Issuu on Google+

ABBATTIMENTI

a pag. 3

ivino DCafè

INCATENATI A MONTECITORIO LA PROTESTA CONTINUA

ISCHIA

a pag. 5

LAVORI PUBBLICI RUSH FINALE

Dove trovi il caffè con la cremina caffetteria t pasticceria t rosticceria BARANO - Via Corrado Buono

(Piazza S. Rocco) 081 989208 Via Erasmo Di Lustro, 6 Forio 80076 Isola d’Ischia (Na) Consegna a domicilo

Anno XV - n. 12 • 24 - 30 Marzo 2011

settimanale GRATUITO delle isole di Ischia e Procida • www.corrieredellisola.com

DAL BLUFF DELLA PROPOSTA DI LEGGE REGIONALE AL PRESIDIO DI PROTESTA A MONTECITORIO, A TENER BANCO È SEMPRE LA QUESTIONE ABBATTIMENTI

CAOS DEMOLIZIONI

LA TORRE

a pag. 4

PREMIO ISCHIA

a pag. 8

MA CONTINUERA’ A CHIAMARSI DI MICHELANGELO VALENTINO: IN DIFESA DELLA CULTURA

SPORT ISCHIA CALCIO MON AMOUR

a pag. 10


2

• EDITORIALE

www.corrieredellisola.com

UN BLUFF LA PROPOSTA DI LEGGE REGIONALE “SALVA DEMOLIZIONI”… di Massimo Zivelli

U

n pasticcio giuridico che non eviterà migliaia di demolizioni e produrrà solo un aumento del contenzioso legale. Violerebbe infatti i principi della Costituzione e le stesse prerogative dello Stato in materia di legiferazione in ambito penale, la proposta di legge regionale ad integrazione del condono edilizio 2003. Un tentativo che punta ad evitare in Campania migliaia di demolizioni di abusi edilizi. A denunciarne l’inutilità sostanziale è invece Bruno Molinaro, avvocato espertissimo proprio in legislazione urbanistica. Non a caso, Molinaro è punto di riferimento dei comitati popolari che si oppongono alle demolizioni. Lo stesso parlamentare Carlo Sarro, che presentò i famosi emendamenti detti ”salva abusi” poi mai approvati al Senato, si è servito spesso della sua consulenza. Ma il miglior commento alle sue tesi, è quello fornito dallo stesso avvocato. Vediamolo. ”La

proposta - afferma in maniera tranciante Molinaro - qualora venisse accolta, darà luogo ad una legge costituzionalmente illegittima”. A giudizio dell’avvocato infatti, la normativa sopravvenuta andrebbe ad incidere sull’originario testo dell’art.3 della legge della regione Campania n.10 del 2004 ”quello stesso articolo che - fa notare - è stato dichiarato illegittimo dalla Corte Costituzionale”. La sentenza è la n.49 del 2006. ”Conseguenza di tale

pronuncia - continua Molinaro - è il fatto che nella nostra regione trovano oggi applicazione solo le norme previste dalla legge nazionale (l. n. 326 del 2003), essendosi irrimediabilmente consumato ogni residuo potere di intervento spettante in materia al legislatore regionale”. La questione dei vincoli ovvero la pretesa differenziazione dei vincoli di inedificabilità assoluta e vincoli di inedificabilità relativa - questi ultimi ritenuti non

ostativi alla sanatoria - sarebbe dunque stata di fatto superata da altre sentenze della Corte, come la n.54 e n.150 del 2009. ”Quest’ultima in particolare - è l’affondo - ha dichiarato inammissibile la questione di legittimità costituzionale sollevata nel 2008 sulla base delle medesime argomentazioni, dal Tribunale di Napoli, in sede di incidente di esecuzione”. Ma al di la dei tecnicismi giuridici, secondo Molinaro la verità è che ”la normativa regionale

non potrebbe, in ogni caso, bloccare le demolizioni, poichè tale materia, riguardando l’ordinamento penale resta di competenza esclusiva dello Stato”. Ma non finisce qui, considerato che la proposta punta a cassare la lettera ”d” del comma 27 dell’art. 32 del d.l. n.269/03. Che ricollega la possibilità di sanatoria al positivo accertamento della conformità urbanistica delle opere abusive. Così verrebbe violata la norma di principio fissata dal legislatore statale, ormai intangibile dopo l’intervento della Consulta. E se nonostante tutto la legge venisse approvata dal consiglio regionale? ”Se anche la Presidenza del Consiglio non impugnasse la questione davanti alla Consulta, esiste tuttavia - conclude Molinaro - per il giudice penale o amministrativo la possibilità di sollevare incidente di costituzionalità nei giudizi di rispettiva competenza. Ciò significherebbe più contenziosi e nessuna certezza dei rapporti tra cittadino e pubblica amministrazione”.

GELATI, SURGELATI E CONGELATI centro servizi vendite Trav. Michele Mazzella 234/b tel e fax 081902756 - 0819761072 - 0819760477 www.laraspata.it - info@laraspata.it VAI... RENATO

PACGEL IL PIACERE SALATO O:

Surgital FIOR DI PRIMI 5+1 =

Panino napoletano grande gr 140 0 0 Panino wurstel e patate gr 130 € 0,40* per pezzo

C ro Croissant superfarcito gr 90

ogni 5 cartoncini 1in omaggio e se diventi nostro cliente per te un forno a microonde in omaggio

Panino napoletano mignon gr 30 € 0,11* per pezzo

albicocca/crema/nocciola/ al lbi e bigusto crema amarena

(acquisto minimo annuo € 500,00)

Croissant C ro vuoto gr 60 a sole s € 0,22*

a sole s € 0,34* Gran G ra brioches vuota gr 75 a sole s € 0,24* G ra brioches farcite gr 90 Gran albicocca al lbi /crema/nocciola

a sole s € 0,27* e se diventi nostro cliente per te un forno smeg ventilato alfa 43 - 4 teglie

prenota la tua colomba con gelato kg 1,3 e la tua pastiera napoletana 12 porzioni nei migliori supermercati e alimentari o chiamaci! presso decò, conad, carrefour, di per di’ forio, sisa, sigma, standa, todis

* i prezzi si intendono netto iva

NOVITA’ DELL’ANNO O il gelato da bere caffe', gianduia e limone la tua sorbettiera antica gelateria del corso gratis nel tuo punto vendita , chiamaci !!


3

PRIMO PIANO •

redazione@corrieredellisola.com

Va avanti da dieci giorni la protesta dei movimenti antidemolizioni. E Pannella solidarizza con i manifestanti

DEMOLIZIONI ABUSI:

INCATENATI A MONTECITORIO, LA PROTESTA CONTINUA

CINQUE IN “LISTA DI ATTESA” La Regione mette i soldi per eseguire gli ordini della Procura di Massimo Zivelli

R

uspe di nuovo in azione sull’isola d’Ischia. Nel mirino degli abbattimenti finiscono un complesso residenziale, una struttura adibita ad autonoleggio e tre civili abitazioni. Sono questi i prossimi obbiettivi strategici della black list che già comprende sull’isola centinaia di abusi con sentenza passata definitivamente in giudicato. E la mobilitazione dei comitati ”anti-demolizioni” nel frattempo non si ferma. Dopo le ennesime manifestazioni a Roma davanti alle sedi parlamentari, si intensificano adesso sull’isola in maniera sempre più frenetica gli appuntamenti pubblici e le riunioni, in vista di nuove clamorose iniziative. Ripartono dunque fra le solite polemiche, gli abbattimenti ordinati dalla Procura. E per alcune di queste demolizioni, la copertura finanziaria sarà garantita - attraverso i mutui accesi con la cassa depositi e prestiti – questa volta non dai comuni, ma direttamente dalla regione. E’ il caso del complesso residenziale di via Fumerie, in località Sorgeto. Dodici corpi di fabbrica realizzati illegalmente nella frazione di Panza del comune di Forio, dovranno essere rasi dunque al suolo nei prossimi giorni, perchè anche l’ennesimo

di Gennaro Savio

N

e disperato ricorso al Tar dei proprietari non ha sortito gli effetti desiderati. Nessuna sospensione è stata accordata dai giudici amministrativi. Le strutture sorgono su terreni in proprietà ad una famiglia del luogo, da anni trasferitasi però in Germania dove gestisce una attività ricettiva. L’estate scorsa la procura riuscì a far eseguire, non senza difficoltà logistiche, la demolizione di soli due corpi di fabbrica sui quattordici realizzati abusivamente. Uno di questi mini-residence era stato addirittura in parte ricavato a ridosso del muraglione di contenimento di una strada pubblica. Il residence è stato fra l’altro per ben due anni al centro di un contenzioso legale fra i proprietari ed il comune di Forio, che ne aveva

disposto l’acquisizione al patrimonio pubblico. Acquisizione che ha comportato in maniera automatica, il grattacapo consistente nell’addebito alle casse comunali degli oneri di demolizione. Una vera e propria mazzata per l’ente pubblico isolano, che rischia fra l’altro di vedere a rischio il bilancio comunale, nel momento in cui la regione presenterà agli amministratori di Forio, il conto derivante dall’anticipazione di cassa. A Ischia Porto invece andrà giù un capannone di oltre 150 metri quadrati utilizzato negli ultimi anni come garage per una attività di noleggio auto e scooter. Ed ancora, una abitazione di 105 metri quadrati, annessa a questa attività. Altri abbattimenti sono in dirittura

d’arrivo a Casamicciola Terme ed a Lacco Ämeno. Si tratta ancora una volta di civili abitazioni, sulle quali pende sentenza esecutiva a seguito del patteggiamento chiesto dagli autori degli abusi. ”La Procura procede alle demolizioni secondo un criterio ben preciso, che è quello derivante dall’ordine cronologico delle sentenze. Chi negli anni scorsi ha preferito riconoscere la colpa del reato ed ha chiesto il patteggiamento per vedersi accordati alcuni benefici di legge e nella speranza che mai arrivasse l’esecuzione della sentenza - osserva il sindaco di Ischia Giosi Ferrandino - adesso subisce l’abbattimento prima degli altri che ancora hanno le cause ordinarie ancora in corso”.

on arretrano di un millimetro. Anzi, promettono di andare avanti fino a quando il governo non si assumerà le sue responsabilità. Sono trascorsi già dieci giorni da quando è patita la clamorosa protesta dei movimenti anti-demolizione campani contro quella tragedia collettiva che sono gli abbattimenti. Incatenati nella piazza di Montecitorio, a due passi dalla Camera dei Deputati, con un presidio permanente con cui richiamare l’attenzione della politica e dell’opinione pubblica sulle conseguenze innescate dalle demolizioni, dal dramma delle famiglie rimaste senza un tetto sotto cui vivere fino alle inadempienze della politica, che non si è mai preoccupata di dotare le zone attualmente colpite dagli ordini di demolizione di un piano urbanistico adeguato. Sono incatenati da oltre una settimana, ed andranno avanti fino a quando il governo non emanerà un provvedimento che fermi le ruspe, e dia la possibilità di poter sanare la casa a chi rischia di vedersela demolire. Come ogni giorno in piazza Monte Citorio sono tanti i deputati e i dirigenti politici che passano davanti al presidio. Qualcuno si ferma e chiede spiegazioni e altri tirano dritto. Stamattina a sorpresa, in segno di solidarietà con i manifestanti, Marco Pannella, radicale in quota al Pd, ha indossato la casacca con su la scritta “bloccate le ruspe”. A questo gesto di solidarietà seguirà un impegno concreto del suo partito a difesa delle umili famiglie campane che rischiano l’abbattimento della propria casa? Staremo a vedere. Intanto tengono ancora banco le dichiarazioni con cui Di Pietro, nei giorni scorsi, ha chiaramente lasciato intendere che l’IdV, partito che sino ad oggi si era sempre opposto all’approvazione di un decreto blocca-ruspe, ora è impegnato a trovare una soluzione. La gente però sembra esser stufa della chiacchiere e chiede a gran voce l’approvazione di un decreto che salvi la loro casa dall’abbattimento.

INFISSI

SIAMO AD ISCHIA PORTO... ACCANTO AL GIRARROSTO!

Repubblica Dominicana

Speciale Tenerife

Viva Dominicus Beach in All Inclusive, 9 giorni partenze del 3 e 9 Aprile da Roma

partenze del 28 marzo e 4-11 Aprile da Roma con voli diretti 1 settimana

Week-end a Barcellona volo diretto da Napoli

4 giorni/3notti in Hotel 2* sulla Ramblas in BB

da € 499,00 da € 299,00 a € 790,00 SPECIALE GITE SCOLASTICHE E GRUPPI! TARIFFE MAI VISTE PRIMA! CONTATTATECI PER UN PREVENTIVO!

showroom

INFISSI

Via Vittorio Emanuele Barano d’Ischia (NA)

t LEGNO LAMELLARE t LEGNO ALLUMINIO t PVC t PORTE INTERNE t ARREDAMENTI tSU MISURA

falegnameria Via Luigi Scotti, 12 t Barano d’Ischia (NA) tel/fax 081 905232 t bottegadelmobile@gmail.com cell. 339 6961750 t 334.1673453


4

• PRIMO PIANO

www.corrieredellisola.com

Il bilancio dei primi interventi di restauro degli universitari tedeschi

MA LA TORRE CONTINUERA’ A CHIAMARSI DI MICHELANGELO‌

di Massimo Zivelli

L

a Torre di Michelangelo, come il balcone di Giulietta a Verona. Il luogo del celebrato ma al tempo stesso �clandestino� amore - icona poetica e letteraria dell’isola cinquecentesca - fra Michelangelo Buonarroti e Vittoria Colonna cugina di papa Giulio ntro Secondo, esta al centro he di roventi polemiche �nominaliste� con il sindaco che non cambia rotta: la Torre continuerà infatti a chiamarsi di Michelangelo e non �del Guevara�. E si, perchè fra entusiasmanti colpi di scena alimentati nell’immaginario collettivo dalla due fazioni da lungo tempo in disputa fra loro (michelangiolisti contro coloro che sostengono la primogenitura del governatore spagnolo

che edificò il palazzo)alla fine dagli archivi toponomastici del comune, Giosi Ferrandino ha tirato fuori - come il classico coniglio dal cappello - la conferma che da oltre un secolo e mezzo la Torre in stile rinascimentale che fronteggia sul mare la mole del castello aragonese, ufficialmente si chiama �di Michelangelo�. Una doccia doc gelata sulle spe speranze dunque dei fa fan del Guevara, che n nei giorni scorsi aavevano inneggiatto al ritrovamento d dello stemma del go governatore spagno gnolo, sotto gli stucchi e lle tante mani di calcina che i ricercatori dell’Università di Dresda hannno iniziato a rimuovere per portare avanti il restauro di una serie di affreschi originari della Torre. Alla coferenza stampa di ieri, la polemica �nominalista� si

è tuttavia affacciata solo di sfuggita. Affidata a qualche battuta sibillina. Troppo difficile spiegare ai pragmatici ospiti tedeschi, il senso di una diatriba dall sapore cosÏ casalingo, che il schia sindaco d’Ischia ha deciso di risolvere concedendo anche qualcosa al fascino che il nome �Michelan-cita gelo� esercita sui turisti. Per uarda quanto riguarda invece il discorso puramente tecnico del recupero e del restauro di alcuni affreschi che verranno eseguiti grazie al protocollo d’intesa scientifico promosso dal circolo �Georges Sadoul� fra il comune di Ischia, il prof. Angelini del

dipartimento beni culturali della regione e l’università di Dresda, è stato il professor Thomas Danzl a fare ieri il punto della situazione alla conferenza stampa che si è svolta alla biblioteca Antoniana. �Sulle pareti interne in pietra lavica della Torre - ha spiegato Danzl - esistono tre strati di intonaco che i nostri studenti hanno provveduto a rinforzare attraverso iniezioni di una particolare sostanza cementizia utilizzata in questi casi. Questo intervento è stato propedeutico al recupero vero e proprio degli antichi affreschi, alcuni dei quali sono già venuti alla luce�. Il ritrovamento, sotto ben 21 differenti strati di calce. �Questa copertura, dovuta a pitturazioni degli ambienti che si sono succedute nei decenni e nei secoli - ha avuto modo di spiegare la dottoressa Monica Martelli Castaldi, responsabile dei procedimenti di restaurazione pittorica - ha consentito agli affreschi di manten mantenersi pressochè inalterati t nel tempo�. Du Durante le o operazioni p prelimin nari, i l laureandi d della Hoc chschule fue fuer BildenK de Kuenste, hanno avuto modo di rrinvei anche h uno dei tre nire stemmi gentilizi del casato dei Guevara, come hanno annunciato l’architetto Ilia Delizia e Giorgio Brandi del circolo �Sadoul�. Intanto Ischia rinsalda il suo rapporto di decennale amicizia con la Germania, in

un virtuoso incontro fra cultura e turismo. Nella giornata dedicata ad un primo significativo bilancio dei restauri curati dai laureandi dell’accademia di Dresda alla Torre di Michelangelo infatti, il console generale di Germania in Italia ha avuto modo di confrontarsi a lungo anche sulle tematiche riguardanti il turismo. Per i tedeschi non è certo una novità - l’isola verde con le sue terme e le sue spiagge, da sempre costituisce una delle mete vacanziere piÚ ambite in Campania. Herr Christian Munch già nei giorni scorsi aveva incontrato il commissario dell’azienda turismo di Ischia e Procida, Francesco Paolo Iannuzzi. Al palazzo comunale di Ischia, c’è stato il saluto ufficiale del vicesindsaco ed assessore al turismo, Luigi Boccanfuso. �Da sempre questa isola esercita un fascino particolare su noi tedeschi in virtÚ del suo carico millenario di storia, per la sua archeologia, l’architettura. Elementi questi - ha commentato Munch - che completano il quadro di accoglienza e bellezze naturali che Ischia offre ai suoi visitatori�. E di turismo si è parlato anche con il presidente di Federalberghi Ermando Mennella. �Questa vicinanza fra Ischia e la Germania, fatta anche di interessi culturali comuni, rafforza uno storico legame di interscambio turistico ed imprenditoriale. Con soddisfazione prendiamo atto che dopo gli interventi negli anni scorsi delle università tedesche agli scavi archeologici di Punta Chiarito, oggi un nuovo tassello si aggiunge a questa interessante collaborazione volta a recuperare pezzi importanti del nostro patrimonio artistico e culturale�.

CENTRO ESTETICO

scegli la bellezza

8IP *E\ ZMEPISREVHSQE^^IPPEC CMWGLMETSVXSCRECGMGPMWGSXXS$PMFIVSMX ;;;'-'0-7'3883-8

ZIRHMXEˆEWWMWXIR^EˆRSPIKKMSˆIWGYVWMSRM FMGMGSVWEˆQXFˆXYVMWQS

esclusivista di zona

C.so V. Emanuele, 4 80074 Casamicciola Terme Tel/fax 081 995801 - annawhitehead@libero.it www.centroesteticoanna.eu


La storia della compianta attrice: la sua carriera contraddittoria e la partecipazione a ‘Cleopatra’, kolossal girato ad Ischia

LAVORI PUBBLICI, RUSH FINALE

LIZ TAYLOR, LA REGINA D’EGITTO

Per aprile la maggior parte dei cantieri sarà conclusa, e per Pasqua blocco totale

di Cristian Messina

U

na settimana fa muore Liz Taylor, icona della Hollywood che fu e simbolo di una Ischia che negli anni ‘60 si stava imponendo come isola stupenda e set cinematografico di grande spessore. L’attrice di origini londinesi (nacque, infatti, ad Hampstead nel 1932) sbarcò sull’isola verde nel 1961 per le riprese di ‘Cleopatra’, uno dei più importanti kolossal di tutti i tempi e sicuramente il film più prestigioso mai girato ad Ischia. Proprio le atmosfere caratteristiche del Castello Aragonese segnarono l’inizio della storia d’amore tra l’attrice e Richard Burton, forse l’unico uomo in grado di tenere testa ad una donna così lontana dagli schemi dello star system (parlano da soli i suoi otto matrimoni). Relazione che sicuramente arricchì e diede connotazioni diverse ad un film che rappresentò per Ischia uno degli eventi più importanti e suggestivi della sua storia moderna. ‘Cleopatra’, infatti, è annoverabile tra i picchi del momento magico che caratterizzò gli anni’50 e ‘60 dell’isola verde: tra boom economico, l’interessamento di grandi imprenditori come Angelo Rizzoli (che tra l’altro distribuì il film con la sua Cineriz) e il via vai di turisti e star internazionali, anche un episodio isolato come l’opera diretta da Joseph L. Mankiewicz rappresentò per molti ischitani una grande opportunità (non solo di vivere atmosfere da sogno, ma anche di guadagnare un bel gruzzoletto) Furono oltre 500, infatti,

5

ATTUALITÀ •

redazione@corrieredellisola.com

L

a richiesta è partita direttamente dai rappresentanti di Ascom e Federalberghi. Il tema, d’altronde, era di quelli scottanti. Con la stagione turistica alle porte, ed il moltiplicarsi dei cantieri stradali, il pericolo di trovarsi impreparati all’arrivo dei turisti era più che concreto. L’incontro con i dirigenti dell’Area tecnica del Comune rappresentava un appuntamento non

le comparse utilizzate ad Ischia, che divenne così un set all’altezza delle migliori produzioni hollywoodiane, come testimoniano le scenografie allestite presso il Castello Aragonese, la Mandra e il borgo antico e i camion della produzione, enormi e invasivi, che arrivavano dal Piazzale aragonese fino alla farmacia. Liz Taylor rappresentò dunque per molti isolani, e soprattutto per tanti ragazzini che guadagnarono i primi spiccioli, un vero e proprio simbolo di riscatto e non solo un’icona hollywoodiana da poco premiata con un Oscar (nel 1960, per ‘Venere in Visone’ di Daniel Mann). Riconoscimento che permise all’attrice di giungere ad Ischia già da “Diva”, appellativo che la Taylor si guadagnò anche attraverso interpretazioni in grandi successi degli anni ‘50 come ‘A Place in the Sun’ (1951), ‘Il Gigante’ (1956) e ‘La gatta sul

tetto che scotta’ (1958). Presupposti, questi, che però non furono in seguito rispettati dall’attrice britannica, che fu protagonista di una carriera segnata poco dal cinema e maggiormente da continui eccessi e da un viscerale anticonformismo. Se si esclude l’altro Oscar vinto nel 1966 per ‘Chi ha paura di Virginia Woolf’ di Mike Nichols, a partire soprattutto dagli anni ottanta la carriera della “Regina d’Egitto” non conobbe altri successi: furono, infatti, sempre minori le partecipazioni in opere cinematografiche di spessore (a cui preferì spesso la televisione). Al compenso, però, si spese in grandi campagne per la prevenzione dell’AIDS difendendo con ostinata determinazione i malati, tanto che per i suoi funerali (iniziati, volutamente, con 15 minuti di ritardo) è stato chiesto di non inviare fiori, ma di donare un contributo per la ricerca contro il

virus HIV. Come molte delle icone di Hollywood, Liz Taylor fu dunque attrice ricca di contraddizioni e spesso odiata. Protagonista di una lunga carriera (50 circa i film in cui recitò), la diva dagli occhi viola passò alla storia non solo per le due interpretazioni che le valsero l’Oscar, ma anche per il ruolo ormai leggendario che ricoprì nel kolossal ‘Cleopatra’. Un film che, anche grazie al fascino della Taylor, ha regalato ad Ischia uno dei momenti più importanti del suo periodo d’oro, un momento indimenticabile per molti isolani. Non è un caso, dunque, che molte testate italiane abbiano dato risalto a frasi come “Ischia piange la sua Cleopatra”. Perché, anche se furono pochi gli isolani che la conobbero personalmente, Liz Taylor e la sua immagine immortale saranno per sempre legate all’isola verde.

CORRIERE DELL’ISOLA è un settimanle distribuito gratuitamente ogni giovedì ad Ischia e Procida

DIRETTORE RESPONSABILE Massimo Zivelli m.zivelli@corrieredellisola.com

SOCIETA’ EDITRICE Nuvola Grafica Via M. Schioppa 78 - Forio (NA)

Registrazione al tribunale di Napoli n. 4816 del 20/11/1996

www.corrieredellisola.com redazione@corrieredellisola.com

STAMPA Cangiano Grafica s.r.l. - Napoli

più rinviabile, dove confrontarsi sulle problematiche e concordare una soluzione in grado di soddisfare tutte le parti in causa. Il compromesso è stato trovato in una calendarizzazione delle chiusure dei cantieri che prevede il blocco totale dei lavori nel periodo di Pasqua e la ripresa, dopo le festività, solo di quelli da completare con la posa degli arredi urbani.

LA SCHEDA DOVE

OPERA

CHIUSURA

Via Iasolino, lato Pagoda Via Michele Mazzella Via Antonio Sogliuzzo Via G.B Vico Largo Conventi Via de Rivaz Via delle Terme

Impianto fognario Linea gas Linea gas Linea gas, marciapiedi Riqualificazione e arredo Impianto fognario Varie

metà aprile fine aprile fine aprile fine aprile metà aprile da valutare metà aprile

PROGETTO GRAFICO ED IMPAGINAZIONE Nuvola Grafica • www.nuvolagrafica.it Hanno collaborato a questo numero: Stefano Arcamone, Pancrazio Arcamone, Annamaria Rossi, Dalila Sghaier, Raimondo Ambrosino, Franco Trani, Sacha Savastano, Cristian Messina, Valeria Lombardi

CONCESSIONARIA PER LA PUBBLICITA’ Nuvola Grafica Via Mons. Schioppa 78 • 80075 Forio (NA) Tel. +39 3409360501 corrieredellisola@nuvolagrafica.it commerciale@corrieredellisola.com


6

• BREVI

www.corrieredellisola.com

PARTE DA ISCHIA L’ITALIAN TOUR “W I BAMBINI 2011”

S

abato 2 aprile 2011 nella splendida cornice dell’isola di Ischia, presso lo Stadio Mazzella, dalle ore 9.00 alle 13.00, si terrà la Tappa di apertura dell’undicesima edizione di W i Bambini. L’azione è la più rilevante iniziativa che si tiene in Italia in favore della tutela dell’infanzia e dell’ottimizzazione dell’offerta formativa della scuola primaria. Anche quest’anno il Tour si diramerà nell’intera Campania e coinvolgerà le comunità scolastiche di tutte e cinque le province e anche di altre città del Mezzogiorno. Molte le innovazioni rispetto al passato, infatti per l’edizione che avrà inizio il prossimo sabato a Ischia, oltre ai giochi che, come di consueto, porteranno i bambini delle scuole elementari a riappropriarsi degli spazi urbani da destinare nel corso della manifestazione alle attività ludiche, si terranno una serie di iniziative di formazione destinate a docenti, dirigenti scolastici, amministratori di enti locali e genitori, entità sociali impegnate in favore dell’infanzia che avranno

la possibilità di confrontarsi e determinare una concreta interazione sulle dinamiche di interazione scuola territorio ma, pure, su questioni nodali che attengono da una parte al bullismo e dall’altra alla dispersione scolastica, piuttosto che l’affermazione del fare legale. “Siamo molto orgogliosi del fatto che per le scuole anche sulla legalità siamo un sistema di riferimento. Non è stato semplice organizzare le attività formative delle innumerevoli scuole con cui stiamo operando per W i Bambini ma crediamo che questa sia una occasione imperdibile per estendere ancora maggiormente l’autorevole rete che ci pone in interazione con l’intero sistema formativo del nostro Paese. Il fatto, poi, che si sia creata una interazione tra l’iniziativa W i Bambini e territori come Ischia è una grande opportunità per le scuole stesse che potranno affermare un impegno sulla legalità vivo, attivo, partecipato e condiviso che permetterà ai bambini di questa splendida isola di essere parte integrante

del contesto nazionale che ci vede protagonisti per l’ottimizzazione dell’offerta formativa della scuola primaria. Un forte ringraziamento va al Sindaco del Comune di Ischia Giuseppe Ferrandino, all’assessore al ramo Pasquale Scannapieco che con la dirigente Anna Fermo si è prodigato per l’organizzazione dell’iniziativa e alla Dirigente del II Circolo didattico di Ischia (scuola capofila dell’azione) che, pure, ha messo in campo ogni utile azione in funzione della giornata di apertura di W i Bambini 2011. Il Tour di quest’anno, infine, vedrà la partecipazione della maggior parte dei Corpi che si occupano di tutela sociale come, per esempio, la Guardia di Finanza, i Carabinieri, la Polizia di Stato, etc. a cui vanno i ringraziamenti di Bimed che si estendono anche ai Sindaci dei territori in cui si tengono le diverse tappe dell’azione e ai responsabili delle istituzioni che hanno partecipato la manifestazione”. E’ con questa parole che Andrea Iovino, Direttore di Bimed, avvia il cammino del Tour di quest’anno che si concluderà con due grandi eventi che si terranno, il primo alle Isole Tremiti (6,7,8 giugno), il secondo nel cuore del Parco Nazionale del Cilento e, più precisamente, dall’12 al 15 giugno in Casalvelino Marina.

PAVICLIMA

> installazione caldaie > climatizzatori > impianti termoidraulici > montaggi tende sole tempotest > preventivi gratuiti

DAL FREDDO TI DIFENDIAMO NOI CONDIZIONATORE CONDIZIONATORE inverter classe A

con macchina esterna mimetizzata

9000btu_450 € 12000btu_550 €

9000btu_650 € 12000btu_750 €

(fornitura, installazione ad opera d’arte e iva inclusa)

(fornitura, installazione ad opera d’arte e iva inclusa)

CALDAIA PER RISCALDAMENTO E PRODUZIONE ACQUA CALDA 20000 BTU, MARCA ITALIANA A PARTIRE DA 550

OFFERTA TUTTO COMPRESO! Macchina + installazione ad opera d’arte!

info 389 0551398 - 329 7943604 | pavigas@libero .it

ADAM CVIJANOVIC IN MOSTRA ALLA GALLERIA BLINDARTE

D

ipinti realizzati su carta tyvek ed applicati a parete in modo da creare installazioni pittoriche che coinvolgono gli interi ambienti espositivi e che poi possono essere facilmente rimossi ed applicati altrove: sono i “portable murales” (affreschi movibili) dell’artista Adam Cvijanovic, uno dei pittori figurativi più interessanti della scena artistica contemporanea newyorkese, realizzati appositamente per la galleria Blindarte contemporanea di Napoli dove saranno in mostra fino al 6 marzo 2011. L’esposizione “Prophecy in a dead language” trae spunto dalla celebre Sibilla Cumana, sacerdotessa di Apollo e figura profetica dell’antica Roma, la cui sede è stata identificata in una grotta nelle vicinanze dell’antica città di Cuma, l’antro di cui Virgilio parla nell’Eneide.

L’artista, da sempre affascinato dai resti e dalle rovine simbolo della decadenza della cultura contemporanea americana, in questa mostra si spinge più indietro nel tempo riproducendo ruderi risalenti all’epoca dell’antica Roma nello stato di abbandono in cui oggi si trovano. Protagonista assoluta delle opere è la profezia: nel primo ambiente espositivo sono presenti quattro affreschi movibili che riproducono quattro diversi ruderi di ingressi, riconducibili a periodi differenti dell’epoca romana, per la cui realizzazione l’artista si ispira alle rovine di Leptis Magna (oggi nei pressi di Al Khums in Libia). I quattro passaggi installati a parete ricreano un luogo profetico, magico, senza tempo e ricordando l’enigma della scelta si presentano come possibili vie di fuga, oltre le quali si scorgono paesaggi differenti che conducono verso destinazioni sconosciute ed incerte. Nel secondo ambiente si trova “La ruota della fortuna”, un’opera in cui l’artista riproduce le rovine di una grande lapide testuale romana a forma di ruota, che è stata nel tempo più volte mal restaurata, ed appare oggi come l’insieme di diversi pezzi di marmo rotti in cui le iscrizioni, che riproducono banali aforismi in latino, risultano interrotte dalle rotture al punto di non essere più leggibili. Altri dipinti presenti nella stanza riproducono alcuni animali divinatori e la Sibilla/Beatrice e Virgilio e Dante nella grotta. Marita Francescon

QUANDO LA LUNA RACCONTA...

IL TALENTO PROCIDANO DI NICO IN ESPOSIZIONE A ROMA

G

rande successo per la mostra “Quando la luna racconta” di Nico Granito, giovane artista procidano alla sua prima esperienza romana. L’esposizione delle opere, ad ingresso libero, è iniziata il 18 Marzo e ci sarà fino giovedì 31al “Biblio Café letterario” di Roma (quartiere Ostiense). L’organizzazione è a cura di Alessandra Fina e Claudia Pettinari dell’Associazione Culturale ArteOltre che nasce dalla volontà di volgere l’attenzione oltre gli schemi tradizionali della produzione artistica e oltre i grandi spazi espositivi che ospitano solamente i nomi già affermati del panorama artistico contemporaneo: andare oltre, appunto, e cercare nuovi talenti che si cimentano con le tecniche e le soluzioni espressive più disparate. Quello di Nico è sicuramente un talento che supera gli schemi tradizionali. Le opere pittoriche in esposizione sono tredici e tutte raccontano la magia della luna e le contrapposizioni di questa con il buio che annulla i riferimenti con la realtà e conduce in un’atmosfera sospesa ai limiti dello spazio e del tempo,

dove prendono vita storie di persone, oggetti, pesluoghi, che spesniante so il caos dilaniante della quotidianità ci impedisce di percepire, ascoltare e vivere. Tutto questo invece diventa possibile nelle originali opere di Nico Granito che, con la sua particolare tecnica mista, in base al racconto che intende narrare, tenta di perlustrare fino in fondo i misteri dell’uomo e del suo relazionarsi con la vita mettendo in luce aspetti e sfumature che spesso uno sguardo superficiale non riesce a cogliere. Un racconto che si sviluppa in più fasi, in diversi momenti di luce e di percezione dell’opera destinata a non morire mai, ma a cambiare continuamente raccontando momenti diversi di un’unica storia, di un unico viaggio, di un’unica esperienza. Le opere di Nico Granito restano sospese in una dimensione quasi irreale, in un racconto in cui lo spettatore non può che non restare coinvolto.


7

LIBRIDINE •

redazione@corrieredellisola.com

INE RID LIB

JAROSLAV HASEK

L’ALLEGRO SANTO PROTETTORE DI RENITENTI, SABOTATORI E DISERTORI…

I

ritratto da rimbambito di Francesco Giuseppe, imperatore dalle labbra pendule e la burocrazia e la giustizia non sono altro che centrali di idiozia e sadismo, le gerarchie militari una confraternita di aguzzini che, attraverso ordini e contrordini, danno l’idea di un mondo pervaso dal caos. La religione messa in scena dai cappellani militari, ubriaconi e lascivi, attori citrulli che con i loro rituali seminano ilarità. Come Otto Katz, frequentatore di osterie e bordelli che farnetica dal pulpito, celebra la messa con la pianeta a rovescio, con grugniti e gesti a vanvera e tenta di amministrare l’Estrema Unzione in un episodio tra i più esilaranti della narrazione. Nato a Praga nel 1883, (visse l’esistenza come un carnevale da bettola, sempre in bilico tra infrazione e impunità) morto nel 1923, mentre tentava di terminare la sua impresa, Hasek è stato un personaggio unico e impareggiabile. Angelo Maria Ripellino, nel saggio “Praga magica” ne incastona un ritratto splendido: guitto logorroico, improvvisatore geniale come Francois Villon, natura plebea e randagia, apprendista droghiere, mercante di cani e redattore di rivista zoofila, leader politico (nei comizi, secondo Ripellino, era un fiume in piena di chiacchiere a vanvera, di citazioni fasulle, strabilianti promesse, iperboli, frasi

ampollose, parodie degli slogans e degli idoli di altri partiti. Indifferente ai fischi e alle rimbeccate, l’impareggiabile cabaret di Hasek si concluse col fiasco del partito che ottenne, nelle elezioni, meno di una ventina di voti), soldato zelanvico, te, commissario bolscevico, e marito bigamo, bevitore incallito (frequentò ben 100 osterie per le sue bisbocce, trasformandole anche nel baricentro della sua esistenza, ai cui tavoli scriveva su foglietti volanti oppure dettava la sua opera) e clown daa egato, bettola, disertore, impiegato, vagabondo. E non poteva esserne dissimile l’altrettanto antieroe-personaggio principale, Josef Svejk appunto (una sorta di Bertoldino, per tentare qualche aggancio con la letteratura italiana): soldato semplice che invoca ordine sociale e dirime le controversie all’insegna del signorsì. Svejk è un babbeo che usa la sua (apparente) idiozia per prendere in giro i superiori militari e sopravvivere al macello della prima guerra mondiale; finge di adattarsi al sistema mentre si destreggia abilmente fra i congegni infernali e ottusi dell’infernale apparato

dell’ex impero. Tutto deflagra, esplode sotto il suo parossistico inchinarsi, del suo essere buon cittadino, buon suddito, buon soldato mentre si avvicina la gran carneficina della gue guerra. Sveik seduto su una carr carrozzina ortopedica, spint spinta da un garzone per le strade di Praga, chiede in incessantemente di partire per le trincee e l’effetto è da film muto alla Buster Keaton, gonfio di alcool. Di se sstesso, Svejk afferma: “I sono uno scemo “Io ufficiale… Io sono un idiota autentico”, se qualcuno ha dei dubbi, du eccolo a ribadire con aria trionfale la sua notoria idiozia, certificata perfino da una commissione di medici.  E poi, una fitta pletora di funzionari, esattori, impiegati, messi pubblici, sergenti e caporali, corridoi labirintici , palazzi, castelli e ospedali militari, cataste di carta straccia, manicomi. Del romanzo di Hasek è  sempre disponibile, nella Universale Economica Feltrinelli, anche la storica versione di Renato Poggioli e Bruno Meriggi, “Il buon soldato Scveik”, pagg. 846, euro 19,50. Consigliamo vivamente di procurarsene una copia e leggere “Svejk” in santa pace…

Offerta valida fino al 3 Aprile

ntervistato da “Radio Maria”, un’emittente integralista, il vicepresidente del Cnr, Roberto de Mattei ha dichiarato, a proposito del Giappone che i terremoti: “sono una voce terribile ma paterna della bontà di Dio”. De Mattei è lo stesso che, nel 2009, ha organizzato un convegno contro Darwin. Ecco. Noi italiani non temiamo il ridicolo (e all’estero nessuno giustamente ci prende in considerazione) e da noi non potrebbe mai nascere un grande scrittore (e personaggio) come Jaroslav Hasek. A cinquant’anni di distanza (Feltrinelli, 1961-1963) torna, nei “Millenni Einaudi”, in una nuova traduzione, a cura di Giuseppe Dierna, (pp. XCV-1002, euro 85,00) “Le vicende del bravo soldato Svejk”, di Jaroslav Hasek. La metafisica proletaria e stracciona di Hasek è un esilarante, godibilissimo capolavoro anti-eroico e antimilitarista, scritto tra il ‘20 e il ’23. Hasek crea un eroe memorabile, l’attendente sciocco che usa la sua apparente idiozia per “infilare il termometro nel culo della guerra”, secondo il poeta Vladimir Holan. Attraverso le mirabolanti, assurde, comiche e tragiche avventure di Svejk, soldato flemmatico, obbediente e sornione, Hasek smaschera l’infame triade: dinastia, religione e patriottismo, dell’Austria (in)felix. Nell’osteria “Al Calice” le mosche cacano sul

AK;@A9Dg[&HadYklja&ObZFb\a^e^FZss^eeZ%*2-

m^e')1*2)*1*.&consulta l’offerta completa suwww.todis.it


8

• CULTURA

Il patron del “Premio Ischia” sosterrà, con la sua casa editrice, il progetto del duo Mancini-Panizza

BENEDETTO VALENTINO: “IN DIFESA DELLA CULTURA”

di Sacha Savastano

A

lcune sinergie nascono per scelta precisa, altre vengono stabilite per dare seguito a logiche commerciali o meramente economiche. C’è però il caso, è raro ma per fortuna accade ancora, di cooperazioni che nascono sulla scorta innanzitutto di un’affinità elettiva, di un’unione di intenti che va oltre la logica ed ha a che fare soprattutto con un sentire comune. Quello stesso sentire che accomuna Benedetto Valentino, editore e patron del “Premio Ischia Internazionale di Giornalismo”, ed i pionieri del Progetto Culturale “La Nostra Isola”, ideato e diretto da Bruno Mancini. “Ischia è un’isola poco colta, purtroppo – riflette Valentino –. Per questo motivo ritengo che un’iniziativa del genere vada appoggiata e difesa strenuamente da tutti noi professionisti del settore. E poi io e Bruno siamo legati da un’amicizia pluridecennale, sono felicissimo di poterlo aiutare a gettare le basi per lo step successivo di un’avventura che conta ormai così tanti protagonisti”. Uno step successivo da definirsi come un ideale “upgrade” dell’ormai noto progetto “La Nostra Isola”,

riuscito in soli quattro anni a portare alla ribalta un gruppo di giovani (e meno) poeti, anche su palchi di primaria importanza, e ora diretto verso altri e più ambiziosi lidi. Proprio in quest’ottica perennemente rivolta al futuro Valentino Editore patrocinerà tutte le opere concepite all’interno del piano diretto da Mancini e Panizza: antologie poetiche, concorsi di poesia, libri digitali, format per la web tv e radio, e tanto altro ancora. La portata di tutto questo è più volte sottolineata da Valentino stesso: “Il prodotto interessa, ma relativamente. Ciò che conta è sposare l’idea, il trovarsi insieme per puntare decisi verso un medesimo scopo. Una

cosa è certa: da questa sinergie nasceranno cose molto belle.” Una vera e propria promessa di fuochi d’artificio.

Eppure ci si potrebbe chiedere come mai un gruppo di liristi lontani dai circuiti principali riscuota tanto interesse da parte di un nome tanto importante a livello editoriale. “Essere poeti oggi significa rispondere ad una vocazione, prendere parte ad una missione importantissima. La stessa portata a termine dagli Amanuensi tanti secoli fa. Quella cioè di occuparsi del passaggio da un medium comunicativo di riferimento all’altro. Allora si trattava di guidare l’evoluzione della cultura verso una tradizione letteraria più marcatamente scritta. Allo stesso modo sta oggi ai poeti, agli scrittori ed ai professionisti della comunicazione in generale il traghettarci verso la nuova era del digitale. E non parliamo di un futuro lontano, basti pensare che nel giro

di una quindicina d’anni la stessa forma cartacea del libro sarà passata e dimenticata, sostituita degli e-book o da formati affini. In estrema sintesi, il domani della letteratura passa anche da Facebook e, per quanto un simile concetto possa far grida-

re qualcuno allo scandalo, dobbiamo ficcarcelo bene in testa”. “La Nostra Isola” nasce proprio grazie ad un webring di siti Internet. “Noi come casa editrice siamo più che felici di mettere i nostri mezzi a disposizione per aiutare il progetto a uscire dai confini Isolani e a divenire un network funzionale in un territorio ben più grande, sconfinato. Ischia ne ha tanto bisogno.” Ischia, sarebbe a dire l’isola poco colta? “Noi isolani leggiamo poco, scriviamo ancora meno, ci dimentichiamo di un retaggio che ci vorrebbe capitale della cultura, culla ideale del talento di artisti di ogni tipo. E se non ricordiamo da dove veniamo, è difficile poter dire dove arriveremo.E non è una bella cosa.”

ivino DCafè Dove trovi il caffè con la cremina caffetteria t pasticceria t rosticceria BARANO - Via Corrado Buono

(Piazza S. Rocco) 081 989208 Via Erasmo Di Lustro, 6 Forio 80076 Isola d’Ischia (Na) Consegna a domicilo


9

TEATRO •

redazione@corrieredellisola.com

Ogni sabato di marzo gli isolani hanno affollato l’Auditorium Museo del Termalismo di Ischia

AVVIAMENTO

MATCH D’IMPROVVISAZIONE TEATRALE‌CHE SPETTACOLO!!!

AL MATCH AD ISCHIA E NAPOLI DA OTTOBRE

D

di Pietro Di Meglio foto Simone De Sanctis

“N

serate, interagendo in maniera attiva, perchÊ ha suggerito temi, ha votato dopo ogni im improvvisazione p per l’una o per ll’altra squadra, d determinando ccosÏ l’andam mento dell’incon contro. Lo spirito della m manifestazione è stato quello di una competizione artistico/ sportiva fra due squadre di giocatori/attori, che

S.R.L.

oi spettatori vediamo l’attore o l’attrice creare davanti a noi un mondo fantastico e partecipiamo cosĂŹ alla sua libertĂ  di creareâ€? (Robert Gravel) ‌ “Voi non sapete cosa vedrete, loro non sanno cosa reciterannoâ€? (M. Lopez) Queste massime rendono perfettamente l’idea del Match d’Improvvisazione

Teatrale lo spettacolo teatrale piÚ rappresentato nel mondo. e Questo Grande Show, conclusosi la scorsa settimana, ha rapito letteralmente gli isolani che ogni zo sabato di marzo o l’Auhanno affollato ditorium del Termalismo di Ischia partecipando. Il pubblico è stato il vero protagonista delle quattro

7JB1$PMMFUUB /BQPMJ 5FM

www.seďŹ m.it CHIAMATECI PER CONSULENZE E PREVENTIVI TELEFONICI GRATUITI

081 267344 FINANZIAMENTI AGEVOLATI QFSJNQSFTFFEJUUFJOEJWJEVBMJBODIF START UP NUOVE IMPRESE Investimenti e sviluppo di rami aziendali

se si sono contese la vittoria. Un maestro di cerimonia illustrava al pubblico le o varie fasi dello n spettacolo, un dava musicista scaldava la platea facendo salire la tensione sul palco, gli attori si affrontavano a colpi di sketch improvvisati, a far rispettare le regole un inflessibile ed istrionico arbitro.

I Matc Match per gli Str Strani Tipici non so sono finiti, i n nostri giovani p porteranno in g giro per l’Italia il nome di Ischia. Infa Infatti saranno impeg impegnati in una tournÊe che li vedrà esibirsi il 7 e 8 aprile ad Andria, il 15 aprile a Napoli, il 6 e il 7 maggio a Brescia ed Arezzo. Il Match ritornerà ad Ischia a fine estate e noi non vediamo l’ora‌

a ottobre ad Ischia e Napoli partiranno i corsi di avviamento al match di improvvisazione teatrale aperti a tutti. Il Match è nato nell’ anno 1977, a MontrÊal, quando due attori canadesi (Robert Gravel e Yvon Leduc) realizzano l’utopia di una performance completamente improvvisata, diventa immediatamente un fenomeno internazionale. Giunge in Italia nel 1989, su iniziativa di Francesco Burroni, e grazie a Luigi Mennella e agli Strani Tipici è giunto in Campania e in tutto il Sud Italia. Info e.mail_info@stranitipici.it mobile_ 347 48 84 093 mobile_ 335 54 97 741

PRESTITI PERSONALI A TUTTI %JQFOEFOUJt1FOTJPOBUJ mOPBBOOJ t$PNNFSDJBOUJFQSPGFTTJPOJTUJ %JQFOEFOUJDPODPOUSBUUPEJGPSNB[JPOJ

ESITI IMMEDIATI ANCHE A FIRMA SINGOLA ANCHE PROTESTATI E CATTIVI PAGATORI

CESSIONI DEL QUINTO

"EJQFOEFOUJBODIFQJHOPSBUJtDBUUJWJQBHBUPSJtQSPUFTUBUJ

PREVENTIVI ANCHE TELEFONICI PENSIONATI FINO A 90 ANNI RINNOVO CQS IN CORSO

MUTUI A TUTTI 5BTTJBQBSUJSFEB 

PER ACQUISTO CASA-LOCALI-BOX PER RISTRUTTURAZIONI E LIQUIDITA’

CONSOLIDAMENTO PRESTITI E MUTUI

CONVENZIONE PER ARTIGIANI E COMMERCIANTI CON CONFIDI - REGIONE CAMPANIA


10

• SPORT

www.corrieredellisola.com

Fu uno dei pionieri, con Gigetto Cantone, di quella storia meravigliosa che sfociò nella conquista dei professionisti. Oggi Teodoro Stilla ricorda quegli anni offrendo uno spaccato inedito del calcio ad Ischia

Il presidente soddisfatto nonostante le sconfitte e la prolungata assenza di chi avrebbe dovuto affiancarlo

ISCHIA MON AMOUR

DE VIVO NON CEDE. BAZZOLI PURE...

di Pancrazio Arcamone

T

ra i personaggi che hanno lasciato un ricordo indelebile nel cuore degli sportivi isolani, spicca la figura di Teodoro Stilla. Uno dei pionieri, insieme all’amico Gigetto Cantone, di quella storia meravigliosa che vide, con grande soddisfazione, la squadra isolana approdare al calcio professionista. Era il campionato 83/84, ed è da qui che parte il racconto di Stilla. “Presidente era il mio amico Cantone, mentre io ricoprivo la carica di vice. Ci salvammo all’ultima giornata col Licata. Fu una stagione brutta sotto tutti i punti di vista, anche per le frizioni con quei dirigenti che ci affiancavano”. Una sofferenza, quel campionato. Con un episodio tenuto segreto fino ad oggi, avvenuto proprio in quella gara contro i siciliani. “Ero dietro le porte lato spogliatoio al vecchio Rispoli. Alla fine, esausto finii a terra per un forte dolore al petto. Sapevo di cosa si trattava. Al dottor Mattera, che mi soccorse, chiesi di mettermi in macchina e riaccompagnarmi a casa. Annuì, ma appena salito in macchina schizzò all’ospedale”. Nel suo album dei ricordi sono custoditi tantissimi aneddoti, molti dei quali offrono uno spaccato degli aspetti meno noti della

storia dell’Ischia: “Nel campionato 84/85, sempre in C2 rilevai Cantone ormai stanco di un onere cosi gravoso. Disputammo un grande campionato, gettando le basi per il salto di categoria che arrivò l’anno successivo. Io nel frattempo avevo passato la mano a Roberto Fiore. Io uscii di scena per dissapore con un paio di dirigenti isolani, che volevano isolare Fiore per fare i propri comodi. Una cosa inaccettabile, che mi portò a maturare la decisione di farmi da parte”. Una presidenza breve la sua, ma che ha lasciato un segno profondo nei cuori dei giocatori e di quegli sportivi che, a distanza di tanto tempo, non possono fare meno di ricordare Stilla con una nota nostalgica: “Ho cercato di fare sempre tutto con la massima

serietà e trasparenza. Ricordo che quando Fiore nel primo anno vinse il campionato, io ero seduto su questo divano, aspettando la lieta notizia. Il telefono squillò. Era Fiore, il magazziniere, che mi annunciava la venuta dei giocatori a casa mia per festeggiare. Pensavo si trattasse di uno scherzo. Mi resi conto che era tutto vero quando sentii il frastuono dei clacson. Una lunga fila di macchine capeggiata da Billone Monti arrivo qui. Chiamai Calise, che arrivò con dolci e champagne. Poi ci fu la festa ad Ischiponte. Domenico Di Meglio mi chiamò sul palco per ritirare una targa. Voltai le spalle ed andai via. Il motivo? La voce di Errico Scotti che diceva : “Ma questo che c’entra?”. Fu un pugno nello stoma-

co. In seguito seppi che si trattava di uno sfottò. Non me ne resi conto, perché a pronunciare quella frase era stato una persona a me molto cara”. Poche volte si è lasciato conquistare da un calciatore. In una occasione, con Di Maggio, non seppe sottrarsi. “Era un modo come un altro per difendere un calciatore bravo, inviso dai tifosi e dall’allenatore Cucchi. A portarlo ad Ischia fu Enrico (Scotti, n.d.r.) uno che a livello calcistico non ha eguali. Non costò una lira. Fu un acquisto straordinario visto che si rivelo l’arma in più della squadra”. In molti sperano in un suo ritorno sulle scene calcistiche, nella speranza di riassaporare il calcio che conta. Ma Stilla sgombera subito il campo da facili illusioni: “Non ci penso. Come ho sempre fatto continuerò ogni anno a dare il mio contributo. Per impegni maggiori non ho il tempo né la volontà. Per fare calcio ad un certo livello c’è bisogno del coinvolgimento degli imprenditori isolani. Basta con la pretesa che bisogna aspettare persone dalla terraferma per fare calcio. Qui c’è un benessere diffuso. Se gli imprenditori si mettono insieme possono fare tanto. Occorre solo un pò di buona volontà. L’Ischia in fondo rappresenta pur sempre un veicolo pubblicitario. E la pubblicità è vitale per un isola come la nostra che vive di turismo”.

CafèFlorio da noi il caffè è un piacere • gelati in coppa • • aperitivi • Corso Francesco Regine, 95 80075 Forio . Ischia mob. 347 1870278 mob. 327 1726112

C

ome il buon samaritano, cosi l’Ischia sempre pronta ad andare in soccorso di chi ha bisogno. Al Francavilla di Lazic servivano i tre punti per mettere quasi al sicuro la salvezza, e l’Ischia prontamente si è offerta ima come vittima sacrificale.. Intendiamoci, le intenzioni iniziali erano di far trascorrere un gio pomeriggio sereno a queii pochi che ancora si ostinano a seguire le imprese sportive dei nostri prodi eroi. Ma tra il dire e il fare c’è di mezzo il mare amano dire i francesi. E il mare - leggi avversari - per l’Ischietta attuale è stato avversario ostico. Alla fine ho notato scoramento misto a incredulità sui volti dei tifosi. Finanche lo zoccolo duro, quelli che hanno sostenuto a spada tratta la necessità di cambiare la guida tecnica, si domandavano se quello che stavano vivendo era tutto vero o si trattava solo di un brutto sogno. Per fortuna il volto del presidente De Vivo non dava segno di cedimento. Evidentemente la batteria di attaccanti schierata da Mariani, aveva finito per mitigare, o rendere indolore, la delusione per la sconfitta. E poco importa se di conclusioni in porta non se ne sono viste. La cosa importante era il tridente. Con Monti si vinceva, è vero. Ma una vittoria senza attaccanti equivale ad una sconfitta. Questo secondo il pensiero di qualcuno. Io, che invece sono amante delle cose pratiche, mi chiedo (e chiedo a chi di dovere): ma siamo proprio sicuri che sia stata una scelta oculata dare il benservito a Monti? Mariani è una persona perbene. Ma

non poteva cambiare il volto di una squadra che non conosceva. Una rosa assemblata all’ultimo momento, e per giunta all’insegna del risparmio. Un organico carente, che solo grazie all’acume tattico del suo condottiero, ed un pizzico di fortuna, era riusci riuscito a ragg raggiungere ve vette inasspettate. Quel secondo posto che ha finito per far perdere la rea realtà delle t Potrò cose a ttutti. anche sbagliare, ma resto della convinzione che con un altro in panca dall’inizio, forse questa squadra sarebbe retrocessa. Sul fronte societario, buone nuove. Lo stipendio è stato pagato. Con assegni posdatati. Almeno questo ci risulta. Ma sembra non a tutti. Apprendo che per tre di essi, l’incombenza a provvedere toccherebbe a tre dirigenti. Gli stessi che ne hanno caldeggiato l’acquisto. Resta da capire gli assegni a quale mese si riferiscono. Anche qui la confusione regna sovrana. Secondo fonti degna di stima a febbraio, per altri invece a gennaio. La mancanza di chiarezza crea confusione e malessere. Domenica, al termine i giocatori sono stati tacciati di essere dei mercenari. Per fortuna la querelle non è degenerata per il pronto intervento delle forze dell’ordine. Sarebbe il caso che tutti ci dessimo una regolata. A proposito di dirigenza, Bazzoli non pervenuto. Continua dunque ancora la meditazione di chi doveva essere tra gli artefici principali a livello societario. L’auspicio è che quando terminerà la meditazione, il facoltoso imprenditore si ricordi di quanto stabilito con i compagni d’avventura in merito ad impegni presi a bocce ferme.


Colpo di coda degli aquilotti, che contro la Caivanese si rilanciano nella corsa salvezza

IL BARANO RISORGE

di Pancrazio Arcamone

D

alle stalle alle stelle in soli sette giorni. Dalla cocente sconfitta col Parete alla brillante ed imprevista vittoria con la Caivanese che consente al Barano di mantenere intatte le speranze di salvezza anche se attraverso la coda dei play out. Mi risulta che la trasferta di Caivano per molti era considerata una

resa. E, per giunta, contro una squadra in piena emergenza. Basti pensare che in fretta e furia si è dovuto ricorrere a due giocatori dell’amatoriale, gli ex Carnevale, buona la sua prestazione, e Pipolo. E cosi hanno trovato spazio le seconde linee. Di Costanzo ha confermato quanto di buono si dice sul suo conto. Di Scala ha fatto intravedere progressi incoraggianti, e con un po di fortuna potrà ritornare il bel giocatore di un paio di stagioni or sono. L’emergenza ha consentito di trovare spazio ad Errico Di Meglio- toh chi si rivede - e il giocatore si è segnalato come il migliore in campo, confermando che la scarsa considerazione riposta in lui, è quanto meno ingenerosa. Ora l’importante è non allentare la tensione. Il calendario da una mano con due gare su tre da disputarsi al Di

specie di gita fuori porta. Almeno a livello societario il morale era sotto i tacchi, anche per le molte defezioni. I calciatori, invece, in cuor loro speravano in un miracolo. “Domani vinciamo”, prometteva in modo convinto venerdì un calciatore. Sembrava una promessa da disperato, ed invece.... La Caivanese, in piena lotta per un posto nei play off, è stata costretta alla

Galano Trasporti

UN'OFFERTA COMPLETA PER OGNI ESIGENZA DI SPEDIZIONE. Ritiriamo a domicilio tutto quello che dovete spedire non importa di che peso o destinazione

VELOCE E AFFIDABILE SDA Raccomandata Uno, e sarà consegnata in 1 giorno

11

SPORT •

redazione@corrieredellisola.com

PUNTUALE scegli l’orario di consegna con i servizi accessori Time Definite ore 9, 10 o 12.

AUTONOMIA Soluzioni Tecnologiche web spedisci direttamente dalla tua scrivania

PER LE TUE SPEDIZIONI IMPORTANTI,

AFFIDATI A SDA RACCOMANDATA SDA ti offre un servizio sicuro, completo e ricco di vantaggi. Dalla comodità del ritiro a domicilio, alla tracciatura elettronica che ti aggiorna costantemente sullo stato della tua spedizione, fino ad un imballo ad hoc compreso nel prezzo. Ed, inoltre, su richiesta, l’avviso di ricevimento che attesta l’avvenuta consegna della spedizione e la possibilità, se il destinatario è assente, di concordare anche il 2° tentativo di consegna.

RE-CALL E RE-MAIL

PESO

Avviso di avvenuta consegna, a richiesta, via sms o e-mail, inclusi nel prezzo

Fino a 2 kg nell’apposito imballo

• il servizio di assicurazione è a pagamento per un importo massimo ssimo assicurabile di 2.582,28 euro ontrassegno è a pagamento • il servizio di contrassegno assimo di di 22.582,28 .5582,228 eeuro uro con importo massimo

FERMO DEPOSITO E RITORNO AL MITTENTE Incluso nel prezzo

Via V. Di Meglio 84 | 80070 Barano d’Ischia [NA] | tel. +39 081 990024 | fax +39 081 906390 | www.galanotrasporti.com | in info@galanotrasporti.com

AMICI IN BICI

SULL’ISOLA D’ISCHIA Iorio. Se play out devono essere, l’importante è disputarli sfruttando il fattore campo. LACCO NEI GUAI Si fa sempre più difficile la situazione in casa Lacco. Il pari acciuffato per i capelli quasi al suono delle sirene ha fruttato un misero punticino. Calendario alla mano, a questo punto sarà difficile evitare la coda dei play out. Tenuto conto del valore dei componenti della squadra, l’impresa anche se disperata, non è certamente impossibile. Occorre però un pizzico di fortuna. Proprio quella che è mancata fino a questo momento. Infatti la squadra pratica un buon calcio, produce occasioni, ma paga dazio al minimo errore. E per fortuna che c’è Musella che timbra il cartellino con puntualità, altrimenti chi sa come andava a finire questa stagione che doveva dare grandi soddisfazioni e invece sta riservando solo cocenti delusioni. FORIO, PERICOLO SCAMPATO Il Forio si fa irretire dal Casalnuovo del pittoresco presidente Delle Cave. Per fortuna Mattera è riuscito ad acciuffare il pari, diversamente poteva mettersi male. La salvezza non è ancora in cassaforte. 35 punti sono una buona dote, ma pende sempre la spada di Damocle per il ricorso presentato dal Vitulazio avverso l’utilizzo del calciatore Solvetti all’epoca non ancora in età di lega. Esiste però la speranza di farla franca, tenuto conto che il ricorso è stato notificato ad un indirizzo errato. Intanto il campo ha confermato che il Forio è Chiaiese dipendente. E quando non c’è lui si spegne la luce. Infine complimenti a Castagliuolo. Pochi minuti per confermare che sarebbe ancora utilissimo alla causa.

È

oramai una sorta di tradizione che si rinnova  di anno in anno, appena la primavera mostra le prime effusioni stagionali ed il verde isolano si colora di nuova linfa vitale. Decine di biciclette provenienti per lo più dalla Campania si radunano per una escursione sull’Isola d’Ischia. Ad accoglierli sono i sempre più numerosi ciclisti isolani, che con estremo orgoglio conducono il gruppo tra strade, stradine, vicoli e sentieri di quello che è uno dei posti più suggestivi e variegati del panorama ciclistico campano. L’appuntamento domenica mattina 27 marzo 2011 è al porto di Pozzuoli alle ore 08.00. Per chi si trovasse già sull’isola , invece, si parte alle ore 9.30 dal porto di Casamicciola, dove sbarcheranno gli amici che in uno spettacolo da non perdere, sciameranno copiosi dalla pancia metallica del traghetto. Dopo un breve raduno nella piazza di Casamicciola, per raggrupparsi e spiegare velocemente il percorso e le modalità del tragitto si parte alla volta di Lacco Ameno sul meraviglioso lungomare che lega i due comuni costieri. Giunti all’altezza della Mezzatorre, in Lacco Ameno, si entra nella stradina che sorvolando la meravigliosa Baia di San Montano si immette nel Bosco di Zaro. Di lì, passando per il belvedere di San Francesco e l’omonima spiaggia, si torna sulla strada principale nel Comune di Forio d’Ischia, da percorrere per l’intera lunghezza in direzione Panza e poi alla volta del Comune di Serrara

Fontana. Qui ci si radunerà per un caffè ed una veloce colazione nella Piazza di Fontana, prima di cominciare la breve scalata che condurrà sino alla Pietra dell’Acqua, appena sotto la vetta dell’isola. E  qui comincia la parte più emozionante del percorso. Data un’occhiatina alla bicicletta, abbassato leggermente il sellino e sgonfiato un pizzico le ruote per renderle più morbide, ci si lancia in una discesa mozzafiato in un sentiero incantato che trafigge il cuore verde dell’isola. Passando dal Piano San Paolo e dalla sorgente di Buceto si continua verso il Fondo Ferraro nel Cretaio per poi spuntare nuovamente a Casamicciola, dove il bosco della Maddalena si affaccia sul mare blu. Uno sballo. Qui termina il percorso e si possono agevolmente, a seconda dell’orario, raggiungere tanto il porto di Ischia quanto quello di Casamicciola. Siete invitati tutti, e vi invito a partecipare, rassicurandovi che il tutto si farà in piena tranquillità, dando la possibilità a tutti di seguire il gruppo e di completare il percorso in piena agevolezza, senza corse e fatiche eccesive. Le uniche, necessarie accortezze: una bici che sia in grado di affrontare anche lo sterrato, caschetto, camera d’aria di riserva in caso di bucature, borraccia porta acqua e colazione al sacco. E ricordatevi …il mondo è tondo come la ruota di una bicicletta. Si ingraziano per l’evento i Carbonari bikers da Napoli, i gruppi ischitani dei Puravita bikers ed i Cicliscotto.


12

• FASHION & BY NIGHT

Renato Buono sfila per i più grandi stilisti fra Londra e New York

LUI HA REALIZZATO IL SUO SOGNO NELL’ALTA MODA

a cura di DALILA SGHAIER

G

li aggettivi con i quali lo si potrebbe descrivere sono al positivo. E finiscono tutti con “issimo “. Perchè lui in effetti è “bellissimo”, “fighissimo”, “tostissimo” etc…. Madrenatura insomma con Renato Buono di iola è Casamicciola vero stata davvero generosa tanto che lui astuto com’è ne ha approfittato. “Sono oriundo di ioCasamiccio’isola la, ma sull’isola l vengo oramaii solo d’estate visto che il mio lavoro non mi permette di restare fermo in un luogo. E nei giorni di festa resto dunque a Londra dove ho preso casa da tempo”. Aria paciosa, parlare chiaro e

diretto, il suo. “Mi reputo un nomade, ma tutto sommato contento di esserlo! E’ da dieci anni che infatti lavoro come modello. E per mia fortuna lavoro per noti stilisti come ad esempio Dean and Dan, Caten, Burberry, Jean Paul Gault Gaultier, Gucci, Mo Moschino, R Robert Geller, Kenneth Cole. Il meglio a livello in internazio zionale insom insomma….” Il nostro t R Renato si può dire che da Casamicciola è finito a girare per il mondo, offrendo la sua venustà su tutte le più importanti passerelle di alta moda. E continua divertito : “ Ci sono

alcuni scatti davvero che, credetemi, rimangono per sempre nella testa. Per esempio una volta dovetti cimentarmi in una posa fotografica dove ero assieme ad una modella. Lei vestita perfino con tanto di giacconcino, guanti e scarpetta. Io invece, avevo solo dei pantaloncini bianchi e mi sono ritrovato a dorso nudo sotto la neve con una temperatura da brivido! O ancora – ricorda – una foto che rappresentava il volo di Icarus per l’alta moda a New York! Questo lavoro insomma. per chi non lo sapesse, è divertente ma pur sempre faticoso come del resto tutti i lavori ... Quindi – conclude Renato, non pensate alla carriera del modello come una carriera facile!”.

www. .com SFOGLIA GRATIS ON LINE Iscriviti al gruppo facebook corrieredellisola.com Iscriviti alla mailing list per ricevere il nostro magazine tutte le settimane direttamente nella tua posta

www.corrieredellisola.com


redazione@corrieredellisola.com

13

IL BY NIGHT ISOLANO NELLA GALLERY DI FRANCO TRANI •

RISTORANTE NASCONDIGLIO DELL’AMORE

AI TAVOLI DI PIZZOLO

GIOVEDI’ A FORIO GRANDE NOCHE LATINA + DISCO DANCE AL LUCIGNOLO Il giovedì più bello dell’isola? E’ solo uno… unico! Al Lucignolo di Forio, carichi più che mai si festeggia tutti assieme l’arrivo di aprile e della primavera. Ovviamente con la notte del “1° di Aprile” e del “pesce” più divertente della storia di sette mari. Giovedì, dopo la mezzanotte inizierà infatti la serie degli scherzi e degli sfottò. Non si può certamente mancare a questa serata, piena di tantissime sorprese! Ritorna alla consolle del locale il mitico (e con qualche chilo in più

do dovuto agli ozi invernali) Ivano Ve Veccia. Questa la grande novità, m non l’unica da svelare, per il ma m momento. Ingresso privilegiato al locale fino alle 01:00 e per le do donne, l’ingresso è free! Si inizia all 22:00 con la grande “Noche alle La Latina” di Valentino Dee Jay y su vinilos! A seguire, la disco sus da dance di Ivano e di d.j. Ademi. Pe info, tavoli e liste, contatta Per Vi Elia Eli all 328.25.63.456, 328 Vito “zio” Carmine Elia 335.83.48.484 e Ivano Veccia 339.71.84.370 . E ricordate che “chi vive senza follia NoN è Così Saggio Come Crede di Essere”!


14

• PAGINE UTILI

INFO UTILI

DA ISCHIA ALLA TERRAFERMA

EMERGENZE Carabinieri Stazioni

112

Ischia

081/991001 081/991065 081/994480 081/997008 081/906463

Casamicciola Forio Barano Polizia

Commissariato Ischia Vigili del Fuoco

Centrale Guardia Costiera Emergenza

Ischia Forio Casamicciola Terme Lacco Ameno Sant’Angelo

113 081/5074711 081/5074701 115 081/991109

1530 081/5072801 081/5071272 081/980175 081/900685 081/999882

Forestale Antincendio boschivi AIB Regionale

081/3334800

Barano Napoli

081/990985 081/7967647 081/991291

Dogana

EMERGENZA SALUTE

118

Ospedale “Rizzoli” Lacco Ameno

Prenotazioni visite specialistiche Centralino Autoambulanza Pronto Soccorso

800177763 081/5079111 081/995495 081/5079267

Guardia Medica (Notturno e Festivo)

Forio Ischia-20-8

081/998655 081/983292

Presidio San Giovan Giuseppe Ischia

Pronto Soccorso Coordinatore Presidio Oncologia

118 081/5070317 081/5070327-328

Distretto Sanitatio Ischia ex maternità

PUNTO INFORMATIVO U.R.P. Segreteria direzione Farmacia Termalismo Riabilitazione adulti

081/5070655 800284270 081/5070630 081/5070638 081/5070622 081/5070628

Ambulanze Private

Croce Bianca Croce Rosa Croce Rossa Italiana Pubblica Ass. Flegrea

www.corrieredellisola.com

081/983022 081/984272 081/999531 081/980303 081/8392924

02.30 04.30 06.30 06.35 06.40 06.45 06.50 07.00 07.10 08.00 08.10 08.15 08.30 08.35 08.45 08.50 09.10 09.25 09.40 10.00 10.00 10.10 10.30 11.10 11.15 11.15 11.20 11.40 12.00 12.30 13.00 13.15 13.30 13.45 13.50 14.00 14.00 14.15 15.05 15.20 15.25 15.45 16.05 16.15 16.50 16.50 17.00 17.00 17.15 17.35 17.40 19.00 19.00 19.00 19.20 19.30 19.30 20.10

Nave Nave Nave Aliscafo Nave Nave Aliscafo Aliscafo Aliscafo Aliscafo Nave Aliscafo Nave Aliscafo Nave Aliscafo Aliscafo Aliscafo Aliscafo Aliscafo Aliscafo Nave Nave Nave Aliscafo Aliscafo Nave Aliscafo Aliscafo Nave Aliscafo Aliscafo Nave Aliscafo Nave Aliscafo Aliscafo Aliscafo Nave Nave Aliscafo Aliscafo Aliscafo Aliscafo Aliscafo Aliscafo Nave Nave Nave Nave Aliscafo Aliscafo Aliscafo Nave Aliscafo Aliscafo Nave Nave

Ischia Ischia Casamicciola Ischia Ischia Ischia Ischia Forio Casamicciola Ischia Ischia Forio Ischia Ischia Ischia Ischia Forio Ischia Casamicciola Ischia Ischia Casamicciola Ischia Ischia Forio Forio Ischia Ischia Ischia Casamicciola Forio Ischia Casamicciola Casamicciola Ischia Ischia Ischia Ischia Ischia Ischia Ischia Forio Ischia Ischia Ischia Ischia Casamicciola Ischia Ischia Ischia Casamicciola Ischia Ischia Ischia Ischia Procida Ischia Ischia

Pozzuoli Pozzuoli Pozzuoli Napoli Bev. Napoli P. Massa Napoli P. Massa Napoli Bev. Napoli Bev. Napoli Bev. Napoli Merg. Pozzuoli Napoli Bev. Pozzuoli Napoli Bev. Napoli P. Massa Napoli Bev. Napoli Bev. Napoli Bev. Napoli Bev. Napoli Merg. Napoli Bev. Pozzuoli Napoli P. Massa Pozzuoli Napoli Bev. Napoli Bev. Pozzuoli Napoli Bev. Napoli Bev. Napoli P. Massa Napoli Bev. Napoli Merg. Pozzuoli Napoli Bev. Napoli P. Massa Napoli Merg. Napoli Bev. Napoli Bev. Pozzuoli Napoli P. Massa Napoli Merg. Napoli Bev. Napoli Bev. Napoli Bev. Napoli Bev. Napoli Merg. Pozzuoli Napoli P. Massa Napoli P. Massa Pozzuoli Napoli Bev. Napoli Merg. Napoli Bev. Pozzuoli Napoli Bev. Beverello Napoli P. Massa Napoli P. Massa

Med VPR f Med f Med C Alilauro f Med CaremVPR Carem Alilauro f Snav esf Alil. esf Med Alil. vi f CaremVPR Alilauro CaremTMV Carem Alilauro Vif Alilauro f Snav/VPR Alilauro Alil. VM Med C Med Med Alil. via Is. Alil. via Is. CaremVPR Aliscafo CaremVPR CaremVPR Alil. via Is. Alilauro f Med C Snav VPR CaremTMV Alilauro Alil. VM CaremVPR Med CaremVPR Alil. esf Alil. via Is. Aliscafo CaremVPR Aliscafo Alil. esf Med C Med CaremVPR CaremVPR Snav VPR Alilauro Alil. f VM Med CaremVP Carem CaremVPR CaremTMV

DALLA TERRA FERMA AD ISCHIA 04.10 05.50 06.25 06.40 07.10 07.35 07.50 08.00 08.20 08.25 08.40 08.55 09.10 09.35 09.35 09.35 09.40 09.55 09.55 10.30 10.40 11.45 12.05 12.20 12.30 12.50 13.10 13.30 13.50 13.55 14.30 14.35 14.35 15.00 15.10 15.30 15.40 16.20 16.30 17.05 17.05 17.30 17.55 18.15 18.15 18.30 18.45 18.55 19.00 19.20 20.10 20.30 20.30 21.55

Nave Nave Nave Nave Aliscafo Aliscafo Aliscafo Aliscafo Aliscafo Nave Nave Nave Aliscafo Nave Aliscafo Aliscafo Aliscafo Aliscafo Nave Aliscafo Nave Nave Aliscafo Aliscafo Aliscafo Aliscafo Aliscafo Nave Nave Nave Nave Aliscafo Aliscafo Nave Aliscafo Aliscafo Nave Aliscafo Nave Aliscafo Aliscafo Nave Aliscafo Aliscafo Aliscafo Nave Aliscafo Nave Nave Nave Aliscafo Nave Aliscafo Nave

Pozzuoli Ischia Pozzuoli Ischia Napoli P. Massa Ischia Pozzuoli Ischia Napoli Merg. Ischia Beverello Ischia Beverello Ischia Beverello Forio Beverello Casamicciola Pozzuoli Casamicciola Napoli P. Massa Ischia Napoli P. Massa Casamicciola Napoli Merg. Ischia Pozzuoli Ischia Beverello Ischia Beverello Forio Beverello Forio Beverello Ischia Pozzuoli Casamicciola Beverello Ischia Napoli P. Massa Ischia Pozzuoli Casamicciola Beverello Ischia Napoli Merg. Ischia Beverello Casamicciola Beverello Ischia Beverello Ischia Pozzuoli Ischia Pozzuoli Ischia Napoli P. Massa Ischia Napoli P. Massa Ischia Beverello Forio Beverello Ischia Pozzuoli Casamicciola Beverello Ischia Beverello Ischia Napoli P. Massa Ischia Beverello Casamicciola Pozzuoli Ischia Beverello Ischia Beverello Forio Napoli P. Massa Ischia Beverello Ischia Beverello Ischia Napoli Merg. Ischia Pozzuoli Casamicciola Beverello Casamicciola Pozzuoli Ischia Napoli P. Massa Ischia Napoli P. Massa Ischia Beverello Ischia Pozzuoli Ischia Beverello Ischia Napoli P. Massa Ischia

Med VPR f Med f Caremar VPR Med f Alilauro esf Alilauro f Caremar Alilauro f SNAV VPR Med C Med Caremar VPR Alilauro Med Alilauro via Is. Alilauro via Is. Alil. via Is. esf Caremar VPR Caremar VPR Alilauro esf Caremar TMV Med C Alilauro VM Alilauro SNAV Alilauro Caremar VPR Med Caremar VPR Med Caremar VPR Alilauro via Is. Alilauro Med C Caremar VPR Alilauro Car. VPRT MV Snav VPR Med Alilauro Alilauro via Is. Caremar VPR Alilauro VM Caremar Alilauro Med C Snav Caremar VPR Med Caremar VPR Alilauro esf Med VPR Caremar VPR Caremar VPR

ANNUNCI GRATUITI - inviaci i tuoi annunci a annunci@corrieredellisola.com Offresi ragazza seria per assistenza ad anziani e/o lavori di pulizia/manutenzione. Massima serietà cell. 328 8860867 Ragazza seria con diplomata tecnico delle attività alberghiere votazione 56/60 ed attestato di qualifi ca regionale di animatore sociale, cerca lavoro serio part-time come operatore sociale per persone diversamente abili o come segretaria presso uffi cio. Conoscenza word ed internet. tel 3471934494 VENDESI OPEL CORSA 3 PORTE ANNO ’93, BOLLO GIA’ PAGATO FINO A TUTTO AGOSTO2011. STEREO INCLUSO CON IMPIANTO CASSE NUOVO. MOTORE ED INTERNI IN BUONE CONDIZIONI, CARROZZERIA CON ALCUNE AMMACCATURE. DA FARE LA

REVISIONE ED ASSICURAZIONE. PREZZO 300 EURO + PASSAGGIO DI PROPIETA’. NO PERDITEMPO! PER INFO 3293458470 (FILIPPO DALLE ORE 13.00 ALLE ORE 23.00) Vendesi scooter 125 peugeout tweet ,come uovo,ancora in garanzia,imm.luglio 2010 . Bollo 2010 pagato. Causa trasferimento. Euro 1500,00 intrattabili . Per info 3299789556 (Giovanni) - Affitto mensile: 400 € Numero di stanze: 3 Superficie: 60 mq a Barano centro. Appartamento finemente Arredato riscaldamento autonomo Terrazzo vivibile, Soggiorno cucina 2 camera matrimoniale 1 bagno ,ripostiglio .Max 2 persone - info e contatti : Daniela : 3477414829 - Appartamento finemente Arredato

A/C parquets riscaldamento autonomo Videocitofono cassaforte Terrazzo vivibile balcone di servizio Soggiorno cucina disimpegno camera matrimoniale bagno box auto sotterraneo con accesso diretto nella palazzina e posto nel Parco con servizio di portineria e vigilanza armata a non residenti e per medio brevi periodi a referenziati - Affitto mensile: 950 € Numero di stanze: 3 Superficie: 68 mq a Roma, Zona: Portuense/Magliana , per info e contatti : Alessandro :335- 8357998 - 50enne colta, dinamica, bella presenza, lunga esperienza alberghiera, buona conoscenza informatica, occuperebbesi presso studio / ufficio / negozio anche part-time tel. 366.2633531

ragazza italiana offresi per lavoro di pulizie ad ore assistenza ad anziani e lavoro in albergo tel 3495874277 Signora colta, dinamica, buona presenza, interprete d’inglese e francese, ottime conoscenze informatiche, partita IVA, cerca impiego, anche a ore, presso albergo / studio / ufficio. tel. 347 7256638 VENDO APRILIA SPORTCITY 200 del 2005, bianco ghiaccio, GOMMATO al 100% e TAGLIANDATO € 1100. Per info 3341570990 Carmen VENDO BEVERLY 500 PIAGGIO, COME NUOVO. KM 4000-COLORE GRIGIO METALLIZATO-2.900 EURO. RIVOLGERSI ORLANDO - cell 346 78 66 402


'300)>-32)46-1%:)6%)78%8)

-7',-%ˆ:-%()00)8)61) TEL. +39 081 992576



Corriere dell'isola n. 13 2011