Page 1

rieccoci con l’uscita estiva del giornalino L’Ora di…Spini! L’estate è iniziata piena di pioggia, brutto tempo, ma anche belle giornate! Il numero di luglio vuole raccontarvi, in ordine di calendario, ciò che da aprile si sta muovendo sul territorio di Spini. Potrete leggere, infatti, ciò che è emerso dalle serate, accompagnate da un esperto che, su stimolo dei genitori di alcuni adolescenti di Spini, sono state organizzate in collaborazione con la Commissione Politiche Sociali della Circoscrizione di Gardolo. Le serate hanno toccato tematiche diverse facendo emergere sì le fatiche di essere genitori di figli adolescenti, ma anche il divertimento e la gioia di vederli affacciarsi ad un periodo così rivoluzionario quale è l’adolescenza.

E

All’interno di questo numero potrete trovare anche quanto approfondito nel corso delle serate organizzate dalla Scuola equiparata dell’infanzia di Ghiaie di Gardolo tra maggio e giugno dal titolo: “Corpo mente cuore: i bambini costruiscono la propria identità” con la presenza del dott. Corrado Barone, neuropsichiatra infantile presso l’Asl di Tione di Trento ed “Educare i bambini: una sfida a stare dentro la complessità” con il dott. Giuseppe Malpeli, formatore che da anni cura l’aggiornamento di molte insegnanti. Avrete poi la possibilità di leggere l’articolo della giovanissima redattrice Giorgia Susat, che ci descriverà il mondo delle piscine che ancora una volta è stato una delle mete più ambite della frizzante colonia estiva del Giocastudiamo di Spini; non solo: troverete inoltre la descrizione del

“Genitori…che fatica” A partire da aprile all’interno del percorso “Essere ben in-forma(ti)” che, come abbiamo raccontato nello scorso numero, vuole dal basso, attraverso il confronto, sostenere processi di comunità solidali e creative, sono state organizzate alcune serate, dove i protagonisti erano i genitori accompagnati da un esperto. Venerdì 4 aprile c’è stata la prima serata, che aveva come titolo “Genitori…che fatica”. Il tema era incentrato sulle sostanze stupefacenti e sul come aiutare gli adolescenti a dire “no!”. L’impresa è sicuramente difficile, di non immediata soluzione e piena di ostacoli, ma grazie alla disponibilità di alcuni genitori si è iniziato a fare qualcosa. La tematica è stata affrontata con l’aiuto del Dott. Gabriele Pellegrini, coordinatore degli infermieri del Servizio per le Dipendenze, il quale ha raccontato con chiarezza e passione quali sono gli aspetti principali che possono influire sul consumo di sostanze dei nostri figli. Cosa abbiamo imparato da questo momento di conoscenza e dibattito? Sicuramente abbiamo le idee più chiare sull’importanza di “esserci” e non retrocedere di fronte alle possibili situazioni di confronto con gli adolescenti, fossero anche di difficile soluzione, di scontro, di

pomeriggio trascorso in compagnia tra torneo di calcio, cena e spettacolo che anche quest’anno Vento in poppa ha portato in piazza a Spini. Tra le pagine del nostro breve, ma densissimo periodico troverete dunque una parte della comunità di Spini che ha voglia di prendersi cura del proprio quartiere attraverso incontri con l’esperto, attraverso momenti di festa e di ritrovo. Anche l’occasione dell’anguriata in compagnia di sabato 26 luglio organizzata grazie alla disponibilità del Comitato degli Amizi del Pont dei Vodi è la dimostrazione che il quartiere di Spini c’è, è in movimento, ha voglia di creare le occasioni per parlarsi, ritrovarsi, svagarsi e perché no…anche insieme tener pulito il nuovo parco! A partire dalle 18.30 ci si ritroverà per pulirlo insieme! Buona lettura a tutti! E ancora buona estate! La Redazione

incomprensione. Un altro degli aspetti che sono stati evidenziati è come il sostegno del fare nella fascia adolescenziale sia di fondamentale importanza ed è provato che diminuisca i consumi di sostanze, affrontare la noia senza demonizzarla. Quando si parla di adolescenti e consumi si parla sempre di policonsumi, ovvero l’assunzione di più sostanze psicoattive (agiscono a livello del cervello modificandone il funzionamento), si tende generalmente a non considerare l’alcool come una delle sostanze più diffuse e a tutti gli effetti una droga, c’è maggior comprensione, accettazione perché parte della “nostra” cultura. La droga esiste da quando esiste l’uomo e sicuramente continuerà ad esserci. Quello che possiamo fare è metterci insieme tra esperti e cittadini, per aumentare le nostre conoscenze specifiche e trovare possibili percorsi da fare insieme. La seconda serata, il 22 maggio, ha voluto esplorare il tema dell’autostima: come gestirla nel ruolo di genitore e come infonderla nei propri figli alle prese con l’adolescenza. L’ospite della serata è stato il dott. Lorenzo Gios, che lavora attualmente come psicoterapeuta presso la LILT Trentina. Attraverso immagini, una modalità spigliata e delicata, è riuscito a coinvolgere il gruppo di mamme presenti catturando il loro interesse in un tema tanto faticoso quanto importante. In modo interattivo si è cercato di condividere una definizione di“autostima” intendendo con

Numero 4 del 2014  

Giornalino l'Ora di... Spini!

Numero 4 del 2014  

Giornalino l'Ora di... Spini!

Advertisement