Page 13

Il tempo delle cose è brevissimo, eppure operai demoliscono insistentemente per costruire una multisala. Scavatrici in funzione, materiali edili in quantità indescrivibile: io per me infilo in fretta le scarpe alla mattina per scampare al crollo prevedibile e correre da qualche parte. L’inguine nei pantaloni non parla, ammutolito stancabile sfinito. È un tempo incolume finora, mi dico, ma a fatica lo intendo, a fatica assumo posizioni durevoli. Non è certa la causa, l’effetto addirittura manca, ma quotidianamente insisto in un tempo che resiste, dentro una storia non richiesta che non rischia suoli, non escogita.

8

Profile for Conversation Poetry

CPQ Summer 2012  

CPQ Summer 2012

CPQ Summer 2012  

CPQ Summer 2012

Advertisement