Issuu on Google+

llllllllllllllllllilpunto

02 marzo 2012

VISION Periodico di Informazione di Confartigianato Imprese Arezzo

Una modesta proposta: compensare i crediti verso notizie I dei Medici la p.a. con i debiti al fisco Ferdinando torna alla sua antica bellezza

A una situazione di crisi straordinaria occorre rispondere con misure straordinarie da attuare immediatamente. Le piccole e medie imprese che rappresentano oltre il 94% delle imprese italiane e fanno dell’Italia il Paese all’interno dell’Ocse con il più alto numero , impiegando il 58,5% della forza lavoro e generando il 60% del Pil, rischiano oggi, con allarmante concretezza, di essere stritolate da due fattori: il fisco, che già era esorbitante ed è diventato ora ancora più insostenibile, e il ritardo nei pagamenti da parte delle pubbliche amministrazioni. Proprio i ritardi di pagamento della Pa costano agli artigiani qualcosa come 3,6 miliardi all’anno di oneri finanziari, causano pesanti crisi di liquidità alle imprese e le costringono a rivolgersi alle banche, che avendo a loro volta difficoltà, molte volte non erogano. Per questo Confartigianato ha chiesto al Governo, proprio in questi giorni attraverso il suo Segretario Generale, di intervenire con urgenza, consentendo agli imprenditori la compensazione tra i crediti che vantano nei confronti della Pubblica amministrazione con le imposte da pagare al Fisco. La compensazione potrebbe anche essere temporanea per il periodo più acuto della crisi economica, ma e’ necessaria per facilitare la sopravvivenza delle imprese nell’attuale drammatica congiuntura, dove le piccole imprese rappresentano l’anello debole di una catena lunga fatta di clienti che non pagano, come la P.A, di credito sempre più difficile da ottenere, di pressione fiscale e burocratica sempre più elevata. Per dare sollievo a questa situazione serve un decreto del governo che permetta agli imprenditori la compensazione tra i crediti che vantano nei confronti della Pubblica amministrazione con le imposte da pagare al Fisco. E’ inoltre indispensabile che l’Italia recepisca al più presto la direttiva europea sui tempi di pagamento e che le nuove regole di Basilea 3 sui requisiti patrimoniali delle banche, che sono all’esame del Parlamento e del Consiglio europeo, tengano conto della specificità del modello produttivo italiano. In Italia ci sono oltre 4 milioni di piccole e medie imprese, dalla loro vitalità deriva in gran parte la possibilità del sistema Italia di uscire dalla crisi. Mauro Giovagnoli

credito POSX – ART la nuova offerta Artigiancassa per gli associati Confartigianato

paghe e politiche del lavoro Rinnovo contratti Comunicazione nominativi RLST e visite aziendali categorie e mercato Mostra Mercato dell’Artigianato: ad Anghiari la XXXVII edizione

bpc

fondata nel  Settimanale della Confartigianato Toscana - Anno XXII Nº 9 del 12/4/12 Poste Italiane s.p.a. Sped. in abbonamento postale D.L. 353/2003 (conv. in L. 27/02/2004 nº 46), art. 1 comma 1, DCB Po - Iscr. Trib. FI - n. 4161 del 12/12/91 Direttore Responsabile: G. GUERRINI Editore: Media srl - C.P. 555 Progetto grafico e stampa: Industria Grafica Valdarnese (San Giovanni Valdarno) Copia: 0,50 € con la collaborazione di laura pugliesi


notizie varie

2

Ferdinando I dei Medici torna alla sua antica bellezza Completato il restauro promosso e finanziato da Confartigianato Imprese Presentato stamani il lavoro di restauro della statua di Ferdinando I dei Medici, collocata sulle scale del Duomo di Arezzo. Il telo bianco che la ricopriva è stato rimosso dal Sindaco Giuseppe Fanfani e dal Presidente di Confartigianato, Giovanbattista Donati. Con loro l’assessore provinciale Piero Ducci; il Presidente della Camera di Commercio, Giovanni Tricca; Michele Loffredo della Soprintendenza per i Beni culturali; la restauratrice Silvia Dagnino e il parroco della cattedrale, don Alvaro Bardelli. Il Sindaco Fanfani ha ringraziato Confartigianato per avere reso possibile il lavoro di restauro e ripulitura dell’opera che è stato effettuato da Dagnino, sotto la vigilanza della Soprintendenza di Arezzo, con la consulenza del restauratore Umberto Senserini e con il finanziamento di Confartigianato imprese Arezzo. “Siamo stati onorati - ricorda il presidente Giovanni Battista Donati - di promuovere il restauro e la ripulitura di questo monumento. Lo abbiamo fatto in occasione del Festival della persona, la kermesse che è ormai diventata un appuntamento obbligato a settembre per la nostra associazione, che si è tenuta proprio “sotto gli occhi” di Ferdinando. I lavori hanno impiegato più tempo del previsto, ma il prolungamento dell’intervento è stato necessario sia dalla sua complessità sia dall’esigenza di non compromettere il lavoro fatto in una inaugurazione troppo prematura, viste le rigide condizioni del tempo che hanno caratterizzato i primi mesi del 2012. Ora - conclude Donati- è giunto il momento di restituire quest’opera d’arte alla città. Per noi è un esempio di quello che si può fare, in concreto, per valorizzare il centro storico. Confartigianato aveva già economicamente sostenuto il restauro della statua del Fossombroni e la ripulitura del monumento al Petrarca”.

“L’intervento di restauro, del quale la Soprintendenza ha curato la supervisione tecnico-scientifica, si è dimostrato particolarmente impegnativo - commenta Michele Loffredo della Soprintendenza per i Beni APPSAE di Arezzo. La scultura era compromessa da diversi agenti atmosferici e biologici e il restauro conservativo era diventato necessario soprattutto perchè negli ultimi anni si è avuto un peggioramento delle condizioni. Si può considerare del tutto soddisfacente l’avvenuto recupero del monumento, il più antico del centro storico di Arezzo, ripristinato, quanto più possibile, al suo originale stato”. Il monumento a Ferdinando I de Medici è stato eretto sulla scalinata del Duomo di Arezzo il 14 luglio 1594. Commissionato dal Comune di Arezzo allo scultore Giambologna nel 1591 per commemorare il Granduca e, come si legge nell’iscrizione sul pannello frontale del piedistallo, rendergli omaggio per aver bonificato la zona e aver reso Arezzo “città di passo”. La scultura è il risultato della collaborazione tra il Giambologna e uno dei suoi migliori discepoli, Pietro Francavilla. Il maestro si occupò personalmente dell’ideazione e della realizzazione del bozzetto preparatorio in cera, oggi conservato al Victoria and Albert Museum di Londra, mentre il Francavilla provvide alla realizzazione della scultura in marmo. Altri pregevoli esempi di questa collaborazione artistica sono i due gruppi della Loggia dei Lanzi in piazza della Signoria a Firenze, il più famoso “Ratto delle Sabine” ed “Ercole e Nesso”. Il blocco di marmo utilizzato per la statua proviene dalle cave di Seravezza, trasportato per la lavorazione a Firenze e successivamente collocato dove oggi lo vediamo. “Le pessime condizioni in cui versava il monumento - ricorda la restauratrice Silvia Dagnino - non dipendono soltanto dai depositi superficiali comuni a tutti i manufatti marmorei esposti in ambito urbano, quali particellato atmosferico, croste nere e guano che alterano l’aspetto o ne occultano alcune parti, ma soprattutto dalla scarsa qualità del blocco di marmo utilizzato. A questa caratteristica si deve la parziale perdita della definizione originaria dei dettagli e della levigatura della superficie e il progressivo conferimento a essa, invece, di notevoli rugosità e porosità, che hanno favorito l’insediamento e la proliferazione di muschi e licheni. Anche a restauro ultimato, si può notare in alcune zone la modificazione naturale della superficie non collegabile a fenomeni particolari e percepibile come una variazione del colore originario del materiale e la formazione di numerosi fori ciechi (taroli) di forma tendenzialmente emisferica con diametro variabile. L’intervento, a parte le normali procedure di consolidamento e pulitura, è consistito nella lenta rimozione di questa compatta patina biologica prodotta da un raro lichene particolarmente tenace, Verrucaria nigrescens, che si estendeva per circa il 70% della superficie. La rimozione è stata effettuata esclusivamente con metodi tradizionali, ovvero mediante la ripetuta posa di un impasto costituito da un ispessente (polpa di cellulosa) con soluzione acquosa ad azione leggermente basica opportunamente formulata, risciacquata con acqua deionizzata”.

VISION marzo 2012


credito

3

POSX – ART la nuova offerta Artigiancassa per gli associati Confartigianato L’offerta POS X-ART prevede la fornitura di 800POS URMET Gigas di proprietà del cliente e con logo Artigiancassa FINO AD ESAURIMENTO SCORTE alle imprese che per prime approfitteranno della promozione. Il “POS Artigiancassa” è un prodotto fortemente innovativo, che consente di gestire in modo semplice, sicuro e veloce l’incasso elettronico di pagamenti effettuati con carte di debito (Pagobancomat, Maestro) e con carte di credito (CartaSi, Visa…)

DESTINATARI Il POS Artigiancassa è la soluzione ideale per tutte le imprese artigiane e le piccole e medie imprese (appartenenti a qualsiasi categoria merceologica) che effettuano la vendita di beni/servizi al pubblico. Il POS fisso Stand Alone è costituito da un’apparecchiatura direttamente collegata alla presa telefonica: la prima scelta per tutti gli esercenti che hanno necessità di un terminale POS semplice ed affidabile. Per il funzionamento dell’apparecchio è necessaria la disponibilità di una linea telefonica analogica (non adsl)

SCOPO

Comunicazione e servizi innovativi Costruzioni Impianti Legno e arredo Metalmeccanica di produzione Moda Servizi e terziario Trasporti, logistica e mobilità

1,65% 1,65% 1,45% 1,65% 1,65% 1,45% 1,45% 1,65%

0,50% + € 0,25 0,50% + € 0,25 0,50% + € 0,25 0,50% + € 0,25 0,50% + € 0,25 0,50% + € 0,25 0,50% + € 0,25 0,50% + € 0,25

INCASSO Accredito su c/c entro le 24 ore lavorative dalla data in cui è effettuata la transazione

CANALI DI ACQUISTO

Gestire in tutta sicurezza e in tempi rapidi l’incasso elettronico di pagamenti

In tutti gli Artigiancassa Point presenti presso le sedi Confartigianato Imprese Arezzo

COSTI

SPECIFICHE STANDARD ALONE i5100

L’offerta promozione X-ART prevede la fornitura dei soli terminali Stand Alone con commissione assistenza e manutenzione mensile pari a 6,66€

È il nuovo terminale in grado di gestire pagameti effettuati con qualunque tipo di carta elettronica sia essa basata su band a magnetica o a microcircuito, nel rispetto delle nuove norme bancarie. È un terminale piccolo e flessibile, particolarmente adatto ad essere utilizzato presso le casse dei negozi e dei grandi magazzini. È dotato di una stampante termica a caricamento veloce con sensore di fine carta, di un lettore chip card e di un lettore per tessere magnetiche a 3 tracce.

COMMISSIONE PRIMO COVENZIONAMENTO Gratuita

COMMISSIONI Categoria merceologica Alimentazione Artistico Autoriparazione Benessere

Commissione VISA e MasterCard 1,50% 1,45% 1,65% 1,50%

AREZZO

PARCHEGGI

Commissione PagoBancomat 0,50% + € 0,25 0,50% + € 0,25 0,50% + € 0,25 0,50% + € 0,25

INSTALLAZIONE E MANUTENZIONE Il terminale POS verrà installato da personale tecnico specializzato. I costi di manutenzione comprendono: - interventi di manutenzione entro le 24h lavorative dalla segnalazione del malfunzionamento - numero verde 800.900.912 - numero Artigiancassa 199.30.30.63

PARCHEGGIO DI PIAZZA DEL POPOLO INFORMAZIONI TEL. 0575/20658 O 393/9213276

Il parcheggio è posto nel centro della città ed è facilmente raggiungibile consentendo il rapido accesso al cuore commerciale e direzionale.

LA TARIFFA ORARIA È DI 2,00 EURO L’ORA. La società Arezzo Parcheggi propone varie forme di abbonamento in grado di soddisfare tutte le esigenze: ABBONAMENTO MENSILE 24 ore su 24 ABBONAMENTO SETTIMANALE 12 ore su 24 ABBONAMENTO GIORNALIERO (24 ore) TESSERA A SCALARE

€ 200 € 150 € 30

A PREZZI VENDITA BOX ISCRITTI LI AGEVOLATI AG O AREZZO NAT CONFARTIGIA

PER GLI ASSOCIATI A CONFARTIGIANATO È PREVISTO UNO SCONTO DEL 30%

Il parcheggio a rotazione è collocato ai primi due piani interrati ed è raggiungibile percorrendo comode rampe carrabili. Il parcheggio è aperto 24 ore su 24, per gli abbonati, dotati di tessera magnetica di prossimità. Il sistema di risalita degli utenti è consentito attraverso l’uso delle due torri scala una delle quali, quella “Guido Monaco”, è servita da un doppio impianto ascensore. Il parcheggio è dotato di un sofisticato ed affidabile sistema di controllo TV a circuito chiuso, in grado di garantire la massima sicurezza. Ad ogni piano è in funzione un confortevole servizio igienico. Il parcheggio è dotato di impianto antincendio con tecnologia “SPRINKLER”.

marzo 2012 VISION


paghe e politiche del lavoro

4

Rinnovo contratti Area Comunicazione - una tantum Si ricorda che con il mese di marzo 2012 deve essere erogata la seconda tranche di una tantum prevista dall’accordo di rinnovo del CCNL per i dipendenti del Area comunicazione siglato in data 25 ottobre 2010 . L’una tantum, ad integrale copertura del periodo dal 1° gennaio 2010 – 30/10/2010, deve essere erogata ai soli lavoratori in forza in forza alla data di sottoscrizione dell’accordo. Agli apprendisti saranno erogati a titolo di una tantum gli importi di cui sopra nella misura del 70%.

Area Tessile-Moda – una tantum Si ricorda che con il mese di marzo 2012 deve essere erogata la seconda tranche di una tantum prevista dall’accordo di rinnovo del CCNL per i dipendenti del Area Tessile-Moda (T.A.C. e pulitintolavanderie) siglato in data 3 dicembre 2010 . L’una tantum, ad integrale copertura del periodo dal 1° gennaio 2010 – 30 novembre 2010, deve essere erogata ai soli lavoratori in forza in forza alla data di sottoscrizione dell’accordo. Agli apprendisti saranno erogati a titolo di una tantum gli importi di cui sopra nella misura del 70%.

Area Tessile-Moda (pulitintolavanderie) – una tantum Si ricorda che con il mese di marzo 2012 deve essere erogata la seconda tranche di una tantum prevista dall’accordo di rinnovo del CCNL per i dipendenti del Area Tessile-Moda (T.A.C. e pulitintolavanderie) siglato in data 3 dicembre 2010 . L’una tantum, ad integrale copertura del periodo dal 1° gennaio 2010 – 30 novembre 2010, deve essere erogata ai soli lavoratori in forza in forza alla data di sottoscrizione dell’accordo. Agli apprendisti saranno erogati a titolo di una tantum gli importi di cui sopra nella misura del 70%.

Area Alimentazione - Panificazione Si ricorda che con il mese di marzo 2012 deve essere erogata la terza tranche di aumento contrattuale prevista dall’accordo di rinnovo del CCNL per i dipendenti del Area alimentazione e panificazione siglato in data 27 aprile 2010.

Area Meccanica, Installazione di Impianti, Orafi, Argentieri ed Affini, Odontotecnici Con il mese di aprile 2012 deve essere erogata la seconda tranche di una tantum prevista dall’accordo di rinnovo del CCNL per i dipendenti dell’Area Meccanica, Installazione di Impianti, Orafi, Argentieri ed Affini, Odontotecnici siglato in data 16 giugno 2011. L’una tantum, ad integrale copertura del periodo dal 1° gennaio 2010 – 30/06/2011, deve essere erogata ai soli lavoratori in forza in forza alla data di sottoscrizione dell’accordo. Agli apprendisti saranno erogati a titolo di una tantum gli importi di cui sopra nella misura del 70%.

CCNL Acconciatura-Estetica Si ricorda che con il mese di aprile 2012 deve essere erogata la seconda tranche di aumento contrattuale prevista dall’accordo di rinnovo del CCNL Acconciatura-Estetica siglato in data 25 novembre 2011. Per eventuali chiarimenti gli uffici di Confartigianato Imprese Arezzo sono a disposizione. Info: cristina.poggioni@confartimprese-ar.it Tel. 0575/314240

VISION marzo 2012

Comunicazione nominativi RLST e visite aziendali Si comunicano a tutte le aziende aderenti all’Ente Bilaterale Nazionale dell’Artigianato (EBNA) ovvero a tutte le aziende iscritte all’organismo paritetico territoriale artigianato (OPTA) i nominativi degli RSLT da inserire nei documenti di Valutazione dei rischi aziendali o documento equipollente al fine di ottemperare alla vigente normativa in materia di rappresentante dei Lavoratori della Sicurezza territoriale.

Foscarini Mario Calabassi Guido Ciccarelli Emanuele Ci preme inoltre ricordare che il RLST costituisce un importante sostegno, in virtù delle sue competenze in materia di sicurezza nei luoghi di lavoro, per aiutare in concreto l’azienda ad individuare eventuali criticità nell’ambito del ciclo lavorativo. Quanto sopra detto, al fine di richiedere l’effettuazione delle visite in azienda da parte del RLST, (come previsto dal dlgs. 81/2008 Testo Unico in materia di sicurezza e successive modificazioni e integrazioni), propedeutiche e funzionali all’esito positivo di visite ispettive da parte degli organi preposti alla vigilanza in materia di sicurezza nei luoghi di lavoro. Tutte le aziende che intendano richiedere la visita del RLST, che ricordiamo essere gratuita, potranno contattare Michele Ciavattini, coordinatore RLST, ai seguenti recapiti: tel. 0575/28815 - fax 0575/27994 e-mail michele@fimiaeba.it. Per ulteriori chiarimenti in merito le aziende potranno rivolgersi all’Area Politiche del Lavoro Confartigianato (tel. 05753141).


formazione

5

PMI Service – Agenzia Formativa di Confartigianato Imprese Arezzo

Sono aperte le iscrizioni per le seguenti attività formative promosse da PMI Service ADR – Trasporto merci pericolose

Rinnovo e Rilascio del patentino. Periodo di svolgimento: Maggio/Giugno 2012-04-02 DAL 1912

Controllo di gestione:contabilità analitica, predisposizione del budget e monitoraggio contabile ed amministrativo. Durata: 32 ore Periodo di svolgimento: Settembre/Novembre 2012

Corso Rhinoceros Avanzato per il settore orafo: modellazione 3D l’ultima versione Rhinoceros 5.0. Durata: 40 ore Periodo di svolgimento: Maggio/Novembre 2012

Formazione obbligatoria per coloro che esercitano attività di estetica. Durata: 20 ore Periodo di svolgimento. Ottobre/Novembre 2012

Formazione obbligatoria per accesso alle attività alimentari nel settore merceologico alimentare (c.a.a.)

UNA BANCA, LA SUA GENTE, LA SUA TERRA

Durata: 40 ore + esame. Periodo di svolgimento: Ottobre/Dicembre 2012

E-business e Web 2.0 applicato alle strategie di vendita e marketing. Durata: 24 ore Periodo: Settembre/Ottobre 2012

Cento anni di cooperazione costruendo il futuro FILIALI San Giovanni Valdarno* Tel. 055/91371 Faella-Piandiscò Tel. 055/965148 Terranuova Bracciolini Tel. 055/9198222 Montevarchi* Tel. 055/910111

*In filiale anche il sabato mattina www.bancavaldarno.it

San Cipriano-Cavriglia Tel. 055/961787 Loro Ciuffenna Tel. 055/9171177 Castelfranco di Sopra Tel. 055/9149665 Figline Valdarno* Tel. 055/ 959471

Formazione obbligatoria per tecnici addetti ai lavori elettrici in bassa tensione sotto tensione (comparto elettricità elettronica generale) – PEI Durata: 5 ore Periodo di svolgimento: Ottobre 2012

Formazione obbligatoria per tecnici addetti ai lavori elettrici fuori tensione (comparto elettricità elettronica generale)-PES Durata: 16 ore Periodo di svolgimento: Ottobre/Novembre 2012

SistemiSistemi e Strumenti per e Refrigerazione e Strumenti perCondizionamento Condizionamento e Refrigerazione WIGAM Spa WIGAM Spa Loc. Spedale 10/B - 52018Castel Castel S.S.Niccolò - AREZZO - ITALY- ITALY Loc. Spedale 10/B - 52018 Niccolò - AREZZO Tel. +39 0575 5011 - Fax +39 0575 501200 Tel. +39 0575 5011 Fax +39 0575 501200 info@wigam.com info@wigam.com

INFO ed ISCRIZIONI:

Elena Bucefari 0575/314272 elena.bucefari@artigianiarezzo.it Carlotta Renzetti 0575/314274 carlotta.renzetti@artigianiarezzo.it

MATERIALI EDILI - ATTREZZATURE - PAVIMENTI RIVESTIMENTI - ARREDO BAGNO

Via della Farnia, 1/3/5 - 52025 MONTEVARCHI (AR) tel.++39 055 9102109 - Fax ++39 500 9102700 www.edilmarketfailli.it - e-mail: info@edilmarketfailli.it

marzo 2012 VISION


6

“La famiglia e la tavola: salute e pedagogia del cibo” Il professor Rossi spiega ai genitori gli errori più comuni nell’alimentazione “La famiglia a tavola: salute e pedagogia del cibo”: questo il tema della penultima lezione della Scuola per Genitori promossa da Confartigianato Arezzo, che si è tenuta ieri sera all’auditorium dell’ospedale San Donato. La lezione è stata tenuta dal professor Pierluigi Rossi, noto medico aretino, specialista in scienza dell’alimentazione e medicina preventiva, docente all’Università di Bologna. L’incontro, affollato di genitori, si è aperto con le note, suonate al pianoforte, del maestro Matteo Trimigno, direttore della Filarmonica Guido Monaco, che ha anche chiuso la serata. Entrando nel tema dell’incontro il dottor Rossi ha svelato gli errori e spesso gli equivoci nei quali è facile cadere nell’alimentazione di oggi. “Un’alimentazione – ha spiegato- che è cambiata secondo le logiche della produzione industriale, tralasciando la dimensione umana, che è rimasta la stessa da migliaia di anni. Così – ha soggiunto Rossi esemplificando– oggi si coltivano solo alcune qualità di grano, le stesse in tutto il mondo, perché rendono di più dal punto di vista produttivo e perché sono più ricche di glutine. Il problema nasce dal fato che il nostro intestino, che è rimasto inalterato nei millenni, non è preparato per digerire tutto quel glutine e

VISION marzo 2012

non ce la fa.” Rossi ha mostrato anche alcuni esempi di grani antichi, che sarebbero più salutari, ma “rendono” di meno nella produzione. Fra questi il “monococco”, rappresentato anche in una formella sulla facciata della Pieve di Santa Maria di Arezzo e il “Verna”, grano tradizionale che oggi è stato recuperato e dalla sua farina, pur in piccole quantità, si produce pane. Un pane più digeribile per l’intestino umano. Continuando nella serata Rossi ha mostrato come l’obesità o il sovrappeso siano un rischio fin da piccoli e come l’Italia detenga il primato in Europa per sovrappeso e obesità infantile. “Tutto – ha continuato il professore – sta dentro la logica industriale per la quale si deve mangiare in modo da aumentare le vendite. I cibi sono perciò poco sazianti, ma molto appetibili e producono un circuito perverso che porta a malattie come il diabete e la sindrome metabolica.” Quale la ricetta? “La medicina della consapevolezza – ha detto Rossi – che ci rende sani per scelta. Nella scala della salute il 50% è determinato dalle scelte alimentari, il 30 per cento dalla genetica e solo il 20% da un buon sistema sanitario. Quello italiano costa 107 miliardi all’anno.” Il rimedio contro le scelte alimentari sbagliate sta nel non cadere vittima dei meccanismi industriali, nell’aumentare le dosi di frutta e verdura, cruda e cot-

ta e nel fare movimento. “La verdura cruda ad inizio pasto – ha spiegato Rossi – fa in modo che non si produca il cosiddetto picco dell’insulina e contribuisce a mantenere costante la curva glicemica. Poi è utile, a fine pasto, mangiare verdura cotta. Durante le pause è bene mangiare la frutta. Purtroppo siamo il Paese che produce più verdura e frutta e ne mangiamo molta meno degli altri.” L’appello è rivolto principalmente ai genitori. “Viviamo

– ha concluso Rossi – una vera dissociazione, mentre invece la scuola è abbastanza presente su questi temi.” La conclusione è stata la constatazione che “La scienza dell’alimentazione oggi è diventata la principessa della scienza medica, mentre solo 20-30 anni fa ne era la cenerentola.”E per chi, come Rossi, ha dedicato da decenni il suo impegno a queste tematiche è una soddisfazione non da poco.


categorie e mercato

7

Mostra Mercato dell’Artigianato: ad Anghiari la XXXVII edizione Manualità Creatività Tradizione Innovazione

150

mani

richiama 40 mila visitatori e copre tutti i settori dell’artigianato, dall’antiquariato alla lavorazione del ferro e della ceramica, dalla pietra lavorata ai metalli preziosi, dalle stoffe al cuoio, ha trovato sempre maggiori consensi tra i partecipanti, ampliando così il numero e la qualità degli espositori. A rendere unica la “ricetta” è la disposizione delle numerose ‘botteghe’ ospitate negli antichi fondi del centro storico di Anghiari, fatto di incantevoli piazzette e vicoli suggestivi. Numerosi gli eventi collaterali a cura di Confartigianato e Cna. Per tutta la durata della mostra, presso la sede dell’associazione Filarmonica Pietro Mascagni sarà allestita la mostra realizzata: “150 mani – collezione italiana.” Martedì 24 aprile al Teatro dei Ricomposti si terrà il dibattito: “La giovane impresa. Dialoghi su lavoro e imprenditorialità” con la partecipazione di Marco Colombo e Andrea Benedetto, presidenti dei Giovani Imprenditori nazionali di Confartigianato e Cna. Modera Romano Benini, giornalista e docente universitario. to di

Con il patrocinio e il contribu

Collezione ITALIANA

LA GIOVANE IMPRESA Dialogo tra giovani tà su lavoro e imprenditoriali Dibattito

ANGHIARI (AR)

21 aprile - 1 maggio 2012

Mostra di artigianato, arte e design

MARTEDI’ 24 APRILE 201

2 ORE 10.00 info@artigianiarezzo.it

le dei Ricomposti .

Anghiari - Teatro Comuna - info@cna.arezzo.it

lità

A : di E IMPRES

giovani su aloghi tra

LA GIOVAN

prenditoria lavoro e im

O tori BENEDETT i Imprendi ANDREA DI zionale CNA Giovan Na Presidente ri Imprendito to Giovani LOMBO MARCO CO zionale Confartigiana Na Presidente o L enti in legn IA ON re serram TESTIM to bbroni Setto ssile - abbigliamen Fa do ar Leon re te locco Setto ta Pa ile ed co ar re M tto magnoli Se metalmeccanico Erminia Ro re epolcro Zeusi Setto iari e Sans Emanuele tico di Angh l Liceo Ar tis de ni un al i degl Interventi del lavoro A MODER di politiche ed esperto BENINI iversitario ROMANO un e nt ce , do Giornalista

zione con

Centocinquant’anni di “Saper fare”

In collabora

Palazzo della filarmonica

A PROGRAMM

Un borgo antico, ricco di arte e di storia, un buon numero di artigiani, eccellenti nelle loro Pubblicato in occasione della Mostra creative 150capacità MANI | Collezione ITALIANA e manuali, Centocinquant’anni di Saper Fare una settimana di primavera e tanto, tantissimo pubblico: Progetto espositivo promosso da sono questi gli ingredienti del successo della Mostra Mercato dell’Artigianato della Valtiberina Toscana, che giunge quest’anno alla XXXVII edizione. La manifestazione che si svolge ad Anghiari dal 21 aprile al 1 maggio 2012 rappresenta il momento più importante di con il sostegno di della vocazione promozione artigianale della zona dimostrandosi uno degli appuntamenti più attesi del Centro Italia. La mostra, che vede la Confartigianato tra i soggetti promotori (insieme Regione Mostra & Concept espositivo a cura di FedericaaPreto Toscana, Camera di Commercio di Arezzo, Unione dei Comuni della Valtiberina, Associazione Pro Anghiari, Toscaordinamento organizzativo, Comunicazione e Progetto grafico na d’Appennino, Cna, Banca di Anghiari e Stia e Consorzio Terra della Valtiberina Toscana) valorizza il lavoro degli artigiani dando risalto alle loro abilità e rappresenta un punto r informazioni:di riferimento per un settore . 011.5526064 - Fax 011.5526060 - info@150mani.it ww.150mani.it che non può essere disgiunto dalla qualità del prodotto. Nel corso degli anni l’evento, che

Il nuovo Regolamento per i prodotti da costruzione Il Parlamento Europeo ha approvato il Regolamento dei Prodotti da Costruzione) fissando gli standard per la commercializzazione all’interno dell’Unione Europea Scopo della nuova normativa è la difesa della salute dei lavoratori, dei consumatori e dell’ambiente, con particolare attenzione verso le piccole e le microimprese. Il regolamento ha applicazione immediata nei Paesi membri, tuttavia alcune norme saranno valide dal 1° luglio 2013, dando tempo alle aziende di adeguarsi. Le principali novità:

Dichiarazione di prestazione: l’azienda dovrà dichiarare almeno una delle caratteristiche essenziali del prodotto da costruzione relativa all’uso o

agli usi previsti. La dichiarazione, presentata in formato cartaceo ed elettronico, dovrà essere resa disponibile all’utilizzatore finale del prodotto che ne faccia richiesta.

Salute, sicurezza e ambiente: le opere edili dovranno essere progettate, costruite e demolite, assicurando un uso sostenibile delle risorse naturali; permettendo anche un riciclo delle stesse. Inoltre non dovranno costituire, durante tutto il loro ciclo di vita, una minaccia per la salute, l’igiene, la sicurezza dei cittadini.

Sostanze pericolose: la dichiarazione di prestazione dovrà contenere informazioni relative al contenuto di sostanze pericolose

al fine di assicurare

un alto livello di protezione per la salute e la sicurezza dei lavoratori e degli utenti.

Procedure semplificate: Saranno definite le condizioni per procedure semplificate per la valutazione delle prestazioni dei prodotti da costruzione che

saranno applicabili solo alle persone fisiche o legali che fabbricano i prodotti.

Marcatura CE: la marcatura CE sarà seguita dalle ultime due cifre dell’anno in cui è stata apposta per la prima volta. Il nome e l’indirizzo del produttore o il marchio identificativo dello stesso, dovranno essere indicati in maniera chiara e certa. Norme armonizzate: si dovrà elaborare un metodo uniforme europeo per l’attestazione di conformità ai requisiti fondamentali. Documento europeo di valutazione: deve figurare una descrizione generale del prodotto da costruzione, la lista delle caratteristiche legate

all’utilizzo previsto e concordate fra il produttore e gli organismi di valutazione tecnica (TAB), i metodi ed i criteri per valutare le qualità del prodotto in relazione a caratteristiche essenziali.

marzo 2012 VISION


categorie e mercato

8

Misure straordinarie ed urgenti in materia ambientale E’ stata pubblicata in G.U. la Legge n. 28 del 24 marzo 2012

“Conversione in legge, con modificazioni, del decreto-legge 25 gennaio 2012, n. 2, recante misure straordinarie e urgenti in materia ambientale”. Tra le prinicipali questioni che riguardano le imprese segnaliamo:

Divieto della commercializzazione delle buste in plastica e “non ecologiche” - obbligo di sacchetti per l’asporto merci conforme alla norma UNI EN 13432:2002 (requisiti di biodegradabilità e compostabilità) secondo la certificazione rilasciata da organismi accreditati;

- proroga al 31 Luglio 2012 dell’entrata in vigore del divieto di commercializzazione dei sacchetti per l’asporto merci, non conformi alla norma UNI 13432; - i sacchi non conformi alla noma UNI 13432 e quindi non ecologici oltre a dover rispettare gli spessori finalizzati alla loro riusabilità devono contenere una percentuale di plastica riciclata per uso (o meno) alimentare.

Disposizioni “transitorie” sui materiali da riporto Fino all’entrata in vigore del decreto sulle terre e rocce da scavo, previsto dalla Legge “liberalizzazioni” viene stabilito che i materiali da riporto eventualmente rinvenuti sul suolo durante gli scavi, non sono considerati rifiuti, ma sottoprodotti e quindi possono essere riutilizzati purché si rispettino alcuni requisiti.

VISION marzo 2012

Disposizioni in materia di deposito temporaneo degli olii usati La norma consente di effettuare la gestione degli olii usati (compresa la miscelazione) anche nel deposito temporaneo oggetto della medesima destinazione finale, fatte salve le prescrizioni di destinazione e miscelazione rifiuti pericolosi

Disposizioni su materiali RAEE La norma chiarisce che il deposito temporaneo di rifiuti da Apparecchiature Elettriche ed Elettronicche (RAEE) di tipo domestico, finalizzato al loro trasporto al centro di raccolta, rientra nella fattispecie in oggetto a certe condizioni.

Misure per gli acquisti verdi della Pubblica Amministrazione e per lo sviluppo del mercato dei materiali da riciclo e recupero Viene stabilito in aggiunta a quanto previsto dall’art. 195 del D.Lgs. 152/2006 l’obbligo di emanazione entro il 31/12/2012 di specifiche Direttive statali che prevedano incentivazione allo sviluppo sostenibile (ad esempio l’utilizzo di prodotti derivanti dal riciclo dei pneumatici fuori uso o rifiuti speciali non pericolosi da costruzione e demolizione)


Vision201202