Page 1

Mensile di informazione dell’Associazione Artigiani della Provincia di Varese - Confartigianato

N. 04

OBIETTIVO professionalità

DIGITAL MANUFACTURING

La rivoluzione delle imprese

Spedizione in A.P. - 45% - art. 2 - comma 20/B L. 662/96 - art. 1 e art. 2 DPCM 24/02 - DC Varese - euro 0,25

Maggio 2015 - anno XIV

Artigianioggi


SOMMARIO MAGGIO 2015 seguici su:

C L w

F

facebook.com/ArtigianiVarese @ArtigianiVarese youtube.com/confartigianatoVA www.linkedin.com/company/ confartigianato-imprese-varese

Mensile di informazione dell’Associazione Artigiani della Provincia di Varese Viale Milano, 5 - Varese Tel. 0332 256111 - Fax 0332 256200 www.asarva.org - asarva@asarva.org INVIATO IN OMAGGIO AGLI ASSOCIATI Autorizzazione Tribunale di Varese n. 456 del 24/01/2002

L’editoriale di Enrico Pagliarini ......................................................................................................................... Il punto Digital manufacturing: quali prospettive per le imprese? ...................................................................................... IMV: l’artigianato italiano in mostra a Expo ........................................................................................................... Guerra o pace? La Russia gela l’export delle imprese........................................................................................... Salone del Mobile 2015, la sfida per il futuro del settore inizia da qui ................................................................... Mobili e arredo, a Varese 250 imprese attive ........................................................................................................ L’associazione Leadership emozionale ........................................................................................................................................ Corsi impresa.it, la formazione dove sei tu ........................................................................................................... Credito Accordo per il credito 2015, ecco cosa prevede ................................................................................................... CreditoAdesso, per lo sviluppo commerciale delle imprese................................................................................... Lombardia concreta ancora aperta i vista di Expo 2015 ....................................................................................... Artigianfidi Lombardia chiude l’esercizio 2014 con un attivo + 5,85% ................................................................. Calendario eventi maggio-giugno 2015................................................................................................................ Speciale Convenzioni ........................................................................................................................................ Impresa e territorio Marvic, il campione dei Grand Prix ....................................................................................................................... Syncro e la plastica che riempe il vuoto ............................................................................................................... Finazzi, una finestra sul Made in Italy ................................................................................................................... Lavoro Elba: i contributi 2015 per le imprese e i lavoratori............................................................................................... Dote impresa - incentivi all’assunzione di persone con disabilità.......................................................................... TFR in busta paga: come si liquida la quota integrativa dellaretribuzione.............................................................. Per i disoccupati è partita la nuova Naspi .............................................................................................................

3 4 6 8 10 11 12 13 14 15 15 15 16 17 22 24 26 28 28 28 28

Presidente - Davide Galli Caporedattore - Davide Ielmini Progetto grafico - Simona Caldirola Impaginazione - Stefania Campiotti e Simona Caldirola Hanno collaborato: Roberta Brambilla, Lucia De Angeli, Giuseppe Aletti, Maurizio Salardi, Giulio Di Martino, Umberto Rega, Monica Baj, Livio Lazzari, Matteo Campari, Lucia Pala. Stampa Grafica Lavenese - Laveno Mombello

Fisco Reverse charge: i chiarimenti dell’Agenzia delle Entrate ....................................................................................... Iva agevolata per beni significativi in edilizia ........................................................................................................ Formazione I corsi da non perdere .......................................................................................................................................... Export Fiera “Maison et objet” Parigi 4-8 settembre 2015............................................................................................... Contrattualistica internazionale: il nostro nuovo servizio a sportello ...................................................................... Global green Economy: il punto al forum di Pechino ............................................................................................. Ambiente Tari e rifiuti speciali: i chiarimenti dell’Ifel............................................................................................................. Tassa rifiuti a Caronno Pertusella: puoi chiedere la detassazione ......................................................................... Diventa obbligatorio l’invio telematico all’Albo Gestione Rifiuti ............................................................................. Novità di settore ................................................................................................................................................

Tiratura 13060 copie

Scadenze............................................................................................................................................................ 35

Questo numero di “Artigiani Oggi - Obiettivo Professionalità” è stato chiuso il 30 aprile 2015. Il prezzo di abbonamento al periodico è pari a euro 28 ed è compresa nella quota associativa. La quota associativa non è divisibile. La dichiarazione viene effettuata ai fini postali.

Gentile imprenditore, ti dedichiamo più attenzione e più a lungo. Anche all’ora di pranzo.

Nuovi orari di apertura sedi Varese, Luino, Gallarate, Busto Arsizio, Saronno e Tradate dal Lunedì al Giovedì 8.30 > 17.00 (orario continuato) Venerdì 8.30 > 13.00 Restano invariati gli orari delle sedi di: Gemonio, Arcisate, Gorla Minore, Sesto Calende, Marchirolo e Ispra

29 29 30 32 32 32 33 33 33 34


L’editoriale di Enrico Pagliarini

Su questo numero ospitiamo Enrico Pagliarini giornalista e conduttore di Radio24 per una riflessione su Digital Manufacturing, Industry 4.0 e internet of things

COMPRENDERE LA TECNOLOGIA CI RENNDE PIÙ COMPETITIVI A inizio primavera sono stato invitato a parlare di innovazione e tecnologia ad una platea di studenti universitari; molti di loro (speriamo tutti) diventeranno ingegneri. La “lezione” inizia con un test: alzi la mano chi ha sentito parlare di stampa 3D. Tutte le mani alzate, nessuno escluso. Alzi la mano chi ha sentito citare la Internet degli Oggetti. Mani alzate al 90%. E chi ricorda di aver sentito nominare i Big Data? Percentuale ancora alta, ma molte mani rimangono al loro posto. I problemi nascono quando si chiede loro di spiegare cosa significano queste definizioni che descrivono alcuni dei mega trend che stanno trasformando l’industria. Quali conseguenze scaturiscono dalla loro combinazione? E come si legano per dar corpo all’Industria 4.0? Se poi allarghiamo il quadro ad una popolazione più vasta ed eterogenea la conoscenza di questi fenomeni si abbassa e conferma che il “divario culturale digitale” è tuttora molto ampio. La rivoluzione dei processi produttivi, condensata nel concetto di Fabbrica 4.0, avviene nelle aziende (sfortunatamente non in tutte), nei FabLab, in alcune università, all’insaputa di un’ampia fetta della popolazione.

Pensiamo a quanto ancora oggi dovremmo fare per alfabetizzare gli italiani all’uso del computer o dello smartphone, andando oltre la superficialità dei social network. Bene, molto di più dovrebbe esser fatto per divulgare la nuova dimensione della manifattura e dell’artigianato. Perché una popolazione più consapevole e meno digitalmente ignorante, rende, in definitiva, un Paese più competitivo. Perché? Perché conoscere e comprendere la tecnologia crea le condizioni per capire le conseguenze del suo utilizzo, contribuisce alla nascita di nuove idee, di nuovi prodotti e di nuove imprese (o alla trasformazione di quelle di oggi). Perché crescere respirando una cultura digitale e tecnica crea un terreno fertile per iniziare un percorso di studi destinato ad alimentare l’innovazione. Perché conoscere le trasformazioni che plasmeranno le aziende di domani contribuisce ad un dibattito, per ora limitato a pochi esperti, sui cambiamenti del mondo del lavoro che in molti casi potrebbero essere dolorosi. Ed è bene non doversi svegliare un giorno, quando sarà troppo tardi.

Enrico Pagliarini Conduttore 2024 su Radio 24 @e_pagliarini

www.asarva.org

Artigiani Oggi>Obiettivo Professionalità n. 04 Maggio 2015

3


il punto

Digital Manufacturing: quali prospettive per le imprese? No solo diminuzione dei costi, ma anche trasformazione Non delle figure di consumatore e di produttore. de Confartigianato Varese presenta il primo studio sulle Co conseguenze che avrà il cosiddetto rinascimento co digitale dig Digital ManufactuStiamo assistendo a una rivoluzione? Il Digit ring imporrà un nuovo modello economico? Nello studio commissionato da Confartigianato Varese a Pwc, presentato l’8 maggio a Milano nella sede de “Il Sole 24 Ore”, si fa il punto sulla situazione. “Con il Digital Manufacturing – si legge nella ricerca – la produzione si avvicina all’utilizzatore finale del prodotto e le figure del produttore e del consumatore non sono più così diversificate come accadeva fino a qualche anno fa”. Un cambiamento di paradigma con enormi conseguenze sul tessuto produttivo che, secondo Gartner, società leader nella consulenza, ricerca e analisi nel campo dell’Information Technology, si sta già dispiegando. Nel 2015 verranno vendute circa 100mila stampanti 3D con un costo inferiore ai 100mila dollari, mentre nel 2017 i prodotti stampati in 3D e spediti per il mondo saranno circa un milione. Un mercato, quello del 3D printing, in costante ascesa e che secondo Canalys, società di ricerca, vale oggi circa 2,5 miliardi di dollari, ma che è destinato a superare i 16 miliardi entro il 2018. Ma qual è la situazione in Lombardia? Nello studio il focus si concentra sulla regione che “in termini di Pil rappresenta più di un quinto del Paese e in cui la manifattura costituisce per tradizione, ma anche a livello economico, il settore industriale maggiormente sviluppato”. Un ambiente florido che sta già assorbendo le trasformazioni in corso. In ambienti informali: i Fablab (siamo la Regione in cui ce ne sono di più) un esempio su tutti è rappresentato dal Faber4

Artigiani Oggi>Obiettivo Professionalità n. 04 Maggio 2015

lab di Tradate, in ambito accademico (anche il Politecnico di Milano ha un suo laboratorio digitale: +Lab) e naturalmente nelle imprese. In questi mesi Confartigianato Varese ha intervistato alcune realtà artigiane che hanno saputo cogliere la trasformazioni imposte dal “Digital Manufacturing”. Tra queste c’è la Produform di Gavirate. Una tra le prime in Italia a comprare una stampante 3D per implementare il proprio business: lo sviluppo di prodotto. «Utilizziamo le stampanti 3D dal 1998, praticamente da quando abbiamo aperto – racconta il titolare dell’azienda Fabio Aries -. Oggi Produform utilizza tecnologie di Sinterizzazione di polveri (SLS), di Stereolitografia (SLA) e di Fuse Depostion Modeling (FDM). Sono strumenti che usiamo nei settori più disparati: dall’elettronica, agli elettrodomestici, dal medicale all’arredamento, fino all’automotive e alla nautica». Una scelta che ha premiato e che consente ad Aries di investire invece che ripiegare. «In un certo senso siamo stati dei precursori, ma oggi è necessario fare un passaggio in più. Dobbiamo essere in grado di fornire dei prototipi nel materiale definitivo del pezzo richiesto dal cliente. È questa la vera sfida ed è su questo che ci stiamo muovendo proprio in queste settimane pensando di acquistare una stampante che modelli il pezzo direttamente nell’acciaio. Un investimento molto, molto importante».

www.asarva.org


il punto

Ma non sono solo i veterani a trarre beneficio da queste tecnologie. Alessio Travetti della Travetti di Arcisate ha comprato una stampante 3D dopo aver frequentato il Faberlab di Tradate. «Da quando abbiamo comprato questa stampante siamo riusciti a prendere lavoro in un periodo in cui ce n’è poco per tutti. Siamo più veloci e più competitivi e questo ci ha permesso di ottenere commesse importanti. Avremmo potuto realizzare i prototipi da sottoporre ai nostri clienti esternamente, ma decidendo di farlo internamente abbiamo dimezzato tempi e costi. Comprare una stampante 3D è stato l’investimento migliore che abbiamo fatto negli ultimi tre anni». Stesso entusiasmo anche per chi si affida per le proprie lavorazioni a uno scanner in tre dimensioni. «Per la nostra attività questo strumento è fondamentale perché ci permette di replicare in modo perfetto le parti richieste dai miei clienti». A parlare è Pierluigi Sturla, artigiano riconosciuto a livello mondiale per la sua capacità di lavorare il magnesio ricreando componenti per auto e moto d’epoca e da competizione con il suo marchio, la Marvic di Bardello.

Tecnologie che trovano un’applicazione specifica anche in ambiti come l’odontotecnica, dove la precisione del risultato è sinonimo di benessere per il paziente. «L’avvento dei software di disegno 3D e degli scanner digitali per il nostro settore – spiega Luca Gazzola, dell’omonimo laboratorio odontotecnico – ci ha offerto una grande spinta motivazionale. Negli ultimi quattro anni questa metodologia si è imposta, cambiando in modo radicale il nostro modo di lavoro. Da una parte ha sicuramente semplificato e snellito il lavoro, ma dall’altra ha anche richiesto degli investimenti in nuove tecnologie e un aggiornamento costante del personale». Se l’impatto degli investimenti in tecnologie rappresenta l’aspetto meglio quantificabile, non meno importanti sono gli aspetti legati alla riduzione del time to market (la tempestiva risposta alle necessità del mercato), della riduzione dei costi, delle soluzioni sul prodotto realizzato. Elementi che, insieme a risorse umane altamente specializzate, contribuiranno al rinascimento digitale delle imprese che sapranno cogliere le trasformazioni del “Digital manufacturing”.

www.asarva.org

Artigiani Oggi>Obiettivo Professionalità n. 04 Maggio 2015

5


imv: l’artigianato italiano in mostra a expo in via tortona, a milano apre lo spazio dedicato all’eccellenza del made in italy

EXPO-RT Si chiama Italian Makers Village e durante i sei mesi di Expo 2015 sarà la calamita che attirerà turisti e curiosi a scoprire il meglio dell’artigianato Made in Italy. L’iniziativa, voluta fortemente da Confartigianato, si articolerà lungo tutto il periodo dell’Esposizione Universale e vedrà coinvolte un migliaio di realtà imprenditoriali provenienti da tutta Italia. Lo spazio è quello di via Tortona 32, nel centro del distretto del design, laddove ogni anno migliaia di persone convergono per il Fuori Salone, la manifestazione parallela (e meno formale) del Salone Internazionale del Mobile. Duemila metri quadrati che animeranno il centro di Milano con iniziative, eventi (in programma ce ne sono quasi un migliaio) degustazioni enogastronomiche, incontri e presentazioni. È così che parallelamente alla grande esposizione, un’altra eccellenza tipicamente italiana fa mostra di sé in un luogo significativo della città. All’inaugurazione di Italian Makers Village che si è svolta giovedì 30 aprile, oltre alle autorità locali e regionali, ha partecipato anche il presidente nazionale Giorgio Merletti che ha ricordato la straordinarietà dell’iniziativa, tesa 6

a rimarcare l’eccezionalità di un patrimonio di conoscenze e tradizioni uniche al mondo. Anche una piccola fetta di Varese è stata ospitata negli spazi di Italian Makers Village: Aurea Service di Albizzate, lo studio di design fondato da Riccardo Pietro Visentin, che da oltre undici anni utilizza programmi di prototipazione rapida e in generale della progettazione 3D, Byo Music giovane realtà imprenditoriale fondata da Thomas Brusati che offre un servizio su misura per la realizzazione di strumenti musicali personalizzati secondo le preferenze del cliente e Coomingtools, il rivenditore di stampanti 3D che ha collaborato con Faberlab per il progetto Faberschool; l’iniziativa promossa da Confartigianato Varese per avvicinare le scuole superiori al digital manufacturing. Proprio Faberlab, l’officina digitale di Tradate, ha avuto uno spazio riservato in Italian Makers Village per presentare le sue numerose attività e gli ultimi progetti realizzati. Non ultimo la rete Faberlab nata tra Varese Lodi e Mantova. Una lunga linea immaginaria che collega le tre province con un unico obiettivo: innovare.

Artigiani Oggi>Obiettivo Professionalità n. 04 Maggio 2015

www.asarva.org

Confartigianato punta forte sull’e-commerce Italian Makers Village si arricchisce di un nuovo tassello: Ulaola, startup innovativa dedicata al Made in Italy e all’artigianato italiano, ai nuovi talenti della moda, al design, agli accessori, ai gioielli e al food, sarà il portale per l’e-commerce di Confartigianato for Expo insieme a DaWanda, il marketplace online più grande d’Europa. Grazie alla partnership biennale che Ulaola ha siglato con DaWanda, gli artigiani selezionati da Confartigianato che si alterneranno nei sei mesi di Expo e Fuori Expo, saranno presenti sia su www.ulaola.com sia su www. dawanda.com e potranno vendere online le loro creazioni artigianali in Germania, Francia, Italia, Inghilterra e Olanda.


Per motivi organizzativi le date degli incontri possono subire variazioni. Consultare il sito www.asarva.org/categoria/export per tutti gli aggiornamenti

CALENDARIO INCOMING presso l’Italian Makers Village in Via Tortona, 32/A - Milano

Si chiama Expo-rt 2015 e rappresenta una novità assoluta nel panorama degli incontri di incoming. Il progetto lanciato da Confartigianato Imprese e Ice punta a far incontrare potenziali clienti esteri alle imprese artigiane del settore della meccanica, dell’arredo, del legno, dell’agroalimentare, della moda e delle costruzioni. Gli incontri si svolgeranno tutti all’Italian Makers Village a Milano, in concomitanza di Expo 2015. Per info e per l’invio del Company profile contattare: Matteo Campari Tel: 0332 256290 matteo.campari@asarva.org

11 GIUGNO

10 SETTEMBRE

KAZAKISTAN, AZERBAIJAN, EMIRATI E QATAR (OMAN)

UE, USA, FEDERAZION E RUSSA (SE NON CI SONO CRITICITÀ), GIAPPONE

Agroalimentare (carni salumi lattiero casearia vino/distillati e prodotti a lunga conservazione)

Arredamento su misura 18 GIUGNO KAZAKISTAN, UZBEKISTAN, KYRGYSTAN, GEORGIA, ARMENIA

Arredo d’interni per grandi strutture abitative private o pubbliche e serramenti.

24 SETTEMBRE UE, USA

Moda donna, accessori uomo/ donna (sciarpe, cappelli, cinture, borse)

25 GIUGNO REPUBBLICHE CENTRO ASIATICHE E NORD EUROPA

21 MAGGIO

Agroalimentare (olio, tartufo, prodotti derivati, insaccati, vino, prodotti di cereali e legumi) caseario stagionato, salse conserve, pasta fresca, dolciario)

UE, FEDERAZION E RUSSA REPUBBLICHE CENTRO ASIATICHE

IUSE

ONI CH Meccanica ADESI

8 OTTOBRE USA, AFRICA AUSTRALE E SUDAFRICA E MAROCCO

Complementi d’arredo, serramenti 28 MAGGIO 16 OTTOBRE

GERMANIA, BELGIO, OLANDA, DANIMARCA

Agroalimentare (vino, prodotti da forno, cioccolato, sott’olio, riso, prodotti per celiaci, olio, tartufi, funghi, salumi)

2 LUGLIO UE (FRANCIA, GERMANI,A INGHILTERRA, OLANDA E POLONIA), SVIZZERA, RUSSIA

Moda (calzature, pelletteria, abbigliamento)

29 - 30 MAGGIO

Arredo (soggiorni, camere da letto, cucine, bagni) e contract (hotel, ristoranti, negozi, aeroporti, ospedali), tessuti per l’arredamento, complementi arredo, illuminotecnica

Meccanica (fresatura, tornitura, alesatura e tranciatura) 21 OTTOBRE UE (GERMANIA, AUSTRIA)

23 LUGLIO

SUDAFRICA

GERMANIA, USA, PAESI DEL GOLFO PERSICO

Meccanica

USA

Arredamento su misura di design moderno per residenze (di alta fascia e commerciale), complementi di arredo www.asarva.org

Artigiani Oggi>Obiettivo Professionalità n. 04 Maggio 2015

7


il punto

GUERRA O PACE? LA RUSSIA GELA L’EXPORT DELLE IMPRESE i protagonisti »

«Per quest’anno con la Russia non lavoriamo più». Luigi Carlassara, imprenditore di Inarzo attivo nel settore della meccanica, ha assistito inerme al blocco del mercato russo. Crisi del petrolio e svalutazione del rublo hanno determinato il blocco delle esportazioni verso la Federazione Russa. Una fetta che per le omonime Officine meccaniche valeva tra i 400 e i 500mila euro all’anno. Stessa amarezza per Renato Affri, titolare della Easydur di Arcisate, un’azienda che produce macchinari di precisione come torsiometri e provamolle che proprio negli ultimi anni stava incrementando il suo export verso la Russia. «Le prospettive erano molto buone e pensavamo di incrementare ulteriormente il nostro export. Peccato che la situazione sia questa, i russi sono clienti estremamente affidabili». «Oltre ad essere affidabili - aggiunge Fabio Cortellezzi della Pc di Tradate - vanno pazzi per il Made in Italy. Per questo non abbiamo nessuna intenzione di rinunciare a quel mercato».

Da una parte quella che he si combatte nell’est st dell’Ucraina, il quarto o fornitore della Federa-zione Russa e dall’altra a quella del petrolio. Una a situazione che negli ul- Diana Shendrik ova timi mesi del 2014 si Ricercatrice ISPI Istituto Studi Po litica Internaziona è avvitata, generando le una paralisi nell’interscamammbio tra Italia e Russia (25 5 miliardi di euro nel 2013 secondo l’ICE, l’agenzia per l’internazionalizza-zione delle imprese) con n ripercussioni notevoli an-che nella provincia di Vaarese.

Ma al di là delle intenzioni sono tanti gli imprenditori che direttamente o indirettamente sono stati colpiti dalla crisi generata da due guerre contemporanee.

Renato Affri e dur di Arcisat Titolare Easy

VARIAZIONE EXPORT VARESE - RUSSIA

2014

2013 200.071.202 34%

391.840.818 66%

FONTE ISTAT

8

Artigiani Oggi>Obiettivo Professionalità n. 04 Maggio 2015

www.asarva.org

Luigi Carla ss Titolare Offi ara cina Mecc anica Carla ssara


il punto Secondo l’Istat in un anno abbiamo perso circa 190 milioni di euro di prodotti esportati verso la Federazione Russa, passando da 390 milioni di euro nel 2013 a 200 nel 2014.

guarda il video su

www.youtube.com/user/confartigianatoVA

È così che le imprese della nostra provincia hanno dovuto fare i conti con un calo imprevedibile fino a qualche mese fa. Sempre stando ai dati diffusi da Istat, le aziende del tessile sono passate dai circa 35 milioni di esportazioni del 2013 ai 31 milioni del 2014; i macchinari passano da 69 milioni a 62, mentre i mezzi di trasporto da 196 milioni di euro a 25 milioni. È così che a soffrire, oltre alle aziende italiane del settore agroalimentare, colo pite delle contro-sanzioni imposte dalla Federazione Russa nell’agosto scorso, anche altri settori sono stati colpiti dalla doppia crisi del petrolio e dell’Ucraina orientale. Con la sua videoinchiesta “Guerra o Pace?”, Confarzi tigianato Imprese Varese ha ortellez adate Fabio C ella PC di Tr voluto approfondire il tema e d Titolare cercare di capire le cause, ma soprattutto la durata di una stasi che continua da quasi un anno, cercando di offrire anche qualche soluzione. Secondo Matteo Campari dell’Ufficio Export di Confartigianato Varese: «non bisogna demordere: la Russia è enorme e offre tantissime opportunità, l’importante è avere Enrico Argentiero accesso alle informazioni Direttore PROVEX giuste».

www.asarva.org

Artigiani Oggi>Obiettivo Professionalità n. 04 Maggio 2015

9


il punto

la sfida per il futuro del mobile inizia da qui alcuni dei protagonisti del salone del mobile 2015 raccontano le loro impressioni Si è conclusa domenica 19 aprile la 54esima edizione del Salone Internazionale del Mobile. Secondo le prime stime la kermesse milanese ha richiamato in città circa 300mila partecipanti, superando le 286mila presenze del 2013 e confermando la presenza di 40mila privati tra sabato e domenica. In crescita anche il numero degli stranieri, incoraggiati dal prezzo dell’euro e dal fascino di uno degli eventi fieristici di maggior successo al mondo. Ma a far ben sperare per l’intero settore del mobile sono soprattutto le stime di FederlegnoArredo che per il 2015 calcola una crescita del fatturato aggregato peri all’ 1,5%, trainato da un + 5% delle esportazioni. Un trend confermato anche da chi in questi anni ha puntato tutto sull’export, con prodotti ricercati. È il caso di B.Lab, azienda gallaratese fondata da Gianfranco Barban, che con il suo brand Teckell ha lanciato sul mercato una linea di prodotti di lusso che ripensano oggetti di uso quotidiano, come tavoli da biliardo, calcio balilla e orologi in cristallo. «Per noi quest’edizione è stata molto positiva - commenta Jean Tolomio, responsabile commerciale dell’azienda - rispetto all’anno scorso abbiamo registrato una lieve flessione, ma qualitativamente la clientela è stata superiore rispetto a quella degli anni precedenti».

10

Artigiani Oggi>Obiettivo Professionalità n. 04 Maggio 2015

Nello stand B.Lab tanti indiani e meno russi rispetto al 2014. L’azienda che oggi conta dieci dipendenti, con un fatturato che si aggira attorno ai 2 milioni di euro, ha (e vuole mantenere) una vocazione prettamente estera: «Per noi è sempre stato così - continua Tolomio - i nostri oggetti di design riassumono capacità artigiana, innovazione e qualità, apprezzati nel mondo come segno distintivo del vero Made in Italy. Per questo investiamo in fiere e vogliamo rafforzarci ulteriormente negli Stati Uniti e in Cina». Se i produttori esprimono un rinnovato ottimismo, i dati della domanda interna raccontano di un calo di oltre il 4% tra il 2013 e il 2014, nonostante il bonus mobili approvato dal governo Letta (fino al 50% per spese fino a 10mila euro).

www.asarva.org


il punto Un calo che ha imposto un cambio di strategia alle attività commerciali, che oggi offrono al cliente un servizio completo dalla A alla Z . «Da quando è entrato in vigore - racconta Laura Riva, della Riva arredamenti, negozio storico di Saronno - avremo usato il bonus cinque volte. Ciò che ci ha permesso di superare la crisi è il nostro modo di lavorare, coordinando le diverse maestranze. Offrendo un servizio di progettazione a 360 gradi che va dall’impianto idraulico ed elettrico, fino alla definizione dei materiali e dei rivestimenti, dall’imbiancatura all’installazione del parquet».

Mobili e arredo, a Varese 250 imprese attive A testimonianza della vitalità del settore dell’arredo e della fabbricazione di mobili italiani, Confartigianato Imprese stima un aumento del 4,3% delle esportazioni nel IV trimestre del 2014, per un valore di poco superiore ai 2,3 miliardi di euro e oltre 28mila imprese attive in tutt’Italia, di cui 15mila artigiane. Nella provincia di Varese le imprese del settore sono 254 (dati aggiornati al IV trimestre 2014) di cui 150 artigiane, tutte sotto i 50 dipendenti per un totale di 736 persone occupate, di cui 317 nelle aziende artigiane. Nel 2014 la provincia di Varese ha esportato mobili e arredo per un totale di 13 milioni di euro, soprattutto verso paesi extra europei, per cui la quota dell’export incide per il 60,4% e verso i paesi dell’Unione, per una quota pari al 39,6% del totale e una diminuzione del 5,5% rispetto al 2013.

www.asarva.org

Artigiani Oggi>Obiettivo Professionalità n. 04 Maggio 2015

11


l’associazione

Leadership emozionale Bisogna essere Gandhi per gestire un’azienda? No, bisogna far “funzionare” le persone! Questa la provocazione di Paolo Bondi, formatore del Gruppo Cs, agli imprenditori e professionisti presenti in sala lo scorso 22 aprile nella sede bustocca di Confartigianato Imprese. Un tardo pomeriggio alla ricerca di nuovi parametri per definire i leader e ragionare di come l’intelligenza emotiva sia l’indizio più valido che contraddistingue i leader di successo.

Idealista, aiutante, promotore, artista, osservatore, collaboratore, ottimista, capo, mediatore: questi i caratteri in cui i partecipanti sono stati invitati a riconoscersi e “votarsi”, valutandone i punti di forza e le aree di miglioramento.

Lo scopo di tutto questo lavoro, ci ricorda Bondi, non è un esercizio di psicologia applicata ma comporta il lavorare su se stessi per far crescere la propria impresa con un impegno costante finalizzato alla crescita delle competenze interne, dei propri prodotti e del proprio mercato.

Abituati a ragionare di leadership in termini tecnici si finisce per sottovalutare l’importanza che il quoziente emotivo ricopre in ogni nostra relazione interpersonale. La leadership prescinde dal lavoro. Leader è chiunque ha una responsabilità: la grande novità è sapere che va gestita.

Aziende meccaniche e tessili, carrozzieri, ottici, autoriparatori, elettricisti, commercianti: questa la platea dei presenti, a testimonianza che il tema è trasversale e nessun può chiamarsi fuori.

Le imprese sono fatte di imprenditori, collaboratori, clienti, intermediari: di persone, ognuna con una propria personalità e differenti emozioni che ne influenzano i comportamenti e le guidano.

“Come posso gestire tutte queste risorse, competenze, opportunità ed emozioni al meglio”? Bondi, partendo da questa domanda, ha guidato i presenti in una sorta di autovalutazione del proprio status, individuando una propria mappa della personalità in cui riconoscersi. 12

niche, un’esperienza ampia sul campo e un’ottima conoscenza del proprio lavoro. Gestire la propria intelligenza emotiva vuole dire sapersi accettare, autogestire e motivare da una parte, e dall’altra sviluppare la propria capacità di interagire efficacemente con gli altri.

Un gioco in cui ci si chiama in causa e si considera l’importanza delle emozioni nel proprio intraprendere quotidiano. Le emozioni, come testimoniato dagli imprenditori presenti, sono risorse essenziali che vanno riconosciute e gestite: non bastano ottime competenze tec-

Artigiani Oggi>Obiettivo Professionalità n. 04 Maggio 2015

www.asarva.org

La serata del 22 ha fissato un punto di partenza, che proseguirà il 18 maggio con il corso* vero e proprio dove, tra role play e gruppi di lavoro, i partecipanti potranno sviscerare le 7 competenze della leadership eccellente e metterle in azione giorno per giorno.

Per info e per i dettagli del corso* vedi pag. 30 - 31


Corsimpresa.it, la formazione dove sei tu Comoda, ricca di documenti e video, immediata e a costi sostenibili: è la piattaforma per l’e-learning di Confartigianato Varese. Si chiama www.corsimpresa.it ed è la nuova piattaforma di Confartigianato Varese per i corsi on-line. Uno strumento innovativo che aiuta le aziende ad assolvere con elasticità agli obblighi formativi dettati dalla legge e a soddisfare i loro nuovi bisogni. Ad oggi su www.corsimpresa. it sono stati venduti: 2.939 corsi suddivisi in 14 tipologie diverse per un totale di 25.797 ore erogate.

I vantaggi: » si risparmiano tempo e costi, » titolari e collaboratori possono seguire le lezioni quando e come vogliono direttamente alle postazioni aziendali, » per seguire i corsi online bastano un PC, uno smartphone o un tablet con una semplice connessione internet, » i corsi sono spiegati e commentati dai docenti attraverso un ricco archivio video, » i materiali utilizzati per la formazione sono certificati da tutti gli enti del territorio ai quali le imprese chiedono autorizzazioni e permessi (Vigili del Fuoco, ASL, Arpa…), » tutti i documenti sono predisposti per il download, » i percorsi formativi si possono ripetere più volte. I corsi on-line non sostituiscono completamente quelli in aula, però permettono di formarsi e riqualificarsi con per-

corsi sostenibili, chiari, sempre più interessanti, su misura e pensati per non far perdere tempo: seguire un corso in azienda aiuta la concentrazione e permette di portarsi a casa il maggior risultato con tranquillità. Su www.corsimpresa.it uno spazio importante è occupato dai percorsi dedicati alla sicurezza, perché, al di là degli obblighi normativi, grazie anche al continuo impegno di Confartigianato Varese, gli imprenditori sanno che lavorare in sicurezza non è un costo ma un vantaggio. Inoltre la formazione con e-learning sulla sicurezza e salute sul lavoro è disciplinata dall’Accordo Stato-Regioni del 21 dicembre 2011, quindi tutto è fatto secondo le regole per la massima tranquillità dell’impresa. Gli altri percorsi formativi sono dedicati agli alimentaristi e al pacchetto “Office” (Word, Excel, Access, Power Point, Outlook): semplicità e fruibilità sono i punti di forza di questa piattaforma. Ci sono però altre novità di rilievo: » la piattaforma porta le aziende nel futuro con i corsi di strategia di impresa in comunicazione, marketing e gestione delle risorse umane, » anche le imprese non associate a Confartigianato Varese possono acquistare i corsi su www.corsimpresa.it attraverso il servizio di e-commerce.

www.asarva.org

Artigiani Oggi>Obiettivo Professionalità n. 04 Maggio 2015

13


Accordo per il credito 2015, ecco cosa prevede È stata raggiunta, lunedì 31 marzo, l’intesa sull’Accordo per il Credito 2015 tra l’Associazione bancaria italiana e le associazioni d’impresa, diretta a sostenere le piccole e medie imprese nella loro esigenza di liquidità. L’“Accordo per il credito 2015” che resterà in vigore sino al 31 dicembre 2017 prevede 3 interventi rivolti a:

1. Imprese in Ripresa in tema di sospensione e allungamento dei finanziamenti; 2. Imprese in Sviluppo, per il finanziamento dei progetti imprenditoriali di investimento ed il rafforzamento della struttura patrimoniale delle imprese; 3. Imprese e PA, per lo smobilizzo dei crediti vantati dalle imprese nei confronti della Pubblica Amministrazione. Di fatto la moratoria riguarda il punto A “Imprese in Ripresa” e prevede: » La possibilità di “sospensione” massima su finanziamenti pari a 12 mesi della sola quota capitale ovvero operazioni di sospensione per 12 mesi ovvero per 6 mesi del pagamento della quota capitale implicita nei canoni di operazioni di leasing rispettivamente “immobiliare” ovvero “mobiliare”.

14

» La possibilità di “allungare” il finanziamento per una durata max del 100% della durata residua (comunque non superiore a 36 mesi per chirografari e 48 mesi per ipotecari). » Tutte le posizioni devono essere in bonis (esposizioni scadute e/o sconfinate da non oltre 90gg) senza presenza di posizioni “a sofferenza” o “inadempienze probabili”. Applicabile ad operazioni per le quali non sia stata richiesta altra sospensione/ allungamento nell’arco dei 24 mesi precedenti. » La possibilità di operazioni di allungamento a 270 giorni delle scadenze del credito a breve termine per sostenere le esigenze di cassa, con riferimento alle operazioni di anticipazione su crediti certi e esigibili, che potranno essere richieste in relazione ad insoluti di pagamento che l’impresa ha registrato sui crediti anticipati dalla banca.

Artigiani Oggi>Obiettivo Professionalità n. 04 Maggio 2015

Come richiedere la moratoria L’iter da seguire per la gestione delle richieste per la moratoria è il seguente: il cliente dovrà formalizzare la richiesta alla banca la quale dovrà comunicare meglio se a mezzo raccomandata oppure a mezzo posta elettronica certificata (artigianfidi@legalmail.it) la loro disponibilità a concedere la moratoria al cliente, chiedendo contestualmente la disponibilità di Artigianfidi ad aderire a tale iniziativa. La comunicazione dovrà contenere: » riferimento del finanziamento » debito residuo in linea capitale con indicazione di eventuali rate insolute » durata della sospensione/ allungamento » data decorrenza Per info: Consulenti Qui Credito (vedi tabella pagina a fianco)

www.asarva.org


CreditoAdesso, per lo sviluppo commerciale delle imprese È ancora possibile accedere a Credito Adesso, l’iniziativa nata per finanziare il bisogno di capitale circolante connesso all’espansione commerciale delle piccole imprese mediante l’erogazione di finanziamenti chirografari (non necessitano di garanzie ipotecarie). Con la presentazione di uno o più ordini o contratti di fornitura accettati di beni/ servizi aventi un importo minimo com-

plessivo pari a 30.000 euro per le micro e piccole imprese. (100.000 euro per le medie imprese) il finanziamento sarà pari al massimo al 60% dell’ammontare degli ordini accettati.

Lombardia Concreta ancora aperta in vista di Expo 2015 Lombardia Concreta è un’iniziativa per sostenere il sistema delle imprese lombarde che operano nel settore dell’accoglienza turistica alberghiera ed extra alberghiera, dei pubblici esercizi (bar e ristoranti) e del commercio alimentare al dettaglio, per la realizzazione di interventi di riqualificazione delle strutture e per progetti di miglioramento qualitativo dei servizi offerti in vista di Expo 2015.

Il bando prevede l’abbattimento massimo del 3% dei tassi di interessi sui finanziamenti concessi dal sistema bancario convenzionato, alle imprese lombarde che prevedono investimenti strutturali, in beni materiali e in nuove tecnologie in linea con i più elevati standard qualitativi del settore di riferimento e con un ridotto impatto ambientale. L’importo di tali finanziamenti dovrà essere compreso tra € 30.000 e € 300.000.

ArtigianFidi Lombardia chiude l’esercizio 2014 con un attivo +5,85% Il bilancio d’esercizio 2014 di ArtigianFidi Lombardia è stato chiuso con un totale attivo di 82,8 milioni di euro, una crescita del 5,85% rispetto al 2013 e con un risultato di esercizio pari a 1,548 milioni. Il Presidente, Lorenzo Mezzalira, ha evidenziato come “l’oculata e scrupolosa gestione abbia prodotto risultati positivi anche in un contesto di forte criticità”. I finanziamenti erogati sono stati 5.740 per un valore di 298 milioni di euro, oltre 50 gli istituti di credito convenzionati e 38.447 il numero dei soci al 31 dicembre 2014.

Consulenti Quicredito Sede Varese - Luino - Gemonio

Emil Vittoria Grotto - Tel: 0332 256772 - emilvittoria.grotto@quicredito.org

Sede Gallarate

Lagattolla Matteo - Tel: 0332 256619 - matteo.lagattolla@quicredito.org

Sede Busto Arsizio

Carlo Enzo Montebello - Tele: 0332 256522 - carloenzo.montebello@quicredito.org

Sede Saronno

Giada Pavan - Tel: 0332 256444 - giada.pavan@quicredito.org

Sede Tradate

Marina Galli - Tel: 0332 256453 - marina.galli@quicredito.org

www.asarva.org

Artigiani Oggi>Obiettivo Professionalità n. 04 Maggio 2015

15


l’associazione

25

2015

LUN

LA PROCEDURA CORRETTA DI SELEZIONE ED APERTURA DI UN MERCATO ESTERO PER L’ESPORTAZIONE. CONFARTIGIANATO IMPRESE VARESE SEDE DI BUSTO A. VIA F. BARACCA 5 18.00 > 20.00

giugno

2015

maggio

calendario eventi in programma LUN

08

MERC

24 Tutti i dettagli e gli aggiornamenti degli eventi in programma li puoi trovare su:

www.asarva.org/tipologia/eventi/

LA PROCEDURA CORRETTA DI SELEZIONE ED APERTURA DI UN MERCATO ESTERO PER L’ESPORTAZIONE. FABERLAB TRADATE VIALE EUROPA 4/A 18.00 > 20.00 COMUNICAZIONE COME ASCOLTO DEL MERCATO, COLLABORATORI, CLLIENTI ECC... CONFARTIGIANATO IMPRESE VARESE VIALE MILANO 5 VARESE 18.00 > 20.00

L'impresa delle meraviglie: raccontaci la tua storia. Idee innovative e progetti nel cassetto, macchine e prodotti speciali: non c’è impresa senza una passione da raccontare. Per raccontarci la tua, contatta: davide.ielmini@asarva.org - Tel. 0332 256296 livio.lazzari@asarva.org - Tel 0332 256368

16

Artigiani Oggi>Obiettivo Professionalità n. 04 Maggio 2015

www.asarva.org


 Abbonamenti l’associazione  Buoni pasto e shopping  

 Diritti

musicali

 Informatica  Servizi

formativi aziendali  Strumenti e utensili  Veicoli acquisto  Viaggi e soggiorni  Stage

Ci sono tanti buoni motivi per associarsi. Qual è il tuo? Convenzioni, sconti, servizi, consulenze. Tutti in una tessera.

la tua impresa ha bisogno di una soluzione semplice

CONFARTIGIANATO IMPRESE VARESE

www.asarva.org

Artigiani Oggi>Obiettivo Professionalità n. 02 Marzo 2015

17


Grazie a convenzioni stipulate con importanti partners, Confartigianato Varese offre la possibilità alle imprese associate, ai loro collaboratori e ai loro familiari, di usufruire di sconti e trattamenti privilegiati. La gamma delle convenzioni spazia dalla consulenza assicurativa, ai veicoli commerciali, autovetture e motoveicoli, dai carburanti ai servizi di assistenza stradale, dalla biglietteria aerea alla consulenza telefonica e all’acquisto di buoni pasto.

Viaggi e soggiorni

Veicoli servizi

Veicoli noleggio

Veicoli acquisto

Veicoli carburante

Telefonia

Stage aziendali Strumenti e utensili

Spedizioni

Servizi formativi

Salute

Norme tecniche

Noleggio piattaforme e materiali per l’edilizia

Informatica

Energia e gas

Buoni pasto e shopping Diritti musicali

Brevetti e marchi

Assistenza Extracomunitari

Assicurazioni

Apparecchi misurazione e taratura

Antinfortunistica

Abbonamenti

Ogni mese, su Artigiani Oggi scopri i vantaggi offerti dalle nostre convenzioni.

Con noi la tua impresa può risparmiare ogni giorno

Veicoli acquisto

Informatica

Acquisto autovetture

Stampanti 3D

La convenzione con AUDI ZENTRUM VARESE, Concessionaria ufficiale Audi per la provincia di Varese, è rivolta alle imprese associate e offre la possibilità di acquistare autovetture a tariffe agevolate a seconda del modello scelto. Le imprese associate possono usufruire di sconti che vanno dal 10,5% al 17,0% su vari modelli. Inoltre è possibile usufruire di uno sconto del 10% sulla manodopera per interventi di assistenza, per le vetture acquistate presso Audi Zentrum Varese.

La convenzione con COMINGTOOLS è rivolta alle imprese associate e offre la possibilità di acquistare stampanti 3D a prezzi scontati. Le imprese associate possono usufruire della seguente scontistica: Sharebot Next Generation 10% Sharebot XXL 10% Filamenti 10% Per info: www.asarva.org/convenzioni/comingtools/

Per info: www.asarva.org/convenzioni/audi-zentrum-varese/ 18

Artigiani Oggi>Obiettivo Professionalità n. 07 Settembre 2014

www.asarva.org


Abbonamenti

Diritti musicali

Abbonamenti a periodici e quotidiani

Diffusioni musicali diritti d’autore

La convenzione con RCS è rivolta alle imprese associate, ai loro familiari e dipendenti e ai soci ANAP (Associazione Nazionale Anziani Pensionati) e offre la possibilità di usufruire di sconti per l’acquisto di abbonamenti a periodici e quotidiani risparmiando fino al 75%. Per info: www.asarva.org/convenzioni/rcsabbonamenti-a-periodicie-quotidiani/

La convenzione con SIAE – Società Italiana degli Autori ed Editori, è rivolta alle imprese associate che utilizzano nel proprio negozio o laboratorio, sia che siano aperti o non aperti al pubblico, apparati (radio, lettori, cd, televisori, ecc) di riproduzione di musica e video tutelati dal diritto d’autore. Le imprese associate possono usufruire di sconti su abbonamenti annuali o periodici. Per info: www.asarva.org/convenzioni/siae/

Diritti discografici

Giornali e riviste La Convenzione con MONDADORI propone alle imprese associate e ai loro familiari, abbonamenti alle testate più diffuse e qualificate. La convenzione permette di acquistare abbonamenti annuali risparmiando fino all’80%. Per info: www.asarva.org/convenzioni/mondadori/

Buoni Pasto e Shopping

La convenzione con SCF, è rivolta alle imprese associate che diffondono musica registrata in pubblici esercizi, esercizi commerciali, esercizi artigiani aperti al pubblico e strutture ricettivo-alberghiere che sono tenute al pagamento dei COMPENSI SCF oltre al pagamento dei diritti SIAE. Le imprese associate possono usufruire dei seguenti sconti: » Esercizi Commerciali/Artigianali – sconto del 15% » Pubblici Esercizi – sconto del 15% » Parrucchieri / Estetiste - sconto del 15% » Strutture Ricettive – sconto del 15% Per info: www.asarva.org/convenzioni/scf/

Rimborsi buoni pasto La convenzione con EDENRED consente alle imprese associate di acquistare buoni pasto Ticket Restaurant Max per i collaboratori alle proprie dipendenze a condizioni privilegiate. » Sconto 8% sul valore nominale del buono pasto » Azzeramento dei costi di commissione (normalmente pari al 2%) » Nessuna spesa di consegna (in luogo dell’importo minimo di 7,00 euro) » Ordine minimo annuo: 700,00 euro » Pagamento: da concordare tra il signolo cliente e Edenred Per info: www.asarva.org/convenzioni/ticket-restaurant/

Servizi formativi Servizi formativi per alimentari La convenzione con BOSCOLO ETOILE ACADEMY, uno dei più importanti istituti di formazione professionale nel settore alimentare e della ristorazione, è rivolta alle imprese associate del settore alimentare e della ristorazione e offre la possibilità di usufruire di servizi formativi a condizioni di particolare vantaggio. Per info: www.asarva.org/convenzioni/servizi-formativiper-alimentari/

Buoni shopping multibrand La convenzione con EDENRED consente alle imprese associate di acquistare dei buoni regalo Ticket Compliments TOP PREMIUM e SELECTION a condizioni privilegiate. I buoni sono spendibili presso: TOTALERG – IKEA – TRONY – EURONICS – LAFELTRINELLI – IL GIGANTE – CISALFA – SUPERMERCATI e molti altri. Per info: www.asarva.org/convenzioni/ticket-compliments/

Stage aziendali Stage e tirocini aziendali La convenzione con il POLITECNICO DI MILANO è rivolta alle imprese associate e vuole favorire la diffusione della cultura d’impresa e sviluppare forme di cooperazione reale tra il mondo della formazione e il mondo del lavoro. Per info: www.asarva.org/convenzioni/politecnico-milano/

www.asarva.org

Artigiani Oggi>Obiettivo Professionalità n. 04 Maggio 2015

19


Strumenti e Utensili

Viaggi e Soggiorni

Utensili di alta qualità

Biglietti ferroviari alta velocità

La convenzione con GRUPPO HOFFMANN ITALIA Spa, è rivolta alle imprese associate del settore meccanica e produzione e offre condizioni particolarmente favorevoli per l’acquisto di attrezzature e servizi (anche online) Per info: www.asarva.org/convenzioni/hoffmann/

La convenzione con NTV – Nuovo Trasporto Viaggiatori, la società che gestisce i servizi del treno ad Alta Velocità Italo, è rivolta alle imprese associate ed ai loro familiari, e ai soci ANAP (Associazione Nazionale Anziani Pensionati) e offre la possibilità di usufruire di tariffe priviliegiate per l’acquisto di biglietti di viaggio per i treni ad Alta Velocità Italo. La convenzione prevede uno sconto del 10% sui biglietti ferroviari Italo calcolato sulle tariffe Base ed Economy (tariffa Low Cost esclusa) e per tutti e 3 gli ambienti (classi) disponibili: SMART, PRIMA e CLUB Per info: www.asarva.org/convenzioni/italo-treni-alta-velocita/

Software per odontotecnici SWHT SOFTWORK, azienda operante nel settore della fornitura di software e servizi di consulenza nel settore medico, offre agli odontotecnici soci Confartigianato sconti e agevolazioni per l’acquisto del prodotto SWLab, software modulare per la gestione del laboratorio odontotecnico. Gli odontotecnici associati potranno inoltre rinnovare SwAssistenza Light (Assistenza non obbligatoria) dal secondo anno al costo di € 150 anzichè € 275 e fruire di uno sconto del 25% per tutti i prodotti a listino. Tale offerta resterà valida fino al 31 dicembre 2016 e non è cumulabile con altre. Per info: www.asarva.org/convenzioni/swht-softwork/

Attrezzature per odontotecnici OMEC La OMEC (Officine Meccaniche Elettriche Carnevale), azienda leader nel settore offre alle imprese associate sconti per l’acquisto di attrezzature per laboratori odontotecnici. Sconto del 40% sui prezzi di listino al pubblico L/24, esclusa la saldatrice laser (in tutte le sue versioni) per la quale lo sconto sarà del 10% + 5%. Per info: www.asarva.org/convenzioni/swht-softwork/

Biglietti ferroviari La convenzione con TRENITALIA è rivolta alle imprese associate ed ai loro familiari, e ai soci ANAP (Associazione Nazionale Anziani Pensionati), e offre la possibilità di acquistare biglietti ferroviari Trenitalia con sconti fino al 10% calcolati sulla tariffa pubblica base, a seconda della classe di prenotazione e applicato su tutti i treni della Media e Lunga percorrenza. Per info: www.asarva.org/convenzioni/trenitalia/

Soggiorni in albergo in Italia e all’estero La convenzione, con le migliori COMPAGNIE ALBERGHIERE ITALIANE E INTERNAZIONALI, è rivolta agli imprenditori associati ed ai loro familiari e collaboratori, e offre tariffe scontate per soggiorni in albergo in Italia e all’estero. AccorHotels / StarHotels / UNA Hotels / Best Western / Space Hotels / Nh Hoteles / Preferred Per info: www.asarva.org/convenzioni/starhotels/ La convenzione con VILLA CAGNOLA è rivolta agli imprenditori associati, ed ai loro familiari e collaboratori, e offre tariffe scontate per soggiorni in albergo con trattamento di pernottamento e colazione a buffet. Per info: www.asarva.org/convenzioni/villacagnola/

Tutti gli aggiornamenti sono consultabili sul sito: www.asarva.org | Le convenzioni potrebbero subire modifiche o annullamenti nel corso dell’anno 20

Artigiani Oggi>Obiettivo Professionalità n. 07 Settembre 2014

www.asarva.org


Il tuo 730 merita un occhio esperto

Velocità, professionalità... e costi agevolati!

PRENOTATI SUBITO SU: TARIFFE 2015 (IVA inclusa) Mod. 730 - Compilato dal contribuente

euro 35,00

Mod. 730 - Compilato dal contribuente congiunto con coniuge a carico

euro 35,00

Mod. 730- Compilato dal contribuente congiunto con coniuge non a carico

euro 70,00

Mod. 730 - Assistenza alla compilazione

euro 53,00

Mod. 730 - Congiunto con coniuge a carico - Assistenza alla compilazione

euro 53,00

Mod. 730 - Congiunto con coniuge non a carico - Assistenza alla compilazione

euro 106,00

Dichiarazione IMU

euro 53,00

Bollettino IMU 1° fabbricato (compresa 1° pertinenza)

euro 27,80

Bollettino IMU 2° fabbricato cad.

euro 8,75

TASI 1° fabbricato (compresa 1° pertinenza)

euro 27,80

TASI 2° fabbricato cad.

euro 8,75

Per il tuo 730 siamo a tua disposizione nelle nostre sedi di: Varese - Gallarate - Busto Arsizio - Saronno - Luino - Gemonio - Tradate Tel. 0332 256111 - mail: 730@asarva.org - www.asarva.org www.asarva.org

Artigiani Oggi>Obiettivo Professionalità n. 04 Maggio 2015

21


Marvic, il campione dei grand prix MARVIC WHEELS SRL via Gallarate, 4 21020 Brunello (VA) Tel 0332 463386 Fax 0332 464160 Sito: www.marvic.it

La Marvic ha saputo differenziare il proprio business, rivolgendosi al settore delle competizioni di auto e moto d’epoca. Un mercato sempre più promettente

 Se vuoi un aiuto per esportare scopri il nostro servizio gratuito dedicato all’orientamento all’export. Per info: www.asarva.org/categoria/export/

Pierluigi Sturla produce componenti in magnesio per macchine e moto da competizione. Un mestiere che ha la sua ragione nella passione per la velocità e che oggi lo porta a essere uno dei produttori favoriti dagli appassionati «Se stai facendo un lavoro che non ti piace e continui a farlo, stai prendendo in giro solo te stesso». Pierluigi Sturla titolare della Marvic, cita uno dei mostri sacri delle quattro ruote, Carroll Shelby, per descrivere la sua filosofia di vita. Produttore dalla fama indiscussa di ruote e componenti in magnesio per bolidi su due e quattro ruote, Sturla è il fornitore ufficiale del team motociclistico Yamaha Endurance e da qualche anno è entrato nel settore del restauro di auto e moto d’epoca in cui sta diventando una vera e propria autorità.

Pierluigi, come fa una piccola fonderia di Brunello a resistere alla concorrenza dei colossi della ruota? «Non è semplice. Il mondo delle corse è spietato e i nostri competitor sono sempre pronti a giocare sporco, ma la passione per i motori che mi è stata trasmessa sin da piccolo mi ha permesso di reinventarmi e da qualche anno a questa parte siamo entrati nel mondo delle auto e delle moto d’epoca, che ci sta regalando grandi soddisfazioni».

www.youtube.com/user/confartigianatoVA L’impresa delle meraviglie Artigiani Oggi>Obiettivo Professionalità n. 04 Maggio 2015

«La fonderia esiste da 60 anni e le tecniche, i segreti, i trucchi del mestiere si sono evoluti con lei. Per quanto riguarda l’innovazione, oltre ad investire su macchinari all’avanguardia, abbiamo acquistato uno scanner 3D che ci permette di ricreare alla perfezione i pezzi che ci vengono commissionati dai nostri clienti».

Quando hai deciso di puntare sul settore del restauro e perché? «Come ti dicevo prima, il mondo delle corse è una sorta di ristretto circolo dove le piccole aziende come la mia fanno fatica ad entrare, così 6 anni fa abbiamo deciso di sondare il circuito del restauro di auto e modo d’epoca, che oggi rappresenta una bella fetta del nostro fatturato».

Come avete fatto a farvi notare tra gli appassionati? «Principalmente tramite il contatto diretto con i team ed i piloti sui campi gara più seguiti dai collezionisti. Non ti nascondo che all’inizio è stata molto dura, ma quando soddisfi le aspettative del

guarda il video su

22

La Marvic ha una doppia anima, da una parte la tradizionale fonderia e dall’altra un forte spinta all’innovazione tecnologica. Puoi spiegarci come si coniugano le due anime dell’azienda?

www.asarva.org


Hai mai pensato di sottoscrivere un contratto di rete con altre aziende? «Guarda l’idea può essere anche interessante ma in Italia troppo spesso manca il rispetto e come diceva mio nonno: “le società si formano in numero dispari, ma mai in più di due”». cliente, il passaparola e la fidelizzazione diventano fortissimi».

Oggi la tua azienda conta 14 dipendenti. Avresti la possibilità di assumere qualcun’altro?

Cosa offrite di così speciale rispetto ad altre aziende del settore? «Ricostruiamo con estrema fedeltà il particolare dell’auto, o della moto d’epoca, (esempio: basamenti, scatole cambio, supporti motore, ruote, portamozzi …) e lo facciamo utilizzando la lega più performante e leggera al mondo, il magnesio. Inoltre garantiamo ai nostri clienti un servizio completo, ci occupiamo di tutte le lavorazioni, finiture e controlli fino alla fine, al cliente non resta che girare la chiave d’accensione e godersi il suo bolide».

Per essere competitivi nel tuo campo bisogna investire molto in ricerca e sviluppo? «Per vocazione aziendale cerchiamo sempre di migliorare le nostre leghe. Proprio in questi giorni stiamo ultimando una collaborazione con un’azienda inglese per sviluppare una nuova lega in magnesio».

Perché con un’azienda inglese e non con una italiana? «Perché gli inglesi sono i migliori conoscitori e fornitori di questa lega che per anni è stata bistrattata, ma che oggi è guardata con interesse anche dai grandi colossi dell’automotive».

Torniamo un attimo sulle due ruote. Quel mondo è un capitolo chiuso per la Marvic? «No. Seguiamo ancora le moto e tuttora siamo i fornitori ufficiali del team ufficiale Yamaha Superbike Endurance, quelli della 24 ore di Le Mans o della 24 ore Bol d’Or per intenderci, ma il ritorno che abbiamo raccolto negli ultimi anni non è stato all’altezza delle nostre aspettative anche in virtù del fatto che quello delle supersportive è un mercato in caduta libera e dobbiamo scontrarci con colossi del settore».

Quali sono i vostri mercati di riferimento? Mi sembra di capire che oggi lavoriate molto più per privati che per singole aziende.

«Diciamo che per il momento non è la nostra priorità. L’azienda ha dei costi fissi molto alti, e finché la politica non si accorge del carico fiscale che ci tartassa è difficile pensare di ingrandirsi. Inoltre quando ho cercato un giovane da inserire, ho fatto molta fatica a trovare qualcuno che avesse davvero voglia di lavorare»

Cosa ti aspetti dal futuro? «Di continuare a fare quello che più mi piace, e che tanti piloti ancora possano arrivare sul gradino più alto del podio grazie anche al mio impegno ed alla mia passione».

«Oggi esportiamo molto negli Usa e in Giappone, dove sono tantissimi gli appassionati di motori e sì, in effetti ci capita sempre meno di lavorare con aziende di auto o moto e sempre di più con i preparatori e privati che ci richiedono ruote o particolari per motori. Poi lavoriamo anche per conto terzi ovviamente». www.asarva.org

Artigiani Oggi>Obiettivo Professionalità n. 04 Maggio 2015

23


Syncro e la plastica che riempie il vuoto SYNCRO GROUP Viale dell’Industria, 42 Busto Arsizio (Va) Tel. +39 0331 677716 Fax +39 0331 326581 mail: info@syncro-group.it Sito: www.syncro-group.it

Produce macchine per l’imballaggio e l’estrusione di materie plastiche tecnologicamente avanzate, nel 2014 ha brevettato sette nuovi sistemi.

Da Busto Arsizio a Beirut passando da Rio, Tokyo e Berlino. Non ha nemmeno 7 anni la Syncro Group di Gabriele Caccia ma già vende macchine per l’imballaggio e l’estrusione di materie plastiche in tutto il mondo Nel distretto della plastica varesino da quasi otto anni un’azienda di Busto Arsizio si sta ritagliando sempre più spazio, sia in Italia che all’estero. È la Syncro Group, impresa fondata da Gabriele Caccia che oggi produce e vende macchine per l’imballaggio e l’estrusione di materie plastiche in mezzo mondo impiegando circa 150 persone tra Sacconago e il resto del mondo.

Signor Caccia, partiamo dall’inizio. Cosa producete qui a Sacconago? «Qui realizziamo impianti che andranno nelle imprese che lavorano materia plastiche, ma la Syncro Group è composta da quattro società principali: due, qui a Busto Arsizio che si occupano di tutta la parte che riguarda la gestione e l’automazione delle macchine per l’imballaggio e per l’estrusione della materia plastiche, poi ne abbiamo una a Modena e una in Inghilterra».

Qual è la storia che sta dietro alla Syncro?

guarda il video su

www.youtube.com/user/confartigianatoVA L’impresa delle meraviglie 24

«Diciamo che sono un figlio d’arte e dopo la laurea in ingegneria gestionale ho iniziato a lavorare nel settore, poi un bel giorno ho deciso, insieme a un collega, di provare l’avventura e da zero abbiamo aperto la ditta. Oggi siamo circa 150 persone in giro per il mondo e la

Artigiani Oggi>Obiettivo Professionalità n. 04 Maggio 2015

www.asarva.org

Syncro è presente in Brasile, Cina, Stati Uniti, Germania, Giappone e recentissimamente in Libano, a Beirut, dove abbiamo aperto un piccolo ufficio».

Cosa rende le vostre macchine così “interessanti” per il mercato? «Credo che sia un insieme di fattori. Seguiamo il cliente dalla A alla Z. Poi senza dubbio la parte software dei nostri macchinari, al pari di quella meccanica e pneumatica, è un aspetto che ci rende molto innovativi e appetibili. Basti pensare che lo scorso anno abbiamo brevettato 7 nuovi sistemi».

Questa forza deriva dai vostri collaboratori? «In Syncro abbiamo un ufficio tecnico molto corposo, con circa una decina tra ingegneri e personale tecnico specializzato. Tutto quello che disegniamo e progettiamo viene poi realizzato dai nostri sub-fornitori locali che sono attentamente selezionati, infine i nostri dipendenti pensano all’assemblaggio finale e al collaudo. Quindi direi di sì, ogni collaboratore è fondamentale per il risultato finale del lavoro. Io li definisco: le nostre eccellenze».


Come siete riusciti a ritagliarvi il vostro spazio nel mondo? «Diciamo che il nostro segreto è essere presenti sul mercato. Saperlo ascoltare e avere la capacità di anticiparlo, innovando. Ogni anno seguiamo una dozzina di fiere in tutto il mondo. È un impegno oneroso per la nostra azienda ma allo stesso tempo vitale. Ero a Dubai settimana scorsa, la prossima sarò Mosca e a marzo negli Stati Uniti. Poi quest’anno in concomitanza di Expo ci sarà un’importante fiera a Milano e saremo presenti anche lì. È uno sforzo, ma questo ci aiuta a essere competitivi all’estero. Anche grazie a questo l’anno scorso abbiamo realizzato il 96% del nostro fatturato fuori dai confini nazionali».

Oltre all’innovazione cosa chiedono le aziende estere a quelle italiane? «Le faccio un esempio che può aiutarla a capire. Alcuni nostri grossi clienti americani e tedeschi ci chiedono ogni anno la fluttuazione dei dipendenti».

Prego? «Le variazioni del personale all’interno dell’azienda. Quanti se ne sono andati, quanti ne abbiamo assunti, etc. Ecco nel nostro caso mai nessuno si è licenziato o è stato mandato a casa e questo è sintomo di solidità aziendale e del

fatto che le persone che lavorano qui trovano degli stimoli continui».

Mi accennava dei dieci dipendenti laureati, come li selezionate e che ruolo ha la ricerca e sviluppo nella sua azienda? «Due anni fa abbiamo iniziato a richiedere al Politecnico di Milano le liste dei neolaureati in ingegneria informatica, elettronica e meccanica. La nostra esigenza è quella di trovare ragazzi con competenze di base per farli crescere in azienda, anche con stage semestrali. Per quanto riguarda R&S (ricerca e sviluppo ndr.) in questi anni abbiamo fatto un grosso lavoro di sviluppo sugli imballaggi alimentari e brevettato un sistema che va a misurare il numero degli strati di politelene, pa e evoh (materiali plastici ndr.) per consentire ai nostri clienti di verificare effettivamente la qualità dei prodotti che vanno ad immettere sul mercato. Abbiamo anche brevettato una macchina per produrre rotoli, simili al domopak per intenderci, ma senza il cartone sul quale si avvolge il materiale».

Niente male. Ha mai usufruito delle detrazioni per quel che riguarda la ricerca e lo sviluppo? www.asarva.org

«Guardi, a oggi non ho mai avuto usufruito di una detrazione, una agevolazione o una mano da parte statale....».

Senta la vostra è una realtà aziendale solida, un domani pensate di potervi quotare nel listino della borsa italiana dedicata ai “piccoli”? «Non è un obbiettivo primario, ma sicuramente quando avremmo raggiunti alcuni obbiettivi potrebbe essere utile. Oggi uno dei problemi delle imprese è proprio avere liquidità e il discorso della quotazione, come quello dell’emissione di minibond, potrebbe essere interessante».

Lavorate nel settore delle materie plastiche, che ripercussioni ha avuto la cosiddetta guerra del petrolio tra paesi Opec e Stati Uniti, sulla vostra attività? «Noi abbiamo la fortuna di essere abbastanza capillari. Fino all’altro ieri andavamo alla grande in Arabia Saudita, oggi andiamo altrettanto bene negli Usa. Siamo presenti su entrambi i mercati e questo ci consente di non farci spaventare troppo».

Artigiani Oggi>Obiettivo Professionalità n. 04 Maggio 2015

25


Finazzi, una finestra sul Made in Italy FINAZZI S.R.L. Via Garibaldi 52 Azzate (Va) Tel. 0332 945140 Fax: 0332 945315 mail: info@finazziserramenti.it Sito: www.finazziserramenti.it

La Finazzi offre un servizio su misura ai suoi clienti, seguendoli dalla A alla Z nell’istallazione di serramenti in PVC (e non solo)

Nata come officina meccanica specializzata in minuteria metallica, la Finazzi di Azzate oggi conta 35 dipendenti e in provincia di Varese è tra i leader nella produzione di serramenti in Pvc Nata come officina meccanica specializzata in minuteria metallica, la Finazzi di Azzate oggi conta 35 dipendenti e in provincia di Varese è tra i leader nella produzione di serramenti in Pvc, un materiale che garantisce un ottimo isolamento termico e che, proprio per questo, è scelto da chi vuole usufruire delle agevolazioni fiscali riservate alle ristrutturazioni abitative. Una coincidenza che, insieme alla competenza, ha permesso all’azienda di crescere anche durante gli anni della grande crisi.

Signor Giacobbo, guardando la vostra azienda si fa fatica a pensare che tutto è cominciato in uno scantinato. «Ma è così. Quando mio padre Furio decise di lasciare il suo posto all’Ignis, nel 1966, lavoravamo già da qualche tempo la sera e durante i fine settimana, nella cantina di casa. Pochi attrezzi e tanta voglia di fare. Se vuole le racconto un aneddoto per farle capire che tipo era Furio…»

Prego. guarda il video su

www.youtube.com/user/confartigianatoVA L’impresa delle meraviglie

26

«Prima di avviare la sua impresa mio padre ebbe un infortunio e per poco non perse un dito. Ecco, invece di stare buono buono e aspettare di guarire, sfruttò il periodo di infortunio per andare

Artigiani Oggi>Obiettivo Professionalità n. 04 Maggio 2015

www.asarva.org

alla Metaldesio di Milano, dove comprò un piccolo tornio semiautomatico per fornire di dadini, rondelle e perni filettati, i tanti clienti che bussavano alla neonata Finazzi. Non riusciva a stare fermo e tutta la famiglia, me compreso, marciava dietro a lui».

Dalle rondelle ai serramenti in Pvc. Come è avvenuta la trasformazione? «Negli anni ’70 e fino alla fine degli anni ’80 l’officina meccanica Finazzi andava molto bene. Eravamo arrivati ad avere circa 25 torni automatici e una ventina di dipendenti. La cantina si era trasformata in una piccola azienda e mio padre decise di ingrandirsi ulteriormente, così da Morazzone ci siamo trasferiti nella zona artigianale di Casale Litta. Tutte le mattine un furgoncino, adattato apposta da una carrozzeria milanese, passava a prendere i dipendenti per andare nel nuovo capannone di Casale dove, fino agli anni ’90, abbiamo continuato a lavorare per il settore della minuteria metallica».


Poi cosa è successo? «È successo che poco dopo aver acquistato il terreno e costruito il nuovo capannone, il nostro principale cliente è fallito, lasciandoci letteralmente a terra. È lì che, grazie a una fiera e a mio cognato, ci re-inventiamo come produttori di serramenti di Pvc».

Come avete capito che era un cavallo vincente? «Non lo sapevamo, era una scommessa. All’epoca il Polivinilcloruro era un materiale nuovo e sconosciuto ai più. Sono andato con mio padre a una fiera a Padova e quando sono tornato avevamo comprato una macchina per sagomare i serramenti e qualche barra di Pvc. Abbiamo iniziato così, facendo 20 finestre e sbagliandone 18».

Come è avvenuta la riconversione aziendale? «Fino agli anni ’90 avevamo due o tre persone addette ai serramenti e 25 alla minuteria metallica. Poi l’arrivo di prodotti finiti a prezzi inferiori dalla Jugoslavia e dal Nord Est ha mandato definitivamente in crisi il settore della minuteria e così abbiamo deciso di smantellare il reparto e reinventarci. Abbiamo cambiato il fornitore di barre in PVC, iniziato a girare per fiere e siamo diventati sempre più precisi. Un aspetto non secondario, dovuto, credo, alla nostra esperienza nella meccanica di precisione».

Perché il Pvc è un materiale tanto interessante? «Rispetto al legno praticamente non ha bisogno di manutenzione e rispetto all’alluminio è un isolante termico. All’epoca il Pvc copriva forse il 5 per cento del mercato, oggi è al 35».

È cresciuto il suo utilizzo e siete cresciuti voi. «Sì. Ma per crescere è stato necessario investire in personale, in tecnologie, in un nuovo capannone e così via. Siamo un’azienda che vanta la certificazione ISO 9001 e abbiamo una certificazione per posatori professionisti, cosicché il nostro cliente ha la certezza del lavoro che va ad acquistare».

Senta le agevolazioni fiscali dedicate al risparmio energetico hanno contribuito a superare meglio la crisi? «Certamente sì. Dal 2008 al 2010 il nostro fatturato è cresciuto in media del 10 per cento all’anno. Credo che tanta gente in quel periodo abbia deciso di investire sulla propria casa, piuttosto che in titoli di Stato, azioni o via dicendo. Da una parte perché considera la casa un investimento sicuro e dall’altra perché il nostro è un prodotto che permette di risparmiare sulle spese di riscaldamento».

www.asarva.org

Oggi, come ai tempi dell’avvento della concorrenza estera nella minuteria metallica, un acquirente può risparmiare scegliendo un prodotto meno costoso del vostro. Voi cosa offrite di meglio? «La nostra strategia è quella di puntare sulla qualità Made in Italy e di differenziare la gamma di prodotto, offrendo ad esempio vari effetti cromatici, cerniere a scomparsa, diverse tipologie di apertura, alzanti scorrevoli con motore elettrico, serrature motorizzate per i portoncini d’ingresso, porte da interno, porte blindate, frangisole, tapparelle, chiusure per i garage e così via».

La Finazzi serve la provincia di Varese, Como, Biella e parte dell’altomilanese, cosa vi impedisce di espandervi ulteriormente? «Noi vogliamo crescere, ma la nostra crescita deve essere proporzionata alla precisone del lavoro. Il nostro cliente deve avere la garanzia di essere seguito non solo prima e durante, ma anche dopo l’acquisto. Se non possiamo garantirgli la nostra massima collaborazione è inutile crescere ancora».

Artigiani Oggi>Obiettivo Professionalità n. 04 Maggio 2015

27


i contributi 2015 per le  Elba: imprese e i lavoratori Anche quest’anno gli imprenditori e i loro lavoratori possono contare sui contributi dell’Elba, l’Ente bilaterale tra le associazioni imprenditoriali e i sindacati nato nel ’93 per sostenere le imprese artigiane e loro dipendenti. Tra le novità di quest’anno i tre nuovi contributi per: » il sostegno all’assistenza domiciliare, 250 euro a favore dei dipendenti che sostengono un’assistenza domiciliare (badante) di un genitore;

» le spese universitarie, 250 euro a favore dei dipendenti per l’iscrizione al secondo anno di università dei loro figli; » la carenza di malattia, 150 euro per ogni evento di malattia per il quale l’impresa retribuirà i giorni di carenza di malattia. Per l’elenco completo e le modalità di richiesta di tutti i contributi Elba per imprese e lavoratori vai su: www.asarva.org/2015/04/elba-arrivano-icontributi-2015/

Impresa - Incentivi all’  Dote assunzione di persone con disabilità Regione Lombardia promuove l’inserimento e il reinserimento occupazionale delle persone con disabilità riconoscendo un incentivo economico “una tantum” a favore dell’impresa che assume, o utilizza in regime di somministrazione, persone disabili in possesso dei requisiti stabiliti. L’incentivo è graduato in relazione alla percentuale di invalidità e alla tipologia/ durata del contratto di lavoro o della missione in somministrazione e varia

da un minimo di euro 2.500 a un massimo di euro 16.000. La domanda di incentivo all’assunzione deve essere presentata esclusivamente per mezzo del sistema informativo regionale entro le ore 17 del 01 febbraio 2016. Le richieste di contributo per i contratti sottoscritti precedentemente alla pubblicazione dell’Avviso dovranno pervenire entro e non oltre le ore 17 del 31 agosto 2015.

i  Per disoccupati è partita la nuova Naspi E’ partita il primo maggio la nuova assicurazione sociale per l’impiego, la Naspi, riconosciuta ai lavoratori che abbiano perduto involontariamente la propria occupazione. Vengono così sostituite le precedenti prestazioni prestazioni di Aspi e MiniAspi. I costi a carico delle imprese (contributo ordinario dell’1,31% + 0,3%, quota addizionale dell’1,4%) per i contratti a termine più ticket licenziamenti, restano invariati. Il sussidio potrà raggiungere un massimo di due anni. Il tetto dell’importo potrà arrivare a 1.300 euro mentre, in precedenza, l’Aspi non superava i 1.167,91 euro. Per tutti gli approfondimenti: www.asarva.org/2015/04/1-maggio-alvia-la-nuova-naspi-per-i-disoccupati/

Giuseppe Aletti_Tel. 0332 256266 giuseppe.aletti@asarva.org

TFR in busta paga: come si liquida la quota integrativa della retribuzione

Con le istruzioni INPS per la liquidazione del TFR in busta paga, entra a pieno regime l’erogazione mensile della quota integrativa della retribuzione (Qu.I.R.). L’Istituto ha precisato che il primo mese utile di erogazione sarà quindi a partire dalla retribuzione di maggio 2015. I lavoratori interessati devono presentare al datore di lavoro l’istanza 28

e il datore di lavoro rilascerà un’attestazione di ricevimento. La liquidazione della Qu.I.R. è effettuata: » a partire dalla busta paga del mese successivo a quello di presentazione dell’istanza, per i dipendenti da datori di lavoro che non ricorrono al finanziamento; » a partire dalla busta paga del quarto mese successivo a quello di presen-

Artigiani Oggi>Obiettivo Professionalità n. 04 Maggio 2015

www.asarva.org

tazione dell’istanza, per i datori di lavoro che ricorrono al Finanziamento assistito da garanzia. Durante tutto il periodo di operatività della Qu.I.R. la scelta del lavoratore è irrevocabile. Avrà termine con il periodo di paga in scadenza al 30 giugno 2018 (o a seguito di interruzione del rapporto di lavoro). Per tutti gli approfondimenti: www.asarva.org/2015/04/tfr-in-busta-paga-comesi-liquida-la-quota-integrativa-della-retribuzione/


charge: i chiarimenti Iva  Reverse  dell’Agenzia delle Entrate agevolata L’Agenzia delle Entrate ha chiarito la corretta applicazione del reverse charge per le prestazioni di servizi di pulizia, demolizione, installazione di impianti e completamento, relative ad edifici introdotte dal 1° gennaio 2015. Considerato che l’applicazione di questa disciplina alle fatture emesse dall’1 gennaio 2015 poteva generare incertezza, l’Agenzia ha precisato che sono fatti salvi e non sanzionabili eventuali comportamenti difformi posti in essere fino al 27 marzo 2015.

La nozione di edificio va intesa in senso restrittivo e va pertanto riferita esclusivamente ai fabbricati e non “alla più ampia categoria dei beni immobili”. Non rientrano nella disposizione in esame, quindi, le prestazioni effettuate su terreni, parti del suolo, parcheggi, piscine, giardini e a beni mobili. Per tali prestazioni il reverse charge si applica a prescindere dal rapporto contrattuale tra le parti (appalto, subappalto).

Le prestazioni alle quali risulta applicabile la disciplina, per evitare incertezze interpretative e in una logica di semplificazione, sono individuate sulla base delle attività comprese nei attività della Tabella Ateco 2007: Servizi di pulizia di edifici 81.21.00 / 81.22.02) e Servizi di demolizione, installazione impianti, completamento di edifici 43.11.00 / 43.21.01 / 43.21.02/ 43.22.01 / 43.22.02 / 43.22.03 / 43.29.01 / 43.29.02 / 43.29.09 / 43.31.00 / 43.32.01 / 43.32.02 / 43.33.00 / 43.34.00 / 43.39.01 / 43.39.09

Contratto unico con pluralità di prestazioni Qualora un unico contratto comprenda una pluralità di prestazioni di servizi, soltanto in parte soggette a reverse charge, è necessario scomporre le operazioni in quanto l’inversione contabile “costituisce la regola prioritaria” (è il caso, ad esempio, di un contratto che prevede l’installazione di impianti e altre generiche prestazioni di servizi).

Soggetti esclusi Il reverse charge non trova applicazione per le prestazioni di servizi rese nei confronti di soggetti che, beneficiando di particolari regimi fiscali, sono esonerati dagli adempimenti Iva: produttori agricoli esonerati, esercenti attività di intrattenimento, soggetti che effettuano spettacoli viaggianti.

Iva per cassa Il regime dell’Iva per cassa non è applicabile alle operazioni per le quali risulti applicabile il reverse charge.

Split payment Lo split payment non può essere applicato per le prestazioni di servizi soggette al reverse charge da parte dell’Ente pubblico destinatario della fattura quando acquista il servizio nell’ambito di un’attività commerciale e non istituzionale.

per beni significativi in edilizia In presenza di beni significativi prodotti dal fornitore, l’aliquota Iva ridotta si applica solo sul valore della manodopera sostenuta per la sola posa in opera degli stessi. Sull’aliquota Iva applicabile nel caso della fornitura con posa in opera di infissi arriva un chiarimento dell’Agenzia delle Entrate. Erano numerosi infatti i dubbi in merito alla determinazione del limite della base imponibile su cui applicare l’aliquota ridotta del 10% in presenza di beni significativi (soprattutto, infissi) prodotti dall’artigiano ed installati. L’Agenzia delle Entrate chiarisce definitivamente che l’aliquota ridotta del 10% è applicabile solo fino a concorrenza del valore della prestazione lavorativa considerato al netto del valore, risultante dal contratto, degli infissi stessi. La manodopera impiegata per produrre il bene significativo non rientra, in sostanza, nell’agevolazione.

Regime forfettario I soggetti che applicano il nuovo regime forfettario qualora acquistino beni/ servizi assoggettati a reverse charge “non potendo esercitare il diritto alla detrazione, dovranno effettuare il versamento dell’imposta a debito” entro il giorno 16 del mese successivo a quello di effettuazione dell’operazione. www.asarva.org

Maurizio Salardi_Tel. 0332 256323 maurizio.salardi@asarva.org

Per tutti gli approfondimenti: www.asarva.org/categoria/consulenzafiscale/

Artigiani Oggi>Obiettivo Professionalità n. 03 Aprile 2015

29


I corsi da non perdere La Leadership emozionale OBIETTIVI Potenziare la propria leadership, migliorare la qualità di vita aziendale e personale grazie allo sviluppo della propria intelligenza emotiva CALENDARIO E ORARI 18 Maggio 2015 > 9.00/13.00 - 14.00/18.00 SEDE CONFARTIGIANATO IMPRESE VARESE Via F. Baracca, 5 - Busto Arsizio Costo: euro 120,00 + IVA Per informazioni e iscrizioni: » rivolgersi agli Assistenti d’Impresa presenti nelle sedi di Confartigianato Varese » Tel. 0332 256111 - n. verde 800650595 » www.asarva.org/categoria/formazione/

Personal Branding: come comunicare la propria immagine OBIETTIVI » Come vendere al meglio l’immagine e i servizi della propria azienda » Impostare una corretta strategia di vendita del proprio brand e della propria immagine personale CALENDARIO E ORARI 18 Giugno 2015 - dalle 9.00 alle 18.00 SEDE FABERLAB - Viale Europa, 4/A - Tradate Costo: euro 150,00 + IVA

In partenza a maggio e giugno 2015 9/06/2015

CONFARTIGIANATO IMPRESE VARESE VIA F. BARACCA, 5 - BUSTO ARSIZIO

23/06/2015

CONFARTIGIANATO IMPRESE VARESE VIALE MILANO, 5 - VARESE

9/06/2015

CONFARTIGIANATO IMPRESE VARESE VIA F. BARACCA, 5 - BUSTO ARSIZIO

23/06/2015

CONFARTIGIANATO IMPRESE VARESE VIALE MILANO, 5 - VARESE

RAPPRESENTANTE DEI LAVORATORI DELLA SICUREZZA 81/08 – BASE

dal 21/05/2015 al 2/07/2015

CONFARTIGIANATO IMPRESE VARESE VIA F. BARACCA, 5 - BUSTO ARSIZIO

RAPPRESENTANTE DEI LAVORATORI DELLA SICUREZZA 81/08 – AGGIORNAMENTO

5-12/06/2015

CONFARTIGIANATO IMPRESE VARESE VIA F. BARACCA, 5 - BUSTO ARSIZIO

3/06/2015

CONFARTIGIANATO IMPRESE VARESE VIALE MILANO, 5 - VARESE

PRIMO SOCCORSO – RINNOVO – GRUPPO A – AULA

PRIMO SOCCORSO – RINNOVO – GRUPPO B – AULA

LAVORATORI: CORSO OBBLIGATORIO SICUREZZA – SPECIFICO BASSO RISCHIO – PRODUZIONE

28/05/2015 e 22/06/2015 CONFARTIGIANATO IMPRESE VARESE VIA F. BARACCA, 5 - BUSTO ARSIZIO

30

Artigiani Oggi>Obiettivo Professionalità n. 04 Maggio 2015

www.asarva.org


In partenza a maggio e giugno 2015 LAVORATORI: CORSO OBBLIGATORIO SICUREZZA – SPECIFICO MEDIO RISCHIO

LAVORATORI: CORSO OBBLIGATORIO SICUREZZA – SPECIFICO BASSO RISCHIO – SERVIZI

ADDETTI ALLA CONDUZIONE DEI CARRELLI ELEVATORI E MULETTI

3-8/06/2015

CONFARTIGIANATO IMPRESE VARESE VIALE MILANO, 5 - VARESE

22-29/06/2015

CONFARTIGIANATO IMPRESE VARESE VIA F. BARACCA, 5 - BUSTO ARSIZIO

16/06/2015

CONFARTIGIANATO IMPRESE VARESE VIA F. BARACCA, 5 - BUSTO ARSIZIO

19-26/06/2015

CONFARTIGIANATO IMPRESE VARESE VIALE MILANO, 5 - VARESE Prova pratica c/o Vignola Carrelli: 3 luglio 2015

3-8-15/06/2015

CONFARTIGIANATO IMPRESE VARESE VIALE MILANO, 5 - VARESE

22-29/06/2015 6/07/2015

CONFARTIGIANATO IMPRESE VARESE VIA F. BARACCA, 5 - BUSTO ARSIZIO

LEGNA, PELLET E BIOMASSA – CORSO AVANZATO

11-18/06/2015

CONFARTIGIANATO IMPRESE VARESE VIA SANVITO SILVESTRO, 92 - VARESE

PROGETTAZIONE 3D RHINOCEROS 5 – MECHANICAL DESIGN

18-25/05/2015

FABERLAB - TRADATE VIALE EUROPA 4/A

29/05/2015 5/06/2015

FABERLAB - TRADATE VIALE EUROPA 4/A

28/06/2015 e 1/07/2015

FABERLAB - TRADATE VIALE EUROPA 4/A

30/06/2015

FABERLAB - TRADATE VIALE EUROPA 4/A

LAVORATORI: CORSO OBBLIGATORIO SICUREZZA – SPECIFICO ALTO RISCHIO

RENDERING CON KEYSHOT 5 * STORYTELLING: RACCONTARE L’IMPRESA * ORGANIZZA IL TUO TEMPO PER IL BUSINESS *

* Agli imprenditori partecipanti che versano i contributi ELBA sarà riconosciuto il rimborso del 30% della quota corso per i titolari e dipendenti

Per tutti gli approfondimenti e gli aggiornamenti : www.asarva.org/categoria/formazione/

www.asarva.org

Artigiani Oggi>Obiettivo Professionalità n. 04 Maggio 2015

31


Fiera “Maison et Objet” Parigi 4-8 settembre 2015 L’Ice, in collaborazione con Confartigianato, organizza la partecipazione collettiva alla Fiera “Maison et Objet” che si terrà a Parigi dal 4 all’8 settembre 2015 presso il Parco delle Esposizioni – Parigi Nord Villepinte. “Maison et Objet” è uno dei principali eventi fieristici internazionali del settore casa, artigianato artistico, articoli da regalo, tessile, accessori e complementi di arredo e rappresenta il principale polo

di attrazione di oltre 80 mila visitatori a livello mondiale. Tutte le aziende avranno a disposizione una zona di presentazione collettiva dei loro prodotti e un proprio spazio espositivo, predisposto anche per le singole contrattazioni. Per garantire un’immagine di alto livello, le imprese saranno selezionate.

Sempre più spesso le piccole imprese effettuano transazioni all’estero stipulando dei veri e propri contratti internazionali: possono essere semplici contratti di vendita di merci, di agenzia o distribuzione, di subfornitura, o anche transazioni più complesse, come i contratti di licenza, joint venture, chiavi in mano. Il negoziare, redigere e concludere contratti internazionali richiede molta attenzione e comporta problematiche complesse a causa dei sistemi giuridici differenti dal nostro: quale legge regolerà i rapporti tra le parti? Ed in caso di controversie, chi sarà chiamato a risolverle? L’autorità giudiziaria italiana o quella del Paese straniero? Lo sportello di contrattualistica internazionale che Confartigianato Varese mette a disposizione delle imprese socie offre il supporto concreto e personalizzato di un esperto per aiutare gli imprenditori in ogni singola circostanza. www.asarva.org/categoria/export/

32

NB: Chi partecipa al Maison et Objet può richiedere i contributi previsti dal Bando fiere internazionali della Camera di Commercio di Varese Per ricevere la scheda d’adesione contattare:

Contrattualistica internazionale: il nostro nuovo servizio a sportello

Per tutti gli approfondimenti:

Per manifestare interesse di partecipazione alla fiera “Maison & Objet” è necessario inviare la domanda di ammissione, entro e non oltre il 18 maggio 2014.

» Matteo Campari matteo.campari@asarva.org Tel. 0332 256290

Global Green Economy: il punto al Forum di Pechino Dal 5 al 9 giugno si svolgerà a Pechino il 6° Global Green Economy Prosperity, il Forum che tratterà i temi della valorizzazione rifiuti, risparmio energetico, eco-agricoltura e green building. L’iniziativa è organizzata da IGEA, un’importante Associazione di Imprese della Green Economy in Cina. La missione ha lo scopo di favorire l’incontro con imprese cinesi, fare networking con i partner sia istituzionali che istituti finanziari e di credito bancario, interessati a finanziare progetti tra soggetti economici cinesi e italiani.

Per tutte le informazioni: » Matteo Campari Area Innovazione – Internazionalizzazione Confartigianato Imprese Varese matteo.campari@asarva.org Tel. 0332 256290

Artigiani Oggi>Obiettivo Professionalità n. 04 Maggio 2015

www.asarva.org

Per informazioni sui costi e le modalità di adesione alla missione contattare: » Matteo Campari matteo.campari@asarva.org Tel. 0332 256290


 Tari e rifiuti speciali: i chiarimenti dell’Ifel In materia di detassazione delle superficie produttive di rifiuti speciali IFEL (Istituto per la Finanza e l’Economia Locale di Anci) in una recente nota, pone rilievo alla problematica dei magazzini dove si formano rifiuti speciali NON assimilati a quelli urbani, ribadendo l’obbligo di rivedere i regolamenti comunali sulla TARI.

Laboratori e magazzini con produzione di rifiuti speciali non assimilati agli urbani Sono tutte quelle realtà industriali e artigianali il cui ciclo produttivo origina esclusivamente, in via continuativa e prevalente rifiuti speciali che non possono essere ricompresi tra quelli assimilati. In questi casi i Comuni hanno l’obbligo e non la mera facoltà di prevedere i criteri cui subordinare la detassazione. Rientrano in questo caso anche le aree di stoccaggio delle materie prime.

Quindi queste superfici devono essere escluse dalla TARI. (per esempio: officine meccaniche che producono solo scarti metallici con o senza olio, segherie che producono ingenti quantità di trucioli e scarti di legno, lavorazione del vetro, delle materie plastiche, tessiture).

Laboratori e magazzini che producono rifiuti speciali assimilati agli urbani L’Ifel segnala il diritto del contribuente alla riduzione della quota variabile del tributo nel caso si dimostri di aver avviato al riciclo i rifiuti speciali assimilati. Si tratta, quindi, non di riduzione di superficie imponibile, ma di riduzione della parte variabile della tariffa, che dovrà essere riconosciuta a consuntivo, stante l’obbligo del produttore di dimostrare l’avvenuto avvio al riciclo.

Si tratta di un’agevolazione che deve essere richiesta dal contribuente, seguendo le modalità e la tempistica stabilità nel regolamento comunale.

Laboratori e magazzini con produzione “promiscua” di rifiuti speciali e di speciali assimilati Anche in questo caso devono essere previste percentuali di riduzione deliberate dal Comune, che non potranno essere superiori al 50%, altrimenti scatta la detassazione completa in quanto “prevalente” la produzione di rifiuti speciali. Ricordiamo che presso tutte le nostre sedi abbiamo predisposto un apposito sportello di assistenza per la verifica delle cartelle comunali e delle superfici soggette a Tari. La valutazione è gratuita per le imprese socie. Per tutte le informazioni e l’elenco dei documenti necessari: » rivolgersi agli Assistenti d’impresa tel. 0332 265.111

Per tutti gli approfondimenti: www.asarva.org/categoria/sicurezza-eambiente/

ultima

rifiuti  Tassa a Caronno

ora

Diventa obbligatorio l’invio telematico all’Albo Gestori Rifiuti

L’iscrizione all’Albo Gestori Rifiuti è obbligatoria per tutte le imprese che svolgono attività di raccolta e trasporto di rifiuti. Dal 1° giugno 2015 tutte le pratiche da presentare all’Albo Gestori Ambientali potranno essere inoltrate solo telematicamente (iscrizioni, variazioni, rinnovi). Dovrà essere compilata interamente on-line e firmata digitalmente dal legale rappresentante dell’impresa. Ricordiamo che i nostri uffici sono, già da tempo, struttura accreditata operativa per inoltrare le pratiche telematicamente e possono operare come intermediario dell’impresa nell’invio all’Albo Gestori di pratiche per il trasporto in conto proprio dei rifiuti. Per tutte le informazioni:

Pertusella: puoi chiedere la detassazione Le imprese di Caronno Pertusella non devono pagare la tassa rifiuti su magazzini e sulle aree collegate all’attività in cui si producono rifiuti speciali che vengono smaltiti da aziende specializzate. Grazie al continuo confronto con l’amministrazione comunale sulla tassa rifiuti, Confartigianato Varese ha infatti ottenuto questo risultato per le imprese, oltre alla diminuzione del tributo del 10% per il 2015. Ora gli imprenditori devono verificare la situazione delle superfici dell’attività per presentare al Comune entro il 30 giugno, la richiesta di esclusione di queste superfici

» Rivolgersi agli Assistenti d’impresa in tutte le sedi www.asarva.org Artigiani Oggi>Obiettivo Professionalità n. 04 Maggio 2015 Tel. 0332 256111

33


Novità di settore Riforma Rc auto: la Regione promuove le richieste di Confartigianato CARROZZIERI

Oltre 150 gli imprenditori presenti il 22 aprile a Brescia, in occasione del convegno in cui hanno ribadito il loro “no” al monopolio delle assicurazioni. E rinnovato le richieste delle imprese del settore contro la

riforma dell’Rc auto contenuta nel Ddl Concorrenza presentate da Confartigianato come emendamento ala legge. Queste stesse proposte sono state avanzate alla Commissione Attività Produttive del Consiglio della Regione Lombardia e approvate all’unanimità dal Consiglio regionale. Il nodo centrale da correggere riguarda il cosiddetto “risarcimento in forma specifica”: i consumatori devono poter scegliere liberamente l’officina di fiducia presso la quale far

riparare il veicolo incidentato, senza essere costretti a rivolgersi alle carrozzerie convenzionate con l’assicurazione. Ora la Regione, con i consiglieri della Commissione che l’hanno approvata e che erano presenti al convegno di Brescia, si impegnano a sostenerle in corso di approvazione parlamentare della legge. Per tutti gli approfondimenti: www.asarva.org/2015/04/rc-auto-la-regionepromuove-le-richieste-di-confartigianato/

Acconciatori ed estetiste in affitto di poltrona BENESSERE

Per “affitto di poltrona o di cabina” si fa riferimento ad uno specifico contratto in base al quale un titolare di salone di acconciatura o di centro estetico concede in uso una parte dell’immobile nel quale viene esercitata la propria attività imprenditoriale, dietro pagamento di un corrispettivo.

Nel contratto devono naturalmente essere disciplinati una serie di aspetti: gestione delle attrezzature, aspetti igienico sanitari e di sicurezza, aspetti urbanistici, rapporto con i dipendenti, gestione dei clienti ecc. Affittare una parte del salone ad un collega è possibile e non vietato anche se la maggioranza dei Comuni e delle Regioni italiane è in fase di acquisizione di informazioni per regolamentarlo. Confartigianato Varese è a disposizione di tutte quelle imprese che chiedono maggiore chiarezza sulla normativa e che, di fronte alle incertezze dei Comuni, non sempre

allertati sulle decisioni delle ASL per quanto riguarda gli aspetti igienicosanitari, sono tentati a rinunciare. Su quest’ultimo aspetto, in particolare, l’Asl ha emanato, su nostra specifica richiesta, delle linee guida che consentono di evitare duplicazioni di costi (ad esempio non è necessario avere due ingressi e due servizi igienici separati). Per tutte le informazioni sulla possibilità di affittare la tua poltrona o se sei disponibile per condividere uno spazio contattare gli Assistenti d’impresa in tutte le nostre sedi. Per tutti gli approfondimenti: www.asarva.org/2015/04/acconciatori-ed-estetiste-in-affitto-di-poltrona

cerco / vendo / offro » gli annunci

Per i tuoi annunci: fax 0332 256300 - team.comunicazione@asarva.org

IMPRESA CERCA IMPRESA Disegnatore meccanico si mette a disposizione per disegni e progetti con cad 2D e 3D Topsolid. Esperienze in vari settori : piccoli elettrodomestici, attrezzi per macchine utensili, lavorazioni lamiere. Per info: tel. 339 1373334 Ditta di Cantello operante nel settore della carpenteria metallica si offre a collaborare per la piegatura e tranciatura di lamiere e per vari lavori di puntatura, filettatura, etc. Dotati di mezzo di trasportato per ritiri e consegne urgenti. Per info: tel. 0332 417438 Padroncino con pluriennale esperienza regolarmente iscritto con tutte le predisposizioni di legge, con furgone frigo isotermico capienza di 7 pallet e portata di kg. 600 offresi a ditte serie per la distribuzione della merce in generale alimentari (freschi e non). Per lavoro continuativo o saltuario. Per info: tel. 339 5476065

34

Artigiani Oggi>Obiettivo Professionalità n. 04 Maggio 2015

www.asarva.org


Scadenze maggio 2015 05 CONTABILITÁ E ASSISTENZA FISCALE - Termine ultimo consegna documentazione relativa al mese di APRILE 14 AMMINISTRAZIONE DEL PERSONALE - Ritiro cedolini 18 IVS ARTIGIANI e COMMERCIANTI - Versamento contributi in misura fissa (1a rata anno 2015) Invio telematico VERSAMENTO UNITARIO F24 - delle imposte (lavoro dipendente - ritenute - IVA - contribuenti mensili - imposte sostitutive) e dei contributi, relativi al mese precedente, dovuti all’lNPS (lavoratori dipendenti e contributo dei CO.CO. CO. / Co.co.pro/ associazioni in partecipazione), versamento a FONDO EST, ELBA, SAN.ARTI CADIPROF, EBIPRO, ENTE BILATERALE TERZIARIO PUBBLICI ESERCIZI E TURISMO – INAIL - Versamento 2a rata premio anno 2014/2015

20 CASSA EDILE - Presentazione denunce contributi aziende edili AGRIFONDO - Scadenza versamento aprile ENASARCO - Termine per il pagamento dei contributi e denuncia on-line 1° trimestre 21 FONDAPI - Versamento contributi mesi di marzo e aprile 25 ENPAIA - Denuncia delle retribuzioni, impiegati agricoli e pagamento contributi IVA COMUNITARIA - Presentazione degli elenchi INTRASTAT mese di aprile per contribuenti con periodicità di invio mensile

29 AMMINISTRAZIONE DEL PERSONALE - Termine ultimo consegna foglio ore mese di MAGGIO CAIT - Consegna D.A.M. mese precedente 31 SCF – DIRITTI DISCOGRAFICI - Termine per il pagamento dei diritti SCD Diffusioni Musicali per i diritti discografici – Pubblici Esercizi (Bar, Ristoranti, Pizzerie, Stabilimenti Balneari – zona bar) – Parrucchieri ed Estetiste –Strutture Ricettive (Alberghi, B&B, Agriturismi…)

29 FASI - Versamento contributi sanitari dirigenti industriali 2° trimestre e gestione separata CASSA EDILE - Versamento contributi periodo aprile

Scadenze giugno 2015 01 Invio telematico DENUNCE MENSILI UNIEMENS aprile - ditta e lavoratori dipendenti, parasubordinati, associati in partecipazione (esclusi agricoli e colf) 04 CONTABILITÁ E ASSISTENZA FISCALE - Termine ultimo consegna documentazione relativa al mese di MAGGIO 15 AMMINISTRAZIONE DEL PERSONALE - Ritiro cedolini 16 CCIAA (Camera di Commercio Industria Artigianato e Agricoltura) - Versamento diritto annuale senza maggiorazione IRPEF - IRAP PERSONE FISICHE E SOCIETÀ DI PERSONE - IMPOSTA SOSTITUTIVA MINIMI - Versamento saldo d’imposta 2014 e versamento 1a rata acconto 2015 - Versamento con maggiorazione (pari allo 0,4% per mese o frazione di mese successiva al 16 marzo) del saldo annuale IVA 2014

16 IRES - IRAP - Versamento saldo 2014 1° acconto 2015 Soggetti con periodo d’imposta chiuso al 31/12/2014 e bilancio approvato nei termini IVS ARTIGIANI - COMMERCIANTI E GESTIONE SEPARATA PROFESSIONISTI - Saldo 2014 e 1° acconto 2015 sui redditi eccedenti il minimale IMU/TASI - Termine per pagamento dell’imposta dovuta (unica soluzione o acconto) per l’anno 2014 Invio telematico VERSAMENTO UNITARIO F24 - delle imposte (lavoro dipendente - ritenute - IVA - contribuenti mensili - imposte sostitutive) e dei contributi, relativi al mese precedente, dovuti all’lNPS (contributi previdenziali e assistenziali - contributo dei CO.CO.CO. e Co.co. pro), versamento a FONDO EST, ELBA, SAN. ARTI,CADIPROF, EBIPRO, ENTE BILATERALE TERZIARIO PUBBLICI ESERCIZI E TURISMO – contributi INPS per lavoro dipendente agricolo (IV trimestre 2014)

25 IVA COMUNITARIA - Presentazione degli elenchi INTRASTAT mese di maggio per contribuenti con periodicità di invio mensile ENPAIA - Denuncia delle retribuzioni, impiegati agricoli e pagamento 30 DENUNCIA IMU/TASI - Scadenza presentazione denuncia Presentazione MODELLO UNICO PERSONE FISICHE NON OBBLIGATE ALL’INVIO TELEMATICO - modello cartaceo da presentare in posta CASSA EDILE - Versamento contributi periodo maggio Invio telematico DENUNCE MENSILI UNIEMENS maggio - ditta e lavoratori dipendenti, parasubordinati, associati in partecipazione (esclusi agricoli e colf) AMMINISTRAZIONE DEL PERSONALE - Termine ultimo consegna foglio ore mese di GIUGNO CAIT - Consegna D.A.M. mese precedente

19 CASSA EDILE - Presentazione denunce contributive aziende edili

Tutti i nostri uffici rimarranno chiusi LUNEDÌ 1 GIUGNO 2015 www.asarva.org

Artigiani Oggi>Obiettivo Professionalità n. 04 Maggio 2015

35


36

Artigiani Oggi>Obiettivo ProfessionalitĂ n. 02 Marzo 2015

www.asarva.org

Profile for Confartigianato Imprese Varese

Artigiani Oggi - Maggio 2015  

Rivista mensile di Confartigianato Imprese Varese

Artigiani Oggi - Maggio 2015  

Rivista mensile di Confartigianato Imprese Varese