Page 1

UDINE

Periodico mensile - Poste Italiane s.p.a. - Spedizione in Abbonamento Postale - D.L. 353/2003 (conv. in L. 27/02/2004 n. 46) art. 1, comma 1, D.C.B. Udine Bollettino degli Organi direttivi di Associazione Sindacale

Anno XIV - Supplemento n. 11 - Dicembre 2014

Le imprese che innovano ridanno speranza al sistema, ma bisogna fare di più IN PROVINCIA DI UDINE PERSE MILLE IMPRESE ARTIGIANE DAL 2008 AL VIA LA SESTA EDIZIONE DELLA SCUOLA PER GENITORI DI UDINE ANCHE PER PIASTRELLARE OCCORRE SEGUIRE LE NORME UNI LE IMPRESE FRIULANE ALL’EDIZIONE DEI RECORD DE “L’ARTIGIANO IN FIERA”


Contenuti PERIODICO MENSILE DI CONFARTIGIANATO IMPRESE F.V.G. Autorizzazione del Tribunale di Trieste n. 1020 del 08/03/2001 Anno XIV - Supplemento al n. 11 - Dicembre 2014 Spedizione in Abbonamento Postale - D.L. 353/2003 (conv. in L. 27/02/2004 n. 46) art. 1, comma 1, D.C.B. Udine Bollettino degli organi direttivi di Associazione sindacale Direttore responsabile: Tiziana Sabadelli Comitato di redazione: Alessio Belgrado, Enrico Eva, Marco Gobbo, Gian Luca Gortani, Gianfranco Trebbi Hanno collaborato a questo numero: Gian Luca Gortani, Mauro Nalato, Luca Nardone, Giulia Peccol, Tiziana Sabadelli, Nicola Serio Direzione, Redazione, Amministrazione: Via Coroneo 6, 34133 Trieste Tel. 040 363938 Editore: Confartigianato Imprese Friuli Venezia Giulia Via Coroneo 6, 34133 Trieste - Tel. 040 363938 Progetto grafico: Unidea Stampa: Cartostampa Chiandetti srl Reana del Rojale - Via Vittorio Veneto 106 Pubblicità: Per la pubblicità su Informimpresa potete contattare Rosanna Palmisciano Tel. 0432 516738

EDITORIALE 03

Dobbiamo costruire il domani del nostro tempo

I FATTI 04

Volano le imprese che innovano, ma bisogna fare di più

07

Al via i corsi sull’autoimprenditorialità con il Progetto MANI

08

In provincia di Udine perse mille imprese artigiane dal 2008

09

Il Mercatino di Natale si è riconfermato punto di attrazione e aggregazione a Udine

10

Il nuovo Questore incontra i vertici Confartigianato Udine

11

Scuola per Genitori: la VI edizione apre ai ragazzi

I NOSTRI IMPRENDITORI 12

Dal Friuli all’America, impianti senza confini

CATEGORIE 14

La corretta installazione e manutenzione dei cancelli motorizzati

15

Anche per piastrellare occorre seguire le norme UNI

CRONACHE 16

Reti, nuovi strumenti e strategie per il futuro al centro delle premiazioni della Cciaa

17

Anche le imprese friulane all’edizione dei record de “L’Artigiano in Fiera”

18

Fondazione Crup: approvate le linee strategiche 2015, ma con riserva

ANAP 19 Divertimento e tanti premi alla 14a gara sociale di briscola

2


Editoriale

Dobbiamo costruire il domani del nostro tempo di Graziano Tilatti Presidente Confartigianato Udine

il declino inesorabile della manifattura o l’insostituibilità di molte strutture che poi sono state spazzate via da una tecnologia alla portata di tutti? Non lasciamo che questo pensiero a senso unico ci tolga l’entusiasmo e la passione per il lavoro cha sappiamo fare. Nel 2015 ricorre il settantesimo anniversario della nascita della nostra Associazione. Facciamone l’occasione per guardare il futuro, più che per celebrare il passato. Chi ci ha preceduto vuole questo da noi: che costruiamo il domani del nostro tempo, senza pensare che “non sono più quei momenti” o che ormai “gli ostacoli da superare sono troppo alti”. “Loro” non si sono lasciati bloccare e hanno puntato all’impossibile; “noi” non possiamo essere da meno!

“Chi dice che è impossibile, non dovrebbe disturbare chi ce la sta facendo”. È la frase, attribuita ad Albert Einstein, che abbiamo scelto per augurare a tutti un 2015 più ottimista e coraggioso, scritta sul calendario che ci accompagnerà nei prossimi dodici, intensi, mesi. I problemi e le preoccupazioni per le nostre aziende ci stanno rubando la serenità, rischiano di cancellarci la fantasia e quella fiducia nelle nostre capacità che ha cementato per decenni il benessere e la coesione sociale. Il migliore auspicio per affrontare il nuovo anno è perciò quello di riscoprire dentro di noi la fresca energia di tante ragazze e ragazzi che, ignorando che un problema fosse giudicato insolubile dagli esperti, hanno trovato una soluzione. Le storie di questo tipo abbondano e stanno cambiando davvero il mondo. Ma non occorre essere giovani per sfoderare questa abilità: basta darle un po’ di spazio nella nostra quotidianità. Quante volte, anche solo negli ultimi anni, ci siamo sorbiti le ‘lezioni’ dei tanti “soloni” che di volta in volta hanno sentenziato l’estinzione della piccola impresa, il sopravvento della finanza sulla produzione,

3


I Fatti

Volano le imprese che innovano, ma bisogna fare di più

Coppola: “Superare il ritardo pazzesco nel digitale” Bolzonello: “La Regione sosterrà l’innovazione delle Pmi”

H

cole e medie aziende ma anche delle micro imprese. La Video Systems ha cominciato con 4 dipendenti, ora ne ha una ventina e 13 si dedicano costantemente ai progetti di ricerca e di sviluppo mentre la produzione è affidate a ditte artigiane esterne. Lo stesso vale per il Laboratorio Bs di Raveo e per le altre due aziende artigiane. “Per noi – hanno spiegato - sono stati fondamentali le leggi regionali e i fondi comunitari che hanno finanziato l’innovazione, il sostegno di Confartigianato Udine e l’introduzione dell’euro che ci ha consentito di acquistare nel mondo le migliori tecnologie a costi sostenibili, tecnologie che sarebbero state inaccessibili se avessimo ancora la lira”.

anno raddoppiato dipendenti e fatturato in pochi anni, generato lavoro ed occupazione in altre imprese del Fvg ed hanno prospettive di crescita anche nei prossimi anni. Sono 4 delle 92 imprese artigiane che negli ultimi 10 anni hanno presentato progetti di ricerca e sviluppo tecnologico seguiti dallo Sportello Innovazione di Confartigianato Udine e che hanno raccontato la loro storia nel corso del convegno “Artigianato InnovATTIVO, piccole imprese con grandi progetti” organizzato da Confartigianato Udine con il sostegno della Cassa di Risparmio del Fvg nell’ambito del progetto B.R.EF. e che, coordinato dal giornalista Renato D’Argenio, si è svolto lunedì 1° dicembre a Udine.

“In questi anni ogni euro investito in innovazione nelle aziende artigiane del Fvg ha mobilitato circa 3 euro di investimenti in ricerca aumentando i posti di lavoro nelle aziende coinvolte tra il 15 e il 25% entro i primi due anni. Ma tutti noi, anche la Regione, siamo chiamati a fare di più e meglio, se vogliamo rilanciare lo sviluppo e l’occupazione;

Nei racconti di Alessandro Liani della Video Systems di Codroipo, di Stefania Barbui del Laboratorio Bs di Raveo, di Luigi Pesle di Evergreen Life Products di San Giovanni al Natisone e di Franco Petrigh di Friul Pallet di Faedis sono emerse chiare le potenzialità di sviluppo e di crescita non solo delle pic4


Da sinistra: Tilatti, Pez, Bolzonello, Coppola, Cuciz e D’Argenio

occorrono maggiori risorse per ricerca e innovazione, tempi più brevi nell’esame delle domande e procedure più snelle”, hanno detto il presidente di Confartigianato Udine Graziano Tilatti e Daniele Cuciz, delegato all’innovazione per Confartigianato Udine, ringraziando l’assessore Bolzonello per il recente stanziamento di 1 milione di euro, mentre Paolo Comolli, portando i saluti del presidente della Cassa di Risparmio del Fvg, Giuseppe Morandini, ha evidenziato come l’istituto sia da sempre a fianco delle imprese che innovano non solo dal punto di vista finanziario ma anche formativo con progetti quali “Officine Formative”.

potenzialità di sviluppo e di crescita occupazionale legate al digitale. “Il ritardo dell’Italia è pazzesco. L’agenda digitale doveva partire nel 2012, ma solo con il Governo Renzi è decollata. Io sono il primo presidente del Tavolo. Abbiamo perso anni preziosi nei quali gli altri Paesi invece hanno corso. L’Italia deve colmare un imbarazzante gap infrastrutturale (la banda larga è ormai superata e si parla di internet ad altissima velocità) ma stiamo lavorando intensamente su questo fronte. In provincia di Trento, dove è stato introdotto internet ad altissima velocità, le aziende più innovative hanno incrementato in pochi mesi il fatturato del 4%. Ma, oltre al ritardo infrastrutturale, dobbia-

Sorprendenti anche i dati resi noti dall’on. Paolo Coppola, presidente del Tavolo per l’Innovazione e l’Agenda Digitale della presidenza del Consiglio dei Ministri, sulle 5


I Fatti

precedente Giunta, ha dato la massima disponibilità a concordare non solo una nuova impostazione con i prossimi progetti comunitari, ma anche a concentrare le risorse sui settori che hanno maggiori possibilità di successo. “L’artigianato – ha detto – non è figlio di un dio minore. È un mondo che si sta trasformando, che sta dando risposte importanti in termini di tenuta occupazionale e di crescita e la Regione lo considera strategico per un nuovo sviluppo dell’economia del Fvg che parte proprio dalle imprese artigiane innovative che, come abbiamo visto, sono cresciute negli anni della crisi, raddoppiano fatturato e occupazione”.

mo colmare anche quello culturale: solo il 40% degli italiani usa Internet ma solo il 5% delle Pmi vende on-line. Nel mondo – ha concluso Coppola – c’è un grande interesse per il made in Italy, ma c’è ancora troppo poco made in Italy on-line”. Daniele Pez, consulente dello Sportello Innovazione di Confartigianato Udine, che ha seguito da vicino i percorsi di crescita delle aziende, ha parlato delle ricadute positive sul territorio, oltre che occupazionale, ma anche del calo d’interesse registrato nel 2014 (solo 2 i progetti innovativi a fronte dei 25 del 2010), calo dovuto soprattutto alla lentezza con la quale la Regione esamina le domande alcune delle quali rischiano addirittura d’essere archiviate. Sergio Bolzonello, vicepresidente e assessore alle attività produttive della Regione Fvg, non ha avuto peli sulla lingua. Evidenziato che i ritardi sono la conseguenza degli accordi con la

6


I Fatti

Conclusi i tre webinar del concorso DesignWood

Al via i corsi sull’autoimprenditorialità con il Progetto MANI

C

al tema della sostenibilità ambientale ed economica, che ne ha illustrato i principi e i diversi approcci. L’ultimo appuntamento del 15 dicembre è stato incentrato sulla valutazione economico – finanziaria di un prodotto con Sandro Zorino, consulente aziendale. Durante il seminario sono stati analizzati i costi aziendali per la realizzazione di un oggetto fino alla determinazione dell’ipotetico prezzo di vendita. I 73 gruppi di studenti iscritti al concorso, dovranno presentare il proprio progetto entro il 15 gennaio 2015. Verranno poi selezionate, da un’apposita commissione di valutazione, fino a un massimo di 12 proposte che accederanno alla fase di vera e propria realizzazione del prototipo con l’aiuto di un artigiano. Dopo il 15 aprile, termine ultimo per consegnare i lavori, verranno decretati i vincitori e assegnati i premi ai gruppi e agli istituti di appartenenza.

onsentire a giovani studenti di acquisire le conoscenze adeguate per cimentarsi nella progettazione di un complemento d’arredo in legno. Con questo obiettivo si è concluso il ciclo di tre webinar (seminari online) programmati da Confartigianato Udine nell’ambito del concorso DesignWood, all’interno delle attività del Progetto MANI, realizzato in collaborazione con Fondazione Crup e Cassa di Risparmio del FVG. L’iniziativa prevede infatti che studenti, di età compresa tra i 14 e i 20 anni, iscritti a diversi istituti di istruzione secondaria superiore delle province di Udine e Pordenone, si sfidino nell’ideazione di un oggetto originale e innovativo in legno. In palio premi in denaro per i primi 3 classificati (1.400 euro al primo, 800 al secondo e 500 al terzo) e un premio in attrezzature e supporti didattici del valore di 500 euro per l’istituto di appartenenza di ciascuno dei gruppi vincitori.

Il progetto MANI prevede anche un altro filone di attività per i giovani di età compresa tra i 19 e i 35 anni. Si tratta degli appuntamenti formativi per l’autoimprenditorialità, con l’obiettivo di accompagnare gli aspiranti imprenditori nello sviluppo di una nuova impresa. A partire da metà gennaio 2015 saranno programmati diversi seminari e consulenze personalizzate per garantire ai giovani di mettere a punto la loro idea imprenditoriale. Le iscrizioni al percorso formativo sono state prorogate fino al 12 gennaio 2015. Per saperne di più sul programma è possibile consultare il sito www.manifuture.it e contattare lo staff del progetto all’indirizzo email: info@manifuture.it.

Il primo seminario online, trasmesso mercoledì 26 novembre, è stato dedicato proprio a far conoscere ai ragazzi le caratteristiche e le diverse tipologie di legno esistenti. È intervenuto Angelo Speranza, amministratore delegato del CATAS di San Giovanni al Natisone, uno dei principali istituti italiani per la certificazione, la ricerca e le prove nel settore del legno-arredo. L’ecodesign e lo sviluppo sostenibile sono stati invece al centro del secondo webinar , svoltosi mercoledì 3 dicembre e condotto da Ascanio Zocchi, interior designer trentino particolarmente sensibile 7


I Fatti

Settimo anno consecutivo di recessione numerica per l’artigianato friulano

In provincia di Udine perse mille imprese artigiane dal 2008 1250

Imprese artigiane - provincia di Udine

1200 1150

1100 1050 1000 CANCELLAZIONI

950

ISCRIZIONI

900 850 2004

2005

2006

2007

2008

2009

2010

2011

2012

2013

2014

Fonte: elaborazioni Ufficio Studi Confartigianato Udine su dati CPA-UD

N

onostante le difficoltà, negli ultimi 8 anni, in provincia di Udine, più di 7.500 uomini e donne hanno iniziato un’attività d’impresa nell’artigianato, 2,7 imprese per ogni giornata, festività comprese. La mortalità aziendale, di chi aveva un’impresa già avviata e di chi è partito in questi anni, è stata però altissima: oltre 8.500 serrande abbassate, 3,1 ogni giorno.

In realtà il grafico indica che la mortalità ha avuto una fase di forte incremento, già prima della crisi finanziaria, con un numero di cancellazioni aumentato del 40% tra il 2004 e il 2007, mentre nello stesso periodo le iscrizioni erano cresciute del 10%. Dal 2007 al 2010 c’è poi stato un crollo quasi speculare delle iscrizioni (-22%) e in misura minore delle cancellazioni (-16%).

I numeri e le curve del grafico parlano chiaro: per l’artigianato friulano siamo al settimo anno consecutivo di recessione numerica e i dati più recenti non segnalano la tanto attesa inversione di rotta. I venti contrari di tempesta si sono calmati ma l’incapacità e i ritardi nel fare le riforme necessarie hanno determinato una situazione di bonaccia, che è forse ancora peggiore nel logorare le aspettative e la fiducia dei capitani d’impresa.

Nel 2011 era emersa qualche speranza, con iscrizioni tornate sopra quota mille e un saldo demografico poco distante dalla parità. La corruzione e il malgoverno attuato a più livelli nella pubblica amministrazione, hanno vanificato le aspettative degli imprenditori nel triennio successivo, con una demografia dell’artigianato tornata in terreno fortemente negativo, soprattutto a causa di un crollo nella fiducia che, insieme ad altri fattori negativi, ha determinato una perdita media di 200 imprese l’anno tra il 2012 e il 2014.

Sono 1.060 con quasi 2.800 addetti le imprese perse dal 2008, anno in cui con l’inizio della crisi globale l’artigianato ha iniziato una lunga fase di saldi demografici negativi. 8


I Fatti

Anche quest’anno Piazza San Giacomo ha fatto da suggestiva cornice all’iniziativa

Il Mercatino di Natale si è riconfermato punto di attrazione e aggregazione a Udine

A

nche quest’anno il cuore di Udine, la suggestiva piazza San Giacomo, ha ospitato il Mercatino di Natale organizzato da Confartigianato, in collaborazione con l’Amministrazione comunale e Confcommercio, con il sostegno della Banca Popolare FriulAdria e delle imprese Serrametal srl e Edilvalli Arredi S.r.l. con il marchio Palladio. Venerdì 5 dicembre hanno dato il via a questa apprezzata iniziativa, introdotti dall’Harmony Gospel Singers: Graziano Tilatti e Mauro Damiani, rispettivamente presidente provinciale e zonale di Confartigianato Udine, Alessandro Venanzi, assessore al commercio e turismo del Comune di Udine, Antonella Colutta, consigliere della CCIAA e presidente del Gruppo Terziario Donna di Confcommercio Udine, oltre a Massimo SIMEONI, manager di zona di Banca FriulAdria. Come sempre ricco il programma di animazione con musica, giochi per bambini, piccoli spettacoli e molte altre attività, che hanno reso ancor più attraente il centro cittadino durante il periodo delle festività.

Fra le curiosità presentate in questa edizione figura il laboratorio per imparare a costruire un “bug hotel” - ossia una casetta per gli insetti utili - condotto per l’occasione dal giardiniere progettista Daniele Marinotto, e la seconda edizione del corner creativo “KILL YOUR PHONE…e riprenditi il tuo tempo”, già proposto durante l’edizione 2014 di Udine3D Forum, curato dall’impresa culturale CREAA snc di Elena Tammaro e Federica Manaigo. Ecco le 21 aziende coinvolte: Adelia Di Fant; Zoccolan Cristina; Euronatura di Bruno Cotic; Le Fate Turchine; Il Re Tortellino di Ravarini Stefano; Home Sweet Home di Sirch Flaviana e Doriana; Nuti Fabio; Ghidini Claudio; Dolciaria di Cologna Veneta; Lavanda di Venzone; Stevanato Paolo; Coltellerie Masutti; Dorbolò Gubane; Rifugio Tolazzi di David Pesce; Treehouse Lab di Serena Beltrame; Studio Stefanutti di Stefanutti Massimiliano; Liquorificio Italia; Loi Gabriele Elfisio Luigi; Coop Noncello; Ceramiche Artistiche di Della Mora Luciana; Artigianato Clautano di Talamini Rosanna & C. . 9


I Fatti

Tilatti e Fiorini: “Preoccupa l’escalation di furti in aziende e abitazioni”

Il nuovo Questore incontra i vertici Confartigianato Udine Nel corso del cordiale incontro, Tilatti e Fiorini hanno invitato il dott. Cracovia a tenere alta la guardia su fenomeni preoccupanti come l’usura, i furti nelle aziende e nelle abitazioni di cittadine e imprenditori, un fenomeno che come ha documentato una recente indagine di Confartigianato Udine sono in preoccupante aumento, conseguenza anch’essi di una crisi economica che non dà tregua”. Il dott. Cracovia ha assicurato il massimo impegno per un maggiore controllo del territorio, sia per prevenire determinati reati che per intervenire più tempestivamente nelle situazioni critiche ed ha annunciato l’intenzione di dialogare e interagire con tutti i soggetti che, come le associazioni di categoria, rappresentano gli operatori economici perché il migliore “controllo del territorio” è il risultato di un lavoro in cui si fa rete. Anche secondo il nuovo Questore, l’aumento della microcriminalità è senz’altro da collegare alla perdurante situazione di crisi economica.

I

l presidente di Confartigianato Udine Graziano Tilatti e la vicepresidente Edgarda Fiorini hanno incontrato il nuovo questore, Claudio Cracovia.

10


I Fatti

Cinque lezioni itineranti e incontri con gli studenti nelle scuole

Scuola per Genitori: la VI edizione apre ai ragazzi

C

on questo progetto Confartigianato Udine e Fondazione CRUP proseguono nell’impegno di favorire il rapporto tra genitori e figli, offrendo ad entrambi un incontro con esperti di livello nazionale e alle scuole del territorio una interessante opportunità formativa”. Lo ha detto il 10 dicembre il presidente di Confartigianato Udine Graziano Tilatti presentando la VI edizione della Scuola per Genitori nel corso di una conferenza stampa che si è svolta a Udine nella sede della Fondazione Crup. Lionello D’Agostini, presidente della Fondazione CRUP, ha invece sottolineato quanto “la formazione dei ragazzi e il loro rapporto con le proprie famiglie sia un tema centrale della nostra società, che ci sta particolarmente a cuore. Per questo abbiamo inteso riproporre un percorso di dialoghi positivamente sperimentato negli anni scorsi, in cui si affrontano tematiche particolarmente sentite dalle famiglie e relative all’educazione dei giovani, che devono essere adeguatamente seguiti nel loro cammino di crescita umana e sociale, e preparati ad affrontare il futuro.”

L’iniziativa vanta anche quest’anno la collaborazione della Provincia di Udine, il patrocinio dell’Ufficio scolastico regionale e della Camera di Commercio di Udine. Alle precedenti edizioni hanno partecipato oltre 1.500 genitori ed educatori. Un successo che ha indotto la Fondazione Crup e Confartigianato Udine a riproporre il ciclo di incontri con esperti relatori di fama nazionale, anche se con una diversa modalità. Le novità della sesta edizione: le 5 serate della Scuola per Genitori saranno itineranti e, rispetto agli anni passati, ci si potrà iscrivere ai singoli incontri aperti oltre che ai genitori ed agli imprenditori artigiani, anche agli insegnanti e ai formatori. Ad ogni serata seguirà, la mattina del giorno dopo, un incontro denominato “Spazio Giovani” con gli studenti e i docenti delle scuole secondarie di primo e secondo grado. “Gli incontri itineranti – hanno spiegato D’Agostini e Tilatti – sono nati dalla volontà di Confartigianato Udine e Fondazione CRUP di coinvolgere il territorio e soprattutto le scuole e con esse gli adolescenti e gli insegnanti”.

CALENDARIO DEGLI INCONTRI Venerdì 30 gennaio a Udine nell’auditorium Erdisu (viale Ungheria 49) con Maria Rita Parsi. Il titolo della serata sarà “Amarli non basta, come entrare in comunicazione con i nostri figli”.

Giovedì 9 aprile a Tolmezzo nel teatro del collegio salesiano Don Bosco (via Dante 3) con Serena Valorzi. “Generazione Cloud tra app e social network, meraviglie, segreti e possibili rischi per grandi e piccoli” il tema trattato. Tutti gli incontri inizieranno alle 20.30.

Venerdì 27 febbraio a Palmanova al meeting Point San Marco (via Scamozzi 5) di nuovo con Maria Rita Parsi che riproporrà il tema “Amarli non basta, come entrare in comunicazione con i nostri figli”.

Allo Spazio Giovani hanno aderito gli istituti Isis “Paolino d’Aquileia” di Cividale; il convitto nazionale “Paolo Diacono” di Cividale; gli istituti comprensivi di Palmanova, di Gonars, di Tricesimo, di Pasian di Prato e di Tolmezzo e la scuola secondaria di 1° grado “Don Bosco” di Tolmezzo.

Lunedì 2 marzo a Tricesimo nell’auditorium Istituto Comprensivo (via Volontari della Libertà, 20) con Alberto Pellai. “Tutto troppo presto: le adolescenze accelerate dei nostri figli”, il tema trattato. Martedì 17 marzo a Pasian di Prato nell’auditorium comunale “Elio Venier” (via Roma 40) con Marco Rossi che parlerà di “Come vivono la sessualità i nostri figli”.

Per informazioni e iscrizioni contattare la Segreteria della Scuola per Genitori di Udine al tel. 0432.516772 o visitare il sito scuolagenitori.confartigianatoudine.com 11


I nostri imprenditori

L’ELETTROTECNICA VISINTINI S.R.L. - PREMARIACCO

Dal Friuli all’America, impianti senza confini Le persone al centro di un’azienda fatta di impegno, successi e sogni

P

uò sembrare strano che alla base di un’impresa che si occupa di impianti elettrici, meccannici, tecnologici e progetti innovativi ci sia prima di tutto il rispetto delle persone, ma per fortuna di realtà così ne esistono ancora! Parlando con Lino Visintini, titolare dell’Elettrotecnica Visintini, questo valore appare ancora più evidente poiché dal suo fare gentile e dall’orgoglio con cui descrive l’azienda che ha fondato trentaquattro anni fa, traspare tutta la sua serietà e l’impegno che ne consegue. E questa serietà è stata certamente alla base dell’importante incarico che l’impresa di Premariacco ha ottenuto di recente: la realizzazione del primo impianto per la produzione di mosaico in vetro negli Stati Uniti. L’avventura è iniziata nel 2013. “Data la mia esperienza sugli impianti per la produzione di ceramiche – ci racconta Lino Visintini -, mi è stata chiesta la disponibilità a seguire la progettazione intera (elettrica, meccanica, automazioni, strutturale, ecc..) per realizzare l’impianto tecnoloogico della nascente American Glass Mosaics a Spring Lake, nel Michigan. Era indispensabile inventarsi tutto, come potevo dire di no?” “Non ci sono state difficoltà – continua Lino - determinate dalla distanza poiché il nostro totale impegno , il supporto dello Studio Bodigoi di Cividale e quello di AGM

a Sprin Lake, sono stati impeccabili. Il punto cruciale è stato quello di riuscire ad armonizzare l’impiantistica elettrica con quella meccanica tenendo conto della complessità degli impianti di processo, delle elevatissime temperature che le fusioni implicano in questo tipo di produzioni e dei conseguenti processi di raffreddamento”. Il progetto ha richiesto un impegno davvero alto, ma la sfida è stata vinta a marzo 2014 con la prima colata di vetro realizzata grazie ad un impianto perfettamente funzionante e di ottimo livello. “Non ci sono stati orari o week end – ha detto il committente AGM - la disponibilità di Lino e del suo team è stata quasi imbarazzante, ma alla fine c’è stata la doppia soddisfazione di concludere un progetto così complesso e completo, ma anche quella di aver portato in alto il valore di una realtà tutto sommato non grandissima e strutturata in un contesto critico e difficile come’è quello degli Stati Uniti”. L’interesse di Lino Visintini per la tecnica, non è una cosa nuova. Da sempre cerca di trovare soluzioni tecniche innovative per i problemi complessi dei clienti. Il valore aggiunto che riesce ad offrire, insieme ai suoi collaboratori, è quello di fare da unico interlocutore per tutti gli aspetti tecnologici: dal fabbricato al processo collaudato, per ottenere un impianto versatile in termini 12


di m i x produttivo e garantendo la massima qualità. “Inoltre – continua Lino Visintini – io credo vincente la collaborazione tra ditte artigiane, rete di imprese un’idea formidabile. Anzi, approfitto per chiedere la disponibilità di chiunque sia propenso a questa soluzione innovativa”. Di recente L’Elettrotecnica Visintini si è affacciata anche sul mercato del Myanmar (l’ex Birmania) dove sono in corso contatti per collaborazioni e progettazioni tecnologiche. Senza dimenticare gli impianti tecnologici trasversali come, ad esempio, due grosse centrali termiche uso terziario appena concluse con ottimi risultati. Ma accanto ai tanti servizi offerti ed alle esperienze acquisite, una frase in particolare che si trova sul sito aziendale ci ha colpito: “Assumendo come costanti del nostro vivere la fiducia, l’onestà e la profonda importanza della parola data”. Concetti per nulla banali che fanno capire il perché di oltre trent’anni di storia, ma soprattutto il perché di imprenditori così ab-biamo davvero un gran bisogno!

Carta d’identità Nome: L’Elettrotecnica Visintini S.r.l. Attività: progettazione, realizzazione e manutenzione di impianti elettrici – meccanici - produttivi industriali Sede operativa: Via Manzano, 45/1 Azzano (Premariacco) www.lelettrotecnica.com 13


Categorie

Stocco: “Dobbiamo diffondere la cultura dell’installazione a regola d’arte”

La corretta installazione e manutenzione dei cancelli motorizzati dovute a problemi di origine meccanica (errata progettazione, costruzione e installazione) ed a problemi di assenza di manutenzione e di incuria. Di questi temi si è parlato nel corso del seminario tecnico organizzato il 4 dicembre nella sede di Confartigianato a Udine per fornire alle aziende che si occupano di installare ed effettuare la manutenzione di cancelli motorizzati, elementi per rafforzare le competenze e la professionalità. “Diffondere la cultura dell’installazione a regola d’arte - ha detto introducendo i lavori il capo categoria degli elettricisti di Confartigianato Udine, Adriano Stocco - e sensibilizzare sull’obbligo ed opportunità di manutenzione, è un obiettivo ed una opportunità per le nostre aziende”. Le relazioni tecniche del seminario, al quale hanno partecipato una cinquantina di imprese, sono state affidate a Marco Melotti, Responsabile FTA Formazione Tecnica Applicativa di FAAC Spa, ed a Andrea Francesco Moneta - Sales and Marketing Manager Italy di BETACAVI.

I

dati dell’Osservatorio Permanente sui Cancelli relativi al periodo 2008-2012 evidenziano che in Italia si sono registrati 69 incidenti gravi causati dai cancelli, di cui 27 mortali. Questo fenomeno tocca sia il settore residenziale che i luoghi di lavoro ed interessa molto di più i cancelli scorrevoli rispetto alle chiusure motorizzate, che sono più facilmente sottoposte a programmi di manutenzione periodica. Le cause degli incidenti sono prevalentemente

Una grande storia legata alla nostra terra.

la banca della tua città

Viale Tricesimo, 85 - Udine - www.bancadiudine.it 14


Categorie

50 partecipanti al seminario organizzato in collaborazione con Mapei

Anche per piastrellare occorre seguire le norme UNI

A

nche per piastrellare occorre conoscere e applicare le norme ed in particolare la UNI 11493 che ha introdotto dei concetti fondamentali per realizzare rivestimenti ceramici durevoli, fornendo indicazioni utilizzabili sia a livello progettuale sia a livello pratico (sulla larghezza minima delle fughe, sulle prescrizioni relative ai giunti, sulla cura dei punti particolari, sulle caratteristiche minime dei supporti, sulla scelta dell’adesivo). Se ne è parlato in Confartigianato Udine, con la competente collaborazione con Mapei, lo scorso 27 novembre in un seminario dedicato a posatori e imprese edili, davanti ad una nutrita platea. Ha aperto i lavori il capo categoria provinciale dei piastrellisti di Confartigianato Udine, Marco Baron, che ha sottolineato l’importanza di ave-

re per la prima volta un riferimento - dopo 40 anni di normazione - e soprattutto la valenza che questa norma avrà in caso di contestazioni, rappresentando d’ora in poi la “regola dell’arte” nel settore. Oltre 50 i partecipanti ai quali sono stati illustrati i punti principali della norma UNI 11493:2013, i criteri di scelta degli adesivi, le nuove tecnologie delle fughe cementizie ed epossidiche e i prodotti per fugatura ad elevata igienicità. L’incontro si è poi concluso con una dimostrazione di alcuni nuovi prodotti Mapei, caratterizzati dall’essere alleggeriti, a parità di resa, rispetto a prodotti analoghi, facilitando così trasposto e lavorazione. Un’occasione importante di approfondimento e aggiornamento che le aziende presenti hanno saputo cogliere ed apprezzare.

www.cercarti.it CercArti è un progetto di Confartigianato Udine che offre gratuitamente l’opportunità a tutte le imprese associate di promuoversi e farsi trovare online. All’interno di CercArti.it ogni azienda può creare e gestire la propria pagina web, usufruendo della rete e della forza di Confartigianato. 15


Cronache

6 imprenditori associati a Confartigianato Udine fra i premiati

Reti, nuovi strumenti e strategie per il futuro al centro delle premiazioni della Cciaa

N

Della semplificazione di una burocrazia bizantina, ha parlato il giornalista Gian Antonio Stella nel suo intervento, basato sul suo libro “Bolli, sempre bolli, fortissimamente bolli”. Un intervento fitto di esempi: dalle 1.109 “leggi e leggine” che hanno di fatto reso impossibile la ricostruzione a L’Aquila al linguaggio burocratico di enti piccoli e grandi (emblematiche le definizioni dei regolamenti Ue per cetrioli o nettarine), che «in equilibrio tra il ridicolo e la tragedia» e sulla scorta del motto «Complico, ergo sum» hanno ben riassunto lo spirito di tanti burocrati, che parlano e scrivono, secondo il giornalista, per mera dimostrazione di potere. «Parafrasando Weber – ha citato Stella –, la burocrazia si autodifende usando l’oscurità del linguaggio. Meno trasparenza c’è, meno i cittadini sanno, meno i cittadini si arrabbiano. Le burocrazie hanno un potere di interdizione pazzesco anche nei confronti di chi viene eletto ed è mosso dalle migliori intenzioni di semplificazioni. È l’inizio della fine delle riforme»

uove prospettive? Quelle che si affrontano solo superando, quanto meno in campo economico, quel fasin di bessôi che pure in passato è stato chiave della rinascita. Perché è tempo di razionalizzazioni e nuove alleanze. Tra enti territoriali e strutture partecipate, così come tra enti fieristici o Camere di Commercio, per esempio. Ed è tempo di nuovi strumenti e anche di nuove parole, più semplici e comprensibili, per abbattere una burocrazia che è spesso mero esercizio del potere di chi mira solo ad autoperpetuarsi, bloccando le riforme. “Nuove prospettive” è stato claim e sintesi della 61esima Premiazione del Lavoro e Progresso economico, la cerimonia con cui la Camera di Commercio ha premiato una cinquantina fra lavoratori, imprese, personalità che con il loro talento, impegno quotidiano, idee e progetti rendono grande il Friuli, anche fuori dai suoi confini. Sul palco del Teatro Giovanni da Udine sono stati premiati anche 6 imprenditori associati a Confartigianato Udine (vedi elenco più sotto) nel corso di una cerimonia durante la quale il direttore del Messaggero Veneto Tommaso Cerno ha intervistato in diretta il presidente camerale Giovanni Da Pozzo e la presidente della Regione Debora Serracchiani, sul palco assieme all’ospite d’onore, il giornalista Gian Antonio Stella, oltre che al vicesindaco di Udine Carlo Giacomello e al presidente Pietro Fontanini. «Le “nuove prospettive” vanno pensate e messe in campo subito – ha detto il presidente della Camera di Commercio Giovanni Da Pozzo –, ora che dobbiamo fare i conti con una realtà locale ancora in difficoltà, non ancora ripresa dal disorientamento causato da una crisi complessa. Stiamo vivendo un cambiamento velocissimo a cui dobbiamo lavorare immediatamente, per saper rispondere consapevolmente e senza troppe attese: il cambio di paradigma è totale e richiede strumenti nuovi di riposta».

I PREMIATI ASSOCIATI A CONFARTIGIANATO UDINE Iniziativa imprenditoriale Ortotec di Bruno Alex e Tonini Paolo S.n.c. di Gonars - Odontotecnici Gruer S.r.l. di Manzano - Autoriparatori Passaggio generazionale Giarle Mobili e Arredamenti di Giarle Luigi e Figli S.n.c. di Arta Terme - Produzione Mobili Premio Giovane Imprenditore Marco Battistutta – Charlotte di San Giovanni al Natisone Riconoscimenti speciali Palmina Toso di Venzone Enzo Cussigh di Tavagnacco 16


Cronache

Nell’area del Friuli Venezia Giulia anche uno stand di CATA Artigianato

Anche le imprese friulane all’edizione dei record de “L’Artigiano in Fiera”

I

n dieci giorni la diciannovesima edizione de “L’Artigiano in Fiera ha radunato 3.045 stand espositivi con più di 150.000 prodotti provenienti da 110 Paesi. Su una superficie espositiva di 150.000 metri quadrati (otto i padiglioni coinvolti) 10.000 persone hanno operato negli stand. Altrettante hanno lavorato, a vario titolo, nell’ambito della rassegna. 28, inoltre, le delegazioni estere (provenienti da Austria, Brasile, Cina, Colombia, Francia, Georgia, Germania, India, Iran, Israele, Giappone, Kirgizstan, Corea del Sud, Malesia, Malta, Marocco, Messico, Portogallo, Repubblica Dominicana, Romania, Slovenia, Sud Africa, Spagna, Svizzera, Thailandia, Tibet, Ucraina, Vietnam) che hanno raggiunto la fiera per partecipare ai numerosi incontri di carattere istituzionale. “L’Artigiano in Fiera” prosegue ora sul web con Artimondo (in Italia, www.artimondo.it). “L’Artigiano in Fiera ha consentito agli espositori di incontrare un imponente numero di persone mettendo al centro i prodotti originali per definizione dell’artigianato italiano e mondiale - ha dichiarato il presidente di Ge.Fi. - Gestione Fiere Spa, Antonio Intiglietta -. Dobbiamo, adesso, dare continuità a questo lavoro affinché il più grande evento di set-

tore a livello internazionale offra ai suoi protagonisti una vetrina sul mondo. Oggi, grazie ad Artimondo, decine di milioni di persone in Europa possono conoscere e apprezzare le facce, le storie e i prodotti dei nostri artigiani. Nei prossimi anni, vogliamo estendere questa esperienza al resto nel mondo: mentre la globalizzazione arriva da noi con la quantità, la nostra sfida è quella di raggiungere il mondo con la bellezza e l’originalità”. Erano presenti nell’area della Regione FVG gestita dall’ERSA (di 650 mq netti) anche 8 aziende associate a Confartigianato Udine (su un totale di 26 tra Enti e Associazioni): Home Sweet Home, Carnica Arte Tessile, Cuori di Terra, Il Ricamificio, Giochi di Luce, FranzArredi, Gazza Ladra 2 e Buiese Distillerie. Gli imprenditori che hanno partecipato si sono detti moto soddisfatti ed hanno già manifestato il loro interesse per l’edizione del prossimo anno. Sempre nell’area del Friuli Venezia Giulia era presente uno stand di CATA Artigianato FVG che è servito per dare informazioni al pubblico sull’attività di CATA e promuovere varie iniziative quali: Artigianato a Friuli Doc, la Festa dell’Artigianto Nautico, la Fiera Internazionale dell’Artigianato “MOS” di Celje, la Barcolana e la Fiera Riso e Confetti di Pordenone. 17


Cronache

D’Agostini: “Verso la coesione sociale e la valorizzazione del patrimonio di relazioni tra i soggetti della nostra Comunità”

Fondazione Crup: approvate le linee strategiche 2015, ma con riserva

È

tonomo, che opera secondo il principio di sussidiarietà e coopera con Istituzioni e altri soggetti per favorire la coesione sociale e sostenere lo sviluppo del territorio. Essa però avverte in questo momento l’urgenza di compiere una riflessione su nuove modalità di approccio alle problematiche della nostra società, con particolare riguardo all’area del welfare. Intende infine valorizzare l’enorme patrimonio di relazioni sinora intessute, stimolando nuove forme sinergiche e aggregative fra gli attori pubblici e privati, per una collaborazione integrata in grado di favorire un sostegno più solido alla nostra Comunità.” Nella parte dedicata all’attività istituzionale è stata confermata l’attenzione ai giovani e all’area delle fragilità, con l’intendimento di rafforzare attorno ad esse il senso della coesione sociale, affinché tutti si sentano chiamati a concorrere al bene pubblico realizzando un vero “welfare di comunità”. Nel ribadire il valore del patrimonio di relazioni che la Fondazione ha costruito negli anni, il documento sottolinea l’importanza strategica dei rapporti con gli enti del territorio, quali soggetti pubblici e privati, portatori di interesse (stakeholders), associazioni non-profit, associazioni di categoria, enti religiosi, etc.

stato approvato il Documento Programmatico Previsionale 2015, che raccoglie gli obiettivi e le modalità operative che la Fondazione Crup intende seguire nello svolgimento della sua attività istituzionale per l’anno venturo. Per quanto riguarda le disponibilità finanziarie, il Documento si sofferma sul contesto socio-economico particolarmente problematico che incide anche sugli investimenti dell’ente. Pertanto, si è ritenuto necessario ricorrere all’utilizzo dei fondi di riserva, affinché il livello di erogazioni sia mantenuto a 7,5 milioni di euro, come per l’anno passato. Inoltre si sono sommati i recenti provvedimenti fiscali (Disegno di Legge di Stabilità per il 2015) che, se approvati, imporranno nuove tasse alle Fondazioni a scapito della loro capacità erogativa. Tale maggior prelievo fiscale si tradurrebbe in una contrazione delle risorse utili per l’istruzione, la ricerca e soprattutto per categorie più svantaggiate come anziani, disabili, malati, bambini in difficoltà. È stata pertanto prevista l’eventualità di apportare possibili aggiustamenti erogativi in corso d’opera. Come ha sottolineato il Presidente Lionello D’Agostini: “La Fondazione Crup ribadisce il proprio ruolo di Ente au-

18


ANAP / ANCOS

Soci e simpatizzanti si sono sfidati nel tradizionale appuntamento annuale

Divertimento e tanti premi alla 14a gara sociale di briscola

V

enerdì 14 novembre si è svolta la 14° gara sociale annuale di briscola presso il Ristorante “Belvedere” di Tricesimo. L’evento è stato organizzato dal Circolo ANCOS Diego Di Natale con il contributo e sostegno dell’Associazione ANAP di Confartigianato Udine. Proseguendo una tradizione ormai consolidata, un numeroso gruppo di soci e simpatizzanti ha “gareggiato” fino a tarda notte usufruendo nel con-

tempo di un ricco buffet, della musica dal vivo e balli che hanno completato una divertente serata. La gara con numerosi premi in palio a seguire, è stata vinta dalle coppie: 1° classificati Govetto Adriano – Lavarone Carlo 2° classificati Caon Nibe – Servidio Michele. La serata sì è conclusa con l’estrazione della lotteria di premi natalizi e con l’impegno di ritrovarci al prossimo anno.

19


SESTA EDIZIONE DELLA SCUOLA PER GENITORI DI UDINE

1°SCUOLA incontro SESTA EDIZIONE DELLA PER GENITORI DI UDINE

A mee eennttrraarree iinn maarrllii nnoonn bbaassttaa.. CCoom Am ee eeooesesn m tetaacc..ooCCnnoo lliinnnn rruu am A SESTA DELLA PER llii?i?inn iirgrgUDINE aEDIZIONE m tn Accm im eincontro nnssSCUOLA ib zzb iico oom trrttiirrfafaDI i nnGENITORI iooaa1° coaann ee eeooesesn m tetaacc..ooCCnnoo lliinnnniico rruu am A aEDIZIONE m Accm lliii?i?nn iirgrgUDINE tn im eincontro nnssSCUOLA ib zzb oom SESTA DELLA PER trrttiirrfafaDI i nnGENITORI iooaa1° coaann VENERDÌ 30 2015 rgrgee esesn tetaacc..ooCC o lliinnnniicGENNAIO am A arruu m Accm lliii?i?nn tn im nnoom nnsseincontro ib oom trrttiirrfafaii20.30 i nneeooALLE iooaa1° coaannzzb VENERDÌ 30 2015 UDINE lliii?i?nn tn im nnoom rgrgee nnssetetaacc..ooCC ib esesn oom ccm o lliinnnniicGENNAIO am A trrttiirrfafaii20.30 i nneeooALLE iooaa coaannzzAb arruu m A VENERDÌ 30 GENNAIO 2015 ALLE 20.30 Auditorium ERDISU in Viale Ungheria n.fi49 AiiooUDINE ggllii?? i r t s o n i n o c e n z a c i n u m o c fi20.30 i r t s o n i n o c e n z a c i n u m o c VENERDÌ 30 GENNAIO 2015 ALLE Auditorium ERDISU in Parsi Viale Ungheria n. 49 ARita UDINE Relatore: dott.ssa Maria Psicopedagogista e psicoterapeuta. LaA suaUDINE formazione è avvenuta a contatto con grandi Auditorium ERDISU in Parsi Viale Ungheria n. 49 VENERDÌ 30 GENNAIO 2015 ALLE 20.30 Relatore: dott.ssa Maria Rita maestri della sociologia e della pedagogia. Psicopedagogista e psicoterapeuta. La formazione è avvenuta a contatto con grandi Auditorium ERDISU in Parsi Viale Ungheria n.divenuta 49 Ha dato vita dott.ssa all'Associazione Onlus "Movimento per, con e dei bambini", nel 2005 Relatore: Maria Rita Asua UDINE maestri della"Movimento sociologia e Bambino". della pedagogia. Fondazione La Fondazione, che conta quattro centri in Italia, opera 1°SCUOLA incontro SESTA EDIZIONE DELLA PER GENITORI DI UDINE

dott.ssa Maria Rita Parsi dott.ssa Maria Rita Parsi Per informazioni e iscrizioni visitare il sito Per informazioni e iscrizioni visitare il sito Per informazioni e iscrizioni visitare il sito tel. 0432.516772 |e-mail scuolagenitoriud@uaf.it Perscuolagenitori.confartigianatoudine.com informazioni e iscrizioni Segreteria organizzativa |Confartigianato Udine |visitare via del Pozzoil 8 asito Udine tel. 0432.516772 |e-mail scuolagenitoriud@uaf.it scuolagenitori.confartigianatoudine.com Per informazioni e iscrizioni Segreteria organizzativa |Confartigianato Udine |visitare via del Pozzoil 8 asito Udine

Psicopedagogista e psicoterapeuta. La sua formazione è avvenuta a contatto con grandi Ha vita all'Associazione "Movimento per, con e deiebambini", divenuta nel 2005 Relatore: per dato la diffusione della CulturaOnlus dell’Infanzia e in dell’Adolescenza si batte n. contro gli abusi ei Auditorium ERDISU Viale Ungheria 49 maestri della sociologia e della pedagogia. Fondazione "Movimento Bambino". La Fondazione, che conta quattroecentri in Italia, opera maltrattamenti dei bambini e dei ragazzi, e per la loro tutela giuridica sociale. Psicopedagogista e psicoterapeuta. La sua formazione è avvenuta a contatto con grandi Ha dato vita all'Associazione Onlus "Movimento per, con e deiebambini", divenuta nel 2005 per la diffusione della Cultura dell’Infanzia e dell’Adolescenza si batte contro gli abusi ei Relatore: maestri della sociologia e della pedagogia. Fondazione "Movimento Bambino". La Fondazione, che conta quattro centri in Italia, opera maltrattamenti dei bambini e dei ragazzi, e per la loro tutela giuridica e sociale. Ha vita all'Associazione "Movimento per, con e deiebambini", divenuta nel 2005 Psicopedagogista e psicoterapeuta. La sua formazione è avvenuta contatto congligrandi per dato la diffusione della CulturaOnlus dell’Infanzia e dell’Adolescenza si abatte contro abusi ei Fondazione "Movimento Bambino". La Fondazione, che conta quattro centri in Italia, opera maestri della sociologia e della pedagogia. maltrattamenti dei bambini e dei ragazzi, e per la loro tutela giuridica e sociale. per la diffusione della CulturaOnlus dell’Infanzia e dell’Adolescenza si batte contro gli abusi ei Ha dato vita all'Associazione "Movimento per, con e deiebambini", divenuta nel 2005 scuolagenitori.confartigianatoudine.com maltrattamenti dei bambini e dei ragazzi, e per la loro tutela giuridica e sociale. Fondazione "Movimento Bambino". La Fondazione, che conta quattro centri in Italia, opera per la diffusione della Cultura dell’Infanzia e dell’Adolescenza e si batte contro gli abusi e i scuolagenitori.confartigianatoudine.com Segreteriadei organizzativa Udine via del Pozzo 8 a Udine maltrattamenti bambini e dei|Confartigianato ragazzi, e per la loro tutela| giuridica e sociale.

scuolagenitori.confartigianatoudine.com Segreteria organizzativa |Confartigianato Udine | via del Pozzo 8 a Udine

Con la collaborazione di Con il patrocinio di tel. 0432.516772 |e-mail scuolagenitoriud@uaf.it Con la collaborazione di Con il patrocinio di tel. 0432.516772 |e-mail scuolagenitoriud@uaf.it

Segreteria organizzativa |Confartigianato Udine | via del Pozzo 8 a Udine Con il patrocinio di tel. 0432.516772 |e-mail scuolagenitoriud@uaf.it

Con la collaborazione di Con la collaborazione di Con la collaborazione di

Con il patrocinio di Con il patrocinio di

Profile for Confartigianato-Imprese Udine

Informimpresa Udine dicembre 2014  

Informimpresa Udine dicembre 2014

Informimpresa Udine dicembre 2014  

Informimpresa Udine dicembre 2014

Advertisement