Page 1

L’acqua il territorio e l’agricoltura

L’irrigazione in Toscana Francesco Lisi– Direttore Generale Consorzio 2 Alto Valdarno

Firenze, 16 maggio 2014


SITUAZIONE IRRIGUA IN TOSCANA • • • • •

Superficie irrigata limitata Sistemi colturali diversificati Colture irrigue di qualità Impiego di sistemi di irrigazione piuttosto efficienti Valutazione dei prelievi irrigui annui: < 200 milioni mc annui PRELIEVI IRRIGUI

 Prevalente prelievo da falda  Stagione irrigua: maggio-settembre (50 % dei prelievi nel mese di luglio)  I prelievi irrigui di sovrappongono in molte zone ai prelievi per uso turistico e industriale www.urbat.it


BILANCIO IDRICO

Media decennale (fonte: Regione Toscana â&#x20AC;&#x201C; ARSIA) www.urbat.it


FABBISOGNO IRRIGUO

Media decennale (fonte: Regione Toscana â&#x20AC;&#x201C; ARSIA) www.urbat.it


PRINCIPALI AREE IRRIGUE TOSCANE 2000

2010

SAU TOTALE (ha)

857.699

755.295 (-11%)

SUPERFICIE IRRIGATA (ha)

47.286

32.521 (-31%)

Incidenza della superficie irrigata rispetto alla SAU

6%

4%

Fonte: censimento agricoltura ISTAT 2010 www.urbat.it


PRELIEVI IRRIGUI IN TOSCANA

www.urbat.it


COLTURE IRRIGUE IN TOSCANA

ď&#x192;&#x2DC; Alto interesse irrigazione per colture specializzate (orticoltura, frutticoltura, floricoltura, vivaismo ma anche olivicoltura e viticoltura) ď&#x192;&#x2DC; Ruolo importante per adeguato livello qualitativo delle produzioni Evoluzione e tendenza (fonte dati: Censimento ISTAT Agricoltura 2010) www.urbat.it


COLTURE IRRIGUE IN TOSCANA

Evoluzione e tendenza (fonte dati: Censimento ISTAT Agricoltura 2010) www.urbat.it


PRELIEVI IRRIGUI IN TOSCANA

fonte dati: Censimento ISTAT Agricoltura 2010 www.urbat.it


PRELIEVI IRRIGUI IN TOSCANA

fonte dati: Censimento ISTAT Agricoltura 2010 www.urbat.it


COMPRENSORI IRRIGUI IN TOSCANA

www.urbat.it


Strategie integrate per la gestione e la tutela delle Risorse Idriche

    

Caratterizzazione della domanda irrigua Razionalizzazione degli interventi irrigui Miglioramento della gestione degli impianti Utilizzo di risorse alternative (reflui) Valorizzazione delle acque superficiali

 Razionalizzazione degli apporti fertilizzanti  Fitodepurazione

TUTELA QUANTITATIVA

TUTELA QUALITATIVA

www.urbat.it


Il PROGETTO IRRIFRAME

Irriframe è un progetto ANBI  è alimentato da un modello di bilancio idrico finalizzato all’irrigazione delle colture  le dinamiche di calcolo sono fortemente influenzate da questa scelta

Da inserire come elemento qualificante del PSR www.urbat.it


INVASO DI MONTEDOGLIO •

• • •

L'invaso di Montedoglio sul fiume Tevere costituisce la struttura portante del Sistema occidentale toscano dei territori della Val di Chiana Toscana e dai terreni limitrofi al Lago Trasimeno ricadenti in Umbria disponibilità di 102 milioni di mc. Una condotta adduttrice convoglia nei mesi estivi una portata continua di 14,2 mc/sec. Lungo le adduttrici principali sono previsti 45 serbatoi di compenso giornalieri da cui si diramano le condotte tubate per i vari distretti irrigui.

www.urbat.it


INVASO DI MONTEDOGLIO

Dighe Montedoglio + Sovara

CapacitĂ invaso attuale (m3)

CapacitĂ invaso a regime (m3)

80 mln

140 mln

Adduzione da Montedoglio

Valtiberina

Lunghezza complessiva delle condotte in pressione da 9 a 10 bar (da Montedoglio) (km)

Valdichiana

24,7 km

28,3 km

12

8

Ettari totali potenzialmente irrigabili attualmente

6.000

12.000

Ettari totali potenzialmente irrigabili a regime

6.000

24.000

85.000

155.000

Laghetti di compenso

Abitanti attualmente serviti dagli acquedotti ad uso idropotabile

Fonte dati: EAUT www.urbat.it


CONSUNTIVO CAMPAGNA IRRIGUA 2013 Ha irrigati Valtiberina Toscana

Mc somministrati 540

1.340.600

2184

4.617.450

Valdichiana Trasimeno

600

1.200.627

Valdichiana

427

637.433

Comprensorio Foenna

220

2.000.000

Comprensorio Canale Battagli

70

1.500.000

Valtiberina Umbra

Attingimenti privati Valdichiana e Valtiberina

351.872

Invaso Montedoglio (Fonte dati: EAUT) www.urbat.it


DISTRETTI IRRIGUI DEL COMPRENSORIO DI MONTEDOGLIO

Attualmente in Val di Chiana Aretina sono in funzione: • Il Distretto n. 1, ubicato nella zona nord di Arezzo: Chiassa Superiore, Vico, Tregozzano, Campoluci, Petrognano e Quarata. • Il Distretto n. 21, collocato nella zona tra Mugliano in comune di Arezzo e il Vado, Badia al Pino e Tuori in comune di Civitella in Val di Chiana. • Sta per essere realizzato il Distretto 7 di Castiglion Fiorentino. • Successivamente verranno realizzati i Distretti di Marciano e Foiano (n. 22 e n. 23) e i Distretti n. 12 e n. 13 di Camucia (Cortona) Arezzo e Valdichiana

www.urbat.it


Gestione Distretti irrigui 1 e 21 Reti di distribuzione: Gestione Campagna irrigua:

Provincia di Arezzo

Provincia di Arezzo + Consorzio di Bonifica (avvalimento annuale)

Complicazioni operative  Manutenzioni insufficienti  Mancanza di programmazione interventi a m/l termine  Mancanza di un modello idraulico della rete e di profili altimetrici delle condotte  carenza di dati utili anche a pianificare un’eventuale turnazione irrigua

Sicurezza inadeguata 

Manca un sistema di telecontrollo funzionante (ove esiste)

Malfunzionamento di molti dei comandi da armadietto dei nodi principali sono non funzionanti per cui le manovre di sezionamento delle condotte devono essere eseguite per lo più manualmente con discesa nei pozzetti.

Problemi della viabilità di accesso al nodo N4

www.urbat.it


Considerazioni e proposte Qualità

Produttività L’ACQUA influisce su:

Elasticità Scelte colturali

Acqua fattore strategico per l’agricoltura:

Non può esistere agricoltura senza l’acqua!

CAMBIAMENTI CLIMATICI  Aumento degli eventi estremi  Discontinuità dei fenomeni piovosi  Modificazione del regime pluviometrico (lunghi periodi asciutti ed eventi piovosi improvvisi, intensi e a carattere di rovescio

 Riduzione delle precipitazioni, diminuzione delle piogge in autunno (e in inverno)  Aumento medio delle temperature: incremento termico medio (circa 1 1-2 °C) previsto nei prossimi 50 anni  Crescente entità delle ondate di calore estive (repentini incrementi della temperatura di alcuni gradi sopra la media)

www.urbat.it


Considerazioni e proposte Sviluppo di nuove reti di distribuzione

Gestione efficiente della risorsa (supporti tecnici, metodologie irrigue , modelli gestionali)

Necessità di accumulare l’acqua

POLITICA REGIONALE DELL’ACQUA PER L’IRRIGAZIONE

Integrando gli interventi i mezzi e le risorse del Piano irriguo Nazionale con le misure del Programma di Sviluppo rurale www.urbat.it


Considerazioni e proposte POLITICA DI GESTIONE DELL’IRRIGAZIONE Responsabilizzazione nella distribuzione delle imprese interessate all’uso dell’acqua Affidamento ai Consorzi di Bonifica delle reti di distribuzione e della loro manutenzione Affidamento ai consorzi di bonifica la gestione dei Comprensori/bacini irrigui con bilanci separati ed il coinvolgimento diretto delle imprese agricole interessate (MODELLO CONSORZI IRRIGUI)

www.urbat.it


www.urbat.it

Cb2lisi  

L’irrigazione in Toscana – Francesco Lisi, Consorzio di Bonifica Alto Valdarno \ atti del convegno "si scrive bonifica, si legge Toscana più...

Read more
Read more
Similar to
Popular now
Just for you