ischia, come la pineta degli Atleti, la pineta Mirtina e quella degli Artisti”. L’associazione ha anche approfondito scientificamente la problematica legata alla Marchallina hellenica e al blastofago vero problema dei pini di Ischia grazie agli studi condotti dal professor Sollino. Il risultato è stata la scoperta che è il blastofago e non la Marchallina ad aver inciso notevolmente sulla morte dei pini. La morte degli alberi però è legata anche alla loro età che indeboliti dal blastofago hanno ceduto. “Sono morti i più vecchi e quelli piantati male come quelli posti lungo le strade”. Il giovane presidente punta anche al “rinverdire i progetti già realizzati o quelli arenati e salvaguardare il sottobosco della macchia mediterranea” con la collaborazione e il coinvolgimento delle scuole.

a cura di Michele Rubini

“…Chiare, fresche e dolci acque…” Venerdì 9 marzo 2012 alle ore 17.30, presso la Biblioteca Comunale Antoniana, avrà luogo una conversazione con la Prof.ssa Iolanda Capriglione della II Università di Napoli – Facoltà di Architettura, a cura del Garden Club Isola d’Ischia, dal titolo “…Chiare, fresche e dolci acque…” per una nuova estetica del paesaggio

“La didattica ambientale porta a conoscenza le diverse specie di flora delle pinete d’Ischia, creeremo un’aula verde, ovvero un centro divulgativo permanete dove terremo lezioni sull’ambiente per residenti e turisti”. Il primo appuntamento programmato per l’Associazione è ‘Insieme per l’Europa’ il 12 maggio a Bruxelles, dove la sala del parlamento europeo sarà collegata con 200 città in Europa, tre della regione Campania e tra queste Ischia. In un’Europa afflitta dalla crisi economica uno dei temi che

accomuna le diverse sensibilità del popolo europeo è proprio la tematica ambientale. Il comitato promotore delle iniziative che culmineranno con il 12 maggio ha chiesto l’adesione all’asso pini che ha aderito con entusiasmo in quanto il tema che caratterizzerà Ischia per l’Europa sarà il sì all’ambiente. Tutto questo dopo che l’isola in maniera forse gratuita e se vogliamo anche volgare, è stata attaccata dai media nazionali che ci hanno disegnato come un popolo di abusivi, senza chiedersi il perché siamo abusivi.

X Concorso di Poesia : “Ischia l’Isola Verde” L’Associazione Giochi di Natale presenta il X Concorso di Poesia : “Ischia l’Isola Verde” dedicato a “L’Arte ” Tema libero e sezione speciale su “Sogno e realtà”. Il regolamento prevede che le poesie devono essere di esecuzione del concorrente, non aver partecipato ad edizioni precedenti del nostro Concorso e non aver vinto primi premi in altri Concorsi. Esse saranno sottoposte alle Giurie in forma anonima. Le quote di iscrizione sono fissate in € 12,00 per una poesia; € 20,00 per 2. Il termine per la consegna delle opere è il 15/03/2012. L’Associazione garantisce la pubblicazione delle opere nel decimo volume di Poesia “Ischia l’Isola Verde” che sarà distribuito in forma gratuita ai partecipanti ed edito in almeno mille copie. Tutti i partecipanti sono invitati alla Premiazione sabato 28 aprile, ore 20.00, presso l’Hotel Terme Galidon Forio.

Dopo aver riportato alla luce alcuni affreschi sconosciuti

RIPRENDONO I RESTAURI ALLA TORRE DI SANT’ANNA

SIAMO AD ISCHIA PORTO... ACCANTO AL GIRARROSTO!

CAPITALI EUROPEE LOW COST ULTIME DISPONIBILITA' DI MARZO 4 Giorni/3 notti, volo + hotel *** PRAGA ogni sabato da Napoli € 299,00 BUDAPEST ogni Venerdì € 270,00 BERLINO Gennaio e Febbraio € 339,00 BARCELLONA ogni giorno € 329,00 AMSTERDAM ogni giorno € 369,00 QUOTE INCLUSE DI TASSE E ONERI!

SHARM EL SHEIKH Laguna Vista 5***** da NAPOLI

10 Marzo 8 gg/7 nt in ALL INCLUSIVE

€ 439,00

LAST MINUTE CAPO VERDE Voli diretti da Roma 14, 21, 28 Marzo 9 Giorni / 7 Notti

in ALL INCLUSIVE da € 599,00 + oneri

SOLO CHI VIAGGIA PUÒ AIUTARTI A SCEGLIERE LA TUA VACANZA IDEALE! NOI POSSIAMO DIVENTEREMO LA TUA AGENZIA DI VIAGGI DI FIDUCIA!

L

’anno scorso il Circolo Sadoul fu promotore di un accordo con l’Università di Dresda, la Soprintendenza ed il Comune per una campagna di restauri degli affreschi della Torre appartenuta alla famiglia Guevara e comunemente nota come Torre di Sant’Anna, presentò l’iniziativa con le conferenze del prof. Danzl e dell’Arch. Martelli (con gli interventi della Dssa Nappi dei Beni Culturali ed Ambientali, del Console Tedesco oltre che del nostro Presidente e del dr. Brandi). Dopo un primo ciclo di restauri che vide impegnati una ventina di specializzandi della Hochschule fur Bildende Kuenste di Dresda, anche quest’anno – dal 4 al 31 marzo, soprattutto grazie alla generosa ospitalità della DIMHotels – una nuova squadra di entusiasti specialisti tedeschi riprenderà i lavori interrotti

nella scorsa primavera. Nel 2011 furono eseguiti rilievi e campionature delle pareti di vari piani della torre, con descialbo di tutta la parete ovest della sala del primo piano, dove furono riportati alla luce alcuni affreschi finora sconosciuti. Tutta la parete fu consolidata e ripulita. Nell’anno in corso si procederà ad ulteriore scoprimento delle pitture della sala del primo piano continuando le operazioni di rilevazione, consolidamento e ripulitura effettuando ulteriori test nelle sale del pianterreno. Durante le operazioni, si cercherà per quanto possibile di consentire le visite al cantiere per fare in modo che isolani e turisti possano godere delle bellezze artistiche e paesaggistiche del luogo.

da

CafèFlorio da noi il caffè è un piacere

• gelati in coppa • • aperitivi • Corso Francesco Regine, 95 80075 Forio . Ischia mob. 347 1870278 mob. 327 1726112


8

8 - 13 Marzo 2012

www.corrieredellisola.com

ARTE MUSICA & SPETTACOLO

SUMMER

HOLIDAY

DANCE 2/31 July | Ischia 2012

. .Z]^TP^_TaTOTdanza classica NZYRossella Giordano NZ x.Z]^T]PRZWL]T[P]]LRLeeTP]LRLeePOLT"LT#LYYT . T W x;]P[L]LeTZYPLNZYNZ]^TPL`OTeTZYT x.Z]^T1`WW4XXP]^TZY x.Z]^T[P]MLWWP]TYT[]ZQP^^TZYT^_T x7PeTZYTOT]P[P]_Z]TZ[`Y_P^ML]]LL_P]]L xPNZ]PZR]L P[P]^ZYLWTeeL_P x.ZY^`WPYeP *Preiscrizione entro il 15 giugno , YPNZ]^Z^T]TWL^NTLTWOT[WZXLL]_T^_TNZ

ACCADEMIA DEI RAGAZZIxaTL>Z[]L^NL]ZeZYL>ZNNZ]^Z1Z]TZ?PW1Lc#$$"! !.PWW"# TYQZ+LNNLOPXTLOPT]LRLeeTT_xbbbLNNLOPXTLOPT]LRLeeTT_xfacebook _ accademia dei ragazzi


redazione@corrieredellisola.com

9

FESTA DELLA DONNA •

8 - 13 Marzo 2012

In ricordo delle tante donne che hanno lottato per i propri diritti

THE WOMAN’S DAY

• di Roberta Maria D’Ambra

P

roprio l’anno scorso, si è tenuto il primo centenario della giornata internazionale della donna, più comunemente ricordata come la festa della donna. Forse in molti non sanno cosa è successo veramente in questo giorno, è vero le donne sono pronte a festeggiare, ma cosa accadde? Perché sono proprio le donne a festeggiare? Era il lontano 1911 quando in Italia si è tenuta, per la prima

volta, questa celebrazione. Ricorre, ogni anno, l’8 marzo per ricordare sia le conquiste sociali, politiche ed economiche delle donne, sia le discriminazioni e le violenze cui esse sono ancora fatte oggetto in molte parti del mondo. È diventata una ricorrenza quasi “insensata”, se si pensa al vero significato storico-sociale di questo giorno per le tante donne nel mondo che hanno lottato per i loro diritti. Ma vediamo cosa successe e come sono riuscite le donne a riven-

dicare i loro credo. Nel VII congresso della II Internazionale socialista, vennero discusse tesi per quanto riguarda l’atteggiamento da tenere in caso di guerra, sul colonialismo e anche sulla questione femminile e sulla rivendicazione del voto alle donne. Per quanto riguarda queste ultime, il congresso votò per l’esclusione di ogni tipo di alleanza con le femministe borghesi, ma a favore della lotta per l’introduzione del suffragio universale delle donne. Non tutti condivisero

la decisione dell’esclusione di alleanze con le borghesi, fu per prima la socialista Corinne Brown a ribellarsi, scrivendo, nel 1908, sulla rivista The Socialist Women che : “ il Congresso non avrebbe avuto alcun diritto di dettare alle donne socialiste come e con chi lavorare per la propria liberazione”. Fu la stessa a presiedere ogni domenica alla conferenza tenuta a Chicago dove tutte le donne erano invitate a quel giorno che fu denominato “Woman’S Day” (il giorno della donna). I punti cardini della conferenza, riguardavano lo sfruttamento operaio dai datori di lavoro ai danni delle operaie in termini di basso salario e orario di lavoro, delle discriminazioni sessuali e del diritto di voto alle donne. Non ci fu un seguito immediato a quest’iniziativa, ma alla fine dell’anno il Partito socialista americano raccomandò a tutte le sezioni locali “di riservare l’ultima domenica di febbraio 1909 per l’organizzazione di una manifestazione in favore del diritto di voto femminile”. Così il 28 febbraio 1909, negli Stati Uniti, fu celebrata la prima e ufficiale giornata

della donna. Ma non finisce qui, dal 22 novembre 1908 al 15 febbraio 1909, ci fu un lunghissimo sciopero che vide come protagoniste oltre 20.000 camiciaie newyorkesi, per ottenere il riconoscimento del diritto di voto femminile. Soltanto pochi anni dopo, il 19 marzo del 1911, si tenne per la prima volta in alcuni paesi europei, la giornata della donna. Non è tutto rosa e fiori come può sembrare, si è lottato, lottato molto per conquistare i propri diritti anche con la morte. Pensare che proprio l’8 marzo 1908, persero la vita circa 129 operaie che rimasero prierno della gioniere all’interno n fabbrica Cotton di New York. Erano tutte lì a protestare contro le terribili condizioni in cui erano costrette a lavorare, uno sciopero che duròò alcuni giorni e che si concluse con un incendio doloso provocato dal proprietario Mr. Johnson che bloccò tutte le porte della fabbrica per impedire alle operaie di uscirne. Fu Rosa Luxemburg,

politica e rivoluzionaria tedesca, a proporre questa data, in ricordo della terribile tragedia, come una giornata di lotta nazionale a favore delle donne. Un giorno per riflettere sulla condizione femminile e per organizzare lotte per migliorare le condizioni di vita della donna. Col tempo questa data assunse un’importanza mondiale, anche se nel corso degli anni si è perso un po’ il vero significato di questa ricorrenza. Il simbolo di questo giorno è la mimosa, risale al 1946, e fu una scelta dell’UDI (Unione Donne Italiane). La fioritura avviene proprio nel periodo della festa, fes e questo fiore di color giallo, rap rappresenta la v vitalità, la forza, la gioia e il passaggio dalla morte alla vita così da ricordare le donne che so battute per si sono l nascita i della giustizia la nei loro confronti. Oggi, questo giorno, oltre ad avere una valenza sociale, rappresenta anche un’occasione per le donne, per le amiche di uscire assieme per una piacevole serata.

Al Re Ferdinando, pubblico numeroso, soprattutto donne, per la presentazione del libro di Daniela Brancati.

“OCCHI DI MASCHIO” LA DONNA NEL 2000 L’autrice: “In tv donna compiacente, spesso non competente” • di Maria Luisa Esposito

N

ella splendida cornice dell’ Hotel Re Ferdinando, il 25 febbraio, è stato presentato il libro “Occhi di maschio. Le donne e la televisione in Italia. Una storia dal 1954 ad oggi” scritto da Daniela Brancati, scrittrice, saggista, er giornalista, prima donna ad aver diretto un telegiornale in Italia.. Il ruolo sociale della Rai, il suo ento iniziale progetto di intrattenimento ettivo educativo-pedagogico con obiett l’innalzamento culturale, inizia a vanificarsi con l’arrivo della televisione commerciale. L’archetipo di questo cambiamento sono state le ragazze maggiorate fast food (in copertina), portate per la prima volta in televisione nel 1983. Il problema di fondo indagato dall’autrice riguarda per lo più lo “sguardo maschile”, dal quale il libro prende il titolo. Su questo sguardo sono stati costruiti i contenuti che

pongono la donna come osservata e non osservatrice. Lo spettatore della tv commerciale dev’essere “intrattenuto” senza far funzionare molto il cervello con programmi che hanno il solo scopo di tenerlo agganciato al televisore in attesa dello spot. Per dirlo con le parole della Brancati: “Perchè la donna sembra protag gonista ma non lo è, poiché è l���uomo dietro la telecamera che, la guida, per compiac il maschio che guarda compiacere da casa casa”. La scrittrice, ha raccontato che sentiva sen la necessità di scrivere quest questo libro da almeno trent’anni e lo l ha scritto in soli cinque mes mesi, raccogliendo e offrendo info informazioni di pieno valore, av avvalendosi anche di preziosi in interventi di chi, come lei, q questa storia, dal 1954 ad og l’ha vissuta. Il libro oggi, include tra l’altro un dizionario biografico che ha per protagoniste oltre 800 donne della nostra tv e si conclude con l’intervista a Lorenza Lei, prima donna direttore generale della Rai. Questo libro, quindi, sembra essere un invito a riflettere sul ruolo sociale della donna nel ventunesimo secolo e poiché “le donne in televisione sono più compiacenti che competenti” perchè non iniziare dall’8 marzo 2012 ad invertire tale tendenza?

enjoy your work

14 Marzo | Roadshow ore 15:00 | Ischia (Na) | Sorriso Thermae Resort Baia di Citara | Forio d’Ischia

Gentile albergatore, la Ericsoft in collaborazione con la Global Network ha il piacere di invitarla alla presentezione del nuovo software [suite 4°] Global Network

Ericsoft

tel&fax: +39 081_984102 contact: Via dello Stadio_47 80077_Ischia_Na web: www.iglonet.it e_mail: info@i-network.it

tel&fax: +39 0541_604894 contact: Via Adriatica_62 47843_Misano Adriatico_Rn web: www.ericsoft.com e_mail: info@ericsoft.com


10

• METEO

8 - 13 marzo 2012

www.corrieredellisola.com

$FOUSPFTUFUJDPEJ.BSJB%"NCSB FTDMVTJWJTUB8BMNZrNBLFVQ"SUEFDP

r*ODPOUSJTVBQQVOUBNFOUP r4PMBSJVNDPOQPMUSPOBNBTTBHHJP r%PDDJBTPMBSFBOUJQBOJDP r%FQJMB[JPOFDPODFSFUUBFMFUUSPEFQJMB[JPOFMVDFQVMTBUB r"QQMJDB[JPOFDJHMJB r5SBUUBNFOUPCFOFTTFSFNBOJQJFEJVOHIJF r1FEJDVSFDVSBUJWP r3JDPTUSV[JPOJVOHIJFDPMBUFHFMTNBMUPTFNJQFSNBOFOUF r%FDPSB[JPOJBSUJTUJDIFBQQMJDB[JPOJTXBSPTLZ r5SVDDPQFSTPOBMJ[[BUPTQPTBDBNPVáBHFBSUJTUJDP r.BTTBHHJDPSQPWJTPMJOGPESFOBHHJBZVSWFEBBOUJTUSFTTUPOJàDBOUJ r5SBUUBNFOUPEJQVMJ[JBWJTPTDIJFOB r5SBUUBNFOUPBMMhBDJEPKBMVSPOJDPBOUJBHFDPODBMDP r'PUPSJOHJPWBOJNFOUPDPOMVDFQVMTBUB TDIJBSFOUFBOUJBHFBDOFTNBHMJBUVSF r5SBUUBNFOUJSJEVDFOUJBMDPODFOUSBUPBUUJWPEJBMHIF r5SBUUBNFOUJSBTTPEBOUJ r1FFMJOHNFDDBOJDP r*OQJÜTJFMBCPSBOPQBDDIFUUJQFSTPOBMJ[[BUJ QFSPHOJPDDBTJPOF DPNQMFBOOJ BOOJWFSTBSJ FDD

centro estetico Mavisia

7JB-FPOBSEP.B[[FMMB @*TDIJB /" @@EJGSPOUF3JTUPSBOUFEB;JP1FQQF@NBSJBEBNCSB!MJCFSPJU

FEPQPJMHSBOEFTVDDFTTPFOPWJUÆDIFBCCJBNPSJTDPTTPDPOMFOPTUSFBSU QSPOBJMOFMBSSJWBVOhBMUSBHFOJBMFFTDMVTJWBi Gel Camaleontici... DBNCJBOPDPMPSFJOCBTFBMMBUFNQFSBUVSBEFMMhBNCJFOUF

Fantastici colori ti aspettano!!!!!!! Solo da Mavisia


redazione@corrieredellisola.com

11

STORIE •

8 - 13 marzo 2012

Il nuovo eremita Agostino Iacono

L’EPOMEO È LA SUA MONTAGNA

• di Roberta Maria D’Ambra

I

n questi giorni, come molti ben ricordano, Ischia si è colorata di bianco. Forse chi lo ricorda meglio sono gli abitanti di Serrara Fontana che hanno vissuto in prima persona il freddo della bellissima neve che ha imbiancato tutto l’Epomeo. Un posto che purtroppo non tutti conoscono, anche molti isolani sono allo oscuro dello splendore di tutta la costa isolana che si ammira dal monte alto circa 787 metri. Proprio lì, quasi in cima, abita un ragazzo che crede vivamente nei suoi valori, nel suo lavoro, e nella possibilità di far rinascere la nostra isola; che è fortunato perché vive la maggior parte della sua giornata, in un vero e proprio paradiso terrestre. Il suo nome è Agostino Iacono nato e cresciuto in quel di Serrara che non cambierebbe per nessun altro paese al mondo: “Io se devo lasciare

3 mesi in una fabbrica, ma nemmeno questo lo rendeva felice, c’era qualcosa che gli mancava, qualcosa che appagasse la sua voglia di vivere a pieno la sua terra natia con tutte le sue contraddizioni e limiti. Nel 2000 apre un negozio di souvenir in una vecchia cantina del nonno, dove decide di mantenere il vecchio nome “Miscillo Souvenir”. Oltre ai classici souvenir, Agostino vende delle sculture fatte da lui con tronchi del posto che raccoglie di inverno e scolpisce appena ha un po’ di tempo libero. Ci mette davvero tutta la passione che una persona questo posto, dice con il viso che si ci mette in quello che ama di più al illumina di felicità,per andare a vivere mondo e lui è proprio una di quelle. da un’altra parte, preferisco andare Ha sempre un sorriso sulle labbra via dall’isola, il mio posto è qui ed io quando racconta le sue emozioni e la lo amo per tutta la sua incantevole sua speranza non muore facilmente e unica bellezza”. Ha frequentato le “Il mio intento è quello di fare turiscuole medie ad Ischia, perché il pasmo assieme , di riprendere le vecchie dre ci teneva che imparasse il tedesco tradizioni perché la gente che viene e il suo sogno era quello di navigare in a ischia non vuole la limousine o il mare aperto, quindi iniziò a frequenmercedes, vuole la motoretta, il cavaltare l’Istituto Tecnico Nautico, ed lo che tira la carrozza, vuole trovare è proprio quando si una persona come Il mio posto è qui me con la zappa in avvicina la data del ed io lo amo per diploma che incontra mano, che coltiva un anziano che, con il giardino” dice tutta la sua una mano sulla spalla, fiero di quello che incantevole ed gli disse: “Agostì il fa e di come vuole unica bellezza mare è per i pesci, mantenere viva lascia sta!”. Questa cosa colpì molto le antiche tradizioni che hanno reso Agostino, tanto da fargli girare nella Ischia famosa nel mondo. Ama pasmente quelle parole e farlo riflettere sare le ore con i turisti per raccontare sul suo futuro. Decise di frequentare loro la storia di quel posto che ormai a Napoli per 2 anni l’istituto Tecnico conosce meglio delle sue tasche, Commerciale iniziando a lavorare per perfino gli alberi, le foglie, le pietre,

non hanno segreti. Ha una parete piena di cartoline provenienti da ogni parte del mondo: “Vendo poco ma chiacchiero tanto, e queste sono tutte cartoline che mi hanno spedito i turisti. Non ho mai chiesto nulla per il tempo che dedico loro, preferisco fare amicizia e loro ricambiano ricordandosi di me spedendomi gli auguri”. Quando inizia a parlare della sua vita, non si fermerebbe mai,, è un fiume in piena, riccoo di tanti bei ricordi e uno di questi me lo racconta con tanta passione: “Quasi un anno fa, insieme ai miei due più cari amici: Eugenio e Peppe, abbiamo creato una società con il a” I nome “Epomeo in sella”. nostri mezzi di trasporto sono 4 fedelissimi cavalli, che ormai sono parte integrante di questa piccola “famiglia”. Il loro maggior impegno è quello di portare, in sella ai loro cavalli i turisti fin su alla cima del monte per far assaporare e gustare tutta la sua immensità, i suoi profumi naturali, i suoi colori, gli splendi tramonti e le albe che solo in pochi hanno avuto la fortuna di conoscere e di apprezzare. La cosa che è più da apprezzare in questi giovani isolani è quella, che a differenza di tanti, che sono alla perenne ricerca di un posto fisso, loro invece hanno scelto di portare avanti il lavoro che già facevano prima i loro genitori e i loro nonni. Chiude questo

nostro incontro con una massima che starebbe bene sulla bocca di una persona anziana o di qualcuno come loro che vivono intensamente la loro giornata: “Sono convinto che se si riuscisse a vedere e conoscere tutto quello che di bello e di verde è rimasto sulla nostra isola, dall’alto della sua vetta, sicuramente aumenterebbe in tanti l’amore per la nostra terra. Perché non è solo grazie alle terme ma si può sperare che e al mare rina un turismo comrinasca p pleto. Quello che deve essere stroncato, per concludere, è l’invidia che alberga in tantissimi isolani. Noi per e esempio abbiamo fatto una società in cui ognuno è indispensabile indis all’altro per questo, quest’anno ho iniziato un corso a Milano alla clinica veterinaria per diventare maniscalco e completare perfettamente il trio indistruttibile composto da me, Eugenio diventato ormai istruttore, Peppe, responsabile della scuderia, che è stato congedato come cavaliere dall’accademia militare”. Inoltre sono affiliati alla Federazione Italiana Turismo Equestre Trec che regolarizza il tutto. Mentre sto andando via, mi grida dietro: “metti bene in evidenza che io voglio e farò di tutto affinchè i turisti che vengono a vivere le splendide sensazioni che provo io ogni giorno”. Foto A. Pesce

Una bella favola di questi gironi che ci dovrebbe far riflettere a lungo

PASQUALE E POLDO UNA STORIA BELLISSIMA

U

na storia quella che vi voglio raccontare oggi che dimostra che fra di noi esistono ancora certi valori che rendono la nostra vita degna di essere vissuta. Purtroppo la raccontiamo come se fosse una favola omettendo luoghi e nomi perché altrimenti come in ogni favola, dove si sono orchi e streghe, proprio quest’ultimi la potrebbero aver vinta e togliere il lieto fine a questa bella storia. Quando alcuni amici me l’hanno raccontata sono rimasto molto colpito e spero che in chi la leggerà dia le stesse sensazioni r provochi profonde riflessioni. Su un’isola non troppo distante dalla nostra vivevano felici Pasquale e il suo amico fedele Poldo, uno splendido bastardino trovato per strada e subito adottato da Pasquale; si accontentavano davvero di poco ed erano anche felici, come lo possono essere proprio due anime semplici come loro. Trascorrevano i loro giorni fra lunghe passeggiate quando le condizioni meteorologiche lo permettevano o lunghe soste nella povera abitazione di Pasquale illuminata e riscaldata proprio da questo grande sentimento che li unisce. Ma come in tutte le belle favole il dramma stava fuori all’uscio e si materializzava con lo sgombero del povero Pasquale che dall’oggi al domani si è trovato senza abitazione. Per fortuna nel paese in cui vivevano esisteva un Centro di accoglienza per le persone bisognose, che però subito fu chiaro e categorico, niente cani, in quella struttura non vi erano le condizioni per poter ospitare

anche l’amico fedele dell’uomo. Il dramma nel dramma, pensa e ripensa e a Pasquale è venuta l’idea di cercare di trovare anche per il suo amico fedele un luogo adatto che lo accogliesse e potesse offrire anche a lui un tetto e un pasto quotidiano. Dopo aver chiesto in giro viene a conoscenza che sull’isola esiste una possibilità offerta da una povera vecchietta straniera che aveva creato una struttura dove accogliere gli animali abbandonati. Pasquale con il cuore pieno di gioia affronta a piedi il lungo percorso e raggiunge la struttura ubicata lontano dagli uomini e immersa in un bosco profumato. Qui viene accolto da due simpatici lavoratori che erano intenti a pulire e a dare da mangiare a tanti cani e gatti che erano alloggiati in tante bellissime gabbie. I due lo fanno entrare e gli dicono di aspettare il loro capo: il dottore veterinario che sarebbe giunto di li a poco. Pasquale e il suo amico gironzolano nel frattempo nella struttura e non posssono non notare che in quel luogo gli animali vengono trattati davvero bene. Pasquale rivolgendosi all’amico fedele gli dice: hai visto anche per te abbiamo trovato una soluzione, qui starai bene e io ti assicuro che tutti i giorni ti verrò a trovare. Nel frattempo arriva

il veterinario che indossato il camice bianco come tutti i dottori parla concitatamente con i due giovani, Pasquale non capisce quello che si stanno dicendo, ma inizia a preoccuparsi. Il suo amico, Poldo,viene sottoposto ad una accurata visita, durante la quale viene rilevata una eccessiva obesità, dovuta molto probabilmente al troppo amore dell’uomo e la mancanza del microcip, parola che il buon Pasquale non sa nemmeno pronunciare. La vera mazzata arriva quando viene comunicato che il cane non può essere accolto e che dopo aver avvisato l’ASL, dovrà essere accompagnato in un canile della terra ferma. Il buon Pasquale cade in un profondo sconforto e inizia a piangere pregando in tutti i modi le tre persone che erano la sua ultima speranza di tenerlo lì, perché lui non aveva più l’abitazione e dove aveva trovato accoglienza non poteva tenerlo. Era una scena davvero straziante quella a cui stavano assistendo increduli, ma le leggi erano chiare e loro non potevano fare proprio nulla, anche perché su quell’isola si aggiravano orchi e streghe pronti ad intervenire per far chiudere quella struttura. Intanto il cane e il povero uomo, che appena arrivati credevano di aver risolto tutti i

loro problemi, versano in una condizione psicofisica davvero pietosa che colpiva non poco i tre addetti alla struttura ricettiva degli animali e che non potevano non fare qualcosa per quelle due povere anime che si apprestavano ad andare via. Decidevano quindi dopo un breve consulto di offrire una opportunità ai due offrendo una temporanea accoglienza all’animale in attesa di trovare una sistemazione migliore. Pasquale non sapeva più come ringraziare i tre e lo stesso faceva Poldo che trasportato dalla felicità del padrone scodinzolava felice. Poldo veniva alloggiato in una gabbia libera e il buon Pasquale raggiungeva con un bus di linea il suo centro di accoglienza più felice che mai. Il giorno dopo i tre addetti si trovarono Pasquale di nuovo fuori al cancello che chiedeva di passare un po’ di tempo con il suo amico cosa che gli veniva concessa e i due passeggiavano felici fra i viali del canile. Questa è una storia che si ripete tutti i giorni e in cui si fa finta anche di non vedere che fra un dialogo e l’altro Pasquale allunga furtivo all’amico Poldo di volta in volta un biscotto, un Wurstel, una scatoletta di simmental e altre leccornie. In questo modo grazie alla grande sensibilità dei tre addetti al canile si è evitato un dramma nel dramma e si permesso a due sfortunate creature di continuare la loro misera vita insieme nonostante le tante avversità. Adesso c’è solo da sperare che le streghe e gli orchi stiano lontani da quella struttura per un po’ di tempo per non interrompere questa bella storia. Peppe D’Ambra


12

• DANZA

8 - 13 marzo 2012

www.corrieredellisola.com

Uno scatenato gruppo di ragazze invade il parquet di legno. Nei loro occhi c’è voglia di stupire

IN PUNTA DI PIEDI

• di Pietro Di Meglio

A

Forio uno scatenato gruppo di ragazze invade il parquet di legno della sala prove, alcune cominciano a mettersi difronte allo specchio e altre montano la sbarra per la lezione. Nei loro occhi c’è voglia di stupire. Le giovanissime ballerine della Compagnia della Danza hanno ancora impresse le immagini della loro partecipazione a Danza in Fiera 2012 presso la Fortezza da Basso di Firenze. Tutte alla prima esperienza.

Per loro è stato un po’ come andare in America o addirittura in Cina. Un universo sconosciuto che incuteva paura, perché non sapevano a cosa andassero in contro, ma che ognuna di loro in fondo sentiva già di conoscere. Sapevano che essere spaventate non aiutava a capire la forza che si poteva tirare fuori da un evento così importante. E più cantavano allegramente in pullman il tormentone di Michael Telo ‘Ai Se Eu Te Pego’, più si avvicinavano al debutto e i loro ‘guai’ aumentavano. Il loro racconto del viaggio infatti è

un rumoroso miscuglio di emozioni che testimonia tutta la tensione e tutta l’energia che avrebbero espresso al momento di mettersi in punta di piedi. Il viaggio è stato così un divertente sconvolgimento delle regole, un carnevale cha ha contribuito a mantenere l’equilibro e la tensione al giusto livello. Ovviamente il caos era solo apparente, perché la realtà era opposta. Ognuna sperava di apprendere o ricercava il segreto per danzare leggera come il volo di un uccello. Una volta in fiera il cuore ha cominciato a battere forte, la notte

insonne non si sentiva minimamente e fino al momento prima di danzare la tensione era tanta, ma magicamente si è sciolta al primo passo. Cinque anni ci sono voluti. Un lustro alle dipendenze dell’amorevole severità dei loro insegnanti (Guy De Boch su tutti) per cominciare a realizzare il sogno di poter danzare per sempre, ma come ci confessano tutte, “prima ci aspetta un duro allenamento!” La competizione ha suscitato in loro ancora più entusiasmo tanto che accarezzano l’idea di mettere in piedi spettacoli sull’isola

e fuori dall’isola. Perché raccontano che “la danza sull’isola non è compresa e che se noi facessimo più spettacoli forse riusciremmo anche a trasmettere agli altri la nostra grande passione per quest’arte”. Molte di loro vivono la danza come un modo per scaricare le tensioni. Alcune hanno iniziato per problemi fisici, altre perché spinte dai genitori, altre invece perché convinte di poter diventare professioniste. Sta di fatto che sono tutte veramente affascinate e coinvolte. Pronte a mettersi in scena.

esclusivista di zona

Da 40 anni al CENTRO ESTETICO

scegli la bellezza

Vostro Servizio C.so V. Emanuele, 4 80074 Casamicciola Terme Tel/fax 081 995801 - annawhitehead@libero.it www.centroesteticoanna.eu


redazione@corrieredellisola.com

13

SPORT •

8 - 13 marzo 2012

La squadra vince senza entusiasmare. Ma le concorrenti non mollano, anche se non sempre per meriti sportivi

CAPOLISTA SUL CAMPO, FANALINO DI CODA NELLA STANZA DEI BOTTONI

ISCHIA, È ORA DI FAR SENTIRE LA TUA VOCE

• di Pancrazio Arcamone

T

utto come nelle previsioni. L’Ischia batte il Real Nocera del sindaco-allenatore Montalbano e conserva il primato in classifica. Non si è trattata di una passeggiata, come qualcuno pensava. Malgrado il divario in classifica di oltre trenta punti, i gialloblu si sono dovuti impegnare a fondo per aggiudicarsi i tre punti. Purtroppo, come sempre il gioco non è stato proprio esaltante. E questo è cosa nota. Per fortuna a prevalere ancora una volta è stata la bravura e la voglia dei singoli. I tre gol di pregevole fattura sono la prova evidente delle capacità tecniche dell’organico messo a disposizione di Mandragora. Una nota particolare merita la rete di Ercolano. Una rete bellissima con un destro a giro che ha deliziato la platea. Per la prima volta l’attaccante non è andato in gol sfrut-

tando la sua nota bravura nel gioco aereo. Il gesto tecnico lascia intuire che anche con i piedi, all’occorrenza, sa il fatto suo. La vittoria del campionato a questo punto dovrebbe riguardare solo Ischia, Martina e Sarnese. Credo poco in un ritorno di Casertana e Francavilla. Recuperare da qui alla fine gli otto punti di distacco dall’Ischia è quasi impossibile. D’accordo che nel calcio niente va dato per scontato, ma in questo caso penso che i giochi ormai siano fatti. Ammesso che le restanti gare si disputeranno ad armi pari. E solo sul rettangolo verde. Bisogna stare in campana e non abbassare la guardia. Da tempo si parla di possibili ingerenze esterne, atte a favorire qualcuno. Ho sempre dato poco credito a queste voci, pensando che potessero essere comodi alibi in caso di insuccesso finale. Se incomincio a ricredermi, è per il fatto che quelli che

erano semplici bisbigli ultimamente sono diventate voci assordanti. A far montare la diffidenza alcuni episodi che vedono protagonista sempre la medesima compagine: Il Martina. I pugliesi, quando le cose non vanno per il verso giusto, prima del suono della sirena, puntualmente riescono a raddrizzare la giornata grazie a qualche topica arbitrale. Definire vergognoso quanto successo domenica con l’Internapoli non è per niente esagerato. La direzione di Baroni di Firenze è stata sconcertante. In apertura di ripresa ha fischiato un calcio di rigore visto solo da lui. E come se non bastasse ha espulso il portiere Ciccarelli. Picci dagli undici metri ha fallito la trasformazione. Malgrado l’uomo in meno, i napoletani hanno venduto cara la pelle. Quando la partita sembrava avviata a chiudersi con le reti immacolate, ci ha pensato di nuovo Baroni a mettere le cose a posto con un altro penalty, che Picci stavolta non ha fallito. Alla fine il tecnico Sorrentino non è stato tenero nei giudizi. La beffa per una sconfitta “scientifica”ha fatto il paio con i cori beceri e offensivi degli spettatori. Lo stesso trattamento fu riservato a noi isolani, accusati di essere dei camorristi. Mi sorge il sospetto che nella Regione che ha dato i natalizi alla sacra corona unita, che non è un’opera missionaria, l’arte di capire le debolezze altrui sia cosa radicata proprio per la loro antica cultura.

A questo punto voglio sperare che la società si faccia sentire. Bisogna “disturbare” il “manovratore” e far comprendere che da queste parti nessuno è fesso. Forse siamo carenti dal punto di vista diplomatico, curando poco le pubblic relations. Eppure i componenti della società sono personaggi di spessore. In attesa che Carlino ne diventi il presidente, il sindaco Ferrandino, Senese, e Prospero Santo dovrebbero frequentare più assiduamente la stanza dei bottoni. Forse i veri nemici dell’Ischia si annidano proprio lì. Se capita che vai all’ingresso riservato ai giornalisti e scopri che per “TeleIschia” non c’è accredito, come è successo domenica, può essere fastidioso. In fondo la cosa si può sempre risolvere con una decina di euro, quanto è il costo del biglietto. Ma se chi dovrebbe garantire il regolare svolgimento del campionato, dimentica di mettere la parola imparzialità in cima alla scala dei valori, allora corri il rischio di mandare a puttane la stagione. Quello che nessuno si augura. Negli undici che sono scesi in campo con il Real Nocera non c’era neppure un giocatore isolano. È la prima volta nella storia che succede un fatto del genere. In panchina c’era Trofa che nella ripresa è subentrato a Mazzeo e ha marcato il cartellino con un bel gol. Savio invece è stato relegato in tribuna, e non è la prima volta che il foriano è costretto a guardare i compagni stando tra i

tifosi. Stesso discorso per Saurino. Un’Ischia senza una rappresentanza locale non ha senso. Lello Carlino volato in Cina per affari, non ha potuto assistere alla partita. Al suo posto abbiamo notato il suo amico Maione. Il patron della Carpisa Yamamay molto probabilmente è stato aggiornato da quest’ultimo in tempo reale sull’esito dell’incontro. L’imprenditore napoletano, ischitano di adozione, ha confermato il suo ingresso in società a partire dalla prossima stagione, quando insieme ad un gruppo di facoltosi imprenditori della terra ferma, alcuni già con alle spalle esperienze dirigenziali in club di prestigio, cercherà di trasformare l’Ischia. Carlino spera che almeno un venticinque per cento della nascente società sia composta da imprenditori del posto, cosa quanto mai difficile tenuto conto dell’ atavica insensibilità registrata sempre verso le tematiche sociali. A tal proposito basta ricordare che i momenti di maggiore splendore della squadra di calcio, sono coincisi sempre con il coinvolgimento di imprenditori non del posto. Ma questa volta le speranze di Carlino almeno in parte non dovrebbero andare deluse. Infatti, stando all’ultima riunione tenutasi la scorsa settimana, qualche noto albergatore del posto si è affacciato timidamente per capire cosa bolle realmente in pentola. Che sia la volta buona?

IMPIANTI di A. Agnese e M. Lombardi

€

NON PAGHI LA CORRENTE ELETTRICA

FOTOVOLTAICI

Lubrano Antonio Energy Manager Tel. 081905639 Mob. 347 9102464

PREVENTIVI GRATUITI SU:

wwww.newimpiantistica.it

LEADER A ISCHIA CON 250 KWP INSTALLATI


14

• SPORT

8 - 13 marzo 2012

www.corrieredellisola.com

A cura del programma radiofonico di Claudio Iacono SOLI AL COMANDO - RADIOTRECCIA.IT

AENARIA E FORIO GIGANTEGGIANO PAREGGIA IL PROCIDA E PERDE IL BARANO

Il Procida mette paura al Savoia! di Mario Lubrano Lavadera Una gara dalle mille emozioni. L’impresa che sembra lì a portata di mano ma che per un nulla svanisce. Inizio strepitoso del Procida : la formazione isolana va subito all’attacco conquistando un corner. Dalla bandierina va Alessandro Gaveglia, Liccardi spizzica di testa e sul secondo palo è lesto Quaranta che in mezza girata infila la palla nell’angolino alla destra del portiere Vitiello. Al 10’ ci prova Corsale, uno dei migliori per il Savoia, ma la palla si perde a lato. Termina il primo tempo ma la contesa

tra le due squadre continua anche negli spogliatoi. Montaperto dice qualcosa di troppo a Busiello e gli animi si scaldano con Ottobre che tira una manata sul volto di Malgieri. L’arbitro è attento e vede tutto ma decide di espellere sia il capitano del Savoia che il difensore del Procida. La ripresa inizia da due minuti e Ambrosino si invola verso la porta e serve un assist perfetto per il coetaneo Siniscalchi che di sinistro mette in rete. E’ il tripudio : lo “Spinetti” impazzisce, il Procida è in vantaggio 2-0 sul Savoia. Passano appena cento secondi dal gol del 2-0, Guarro riceve una palla sulla

sinistra e la crossa al centro per Montaperto che di testa colpisce il palo con la sfera che viene poi respinta da Capece. Per l’assistente del direttore di gara è gol con il portiere del Procida che poi ammetterà che la palla era effettivamente entrata. Al 91’ rimessa laterale dalla destra di Pallonetto, grande sponda proprio di Montaperto che libera per la deviazione vincente il giovane Onda. Il Savoia pareggia e alla fine si trova addirittura a dover festeggiare per un punto ottenuto sull’isola di Procida.

L’Aenaria mostra i muscoli: contro la capolista è 3-1! Dalla redazione Aenaria che vince e convince al “Patalano” di Lacco Ameno, dove la Real Ortese, capolista del girone, viene annichilita dalla grinta dei ragazzi di Salatiello. La partita inizia e subito l’Aenaria dimostra di essere in palla, con un Del Deo

sempre più decisivo, Iannotti tutto grinta e corsa a centrocampo. Proprio sul destro di Antonio Del Deo capita la prima occasione buona, ma la mira non è quella giusta. Il copione resta quello per tutta la prima frazione: l’Aenaria fa la partita e la Real Ortese cerca di reagire, ma senza troppa fortuna. Il vantaggio rossonero arriva meritatissimo al 41’ quando Mattera buca la porta di Giallaurito con un destro sul primo palo. Archiviato il primo tempo in vantaggio, i rossoneri subiscono il pareggio degli ospiti che arriva al minuto 14’ con Messa che insacca di testa su azione d’angolo. Il pareggio sta stretto all’Aenaria, ma dopo soli 4’ l’arbitro Monda concede un rigore alla squadra lacchese dopo un fallo subito da Iovene in area. Lo stesso Iovene trasforma e rimette le cose per il verso giusto. La squadra del capocannoniere Insigne prova una reazione, ma la doccia

fredda arriva sempre dal destro secco di Iovene che dai 25 metri trafigge ancora Giallaurito mandando in visibilio il pubblico del “Patalano”. Poco da segnalare fino alla fine del match e così l’Aenaria può continuare la sua striscia di vittorie, smettere di guardarsi le spalle con ansia e prepararsi a un finale di stagione decisamente più tranquillo.

Barano KO a Miano Dalla redazione Continuano i guai in casa Barano dopo un’altra partita senza punti, questa volta a vantaggio del Miano, anche se le polemiche non mancano. Scortati dalle forze dell’ordine nell’arrivo al campo, i bianconeri di Iovine vanno in svantaggio su un calcio di rigore inventato dalla terna arbitrale dopo che Battaglia rinvia sul volto di Capogrosso, vedendo in qualche modo un fallo di mano. Simone Farina porta il risultato in pareggio al 20’ del primo tempo e nella prima parte del secondo tempo il Barano avrà

anche qualche occasione per passare in vantaggio, ma la seconda rete del Miano nega anche il pareggio ai ragazzi di mister Iovine.

Finalmente Forio! Dalla redazione Nello scontro diretto per la salvezza contro il Vis Capua i 3 punti conquistati dal Forio valgono oro. Il primo tempo inizia col Forio in avanti a cercare il vantaggio che arriva direttamente da un calcio d’angolo battuto da Noviello, complice la difesa del Capua che resta immobile. Nella ripresa il Forio cerca subito il raddoppio e al 15’ è Gaetano Musella di testa, su cross di Maddaluno, a segnare la rete del 2 a 0. Il Vis Capua scompare e Maddaluno ha la possibilità di servire ancora il pallone a Musella che non ha problemi a realizzare la doppietta personale e quello che sarà il gol che chiuderà definitivamente la partita, con il quale il Forio otterrà 3 punti importantissimi per la corsa salvezza.

SA.CO. TREECLIMBINGISCHIA

COSTRUZIONI S.R.L.

BLOCCA IL PREZZO offerte valide fino al 29/02/2012

SPECIALE PONTEGGI NOLEGGIO & MONTAGGIO

NON DARGLI UN TAGLIO NETTO!

9 € al mq

SCEGLI LA GIUSTA POTATURA PER LE TUE PIANTE Il TREECLIMBING è una tecnica per lavorare in quota, in completa sicurezza, senza l’uso di macchine º

Possibilità di accedere a piante o parti di esse non raggiungibili mediante autoscala;

º

Possibilità di lavorare in modo “fine”, di raggiungere le parti interne della chioma (rimozione di rami secchi o consolidamenti) senza danneggiare le parti più esterne;

º

Minore costo, sopratutto in caso di intervento su una o due piante, rispetto al noleggio di un autoscala;

TREECLIMBINGISCHIA infoline 347 8831897 treeclimbingischia@gmail.com

PAGAMENTI PERSONALIZZATI

SPECIALE ASFALTO

1 strato di 4mm di “Tipo polyglass” + 1 strato di pitturazione colore “bianco, verde e rosso”

9 € al mq Offerte su intonaci facciate Weber e Mapei Barano - Via Giuseppe Garibaldi, 60 - Tel. 081 901488 cell 335 7145363


redazione@corrieredellisola.com

15

SPORT •

8 - 13 marzo 2012

BASKET - Continua il momento no dell’Ischia

CESTISTICA

DUE FACCE E ZERO PUNTI

VOLLEY Serie D maschile I ragazzi di Cambria battono i napoletani, la C è più vicina

L’ISCHIA VINCE FACILE E VOLA IN VETTA

I gialloblu perdono malamente con Pozzuoli, si riscattano solo sul piano del gioco con la Folgore Nocera • di Sacha Savastano

D

oveva essere il momento della svolta, ma quasi come a voler testimoniare una sorta di perversa coerenza, la Cestistica Ischia conferma tutto ggio (sfortuna il meglio e tutto il peggio ria altacompresa) della propria dendo lenante stagione, perdendo ntali due partite fondamentali e compromettendo il prosieguo di una regular season che, a questo punto, non perdonerà più errori di alcun tipo. Mercoledì 29, va in scena il recupero con-tro la Virtus Pozzuoli,, la buona sorte come già olta accaduto più di una volta da clamorosamente lee spalle al i l è che h quintetto Ischitano: ill risultato un punto fermo come Migliaccio sia costretto a giocare nonostante la febbre alta, che Mennella sia addirittura escluso dal match per dei guai muscolari, andando ad affollare un’infermeria già strapiena. Il risultato è facilmente prevedibile, la Cestistica sbanda paurosamente per tutto il match e deve cedere 60-55 in uno scontro diretto tranquillamente alla portata, contro un avversario che di certo non è superiore alla compagine isolana. Tutt’altra storia, paradossalmente, contro una

grande del girone quale la Folgore Nocera, attualmente terza ed in lotta per la promozione, in grado di prevalere al PalaTaglialatela per 73-65 ma con enorme fatica, al termine di un match divertente e ben giocato in cui il divario tecnico tra i due team pareva davvero essere scomparso. Su Sugli scudi il giovane Rizzotto, ddavvero da tenere d’occh d’occhio, 100% di successo sui ttiri da tre e autore co complessivamente di uundici punti, una serie impressionante che pareva aprire scenari di insperata vittoria per la Cestistica, poi purtroppo nnon realizzati. Gira davvero tutto storto, poco poc da aggiungere; che si giochi bene be o male i ragazzi di Castaldi C ldi sembrano b non riuscire ad uscire da una crisi di risultati immeritata sul piano del gioco, dovuta anche alla fatica conseguente a tanti impegni così ravvicinati. Occorre ripartire da quanto di buono fatto contro Nocera per riuscire ad agguantare una salvezza ancora possibile per una formazione che non ha quasi mai demeritato; serve voglia di lottare fino alla fine, compattezza, grinta. Sperando, va detto fuori dai denti, nella fine della persecuzione da parte di una finora troppo attiva Lady Jella…

Nuovo successo dei gialloblù che si riprendono la classifica • di Maria Luisa Esposito • foto Maria Mattera

D

omenica 4 Marzo, presso la “Scotti”, la squadra di pallavolo maschile ischitana ha disputato una nuova partita ed ha vinto facilmente contro i Black Liones Napoli, formazione di medio-bassa classifica che non ha più niente da chiedere al campionato. L’incontro rappresenta il secondo dei tre recuperi da effettuare. Alla presenza di pubblico abbastanza numeroso, il match, che è durato poco più di un’ora, ha evidenziato un forte divario tecnico tra le due squadre. L’Ischia è scesa in campo con Di Costanzo in regia e Bruno opposto, centrali Cannovo e Iacono, in banda Di Iorio e Di Massa, libero Ferrandino. Solo all’inizio del primo set i gialloblù sono sembrati un po’ in difficoltà, ma subito dopo la chiamata del time out da parte del mister, non c’è stata più storia. Da notare la bella prestazione del numero 35 Giacomo Bruno, che con i

suoi colpi ha messo in seria difficoltà la difesa avversaria, e il fondamentale apporto del libero Raffaele Ferrandino, molto solido in fase di ricezione e in difesa. Nel corso del secondo e del terzo set hanno trovato spazio anche gli Under 18 Isidoro Mazzella e Gioacchino Romeo e sul finire ha trovato il modo di esordire anche Esposito, il secondo libero. Il primo set si è concluso con il punteggio di 25-18, il secondo e il terzo con il punteggio di 25-13. La lotta con il Cellole per la promozione in serie C, la massima serie del campionato regionale,, non si può perdere ed ora grazie a questa vittoria, i ragazzi di Cambria, sono in vetta con ancora una partita da recuperare, anche se nella prossima giornata, il Cellole potrebbe ritornare avanti, poiché i gialloblu riposeranno a causa del ritiro del Netgroup. Comunque, sostenuti dall’entusiasmo dei tifosi, i nostri ragazzi giocheranno il terzo e ultimo recupero, martedì 27 marzo alle ore 17.30, in casa degli avellinesi del Solofra.

Cap o SPE

CIA

Fitness

Danza

Pilates

Zumba

Sala Pesi Powerlifting

Ginnastica Posturale

Functional Training

Sauna Centro Benessere

Tel. +39 081 5071141_Strada Tel 5071141 Strada Statale, Stat e 270 270_n° n° 15 - Forio Forio_www.palestra-energy.com www palestra energy

LE

eira


16

• RUBRICHE&EXTRA

CINEMA&CINEMA • a cura di Alessandro De Cesaris

8 - 13 marzo 2012

www.corrieredellisola.com

INCANTO ERRANTE • rubrica di letteratua a cura di Paola Casulli

La pellicola francese ottiene cinque statuette, tra cui quella per la miglior regia e per il miglior film.

TRIONFO AGLI OSCAR PER

‘THE ARTIST’

L

’ottantaquattresima Notte degli Oscar ha sancito la vittoria di due film che celebrano il grande schermo, pur in modo diverso ed a tratti opposto. Cinque premi “tecnici” per ‘Hugo Cabret’ di Scorsese, già recensito su queste pagine, che ha mostrato le origini del cinema europeo in una prospettiva chiaramente hollywoodiana. Al contrario vince le statuette più ambite ‘The Artist’, una produzione europea sul cinema americano che ritrae quest’ultimo nel momento delicatissimo del passaggio al sonoro, avvenuto alla fine degli anni ‘20. Ma le curiose contrapposizioni non si fermano qui. L’opera di Michel Hazanavicius non può non far tornare in mente il celebre ‘Cantando sotto la pioggia’ di Stanley Donen, ma lo fa in modo speculare: al contrario del personaggio impersonato da Gene Kelly, il protagonista di questa nuova vicenda è dapprima un oppositore del sonoro, poi una sua vittima. Inoltre, se la pellicola del ‘52 è un musical a colori sull’epoca del bianco e nero, ‘The Artist’ ritrae il cambiamento dal versante opposto, scegliendo l’assenza di

colori e proponendosi a tutti gli effetti come un film muto.. Il film riesce a non annoiare nonostante la difficile scelta stilistica, grazie alla magistrale recitazione di Jean Dujardin e Bérénice Bejo e ad una colonna sonora gradevole e storicamente accurata. Splendido anche il comparto tecnico, che vede una regia creativa e dinamica accompagnarsi ad una notevole operazione di “invecchiamento artificiale” del film, operazione che non manca di ammiccare allo spettatore con alcune rotture nel “velo temporale” da cui quest’ultimo viene ricoperto durante la visione. Non è un caso che questo film abbia conquistato la statuetta più ambita della kermesse californiana, superando l’intellettualismo un po’ pacchiano di ‘Tree of life’ e l’arte indiscussa di registi come Martin Scorsese e Woody Allen. Si tratta di un film sul cinema e sulla drammaticità del cambiamento, un’opera magistrale in cui storia e simbologia riescono ad integrarsi senza far dimenticare che al cinema si va innanzitutto per divertirsi.

DIETRICH E RIEFENSTAHL UNA SFIDA SENZA TREGUA

E

sce in Germania, per la Hanser edizioni, Il sogno della nuova donna di Karin Wieland. La biografia parallela di Marlene Dietrich e Leni Riefenstahl. Entrambe tedesche, forti di carattere, famose e rivali, per tutta la vita si sfidarono senza tregua. A cominciare dal 1929. Fino a quella data la vita delle due frauen segue un percorso simile. Marlene interrompe la sua carriera di violinista per un’infiammazione ai tendini. Leni chiude con i suoi studi di danza per una brutta caduta. Entrambe berlinesi sono tuttavia differenti per nascita e origine. Marlene proviene da una famiglia benestante e per tutta la vita inseguirà lo sfarzo, le coppe di champagne, i manti di piume; vanitosa al punto tale che, a soli 11 anni, si sostituirà il nome da Maria a Marlene perché, sosterrà, il primo è un nome da cameriera. Leni, figlia di un proprietario di una modesta falegnameria, sarà attratta dalla natura, dalla montagna, dai viaggi in Africa orientale e dalla fotografia. Nel 1929 a Berlino, arriva il regista Josef von Sternberg per cercare la Lola dell’Angelo Azzurro. Per quel ruolo verrà scritturata Marlene Dietrich e il destino delle due ragazze subirà una svolta decisiva e molto diversa. Per la Dietrich, con le sue

lunghe gambe e la voce roca, si spalancano le porte di Hollywood, la fama e il successo mondiale. La Riefenstahl, colma di un risentimento che non l’abbandonerà mai per non essere stata scelta, diventa simbolo della Germania nazista. Nel 1933, infatti, incontra Hitler diventando la regista ufficiale del Führer. Allo scoppio della guerra, anche le posizioni politiche delle due berlinesi subiranno un divario incolmabile. Riefenstahl segue le truppe in Polonia assistendo ad un massacro di ebrei, Dietrich assume una decisa presa di posizione antinazista. Nel 1944 Marlene arriva in Europa al seguito degli Alleati dai quali riceverà riconoscimenti e onori. Leni verrà arrestata e subirà vari processi davanti alle commissioni di epurazione. Fino alla svolta finale. Marlene, che verrà ricordata fasciata nel suo abito bianco, folgorante e avvolto da piume, affronta il suo triste crepuscolo morendo a Parigi nel 1992. Leni, la nazista di cui tutti sembrano aver dimenticato il passato, riceve elogi da tutta Europa e dall’America per la sua attività di fotografa. Morirà a Francoforte nel 2003 mal tollerando, fino alla fine, che tutti fossero convinti che la Dietrich avesse gambe più belle delle sue.

Un altro successo per lo spettacolo di Eduardo Cocciardo con la Compagnia dei Ragazzi

FITNESS&FITNESS • a cura di Claudia Castagliuolo

FRAMMENTI DI CUORE ALL’ISCHIA TEATRO FESTIVAL

CULTURA FISICA

E

nnesimo successo per “Frammenti di cuore”, lo spettacolo di Eduardo Cocciardo con gli allievi dell’Accademia dei Ragazzi e la partecipazione di Enzo Boffelli, andato in scena sabato 3 marzo alla Sala Congressi “A.Rizzoli” di Lacco Ameno, nell’ambito della 12° edizione dell’Ischia Teatro Festival. Il numeroso pubblico presente all’evento ha accolto con grande calore l’esibizione dei giovani talenti diretti da Cocciardo, lasciandosi rapire dalla loro comicità spontanea e dai tanti momenti di riflessione e di commozione sapientemente distribuiti nello spettacolo. Frammenti di “Sik Sik, l’artefice magico”, “Le voci di dentro”, “Questi fantasmi”, “Ricomincio da tre”, “Pensavo fosse amore invece era un calesse”, “Le vie del Signore sono finite”, “Non ci resta che piangere”, miscelati con sketch originali messi a punto per l’occasione, con le poesie di Eduardo e di Totò, e con i monologhi di Boffelli che riportavano l’attenzione sulla realtà odierna, per un collage di pura nostalgia dove il passato

è il “nuovo” da cui ripartire. I giovani attori hanno saputo conquistare il pubblico con la loro arma migliore: la passione. Quella che dal palco dovrebbe trasferirsi agli spettatori e non restare soltanto nelle intenzioni degli interpreti. Ecco, questo il grande punto di forza dello spettacolo: la capacità di comunicare, oltre al talento ed alla bravura, la profonda passione per quel teatro che era e non è più. Per ciò che il teatro dovrebbe essere: corpo e parola, prima di tutto. Un plauso quindi a Colomba D’Abundo, Davide D’Abundo, Mariapia Pezzella, Salvio Di Massa, Giusi Iacono, Ida Matarese, Mariaflora Ielasi, Rossella Polito, Lucio Scherillo. E ora questi ragazzi dovranno concentrarsi sul grande progetto che li attende: la prossima messa in scena de “La Tempesta” di William Shakespeare nella traduzione in napoletano seicentesco di Eduardo De Filippo. Una produzione ambiziosa che debutterà a luglio per poi essere presentata a Roma nel prossimo autunno. Foto Simone De Sanctis

PER PROMUOVERE LA SALUTE E RALLENTARE L’INVECCHIAMENTO

L

a medicina anti aging si basa fondamentalmente su 5 cardini: alimentazione, esercizio fisico, integrazione alimentare, stress management, bilanciamento ormonale. Con l’esplosione del “body building” degli anni 80 vengono messi in secondo piano i concetti salutistici della cultura fisica e viene ricercato lo sviluppo muscolare cioè la “costruzione del corpo”. I maggiori aspetti dell’invecchiamento morfologico e metabolico sono la perdita di massa muscolare, di tessuto osseo, di densità cartilaginea e di acqua. Il tutto accompagnato da un aumento del grasso corporeo, da elasticità dei vasi sanguigni e da una riduzione dei vari ormoni. Invecchiando si crea una sorta di resistenza a livello muscolare che rende più difficile l’accesso dei nutrienti a livello delle cellule muscolari. Questo processo è in realtà reversibile con l’esercizio fisico, che aumenta il flusso sanguigno a livello

muscolare e rende più efficiente l’utilizzo dei nutrienti. In maniera specifica l’allenamento con i pesi stimola l’aumento della massa muscolare. Anche la densità ossea che decresce con l’età può essere contrastata con l’attività fisica, soprattutto con quella gravitazionale come corsa e sollevamento pesi. All’esercizio fisico è giusto affiancare una giusta alimentazione, magari anche con l’utilizzo di integratori. Ad ogni modo l’attività fisica va svolta curando al massimo la corretta esecuzione e badando a percepire il “pump” ed il “feeling” del muscolo piuttosto che cercare di usare carichi pesanti. La cultura fisica rappresenta lo stile di vita per eccellenza per promuovere la salute ed il benessere e rallentare l’invecchiamento e ciò che la Medicina Anti-aging si propone è prevenire precocemente evitando le malattie di tipo degenerativo cronico e prolungando gli anni di salute ed efficienza fisica.


redazione@corrieredellisola.com

8 - 13 marzo 2012

Galano Trasporti RUBRICHE •

UN'OFFERTA COMPLETA PER OGNI ESIGENZA DI SPEDIZIONE. Ritiriamo a domicilio tutto quello che dovete spedire non importa di che peso o destinazione

SPEDIZIONI NAZIONALI • INTERNAZIONALI • SER VIZIO BAGAGLI

SERVIZIO ESPRESSO, consegna e ritiro merci in tutta Italia 1 Prezzo tutto incluso dal ritiro alla consegna

2 Copertura capillare di tutto il territorio nazionale

3 Tracking on line per verificare lo stato delle spedizioni e i dettagli i dettagli di consegna

Da noi raccogli i punti Iperclub.it

Questo servizio permette di spedire e ritirare merce in tutt’Italia a prezzi veramente vantaggiosi, effettuando il ritiro presso la vostra sede o abitazione della merce e la consegna in tutta Italia.

SERVIZIO ESPRESSO ZEROTRE - ZEROTRENTA

ZEROTRE € 10,00

Il servizio comprende il ritiro della merce in spedizione presso la vostra sede o abitazione e la consegna al destinatario in circa 2 giorni oltre quello del ritiro.

ZEROTRENTA € 15,00

Peso e somma dei tre lati del pacco

SERVIZIO ESPRESSO ITALIA EXTRALARGE

EXTRALARGE € 20,00

Questo servizio non conosce limiti né di peso né di dimensioni e ciò lo rende la soluzione adatta alle spedizioni pesanti e voluminose. Il prezzo del servizio si articola su più fasce di peso, in base al peso/volume effettuvamente spedito*.

EXTRALARGE CONTRASSEGNO € 30,00 Per importi superiori a € 516,46 vi inviatiamo a contattarci.

Peso e somma dei tre Peso e somma dei tre lati del pacco lato lungo non superiore a 140 cmdel pacco

SERVIZIO ESPRESSO CONTRASSEGNO Avete necessità di spedire materiale che deve essere pagato al momento della consegna? Il servizio Espresso Contrassegno è la soluzione. Vi permette di ricevere in circa 15 giorni il pagamento del cliente a cui avete inviato il materiale. Peso e somma dei tre lati del pacco

€ 20,00

(*)Il valore tassabile è quello maggiore tra il peso reale e quelo volumetrico (calcolo del peso volumetrico in cm: altezzaxlarghezzaxlunghezza:5000) Per gli esuberi di peso (tassabile superiore 50 Kg) di spedizione di peso reale non superiore ai 50 Kg saranno tassati di € 0,45 per ogni Kg in eccesso

€ 25,00

Per importi superiori a € 516,46 vi inviatiamo a contattarci.

SOTTOSCRIVI UN ABBONAMENTO PER TE SCONTI FINO AL 50% Via V. Di Meglio 84 | 80070 Barano d’Ischia [NA] fax +39 081 906390 | info@galanotrasporti.com

tel. +39 081 990024

Via Mons. F. Schioppa 60 | 80075 Forio [NA] fax +39 081 998891 | ki183@kipointspa.it

tel. +39 081 998891

17


18

• BY NIGHT a cura di Franco Trani

8 - 13 marzo 2012

www.corrieredellisola.com


redazione@corrieredellisola.com

BY NIGHT a cura di Franco Trani •

8 - 13 marzo 2012

NICCOLO’ IELASI

NELLA DEAN’S LIST DELLA BERKLEE DI BOSTON

I

l giovane pianista ischitano Niccolò Ielasi, già da tempo ammesso dopo l’esordio alle clinics Umbria Jazz al Berklee College of Music di Boston, ha conseguito la menzione d’onore nella “Dean’s List” del semestre autunnale 2011, ovvero la graduatoria degli studenti part time o full time più meritevoli della presti-

giosa istituzione del Massachusets. Occorre raggiungere una media valutativa particolarmente alta per ottenere tale prestigiosa onorificenza (3,4 per i full time e 3,6 per i part time) e Niccolò, ancora una volta, è riuscito a non tradire le ottime premesse che da tempo lo proiettano con grandi prospettive nel panorama musicale che conta.

E’ stato proprio l’ufficio “Media Relations” della Berklee a chiedere a Niccolò di inviare il comunicato stampa ai mezzi d’informazione locali della sua città, ritenendoli “the best places to approach with a notice like this”. Bravo, Nikko: continua così!

19


20

• BY NIGHT a cura di Franco Trani

8 - 13 marzo 2012

www.corrieredellisola.com


redazione@corrieredellisola.com

21

ANNUNCI •

8 - 13 marzo 2012

ANNUNCI GRATUITI inviaci i tuoi annunci a annunci@corrieredellisola.com CASA • Fittasi appartamento in via Michele Mazzella composto da due bagni, cucina e tre stanze, possibilmente uso ufficio. Tel. 081 987632 • Fittasi appartamento Forio (PANZA centro) composto da una camera matrimonialebagno, cucina, soggiorno, ripostiglio e balcone con vista sulla piazza, arredato da poco per info 3287258402 • Affittasi appartamenti uso ufficio/abitazione in Piazza Marina a Casamicciola. Tel. 081995992 • Cerco in fitto a Forio un appartamento silenzioso. E’ gradito non avere nessuna abitazione al piano di sopra, possibilità di tenere gatti. Telefono 3474808802 • Fittasi appartamento tutto l’anno zona Panza 1 camera da letto, cucina/soggiorno, bagno e spazio esterno. 2 posti letto 400 euro. Tel. 3290093823 • Vendesi/Affittasi immobile sito in Panza, 2 piani di 200 metri quadri a piano, piano terra di oltre 300 metri quadri. Per info334/3418830 • Casetta completamente da ristrutturare in Forio centro (40 mq soppalcabile) documenti perfettamente in regola 130.ooo euro. No perditempo tel 3337893801 • Fittasi negozio di circa 90 mq., completamente ristrutturato, ben arredato, con impianti a norma e pronto all’uso, sito in Ischia al Corso Vittoria Colonna. tel. 329.3563073 • Fittasi Appartamento Zona Pilastri composto da 3 vani + acces. per aAbitazione o per uso ufficio. Cell. 3389137836 • Fittasi negozio, ufficio, studio... di 83, 143, e 173 mq + parcheggio. Forio, via prov.le Panza, 3470564203 • Fitto monolocale Centro forio tel 081997554 Euro 330 • Fittasi per lunghi periodi o annuo miniappartamento completamente arredato, due terrazzi, posto auto, zona Forio. Tel. 335 5238393 • Forio fittasi appartamento nuova ristrutturazione, posto auto, indipendente. Per contatti: telefono fisso 081 987028. Cellulare 3405618945. Ore

serali. LAVORO • Cercasi lavoro ad ore, pulizie, baby sitter, commessa parttime, assistenza anziani, anche notti in ospedale 338/8076958 •Signora isolana (parla francese e tedesco) con ottime referenze, cerca lavoro come badante (notte e giorno) per anziani, anche in ospedale. tel.3408978069 • Cercasi collaboratori per vendita integratori alimentari naturali e lavoro part-time o full-time. Guadagni ottimi. Per info su prodotti e marketing 347 6460975. • Cedesi attività commerciale (attuale abbigliamento e bijoutteria) ottimo locale fronte strada 90+90 mq di deposito Ischia- angolo Corso Vittoria Colonna per info contattare il numero 081 98 56 53 • Ragazza 27enne cerca lavoro come babysitter o pulizie.Tel. 081/999563. • 24enne cerca lavoro come baby sitter o aiuto domestico solo sabato e domenica. Nelle zone di Ischia, Lacco Ameno o Casamicciola terme. Per info: 3314740459 • Ragazzo 30enne con esperienza nel settore delle vendite e con un ottimo uso del computer,madre lingua francese. cerca lavoro, in negozi o alberghi. Cell: 347 0343077 • Azienda impegnata in sviluppo, fornitura e assistenza di soluzioni Hardware e Software, integrate nel sistema Alberghiero e Ristorante, cerca collaboratore max 25 anni, serio e volenteroso, con buone conoscenze informatiche. Per Contatti telefonare al 349/6845167 oppure mandare una mail a info@i-network.it • Cercasi estetista, massotereapista per impiego aprile/settembre in SPA presso rinomata struttura alberghiera di Procida (NA). Richiesta attitudine alla vendita, esperienza, professionalità, conoscenza lingua inglese. Inviare cv con foto a anna. lopez@alice.it. - 333.2533016 (sig.ra Lopez) • Maniscalco esperto offre ferratura a caldo con servizio a domicilio. Info: 3206216897

• Trentenne con esperienza come piastrellista, marmista e muratore cerca lavoro nel settore o come aiuto in cucina in hotel/ristoranti, Tel. 3273495809 • Signora referenziatissima, diplomata, cerca lavoro come baby sitter. Offresi anche come assistenza anziani, anche in ospedale. 334 7941716 • Agenzia, seleziona diplomato max 23enne e con la passione per lo sport . Tel. 393.4174601 • signora rumena,30 anni,con esperienza,cerco lavoro come cameriera ai piani o addetto cucina.Disponibile da subito, 3278443246 3296349204. • Cercasi un’estetista diplomata anche al primo impiego con conoscenze di massaggio, ricostruzione unghie e nail art, ed una segretaria con esperienza nel settore estetico per impiego centro estetico di nuova apertura a forio. Sono richieste esperienza, professionalità, pazienza, attitudine alla vendita, ottima dialettica e ottima capacità di relazionarsi col pubblico, conoscenza di almeno una lingua straniera. Inviare cv con foto a mariannasantoro@ymail. com - 3476632577 (Marianna) • Per qualsiasi lavoro edile, pitturazione, ristrutturazione, giardinaggio, idraulico, elettricista rivolgersi al 3402552297 • Ragazzo 22enne cerca lavoro come Segretario/Receptionist/ Aiuto Commercialista per crediti universitari. Volenteroso, attivo e di rapido apprendimento con ottime conoscenze informatiche, padronanza della lingua inglese e tedesca. cell 3485305479 • Ragazza 19enne, neodiplomata cerca lavoro come commessa o segretaria. Ottime capacità di adattamento e apprendimento Cell 3497053067. AUTO E MOTO • Vendo Fiat panda immatricolaz. anno 2000, perfette condizioni, utilizzata pochissimo sempre in garage. Km 21.000 color. verde smeraldo . Macchina sempre revsionata con tagliandi di collaudo effettuati nei tempi. Vendo per inutilizzo

trattativa riservata info 3479429663 • AUDI A3 SPORTBACK 2° SERIE ANNO 2009 KM 40 ML NERA PERFETTE CONDIZIONI VENDESI € 15900 • Vendo piaggio porter 1.4 diesel Ribaltabile. 3206216897 • Vendo Kawasaki z750 ‘06 modello depotenziato 18 anni, allestimento sportivo, 3485305479 orario pasti. • Vendesi Suzuki Santana 4x4 anno 1989, 32.000 Km, ottimo stato, vero affare. Tel. 338 8783320 • Vendo hyundai atos cilindrata 1.000 12v in buone condizioni, bassi consumi,appena tagliandata,bollo pagato fino fine settembre,vendo per passaggio auto piu’ grande. eur.1.000. tel 3281354254. • VENDO KIA PICANTO 1000 benzina,5 porte, vetri elettrici, radioMP3, celeste metallizzato, settembre 2005, 77000 km originali, uniproprietario euro 4000 trattabili telefono 081980092 3471349641 • Vendo Scooter Honda Lead 100 cc. 4 tempi anno 2003 400,00 Euro + passaggio Disponibilità 6 unità.3204218039 Salvatore. LEZIONI PRIVATE • Madrelingua russa, con esperienza nel settore dell’insegnamento, impartishe lezioni private della lingua russa. Cell. 347 413 35 69. • Laureato in Lettere e Filosofia con esperienza nel settore

dell’insegnamento e dopo scuola impartisce lezioni a studenti di medie e superiori. Tel. 3471874543 • Insegnante qualificato impartisce lezioni di Greco, Latino, Italiano, Inglese, Storia e Filosofia. Anche a domicilio. 338 2795943 • Vuoi migliorare il tuo inglese e spendere poco? Madrelingua offresi X lezioni private o anche di gruppo. SMS 3292369949 o email imparare-inglese@ libero.it • Collaboratore universitario impartisce lezioni di diritto processuale civile ed offre assistenza nello studio di materie giuridiche per il superamento di esami di profitto e per l’elaborazione di tesi di laurea. Ci si riserva la selezione. Cell. 3392607684 • Laureata in lingue e letterature straniere, con esperienza nell’insegnamento impartisce accurate lezioni di Italiano, Francese, Inglese e Russo a bambini, ragazzi e adulti. Si impartisce anche doposcuola a ragazzi di scuole elementari e medie. Prezzi modici. cell. 335667 6082 • Si impartiscono lezioni di matematica, geometria, fisica, informatica per studenti di scuola media, scuola media superiore e università Per informazioni cell. 3381675003 VARIE • Vendesi Ulivi secolari max serietà no perditempo. Per ulteriori informazioni 336 946975 • Vendesi n. 1 vetrina da espos.

riscaldata per mantenere il cibo a temperatura - n.1 affettatrice - Arredamento pub-ristorante con n.1 stufa da esterno - n.2 tavoli in legno - n.6 panche con cuscini in ecopelle. Prezzo da concordare. info 333.8708132 • Noleggio impianti audio luci. Service per spettacoli. Servizio di videoproiezione. tel 339.1946728 • Cedo buono sconto di euro 80 di agenzia viaggi. tel 3332213077 • Vendesi Macchina Operatrice Leomar Tender Maia 4WD 6500 KG. con patente B. Rib. trilaterale, motore Caterpillar 3300 cc. turbo, cambio ZF 6 marce come nuovo. No perditempo. Per info 333/6821961 • Vendo Camera per ragazzi a soppalco con due cabina armadio indipendenti, piano scrittoio estraibile, scala contenitore, proteggino in metallo per letto superiore ecc.ecc. € 1300 Tel 393 23 05 357 • Vendesi camera da letto mai usata, causa inutilizzo. Stile classico, colore avorio con stampa floreale. Comp. da 2 armadi, quattro e sei ante; un comò con specchio e due comodini. Per info: 3402191809/081-983867 • Causa inutilizzo vendo vestito di carnevale barbie principessa e.20 disney utilizzato una sola volta età 4/6 anni. Vestito Peppa Pig nuovo in confez. originale mai indossato e.25 composto da blusa con cappuccio del personaggio e pantalone flanellino età 2/5. Info 3498622807

SIAMO AD ISCHIA PORTO

IN PIAZZA TRIESTE E TRENTO adiacente il Pub Play Park nei pressi dello stazionamento dei bus EAV

SOLO DA NOI TROVI GIOCHI ESCLUSIVI

www. .com SFOGLIA GRATIS ON LINE Iscriviti al gruppo facebook corrieredellisola.com Iscriviti alla mailing list per ricevere il nostro magazine tutte le settimane direttamente nella tua posta

*(3*06 ;,550: )(:2,;

7(33(=636 7(33(4(56 /6*2,@:<./0(**06


22

â&#x20AC;˘ PAGINE UTILI

8 - 13 marzo 2012

www.corrieredellisola.com


redazione@corrieredellisola.com

DA ISCHIA ALLA TERRAFERMA 02.30 04.30 06.20 06.25 06.30 06:45 07.00 07.10 08.00 08.00 08.30 08.40 08.45 09.05 09.25 09.45 10.10 10.15 10.15 10.15 10.35 11.10 11.20 11.20 11.45 13.00 13.25 13.30 13.50 13.50 14.00 14.00 14.30 15.05 15.20 15.25 15.55 16.15 16.25 16.35 16.50 16.50 16.50 17.20 17.30 17.40 18.55 19.00 19.00 19.25 20.15

Nave Nave Nave Nave Aliscafo Aliscafo Aliscafo Aliscafo Aliscafo Nave Nave Aliscafo Nave Aliscafo Aliscafo Aliscafo Nave Aliscafo Aliscafo Aliscafo Nave Nave Aliscafo Nave Aliscafo Aliscafo Aliscafo Nave Aliscafo Nave Aliscafo Aliscafo Aliscafo Nave Nave Aliscafo Aliscafo Aliscafo Aliscafo Nave Aliscafo Aliscafo Nave Nave Nave Aliscafo Nave Aliscafo Aliscafo Nave Nave

Ischia Ischia Casamicciola Ischia Ischia Ischia Forio Casamicciola Ischia Ischia Ischia Ischia Ischia Forio Ischia Casamicciola Casamicciola Ischia Ischia Ischia Ischia Ischia Forio Ischia Ischia Ischia Ischia Casamicciola Casamicciola Ischia Ischia Ischia Ischia Ischia Ischia Ischia Forio Ischia Ischia Ischia Ischia Ischia Casamicciola Ischia Casamicciola Casamicciola Ischia Ischia Ischia Ischia Ischia

Pozzuoli Pozzuoli Pozzuoli Napoli P. Massa Napoli Bev. Napoli P. Massa Napoli Bev. Napoli Bev. Napoli Merg. Pozzuoli Pozzuoli Napoli Bev. Napoli P. Massa Napoli Bev. Napoli Bev. Napoli Bev. Pozzuoli Napoli Bev. Napoli Merg. Napoli Bev. Napoli P. Massa Pozzuoli Napoli Bev. Pozzuoli Napoli Bev. Napoli Bev. Napoli Bev. Pozzuoli Napoli Bev. Napoli P. Massa Napoli Merg. Napoli Bev. Napoli Bev. Pozzuoli Napoli P. Massa Napoli Merg. Napoli Bev. Napoli Bev. Napoli Bev. Napoli P. Massa Napoli Merg. Napoli Bev. Pozzuoli Napoli P.Massa Pozzuoli Napoli Bev. Pozzuoli Napoli Bev. Napoli Merg. Napoli P. Massa Napoli P. Massa

23

PAGINE UTILI •

8 - 13 marzo 2012

Medmar VPR f Medmar f Medmar C Medmar VPR Alilauro f Caremar VPR Alilauro f Snav VP Alil. f RES Medmar Caremar VPR Alilauro Caremar Alil. via Is. Alilauro Snav/VPR Medmar C Caremar VPR Alilauro RES Alilauro Medmar VPR Medmar Alilauro CaremarVPR Alilauro Caremar VPR Alil. RES Medmar C Snav VPR Caremar TMV Alilauro RES Alil. VM RES Caremar VPR Medmar CaremarVPR Alilauro RES Alil. via Is. Alilauro Caremar VPR Medmar Alilauro RES Alilauro RES Medmar C Caremar CaremarVP Snav VP Medmar Alil. VM Alilauro Caremar VPR Caremar VPR

DALLA TERRA FERMA PER ISCHIA 04.10

Nave

Pozzuoli

Ischia

Medmar VPR f

06.10

Nave

Pozzuoli

Ischia

Medmar f

06.25

Nave

Napoli P. Massa

Ischia

Caremar VPR

07.10

Aliscafo

Napoli Merg.

Ischia

Alilauro f RES

07.35

Aliscafo

Beverello

Ischia

Alilauro

08.00

Aliscafo

Beverello

Forio

Alilauro f

08.15

Nave

Pozzuoli

Casamicciola

Medmar C

08.25

Aliscafo

Beverello

Casamicciola

SNAV VPR

08.35

Nave

Napoli P. Massa

Ischia

Medmar

08.40

Aliscafo

Beverello

Ischia

Caremar VPR

09.10

Nave

Napoli P. Massa

Ischia

Caremar

09.40

Aliscafo

Beverello

Ischia

Alilauro

09.40

Aliscafo

Beverello

Forio

Alilauro

09.40

Nave

Pozzuoli

Ischia

Medmar

09.55

Nave

Pozzuoli

Casamicciola

Caremar VPR

10.30

Aliscafo

Beverello

Ischia

Alilauro

10.30

Aliscafo

Beverello

Forio

Alilauro

10.45

Nave

Napoli P. Massa

Ischia

Caremar

11.45

Aliscafo

Napoli P. Massa

Ischia

Caremar TMV

12.00

Nave

Pozzuoli

Casamicciola

Medmar C

12.30

Aliscafo

Beverello

Casamicciola

SNAV

12.50

Aliscafo

Beverello

Ischia

Alilauro RES

13.10

Aliscafo

Beverello

Ischia

Caremar VPR

13.30

Nave

Pozzuoli

Ischia

Medmar

13.50

Nave

Pozzuoli

Ischia

Caremar VPR

14.10

Nave

Napoli P. Massa

Ischia

Medmar

14.10

Aliscafo

Beverello

Forio

Alilauro via Is.

14.30

Aliscafo

Beverello

Ischia

Alilauro

14.30

Aliscafo

Beverello

Forio

Alilauro

14.45

Aliscafo

Beverello

Ischia

Caremar VPR

15.00

Nave

Pozzuoli

Casamicciola

Medmar C

15.10

Nave

Napoli P. Massa

Ischia

Caremar VPR

15.30

Aliscafo

Beverello

Ischia

Alilauro RES

16.15

Aliscafo

Napoli Merg.

Ischia

Alilauro

16.20

Aliscafo

Beverello

Casamicciola

Snav VPR

16.30

Nave

Pozzuoli

Ischia

Medmar

17.20

Aliscafo

Beverello

Ischia

Alilauro

17.20

Aliscafo

Beverello

Forio

Alilauro via Is.

17.30

Nave

Napoli P. Massa

Ischia

Caremar VPR

18.15

Aliscafo

Beverello

Ischia

Caremar VPR

18.30

Nave

Pozzuoli

Casamicciola

Medmar C

18.30

Nave

Napoli P. Massa

Ischia

Medmar

19.00

Aliscafo

Beverello

Casamicciola

Snav

18.55

Nave

Pozzuoli

Ischia

Caremar

19.25

Nave

Napoli P. Massa

Ischia

Caremar VPR

20.10

Aliscafo

Beverello

Ischia

Alilauro

20.30

Nave

Pozzuoli

Ischia

Medmar VP

21.55

Nave

Napoli P. Massa

Ischia

Caremar VPR

00.15

Nave

Napoli P. Massa

Ischia

Car solo S-D-L

INFO UTILI EMERGENZE Carabinieri Stazioni Ischia Casamicciola Forio Barano Polizia Commissariato Ischia Vigili del Fuoco Centrale Guardia Costiera Emergenza Ischia Forio Casamicciola Terme Lacco Ameno Sant’Angelo

112 081/991001 081/991065 081/994480 081/997008 081/906463 113 081/5074711 081/5074701 115 081/991109 1530 081/5072801 081/5071272 081/980175 081/900685 081/999882

Forestale 081/3334800 Antincendio boschivi AIB Regionale Barano 081/990985 Napoli 081/7967647 Dogana 081/991291

EMERGENZA SALUTE

118

Ospedale “Rizzoli” Lacco Ameno Prenotazioni visite special. 800177763 Centralino 081/5079111 Autoambulanza 081/995495 Pronto Soccorso 081/5079267 Guardia Medmarica (Notturno e Festivo) Forio 081/998655 Ischia 081/983292 Presidio San Giovan Giuseppe Ischia PRONTO SOCCORSO 118 Coordinatore Presidio 081/5070317 Oncologia 081/5070327-328

Distretto Sanitatio Ischia ex maternità PUNTO INFORMATIVO 081/5070655 U.R.P. 800284270 Segreteria direzione 081/5070630 Farmacia 081/5070638 Termalismo 081/5070622 Riabilitazione adulti 081/5070628 Ambulanze Private Croce Bianca 081/983022 081/984272 Croce Rosa 081/999531 Croce Rossa Italiana 081/980303 Pubblica Ass. Flegrea 081/8392924

BIGLIETTERIE ALILAURO - Tel. 081.4972222 - www.alilauro.it CAREMAR – Tel. 892.123 - 081.0171998 Bigl. Ischia 081.984818 - 081.991953 www.caremar.it MEDMAR - Tel. 081.3334411 - 081.5513352 www.medmargroup.it SNAV - Tel. 081.4285555 - www.snav.it


24

â&#x20AC;˘ PRIMO PIANO

8 - 13 marzo 2012

www.corrieredellisola.com


Corriere dell'Isola n. 9 2012