Page 1

Aut. Trib. Pisa n. 2 del 1970 - variaz. del 7/1/1998 - Anno XX - Spedizione in A.P. - Art 2 Comma 20/c Legge 662/96 - Stampa: Tipografia Moderna - Navacchio - Pisa - n. 3 Marzo 2011

Pisa

Notiziario di informazione Commercio, Turismo, Servizi e Professioni della Provincia di Pisa

La primavera delle Imprese


2

www.confcommerciopisa.it


e d i t o r i a l e Per una nuova, inedita, editoriale

ASCOM-PISA EDITORE Presidente Luca Ciappi Direttore Federico Pieragnoli Aut. Trib. Pisa n. 2 del 1970 Var. del 7/01/98 Anno XX – N. 3 Marzo 2011 Direttore Responsabile Elisabetta Ficeli Redazione e foto Alessio Giovarruscio Promozione e marketing Alessio Giovarruscio a.giovarruscio@confcommerciopisa.it Stampa e Grafica Tipografia Moderna – Navacchio - Pisa Redazione, Amministrazione e Pubblicità Via Chiassatello, Galleria Sanac, 67 Tel. 050 25196 / 25197 Fax 050 21332 info@confcommerciopisa.it www.confcommerciopisa.it LE NOSTRE SEDI PISA Via Chiassatello, Galleria Sanac, 67 Tel 050 25196 / 25197 Fax 050 21332 Pisa – ASCOM PAGHE Palazzo Confcommercio - P.zza Carrara, 10 Pisa – ENASCO – 50 & PIU’ FENACOM Viale Gramsci, 3 Tel 050 48371 – Fax 050 45301 PONTEDERA Vis Sacco e Vanzetti, 67 Tel. 0587 59459 SAN MINIATO Via Ser Ridolfo, 22 Tel 0571 417047 – Fax 0571 403098 VOLTERRA Via F. Franceschini, 10 Tel 0588 86677 Chiuso in redazione il 1/04/2011

primavera delle Imprese

Per crescere e per sviluppare pensiamo che sia necessaria una nuova primavera delle imprese. Un nuovo fiorire di attività, di idee, di creazioni, di innovazione, di investimenti, di lavoro. Per tornare a produrre ricchezza e benessere, per rimettere in moto la locomotiva della crescita e dello sviluppo. Per superare la crisi di una situazione globale difficile, conflittuale, rischiosa. E allora, la nuova primavera delle imprese deve nascere sotto l’insegna di un fisco meno oppressivo, di una burocrazia intelligente, di controlli non ossessivi, come dichiarato dallo stesso Ministro dell’economia Giulio Tremonti. Pensiamo che questa sia la strada giusta da percorrere, la possibilità di innestare un nuovo respiro e nuova energia a vantaggio di tutte le imprese, che richiedono efficienza, semplificazione, incentivi, innovazione. Come Confcommercio Pisa lavoriamo ogni giorno in direzione di un pieno riconoscimento del valore delle Pmi. Sempre più ampia la gamma di servizi a disposizione dei nostri associati, oltre quelli già consolidati, credito, formazione, contabilità, è attivo il nuovo servizio Qualità e Ambiente per il rispetto delle normative sulla sicurezza. Una sempre più capillare attività sindacale, che ha

visto protagonisti vincenti, i commercianti e i cittadini di Calambrone, in quella che possiamo considerare una battaglia di legalità e di rispetto. E poi, ancora, la nuova vetrina immobiliare di ConfAffari, costituita grazie al supporto di validi professionisti, per mettere in contatto domanda e offerta di attività commerciali. Per non parlare poi delle numerose manifestazioni, dei convegni, degli incontri di ogni tipo, spesso di carattere formativo, al servizio dei nostri associati. Confcommercio Pisa è tutto questo, anzi, molto, molto di più. Buona primavera a tutti!


L’economia del litorale pisano L’economia turistica del litorale pisano rappresenta oltre il 30% dell’intera economia turistica provinciale, coinvolge più di 800 tra imprese e attività commerciali, oltre 5.000 addetti, per un giro d’affari intorno ai 160 milioni di euro. Per l’anno 2010, i dati ufficiali diffusi pochi giorni fa dalla Provincia di Pisa ci restituiscono un quadro disarmante in merito alle presenze e agli arrivi del litorale pisano: - 6.250 gli arrivi rispetto al 2009, pari a un – 4,97% e -69.612 presenze pari a un – 8,44% rispetto al 2009. La sostenibilità economica delle attività commerciali. Uno studio di Confcommercio Pisa. L’ufficio Contabilità e Fisco di Confcommercio Pisa ha analizzato una serie di dati relativi ai fatturati e alle spese di una attività commerciale e di un pubblico esercizio del nostro litorale per l’anno 2010. Pur trattandosi di una proiezione, i dati che emergono dall’analisi in oggetto sono sconcertanti e fanno riflettere sui rischi che corre il nostro litorale di un processo di desertificazione commerciale. Negozio di Generi Vari - La situazione è drammatica. La proiezione dell’Ufficio Contabilità prevede per una attività tipo, introiti complessivi per 74 mila euro, più della metà dei quali ottenuti nel periodo estivo (€ 40.000,00). A fronte di questo dato, il computo complessivo delle spese è inesorabile. Tra Inps, affitto, imposte comunali, acquisti, utenze e oneri finanzari, spese di contabilità, la somma totale dei costi di gestione arriva a coincidere con gli incassi (con un margine positivo di appena 120 euro). Tutto questo, senza prevedere alcun dipendente, ma con il solo lavoro del titolare. E’ chiaro, che a fronte di questo dato, il rischio chiusura di molte attività commerciali è dietro l’angolo, in considerazione del fatto che, mentre molto difficilmente la voce spese è suscettibile di qualche riduzione, molto più volatili e incerti sono gli incassi dovuti alle vendite. Pubblico Esercizio - Leggermente migliore la situazione del Pubblico Esercizo (Bar, pub, pizzeria...) che realizza, in media, un fatturato intorno ai 146.000 euro annui. Anche in questo caso, però, i costi di gestione finiscono con erodere gran parte degli utili conseguibili. Infatti, considerando una situazione limite di un solo dipendente fisso e di un solo dipendente stagionale (che incidono per un quarto sui costi totali), si arriva a configurare, al netto delle spese, un utile di appena 5.000 euro. Mentre in un momento di crisi, una simile situazione è ancora tollerabile, con il perdurare nel tempo di questi bilanci, la certezza di chiusua di queste attività risulta evidente. 4 www.confcommerciopisa.it

Le assunzioni Ad una prima analisi sulle previsioni di assunzione di nuovo personale stagionale presso le atttività del litorale pisano il dato che emerge è senza dubbio importante e da tenere in massima considerazione. Infatti, per la prossima stagione estiva si prevede una media di almeno 750 nuovi addetti stagionali assunti presso stabilimenti balneari (come bagnini e assistenti), ristoranti (cuochi, personale di sala...), alberghi (receptionist, camerieri ai piani, servizio...), bar. Un dato rilevante, che conferma in pieno l’importanza strategica del nostro litorale e garantisce una quota di ricchezza

e di occupazione senz’altro determinante per la nostra provincia. Di questi oltre 750 nuovi addetti stagionali, un buon 39% sarà assunto dai bar/ristoranti presenti negli stabilimenti balneari, circa una cinquantina, un 27% sarà assunto dagli oltre 70 stabilimenti balneari del litorale pisano, un altro 20% sarà assunto come personale alberghiero, il restante 14% dai bar e pubblici esercizi del litorale, aperti tutto l’anno, e che durante la stagione estiva sono sottoposti a ritmi di lavoro decisamente superiori rispetto a quelli ottenuti durante l’anno.

Assunzioni personale stagionale previsto circa 750 addetti Alberghi – Assunzioni stagionali = 20% del totale Bar – Assunzioni Stagionali = 14% del totale Bar/ristoranti Stabilimenti balneari Assunzioni Stagionali = 39% del totale Stabilimenti Balneari Assunzioni Stagionali = 27% del totale

Donatella Fontanelli Resp. Sindacale Sib Comfcommercio Pisa


Marina Pansera

Tutti imprenditori con il Servizio Assistenza alle Imprese di Confcommercio Pisa

Consorzio Nautica Pisana: Luca Ciappi è il nuovo Presidente

Come far nascere, crescere, sviluppare e consolidare una impresa. E’ questa la missione specifica dell’Ufficio Assistenza alle imprese di Confcommercio Pisa. L’ufficio mette a disposizione di aspiranti imprenditori le conoscenze necessarie per aprire o rilevare una nuova attività commerciale. Procede all’individuazione delle opportunità commerciali e al tipo di società più idoneo per l’avvio della nuova attività. Garantisce la gestione di tutte le pratiche e il rilascio delle necessarie autorizzazioni amministrative (Comune, Asl, Provincia, Apt..). Offre uno consulenza professionale in materia di compravendita, affitti d’azienda o rami d’azienda, contrattualistica varia. In più, garantisce un servizio ad hoc agli operatori balneari, attraverso la compilazione di tutti gli adempimenti stagionali necessari per iniziare l’attività turistico/ balneare (Comune, Usl, Demanio, Ufficio Ambiente, Sepi...). Responsabile del servizio Assistenza alle Imprese è la Dott.ssa Marina Pansera. E’ possibile chiedere un appuntamento chiamando al numero di telefono 050/7846603 oppure inviando una mail all’indirizzo m.pansera@confcommerciopisa.it.

Luca Ciappi è il nuovo Presidente del Consorzio Nautica Pisana, l’associazione che raggruppa il 90% delle aziende presenti lungo la Golena d’Arno, che in seno a Confcommercio Pisa opera per favorire lo sviluppo produttivo della nautica e dei servizi essenziali. Luca Ciappi, eletto all’unanimità, succede ad Antonio Schena e nel prossimo mese lavorerà intensamente per stilare il programma di indirizzo e per nominare il nuovo Consiglio di Amministrazione. Il Consorzio Nautica Pisana è nato nel 1996 e al suo interno alberga realtà imprenditoriali di livello come la società Boccadarno Porto di Pisa e la Navicelli Spa. Il porto naturale della Golena d’Arno conta circa tremila posti barca, è l’ideale per le imbarcazioni di medio e piccolo cabotaggio e con la prossima realizzazione del porto di Marina di Pisa l’Arno vedrà la maggiore concentrazione di posti barca dell’intera toscana.

Luca Ciappi (Presidente Consorzio Nautica Pisana): “Questo è il momento propizio per rilanciare il Consorzio Nautica Pisana e sottolineare con rinnovata energia il necessario e inscindibile rapporto che intercorre tra nautica e turismo, in una ottica di valorizzazione e di promozione del territorio locale. Dobbiamo far crescere la consapevolezza che la portualità rappresenta un punto fermo per il futuro della nostra economia e in questo senso, il porto naturale della golena d’Arno è una porta privilegiata di accesso a Pisa e all’intero entroterra, in grado di offrire ai turisti le ricchezze storiche, culturali e eno-gastronomiche del nostro territorio, oltre a rappresentare un importante presidio a tutela dell’ambiente. Il consorzio va rilanciato proprio in questa ottica di promozione, comunicazione e marketing delle splendide bellezze che accompagnano Pisa e la sua provincia”.

www.confcommerciopisa.it

5


Luca Ciappi (Presidente Confcommercio Pisa):

“Fisco oppressivo. Il nostro sì a Tremonti”

“Come Confcommercio Pisa apprezziamo molto le parole del ministro Tremonti e il suo pubblico riconoscimento del fatto che le imprese sono troppo spesso vittime di un fisco borbonico e oppressivo. Un fisco che, per una impresa su due chiede oltre il 50% del proprio utile ante imposte, un fisco indifferente ai dati oggettivi di crisi e fallimenti, un fisco che contando solo i 4 dinamento è senza dubbio apprezzabile, adempimenti principali (770, dichiarazio- e garantisce il giusto equilibrio tra evidenne Iva, Comunicazione annuale, rimborsi ti ragioni di trasparenza verso il fisco e diIva), costa al sistema delle imprese oltre ritto al lavoro sereno delle imprese. 2,7 miliardi di euro. Un fisco massima- Insomma, che sia il Ministro dell’Economente sperequativo, caratterizzato da una mia in persona a chiedere la fine del suplogica infida, per cui la pressione fiscale è plizio dei controlli reiterati se non sovrapinversamente proporzionale alla dimen- posti alle aziende, rappresenta un giusto sione dell’impresa, che più è piccola, più si riconoscimento del nostro lavoro quotiaspetta un carico maggiore. diano a fianco delle imprese e la concreSul fronte dei controlli ispettivi, l’idea di ta speranza che questa situazione possa LA VETRINA DIfinalmente ONFcambiare. FFARI una loro concentrazione e di un loro coorNon solo sul fronte Tutte le offerte all'indirizzo www.confcommerciopisa.it

C

A

LA VETRINA DI CONFAFFARI COMPRO COMPRO

BAR - ZONA CASCINA/CALCI ATTIVITA IN VENDITA OPPURE FONDO IDONEO DA ATTREZZARE

Off.1/C FONDO COMMERCIALE PER CIOCCOLATERIA E VENDITA PRODOTTI FINITI E SOMMINISTRAZIONE AL PUBBLICO

VENDO VENDO WINE BAR CENTRO STORICO PISA

Off.1/V ATTIVITA COMMERCIO ALIMENTARI BEN AVVIATO E CONOSCIUTO, PISA ZONA STAZIONE

Off.2/C

Off.2/V

FONDO COMMERCIALE

GELATERIA VECCHIANO

IN PISA CENTRO PER ATTIVITA' DI LIBRERIA

RICHIESTA € 80.000,00

Off.3/C

Off.3/V

BAR/RISTORANTE/PIZZERIA ATTIVITA IN VENDITA IN PISA CENTRO OPPURE FONDO IDONEO

Off.4/C ATTIVITA DI SOMMINISTRAZIONE GIA AVVIATAA/ZONA LITORALE PISANO, PREF.

6 MARINA www.confcommerciopisa.it DI PISA, OPPURE FONDO DA ATTREZZARE Off.5/C

BAR TRIBUNALE PISA, RICHIESTA € 160.000,00

Off.4/V LIBRERIA PISA, RICHIESTA € 135.000,00

Off.5/V

dei controlli, ma anche in vista di quella grande riforma del sistema fiscale sia in termini di riduzione delle imposte, sia in termni di semplificazione. Un fisco maggiormente concorrente alla necessità di rafforzare crescita, produttività, sviluppo e occupazione, attraverso una revisione delle aliquote Irpef, il superamento dell’Irap, condizioni agevolate al settore turismo, l’incentivo al reinvestimento degli utili aziendali”.

Intendi acquistare una attività commerciale? Vuoi vendere quella che già oggi possiedi? Con Confcommercio Pisa ora puoi!Grazie al nuovo servizio di ConfAffari, la bacheca di Confcommercio Pisa che Ti offre la possibilità di acquistare o vendere attività commerciali. Professionisti della compravendita Ti aiuteranno a trovare la soluzione migliore. Contattaci al numero di telefono 050/25196 per avere più dettagliate informazioni. La nostra responsabile del servizio Marina Pansera è a tua disposizione per qualsisasi chiarimento. Inoltre, puoi consultare la nostra bancheca in tempo reale, sul sito www.confcommerciopisa.it. Ti ricordiamo inoltre, che ogni martedì mattina, dalle ore 10.00 alle ore 12.00, nella sede di Confcommercio Pisa, un esperto sarà a Tua disposizione, previo appuntamento.


Piccole e medie imprese: “Guadagnare credito? Con il merito!” E’ questo il messaggio forte emerso durante il convegno organizzato da Confcommercio Pisa e Centro Fidi Terziario al Museo Piaggio di Pontedera. Presidente Alessandro Carrozza

Non c’è credito senza merito. Potrebbe essere questa una sintesi efficace di quanto emerso durante il convegno, organizzato da Confcommercio Pisa e Centro Fidi Terziario, che si è svolto al Museo Piaggio di Pontedera. Davanti ad una nutrita platea di imprenditori, funzionari di banca, commercialisti ed esponenti del mondo delle professioni, i relatori hanno affrontato il difficile tema del rapporto tra credito e piccola e media impresa. Alessandro Carrozza, Presidente Centro Fidi Terziario Pisa ha aperto il seminario lanciando una sfida ai presenti: “Non ‘è credito senza merito, senza la dimostrazione concreta di essere dei veri professionisti”. Sfida subito raccolta dai relatori, a partire da Luca Ciappi, Presidente di Confcommercio Pisa, che ha sottolineato il fatto che “piccolo non è più bello” visto che oltre il 10% delle imprese, soprattutto Pmi, si vede negato qualsiasi forma di accesso al credito e oltre il 50% di esse riscontra più di una difficoltà in questo tipo di operazioni. Sulla stessa scia Stefano Tognarelli, Assessore al commercio del comune di Pontedera, che ha ricordato come in toscana il 95% delle imprese sia composto da meno di 9 dipendenti, con una media di fatturato pari a 1,6 milioni di euro.

rare alcuni elementi di opacità e di scarsa trasparenza che contraddistingue un vecchio modo di concepire il rapporto con l’istituto di credito. Paolo Barnelli, commercialista, ha ripreso con forza la tesi che oggi l’imprenditore non può più accontentarsi di fare utili, ma deve prestare massima attenzione alla sostenibilità finanziaria della propria impresa e poter dimostrare al contempo di meritare fiducia dall’istituto di credito, mentre il ruolo strategico dei Consorzi Fidi, alla luce anche delle nuove normative di Basilea, sia per le banche, sia per le imprese, è stato illustrato da Antonio Doti, Vice Direttore Centrofidi Terziario. Un ultimo aspetto, il tema dei finanziamenti al credito, concessi dalla Camera di commercio di Pisa è stato illustrato da Paolo Pieraccioni di Assefi.

Professoressa Elena Cenderelli

Antonio Doti

Secondo la professoressa Elena Cenderelli, esperta di credito, banche ed imprese non possono fare a meno le une delle altre, e se da un lato gli istituti bancari, pur lamentando tassi di sofferenza molto alti, devono credere di più nei loro clienti, dall’altra le imprese sono chiamate a supewww.confcommerciopisa.it

7


Dr.ssa Elisabetta Ficeli Resp. Sindacale Snaarc

Fnaarc Confcommercio Pisa: “Seminario regionale sul futuro degli agenti di commercio” Si è svolto a Pisa l’incontro riservato agli Agenti di Commercio aderenti alla Fnaarc Confcommercio Pisa provenienti da tutte le provincie delle Toscana. L’incontro ha visto la partecipazione straordinaria del Vicepresidente nazionale Dott. Antonio Franceschi e del Presidente Regionale Luca Chiari. Tema dell’incontro il futuro della professione alla luce dei cambiamenti in atto e la riforma dell’Enasarco, l’Istituto previdenziale degli agenti di commercio. Dopo il saluto di Franco Benedetti, Vicepresidente di Confcommercio Pisa, Antonio Franceschi ha denunciato i continui aumenti di carburante e ha invitato gli agenti ad investire in formazione professionale e nella creazione di reti proFranco Cambi, Dott. Antonio Franceschi, Luca Chiari

fessionali. Franceschi ha anche affrontato il tema scottante della riforma dell’Enasarco e ha difeso l’istituto di previdenza dalla campagna insensata e diffamatoria ai quali è sottoposto negli ultimi mesi. A conclusione dell’incontro il Presidente provinciale Fnaarc Franco Cambi ha manifestato ampia soddisfazione per il numero di partecipanti che rappresentavano le associazioni provinciali della Toscana e per l’alto contenuto degli argomenti prevalentemente orientati a spiegare la nuova riforma Enasarco protesa a garantire l’erogazione delle pensioni agli agenti e rappresentanti di commercio per i prossimi anni.

Fnaarc Confcommercio Pisa:

“Previdenza Enasarco: Le aliquote contributive” Dott.ssa Elisabetta Ficeli: “Per l’anno 2011 i contributi di previdenza alla Fondazione Enasarco sono previsti nella misura del 13,50% (di cui 6,75% a carico della casa mandante e 6,75% a carico dell’agente) sui massimali indicati. Il masssimale contributivo (vale a dire l’importo massimo di provvigioni sul quale applicare la aliquota del 13,50%) è fissata per il 2011 in 15.810 euro per gli agenti plurimandatari (per ogni casa mandante), ed in 27.667 euro per gli agenti monomandatari. Il minimale contributivo (vale a dire la quantità minima di contributi che la Fondazione prevede per ogni anno) è fissato per gli agenti plurimandatari in euro 369 per ogni azienda mandante (di cui metà a carico dell’agente e metà a carico della casa mandante) ed in euro 789 per gli agenti monomandatari (di cui metà a carico dell’agente e metà a carico della casa mandante). Nell’ipotesi che nel 2011 l’agente di commercio non dovesse fatturare alcuna provvigione alle case mandanti, non è dovuta nessuna contribuzione di previdenza alla Fondazione Enasarco”. www.confcommerciopisa.it

9


Terziario Donna “Con noi puoi realizzare il sogno di aprire una impresa” Sei una donna e sogni di aprire una impresa? Con lo sportello “Donna d’Impresa” di Confcommercio Pisa il tuo sogno può diventare realtà. Grazie ad un corso di formazione gratuita, organizzato da Confcommercio Pisa, realizzato con il finanziamento della Regione Toscana (L.R. 16/200 “Cittadinanza di genere”) con il sostegno di Comune di Pisa e Aied Pisa. Aperto a tutte le aspiranti imprenditrici, il corso offre nozioni di start-up di impresa, consulenza e supporto nella gestione dell’azienda, contributi e finanziamenti, gestione amministrativa e contabile dell’azienda. Il corso si svolgerà presso al sede di Confcommercio Pisa, situata in via Chiassatello 67. La segretaria del gruppo Terziario Donna è Donatella Fontanelli Tel. 050 7846619 e-mail: d.fontanelli@confcommerciopisa.it Terziario Donna

Alcuni numeri sulle Imprese Femminili In Italia, le imprese femminili sono 1 milione e 421 mila (circa un quarto di tutte le imprese) il 61% delle quali sono imprese individuali. L’attività prevalente è nel settore dei servizi, in particolare “sanità e assistenza sociale” e “alloggio e ristorazione”. Nell’ultimo anno il tasso di crescita delle imprese femminili è stato positivo (+0,2%) mentre quello maschile è risultato negativo (-0,5%) e l’occupazione creata dal 2003 al 2008 da queste imprese è cresciuta di un + 15% rispetto al 3% delle imprese maschili.

SPORTELLO TERZIARIO DONNA Aperto a tutte le imprenditrici o aspiranti tali per: start up d'impresa consulenza e supporto nella gestione dell'Azienda contributi e finanziamenti gestione amministrativa e contabile dell'Azienda percorsi formativi Orario dello sportello: Martedì 12.00 - 13.00 / Giovedì 14.00 - 15.00 Il sindacato Terziario Donna Pisa organizza

il primo corso di formazione GRATUITO

In Confcommercio Pisa, le imprese femminili, circa 1.300, rappresentano circa un terzo di tutte le imprese associate. Il 61% di queste sono aziende individuali il restante sono società di persone. I principali settori di impiego riguardano le attività commerciali (mediatori, commercio al dettaglio, alimentare, abbigliamento) e i settori turistici. Da marzo, in Confcommercio Pisa è attivo il Terziario Donna e lo sportello “Donna d’Impresa”. A Pisa e provincia, il 66,1% dei disoccupati (oltre 36 mila) sono donne.

LO START UP D'IMPRESA venerdì 6 maggio ore 9.00 - 13.00 venerdì 13 maggio ore 9.00 - 13.00 venerdì 20 maggio ore 9.00 - 13.00 venerdì 27 maggio ore 9.00 - 13.00 martedì 31 maggio ore 9.00 - 13.00 Terziario Donna Confcommercio Pisa REGIONE TOSCANA

Via Chiassatello, 67 56122, Porta a Mare, Pisa Tel. 050 25196 - Fax 050 21332 terziariodonna@confcommerciopisa.it www.confcommerciopisa.it Realizzato con il finanziamento della Regione Toscana (LR. 16/2009 “Cittadinanza di genere”)

Con il sostegno di: Comune di Pisa - Aied Pisa

10 www.confcommerciopisa.it

PROVINCIA DI PISA


Pontedera - Giunto alla III edizione, organizzato da Confcommercio Pisa e O.N.A.V.(l’associazione che raccoglie gli assaggiatori di vino), la collaborazione di F.I.S.A.R., A.I.S. e Slow Food e il sostegno della Provincia di Pisa e del Comune di Pontedera, il Festival del Chianti è diventato ormai un appuntamento classico della primavera pontederese e più in generale pisana. che si svolgerà presso il ristorante “Il Cavatappi” di Calcinaia, l’occasione ideale per Una conferma attesa e fortemente voluta, premiare i finalisti e degustare tutti i vini sulla scia del successo e del gradimento partecipanti, in abbinamento con piatti delle precedenti edizioni all’insegna del tradizionali. Chianti, un vino in continua evoluzione qualitativa e capace di incuriosire e inte- Renzo Bartoli (Confcommercio Pisa): “La ressare un pubblico sempre più vasto. finalità principale di questa iniziativa è

“Arrivano il Gran Premio e il Gran Galà per il Festival del Chianti”

senza dubbio quella di avvicinare, sempre Il Festival del Chianti si svilupperà attradi più, la realtà dei produttori di vino con verso due appuntamenti principali: quella dei rivenditori (enoteche, negozi di Il “Gran Premio”, che avrà luogo sabato 21 vicinato, cantine...) e con l’articolato monmaggio, una vera e propria competizione do della ristorazione. Una iniziativa finasui vini presentati in concorso, con tanto lizzata ad esaltare e far conoscere sempre di selezione dei finalisti e classifica finale più diffusamente le indiscusse qualità dele il “Gran Galà” di domenica 12 giugno, le produzioni vinicole territoriali”.

www.confcommerciopisa.it

11


Ex ospedale Calambrone: “Solo il primo passo di una più ampia riqualificazione” “Vogliamo ringraziare tutti coloro che hanno reso possibile il buon esito della vicenda dell’ex ospedale del Calambrone. Il risultato positivo conseguito non è frutto del caso, ma dell’impegno e della dedizione di commercianti, imprenditori, cittadini di tutto il litorale pisano. Una sinergia di intenti che ha unito le forze migliori di una intera comunità, per scongiurare un evento che avrebbe compromesso l’intera stagione turistica 2011. Un traguardo importante e tuttavia solo il primo passo di un più complessivo progetto di riqualificazione del litorale, che prevede almeno altri due interventi urgenti ed essenziali: lo smantellamento del campo nomadi sulla via bigattiera e il contenimento, attraverso un piano organico di intervento, dei fenomeni dell’abusivismo commerciale a Tirrenia. Su entrambi i fronti, le istituzioni locali hanno pubblicamente garantito il massimo della disponibilità. Prontissimi, noi e gli imprenditori, a dare il nostro contributo”.

12 www.confcommerciopisa.it

Direttore Federico Pieragnoli


“Pmi: uno sportello per l’internazionalizzazione” Si chiama Sportello Sprint e promuove lo sviluppo degli scambi commerciali e l’internazionalizzazione delle imprese del commercio e del turismo per Pisa e provincia. In una realtà di economia globale, un numero sempre crescente di imprese è sottoposta ad una spinta competitiva interna ed esterna sempre più forte che richiede inevitabilmente processi di internazionalizzazione. Lo sportello Sprint di Toscana Promozione ha esattamente lo scopo di agevolare l’accesso degli operatori economici ai servizi promozionali e agli strumenti internazionali, comunitari per una maggiore diffusione degli stessi. A Pisa e provincia, lo sportello è operativo presso la sede di Confcommercio Pisa e il responsabile è Paolo Pesciatini. Spicca su tutti l’intenso programma formativo, completamente gratuito. I corsi disponibili a partire da maggio variano da “Travel 2.0, I II e III Livello” alle “Tecniche di vendita e massimizzazione dei profitti”, da “Gli indicatori chiave di performance dell’azienda ricettiva”, alla “La scelta dei prodotti e dei mercati sui quali operare” fino alle “Griglie tariffarie e la gestione economica dell’attività ricettiva”. I seminari, assolutamente gratuiti, sono rivolti a tutti gli operatori del turismo e a quanti desiderino conoscere nuove strategie di marketing.

Confcommercio Pisa: “Costituito il nuovo Sindacato dei Fioristi”

Tutela sindacale, lotta all’abusivismo commerciale, convenzioni pubbliche, revisione tariffe Tarsu, sono questi i temi principali al centro del lavoro del Sindacato Fioristi di Confcommercio Pisa appena ricostituito. Tema particolarmente sentito dall’intera categoria è quello dell’abusivismo commerciale, soprattutto in occasione di feste importanti (festa della Donna, festa della Mamma...) quando il fenomeno acquista dimensioni rilevanti generando in-

genti danni economici alla categoria. Il sindacato è composto da Bimbi Vittoria (Fiordiluce), Bottoni Donatella (Il Girasole), Bonanni Fiorella (Oasi Floreale), Balagi Leonardo (Meoli Marisa), Canova Santina (Il fiore all’occhiello), Di Sacco Barbara (Angolo Fiorito), Romboli Patrizia (Mondo fiorito), Scarpellini M. Graziosa (Fiorista Giampiero), Terreni Sara (L’orchidea di Sara). Esprime soddisfazione per la costituzione del nuovo sindacato, il Presidente di

Confcommercio Pisa Luca Ciappi: “La costituzione di questo nuovo sindacato è una notizia positiva, che conferma una volta di più l’impegno e la disponibilità di Confcommercio Pisa al servizio e a tutela degli interessi imprenditoriali di tutte le categorie. Non posso che augurare al nuovo sindacato dei fioristi un buon lavoro”. La segretaria del Sindacato Fioristi è Donatella Fontanelli Tel. 050 7846619 email: d.fontanelli@confcommerciopisa.it www.confcommerciopisa.it

13


Per le Imprese commerciali del Terziario e del Turismo

Costo

0

LA FORMAZIONE, UN’OPPORTUNITÀ DI CRESCITA A COSTO ZERO For.Te. eroga finanziamenti alle aziende per la formazione dei lavoratori. La formazione è lo strumento giusto per essere sempre competitivi e professionali nel mondo del lavoro. For.Te. è il Fondo Interprofessionale per la formazione continua delle imprese di tutti i settori economici. Autorizzato dal Ministero del Lavoro, è promosso da CONFCOMMERCIO, CONFETRA, CGIL, CISL e UIL.

E PARTECIPA ALL RTUNITÀ, DIVERSE OPPO ITO A ADERISCI SUB PLICE FOR.TE. È SEM NIENTE. E NON COSTA

tradizionale formula degli Avvisi, sono state attivate due nuove modalità di finanziamento: il Conto Individuale Aziendale e la Formazione a Catalogo per le piccole e medie imprese. A For.Te. aderiscono aziende di ogni dimensione, ogni settore economico e localizzate su tutto il territorio Nazionale. Il principale risultato dell’attività svolta viene proprio dalle adesioni, in costante aumento: 105.500 imprese aderenti con 1.200.000 lavoratori, 350 mln di euro stanziati, oltre 19 mln di ore di formazione finanziate per formare 900.000 lavoratori. Le imprese possono aderire in qualsiasi mese dell’anno e utilizzare da subito una delle opportunità offerte da For.Te. Aderire non ha alcun costo per l’azienda ed il lavoratore ed è semplice; è sufficiente indicare nella denuncia UNIEMENS (ex DM10) il codice adesione FITE. Nel caso in cui l’azienda sia aderente ad altro Fondo occorre indicare prima il codice di revoca REVO e quindi il codice di adesione FITE.

La formazione finanziata da FOR.TE. è davvero gratuita, le imprese e i lavoratori non devono anticipare alcun costo! For.Te. presta la massima attenzione all’ampliamento e al miglioramento dell’offerta di servizi, al fine di rispondere in modo sempre più adeguato ai fabbisogni delle aziende aderenti e potenziali aderenti. In particolare, accanto alla

TIENITI

FOR.TE.

FORMAZIONE A COSTO ZERO

confetra

www.fondoforte.it FOR.TE. Via Nazionale 89/a - 00184 Roma • Tel. 06 468451 • info@fondoforte.it

COME OTTENERE UN OTTIMO ESPRESSO Una volta che il caffè tostato è giunto nei locali per essere consumato, entrano in gioco le famose 4M. Prima M Il perfetto equilibrio di una miscela

IL CAFFE’

è forse il pregio più difficile da riscontrare poiché richiede impiego di qualità pregiate, giusto dosaggio delle stesse, perfetto grado di tostatura. La fase della miscelazione, è dunque quella in cui nasce il carat-

LA STORIA DI UN CAFFE’ PERFETTO

Ma è con la torrefazione che il caffè cambia completamente aspetto e qualità. è l'operazione di trasformazione che dà ai chicchi l'aspetto che siamo abituati a vedere. Durante la tostatura il chicco si apre, e dilata la tipica fessura centrale, perde in peso circa il 18- 20 %, mentre aumenta in volume del 60 %. Cambia gradatamente il suo colore, ma sopratutto è sottoposto a reazioni fisico- chimiche assai complesse. Il grado di torrefazione viene regolato tenendo conto: dei gusti del consumatore e della zona di destinazione: tostare al sud Italia è cosa diversa che tostare per il nord. Nessuna macchina, nessun computer può sostituire l'occhio e la mente dell'esperto tostatore. Il grado di torrefazione è la base di ogni miscela: gli Arabica richiedono sempre una tostatura più chiara affinché non vengano alterati gli aromi delicati che li distinguono, mentre per i Robusta è indispensabile una tostatura leggermente più scura per coprire le loro caratteristiche di legnosità. Nata nell'altopiano di Kaffa, in Etiopia, la piantina del caffè, si è diffusa prima nello Yemen, e poi nella maggior parte dei paesi a clima caldo- umido, tra i due tropici. In questa zona del globo terrestre viene dunque prodotto il caffè verde, che secondo le provenienze (Brasile, Costarica, Jamaica, Etiopia, ecc. ) avranno qualità diverse. Le specie botaniche di caffè che hanno valore commerciale e vengono coltivate, sono due: la Coffea Arabica e la Coffea Robusta. Esse hanno non solo aspetti diversi, ma anche gusti, aromi, e caratteristiche organolettiche completamente differenti.

T

utto cominciò nel 1930 con il Bar di Corso fondato dal "Sor" Ugo Incerpi, in quella Montecatini Terme di stile Liberty, vero punto d'incontro di fama internazionale. Il titolare del Bar New York, comprò una macchina per "torrefare" il caffè, così da proporre un prodotto particolare alla sua raffinata clientela, che frequentava la città termale per riposarsi e "passare le acque" il suo caffè era talmente buono che in poco tempo si sparse la voce, e la domenica si veniva persino da Firenze per gustarlo. Dopo la II Guerra Mondiale, Loretta, la figlia del "sor" Ugo, sposò Oscar Onori che, già esperto agronomo, trasformò negli anni 50/60 l'attività artigianale in una torrefazione capace di distribuire il caffè in tutta la Toscana. Caffè New York va ancora avanti grazie al consolidamento e lo sviluppo sapientemente tramandato ai figli e, oggi, ai nipoti. Non solo in Toscana, ma anche in Francia, Germania (dove abbiamo ricevuto uno speciale riconoscimento superando una concorrenza molto più famosa di noi) , Sud Africa, Canada e Giappone. Questa è la nostra storia, fatta di passione per il nostro lavoro e di rispetto per il consumatore. Così ogni volta che assaporate una tazzina di Caffè New York, chiudete gli occhi e pensate che lì dentro ci sono 80 anni di storia.

ECCO IL NOSTRO MONDO

E’ quello che milioni di persone incontrano ogni giorno, per celebrare il loro rito quotidiano. Chi lo preferisce ristretto, chi forte, chi soave, chi dolce. Per ognuno di questi il requisito principale è che sia di qualità. Insomma un vero e proprio corroborante, un prezioso rimedio contro la fatica fisica e

14 www.confcommerciopisa.it

mentale, un insostituibile compagno delle nostre giornate lavorative, e dei nostri momenti di relax. Ecco il nostro mondo, il mondo della torrefazione New York: Viale Adua, 5/7 – Pistoia tel. 0573 24281-2 – Fax. 0573 364562 www.caffenewyork.it info@caffenewyork.it

tere, il valore di una marca di caffè, quella che ne determina l'immagine e che influisce direttamente sulla "fama" di una bar: armonia sofisticata del gusto, aroma generoso, corso nobile, costituiscono la strategia vincente per una miscela destinata ad imporsi. Seconda M é l'esperienza che il barista si fa dopo anni di lavoro dietro la macchina. Normalmente è preferibile che alla macchina da caffè lavori sempre una stessa persona, o comunque persone che lavorano nello stesso modo, così da non avere problemi nella macinatura del caffè. Infatti la macinatura e la macchina dovrebbero essere regolate in base alle abitudini di lavoro dell'operatore. Terza M Avere una macinatura sempre perfetta in tutte le condizioni ambientali è una delle cose più importanti per ottenere un ottimo caffè! Quindi, utilizzate un buon macinadosatore, constatate che le macine siano sempre ben affilate, eseguite la pulizia quotidiana per evitare che dei residui di caffè irrancidiscano, e varino il gusto finale del prodotto. Quarta M Utilizzate una macchina di una buona marca, che riesca ad esaltare le qualità del Vostro caffè. Tenete conto che un buon espresso deve scendere il 25- 28 secondi, di cui 5/6 di infusione. I principali elementi da tenere sempre sotto occhio sono: - manometro pressione caldaia: indica la pressione esistente in caldaia. La pressione ottimale deve essere circa tra 0,9 e 1 atmosfera, al di fuori di questi valori il caffè sarà o troppo freddo o troppo caldo. - manometro di pressione della pompa volumetrica, che deve essere sempre tra le 8 e le 10 atmosfere, al di fuori di questi valori il caffè non viene sfruttato nella maniera adeguata, e risulterà con crema inconsistente o troppo corposa.

Sib Confcommercio Pisa: “Il litorale pisano finalmente nel sito ufficiale della Regione Toscana” “Il Sib Confcommercio Pisa esprime soddisfazione per l’impegno svolto dall’Assessore Provinciale al Turismo Salvatore Sanzo, che ha accolto la nostra proposta affinché il litorale pisano fosse inserito, come località turistica autonoma e distinta, all’interno del sito ufficiale della Regione Toscana, colmando così una grave mancanza. Si tratta di un bel risultato, che contribuisce al riconoscimento dell’autonomia e della unicità della costa pisana, favorendo il rilancio della sua immagine complessiva”.


Zurich For Family

Fondi Pensione, tutela dell’attività aziendale, patrimonio familiare Al via lo sportello assicurativo con Zurich Agenzia Simone Benedetti Tutti i giovedì mattina, presso la sede di Pisa, in via Chiassatello 67, dalle 11.00 alle 13.00, i consulenti Zurich – Agenzia Simone Benedetti, Paolo Romani e Francesca Vento saranno a disposizone di tutti gli associati interessati ad avere informazioni, delucidazioni e chiarimenti in materia di consulenza

previdenziale e polizze rischi. Saranno possibili consulenze gratuite personalizzate in materia di: vantaggi fiscali dei nuovi fondi pensione, soluzioni mirate a tutela dell’attività e del patrimonio aziendale, protezione della famiglia e delle persone. Per ulteriori informazioni, telefonare al numero 050/25196.

Per tutti gli associati di Confcommercio Pisa condizioni molto interessanti per la copertura Tuttirischi Casa, Zurich For Family per: Garanzia Furto e Atti Vandalici Garanzia Incendio Garanzia Civile verso Terzi Garanzia Eventi Atmosferici e Socio Politici Per ulteriori approfondimenti, potete contattare i consulenti Zurich – Agenzia Simone Benedetti e fissare un appuntamento presso la sede di Confcommercio Pisa, via Chiassatello 67, dalle ore 11.00 alle ore 13.00, oppure telefonare direttamente a Paolo Romani (Cell. 328 1050768) e Dott.ssa Francesca Vento (Cell. 3403215617).

www.confcommerciopisa.it

15


Ci prendiamo cura della Tua sicurezza! A disposizione per tutti gli associati di Confcommercio Pisa è attivo il nuovo servizio Sicurezza Qualità e Ambiente. Grazie ad uno staff di professionisti, potrai usufruire di una attività di informazione e di assistenza in materia di Sicurezza sui luoghi di lavoro (Dlgs 81/08), Ambiente

SICUREZZA SUI LUOGHI DI LAVORO (Dlgs 81/08)

AMBIENTE

e Sistemi di Gestione Certificati Qualità. Scopri i nostri servizi, telefona e prenota senza impegno un incontro con un nostro consulente. Chiama il numero di telefono 050/25196, o scrivici all’indirizzo mail sqa@confcommerciopisa.it.

SICUREZZA SUI LUOGHI DI LAVORO (Dlgs 81/08)

Attività di informazione e assistenza Attività di assistenza alle aziende sulla alle aziende in materia di documentazione per gli adempimenti

Nomina degli addetti alle aziendale

SICUREZZA SUI LUOGHI DI LAVORO (Dlgs 81/08)

SISTEMI DI GESTIONE CERTIFICATI Assistenza e consulenza per la organizzazione ed implementazione di sistemi di gestione certificati

Misurazioni ed analisi

sicurezza Elaborazione documento valutazione Rilevazioni fonometriche in azienda dei rischi (DVR) e calcolo dei Lep

Prevenzione degli infortuni

Elaborazione documento valutazione rischio di incendio (D.M. 10 marzo Analisi dei fumi 1998)

Igiene negli ambienti di lavoro

Valutazione del rischio di esposizione Perizie Tecniche su macchine ed a polveri di legno duro attrezzature

Sorveglianaza dipendenti

Assistenza e Consulenza sugli adempimenti tecnico amministrativi in materia di: acqua, aria, rifiuti Incontri informativi di aggiornamento Sopralluoghi di valutazione adempimenti in materia ambientale Realizzazione di check up aziendali per individuazione di carenze tecniche e/o documentali Consulenze specialistiche in azienda Verifica periodica degli impianti elettrici di messa a terra Assistenza e compilazione MUD Assistenza sistema SISTRI Analisi su rifiuti per attribuzione codici CER Pratiche autorizzatorie per emissioni in atmosfera Check up ambientali

sanitaria

ai Realizzazione del Piano emergenza ed evacuazione

Esposizione a rumore

di

Pratiche per il rilascio o il rinnovo del Certificato di Prevenzione Incendi (CPI)

Verifiche strumentali sui livelli di Organizzazione sistemi certificati esposizione dei lavoratori a polveri, OHSAS 18001/ UNI INAIL polveri di legno duro, fibre amianto...

Prevenzione degli incendi Dispositivi di protezione individuale (DPI)

Esercizi Aperti al Pubblico Per gli esercenti con 1 solo punto vendita a) Compenso annuo 2011: Utilizzare i bollettini marroni b) Sanatoria sui compensi antecedenti il 2011:Utilizzare i bollettini rossi

Paolo Pesciatini

Per informazioni rivolgersi al Responsabile Sindacale Paolo Pesciatini al numero 050 7846607

SCF: Modalità di pagamento del compenso 2011

16 www.confcommerciopisa.it

Per gli esercizi con più punti vendita a) Compenso annuo 2011: E’ necessaria la compilazione del “Modulo di adesione per la diffusione di musica d’ambiente in esercizi aperti al pubblico”. Al ricevimento della richiesta SCF determinerà l’importo da pagare inviando una fattura e l’esercente provvederà al relativo pagamento. b) Sanatoria sui compensi antecedenti il 2011: Effettuare la richiesta di adesione alla sanatoria tramite il “Modulo di adesione per la diffusione di musica d’ambiente in esercizi aperti al pubblico”.

Pubblici Esercizi/ Parrucchieri ed Estetisti a)Compenso Anno 2011: La riscossione dei compensi per i Pubblici Esercizi ed i Parrucchieri/Estetisti è stata affidata a Siae che provvederà a risucotere entro il 31 maggio i compensi stabiliti in convenzione. b)Sanatoria sui compensi antecedenti il 2011: Utilizzare i bollettini rossi Strutture Ricettive a) Compenso anno 2011: I gestori di hotel, Residence, Affittacamere e simili devono provvedere al pagamento del compenso entro il 31 maggio 2011, attraverso la compliazione del “Modulo di adesione alle condizioni generali per la diffusione di musica d’ambiente in strutture ricettive”. b) Sanatoria Compensi Antecedenti il 2011: Effettuare la richiesta di adesione alla sanatoria tramite il “Modulo di adesione per la diffusione di musica d’ambiente in esercizi aperti al pubblico”.


FINANZIAMENTI ALLE PICCOLE E MEDIE IMPRESE DEL COMMERCIO E TURISMO. L’innovazione oggi è la chiave decisiva per restare competitivi in un mercato diventato all’improvviso più affollato e più aggressivo, ma occorre il coraggio di credere e investire in idee nuove, capaci di migliorare il servizio e/o l’efficienza aziendale. Per questo la Regione Toscana, insieme all’Unione Europea, offre importanti opportunità di finanziamento alle Piccole e Medie Imprese del commercio e turismo ed alle loro forme aggregate, con due interessanti misure: una finalizzata a cofinanziare l’acquisto di consulenze (servizi qualificati di professionisti); l’altra, finalizzata a cofinanziare progetti che innovano servizi o processi della tua azienda.

ESEMPI DI INTERVENTI FINANZIABILI Consulenze per l’acquisizione di certificazioni ambientali (Emas o Ecolabel), sociale (SA 8000) e di qualità (ISO 9000). Inoltre consulenze in materia di innovazione e supporto. La Regione cofinanzia le spese di progettazione e consulenza. Innovazione organizzativa nelle attività delle imprese. Per intervento innovativo si intende quello che dota l’impresa di un sistema di gestione e/o organizzazione di natura avanzata. Tale sistema comprende sia l’acquisizione di strumentazioni tecnologiche di elevata specializzazione e complessità utili allo sviluppo ed evoluzione dell’azienda, che l’attuazione di specifici progetti innovativi, in ogni caso espressamente legati alle attività turistiche e commerciali svolte dall’azienda.

SPESE AMMISSIBILI Per le consulenze: Le spese per l’acquisizione di servizi qualificati, ammissibili al finanziamento sono riconducibili a: a - servizi di consulenza in materia di innovazione e di certificazione avanzata (allegato A “1. Servizi di supporto all’innovazione organizzativa e all’introduzione di tecnologie dell’informazione e della comunicazione”) ed in particolare ai seguenti costi: consulenza gestionale; assistenza tecnologica; servizi di trasferimento di tecnologie; consulenza in materia di acquisizione, protezione e commercializzazione dei diritti di proprietà intellettuale e di accordi di licenza; consulenza sull’uso delle norme. b - servizi di supporto all’innovazione (allegato A “2. Servizi qualificati specifici a domanda collettiva”) ed in particolare ai seguenti costi: banche dati; biblioteche tecniche; ricerche di mercato; utilizzazione di laboratori; etichettatura di qualità; test e certificazione.

Per l’innovazione: a - le spese di personale (ricercatori, tecnici e altro personale ausiliario purché impiegati per il progetto). Si precisa che l’importo di questa spesa non può superare il 30% del costo totale ammissibile dell’intero progetto; b - i costi degli strumenti e delle attrezzature, incluso software, nella misura e per il periodo in cui sono utilizzati per il progetto. Se gli strumenti e le attrezzature non sono utilizzati per tutto il loro ciclo di vita per il progetto, sono considerati ammissibili unicamente i costi di ammortamento corrispondenti alla durata del progetto, calcolati secondo i principi della buona prassi contabile. Si tratta esclusivamente di costi di strumenti e attrezzature TIC, come indicato al punto 5.5 della disciplina comunitaria 2006/C323/01; c - i costi dei fabbricati e dei terreni nella misura e per la durata in cui sono utilizzati per il progetto. Per quanto riguarda i fabbricati, sono considerati ammissibili unicamente i costi di ammortamento corrispondenti alla durata del progetto, calcolati secondo i principi della buona prassi contabile. Per quanto riguarda i terreni, sono ammissibili i costi delle cessioni a condizioni commerciali o le spese di capitale effettivamente sostenute; d - i costi dell’innovazione contrattuale, delle competenze tecniche e dei brevetti, acquisiti o ottenuti in licenza da fonti esterne a prezzi di mercato, nell’ambito di un’operazione effettuata alle normali condizioni di mercato e che non comporti elementi di collusione, così come i costi dei servizi di consulenza e di servizi equivalenti utilizzati esclusivamente ai fini dell’attività di ricerca; e - spese generali supplementari derivanti direttamente dal progetto, per un importo massimo del 10% del costo totale ammissibile del progetto; f - altri costi di esercizio, inclusi costi di materiali, forniture e prodotti analoghi, sostenuti direttamente per effetto dell’attività prevista dal progetto. Nel caso delle consulenze ... il valore ammissibile va dai 15.000,00 ai 20.000,00 Euro ed il cofinanziamento è pari al 50%! Nel caso di progetti innovativi... non possono essere ammesse all’agevolazione investimenti inferiori ad Euro 50.000,00 e superiori ad Euro 1.000.000,00. Gli investimenti usufruiscono di un contributo in conto impianti nella misura massima del 25% della spesa ritenuta ammissibile per le medie imprese, massima del 35% per le piccole e micro imprese e massima del 50% per i Centri Commerciali Naturali. LA PRESENTAZIONE DELLE DOMANDE VA DAL 1 APRILE AL 30 GIUGNO 2011 E A PARTIRE DAL 2012 DAL 1 FEBBRAIO AL 30 APRILE. VERSIONE INTEGRALE DEL BANDO E INFO ON LINE SUI SITI DELLE ASSOCIAZIONI DI CATEGORIA

www.confcommercio.toscana.it

www.confcommerciopisa.it

17


18 www.confcommerciopisa.it


www.confcommerciopisa.it

Banca del gruppo

19


20 www.confcommerciopisa.it

1103 Marzo  

Notiziario confcommerciopisa Marzo 2011

Read more
Read more
Similar to
Popular now
Just for you