Page 1

N° 11 NOVEMBRE 2017

POSTE ITALIANE S.P.A. SPEDIZIONE IN ABBONAMENTO POSTALE 70% - NE/VR

MENSILE DI ATTUALITÀ, COMMERCIO, TURISMO E SERVIZI DELLA CONFCOMMERCIO VERONA-IMPRESE PER L’ITALIA

VERONA CAPITALE DEL NATALE

www.confcommercioverona.it

11/

Sfide e nuove frontiere: successo per la seconda edizione de “La giornata dell’albergatore”

17

Dal Dosso direttore generale di Confcommerco Verona

1


ASSOCIATI E AVVANTAGGIATI                        

Con le convenzioni Confcommercio

Quadro esemplificativo di alcune convenzioni. Maggiori informazioni sul sito www.confcommercioverona.it COSTO STANDARD €

SCONTO

Fino o Medio

RISPARMIO ASSOCIATO €

ANTINCENDIO (Estintore a polvere da 6 Kg)

55A s.n.c.

52,00*

23%

12,00

RISPARMIO PRATICA RICHIESTA FINANZIAMENTO

CONFIDI VENETO

300,00

33,33%

100,00

TARIFFE AGEVOLATE sul consumo di energia elettrica

A.G.S.M. ENERGIA

1000,00*

5,5%

55,00

ASSICURAZIONE AUTO AZIENDALE E PRIVATA (estesa a familiari e collaboratori)

VITTORIA ASSICURAZIONI

570,00**

30%

171,00

ASSICURAZIONE CASA (es.Polizza All Risk, appartamento 130 mq)

VITTORIA ASSICURAZIONI

350,00**

30%

105,00

ASSICURAZIONE ATTIVITÀ COMMERCIALE (es. Polizza All Risk e responsabilità civile)

VITTORIA ASSICURAZIONI

1.800,00**

SIAE (radio - cd e 2 altoparlanti)

SIAE

277,60

16%

38,17

SCF Consorzio Fonografici (costo annuale 0-200 mq)

SCF

76,70

30%

22,00

Abbonamento Annuale quotidiano (7 su 7)

L’ARENA

475,00

48,42%

230,00

Abbonamento Annuale quotidiano (7 su 7)

GAZZETTA DELLO SPORT

563,83

27,43%

154,63

Abbonamento Annuale quotidiano (7 su 7)

CORRIERE DELLA SERA

599,53

31,78%

190,53

PRODOTTI SCRITTURA E UFFICIO,SCUOLA, CARTA, ARREDO, DECORO, CENTRO COPIE

OFFICE STORE GIUSTACCHINI

200,00

10%

20,00

Pos: Commissione Pagobancomat (0,35% per nuovi associati)

BANCA DI VERONA

1.500,00

50%

750,00

Pos commissioni pagobancomat 0,30/0,35 Pos commissioni carta di credito 0,60/0,75

UBI BANCA

1.000,00

50%

500,00

35%

TOTALE RISPARMIO ANNUALE UBI BANCA commissioni pagobancomat 0,30 distributori carburanti 0,35 altre attività Commissioni Carta di Credito 0,60 distributori carburanti 0,75 altre attività

revisione 22 novembre 2017

ABBONAMENTO

L’ARENA LA GAZZETTA DELLO SPORT CORRIERE DELLA SERA Il risparmio si intende su acquisto giornaliero

630,00

€ 2978,33

VITTORIA ASSICURAZIONI POLIZZA ALL RISK ATTIVITÀ COMMERCIALE Furto, incendio, merci, danni elettrici e vetri

*Gli esempi sono simulazioni. Per informazioni e preventivi personalizzati rivolgersi a 55A snc oppure Agsm **Gli esempi sono simulazioni. Per informazioni e preventivi personalizzati rivolgersi le agenzie Vittoria Assicurazioni del territorio ***La convenzione è valida esclusivamente per i nuovi Clienti con fatturato annuo non superiore a Euro 2.500.000. Non valida per i distributori di carburante

OPPORTUNITA’

DESCRIZIONE


11/17

Il Commercio Veronese Organo ufficiale della Confcommercio-Imprese per l’Italia della Provincia di Verona Anno XXXXVI - n. 11 Novembre 2017

>

IN COPERTINA

06

• Natale veronese senza frontiere

08

• Città presa d’assalto

09

• Dall’Ansa al Tg5

10

• Mercatini più estesi

>

ATTUALITÀ

11

• I nodi del trasporto persone

11

• E gli scuolabus lanciano l’Sos

>

CATEGORIE

Stampatore Gmg Press srl Via Ventura, 6 - 37135 Verona

15

• Le sfide degli albergatori

16

• Rivoluzione agenzie

Autorizzazione Tribunale n.263 dell’11.09.1971 Spedizione in A.P. 45% art.2 comma 20/b legge 662/96 Filiale di Verona

17

• 50&Più Verona al Gold Age

>

RUBRICHE

una copia: 0,10 euro abbonamento: 1 euro 

04

• CRESCIAMO INSIEME di Paolo Arena

05

• FOCUS

12

• L’ESPERTO RISPONDE

13

• NORME E ADEMPIMENTI

20

• SPORT

Editore Confcommercio As.Co. Verona Direttore Paolo Arena Direttore responsabile redazione, videoimpaginazione Mirko Aldinucci Redazione c/o Confcommercio Verona, Via Sommacampagna, 63/H 37137 Verona tel.045-8060811 fax 045-8060888 ilcommercioveronese@confcommercioverona.it www.confcommercioverona.it

Le foto di questo numero sono di: Mirko Aldinucci, archivio Tutti i numeri de Il Commercio Veronese sono disponibili in pdf sul sito www.confcommercioverona.it


CRESCIAMO INSIEME

n. 11 novembre 17

L’illegalità ci costa 28 miliardi di euro Abusivismo e impunità spaventano il Veneto di Paolo Arena A commercio e pubblici esercizi nel 2017 l’illegalità è costata in tutto 28,4 miliardi, il 3,3% in più dell’anno precedente. Nel dettaglio 21,5 miliardi da imputare ad abusivismo, contraffazione e taccheggio, e 6,8 miliardi di costi da imputare a criminalità e cybercriminalità. È il dato, eclatante, che emerge da elaborazioni e stime fatte dall’Ufficio Studi Confcommercio e diffuso in occasione della Giornata nazionale di Confcommercio “Legalità mi piace!”. Ma non è certo il solo. Secondo l’indagine Confcommercio–GfK Italia sui fenomeni criminali circa un imprenditore su tre percepisce un peggioramento nei livelli di sicurezza per la propria attività rispetto all’anno scorso. In Veneto, e Verona non fa eccezione, l’incidenza di chi percepisce un peggioramento dei livelli di sicurezza è significativamente più bassa della media nazionale. Come nel resto d’Italia però abusivismo e furti sono i fenomeni maggiormente percepiti in aumento, seguono contraffazione e rapine. Il 4% degli imprenditori dichiara di possedere un’arma, contro il 96% che non la possiede. Il 15% ha intenzione di dotarsene in futuro, mentre il 58% non ha alcuna intenzione di farlo. È quanto emerge dall’indagine condotta da Gfk su 4.500 imprenditori del Veneto per la giornata della Legalità, “Legalità, mi piace”, indetta da Confcommercio in tutta Italia lo scorso 21 novembre. Dalla microcriminalità all’abusivismo, la nostra società sta vivendo un periodo di cambiamento sia quantitativo che qualitativo dei fenomeni di violazione delle regole. Potremmo parlare della contraffazione e dell’abusivismo che affliggono le nostre città con particolare riferimento al settore ricettivo, che instaura un regime di concorrenza sleale con le attività regolari. Per non 4

parlare dei problemi di sicurezza che questo dilagare incontrollato porta con sé. Dalla ricerca emerge lo scoramento legato al fatto che una volta scoperto un reato, anche in flagranza, la certezza della pena non sempre c’è. Concorrenza sleale e abusivismo stanno rapidamente espandendosi a molti settori dell’economia, dalla ristorazione al trasporto delle persone, come potrete leggere all’interno di questo numero de “Il Commercio Veronese”. È sulla certezza della pena che gli imprenditori veneti interpellati dall’istituto Gfk premono di più: l’87% di loro la ritiene l’iniziativa ampiamente più efficace rispetto alle altre, contro una media nazionale del 73%. Diminuisce invece la fiducia nell’efficacia dei cosiddetti poliziotti di quartiere: ci crede il 7% contro il 14% della media nazionale. Tra gli imprenditori veneti, sempre rispetto alla media nazionale, è significativamente più alta la quota (76% contro il 67% nazionale) di chi è fortemente favorevole all’inasprimento delle pene per i reati commessi contro le imprese. Buona parte degli imprenditori della nostra regione ha un’opinione negativa circa l’efficacia delle leggi che contrastano i fenomeni criminali, con una accentuazione della quota di chi le ritiene per niente efficaci (54% su una media nazionale del 47%).


FOCUS

Nicola Dal Dosso direttore generale Nella seduta di martedì 21 novembre la Giunta di Confcommercio Verona ha nominato Nicola Dal Dosso direttore generale. Dal Dosso, classe 1969, veronese di nascita, ha maturato molteplici esperienze nell’ambito della direzione di aziende di servizi e dal 2001 è direttore generale di Confcommercio Mantova, ruolo che manterrà congiuntamente con il nuovo incarico di direttore generale della Confcommercio veronese. “Dal Dosso conosce approfonditamente il sistema Confcommercio e con la sua esperienza e professionalità potrà assicurare un prezioso contributo per un’ul-

teriore crescita e radicamento della nostra associazione nel tessuto economico e sociale”, spiega il presidente di Confcommercio Verona Paolo Arena. “Nell’ottica di fare gioco di squadra, potremo avviare sinergie virtuose mettendo a sistema due territori vicini e ricchi di risorse per essere maggiormente rappresentativi nei confronti dei settori da noi rappresentati e concretizzare progetti congiunti legati al commercio, al turismo, ai servizi e al terziario di mercato in generale”. “Accetto con entusiasmo questo nuovo incarico – le prime parole di Dal Dosso, che ha assunto la direzione con effetto immediato – fiducioso di poter contribuire a proiettare Confcommercio Verona verso nuovi traguardi assicurando nel contempo la massima attenzione alle esigenze delle sempre più numerose imprese associate che hanno in noi un punto di riferimento nell’ambito sindacale, formativo e dei servizi. Ringrazio le Confcommercio di Verona e Mantova”.

5


n. 11 novembre 17

IN COPERTINA

Natale veronese senza frontiere Verona, provincia, lago di Garda: una kermesse scintillante

Territorio veronese sempre più “epicentro” del Natale. E grazie a una ricca serie di eventi promossi capillarmente sui social network in 7 lingue, la provincia scaligera si propone come “ambasciatrice” del Natale italiano nel mondo. A partire dal 17 novembre - sotto la regia di Confcommercio Verona che ha messo in rete enti locali e prestigiose aziende - la città veneta e la sua provincia, impreziosita dallo splendido lago di Garda, si “accendono” e propongono un denso calendario di appuntamenti, oltre mille, che spaziano dalla cultura al divertimento per le famiglie, dall’enogastronomia al turismo religioso, dallo sport al turismo “esperienziale”. L’iniziativa è stata presentata il 15 novembre a Roma nel corso di una conferenza stampa nella sede di Confcommercio nazionale. Presenti il presidente di Confcommercio-Verona, Paolo Arena, il sindaco di Verona, Federico Sboarina, il sindaco di Bardolino, Ivan De Beni, e il sin6

daco di Bussolengo, Paola Buscaini. Tanti gli eventi per regalare emozioni ai visitatori di tutto il mondo: i più grandi Mercatini di Natale d’Italia - il noto quotidiano francese Le Figaro ha assegnato a Verona il quarto posto dopo quelli di Vienna, Budapest e Copenaghen per capacità di attrazione turistica - giunti alla decima edizione e ampliati per la prima volta a tutto il centro storico (piazza dei Signori, Cortile Mercato Vecchio, piazza Indipendenza, via della Costa, Lungadige

San Giorgio, Castel San Pietro e San Zeno in un tour caratterizzato da una molteplicità di eventi per tutte le età); la Mostra dei Presepi negli arcovoli dell’Arena, alla 34a edizione; Natale in Arsenale, in cui è protagonista l’artigianato locale insieme agli antichi materiali; la grande mostra di Botero allestita ad Amo Palazzo Forti, che ospita anche I love Lego, realizzata con oltre un milione di moduli e cinque diversi “mondi in miniatura”; Verona minor Hierusalem, itinerario


IN COPERTINA

tra arte, storia e spirito alla scoperta di alcune delle chiese gioiello collocate in un pezzetto di Terra santa a Verona; Emozioni artigiane, mostra mercato delle eccellenze artigianali veronesi; la stagione artistica al Teatro Filarmonico, che mette in scena La Vedova Allegra; Verona vista dall’alto grazie alla nuova Funicolare vintage degli anni’30 (da poco inaugurata, offre la spettacolare vista da Castel San Pietro, impreziosita dalla vista dei mercatini) e alla Torre dei Lamberti, alta 84 metri, romantico paesaggio sopra la città. E molto altro ancora, a partire dalla “giga stella” che dall’anfiteatro areniano “plana” su piazza Bra, per proseguire con il cortile di Giulietta e il suo famoso Balcone, con piazza delle Erbe e le vie dello shopping e con i numerosi altri luoghi rinomati di una città che affascina e sorprende 12 mesi l’anno. Il tutto “incorniciato” dalle luminarie natalizie, protagoniste nelle principali vie e piazze di Verona, che offrono l’opportunità di restare

collegati con il mondo grazie al wifi gratuito. Ma a rendere unico “Natale a Verona, provincia e sul Lago di Garda 2017” è anche Gardaland, uno dei parchi di divertimento più noti del Continente; il Villaggio di Natale Flover di Bussolengo, il più grande mercatino di Natale al coperto che garantisce un viaggio nella magica atmosfera natalizia anche attraverso un trenino express e il presepe multimediale; il Parco Natura Viva importante centro di tutela per le specie animali, addobbato a festa con renne, slitte e pacchi regalo. E poi Malcesine con la sua funivia che consente di raggiungere la cima del Monte Baldo per una vista panoramica mozzafiato sul lago di Garda. Lago di Garda che, insieme al suo entroterra, presenta tutta una serie di iniziative strettamente collegate al Natale, rese particolarmente suggestive dalla vicinanza con lo splendido specchio d’acqua lacustre: ecco allora - tra mercatini, piste di pattinaggio, spettacoli in

strada e castelli illuminati - il Natale tra gli Olivi di Garda, il Natale di Lazise, Bardolino e la stessa Malcesine, le proposte speciali per grandi e piccini di Peschiera e Castelnuovo del Garda, mentre Bussolengo allestisce un “Natale Express”. Anche la pianura veronese è pienamente coinvolta nel progetto: a Bevilacqua ad esempio l’atmosfera natalizia ammanterà il castello, immerso in un’atmosfera medievale. Quest’anno, per la prima volta, si potrà scoprire il territorio veronese con le sue eccellenze eno-gastronomiche, anche a cavallo. “Il progetto del Natale a Verona, lanciato nel 2010 - ha spiegato nella conferenza stampa a Roma il presidente della Confcommercio di Verona, Paolo Arena - è stato protagonista in questi anni di una imponente, progressiva crescita, aggiungendo via via eventi. E il numero degli arrivi e delle presenze, cioè i soggiorni sul territorio che prevedono il pernottamento, è incrementato in modo significati7


n. 11 novembre 17

IN COPERTINA

vo: nell’ultima edizione, quella del 2016, sono state in tutto 300mila, con quasi 100mila presenze straniere e 2 milioni di visitatori nella sola città di Verona nel mese di dicembre e 4 milioni in tutta la provincia; in tutto 1.200 gli imprenditori e gli operatori coinvolti. In questa edizione puntiamo a raggiungere i 2 milioni e mezzo di visitatori”. Un exploit reso possibile anche dalla facilità nei collegamenti: Verona e la sua provincia sono agevolmente raggiungibili dalle principali città italiane ed europee con tutti i mezzi di trasporto essendo al centro di un’importante rete viaria. Di grande valenza l’apporto delle compagnie aeree Volotea e Ryanair, partner del progetto, grazie alla quali si può atterrare nella città scaligera da numerose “provenienze” anche durante il periodo invernale. Importante il ruolo della comunicazione: su Facebook sono stati creati 7 profili, in altrettante lingue (inglese, spagnolo, francese, tedesco, russo e portoghese, oltre all’italiano) dedicati, con aggiornamenti continui dagli eventi e “live”. Protagonisti delle tante ed apprezzate dirette i Christmas Angels che per due mesi, anche quest’anno, spazieranno dai mercatini alle mostre, dai concerti a tutti agli altri eventi per regalare emozioni in diretta alle decine di migliaia di fan che si sono iscritti alle pagine Facebook e che spesso hanno poi deciso di diventare protagonisti “dal vivo” della kermesse. Il Natale a Verona, provincia e Lago di Garda, sviluppato con il contributo della Camera di Commercio, è un “contenitore” di eventi in grado di garantire un indotto di straordinario rilievo al territorio Veronese (circa 50 milioni di euro) con benefici anche per i territori limitrofi. 8

Città presa d’assalto Successo per “nuovi” e “vecchi” mercatini

Subito grandi numeri per il Natale a Verona: città presa d’assalto e buon inizio anche la nuova proposta, vale a dire il mercatino a San Giorgio, che ha ottenuto risultati confortanti. Dei circa 147 mila visitatori registrati in piazza dei Signori nel primo weekend con i banchetti, quello del 18 e 19 novembre, si è spostato sul Lungadige il 20 per cento (oltre 30 mila persone fra sabato e domenica), mentre il 10 per cento (6 mila persone il sabato e 10 mila la domenica) è salito a Castel San Pietro. Le affluenze dei visitatori sono calcolate in maniera esatta dal conta persone che è stato installato in piazza dei Signori; mente il numero di San Giorgio e Castel San Pietro è calcolato con l’emissione di timbri effettuati sul “Passaporto” dei mercatini, che è la novità di questa decima edizione e che è

in vendita online e all’infopoint di piazza dei Signori. “La partenza dei mercatini è stata oltre le nostre aspettative – ha detto il sindaco Federico Sboarina -. Sono numeri da record, se si pensa che la location in Lungadige è nuova ed è stata visitata da oltre 30 mila persone. Girando per la città nel fine settimana, si vedevano i flussi di persone che si muovevano da uno all’altro. E sono numeri destinati a crescere con l’avvicinarsi delle feste e con nuove iniziative in programma a San Giorgio. La viabilità cittadina dello scorso week end ha risentito delle 200 mila presenze in città, dovute anche alla maratona, lavoreremo anche su questo, ma è la testimonianza di una città viva”. “L’iniziativa del Natale a San Giorgio, pur essendo sperimentale, ha fatto registrare subito numeri im-


ATTUALITÀ

portanti”, commenta il presidente di Confcommercio Verona Paolo Arena. “La gente ha apprezzato molto la passeggiata sul lungadige che, visti gli spazi ampi e la disposizione delle bancarelle e delle attrazioni, consente di camminare tranquillamente senza ressa; bene sia l’albero-giostra, che ha suscitato grande curiosità ed è molto piaciuta soprattutto ai bambini, sia la funicolare, con un’affluenza destinata ad aumentare nei prossimi giorni”. In programmazione in Lungadige San Giorgio nelle prossime settimane gli eventi musicali: “Jazz Around Christmas”, martedì 21 novembre; “Christmas With Love”, giovedì 23 novembre; “A Traditional Christmas”, martedì 28 novembre; “A Crooner For Christmas”, mercoledì 6 dicembre; Art Minelli Duo “A Swing Christmas”, giovedì 7 dicembre; Mary Gaeta Duo “Jazz And Soul For Christmas”, martedì 12 dicembre; Art Minelli Duo “A Swing Christmas” mercoledì 13 dicembre; Mary Gaeta Duo “ Jazz And Soul For Christmas”, giovedì 14 dicembre; Art Minelli Duo “A Swing Christmas”, martedì 19 dicembre. Inoltre, dal lunedì al venerdì, dalle 15 alle 19, una trucca bimbi (face painting) sarà a disposizione gratuitamente per il divertimento dei bambini. A Castel San Pietro, invece, verranno realizzate iniziative per i giovani in collaborazione con l’università, compresi i silent party.

Dall’Ansa al Tg5 Il Natale veronese sui media nazionali

Dall’Ansa al Tg5, dalle testate specializzate in turismo all’home page del sito della Confcommercio nazionale: la presentazione a Roma del “Natale a Verona, provincia e lago di Garda” di mercoledì 15 novembre ha portato in dote una notevole visibilità al progetto coordinato da Confcommercio Verona e sviluppato con il contributo dell’ente camerale veronese. Insieme ai giornali, alle tv, alle radio e alle testate online del territorio scaligero - che hanno dato ampio spazio, in questi giorni, alla kermesse - i contenuti dell’evento sono stati divulgati anche da agenzie di stampa nazionali, dal telegiornale dell’emittente ammiraglia di Mediaset e da alcune tra le più rilevanti pubblicazioni dedicate al

turismo. Grande visibilità anche sul sito web della Confcommercio, che ha reso disponibile agli operatori dell’informazione l’intero materiale diffuso mercoledì scorso nella sede confederale. Un “Natale” sempre più senza frontiere, dunque, che attraverso i social e i mezzi di comunicazione tradizionali fa parlare di sè e attira davvero tante persone, come confermano i dati delle primissime giornate dei Mercatini, inaugurati sabato 17 novembre a Verona. L’edizione 2016 del Natale “veronese” era stata presentata a Milano; quest’anno la scelta è caduta sulla capitale, nella bella cornice della Confcommercio, per rendere il progetto sempre più importante e conosciuto al di fuori dei confini locali. Non solo in Italia. 9


n. 11 novembre 17

IN COPERTINA

Mercatini più estesi Alla decima edizione Verona propone un vero e proprio tour natalizio

Non solo Piazza dei Signori e Cortile Mercato Vecchio, ma anche piazza Indipendenza, via della Costa, lungadige San Giorgio, Castel San Pietro e San Zeno per un tour natalizio caratterizzato da una molteplicità di eventi per tutte le età. È la principale novità della 10a edizione dei Mercatini di Natale a Verona, promossa dall’Amministrazione comunale e dal Comitato per Verona in programma dal 17 al 26 dicembre. La manifestazione è stata presentata dal Sindaco Federico Sboarina, insieme all’assessore alle Attività economiche e produttive Francesca Toffali e al presidente del Comitato per Verona Luciano Corsi. Collaborano alla realizzazione dell’iniziativa Agsm, Funivia Malcesine Monte Baldo, Amia, Agec, Amt, Aeroporto e le associazioni di categoria Confcommercio As.co. Verona e Confesercenti. “Un’edizione importante - ha detto il Sindaco - caratterizzata da una crescita della manifestazione, che quest’anno è realizzata in punti diversi della città. Una scelta dettata sia dalla necessità di delocalizzare i numerosi turisti che visitano i mercatini, decongestionando i tradizionali luoghi che li ospitavano in passato, che dall’intenzione di creare percorsi alternativi, ma ugualmente caratteristici, che facciano conoscere ai turisti luoghi meno noti della città”. “Un evento inclusivo - lo ha definito l’assessore Toffali - che, oltre alle tipicità natalizie e alle tradizionali specialità gastronomiche 10

tedesche e veronesi, vedrà in ogni luogo un’offerta diversificata, con iniziative pensate per differenti fasce d’età, che sapranno sicuramente far divertire tutti i visitatori”. “Visto le numerose presenze - ha aggiunto Corsi - quest’anno sarà garantita la sicurezza dei visitatori attraverso un robusto servizio di vigilanza implementato da innovativi sistemi di rilevazione dei fluissi nell’assoluto rispetto della privacy”. Anche quest’anno l’iniziativa si svolge in partnership con il Mercatino di Natale di Norimberga. Oltre 80 le casette in legno suddivise tra le piazze storiche e lungadige San Giorgio, dove sarà presente “l’albero della felicità”: una giostra che darà la possibilità di salire sulle palle decorative con vista su Ponte Pietra e fiume Adige anche a persone con disabilità.

A Castel San Pietro, spazio dedicato all’aggregazione dei giovani, sarà presente un Igloo lounge bar illuminato da due renne alte 5 metri che domineranno il colle; mentre in piazza San Zeno troverà spazio il presepe che Flover ha allestito a Roma davanti alla Basilica di San Pietro, nel chiostro della Basilica verranno allestiti un centinaio di presepi realizzati in collaborazione con Amia con materiale riciclato (presenti anche nella Loggia Fra’ Giocondo). Tra le altre novità dell’edizione 2017: il passaporto del Natale, con vidimazione nei punti di interesse e premio a tutti coloro che concluderanno il tour; la casa di Babbo Natale in Cortile Mercato Vecchio e la posta di Babbo Natale in lungadige San Giorgio e il posizionamento di un orso gigante luminoso di oltre 5 metri nel parcheggio Verona Centro.


ATTUALITÀ

I nodi del trasporto persone Arena sullo sciopero di tassisti e Ncc: servono regole chiare

“Il principio della concorrenza è sacrosanto, quanto sta avvenendo nel settore del trasporto delle persone è gravissimo”. Va giù duro Paolo Arena, presidente di Confcommercio Verona, intervenendo sulla protesta di martedì 21 novembre di tassisti e Ncc, seguita al fallimento delle trattative al ministero dei trasporti della sera precedente. “Le piattaforme telematiche - spiega - devono essere un mezzo attraverso cui sviluppare l’attività, non il soggetto della “prestazione di trasporto” e vanno urgentemente normate, altrimenti il mercato finirà in mano a realtà estere, tagliando fuori le imprese locali, cancellando il concetto di territorialità, alimentando la fuoriuscita di capitali dal Paese. Vogliamo fare come nel turismo, dove tutto ormai è in mano a portali stranieri, con evidenti ripercussioni sulla concorrenza, sul gettito, sulla sicurezza degli utenti?”. “Il cliente deve assolutamente rimanere al soggetto che offre il servizio - aggiunge Arena - non è tollerabile la continua elusione e fuga di capitali all’estero. È una battaglia fondamentale per le nostre imprese, in balia di un avversario invisibile che toglie lavoro e ricchezza anche nel Veronese”. Altro fronte caldo

è quello del car pooling, all’esame del Parlamento, che oltre a incidere sul mercato può avere ripercussioni pesanti sul fronte della sicurezza. “L’imprenditore deve essere qualificato, l’improvvisazione sta uccidendo il mercato”, aggiunge Arena.

“In questo momento - aggiunge Mirco Grigolato dell’Unione radio taxi Verona - siamo spiazzati perché le piattaforme tecnologiche non sono soggette a controlli mentre noi dobbiamo seguire regolamenti statali, leggi regionali, tariffari, controlli del turno. Una disparità enorme e inaccettabile. Nel momento in cui un soggetto che fa il mio lavoro non è soggetto alle stesse norme, può applicare tariffe diverse dalle mie. Con effetti disastrosi sul tessuto economico e sociale: così si rischia di far sparire l’imprenditoria locale che fa lavorare le persone sul territorio”.

E GLI SCUOLABUS LANCIANO L’SOS Urge una revisione normativa che tenga conto delle problematiche legate al trasporto scolastico per sollevare gli imprenditori di settore da responsabilità che non sono di loro pertinenza. È l’appello di Confcommercio Verona e delle categorie interessate a proposito dell’obbligo di vigilanza sui minori all’uscita dagli istituti scolastici. La scuola affida lo studente all’autista e le responsabilità ricadono tutte sull’impresa che svolge il servizio di scuolabus. Cosa dovrebbe fare chi si occupa del trasferimento? “In teoria l’autista, per essere in regola, dovrebbe consegnare ogni giorno intere scolaresche ai vigili urbani”, afferma Ilenia Dall’Omo, presidente del Consorzio Conav, aderente a Confcommercio Verona, che svolge i servizi di trasporto scolastico per diverse scuole di città e provincia. “Non si possono prevenire tutte le potenziali situazioni di pericolo. Siamo di fronte a una situazione normativa totalmente inadeguata rispetto alla realtà. I genitori per primi sono disponibili a firmare liberatorie che tuttavia oggi hanno poco valore”.

11


n. 11 novembre 17

L’ESPERTO RISPONDE

Installazione di videocitofoni, la detrazione fiscale viene riconosciuta? Tra gli interventi ammessi a godere della detrazione fiscale per ristrutturazione, che molto probabilmente sarà prorogata al 50% fino al 31 dicembre 2018, rientra anche l’installazione di videocitofoni? Dario M.- Verona L’Agenzia delle Entrate nella sua guida on line relativa alla detrazione fiscale per interventi di ristrutturazione edilizia ha stilato un elenco esemplificativo di interventi ammissibili a fruire della detrazione Irpef. Tra questi rientra anche la sostituzione (o nuova installazione con le opere murarie occorrenti) di citofoni, videocitofoni e telecamere. Tali lavori rientrano in quelli relativi all’adozione di misure finalizzate a prevenire il rischio del compimento di atti illeciti da parte di terzi. Per “atti illeciti” si intendono quelli penalmente illeciti (per esempio, furto, aggressione, sequestro di persona e ogni altro reato la cui realizzazione comporti la lesione di diritti giuridicamente protetti). In questi casi, la detrazione è applicabile unicamente alle spese sostenute per realizzare interventi sugli immobili. Per fruire dell’agevolazione occorre pagare le spese tramite bonifico bancario o postale “parlante”, in cui devono essere indicati la causale del versamento (articolo 16-bis del Dpr 917/1986), il codice fiscale del beneficiario della detrazione e il codice fiscale o numero di partita Iva del beneficiario del pagamento. Al momento del pagamento del bo12

nifico, banche e Poste Italiane Spa devono operare una ritenuta a titolo di acconto dell’imposta sul reddito dovuta dall’impresa che effettua i lavori, ritenuta che dal 1° gennaio 2015 è pari all’8%. I contribuenti interessati devono conservare, oltre alla ricevuta del bonifico, le fatture o le ricevute fiscali relative alle spese effettuate per la realizzazione dei lavori di ristrutturazione. Per avere la detrazione, da ripartire in 10 quote annuali di pari importo, basta poi indicare le relative spese sostenute nella dichiarazione dei redditi. Fino al 31 dicembre 2017, in abbinamento alla detrazione fiscale al 50%, installando una porta blindata si può godere anche del bonus mobili, la detrazione Irpef al 50% per l’acquisto di mobili nuovi e grandi elettrodomestici di classe non inferiore ad A. La detrazione spettante, da ripartire tra gli aventi diritto in dieci quote annuali di pari importo, deve essere calcolata sull’importo massimo di 10.000 euro (riferito complessivamente alle spese sostenute per l’acquisto di mobili e grandi elettrodomestici). Va specificato infine che con il bonus mobili possono essere acquistati mobili nuovi quali cucine, letti, armadi, cassettiere, comodini, librerie, scrivanie, tavoli, sedie, divani, poltrone, credenze, nonché i materassi e gli apparecchi di illuminazione) e grandi elettrodomestici nuovi di classe energetica non inferiore alla A+ (A per i forni), quali ad esempio frigoriferi, congelatori, lavatrici, asciugatrici, lavastoviglie, apparecchi di cottura, stufe elettriche, piastre riscaldanti elettriche, forni a microonde, apparecchi elettrici di riscaldamento, radiatori elettrici, ventilatori elettrici, apparecchi per il condizionamento.

Agenti di commercio e pensione: si può chiedere l’Ape volontaria? Sono un agente di commercio plurimandatario lavoratore autonomo. Ho 63 anni e 8 mesi e 41 anni e 7 mesi di contributi versati. Se volessi continuare a lavorare e contemporaneamente chiedere l’ape volontaria, potrei interrompere l’erogazione di quest’ultima non a giugno 2021 (data maturazione pensione di vecchiaia), ma a luglio 2019 (data di maturazione della pensione anticipata)? Se così fosse, quando inizierebbe il prelievo mensile sulla pensione per il rimborso ventennale dell’Ape volontaria? Carlo L. - Isola della Scala La risposta è positiva ed è espressamente regolata nel DPCM 150/2017 attuativo dell’Ape volontario. Ove il richiedente ottenesse la liquidazione di altra prestazione pensionistica diretta (es. pensione anticipata o assegno ordinario di invalidità) prima della pensione di vecchiaia l’Ape volontaria si interromperà con conseguente rideterminazione del piano di ammortamento dell’onere economico (in senso più favorevole per il lettore). Si ritiene che il prelievo mensile scatterà subito dal momento in cui si ottiene la liquidazione della prestazione pensionistica (anticipata rispetto all’età di vecchiaia). Su tale ultimo punto occorre conferma nelle istruzioni attuative.


NORME & ADEMPIMENTI

Manovra: ok a pensioni e web tax, aumento dell’Iva rinviato al 2019 Rinviato al 2019 l’aumento dell’Iva, si amplia la platea dei beneficiari del bonus Irpef da 80 euro in modo da “salvare” il beneficio per gli statali che con il rinnovo dei contratti pubblici supererebbero la soglia dei 26mila euro, rafforzato il reddito di inclusione, che per le famiglie numerose sale fino a 534 euro, e tornano gli “sconti” per gli abbonamenti di bus e treni per i pendolari. Sono alcuni dei pilastri del testo finale della manovra da 120 articoli, bollinato dalla Ragioneria generale dello Stato, che da oggi inizia il suo iter parlamentare al Senato, con l’avvio della sessione di bilancio. Ma l’esame entrerà nel vivo solo a partire dalla prossima settimana con le audizioni e la presentazione degli emendamenti. Oltre 500 milioni di euro di entrate dovrebbero essere garantite dal settore giochi e scommesse. Scongiurato, come previsto l’aumento dell’Iva per il 2018, l’aggravio viene rimodulato e rinviato al 2019. L’aliquota al 10% salirà di 1,5 punti percentuali l’anno prossimo e di altri 1,5 punti dal 2020, mentre quella al 22% aumenterà di 2,2 punti percentuali dal 2019, di ulteriori 0,7 punti percentuali dal 2020 e di 0,1 punti dal 2021. Confermato l’aumento delle accise dal 2019. “Salvo” il bonus di 80 euro per gli statali. Il tetto di reddito sale da 24.000 a 24.600 euro e da 26.000 a 26.600 euro, garantendo così il beneficio per chi, per effetto degli aumenti del rinnovo contrattuale di 85 euro mensili, supera la soglia prevista di 26mila

euro. Prevista una sforbiciata al fondo taglia tasse con una riduzione della dotazione di circa 756 milioni di euro nel biennio 20182019 e di altri 507,8 milioni nel 2020. Dal 2021 ulteriore taglio di 376,5 milioni. Tra le novità dell’ultima ora, la proroga della cedolare secca al 10% per gli affitti a canone concordato che non sarà strutturale, come previsto in un primo momento, ma varrà per il biennio 2018-2019. Tornano le detrazioni per l’acquisto degli abbonamenti di bus e treni fino a un massimo di 250 euro. Previste anche erogazioni e rimborsi per i dipendenti o per i familiari, da parte del datore di lavoro. Confermati gli sgravi contributivi al 50% triennali per l’assunzione di giovani under 30 che, per il solo 2018, valgono anche per i contratti stabili per chi non ha ancora compiuto 35 anni. Il bonus è trasferibile senza limiti di età e sale al 100% per l’assun-

zione dall’alternanza scuola lavoro. Sgravi contributivi al 100% per tre anni anche per imprenditori agricoli e coltivatori diretti under 40 che si iscriveranno alla previdenza agricola nel 2018. L’esonero è riconosciuto per un massimo di 12 mesi con un tetto del 66% e per un periodo massimo di altri 12 mesi con un tetto del 50%. Raddoppia la tassa sui licenziamenti che le imprese versano per la cig. Per ogni licenziamento effettuato nell’ambito di un licenziamento collettivo, la somma dovuta dal datore di lavoro, passa dal 41% all’82% del massimale mensile di Naspi (la nuova indennità di disoccupazione) per ogni dodici mesi di anzianità aziendale negli ultimi tre anni. Il ticket di licenziamento, così viene definito, è in vigore dal 2013 ed è pari a 489,95 euro per ogni anno di lavoro effettuato, fino a un importo massimo di 1.469,85 euro per rapporti di lavoro di durata pari o superiore a 36 mesi. In assenza di accordo sindacale, il ticket viene moltiplicato per tre e può quindi arrivare a 4.409,55 euro. Potenziate le misure per la lotta alla povertà: cresce la platea dei beneficiari del Rei, il reddito di inclusione, che per le famiglie numerose sale fino a 534 euro al mese. Per i nuclei con 5 o più componenti, gli unici per i quali è previsto un beneficio potenziale sopra il massimale, la misura aumenta il contributo massimo dagli attuali 485,41 euro mensili fino a circa 534 euro. Si amplia così la platea di beneficiari che, per questa tipologia, passano da 100,1 mila a 106 mila, mentre nel complesso i benefi13


n. 11 novembre 17

NORME & ADEMPIMENTI

ciari potenziali del Rei si attestano a 499,8 mila. E c’è anche il fondo per le politiche a partire dal 2018. Prorogato il bonus energia e quelli relativi alle ristrutturazioni energetiche e all’acquisto di mobili. Tra le novità, uno sconto ad hoc, del 36% per una spesa fino a 5.000 euro, per la sistemazione a verde di aree scoperte come terrazzi e giardini. Arriva il credito d’imposta al 65% per le fondazioni bancarie, per promuovere progetti di welfare. Il contributo può essere utilizzato solo nell’ambito dell’attività non commerciale ed è di 100 milioni l’anno, per il triennio 2019-2021, assegnato in base all’ordine temporale con cui le fondazioni comunicano all’Acri l’impegno a effettuare le erogazioni. Prorogato l’iper e il super ammortamento, anche se quest’ultimo viene limato al 130%. Confermato il rinvio di un anno dell’Iri, l’imposta al 24% sul reddito per le ditte individuali e per le società di persona a contabilità ordinaria, che doveva valere dal 2017. In arrivo 330 milioni per rifinanziare la nuova legge Sabatini per il rinnovo dei macchinari d’impresa: il governo stima investimenti pari a 4 miliardi grazie alla misura. Nel dettaglio, vengono stanziati 33 milioni di euro per il 2018, 66 milioni annui dal 2019 al 2022 e 33 milioni per il 2023. Confermata la marcia indietro del governo sul bollo del 2 per mille sulle polizze vita: la norma non compare nel te14

sto finale della manovra. Previste però alcune novità per il settore. Slitta dal 16 maggio al 16 novembre di ogni anno il termine per gli assicuratori per versare l’acconto dell’imposta dovuta per l’anno precedente, al netto di quella relativa alle assicurazioni contro la responsabilità civile derivante dalla circolazione dei veicoli a motore. E sale la percentuale della somma da versare: passa dal 12,5% al 55% per il 2018 e 2019 e al 70% per gli anni successivi. C’è anche la detrazione del 19 per cento ai fini Irpef per le polizze assicurative sulla casa, contro il rischio di eventi calamitosi come alluvioni o terremoti. Lo “sconto” sarà applicato alle polizze stipulate successivamente all’entrata in vigore della legge di bilancio. Secondo l’Ania, alla data di settembre 2016, il numero di assicurazioni contro i rischi calamitosi, risultavano pari a 400.000. Dal prossimo anno scatta un piano straordinario quinquennale di 7.394 assunzioni tra corpi di polizia e vigili mdel fuoco con l’obiettivo di aumentare il controllo del territorio e il contrasto al terrorismo ma anche per prevenire e combattere gli incendi. Il maxi-piano prevede 350 ingressi per il 2018, 700 per il 2019, 2.112 per il 2020, 2.114 per il 2021 e 2.118 per il 2022. Nel dettaglio si tratta di 1.953 entrate nella Polizia di Stato, 2.155 nei Carabinieri, 1.125 nella Guar-

dia di finanza, 861 nella Polizia penitenziaria e 1.300 nei vigili del fuoco. Confermata anche la possibilità di erogare buoni pasto ai poliziotti quando non c’è il servizio mensa. In arrivo cento assunzioni, nel triennio 2018-2020, tramite concorso, per interventi urgenti in materia di sicurezza stradale quali, ad esempio, controlli su veicoli e sulle attività di autotrasporto. Confermata la dichiarazione Iva precompilata per gli autonomi che scelgono l’e-fattura. L’Agenzia delle Entrate metterà a disposizione le informazioni per i prospetti periodici, una bozza di dichiarazione annuale Iva e dei redditi e le bozze dei modelli F24 per il pagamento delle imposte. Sul fronte bancario, arriva una norma che modifica le disposizioni per intervenire in materia di gerarchia dei crediti in insolvenza, istituendo la categoria degli “strumenti di debito chirografario di secondo livello”, emessi da una banca o da una società di un gruppo bancario. Una misura tesa a dotare le banche, in caso di crisi, di maggiori strumenti per gestire le perdite ed evitare il ricorso al salvataggio pubblico. I bond “cuscinetto” devono avere una durata minima di 12 mesi, un valore nominale di almeno 250milaeuro e non devono essere collegati a derivati. Genere anche mediante impianti di irrigazione nonché a lavori di recupero del verde di giardini di interesse storico.


CATEGORIE

Le sfide degli albergatori Successo della “Giornata” organizzata a Verona dall’associazione

Oltre 130 operatori del settore turistico hanno partecipato alla seconda edizione de “La Giornata dell’albergatore” organizzata dall’Associazione albergatori di Confcommercio Verona che si è svolta mercoledì 15 novembre, al Winter Garden dell’hotel Crowne Plaza di Verona: un pomeriggio di confronto ed approfondimento sui temi caldi che più interessano la categoria. I lavori sono stati aperti dal presidente degli albergatori della Confcommercio scaligera Giulio Cavara che ha sottolineato come Verona sia “ai vertici nazionali per numero di presenze e attrattività turistica e per questo le imprese alberghiere vogliono competere al meglio”. “Abbiamo apprezzato - ha aggiunto - che il legislatore abbia concesso la possibilità di attuare tariffe diverse rispetto a quelle pubblicate dai grandi portali di prenotazione”. Cavara ha concluso invitando i colleghi a puntare sulla formazione per elevare ulteriormente la qualità dell’offerta “utilizzando gli strumenti formativi gratuiti che l’associazione mette a disposizione”. Dopo i saluti dell’assessore all’attività produttive di Palazzo Barbieri Francesca Toffali, la Giornata è entrata nel vivo con l’intervento del docente e formatore Vito D’Amico il quale ha illustrato l’importanza della tariffa, soffermandosi su come la sua corretta gestione possa essere legata a dinamiche di prodotto e canali di distribuzione per meglio incontrare l’esigenze della clientela.

A seguire Andrea Serra della Federalberghi nazionale ha parlato dello strumento dell’“alternanza scuola-lavoro” che, ha detto, deve essere sempre più utilizzato dalle imprese alberghiere per trovare personale preparato ed all’altezza ma anche quale strumento di orientamento per i giovani che si affacciano al settore. Spazio poi al manager di settore

Nicola Zoppi. Tema: l’importanza della gestione delle recensioni sul web. Zoppi ha sottolineato che queste devono essere utilizzate come strumenti di analisi di mercato e non sottovalutate o “mal sopportate”. Un intervento quello di Zoppi, che ha animato la discussione in sala. Quindi Enrico Perbellini, presidente della cooperativa albergatori 15


n. 11 novembre 17

CATEGORIE

veronesi ha presentato l’esperienza Get Ticket, Verona Booking, Unicredit, illustrata nel dettaglio da Remo Ballini con i risultati di questa piattaforma che sta cercando di mettere insieme le risorse del territorio, a partire dalla Fondazione Arena, al fine di “disintermediare” dai grandi portali di prenotazione. Successivamente Armando Travaglini ha approfondito i trend del marketing turistico nel 2018 spiegando quali sono le tendenze anche al fine di fornire spunti su come adeguarsi alle esigenze di mercato, cercando di anticiparlo. In chiusura dei lavori, moderati da Tina Ingaldi, Mauro Santinato di Teamwork ha svolto una briosa relazione sull’albergo del futuro e su come cambierà l’ospitalità nei prossimi anni invitando gli albergatori a porre attenzione alle esigenze dei clienti e alla opportunità di personalizzare l’offerta in modo da renderla il più possibile “esperienziale”, legandola alle tendenze attuali, facendo sì che l’albergo sia anche luogo d’incontro e di socializzazione.

16

Rivoluzione agenzie Con la Direttiva Ue sui pacchetti turistici

Agenzie di viaggio, rivoluzione in vista. Entro il 31 dicembre infatti l’Italia dovrà recepire la direttiva europea sui pacchetti turistici, che entrerà in vigore il primo luglio del 2018. Più garanzie per i consumatori, più grattacapi per le agenzie di viaggio. Che dovranno accendere una polizza assicurativa e/o aderire a un fondo di garanzia per sostenere i rimborsi dei pacchetti o l’immediato rientro dei clienti in caso di default finanziario dell’Organizzatore. È questo il punto della nuova direttiva che più angoscia le agenzie, ma non è l’unica novità contenuta nella nuova direttiva europea “pacchetti turistici e fondo di garanzia”, nella quale le agenzie di viaggio aderenti alla Fiavet-Confcommercio vedono il principio di una svolta epocale che impegnerà migliaia di imprese del settore in tutta Italia tra fermenti organizzativi e perplessità. Sono circa 9mila le agenzie di viaggio esistenti in Italia, oltre mille quelle operanti in Veneto. Ma sembra che solo il 50% si è assicurato; l’altro 50% rischierà a breve pesanti sanzioni pecuniarie e anche la sospensione o revoca della licenza. La Fiavet regionale, che aderisce

a Confcommercio-Confturismo le ha chiamate tutte a raccolta, oggi all’Holiday Inn di Mestre, per fare il punto della situazione assieme al consulente legale della Federazione nazionale, Federico Lucarelli. La sala conferenze gremita, centocinquanta partecipanti provenienti in gran parte dal Veneto, ma anche alcuni dal vicino Friuli Venezia Giulia, stanno a significare quanto siano complessi e sentiti questi temi.

“Un fondo di garanzia nazionale, gestito dallo Stato, c’era già, e veniva alimentato con il 4% dell’importo da noi pagato per la polizza di Responsabilità civile obbligatoria - spiega Renato Bellomi, presidente Fiavet-Confcommercio Veneto - Il problema è sempre lo stesso: quel fondo, ora chiuso ma ancora capiente per 4,8 milioni di euro, era gestito male, con una lentezza esasperante e carenza di personale operativo. Lento il sistema, lento l’arrivo dei risarcimen-


CATEGORIE

ti. Quindi l’Europa ha inviato una procedura di infrazione all’Italia, la quale ha pensato bene di porre in capo alle agenzie di viaggio l’obbligo di assicurazione in caso di loro fallimento o insolvenza. Questo garantirà al viaggiatore/ consumatore il rimborso delle quote versate per l’acquisto di pacchetti turistici mai onorati o il suo rientro qualora il fatto avvenga a viaggio iniziato. Così, oggi occorre, oltre ai requisiti già necessari, per svolgere attività di agenzia di viaggio anche l’assicurazione che tuteli il consumatore sul fallimento o insolvenza dell’agenzia. Insomma, si è risolto il problema dell’inefficienza statale facendo ricadere tutti gli oneri sulle spalle dell’impresa privata”. La nuova Direttiva europea è molto dettagliata, con 30 articoli, e norma tutte le modalità di vendita, comprese le vendite on-line. Ha inoltre carattere imperativo e prevarrà sulle normative nazionali difformi e meno favorevoli al consumatore. Non rientrano nella normativa i servizi organizzati da agenzie Business Travel, i pacchetti-servizi turistici collegati di durata inferiore alle 24 ore (salvo non ci sia un pernottamento) e i pacchetti-servizi collegati venduti occasionalmente senza scopo di lucro (purché non avvengano più di un paio di volte l’anno). Non saranno inoltre considerati pacchetti turistici (quindi non ci saranno responsabilità degli or-

ganizzatori in caso di problemi di forza maggiore), i servizi turistici collegati, quelli composti di almeno due servizi diversi acquistati ai fini dello stesso viaggio per i quali l’agenzia è agevolatore, con pagamento distinto di ogni singolo servizio turistico. La Direttiva disciplina i pacchetti tradizionali, i pacchetti proposti con prezzo forfettario, precombinati o combinati presso un unico tour operator, i pacchetti dinamici, i pacchetti commercializzati con denominazione di pacchetto, i pacchetti combinati dopo la conclusione di un contratto con cui si autorizza il viaggiatore a scegliere tra una selezione (formula roulette, cofanetti di viaggio), i pacchetti acquistati anche presso professionisti distinti (click through services) attraverso processi collegati di prenotazione online ove il nome del viaggiatore, gli estremi del pagamento e l’indirizzo di posta sono trasmessi dal professionista al più tardi 24 ore dopo la conferma della prenotazione del primo servizio turistico. Di tutte queste tipologie di pacchetti saranno responsabili gli organizzatori. Conclude Bellomi: “Dato il mutato scenario che individua i pacchetti di viaggio, è bene ribadire che qualsiasi organizzatore di viaggio dovrà necessariamente essere in possesso di abilitazione (licenza), della copertura per responsabilità civile, della garanzia di protezione in caso di insolvenza e fallimento, e dovrà ottemperare agli obblighi di informativa precontrattuale per “click through services”, come previsto per le Agenzie di Viaggi. Quindi anche compagnie aeree come ad esempio Ryanair dovranno corrispondere a questi requisiti ed obblighi, per evitare fenomeni di alterazione della concorrenza e del mercato”.

50&PIÙ VERONA AL GOLD AGE C’era il consiglio direttivo (foto sopra) di 50&Più Verona al gran completo alla giornata inaugurale del Gold Age, evento organizzato al Lido di Venezia dal 14 al 17 novembre sul tema: “La sera conosce cose che il mattino nemmeno immagina”. Una quattro giorni di incontri, testimonianze, workshop ed esposizioni per approfondire molti aspetti legati all’età matura. Tra gli ospiti, l’astronauta Umberto Guidoni e il regista Pupi Avati.

Al centro della kermesse i nuovi traguardi tecnologici e l’evoluzione delle scienze che proiettano verso la costruzione di modelli di interazione e stili di vita diversi. Un’accelerazione continua che modifica il vivere quotidiano, la salute, il modo di comunicare e di vivere di milioni di persone la cui speranza di vita si sposta sempre più avanti. Durante il forum è stato presentato il nuovo dossier del Centro Studi 50&Più “Amare ad ogni età” che approfondisce le modalità e l’attualità dell’amore vissuto a qualsiasi età.

17


Agevolazioni & credito: Bandi/iniziative nazionali in sintesi:

Agevolazioni & credito:

Bandi/iniziative nazionaliRICETTIVE: in sintesi: CREDITO D’IMPOSTA STRUTTURE Il credito d’imposta sarà riconosciuto anche per i periodi di imposta 2017 e 2018 nella misura del 65%. CREDITO D’IMPOSTA STRUTTURE RICETTIVE: credito d’imposta concesso sarà ripartito in due quote annuali di pari importo e può essere utilizzato Il credito d’imposta riconosciuto anchea per i periodi di interventi imposta 2017 2018realizzati. nella misura del 65%. decorrere dal periodosarà d’imposta successivo quello in cui gli sonoestati credito d’imposta concesso sarà ripartito in due quote annuali di pari importo e può essere utilizzato Sono compresi tra i beneficiari del credito d’imposta: decorrere dal periodo d’imposta successivo a quello in cui gli interventi sono stati realizzati.

Il a Il a

 Strutture alberghiere: si intende una struttura aperta al pubblico, a gestione unitaria, con servizi Sono compresi tra i beneficiari del credito d’imposta: centralizzati che fornisce alloggio, eventualmente vitto ed altri servizi accessori, in camere situate in uno  o Strutture alberghiere: si intende una da struttura aperta al pubblico, a gestione unitaria, degli con servizi più edifici. Tale struttura è composta non meno di sette camere per il pernottamento ospiti. centralizzati chealberghiere fornisce alloggio, eventualmente vitto ed le altri servizi accessori, in camere situate in uno Sono strutture gli alberghi, i villaggi albergo, residenze turistico-alberghiere, gli alberghi o più edifici. Tale struttura è composta da non meno di sette camere per il pernottamento degli ospiti. diffusi, nonché quelle individuate come tali dalle specifiche normative regionali; strutture alberghiere gli alberghi, i villaggi albergo, le residenze turistico-alberghiere,  Sono Strutture che svolgono attività agrituristica: come definita dalla legge 2 febbraio 2006, n.gli 96alberghi e dalla diffusi, nonché quelle individuate come tali dalle specifiche normative regionali; pertinenti norme regionali  Strutture che svolgono attività agrituristica: come definita dalla legge 2 febbraio 2006, n. 96 e dalla Sono ammesse le spese giustificate da fatture e quietanze di pagamento a partire dal 01/01/2017 al pertinenti norme regionali 31/12/2017 relative ad interventi di: Sono ammesse le spese giustificate da fatture e quietanze di pagamento a partire dal 01/01/2017 al  Riqualificazione edilizia; 31/12/2017 relative ad interventi di:  Barriere architettoniche;  Riqualificazione edilizia; Efficienza energetica;  Barriere architettoniche; Acquisti Mobili, strumentazione e Componenti d' Arredo.  Efficienza energetica;  Acquisti Mobili, strumentazione e Componenti d' Arredo.

Bandi/iniziative regionali in sintesi: Bandi/iniziative regionali in sintesi: POR FESR 14-20: Azione 3.4.2 – incentivi all’acquisto di servizi di supporto all’internazionalizzazione in favore delle PMI POR FESR 14-20: Azione 3.4.2 – incentivi all’acquisto di servizi di supporto all’internazionalizzazione  PMI iscritte al registro Imprese e ATTIVE inBeneficiari favore delle PMI Tipologia di Acquisizione di massimo 2 voucher per l’internazionalizzazione: intervento  iscritte Promozione Beneficiari  PMI al registro Imprese e ATTIVE  Strategica Tipologia di Acquisizione di massimo 2 voucher per l’internazionalizzazione:  Promozione Organizzativa intervento Spese  Strategica Consulenze specialistiche e servizi esterni ammissibili  Organizzativa Soglie Spese del Spesa progetto: Min. € 4.000 – Max. € 12.000 Consulenze specialistiche e servizi esterni progetto ammissibili Durata Apertura: 13/12/2017 ore 16:00 Soglie del Spesa progetto: Min. € 4.000 – Max. € 12.000 Chiusura esaurimento dotazione finanziaria progetto Forma Contributi a fondo perduto – concesso ai sensi del Regolamento UE n.651/2017 art.18 Durata del Apertura: 13/12/2017 ore 16:00 sostegno 50% dellaesaurimento spesa rendicontata ammissibile Chiusura dotazione finanziariaper la realizzazione del progetto Intensità Forma del Contributi a fondo perduto – concesso ai sensi del Regolamento UE n.651/2017 art.18 Modalità pagamento: sostegno 50% delladispesa rendicontata ammissibile per la realizzazione del progetto Domanda di erogazione voucher per il pagamento diretto al fornitore Intensità Dotazione € 1.650.000,00 Modalità di pagamento: Procedura di Domanda di erogazione voucher per il pagamento diretto al fornitore Valutativa con procedimento a graduatoria. assegnazione Dotazione € 1.650.000,00 Procedura di Valutativa con procedimento a graduatoria. assegnazione


Agevolazioni & credito: Agevolazioni & credito:

POR FESR 14-20: Azione 3.3.4 b – Sviluppo e consolidamento di reti di imprese e/o club di prodotto

Beneficiari  RETI di almeno 9 PMI costituite con forma giuridica contratto di rete POR FESR 14-20: Azione 3.3.4 b – Sviluppo e consolidamento di reti di del imprese e/o club di prodotto  Almeno 1/3 delle PMI strutture ricettive  Almeno 1/3 delle PMIcostituite con sede operativa Comuni allediOGD Beneficiari RETI di almeno 9 PMI con formanei giuridica deladerenti contratto rete  Almeno 1/3 delle PMI strutture ricettive Tipologia di Avvio, sviluppo e consolidamento di “club di prodotto” nella forma di reti di imprese: - ideazione Almeno 1/3 con sede operativa nei Comuni aderenti alle OGD intervento di delle club diPMI prodotto -Avvio, avvio sviluppo e costituzione di club di prodotto Tipologia di e consolidamento di “club di prodotto” nella forma di reti di imprese: - ideazione sviluppo edi consolidamento di club di prodotto esistenti intervento club di prodotto Spese a) Spese di consulenza di mercato etc. (Max.3% della spesa ammessa); - avvio e costituzione di per clubanalisi di prodotto ammissibili b) Spese per costituzione/aggiornamento Rete (max. € 5.000); - sviluppo e consolidamento di club di prodotto esistenti c) perconsulenza acquisto beni funzionali; Spese a) Spese di per mobili analisi ediservizi mercato etc. (Max.3% della spesa ammessa); d) tecnico specialisticaRete (max.(max. 20% della spesa ammissibili b) Spese di perassistenza costituzione/aggiornamento € 5.000) ; ammessa); e) promozione commercializzazione (max. 30% della spesa ammessa); c) Spese per acquisto benie mobili e servizi funzionali; f) formazione titolari e/o personale rete ammessa) (max. 5% della spesa ammessa); d) Spese per di assistenza tecnico specialistica (max.PMI 20% della della spesa ; g) Spese di fidejussione di cui al bando; e) per promozione e commercializzazione (max. 30% della spesa ammessa); f) titolariee/o PMIper della rete (max.e5% della spesa ; h) Spese per per formazione interventi edilizi di personale impiantistica creazione sviluppo diammessa) prodotto g) turistico Spese di (max. fidejussione di cui al bando; 40% della spesa ammessa) h) Spese per interventi edilizi e di impiantistica per ;creazione e sviluppo di prodotto i) Spese di progettazione, direzione lavori (max. € 3.000) turistico (max. 40% della spesa ammessa) Soglie del Spesa progetto: Min. € 80.000 – Max. € 400.000 i) Spese di progettazione, direzione lavori (max. € 3.000); progetto Durata Apertura: 5 Dicembre, ore 15:00 Soglie del Spesa progetto: Min. € 80.000 – Max. € 400.000 Chiusura: 31 Gennaio, ore 17:00 progetto Forma Contributi conto capitale – concesso ai sensi e nei limiti del Regolamento De Minimis Durata del Apertura: 5inDicembre, ore 15:00 sostegno 50% della 31 spesa ammessa ed effettivamente sostenuta e pagata per la realizzazione del Chiusura: Gennaio, ore 17:00 Intensità progetto Forma dele Contributi in conto capitale – concesso ai sensi e nei limiti del Regolamento De Minimis modalità sostegno 50% della spesa ammessa ed effettivamente sostenuta e pagata per la realizzazione del pagamento Modalità di pagamento: progetto Intensità e contributo - anticipo entro 120gg dall’ammissione al sostegno (con versamento fidejussione modalità obbligatoria) Modalità di pagamento: pagamento - anticipo acconto del 40% contributo entro 120gg dall’ammissione al sostegno (con versamento fidejussione -obbligatoria) saldo entro 1 mese dalla conclusione del progetto Dotazione 1.500.000,00 -€acconto del 40% Procedura di - saldo entro 1 mese dalla conclusione del progetto Valutativa con procedimento a graduatoria Dotazione € 1.500.000,00 assegnazione Procedura di Valutativa con procedimento a graduatoria assegnazione

Per info: Per info:

Confidi Veneto info@confidi.veneto.it Confidi Veneto 045/956764 info@confidi.veneto.it 045/956764


n. 11 novembre 17

SPORT - IL CANGRANDE DEL BENTEGODI

Comandano Castro e Inglese Precedono Birsa dopo le prime sei gare interne del ChievoVerona

Una coppia al comando: dopo le prime sei gare interne Castro e Inglese guidano la graduatoria de “Il Cangrande del Bentegodi”, il premio organizzato da Confcommercio Verona e ChievoVerona attraverso il periodico “Il Commercio Veronese”. Sfida accesa quanto interessante per la 17a edizione del concorso, dunque, che da quest’anno assegna 10 voti al giocatore più votato, 6 al secondo, 4 al terzo e 2 al quarto. Ricordiamo che al termine di ogni sfida interna del ChievoVerona, i tifosi gialloblù possono scegliere il migliore in campo. A fine stagione, il giocatore più votato sarà premiato con il Trofeo Confcommercio Verona in occasione di un evento pubblico. Dopo ogni

partita giocata allo stadio Bentegodi i tifosi possono votare il proprio migliore in campo inviando una mail a ilcommercioveronese@confcommercioverona.it, con le proprie generalità e il nome del giocatore prescelto. LA CLASSIFICA DOPO SEI GARE INTERNE 1. Castro e Inglese 20 3. Birsa 18 4. Radovanovic 16 5. Sorrentino 12 6. Bastien, Depaoli, Pellissier, Hetemaj 10 10. Pucciarelli 6 11. Gamberini, Cacciatore, Meggiorini 4 14. Tomovic 2

Chi va da Rossetto si vede!

*ESCLUSI LATTI 1 - GIFT CARD - LAVAGGI AUTO

Perché oltre alla spesa, ci mettiamo la testa.

Ogni ultimo mercoledì del mese uno sconto reale del 10% alla cassa, sul totale della spesa*.

Supermercati nelle province di VERONA, BRESCIA, MANTOVA, VICENZA, PADOVA, ROVIGO, CREMONA, REGGIO EMILIA, MODENA

20


SPORT - IL MASTINO DEL BENTEGODI

Romulo consolida il primato Guida il “Mastino” con 90 voti, lo inseguono Bessa e Pazzini

Romulo aumenta il vantaggio: dopo le prime sette partite interne dell’Hellas Verona guida con un consistente margine la graduatoria de “Il Mastino del Bentegodi”, concorso promosso per la 19ma stagione consecutiva da “Il Commercio Veronese”. Romulo, eletto dai tifosi migliore in campo nelle partite con Benevento, Inter e Bologna, è in testa con 90 voti e precede Bessa (che si è aggiudicato lo scorso anno il “Trofeo Confcommercio Verona”), che ne ha 41, al vertice del concorso con il Napoli; al terzo posto Pazzini con 33. Subito dopo Caceres (migliore in campo con la Fiorentina) a quota 32, quindi Caracciolo (“Mastino” con la Sampdoria) a 26. La classifica prosegue con Fares e Cerci, a 21, e il coreano Lee Seung-Woo,

più votato con la Lazio, con 20. Dietro di loro Fossati. che conta 15 voti. A quota 12 Verde, inseguito da Ferrari, Kean e Valoti, tutti con 9. In fondo, appaiati, Bruno Zuculini e Nicolas, con 6 preferenze ciascuno, precedono Heurtaux: per lui 3 voti.

Chi va da Rossetto si vede!

Perché oltre alla spesa, ci mettiamo la testa.

Solo i prodotti migliori al miglior prezzo.

Supermercati nelle province di VERONA, BRESCIA, MANTOVA, VICENZA, PADOVA, ROVIGO, CREMONA, REGGIO EMILIA, MODENA

21


PROMOZIONE SPECIALE RISERVATA AI CLIENTI

Credito ordinario e agevolato con garanzia Confidi Veneto e Fondo nazionale di Garanzia per le PMI

Apertura di credito in c/c – A/SBF – A/Fatture (anche su quelli già in essere)

3,00%

Finanziamenti per investimenti

2,75%

Finanziamenti per liquidità

3,00%

Analisi gratuita del c/c per condizioni migliorative sulle linee in essere o da richiedere Per Informazioni contattare Confidi Veneto Via Sommacampagna 63H, 37137 Verona Scala C, 2° piano dal lunedì al giovedì 08:00 – 13:00 / 14:00 – 16:00 venerdì 8:00 – 14:00 Tel. 045/956764 mail info@confidi.veneto.it Condizioni riservate ad imprese con primario rating creditizio


Diventa Socio Confcommercio: per te tante opportunità Assistenza amministrativa e consulenza legale. Fondo sanitario, sconti per l’acquisto di auto, estintori, ACI, SCF, SIAE, energia, assicurazioni, abbonamenti giornali, POS. Welfare aziendale Consulenza fiscale, contabile, normativa del lavoro, buste paga, sicurezza del lavoro, videosorveglianza, qualità, privacy, sicurezza alimentare, ambiente, prevenzione incendi Corsi di formazione gratuita, rimborsi per i lavoratori e per le aziende aderenti Consulenza e assistenza sulle varie opportunità di finanziamento per la tua attività Sistema Associativo, calcolo previsionale sulla propria pensione, 730, successioni, ISEE

Assistenza per ogni problematica che riguarda la tua attività Per beneficiarne da subito

ASSOCIATI

Per maggiori informazioni e per usufruire delle convenzioni rivolgiti presso la nostra sede Via Sommacampagna, 63/H - Verona Tel. 0458060811 - whatsapp e sms 3894529828 www.confcommercioverona.it - info@confcommercioverona.it

Il Commercio Veronese di novembre 2017  

E' online il numero di novembre 2017 del mensile di Confcommercio As.Co. Verona

Advertisement