Page 1

Controcrampo anno I - Numero 1 Giovedì 24 Marzo 2005

Organo ufficiale della “Lega del Giovedì”. Anno I - Numero 1

TUTTO PRONTO PER IL VIA DEL TORNEO “CEMPIONS LIG 2005” CHE COMINCERA’ IL 7 APRILE. ALL’INTERNO: • Il REGOLAMENTO DEL TORNEO • LE PAGELLE

RIVINCITA

I Bianchi rispondono con grande energia alla sconfitta della scorsa settimana demolendo gli avversari in una gara giocata con grande attenzione ed intensità. Decisivo il rientro di Umberto e la buona gara di Francesco, cinque reti per lui. Ma è tutta la squadra a brillare in un incontro in cui gli avversari non sono riusciti a creare grandi pericoli. Sotto tono Corrado e Fabrizio Nucci mentre estremamente negativa la prestazione di Renato. A pagina 2

1

IL CALCETTO MONDIALE SCOPRE U N N U O V O CAMPIONE. GRAZIE AD UNA GARA S T R E P I T O S A FABRIZIO SI PROPONE COME LA NUOVA STELLA DELLA STAGIONE. A pagina 3 IL PUNTO DI LAGANA’ IL RITORNO TRA I PALI Da quando esiste il gioco del calcio, da secoli e secoli, è cosi che si fanno le formazioni per le partite amichevoli sui campi, più o meno alla buona. Ma ecco arrivare la temutissima domanda “e in porta chi ci si mette?” A pagina 4


Controcrampo anno I - Numero 1 Giovedì 24 Marzo 2005

I Bianchi si rifanno della sconfitta subita la scorsa settimana

ED E’ SUBITO RIVINCITA La formazione di Vittorio si riprende, con gli interessi, dalla sconfitta subita la scorsa settimana con una gara eccezionale e senza sbavature. Partita senza storia e Verdi polverizzati dalla maggiore forza degli avversari. VERDI—BIANCHI 7 - 10 VERDI: Daniele, Renato, Corrado, Fabrizio N., Massimiliano, Maurizio. BIANCHI: Umberto, Vittorio, Rullo, Fabrizio, Fabio, Francesco. MARCATORI: Renato (V); Daniele (V); Fabrizio (V)2; Maurizio (V)3; Francesco (B)5; Fabio (B); Umberto (B)2; Fabrizio (B)2 NOTE: Spettatori 20.000. Terreno in ottime condizioni. Minuti di recupero: 30. A sette giorni dalla disfatta Vittorio ed i suoi uomini centrano l’immediata rivincita grazie ad una prestazione davvero convincente. I Bianchi hanno dominato l’incontro dall’inizio alla fine disputando una gara intensa e senza sbavature, facendo valere la migliore organizzazione di gioco e la superiore freschezza atletica. Qualche novità rispetto alle formazioni della scorsa settimana dettate, più che altro, dall’ampliamento delle rose a sei componenti per squadra. I tifosi, accorsi ancora una volta numerosi, hanno quindi potuto riabbracciare Umberto e Francesco, assenti ormai da diverse giornate. E proprio questi due elementi hanno portato ai Bianchi nuova vitalità e nuova freschezza. La formazione di Vittorio ha fatto quello che ha

voluto controllando nettamente la gara a proprio piacimento. Il rientro di Umberto ha fornito alla retrogu ardia una maggio re sicurezza e la giornata eccezionale di Fabrizio, il migliore in campo, ha limitato al minimo i danni e in avanti, ancora una volta, la velocità di Fabio ha messo in difficoltà gli avversari apparsi stanchi e confusi. Ed infatti per Corrado ed i suoi è stata una giornata da dimenticare. I Verdi non sono riusciti ad imbastire un azione degna di nota con Massimiliano in preda ad una gravissima confusione mentale, Daniele egoista come non mai e Renato distratto e demotivato. Anche il nuovo innesto di Maurizio, deludente, non ha prodotto niente di positivo. E’stata una partita che i Bianchi hanno, sin dal principio, messo sul giusto binario grazie ad un costante possesso palla ed alle micidiali ripartenze innescate dall’ottimo Fabrizio. A pochi minuti dal fischio d’inizio i Verdi, incapaci di imbastire una minima reazione, erano gia sotto di cinque reti senza neanche accorgersi di nulla. E solo dopo una buona mezz’ora di gioco Daniele, riprendendo una palla terminata sul palo, siglava la prima rete per la sua formazione. Una rete che alzava il morale ma che non contribuiva certamente a cambiare gli equilibri della gara sempre saldamente in mano alla

2

formazione di Vittorio che continuava a produrre azioni pericolose. E neanche i trenta minuti di recupero, giocati a seguito dell’accordo tra le due squadre mirato ad ottenere una maggiore preparazione in vista dell’inizio del torneo, permettevano ai Verdi di creare pericoli alla porta avversaria. Una gara quindi che la formazione in maglia Bianca ha interpretato in maniera totalmente diversa da quella della scorsa settimana. Vittorio, sulla via del recupero completo, ha diretto con ordine le manovre a centrocampo sfruttando appieno la velocità di Fabio e la capacità di Francesco nel farsi trovare sempre pronto alla conclusione a rete, mentre la difesa, sfruttando il rientro di Umberto e la giornata positiva di Fabrizio, bravissimo nel recuperare palla e far ripartire l’azione, ha accompagnato puntualmente i movimenti offensivi del tridente d’attacco senza rinunciare a proporsi per la conclusione a rete grazie alla bravura di Rullo nel gioco aereo ed alla precisione nel tiro di Umberto e Fabrizio. Giornata da dimenticare invece per i Verdi che dovranno rimboccarsi le maniche se vorranno evitare altre figuracce. Giovedì, con il rientro di Valter, potrebbe essere tutta un'altra musica.


Controcrampo anno I - Numero 1 Giovedì 24 Marzo 2005

LE PAGELLE: FABRIZIO IL MIGLIORE. RENATO E MASSIMILIANO GARA DA DIMENTICARE. DANIELE : Il “Cassano” di San Pietro. Per lui una gara da dimenticare. Tiene troppo la palla ostinandosi in inutili dribbling che ottengono il solo risultato di confondere i compagni più che gli avversari. 5 RENATO : Una vera spina nel fianco della sua squadra. Gioca svogliato e senza impegno vagando per il campo alla ricerca della gioventù perduta. Si scontra più volte con i compagni di squadra ai quali, con estrema abilità, sottrae la palla. Segna però un bel gol di testa. 4 FABRIZIO N. : Troppo isolato dai compagni non può far altro che lottare da solo contro l’intera difesa avversaria. A corto di fiato e di idee è tra i primi ad arrendersi. 5,5 CORRADO : Non riesce a trovare il ritmo giusto e si trova imbrigliato tra la rete tesagli intorno dagli avversari. Poco reattivo nei recuperi, sbaglia molto soprattutto nei tiri a rete. La brutta copia dell’atleta ammirato una settimana fa. 5 MASSIMILIANO : Una prestazione sconcertante .Completamente fuori gara sbaglia anche le cose più facili. Sempre in ritardo sulla palla non riesce mai ad essere incisivo. 4 MAURIZIO : Non gioca da più di un anno e si vede. Appare completamente estraneo ai meccanismi della squadra e si aggira per il campo senza trovare la posizione giusta. E quando la benzina finisce si piazza avanti lasciando i compagni in balia degli avversari. 4,5

RULLO : Gioca una gara generosa ma è ancora lontano dalla migliore condizione. Unisce buone giocate ad errori grossolani mostrandosi, in molte occasioni, insicuro. 6 FABIO : Rispetto ad una settimana fa gioca di più al servizio della squadra. Smista palloni preziosi ai compagni facendosi trovare sempre pronto in ogni situazione. Altruista. 7 VITTORIO : Per lui vale il discorso fatto per il fratello. Gioca con grande impegno ma si vede che si sta risparmiando per l’inizio della stagione. Lavora tanti palloni per i compagni ma difetta di precisione in troppe occasioni. Dal punto di vista fisico sembra però sulla strada giusta. 6,5 FABRIZIO : Un muro insormontabile di fronte alla difesa. Gioca con grande carattere recuperando una grande quantità di palloni senza mai sbagliare i tempi d’intervento sugli avversari. E anche davanti sa rendersi pericoloso con i suoi tiri potenti e velenosi.7,5 UMBERTO : Sempre lucido e deciso negli interventi difensivi gioca con l’intensità di una finale di Coppa. A volte la sua generosità lo porta a commettere qualche fallo di troppo. Nel finale si sposta in avanti evidenziando tutte le sue doti balistiche. 7 FRANCESCO : Con cinque reti è il bomber della serata. Si fa trovare sempre pronto alla conclusione anche se gli avversari lo lasciano colpevolmente solo. Buona gara anche in fase di contenimento dovrebbe però cercare di controllarsi di più negli interventi sugli avversari a volte troppo rudi. 7

FABRIZIO: CLASSE E PRECISIONE La gara di giovedì ha consacrato un nuovo fortissimo giocatore che diventerà certamente uno dei protagonisti del torneo. Stiamo parlando di Fabrizio, il baluardo della retroguardia dei Bianchi, l’insuperabile muro contro il quale si sono scontrate le speranze di rimonta avversarie. Il giovane difensore giallorosso, scoperto e portato alla ribalta del grande calcio da Vittorio, si è rivelato infatti un giocatore provvisto di ottime qualità. Abilissimo nel gioco aereo e dotato di un tiro potente e preciso, Fabrizio è un elemento molto difficile da superare

per qualsiasi attaccante. Sempre attento ai movimenti dell’avversario ha la facoltà innata di riuscirne a capire con largo anticipo le intenzioni. Questo gli consente di effettuare precisi e rapidi interventi difensivi che, la maggior parte delle volte, riescono a limitare i pericoli per la propria porta. E proprio questo è accaduto giovedì nel corso di una gara largamente dominata dai Bianchi grazie soprattutto alle numerose palle recuperate dal giovane difensore abile e veloce a far ripartire la squadra in rapidi contropiedi. E proprio grazie alle sue folate offensive, fulminee e brucianti, che ha trovato anche due splendide reti con due tiri tesi e precisi che non hanno lasciato scampo all’avversario. Ed alle doti tecniche Fabrizio affianca anche qualità umane di tutto rispetto. Proprio per il ruolo che ricopre, infatti, spesso e volentieri subisce (Continua a pagina 4)

3


Controcrampo anno I - Numero 1 Giovedì 24 Marzo 2005

IL PUNTO di Renato Laganà

IL RITORNO TRA I PALI “ Bene, io mi prendo lui, quello lì e Piè veloce”, “ Io, invece, lo spilungone, il cicciottello e il commissario Basettoni”. Da quando esiste il gioco del calcio, da secoli e secoli, è cosi che si fanno le formazioni per le partite amichevoli sui campi, più o meno alla buona. Ma ecco arrivare la temutissima domanda “e in porta chi ci si mette?” E’ a questo punto che gli occhi si arroventano, si infiammano e spunta il dito indice della mano destra. Di tutti, meno di uno, che sarà quello indicato a mettersi tra i pali, scelto perchè considerato il meno efficiente, il più scarso in campo. Ricordiamo che è soprattutto giocando in campo che si può avere una serata di gloria, magari mettendo a segno il gol più bello della serata o il più pesante, o quello decisivo. E questo è fondamentale per chi aspetta tutta la settimana per quel solo momento di esaltazione che la vita gli dà. E poi è comunque più bello, più avvincente e più divertente farsi le sgroppate sulle ali, scoccare il tiro, effettuare il passaggio smarcante, andare a rete. Ma ovviamente non

sempre questa si rivela la “ scelta migliore”. Al termine dell’incontro di giovedì scorso, nello spogliatoio dei Verdi, sconfitti giustamente per colpa soprattutto di una serie di tiri sballati degli attaccanti, ecco arrivare la sentenza di Fabrizio N. “ no, cosi non può essere ! Non possiamo alternarci in porta dieci minuti per uno. Così ci spacchiamo il fiato !”, E Massimiliano, cogliendo la palla al balzo “ Si alterneranno Daniele e Renato, dieci minuti a testa”. Il fatto è che il ruolo del portiere nel calcetto è davvero molto pesante : si può parare benissimo per cinquantanove minuti, ma se all’ultimo secondo arriva il gol della sconfitta, le colpe ricadono su chi non ha sventato il tiraccio finale e cioè sull’ ultimo giocatore in campo: quello tra i pali. Ed ecco quindi la lunga serie delle colpe: “ non eri piazzato, non sei uscito, sei annato pe tetti “, ma il bello è che arrivano proprio da chi, in campo, si è fatto superare in corsa, ha perso un dribbling, ha effettuato un passaggio maldestro, si è fatto portare via la palla. Questo perchè

comunque lui deve uscire bene dalla partita, e difficilmente ammetterà ”ho sbagliato”. Ma Renato e Daniele, che hanno dimostrato più volte di essere preziosi e migliori di parecchi dei compagni di squadra, Renato con la sua tecnica inesistente ma con la velocità, la precisione nei tiri, la rapidità nelle azioni di gioco, Daniele con la sua classe, le sue finte, le sue impostazioni di gioco, i gol innumerevoli segnati, sono pronti a tornare a giocare tra i pali, dando la disponibilità per ogni eventuale discesa in campo.

(Continua da pagina 3)

colpi proibiti che farebbero infuriare chiunque. Invece, grazie al suo carattere calmo e tranquillo, riesce a gestire ogni situazione nel migliore dei modi. Mai una lamentela, mai una protesta, mai un commento sopra le righe, Fabrizio pensa solo a giocare e a dare il meglio di se in ogni gara. Davvero un elemento da tenere d’occhio, sicuro candidato alla vittoria del titolo come miglior giocatore e sicuro protagonista della nuova stagione che inizierà tra poco. Ed anche se è presente da poco nel circuito del grande calcetto mondiale oramai ha raccolto una vasta schiera di consensi da parte degli addetti ai lavori e dei tifosi che nutrono per lui una profonda stima. Ad oggi si contano infatti una decina di fans club dedicati al difensore il cui unico neo, forse, è quello di tifare per la Roma.

4

Organo ufficiale della Lega del Giovedì Anno I Numero 1 Giovedì 24 Marzo 2005 Direttore Responsabile Massimiliano Urso Capo Redattore Renato Laganà Realizzazione grafica Massimiliano Urso E’ un settimanale della BIG MAX EDITORI bigmaxworld@tiscali.it


Controcrampo anno I - Numero 1 Giovedì 24 Marzo 2005

Stilato in Federazione il regolamento del torneo

ECCO IL REGOLAMENTO La prima giornata il 7 aprile, l’ultima il 24 novembre, squadre miste sorteggiate prima dell’incontro. Verranno premiati i cinque che otterranno più punti, il miglior giocatore, il capocannoniere e altri premi minori. giocatore che avrà la migliore media voto stabilita in base ai voti assegnati da “Controcrampo”, l’organo di stampa ufficiale della Lega. Verrà premiato dunque il capocannoniere del torneo ed i migliori giocatori di ogni ruolo, ruoli che saranno assegnati all’inizio del torneo da “Controcrampo”. Ovviamente le squadre, nel corso di ogni gara, potranno operare in completa autonomia effettuando le scelte che riterranno più opportune per vincere la gara. La scelta quindi del capitano o del portiere o del fatto di utilizzare più portieri nel corso della gara, come richiesto da Renato, sarà quindi presa, di volta in volta, dai componenti della gara. Il torneo inizierà Giovedì 7 aprile e si protrarrà fino al 24 novembre con la sosta estiva ad agosto. Ovviamente in caso di impraticabilità del campo o di mancanza dei giocatori la partita non verrà disputata e non potrà essere recuperata. Le convocazioni per gli incontri verranno emanate da un apposita commissione organizzatrice composta da Renato, Valter e Vittorio che avranno il compito, come ormai da decenni, di organizzare le partite del giovedì. Eventuali impedimenti nel partecipare alla gara dovranno quindi essere comunicati ai membri della commissione. Eventuali problemi normativi saranno discussi man mano che si presenteranno. Con la stesura del regolamento prende il via quindi il torneo di calcetto “Cempions Lig” tanto atteso da tifosi ed appassionati. A tutti buon divertimento e vinca lo sport.

E’ stata una settimana davvero pesante per i dirigenti della “Lega del giovedì”, una settimana di febbrili riunioni, a volte protrattesi fino alle due di notte, per creare il regolamento del torneo “Cempions Lig 2005”. Un regolamento che, ovviamente, ha preso spunto da quello storico del 2000 ma che è stato corretto ed adattato alle maggiori esigenze dei giorni nostri, esigenze create più che altro dall’avvento della pay tv e digitale terrestre. Anche quest’anno comunque sarà un torneo in cui ognuno giocherà per se stesso cercando di ottenere il miglior punteggio possibile. Ma andiamo a vedere i punti salienti di questo regolamento partendo dalle squadre che, prima novità di questa edizione, potranno essere composte anche da sei giocatori. Le squadre verranno sorteggiate prima della gara e, per evitare che risultino essere troppo squilibrate o che i primi in classifica giochino insieme, i giocatori che dovranno giocare l’incontro, saranno suddivisi in fasce di merito stilate in base al punteggio ottenuto nel torneo fino a quel momento. Sarà obbligatorio per tutti venire al campo con una maglia bianca ed una di un altro colore per evitare confusione in campo. Gli incontri avranno una durata di 60 minuti ed il recupero, nel caso il risultato di una gara fosse ancora in bilico, non potrà superare i dieci minuti. Se al termine dei tempi regolamentari le due squadre dovessero trovarsi ancora sul risultato di parità per stabilire la squadra vincente verranno battuti cinque rigori per squadra. Alla fine della gara verrà attribuito ai giocatori un punteggio in base alle seguenti disposizioni: 3 punti per chi vince al termine dei tempi regolamentari, 0 punti per chi perde al termine dei tempi regolamentari, 2 punti per chi vince ai rigori, 1 punto per chi perde ai rigori. Alla fine del torneo verranno premiati i cinque giocatori che avranno ottenuto più punti. Gli altri premi, assegnati dalla Lega, saranno il “Pallone d’Oro”, per il

7 APRILE 2005 5


Controcrampo anno I - Numero 1 Giovedì 24 Marzo 2005

GRUPPO FATISCENTE ? NO ! di Renato Laganà Questi primi mesi del 2005 non hanno visto una grand’attività, entusiasmanti uscite serali del gruppo di amici capitanato da Renato e company. Si è temuto, addirittura, lo sfaldamento totale, ” l’arrivederci e grazie “ e ci s’immaginavano scene terrificanti di saluti definitivi tra pianti e nostalgie. Ma poi ci si e’ resi conto che il tutto e’ dovuto ai grandi impegni familiari e lavorativi di ognuno, ai doveri quotidiani che impegnano ciascuno, lasciando davvero poco tempo da dedicare agli amici e all’ organizzazione di divertenti quanto imperdibili sabato sera da trascorrere insieme. Ma due eventi importantissimi hanno caratterizzato questo inizio d’ anno, ai quali gli amici hanno partecipato

con affetto e simpatia: i compleanni in casa D’ Ippolito di Gabriele ( grande atteso e’ il suo ritorno sui campi di calcio) e della bella bambina della coppia GabryGabry, Alice, che ha spento la sua seconda candelina . Gli anni compiuti da Gabriele restano invece un mistero, le fiammelle sulla torta erano davvero tante e chi ha provato a contarle ha dovuto rinunciare per quante n’erano. Sono state quindi due stupende serate all’insegna del festeggiamento e dell’ottima cucina di Gabriella. Su questo punto bisogna ricordare quanto aveva detto giustamente Massimiliano tempo addietro: “per mangiare bene a casa di Gabriele abbiamo dovuto aspettare che si sposasse!” .

Tra gli altri eventi di questo primo scorcio dell’ anno c’é da ricordare l’ inaugurazione dell’ appartamento nuovo, del tutto ristrutturato, di Corrado e Gabriella. Anche li’ bella serata e ottima cena, realizzata con gusto squisito da Gabriella, e non come Renato, che quando invita gli amici a casa gli fa portare le pietanze, altrimenti non si mangia. Sono in programma in futuro una cena in un ristorante cubano a Capannelle, ma ne parleremo più diffusamente nei prossimi numeri del giornale, e un bellissimo viaggio a Cayo Largo, un’isoletta vicino Cuba, tutto questo ad aprile, mese dedicato alle bellezze e ai tesori di questa meravigliosa isola caraibica.

VACANZE IN BARCA CON UMBERTO Quante volte avreste voluto evadere, anche solo per pochi giorni dal tran tran quotidiano, abbandonare tutti i problemi per fare un week-end rilassante cullati solo dalle onde del mare. Ora finalmente tutto questo non è più un sogno, ora tutto questo è possibile. Grazie, infatti, ai “Viaggi del Capitano” potrete provare l’esperienza di un week-end diverso dal normale a bordo di una splendida barca a vela. Tutto questo da oggi sarà possibile grazie alla mente contorta di Umberto Magni artefice di questa iniziativa. Umberto, astro in declino del calcetto italiano, ha deciso di abbandonare il lavoro e di spendere i risparmi di una carriera da calciatore per acquistare una barca ed intraprendere la nuova ed elettrizzante professione di skipper. A bordo della sua imbarcazione si potrà imparare a regatare, a nuotare, a rimorchiare, si potranno semplicemente trascorrere intense giornate a contatto con il mare e le sue bellezze. Non c’è un minuto da perdere: se volete intraprendere una nuova disciplina sportiva o semplicemente fare una vacanza diversa dal solito dovete immediatamente contattare Umberto. E in culo alla balena.

6

numero 1  
numero 1  

magazine ufficiale della Cempions lig

Advertisement