Issuu on Google+

Programma amministrativo lista

LUGAGNANO ATTIVA PREMESSA L’esercizio delle funzioni di pubblica responsabilità implica, da parte degli amministratori, il rispetto degli obblighi generali di trasparenza, diligenza, lealtà, correttezza e imparzialità. Per questo motivo, la premessa ineludibile all’esercizio di tali funzioni, sarà l’elaborazione di un codice etico che farà da linea guida di comportamento al nostro operato.

MISSION Uno degli obiettivi principali della futura amministrazione di Lugagnano sarà quello di valorizzare il ruolo centrale del paese nella media ed alta Val d’Arda. All’interno dell’UNIONE DEI COMUNI noi potremmo essere, infatti, il centro nevralgico del commercio, dell’ artigianato e dell’agricoltura; il punto strategico per la programmazione degli atti amministrativi. Qualsiasi cosa pensata per il nostro paese perderebbe di peso e di valore se non indirizzata a tale scopo. Pertanto la partecipazione all’UNIONE dei COMUNI diventa elemento determinante per dare forza e potere contrattuale al nostro territorio nella richiesta di contributi regionali, statali ed europei che altrimenti vedremmo assegnati ad altri; l’UNIONE è inoltre propedeutica alla possibilità di nuove prospettive territoriali quali la fusione tra comuni, verificabili attraverso referendum. Crediamo, infatti, in un progetto ampio e credibile dove ci sia una “governance” diffusa e una partecipazione attiva.

POLITICA INTESA COME SPIRITO DI SERVIZIO COSA 

Riduzione dei costi della politica

SERVIZI SANITARI CASA DELLA SALUTE Le Case della Salute sono un nuovo punto di riferimento per la salute dei cittadini, pensate come luoghi ai quali rivolgersi in ogni momento della giornata per avere una risposta competente ai diversi bisogni di assistenza che non richiedono il ricorso all'ospedale. Sono strutture sanitarie e socio-sanitarie, dove i servizi di assistenza primaria si integrano con quelli specialistici,

1

COME 

Le indennità della politica torneranno a quelle previste a bilancio nel 2009 (dal 2010 è stato raddoppiato). Il risparmio verrà indirizzato al sostegno di progetti specifici.


ospedalieri, della sanità pubblica, della salute mentale e con i servizi sociali e del volontariato. La Casa della Salute non è solo un luogo fisico, ma un nuovo modo di lavorare. All'interno di queste strutture lavorano in modo integrato diversi professionisti: medici di medicina generale, pediatri di libera scelta, specialisti, infermieri, ostetriche e assistenti sociali. La Casa della Salute diventa così il punto di riferimento per i cittadini sul territorio per quanto riguarda "la salute" in senso ampio, dalla promozione del benessere tramite lo sviluppo di sani stili di vita, alla presa in carico integrata di patologie croniche e della non autosufficienza, fino alla gestione dell'emergenza-urgenza. COSA

Casa della salute

COME In questi ultimi tempi a Lugagnano sono diminuiti i servizi sanitari e, per alcuni, sono stati ridotti gli orari di fruizione. Come già in programma dall’ ASL da tempo, intendiamo perciò intraprendere un percorso, condiviso nell’Unione dei comuni, per la proposta di una struttura POLIFUNZIONALE che possa offrire ai cittadini una serie di servizi sanitari coordinati garantendo diversità di servizi e tempi di fruizione più estesi.

SCUOLE STATALI E PARITARIE NIDO PER L’INFANZIA La scuola è una risorsa fondamentale per la crescita di una comunità: promuove il benessere economico, l’occupazione e la mobilità sociale; preserva l’eguaglianza morale dei cittadini; favorisce le condizioni di una vita personale realizzata; diffonde cultura, attenzione alla persona, favorendo inclusione, condivisione, confronto. Attualmente,

2


considerate le drastiche riduzioni dei finanziamenti alle scuole, diventano fondamentali l’attenzione e l’impegno delle Amministrazioni nei confronti di tutti gli ordini di scuola, siano esse statali o paritarie. COSA

COME 

Messa a norma di tutte le scuole; in particolare ristrutturazione della scuola di RUSTIGAZZO e di PRATO OTTESOLA

Manutenzione del Polo per l’infanzia

Favorire una profonda sinergia tra Istituzioni scolastiche, Enti ed Associazioni del Territorio (culturali, sportive, ricreative) Studiare protocolli di intesa tra Amministrazione e Scuola relativamente ai vari progetti proposti

Accertata la mancata richiesta nei tempi stabiliti da parte dell’attuale Amministrazione, recuperare la possibilità di essere “ripescati” ed inseriti nell’elenco degli interventi immediati previsti dal Governo nel programma di edilizia scolastica.  Ricerca finanziamenti finalizzati all’ installazione di impianti fotovoltaici per produzione di energia elettrica

Contributo del comune utilizzando le economie ottenute con la riduzione dei costi della politica

Azione di coordinamento in rete con scuola e territorio per la ricerca di finanziamento nel bando EXPO 2015 bandito dal MIUR e sostegno offrendo servizi del comune (trasporto con i pulmini per iniziative…) Favorire, attraverso l’Unione dei Comuni, reti tra scuole statali e paritarie di Morfasso, Vernasca, Lugagnano e Castell’Arquato per la partecipazione a bandi regionali, ministeriali ed europei. Richiesta di collaborazione con la scuola su argomenti legati alla conoscenza e valorizzazione del nostro territorio. Valorizzazione di quanto la scuola ha già prodotto in questi anni (Progetto orchidee per la Pineta, plastico del territorio per la Torricella, ecc.)

Partecipazione al progetto EXPO 2015

 

Arricchimento del sito del Comune 

Reti Wi-Fi in tutte le scuole

Trasporto scolastico

Scuola materna Sacra Famiglia

Mantenimento della collaborazione con l’Istituto Sacra famiglia per la gestione dell’attività didattica della scuola dell’infanzia

Consiglio comunale ragazzi

Proposta alle scuole delle iniziative al fine di sensibilizzare gli alunni al senso civico ed avvicinarli alle istituzioni.

  

Ricerca di contributi e finanziamenti Attenzione al contenimento dei costi, Riorganizzazione del servizio dell’Unione dei comuni

SERVIZI: STRUTTURA ANZIANI CENTRO EDUCATIVOSALA JUNGLE COSA

 Struttura polifunzionale per anziani

3

COME

Preclusa la possibilità dell’ampliamento della

nell’ottica


 Assistenza domiciliare

struttura a seguito dell’autorizzazione concessa a privati dall’attuale amministrazione per l’edificabilità dell’area a fianco della stessa, al fine di contenere i costi di gestione, chiedere l’accreditamento regionale per la comunità alloggio

 Centro diurno

Ricercare all’interno dell’unione dei comuni la possibilità di collaborazione gestionale con analoghe strutture vicine per abbassare i costi.

Completare l’iter amministrativo finalizzato ad ottenere l’accreditamento definitivo del centro diurno e di assistenza domiciliare, potenziando il servizio. Attenzione ai nuovi bisogni educativi emergenti, nell’ottica della continuità dei servizi finora erogati in la collaborazione con Istituto sacra famiglia e Parrocchia Collaborazione sinergica con il Servizio sociosanitario (AUSL) per i servizi di tutela ai minori.

  Attività educative Centro educativo e sala Jungle.

ASSOCIAZIONI DEL PAESE Tutte le associazioni del paese, attraverso le loro attività, valorizzano in modi diversi la comunità in cui agiscono, offendo servizi alla persona di tipo sanitario, assistenziale, educativo, sportivo, culturale, di sicurezza, tutela e cura del decoro ambientale, promozione dei talenti, integrazione culturale, proposta di iniziative , feste, eventi, basando ogni azione sul servizio di VOLONTARIATO. La ricaduta delle attività delle associazioni, oltre ad arricchire tutta la comunità, riduce le spese del Comune e garantisce servizi altrimenti insostenibili. COSA

4

COME

Potenziamento di attività e servizi delle diverse associazioni

Sostegno delle attività attraverso contributi, collaborazioni e convenzioni per la gestione concordata di servizi e strutture

Promuovere nei giovani la cultura del servizio

Promuovendo collaborazioni in rete con le scuole superiori per la certificazione del servizio di volontariato


Feste, eventi sportivi, culturali

Patrocinio e/o Contributi per iniziative, manifestazioni, eventi culturali e sportivi che valorizzino il territorio

Manutenzione impianti sportivi

Implementazione del “progetto pineta”

Ricerca di contributi, eventualmente in rete con gli altri comuni (progetto di riqualificazione del torrente Arda) Continuazione della seconda tranche del progetto “Pineta” (Progetto Orchidee) finanziamento regionale Recuperare la convenzione con l’Ass. MTB per potenziare, piantumare, completare il progetto pineta.

 Realizzazione di percorsi pedonabili e per Mountain bike sui nostri territori

 Contributo “ex comunità montana” Lugagnano con Morfasso, Vernasca con finanziamento europeo  Ricerca di collaborazioni con associazioni del paese per tracciare percorsi nella riserva del piacenziano con collegamenti con il Parco Monte Moria

Casa delle associazioni

Una volta decaduto il divieto di acquisto di immobili da parte degli Enti locali, così come stabilito dalla legge per gli anni 2013/2014, considerare la possibilità di acquistare il fabbricato ex ACAP a fianco della biblioteca comunale, per ampliamento della biblioteca stessa e reperire locali per le associazioni ancora prive di sedi.

Box per ambulanze della pubblica assistenza 

Ampliamento dell’attuale garage rendendolo idoneo per 2 ambulanze e con i requisiti necessari per l’accreditamento regionale da parte della pubblica assistenza

Interventi di solidarietà

Collaborazione attiva con i progetti che si occupano di solidarietà (Caritas Parrocchiale, congrega dei presidenti, Istituto Sacra Famiglia…)

Forma cooperativa di pensionati per la pulizia dei boschi

Collaborazione del Comune per la cura dei boschi e dei sentieri con recupero legna per produzione pellet

AGRICOLTURA L’Agricoltura locale, caratterizzata da un territorio pedemontano e collinare, offre possibilità colturali disomogenee. Nonostante la meccanizzazione e la modernizzazione, rimane pur sempre un’attività difficile e poco appetibile, in particolare per i giovani. Pertanto le azioni da mettere in atto dovranno essere diversificate fra loro e tutte proposte in stretta collaborazione con le categorie di settore; COSA 

5

Valorizzazione del prodotto

COME Valorizzazione del prodotto vitivinicolo attraverso


   

Tutela/garanzia della produzione

 Consolidamento del rapporto tra mondo  agricolo e cittadinanza e migliorare la rendita dei prodotti

lo studio di un logo/etichetta che identifichi e valorizzi la produzione della zona del piacenziano, con adesioni volontarie all’eventuale disciplinare. Coordinamento per la valorizzazione e la diversificazione dei prodotti integrativi a quelli tradizionali. Sostegno alla produzione tradizionale (lattiero/casearia) Incentivare i rapporti con l’Università cattolica Facoltà di agraria Attivare, in concerto con le associazioni di categoria, il “mercato contadino” . Coinvolgere l’operatore agricolo nella gestione – manutenzione ambientale Proporre, nell’ambito dell’Unione dei comuni in concerto con le associazioni cacciatori, un piano di contenimento del numero degli Ungulati, Adesione al MERCATO DELLA TERRA : ricerca di collaborazione tra Comune e Slow food. Un mercato gestito da una comunità con valori e regole condivisi. Cibi buoni, puliti , prodotti locali e di stagione, presentati solo da chi produce quello che vende. Spazi per i giovani, per l’educazione del gusto, per gli eventi.

URBANISTICA E RIQUALIFICAZIONE URBANA Promuovere la rigenerazione urbana e contrastare il consumo di suolo, favorendo lo sviluppo dell’attività edilizia. Occorre promuovere lo sviluppo dell’efficienza energetica, delle fonti rinnovabili e l’adeguamento statico delle strutture residenziali e produttive, stabilendo incentivi volumetrici, sgravi sull’IMU e riduzione del contributo di costruzione. Una politica unitaria svolta all’interno dell’UNIONE dei COMUNI, che cerchi i finanziamenti possibili, avrà una ricaduta positiva soprattutto per chi fornisce i servizi, cioè per il nostro comune. COSA

6

COME

Recupero delle abitazione del capoluogo, delle frazioni e delle case sparse al fine di favorire il ripristino dell’esistente e ridurre il degrado urbanistico.

 Programmazione nuova all’interno dell’Unione dei comuni, con la possibilità di agevolazioni

Risparmio energetico.

 Persa l’occasione avuta nel 2010 di installare impianti fotovoltaici con incentivi, verificare l’economicità con l’attuale normativa per l’installazione di questi impianti su strutture pubbliche

EDILIZIA SPORTIVA: Sistemazione spogliatoi e del campo di allenamento

di

 Per riuscire a fare alcune cose importanti e quindi avere possibili canali di finanziamento si deve collocare il Centro sportivo in un progetto di riqualificazione ambientale delle sponde del torrente Arda e di regimentazione dei corsi fluviali.


Decoro urbano

 Pulizia/sfalcio delle aree verdi coinvolgendo le ditte locali  ricerca di collaborazione con le associazioni per la manutenzione e pulizia di aree pubbliche

Rispetto dei parcheggi e delle aree riservate  ai portatori di handicap

Applicazione dei regolamenti

 Riqualificazione varia: Sistemazione  Riprendere il protocollo d’intesa con la tratto Cimitero-Madonna del Piano provincia per la riqualificazione del tratto CIMITEROMADONNA DEL PIANO utilizzando in prima battuta le economie avute dalla costruzione della tangenziale Urbanistica e edilizia convenzionata: “housing” sociale

Ricerca di fondi per favorire l’housing sociale in merito a tre proposte: 1. AFFITTO: alloggi in affitto a canone moderato 2. ACQUISTO A PREZZO CONVENZIONATO: rivolto a coloro che vogliono acquistare immediatamente una casa di proprietà a prezzi contenuti, secondo modalità e criteri stabiliti in una convenzione con il comune 3. AFFITTO CON POSSIBILITA’ D’ACQUISTO: affitto con patto di futura vendita in un contratto in cui il locatore e il conduttore a un costo già determinato si impegnano reciprocamente.

affitto e vendita di alloggi a prezzi contenuti destinati ai cittadini con reddito medio-basso che non riescono a pagare un affitto o un mutuo sul mercato privato, ma non possono accedere ad un alloggio popolare.

 PSC (piano strutturale coordinato)

 Nell’impossibilità di recuperare i contributi persi nel 2010 per la realizzazione di un PSC in collaborazione con Morfasso e Vernasca, verifica della possibilità di recuperare il collegamento con il PTCP (Piano territoriale coordinamento provinciale).

INDUSTRIA-ARTIGIANATOCOMMERCIO-TURISMO Il nostro Comune è l’unico della zona ad avere una attività industriale ed artigianale degna di questo nome. Queste attività vanno salvaguardate e consolidate favorendo ogni azione politicoamministrativa atta a conservare e possibilmente sviluppare l’occupazione ed il lavoro. La valorizzazione di prodotti tipici e della tradizione rappresentano i veri elementi produttivi dell’economia locale . L’industria turistica “virtuosa” può contribuire al mantenimento e alla fruibilità del patrimonio architettonico dei piccoli borghi COSA 

7

Azienda Danesi

Albergo diffuso

COME  Attenzione alle problematiche occupazionali tenendo in debita considerazione che la CAVA di argilla è sul nostro territorio Sostegno di iniziative come “l’albergo diffuso” nel nord Italia che hanno dimostrato negli ultimi anni la possibilità, attraverso la realizzazione di una attività ricettiva nel rispetto dei luoghi, di conciliare l’esigenza di sviluppo economico e la conservazione e valorizzazione di valori di una civiltà


L’ente pubblico deve attivarsi per creare le 

condizioni per lo sviluppo economico della collettività nel rispetto dei vari settori produttivi: artigianato, industria, commercio favorendo, attraverso il turismo, la promozione degli stessi e dell’intero territorio.

Artigianato locale

Commercio

altrimenti destinata a scomparire. Incentivare feste territoriali locali  Potenziare e ripristinare le strade per renderle sicure e più percorribili  Implementare la segnaletica affinché Veleia e Chiavenna diventino centri raggiungibili e fruibili da un maggior numero di utenti  Potenziare il turismo culturale e sportivo incentivando manifestazioni, eventi, percorsi tematici e materiale informatico  Migliorare su internet la visibilità di Veleia e Chiavenna, Diolo, Rustigazzo con le iniziative turistiche e le attività locali  Individuare percorsi ciclo pedonali  Sviluppare la sentieristica: apertura e mappatura dei sentieri, cura degli stessi implementando forme di manutenzione in sinergia con associazioni e operatori di settore  Promuovere il turismo a Veleia

Promuovere le attività lavorative, agevolando l’indotto artigianale presso le industrie locali (Buzzi Unicem, Vanessa, Danesi)

Favorire iniziative ed eventi che aumentino la presenza di persone nel nostro territorio.

CULTURA Lugagnano ha la fortuna di ospitare sul proprio territorio due importanti eccellenze culturali: VELEIA Romana, una delle aree archeologiche più importanti del Nord Italia, con il suo prezioso Festival di Teatro antico, e la ZONA PALEONTOLOGICA del PIACENZIANO, una delle più interessanti zone a livello geologico, con l’antico maniero-castello della Torricella cuore del Parco naturale. Si tratta di un “paesaggio culturale” definito dalla felice combinazione di natura (meravigliose vallate) e cultura (patrimonio culturale unico). Un patrimonio inestimabile che necessita di una politica culturale capace di valorizzarlo e promuoverlo facendo sistema con le eccellenze paesaggistiche e culturali dei territori contigui, come Castell'Arquato e Vigoleno. Solo attraverso una virtuosa sinergia con gli altri Comuni dell’alta Val d’Arda, ed in particolare con le altre città d’arte, sarà possibile sfruttare a pieno le risorse archeologiche, culturali, paesaggistiche in modo che il territorio Lugagnanese che li ospita ne tragga reale beneficio, economico, turistico e di sviluppo. COSA 

8

BIBLIOTECA

COME  Sostegno e valorizzazione delle attività già proposte dal servizio


 Promozione di un Centro culturale per la promozione di eventi culturali  Ampliamento locali biblioteca (fabbricato ex Acap)  Utilizzazione al meglio il contributo ottenuto per Progetto “Val d’Arda cultura ed arte: dalla la “Torricella” e Veleia romana via Emilia all’appennino” (Progetto  Revisione della cessione gratuita di parte della ARCUS) struttura Torricella per 40 anni alla provincia con spese di gestione a carico del comune

SICUREZZA - AMBIENTE COSA

COME

Sistema di VIDEOSORVEGLIANZA

 Richiesta di finanziamenti per l’installazione di telecamere di videosorveglianza (non è mai stata fatta richiesta per avere contributi) in entrata ed uscita dal paese.  Aumento punti luce

 Collaborazione dell’ordine.

con

tutte

le

forza 

Attenzione diversa, più puntuale e collaborativa, con le forza dell’ordine nell’ambito dell’Unione dei Comuni, in modo che la sinergia possa aumentare la sicurezza su tutto il territorio. Mappatura e monitoraggio delle aree di dissesto idrogeologico e promozione della loro bonifica.

Dissesto idrogeologico per zone incolte

 Distribuzione di acqua naturale e frizzante in modo gratuito

 Istallazione in paese di un distributore di acqua pubblica gratuita e fruibile da tutti i cittadini

Monitoraggio situazione ambientale

 Richiesta, in accordo con l’unione dei comuni, di uno studio di fattibilità per una gestione dell’acqua interamente pubblica.

Istituzione di un tavolo di confronto, nell’ambito di accordi all’interno dell’Unione dei comuni, aperto a istituzioni, industrie , organi di controllo (Arpa).

FRAZIONI COSA

COME

Centro aggregativo per le associazioni di  RUSTIGAZZO

Soluzione in tempi brevi delle problematiche relative alla mancata apertura della struttura per la quale la Comunità paga il mutuo già da tre anni.

Strade

Pianificazione, nell’ambito dell’Unione dei comuni, di interventi di rifacimento del manto stradale.

Distributore a Rustigazzo

Individuazione di un’area idonea, poiché proposta non è conforme alle norme di sicurezza richieste

Impegno a fornire il gas metano alle frazioni di Diolo e Prato.

In accordo con la sovrintendenza adeguamento della struttura

 

Servizi Punto di ristoro a Veleia Romana

9


Ex canonica di Veleia

Richiesta del contributo fondi unione europea per utilizzare la ex canonica di Veleia come da progetto originale ( con foresteria e servizi) per rapporti più fecondi con le università

Forma cooperativa per la pulizia dei  boschi

Collaborazione del Comune per la cura dei boschi e dei sentieri con recupero legna per produzione di pellet

TASSAZIONI

Attenzione alle fasce più deboli attraverso l’introduzione del metodo ISEE (indicazione sociale economica equivalente) come metodo

Sarà cura dell’Amministrazione, onde evitare pericolosi squilibri nel bilancio comunale, pur tenendo in debita considerazione le aspettative di tutta la Comunità, individuare le priorità dei vari interventi che saranno attuati nel corso del quinquennio amministrativo.

Lugagnano Val d’Arda 28 aprile 2014

Il candidato sindaco COPELLI GIANNI

10


Programma amministrativo