Issuu on Google+

NOTIZIE PER L’iNDUSTRIA

Periodico d’informazione per l’impresa di Confindustria Firenze


adv-softec-A4-TR.pdf

C

M

Y

CM

MY

CY

CMY

K

1

6/26/13

7:41 PM


SOMMARIO 2 Numeri Utili

SPECIALE ASSEMBLEA 2013 RELAZIONI INDUSTRIALI E AFFARI SOCIALI

9 LAVORO / Contratto collettivo nazionale per l’industria metalmeccanica, sottoscrizione testo contrattuale. CCNL Trasporto Merci, Spedizioni e Logistica. Erogazione di un acconto sul rinnovo contrattuale. Lavoro intermittente, tutte le modalità per effettuare la “chiamata”. PREVIDENZA / INPS, Incentivo straordinario in favore di uomini under 30 e donne, modalità di fruizione dei benefici da parte dei datori di lavoro autorizzati.

ECONOMIA E DIRITTO D’IMPRESA

17 FISCO / UNICO 2013, rinvio dei versamenti per contribuenti soggetti agli studi di settore. IVA / “Ritenute a garanzia”. Dal 1° luglio 2013 la Croazia entra nella UE, applicazione regole ai fini IVA. IMPRESA E DIRITTO / “Decreto del fare”, reintroduzione della mediazione obbligatoria. DOGANA / Importazioni di prodotti biologici, compilazione del DAU.

AMBIENTE SICUREZZA ENERGIA QUALITÀ

23 ENERGIA / Fonti rinnovabili: il Governo proroga ad ottobre l’obbligo dell’attestato di formazione per gli installatori di impianti rinnovabili; il Gestore dei Servizi Energetici ha comunicato il raggiungimento del valore di costo indicativo cumulato annuo degli incentivi previsti per il FV e finisce il V Conto Energia. Agevolazioni fiscali, il Governo proroga le detrazioni fiscali per il risparmio energetico.

MARKETING E RAPPORTI ASSOCIATIVI

28 Le nostre Convenzioni, ultime novità Membership Card

EDUCATION FormaZIONE COSEFI (consorzio servizi formativi Imprese) COSEFI / Prossimo corso Gli Addetti alla Squadra Antincendio- Rischio Basso e Medio (A norma D.M. 10/03/98 - D.Lgs. 81/08 e successive modifiche e integrazioni D.Lgs. 106/2009).


Notizie per l’Industria Periodico di Confindustria Firenze Progetto grafico: DNA Associazione Culturale Numero chiuso il 28 Giugno 2013 Distribuzione gratuita Registrazione Tribunale di Firenze n. 3637 del 26.11.1987 Direttore Responsabile: Sandro Bonaceto in copertina: Assemblea 2013, Teatro Comunale.

relazioni industriali e affari sociali fax 0552707204 .232

Paola Fabbrini

segreteria

.260

Nadia Ristori

previdenza, affari sociali, dirigenti

.247

Paola Sini

previdenza (martedì/giovedì pomeriggio)

.343

Roberto Righi

previdenza, affari sociali e immigrazione

.277

Veronica Rovai

alimentari, terziario, trasporti, servizi, varie

.232

Paola Fabbrini

calce e gesso, cartotecnici, chimica, edili, editori, farmaceutica, grafici, laterizi, manufatti in cemento, plastica/gomma, ceramica

.271

Giorgio Pizzuti

metalmeccanici, legno, agenti e rappresentanti

.238

Raffaella Santoro

commercio, turismo, mense, vetro, agenti e rappresentanti, privacy

.219

Enrica Masi

autotrasporti, sanità, immigrazione, privacy

.323

Stefania Acciaioli

calzature, paglia, tessile abbigliamento, lavanderie, pelletterie, vetro

057174040

apprendistato e tirocini

Leopoldo Viviani

.277

Veronica Rovai

politiche di sviluppo, distretti industriali e reti d’impresa

.242

Agostino Apolito

RELAZIONI INDUSTRIALI AFFARI SOCIALI

segreteria

.256

Lidia Rosi

credito e finanza d’impresa, incentivi

.290

Santina Ferri

ECONOMIA E DIRITTO DI IMPRESA

internazionalizzazione, proprietà industriale, marchi e brevetti

.344

Angelo Arcuri

diritto d’impresa, normativa fiscale

.241

Enrico Dragoni

normativa doganale (mercoledì 9/18-giovedì 9/13)

.201

Fernando De Vita

normativa i.v.a. (martedì/giovedì pomeriggio)

.201

Vincenzo Padelletti

innovazione e sviluppo

.239

Francesca d’Amico

rapporti con enti di controllo e P.A., protocolli ambientali/energetici, prevenzione incendi, eventi accidentali e infortuni

.267

Pietro Bartolini

segreteria

. 256

Lidia Rosi

ambiente, ciclo acque, aria, rifiuti e bonifiche, rumore esterno, ecolabel, igiene degli alimenti, alimenti

.268

Luana Berbeglia

ambiente, acqua, aria, IPPC

.306

Sara Andrei

sicurezza e salute, prevenzione sui luoghi di lavoro, TARSU, TIA, MUD

.236

Giacomo Borselli

sicurezza e salute, documentazione normativa e statistica, medicina del lavoro, formazione di sicurezza

.285

Antonio Cammarano

qualità, sistemi di gestione, certificazione di processo e di prodotto, enti di certificazione e laboratori di prova

.206

Aurelia Leoni

energia, allacciamento utenze e qualità di rete, contratti, gruppi di acquisto, convenzioni

.286

Catia Tarquini

punto UNI/punto CEI consultazione, indirizzo applicativo, vendita norme UNI/CEI e altre norme internazionali

.206

Aurelia Leoni

CEF consorzio energia firenze assistenza e orientamento, gestione e relazioni interne ed esterne

.286

Catia Tarquini

service assistenza tecnica e fatturazione consorziati

.294

Francesco Baldini

LEGENDA COLORI AREE

AMBIENTE SICUREZZA ENERGIA QUALITÀ VITA ASSOCIATIVA

economia e diritto d’impresa fax 055281616

GRUPPO GIOVANI IMPRENDITORI MARKETING E RAPPORTI ASSOCIATIVI EDUCATION FORMAZIONE COSEFI FOCUS

ambiente, sicurezza, energia, qualità e operations fax 0552707204

marketing e rapporti associativi fax 0552707338 sviluppo nuovi associati

Teodoro Pacetta Francesco Bellitta

convenzioni, business community e rapporti associativi

.224

Sara Balli

analisi e monitoraggio servizi, rapporti associativi

.272

Carmen Venturino

.211

Luca Bennati

.202

Sonia Porcù Edoardo Meoni

area fiorentina nord

.263-055890020

Massimo Manzini

empolese valdelsa

.224-057174040

Sara Balli

mugello valdisieve

.245

Simona Di Giacomo

chianti

.229

Simona Di Giacomo

valdarno

.224

Sara Balli

amministrazione associati, contributi

CONFINDUSTRIA FIRENZE via Valfonda, 9/11 50123 Firenze centralino 0552707.1 fax 055292043 e-mail diretta: nome.cognome@confindustriafirenze.it

.291 .341

rapporti associativi territoriali

fax 055283094

fax 055281616


vicedirezione relazioni istituzionali comunicazione

fax 0552707411

sistemi informativi S.A.I.F. - ICT fax 0552707232 .273

Piero Pieri

logistica interna

.262

Riccardo Polidori

ricezione, centralino, spedizioni

.200

Rosanna Miniati

. 276

Leonardo Bandinelli

segreteria

. 296

Silvia Benedetti

comunicazione, ufficio stampa, eventi

. 374

Furio Massi

.419

Simona Bandino

.417

Bernardo Mannelli

.200

Stefano Artoni

.418

Francesca Zanobini

.200

Giuseppe Focardi

centro studi

.263

Massimo Manzini

comitato multinazionali

.220

Tina Angelone

.200

Francesco Marchiani

sezioni

logistica, servizi generali fax 0552707292

vicedirezione risorse umane, education e formazione

merceologiche

segreteria

coordinamento sezioni merceologiche

.220

Tina Angelone

.239

Francesca d’Amico

metalmeccanica

.238

Raffaella Santoro

case di cura, farmaceutica, fornitori sanitari e ospedalieri, centri diagnostici

.290

Santina Ferri

chimica-plastica-gomma, ceramica-vetro

.285

Antonio Cammarano

abbigliamento-paglia e cappello, calzature, pelletteria, legno-arredo

.344

Angelo Arcuri

industria alberghiera, trasporti, editori-grafici

.208

Carla Benvenuti

ANCE firenze

.249

Francesca Viviani

energia

.286

Catia Tarquini

alimentare

.220

Tina Angelone

servizi innovativi e tecnologici

.263-055890020

formazione al mercato e voucher fax 0552707207

conto formazione fondimpresa e fondirigenti

formazione finanziata fax 0552707325

Massimo Manzini

empolese valdelsa

.224-057174040

Sara Balli

mugello valdisieve

.245

Simona Di Giacomo

chianti

.229

Simona Di Giacomo

valdarno

.224

Sara Balli

comitato piccola industria, gruppo giovani imprenditori

Lorenzo Ricci

.296

Silvia Benedetti

.207

Cinzia Paoli

.320

Alessandro Moschini

.324

Maria Rosaria Cariello

.328

Benedetta Ceccherini

.311

Barbara Morandi

COSEFI - formazione, orientamento, ricerca, promozione servizi, fondimnpresa e fondirigenti

territoriali area fiorentina nord

fax 0552707204 .287

progettazione

.317

Angela Belsino

.319

Francesca Lorenzi

.234

Viviana Bugatti

.339

Valentina Sandri

.329

Marilena Fiore

.275

Serena Papi

confidi imprese toscane soc. coop

fax 055281615

direttore

.231

Silvia Puliti

crediti (istruttoria e gestione fidi, controgaranzie)

.280

Federica Filippeschi

fax 055281616

.346

Sandro Pinna

.239

.266

Letizia Bartali

Francesca d’Amico

organizzazione, personale, amministrazione e finanza

.310

Maria Paola Simi

.210

Monica Giovannetti

direzione fax 055292043

revisione interna

.321

Chiara Sodi

direttore

legale e contenzioso

.258

Maria Angelica Tiesi

marketing

.244

Paolo Bagnai

.221

Oscar Marchese

.322

Simone Quilici

.345

Silvia Gori

Sandro Bonaceto

assistente presidenza segreteria organi

.269

Valeria Greco

assistente direzione e cerimoniale

.289

Grazia Sanvitale

sistema camerale e altre associazioni imprenditoriali

.211

Luca Bennati

segreteria generale

ebit, turismo - ente bilaterale industria toscana

gestione amministrativa e finanziaria fax 0552707292 .309

Silvia Perini

amministrazione enti di sistema e consorzi

.305

Marylene Renucci

amministrazione Confindustria Firenze

.226

Eleonora Bastiani

amministrazione SAIF, Co.Se.Fi

.334

Sara Bavecchi

amministrazione Gualfonda, ufficio acquisti

.330

Barbara Sacchi

fax 055281616 .237

ANCE toscana

fax 0552382731 tel. 055280096 fax 055216429 tel. 0552707400

ASSIFER - Associazione Industrie Ferroviarie Federazione ANIE - Confindustria Segreteria Firenze Donatella Cipriani tel. 055.27.07.315 - fax 055.27.07.293

S.A.I.F srl elaborazione paghe e contributi fax 0552707252 amministrazione del personale Confindustria Firenze

assifer-firenze@anie.it .282

Patrizia Caporali

.264 Paola Andreini

.216

Mario Dabraio

.228 Massimo Bandini

.227

Arianna Farina

.213 Matteo Caiani

.240

Maria Migliori

.243 Patrizia Carapelli

.295

Angela Poggiali

.225 Paolo Puglioli

.223

Alessio Poggiali

Linda Todaro


FIRENZE

AT WORK CONFINDUSTRIA FIRENZE ASSEMBLEA 2013

4


SPECIALE ASSEMBLEA VITA 2013 ASSOCIATIVA

CONFINDUSTRIA FIRENZE ASSEMBLEA 2013

5


CONFINDUSTRIA FIRENZE ASSEMBLEA 2013

6


SPECIALE ASSEMBLEA VITA 2013 ASSOCIATIVA

FIRENZE

AT WORK CONFINDUSTRIA FIRENZE ASSEMBLEA 2013 7


S. A. I. F. Servizi Confindustria Firenze

L’ALTERNATIVA MIGLIORE ALLA TUA AMMINISTRAZIONE E GESTIONE DEL PERSONALE SAIF, forte dell’esperienza accumulata in anni di attività a servizio delle imprese, arricchisce il consolidato servizio di Elaborazione Paghe e Contributi offrendo una gamma di prestazioni complete relative all’Amministrazione e Gestione del Personale. Oltre all’assistenza all’azienda negli adempimenti mensili (schede dipendenti, liquidazione cedolini paga, riepiloghi paghe e scarico cedolini, ecc.) e annuali (Modello CUD, Autoliquidazione premio INAIL, Accantonamento TFR, ecc.), SAIF mette a disposizione la sua esperienza nei nuovi Servizi Consulenziali a Ticket in materia di: Contrattualistica, permettendo all’impresa di essere sempre aderente alle più recenti prescrizioni legislative in tema di nuovi contratti di lavoro, assunzione di Apprendisti, Avviamento di Disabili, contratti di Soggiorno di Extracomunitari, Collaboratori a Progetto; Previdenziale / Assicurativa, supportando l’azienda nella gestione dei Fondi Previdenza Complementare e nei ricorsi amministrativi verso INPS e INAIL e fornendo consulenza pensionistico-contributiva, Analisi della vita assicurativa-previdenziale, supporto nella gestione dei Lavoratori domestici; Contabilità del personale, ad esempio tramite il calcolo dei Costi Industriali, l’effettuazione di proiezioni sui costi dei dipendenti e la fornitura di supporto all’azienda per la contabilità del personale. LLA TUA AMMINISTRAZIONE E GESTIONE DEL PERSONALE SAIF: LA GAMMA COMPLETA PER L’AMMINISTRAZIONE E LA GESTIONE DEL PERSONALE

ELABORAZIONE PAGHE Esempi:

Scheda dipendenti Cedolini paga Riepiloghi paga per centro di costo Modello CUD

CONSULENZA CONTABILE Esempi:

Calcolo Costi Industriali Proiezioni Costi dipendenti Consulenza per la Registrazione in contabilità

Per informazioni:

STESURA CONTRATTI INDIVIDUALI Esempi:

Avviamento Apprendisti, Disabili, Extracomunitari Contratti a Progetto

CONSULENZA PREVIDENZIALE ASSICURATIVA Esempi:

Gestione Fondi Previdenza Complementare Ricorsi amministrativi verso INPS e INAIL

Patrizia Caporali – tel. +39 055.2707282 – fax +39 055.2707252 – e-mail: patrizia.caporali@confindustriafirenze.it 8


RELAZIONI INDUSTRIALI AFFARI SOCIALI

LAVORO aggiornamento CCNL per l’industria metalmeccanica, sottoscrizione testo contrattuale Premessa Il 6 giugno 2013, si è proceduto alla sottoscrizione del testo definitivo del Contratto collettivo nazionale di lavoro 5 dicembre 2012 per l’industria metalmeccanica e della installazione di impianti. Nel corso della fase di stesura, le parti hanno concordato alcune modifiche al testo contrattuale dando seguito ai demandi convenuti nell’Accordo di rinnovo ma anche  realizzando una semplificazione di alcune clausole contrattuali. Contenuti Stabilizzazione a tempo indeterminato del rapporto di lavoro. La norma contrattuale, nel confermare che lo stesso lavoratore può essere utilizzato, presso la medesima azienda, attraverso la “sommatoria” di contratti a termine e di periodi di missione con contratto di somministrazione a tempo determinato, fino ad un massimo di 44 mesi, ora stabilisce, coerentemente con il nuovo quadro legislativo di riferimento, che al superamento di tale limite mentre è precluso il ricorso al contratto a termine per lo stesso lavoratore, pena la trasformazione a tempo indeterminato del contratto rimane, invece, salva la possibilità di continuare ad utilizzare il medesimo lavoratore attraverso la somministrazione a tempo determinato. Stabilizzazione a tempo indeterminato del rapporto di lavoro. Con riferimento alle ulteriori ipotesi di ricorso al contratto di somministrazione a tempo determinato esenti dall’obbligo di indicare le ragioni di carattere tecnico, produttivo, organizzativo e sostitutivo, individuate in applicazione dell’art. 4, D.Lgs.2 marzo 2012 n. 24, le parti hanno ritenuto opportuno modificare l’ipotesi collegata alla quota di lavoratori in somministrazione che siano stati assunti a tempo indeterminato dall’azienda nel corso di tre anni. Nello specifico, la quota di lavoratori somministrati stabilizzati, diversamente da quanto previsto precedentemente, consente ora la possibilità di ricorrere alla somministrazione “acausale” con riferimento ad un pari numero di contratti, anche successivamente prorogabili,  per ciascun anno di riferimento. Si è, inoltre, precisato che per anno si intende quello che va dal 1° gennaio al 31 dicembre e che la prevista quota di “franchigia” di somministrati “acausali” può arrivare fino a tre lavoratori, in ciascun anno, a seconda del numero di lavoratori a tempo indeterminato occupati nell’azienda secondo la proporzione 2:1 (un somministrato “acausale” ogni 2 tempi indeterminati). Infortuni sul lavoro e malattie professionali. Il trattamento economico contrattuale per gli infortuni sul lavoro è stato armonizzato in relazione ai richiami, ivi contenuti, alle norme sul trattamento di malattia precisando che per esso occorre far riferimento al solo 3° comma del paragrafo “Trattamento economico” dell’art. 2, Sezione quarta – Titolo VI, fermi restando i limiti di durata ricavabili, per relationem, dalle norme sui periodi di comporto breve. Trattamento in caso di malattia ed infortunio non sul lavoro. Alle malattie esenti dalla “penalizzazione” delle malattie brevi sono state aggiunte, quali ulteriori gravi patologie, il morbo di Crohn e il diabete, laddove queste abbiano dato luogo al riconoscimento di invalidità pari almeno al 46%,  e la sclerosi multipla. Inoltre, per meglio definire l’onere a carico del lavoratore al fine dell’esclusione dalla “penalizzazione”, si è precisato che lo stesso dovrà presentare all’azienda  la certificazione, rilasciata dal medico specialista,  attestante la 9


patologia rientrante tra quelle individuate dalle norme contrattuali; tale documentazione dovrà essere trattata dall’azienda  nel rispetto delle norme in materia di tutela della privacy. Apprendistato. In merito all’attuale limite legale alla facoltà di assumere apprendisti - che si sostanzia, per le aziende che occupano almeno 10 dipendenti, nella “stabilizzazione”, nei  trentasei mesi precedenti la nuova assunzione, di una percentuale di apprendisti dipendenti dal datore di lavoro - le parti hanno ritenuto di non recepire nel contratto la materia stabilendo invece un rinvio alle disposizioni legislative vigenti. Tutela dei componenti delle Rappresentanze sindacali unitarie. Il primo comma dell’art. 6, Sezione seconda, è stato riformulato limitando l’estensione  della tutela prevista dall’Accordo Interconfederale 18 aprile 1966 sulle Commissioni Interne ai componenti della RSU, per il periodo di durata dell’incarico, ai soli casi di licenziamento per giusta causa o giustificato motivo soggettivo. Mobilità professionale. Sono state accorpate le lettere b) e c) punto II della Mobilità professionale riguardanti  il passaggio dalla 2a alla 3a categoria dei lavoratori addetti alla produzione confermando l’assegnazione alla categoria superiore, dopo 18 mesi di effettiva prestazione, nel caso di lavoratori in possesso soltanto dell’esperienza pratica ovvero, dopo 9 mesi, nel caso di lavoratori con conoscenze e capacità acquisite in corsi professionali specifici di durata almeno biennale. Inoltre, nel punto IV, lettera a) riguardante l’inserimento in 5° categoria degli impiegati   in possesso di laurea si è specificata l’equiparazione della laurea triennale. Premessa e Sistema di regole contrattuali. Il testo della Premessa e, in particolare, gli artt.4 e 5, Sezione terza, sono stati adeguati ed integrati alla luce delle modifiche apportate dagli Accordi Interconfederali in materia. È stata, anche, definita la procedura per procedere a stabilire una diversa decorrenza dei minimi tabellari nelle aziende prive di rappresentanza sindacale.  Le altre modifiche apportate in fase di stesura del testo contrattuale avranno decorrenza 1° gennaio 2014 e riguardano, in particolare, l’individuazione della Categoria 3a Super  e la definizione dell’8 Quadri (e conseguenti adattamenti contrattuali in tema di Tabelle di minimi, Apprendistato, Preavviso, ecc.)  ma sul punto ci riserviamo di tornare con un’apposita circolare esplicativa. Inoltre, è stato concordato che la distribuzione del nuovo Ccnl ai lavoratori, limitatamente a quelli con contratto a tempo indeterminato, dovrà essere effettuata a partire dal prossimo mese di ottobre ed, in proposito, pubblicheremo apposite comunicazioni. Approfondimenti I Testi integrativi concordati durante la fase di stesura del Ccnl 5 dicembre 2012 sono consultabili sul nostro sito: www.federmeccanica.it.

Contatto Raffaella Santoro tel. 055 2707238; e-mail: raffaella.santoro@confindustriafirenze.it

10


RELAZIONI INDUSTRIALI AFFARI SOCIALI

aggiornamento CCNL Trasporto Merci, Spedizioni e Logistica. Erogazione di un acconto sul rinnovo contrattuale Le Parti Sociali hanno sottoscritto in data 5 giugno 2013 un accordo che prevede l’erogazione di un acconto, a decorrere dalla retribuzione di giugno, sui futuri aumenti contrattuali che saranno stabiliti in sede di rinnovo del CCNL.

Acconto sui futuri aumenti contrattuali Le Parti Sociali si sono impegnate a chiudere la trattativa per il rinnovo del contratto collettivo nazionale entro il mese di luglio 2013. In attesa del rinnovo del contratto, hanno concordato di riconoscere a titolo di acconto sui futuri aumenti economici una rata di importo pari a 35 Euro lordi mensili al livello 3° Super da riparametrare per gli altri livelli di inquadramento come indicato nella  tabella sottostante. Gli importi di acconto non dovranno essere considerati utili ai fini del calcolo della quattordicesima e dovranno essere evidenziati in busta paga con la dicitura “ Acconto rinnovo CCNL”. Con la mensilità di giugno non dovrà quindi essere erogata l’indennità di vacanza contrattuale prevista dal vigente contratto. Gli arretrati maturati a tale titolo dal 1° gennaio saranno definiti al momento del rinnovo del CCNL. Importo mensili da corrispondere a seconda dell’inquadramento contrattuale. Livelli

Euro

Quadri

44.81

1

42.16

2

38.71

3S

35.00

3

33.94

4S

32.35

4J

31.55

5

30.76

6S

28.90

6J

26.51

Contatto Stefania Acciaioli tel. 055 2707323; e-mail: stefania.acciaioli@confindustriafirenze.it

11


aggiornamento Lavoro intermittente, tutte le modalità per effettuare la “chiamata” Il Ministero del Lavoro e delle Politiche Sociali, di concerto con il Ministero per la Pubblica Amministrazione, ha emanato un decreto che disciplina tutte le modalità per effettuare la comunicazione della chiamata del lavoro intermittente. Le nuove modalità comunicative entreranno in vigore il 3 luglio 2013.

Premessa Il decreto, che entrerà in vigore il quindicesimo giorno successivo alla data di pubblicazione in Gazzetta Ufficiale, introduce il modello di comunicazione ‘UNI- intermittente’ come strumento per l’adempimento della comunicazione. Il modello contiene i dati identificativi del lavoratore e del datore di lavoro e la data di inizio e fine cui la chiamata si riferisce. Modalità di trasmissione Il modulo deve essere trasmesso esclusivamente secondo una delle seguenti modalità:  • via email all’indirizzo di posta elettronica certificata appositamente creato • attraverso il servizio informatico reso disponibile sul portale Cliclavoro    • la modalità SMS è ammessa esclusivamente in caso di prestazione da rendersi non oltre le 12 ore dalla comunicazione. L’SMS deve contenere almeno il codice fiscale del lavoratore. E’ stata reintrodotta la possibilità di utilizzare il fax, ma solo in caso di malfunzionamento dei sistemi sopracitati (i sistemi di trasmissione del modello UNI- intermittente). In questo caso il datore di lavoro può inviare un fax alla Direzione territoriale del lavoro competente. Costituisce prova dell’adempimento dell’obbligo la comunicazione del malfunzionamento del sistema unitamente alla ricevuta di trasmissione del fax.

Contatto Veronica Rovai tel. 055 2707277; e-mail: veronica.rovai@confindustriafirenze.it

12


RELAZIONI INDUSTRIALI AFFARI SOCIALI

PREVIDENZA aggiornamento Incentivo straordinario in favore di uomini under 30 e donne, modalità di fruizione dei benefici da parte dei datori di lavoro autorizzati. L’Inps ha illustrato le modalità di fruizione, da parte dei datori di lavoro autorizzati, dell’incentivo straordinario per la creazione di rapporti di lavoro stabili o di durata ampia, in favore di uomini under 30 e donne di qualunque età.

Premessa Con la circolare n. 122 del 17 ottobre 2012 sono state illustrate la disciplina  e le modalità di invio delle istanze riguardanti l’incentivo ai sensi del Decreto del Ministero del lavoro e delle politiche sociali del 5 ottobre 2012 (pubblicato nella Gazzetta ufficiale n. 243 del 17 ottobre 2012). L’Inps ha illustrato le modalità di fruizione, dell’incentivo straordinario per la creazione di rapporti di lavoro stabili o di durata ampia, in favore di uomini under 30 e donne di qualunque età, da parte dei datori di lavoro autorizzati. Ammissione ai benefici L’ammissione al beneficio è stata determinata dall’ordine cronologico di presentazione delle istanze e verrà comunicata all’interno della piattaforma “Di.Res.Co.” mediante avviso apposto in calce al modulo di istanza inviato. Le istanze per le quali non viene comunicato l’esito di ammissione si devono intendere non accolte, perché inviate dopo l’esaurimento della risorsa stanziata. Ciascun datore di lavoro non può complessivamente fruire di più di 10 incentivi per le stabilizzazioni a tempo indeterminato e di più di 10 incentivi per le assunzioni a tempo determinato. In caso di rapporto a tempo indeterminato l’incentivo spetta anche se si tratta di part- time; in tal caso l’orario deve essere pari o superiore alla metà dell’orario normale e l’importo del beneficio deve essere proporzionalmente ridotto. Datori di lavoro che operano con il sistema Uniemens I sistemi informativi centrali attribuiranno alle posizioni contributive interessate il Codice Autorizzazione “2T”, che assume il significato di “Datore di lavoro ammesso all’incentivo straordinario, di cui al DM 5 ottobre 2012”. Il codice di autorizzazione 2T verrà attribuito per i mesi di giugno, luglio e agosto 2013. I datori di lavoro autorizzati dovranno verificare, accedendo al Cassetto previdenziale, che le posizioni contributive interessate siano state effettivamente aggiornate con l’attribuzione del Codice Autorizzazione 2T. Qualora il Codice non sia stato 13


attribuito, il datore di lavoro dovrà inviare una segnalazione alla Sede, mediante la funzionalità “contatti” del Cassetto. La Sede verificherà se la mancata attribuzione del Codice 2T dipenda da una preesistente anomalia dell’inquadramento aziendale; qualora il beneficio spetti, la Sede attribuirà manualmente il Codice autorizzazione 2T  per i periodi di giugno, luglio e agosto 2013 e ne darà comunicazione al datore di lavoro; qualora la Sede ritenga che il beneficio non spetti informerà anche la direzione centrale entrate, mediante l’indirizzo di posta elettronica info.diresco@inps.it I datori di lavoro autorizzati, che operano con il sistema Uniemens, potranno fruire del beneficio mediante  conguaglio con i contributi previdenziali dovuti per i mesi di giugno, luglio e agosto 2013, esponendo l’importo a credito secondo le seguenti modalità:

• valorizzeranno nell’elemento <CausaleACredito> di <AltrePartiteACredito> di <DenunciaAziendale>, il

nuovo codice causale “L430”, avente il significato di “Incentivo straordinario per l’assunzione di donne o giovani, ai sensi del DM 5 ottobre 2012 e dell’art. 24, co. 27, dl 6.12.2011, n. 201, conv. con modd., con l. 22.12.2011, n. 214”; indicheranno nell’elemento <SommaACredito> l’importo del beneficio spettante.

Nell’ipotesi in cui il datore di lavoro abbia effettuato più assunzioni agevolate, indicherà la somma degli importi spettanti per i lavoratori in carico alla stessa posizione contributiva. In osservanza di quanto precisato nel paragrafo “1”, in fine, nell’ipotesi in cui siano state effettuate assunzioni a tempo parziale sarà cura del datore di lavoro ridurre proporzionalmente l’importo del bonus spettante. Nell’eventualità in cui dovesse fruire di benefici non spettanti, il datore di lavoro dovrà restituire le somme indebitamente conguagliate secondo le seguenti modalità:

• valorizzerà nell’elemento <CausaleADebito> di <AltrePartiteADebito> di <DenunciaAziendale> il nuovo

codice causale “M430 “ avente il significato di “Restituzione Incentivo straordinario per l’assunzione di donne o giovani, ai sensi del DM 5 ottobre 2012 e dell’art. 24, co. 27, dl 6.12.2011, n. 201, conv. con modd., con l. 22.12.2011, n. 214”; indicherà nell’elemento <SommaADebito> l’importo da restituire.

Datori di lavoro che operano con il sistema DMAG Per i datori di lavoro che operano con il sistema DMAG, l’incentivo spettante sarà reso disponibile sulla posizione contributiva del datore di lavoro alla prima emissione utile. I datori di lavoro aventi diritto potranno successivamente richiedere l’importo loro dovuto, sia a titolo di rimborso che a titolo di compensazione sui contributi a debito, eventualmente relativi anche ai trimestri successivi; a tal fine il datore di lavoro ammesso all’incentivo straordinario dovrà presentare istanza telematica, specificando se chiede il rimborso o la compensazione e  - nel campo “ note” - che si tratta di incentivo per giovani e donne. Controlli In attuazione del principio di autocertificazione l’Inps ha riconosciuto e reso fruibili gli incentivi, sulla base di quanto dichiarato  dal datore del lavoro con i moduli di istanza. Le Sedi effettueranno successivi controlli circa la veridicità delle attestazioni rese e l’effettivo possesso dei  requisiti di accesso al beneficio. Eventuali somme indebitamente percepite dai datori di lavoro saranno oggetto di iniziative di recupero e consentiranno di accogliere altre istanze, in relazione alle risorse che dovessero rendersi nuovamente disponibili. Contatto Veronica Rovai tel. 055 2707277; e-mail: veronica.rovai@confindustriafirenze.it

14


RELAZIONI INDUSTRIALI AFFARI SOCIALI

15


16


ECONOMIA E DIRITTO D’IMPRESA

FISCO proroghe UNICO 2013, rinvio dei versamenti per contribuenti soggetti agli studi di settore Contenuti Con Decreto del Presidente del Consiglio dei Ministri è stato disposto il differimento dei termini per i pagamenti risultanti dalla dichiarazioni dei redditi dei contribuenti soggetti agli studi di settore. Con il DPCM 13 giugno 2013, pubblicato sulla Gazzetta Ufficiale n. 139 del 15 giugno 2013, è stato stabilito che tutte le persone fisiche e i soggetti diversi dalle persone fisiche a cui si applicano gli studi di settore avranno tempo fino al prossimo 8 luglio 2013 per effettuare i versamenti risultanti dalle dichiarazioni dei redditi, da quelle Irap e dalla dichiarazione unificata annuale, senza alcuna maggiorazione. Termini della proroga In pratica, anzichè alla scadenza originaria del 17 giugno, i pagamenti possono essere effettuati entro l’8 luglio 2013 senza alcuna maggiorazione, oppure dal 9 luglio al 20 agosto, maggiorando gli importi da versare dello 0,40% a titolo di interesse corrispettivo. Secondo il comunicato stampa pubblicato sul sito web del Ministero dell’economia e delle finanze, la proroga si applica anche a coloro che partecipano a società, associazioni e imprese in regime di trasparenza e ai contribuenti che adottano il regime fiscale di vantaggio per l’imprenditoria giovanile e lavoratori in mobilità. Si allega il testo del DPCM pubblicato sulla Gazzetta Ufficiale.

Contatto Area Economia e Diritto d’Impresa - Enrico Dragoni tel. n. 0552707241; e-mail: enrico.dragoni@confindustriafirenze.it

IVA chiarimenti “Ritenute a garanzia”, trattamento ai fini I.V.A. L’Agenzia delle Entrate, su richiesta dell’Ass. Naz. Costruttori Edili chiarisce, finalmente, il trattamento I.V.A. da applicare alle ritenute a garanzia nel settore edilizio. Soggetto emanatore Estremi del chiarimento

Agenzia delle Entrate Nota del 24 aprile 2013

Premessa Le “ritenute a garanzia” tipiche nel settore degli appalti in edilizia, in particolare per gli interventi pubblici ma anche per quelli privati, rilevano ai fini I.V.A. solo al momento in cui vengono svincolate e quindi pagate al prestatore. Si discosta 17


da tale principio generale il caso in cui le ritenute vengano fatturate al committente precedentemente ed in particolare in mancanza, nell’operazione, dei presupposti contemplati dal 5° com. dell’art. 6/633, imposta ad esigibilità differita. Risposta da parte dell’Agenzia In tal senso si esprime l’Agenzia delle Entrate, con la risposta del 29/04/13, su richiesta di parere sotto forma di consulenza giuridica formulata dalla Ass. Naz. Costruttori Edili. L’Agenzia, in definitiva, facendo riferimento alle conclusioni cui è pervenuta la Suprema Corte (sent. 5/10712 n. 16977), ha ribadito l’applicabilità del principio generale dettato dall’art. 6, 3° com- del D.P.R. 633 secondo il quale le prestazioni di servizi si intendono effettuate (cioè devono essere fatturate) all’atto del pagamento del corrispettivo: norma questa avente carattere generale che non ammette deroghe, salvo il caso in cui l’ammontare complessivo del corrispettivo del contratto di appalto venga fatturato dal prestatore prima del pagamento del corrispettivo. Pertanto le ritenute a garanzia, ritenute obbligatorie che negli appalti pubblici possono essere svincolate soltanto al momento della liquidazione finale e in quelli privati facoltative a conclusione della corretta esecuzione dell’opera, dovranno essere fatturate da parte dei prestatori-appaltatori, soltanto al momento del loro pagamento da parte dei committenti-appaltanti. Nell’ipotesi in cui il prestatore, in virtù delle disposizioni che regolano le operazioni con i soggetti e gli enti di cui al 5° com. dell’art. 6/633 (Stato, Comuni, Regioni, Provincie, etc.), emetta fattura ad esigibilità differita, per l’intero importo, si concretizzerà l’effettuazione dell’operazione per l’intero importo alla data della fattura mentre l’esigibilità dell’imposta, indicata in fattura, rimarrà vincolata al criterio generale del pagamento della stessa e in quel momento dovrà essere versata all’Erario.

Contatto Vincenzo Padelletti tel. n. 0552707201

aggiornamento Dal 1° luglio 2013 la Croazia entra nella UE, applicazione regole ai fini IVA Con l’ingresso della Croazia nella UE per le operazioni effettuate tra operatori nazionali e croati si applicheranno le regole proprie delle operazioni intracomunitarie. Premessa Per quanto concerne l’I.V.A., per le operazioni attive e passive effettuate dal prossimo 1° luglio nei confronti o da soggetti passivi I.V.A. stabiliti in tale Stato, si applicheranno le regole vigenti in materia dipendenti dal D.L. 331/93 per acquisti e cessioni di beni mobili intraue e per le prestazioni di servizi, di cui agli artt. 7-ter e seguenti, dal D.P.R. 633 come modificato dal 1/01/2013. Contenuti In base alla normativa vigente, gli operatori croati dovranno comunicare ai fornitori nazionali il loro codice identificativo ISO (la loro partita I.V.A. preceduta dal prefisso alfabetico che individua lo Stato Membro) e dovranno essere inseriti nell’archivio V.I.E.S. (procedura che – da notizie della stampa specializzata – sembra in corso di attuazione). Parimenti, anche gli operatori nazionali dovranno comunicare ai loro clienti o fornitori croati il loro codice identificativo. In pratica, per le cessioni di beni trasportati in Croazia gli operatori nazionali emetteranno fatture “non imponibili art. 41/331” e per le prestazioni di servizi, per esempio generici, emetteranno fatture con l’indicazione “inversione contabile 18


ECONOMIA E DIRITTO D’IMPRESA

– art. 7-ter/633” indicando le operazioni nei relativi mod. INTRA, mentre per gli acquisti di beni o di servizi, per esempio generici, provvederanno ad integrare e registrare (vendite/acquisti) le fatture dei fornitori croati, indicandole nei relativi mod. INTRA. Naturalmente, l’emissione delle fatture per le cessioni di beni e per le prestazioni di servizi effettuate e l’integrazione per le fatture di acquisto ricevute, dovranno rispettare i nuovi termini introdotti dalla L. 228, così come le fatture emesse e ricevute dovranno indicare il codice I.S.O. dell’operatore emittente e quello del soggetto passivo destinatario dell’acquisto. Da quanto è dato conoscere al momento non sembra che la Croazia entri anche nell’area dell’euro.

Contatto Vincenzo Padelletti tel. n. 0552707201

DIRITTO opportunità ”Decreto del fare”, reintroduzione della mediazione obbligatoria Premessa Il c.d. “decreto del fare”, approvato dal consiglio dei ministri, prevede il nuovo pacchetto di disposizioni sulla giustizia volto a  ridurre di oltre 1 milione il numero di cause giacenti (soprattutto nel grado di appello). Dopo la sentenza della Corte costituzionale che nell’ottobre scorso aveva bocciato le misure applicative sulla medizione obbligatoria sotto il profilo dell’eccesso di delega, la Cancellieri lo ripropone come strumento deflattivo del contenzioso civile: viene pertanto ripristinato il tentativo obbligatorio di conciliazione come condizione di procedibilità. Un’obbligatorietà ora che ora non si basa più su una delega e quindi non rischia di essere nuovamente bocciata dalla Consulta. Punti di novità Rispetto al vecchio assetto della mediazione sono 8 i punti di novità che la relazione tecnica al decreto indica come qualificanti e, in gran parte, si sottolinea, in adesione alle richieste dell’avvocatura. In dettaglio: 1) esclusione delle liti sulla responsabilità per danno derivante dalla circolazione di veicoli e natanti (le altre materie, dal condominio alle successioni sono confermate); 2) introduzione della mediazione prescritta dal giudice, fuori dei casi di obbligatorietà ex ante e sempre nell’area generale dei diritti disponibili; 3) integrale gratuità della mediazione, anche nel caso del punto precedente, per i soggetti che, nella corrispondente controversia giudiziaria, avrebbero avuto diritto all’ammissione al patrocinio a spese dello Stato; 4) previsione di un incontro preliminare, informativo e di programmazione, in cui le parti, davanti al mediatore, verificano con il professionista se sussistano effettivi spazi per procedere alla mediazione; 5) forfettizzazione e abbattimento dei costi della mediazione, in particolare di quella obbligatoria, attraverso la previsione di un importo contenuto, comprensivo delle spese di avvio, per l’incontro preliminare; 6) limite temporale della durata della mediazione in 3 mesi, invece di 4, trascorsi i quali il processo può sempre essere iniziato o proseguito; 7) previsione della necessità che, per divenire titolo esecutivo e per l’iscrizione d’ipoteca giudiziale, l’accordo concluso davanti al mediatore deve essere non solo omologato dal giudice, ma anche sottoscritto da avvocati che assistano le parti; 8) riconoscimento di diritto, agli avvocati che esercitano la professione, della qualità di mediatori. In particolare, sulla falsariga di quanto previsto per il processo del lavoro, il giudice civile, alla prima udienza o sino al 19


termine dell’istruzione, formula alle parti una proposta transattiva o conciliativa. Il rifiuto della proposta senza giustificato motivo costituisce comportamento valutabile ai fini del giudizio.

Contatto Angelo Arcuri, tel. n. 0552707344; e-mail: angelo.arcuri@confindustriafirenze.it

DOGANA aggiornamento Importazioni di prodotti biologici, compilazione del DAU Novità La Direzione dell’Agenzia delle Dogane (1), per tutelare e giustificare la fiducia dei consumatori di prodotti etichettati come biologici, ha disposto che dal 17 giugno del 2013 nelle importazioni di merci di cui alle voci 1001, 1005, 1006, 1008, 1101, 1102, 1104, 1205, 1206, e 1509, è obbligatorio inserire nella casella 33 del DAU uno dei seguenti codici addizionali per distinguere i prodotti biologici da quelli non biologici: Z040 “Prodotto biologico importato nel rispetto del reg.(CE) n.834/2007 e delle disposizioni attuative europee e nazionali”. Z041 “Prodotto non biologico”. Inoltre per i prodotti biologici, l’importatore deve munirsi di un certificato d’ispezione ed indicarlo obbligatoriamente nella casella 44 del DAU nel modo seguente: Codice documento: C644 (Certificato d’ispezione per prodotto biologico) Paese di emissione: codice Iso del paese di emissione del documento; Anno di emissione: indicazione dell’anno di emissione nel formato AAAA Identificativo: numero del certificato presentato. Novità Nella stessa nota viene precisato che gli operatori interessati potranno trovare maggiori dettagli per la compilazione del DAU nella sezione dedicata allo Sportello Unico Doganale su: http://www.agenziadogane.it/wps/wcm/connect/internet/ ed/operatore/aree+tematiche/sportellounicodoganale Note 1) Agenzia delle Dogane e dei Monopoli, comunicazione del 12/06/2013.

Contatto Fernando De Vita, tel. n. 0552707201; e-mail: fernando.devita@confindustriafirenze.it

20


ECONOMIA E DIRITTO D’IMPRESA

Attiva la convenzione tra il Comune di Firenze e Centro Factoring SpA per il sostegno all’accesso al credito dei propri fornitori attraverso la cessione pro soluto dei crediti a favore di banche od intermediari finanziari autorizzati. Nel mese di giugno 2012 il Comune di Firenze e Centro Factoring SpA hanno firmato una convenzione diretta a disciplinare le condizioni economiche da applicare ai fornitori del Comune stesso, che effettueranno la cessione pro soluto dei crediti “certificati” vantati nei confronti del Comune e connessi a spese di investimento. La relativa delibera di giunta risale all’Ottobre 2010; nel settembre 2011 la Giunta Regionale della Toscana ha approvato lo schema di protocollo d’intesa tra Regione Toscana, associazioni degli EE.LL. toscani, Unioncamere Toscana e sistema bancario; l’accordo è stato poi sottoscritto nell’ottobre 2011; lo schema di convenzione-tipo è stato approvato nel giugno 2012. La convenzione consente alle imprese di ottenere un immediato smobilizzo dei crediti per far fronte ai propri impegni finanziari a condizioni particolarmente vantaggiose. Con essa Centro Factoring si rende disponibile a sottoscrivere con le imprese fornitrici di opere o servizi rientranti nelle “Spese di investimento”, contratti di cessione pro soluto per un importo minimo annuo per fornitore pari a 500.000 €. I crediti devono essere “certificati”, ovvero il Comune, su richiesta del creditore, in base alla normativa vigente, deve certificare che il credito è “certo, liquido ed esigibile”. La cessione deve essere formalizzata mediante Atto Pubblico al Comune che dovrà inviare a Centro Factoring un’accettazione esplicita. La convenzione ha una durata di un anno, salvo ulteriori proroghe.

Maggiori informazioni sul sito del comune di Firenze http://www.comune.fi.it/opencms/export/sites/retecivica/comune_firenze/credito_fornitori.htm

Centro Factoring SpA Sede e Direzione Generale Via Leonardo da Vinci, 22 – Firenze Tel. 055 46801 21


Pronta per il download l’APP “IN-Notizie per l’industria” di Confindustria Firenze Softec S.p.A., società quotata su AIM Italia – Mercato alternativo del capitale di Borsa Italiana e da sempre legata al sistema Confindustria, ha realizzato un’apposita applicazione mobile che permette  di consultare in mobilità le riviste dell’Associazione e di condividere informazioni, novità, aggiornamenti ed eventi  del mondo imprenditoriale. La soluzione, disponibile per il download su Google Play e App Store, agevolerà  la comunicazione tra Confindustria Firenze e  i suoi associati per rendere fruibili news, articoli di settore, approfondimenti, interviste, comunicati stampa, ecc. Un buon risultato per Softec che si conferma nuovamente il partner tecnologico di riferimento dell’Associazione territoriale fiorentina, non solo per aver sviluppato una soluzione “originale” in linea con lo stile innovativo dell’organizzazione, ma soprattutto per averla realizzata su una piattaforma di Mobile Application Management (DesktopMate®) che consentirà di gestire in maniera centralizzata i numerosi contenuti  digitali  e di monitorare costantemente l’utilizzo stesso dell’applicazione e dei suoi servizi. DesktopMate®, multipiattaforma e multidevice, è uno dei cavalli di battaglia del portfolio di offerta Softec: la soluzione permette di strutturare la comunicazione distribuendo servizi, contenuti e strumenti in modo profilato  rispetto alle caratteristiche delle classi di utenza (associati, semplici lettori, comitati di settore, dipendenti dell’Associazione), apportando benefici specifici in modo ottimale a tutti gli attori della “catena del valore”. Sulla base di questi presupposti, Softec sta proponendo al mercato soluzioni e servizi basati su idee innovative, creatività e tecnologia, che danno possibilità alle aziende di disporre di servizi di consulenza specialistici e di applicazioni tecnologiche in grado di rispondere in modo adattivo a tutte le esigenze di business . Infatti, nata come azienda tecnologica fortemente orientata ai progetti e  alle applicazioni mobile, oggi Softec propone alle imprese soluzioni web e mobile  integrate  da servizi di web marketing e di consulenza strategica sui nuovi media, per realizzare progetti performanti in grado di costruire redditività per le aziende che vogliono fare della rete un fattore di successo Per saperne di più www.softecspa.com

22


AMBIENTE SICUREZZA ENERGIA QUALITÀ

ENERGIA aggiornamento Fonti rinnovabili, il Governo proroga ad ottobre l’obbligo dell’attestato di formazione per gli installatori di impianti rinnovabili Il Governo, alla luce dei ritardi per l’accreditamento degli enti formatori accumulati dalle Regioni, ha prorogato di un anno l’obbligo dell’attestato per gli installatori di FER.

Premessa Il decreto legislativo n. 28 del 2011, che incentiva l’uso delle energie rinnovabili, tra i requisiti per poter installare impianti non prevede l’abilitazione oggi riconosciuta dalla legge 37 del 2008 per i responsabili tecnici delle imprese impiantistiche. Ciò significa che agli operatori diplomati alla scuola dell’obbligo e che hanno acquisito esperienza in anni di lavoro si nega sia il riconoscimento della qualificazione professionale imposta dalla legge del 2008 per operare sugli impianti sia la possibilità di svolgere corsi di aggiornamento. Per questo motivo dal 1° agosto 80.000 imprese di installazione impianti, con circa 200.000 addetti, operanti nel settore delle energie rinnovabili (fotovoltaico, a biomasse, solare termico, pompe di calore e geotermia) rischiavano di non poter più lavorare. Il decreto legge emanato dal Governo lo scorso 31 maggio per recepire la Direttiva UE 2010/31 sulle prestazioni energetiche nell’edilizia, ha accolto le richieste delle associazioni di settore e all’art. 17 stabilisce nuove regole che disciplinano l’abilitazione professionale per svolgere attività di installazione e manutenzione di impianti da fonti rinnovabili, dando la possibilità di far valere la propria esperienza per i soggetti che hanno già lavorato, per almeno 3 anni, presso un’impresa abilitata, pur in assenza di un titolo preciso. Novità Il decreto prevede la proroga ad agosto 2014 per l’attestato degli installatori di “caldaie, caminetti e stufe a biomassa, di sistemi solari fotovoltaici e termici sugli edifici, di sistemi geotermici a bassa entalpia e di pompe di calore”.   Si tratta di un’importante proroga per tutti gli installatori che dal 1° agosto 2013 non avrebbero più potuto esercitare il proprio mestiere a meno di ottenere l’attestazione prevista dal decreto rinnovabili 28/2011 che prevede che la formazione professionale sia fornita da un ente quale Regione o Provincia, tramite l’attivazione di un corso istituzionale entro la fine del 2012. Il nuovo testo  stabilisce che gli installatori con un’esperienza di almeno tre anni in una ditta specializzata possano continuare ad esercitare il proprio mestiere, con l’obbligo di frequentare un corso di formazione professionale, conseguendo la qualifica ufficiale di installatori, entro il 1 agosto del 2014. Regioni e alle Province hanno invece l’obbligo di attivare un programma di formazione, dandone comunicazione al Ministero dello sviluppo economico e al Ministero dell’ambiente, entro il 31 ottobre 2013, non più entro agosto. 23


Le Regioni e Province Autonome, infine, possono anche riconoscere ai soggetti  partecipanti ai corsi di formazione crediti formativi per i periodi di  prestazione lavorativa e di collaborazione tecnica continuativa svolti  presso imprese del settore. Iniziative di Confindustria Firenze Confindustria Firenze con la propria società di servizi SAIF fornisce alle aziende associate consulenza specifica e qualificata per la realizzazione di investimenti sia di risparmio energetico in edilizia e sia di efficientamento industriale. Da tempo il CoSefi, Consorzio di formazione di Confindustria Firenze, è in contatto con la Regione Toscana per offrire percorsi formativi qualificanti ai fini dell’attestato richiesto per l’abilitazione ad installatore. Tuttavia la Regione Toscana ancora non ha terminato l’iter previsto per la formazione certificata. Gli uffici del Servizio Energia dell’Area Ambiente Sicurezza Energia Qualità & Operations di Confindustria Firenze sono a disposizione degli associati interessati ad approfondimenti.

Contatto Catia Tarquini tel. n. 055 2707286; e-mail: catia.tarquini@confindustriafirenze.it

aggiornamento Fonti rinnovabili, il Gestore dei Servizi Energetici ha comunicato il raggiungimento del valore di costo indicativo cumulato annuo degli incentivi previsti per il FV e finisce il V Conto Energia Il 7 luglio 2013 finirà il V Conto Energia e non potranno essere richiesti i relativi incentivi. Premessa Il Contatore Fotovoltaico presente sul sito del Gestore dei Servizi Energetici ha raggiunto il valore di costo indicativo cumulato annuo degli incentivi previsti dal Decreto Ministeriale del 5 luglio 2012, di 6 miliardi e 700 milioni di euro e in un comunicato il GSE ha annunciato la fine del V Conto energia per il solare fotovoltaico.  “Il Decreto Ministeriale del 5 luglio 2012 cesserà di applicarsi decorsi trenta giorni solari dalla data di pubblicazione della delibera dell’Autorità per l’energia elettrica e il gas, con la quale verrà individuata la data di raggiungimento del valore annuale di 6,7 miliardi di euro”. Novità Gli impianti che hanno presentato la richiesta d’incentivazione ai sensi del V Conto Energia sono 531.242, per una potenza complessiva pari a 18.217 MW. Di questi 531.242 impianti, 4.779, per una potenza complessiva di 1.136 MW e un costo indicativo annuo di 94 milioni di euro, sono iscritti nei Registri in posizione utile ma non ancora entrati in esercizio.   L’Autorità per l’Energia ha già emanato la delibera 250/2013/R/efr, nella quale ha indicato nel 6 giugno 2013 la data di raggiungimento della soglia di 6,7 miliardi di euro del costo indicativo cumulato annuo degli incentivi per lo sviluppo degli impianti fotovoltaici. Di recente, il 23 maggio 2013, il GSE ha anche pubblicato, sul suo sito, la graduatoria on line degli impianti fotovoltaici iscritti al secondo Registro che rientrano nei limiti di costo, formata sulla base delle dichiarazioni rese dai Soggetti Responsabili ai sensi del DPR 445/00 e della sola documentazione da allegare alla richiesta di iscrizione al Registro, prevista dal Decreto e dal Bando.  Sono stati ammessi in graduatoria n.3690 impianti, per una potenza complessiva di circa 726,85 MW e un costo indicativo cumulato annuo pari a circa 58,03 milioni di euro. E’ stato anche pubblicato l’elenco degli 24


AMBIENTE SICUREZZA ENERGIA QUALITÀ

impianti esclusi per carenza dei requisiti necessari. L’ammissione in graduatoria non garantisce l’accesso agli incentivi, subordinato alla verifica del rispetto di tutti i requisiti previsti dal quadro normativo e regolamentare di riferimento. Il GSE può effettuare verifiche dalle quali potrebbe derivare la decadenza dall’iscrizione al Registro nel caso in cui dovesse emergere la mancanza, all’atto dell’iscrizione, o il venir meno in un momento successivo dei requisiti necessari.  Bisogna inoltre ricordare che le caratteristiche dell’impianto, dichiarate nell’ambito della richiesta di iscrizione al Registro, devono essere rispettate in fase di realizzazione, pena la decadenza dall’iscrizione al Registro e/o la mancata ammissione agli incentivi. Il termine di un anno entro cui l’impianto deve entrare in esercizio, a pena di decadenza, decorre dal 23 maggio 2013, data di pubblicazione della graduatoria. Iniziative di Confindustria Firenze Confindustria Firenze attraverso gli imprenditori associati partecipa ai Gruppo di Lavoro del Comitato Tecnico Energia di Confindustria coinvolto nel tema di grande interesse. Gli uffici del Servizio Energia dell’Area Ambiente Sicurezza Energia Qualità & Operations di Confindustria Firenze sono a disposizione degli associati interessati ad approfondimenti.

Contatto Catia Tarquini tel. n. 055 2707286; e-mail: catia.tarquini@confindustriafirenze.it

aggiornamento Agevolazioni fiscali, il Governo proroga le detrazioni fiscali per il risparmio energetico Le agevolazioni sono state prorogate (bonus del 55%) fino a dicembre 2013 e molte imprese continuano ad investire nel risparmio energetico.

Premessa Le disposizioni che regolano la materia dei benefici fiscali per il risparmio energetico sono state più volte modificate negli ultimi anni e, di conseguenza, sono cambiate anche le procedure da seguire per poterne usufruire. Il cosiddetto Decreto sviluppo, D. L. 83/2012 del 22 giugno 2012, ha prorogato la detrazione fiscale del 55% sull’efficientamento energetico degli edifici fino al 30 giungo 2013 e ha previsto che dal 1° luglio 2013 l’agevolazione sarà sostituita con la detrazione fiscale del 36% prevista per le spese di ristrutturazioni edilizie che, dal 2012, non ha più scadenza, perché resa strutturale e definitiva.  Lo scorso 31 maggio il Consiglio dei Ministri ha prorogato “l’eco-bonus fiscale” per le misure a favore dell’efficienza energetica in edilizia e a quello sulle ristrutturazioni edilizie in scadenza a fine giugno. La proroga è estesa per 6 mesi, fino al 31 dicembre 2013, per le famiglie e singoli cittadini, mentre viene prorogata di un anno per interventi a livello condominiale. 25


Novità Dal Consiglio dei Ministri sono emerse due importanti novità:   • La prima riguarda l’eco-bonus in favore dell’efficienza energetica, che passa dal 55% fino al 65%;   • La seconda, che le agevolazioni fiscali riguardanti interventi di ristrutturazione edilizia al 50% sono estese ad arredi fissi, cucine, armadi a muro, bagni, fino ad un tetto di spesa massimo pari a € 10.000, che si andrà a sommare ai 96.000 euro di tetto massimo di spesa agevolabile.    Questo passo rappresenta un’importante misura di incentivo in un settore fortemente provato dalla crisi economica che ha perso, in questi anni, più di 550 mila addetti e ha determinato la scomparsa di migliaia di imprese del settore edilizio e relativo indotto. Tale sistema di agevolazione fiscale si è infatti rivelato di notevole importanza per l’impulso che ha fornito all’edilizia poiché ha attivato circa 1.400.000 interventi (con un investimento complessivo di 18 miliardi di euro), ha contribuito a creare oltre 50 mila posti di lavoro e ad abbassare le emissioni di gas inquinanti.  Il recente Decreto Legge però esclude dalla proroga delle detrazioni le pompe di calore elettriche, con la giustificazione che già esiste un meccanismo di sostegno per tali applicazioni, che è il Conto Energia Termico. Purtroppo quest’ultimo regime sta scontando notevoli ritardi applicativi ed è sicuramente meno rimunerativo dell’eco-bonus. Iniziative di Confindustria Firenze Confindustria Firenze con la propria società di servizi SAIF fornisce alle aziende associate consulenza specifica e qualificata per la realizzazione di investimenti sia di risparmio energetico in edilizia e sia di efficientamento industriale. Gli uffici del Servizio Energia dell’Area Ambiente Sicurezza Energia Qualità & Operations di Confindustria Firenze sono a disposizione degli associati interessati ad approfondimenti.

Contatto Catia Tarquini tel. n. 055 2707286; e-mail: catia.tarquini@confindustriafirenze.it

Ospitalità Palazzo Gualfonda …il sito perfetto per i tuoi eventi…

Nella prestigiosa cornice di Palazzo Gualfonda, storica sede di Confindustria Firenze nel

centro cittadino, in posizione strategica tra la Stazione di Santa Maria Novella ed il Palazzo dei Congressi, un’importante occasione per le Aziende Associate per ospitare riunioni, meeting, workshop, conferenze stampa, incontri con gruppi di clienti

Per info su modalità e prezzi Marketing & Rapporti Associativi 055/2707 224 sara.balli@confindustriafirenze.it

26


Soddisfatto del tuo fornitore?

AMBIENTE SICUREZZA ENERGIA QUALITÀ

Taglia i costi dell’energia per tutto il 2013 C’è chi cerca energia per te, gestisce il tuo contratto e le tue fatture, ti costruisce il budget energetico, ti affianca e pensa al tuo futuro contratto di fornitura.

INFORMATI ADESSO!

C.E.F.

Gruppo di Acquisto Energia

Consorzio Energie Firenze

www.confindustriafirenze.it

www.cefenergia.it

CHI SIAMO

CHI SIAMO

Dal 1999 il Consorzio Energie Firenze - CEF - supporta le Aziende nella scelta del miglior contratto di fornitura nel mercato dell’energia elettrica. Il successo ottenuto nel risparmio dei costi dell’energia elettrica (circa il 20% nei primi anni rispetto al mercato vincolato) ha portato CEF a rivolgere alle sue Associate un’assistenza a 360° sul tema energia (gas naturale, risparmio energetico, fonti rinnovabili, finanziamenti, etc..).

I SERVIZI

Ogni anno realizziamo una strategia di acquisto ottimale per la fornitura di energia elettrica e gas naturale, traendo il maggior vantaggio dalle opportunità offerte dal mercato libero e promuovendo fra i consorziati la conoscenza e l’applicazione delle tecniche di energy management con particolare riferimento all’utilizzo razionale dell’energia e delle fonti alternative.

I VANTAGGI

Nato nel 2003 dalla collaborazione delle Associazioni Industriali di Arezzo, Firenze, Livorno, Lucca, Pistoia, Pisa, Prato e di Confindustria Toscana Servizi. Oggi il Gruppo d‘Acquisto Energia è gestito a livello territoriale dalla società di servizi di Confindustria Firenze, SAIF Srl, ed estende a tutte le Piccole e Medie Imprese associate le opportunità del mercato libero dell’energia.

I SERVIZI

Negozia sul libero mercato con i fornitori di energia elettrica e gas naturale le condizioni più convenienti per le imprese aderenti.

I VANTAGGI

Elevato risparmio rispetto alla contrattazione individuale; Completa gestione amministrativa, contabile e legale e sicurezza nella fornitura; Supporto tecnico, controllo periodico della fatturazione e budget energetico aziendale.

A CHI CI RIVOLGIAMO

Risparmio e sicurezza nella fornitura garantiti.

Completa gestione amministrativa, contabile e legale e sicurezza nella fornitura.

A CHI CI RIVOLGIAMO

Aziende con consumi annuali superiori ai 700.000 – 1.000.000 di kWh e/o 500.000 mc.

Piccole e medie aziende con consumi annuali inferiori a 700.000 kWh e/o inferiori a 400.000 mc.

Per maggiori informazioni

Catia Tarquini

Area Ambiente Sicurezza Energia Qualità & Operations Confindustria Firenze

Tel. +39 055.2707286 – e-mail: catia.tarquini@confindustriafirenze.it

27


Le nostre Convenzioni, i nostri Accordi: le ultime novità

www.confindustriafirenze.it

RICOH www.ricoh.it Ricoh Italia, offre ai Soci Confindustria Firenze l’opportunità di una consulenza gratuita per l’analisi PAY PER PAGE GREEN dei processi di documentali (cartacei ed elettronici) - con un risparmio immediato di 70 € per ogni macchina analizzata – per un miglioramento economico, ambientale e funzionale.

UMANA www.umana.it Agenzia per il Lavoro autorizzata dal Ministero del Lavoro, offre a condizioni riservate ai Soci Confindustria i servizi per la gestione delle risorse umane quali somministrazione a tempo determinato ed indeterminato, ricerca e selezione del personale qualificato, outplacement individuale e collettivo ed il nuovo servizio di staff leasing. FINANZA & PROGETTI www.finanzaeprogetti.it Azienda specializzata nell’advisoring finanziario e nella consulenza aziendale opera come società a sostegno delle imprese nel campo del recupero crediti, mediazione creditizia e cessione pro-soluto del credito. Per i Soci Confindustria Firenze check up e screening gratuito del portafoglio crediti.

LYRECO www.lyreco.it Lyreco, leader europeo nella fornitura di prodotti e soluzioni per l’ambiente di lavoro, offre ai Soci Confindustria Firenze prodotti di alta qualità e il più alto livello di servizio con condizioni esclusive: sconti fino al 50%, quotazioni e listini riservati, promozioni esclusive, Servizio Clienti (800.812.661) e consulenti commerciali dedicati.

Per informazioni: tel: 055/2707224

mail: marketing@confindustriafirenze.it

Le convenzioni più gettonate nell’ultimo mese Aethra

Accor

Assicom

Alitalia

Previndustria

Compushop

Ferrovie dello Stato

IstitutoFrancese

Klab

Ricoh

Ambulatori della Misericordia

Braccialini

Barberino Outlet

CentroFactoring Europcar

Alpha Broker

Cribis D&B

Day

Finanza&Progetti

Leasys

Shell

CartaSi

Lyreco StarHotels

VolkswagenGroupFirenze Teatro della Pergola 28

American Express

Cathay Pacific Cerved Group

Eni Finnair

Erg

Europe Assistance

Misericordia di Firenze

Telecom

Hertz

Genertel

Tim

NiviCredit

Umana

The British Institute of Florence


MARKETING

MARKETING E RAPPORTI ASSOCIATIVI

Membership Card 2012-2013: esclusivi vantaggi per i Soci Confindustria Firenze

Klab, nelle sue diverse strutture situate a Firenze, offre ai suoi soci una esperienza di benessere completa, dal fitness, con i migliori professionisti, alla piscine interne ed esterne, fino al Beauty Klab, spazio riservato al relax ed a trattamenti estetici. Per i Soci Confindustria Firenze sconto del 10% su tutte le tipologie di abbonamenti (mensili, quadrimestrali, annuali) di Klab Wellness Center in ognuna delle sue sedi fiorentine dietro presentazione della Membership Card Confindustria Firenze 2012.

Ambulatori della Misericordia di Firenze, che da oltre mezzo secolo effettua prestazioni sanitarie specialistiche di alto livello qualitativo offre ai titolari e dipendenti (inclusi familiari fino al 1° grado) delle aziende associate a Confindustria Firenze sconto massimo del 10% sul NUOVO listino in vigore per le prestazione sanitarie specialistiche effettuate da tutti i presidi ambulatoriali della Misericordia di Firenze. Per usufruire degli sconti dedicati è necessario presentare la Membership CardConfindustria 2012.

Braccialini, che dal 1950 è leader nella produzione di borse di alta qualità ed elevato riconoscibilità ed unicità, dedica ai soci Confindustria Firenze sconto del 20% sugli acquisti presso il Factory Outlet della sede Braccialini a Casellina (Scandicci) e 10% di sconto in tutti i negozi monomarca diretti. Per usufruire degli sconti dedicati è necessario presentare la Membership CardConfindustria Firenze 2012.

Ambulatori della Misericordia, Impresa Sociale Unipersonale che effettua prestazioni sanitarie specialistiche, offre ai titolari, dipendenti (e familiari fino al 1° grado) delle aziende associate a Confindustria Firenze sconto del 5% sul listino in vigore sia per le visite specialistiche che per il laboratorio di analisi. Le prestazioni convenzionate potranno essere richieste in tutti i presidi ambulatoriali gestiti da Ambulatori della Misericordia di Campi Bisenzio. Per usufruire degli sconti dedicati è necessario presentare la Membership Card- Confindustria 2012.

INFO: MARKETING@CONFINDUSTRIAFIRENZE.IT

29


www.cosefi.it CHI SIAMO COSEFI è la Business Academy di Confindustria Firenze, struttura nata per incrementare la competitività delle imprese e facilitare il trasferimento di competenze tecniche e manageriali attraverso: >> >> >> >> >>

Risorse umane adeguatamente formate; Progettazione ed erogazione di interventi formativi per potenziare le professionalità aziendali; Realizzazione di mappature aziendali del fabbisogno di competenze; Ricerca di risorse finanziarie per la copertura dei costi di formazione ed innovazione di processo/prodotto; Recruiting e orientamento dei giovani.

LA FORMAZIONE Attività formativa

>> Al Mercato: per l’aggiornamento professionale e la riqualificazione degli occupati attraverso percorsi:  interaziendali: corsi partecipati da dipendenti di più aziende svolti presso la sede di COSEFI;  su commissione: corsi svolti presso la sede aziendale su richiesta dell’impresa e totalmente personalizzati; >> Finanziata: per valutazione le opportunità formative offerte dai finanziamenti pubblici ed ideare e progettare di percorsi “ad hoc”  Aziendali: corsi interamente progettati sugli specifici fabbisogni delle singole aziende;  Interaziendali: corsi partecipati da dipendenti di aziende diverse.

I TEMI RICHIESTI DALLE IMPRESE Ambiente, Sicurezza e Qualità – Logistica e Acquisti – Risorse Umane – Comunicazione e Linguistica – Amministrazione e Finanza – Commerciale, Marketing e Vendite – General Management – Legale – Fisco e Tributi – Export management – Produzione – Information & Communication Technology

FONDIMPRESA E FONDIRIGENTI COSEFI supporta le aziende nella progettazione, realizzazione e rendicontazione di programmi aziendali a costo zero dedicati alla formazione continua di operai, impiegati, quadri e manager di aziende aderenti a Fondimpresa e Fondirigenti.

ED INOLTRE… COSEFI è in grado di assistere le aziende nella:

>> Valutazione, bilancio e sviluppo delle competenze dei lavoratori; >> Partecipazioni a bendi e gare d’appalto europee, nazionali, regionali e provinciali per la richiesta di finanziamenti; >> Gestione delle procedure amministrative e di rendicontazione dei progetti. Per maggiori informazioni contattaci

Via Valfonda, 9 – 50123 Firenze (FI) Tel. +39 055.2707207 – Fax +39 055.2707217 e-mail: cosefi@confindustriafirenze.it

COSEFI è agenzia formativa accreditata dalla Regione Toscana (cod. FI0111) e con sistema di gestione certificato ai sensi della norma ISO 9001:2008 e del D.Lgs 231/01

30

n° 220596


EDUCATION FORMAZIONE COSEFI

COSEFI, i prossimi corsi Gli Addetti alla Squadra Antincendio Rischio Basso e Medio A norma D.M. 10/03/98  - D.Lgs. 81/08 e successive modifiche e integrazioni D.Lgs. 106/2009 data di avvio: 18 Settembre 2013 area: SICUREZZA

PRESENTAZIONE

Contenuti minimi per la formazione degli addetti alla prevenzione incendi, lotta antincendio e gestione delle emergenze

OBIETTIVI

Le competenze che saranno acquisite al termine del percorso sono le seguenti: Formare i lavoratori incaricati dell’attuazione nelle misure antincendio in ambito lavorativo. Rientrano in tale categoria: • i luoghi di lavoro compresi nell’allegato D.M. 16.2.1982 e nelle tabelle A e B connesse al D.P.R. n. 689/59, con esclusione delle attività considerate a rischio “elevato” • i cantieri temporanei e mobili ove si detengono ed impiegano sostanze infiammabili e si fa uso di fiamme libere, esclusi quelli interamente all’aperto.

DESTINATARI

Dipendenti di Aziende ed Enti

PROGRAMMA

Principi sulla combustione e l’incendio • Le sostanze estinguenti • Le principali cause di incendio e rischi per le persone • Accorgimenti e misure per prevenire gli incendi • Attrezzature ed impianti di estinzione e tecniche di intervento • Gestione ordinaria della sicurezza all’interno dell’azienda • Norme di comportamento in caso di emergenza • Esercitazioni pratiche con attrezzature antincendio Ad ogni partecipante sarà rilasciato da COSEFI un Attestato di Partecipazione a norma di legge

DURATA

Rischio Basso: 4 ore ( teoriche) Rischio Medio: 8 ore (4 teoriche e 4 di esercitazione)

31


DATE E ORARI

18 Settembre 2013 Parte teorica – Riguarda le imprese rientranti nel Rischio Medio e Basso) 25 Settembre 2013 Esercitazione – Riguarda le imprese rientranti nel Rischio Medio) Parte teorica dalle ore 14.00 alle ore 18.00 Esercitazione dalle ore 14.00 alla ore 18.00

DOCENTI

Gianni ARABINI. Esperto della materia - Consulente nella gestione problematiche relative alla sicurezza e prevenzione incendi nei luoghi di lavoro.

SEDI

Parte teorica - Aula didattica di COSEFI presso Confindustria Firenze - Via Valfonda 9, 50123 – Firenze Esercitazione - Il luogo dell’esercitazione verrà comunicato in base al numero delle iscrizioni

SCADENZA ISCRIZIONI

11 Settembre 2013

QUOTE DI ISCRIZIONE

Formarsi con un approccio “lean”! Per il 2013 COSEFI propone agli Associati di Confindustria Firenze eccellenza qualitativa e quote ridotte su tutti i percorsi formativi a catalogo. Rischio Basso € 120,00 + I.V.A Aziende aderenti a Confindustria Firenze € 210,00 + I.V.A. Aziende non aderenti a Confindustria Firenze Rischio Medio € 240,00 + I.V.A. Aziende aderenti a Confindustria Firenze € 320,00 + I.V.A. Aziende non aderenti a Confindustria Firenze Il percorso formativo può essere realizzato in forma “residenziale” presso la sede dell’azienda con un preventivo personalizzato.

Contatti Cinzia Paoli tel. 055 2707.207 Fax 055 2707.217, cinzia.paoli@confindustriafirenze.it Alessandro Moschini tel. 055 2707.320 Fax 055 2707.217, alessandro.moschini@confindustriafirenze.it - www.cosefi.it 32


EDUCATION FORMAZIONE COSEFI

Per maggiori informazioni sull’adesione a Fondimpresa e per un supporto nella presentazione di piani formativi aziendali contattaci:

scopri i vantaggi

Via Valfonda, 9 – 50123 Firenze (FI) Tel. +39 055.2707324 / 328 / 234 Fax +39 055.2707217 e-mail: cosefi@confindustriafirenze.it

www.cosefi.it

dell’essere

Socio di Confindustria Firenze 33


L’informazione COMPLETA ed AGGIORNATA sulle tematiche d’impresa rivolta a IMPRENDITORI e DIRIGENTI di azienda

PROMUOVI LLA A TTU UA AA ATTTTIIV VIITTÀ À SSU U

IN - NOTIZIE PER L’INDUSTRIA PER INFORMAZIONI: MARKETING & RAPPORTI ASSOCIATIVI TEL:

055/2707341 – 224

MAIL:

marketing@confindustriafirenze.it


in collaborazione con

Crediti verso la Pubblica Amministrazione:

opportunitĂ  e soluzioni

$ "    !   relativi crediti vantati dalle imprese possono costituire, oggi, una opportunità grazie alla collaborazione tra Centro Factoring e Confindustria Firenze. Centro Factoring SpA (Factor attivo da oltre 35 anni con una forte specializzazione nel segmento della Pubblica Amministrazione) propone soluzioni che consentono alle imprese associate a Confindustria Firenze di ottenere benefici tangibili ed immediati. In particolare è possibile:

   $ PFG SGLVJKLG con anticipo del corrispettivo in percentuale predeterminata dei crediti vantati verso la PA PFG SGLMTG IAS CGOPLIAKT con assunzione rischio mancato pagamento da parte del debitore ceduto

 Smobilizzare crediti con incremento disponibilitĂ  liquide    

         sivitĂ   Migliorare il rapporto attivitĂ /passivitĂ  correnti con potenziamento della posizione finanziaria  Incrementare il rating ampliando la capacitĂ  di credito 

    Sostituire costi fissi con costi variabili, tramite

            Concentrare le risorse sul core business  

ACPMISTG CFJLITI A TITGLG LJFIKITIVG: acquisizione crediti vantati verso la PA con determinazione del prezzo effettivo in base alle aspettative di incasso del debitore ceduto. Trasferimento del rischio di credito, di liquiditĂ  e di tasso di interesse;Íž le esposizioni anticipate, una volta decorsi i periodi di stress time              

PJF IKFGFOASIGKI CJKTFG FACTGFIKT SPA#FILIALJ LI FIFJKSJ $# 50132 Firenze Tel. 055-50XX828 Fax 055-5004396 Sede e Lirezione Tenerale Via Leonardo da Vinci, 22 - 50132 Firenze Tel. 055-46801 Fax 055-480591


Ricoh Italia Srl - Filiale di Firenze via Arno 102, 50019 Osmannoro, Sesto Fiorentino (FI) Tel: 055.3412111 - Fax: 055.3412127 filiale.firenze@ricoh.it


Notizie per l'Industria