Issuu on Google+

Itinerario

Uffici informazioni in centro storico a Vicenza

Palladiano nell’armonia immaginata

• Piazza Matteotti, 12 (fianco Teatro Olimpico. Partenza itinerario) Tel. +39 0444 320854 09.00-13.00/14.00-18.00

Le opere di Andrea Palladio a Vicenza Patrimonio dell’Umanità

• Piazza dei Signori, 8 Tel. +39 0444 544122 10.00-14.00/14.30-18.30

“… Perciò conoscere Palladio, La Basilica, la Loggia del Capitanio, la Rotonda, il teatro Olimpico, il palazzo Chiericati e gli altri attraverso gli studi è una conoscenza imperfetta. Bisogna vederlo a Vicenza. Una piccola Roma, un’invenzione scenografica…”

Andrea Palladio, architetto 1508-1580

Ideazione e testi a cura di Vicenza è

ro f

Bo

rgo

Sc

C.trà S . B o r t o lo

fa

B o r g o S. L u c i a

C. trà Porta S. Lu cia

bre ve m

No IV

Contrà dei Torret t i

Via

G

iu

r io

lo

Vi

e

te Pon ichele S. M

a

MARG

vo uo P. N C.tr à

leo r no

Co

pa

à

gn

tr C.

ar

A H ER IT

aC

pos to li

Piazza Gual d i

S.

on

ia ra

Fur

Ch

Vi ale

n r to Piazzetta Po zzo u L S. Giuseppe

o

C.

nio

LE

Erete

te Pon

RO M

AL E

A

M IL

trà

S.

To m

aso

C. t r à

E DA LMA ZIA

S. C a

ter in

a

AN O

CAMPO

MARZO

Pont e

EN V IA LE V

ne S ta zio . F F. S S

EZIA

S. Lib

e ra

de

V IALE

le

S S. A

tr C.

i

V ia Gor iz ia

A.

B ar ch

S. L o r e n z o

e

l le

otton

al

iche

lo

in

VIA

VI

VIAL

Vi

de

àM

li

co

nt

i

s Pa

Palazzo Porto Breganze Palazzo Civena Trissino

ro

S. M

o Pa

ot a

Cupola e Porta della Cattedrale

Palazzo Capra

Piazzale De Gasperi

et

à C.tr

S.

Pr

a zz o Piauom D

à

an Pi

Co

tr C.

no

ol e

C.trà Cantarane

sti

azz

te

C

tr C.

zale Piaz ti G iu s

eno

u Fa

àG

.tr

.tr à

af

Pi

Cor s

Casa Garzadori Bortolan

Basilica Palladiana

n Po

C

Pig

S. PIETRO S.

S.

C.tr

nt e

pe

co r ti

a ett

a

à C.tr

nin

Mo

am

tr C.

Loggia del Capitaniato

à

C

àL

IO

i

zza e Pia e Erb ll de

r

.tr

AD

Piazza Bia d e

Ma

de l

e ad zz or i PiaSign

ou

R

SO

A.

LL PA

trà

o Pa d ov

Palazzo Chiericati

IO

D

L PA

rà C.t

Palazzo Valmarana Braga Rosa av

GI

alli

na

Palazzo Thiene

Palazzo Pojana

Piazza Castello

LVI

Le opere di Palladio nel centro storico di Vicenza

eG

oro

e

SO

àC

i CO

I SA

o

on

S. C

al

tr C.

ro

Ri

C. t

zza

s

pin

N o va ure P.

IN ARD

lin

gi

Teatro Olimpico

R

O

C

on

Cor s

Pia zz a Matteott i

LA

no

Co

on

e

ga

rà nt

en

M

Fo

rd

lic . Fe oS

Casa Cogollo

aet a

P iazza S. Lor en zo C.s oA .

Co

C.trà

C

C. t

Palazzo Barbaran da Porto

ilip

rs Co

ro

Palazzo Thiene Bonin Longare

Piazza del Muti la to

Loggia Valmarana

aneo

zza

a

go

Le

Cappella Valmarana

Palazzo Da Monte Migliorini

trà

etta

ni

r la

S. G

io F oga

.F Str

Rocch

s te

C.trà

ton

tto

tr C.

An

Mu

co

rso

C.

att Via C

a

ar

Nova C.trà Porta

onollo

ure C.trà M

Co

Vi

a

Fo

M

Pu

Palazzo Iseppo da Porto

Chiesa S. Maria Nuova

a S.M. Nov

.B Via G

Vi

S.

o

r

à

. Rocc

mo

tr C.

i

Ru

le

Piazza XX Settembre Ponte degli Angeli

à

oce

Caserma P.S. C.trà

l

sco

Via

i

Palazzo da Schio

brogio C.trà S. Am

C.trà S

do

Vi

ce

rp

. Cr

omin

Ro

ta

Sa

C. D

V ia C ec c arin i

Pia zza Aracel i

an

lo

A.

a

l Vo

C.trà Busato

.trà

fi

PARCO QUERINI

S.Fr

Pa o

C.t rà de l la M is er ico rdia

aS

e.mail: info@vicenzae.org www.vicenzae.org – www.vicenzabooking.com S. LUCIA www.palladio2008.info – www.cisapalladio.org

tr à

Fra

Vi

Po rt

Vi a R. Pas i

C.

Via

à

PROVINCIA DI VICENZA

ale

llo P iazza Ma r co ni

.tr

(da Viaggio in Italia, Guido Piovene)

Vi

Pa je

o

Via

iarin V ia G. Pagl

Nasce a Padova da Pietro della Gondola e da Marta detta “la zotta”. All’età di 16 anni si stabilisce a Vicenza dove si formerà e si affermerà fra i più grandi architetti del suo tempo e non solo, grazie a quello stile denominato “palladianesimo” che si diffonderà in tutto il mondo: dalla Casa Bianca di Washington alla britannica Queen’s House, dall’Università della Virginia ai numerosi palazzi di San Pietroburgo e Puskin. Quasi tutti i ritratti attribuiti a Palladio riportano la definizione “architetto vicentino” e solo a metà del ‘900 si svelano i natali. Incerti sono molti altri aspetti della sua vita: la casa natale, la residenza coniugale di Vicenza, i lineamenti del volto, le cause e il luogo della morte e perfino il luogo della sua sepoltura. Ha avuto sicuramente ragione Gian Giorgio Trissino, il suo grande mentore, ad affidargli il nome di Palladio, fosse un angelo o un personaggio mitologico, comunque sovrannaturale. Una cosa è certa: Vicenza, come ha decretato l’Unesco, è universalmente riconosciuta come la città del Palladio iscrivendo nella Lista del Patrimonio Mondiale 23 monumenti del suo centro storico e 16 ville della provincia, tutti attribuite al genio dell’architettura. Con questa piccola guida vi vogliamo accompagnare a scoprire l’itinerario palladiano nell’armonia immaginata del centro storico di Vicenza, invitandovi a scoprire quindi l’itinerario delle ville attraverso le nostre guide e i siti www.discoverpalladio.org e www.vicenzae.org.

V

RISO IALE

RG I

MEN

TO

Arco delle Scalette V ia le

Dante

llo

St

ad

io

o Pa d ov

a

Zona Pedonale Teatro Olimpico Palazzo Chiericati Casa Cogollo Palazzo da Monte Migliorini Cappella Valmarana Palazzo Iseppo da Porto Palazzo Barbaran da Porto Palazzo Thiene Basilica Palladiana Loggia del Capitaniato Palazzo Pojana Palazzo Valmarana Braga Rosa Cupola e Porta della Cattedrale Palazzo Porto Breganze Palazzo Capra Palazzo Thiene Bonin Longare Loggia Valmarana Fuori dalla Zona Pedonale Casa Garzadori Bortolan Palazzo Civena Trissino Arco delle Scalette Chiesa di Santa Maria Nova Palazzo da Schio


Rif. Valbona Rif. Rumor M. TORARO m. 1899

en o

L

Teatro Olimpico (1580)

di

Tonezza

r Ter

o agn lo

MONTE TORMENO m. 1292

(interni - esterni)

del Cimone

L’Accademia Olimpica riesce ad avviare il cantiere LA TOROSELLA del Teatro progettato da Palladio solo nel 1580, anno CIMONE m. 1280 DEI LAGHI COSTON DEI LAGHI L’architetto quindi non vedrà la conm. 1480 m. 1873 della sua morte. clusione dei lavori che saranno seguiti dal figlio Silla P.so della Borcolacon l’intervento di Vincenzo Scamozzi per quanto m. 1206 riguarda la scena e le celebri 7 vie di Tebe. Ossario MONTE MAGGIO m. 1853

Laghi

di Tonezza

Rif. Papa MONTI FORNI ALTI m. 2023

Valstagna D Chiesa I(esterni) di A Santa S Maria I A Nova G (1578) O

A L T O P I A N O

(esterni)

Collocato ai numeri 90/94 di Corso Palladio, era stato costruito per poter riunire, grazie ad un arco ancora visibile, un’altra casa del committente Vincenzo TreschéPojana. Il disegno autografo è Conca conservato al R.I.B.A. (Royal Institute of British MONTE Architects) di Londra. BELMONTE Rif. Monte Cengio

al Granatiere (interni –Rif.esterni)

Rif. Alpino

M. PAÙ m. 1420

m.1366 certificazioni sull’autenticità palNon esistono ladiana di questa Chiesa che però viene universalmente riconosciuta come tale. La Chiesa ad Rif. Fontanella M. NUOVA aula unica, che attualmente conserva m. 1327lasciti della Biblioteca Bertoliana, è stata voluta da Lodovico MONTE MONTEper il Convento MONTE Trento delle monache agostiniane. MALCREBA GUSELLA

MONTE SPRUNCH m. 1300

M. TORLE m. 1251

GNA

MONTE CIMONE m. 1378

m. 1280

Palazzo da Schio (1560)

Rif. Granezza

Rif. Monte (esterni) Corno

Palladio progetta per Bernardo da Schio la Conco di cui però segue facciata di questo palazzo i lavori molto distrattamente essendo impegnato a Venezia con altri cantieri. Il lapicida Lusiana privo di indicazioni interrompe addirittura i lavori che vengono conclusi nel 1574-75.

Rif. Verdefonte

Torren te A stic o

P.so XOMO m. 1058

BERTIAGA m. 1356

m. 1388

M. RAITERTAL m. 1403

CIMA DI FONTE m. 1516

Giovanni Alvise Valmarana insieme al Trissino MONTE e al Chiericati, fu uno dei maggiori sostenitori di FORAORO m. 1508 Palladio. Per lui progettò questa straordinaria Velo d'Asticofacciata dove l’ordine gigante abbraccia l’intero Cogollo sviluppo verticale dell’edificio. del Cengio

M. ECHAR

MONTE KABERLABA m. 1221

M. LINTICHE m. 1379

M. CERAMELLA m. 1342

Palazzo Valmarana Braga Rosa (1565)

Si tratta di un progetto inedito per la visione palladiana: un palazzo Posinadi città e una villa suburbana insieme che fu completato nella metà del seicento su quello che era il porto fluviale della città. MONTE PRIAFORÀ Dal 1855 è sede del Museo Civico di Vicenza. m. 1659

ON

te Assa

orren Palazzo TPojana (1561-1566)

MONTE CENGIO m. 1354

(interni - esterni)

A S U BI O

di Roana

m. 1207

M. CIMONE m. 1226

MONTE MAIO Palazzo Chiericati (1550) m. 1499

m. 1314

Canove

Rotzo ico Torrente Ast

e ent

rr

Caltrano M. COGOLO m. 1670

M. NOVEGNO Casa Cogollo Rif. Malga m. 1552 (detta “del Palladio”,Novegno 1559)

Cupola e Porta della Cattedrale

COLETTO DI VELO m. 885

MONTE La SUMMANO cupola fu progettata da Palladio nel 1565 Piovene m. circa,1296quasi vent’anni dopo l’inizio Chiuppano dei lavori Rocchette dell’abside mentre la porta del lato nord, in sostituzione di una gotica, venne aperta Carrènel 1575 per volontà di Paolo Almerico, committente di Santorso villa La Rotonda.

(esterni)

S. Antonio

asso

Ritenuta l’abitazione di Palladio per le sue modeste dimensioni rispetto ai monumentali palazzi di città, in realtà si tratta di una importante ristrutturazione della facciata della casa del notaio CoValli al celebre architetto. gollo, affidata del Pasubio

Ossario del Pasubio

Calvene Salcedo Lugo

di Vicenza

Molvena

Le ville di Palladio in città

Enna

CIMA OGROSSO 1502

(esterni)

m. 668

CIMA LA LOCCHETTA

.L eogra

Fonti di residenza Questa Da Monte situaTorrebelvicino Recoaro Terme m. 807 della famiglia

Pievebelvicino

e

Marano

P.so Zovo

S. Vito

Cappella Valmarana (1576 c.) S. Quirico

Igna Vivaro

Caldogno

Non è una villa progettata da Palladio, ma da tutti considerata come la culla del suo mito e quindi sufficiente per essere inserita dall’Unesco fra i beni dell’umanità. La tradizione vuole che qui Palladio abbia lavoratoVigardolo come semplice scalpelBolzano lino potendo però farsi apprezzare dal proprietaVicentino rio, il nobile letterato Gian Giorgio Trissino.

Lisiera

To r r e n t e Va l d i e z

Quinto

Vicentino

Anconetta

Villa Gazzotti Marcello Curti

Villa Trissino Trettenero

za

o T. A l p

Bertesina

Casa Garzadori Bortolan

ne

orr

ent

(esterni)

e

Ch i a sembra sia solo Ciò che si può ammirare oggi, una parte dell’imponente ristrutturazione fortemente voluta dai conti Marcantonio e AdriaS. Giovanni no Thiene del loro quattrocentesco palazzo. Al Ilarione progetto, affidato a Palladio, pare abbia lavorato anche Giulio Romano.M. CALVARINA

Il Palazzo venne commissionato a Palladio Creazzo da Giambattista Garzadori la cui morte avvenuta nel 1567 di fatto annullò ilSovizzo contratto. L’attribuzione, riconosciuta anche dall’Unesco, viene sostenuta, tra l’altro, dalle testimonianze risalenti al 1564 quando almeno una parte era comunque edificata. Altavilla

mp

o

PROVINCIA

D I IlV E Rpalladiano O N Adell’imponente sovrastruttura progetto

Torri

di Quartesolo

Vicentina

m. 683

Basilica Palladiana (1546 – 1549)

Villa Almerico Capra Valmarana "La Rotonda"

Palazzo Civena Trissino (1540) (esterni)

Montorso Vicentino

Van

Arcugnano

Il Palazzo progettato da Palladio è parte integrante della Casa di cura Eretenia a seguito di un importante ampliamento del 1801. Il palazzo fu ristrutturato nel dopoguerra dopo essere staBrendola to colpito da pesanti bombardamenti.

costituita da un duplice ordine di logge su un esistente palazzo, vinse la concorrenza di prestigiose Montecchia di Crosara firme quali Serlio, Sanmicheli, Giulio Romano, conRoncà sacrandolo fra i grandi. Scriveva Goethe di questa Cazzano opera, non religiosa: “Non è possibile descrivere Zermeghedo di Tramigna l’impressione che fa la Basilica di Palladio…” Gambellara

To r r e n t e G u à

To r r e n t e Tr a m i g n a

Illasi

o

(esterni)

Chiampo

(interni – esterni)

ago

chi

La loggia di 6 colonneGambugliano di ordine dorico sovrastate Costabissara da un frontone triangolare, situata all’interno dei Giardini Salvi, è stata costruita su un progetto molto vicino allo stile palladiano, se non proprio dallo stesso architetto. L’Unesco nel 1994 ha ritenuto di attribuirlo comunque a Palladio. Monteviale e T. O n t

Trissino

Palazzo Thiene (1542) T

M. BELLOCCA m. 830

on

ta

Mussolino

M. CORPEGANI m. 639

Villa Trissino Trettenero (1534)

Dueville

Castelgomberto Loggia Valmarana (Giardino Salvi)

Brogliano

S.Pietro

FALDO Voluto dal Conte MontanoMONTE Barbarano ospita, dal Vestenanuova m. 807 1997, il Centro Internazionale Studi di Architettura dedicato ad Andrea Palladio (C.I.S.A.) che, naturalmente, ne curò il progetto. La facciata solenne presenta il doppio ordine ionico e corinzio. Le sale interNogarole Vicentino stucchi. ne e il salone sono decorati con importanti

Il palazzo fu portato a compimento da Vincenzo Scamozzi intorno al 1593 su progetto di Andrea Palladio la cui paternità viene unanimemente riM. RATTIdagli studiosi. Oggi ospita, tra l’altro, conosciuta m. 392 la sede dell’Associazione vicentina degli Industriali.

T. Ti m

gret

Vicentino

Villaverla

nte To r r e

(esterni) Cornedo

La progettazione fu affidata a Palladio da TadAncignano che, tuttavia, dovette venderla in Precalcino corso d’opera al patrizio veneziano Girolamo Grimani, per sopravvenuti problemi economici. La facciata è composta da otto lesene di ordine ionico con tre intercolumni centrali sovrastati da Bressanvi un frontone triangolare.

Montecchio deo Gazzotti

Isola

eo T. L

(interni – esterni)

(esterni)

Del palazzetto, oggi inglobato in uno spazio comMolina merciale, è visibile un arco sovrastato da un frontone su quattro parastre. Fu commissionato a Palladio da G. A. Capra tra il 1540-45 e subì una forte trasformazione nel XVII sec. con la costruzione di Palazzo Piovini che ne distrusse l’impianto originario. S. Tomio

MONTE CROCE DI BOSCO m. 851

Palazzo Barbaran da Porto (1569-70)

Villa Gazzotti Grimani Curti (1542)

(esterni)

Vicentina Palazzo Thiene Bonin Longare (1572 c.)

(esterni)

M. PERGO m. 945

Palazzo Capra

di Leguzzano

Palazzo Iseppo da Porto (1544 c.) Palladio progettò per l’amico Iseppo sia il palazP.so S. che Caterina zo di città la villa di Molina di Malo, ma enm. 796 trambi i cantieri non furono completati. Miglior Altissimo sorte ebbe questo palazzo che prevedeva ben due distinte entrate e residenze e di cui rimane l’imponente facciata suddivisa in tre fasce.

ico T. A s t

Vicentino

Rif. Valdagno

Fu progettata forse da Palladio nel 1576 alla morte di Antonio Valmarana, nella cripta di S. Corona, una delle chiese di maggior interes- Monte di Malo CIMA se artistico dove lui stesso venne sepolto primaMONTE MARANA FAEDO m. 1552 che le sue spoglie, o quelle ritenute tali, fosserom. 781 traslate nel famedio del cimitero maggiore.

Crespadoro

Palladio la inserisce nella sezione dedicata ai palazzi di città nei suoi “Quattro Libri dell’architetSarcedo tura”, ma per tutti è considerata la villa-tempio con le sue 4 facciate perfettamente uguali. Icona universale delle ville palladiane, vanta numerose imitazioni nel mondo anche in questo secolo.

T. R oston

m. 1108

Recoaro Mille

(interni – esterni)

Appare evidente che si tratta di un cantiere palladiano conclusosi prima del completamento del progetto. La facciata è formata da tre semicolonne giganti di ordine corinzio e da due intercolumni dei sette previsti.

ta di fronte al Convento domenicano di Santa Corona, viene attribuita al Palladio e l’Unesco haMagrè ritenuto di inserirla, come le altre opere dell’architetto, nella Lista del Patrimonio Mondiale. M. SPITZ

CAMPO AVANTI .1689

Vicentino Villa la Rotonda (1566)

(esterni)

T

P.so Xon

Pianezze

Mason

Palazzo Porto BreganzeZanè (1571)

Palazzo da Monte Migliorini (1550-1554)

Staro

Guardia di mpogrosso

Fara

Vicentino

Zugliano

Longare

Lago di Fimo n

ian delle zze m. 1162

F

ium

Montebello

(esterni)

Colognola ai Colli

Residenza ufficiale del Capitanio militare veneziano, è oggi sede del Consiglio comunale. L’incarico del rifacimento dell’esistente edificio medievale venne assegnato a Palladio dopo 20 anni dal progetto delleMonteforte Logge della Basilica. d'Alpone

Soave

Arco delle Scalette (1595)

M. MOTTOLONE Realizzato 15 anni dopo la morte di Palladio dal m. 400 capitano veneziano Giacomo Bragadino, il maestoso Arco era stato pensato, probabilmente da Meledo Palladio, quale accesso al Santuario di Monte di Sarego Zovencedo Berico prima della realizzazione, a metà del SetMonticello tecento, dei portici del Muttoni. di Fara

Grancona

c

a

Loggia del Capitaniato (1565)

eB

Vicentino

Castegnero

Mo

M. ALTO m. 444

Nanto

Mossano M. FAEO


Itinerario palladiano