Issuu on Google+

Newsletter n. 47 del 24 giugno 2013 – Anno II. Circolare interna di informazione. A cura di Confcooperative Unione Provinciale di Catania. Registrati per approfondire le news e scaricare i documenti. La registrazione e l’uso delle informazioni sono servizi compresi nella quota associativa. Redazione: Corso Sicilia, 24 Catania - Tel. 095 2503398 - Fax 095 7151447 e-mail: catania@confcooperative.it

Assemblea delle Cooperative Italiane Mercoledì 26 giugno, a Roma Auditorium della Conciliazione Si terrà il 26 giugno prossimo l'Assemblea delle Cooperative Italiane, lo slogan “Lavoro, futuro, Italia: ripartiamo insieme!” farà da sfondo a questo importante evento che ha già raccolto, solo tra cooperatori e cooperatrici, oltre duemila adesioni. Si evince dallo slogan, sarà l'occasione, per la cooperazione italiana, per lanciare, alla presenza dei rappresentanti delle istituzioni, del Presidente del Consiglio Letta e del ministro dello Sviluppo Economico, Flavio Zanonato, un forte segnale di vitalità dato, oltre che dalla numerosa e qualificata presenza dei cooperatori, dalle proposte che saranno offerte al governo per contribuire fattivamente alla ripresa economica del paese. Inoltre, non è di secondaria importanza il segnale che l'Alleanza lancia alle istituzioni e al paese attraverso il progetto che realizza una rappresentanza unitaria del movimento cooperativo. Una grande realtà nel Paese, capace di sviluppare benessere economico attraverso un modello di sviluppo che si fonda sulla partecipazione sociale, affermando principi di equità e solidarietà.

Programma dei lavori CONFCOOPERATIVE CATANIA

appuntamenti in agenda  Lunedì 24 giugno ore 9.00: Nella sede dell’associazione di Libera, in via Grasso Finocchiaro 112, incontro che riprende il tema, già avviato, dei beni confiscati alle mafie.  Mercoledì 26 giugno ore 9.30: A Roma, all’Auditorium di Via della Conciliazione, l’Assemblea nazionale delle Cooperative Italiane. Ore 14.30: 1° giornata - Incontro dei direttori "plenaria": Roma, Palazzo della Cooperazione.  Giovedì 27 giugno ore 9.00: 2° giornata - Incontro dei direttori "plenaria": Roma, Palazzo della Cooperazione.  Venerdi 28 giugno ore 16.00: A Randazzo s.s.120 Contrada Arena, assemblea dei soci della società del Distretto Taormina Etna. ore 17.00: Assemblea dei soci della società Sviluppo Taormina Etna.

Federazione Sanità

 Sono state pubblicate le Linee Guida per la presentazione dei Piani di intervento relativi al primo riparto finanziario del Programma Servizi di cura del Piano d’Azione per la Coesione per le Regioni Campania, Calabria, Puglia e Sicilia (prot.1101-11021103-1004). Circolare e approfondimenti (prot.1100). Modalità di presentazione dei Piani di intervento relativi al primo riparto finanziario del Programma Servizi di cura del Piano d’Azione per la Coesione (prot.1105).

Ore 10.00 Intervento di apertura - Maurizio Gardini, Presidente di Confcooperative e Copresidente dell'Alleanza delle Cooperative Ore 10.20

Intervento del Presidente del Consiglio, Enrico Letta

Ore 10.40 Relazione di Giuliano Poletti, Presidente dell'Alleanza delle Cooperative Italiane e di Legacoop Ore 11.10 Intervento del Ministro dello Sviluppo Economico, Flavio Zanonato Ore 11.45

Interventi Istituzionali programmati

Ore 12,45 Intervento conclusivo - Rosario Altieri, presidente di AGCI e Copresidente dell'Alleanza delle Cooperative. Calendario degli sportelli decentrati IRCAC presso la Camera di Commercio a Catania

Data

Giorno

Orario di apertura e chiusura

25/06/2013 09/07/2013 23/07/2013

Martedi Martedi Martedi

9-12,30 9-12,30 9-12,30

 Novità d’interesse generale  Dopo l'accordo tra Elabora e Infocert, da oggi, sarà possibile l’erogazione del servizio di posta elettronica certificata anche per i soci cooperatori titolari di “ditte individuali”. Nella circolare (prot.1099) si possono verificare i costi del servizio che prevede un periodo di gratuità per le caselle attivate entro il 31/12/2013. Gli interessati possono contattare il nostro CAT, Centro Assistenza Tecnica, tel. 095 2503398, che si occuperà di inoltrare le richieste di rinnovo o di attivazione delle nuove caselle PEC.  l DL 54/2013, in vigore dal 22 maggio e ora in conversione alla Camera, oltre a rifinanziare la CIG in deroga, ha demandato a un decreto interministeriale (Lavoro/MEF) il compito di procedere, entro 30 giorni, ad una rideterminazione dei criteri per la concessione degli ammortizzatori in deroga. Inoltre, il Ministero del Lavoro ha recentemente comunicato l’avvenuta ripartizione alle Regioni di una nuova quota di risorse già stanziate dalla legge di stabilità del 2013. Circolare del Servizio Sindacale (prot.1077), Tabella per regione delle risorse stanziate (prot.1078).  Sul sito dell'Assessorato Attività Produttive è stato pubblicato l'avviso relativo all'organizzazione di una missione di incoming in Sicilia di operatori esteri. La finalità dell'avviso è quella di selezionare almeno 15 operatori siciliani, operanti nel settore artigianato, che prenderanno parte agli incontri con operatori stranieri che avranno luogo nel mese di settembre dal 22 al 25 nel territorio regionale. Al fine di verificare l’interesse alla partecipazione alla suddetta iniziativa , le imprese siciliane dovranno far pervenire la propria disponibilità all'adesione, entro il 15/07/2013.

Circolare interna di informazione a cura di Confcooperative del 20/06/2013 - Corso Sicilia 24 – 95131 Catania  095 2503398 -  095 7151447


Cooperative Sociali

 Breve rassegna stampa: l’intervista al Presidente di Federsolidarietà Giuseppe Guerini pubblicata oggi da “La Notizia” (prot.1097) e l’articolo nel mensile “VITA” (prot.1098) sull’appello lanciato coi Comuni contro l’aumento dell’IVA.  Presentato e sottoscritto in Umbria il Protocollo d’Intesa tra ANCI ed Alleanza delle Cooperative Italiane settore sociale (prot.1096).

Cooperative di Federcoopesca

 Firmato, dal Ministro delle Politiche Agricole, Alimentari e Forestali, Nunzia De Girolamo, il decreto (prot.1095) con il quale viene aumentata di ulteriori 30 tonnellate la quota di pesca accidentale del tonno rosso.

… notizie dalle cooperative Pubblica in questa sezione le tue iniziative. Invia le comunicazioni a catania@confcooperative.it >>> Project-form – A voi il Notiziario con le

opportunità di finanziamento (prot.1094). Siamo a vostra disposizione per l'attività di consulenza.

Comunicazioni di servizio ► Le cooperative che ancora non avessero eseguito il pagamento della quota associativa relativa al 2013 sono invitate a provvedere, poichè la prima rata andava saldata entro lo scorso 30 marzo, mentre la seconda rata sarà in scadenza il prossimo 30 settembre. Il pagamento dei contributi associativi rappresenta per la cooperativa un impegno assunto al momento dell’adesione alla Confederazione ed è indispensabile per sostenere le iniziative che la stessa sostiene per tutelare l’interesse delle associate. La forza dell’Associazione è la forza delle cooperative aderenti. ► Attivo, presso gli uffici di Confcooperative Catania, lo Sportello Consip per l’abilitazione delle imprese ai bandi del Mercato Elettronico della Pubblica Amministrazione (MePa). Nel documento allegato (prot.951) una breve presentazione del Mepa e dell’attività dello sportello.

Questa proposta editoriale del Centro Orizzonte Lavoro è rivolta a tutti coloro che sentono il dovere civico di partecipare al dibattito sull’emergenza carcere. Per gli addetti ai lavori è un utile vademecum, in grado di contribuire all’applicazione di una pena sul trattamento che recupera. Recensione (prot.1021).

 Bando PROGRESS VP/2012/007 per il sostegno a progetti sulla sperimentazione sociale per la promozione della parità tra donne e uomini Obiettivo del bando è contribuire a migliorare la qualità e l'efficacia delle politiche sociali e facilitare il loro adeguamento alle nuove esigenze sociali e alle nuove sfide della società. I progetti proposti dovranno contribuire a sviluppare e testare approcci socialmente innovativi riguardo alle priorità politiche dell’UE nel contesto della strategia Europa 2020 e del Metodo Aperto di Coordinamento in materia di protezione e inclusione sociale. La Commissione UE incoraggia in particolare progetti focalizzati sulle seguenti questioni: -

promozione di misure di attivazione per la gioventù per prevenire e combattere la disoccupazione giovanile e l’esclusione erogazione di sevizi di qualità per l’infanzia promozione dell’invecchiamento attivo e in salute I progetti di sperimentazione sociale dovranno essere strutturati sui seguenti aspetti: concezione di un intervento di politica pubblica potenzialmente rilevante concezione della metodologia di valutazione della sperimentazione Dovrà essere contemplata, inoltre, la diffusione dei risultati del progetto in almeno due ulteriori Paesi ammissibili a PROGRESS. I progetti possono essere presentati da autorità pubbliche a livello centrale, regionale o locale o da enti di diritto pubblico stabiliti in uno dei Paesi ammissibili a PROGRESS (voce “Aree geografiche coinvolte”). Possono partecipare al bando anche ad altri stakeholder quali organizzazioni della società civile, parti sociali, fornitori di servizi sociali. I progetti devono essere realizzati da una partnership di almeno tre partner (il proponente + 2 partner di due ulteriori Paesi ammissibili a PROGRESS). Il contributo UE potrà coprire fino all’80% dei costi totali ammissibili del progetto. La sovvenzione richiesta dovrà essere compresa tra un minimo di € 700.000 e un massimo di € 1.000.000. Scadenza: 15 febbraio 2013.  Incentivazione della produzione di energia termica da fonti rinnovabili ed interventi di efficienza energetica di piccole dimensioni - Possono accedere agli incentivi previsti dal DM 28/12/12 le seguenti categorie di interventi: A) interventi di incremento dell’efficienza energetica; B) interventi di piccole dimensioni relativi a impianti per la produzione di energia termica da fonti rinnovabili e sistemi ad alta efficienza. Sono ammessi agli incentivi previsti dal decreto: a) le amministrazioni pubbliche, relativamente alla realizzazione di uno o più degli interventi; b) i soggetti privati, intesi come persone fisiche, condomini e soggetti titolari di reddito di impresa o di reddito agrario, relativamente alla realizzazione di uno o più degli interventi. Le Amministrazioni pubbliche possono richiedere l’incentivo per entrambe le categorie di interventi (categoria A e categoria B). I soggetti privati possono accedere agli incentivi solo per gli interventi di piccole dimensioni relativi a impianti per la produzione di energia termica da fonti rinnovabili e sistemi ad alta efficienza (categoria B). I soggetti, ai fini dell'accesso agli incentivi, possono avvalersi dello strumento del finanziamento tramite terzi o di un contratto di rendimento energetico ovvero di un servizio energia, anche tramite l'intervento di una ESCO. Sono incentivabili, alle condizioni e secondo le modalità di cui all'allegato I, i seguenti interventi di incremento dell'efficienza energetica in edifici esistenti, parti di edifici esistenti o unità immobiliari esistenti di qualsiasi categoria catastale, dotati di impianto di climatizzazione: a) isolamento termico di superfici opache delimitanti il volume climatizzato; b) sostituzione di chiusure trasparenti comprensive di infissi delimitanti il volume climatizzato; c) sostituzione di impianti di climatizzazione invernale esistenti con impianti di climatizzazione invernale utilizzanti generatori di calore a condensazione; d) installazione di sistemi di schermatura e/o ombreggiamento di chiusure trasparenti con esposizione da Est-Sud-Est a Ovest, fissi o mobili, non trasportabili. Sono incentivabili, alle condizioni e secondo le modalità di cui all'allegato II, i seguenti interventi di piccole dimensioni di produzione di energia termica da fonti rinnovabili e di sistemi ad alta efficienza: a) sostituzione di impianti di climatizzazione invernale esistenti con impianti di climatizzazione invernale dotati di pompe di calore, elettriche o a gas, utilizzanti energia aerotermica, geotermica o idrotermica; b) sostituzione di impianti di climatizzazione invernale o di riscaldamento delle serre esistenti e dei fabbricati rurali esistenti con impianti di climatizzazione invernale dotati di generatore di calore alimentato da biomassa; c) installazione di collettori solari termici, anche abbinati a sistemi di solar cooling; d) sostituzione di scaldacqua elettrici con scaldacqua a pompa di calore. Gli interventi realizzati ai fini dell'assolvimento degli obblighi di cui all'art. 11 del decreto legislativo n. 28/2011 accedono agli incentivi previsti al decreto limitatamente alla quota eccedente quella necessaria per il rispetto dei medesimi obbli-

Circolare interna di informazione a cura di Confcooperative del 20/06/2013 - Corso Sicilia 24 – 95131 Catania  095 2503398 -  095 7151447


arriva il nuovo servizio per la Gestione dei Crediti Scarica la brochure con la descrizione della nuova proposta (prot.991) e (prot.1019)

Confcooperative anche su:

ghi. Per le sole aziende agricole può essere incentivata, oltre alla sostituzione, l'installazione di impianti di climatizzazione invernale dotati di generatori di calore alimentati da biomassa, secondo le modalità di cui agli allegati al decreto in oggetto. Ai fini dell'accesso agli incentivi, il soggetto responsabile presenta domanda al GSE attraverso la scheda-domanda, resa disponibile dallo stesso GSE tramite il portale Internet di cui all'art. 14, comma 1 del D.Lgs. n. 28/2011. La domanda è presentata entro sessanta giorni dalla data di effettuazione dell'intervento o di ultimazione dei lavori, ovvero entro i sessanta giorni successivi alla data in cui è resa disponibile sul portare del GSE la scheda-domanda, pena la non ammissibilità ai medesimi incentivi.  Italia Lavoro lancia un programma di incentivi per le imprese che assumono ex quadri e dirigenti in stato di disoccupazione e per la creazione diretta di imprese anche in forma cooperativa da parte di ex quadri e dirigenti in stato di disoccupazione. Beneficiari: datori di lavoro (imprese o soggetti ad esse assimilabili) aventi una o più sedi operative nel territorio nazionale; neocostituite imprese (anche in forma di cooperativa di produzione e lavoro o servizi) di ex dirigenti e quadri rientranti nei requisiti previsti dal bando ovvero: A. Ex dirigenti o quadri over 50. B. Ex dirigenti o quadri donne che non hanno un impiego regolarmente retribuito da almeno sei mesi. C. Ex dirigenti o quadri delle regioni Obiettivo Convergenza che non hanno un impiego regolarmente retribuito da almeno sei mesi. D. Ex dirigenti o quadri privi di un impiego regolarmente retribuito ma che non rientrino nella categoria dei lavoratori “svantaggiati”, di cui al Regolamento (CE) n.800/2008, art.2, lettera 18. Iniziative ammissibili: erogazione di un bonus assunzionale a favore delle imprese che assumono ex dirigenti e quadri disoccupati; Incentivi all’autoimpiego (link diretto all’avviso) la concessione, al singolo destinatario dell’intervento, sia esso un dirigente o un quadro in stato di disoccupazione, di un contributo per l’autoimpiego o la creazione di impresa. Agevolazione: tra 5.000 e 28.000 euro per le assunzioni, tra 25.000 e 75.000 euro per l'autoimpiego. Scadenza: 31 dicembre 2014.  Con la Circolare n. 20350 del 13 giugno 2013, emanata dalla Divisione VII Interventi di programmazione territoriale della Direzione generale per l’incentivazione delle attività imprenditoriali, è stata prevista una seconda finestra temporale tra il 1° dicembre 2013 e il 31 marzo 2014. Resta comunque confermato il primo termine per la presentazione dei progetti, in scadenza il prossimo 26 giugno.  Il Ministero dell'istruzione, dell'Università e della Ricerca ha approvato le modalità di utilizzo e gestione del Fondo per gli investimenti nella ricerca scientifica e tecnologica (FIRST). Il FIRST prevede quattro linee di intervento. In particolare, si segnala la linea di intervento 3 che riguarda gli interventi di innovazione sociale di cui alla lettera d) del comma 4 dell'art. 60 del decreto-legge n. 83 del 2012, prioritariamente proposti da giovani i cui requisiti di partecipazione sono definiti nei singoli bandi. Per la realizzazione degli interventi di cui sopra e in attuazione delle indicazioni contenute nel decreto di ripartizione del FIRST, il Ministero con propri avvisi inviterà i soggetti ammissibili a presentare i progetti sulle tematiche individuate, specificando i criteri per la selezione degli stessi, nonché i relativi limiti temporali e i limiti di costo.  La Commissione europea (DG Istruzione e Cultura) ha lanciato il Concorso @Diversity - Innovative Ideas for the cultural and creative sectors con lo scopo di far emergere 15 idee originali e innovative sull’impiego delle nuove tecnologie dell’informazione e della comunicazione (TIC) per creare, rendere accessibili, diffondere e finanziare prodotti culturali. Le idee proposte dovranno riguardare una o più delle seguenti categorie: Creare la cultura; Diffondere la cultura; Accesso alla cultura; Finanziare la cultura. Ai vincitori del concorso verrà offerto un programma di formazione (coaching) personalizzato finalizzato a favorire lo sviluppo di un modello di business per l’idea vincente. Il concorso rimane aperto fino al 19 agosto 2013 e condurrà alla selezione finale di 15 idee vincitrici. Per candidare la propria idea è necessario collegarsi al sito.  La Fondazione CON il Sud ha approvato il Bando per la valorizzazione e l’Autosostenibilità dei Beni Confiscati alle Mafie 2013. Possono presentare una Proposta di Progetto, in qualità di Soggetto Responsabile, ed eventualmente accedere ai finanziamenti della Fondazione, tutte le organizzazioni senza scopo di lucro, costituite in prevalenza da persone fisiche e/o enti non profit (comprese le Cooperative sociali o loro consorzi). Il bando si rivolge a partnership costituite da almeno tre soggetti appartenenti al mondo del terzo settore e del volontariato. Potranno essere coinvolti, inoltre, istituti scolastici, istituzioni, università, enti di ricerca e soggetti profit. La fondazione intende promuovere iniziative efficaci e durevoli nel tempo, tali da garantire la sostenibilità futura dell’utilizzo dei beni confiscati alle mafie, attraverso l’avvio e lo sviluppo di attività di natura economica, che renderanno moltiplicatori di uno sviluppo nuove differente del territorio. La Fondazione sosterrà iniziative esemplari, in grado di dimostrarsi autosostenibili e continuare nel tempo, volte a valorizzare le risorse presenti sul territorio attraverso il riutilizzo dei beni immobili e/o mobili registrati provenienti dalla lotta alla criminalità organizzata, illecitamente e illegalmente sottratti alla società civile.

Circolare interna di informazione a cura di Confcooperative del 20/06/2013 - Corso Sicilia 24 – 95131 Catania  095 2503398 -  095 7151447


Cooperativa Convenzionata

Laddove i progetti prevedano interventi esclusivamente con beni mobili registrati, questa scelta dovrà essere motivata in particolari esigenze dettate dal contesto in cui si collocano e il loro valore economico dovrà, inoltre essere congruo al costo complessivo del progetto e al contributo richiesto alla Fondazione. I progetti dovranno mirare a rendere tali beni patrimonio collettivo e condiviso e, quindi, beni realmente comuni, tentando di soddisfare, al tempo stesso, bisogni locali sentiti come impellenti dal territorio. In particolare, la Fondazione sosterrà interventi di: Avvio di nuove attività di economia sociale di recente assegnazione; Rafforzamento e ampliamento di attività di economia sociale già esistenti ed operative. Il Bando mette a disposizione fino a 4,5 milioni di euro. Scadenza: 17 settembre 2013.  La Regione Sicilia, con D.D.G. n. 2129/13, ha disposto l’apertura dei termini per la presentazione delle domande di aiuto a favore delle piccole e medie imprese del settore agricolo per la prevenzione ed eradicazione della fitopatia Citrus Tristeza Virus, a valere sulla L.R. n. 25/11, art. 11, commi 1-2-3-4-6. Possono beneficiare dell'aiuto previsto le piccole e medie imprese attive nella produzione di prodotti agricoli, singole o associate, che conducono superfici investite ad agrumeto o strutture vivaistiche, autorizzate ai sensi dell'art. 19 del D.Lgs. n. 214/05 per la realizzazione e la salvaguardia del materiale agrumicolo di moltiplicazione, che operano all'interno del territorio siciliano. Verrà accertata la regolarità contributiva (DURC) in caso di aziende assuntrici di manodopera dipendente. Nell'ambito della dotazione finanziaria disponibile sarà data priorità ai coltivatori diretti e/o Imprenditori Agricoli Professionali (IAP) iscritti nella relativa gestione previdenziale ed assistenziale. Per poter beneficiare dell'aiuto le imprese agricole devono già avere provveduto all'abbattimento delle colture agrumicole infette dal Citrus Tristeza Virus, con le prescrizioni impartite dal Servizio fitosanitario regionale competente in materia fitosanitaria, ai sensi del decreto legislativo n. 214/05. L'intensità lorda dell'aiuto non dovrà in ogni caso superare il 100%. L'aiuto sarà concesso sotto forma di contributo in conto capitale. Inoltre dall'importo massimo dell'aiuto saranno dedotti: gli importi eventualmente percepiti nell'ambito di regimi assicurativi; i costi non sostenuti a causa del Citrus Tristeza Virus che sarebbero stati altrimenti sostenuti. Le perdite di reddito delle colture distrutte, da attribuirsi quale indennizzo per l'estirpazione e distruzione per specie di agrumi sono state determinate sulla base delle risultanze della relazione tecnica redatta dall'INEA, che si è avvalsa della banca dati Rica. È stabilito un importo massimo per impresa agrumicola di 9.000 euro per ettaro. Le domande dovranno essere presentate agli Ispettorati Provinciali dell’Agricoltura competenti per territori entro il termine perentorio di 90 giorni dalla di pubblicazione nella Gazzetta Ufficiale della Regione Siciliana dell’Avviso Pubblico, avvenuta il 31 maggio 2013.

Circolare interna di informazione a cura di Confcooperative del 20/06/2013 - Corso Sicilia 24 – 95131 Catania  095 2503398 -  095 7151447


Newsletter 47 del 24-06-2013