__MAIN_TEXT__

Page 1


Bilancio Sociale 2018 © 2019 Confartigianato Imprese

/////////////////////////////////////////////

/////////////////////////////////////////////

Consulenza di progetto

UN B UON B IL A NCIO R ICHIE DE ME T ODO

REFE Strategie di Sviluppo Sostenibile Milano www.refe.it

Rendersi conto per rendere conto® è il metodo Refe - società esperta di responsabilità sociale e accountability - che ha accompagnato Confartigianato Imprese nel percorso di trasparenza e rendicontazione sociale.

L’analisi interna (rendersi conto) esplicita l’identità, le politiche e il funzionamento dell’Organizzazione, con la verifica puntuale di attività, progetti realizzati, servizi offerti, risorse allocate e risultati ottenuti.

La comunicazione esterna (rendere conto) fa conoscere e rende trasparente, verificabile e comprensibile a tutti il senso e il valore del lavoro svolto.

/////////////////////////////////////////////

/////////////////////////////////////////////

/////////////////////////////////////////////

Progetto grafico e impaginazione

Crediti fotografici

Stampa

REDESIGN comunicazione Bologna www.redesignlab.it

Archivio storico Confartigianato Imprese pagg. 18 e 19; Laura Cioccarelli pagg. 4, 5, 25, 261, 262, 263, 264; Guido Cozzi pag.15; Ivan Demenego pagg. 3, 8, 42, 68, 81, 105, 116, 139, 161, 232; Laura Cioccarelli pag. 19 (manifestazione 2014)

Le foto degli imprenditori sono tratte dai "Ritratti del lavoro, Confartigianato e le imprese che crescono", sezione del portale confartigianato.it dedicata al racconto delle storie delle piccole imprese italiane.

Nuova Cantelli Castel Maggiore (BO) Stampato su carta ecologica


CONFARTIGIANATO IMPRESE

BILANCIO SOCIALE 2018

IL PRESIDENTE

IL SEGRETARIO GENERALE

GIORGIO MERLETTI, Presidente Confartigianato Imprese

CESARE FUMAGALLI, Segretario Generale Confartigianato Impresee

IL NOSTRO BILANCIO SOCIALE 2018 è particolarmente denso di attività, di iniziative e di

IL BILANCIO SOCIALE DI CONFARTIGIANATO ci aiuta a comprendere appieno la straordinaria

risultati, frutto anche dell’ interlocuzione con il nuovo Parlamento e il nuovo Governo che ha

complessità del nostro essere Organizzazione di rappresentanza d’ impresa e soggetto

contraddistinto l’agenda di Confartigianato con una fitta serie di confronti.

sistemico di promozione di servizi reali per l’artigianato e le piccole imprese sui territori ,

Con la nostra capacità propositiva, con la fermezza e l’autorevolezza delle nostre posizioni

in Italia , in Europa.

abbiamo portato le ragioni degli artigiani e delle piccole imprese all’attenzione dei decisori

A leggerne le pagine si ripercorre la quantità delle iniziative realizzate, si possono apprezzare

pubblici e dei massimi esponenti dell’Esecutivo.

la qualità dei progetti, l’ incisività dei servizi, i risultati delle tante attività che la Confederazione

E abbiamo raggiunto obiettivi importanti sia in termini di visibilità sia nella concretezza delle

ha promosso e organizzato. Risultati che premiano chi, come noi, usa la forza e la credibilità

misure varate a sostegno degli imprenditori. Una tra tutte, la riduzione delle tariffe Inail degli

delle idee per ottenere conquiste concrete e durature.

artigiani, battaglia ventennale della nostra Confederazione.

‘Misurarci’ nell’ impegno quotidiano e rendere conto di ciò che è stato fatto in un anno ,

Come sempre, ciò è il frutto dell’ impegno condiviso del Sistema Confartigianato, scaturisce

dell’utilizzo delle risorse dedicate è un dovere ed un esercizio utile per i nostri soci , per le

dal lavoro quotidiano al fianco degli associati nel raccogliere e rilanciare problemi, aspettative,

piccole imprese italiane , per i nostri interlocutori e in grado di mostrare l’ importanza del

proposte.

nostro ruolo di corpo intermedio della società, costruito con la passione e l’ impegno con cui

In Confartigianato l’Italia delle piccole imprese ha, come sempre, una voce chiara, decisa.

tante persone lavorano dalla parte degli imprenditori.

Come quella che si è levata forte a Milano, il 13 dicembre 2018, alla manifestazione con la quale

Abbiamo fatto molto nel 2018, con la coerenza delle scelte, con la fermezza delle posizioni,

duemila imprenditori hanno gridato il loro sì allo sviluppo. Un messaggio che sintetizza il nostro

con la tempestività di analisi e di proposta. E queste capacità continueremo ad esercitarle.

impegno e il nostro ruolo e che, soprattutto, indica la strada per il futuro. E’ tutto nelle pagine

C’ è ancora tanto da fare ed è necessario che, insieme al presidio della Confederazione, tutto il

di questo Bilancio che serve a riaffermare la responsabilità e l’orgoglio di dare voce e risposte

Sistema Confartigianato sia ancor più attivo e capace di operare in sinergia, come dita di una

efficaci agli imprenditori.

mano operosa capace di plasmare , capace di chiudersi a pugno quando serve difendere gli interessi , capace di articolarsi nell’attenzione sensibile alle persone . Per mantenere l’autorevolezza del nostro ruolo, per creare le condizioni più adatte allo sviluppo dell’artigianato e delle piccole imprese.

4

5


CONFARTIGIANATO IMPRESE

BILANCIO SOCIALE 2018

GUIDA ALLA LET TURA C O S'È IL B IL A NC IO S OC I A LE Il Bilancio sociale è l’esito di un processo con il quale l’Organizzazione rende conto delle scelte, delle attività, dei risultati e dell’impiego di risorse in un dato periodo, in modo da consentire agli associati e ai diversi interlocutori di conoscere e formulare una valutazione consapevole su come interpreta e realizza la sua missione istituzionale.

Con l’edizione del Bilancio Sociale 2018 Confartigianato Imprese consolida, in una logica di miglioramento continuo, il suo percorso di trasparenza e accountability. Questa pubblicazione rappresenta un passo ulteriore verso la costruzione del Bilancio sociale consolidato dell’intero sistema Confartigianato. Il perimetro di rendicontazione include, oltre a Confartigianato Imprese, le 12 Federazioni Nazionali di categoria e Confartigianato Persone (ANAP, INAPA, CAAF, ANCoS). TRA LE PRINCIPALI NOVITÀ DI QUESTA EDIZIONE: • nella sezione “Organizzazione e risorse” la rendicontazione delle politiche di gestione del personale è consolidata tra Confartigianato Imprese e Confartigianato Persone con un focus specifico dedicato al Patronato INAPA, istituto autonomo con una propria struttura organizzativa. Anche per quanto riguarda il bilancio, la rendicontazione si completa con l’analisi dei Bilanci e la rappresentazione del sistema di finanziamento degli Enti di Confartigianato Persone; • aumenta la visibilità dell’azione di Confartigianato Imprese in Europa, con un approfondimento dedicato sia nella sezione Identità, sia nella sezione “Obiettivi, attività e risultati”;

6

• nella sezione “Obiettivi, attività e risultati” il modello di rendicontazione sviluppa una nuova dimensione: i soggetti responsabili. La rendicontazione è, dunque, costruita secondo tre dimensioni: 1. temi chiave, che rappresentano le tematiche prioritarie su cui l’organizzazione intende incidere a favore delle micro, piccole e medie imprese e dell’artigianato 2. ambiti di intervento e attività trasversali, di supporto ad entrambi gli ambiti, individuati nella missione 3. soggetti responsabili: Confederazione nazionale, Federazioni di Categoria e Confartigianato Persone, evidenziando le azioni condivise tra Confederazione e Categorie e approfondendo ulteriormente, rispetto alla scorsa edizione, l’azione di Confartigianato Persone. In questa sezione, si rendiconta anche lo stato di attuazione delle azioni in corso presentate nel 2017 e identificate con “Stiamo lavorando per”, assicurando continuità e credibilità alla rendicontazione. Infine, è stata data maggiore evidenza alle azioni collegate alla Legge di Bilancio 2019, all’iniziativa Impresa Diretta e alla newsletter delle Categorie. L’elaborazione del Bilancio Sociale ha prodotto diversi benefici. Per l’interno, ha rappresentato un’occasione di crescita in termini di condivisione delle strategie della Confederazione e costruzione di una visione di sistema, radicando la cultura dell’accountability e un metodo di lavoro basato sul monitoraggio sistematico delle attività e dei risultati raggiunti. Inoltre quest’anno, proseguendo nella costruzione del Bilancio sociale consolidato, si è avviato un percorso di formazione dedicato alle Associazioni territoriali, in modo da far crescere a tutti i livelli dell’Organizzazione una cultura orientata alla trasparenza e alla responsabilità sociale e avviare un progressivo allineamento delle pratiche di rendicontazione da parte dei diversi soggetti del sistema. Per l’esterno, il Bilancio Sociale rappresenta una base informativa attendibile, chiara e

completa sulla quale sviluppare azioni di comunicazione mirate e continuative rivolte agli associati, ai diversi interlocutori e alla collettività in generale. Il Bilancio sociale è articolato in tre sezioni. IDENTITÀ: l’analisi di contesto introduce le caratteristiche distintive dell’Organizzazione posizionando missione, ambiti di intervento e temi chiave nello scenario attuale. Segue il quadro e il profilo degli associati e la descrizione della governance interna ed esterna, presentando la composizione del Sistema Confartigianato, la presenza in Europa e nel Sistema Bilaterale artigiano ed, infine, la rete di relazioni. ORGANIZZAZIONE E RISORSE: descrive il funzionamento dell’Organizzazione in termini di struttura organizzativa, profilo e politiche di gestione del personale, sistema di finanziamento e gestione del bilancio. OBIETTIVI, ATTIVITÀ E RISULTATI: data la complessità di un’Organizzazione come Confartigianato e della sua azione, la sezione offre sia viste d’insieme sull’azione di rappresentanza sia la rendicontazione di obiettivi, attività e risultati raggiunti da ciascun soggetto del Sistema, secondo un modello a matrice che incrocia priorità strategiche e ambiti di intervento. Si conclude con la presentazione delle attività trasversali - di supporto al funzionamento complessivo dell’organizzazione -, delle iniziative di sistema e dei progetti speciali.

1_ IDEN T I TÀ

2 _ORG A NI Z Z A Z IONE E R I S OR SE

3_OB IE T T I V I, AT T I V I TÀ , R I S ULTAT I

1.1 Il contesto 2018.................................................10

2.1 La struttura organizzativa .......................... 45

3.1 Struttura e contenuti..................................... 69

1.2 Missione, valori

2.2 Il personale di Confartigianato imprese ............................................................... 46

3.2 Rappresentanza istituzionale e lobbying – una vista d’insieme................. 70

2.2.1 Le persone di Confartigianato imprese nazionale ................................ 47

3.3 Rappresentanza sindacale e contrattazione –una vista d’insieme........84

1.5 La governance.. ................................................. 22

2.2.2 Le persone che lavorano per INAPA Nazionale ............................ 50

3.4 I risultati dell’azione

1.6 Il Sistema Confartigianato e la presenza sul territorio.......................... 30

2.3 La formazione interna..................................... 51

////////////////////////////////////////////////////////////////

e ambiti di intervento...................................... 16

1.3 La storia................................................................ 18 1.4 Gli associati........................................................ 20

1.7 Confartigianato in Europa............................ 37 1.8 Confartigianato nel Sistema Bilaterale Artigiano................ 38 1.9 La rete di relazioni esterne........................... 41

NOTA METODOLOGICA UFFICIO STUDI Le fonti utilizzate per l’elaborazione dei dati di contesto provengono da database e pubblicazioni di enti statistici ufficiali (dati disponibili al 16 maggio 2019 di fonte Banca d’Italia, Commissione europea, Eurostat, Inps, Istat, Ministero dell’Economia e delle Finanze, Ragioneria Generale dello Stato e Unioncamere-Infocamere) e sono riportati direttamente o possono essere oggetto di elaborazione da parte dell'Ufficio Studi di Confartigianato mediante l'applicazione di metodologie che fanno riferimento alla letteratura in materia.

/////////////////////////////////////////////////////////////////

2.4 I l sistema di finanziamento ......................... 53 2.4.1 Il Sistema di finanziamento di Confartigianato Imprese.................... 53

/////////////////////////////////////////////////////////////////

di Confartigianato per temi chiave........... 89 3.4.1 L’azione di Confartigianato nazionale................................................... 90 3.4.2 L’azione delle Categorie......................162

2.4.2 Il sistema di finanziamento di Confartigianato Persone ................... 54

3.4.3 L’azione di Confartigianato Persone..............233

2.5 Il Bilancio............................................................. 56

3.5 Le attività trasversali.................................. 248

2.5.1 Il bilancio di Confartigianato Imprese .................................................... 56

3.5.1 Attività di studio e analisi................. 248

2.5.2 Il bilancio di ANAP.................................. 63

2.5.3 Il bilancio di INAPA ............................... 64

2.5.4 Il bilancio del CAAF ............................... 65

2.5.5 Il bilancio di ANCoS ............................... 66

3.5.2 Formazione di Sistema...................... 252 3.5.3 Informazione, comunicazione e marketing associativo....................256 3.6 Le convention e le iniziative di sistema................................261 3.7 I progetti speciali..........................................266

7


I D E N T I TÀ

I D E N T I TÀ

8

9


BILANCIO SOCIALE 2018

CONFARTIGIANATO IMPRESE

1.1

I D E N T I TÀ

IL CONTESTO 2018

1.1 IL CONTESTO 2018 1

IL MERCATO DEL LAVORO

58,5%

10,8%

+0,3 punti dal 2017

–0,4 punti dal 2017

il tasso di occupazione il tasso di nel 2018 disoccupazione nel 2018

IL MADE IN ITALY E LA BOLLETTA ENERGETICA

IL QUADRO MACROECONOMICO

LE IMPRESE

+0,2%

+0,9

+1,9

+0,5

LA CRESCITA DEL PIL A PREZZI COSTANTI

LE ESPORTAZIONI DI BENI E SERVIZI

IL TASSO DI CRESCITA DELLA DEMOGRAFIA DI IMPRESA IN GENERALE

in riduzione rispetto al +1,6% del 2017

contro il +5,9% del 2017

in rallentamento rispetto al +0,8% del 2017

PIL PER SETTORI

0,9%

2,1%

PIL a prezzi costanti

1,7%

Manifattutra

Costruzioni

0,6%

32,1%

Servizi

L’INCIDENZA DELL’EXPORT SUL PIL, NUOVO MASSIMO STORICO

1.309.478

superando il 31,7% del 2017

+3,4%

gli investimenti fissi lordi registrano un rallentamento rispetto al 4,3% del 2017

+0,6%

la spesa per consumi delle famiglie dimezzando il valore registrato nel 2017 (+1,5%)

–0,2%

il volume delle vendite al dettaglio in miglioramento rispetto al -0,6% del 2017 +12,1% il valore delle vendite e-commerc

127,3

miliardi di euro a prezzi correnti, le esportazioni dei settori a maggiore concentrazione di MPI

41,8

-1,5%

Costruzioni

-1,2%

Servizi

-0,5%

il tasso di crescita delle imprese artigiane,

dimezzando il valore registrato nel 2017 (+1,5%)

in lieve peggioramento rispetto al –0,9% del 2017

2,4%

80.027

in peggioramento rispetto all’1,9% del 2017

le nuove imprese artigiane nel 2018 a fronte di 93.460 cessate non d’ufficio

–3,0%

l’indice di fiducia dei consumatori rispetto al 2017

10

rispetto al 2017

IL CREDITO ALLE IMPRESE

+1,2%

i prestiti al totale delle imprese

LA DEMOGRAFIA E IL WELFARE

37

miliardi di euro lo stock di prestiti alle imprese artigiane in diminuzione del 9,9% rispetto al 2017

1,46%

il tasso di interesse sui prestiti alle imprese, di poco inferiore all’1,50% registrato nel 2017

22,8%

gli anziani con più di 65 anni sul totale della popolazione +2,5 punti dal 2008

35,6%

l’indice di dipendenza anziani**, +4,7 punti dal 2008

–1,0%

miliardi di euro l’avanzo del commercio estero,

l’incidenza della bolletta energetica sul PIL,

rispetto al 2017

i prestiti alle piccole imprese

TASSO DI CRESCITA PER SETTORI Manifatturiero

gli occupati da lavoro dipendente

–1,1%

LE IMPRESE ARTIGIANE

+0,4%

gli occupati da lavoro indipendente

282,2

miliardi di euro la spesa per il welfare assorbita dalla popolazione anziana, il 16,1% del PIL

32%

i cittadini che giudicano buoni i servizi pubblici in Italia rispetto alla media europea del 53%, a fronte di una spesa primaria corrente superiore di 1,6 punti alla media UE

45,4 anni

l’età media della popolazione

LA FINANZA PUBBLICA

+2,2 anni dal 2008

42,1%

132,2%

3,7%

la pressione fiscale sul PIL

il rapporto debito pubblico/PIL

l’incidenza della spesa per interessi sul PIL

in linea con il valore del 2017

+0,8 punti percentuali dal 2017

–0,1 punti percentuali dal 2017

1 Fonte di tutti i dati di contesto: Elaborazioni Ufficio Studi Confartigianato su dati disponibili al 16 maggio 2019 di fonte Banca d’Italia, Commissione europea, Eurostat, Inps, Istat, Ministero dell’Economia e delle Finanze, Ragioneria Generale dello Stato e Unioncamere-Infocamere

11

**Rapporto tra popolazione di 65 anni e più e popolazione in età attiva (15 – 64 anni) moltiplicato per 100


CONFARTIGIANATO IMPRESE

IL QUADRO MACROECONOMICO Nel 2018 rallenta la crescita dell’economia italiana, il cui Prodotto interno lordo - a prezzi costanti - cresce dello 0,9%, in peggioramento rispetto al +1,6% dell'anno precedente. Nel confronto europeo l’economia italiana evidenzia un minore dinamismo: nel 2018 l’Italia registra il più basso tasso di crescita tra i 28 Paesi dell’Unione Europea, dimezzato rispetto al +1,9% dell'Eurozona. Si attenuano i processi

BILANCIO SOCIALE 2018

I D E N T I TÀ

1.1

IL CONTESTO 2018

della Manifattura risulta in salita del 2,1% (perfor-

e davanti a Spagna (1,9%), Germania (1,0%) e Francia

di cessazione del 7,0%. La nati-mortalità di impresa

polazione 15-64 anni - si colloca al 58,5%, in aumento

trotendenze rispetto alla crescita dell’1,2% dei pre-

mance peggiore rispetto al +3,6% del 2017); seguo-

(0,5%).

determina un saldo negativo di 13.433 unità, equiva-

di 0,3 punti rispetto ad un anno prima. Nonostante il

stiti al totale delle imprese. A giugno 2018 lo stock

no le Costruzioni con una crescita dell’1,7% del va-

La combinazione del trend delle vendite all’estero e

lente ad un tasso di crescita del -1,0%, in lieve peggio-

miglioramento osservato negli ultimi quattro anni, a

di prestiti concessi alle imprese artigiane è di 37

lore aggiunto e in miglioramento rispetto al +0,7%

delle importazioni da oltre confine determina per il

ramento rispetto al -0,9% dell’anno precedente.

fine 2018 l’Italia si colloca al penultimo posto nell’U-

miliardi di euro, con una diminuzione in un anno del

dell’anno precedente, mentre rimane di basso profi-

2018 un avanzo del commercio estero che ammon-

L’analisi per settore mostra come il calo comples-

nione a 28 per rapporto tra occupati e popolazione,

9,9% (4,1 miliardi in meno) che risulta più intensa ri-

lo la dinamica dei Servizi che registrano un aumento

ta a 41,8 miliardi di euro, pari al 2,4% del PIL. Aumenta

sivo delle imprese artigiane sia determinato preva-

davanti solo alla Grecia. Al quarto trimestre 2018 i

spetto al -8,2% registrato nel trimestre precedente

dello 0,6%, rallentato rispetto al +1,4% del 2017.

la bolletta energetica che nel 2018 raggiunge il 2,4%

lentemente dalla dinamica negativa delle imprese

disoccupati si riducono del 3,6% e il tasso di disoc-

e sfiora il raddoppio rispetto al -5,8% osservato un

del PIL, in peggioramento di mezzo punto rispetto

del Manifatturiero che registrano un tasso di cre-

cupazione scende al 10,8%, in riduzione di 0,4 punti

anno prima: sul peggioramento della performance

all’1,9% del 2017. I tre quarti (74,9%) del peggioramen-

scita del -1,5% e delle Costruzioni (-1,2%); migliore la

percentuali rispetto la fine del 2017.

dei prestiti lordi pesa il recente acuirsi del calo delle

to del saldo del commercio estero sono determinati

dinamica dei Servizi - il primo comparto dell’artigia-

La dinamica del lavoro indipendente nel corso

sofferenze (-19,5% a giugno 2018 tenuto conto della

dall’aumento della bolletta energetica.

nato per numero di occupati con il 37,9% del totale

dell'ultimo anno conferma la tendenza di lungo pe-

composizione settoriale dell'artigianato). In relazio-

– che, seppur negativa, registra un calo contenuto

riodo che ha visto addensarsi il calo dell'occupazione

ne alla qualità del credito, a fine 2017 in media una

(-0,5%) rispetto agli altri due macrosettori. Per na-

nel segmento del lavoro autonomo causato da due

piccola impresa italiana registra una quota di cre-

tura giuridica le srl artigiane mostrano un tasso di

ravvicinati cicli recessivi (2008-2009 e 2012-2013),

diti deteriorati del 23,5%, inferiore di 2,0 punti per-

crescita dello 0,3% mentre le società di persone mo-

ma con un segnale di miglioramento (-0,4% nel 2018

centuali rispetto al 25,5% stimato per una impresa

strano un tasso negativo e pari allo 0,5% e le ditte

vs. -1,9% nel 2017): dal massimo pre crisi del secondo

medio-grande. La politica monetaria si mantiene

individuali sono a -1,1%.

trimestre 2008 al quarto trimestre 2018 l'occupa-

accomodante, con benefici effetti sul tasso di in-

zione complessiva in Italia è scesa di 94 mila unità

teresse sui prestiti alle imprese che a fine 2018 si

(-0,4%), combinazione di un aumento di 601 mila uni-

colloca sull’1,46% di poco inferiore rispetto all’1,50%

tà di occupati dipendenti (+3,5%) e una diminuzione

registrato dodici mesi prima; a tal proposito si sot-

di 695 mila unità di occupati indipendenti (-11,6%).

tolinea che a fine 2017 una piccola impresa italiana

IL MADE IN ITALY E LA BOLLETTA ENERGETICA

di accumulazione del capitale: gli investimenti fissi

Nel 2018 il trend del volume delle esportazioni di

lordi segnano una crescita del 3,4%, in rallentamen-

beni e servizi registra un rallentamento (+1,9% con-

to rispetto al +4,3% dell’anno prima. Risulta in calo

tro il +5,9% del 2017); il valore dell'export si consoli-

l’indice di fiducia delle imprese che a fine 2018 ri-

da al massimo storico del 32,1% del PIL superando il

Prosegue il trend positivo della demografia d’im-

sulta dell’8,3% inferiore rispetto ad un anno prima.

31,7% del 2017.

presa che nel 2018 registra un tasso di crescita del-

Nel 2018 rallenta anche la spesa per consumi del-

Le esportazioni dei settori a maggiore concentra-

lo 0,5%, seppur in rallentamento rispetto al +0,8%

le famiglie che sale dello 0,6%, dimezzando il +1,5%

zione di Micro e Piccole Imprese (MPI) – nove com-

dell'anno precedente. Persiste una riduzione delle

dell’anno precedente. Ristagnano le vendite al detta-

parti in cui la quota degli occupati in imprese con

imprese nel Manifatturiero e nelle Costruzioni, setto-

glio (-0,2% in volume, attenuando il -0,6% del 2017)

meno di 50 addetti è superiore al 60% – salgono a

ri con una più elevata incidenza di imprese artigiane,

in un contesto caratterizzato da un calo della fidu-

127,3 miliardi di euro a prezzi correnti, il 2,5% in più

che registrano complessivamente un saldo negativo

Al quarto trimestre 2018 l'occupazione risulta in sa-

cia dei consumatori, con il relativo indice che a fine

in un anno, dimezzando il +5,7% di un anno prima;

nell’anno di oltre 20 mila imprese. Continua la sele-

lita dello 0,4% rispetto allo stesso trimestre dell'an-

2018 è inferiore del 3,0% rispetto ad un anno prima.

sulle prospettive pesano le tensioni protezionistiche

zione delle imprese artigiane: al 31 dicembre 2018 le

no precedente, dinamica di otto decimi di punto

Il valore delle vendite tramite e-commerce è salito

e l’iter della Brexit. La perfomance del made in Italy

imprese artigiane registrate sono 1.309.478, con una

inferiore al +1,2% dell'Eurozona. In Italia l'aumento

del 12,1% a fronte di una stazionarietà (+0,2%) del to-

è sostenuta dalle piccole imprese: tra i maggiori pa-

dinamica demografica composta da 80.027 iscritte

degli occupati è la composizione del +0,4% dell'oc-

A dicembre 2018 i prestiti alle piccole imprese di-

tale delle vendite al dettaglio.

esi europei l'Italia è al primo posto per esportazioni

nel corso dell’anno, pari ad un tasso di iscrizione del

cupazione dipendente e del +0,2% del lavoro indi-

minuiscono dell’1,1%, in accentuazione rispetto al

L’analisi dei settori evidenzia che il valore aggiunto

manifatturiere dirette delle MPI, pari al 3,4% del Pil

6,0%, e 93.460 cessate non d'ufficio, pari ad un tasso

pendente. Il tasso di occupazione - riferito alla po-

-0,8% registrato a settembre 2018 (-0,8%) e in con-

12

LE IMPRESE

IL MERCATO DEL LAVORO

13

IL CREDITO ALLE IMPRESE

paga in media un tasso di interesse effettivo sui prestiti a breve termine pari al 6,77% superiore di 300 punti base rispetto al 3,77% pagato da una impresa medio-grande. Sul quadro gravano i rischi di un aumento dello spread: il differenziale tra il rendimen-


CONFARTIGIANATO IMPRESE

BILANCIO SOCIALE 2018

to dei titoli di stato decennali rispetto al Bund tede-

gli investimenti pubblici sono pari al 2,1% del PIL e

la popolazione anziana assorbe la metà (50%) della

sco nel 2018 è pari a 221 punti base, 41 in più dei 180

restano sui minimi storici mostrando una quota in-

spesa sanitaria e una gran parte (83,5%) della spesa

punti base medi del 2017.

feriore di 0,6 punti rispetto alla media dell’Eurozona

pensionistica, per una spesa totale di 282,2 miliar-

(2,7%): l’Italia è alla penultima posizione in UE, con la

di di euro, pari al 16,1% del PIL. Poco più di un quin-

Spagna, davanti solo a Portogallo e Irlanda, entram-

to della popolazione assorbe quasi la metà (46,5%)

bi con il 2,0%. Il gap di investimenti pubblici fissi lordi

dell’incremento di spesa pubblica previsto nel pe-

tra Italia e Eurozona vale 9,7 miliardi di euro. Il setto-

riodo 2018-2022.

re pubblico non contribuisce ai processi di accumu-

In tale contesto va segnalato che nel 2017 il numero

lazione di capitale dell’economia italiana: nel 2018 gli

delle pensioni erogate nella gestione artigiani INPS

investimenti fissi lordi - a prezzi correnti - crescono

sorpassa per il secondo anno consecutivo quello dei

del 3,9%, grazie esclusivamente all’aumento del 5,2%

titolari artigiani e collaboratori iscritti; dieci anni

degli investimenti privati mentre scendono del 4,3%

prima il rapporto era di 81 pensioni per 100 iscritti.

gli investimenti pubblici.

A fronte di una spesa primaria corrente (41,6% del

LA FINANZA PUBBLICA Nel 2018 migliora l'indebitamento netto delle Amministrazioni pubbliche che misurato in rapporto al PIL, è stato pari al -2,1%, a fronte del -2,4% del 2017. Persiste un avanzo primario (saldo di bilancio al netto della spesa per interessi) pari all'1,6% del PIL, in leggero aumento rispetto al +1,4% con il dato del 2017. Nel 2018 la pressione fiscale si stabilizza al 42,1%, in linea con il livello del 2017, dopo aver registrato una riduzione per quattro anni consecutivi. La programmazione fiscale rimane fortemente condizionata dalla presenza di clausole di salvaguardia, le quali presentano un trend crescente nel tempo: la

LA DEMOGRAFIA DELLA SOCIETÀ ITALIANA E IL WELFARE

disattivazione degli aumenti per Iva e accise richie-

Il quadro demografico evidenzia che a fine 2018 la

de per il 2020 risorse per 23,1 miliardi di euro e per il

quota di anziani con 65 anni ed oltre è del 22,8%, in

2012 di 28,8 miliardi di euro.

aumento di 2,5 punti rispetto a dieci anni prima; l'età

Nel 2018 il rapporto debito/PIL sale al 132,2%, in au-

media della popolazione è di 45,4 anni, 2,2 anni in più

mento di 0,8 punti rispetto al 2017. In parallelo si è

di dieci anni prima. L’indice di dipendenza anziani -

registrato un ulteriore ribasso della spesa per inte-

rapporto tra popolazione di 65 anni e più e popola-

ressi che nel 2018 arriva al 3,7% del PIL (-0,1 punti ri-

zione in età attiva (15-64 anni), moltiplicato per 100

spetto al 2017). La spesa primaria scende al 44,9% del

- sale al 35,6%, di 4,7 punti sopra il livello di dieci anni

PIL in riduzione di 0,2 punti rispetto al 2017. Nel 2018

prima. In relazione alla spesa per welfare nel 2018

14

PIL nel 2018) superiore di 0,4 punti percentuali rispetto alla media Euro zona (41,2%) e di 1,6 punti rispetto alla media UE (40,0%), la qualità dei servizi pubblici erogati a famiglie e imprese italiane è bassa: a novembre 2018 mentre il 53% di cittadini dell’Unione europea giudica buona la fornitura di servizi pubblici nel proprio Paese, la quota è quasi dimezzata (32%) per l’Italia, collocandola al quartultimo posto in UE, davanti a Croazia, Bulgaria e Grecia. Elaborazioni Ufficio Studi Confartigianato su dati disponibili al 16 maggio 2019 di fonte Banca d’Italia, Commissione europea, Eurostat, Inps, Istat, Ministero dell’Economia e delle Finanze, Ragioneria Generale dello Stato e Unioncamere-Infocamere


CONFARTIGIANATO IMPRESE

BILANCIO SOCIALE 2018

CONFARTIGIANATO I D E N T I TÀ IMPRESE

1.2 MISSIONE, VALORI E AMBITI DI INTERVENTO L’IMPRESA AL CENTRO A partire dall’ascolto dei bisogni e delle istanze politiche ed economiche degli imprenditori

1.2

MISSIONE, VALORI E AMBITI DI INTERVENTO

VALORI

AMBITI DI INTERVENTO E TEMI CHIAVE

I valori sociali, etici e imprenditoriali

Le attività di Confartigianato Imprese intercettano sette temi chiave che guidano la rendi-

promossi dal Sistema Confartigianato

contazione della terza sezione del Bilancio Sociale – Obiettivi, attività e risultati.

Imprese sono:

e delle imprese - come singoli e come ceto produttivo e sociale - l’azione politica, sindacale e organizzativa del Sistema Confartigianato Imprese è finalizzata ad accrescere il valore

Confartigianato Imprese vuole essere il riferimento delle imprese e degli

Confartigianato Imprese valorizza questa forma di impresa portatrice di valori

imprenditori che si riconoscono nel “fare impresa” incentrato sulla persona

peculiari ricchi di contenuti intellettuali, creativi ed estetici che definiscono il

dell’imprenditore, sulle sue capacità professionali e gestionali, sulla sua assun-

“valore artigiano”.

zione in proprio della parte principale del lavoro e della stessa conduzione stra-

Questi sono principi fondamentali che riconoscono nella persona il centro del

tegica e finanziaria dell’attività.

processo di sviluppo economico, assicurando, in particolare:

16

LIBERA SOGGETTIVITÀ E CREATIVITÀ

ELASTICITÀ E FLESSIBILITÀ PRODUTTIVA

AMMODERNAMENTO TECNOLOGICO

ESPRESSIONE DELLA CULTURA DEI TERRITORI

IL VALORE DEL RAPPORTO IMPRESAPERSONA FAMIGLIA TERRITORIO

IL VALORE ETICO E FORMATIVO DEL LAVORO

prese lavora su due principali ambiti di intervento e sviluppa attività trasversali di supporto ad entrambi gli ambiti:

IL VALORE DEL SISTEMA E DELLA RETE

IL VALORE DELLA SOLIDARIETÀ

IMPRENDITORIALITÀ OCCUPAZIONE QUALIFICATA, COESIONE E INCLUSIONE SOCIALE

Per conseguire la sua missione, declinata nei sette temi sopra esposti, Confartigianato Im-

IL VALORE DELLA PERSONA E DELLE SUE RELAZIONI

17

IL VALORE DELLA PARITÀ DI GENERE

AMBITI DI INTERVENTO

MISSIONE

sindacali e istituzionali.

ATTIVITÀ TRASVERSALI

aggiunto dell’impresa, la sua dignità politica, le sue relazioni economiche, associative,

ATTIVITÀ E SERVIZI PER I SOGGETTI DEL SISTEMA CONFARTIGIANATO, LE IMPRESE E LE PERSONE

RAPPRESENTANZA Rappresentanza istituzionale e attività di lobbying

Rappresentanza sindacale e contrattazione

• Informazione e comunicazione • C onsulenza • Formazione

• Progetti, iniziative ed eventi • A ccordi e convenzioni • S ervizi alle persone

STUDI E ANALISI FORMAZIONE DI SISTEMA

INFORMAZIONE, COMUNICAZIONE E MARKETING ASSOCIATIVO


BILANCIO SOCIALE 2018

CONFARTIGIANATO IMPRESE

1.3

I D E N T I TÀ

LA STORIA

1.3 LA STORIA

ITALIA La Federazione artigiana è collegata alle Corporazioni fasciste. Si afferma l’autonomia sindacale e la libertà di negoziazione dell’artigianato rispetto all’industria

1926 Nasce l’Associazione artigiani del Lazio con la distinzione tra l’artigiano e “l’operaio macchinistico”. Nasce la Federazione degli artigiani d’Italia, con 68 “Comunità artigiane”

1927

Nasce la Cassa per il credito alle imprese artigiane (Artigiancassa) e le Casse Rurali e Artigiane (BCC). La Costituzione all’articolo 45, riconosce il ruolo fondamentale economico e sociale dell’artigianato

Armistizio con gli Alleati: è l’inizio dell’occupazione tedesca del territorio italiano e della liberazione

L’Italia entra nella Seconda Guerra Mondiale

1940

1943 Nascono le prime leghe spontanee di artigiani

1945

1946

1947

Prima legge quadro dell’Artigianato, la legge 860. Nascita delle Casse Mutue per l’assistenza sanitaria agli artigiani

Prima legge quadro dell’Artigianato, la legge 860. Nascita delle Casse Mutue per l’assistenza sanitaria agli artigiani

La Corte Costituzionale riconosce l’autonomia contrattuale artigiana rispetto all’industria

1956

1959

1963

Si costituisce la Confederazione dell’Artigianato Italiano, che unifica quattro diverse Associazioni

1964

1985

1992

1993

2006

2014

2016

2018

Primo accordo interconfederale in materia di rapporti di lavoro

Nuova Legge Quadro, che definisce la figura dell’imprenditore artigiano, conciliando i significati dei termini di “impresa” e di “artigiano”

Nuovo accordo interconfederale che contiene tre argomenti cardine: la struttura del salario, il sistema contrattuale e lo sviluppo degli Enti bilaterali articolati a livello nazionale e regionale

100.000 imprenditori della Confartigianato scendono in piazza Duomo a Milano per protestare contro la politica fiscale del governo e l’introduzione della Minimum tax. Anche grazie a questa iniziativa di protesta nel 1994 viene "cancellata" la Minimum tax.

Manifestazione nazionale il 25 novembre a Milano contro la manovra economica: “Finanziaria 2007.

Manifestazione in piazza con le altre sigle della piccola impresa, dell’artigianato e del commercio per sostenere le ragioni e le istanze del comparto in vista della formazione di un nuovo Governo

Innovativo accordo interconfederale che riforma il sistema delle relazioni sindacali nell’artigianato e nella piccola impresa

Grande manifestazione pubblica di Confartigianato “Quelli del SI” a difesa dello sviluppo del Paese, messo a rischio da una politica che privilegia l’assistenzialismo invece che gli investimenti e le infrastrutture per la modernizzazione del Paese. Hanno partecipato circa 2.000 imprenditori.

CONFARTIGIANATO 29 ottobre 1992 - Manifestazione organizzata da Confartigianato in Piazza Santi Apostoli a Roma migliaia di artigiani chiedono l’eliminazione della Minimum tax, varata dal Governo di Giuliano Amato a settembre 1992.

18

19


BILANCIO SOCIALE 2018

CONFARTIGIANATO IMPRESE

1.4

GLI ASSOCIATI

1.4 GLI ASSOCIATI

Nel 2018 680.889 gli associati complessivi di

ASSOCIATI 2018

Confartigianato Imprese2 2017

229.607 220.527

200.000 202.797

2018

215.304 213.483

220.527 le imprese associate secondo i dati certificati dall’INPS3 A queste si aggiungono:

146.310 140.471

• aziende associate in convenzione con INAIL, • associati che versano il contributo in forma

Imprenditori associati in convenzione INPS

Imprese associate in convenzione INAIL

RAPPRESENTATIVITÀ

Associati che versano il contributo in forma diretta

Pensionati associati dell’ANAP

Nazionale Anziani e Pensionati.

associati all’ANAP sul totale degli associati

Confesercenti

173.649 le imprese associate con dipendenti 31%

32% 24%

Confartigianato Imprese

per un totale di 642.504 persone impiegate

Pensionati associati all’ANAP

Confcommercio

32% la rappresentatività di Confartigianato 69%

Totale attivi

5% Casartigiani

CNA

Imprese rispetto all’universo di RETE Imprese Italia - Casartigiani, CNA, Confcommercio e

Totale attivi

Casartigiani

Confcommercio

Pensionati associati all’ANAP

2 Nel totale degli associati, le imprese in convenzione sia INPS sia INAIL - 96.389 imprese - sono conteggiate una sola volta, nel grafico sono mostrate per entrambi i canali contributivi. 3 Imprenditori in attività che versano il contributo associativo tramite il Mod. F24. I dati certificati INPS sono gli unici ufficialmente riconosciuti per la determinazione del grado di rappresentatività 4 Stima da statistiche a campione

40.087

37.671

INPS:

12.551

al 2017 15% giovani imprenditori con meno di 40 anni, -1 punto percentuale dal 2017

Donne imprenditrici

11.124 i nuovi associati in convenzione INPS

Edilizia 22,0% Impianti 11,8% Altre attività* 11,3% Benessere 10,3% Meccanica 9,7% Autoriparazione 7,5% Alimentazione 7,3% Trasporti 4,5% Legno e arredo 4,5% Moda 4,2% Comunicazione 2,4% Servizi e terziario 1,9% Artistico 1,6% n.d. 1,0%

Gli associati sono organizzati in: 12 Federazioni di Categoria, 40 Associazioni di Mestiere e 6 Associazioni federate Le categorie con più associati 5 • Edilizia con il 22% degli associati • Impianti con l’11,8% degli associati Le regioni con il maggior numero di associati • Lombardia con il 17,1% degli associati • Veneto con il 15,4% degli associati

5 L’analisi fa riferimento a tutti gli Associati di Confartigianato: INPS, INAIL e contributi in forma diretta, senza sovrapposizioni

21

Giovani imprenditori

ASSOCIATI PER CATEGORIA

*

2018

33.459

18% sono donne imprenditrici, stabili rispetto

stabile dal 2017.

CNA

20

41.359

Rispetto ai 220.527 associati in convenzione

Confesercenti - sugli iscritti certificati INPS,

28%

Confartigianato Imprese

Confesercenti

2017

diretta ,

69% gli associati attivi e 31% i pensionati 11%

ASSOCIATI - DATI CERTIFICATI INPS

4

• pensionati associati all’ANAP - Associazione

ASSOCIATI ATTIVI E PENSIONATI

Il profilo degli associati 2018

11.124

Nuovi associati

ASSOCIATI PER REGIONE Lombardia 17,1% Veneto 15,4% Piemonte 9,4% Marche 7,9% Emilia-Romagna 6,5% Puglia 6,0% Toscana 6,0% Trentino Alto Adige 4,5% Calabria 4,1% Friuli Venezia Giulia 3,9% Sicilia 3,6% Umbria 2,6% Lazio 2,4% Sardegna 2,3% Campania 2,2% Abruzzo 2,1% Liguria 1,9% Basilicata 1,5% Val d’Aosta 0,5% Molise 0,1%

Altre attività non organizzate: imprenditori associati in convenzione Inps con codice Ateco 2007 collegato alle attività economiche commercio intermediazione e altri servizi professionali, cinema e servizi funebri.


BILANCIO SOCIALE 2018

CONFARTIGIANATO IMPRESE

I D E N T I TÀ

1.5

LA GOVERNANCE

1.5 LA GOVERNANCE

Confartigianato Imprese è fondata sul principio democratico e rappresentativo: i suoi organi di governo sono espressione della base delle imprese associate e delle diverse articolazioni del Sistema. Lo

SPESA PER LE ATTIVITÀ DEGLI ORGANI DEL SISTEMA

IL PROFILO DEI COMPONENTI DEGLI ORGANI* GENERE Uomini

€ 248.206 17%

10%

Donne

8%

Statuto regola le modalità e le forme di

€ 916.555

90%

partecipazione e di governo. Gli organi di

64%

€ 120.000

11% € 150.000

Confartigianato Imprese sono:

• ASSEMBLEA

ASSEMBLEA CLASSI DI ETÀ

• GIUNTA ESECUTIVA • PRESIDENTE, coadiuvato dal Comitato di Presidenza • SEGRETARIO GENERALE, coadiuvato dal Comitato di Segreteria • COLLEGIO DEI REVISORI DEI CONTI • COLLEGIO DEI PROBIVIRI

22

35-49

COMPOSIZIONE

FUNZIONI

Presidente

113 membri

È la sede del “potere legislativo” e di indirizzo del Sistema Confartigianato Imprese: • elegge gli organi della Confederazione; • approva i bilanci; • fissa i principi e le regole di appartenenza e funzionamento del Sistema confederale; • individua le linee di politica generale confederale.

Vice Presidenti e Delegato Amm.ne

81%

11%

Altri rimborsi viaggi per i Dirigenti del Sistema

Organi Statutari

Composta dai Presidenti delle Associazioni territoriali aderenti – con voti attribuiti in modo proporzionale al numero degli associati – e dal Presidente dell’Associazione Pensionati ANAP.

8% 50-65

Over 65

159

i membri complessivi di Assemblea e Giunta Esecutiva *Dall’analisi del profilo sono esclusi il Collegio dei Revisori dei Conti e il Collegio dei Probiviri

1,4 milioni

di euro la spesa per le attività degli organi del sistema

ATTIVITÀ L’Assemblea si riunisce di norma

2 volte l’anno

TASSO DI PARTECIPAZIONE 90%

84%

84%

2016

2017

2018

In occasione degli incontri approva, tramite delibera, il Bilancio preventivo e il Bilancio consuntivo di ogni anno.

23


CONFARTIGIANATO IMPRESE

BILANCIO SOCIALE 2018

I D E N T I TÀ

ASSEMBLEA PUBBLICA NAZIONALE CONFARTIGIANATO IMPRESE

Roma

LA GOVERNANCE

MANIFESTAZIONE DI CONFARTIGIANATO QUELLI DEL SI'

26 giugno 2018

Centro Congressi “La Nuvola”

1.500 partecipanti

L’Assemblea pubblica annuale è l’occasione per il Sistema confederale per riflettere sulle sfide proposte dal contesto economico e sociale e tracciare le linee di impegno e di azione per sviluppare la crescita delle imprese e del Paese. Anche quest’anno Confartigianato ha scelto la struttura della Nuvola Convention Center per incontrare i rappresentanti del Governo e del Parlamento, delle Istituzioni e delle forze economiche e sociali del Paese per denunciare i problemi e gli ostacoli all’attività dell’artigianato e

della piccola impresa, che mai come quest’anno ha fatto registrare record importanti, a cominciare da apprendistato ed export, nonché per presentare le proposte di sviluppo e di crescita per l’economia e la società del Paese. Il cambiamento significa creare un’Italia a misura di piccola impresa. Questo è il monito che il Presidente Giorgio Merletti ha lanciato al Ministro dello Sviluppo economico e del Lavoro e delle politiche sociali Luigi Di Maio e al Ministro dell’Interno Mat-

teo Salvini, intervenuti all’Assemblea. In platea erano presenti 1.500 delegati del Sistema Confartigianato provenienti da tutta Italia. Durante l’Assemblea, è stato consegnato il Premio Giano 2018 alla Fondazione Cologni dei Mestieri d’Arte. Istituito nel 2010 per testimoniare l’impegno di Confartigianato nella promozione del “valore artigiano”, il Premio viene assegnato a personalità, enti e istituzioni che si sono impegnate nella tutela e nella valorizzazione dell’artigianato.

24

1.5

13 dicembre 2018

Milano

2.000 partecipanti

Il 13 dicembre 2018, 2.000 imprenditori di Confartigianato si sono riuniti a Milano per dire sì allo sviluppo dell’Italia. La manifestazione “Quelli del sì” è stata organizzata da Confartigianato per richiamare l’attenzione del Governo e delle istituzioni sulla necessità di politiche a sostegno del mondo produttivo rappresentato per il 98%

da artigiani, micro e piccoli imprenditori. Negli spazi del MiCo, Milano Convention Centre, gli imprenditori riuniti sotto le bandiere di Confartigianato hanno detto tanti SÌ che sono altrettanti incitamenti a realizzare le condizioni per lo sviluppo. A cominciare dagli investimenti nelle infrastrutture materiali e immateriali indispen-

sabili per far muovere il Paese. Otto le opere-simbolo: Nuovo collegamento ferroviario Transalpino Torino-Lione, Galleria di base del Brennero, Pedemontana Lombarda, Pedemontana Veneta, Terzo valico dei Giovi, Sistema stradario in Sicilia e linea Alta Velocità - Alta Capacità Napoli-Bari e il Passante autostradale nord Bologna.

25


BILANCIO SOCIALE 2018

CONFARTIGIANATO IMPRESE

GIUNTA ESECUTIVA COMPOSIZIONE

I D E N T I TÀ

46 membri

È l’organo esecutivo e di governo della Confederazione, cui spetta l’individuazione degli obiettivi e delle linee di azione per raggiungere le finalità È formata di diritto dal Presidente e dai Vice Presidenti confederali; dai Presi- individuate. Tra i poteri attribuiti alla Giunta: denti delle Federazioni Regionali e delle Province Autonome, dai Presidenti del • decisione sulle domande di adesione al Sistema confederale; Patronato INAPA, dell’ANAP, di Giovani Imprenditori e Donne Impresa, a cui si • atti di straordinaria amministrazione; aggiungono 20 membri eletti dall’Assemblea. • approvazione e modifica del regolamento dello Statuto; • applicazione delle sanzioni per le violazioni statutarie; • nomina del Segretario Generale.

COMPONENTI Componenti di diritto: Giorgio Merletti (Presidente) - Marco Granelli (Vice Presidente Vicario) - Domenico Massimino (Vice Presidente) - Filippo Ribisi (Vice Presidente) Agostino Bonomo (Veneto) - Giancarlo Di Blasio (Abruzzo), fino a luglio 2018 Luca Di Tecco - Giovan Battista Donati (Toscana) - Giorgio Felici (Piemonte) Marco Granelli (Emilia Romagna) - Giancarlo Grasso (Liguria) - Martin Haller (Bolzano), fino a novembre 2018 Gert Lanz - Eugenio Massetti (Lombardia) - Roberto Matragrano (Calabria) - Antonio Matzutzi (Sardegna) - Giuseppe Mazzarella (Marche) - Antonio Miele (Basilicata) - Ettore Mocella (Campania) - Giampaolo Palazzi (ANAP) - Giuseppe Pezzati (Sicilia - INAPA), fino a gennaio 2018 Filippo Ribisi - Damiano Pietri (Giovani Imprenditori) - Daniela Rader (Donne Impresa) - Risso Guillermo Enrique (Valle D’Aosta) - Domenico Scarpelli (Commissario Lazio), fino a marzo 2018 Zsolt Keszi - Marco Segatta (Trento) - Francesco Sgherza (Puglia) - Graziano Tilatti (Friuli Venezia Giulia) - Francesco Toci (Molise) Componenti Eletti dall’Assemblea: Salvatore Ascioti - Giovanni Barzaghi - Andrea Bissoli - Dario Bruni - Angelo Carrara - Luigi Derniolo - Adelio Giorgio Ferrari - Paolo Figoli - Mauro Franceschini Rosa Gentile - Michele Giovanardi - Luca Giusti - Gionni Gritti - Enrico Inferrera - Giuseppe Interdonato - Donato Pedron - Valeria Piccari - Graziano Sabbatini, fino a marzo 2018 Giuseppe Mazzarella - Davide Servadei - Natascia Troli

TASSO DI PARTECIPAZIONE 28

9

8

18

2016

70%

70%

70%

2018 Incontri

26

Delibere

COMITATO DI PRESIDENZA COMPOSIZIONE È composto dal Presidente, dai Vice Presidenti e da componenti della Giunta esecutiva scelti dal Presidente.

7

membri

17

FUNZIONI

incontri Supporta il Presidente nello svolgimento delle sue attività, con funzioni consultive.

COMPONENTI Giorgio Merletti (Presidente) - Marco Granelli (Vice Presidente Vicario) - Domenico Massimino (Vice Presidente) Filippo Ribisi (Vice Presidente) - Giovan Battista Donati (componente) - Mauro Franceschini (componente) Giuseppe Mazzarella (componente).

SEGRETARIO - CESARE FUMAGALLI FUNZIONI Ha il compito di raccordare le indicazioni di Assemblea e Giunta Esecutiva con l’azione della struttura tecnica della Confederazione. Guida, inoltre, il processo di attuazione degli indirizzi strategici da parte del Sistema Confederale.

È composto da Segretari del Sistema Confartigianato Imprese nominati dal Segretario Generale.

9

membri

12

incontri

FUNZIONI Svolge attività di consultazione e collabora con il Segretario Generale nello svolgimento delle sue funzioni.

COMPONENTI

2017

7

Il Presidente, eletto dall’Assemblea, è il vertice della Confederazione: • ha la rappresentanza legale, politica e istituzionale di Confartigianato Imprese; • presiede e governa gli organi; • detiene i poteri di ordinaria amministrazione.

COMITATO DI SEGRETERIA COMPOSIZIONE

ATTIVITÀ

19

LA GOVERNANCE

PRESIDENTE - GIORGIO MERLETTI FUNZIONI

FUNZIONI

INCONTRI E DELIBERE

1.5

2016

2017

2018

Stefano Bernacci - Giorgio Cataldi (fino a luglio 2018) - Luca Costi - Pietro Francesco De Lotto - Amleto Impaloni Enzo Mamoli - Carlo Piccinato - Amilcare Renzi - Gianluca Tribolati - Mario Vadrucci.

27


BILANCIO SOCIALE 2018

CONFARTIGIANATO IMPRESE

1.5

I D E N T I TÀ

LA GOVERNANCE

ALTRI ORGANISMI COLLEGIO DEI REVISORI DEI CONTI COMPOSIZIONE 5 È formato da 5 componenti eletti dall’Assemblea ogni quattro anni, 3 membri effettivi e 2 supplenti, tutti iscritti all’Albo dei Revisori Contabili.

membri

4

incontri

FUNZIONI È l’organo di controllo della gestione amministrativa e contabile della Confederazione.

COMPOSIZIONE

COMPONENTI Membri effettivi: Cosimo Cafagna (Presidente); Antonio Baldelli; Giovanni Di Leo. Membri supplenti: Fabiana Albanese, Mauro Jovino.

COLLEGIO DEI PROBIVIRI COMPOSIZIONE È formato da 5 componenti eletti dall’Assemblea ogni quattro anni, 3 membri effettivi e 2 supplenti, tutti esterni al Sistema Confartigianato Imprese e per la maggioranza in possesso di sufficienti cognizioni giuridiche.

5

membri

2

incontri

FUNZIONI Svolge funzioni di conciliazione delle controversie tra le varie componenti del Sistema confederale, comunicandone l’esito al Presidente e alle parti interessate. Inoltre, su richiesta degli Organi Confederali, esprime pareri sull’interpretazione e l’applicazione della normativa che regola il Sistema Confartigianato Imprese.

COMPONENTI Membri effettivi: Fabio Roversi Monaco (Presidente), Massimo Cavino, Vittorfranco Pisano. Membri supplenti: Federica Benedetti, Pier Luigi Donegana.

28

A DV I S OR Y B O A R D È composto da 4 esperti nelle materie economico-sociali: Prof. Paolo Feltrin, Prof. Enrico Letta, Dott. Roberto Nicastro, Prof. Giulio Sapelli, unitamente al Comitato di Presidenza e al Comitato di Segreteria.

4

membri

4

incontri

CONSULTA DEI PRESIDENTI DELLE FEDERAZIONI NAZIONALI DI CATEGORIA FUNZIONI 12 3 È composta dai Presidenti delle Fede-

COMPOSIZIONE razioni Nazionali di Categoria. Di prassi

membri

incontri

alle sue riunioni vengono invitati come uditori tutti i Presidenti delle Associazioni di Mestiere.

Ha il compito di favorire l’integrazione delle attività con gli altri ambiti del Sistema Confartigianato Imprese e di formulare, su argomenti di particolare rilevanza comune, proposte e progetti.

CONSULTA TECNICA DEI SEGRETARI DELLE ASSOCIAZIONI TERRITORIALI E DELLE FEDERAZIONI REGIONALI COMPOSIZIONE È composta da tutti i Segretari delle Associazioni territoriali e delle Federazioni regionali e Province Autonome.

124

membri

7

incontri

FUNZIONI Supporta il Segretario Generale con funzioni consultive.

FUNZIONI

Organismo consultivo per un libero confronto sui principali temi di interesse per il sistema socio-economico rappresentato dalla Confederazione, volto a fornire al vertice confederale una prospettiva interpretativa omogenea, nonché acquisire conoscenze e consapevolezza sui grandi temi che incidono sull’attività delle imprese e delle Associazioni.

COMITATO TECNICO PER LA TENUTA DELL’ELENCO DEI SEGRETARI DEL SISTEMA CONFARTIGIANATO IMPRESE È composto da 3 membri nominati

COMPOSIZIONE dalla Giunta esecutiva, su proposta del Presidente, tra i Segretari delle Associazioni territoriali e delle Federazioni regionali e Province Autonome.

29

3

membri

4

incontri

FUNZIONI Valuta le domande di iscrizione nell’Elenco dei Segretari del Sistema Confartigianato Imprese sulla base della documentazione presentata, verificando il possesso dei requisiti fissati nello Statuto e nel Regolamento.

ELENCO DEI SEGRETARI DEL SISTEMA CONFARTIGIANATO Per valorizzare e far crescere le competenze professionali nel Sistema e per assicurare omogeneità di azione, lo Statuto prevede il possesso di requisiti personali e professionali per assumere l’incarico di Segretario di un’Associazione territoriale, di una Federazione regionale/ Provincia Autonoma o della Confederazione Nazionale. Conseguentemente alla verifica dei requisiti, compiuta dal Comitato tecnico nominato dalla Giunta, viene disposta l’iscrizione nel relativo Elenco. Nel 2018 sono state accolte 8 domande di iscrizione (6 uomini e 2 donne) Al 31 dicembre 2018 l’Elenco conta 158 iscritti (139 uomini e 19 donne)


CONFARTIGIANATO IMPRESE

BILANCIO SOCIALE 2018

I D E N T I TÀ

1.6

IL SISTEMA CONFARTIGIANATO

1.6 IL SISTEMA CONFARTIGIANATO E LA PRESENZA SUL TERRITORIO Confartigianato Imprese è

Il Sistema Confartigianato è vicino ai suoi asso-

Il Sistema Confartigianato non è costruito sul

presente su tutto il territorio

ciati grazie al capillare radicamento sul terri-

modello gerarchico della prevalenza di un livello

e ha una sede a Bruxelles

torio. Il suo tassello base sono le Associazioni

sull’altro, ma sul modello poliarchico, nel quale

per la rappresentanza

territoriali, che raccolgono le istanze e rispon-

ogni parte ha competenze e funzioni peculiari,

presso l’Unione Europea

dono ai bisogni delle imprese che partecipano al

che si devono armonizzare e coordinare con le

e per offrire informazioni

Sistema per loro tramite. Ogni parte del Sistema

altre, sulla base dei principi di sussidiarietà nei

e consulenza sugli strumenti

ha peculiarità frutto di ragioni storiche, geogra-

dell’UE a disposizione

Si presentano, di seguito, le principali articolazioni organizzative del Sistema e le relative funzioni.

LA CONFEDERAZIONE NAZIONALE

LE FEDERAZIONI REGIONALI E DELLE PROVINCE AUTONOME

LE ASSOCIAZIONI TERRITORIALI

confronti delle imprese e di cooperazione tra i

Ha la titolarità della generale rappresentanza

Le 21 Federazioni Regionali e delle Province

Le 105 Associazioni territoriali rivestono il

fiche, sociali o funzionali: questo è alla base di

soggetti di rappresentanza e servizio.

politico-economica e sindacale sulle questio-

Autonome sono costituite dalle Associazioni

ruolo centrale di elemento di base della de-

delle micro e piccole imprese

una struttura complessa, articolata e flessibile,

Il Sistema associativo Confartigianato Imprese

ni istituzionali di livello nazionale, europeo e

territoriali e sono l’espressione unitaria della

mocrazia associativa confederale, animatore

e delle imprese artigiane.

predisposta naturalmente al cambiamento.

è così composto:

internazionale. Opera, in particolare, tramite

rappresentanza e dell’azione in sede regiona-

dello sviluppo economico-sociale locale e pun-

l’intervento nei confronti del Governo, del

le del Sistema.

to di ideazione, progettazione, produzione,

R A Z I ONE N A Z I O N A L E C ONF E DE I O N I R E G I ON A L I F EDE R A Z T I E N R O R I I Z TORI OCI A ALI A SS

1

Parlamento nonché dei diversi Enti, Istituzioni e Organizzazioni nazionali, europei e internazionali. Sul lato interno, ha il compito di confe-

SEDE NAZIONALE

21

rire, alle singole componenti del Sistema e al CONFARTIGIANATO PERSONE

MOVIMENTI

zione tramite l’azione di coordinamento, rego-

FEDERAZIONI REGIONALI E PROVINCE AUTONOME

105

ASSOCIAZIONI TERRITORIALI

1.201

SPORTELLI TERRITORIALI IN ALTRETTANTI COMUNI 30

suo complesso, valore identitario e integralazione e garanzia, oltre che di rappresentanza e lobby. È garante del brand confederale,

DONNE IMPRESA

CAAF INAPA

della denominazione e del logo.

GIOVANI IMPRENDITORI

ANAP ANCoS

CATEGORIE

FONDAZIONE GERMOZZI

31

Sono organismi associativi autonomi con la

gestione ed erogazione dei servizi associativi.

competenza generale di promuovere e stimo-

Le Associazioni territoriali sono titolari dell’a-

lare azioni in risposta ai bisogni delle imprese

zione di rappresentanza politico-economica

sul territorio, sulla base di una programma-

e sindacale sul territorio; sono entità autono-

zione condivisa con le Associazioni territoriali

me che si impegnano al rispetto delle regole

e fondata sul principio di sussidiarietà. A que-

comuni e a una gestione sana

ste competono, in particolare, la contratta-

e trasparente.

zione regionale e le politiche di competenza regionale.


CONFARTIGIANATO IMPRESE

BILANCIO SOCIALE 2018

LE ARTICOLAZIONI ORGANIZZATIVE Federazioni di categoria, Movimenti e Confartigianato Persone Le Articolazioni strutture con obiettivi

6 ASSOCIAZIONI FEDERATE

12 FEDERAZIONI NAZIONALI

l’azione di rappresentanza e servizio svolta dal Sistema

ADFER

ALIMENTAZIONE

ARTISTICO

AUTORIPARAZIONE

Associazione ferroviaria

COMUNICAZIONE

EDILIZIA

IMPIANTI

Associazione italiana aziende della moda

LE FEDERAZIONI DI CATEGORIA

MODA

MECCANICA

SERVIZI E TERZIARIO

Associazione italiana frantoiani oleari

COMPOSIZIONE

TRASPORTI

LEGNO E ARREDO

BENESSERE

Associazione revisori, produttori macchine agricole

nel suo complesso.

Con l’obiettivo di adeguare il Sistema delle Categorie alle esigenze delle imprese associate nei rapporti con il proprio mercato di riferimento, le Categorie sono organizzate a livello nazionale in 12 Federazioni nazionali, 40 Associazioni di Mestiere e 6 Associazioni Federate. Ogni Federazione è guidata da un Presidente e da un Direttivo dei Presidenti delle Associazioni di Mestiere che la compongono.

FUNZIONI

Hanno il compito di tutelare gli interessi delle categorie, dei settori e delle filiere rappresentate, promuovendone la crescita della competitività e del ruolo economico.

32

AIAM AIFO

A.R.PRO.M.A.

IL SISTEMA CONFARTIGIANATO

I Movimenti I Movimenti Donne Impresa e Giovani Imprenditori promuovono obiettivi di carattere sociale e tutelano gli specifici interessi dei rappresentati.

DONNE IMPRESA

84.964 imprenditrici associate

organizzative sono specifici, che completano

1.6

I D E N T I TÀ

ATTIVITÀ

82 gruppi territoriali

Il movimento, costituito nel 1994, rappresenta le specifiche esigenze delle imprenditrici che sono uno dei punti di forza del sistema economico. In particolare si propone di: • promuovere obiettivi di carattere sociale legati all’imprenditoria femminile; • incentivare lo sviluppo e il consolidamento dell’imprenditorialità femminile, delle pari opportunità e delle politiche di genere; • tutelare gli interessi sociali ed economici delle donne imprenditrici nell’ambito e nel contesto delle direttive della politica generale della Confederazione; • individuare misure per favorire la conciliazione tra lavoro e cura della famiglia; • promuovere azioni di formazione professionale, manageriale, culturale capaci di incrementare l’affermazione delle imprenditrici nel sistema economico.

Giunte

5

2016

7

5

2017

2018

6

6

ART.ED.O.

Polo mediterraneo delle arti terapie e delle discipline olistiche

CALZOLAI 2.0.

40 ASSOCIAZIONI DI MESTIERE

Associazione italiana dei calzolai

ALIMENTAZIONE

ARTISTICO

AUTORIPARAZIONE

BENESSERE

COMUNICAZIONE

EDILIZIA

Dolciario, Alimentari vari, Panificatori, Pastai, Caseari

Restauro, Orafi, Ceramica

ANARA-Confartigianato (Centri revisione veicoli), Carrozzieri, Meccatronici

Acconciatori, Odontotecnici, Estetisti

Fotografi, Grafici, ICT

Confartigianato Edilizia, Imprese di Pulizia,Marmisti, Imprese del verde

IMPIANTI

LEGNO E ARREDO

MODA

MECCANICA

SERVIZI E TERZIARIO

TRASPORTI

Antennisti, Bruciatoristi Manutentori, Termoidraulici, Elettricisti

Legno, Arredo, Tappezzeria

Tessili, Sarti e Stilisti, Abbigliamento, Pulitintolavanderie, Calzaturieri

Meccanica e subfornitura, Carpenteria meccanica

Riparatori elettrodomestici, OASI Confartigianato

Trasporto merci conto terzi, Autobus operator, Taxi

GIOVANI IMPRENDITORI

70.916 imprenditori under 40

ATTIVITÀ

75 gruppi territoriali

Il movimento, nato nel 1987 rappresenta le specifiche esigenze degli imprenditori under 40 e si propone di: • potenziare la funzione dell’associazionismo e della rappresentanza nelle giovani generazioni; • favorire lo sviluppo dell’imprenditorialità giovanile; • promuovere e sostenere azioni di formazione imprenditoriale, manageriale e culturale, particolarmente adatte a comprendere e guidare i cambiamenti; • alimentare condizioni adatte alla trasmissione d’impresa; • far crescere il rapporto tra Istituzioni scolastiche e formative e mondo del lavoro; • essere presenti con analisi, proposte e iniziative sulle problematiche sociali ed economiche del Paese con particolare riferimento ai giovani imprenditori. 33

Giunte

6

2016

2017

2018

L A F ONDA Z IONE M A NL IO E M A R I A LE T I Z I A GER MO Z Z I Dedicata al fondatore di Confartigianato e alla figlia Maria, la Fondazione ha lo scopo di promuovere tra i giovani la cultura e le attività artigiane con iniziative di istruzione e formazione professionale finanziate da borse di studio e raccolta di fondi. La Fondazione sostiene attività di ricerca, sperimentazione, convegni, relazioni con i rappresentanti delle Istituzioni, della politica, del mondo produttivo e del lavoro. La Fondazione assegna ogni anno il Premio nazionale Manlio Germozzi a personalità che contribuiscono allo sviluppo e alla valorizzazione dell’artigianato. Tra questi: Giuseppe Guzzetti, presidente dell’ACRI e della Fondazione Cariplo; Giuseppe De Rita, Presidente della Fondazione Rete Imprese Italia; Carla Fendi, Presidente della Fondazione Carla Fendi. Nel 2018 il Premio è stato conferito al Professor Giulio Sapelli con la motivazione: “Voce autorevole nel mondo accademico italiano e internazionale, sapiente lettore dei fenomeni economici e sociali italiani ed internazionali, capace come pochi di comprendere l’Italia ‘dal di dentro’, con particolare riferimento all’artigianato ed alla piccola impresa, cogliendone la straordinaria capacità di sviluppo dell’economia e della società”. COMPONENTI: Mariapia Garavaglia (Presidente), Marco Granelli, Giorgio Merletti, Domenico Massimino, Matteo Morandi, Filippo Ribisi.


CONFARTIGIANATO IMPRESE

BILANCIO SOCIALE 2018

Confartigianato Persone ANCoS. Opera, nell’ampia prospettiva di attenzione alla persona e alle sue relazioni, per la promozione e la costruzione di un’economia e di una società che ne

232.513

Persone che si sono rivolte ad INAPA nel 2018

riconoscano la dignità e il valore.

181

21

105

Gruppi Regionali e Province Autonome

120

Coordinatori

Gruppi Territoriali

327

Operatori abilitati alla presentazione delle deleghe

10

Sedi all’estero

952

Dirigenti territoriali

*Dati certificati INPS al 1/1/2019 (da certiconf INPS – ANAP).

Missione, visione, obiettivi L’Associazione si propone di rappresentare, tutelare e difendere gli anziani e i pensionati. A livello nazionale, in particolare, si propone di: • rivendicare una legislazione che realizzi un articolato sistema di sicurezza sociale per anziani e pensionati, che li tuteli per diritto riconosciuto, in maniera permanente e perequativa, secondo criteri di uguaglianza ed equità; • perseguire una politica reddituale che permetta ai pensionati il mantenimento stabile dei livelli di benessere conseguiti con la partecipazione all’attività produttiva; • rivendicare un’equa politica fiscale che non penalizzi anziani e pensionati; • tutelare l’immagine e il ruolo attivo dell’anziano nella società; • salvaguardare i saperi, le arti e i mestieri degli ex artigiani associati tramite la loro trasmissione alle nuove generazioni, contribuendo allo sviluppo della cultura imprenditoriale e alla salvaguardia della memoria;

• promuovere la partecipazione della categoria a tutti gli organismi in cui vengono decisi e gestiti gli interessi degli attuali e futuri pensionati; • instaurare e rafforzare rapporti solidali con le altre Associazioni e Organizzazioni aderenti alla Confartigianato; • promuovere iniziative e servizi allo scopo di migliorare le condizioni di vita delle persone anziane, particolarmente quelle sole e non autosufficienti. A livello internazionale l’Associazione si propone di: • favorire l’azione comune con i sindacati dei pensionati o con le associazioni degli anziani di altri Paesi; • promuovere la solidarietà internazionale soprattutto a favore dei Paesi in via di sviluppo; • difendere uno Stato sociale adeguato ai bisogni degli anziani e promuovere la solidarietà fra le generazioni.

L’ANAP intende perseguire questi obiettivi con il libero esercizio dell’attività sindacale, nell’ambito del sistema democratico, nella assoluta autonomia di fronte allo Stato, ai Governi, ai partiti, anche avvalendosi in piena indipendenza di tutte le forze intellettuali e morali capaci di concorrere alla realizzazione dei suoi fini.

34

19

102

Sedi provinciali

Sedi e coordinamenti regionali

10

Sedi all’estero

Sedi zonali

ANAP – ASSOCIAZIONE NAZIONALE ANZIANI E PENSIONATI Soci

IL SISTEMA CONFARTIGIANATO

INAPA – ISTITUTO NAZIONALE PREVIDENZA E ASSISTENZA PER L’ARTIGIANATO

Confartigianato Persone è il coordinamento delle attività di carattere sociale promosse dal Sistema Confartigianato Imprese, tramite ANAP, INAPA, CAAF e

213.483*

1.6

I D E N T I TÀ

766

Operatori e collaboratori volontari

Missione, visione, obiettivi I patronati, come l’INAPA, sono previsti dall’Art. 38 della Costituzione che stabilisce l’istituzione di organi e istituti predisposti o integrati dallo Stato che provvedono a compiti come la previdenza e l’assistenza pubblica e privata. Il Patronato INAPA nasce nel 1971 come emanazione di Confartigianato Imprese. Si rivolge agli artigiani in primo luogo ma, al pari di tutti i patronati, assiste gratuitamente tutti i cittadini, italiani e stranieri.

In oltre 40 anni di esperienza sul territorio l’INAPA è cresciuta sempre di più. I 40 anni di vita dell’INAPA sono anche 40 anni di storia del Paese e del Sistema confederale: alla crescita dell’INAPA corrisponde la trasformazione del Paese e del mercato del lavoro, il cambiamento dei bisogni e delle modalità di rappresentanza di cittadini e lavoratori; l’evoluzione giurisprudenziale, dottrinaria e legislativa; il mutamento della Pubblica Amministrazione.

CAAF - CONFARTIGIANATO DIPENDENTI E PENSIONATI

395.878

Pratiche elaborate complessivamente nel 2018

108

474

Sedi zonali

Sportelli provinciali

249

Centri di raccolta della documentazione fiscale

1.182

Addetti (delegati di sportello e operatori)

Missione, visione, obiettivi Il CAAF Confartigianato Dipendenti e Pensionati S.r.l. è stato costituito a Roma il 16 marzo 1994 ed è stato autorizzato all’esercizio dell’attività di assistenza fiscale con Decreto del Ministero delle Finanze del 28 aprile 1994. Il servizio principale erogato ai contribuenti è di carattere fiscale e consiste nella consulenza alla compilazione del Modello 730. Al fine di poter dar seguito alle ulteriori richieste di servizi da parte delle persone, la società, sin dalla sua costituzione ha affiancato al servizio tributario anche la gestione delle pratiche assistenziali. In tale ambito sono inquadrate le dichiarazioni RED per la verifica della spettanza di alcuni trattamenti pensionistici, le attestazioni ISEE per l’accesso ai servizi sociali e le dichiarazioni INVCIV per la verifica delle condizioni riguardanti il diritto e la misura di alcune tipologie di prestazioni assistenziali. 35

Attualmente i soci che fanno parte della compagine sociale sono Confartigianato Imprese e ANAP. Il CAAF opera su tutto il territorio nazionale tramite Società di servizi costituite dalle Associazioni territoriali aderenti alla Confederazione. Per offrire un più capillare servizio alle persone, infatti, il CAAF ha deciso di operare in forma indiretta, avvalendosi delle strutture locali che, a livello provinciale, coordinano l’erogazione dei servizi. Oltre ai servizi tradizionali, il CAAF Confartigianato ha assunto un ruolo di facilitatore e tutor di nuovi servizi alla persona, tra i quali: pratiche di successione ereditaria con calcolo delle imposte e compilazione del modello; servizio “colf” “badanti” per assistenza domestica; calcolo imposte locali e predisposizione delle relative dichiarazioni; assistenza per contratti di locazione.


CONFARTIGIANATO IMPRESE

BILANCIO SOCIALE 2018

I D E N T I TÀ

1.7 CONFARTIGIANATO IN EUROPA, Un’Europa a misura di artigiani e di piccole imprese ANCoS – ASSOCIAZIONE NAZIONALE COMUNITÀ SOCIALI E SPORTIVE

278.836* Soci

73

Sedi provinciali

471

Circoli affiliati

300

Dirigenti territoriali

*Inclusi i soci ANAP (anch’essi soci ANCoS)

Missione, visione, obiettivi ANCoS6 è un ente nazionale di tipo associativo che ha lo scopo di promuovere l’elevazione culturale e morale, l’impegno civile e sociale, la solidarietà e le attività di volontariato nei campi culturale, sociale, assistenziale, sportivo di tutti i cittadini senza alcuna distinzione.

e sanitaria in favore dei soggetti deboli della società; • il perseguimento di iniziative e attività finalizzate allo sviluppo e alla promozione del turismo sociale.

Questo si realizza mediante iniziative finalizzate all’elevazione della personalità umana: • il concorso alla soluzione dei problemi di interesse generale promuovendo tutte le forme di partecipazione e collaborazione; • la promozione di una attività permanente di studio e di ricerca su problemi culturali, economici, politici e sociali che interessano la società moderna; • la realizzazione di programmi di formazione, preparazione, qualificazione e perfezionamento professionale, anche con iniziative culturali e formative; • la promozione e/o attuazione di programmi di assistenza domiciliare, sociale, culturale

L’ANCoS realizza attività sociali, assistenziali, formative e informative, culturali e ricreative rivolte ai propri aderenti e alla cittadinanza. In qualità di Associazione di promozione sociale, è uno dei soggetti ammessi alla ripartizione del 5 X 1000 attraverso cui finanzia progetti di natura sociale. Inoltre, l’Associazione è riconosciuta dal Ministero dell’Interno quale ente Nazionale con finalità assistenziali e ha ottenuto l’accreditamento e il riconoscimento dall’Ufficio Nazionale per il Servizio Civile (UNSC) presso la Presidenza del Consiglio dei Ministri per l’attribuzione di giovani volontari in Servizio Civile su tutto il territorio nazionale.

Dal livello europeo arrivano molte norme e regole, ma anche numerose oc-

Confartigianato, anche grazie alla presenza di una sede a Bruxelles, monitora l’at-

casioni per promuovere l’attività delle MPMI.

tività dell’Unione Europea e offre informazioni e consulenza sugli strumenti messi

L’attività di Confartigianato è volta non solo a garantire la rappresentanza

a disposizione dall’Europa: la formazione professionale, la ricerca e l’innovazione

degli interessi delle imprese associate nelle diverse sedi istituzionali ma an-

tecnologica, la cooperazione internazionale, la ricerca di partner commerciali.

che a fornire informazioni e supporto per progetti, bandi, fondi, finanzia-

Per ottimizzare questo impegno, Confartigianato è parte attiva di Istituzioni

menti per l'attività di impresa.

e Associazioni in ambito europeo:

UEAPME European Association of Craft, Small and MediumSized Enterprises Organizzazione europea dell’artigianato e delle PMI, nella cui governance Confartigianato esprime il Vice Presidente, con delega alle Politiche per le Imprese

SBS Small Business Standards Organismo europeo che rappresenta e difende gli interessi delle PMI nei processi di standardizzazione, nel cui Board Confartigianato esprime un proprio rappresentante 6 Associazione di promozione sociale iscritta al registro nazionale ex L. 383/2000

36

37

SME UNITED CRAFTS & SMES IN EUROPE (dal 6 novembre 2018)

CESE Comitato Economico e Sociale Europeo nel quale Confartigianato esprime un rappresentante nel Gruppo 1 Datori di lavoro


CONFARTIGIANATO IMPRESE

BILANCIO SOCIALE 2018

1.8 CONFARTIGIANATO NEL SISTEMA BILATERALE ARTIGIANO

Confartigianato è protagonista del sistema della bilateralità del compar-

nato, OPNA, SANARTI - che operano sia nell’ambito dell’assistenza sanitaria

to, che fonda le sue radici nell’Accordo Interconfederale del 21 dicembre

integrativa che in quello del welfare, degli ammortizzatori sociali, della

1983 con il quale, per la prima volta, le parti firmatarie convenivano sul

formazione continua e della sicurezza sul lavoro, nonché nell’ambito dei

comune interesse per la costituzione e lo sviluppo degli Enti bilaterali a

«diritti di rappresentanza» tramite le figure del rappresentante sindacale

livello territoriale allo scopo di gestire - con criteri di mutualizzazione - l’e-

di bacino e del rappresentante dei lavoratori alla sicurezza territoriale. Il

rogazione delle prestazioni previste dai contratti collettivi e promuovere

legame con le Parti socie e l’attenzione costante ai bisogni delle imprese

corsi di formazione e aggiornamento professionale.

e dei loro dipendenti è il punto di forza della bilateralità artigiana, espres-

I capisaldi della bilateralità dell’artigianato, nel tempo aperta anche alle

sione di un sistema di relazioni fra le Parti sociali del comparto basato sulla

PMI, sono costituiti dal ruolo centrale della bilateralità regionale e dall’in-

partecipazione e sulla cooperazione, non sul conflitto.

tercategorialità dei grandi strumenti nazionali - EBNA, FSBA, Fondartigia-

1.8

I D E N T I TÀ

EBNA

FSBA

Ente Bilaterale Nazionale dell’Artigianato

Fondo di Solidarietà Bilaterale per l’Artigianato

784.129 lavoratori iscritti, +3,76% dal 2017

186.963 imprese iscritte, -0,36% dal 2017

192,58 milioni di euro i contributi raccolti, +7% dal 2017*

186.963 imprese iscritte, -0,36% dal 2017

Organismo paritetico Nazionale dell’Artigianato 89,88 milioni di euro i contributi raccolti, +8,4% dal 2017**

Accordi istitutivi - Accordi interconfederali 31 ottobre 2013 e 10 dicembre 2015

Soci - Confartigianato Imprese, Cna, Casartigiani, Claai, Cgil, Cisl, Uil

Fonti legislative di riferimento - L. 92/2012; D. Lgs. 148/2015; Decreto Interministeriale 29/4/2016.

Finalità - Sostenere e promuovere la bilateralità e una cultura collaborativa e non conflittuale delle relazioni fra le Parti sociali. Potenziare il sistema di welfare contrattuale per i lavoratori del comparto. È il principale strumento che ha consentito, per effetto della L. 92/2012 e del D.Lgs. 148/2015, di costituire un Fondo per gli ammortizzatori sociali autonomo (FSBA).

Soci - Confartigianato Imprese, Cna, Casartigiani, Claai, Cgil, Cisl, Uil

Contribuzione - Dal 1° luglio 2010, la riscossione dei contributi avviene tramite F24. Dal 1° gennaio 2016 il versamento comprende anche il contributo a FSBA ed è composto da una quota fissa di 7,65 euro mensili per lavoratore - comprensivi anche della quota ristornata agli enti bilaterali regionali per le relative prestazioni - e da una quota variabile pari allo 0,45% dell'imponibile previdenziale a carico delle imprese. Dal 1° luglio 2016 a tale aliquota si è aggiunta un'ulteriore quota dello 0,15% sempre destinata a FSBA. Sono escluse dal versamento le imprese edili e i rapporti di lavoro non subordinato quali collaborazioni, stage/tirocini e i dirigenti. *EBNA+FSBA, dato comprensivo dei contributi aggiuntivi previsti dagli accordi integrativi regionali

38

784.129 lavoratori iscritti, +3,76% dal 2017

OPNA

Accordi istitutivi - Accordi interconfederali 21 luglio 1988 e 3 agosto/ 3 dicembre 1992

Ambito di applicazione - Coinvolge tutte le imprese, aderenti e non aderenti alle Associazioni artigiane, che adottano i CCNL dell’Artigianato. Eroga prestazioni a favore di lavoratori dipendenti e imprese.

GLI STRUMENTI NAZIONALI DELLA BILATERALITÀ

CONFARTIGIANATO NEL SISTEMA BILATERALE ARTIGIANO

39

Finalità - Erogare prestazioni di sostegno al reddito per i lavoratori nei casi di sospensione o riduzione dell’attività lavorativa nelle modalità dell’assegno ordinario (art. 30, D. Lgs. 148/2015) e dell’assegno di solidarietà (art. 31). L’artigianato è l’unico comparto ad avere costituito un proprio fondo bilaterale autonomo, alternativo ai fondi costituiti presso l’Inps. Il Fondo, che ha visto confluire, per la prima volta, l’intero Sistema Confartigianato in uno strumento nazionale, eroga prestazioni su misura per le imprese associate. Ambito di applicazione - Obbligatorio per i lavoratori dipendenti di tutte le imprese artigiane - escluse imprese edili e indotto con Cig, Cassa integrazione guadagni - a prescindere dal numero dei dipendenti. Contribuzione - La contribuzione avviene con le modalità già descritte per EBNA. **Dato non comprensivo dei mesi di novembre e dicembre 2018 in quanto non disponibile

Accordi istitutivi - Accordo interconfederale 14 giugno 2012 e Accordo interconfederale 13 settembre 2011 Fonti legislative di riferimento - D.lgs. 81/08 (Testo Unico Salute e Sicurezza sul Lavoro) Soci - Confartigianato Imprese, Cna, Casartigiani, Claai, Cgil, Cisl, Uil Finalità - Coordinare la rete paritetica artigiana, composta dagli Organismi paritetici regionali e provinciali. Promuovere e sviluppare programmi e progetti di prevenzione, formazione e organizzazione del lavoro per il settore dell’Artigianato. Il sistema paritetico rappresenta la prima istanza di riferimento per controversie sull’applicazione dei diritti di rappresentanza, informazione e formazione, previsti dalla Legge in materia di salute e sicurezza sul lavoro. Attività - Il sistema consente alle aziende con meno di 15 dipendenti di nominare il Rappresentante dei Lavoratori per la Sicurezza (RLS) senza un’elezione interna, ma facendo riferimento alla figura del RLS territoriale. Inoltre, gli organismi paritetici svolgono o promuovono attività di formazione e, su richiesta, rilasciano un’attestazione dello svolgimento delle attività e dei servizi svolti, tra cui l’asseverazione dell’adozione e dell’efficace attuazione dei modelli di organizzazione e gestione della sicurezza (MOG), della quale gli organi di vigilanza possono tener conto nella programmazione delle proprie attività. Finanziamento della rete paritetica artigiana - 18,75 euro per lavoratore all’anno, tramite EBNA, di cui 12,00 euro alle Organizzazioni Sindacali regionali - per coprire i costi dei RLST – e 6,75 euro per funzionalità della rete territoriale (Opra/Opta).


CONFARTIGIANATO IMPRESE

Fondo Artigianato Formazione 152.947 imprese iscritte, -1,4% dal 2017

I D E N T I TÀ

San.Arti - Fondo di Assistenza Sanitaria Integrativa per i lavoratori dell’artigianato

Fondartigianato 578.802 lavoratori iscritti, -0,8% dal 2017

BILANCIO SOCIALE 2018

30,79 milioni di euro i contributi raccolti, stabili dal 2017

516.278 lavoratori iscritti, +4,9% dal 2017

129.379 imprese iscritte, + 4,3 dal 2017

66,38 milioni di euro i contributi raccolti, + 6,9% dal 2017

Accordi istitutivi - Accordo interconfederale 6 giugno 2001

Accordi istitutivi - Accordo interconfederale 21 settembre 2010

Fonti legislative di riferimento - L. 388/2000 e successive modifiche e integrazioni

Soci - Confartigianato Imprese, Cna, Casartigiani, Claai, Cgil, Cisl, Uil

Soci - Confartigianato Imprese, Cna, Casartigiani, Claai, Cgil, Cisl, Uil

Finalità - Erogare prestazioni sanitarie integrative rispetto a quelle del Servizio Sanitario Nazionale per i lavoratori delle imprese che applicano i CCNL sottoscritti dalle parti istitutive. Prevede la possibilità di iscrizione al fondo anche per i familiari dei dipendenti, nonché per gli imprenditori e i loro familiari.

Finalità - Promuovere e realizzare iniziative di formazione continua all'interno di piani formativi elaborati in sede di dialogo sociale, per la valorizzazione delle risorse umane e lo sviluppo dei settori di attività dell'artigianato nelle piccole e medie imprese. La formazione continua costituisce il fattore determinante per lo sviluppo strategico dell’impresa e per la crescita delle competenze dei lavoratori e delle loro prospettive professionali. Fondartigianato, il primo Fondo autorizzato dal Ministero del Lavoro (2001), ha avviato la propria attività nel 2004, avvicinando le imprese artigiane e le piccole e medie imprese alla formazione continua. Ambito di applicazione - Le imprese che intendono usufruire delle opportunità formative messe a disposizione da Fondartigianato devono manifestare la propria adesione in fase di compilazione del flusso UNIEMENS, indicando il numero dei dipendenti interessati all'obbligo contributivo.

1.9 LA RETE DI RELAZIONI ESTERNE DI CONFARTIGIANATO IMPRESE Si presentano di seguito i principali soggetti appartenenti alla rete di relazioni di Confartigianato Imprese evidenziandone la natura della relazione.

Rappresentanza Italiana presso l’UE UEAPME-SME United dal 06.11.2018 (e organizzazioni di categoria di livello europeo)

SBS Commissione UE Parlamento UE

Ambito di applicazione - L’adesione a San.Arti è obbligatoria per tutti i lavoratori dipendenti delle imprese artigiane, compresi gli apprendisti, e per i contratti a tempo determinato dai 12 mesi (ad eccezione dei lavoratori edili per cui il versamento è volontario).

40

Lavoratori delle imprese artigiane Imprese

CMA (FR)•ZDH (DE)•WKO (AT) CPME (FR)•PIMEC (ES)

Organizzazioni sindacali Altre Associazioni datoriali Media

Rappresentanza permanente dell’Italia all’ONU

STAKEHOLDER ISTITUZIONALI STAKEHOLDER NON ISTITUZIONALI STAKEHOLDER EUROPEI E INTERNAZIONALI 41

Consorzi ambientali e dell’energia

RETE Imprese Italia Sistema bilaterale artigiano

Organizzazioni di altri Paesi membri

Contribuzione - Le risorse derivano dai contributi per la formazione continua che le imprese versano già per legge (0,30% del monte salari).

Regioni, Enti locali, Camere di Commercio

Governo centrale, Ministeri, Parlamento e PA Centrale

Consiglio UE Comitato Economico e Sociale Europeo

Contribuzione - Aliquota fissa annua a carico del datore di lavoro di 125 euro per ogni dipendente, senza distinzione tra contratti a tempo pieno o parziale. In aggiunta viene corrisposto il contributo di solidarietà all’Inps nella misura del 10%. La possibilità di aderire a San.Arti è stata estesa, dal 2014, anche agli imprenditori su base volontaria per i quali è prevista una contribuzione di 295 euro annui (per i familiari sopra i 14 anni è pari a 175 euro annui o 110 se di età inferiore).

Authority e Organismi di controllo, vigilanza

Altri Enti Istituzionali

Altri Enti Internazionali

Università ed Enti di formazione e ricerca Consumatori


I D E N T I TÀ

1.1

IL CONTESTO 2018

ORGANIZZ A ZIONE E RISORSE 43


ORGANIZZAZIONE E RISORSE

2.1 LA STRUT TURA ORGANIZZATIVA La seconda sezione illustra l’organizzazione della Confederazione e le risorse – umane ed economiche – di cui si avvale per la realizzazione delle attività di missione. Nella redazione di quest’anno la rendicontazione presenta un ulteriore consolidamento con viste dedicate a Confartigianato Persone (ANAP, ANCoS, CAAF e INAPA).

Segreteria Organi

Segreteria Presidenza Segreteria

Ufficio Studi

SEGRETARIO GENERALE Cesare Fumagalli

Coordinamento Attività Segreteria Generale

Ufficio Stampa

Strategie Digitali DIREZIONE POLITICHE SINDACALI E DEL LAVORO E DIREZIONE DEL PERSONALE

ANAP

DIREZIONE RELAZIONI ISTITUZIONALI

Settore Gestione del Personale Settore Mercato del Lavoro e Formazione Professionale Settore Contrattuale Settore Previdenziale Settore Formazione di Sistema Settore Ambiente ed Economia Circolare Settore Salute e Sicurezza sul Lavoro

Settore Legislativo Settore Regioni e Autonomie Locali

Staff Direzione

Staff Direzione

Ufficio di Bruxelles MOVIMENTI • Donne Impresa • Giovani Imprenditori

DIREZIONE POLITICHE ECONOMICHE Settore Mercato, Energia e Utilities Settore Innovazione, Reti e Progetti di Coesione Settore Internazionalizzazione e Promozione Settore Credito e Incentivi Settore Standardizzazione ed Enti Normatori SISTEMA IMPRESE - Area d’impresa Coordinamento Categorie: 1 Confartigianato Meccanica di produzione 2 Confartigianato Autoriparazione; Confartigianato Servizi e Terziario 3 Confartigianato Impianti 4 Confartigianato Alimentazione 5 Confartigianato Benessere; Confartigianato Comunicazione 6 Confartigianato Moda; Confartigianato Artistico 7 Confartigianato Edilizia 8 Confartigianato Trasporti e Logistica 9 Confartigianato Legno e Arredo Staff Direzione

45

ANCOS

DIREZIONE POLITICHE ORGANIZZATIVE, (AFFARI GENERALI E AMMINISTRAZIONE) Settore Amministrazione Settore Organizzazione e Marketing Associativo Settore Protocollo Settore Economato e Servizi Ausiliari Settore Sistemi Informativi e rapporti Contributivi Società di Sistema

DIREZIONE POLITICHE FISCALI Settore Normativa e Interpretazione Settore Consulenza e Assistenza Ufficio Studi di Settore e ISA CAAF Dipendenti e Pensionati

INAPA

è un istituto autonomo promosso da Confartigianato con una propria struttura organizzativa


CONFARTIGIANATO IMPRESE

BILANCIO SOCIALE 2018

ORGANIZZAZIONE E RISORSE

2.2 IL PERSONALE DI CONFARTIGIANATO IMPRESE 1

2.2

IL PERSONALE

2.2.1 COMPOSIZIONE E PROFILO DEL PERSONALE DI CONFARTIGIANATO IMPRESE NAZIONALE DIPENDENTI PER ORGANIZZAZIONE Delle 83 persone complessivamente impiegate3 tra Confederazione, ANAP, CAAF e ANCoS: • 42 sono donne e 41 uomini. Le donne rappresentano il 51% del personale

83

PERSONE LAVORANO COMPLESSIVAMENTE PER CONFARTIGIANATO IMPRESE NAZIONALE, COMPRESO CONFARTIGIANATO PERSONE (ANAP, CAAF E ANCOS)2

17

PERSONE LAVORANO PER IL PATRONATO INAPA A LIVELLO NAZIONALE

La Confederazione in termini di gestione del per-

gliorando la percezione di benessere personale

sonale si pone i seguenti obiettivi:

all’interno del contesto organizzativo.

• EFFICIENZA ED EFFICACIA ORGANIZZATIVA Valorizzare a pieno le competenze - personali e professionali - e il capitale umano del personale, in una logica di miglioramento continuo;

L’analisi del personale, a partire dall’anno 2018, presenta il consolidamento delle persone che la-

• 13 sono Dirigenti, 30 Quadri e 37 Impiegati, 1 Caporedattore e 2 Redattori • 80 sono a tempo indeterminato, il 96% del totale, e 3 a tempo determinato

Confederazione

motivazione e il senso di appartenenza, mi-

46

CAAF

ANAP e ANCoS

Uomini

Donne

26 11

17 2

Dirigenti

Confartigianato Persone.

• 95% hanno un contratto full time, 5% part time

13

11

Quadri

1

Impiegati

Caporedattore

2 Redattore

PERSONALE PER TIPOLOGIA DI IMPIEGO Full time

13

gono presentati con approfondimento dedicato.

1

Dirigenti

Quadri

3 Impiegati

1

2

Caporedattore

Redattore

PERSONALE PER TIPOLOGIA DI CONTRATTO

CCNL applicati

Tempo indeterminato

13

non dirigente un regolamento interno sull’orario di lavoro.

3

3

Il dato comprende tutto il personale ad eccezione del personale INAPA

47

Dirigenti

Tempo determinato

34

30

del Terziario e ai Dirigenti il CCNL per i dirigenti di aziende industriali. Applica altresì per il personale Tutto il personale ha copertura in materia di sanità integrativa tramite i Fondi contrattuali di settore.

Part time

34

29

dico autonomo rispetto alla Confederazione - ven-

Confartigianato Imprese Nazionale applica al proprio personale il CCNL per i lavoratori dipendenti

2 Al personale della sede nazionale si aggiungono le 3 persone impiegate presso la sede di Bruxelles con contratto di diritto belga

6

vorano per Confartigianato Imprese Nazionale e

10.700

1 Tutti i dati si riferiscono al 2018

3

PERSONALE PER RUOLO E GENERE

I dati relativi ai dipendenti INAPA – soggetto giuri• BENESSERE ORGANIZZATIVO - Rinforzare la

PERSONE LAVORANO PER LE ASSOCIAZIONI E LE FEDERAZIONI DEL SISTEMA

74

Quadri

Impiegati

1

2

Caporedattore

Redattore


CONFARTIGIANATO IMPRESE

42%

BILANCIO SOCIALE 2018

GLI UNDER 35 E

25%

35

GLI OVER 55

67%

IL LAVORA DA OLTRE 10 ANNI IN CONFARTIGIANATO IMPRESE

63%

IL È LAUREATO

48

21

19 6

2

25-35 anni

36-45 anni

2.2

IL PERSONALE

SPESA PER IL PERSONALE *

PERSONALE PER CLASSI DI ETÀ

HANNO ETÀ COMPRESA TRA 46 E 55 ANNI

7%

ORGANIZZAZIONE E RISORSE

46-55 anni

56-65 anni

over 65 anni

5,3 mln di euro la spesa per il personale della sede Nazionale e dei collaboratori tra retribuzioni, oneri e accantonamenti, a cui si aggiungono 1,7 mln di euro per il personale distaccato nel 2018 Rimborso costi per stipendi personale distaccato C osti personale Sede Nazionale

PERSONALE PER TITOLO DI STUDIO 52 2 Scuola dell'obbligo e/ o attestati corsi regionali

29

Diploma

€ 6.987.092

€ 7.020.874

€ 6.999.351

€ 1.491.676

€ 1.633.666

€ 1.691.936

€ 5.495.417

€ 5.387.208

€ 5.307.415

2016

2017

2018

Laurea

PERSONALE PER ANZIANITÀ DI LAVORO IN CONFARTIGIANATO 56 10

17

Meno di 5 anni

Tra 5 e 10 anni

Oltre 10 anni

* per il personale in distacco presso altri Enti, Confartigianato riceve un corri spondente rimborso per gli stipendi

49


CONFARTIGIANATO IMPRESE

BILANCIO SOCIALE 2018

ORGANIZZAZIONE E RISORSE

2.2.2 LE PERSONE CHE LAVORANO PER INAPA NAZIONALE PERSONALE PER RUOLO E GENERE Dei 17 dipendenti di INAPA Nazionale • 8 sono donne e 9 sono uomini. Le donne rappresentano il 47% del personale 6 sono Quadri e 11 Impiegati • 100% il personale a tempo indeterminato 16 hanno un contratto full time, il 94% del totale, ed 1 dipendente ha contratto part time • 29% hanno età compresa tra 46 e 55 anni; 12% gli under 35 e 41% gli over 55 • il 53% lavora da oltre 10 anni in INAPA • il 41% dei dipendenti è laureato

PERSONALE PER FASCE DI ETÀ

Uomini 3

3

6

Quadri

2.3 LA FORMAZIONE INTERNA

Donne

5 Impiegati

PERSONALE PER TIPOLOGIA DI IMPIEGO Full time

2

3

5

25-35 anni

36-45 anni

46-55 anni

7 56-65 anni

PERSONALE PER ANZIANITÀ DI LAVORO

Part time

10

6

1 Quadri

Impiegati

PERSONALE PER TIPOLOGIA DI CONTRATTO Tempo indeterminato

9

6

2

tra 5 e 10 anni

oltre 10 anni

Impiegati

In continuità con gli anni precedenti, sono proseguite le attività formati-

volto i Direttori della sede nazionale. Il percorso formativo è stato finaliz-

ve riguardanti gli obblighi in materia di sicurezza, in un’ottica non solo di

zato a:

mero adempimento ma di promozione e supporto al benessere psico-fisi-

• potenziare la consapevolezza del gruppo dei Direttori rispetto al loro “es-

co dei lavoratori.

sere manager” nell’attuale contesto di trasformazioni socio-economiche;

Nello specifico, si è proceduto con il completamento della formazione ob-

• riflettere sulle ricadute del loro capitale manageriale all’interno della

bligatoria, generale e specifica, in materia di salute e sicurezza del lavoro

struttura che presidiano;

Diploma

poste dai processi di innovazione in atto.

Nel corso del 2018, tutto il personale è stato sottoposto a visite oculistiche e mediche, a cadenza biennale: tutti i lavoratori sono risultati idonei all’attività.

7 Laurea

corso, realizzazione degli assessment, colloqui di feedback individuali, as-

RISULTATI 2018

sessment day e azioni di development.

100%* il personale della Sede Nazionale e delle Società collegate formato

Nel corso del 2018 si è svolta la fase finale del percorso formativo che ha

100% il personale sottoposto a visita medica generale e visita oculistica

previsto la realizzazione di azioni di development con 7 sessioni di coa-

100% il personale risultato idoneo

ching da 2 ore ciascuna. Sono, inoltre, proseguiti percorsi di formazione linguistica. RISULTATI 2018 14 ore pro capite la durata del percorso formativo, a cui si aggiungono altre 107 ore di formazione linguistica

50

per 4 lavoratori.

sessment e skill coaching, si è sviluppato in 5 fasi: progettazione del per-

Quadri

Nel corso del 2018 è proseguito il Piano di formazione interna che ha coin-

Il percorso formativo, che ha previsto una metodologia di individual as-

PERSONALE PER TITOLO DI STUDIO

10

6

FORMAZIONE IN MATERIA DI SALUTE E SICUREZZA NEI LUOGHI DI LAVORO

• individuare e sviluppare le competenze chiave per rispondere alle sfide

meno di 5 anni

Tempo determinato

11

PIANO DI FORMAZIONE INTERNA PER IL PERSONALE DELLA SEDE NAZIONALE

51

*Dato comprensivo dei lavoratori assunti a fine anno che hanno effettuato la formazione in salute e sicurezza nei primi mesi del 2019.


CONFARTIGIANATO IMPRESE

BILANCIO SOCIALE 2018

ORGANIZZAZIONE E RISORSE

2.4 IL SISTEMA DI FINANZIAMENTO DOCUMEN T O DI VA LU TA Z IONE DE I R I S CHI Nel 2018 si è concluso l’aggiornamento del Documento di valutazione dei rischi.

GE S T IONE DELLE EMERGEN Z E Un Vademecum ad uso dei visita­tori della sede nazionale e delle società collegate, è disponibile presso la reception, le sale riunioni del piano terra e degli auditorium del piano terra e del secondo piano. Sono stati formati ulteriori 6 componenti della squadra di emergenza per l’utilizzo del defibrillatore semiautomatico installato in prossimità dell’ingresso dell’Auditorium del secondo piano.

* PER SAPERNE DI PIÙ Dal 2016 Confartigianato Imprese Nazionale ha adottato il Regolamento disciplinare del personale della sede nazionale e delle società collegate, contenente i diritti e i doveri essenziali dei lavoratori e il Regolamento anti mobbing e molestie sessuali, che prevede un’apposita Commissione di Garanzia per la prevenzione di questi fenomeni.

52

2.4.1 IL SISTEMA DI FINANZIAMENTO DI CONFARTIGIANATO IMPRESE

La ripartizione del contributo di sistema

La quota associativa annuale che l’imprenditore versa per aderire a Confartigianato varia in base all’Associazione territoriale di riferimento, alla dimensione dell’impresa (numero di dipendenti), alla tipologia e modalità di versamento. Il contributo associativo è composto da due parti:

CONTRIBUTO ASSOCIATIVO

• il contributo di sistema, uguale per tutti, deliberato ogni anno dall’Assemblea Confederale in misura diversa per i titolari d’impresa e i soci

Contributo di Sistema

Quota territoriale variabile

d’impresa; • le quote aggiuntive, variabili in relazione al territorio, deliberate da cia-

Attraverso INPS o quote dirette

scuna Associazione territoriale. Il contributo di sistema confluisce a livello nazionale e viene poi ripartito in tre parti: una quota nazionale, una provinciale e una regionale.

Titolari d’impresa

Nel 2018, l’importo complessivo del contributo associativo è aumentato

Soci d’impresa

70,85 €

complessivamente di 2,00 € - passando da 68,85€ a 70,85€ per i titolari di

36,14 €

impresa e da 34,14€ a 36,14€ per i soci di impresa – destinati al sostegno delle attività di comunicazione del Sistema. È inoltre prevista una quota destinata alla Rappresentanza Imprese, di competenza del Sistema Confartigianato Imprese, nell’ambito della Bilateralità dell’Artigianato.

53

Quota nazionale

60,88 €

Quota regionale

7,82 €

Quota territoriale

2,15 €

Quota nazionale

17,52 €

Quota regionale

6,48 €

Quota territoriale

12,14 €


CONFARTIGIANATO IMPRESE

BILANCIO SOCIALE 2018

La ripartizione della quota destinata alla Rappresentanza Imprese, tramite contributo EBNA

ORGANIZZAZIONE E RISORSE

Ministero del Lavoro stesso tramite ispettori dell’Ispettorato Nazionale del

per remunerare l’attività di assistenza fiscale.

Lavoro.

Per i servizi INPS sono stabiliti (da convenzione di servizio) importi diffe-

Il finanziamento è accordato con un sistema “a punteggio”, che ricono-

renti e variabili: per le pratiche ISEE da 10,81 euro a 17,35 euro; per le pra-

IL SISTEMA DI FINANZIAMENTO DI ANAP

sce “punti” solo per alcune tipologie di pratiche a condizione che abbiano

tiche RED da 2,88 euro a 8,10 euro; per le pratiche INVCIV importo fisso di

avuto esito positivo. L’aliquota di finanziamento, fissata dalla legge n. 152

5,50 euro.

iscritti. La misura della trattenuta per contributi sindacali è stabilita nelle seguenti percentuali dell’importo lordo delle singole rate di pensione

PER DIPENDENTE

(compresa la tredicesima) esclusi i trattamenti di famiglia:

(50,56%)

(49,44%)

15,80 €

Quota nazionale

5,27 € (33,33%)

Quota territoriale

10,53 € (66,67%)

15,45 €

I proventi con cui ANCoS realizza le sue attività provengono da:

• donazioni e lasciti;

cedenti il doppio della misura del trattamento minimo del Fondo Pensioni

utenti che si rivolgono alle società di servizio in convenzione.

• contributi per Associazioni di Promozione Sociale, contributi Regionali e

Lavoratori Dipendenti;

L’assistenza fiscale e gli altri servizi INPS, infatti, sono erogati in nome e per

mo del Fondo Pensioni Lavoratori Dipendenti. Nel 2018 la pensione minima mensile era stabilita in 507,42 euro.

IL SISTEMA DI FINANZIAMENTO DEL PATRONATO INAPA I patronati ricevono un finanziamento tramite un fondo specifico - accantonato presso gli Enti INPS e INAIL - composto da una percentuale dei Il finanziamento viene trasferito ai patronati - tramite un sistema complesso gestito dal Ministero del Lavoro, che si occupa dell’effettiva erogazione - in modo proporzionale all’attività svolta, dichiarata e verificata dal

• affiliazione di Comitati, Circoli e Associazioni Sportive Dilettantistiche;

Fondazioni;

conto del CAAF Confartigianato, da ogni singola società di servizi che ope-

• erogazioni liberali;

ra sul territorio. Le società di servizio - che svolgono il loro ruolo come

• 5 per mille.

“Sportelli” territoriali - richiedono ai propri clienti il pagamento delle pre-

L’importo della quota associativa ANCoS viene stabilito ogni anno.

stazioni relative alla predisposizione del Modello 730 e sono destinatarie di

contributi versati ogni anno dai lavoratori dipendenti e autonomi.

54

0,207% e poi (dal 2015) all’attuale 0,199%.

IL SISTEMA DI FINANZIAMENTO DI ANCoS

Il CAAF Confartigianato Nazionale non ha entrate dirette da parte degli

• 0,35% sugli importi eccedenti il doppio della misura del trattamento miniAltre confederazioni

le) allo 0,226%, è stata ridotta – con due passaggi successivi – prima allo

• tesseramento dei soci;

• 0,40% sugli importi eccedenti quelli relativi al precedente punto e non ec-

Confartigianato Imprese

del 2001 (Nuova disciplina per gli istituti di patronato e di assistenza socia-

IL SISTEMA DI FINANZIAMENTO DEL CAAF

• 0,50% sugli importi compresi entro il trattamento minimo del Fondo Pensioni Lavoratori Dipendenti;

31,25 €

IL SISTEMA DI FINANZIAMENTO

2.4.2 IL SISTEMA DI FINANZIAMENTO DI CONFARTIGIANATO PERSONE L’INPS opera direttamente le trattenute associative sulle pensioni degli

QUOTA DESTINATA ALLA RAPPRESENTANZA IMPRESA

2.4

una parte del corrispettivo riconosciuto al CAAF Confartigianato dagli enti preposti (Ministero Economia e Finanze ed INPS). Relativamente al Modello 730 è stabilito un compenso unitario (a seconda della tipologia di pratica in rapporto all’utilizzo dei dati della dichiarazione precompilata di cui al D. Lgs. nr. 175/2014) che varia da un minimo di 12,68 euro a un massimo di 18,30 euro, a cui annualmente viene applicata la riduzione prevista dall’art. 2 del D.M. 1/9/2016 (per il 2018 il taglio è stato del 35,67%) a causa dell’insufficienza degli stanziamenti a bilancio dello Stato

55


CONFARTIGIANATO IMPRESE

BILANCIO SOCIALE 2018

2.5

ORGANIZZAZIONE E RISORSE

IL BILANCIO

2.5 IL BILANCIO 2.5.1 IL BILANCIO DI CONFARTIGIANATO IMPRESE

Le entrate e il risultato della gestione 15,9

La gestione delle risorse

84,9%

MLN DI EURO il totale delle entrate da contributi e proventi +2,8 % dal 2016

le entrate da contributi associativi e rappresentanza contrattuale

Confartigianato è impegnata nel perseguimen-

te dell’oneroso ricorso a fonti di finanziamento

to degli obiettivi di trasparenza e chiarezza nei

straordinarie da parte della struttura nazionale,

rapporti e nelle relazioni con le Associazioni

ha garantito alle strutture territoriali la possi-

83.793

aderenti e con tutti gli Organismi del Sistema

bilità di programmare con certezza le attività a

Confederale.

favore delle imprese rappresentate.

EURO il risultato della gestione

Anche per l’esercizio 2018 è stato rispettato in

Rispetto ai crediti verso le Associazioni e le Fe-

modo rigoroso l’impegno di dare certezza ai

derazioni per i quali, grazie al lavoro del Tavo-

flussi contributivi. Nonostante le modifiche in-

lo per lo sviluppo associativo, si è provveduto a

trodotte dalla nuova Convenzione INPS - in ter-

confermare a tutte le Associazioni interessate

mini di tempistiche e modalità di erogazione -

il rientro dal debito, seppur graduale ma certo,

per tutte le quattro rate di contributi associativi

mediante la ormai consueta trattenuta pari al-

incassate nel corso del 2018, la Confederazione

meno al 15% dell’importo della rata da ristornare.

ha provveduto alla trasmissione degli importi di

È stato così confermato, prima di tutto, il princi-

competenza alle singole Associazioni territoriali

pio dell’obbligo di restituzione delle anticipazioni,

e alle Federazioni regionali nelle medesime sca-

consentendo tuttavia alle Associazioni e alle Fe-

denze previste in precedenza.

derazioni interessate di non vedere pregiudicati,

Inoltre, analogamente, è stato confermato con

in misura significativa, i propri flussi finanziari.

2016

2017

2018

Proventi da Contributi associativi

13.338.061 €

13.438.021 €

13.471.009 €

Di cui contributi per rappresentanza contrattuale

4.068.094 €

4.263.931 €

4.284.944 €

Proventi diversi

1.880.040 €

2.100.949 €

2.251.341 €

228.997 €

266.810 €

150.816 €

15.447.097 € 15.805.780 €

15.873.166 €

Proventi straordinari

L’andamento economico della Confederazione presenta un incremento del

TOTALE

Le uscite

valore della produzione derivante principalmente dall’aumento del contri-

15,8

buto per l’assistenza contrattuale – riscosso tramite l’Ente Bilaterale Na-

MLN DI EURO il totale delle spese

zionale dell’Artigianato - e degli altri ricavi, grazie al quale è stato possibile rimodulare i volumi dei costi della produzione.

COMPOSIZIONE CONTRIBUTI E PROVENTI - 2018

15,1% Proventi diversi e straordinari

regolarità e certezza l’invio al Territorio delle Contributi associativi

spettanze e delle competenze da parte di tutti gli altri Organismi del Sistema confederale. La rego-

+2,8% dal 2016

1,9

336

MLN DI EURO le spese per comunicazione e promozione del Sistema Confartigianato e delle imprese associate +28,4% dal 2016

MILA EURO le spese per la formazione di Sistema +19,4% dal 2016

Sono state confermate, e ove ritenuto opportuno, incrementate le linee 84,9

tracciate per il raggiungimento degli obiettivi di presenza esterna, formazione, informazione, immagine e comunicazione, strategici per l’attività

larità del rispetto degli impegni, anche a fron56

ENTRATE

57


CONFARTIGIANATO IMPRESE

BILANCIO SOCIALE 2018

di rappresentanza, adottando soluzioni in linea con un comportamento di rigorosa prudenza, programmazione e generale contenimento della spesa.

COMUNICAZIONE E PROMOZIONE DEL SISTEMA CONFARTIGIANATO E DELLE IMPRESE ASSOCIATE

ORGANIZZAZIONE E RISORSE

2016

2017

2018

Progetti e iniziative strategiche

1.350.402 €

1.690.067 €

1.642.768 €

Costi per le attività degli Organi Statutari

1.252.389 €

1.423.849 €

1.434.760 €

USCITE

1.481.035 €

2016

1.811.250 €

2017

1.901.795 €

2018

347.103 €

Attività per Categorie e Movimenti

198.081 €

225.000 €

290.284 €

Altre attività e iniziative

350.754 €

285.587 €

361.839 €

Costi di funzionamento e struttura

1.757.924 €

1.879.299 €

1.903.392 €

7.204.240 €

7.284.773 €

7.279.407 €

del Sistema territoriale e dei dati econo-

281.782 €

365.799 €

336.489 €

mico finanziari raccolti tramite BILAWEB

Formazione di Sistema Risorse destinate a Soci e Organismi di cui ai Soci di cui a Organismi di rappresentanza nazionali e internazionali

58

610.590 €

482.265 €

514.008 €

41.667 €

70.334 €

67.171 €

568.923 €

411.931 €

446.837 €

1,6 MLN DI EURO le risorse destinate a progetti strategici nel 2018

87,8%

le risorse destinate a progetti che coinvolgono l’intero Sistema Confartigianato

Progetto avviato dalla Confederazione

Ogni anno la Confederazione investe in progetti e iniziative particolarmente strategiche sia per la

per l’analisi comparata dei dati associativi

struttura Nazionale che per l’intero Sistema Confartigianato, di seguito rendicontati.

- la piattaforma per il caricamento dei bilanci delle Associazioni territoriali - con

PROGETTI E INIZIATIVE STRATEGICHE

2016

2017

2018

108.457 €

265.404 €

200.728 €

11.437 €

37.388 €

66.966 €

97.020 €

228.016 €

133.762 €

Totale Sistema Confartigianato, di cui:

1.241.945 €

1.424.663 €

1.442.040 €

Totale Struttura nazionale, di cui:

l’obiettivo di aumentare efficienza e tras-

Progetto Certiconf

parenza nella gestione, nell’interesse

Potenziamento degli strumenti di comunicazione online

delle imprese rappresentate e del Sistema associativo.

Consulenze

655.732 €

796.492 €

1.050.678 €

Ammortamenti e svalutazioni

106.315 €

73.482 €

15.704 €

Progetto Media*

350.085 €

500.000 €

0€

Accantonamenti e rettifiche

514.176 €

150.000 €

23.197 €

Campagna marketing e comunicazione

891.860 €

924.663 €

837.956 €

282.925 €

281.888 €

275.422 €

Manifestazione e Campagna “Quelli del Si”*

0€

0€

604.084 €

Oneri diversi

211.829 €

275.151 €

255.019 €

TOTALE

1.350.402 €

1.690.067 €

1.642.768 €

Oneri finanziari

48.278 €

58.574 €

54.026 €

Oneri straordinari

201.574 €

21.568 €

5.274 €

15.362.849 €

15.716.360 €

15.789.373 €

Imposte e tasse

** La voce include il personale della Sede Nazionale, i collaboratori e il personale distaccato relativamente a retribuzioni, oneri, accantonamenti e trasferte. Nel valore indicato nel capitolo relativo al personale la spesa non include i costi relativi alle trasferte.

PROGE T T O CER T IC ONF

422.566 €

Personale**

IL BILANCIO

Progetti e iniziative strategiche

335.858 €

Rappresentanza istituzionale

2.5

TOTALE

* Voci comprensive di manifestazione e campagna Media

59


ORGANIZZAZIONE E RISORSE

2.5

ORGANIZZAZIONE E RISORSE

IL BILANCIO

2.5

IL BILANCIO

La destinazione delle risorse agli stakeholder

M A NIF E S TA Z IONE E C A MPA GN A "QUELL I DEL S Ì"

C A MPA GN A M A R K E T ING E C OMUNIC A Z IONE

Nel 2018 la Campagna stampa e radiofonica “Quelli del sì” a sup-

La campagna di marketing e comunica-

porto della manifestazione del 13 dicembre a Milano che ha coin-

zione 2018 ha previsto:

Confartigianato sta rinforzando sempre di più la sua presenza sui

volto 2000 imprenditori per dire sì allo sviluppo dell’Italia. Artico-

• la realizzazione della campagna di

canali di comunicazione online grazie:

lata dal 4 al 13 dicembre con 36 pagine su 11 quotidiani nazionali e

tesseramento con la realizzazione e

• al consolidamento dell’utilizzo di ConfApp, la app mobile dedicata

locali e trasmessa dall’8 al 13 dicembre con spot di 30 secondi su 11

distribuzione sul territorio di 1.500

circuiti radiofonici nazionali per un totale di oltre 500 passaggi. La

totem alle Associazioni confederate;

P O T EN Z I A MEN T O DE GL I S T RUMEN T I DI C OMUNIC A Z IONE ONL INE

in esclusiva agli associati del Sistema; • al potenziamento del portale Confartigianato.it;

manifestazione del 13 dicembre ha avuto risonanza su tutti i media

• al potenziamento della presenza sui canali social Instagram,

con 199 articoli sui quotidiani (16 soltanto sul Corriere della Sera) e

Twitter, facebook, Flickr e Youtube.

35 servizi radio-televisivi.

• il proseguimento del Tg@ Confartigianato; • il proseguimento di Impresa Artigiana On Line.

* PER MAGGIORI DETTAGLI

* PER MAGGIORI DETTAGLI * PER MAGGIORI DETTAGLI

si rimanda alla Sezione Obiettivi, attività e risultati, al capitolo Informazione, comunicazione e marketing associativo.

si rimanda alla Sezione Obiettivi, Attività e Risultati, al capitolo Informazione, comunicazione e marketing associativo.

si rimanda alla Sezione Obiettivi, Attività e Risultati, al capitolo Informazione, comunicazione e marketing associativo.

15,7

99,2%

MLN DI EURO le risorse destinate agli stakeholder interni ed esterni +8,5 % dal 2016

il valore delle risorse distribuite sul totale delle risorse raccolte

2016 Risorse economiche raccolte, di cui: Contributi associativi Contributi da rappresentanza contrattuale Proventi e oneri accessori e straordinari* Risorse economiche destinate agli stakeholder, di cui:

61

15.730.840 € 15.867.892 €

9.269.967 €

9.174.090 €

9.186.065 €

4.068.094 €

4.263.931 €

4.284.944 €

1.879.574 €

2.292.820 €

2.396.883 €

14.512.895 €

15.417.937 € 15.745.198 €

7.204.241 €

7.284.773 €

7.279.407 €

Organi Statutari

1.252.389 €

1.423.849 €

1.434.761 €

Soci

2.530.656 €

3.005.980 €

3.045.655 €

Fornitori

2.625.485 €

2.950.942 €

3.209.090 €

568.923 €

411.931 €

446.837 €

48.278 €

58.574 €

54.026 €

282.925 €

281.888 €

275.422 €

704.739 €

312.903 €

122.694 €

Ammortamenti e svalutazioni

620.491 €

223.482 €

38.901 €

Avanzo (disavanzo) economico

84.248 €

89.421 €

83.793 €

Enti del Sistema confederale Sistema bancario e finanziario Risorse economiche trattenute da Confartigianato, di cui:

60

2018

Personale**

Pubblica Amministrazione

* La voce include il rimborso che Confartigianato riceve per il personale in distacco presso altri Enti **La voce include il personale della Sede Nazionale, i collaboratori e il personale distaccato relativamente a retribuzioni, oneri, accantonamenti e trasferte.

15.217.635 €

2017


CONFARTIGIANATO IMPRESE

BILANCIO SOCIALE 2018

2.5

ORGANIZZAZIONE E RISORSE

IL BILANCIO

2.5.2 IL BILANCIO DI ANAP Il bilancio di ANAP per l’anno 2018 si chiude con un avanzo pari a cir-

Le uscite

ca 23 mila euro.

La maggior parte delle risorse a disposizione dell’ANAP viene destinata ai

RISORSE ECONOMICHE RACCOLTE - 2018

territori per il sostegno di attività e iniziative dei gruppi territoriali e re-

Le entrate

gionali oltre che al finanziamento di servizi e progetti del livello nazionale

Risorse economiche trattenute da Confartigianato

Le entrate dell’Associazione Nazionale Anziani e Pensionati, pari nel 2018 a

rivolti ai soci. Queste due voci rappresentano insieme il 68% del totale delle

R isorse economiche destinate agli stakeholder

12 mln di euro, provengono principalmente dalle quote associative tramite

entrate. In particolare, il 63% delle quote associative è redistribuito ai grup-

INPS, come illustrato nel capitolo che descrive il sistema di finanziamento

pi territoriali e regionali.

(98,62%).

Altra voce significativa riguarda la spesa che l’ANAP sostiene per benefici

704.739 €

122.694 €

312.903 €

e servizi nei confronti dei soci sui territori (assicurazione a copertura di infortuni e malattie, rivista, altri benefici connessi al tesseramento).

ENTRATE 2018 14.512.895 € 2016

15.745.198 €

15.417.937 €

2017

Ricavi per contributi associativi riscossi tramite Inps

2018

12.161.308 €

Ricavi per contributi altre modalità

3.088 €

Altri ricavi e proventi

37.654 €

Proventi straordinari

129.839 €

TOTALE ENTRATE

12.331.889 €

RISORSE DISTRIBUITE AGLI STAKEHOLDER - 2018 ENTRATE PER FONTE 2018 1,38%

7.279.407 €

Altri ricavi e proventi straordinari

3.209.090 €

Personale

62

Fornitori

3.045.655 €

Soci

1.434.761 €

446.837 €

275.422 €

54.026 €

Organi Statutari

Enti del Sistema Confederale

Pubblica Amministrazione

Sistema bancario e finanziario

Ricavi per quote associative tramite Inps

63

98,62%

USCITE 2018 Ristorni INPS destinati a gruppi territoriali e regionali

7.640.238 €

Tesseramento, comunicazione, assicurazione soci e altri servizi

1.784.998 €

Contributo di Sistema Confartigianato

571.805 €

Servizi e progetti

779.433 €

Personale

453.239 €

Rappresentanza istituzionale

156.322 €

Costi di funzionamento e struttura

288.410 €

Ammortamenti e accantonamenti

379.313 €

Quote associative per affiliazioni

103.230 €

Oneri diversi

24.828 €

Oneri straordinari

126.719 €

TOTALE COSTI

12.308.535 €


2.5

ORGANIZZAZIONE E RISORSE

2.5.3 IL BILANCIO DELL’INAPA Le uscite

circa 24 mila euro.

Il 60% delle risorse è destinato dall’INAPA Nazionale alle Associazioni ter-

Il bilancio del CAAF5 per l’anno 2018 si chiude con un utile pari a 1.552 euro.

ritoriali.

Le entrate Le entrate del Patronato, pari nel 2018 a 14,9 mln di euro, provengono prin-

USCITE 2018

cipalmente dal finanziamento del Ministero del Lavoro e delle Politiche So-

Contributi per le Associazioni territoriali

ciali (78%), come già illustrato nel capitolo che descrive il sistema di finan-

Personale

ziamento dell’Ente.

Servizi

410.344 €

Sedi estere

302.379 €

Affitti INAPA Nazionale

209.540 €

ENTRATE 2018 11.700.000 € 1.329.123 €

Altri contributi Altri ricavi e proventi

1.870.507 €

TOTALE ENTRATE

14.899.630 €

8,9%

Altri contributi

Le uscite, che nel 2018 sono pari a 4,6 mln di euro, sono composte per il 63%

ricavi provenienti dalle prestazioni di servizi.

da costi diretti per l’erogazione delle prestazioni e dei servizi CAAF a livello

8.902.365 € 1.925.429 €

territoriale.

ENTRATE 2018

Organi direttivi e di controllo

67.687 €

Consulenze

2.336 €

ENTRATE PER FONTE 2018 4.584.803 € 30.512 € 4.615.315 €

USCITE 2018

Ricavi da prestazioni e servizi

Costi diretti per prestazioni e servizi CAAF a livello territoriale 99,34% 0,66%

Altri ricavi e proventi

2.306.125 €

Per modelli RED

28.332 €

Per dichiarazioni ISE/ISEE

796.141 €

Spese per personale

510.995 €

Polizze Assicurative sulle prestazioni erogate

108.376 €

Interventi per attività diverse

637.313 €

I ricavi da prestazioni e servizi sono costituiti dai corrispettivi riconosciuti

Campagna di promozione e comunicazione

348.094 €

2.199.004 €

dal Ministero dell’Economia e delle Finanze e dall’INPS per le attività prestate

Servizi Infotelematici

170.000 €

6.839 €

dalle società di servizi che operano in convenzione con il CAAF Confartigia-

Costi di funzionamento e struttura

228.286 €

68.216 €

nato. In particolare il 77,5% di questa voce deriva dalle prestazioni erogate

Consulenze e spese legali

47.315 €

per l’elaborazione dei modelli 730.

Altri oneri

41.597 €

Oneri finanziari

4.597 €

Oneri straordinari

11.494 €

Imposte

12.413 €

14.875.740 €

ENTRATE DA PRESTAZIONI E SERVIZI 2018 77,5%

TOTALE USCITE 0,8%

Modelli 730

64

Per modelli 730

62.879 €

21,7%

4 Il bilancio è redatto per competenza

3.130.598 €

Ammortamenti e svalutazioni

TOTALE USCITE

78,5%

Il 99,3% delle entrate del CAAF, pari nel 2018 a 4,6 mln di euro, deriva dai

TOTALE ENTRATE

Imposte

Ministero del Lavoro e delle Politiche Sociali

Le uscite

81.409 €

Seminari e corsi di formazione

Oneri finanziari (al netto dei proventi)

Altri ricavi e proventi

Le entrate

Ricavi da prestazioni e servizi Altri ricavi e proventi

Sopravvenienze passive

ENTRATE PER FONTE 2018

12,6%

IL BILANCIO

2.5.4 IL BILANCIO DEL CAAF

Il bilancio dell’INAPA4 per l’anno 2018 si chiude con un avanzo pari a

Ministero del Lavoro e delle politiche sociali

2.5

ORGANIZZAZIONE E RISORSE

IL BILANCIO

Ise / Isee

5 Il bilancio è redatto per competenza

65

Modelli RED

4.613.763 €


2.5

ORGANIZZAZIONE E RISORSE

ORGANIZZAZIONE E RISORSE

IL BILANCIO

2.1

LA STRUTTURA ORGANIZZATIVA

2.5.5 IL BILANCIO DI ANCoS Il bilancio di ANCoS per l’anno 2018 si chiude con un avanzo pari a

L’85%6 del totale delle entrate dell’Associazione è destinato al finan-

oltre 388 mila euro, già interamente impegnato per i progetti di

ziamento di progetti – in Italia e all’estero. I progetti sostenuti sono

restauro che si concluderanno nel 2019 (i progetti sono rendicontati

rendicontati in dettaglio nella sezione Obiettivi, Attività e Risultati.

nella sezione Obiettivi, attività e risultati). USCITE 2018 Progetti finanziati 5 x 1000

621.649 €

La maggior parte delle entrate di ANCoS, pari nel 2018 a oltre 1,2 mln

Progetti finanziati 2 x 1000

5.110 €

di euro, deriva dai contributi ricevuti da 5 x 1000 e 2 X 1000, che

Progetti micro finanziati tramite raccolta fondi privati

rappresentano rispettivamente il 49% e il 38% del totale delle entrate.

Personale

Le entrate

ENTRATE 2018 Contributo 5 x 1000

610.538 €

Contributi associativi di Sistema

154.348 €

Contributi 2 x 1000

470.945 €

Sopravvenienze attive

3.339 €

2.470 €

Contributi progetti micro*

19 €

Proventi finanziari

TOTALE ENTRATE

1.241.660 €

*Vedi sezione Obiettivi, Attività e risultati

ENTRATE PER FONTE 2018

Contributo progetto micro

Contributi associativi di Sistema 12,43%

Comunicazione e tesseramento

30.151 €

Rappresentanza istituzionale

27.597 €

Quote associative

13.100 €

Formazione

4.026 €

Consulenze

10.346 €

Costi di funzionamento e struttura

81.679 €

Ammortamenti e svalutazioni

6.458 €

Oneri diversi

1.005 €

Imposte

2.995 €

TOTALE USCITE

853.264 €

Progetti di restauro (avanzo impegnato per il 2019)

388.396 €

37,93% 49,17%

Contributo 2x1000

0,27%

Altre entrate 6

66

42.865 €

0,20%

Le uscite Contributo 5x1000

OBIET T VI AT T I V I TÀ R I S U LTAT I

6.283 €

La percentuale comprende anche l’avanzo 2018 impegnato su progetti di restauro 2 X 1000 per attività che si concluderanno nel 2019

67


O B I E T T I V I , AT T I V I TÀ , R I S U LTAT I

3.1 STRUT TURA E CONTENUTI

La terza sezione del Bilancio Sociale rende conto di obiettivi, attività in corso e risultati raggiunti nel 2018 da Confartigianato Imprese, Federazioni di Categoria e Confartigianato Persone, nella logica di costruire progressivamente la rendicontazione dell’intero Sistema Confartigianato. Vista la complessità di un’organizzazione come Confartigianato e della sua azione, la sezione è articolata per viste successive.

TEMI CHIAVE

Gli ambiti di intervento, individuati nella missione presentata nella sezione identità, specificano la tipologia di azione intrapresa: • rappresentanza istituzionale e attività di lobbying e rappresentanza sindacale e contrattazione; • attività e servizi per i soggetti del sistema Confartigianato, le imprese e le persone. Prima di approfondire azioni e risultati raggiunti da ciascun soggetto, si presenta uno sguardo d’insieme sull’azione di rappresentanza istituzionale e lobbying e l’azione di rappresentanza sindacale e contrattazione. Nella parte finale della sezione si presentano le attività trasversali, di supporto al funzionamen69

to complessivo dell’Organizzazione: • Studi e analisi; • Formazione di sistema; • Informazione, comunicazione e marketing associativo. Infine, la sezione si conclude con la presentazione delle iniziative di sistema – convention e meeting formativi - e dei progetti speciali.

La rendicontazione è costruita secondo tre dimensioni: soggetti responsabili – Confederazione nazionale, Federazioni di Categoria e Confartigianato Persone - temi chiave e ambiti di intervento. I temi chiave identificano le tematiche prioritarie su cui l’Organizzazione nel suo insieme intende incidere a favore delle micro, piccole e medie imprese e dell’artigianato.


CONFARTIGIANATO IMPRESE

BILANCIO SOCIALE 2018

O B I E T T I V I , AT T I V I TÀ , R I S U LTAT I

3.2 RAPPRESENTANZA ISTITUZIONALE E LOBBYING UNA VISTA D’INSIEME

3.2

RAPPRESENTANZA ISTITUZIONALE E LOBBYING

LE FASI DELL’AT TIVITÀ DI LOBBYING

Confartigianato Imprese svolge una costante e tempestiva azione di informazione, comunicazione, rappresentanza e tutela degli interessi delle piccole imprese e dell’artigianato nei confronti degli

COMMISSIONE EUROPEA

ELABORAZIONE PROPOSTE CONFEDERALI

stakeholder istituzionali ai diversi livelli di governo - europeo, nazionale, regionale e locale - anche

CONSIGLIO EUROPEO

attraverso strumenti innovativi e digitali.Negli ultimi anni l’attività di lobbying ha raggiunto un maggior grado di complessità dato il ruolo sempre più rilevante assunto dalle policies europee sulle scelte delle politiche nazionali e territoriali, dall’innovazione tecnologica - che consente una maggiore e tempe-

INDIVIDUAZIONE DEI PROVVEDIMENTI LEGISLATIVI DI INTERESSE

COMUNICAZIONE DEI RISULTATI OTTENUTI

stiva informazione sulle attività di rappresentanza - e dalla molteplicità degli interlocutori istituzionali

14

AUDIZIONI IN PARLAMENTO DI CONFARTIGIANATO, SOLA O CON RETE IMPRESE ITALIA

494

NEWS

80

NEWSLETTER

62

CIRCOLARI

26

SCHEDE DI ANALISI DEI PROVVEDIMENTI IN CORSO CON 104 AGGIORNAMENTI

70

che partecipano al processo legislativo.

ASC OLT D BIS EI O OG NI

e monitoraggio, sui vari livelli (europeo, nazionale, regionale), attraverso schede di sintesi dei contenuti, valutazioni di impatto - sulle imprese - ex ante ed ex post, proposte di modifica, position paper, azioni in fieri e risultati ottenuti. A queste attività si affiancano audizioni, partecipazioni a Tavoli tecnici e politici, a livello nazionale

VALUTAZIONE ED ANALISI EX-POST MODIFICHE APPROVATE

PARLAMENTO EUROPEO

COMITATO DELLE REGIONI

CESE

LT O A S C ODE I NI BISOG

Su ogni provvedimento che impatta sulle imprese rappresentate, Confartigianato avvia azioni di analisi

EUROPA

GOVERNO CONFERENZA UNIFICATA

CONFERENZA DELLE REGIONI

GIUNTA REGIONALE

lobbying.

CAMERA SENATO

Authorities

VALUTAZIONE EX-ANTE PROPOSTE GOVERNATIVE E PARLAMENTARI

ed europeo, seminari e workshop di informazione, formazione e diffusione degli esiti dell’attività di

ITALIA

Al fine di rendere sempre più incisiva e tempestiva l’azione di lobbying, Confartigianato ha implementato una piattaforma - Lobbying Web - che mette al centro l’impresa e il territorio.

MONITORAGGIO DELL’ITER DEI PROVVEDIMENTI E PROPOSTE DI EMENDAMENTO

Nel corso del 2018 ci sono state le elezioni politiche. Il Parlamento nazionale ha concluso la XVII Legislatura a marzo del 2018 ma i lavori si sono svolti fino a febbraio 2018. La XVIII Legislatura, pur avendo avuto inizio il 23 marzo 2018, di fatto ha avviato l’attività a giugno 2018.

71

AUDIZIONI, CONSULTAZIONI SEMINARI, ELABORAZIONI UFFICIO STUDI TAVOLI GOVERNATIVI

CONSIGLIO REGIONALE

REGIONI

COMMISSIONI CONFERENZA DELLE REGIONI


CONFARTIGIANATO IMPRESE

BILANCIO SOCIALE 2018

O B I E T T I V I , AT T I V I TÀ , R I S U LTAT I

3.2

RAPPRESENTANZA ISTITUZIONALE E LOBBYING

CONFARTIGIANATO NELLE ISTITUZIONI • i Parlamentari che hanno sostenuto le pro-

È la piattaforma del Sistema Confartigianato, re-

tanza - audizioni, incontri, invio di emendamenti

alizzata per valorizzare e condividere le azioni

ai relatori e ai capigruppo in Commissione e o in

poste del Sistema, tramite la presentazione di

di lobbying a tutela delle istanze dell’artigianato

Aula – viene così integrata con uno strumento

emendamenti, disegni di legge, interrogazioni,

15 AUDIZIONI IN PARLAMENTO NAZIONALE PER LA XVIII LEGISLATURA Camera, Senato N Data Audizione e Ministeri

e delle micro e piccole imprese. Tramite la piat-

di trasparenza e condivisione che coinvolge

risoluzioni, mozioni, etc;

1.

15/05/2018

Camera – Senato

Documento di Economia e Finanza 2018 (DEF)

taforma le Associazioni territoriali aderenti alla

direttamente i territori. Lobbying Web consen-

2.

31/05/2018

Camera – Senato

Schema di decreto legislativo Privacy (Regolamento generale sulla protezione dei dati)

Confederazione possono compartecipare alle

te, infatti, l’invio delle proposte emendative in

azioni di lobbying e rappresentanza ai vari livelli

contemporanea a tutti i Parlamentari (e ai Re-

3.

13/06/2018

Senato

Ulteriori misure urgenti eventi sismici agosto 2016 (AS 435)

politici e istituzionali.

ferenti territoriali, per i Parlamentari che hanno

dell’artigianato e delle piccole imprese e sull’e-

4.

12/07/2018

Senato

Lobbying Web consente il monitoraggio in itinere

rapporti costanti con le Associazioni territoriali)

sito degli emendamenti presentati.

dei lavori delle Istituzioni, l’analisi degli iter de-

e, successivamente, il monitoraggio costante e

Lobbying Web, infine, consente di valorizzare il

5.

25/07/2018

Camera

cisionali con focus mirati a valutare l’impatto dei

tempestivo dell’attività parlamentare e dell’iter

flusso bi-direzionale con i territori, migliorando

provvedimenti sulle micro e piccole imprese e

degli emendamenti dal momento della presenta-

l’ascolto degli associati e dei loro bisogni, indi-

6.

18/09/2018

Senato

sulle imprese artigiane. La piattaforma contiene

zione fino all’esito finale (ovvero al loro esito posi-

viduando risposte di sistema - volte a migliorare

7.

24/09/2018

Ministero Sviluppo Economico

la banca dati di tutti i Parlamentari nazionali ed

tivo - approvazione o trasformazione in impegni

il contesto in cui le imprese operano - per nuove

europei e i componenti del Governo.

del Governo - o negativo).

opportunità di sviluppo e nuovi servizi.

8.

26/09/2018

Camera

La tradizionale attività di lobbying e rappresen-

Nella piattaforma è possibile monitorare:

9.

23/10/2018

Camera

10.

05/11/2018

Senato

11.

08/11/2018

Camera

12.

12/11/2018

Camera –Senato

13.

28/11/2018

Senato

Disposizioni in materia di produzione e vendita del pane (AS 169 e AS 739)

14.

04/12/2018

Senato

Indagine conoscitiva sull’applicazione del codice dei contratti pubblici

15.

13/12/2018

Camera

Governance degli enti previdenziali pubblici (AC 479 e AC 1158)

• gli atti presentati e il relativo iter in Commissione e in Aula (Camera dei Deputati e Senato); • le attività dei Parlamentari sui temi di interesse

LOBBYING WEB IN CIFRE 2018

950

Parlamentari italiani presenti sulla piattaforma

2.183

emendamenti

72

630

Deputati

276

emendamenti promossi, approvati/assorbiti

315

Senatori eletti e 5 Senatori a vita nominati dal Presidente della Repubblica

7

temi chiave

73

Parlamentari europei

92

20

Referenti territoriali

Indagine conoscitiva sul funzionamento dei servizi pubblici per l’impiego in Italia e all’ estero Audizione nell’ambito dell’esame della proposta di direttiva COM(2018)173 in materia di pratiche commerciali sleali nei rapporti tra imprese nella filiera alimentare Affare sul sostegno alle attività produttive mediante l’impiego di sistemi di generazione, accumulo e autoconsumo di energia elettrica (Atto n. 59) Audizione Pubblica sul DM FER Modifiche all’articolo 3 del decreto-legge 4 luglio 2006, n.223. convertito, con modificazioni, dalla legge 4 agosto 2006, n.248, in materia di disciplina degli orari di apertura degli esercizi commerciali (AC 1, AC 457, AC 470, AC 526 e AC 587) Disposizioni per la semplificazione fiscale, il sostegno delle attività economiche e delle famiglie e il contrasto dell’evasione fiscale (AC 1074) Conversione in legge del DL 23 ottobre 2018, n. 119, recante disposizioni urgenti in materia fiscale e finanziaria AS 886 Risoluzione n. 7-00020 On.le Benamati recante iniziative urgenti in materia di riscossione degli oneri generali del sistema elettrico DDL recante bilancio di previsione dello Stato per l’anno finanziario 2019 e bilancio pluriennale per il triennio 2019-2021 (AC 1334)

tag

73

Tema RETE IMPRESE ITALIA CONFARTIGIANATO IMPRESE CONFARTIGIANATO IMPRESE RETE IMPRESE ITALIA CONFARTIGIANATO IMPRESE RETE IMPRESE ITALIA RETE IMPRESE ITALIA CONFARTIGIANATO IMPRESE RETE IMPRESE ITALIA RETE IMPRESE ITALIA CONFARTIGIANATO IMPRESE RETE IMPRESE ITALIA CONFARTIGIANATO IMPRESE CONFARTIGIANATO IMPRESE CONFARTIGIANATO IMPRESE


CONFARTIGIANATO IMPRESE

BILANCIO SOCIALE 2018

O B I E T T I V I , AT T I V I TÀ , R I S U LTAT I

3.2

RAPPRESENTANZA ISTITUZIONALE E LOBBYING

LA MANOVRA DI BILANCIO PER L’ANNO 2019 Tra i principali provvedimenti monitorati e oggetto di azioni di lobbying, nel 2018, merita particolare attenzione la Manovra di Bilancio per l’anno 2019 –

1 AUDIZIONE IN PARLAMENTO EUROPEO Data

Parlamento Europeo Audizione

12/07/2018

Parlamento Europeo – Commissione per il mercato interno L’impatto e lo stato di attuazione della Direttiva sui ritardi di pagamento nei Pesi Membri e la protezione dei consumatori IMCO

composta da Disegno di Legge di bilancio (AS 981 / AC 1334) e Decreto Fiscale (DDL di conversione AS 886 / AC 1408) – che contiene già nel testo approvato

Tema

dal Governo numerosi aspetti positivi di interesse per le imprese. Con UEAPME/ SME United

Nel corso dell’esame dei due provvedimenti da parte del Parlamento le proposte di modifica promosse da Confartigianato sono state recepite da 1.103 emendamenti, presentati da Parlamentari di tutte le forze politiche. 144 gli emendamenti approvati. Di seguito le disposizioni più rilevanti contenute nella manovra, anche grazie all’azione di Confartigianato.

5 CONSULTAZIONI SU PROVVEDIMENTI EUROPEI A LIVELLO NAZIONALE ED EUROPEO

DISEGNO DI LEGGE DI BILANCIO

Data

Sede Europea o Nazionale

Consultazione

14/02/2018

Commissione Europea

Consultazione Pubblica della UE sulla promozione del mutuo riconoscimento delle qualifiche e dei periodi di studio all’estero

Aumento della deducibilità dell’IMU sugli immobili strumentali delle imprese (dal 20% al 40%)

08/03/2018

Commissione Europea

Consultazione Pubblica UE sui Fondi UE nel settore della coesione

Riporto perdite IRPEF

15/03/2018

Dipartimento delle Finanze

Consultazioni su COM (2028) 20 final recante modifica della direttiva 2006/112/CE per quanto riguarda le aliquote dell'imposta sul valore aggiunto

Proroga e rimodulazione per ammortamenti

04/05/2018

Commissione Europea

Consultazione Pubblica UE sulla Definizione di PMI

20/09/2018

Commissione Europea

Consultazione Pubblica UE sulla valutazione delle norme in materia di fatturazione

Tema

Argomento

Riduzione delle tariffe INAIL per gli artigiani Credito d’imposta Formazione 4.0 Stanziamento risorse per investimenti pubblici

INCONTRI DI NETWORKING CON I PARLAMENTARI

Nell’ambito dell’attività di lobbying e rappresentanza, Confartigianato ha avviato in questa legislatura incontri di networking e confronto con i Parlamentari eletti nelle diverse Regioni con il fine di far conoscere le priorità dell’artigianato e della piccola impresa. Agli incontri hanno partecipato i vertici di Confartigianato nazionale e delle Associazioni territoriali della regione di riferimento. I Parlamentari intervenuti hanno ribadito l’impegno a sostenere le priorità dell’artigianato e delle piccole imprese nell’economia italiana, anche nell’ambito del dibattito parlamentare. Gli incontri si sono svolti presso la sede nazionale, per le regioni di Liguria e Sardegna, Piemonte e Marche.

3

incontri

74

81

partecipanti in totale

35

Parlamentari di Liguria e Sardegna

26

Parlamentari del Piemonte

20

Parlamentari delle Marche

Innalzamento soglia per affidamento diretto negli appalti Nuova Sabatini Proroga dell’ecobonus Misure per l’autotrasporto

75

Tema


CONFARTIGIANATO IMPRESE

BILANCIO SOCIALE 2018

O B I E T T I V I , AT T I V I TÀ , R I S U LTAT I

Prima della rendicontazione dettagliata, diamo evidenza di alcune delle schede infografiche sulle principali misure di interesse per gli artigiani e le micro e piccole imprese, contenute nella Manovra di Bilancio per il 2019.

76

77

3.2

RAPPRESENTANZA ISTITUZIONALE E LOBBYING


CONFARTIGIANATO IMPRESE

78

BILANCIO SOCIALE 2018

O B I E T T I V I , AT T I V I TÀ , R I S U LTAT I

79

3.2

RAPPRESENTANZA ISTITUZIONALE E LOBBYING


CONFARTIGIANATO IMPRESE

80

BILANCIO SOCIALE 2018


CONFARTIGIANATO IMPRESE

BILANCIO SOCIALE 2018

O B I E T T I V I , AT T I V I TÀ , R I S U LTAT I

3.2

RAPPRESENTANZA ISTITUZIONALE E LOBBYING

L’ATTIVITÀ DI CONFARTIGIANATO IN EUROPA SME UNITED

GIURI-GRUPPO INFORMALE UFFICI DI RAPPRESENTANZA ITALIANI PER LA RICERCA E L’INNOVAZIONE E LA PROGRAMMAZIONE EUROPEA

Nel 2018, Confartigianato ha partecipato a:

Nel 2018, Confartigianato ha partecipato a:

9

riunioni fra Board, Consiglio d’Amministrazione e Assemblea Generale di UEAPME - SME United che hanno, tra l’altro, condiviso e approvato i documenti e le posizioni relative alla Definizione PMI, alla Digitalizzazione nelle MPMI, al Memorandum per le elezioni 2019, alla campagna di comunicazione sul nuovo nome di Ueapme (SME United da novembre 2018) e sulle priorità per le MPMI in Europa.

17

riunioni di aggiornamento sugli sviluppi dei negoziati per il programma Horizon Europe (post Horizon 2020), per la definizione dei programmi di lavoro annuali Horizon 2020 e per la stesura di Position paper su Horizon Europe, Strumenti finanziari, Programma LIFE+ e Partenariati Pubblico-Privati e Pubblico-Pubblico.

3

riunioni ad hoc per la stesura del Memorandum per le elezioni 2019 e l’individuazione delle 10 priorità per le MPMI in Europa. Il Memorandum ha recepito le proposte di Confartigianato per la tutela degli interessi delle micro e piccole imprese e delle imprese artigiane.

3

riunioni che hanno portato alla stesura e alla firma del Manifesto per le PMI a difesa dello Strumento PMI in Horizon Europe, in particolar modo per il mantenimento delle tre fasi dello strumento

1

evento sul territorio (Cuneo 16 novembre 2018) organizzato nell’ambito della Settimana europea delle PMI su Il futuro dell’Europa: opportunità e priorità per le micro e PMI alla presenza del Presidente del Parlamento Europeo.

18

8

riunioni tra Commissioni, Working Group e Forum per la definizione e stesura delle posizioni sui temi di interesse delle MPMI. Nello specifico: • 3 riunioni della Commissione Affari Sociali • 1 riunione della Commissione Affari Legali • 1 riunione della Commissione Politiche d'Impresa • 3 riunioni della Commissione Affari economici e fiscali • 1 riunione della Commissione Sviluppo Sostenibile • 2 riunioni del Comitato Tecnico per la Libera Circolazione dei Lavoratori presso la Commissione Europea • 1 riunione del Working Group Digitale • 1 riunione del Working Group su Innovazione e Ricerca • 1 riunione del Working Group Fiscale • 1 riunione del Forum settoriale per l’alimentare • 1 riunione del Forum settoriale per le costruzioni • 2 riunioni del Forum settoriale per i trasporti riunioni del Permanent Delegate di SME United, teso a coordinare le attività di lobbying delle Organizzazioni aderenti che hanno un Ufficio a Bruxelles.

SISTEMA ITALIA Nel 2018, Confartigianato ha partecipato a:

12

riunioni di coordinamento in vista della Plenaria del Parlamento Europeo con il Sistema Italia a Bruxelles

82

INTERGRUPPO PMI DEL PARLAMENTO EUROPEO Nel 2018, Confartigianato ha partecipato a:

7

incontri dell’Intergruppo PMI del Parlamento Europeo sui diversi dossier di interesse (tra gli altri, il pacchetto merci, insolvenza e seconda opportunità, distacco dei lavoratori e ritardi di pagamento). Tale Intergruppo ha il fine di rafforzare le relazioni e le attività di coordinamento con le altre organizzazioni nazionali e europee di rappresentanza dell’artigianato e delle micro, piccole e medie imprese (MPMI).

DELEGAZIONI IN VISITA A BRUXELLES-STRASBURGO • Confartigianato Modena-LAPAM, con la partecipazione di 20 imprenditori e funzionari • Confartigianato Lecco, con la partecipazione di 17 imprenditori e funzionari • Confartigianato Como, con la partecipazione di 15 imprenditori e funzionari ALTRE ATTIVITÀ • Public Hearing CESE su politiche Ue a favore delle PMI– 8 febbraio presso il CNEL Confartigianato ha promosso, congiuntamente al Consiglio Economico e Sociale Europeo (CESE), un’audizione pubblica nell’ambito delle attività di verifica sul parere “Migliorare l’efficacia delle politiche dell’UE a favore delle PMI” adottato dal CESE nel luglio 2017. Al centro del dibattito anche la revisione della definizione di micro, piccola e media impresa, nell’ambito della Consultazione pubblica lanciata dalla Commissione Europea a febbraio 2018. Durante l'audizione, infine, è stato ribadito l’impegno comune nei confronti delle istituzioni europee affinché le indicazioni dello Small Business Act siano rapidamente attuate, in Italia e nell’Ue, con norme semplici, chiare, di diretta applicazione, proporzionali alla dimensione aziendale ed al settore di attività. • Intervento del delegato del Presidente per la Digitalizzazione, al workshop organizzato da SME United sull’adozione di nuove tecnologie produttive da parte delle PMI tradizionali con una buona pratica di innovazione. • Partecipazione di una componente della Giunta dei Giovani Imprenditori all’evento di 3 giorni organizzato dalla Commissione Europea sulla Politica commerciale europea e sulle opportunità per le imprese guidate da Giovani Imprenditori.

83


CONFARTIGIANATO IMPRESE

BILANCIO SOCIALE 2018

O B I E T T I V I , AT T I V I TÀ , R I S U LTAT I

3.3

RAPPRESENTANZA SINDACALE E CONTRATTAZIONE

3.3 RAPPRESENTANZA SINDACALE E CONTRAT TAZIONE UNA VISTA D’INSIEME Nell’ambito dell’attività di rappresentanza sindacale, Confartigianato stipula contratti

LE ATTIVITÀ

e accordi collettivi attinenti alla disciplina dei rapporti di lavoro e agli interessi generali

Per raggiungere gli obiettivi sopra citati Confartigianato, svolge le seguenti

delle imprese e dei soggetti rappresentati.

attività. • Coordina e presidia le riunioni della Commissione Sindacale Nazionale (9

In questo ambito, Confartigianato gestisce: • il rinnovo dei Contratti Collettivi Nazionali di Lavoro (CCNL) per i settori e le categorie dell’artigia-

riunioni nel 2018) per la corretta e piena attuazione delle linee confederali

nato e della piccola e media impresa;

11

CONTRATTI COLLETTIVI NAZIONALI DI LAVORO FIRMATI DA CONFARTIGIANATO, DI CUI 3 RINNOVATI/VIGENTI, 4 SCADUTI E 3 IN CORSO DI RINNOVO

799.335

LA PLATEA POTENZIALE DELLE IMPRESE CON DIPENDENTI A CUI SI APPLICANO I CCNL FIRMATI

3,5 milioni

I LAVORATORI POTENZIALMENTE RIENTRANTI NEL CAMPO DI APPLICAZIONE DEI CCNL FIRMATI, DI CUI 33,4% ARTIGIANI

84

di politica sindacale e contrattuale da parte del Sistema.

• le trattative interconfederali nazionali con Cgil, Cisl e Uil in materia di lavoro, formazione, previ-

• Redige circolari informative, interpretative e di supporto su tematiche di

denza, sicurezza e bilateralità.

interesse sindacale, contrattazione, bilateralità, San.Arti etc. (16 circolari pubblicate), risponde a quesiti e supporta le attività dei Servizi sindacali e paghe delle Strutture Associative territoriali.

GLI OBIETTIVI DELLA CONTRATTAZIONE • Definire l’architettura del sistema di contrattazione e delle relazioni sindacali del comparto trami-

• Svolge attività propedeutica e gestione delle riunioni sindacali per il rin-

te accordi interconfederali con Cgil, Cisl, Uil e le altre Parti datoriali di settore.

novo dei Contratti Collettivi, in assistenza alle Federazioni di Categoria, par-

• Gestire i negoziati per il rinnovo dei CCNL dell’artigianato e delle piccole medie imprese rappre-

tecipa alle riunioni sindacali con le Confederazioni sindacali sulle tematiche

sentate (68 riunioni), prestando assistenza alle Federazioni di Categoria titolari della contrattazione,

relative a bilateralità, modello contrattuale, rappresentanza-rappresentati-

curando l’interlocuzione con le altre Organizzazioni Datoriali e con le Organizzazioni Sindacali dei

vità, premi di risultato e detassazione.

lavoratori a livello di Categoria.

• Partecipa alle sessioni di lavoro degli organismi tecnici di indirizzo dell’at-

• Svolgere attività di interpretazione e applicazione dei CCNL a favore delle Strutture Associative

tività di rappresentanza sindacale in ambito europeo.

territoriali, curandone il coordinamento con il quadro legislativo in materia lavoristica, sindacale e

• Partecipa ai momenti di confronto, che si svolgono a livello nazionale e in-

previdenziale. • Monitorare l’attività di produzione legislativa - nazionale ed europea - sulle materie di competenza,

ternazionale, tra parti sociali e Organismi Governativi sulla produzione legislativa internazionale dell’Organizzazione Internazionale del Lavoro (OIL).

proponendo specifiche proposte di modifica. 85


CONFARTIGIANATO IMPRESE

BILANCIO SOCIALE 2018

IL QUADRO DELLA CONTRATTAZIONE 2018

Imprese con dipendenti

Dipendenti

% dip. Artigiani

Area Meccanica

Artigianato dei Settori Metalmeccanica, Installazione d’Impianti, Orafo e Odontotecnica e PMI del Settore Odontotecnica (<250 add.)

121.000

438.364

96,4

Edilizia

Artigianato e PMI (<250add.)

131.495

456.491

34,1

217.103

609.908

24,2

21.993 5.431

111.597 28.287

100,0 100,0

Alimentaristi – Panificazione Area Tessile - Moda Area Chimica - Ceramica

Artigianato e PMI (<250 add.) Artigianato Artigianato

Servizi di Pulizia

Artigianato

9.870

46.083

100,0

Area Comunicazione

Artigianato e PMI (<250 add.)

76.970

502.652

7,7

Area Legno - Lapidei

Artigianato e PMI (<250 add.)

31.021

220.476

31,6

Acconciatura, Estetica, Tricologia Artigianato e PMI (<250 add.) non curativa, Tatuaggio e Piercing

74.385

199.899

48,9

Tessile Abbigliamento Calzaturiero*

PMI (<250 add.) escl. artigianato

Chimica-Ceramica*

PI (< 50 add.) escl. artigianato

Decorazione di Piastrelle in Terzo Fuoco *

Artigianato e PMI (<250 add.)

Autotrasporto merci e logistica**

Artigianato e altre tipologie di impresa

Agenti e Rappresentanti di commercio di riferimento dell’artigianato *** TOTALE

22.807

301.959

-

48.056

604.538

9,5

39.205

-

-

799.335

3.520.254

33,4%

Stato del contratto al 31.12.2018 Rinnovato / Vigente

Scaduto

In corso di rinnovo

 

 

 

AREA LEGNO LAPIDEI

AREA MECCANICA

Con gli accordi di rinnovo di questi CCNL, anche nel 2018, sono state definite

dicembre 2015 e riguarda i lavoratori dipendenti delle imprese artigiane e

le nuove norme contrattuali in materia di mercato del lavoro che attuano

le piccole e medie imprese dei Settori Legno, Arredo, Mobili, Escavazione e

le riforme del Jobs Act (contratto a termine, apprendistato, part-time) e si

lavorazione dei Materiali Lapidei.

ro, recepire gli accordi sulla bilateralità, definire l’adeguamento salariale

ti sul piano della rappresentanza: essa infatti è stata estesa anche alle im-

e ampliare, in alcuni casi, la sfera di applicazione del CCNL.

prese che svolgono Servizi di Onoranze Funebri.

I rinnovi contrattuali sono stati realizzati in aderenza agli indirizzi genera-

• Il 24 aprile 2018 è stata sottoscritta l’ipotesi per il rinnovo del CCNL Area

li in materia, stabiliti nell’accordo interconfederale del 23 novembre 2016 sul

Meccanica. L’intesa ha rinnovato il CCNL scaduto il 31 dicembre 2012. La

nuovo modello contrattuale del comparto.

sfera di applicazione contrattuale si è ampliata con l’inclusione della Mec-

I CCNL rinnovati sono sempre più orientati a definire gli standard normati-

catronica e i Montatori delle Opere Provvisionali (cd. Ponteggi). L’accordo

vi e salariali, lasciando alla contrattazione di II Livello la regolamentazione

di rinnovo ha concluso una lunga e complessa vicenda negoziale.

 

 

   

AREA COMUNICAZIONE

La nuova sfera di applicazione contrattuale segna un ulteriore passo avan-

 

3 Contratti Collettivi Nazionali di Lavoro rinnovati nel 2018

è intervenuto per rendere più flessibile l’organizzazione dell’orario di lavo-

Elaborazione Ufficio Studi Confartigianato su dati Direzione Relazioni Sindacali e Istat-ASIA Note - I dati fanno riferimento all’anno 2016 e alle imprese attive; valore assoluto e incidenza %. Perimetrazione basata su gruppi (3 digit), Ateco 2007. I dati relativi a piccole imprese (<50 add.) e piccole e medie imprese (<250 add.) non artigiane sono stimati. I dati riportati nella suddetta elaborazione non risultano confrontabili, per l’utilizzo di una procedura di analisi più affinata, con perimetrazioni antecedenti al 2017. (*) Settori accorpati in un unico CCNL a partire dal 2017. (**) L’ambito di applicazione della sezione artigiana del CCNL è stato esteso anche alle aziende associate non artigiane. (***) Occupati indipendenti del gruppo Ateco 2007 (3 digit) “46.1-Intermediari del commercio” valutati in ragione del peso dell’artigianato sul sistema delle imprese.

86

RAPPRESENTANZA SINDACALE E CONTRATTAZIONE

LA CONTRATTAZIONE NAZIONALE DI CATEGORIA Ambito di applicazione potenziale del CCNL

Artigianato e PI (fino a 15 add.)

3.3

O B I E T T I V I , AT T I V I TÀ , R I S U LTAT I

della produttività e delle principali flessibilità e - pur salvaguardando le spe-

L’attività contrattuale nel corso dell’anno è stata contrassegnata dalla sotto-

cificità settoriali - procedendo verso una maggiore uniformità dei contenuti.

scrizione, in data 18 luglio 2018, dell’accordo per la regolamentazione dei

In particolare:

rapporti di lavoro dei lavoratori che effettuano attività di presa e consegna

• Il 27 febbraio 2018 è stata sottoscritta l’ipotesi di accordo per il rinnovo del

di merci con Cicli, Ciclomotori e Motocicli (c.d. Rider o Ciclofattorini). L’inte-

CCNL Area Comunicazione, scaduto il 31 dicembre 2015. Il 3 dicembre 2018, è stata sottoscritta la stesura definitiva di questo CCNL

sa dà attuazione allo specifico impegno assunto dalle parti con l’accordo di rinnovo del 3 dicembre 2017 e pertanto estende a questi lavoratori la disci-

nell’ambito della quale è stata prevista una normativa specifica per l’assun-

plina del CCNL Autotrasporto merci, Logistica e Spedizione.

zione di lavoratori stagionali, che offre alle imprese soluzioni di maggiore

Nel corso del 2018 sono altresì proseguiti i negoziati per i rinnovi dei se-

flessibilità, nell’ambito dell’autonomia contrattuale prevista dalle norme

guenti CCNL scaduti:

del Decreto Dignità (D.L. 12 luglio 2018, n. 87).

• Acconciatura, Estetica, Tricologia non curativa, Tatuaggio e Piercing;

• In data 13 marzo 2018 è stata sottoscritta l’ipotesi di accordo per il rinnovo del CCNL Area Legno Lapidei. L’intesa ha rinnovato il CCNL scaduto il 31 87

• Servizi di Pulizia; • Edilizia.


CONFARTIGIANATO IMPRESE

BILANCIO SOCIALE 2018

O B I E T T I V I , AT T I V I TÀ , R I S U LTAT I

3.4 I RISULTATI DELL’AZIONE DI CONFARTIGIANATO PER TEMI CHIAVE LA CONTRATTAZIONE INTERCONFEDERALE

Nelle pagine che seguono, si presenta nel dettaglio la rendicontazione di

Per l’ambito di intervento che riguarda Attività e Servizi, le attività svolte sono

azioni e risultati di Confartigianato Nazionale, delle Federazioni di Categoria

raggruppate in 5 tipologie:

A Livello Interconfederale è proseguito il confronto negoziale per l’attua-

e di Confartigianato Persone, articolata sui 7 temi chiave e organizzata nei

• Informazione e comunicazione;

zione degli Accordi Interconfederali sul Modello contrattuale e su Rappre-

2 ambiti di intervento (Rappresentanza e attività e servizi per i soggetti del

• Consulenza;

sentanza/ Rappresentatività sottoscritti il 23 novembre 2016.

sistema Confartigianato, le imprese e le persone).

• Formazione;

Si tratta degli accordi che definiscono il modello di rappresentanza, le nuove

In particolare, per l’ambito di intervento che riguarda la Rappresentanza

• Progetti, iniziative ed eventi;

regole del sistema contrattuale e di relazioni sindacali.

vengono esplicitati:

• Accordi e convenzioni.

Il 1° febbraio 2018 è stato sottoscritto l’Accordo Interconfederale in materia

• obiettivi;

di Apprendistato per la qualifica e il diploma professionale, per il diploma

• partecipazione a tavoli e organismi esterni;

Infine, per dare evidenza alla forte integrazione tra l’azione della Confedera-

di istruzione tecnica e l’apprendistato di alta formazione e ricerca (I e III

• interventi a iniziative e seminari;

zione e quella delle Federazioni di Categorie:

Livello) di cui agli art. 43 e 45 del D.lgs. 81/2015. L’Accordo fa salve le intese

• audizioni;

• nella rendicontazione delle attività della Confederazione, ciascuna attività

precedentemente sottoscritte a livello regionale e nelle Provincie autonome

• azioni realizzate;

di Trento e Bolzano.

• risultati raggiunti “I nostri risultati 2018”;

L’accordo ha definito un quadro di riferimento nazionale per l’assunzione

• risultati attesi, per cui Confartigianato sta lavorando “Stiamo lavo-

con contratto di apprendistato di I e III Livello, consentendo anche di raccordarsi alla sperimentazione sul Sistema duale avviata dal Ministero del Lavoro e dalle Regioni nel 2015/2016 e definitivamente messa a regime con la

rando per…;” • risultati ottenuti nel 2018 su cui la Confederazione stava lavorando nel 2017.

Legge di Bilancio 2018 che ha previsto risorse stabili per il finanziamento dei percorsi formativi relativi ai contratti di apprendistato di I Livello e per gli incentivi di cui all’art. 32, comma 1, del D.Lgs. n. 150/2015.

88

89

è collegata oltre che ai temi chiave, anche alle categorie interessate • nella rendicontazione delle attività delle Federazioni di Categoria, ciascuna attività è collegate ai temi intercettati.


CONFARTIGIANATO IMPRESE

BILANCIO SOCIALE 2018

O B I E T T I V I , AT T I V I TÀ , R I S U LTAT I

3.4.1 L’AZIONE DI CONFARTIGIANATO IMPRESE NAZIONALE PER TEMI CHIAVE

TEMI CHIAVE

3.4

I RISULTATI DELL’AZIONE PER TEMI CHIAVE

FISCO Rappresentanza istituzionale e lobbying Tutelare la liquidità delle imprese, sempre più aggredita da norme finalizzate al contrasto dell’evasione ////////////////////////////////////////////////

TUTTE LE FATTURAZIONE ELETTRONICA CATEGORIE E CONTRASTO ALLE FRODI IVA L’obbligo generalizzato di fatturazione elettronica dal 2019 consente all’Amministrazione finanziaria la possibilità di realizzare maggiori e più tempestivi controlli per ridurre o eliminare l’evasione e le frodi in ambito IVA. Ciò rende necessario abrogare tutti quegli strumenti o meccanismi che il legislatore ha introdotto negli ultimi anni per la medesima finalità antifrode e che hanno prodotto pesanti ripercussioni sulla liquidità delle imprese. STIAMO LAVORANDO PER...

/////////////////////////////////////////

• Ottenere l’abrogazione dello split payment e del “reverse charge” applicato al settore edile. • Incrementare a 50.000 euro il limite da cui scatta l’obbligo di apposizione del visto di conformità per la compensazione di crediti IVA. • Ridurre al 4% la ritenuta sui bonifici (oggi stabilita nella misura dell’8%) relativi a spese che concedono detrazioni fiscali. • Eliminare la comunicazione delle liquidazioni periodiche IVA.

91

TUTTE LE COMPENSAZIONE CATEGORIE DEI CREDITI TRIBUTARI Il limite di 5.000 euro per le compensazioni orizzontali è troppo penalizzante e ingiustificato rispetto alla finalità antifrode. I NOSTRI RISULTATI 2018 • Ottenuta dall’Agenzia delle Entrate la conferma che la soglia di 5.000 euro deve essere considerata distintamente in sede di compensazione del credito IVA annuale rispetto alla compensazione dei crediti infrannuali. Il rischio di una diversa interpretazione era l’estensione, anche alle compensazioni, del principio del “plafond unico” vigente per i rimborsi, ma per i quali la soglia è più elevata e fissata a 30.000 euro. STIAMO LAVORANDO PER...

/////////////////////////////////////////

• Innalzare la soglia di compensazione a 50.000 euro. Abbandonata la scelta di ripristinare il previgente limite di 15.000 euro in considerazione del nuovo quadro normativo. • Proposto un emendamento finalizzato a concedere ai contribuenti un congruo termine per poter eseguire i versamenti, qualora, in virtù del potere dell’Amministrazione di sospendere dall’anno 2018 gli F24 con compensazioni di crediti con profili di rischio, la delega non superi i controlli e la compensazione non risulti possibile.


CONFARTIGIANATO IMPRESE

BILANCIO SOCIALE 2018

O B I E T T I V I , AT T I V I TÀ , R I S U LTAT I

3.4

I RISULTATI DELL’AZIONE PER TEMI CHIAVE

FISCO Rappresentanza istituzionale e lobbying TUTTE LE CATEGORIE Il meccanismo di scissione dei pagamenti, con il quale dal 2015 la PA “allargata” versa l’IVA direttamente all'Erario e non al fornitore, ha causato alle imprese gravi problematiche in termini di perdita di liquidità a causa della formazione di crediti IVA strutturali.

SPLIT PAYMENT

STIAMO LAVORANDO PER...

/////////////////////////////////////////

Continuare nel richiedere l’abrogazione del meccanismo, con azioni sia a livello europeo che nazionale: • a livello europeo, a febbraio 2018, la Confederazione ha supportato Confartigianato Edilizia nell’attività finalizzata all’abrogazione dello split payment. • A livello nazionale, la Confederazione prosegue nell’obiettivo di pervenire all’abrogazione dello split, perchè: • il contrasto alle frodi è già di per sé realizzato con l’obbligo di fatturazione elettronica dal 2019; • altre categorie di soggetti (professionisti), sono stati nuovamente esclusi dal meccanismo per il fatto di percepire compensi soggetti a ritenuta; • nonostante la Confederazione avesse ottenuto una norma finalizzata ad evitare la formazione di crediti IVA in capo al Consorzio (attraverso l’applicazione del reverse charge ai servizi resi dalle imprese consorziate nei confronti del Consorzio che opera in split), la Commissione Europea ha negato l’autorizzazione (COM(2018)484final rilasciata il 21 giugno 2018) che avrebbe dovuto rendere efficace tale disposizione.

92

TUTTE LE ACCONTO IRPEF PER CATEGORIE I SOGGETTI IN FASE DI START-UP I soggetti che iniziano l’attività, nel primo anno, pagano le imposte interamente a saldo, con la conseguenza di dover versare contestualmente anche l’acconto, facendo emergere gravi problemi di liquidità già nella fase di start-up. STIAMO LAVORANDO PER...

TUTTE LE TEMPI PER LA CATEGORIE DETRAZIONE DELL’IVA A seguito di modifiche normative intervenute nel corso del 2017, si è verificata la riduzione del termine massimo di esercizio della detrazione dell’IVA (stabilito in due anni), fissandolo, al più tardi, alla data di presentazione della dichiarazione IVA relativa all’anno in cui il diritto alla detrazione è sorto.

/////////////////////////////////////////

• Ridurre la misura dell’acconto IRPEF per i soggetti che iniziano l’attività, prevedendone un incremento graduale, di anno in anno, per un periodo di 4 anni. La proposta riguarda anche i soggetti che transitano dal regime forfettario a quello ordinario di determinazione del reddito. EDILIZIA RITENUTA SUI BONIFICI IMPIANTI PER LE SPESE CHE CONCEDONO DETRAZIONI FISCALI La ritenuta prevede a oggi un’aliquota pari all’8%. Per la tracciabilità dei flussi dei ricavi delle imprese, nella logica del contrasto all’evasione, è sufficiente un’aliquota minima. STIAMO LAVORANDO PER...

/////////////////////////////////////////

• Ridurre della metà la ritenuta, passando dall’8% al 4%.

I NOSTRI RISULTATI 2018 • Ottenuta dall’Agenzia delle Entrate un’interpretazione che garantisce il rispetto della neutralità dell’IVA. Con la circolare n. 1/E/2018, è stato allineato il termine per la registrazione delle fatture di acquisto e quello per la detrazione, riconoscendo di fatto un termine più lungo per l’esercizio di tale ultimo diritto. OBIETTIVO 2017

Rendere omogenea la tassazione, indipendentemente dalla forma giuridica dell’impresa. Favorire la capitalizzazione delle imprese individuali e delle società di persone ////////////////////////////////////////////////

RAGGIUNTO NEL 2018!

TUTTE LE RIPORTO DELLE PERDITE PER I SOGGETTI IRPEF CATEGORIE IN CONTABILITÀ SEMPLIFICATA – PIENA ATTUAZIONE DEL REGIME DI CASSA Confartigianato si è attivata per modificare la disciplina fiscale sul riporto delle perdite di esercizio affinchè venisse riconosciuta ai soggetti IRPEF, a prescindere dal tipo di contabilità adottato, la possibilità di riporto illimitato delle perdite ai fini della determinazione del reddito d’impresa, risolvendo la criticità della maggior volatilità del reddito d’esercizio determinata dal venir meno della contabilizzazione delle rimanenze di fine anno. I NOSTRI RISULTATI 2018 • Introdotta la modifica normativa, nel testo proposto dalla Confederazione, che consente il riporto delle perdite dei sog-

getti Irpef (ditte individuali e società di persone) uniformandolo a quello delle società di capitali e garantendo la possibilità di un concreto utilizzo del regime di cassa. Il risultato è stato ottenuto attraverso una costante pressione effettuata nei confronti di tutti i livelli istituzionali, evidenziando come l’introduzione del regime di cassa senza la riforma del riporto delle perdite, avrebbe fortemente penalizzato le imprese più piccole nel primo anno di applicazione del regime. • È stata totalmente accolta inoltre la proposta di Confartigianato di riconoscere l’applicazione del riporto illimitato anche per le perdite del 2017. La richiesta era motivata dal ritardo con cui il riporto illimitato è stato concesso (Legge di bilancio 2019) rispetto all’introduzione del regime di cassa (2017). Ciò ha consentito a tutte le imprese in contabilità semplificata di compensare, sebbene entro certi limiti, le perdite emerse a seguito del nuovo regime naturale, ma con possibilità di riportare sine die l’eccedenza. OBIETTIVI 2017

• Ottenuta l’inapplicabilità delle sanzioni per eventuali comportamenti difformi tenuti nella liquidazione periodica verificatasi entro il 16 gennaio 2018 e confermata la possibilità di presentare, entro il quinquennio, la dichiarazione integrativa per il recupero dell’imposta non detratta.

RAGGIUNTI NEL 2018!

TUTTE LE CATEGORIE In sostituzione dell’IRI, continuamente prorogata e mai entrata in vigore, e dell’ACE è stata introdotta una nuova e articolata misura che riduce di 9 punti la tassazione IRES/IRPEF del reddito corrispondente agli utili reinvestiti per l’acquisizione di beni materiali strumentali e per l’incremento dell’occupazione.

TASSAZIONE AGEVOLATA UTILI REINVESTITI

STIAMO LAVORANDO PER...

/////////////////////////////////////////

• Consentire la fruizione dell’agevolazione anche alle imprese in contabilità semplificata, senza la necessità di ricostruire parallelamente la contabilità dalla cui tenuta, per le stesse regole del regime che applicano, sono esonerate. 93


CONFARTIGIANATO IMPRESE

BILANCIO SOCIALE 2018

O B I E T T I V I , AT T I V I TÀ , R I S U LTAT I

3.4

I RISULTATI DELL’AZIONE PER TEMI CHIAVE

FISCO Rappresentanza istituzionale e lobbying Semplificare e ridurre gli adempimenti dei contribuenti per contenere i costi burocratici delle imprese ////////////////////////////////////////////////

TUTTE LE LA SEMPLIFICAZIONE CATEGORIE “DI SISTEMA” Le continue modifiche alla normativa fiscale, spesso effettuate in modo non sistematico, rendono complessa sia la corretta informazione degli operatori che l’esecuzione degli adempimenti stessi. STIAMO LAVORANDO PER...

/////////////////////////////////////////

Avviare una riforma di semplificazione complessiva per: • riordinare in testi unici tutte le disposizioni fiscali per tipologia di soggetto e dare stabilità alle disposizioni stesse, senza modifiche continue; • rendere “costituzionale” lo Statuto del contribuente, evitando effetti retroattivi delle norme tributarie; • impedire che in nome dei necessari controlli fiscali si incrementino gli oneri burocratici delle imprese; • introdurre una valutazione di efficacia, in termini di recupero d’evasione, dei diversi provvedimenti che creano adempimenti fiscali; • abrogare adempimenti fiscali o meccanismi non più necessari a seguito dell’introduzione della fatturazione elettronica; • unificare i tributi locali IMU e TASI in un unico tributo.

94

TUTTE LE CATEGORIE L’adempimento consiste nell’elaborazione e presentazione dei modelli riepilogativi delle operazioni intracomunitarie di acquisto di beni e servizi. Operative dal 2018 le semplificazioni che hanno ridotto in modo significativo la platea dei soggetti interessati.

INTRASTAT ACQUISTI

I NOSTRI RISULTATI 2018 • Ridotta la platea dei soggetti obbligati alla presentazione dei modelli INTRASTAT, attraverso l’innalzamento della soglia minima oltre la quale l’adempimento deve essere eseguito. Il risultato è stato ottenuto a seguito di incontri nell’ambito del Tavolo istituzionale. • Semplificato l’adempimento, in considerazione delle informazioni acquisite dall’Amministrazione tramite le comunicazioni dati fatture e fatture elettroniche. OBIETTIVO 2017

RAGGIUNTO NEL 2018!

TUTTE LE COMUNICAZIONE CATEGORIE DATI FATTURE L’adempimento sarà eliminato con l’introduzione della fatturazione elettronica dal 2019. I NOSTRI RISULTATI 2018 • Slittamento al 6 aprile 2018 della scadenza in precedenza fissata al 28 febbraio 2018, relativa alla comunicazione dati fatture 2° semestre 2017, per dare modo agli operatori di recepire le novità e semplificazioni introdotte con la manovra fiscale – legge di stabilità 2018 (comunicato stampa 23/1/2018 e provvedimento prot. 29190 del 5/2/2018). STIAMO LAVORANDO PER...

/////////////////////////////////////////

• Rendere ufficiale l’interpretazione secondo cui il credito d’imposta di 100 euro per il ristorno dei maggiori costi per l’adeguamento tecnologico necessario per la trasmissione della comunicazione dati fatture e delle liquidazioni periodiche IVA, spetti anche nel caso di sostenimento “indiretto” del costo per il servizio prestato da un intermediario. 2.400.000 contribuenti interessati dall’intervento. Si continua a sollecitare l’Agenzia delle Entrate per l’ottenimento di una precisazione ufficiale.

95

EDILIZIA IMPIANTI L’individuazione dell’aliquota IVA da applicare sui “beni significativi” (caldaie, infissi, etc.) ha creato problemi oltre che un notevole contenzioso. Confartigianato si è attivata con l’Agenzia delle Entrate per ottenere chiarimenti ed evidenziare le difficoltà interpretative degli operatori.

IVA SU BENI SIGNIFICATIVI

I NOSTRI RISULTATI 2018 • Ufficializzata - in un documento di prassi - l’interpretazione sostenuta da Confartigianato sulla individuazione delle componenti/parti staccate che con maggiore frequenza hanno sollevato dubbi: è il caso delle tapparelle, inferriate, zanzariere, che non costituiscono “infissi” al fine di escluderle dalla limitazione prevista per i beni significativi sulla determinazione della base imponibile con aliquota IVA del 10% (circolare n. 15 del 12 luglio 2018). • Ottenuto, su richiesta di Confartigianato, l’inserimento nella circolare di una importante precisazione sul contenuto della sanatoria prevista dalla norma di interpretazione autentica, che di fatto ha una portata molto ampia, ricomprendendovi tutti i comportamenti difformi tenuti dai contribuenti fino al 31 dicembre 2017, compresi quelli relativi alla erronea determinazione del valore dei beni, invitando espressamente gli uffici ad abbandonare il contenzioso non definitivo. Molti uffici, infatti, nonostante l’introduzione della norma interpretativa con la legge di bilancio 2018, resistevano nella chiusura dei contenziosi in materia ancora aperti.


CONFARTIGIANATO IMPRESE

BILANCIO SOCIALE 2018

O B I E T T I V I , AT T I V I TÀ , R I S U LTAT I

3.4

I RISULTATI DELL’AZIONE PER TEMI CHIAVE

FISCO Rappresentanza istituzionale e lobbying Ridurre la pressione tributaria a favore della competitività delle imprese ////////////////////////////////////////////////

TUTTE LE CATEGORIE Ampliare la platea dei soggetti che possono fruire del regime fiscale forfetario, con una imposta del 15%, anche prevedendo condizioni di accesso semplificate

REGIME FORFETTARIO

I NOSTRI RISULTATI 2018 • Estensione del regime forfetario ai contribuenti persone fisiche esercenti attività d’impresa, arti o professioni che hanno conseguito ricavi o compensi fino ad un massimo di 65.000 euro. • Eliminati gli ulteriori limiti previsti in relazione al lavoro dipendente e all’acquisizione di beni strumentali. • Migliore formulazione delle cause di esclusione dal regime. STIAMO LAVORANDO PER...

/////////////////////////////////////////

• La Confederazione ha individuato le criticità che potrebbero sorgere in sede di applicazione delle nuove regole, in relazione ai soggetti che, in virtù del limite più ampio, potrebbero rientrare nel regime forfetario. Si è attivata con l’Agenzia delle Entrate per ottenere indicazioni operative, soprattutto in relazione alla validità delle opzioni espresse.

REGIME SUPER SEMPLIFICATO PER CONTRIBUENTI SINO A 100.000 EURO DI VOLUME D’AFFARI

TUTTE LE CATEGORIE

Prevedere un regime di favore per i soggetti più strutturati rispetto ai forfetari, con ricavi o compensi compresi tra 65.000 e 100.000 euro: regime facoltativo, con aliquota del 20% sui redditi di impresa o di lavoro autonomo, determinati nei modi ordinari. I NOSTRI RISULTATI 2018 • Il regime è stato introdotto con la Legge di Bilancio per il 2019, ma avrà effetti dal 2020.

TUTTE LE IMU SU IMMOBILI CATEGORIE STRUMENTALI ALL’ESERCIZIO DELL’ATTIVITÀ ECONOMICA Rendere totalmente deducibile l’IMU sugli immobili strumentali, finora consentita solo nella misura limitata del 20%. I NOSTRI RISULTATI 2018 • Raddoppiata (dal 20% al 40%) la deducibilità dell’IMU corrisposta sugli immobili strumentali ai fini delle imposte dirette, in sede di determinazione del reddito d’impresa e di lavoro autonomo (Legge di Bilancio per il 2019). OBIETTIVO 2017

RAGGIUNTO NEL 2018!

STIAMO LAVORANDO PER...

/////////////////////////////////////////

• Prosegue l’attività della Confederazione al fine di pervenire ad una totale deducibilità dal reddito d’impresa, nonché dal reddito di lavoro autonomo, dell’IMU corrisposta sugli immobili strumentali all’esercizio dell’attività economica.

TUTTE LE SUPER E IPER CATEGORIE AMMORTAMENTO Con la legge di Bilancio 2019, il Governo ha proposto la proroga al 2019 del solo iper ammortamento. Nessuna proroga è stata prevista, invece, per il super ammortamento. I NOSTRI RISULTATI 2018 • Ottenuta la proroga, anche per il 2019, dell’iper ammortamento. L’agevolazione è stata rimodulata consentendo alle imprese che realizzano investimenti di minor volume di fruire di un beneficio più intenso (pari al 170%, rispetto al previgente 130%). STIAMO LAVORANDO PER...

/////////////////////////////////////////

• Confartigianato si è attivata per ottenere la proroga del superammortamento.

TUTTE LE ESTROMISSIONE AGEVOLATA CATEGORIE DELL’IMMOBILE POSSEDUTO DALL’IMPRENDITORE INDIVIDUALE È stata introdotta, con la legge di Bilancio 2019, la possibilità per gli imprenditori individuali di escludere dal patrimonio dell’impresa i beni immobili strumentali, mediante il pagamento di un’imposta sostitutiva. I NOSTRI RISULTATI 2018 • Ottenuta l’estromissione agevolata con riferimento ai beni posseduti dagli imprenditori individuali al 31 ottobre 2018. TUTTE LE RIVALUTAZIONE BENI CATEGORIE D’IMPRESA E DEI TERRENI E PARTECIPAZIONI NON POSSEDUTI NELL’AMBITO D’IMPRESA Prevista la possibilità di rivalutazione dei beni, terreni e partecipazioni, sia posseduti nell’ambito d’impresa che da persone fisiche non imprenditori mediante il pagamento di imposte sostitutive, consentendo, quindi, di ridurre la tassazione di plusvalenze in sede di una eventuale futura cessione. I NOSTRI RISULTATI 2018 • Introdotta la facoltà di accedere alle diverse forme di rivalutazione (beni d’impresa, terreni e partecipazioni) con la Legge di Bilancio per il 2019.

96

97


CONFARTIGIANATO IMPRESE

BILANCIO SOCIALE 2018

O B I E T T I V I , AT T I V I TÀ , R I S U LTAT I

3.4

I RISULTATI DELL’AZIONE PER TEMI CHIAVE

FISCO Rappresentanza istituzionale e lobbying TUTTE LE BLOCCO AUMENTI CATEGORIE TRIBUTI LOCALI Con la legge di Bilancio 2019 non è stata riproposta la disciplina del blocco, in vigore dal 2016, degli aumenti dei tributi locali. STIAMO LAVORANDO PER...

/////////////////////////////////////////

• Reintrodurre il blocco degli aumenti della tassazione locale, prevedendo che non vengano superati i livelli del 2015. TUTTE LE CATEGORIE

IRAP, INNALZAMENTO DELLA FRANCHIGIA L’incremento delle deduzioni dalla base imponibile IRAP consente di ridurre l’imposizione sulle piccole imprese prive di dipendenti. STIAMO LAVORANDO PER...

/////////////////////////////////////////

• Innalzare ulteriormente la franchigia IRAP a favore delle imprese di piccole dimensioni, al fine di bilanciare l’intervento introdotto con la Legge di stabilità 2015 che ha comportato l’integrale deduzione dalla base imponibile IRAP del costo del lavoro a tempo indeterminato e che non ha comportato benefici per le imprese che non impiegano dipendenti o collaboratori (il 70% del totale delle aziende italiane).

98

TUTTE LE CATEGORIE Rinviare l’incremento delle aliquote IVA, altrimenti in vigore, al fine di evitare una riduzione dei consumi che si ripercuoterebbe in modo negativo sulle imprese.

STERILIZZAZIONE ALIQUOTE IVA

I NOSTRI RISULTATI 2018 • Evitato l’incremento delle aliquote IVA ordinaria (22%) e ridotta (10%), salvaguardando i consumi degli utilizzatori finali e la domanda alle imprese.

Garantire il graduale accesso della piccola impresa a nuovi processi digitali finanziariamente sostenibili ////////////////////////////////////////////////////

EDILIZIA, IMPIANTI AGEVOLAZIONI FISCALI PER INTERVENTI DI RISTRUTTURAZIONE, IMPRESE DEL VERDE RIQUALIFICAZIONE E SICUREZZA SISMICA Proposta la proroga di alcuni incentivi in scadenza, efficaci per il sostenimento della domanda nel settore edile. I NOSTRI RISULTATI 2018 • Ottenuta la proroga, anche per il 2019, della detrazione sugli interventi di riqualificazione energetica alle stesse condizioni previste per il 2018. Continuano, quindi, ad essere maggiormente incentivati gli interventi più efficienti. • Nuova detrazione del 50% sull’acquisto e posa in opera di infrastrutture di ricarica (anche condominiali) dei veicoli alimentati ad energia elettrica. • Ottenuta la proroga della maggiore detrazione per interventi di ristrutturazione edilizia e acquisto mobili. • Ottenuta la proroga della detrazione per la sistemazione “a verde” di aree scoperte. STIAMO LAVORANDO PER...

/////////////////////////////////////////

• Incrementare il limite di spesa - ora fissato a 96.000 euro senza distinzione tra immobile abitativo e strumentale - per gli interventi relativi al sisma bonus in presenza di immobili adibiti ad attività produttive, visto che la loro messa in sicurezza presenta un onere maggiore rispetto agli interventi sugli immobili a uso abitativo.

TUTTE LE CATEGORIE L’entrata in vigore della FE dal 1° luglio 2018 per alcune categorie di contribuenti (cessione di benzina e gasolio, subappaltatori) ha reso necessario accelerare l’attività di formazione e informazione resa dalla Confederazione in vista del più generalizzato obbligo di fatturazione elettronica dal 1° gennaio 2019. Nell’ambito di un ristretto gruppo di lavoro confederale (Confattura), è stato analizzato il processo di fatturazione elettronica sotto l’aspetto normativo e tecnico dell’adempimento. Obiettivo del gruppo di lavoro è stato quello di far emergere le criticità per ricercare le migliori soluzioni operative. Alle riunioni hanno partecipato: • i vertici e i tecnici dell’Agenzia delle entrate per rispondere alle richieste di chiarimento sul processo in generale e sulla normativa, • le principali case di software per esporre le soluzioni informatiche che stavano apprestando, • i responsabili dell’ “Osservatorio FE” del Politecnico di Milano, per fornire un quadro più ampio del processo al fine di individuarne le potenzialità nell’organizzazione e l’ottenimento di risparmi di spese. Le problematiche emerse nel corso delle riunioni sono state presentate nel Forum sulla fatturazione elettronica, costituito nell’ambito del Ministero dell’Economia e finanze, a cui partecipano sia le principali organizzazioni di categoria, sia stakeholders della Pubblica Amministrazione.

FATTURAZIONE ELETTRONICA (F.E.)

99

I NOSTRI RISULTATI 2018 • Ufficializzate in documenti di prassi (circolari nn. 8 e 13/E/2018) e in FAQ dell’Agenzia delle entrate numerose soluzioni proposte dalla Confederazione, tutte caratterizzate da una semplificazione dell’adempimento. • Ottenuto un più ampio termine (10 giorni) entro cui emettere la fattura e trasmetterla a SDI. Il più ampio termine sarà operativo dal 1° luglio 2019, ma per il primo semestre sono state eliminate le sanzioni. • Ottenuta la non sanzionabilità se la FE è emessa con ritardo ma entro il termine di liquidazione periodica; riduzione della sanzione dell’80% se la FE è emessa con ritardo ma entro il periodo di liquidazione successivo. L’attenuazione delle sanzioni è applicabile per il primo semestre 2019, in considerazione del fatto che dal 1° luglio 2019 si avrà più tempo (10 giorni) per trasmettere la FE. • Ottenuto per il primo anno l’esonero da FE per alcune categorie di contribuenti già tenuti all’invio al sistema Tessera Sanitaria (es.: ottici). • Accolte semplificazioni in materia di registrazione e detrazione: per le fatture emesse, annotazione entro il giorno 15 del mese successivo a quello di effettuazione dell’operazione; eliminazione del numero di protocollo in sede di registrazione delle fatture di acquisto; accolta la possibilità di detrarre le fatture del mese precedente pervenute nel mese successivo e prima della liquidazione del relativo mese. STIAMO LAVORANDO PER...

/////////////////////////////////////////

• Prosegue l’attività di Confartigianato per garantire che il processo di FE sia semplice e non determini l’applicazione di sanzioni, in sede di avvio, nella misura in cui l’irregolarità non produca danni per l’Erario. • Accompagnare il processo di FE obbligatoria con concrete semplificazioni di adempimenti e l’abolizione di meccanismi introdotti per reprimere le frodi IVA.


CONFARTIGIANATO IMPRESE

BILANCIO SOCIALE 2018

O B I E T T I V I , AT T I V I TÀ , R I S U LTAT I

/////////////////////////////////////////

• Prorogare l’entrata in vigore della trasmissione telematica dei corrispettivi in modo uniforme al 1° gennaio 2020. • Incrementare il credito d’imposta per l’adeguamento tecnologico riconosciuto ai soggetti tenuti alla registrazione telematica dei corrispettivi, ritenuto troppo esiguo. • Individuare le categorie di contribuenti che potrebbero essere esonerate dall’obbligo di trasmissione telematica dei corrispettivi in considerazione della tipologia di attività esercitata.

100

I RISULTATI DELL’AZIONE PER TEMI CHIAVE

FISCO Rappresentanza istituzionale e lobbying

TUTTE LE TRASMISSIONE TELEMATICA CATEGORIE DEI CORRISPETTIVI È stato introdotto l’obbligo di trasmissione telematica dei corrispettivi dal 1° gennaio 2020, anticipato al 1° luglio 2019 per i soggetti con volume di affari superiore a 400.000 euro. STIAMO LAVORANDO PER...

3.4

Fornire osservazioni e proposte di modifica della Direttiva in materia di IVA con valutazioni dei possibili effetti sulle PMI e su regimi specifici per la piccola impresa ////////////////////////////////////////////////////

TUTTE LE CATEGORIE In tale contesto si è intervenuti nelle diverse sedi per rappresentare la posizione di Confartigianato: • Ueapme/SME United partecipando attivamente alla consultazione sul Position Paper sul Single EU VAT “Verso uno spazio unico europeo dell’IVA” e ponendo attenzione sulla necessità di evitare che le nuove norme provochino aumento di costi e oneri amministrativi in capo alle PMI e sulla difficoltà di individuare la corretta aliquota IVA applicata ai diversi Stati membri; • Dipartimento delle Finanze - partecipando alla consultazione pubblica del Dipartimento delle Finanze Su COM (2018) 20 - v. pag. 71 - e condividendo la possibilità offerta agli Stati membri di avere maggiore flessibilità nella determinazione delle aliquote IVA (anche ridefinendo il paniere di beni e servizi che beneficiano di aliquote ridotte ed esenzioni). Si condivide la proposta di un elenco negativo per i beni cui non può essere applicata l’aliquota ridotta, con la raccomandazione che l’individuazione di tali beni sia puntuale e che siano esclusi quelli che hanno un’elevata valenza a carattere sociale; • Ueapme/SME United partecipando attivamente alla consultazione sul Position Paper on VAT SME Scheme (Com (2018) 21 final) relativo al regime IVA specifico per le piccole imprese. In particolare condividendo la scelta di estensione del medesimo anche alle imprese in altri Stati membri per una migliore competitività delle piccole imprese, di innalzare le soglie ammissibili di esenzione a livello nazionale e di introdurre semplificazioni degli adempimenti per tutte le piccole imprese (sia per quelle che beneficiano della franchigia che per quelle che non ne beneficiano); • Ministero dell’Economia e delle Finanze in un incontro sullo stato dell’arte della proposte sul Single EU VAT a livello europeo.

IVA COMUNITARIA

101

STIAMO LAVORANDO PER...

/////////////////////////////////////////

• Modernizzare il regime IVA per il commercio elettronico (Pacchetto IVA elettronica) a partire dalla condivisione, integrata con osservazioni di Confartigianato, della posizione di UEAPME/ SME United espressa nel “Draft position paper on VAT for e-commerce”. • Evitare l’introduzione di un meccanismo generalizzato di inversione contabile, ipotesi contenuta nel Piano d’azione UE “Verso uno Spazio unico europeo dell’IVA”. • Evitare l’applicazione temporanea di un meccanismo di inversione contabile generalizzato nel settore dell’IVA, condividendo la posizione di contrarietà di UEAPME/ SME United espressa nel “Draft position paper on VAT Reverse charge mechanism” integrata con osservazioni. • Evitare, nell’ambito del regime speciale IVA per le PMI, l’introduzione di più dichiarazioni IVA da presentare nel corso dell’anno solare, in coerenza con il “Draft position paper on a specific scheme for Small Enterprises on VAT” di UEAPME/ SME United. • Sostenere, in relazione alle misure contenute nel pacchetto sulla modernizzazione dell’IVA per il commercio elettronico transfrontaliero da impresa a consumatore (B2C), la proposta di estensione dello sportello unico anche alle vendite a distanza intracomunitarie di beni materiali e servizi diversi da quelli elettronici nonché alle vendite a distanza di beni. Sostenuta anche l’introduzione di una soglia (10.000 euro) al di sotto della quale tali prestazioni restano imponibili ai fini IVA nello Stato membro di stabilimento delle imprese. • Rendere meno oneroso, nell’ambito dell’attuazione del Piano di azione IVA definito dalla Commissione Europea, il riconoscimento dello status di soggetto passivo autorizzato e adottare un sistema informativo che permetta di individuare agevolmente le aliquote IVA vigenti nel Paese di destinazione.


CONFARTIGIANATO IMPRESE

BILANCIO SOCIALE 2018

O B I E T T I V I , AT T I V I TÀ , R I S U LTAT I

FISCO Rappresentanza istituzionale e lobbying Superare lo strumento degli Studi di settore con l’introduzione degli Indicatori di affidabilità fiscale, per ridurre l’evasione e migliorare il rapporto fisco-contribuente //////////////////////////////////////////////////

NUOVI “INDICATORI SINTETICI DI AFFIDABILITÀ FISCALE” (ISA)

È proseguita l’attività, iniziata nel 2017, di predisposizione dei nuovi Indicatori di affidabilità fiscale (ISA) in sostituzione degli studi di settore. I NOSTRI RISULTATI 2018 • Istituiti gli ISA in sostituzione degli Studi di settore per la determinazione del livello di affidabilità fiscale dei singoli contribuenti a cui associare i benefici fiscali. • Presidiata l’elaborazione di 20 ISA in altrettante riunioni con la partecipazione di oltre 20 dirigenti artigiani in rappresentanza delle Categorie interessate. Sono stati espressi 16 pareri, con osservazioni, da parte delle Categorie (per la rendicontazione specifica vedi le singole categorie1). • Confermata per il 2018 l’applicazione di 152 ISA e di 23 ISA semplificati (in sostituzione dei parametri) su dichiarativi 2019. In particolare l’applicazione degli ISA, per il periodo di imposta 2018, avverrà senza l’utilizzo negli indicatori elementari di anomalia dei dati da banche dati esterne all’amministrazione finanziaria concernenti dati “non fiscali”. • Sono stati approvati: – gli interventi correttivi finalizzati all’applicazione degli studi di settore alle imprese in contabilità semplificata sulla base dei dati contabili dichiarati per “cassa” periodo di imposta 2017; – ai soli fini della elaborazione degli ISA, per ricostruire, per i soggetti che passano dalla competenza alla cassa e viceversa, un flusso completo degli incassi e dei pagamenti relativamente al primo anno di applicazione del nuovo regime sono stati richiesti, facoltativamente dati aggiuntivi sul periodo di imposta 2017 tramite il Quadro Z del modello studi di settore 2018. E’ stata così accolta la proposta di richiedere i dati aggiuntivi, per il 2017, in maniera facoltativa; – la metodologia di costruzione dei correttivi congiunturali (c.d. correttivi crisi) per gli Studi di settore 2018 (periodo di imposta 2017); – un’ipotesi di metodologia per la gestione del regime di “cassa” applicabile al periodo di imposta 2018 alle imprese in contabilità semplificata interessate dagli ISA. 1

102

TUTTE LE CATEGORIE

3.4

I RISULTATI DELL’AZIONE PER TEMI CHIAVE

FISCO Altre azioni TUTTE LE CATEGORIE MONITORAGGIO DEGLI e AUTOTRASPORTO EFFETTI DELLA CRISI Grazie alla collaborazione delle Associazioni territoriali, sono stati raccolti dati per monitorare gli effetti della crisi nell’ambito della revisione congiunturale degli Studi di settore per il periodo d’imposta 2017. I NOSTRI RISULTATI 2018 • Forniti, in forma anonima dalla Confederazione a SOSE (Soluzione per il Sistema Economico), circa 30.000 bilanci di imprese associate. Questo ha consentito di confermare la metodologia di costruzione dei correttivi di crisi e di rendere aderenti i risultati degli Studi alle realtà imprenditoriali. • Aggiornamento, per lo studio di settore WG68U – Trasporto merci su strada e servizi di trasloco, per il 2017 delle soglie di coerenza dell’indicatore “Costo per litro di benzina o gasolio consumato durante il periodo d’imposta” e non applicabilità dell’indicatore di coerenza economica “Costo per litro di benzina o gasolio consumato durante il periodo d’imposta”, nel caso di incoerenza dovuta a valori dell’indicatore inferiori alla soglia minima, per i soggetti che per il periodo di imposta 2017 hanno utilizzato in modo prevalente carburante acquisito da cisterne interne all’impresa o tramite consorzi o gruppi d’acquisto.

Confartigianato marmisti, Confartigianato Edilizia, Confartigianato Meccanica, Confartigianato Moda, Confartigianato Legno Arredo, Confartigianato Comunicazione, Confartigianato Artistico Ceramica, Confartigianato Estetisti, Confartigianato Comunicazione ICT, Confartigianato Moda Pulitintolavanderie, Confartigianato Trasporto Persone, Confartigianato Imprese di Pulizia, Confartigianato Imprese del Verde, Confartigianato Alimentazione, Confartigianato Servizi e Terziario Riparatori Elettrodomestici.

103

AZIONE

SEZIONE DI RENDICONTAZIONE

• FERMO AMMINISTRATIVO DEI VEICOLI ABBANDONATI NELLE DEPOSITERIE DELLE IMPRESE DI SOCCORSO STRADALE

Vedi categoria autoriparatori (p. 184)

• CREDITO D’IMPOSTA FORMAZIONE 4.0

Vedi tema Lavoro e formazione (p. 109)

• DEDUZIONI FORFETARIE AUTOTRASPORTO

Vedi categoria autotrasporto (p. 227)


CONFARTIGIANATO IMPRESE

BILANCIO SOCIALE 2018

O B I E T T I V I , AT T I V I TÀ , R I S U LTAT I

FISCO Attività e servizi per i soggetti del Sistema Confartigianato, le imprese e le persone INFORMAZIONE E COMUNICAZIONE

FORMAZIONE

Realizzate attività di informazione rivolte alle Associazioni territoriali sulle novità di carattere fiscale, tramite l’elaborazione e la divulgazione di news e informative.

Formazione costante degli operatori delle Associazioni territoriali - in modalità web tramite webinar, bussole fiscali e “impresa diretta” per fornire aggiornamenti e approfondimenti su tematiche fiscali particolarmente rilevanti. Sullo specifico tema della “fatturazione elettronica”, sono state realizzate riunioni periodiche durante tutto l’anno 2018 per formare gli operatori delle associazioni territoriali e prepararli ad affrontare il nuovo adempimento. È stato realizzato un vero e proprio processo di accompagnamento delle associazioni, realizzato attraverso: • un gruppo di lavoro confederale (Confattura), con 30 associazioni territoriali e 52 colleghi del territorio, che si è riunito in 4 date (7 marzo 2018, 27 marzo 2018, 3 maggio 2018, 18 ottobre 2018), per evidenziare le criticità dell’adempimento dal punto di vista normativo, le possibili soluzioni informatiche, nonché le modifiche all’assetto organizzativo nell’ambito delle associazioni. • 10 riunioni sul territorio per illustrare le novità fiscali dell’adempimento, alla luce dei chiarimenti di prassi progressivamente ottenuti dall’Agenzia delle entrate. In tali occasioni sono state elaborate e presentate slides, a disposizione delle associazioni per nuove ed ulteriori sessioni formative organizzate nel singolo territorio sia con operatori che con imprenditori. • 3 riunioni con uno studio legale per individuare le nuove problematiche che emergono, in termini di responsabilità e tutela della privacy, nel servizio di fatturazione elettronica reso dalle società di servizi. E’ stato, a tal fine, elaborato un contratto-tipo con l’individuazione delle clausole necessarie per meglio definire le responsabilità scaturenti dal servizio di formazione della fattura elettronica e/o di assistenza alla redazione della stessa.

39 informative e 66 news divulgate CONSULENZA Formulazione di risposte a quesiti delle Associazioni territoriali per la soluzione di casi pratici, a seguito di approfondimenti su normativa, documenti di prassi e giurisprudenza, nonché mediante un confronto con l’Agenzia delle Entrate nei casi di assenza di documenti interpretativi. 248 soluzioni fornite, di cui 90 sulla fatturazione elettronica 13 giorni lavorativi il tempo medio di risposta 1/3 delle risposte ha richiesto un confronto con l’Agenzia delle Entrate L’esito dei confronti, avvalorando la risposta, ha evitato in molti casi la formulazione di interpelli da parte delle strutture territoriali con sostenimento di costi e lunghi tempi di attesa

1 webinar di circa 4 ore, con 136 collegamenti e circa 673 partecipanti 5 Bussole fiscali, di cui 2 sulla fatturazione elettronica, la durata è di circa 3 ore, con 81 collegamenti e 510 partecipanti in media per evento 2 impresa diretta, di cui 1 sulla fatturazione elettronica, della durata di circa 3 ore con 50 collegamenti e 669 partecipanti in media. 104

3.4

I RISULTATI DELL’AZIONE PER TEMI CHIAVE


CONFARTIGIANATO IMPRESE

BILANCIO SOCIALE 2018

O B I E T T I V I , AT T I V I TÀ , R I S U LTAT I

3.4

I RISULTATI DELL’AZIONE PER TEMI CHIAVE

LAVORO E FORMAZIONE Mercato del Lavoro, Istruzione e Formazione Professionale Rappresentanza istituzionale e lobbying

PARTECIPAZIONE A ORGANISMI ESTERNI E TAVOLI

FONDO ARTIGIANATO FORMAZIONE Assemblea

MINISTERO DEL LAVORO E DELLE POLITICHE SOCIALI Comitato di Sorveglianza del PON 2014/2020 “Iniziativa occupazione giovani” e “Sistemi di politiche attive per l’occupazione”. Si occupa sia di formazione professionale che di mercato del lavoro. 1 RIUNIONE

Sottocomitato “Risorse umane” per la programmazione FSE 2014-2020. Si occupa sia di formazione professionale che di mercato del lavoro.

Sottocomitato “Risorse umane” per la programmazione FSE 2014-2020 – Gruppo di lavoro “Occupazione”. Si occupa sia di formazione professionale che di mercato del lavoro.

1 RIUNIONE

3 RIUNIONI

Commissione centrale di Osservatorio nazionale sulla coordinamento dell’attività di condizione delle persone con vigilanza disabilità 1 RIUNIONE

1 RIUNIONE

Board reference point nazionale qualità nell'Istruzione e Formazione Professionale (IeFP) 3 RIUNIONI

2 RIUNIONI

2 RIUNIONI

106

Gruppo di lavoro attività di rafforzamento delle competenze degli attori nel sistema delle politiche attive per l’occupazione 1 RIUNIONE

Comitato di Sorveglianza del PON 2014/2020 “Per la scuola - competenze e ambienti per l’apprendimento” 2 RIUNIONI

PON 2014/2020 “Per la scuola - competenze e ambienti per l’apprendimento” - Sottogruppo FESR

Comitato Nazionale per il si- Comitato Nazionale per il stema istruzione e formazio- monitoraggio e la valutazione dei percorsi di alternanza ne tecnica superiore - IFTS 2 RIUNIONI

Tavolo tecnico Europass (Quadro unico per la trasparenza delle qualifiche e delle competenze)

Programmazione 2014/2020 Coordinamento PON – POR Sottogruppo “Istruzione” 1 RIUNIONE

Comitato Paritetico Protocollo di intesa tra MIUR e Confartigianato Imprese

Commissione Nazionale per il coordinamento dell’offerta formativa degli Istituti Tecnici Superiori 4 RIUNIONI

Osservatorio nazionale dell’alternanza scuola – lavoro

INTERVENTI A INIZIATIVE E SEMINARI • • • • • • •

ANPAL - AGENZIA NAZIONALE POLITICHE ATTIVE DEL LAVORO Consiglio di Vigilanza ANPAL Agenzia Nazionale Politiche Attive del Lavoro

MINISTERO DELL’ISTRUZIONE, DELL’UNIVERSITÀ E DELLA RICERCA

Comitato per i ricorsi di condizionalità relativi a strumenti di sostegno al reddito di cui all’art. 21, comma 12, del D.Lgs. n. 150/2015 6 RIUNIONI

107

Convegno MIUR su apprendimento permanente Audizione OCSE sulle politiche attive del lavoro in Italia Convegno CNEL – presentazione Rapporto sulla formazione continua 2017 Workshop MEFOP sui fondi interprofessionali di formazione continua Convegno MIUR – Costituzione Rete FIBRA Istituti Professionali ANPAL SERVIZI – Convegno Giovani: orientamento e lavoro INAPP – Conferenza Reference Point

2 RIUNIONI


CONFARTIGIANATO IMPRESE

BILANCIO SOCIALE 2018

O B I E T T I V I , AT T I V I TÀ , R I S U LTAT I

3.4

I RISULTATI DELL’AZIONE PER TEMI CHIAVE

LAVORO E FORMAZIONE Mercato del Lavoro, Istruzione e Formazione Professionale Rappresentanza istituzionale e lobbying Favorire una legislazione a dimensione di micro, piccole imprese e imprese artigiane in materia di mercato del lavoro, semplificazione, riduzione del costo del lavoro e strumenti di promozione dell’occupazione, con particolare attenzione ai giovani e ai percorsi di istruzione e formazione professionale (IeFP), all’alternanza scuola lavoro, all’istruzione secondaria superiore e ai percorsi post – secondari (ITS, IFTS) //////////////////////////////////////////////////

108

TUTTE LE CATEGORIE Proseguita l’azione di rappresentanza relativa all’apprendistato - in particolare quello duale - e all’alternanza scuola-lavoro e il presidio delle misure relative agli incentivi all’occupazione come le misure per i giovani NEET e per favorire le assunzioni a tempo indeterminato.

PROMOZIONE DELL’OCCUPAZIONE

I NOSTRI RISULTATI 2018 • Incentivo all’occupazione giovanile stabile con riconosciuto per 36 mesi l’esonero dal versamento del 50% dei contributi previdenziali a carico del datore di lavoro - entro il limite massimo di 3.000 euro l’anno - per le assunzioni a tempo indeterminato nel biennio 2019 – 2020 di soggetti aventi meno di 35 anni di età; • Agevolazioni per le assunzioni nel Mezzogiorno - previsto un esonero contributivo del 100% per le assunzioni a tempo indeterminato, anche in apprendistato, effettuate nel 2019 e nel 2020, nel limite massimo di 8.060 euro per ogni neo assunto entro i 35 anni. L’esonero si applica anche ai neo assunti con più di 35 anni, purché privi di un impiego regolarmente retribuito da almeno 6 mesi; • Incentivi contributivi per le assunzioni in apprendistato di primo livello – accolta dall’INPS la richiesta di Confartigianato, che aveva già ottenuto nel 2017 un parere positivo da parte del Ministero del Lavoro, per la rettifica dell’indirizzo interpretativo fornito dall’Istituto in merito al regime contributivo per le assunzioni in apprendistato di primo livello effettuate da imprese fino a 9 dipendenti. L’INPS ha pertanto fornito anche le istruzioni operative per effettuare il recupero delle eccedenze contributive versate dai datori di lavoro; • Incentivo “Occupazione NEET” – accolta dall’ANPAL la richiesta di Confartigianato in merito alla compatibilità dell’incentivo “Occupazione NEET” con gli altri bonus e incentivi previsti dal Programma Garanzia Giovani. STIAMO LAVORANDO PER...

/////////////////////////////////////////

• Ottenere la definizione da parte del Ministero del Lavoro delle modalità di fruizione dell’esonero contributivo a favore dell’occupazione giovanile introdotto dal c.d. Decreto Dignità (D.L. 87/18).

TUTTE LE CATEGORIE Proseguita l’azione volta a promuovere la cultura della formazione on the job, dell’alternanza e degli strumenti di transizione tra istruzione, formazione e lavoro e a superare lo skill mismatch tra domanda e offerta di lavoro. Nel corso del 2018 è stata svolta un’intesa attività di confronto che ha visto aggiungersi alle riunioni del Comitato Nazionale per il monitoraggio e la valutazione dei percorsi in alternanza, le riunioni dell’Osservatorio nazionale dell’alternanza scuola – lavoro – organismo di nuova costituzione presso il MIUR.

ALTERNANZA SCUOLA-LAVORO E SISTEMA DUALE

I NOSTRI RISULTATI 2018 • Sottoscritto con ANPAL un Protocollo di Intesa per rafforzare il rapporto tra scuola e mondo del lavoro finalizzato a rendere i percorsi di transizione e alternanza scuola – lavoro maggiormente connessi alle esigenze del mercato del lavoro; • Adottata dal Ministero dell’Università e della Ricerca (MIUR) la Carta dei diritti e dei doveri delle studentesse e degli studenti in alternanza, che definisce in particolare le modalità di applicazione agli studenti in regime di alternanza scuola - lavoro delle disposizioni in materia di tutela della salute e della sicurezza nei luoghi di lavoro di cui al D.Lgs. n. 81/2008, rispondendo anche a specifiche richieste di chiarimento espresse in più occasioni da Confartigianato. STIAMO LAVORANDO PER...

/////////////////////////////////////////

• Proseguire la collaborazione con il Ministero dell’Università e della Ricerca (MIUR) sul tema dell'alternanza scuola-lavoro per rafforzare il rapporto tra scuola e mondo del lavoro.

109

TUTTE LE CATEGORIE Seguita per i profili riguardanti la formazione e gli accordi sindacali di II livello l’attuazione della normativa in merito al credito di imposta in favore delle imprese che effettuano spese in attività di formazione del personale dipendente per acquisire o consolidare le conoscenze delle tecnologie previste dal Piano nazionale Impresa 4.0.

FORMAZIONE 4.0

I NOSTRI RISULTATI 2018 • Introdotto un credito d’imposta a favore delle imprese che effettuano spese in attività di formazione del personale dipendente per acquisire o consolidare le conoscenze delle tecnologie previste dal Piano nazionale Impresa 4.0. Il beneficio che è subordinato alla sottoscrizione di un accordo sindacale di II livello, è stato prorogato anche per il 2019 e prevede una diversa entità del credito di imposta e riconoscendo alle piccole imprese un beneficio più elevato (credito di imposta del 50%) rispetto alle medie e alle grandi imprese; • Forniti dal Ministero dello Sviluppo Economico chiarimenti in merito ai profili applicativi del credito di imposta formazione 4.0; • Assicurata l’operatività della piattaforma per il deposito telematico dei contratti di secondo livello relativi allo svolgimento di formazione 4.0, aspetto sul quale Confartigianato è intervenuta in più occasioni nei confronti del Ministero del Lavoro. Nel corso del 2018 sono stati sottoscritti 3 accordi sindacali di II livello. STIAMO LAVORANDO PER...

/////////////////////////////////////////

• Definire un quadro nazionale di riferimento per la sottoscrizione degli accordi sindacali di II livello richiesti dalla normativa per la fruizione del beneficio.


CONFARTIGIANATO IMPRESE

BILANCIO SOCIALE 2018

TUTTE LE CONTRASTO ALLA DISPERSIONE SCOLASTICA CATEGORIE E ALLA DISOCCUPAZIONE GIOVANILE Proseguita l’attività in merito all’Istruzione e Formazione Professionale (IeFP), all’istruzione secondaria superiore (in particolare Istituti Tecnici Professionali) e ai percorsi post-secondari (ITS, IFTS).

O B I E T T I V I , AT T I V I TÀ , R I S U LTAT I

Con l’obiettivo di sostenere e rafforzare la formazione continua come driver di sviluppo per le imprese, Confartigianato - in qualità di socio fondatore - presidia l’attività sindacale che definisce il funzionamento, la gestione e la definizione delle linee di indirizzo della programmazione formativa di Fondartigianato, il Fondo interprofessionale per la formazione continua delle imprese artigiane.

I NOSTRI RISULTATI 2018 • Formazione duale - previsto, nella Legge di Bilancio per il 2019, un finanziamento aggiuntivo di 50 milioni di euro per il finanziamento dei percorsi formativi relativi ai contratti di apprendistato duale (c.d. di primo livello) nonché dei percorsi formativi relativi all’alternanza scuola – lavoro. Per il 2019 le risorse destinate al sistema duale sono quindi pari a 125 milioni di euro; • Provvedimenti attuativi della Buona Scuola – Adottato dal MIUR il decreto attuativo del D.Lgs. n. 61/2017 che regolamenta i profili di uscita degli indirizzi di studio dei nuovi Istituti Professionali, a durata quinquennale. STIAMO LAVORANDO PER...

/////////////////////////////////////////

• Sostenere la revisione degli Istituti Professionali attraverso la partecipazione alle reti costituite tra gli Istituti professionali, in particolare quelli del settore Industria ed Artigianato per il Made in Italy; • Sostenere la revisione del quadro nazionale delle qualifiche triennali e dei diplomi professionali quadriennali dell’istruzione e della formazione professionale (IeFP). TUTTE LE PROGRAMMAZIONECOMUNITARIA CATEGORIE Nell’ambito della programmazione comunitaria 2014/2020 del Fondo Sociale Europeo (FSE) Confartigianato partecipa al Dialogo sociale nell’ambito dei comitati di sorveglianza, dei sottocomitati e dei gruppi di lavoro dei Programmi Operativi Nazionali a titolarità del Ministero del Lavoro e del Ministero dell’Istruzione. I NOSTRI RISULTATI 2018

I NOSTRI RISULTATI 2018 • Emanate da parte di ANPAL le Linee guida sulla gestione delle risorse finanziarie attribuite ai fondi paritetici interprofessionali per la formazione continua che rappresentano il nuovo quadro di riferimento per l’attività dei Fondi. • Ridotta la platea dei soggetti obbligati alla presentazione dei modelli INTRASTAT, attraverso l’innalzamento della soglia minima oltre la quale l’adempimento deve essere eseguito. Il risultato è stato ottenuto a seguito di incontri nell’ambito del Tavolo istituzionale. • Semplificato l’adempimento, in considerazione delle informazioni acquisite dall’Amministrazione tramite le comunicazioni dati fatture e fatture elettroniche. OBIETTIVO 2017

RAGGIUNTO NEL 2018!

TUTTE LE CATEGORIE Proseguita l’azione di rappresentanza volta a garantire un’efficace attività di semplificazione e de-burocratizzazione della gestione dei rapporti di lavoro e degli adempimenti connessi. SEMPLIFICAZIONI A FAVORE DELLE IMPRESE

INFORMAZIONE E COMUNICAZIONE

PROGETTI, INIZIATIVE ED EVENTI

• Redatte e pubblicate circolari informative, interpretative e di supporto all’attività delle Associazioni territoriali, in particolare su: nuova disciplina dei contratti a termine (c.d. Decreto Dignità), incentivi per le assunzioni di giovani; credito di imposta per la formazione 4.0; apprendistato e sistema duale; aspetti applicativi della normativa di Fondartigianato.

• Fornita assistenza tecnica agli Enti di formazione della Confederazione, in stretto raccordo con la Formazione di Sistema. In tale ambito, si identificano le aree di intervento, si elaborano strategie di azione comuni e si coordina la realizzazione di iniziative formative e progetti a favore delle imprese. • Organizzati incontri di approfondimento sulla programmazione delle attività formative di Fondartigianato per i responsabili e i funzionari dell'area formazione e degli Enti di formazione del Sistema. • Organizzato un percorso formativo sulle opportunità offerte dalla programmazione di Fondartigianato per i responsabili e i funzionari dell'area formazione e degli Enti di formazione del Sistema; • Organizzato un percorso formativo volto ad approfondire le metodologie e le tecniche per una efficace scrittura e redazione dei progetti formativi per i responsabili e i funzionari dell'area formazione e degli Enti di formazione del Sistema; • Organizzato un percorso formativo volto ad approfondire la disciplina degli aiuti di Stato e del relativo Registro Nazionale, con particolare riferimento agli aiuti alla formazione finanziata e agli incentivi del mercato del lavoro.

39 circolari pubblicate • Collaborazione alla redazione di alcune pubblicazioni dell’Ufficio Studi sulle tematiche di lavoro e formazione.

I NOSTRI RISULTATI 2018 • Abolita la disposizione che prevedeva l’obbligo di tenuta del LUL (Libro Unico del Lavoro) in modalità telematica presso il Ministero del Lavoro. Si tratta dell’eliminazione di un obbligo che avrebbe rimesso in discussione la modalità attuale di tenuta del LUL che è già informatizzata.

7 pubblicazioni alle quali si è collaborato

• A seguito dell’attività svolta nell’ambito del Gruppo di lavoro attività di rafforzamento delle competenze degli attori nel sistema delle politiche attive per l’occupazione, è stato pubblicato da ANPAL un Avviso pubblico, a valere sul PON SPAO, per l'individuazione di soggetti attuatori per la realizzazione di interventi di formazione specialistica in materia di dialogo sociale destinato all’accrescimento delle competenze e delle abilità professionali dei delegati/operatori delle parti sociali. 110

I RISULTATI DELL’AZIONE PER TEMI CHIAVE

LAVORO E FORMAZIONE Mercato del Lavoro, Istruzione e Formazione Professionale Attività e servizi per i soggetti del Sistema Confartigianato, le imprese e le persone

TUTTE LE CATEGORIE

FORMAZIONE CONTINUA

3.4

111

4 percorsi di formazione e approfondimento


CONFARTIGIANATO IMPRESE

BILANCIO SOCIALE 2018

O B I E T T I V I , AT T I V I TÀ , R I S U LTAT I

3.4

I RISULTATI DELL’AZIONE PER TEMI CHIAVE

LAVORO E FORMAZIONE Salute e sicurezza Rappresentanza istituzionale e lobbying

CONSULENZA

PARTECIPAZIONE A ORGANISMI ESTERNI E TAVOLI

• Fornite risposte ai quesiti interpretativi posti da Federazioni e Associazioni e Società di servizio, tramite il confronto con le principali Direzioni Generali dei Ministeri (Lavoro e Istruzione), ANPAL, INL (Ispettorato Nazionale del Lavoro) e di INPS ed INAIL, competenti in materia di occupazione, lavoro e attività ispettiva.

Commissione consultiva permanente sicurezza sul lavoro presso il Ministero del Lavoro e delle Politiche Sociali

40 risposte fornite • Effettuata attività di tipo consulenziale e specialistica per le Associazioni, Società di servizio ed Enti di formazione del Sistema Confartigianato, il Ministero del Lavoro, il Ministero dell’Istruzione, ANPAL, INL, INPS ed INAIL per la soluzione delle criticità inerenti i rapporti di lavoro, la gestione dei servizi paghe e contributi e le modalità attuative dell’alternanza scuola - lavoro.

2 RIUNIONI

44 interventi realizzati

6 RIUNIONI

Commissione Tecnica Scien- Focal Point Campagna eurotifica Antincendio - Scuola pea sicurezza presso INAIL Superiore Antincendio Vigili del Fuoco, Comitato Centrale Tecnico Scientifico prevenzione incendi dei Vigili del Fuoco 5 RIUNIONI 3 RIUNIONI

INTERVENTI A INIZIATIVE E SEMINARI

• Monitorata e verificata l’efficienza delle procedure di accesso ai servizi INPS e INAIL riguardanti il Cassetto previdenziale aziende con dipendenti, per l’invio del flusso UNIEMENS delle denunce mensili relative ai lavoratori dipendenti, e il Punto Cliente INAIL per la gestione del Libro Unico del Lavoro (LUL) al quale sono iscritti i lavoratori subordinati e gli associati in partecipazione con apporto lavorativo.

Convegno OPNA presso la Fiera “Ambiente Lavoro”, a Bologna, sul tema della pariteticità artigiana.

31 aggiornamenti e variazioni delle anagrafiche dei responsabili e dei subdelegati delle Associazioni presenti nel Database INPS eseguiti, relativamente al Cassetto previdenziale aziende con dipendenti 19 interventi presso l’INPS per segnalare malfunzionamenti e chiedere la risoluzione di specifiche problematiche

112

Comitato OPNA - Organismo Paritetico Nazionale Artigianato

113


CONFARTIGIANATO IMPRESE

Favorire una legislazione in materia di salute e sicurezza sui luoghi di lavoro volta a individuare adeguate misure di prevenzione e protezione privilegiando un approccio sostanziale e superando quello formale-burocratico. //////////////////////////////////////////////////

BILANCIO SOCIALE 2018

O B I E T T I V I , AT T I V I TÀ , R I S U LTAT I

I NOSTRI RISULTATI 2018 • Mantenuti alcuni interventi di miglioramento della sicurezza in linea con le esigenze delle micro e piccole imprese per le quali è possibile presentare la richiesta di riduzione del tasso medio di tariffa, limitando in parte la rilevanza dei requisiti più complessi, come ad esempio i modelli organizzativi ed i sistemi di gestione. Inoltre, nel corso del 2018 è stata svolta attività di assistenza alle sedi territoriali in materia di quesiti sui modelli OT24. TUTTE LE CATEGORIE Le normative in materia di sicurezza e prevenzione incendio attualmente regolamentate dal DM 10 marzo 1998 disciplinano tra l’altro le modalità operative della formazione dei lavoratori in tale materia. I NOSTRI RISULTATI 2018 • Contribuito alla elaborazione della bozza di Decreto Ministeriale in materia di antincendio di aggiornamento del DM del Ministero dell’Interno 10 marzo 1998, ottenendo alcune semplificazioni in particolare per le micro e piccole imprese e garantendo il ruolo attivo delle società di servizi delle Associazioni territoriali ai fini dell’erogazione della formazione in materia. STIAMO LAVORANDO PER...

/////////////////////////////////////////

• Definire nell’ambito della Commissione consultiva permanente sicurezza sul lavoro presso il Ministero del Lavoro e delle Politiche Sociali il Decreto in materia di antincendio, elaborato dal Ministero dell’interno, per l’emanazione di concerto tra i due Ministeri.

REGISTRO INFORMATICO DEGLI ESPOSTI AD AGENTI CANCEROGENI E MUTAGENI, AMIANTO E AGENTI BIOLOGICI

TUTTE LE CATEGORIE

Il registro informatico è stato istituito dall’INAIL nel corso del 2017 in ottemperanza alle disposizioni del TU Sicurezza in materia di prevenzione del rischio da esposizione ad agenti cancerogeni, mutageni, amianto e biologici. I NOSTRI RISULTATI 2018 • A seguito della predisposizione da parte di INAIL dell’applicativo per la gestione on line delle iscrizioni dei lavoratori esposti a eventuali variazioni, si è avviata una attività di monitoraggio dell’applicativo, segnalando all’INAIL eventuali problematiche riscontrate dal livello associativo territoriale sulla funzionalità per il tempestivo intervento e i necessari correttivi.

I RISULTATI DELL’AZIONE PER TEMI CHIAVE

LAVORO E FORMAZIONE Salute e sicurezza Attività e servizi per i soggetti del Sistema Confartigianato, le imprese e le persone

TUTTE LE CATEGORIE Il modello permette di effettuare la riduzione del tasso medio di tariffa (costo del lavoro) alle imprese che hanno intrapreso nell’anno interventi di miglioramento delle condizioni di sicurezza rispetto al minimo fissato dalla Legge.

MODELLO INAIL OT24 2017

PREVENZIONE INCENDI

3.4

INFORMAZIONE E COMUNICAZIONE

PROGETTI, INIZIATIVE ED EVENTI

• Redatte e pubblicate circolari informative, interpretative e di supporto all’attività delle Associazioni territoriali riguardanti le diverse iniziative in materia di salute e sicurezza nei luoghi di lavoro.

• Avvio del Progetto OPNA – INAIL in materia di realizzazione di un network paritetico dell’Artigianato che coinvolga gli Organismi Paritetici Regionali, Provinciali e le sedi INAIL territoriali. • Contributo alla Relazione sullo stato di attuazione della normativa su salute e sicurezza nell’anno 2017 curata dal Ministero del Lavoro. • Predisposizione di un documento di osservazione e proposta a SMEUnited in ordine alla revisione della Direttiva sui dispositivi di protezione individuale (DPI) – 89/656/CEE. del relativo Registro Nazionale, con particolare riferimento agli aiuti alla formazione finanziata e agli incentivi del mercato del lavoro.

8 circolari pubblicate CONSULENZA • Sono state fornite risposte ai quesiti presentati dalle Associazioni territoriali in materia di applicazione della normativa su salute e sicurezza sul lavoro. 21 risposte a quesiti

4 percorsi di formazione e approfondimento

FORMAZIONE

ACCORDI E CONVENZIONI

• Organizzato un percorso di formazione in materia di salute e sicurezza sul lavoro (“Safety Coaching”), in collaborazione con la Scuola di Sistema in favore di responsabili e funzionari dell’area sicurezza delle sedi territoriali. • Partecipazione al corso di formazione in materia di rischi generali su salute e sicurezza in favore dei Volontari ANCoS per il servizio civile.

• Rinnovate le convenzioni per le Federazioni e Associazioni del Sistema Confederale con Il Sole 24

40 volontari del servizio civile formati nell’ambito del Percorso Volontari ANCoS: n. 1 Edizione

114

115

Ore per la banca dati online sulla sicurezza e con EPC editore per pubblicazioni e formazione in materia di sicurezza.

2 convenzioni rinnovate per l’accesso a banche dati


CONFARTIGIANATO IMPRESE

BILANCIO SOCIALE 2018

O B I E T T I V I , AT T I V I TÀ , R I S U LTAT I

3.4

I RISULTATI DELL’AZIONE PER TEMI CHIAVE

COMPETITIVITÀ Appalti Rappresentanza istituzionale e lobbying

PARTECIPAZIONE A ORGANISMI ESTERNI E TAVOLI Autorità Nazionale Anti Corruzione (ANAC)

Ministero delle Infrastrutture e dei Trasporti (MIT). Consultazione pubblica online del Ministero dei Trasporti, avviata l’8 agosto e conclusa l’11 settembre

Presidio Gruppi di Lavoro ITACA – Istituto per l’innovazione e trasparenza degli appalti e la compatibilità ambientale

1 INCONTRO

1 INCONTRO

5 INCONTRI

Tavolo interconfederale tra le associazioni del comparto dell’Edilizia – Valutazione e analisi congiunta di temi comuni con la finalità di fare massa critica sulle principali difficoltà applicative del codice: filiera su qualificazione Soa e Rating di Impresa 7 INCONTRI

AUDIZIONI 25 settembre 2018 14 maggio 2018 11 maggio 2018

Consip S.p.A. - Audizione e consultazione di mercato in merito a tre bandi del settore Pulizie e Servizi Ausiliari ANAC - Consultazione online Linee guida recanti “La disciplina delle clausole sociali, invio contributi entro il 13 giugno 2018   ANAC - Consultazione online Linee Guida recanti «Istituzione del rating di impresa e delle relative premialità», invio contributi entro il 29 giugno 2018

INTERVENTI A INIZIATIVE E SEMINARI Convegno di Confartigianato Edilizia “Riformare il Codice degli appalti pubblici", Bologna 19 ottobre 2018.

116

117


CONFARTIGIANATO IMPRESE

Creare le condizioni per favorire la partecipazione delle MPMI agli appalti di opere e servizi delle Pubblica Amministrazione, facendo leva sulle caratteristiche specifiche delle imprese in ragione della diffusione territoriale e della specializzazione //////////////////////////////////////////////////

BILANCIO SOCIALE 2018

O B I E T T I V I , AT T I V I TÀ , R I S U LTAT I

I RISULTATI DELL’AZIONE PER TEMI CHIAVE

COMPETITIVITÀ Appalti Attività e servizi per i soggetti del Sistema Confartigianato, le imprese e le persone

TUTTE LE CATEGORIE Il Decreto Legislativo 18 aprile 2016, n. 50 – Codice degli Appalti – e successive modifiche contiene alcune criticità rilevanti per le imprese rappresentate: • la modifica all’articolo 34 sui CAM, Criteri Ambientali Minimi; • la richiesta di indicazione della terna per gli ambiti di applicazione delle white-list in materia di subappalto; • l’obbligatorietà delle clausole sociali negli appalti; • le procedure per le manifestazioni di interesse e il sovraffollamento delle gare. Con la nuova legislatura è stato avviato il processo di revisione del codice che ha visto l’impegno di tutto il sistema Confartigianato nel rappresentare le istanze della base associata. Confartigianato Imprese ha partecipato alla Consultazione pubblica on line avviata dal Ministero dei Trasporti evidenziando le richieste di modifica al Codice dei Contratti Pubblici. Su alcuni temi specifici Confartigianato Imprese ha avviato azioni mirate volte ad evidenziare le criticità applicative del Codice, in particolare segnalando all’Autorità Anticorruzione (ANAC) e all’Autorità Garante della Concorrenza (AGCM) la criticità specifica dei requisiti di selezione aggiuntivi imposti dai decreti CAM.

DECRETO CORRETTIVO AL CODICE DEGLI APPALTI PUBBLICI

CONSULENZA • Gruppo di Lavoro Nazionale Appalti, costituito da 22 componenti di cui 6 in rappresentanza di Federazioni Regionali

I NOSTRI RISULTATI 2018 10 riunioni

• Aperta, a seguito della segnalazione di Confartigianato relativamente alle criticità inerenti i CAM, un’istruttoria presso l’AGCM e successivamente istituito dall’ANAC un “Tavolo tecnico inerente l’adozione dei Criteri Ambientali Minimi”. Sono stati coinvolti il Ministero dell’Ambiente, il Ministero delle Infrastrutture e i principali stakeholder interessati che hanno avviato il confronto sulle problematiche connesse all’introduzione nelle gare di appalto dei Criteri Ambientali Minimi. • Innalzata la soglia che concede la possibilità, per le stazioni appaltanti, di procedere all’affidamento di lavori di importo fino a 150.000 euro mediante affidamento diretto. La misura è un primo passo per attuare il criterio della territorialità nell'affidamento degli appalti in vista di una revisione complessiva del Codice dei contratti pubblici che punti ad attuare i principi dello Small Business Act e a favorire l’accesso delle micro e piccole imprese ad appalti e forniture pubbliche.. STIAMO LAVORANDO PER...

/////////////////////////////////////////

• Correggere la procedura di subappalto (terna e limitazioni nella partecipazione in caso di partecipazione al confronto competitivo) • Eliminare i vincoli di partecipazione delle Micro e piccole imprese al ciclo dei contratti pubblici (CAM, clausole sociali, incompleta definizione delle tabelle dei costi della manodopera, ecc) • Affidamento degli appalti alle imprese di prossimità (km 0) • Innalzare la soglia di applicazione del criterio di aggiudicazione con l’offerta economicamente più vantaggiosa da 1.000.000 a 2.000.000 di euro mentre per i servizi ad alta intensità di manodopera è fatta salva la fascia fino a 40.000 euro • Rivedere in modo meno oneroso la normativa sul sistema di qualificazione delle imprese • Ottenere l’abrogazione della soft law e il ripristino del regolamento di esecuzione.

118

3.4

119


CONFARTIGIANATO IMPRESE

BILANCIO SOCIALE 2018

O B I E T T I V I , AT T I V I TÀ , R I S U LTAT I

3.4

I RISULTATI DELL’AZIONE PER TEMI CHIAVE

COMPETITIVITÀ Energia Rappresentanza istituzionale e lobbying

PARTECIPAZIONE A ORGANISMI ESTERNI E TAVOLI

PARTECIPAZIONE A INCONTRI ARERA

Osservatorio sulla Regolazione presso l’Autorità per l’Energia Elettrica, il Gas e il Servizio Idrico (AEEGSI) Nuovo gruppo di lavoro sui Rifiuti Osservatorio Regolazione

Consultazione ARERA “Bonifica delle colonne montanti vetuste della rete di distribuzione dell’energia elettrica nei condomìni” (21 settembre 2018) Sono stati realizzati diversi incontri di consultazione e approfondimenti sui seguenti temi: • Documento di Consultazione 899/2017/E/Idr (Pmi) - Tutela Idrico; documenti di consultazione 199/2018/R/Com E 191/2018/R/Com; • Portale Offerte Associazioni PMI; stato di avanzamento del Portale Offerte Luce e Gas e dei Progetti di Formazione; orientamenti sul rafforzamento delle tutele a vantaggio dei clienti finali nei casi di fatturazione di importi riferiti a consumi risalenti a più di due anni ai sensi della c.d. Legge di bilancio 2018; • Adr nel Settore Idrico, ai sensi dell’art. 4, comma 2, della Deliberazione 55/2018/E/Idr; Autorità- Placet; • Gruppi di Acquisto; • portale offerte; • sospensione socializzazione degli oneri non pagati dai clienti morosi ai venditori (impatto stimato da Energia Concorrente: 4/500 milioni anno); • quantificazione oneri su piccole imprese riforma 2018 con realizzazione di una tabella riassuntiva dell'impatto della riforma tariffaria 2018 sulle piccole imprese ( +3% circa rispetto al 2017); Edison - bonus sociale; • Eni/progetto eco-bonus e cessione del credito; sportelli abilitazione MEPA del Lazio presso Consip.

GDL Energia Elettrica 2 RIUNIONI GDL Efficienza Energetica 6 RIUNIONI

120

Gruppo tecnico per l’attuazione del Protocollo di Intesa tra AEEGSI e PMI A causa di difficoltà tecniche riscontrate dalla società che si è aggiudicata l'appalto ARERA per il corso di formazione on-line previsto dal protocollo, il lancio del corso, le attività propedeutiche e le attività di monitoraggio delle stesse sono sospese per l'anno 2018. Per tali ragioni il gruppo, pur essendo ancora in essere non ha registrato incontri in corso d'anno.

Tavolo Maxi Conguagli Iniziativa del Ministero dello Sviluppo Economico per risolvere il problema dei maxi conguagli per le famiglie e le piccole imprese

1 INCONTRO

Tavolo Permanente Offerta Placet Mette a punto la definizione di Condizioni Generali di Contratto per le Offerte Placet come benchmark per i venditori. Ha una funzione di controllo e verifica della rispondenza delle Condizioni Generali di Fornitura autonome alla Regolazione. Confartigianato è membro effettivo, designato da Rete Imprese Italia.

Comitato Tecnico Consultivo sul Portale per la Comparabilità delle Offerte La legge annuale per la concorrenza ha previsto che il superamento delle tutele di prezzo sia accompagnato da un portale in cui i consumatori possano facilmente confrontare le offerte del mercato libero. Confartigianato partecipa in qualità di Osservatore

3 INCONTRI

3 INCONTRI

121

INTERVENTI A INIZIATIVE E SEMINARI • ENEA- ENIGASELUCE SU ECOBONUS• SIENERGIA CITTADINANZA ATTIVA • GSE Il valore strategico dei PPA per lo sviluppo delle fonti rinnovabili • AU Tutele per i consumatori: un valore per il mercato energetico • BANCA D'ITALIA - Workshop" Le sfide in campo energetico per l’economia italiana e il funzionamento del mercato elettrico: decarbonizzazione, tutela dei consumatori, mercato" 5/09 • ENERGIA CONCORRENTE: Mercato Libero e Superamento Tutele • PPA ADVISOR: Da uno a Molti: verso le Comunità Energetiche" • AIGET) “Concorrenza, se puoi sognarla puoi farla” (Relatrice)


CONFARTIGIANATO IMPRESE

Rappresentare le peculiarità delle imprese associate - caratterizzate da consumi relativamente ridotti - e promuovere servizi a valore aggiunto nel settore delle utilities affinché siano in grado di affrontare le sfide della competitività e dello sviluppo socioeconomico sostenibile //////////////////////////////////////////////////

BILANCIO SOCIALE 2018

TUTTE LE CATEGORIE Organismo con la funzione di rendicontare l’attività del Regolatore, la rilevazione delle criticità inerenti/sollevate dall’attività di regolazione e la proposizione di temi per Documenti di Consultazione. L’Osservatorio è organizzato in 5 gruppi di lavoro: 1) energia elettrica; 2) gas; 3) servizio idrico; 4) efficienza energetica 5) Rifiuti (nuovo gruppo). Confartigianato siede in tutti i gruppi di lavoro, eccezion fatta per il servizio idrico. Trasmissione formale dello studio oneri al Collegio ARERA

OSSERVATORIO SULLA REGOLAZIONE

I NOSTRI RISULTATI 2018 • Menzionata l’attività del gruppo di lavoro Energia Elettrica nella Memoria ARERA alla Camera dei Deputati sulla mozione relativa agli oneri generali del sistema elettrico STIAMO LAVORANDO PER...

/////////////////////////////////////////

• Rendere strutturale l’attività di rendicontazione e trasparenza della contribuzione agli Oneri Generali di Sistema per tipologie d’utenza • Rendicontare l’effetto della riforma tariffaria in vigore dal 1 gennaio 2019 degli oneri sulle diverse categorie di clienti finali (clienti domestici, piccole imprese, medie e grandi imprese). TUTTE LE CATEGORIE Il termine per il superamento delle tutele di prezzo inizialmente previsto per il 2019 è stato posticipato al 2020. Contemporaneamente la legge concorrenza aveva previsto le seguenti importanti misure funzionali al perfezionamento del dinamismo di mercato: 1) previsione del portale sulla confrontabilità delle offerte e sua estensione ai clienti finali gas ed energia elettrica non domestici; 2) previsione del monitoraggio delle condizioni di mercato come condizione per arrivare al superamento delle tutele del luglio 2019.

LEGGE SULLA CONCORRENZA

I NOSTRI RISULTATI 2018 • Messa online del Portale nel mese di giugno • Caricamento di tutte le offerte disponibili sul mercato nel mese di dicembre STIAMO LAVORANDO PER...

/////////////////////////////////////////

Introdurre: • il prezzo nel portale Offerte • pubblicazioni fruibili e periodiche degli elementi che concorrono alla formazione del prezzo (indici di borsa spot e futures • indicatori sintetici di prezzo nei contratti di energia elettrica e gas

122

O B I E T T I V I , AT T I V I TÀ , R I S U LTAT I

3.4

I RISULTATI DELL’AZIONE PER TEMI CHIAVE

TUTTE LE CATEGORIE La Legge 205/2017 (Legge di Bilancio 2018), all’art. 1, commi 4 - 9, ha previsto nuove disposizioni in tema di riduzione della prescrizione per il diritto di credito derivante dalle forniture di energia elettrica gas rimandandone l’attuazione a successivi interventi dell’Autorità di Regolazione di Settore.

MISURE PER LE MPMI IN LEGGE DI BILANCIO PER IL 2018

I NOSTRI RISULTATI 2018 • Ottenuta la Delibera ARERA 588/18 di attuazione della norma che, in caso di conguaglio superiore a due anni, prevede una maggiore trasparenza da parte del venditore che deve predisporre un avviso testuale per informare il cliente finale di: • presenza di tali importi ; • della possibilità di non pagarli; • obbligo di fornire un apposito modulo con cui il cliente finale possa manifestare la propria volontà di eccepire la prescrizione. STIAMO LAVORANDO PER...

/////////////////////////////////////////

• Monitorare il rispetto e gli effetti della riforma. REGOLAZIONE/OFFERTA PLACET

TUTTE LE CATEGORIE

Opzione tariffaria proposta dall’AEEG per gestire la transizione dal mercato tutelato al mercato libero. I NOSTRI RISULTATI 2018 • Concorso alla definizione delle condizioni contrattuali Offerte Placet energia elettrica e gas per Piccole Imprese e clienti domestici • Previsto l’obbligo di offerta per i venditori in vigore dal 1 marzo 2018 STIAMO LAVORANDO PER...

/////////////////////////////////////////

• Monitorare la corretta implementazione di tali condizioni di offerta da parte dei venditori e la sua capacità di essere benchmark di prezzo sul mercato • Diffonderne la conoscenza presso le MPMI

123


CONFARTIGIANATO IMPRESE

BILANCIO SOCIALE 2018

O B I E T T I V I , AT T I V I TÀ , R I S U LTAT I

3.4

I RISULTATI DELL’AZIONE PER TEMI CHIAVE

COMPETITIVITÀ Energia Attività e servizi per i soggetti del Sistema Confartigianato, le imprese e le persone INFORMAZIONE E COMUNICAZIONE

FORMAZIONE

CONSULENZA

MEMORIE E DOCUMENTI

• Invio di comunicazioni e organizzazione periodica di incontri con gli operatori territoriali referenti dei Gruppi Nazionali Energia (GNE) dedicati all’approfondimento delle novità regolatorie. • GNE Gruppo Nazionale Energia sulla Conciliazione costituito con l’obiettivo di formare gli sportelli energia alla presentazione e gestione di una domanda di conciliazione presso il Servizio di Conciliazione Energia. Hanno partecipato al Gruppo 17 Associazioni territoriali.

Realizzata l’ENERGY SCHOOL in due sessioni, una estiva e una invernale. La Energy school è un’iniziativa di aggiornamento e formazione organizzata dai Consorzi di acquisto energia, a cui sono invitati tutte le Associazioni territoriali che svolgono il servizio energia. Estate • 11 Maggio: Tavolo Delegato Energia • 13 Maggio: Intervento di aggiornamento principali novità Inverno • 5 dicembre: intervento + organizzazione relatori istituzionali : ARERA, AU, AGCM Definito, con il Gruppo tecnico per l’attuazione del Protocollo di Intesa tra AEEGSI E PMI, il programma formativo e avviate le attività di e-learning per gli operatori delle Associazioni territoriali del servizio energia per il rilancio e l’aggiornamento delle competenze necessarie. L’inizio delle attività è stato posticipato – su richiesta di ARERA - a causa di problemi tecnici della piattaforma e- learning.

Elaborati 15 tra pareri e consulenze su diverse materie di interesse delle Associazioni territoriali su temi quali, ad esempio, IVA agevolata, aumento di potenza, assistenza post sisma Macerata, procedura di accesso portale GSE in caso di procedure fallimentari, problematiche switching imprese; pratiche commerciali scorrette; formazione e aggiornamenti per sportelli MEPA e Sportelli in Rete MEPA.

Sono state effettuate alcune segnalazioni su: • mancato rispetto del. 252/17 su aree terremotate ad ARERA • pratiche commerciali scorrette da parte di operatori di telesseling ad AGCOM, ARERA e Garante Privacy; • socializzazione degli oneri non riscossi dai venditori (lettera Presidente ARERA) Sono stati elaborati documenti, insieme alle altre Organizzazioni aderenti a RETE Imprese Italia sui seguenti temi: • Oneri per Osservatorio - GdL elettricità; • Incentivazione energia rinnovabile; Infine è stato elaborato da Confartigianato un documento di risposta ad ARERA in materia di socializzazione gas

8 circolari informative diramate al Sistema Confederale

10 interventi di assistenza su casi pratici effettuati 2 eventi di formazione sul Mercato Elettronico della Pubblica Amministrazione (MEPA) presso le Associazioni Territoriali

Sospensione Delibera 52/2018 sulla socializzazione degli oneri non corrisposti ai venditori dai clienti morosi Apertura istruttoria da parte di AGCM sulla segnalazione effettuata

100 operatori delle Associazioni territoriali coinvolti 20 ore la durata della formazione a distanza, fruibile per 2 anni

124

125


CONFARTIGIANATO IMPRESE

BILANCIO SOCIALE 2018

O B I E T T I V I , AT T I V I TÀ , R I S U LTAT I

3.4

I RISULTATI DELL’AZIONE PER TEMI CHIAVE

COMPETITIVITÀ Innovazione Rappresentanza istituzionale e lobbying

PARTECIPAZIONE A ORGANISMI ESTERNI E TAVOLI

126

Facoltà Design Industriale “La Sapienza” di Roma. Tavolo tecnico per la gestione dell’alternanza tra Università e mondo del lavoro, i tirocini e l’indirizzo didattico degli insegnamenti

Tavolo di Esperti e Parti Sociali UIBM - Ufficio Italiano Brevetti e Marchi. Condivisione e valutazione delle iniziative promozionali delle tematiche di competenza dell’UIBM presso la micro impresa: brevetti, marchi, modelli di utilità, disegni, contraffazione

ADI Compasso d’oro. Osservatorio permanente del Design dell’ADI, costituito da una commissione di esperti per le attività del premio Compasso d’Oro

4 INCONTRI

2 INCONTRI

3 INCONTRI

ENEA - Progetto KEP (Knowledge Exchange Program). Organismo con ruolo consultivo e di indirizzo per la realizzazione di un programma di trasferimento tecnologico per le imprese italiane grazie ad una collaborazione tra ENEA ed Associazioni di Categoria.

FABBRICA INTELLIGENTE. Adesione “al Cluster Fabbrica Intelligente” di cui al Bando Ministero per lo Sviluppo Economico (MISE) sulle tematiche di ricerca e innovazione con la finalità di accompagnare l’evoluzione della manifattura italiana e di seguire le sfide future.

COMITATO INDIRIZZO PONREC (PROGRAMMA OPERATIVO NAZIONALE RICERCA E COMPETITIVITA’). Organismo consultivo di vigilanza presso il Ministero per l'Istruzione e la Ricerca (MIUR) per l’attuazione dei programmi nazionali di incentivazione della ricerca pubblica a valere sulle risorse comunitarie.

3 INCONTRI

2 INCONTRI

2 INCONTRI

Promuovere l'innovazione delle micro e piccole imprese e favorire l'aggregazione imprenditoriale come chiave strategica per promuovere la competizione sul mercato //////////////////////////////////////////////////

127

TUTTE LE MIUR: ATTUAZIONE DEL PROGRAMMA OPERATIVO NAZIONALE CATEGORIE RICERCA E SVILUPPO Attività nell’ambito del Comitato di sorveglianza presso il MIUR, con riferimento all’attuazione della nuova Programmazione Europea 2014-2020. Rafforzamento e divulgazione dei risultati della ricerca, dello sviluppo tecnologico e dell'innovazione, al fine di realizzare gli obiettivi della politica di coesione dell'Unione Europea a favore delle proprie aree territoriali più svantaggiate. Il Programma, gestito dal Ministero dell'Istruzione, dell'Università e della Ricerca (MIUR), interessa le regioni di transizione - Abruzzo, Molise e Sardegna e le regioni meno sviluppate - Basilicata, Calabria, Campania, Puglia e Sicilia, con una dotazione finanziaria complessiva di 1.286 milioni di euro. STIAMO LAVORANDO PER...

/////////////////////////////////////////

• Partecipare all’interno di progetti promossi nelle regioni della Convergenza in ritardo di sviluppo e in transizione destinatarie del programma. Gli ambiti di applicazione del programma sono 12: Aerospazio, Agrifood, Blue Growth (economia del mare), Chimica verde, Design, Creatività e made in Italy (non R&D), Energia, Fabbrica intelligente, Mobilità sostenibile, Salute, Smart, Secure and Inclusive Communities, Tecnologie per gli Ambienti di Vita, Tecnologie per il Patrimonio Culturale. L'obiettivo è quello di creare opportunità di sviluppo territoriale, incentivare la formazione di "laboratori di innovazione", all'interno dei quali coltivare nuove conoscenze, talenti, imprenditorialità innovativa, opportunità di attrazione di competenze.


CONFARTIGIANATO IMPRESE

TUTTE LE POLITICHE PER CATEGORIE L’INNOVAZIONE: MISE E UIBM Attività presso il MISE - Ministero Sviluppo Economico - e l’UIBM (Ufficio Italiano Brevetti e Marchi) con riferimento alle politiche per l’innovazione delle MPMI e allo sviluppo della proprietà industriale: brevetti, marchi, disegni e modelli di utilità. I NOSTRI RISULTATI 2018 • Implementazione delle normative europee sul brevetto ad effetto unificato. • Implementazione della nuova normativa sul marchio europeo.

BILANCIO SOCIALE 2018

TUTTE LE CATEGORIE Osservatorio permanente del Design dell’ADI, costituito da una commissione di esperti per le attività del premio Compasso d’Oro e Targa Giovani. Partecipazione alla celebrazione del Premio “Targa Giovani”.

ADI – ASSOCIAZIONE DESIGN INDUSTRIALE

STIAMO LAVORANDO PER...

/////////////////////////////////////////

• Favorire accordi di collaborazione con l’Associazione del Design Industriale. TUTTE LE CATEGORIE In vista del futuro settennio di programmazione 2021-2027, la Commissione Europea ha lavorato alla definizione del 9° programma quadro per la ricerca e l’innovazione nell’UE, Horizon Europe. Il programma sostituisce Horizon 2020 e riveste una grande importanza per il periodo di programmazione soprattutto perché fonde parte del programma COSME con lo Strumento PMI di Horizon 2020 , i due canali principali per il finanziamento europeo delle micro e piccole imprese.

HORIZON EUROPE (POST HORIZON 2020)

STIAMO LAVORANDO PER...

/////////////////////////////////////////

• Favorire la diffusione della cultura e degli strumenti della proprietà industriale all’interno delle micro e piccole imprese sia alla luce della normativa nazionale che in relazione ai nuovi istituti varati a livello europeo. Di conseguenza dovranno essere adattate le modalità di implementazione degli strumenti e di incentivazione pubblica. TUTTE LE CATEGORIE ASSET IMMOBILIARI DELLE IMPRESE: FONDAZIONE PER L'INNOVAZIONE COTEC/UNIONCAMERE Azioni di approfondimento per una ricognizione dei sistemi di valutazione degli assets immateriali delle imprese, in particolare delle MPMI anche ai fini dell’accesso al credito, lo sviluppo di interventi normativi dedicati, lo sviluppo di una cultura d’impresa che punti alla green economy.

I NOSTRI RISULTATI 2018 • Condiviso a livello europeo un Manifesto per le PMI a difesa dello Strumento PMI in Horizon Europe. • Approvate nella risoluzione del Parlamento Europeo: • La replica di uno strumento (sulla falsa riga dello Strumento PMI di Horizon 2020, con le 3 fasi) di finanziamento dedicato esclusivamente alle MPMI; • possibilità per le MPMI di investire nel miglioramento delle tecnologie già esistenti (innovazione incrementale) come già previsto per le nuove tecnologie (innovazione dirompente). STIAMO LAVORANDO PER...

/////////////////////////////////////////

• Mantenere la posizione del Parlamento Europeo anche in sede di negoziato interistituzionale con Consiglio Europeo e Commissione Europea. • Assicurare che almeno l'80% del bilancio del Consiglio Europeo dell'innovazione sia dedicato alle MPMI.

O B I E T T I V I , AT T I V I TÀ , R I S U LTAT I

TUTTE LE PROGRAMMA PMI CATEGORIE E INVESTEU (POST COSME) La Commissione Europea ha pubblicato una nuova proposta di regolamento per istituire un programma di finanziamento teso a consentire alle PMI di trarre pieno vantaggio da un mercato unico ben funzionante. Il nuovo programma per le PMI e il programma InvestEU sostituiranno il programma COSME, assicurando continuità all’assistenza finanziaria alle micro, piccole e medie imprese, nonché un’agevole transizione verso un modello di economia sostenibile e innovativo. I NOSTRI RISULTATI 2018 La risoluzione del Parlamento Europeo ha accolto le istanze di Confartigianato per le MPMI italiane tese a garantire lo stanziamento di Fondi ad hoc per: • rafforzare la competitività e la sostenibilità delle imprese, con particolare attenzione alle microimprese, imprese artigiane, lavoratori autonomi, imprenditoria femminile, oltre alle PMI; • consentire la partecipazione delle organizzazioni di categoria allo sviluppo di iniziative nell'ambito del mercato unico (tra cui appalti pubblici, processi di normazione e regimi di proprietà intellettuale); • affrontare le sfide dell'internazionalizzazione anche attraverso le reti di impresa; • sostenere le imprese per affrontare i problemi legati alla digitalizzazione; • eliminare gli ostacoli di mercato e la riduzione degli oneri amministrativi, inclusi gli ostacoli alla creazione di imprese e all'avvio di attività e ad un ambiente favorevole per le MPMI all'interno del mercato unico.

STIAMO LAVORANDO PER...

/////////////////////////////////////////

• Favorire la valorizzazione degli assets immateriali delle micro e piccole imprese in modo da migliorare il merito creditizio e lo sviluppo di strumenti finanziari innovativi. 128

129

3.4

I RISULTATI DELL’AZIONE PER TEMI CHIAVE


CONFARTIGIANATO IMPRESE

BILANCIO SOCIALE 2018

O B I E T T I V I , AT T I V I TÀ , R I S U LTAT I

3.4

I RISULTATI DELL’AZIONE PER TEMI CHIAVE

COMPETITIVITÀ Innovazione Attività e servizi per i soggetti del Sistema Confartigianato, le imprese e le persone INFORMAZIONE E COMUNICAZIONE

ACCORDI E CONVENZIONI

PROGETTI, INIZIATIVE ED EVENTI

• Realizzate comunicazioni e circolari informative.

• Proseguita l’attività di rinforzo della relazione e della collaborazione tra la Facoltà di design in-

• Incentivi dedicati all'innovazione e alla start-up d’impresa – Realizzate azioni di accompagnamento e sviluppo di: • incentivi dedicati dal Governo all’innovazione e gestiti dall’Agenzia governativa Invitalia - Brevetti Più, Disegni Più, SelfEmployment, Manifattura Digitale, Voucher ICT, Nuova Impresa a tasso Zero, Smart & Start • incentivi gestiti direttamente a livello ministeriale (MISE e MEF) e dell’Agenzia delle Entrate - Credito Imposta R&S, Patent Box, Smart&Start, Super ammortamento e Iper ammortamento, Nuova Sabatini, Voucher Digitalizzazione. Le sedi territoriali hanno ampiamente utilizzato alcuni incentivi: “Nuova Sabatini”,”Voucher Digitalizzazione”. Avviata l’assistenza alle imprese su incentivi in precedenza non supportati dalle sedi territoriali: Credito Imposta Ricerca e Sviluppo, Smart&Start, Nuova Impresa a tasso zero. • PROGRAMMA IMPRESA 4.0 - Il Piano Nazionale Impresa 4.0 prevede un insieme di misure e agevolazioni con l’obiettivo di favorire gli investimenti per l’innovazione e la competitività delle imprese. Confartigianato sta lavorando per: • realizzare una rilevazione capillare dei bisogni digitali delle imprese e del grado di comprensione e diffusione del tema 4.0; • formare sulle tematiche digitali i funzionari a contatto con le imprese per consentire una più puntuale attività di informazione e consulenza; • realizzare approfondimenti verticali sugli scenari digitali per settori di imprese, allo scopo di rendere l’attività di accompagnamento all’innovazione delle imprese associate, sempre più aderente alla loro esperienza concreta e ai loro reali bisogni. • Proseguita l’attività Material connexion di promozione del design e dei materiali innovativi nelle imprese, come veicolo di innovazione e internazionalizzazione. • Proseguita la promozione dei risultati della ricerca e dell’innovazione all’interno della micro impresa, esito delle attività del Consiglio Nazionale delle Ricerche.

20 circolari informative diffuse al Sistema Confederale CONSULENZA • Assistenza e sviluppo di progetti di innovazione nei principali ambiti di riferimento riconosciuti dai livelli di incentivazione pubblica nazionali ed europei (green, design, ICT, nuovi materiali). • Assistenza e sviluppo di reti di imprese presso le sedi territoriali: supporto per gli aspetti organizzativi e fornitura di linee-guida e documenti per la costituzione delle aggregazioni. • Sviluppo dei contenuti della convenzione con il CSB (Centro Sviluppo Brevetti) per la promozione della proprietà industriale presso le MPMI sul territorio nazionale. • Sviluppo del Progetto INNOVASUD finalizzato a favorire l’implementazione della erogazione di servizi strategici (sviluppo associativo, internazionalizzazione, bilateralità, politiche attive del lavoro, servizi qualificati) verso le imprese in 12 sedi territoriali del Sud Italia. • Assistenza per lo sviluppo e la diffusione degli incentivi alle imprese. Assistenza per la verifica dello stato avanzamento delle domande di incentivazione pubblica presentate dalle sedi territoriali per conto delle imprese associate.

130

dustriale dell’Università “La Sapienza” di Roma, le imprese, i laureandi, anche tramite attività di scambio laureandi-imprese per lo sviluppo dei tirocini. • Proseguita l’attività di implementazione e diffusione dei titoli di proprietà industriale presso le microimprese italiane in sinergia con il Sistema Camerale nazionale e territoriale nell’ambito della Convenzione con il Centro Sviluppo Brevetti, anche grazie agli sportelli degli inventori presso le sedi territoriali e gli accordi con le CCIAA..

131


CONFARTIGIANATO IMPRESE

BILANCIO SOCIALE 2018

O B I E T T I V I , AT T I V I TÀ , R I S U LTAT I

COMPETITIVITÀ Internazionalizzazione Rappresentanza istituzionale e lobbying

PARTECIPAZIONE A ORGANISMI ESTERNI E TAVOLI CDA ICE - Agenzia per la promozione all’estero e l’internazionalizzazione delle imprese italiane - Confartigianato siede con un proprio componente nel CDA dell’Agenzia per sostenere l’internazionalizzazione delle MPMI tramite azioni di supporto pubblico. 5 INCONTRI Tavolo sulla Trade Facilitation MISE - A seguito della ratifica del Trade Facilitation Agreement (TFA) si è costituito presso il MISE il Tavolo Strategico Nazionale sulla Facilitazione del Commercio Internazionale, con l’obiettivo di implementare le disposizioni contenute nell’Accordo sulla Trade Facilitation (TFA).

4 INCONTRI

132

Gruppo MPMI presso ICE - Il Tavolo nasce in seno alla Cabina di Regia su indicazione di RETE Imprese Italia, con l’obiettivo di individuare le migliori pratiche e progetti promozionali a supporto delle micro e piccole imprese, tramite il raccordo tra ICE Agenzia e tutte le Associazioni imprenditoriali di rappresentanza delle piccole imprese 7 INCONTRI

Cabina di Regia per l’internazionalizzazione Costituita nel 2013, allo scopo di tracciare le Linee Guida per l’internazionalizzazione del Sistema Italia coinvolge soggetti istituzionali e di rappresentanza.

Tavolo della Moda MISE - Costituito presso il Ministero dello Sviluppo Economico. Supporto agli incontri di Categoria. (vedi categoria Moda)

1 INCONTRO

3 INCONTRI

Task Force Cina MISE - La task force, presieduta dal Sottosegretario delegato, ha l’obiettivo di sviluppare, sotto il coordinamento del MISE, un approccio sistemico nei confronti della Cina per affrontare tutti gli aspetti della collaborazione bilaterale, a partire dal commercio e dagli investimenti reciproci, per estendersi alla cooperazione scientifica, culturale, al turismo.

Task Force costi e benefici del libero scambio MISE) – Tavolo costituito dal Sottosegretario delegato del MISE, sugli accordi di libero scambio, con il fine di contribuire ad aumentare il grado di utilizzo degli accordi in vigore e in via di applicazione, che rappresentano occasioni importanti per accrescere l’internazionalizzazione delle imprese italiane.

1 INCONTRO

2 INCONTRI

Sessione del dialogo economico italo-svizzero - Il Ministero dello Sviluppo Economico organizza ogni anno una Sessione del dialogo economico Italia – Svizzera alla presenza dei rappresentanti del Governo, delle Istituzioni e delle maggiori Associazioni Imprenditoriali dei due Paesi, allo scopo di confrontarsi apertamente e trovare soluzioni alle norme introdotte dalla Svizzera nella regolamentazione dell’accordo UE –CH sulla libera circolazione delle persone 1 INCONTRO

Promuovere l’internazionalizzazione delle MPMI sui mercati globali, implementando specifiche politiche di supporto e fornendo alle imprese associate opportunità di business e alle Associazioni territoriali strumenti a valore aggiunto //////////////////////////////////////////////////

3.4

I RISULTATI DELL’AZIONE PER TEMI CHIAVE

TUTTE LE PIANO PROMOZIONALE ICE CATEGORIE E PIANO STRAORDINARIO MADE IN ITALY MISE 2018 Il Programma annuale ordinario viene finanziato attraverso la legge di bilancio, con un contributo a carico del Ministero dello Sviluppo Economico (Mise). All’assegnazione pubblica - utilizzata di norma anche in anni successivi a quello nel quale è stata stanziata per lo sviluppo pluriennale del Piano di attività - si aggiunge il contributo finanziario delle imprese a titolo di compartecipazione ai costi di realizzazione, differenziato in funzione delle finalità dell’iniziativa, del mercato-obiettivo e delle modalità di sostegno. I Progetti finanziati con i fondi a sostegno del "Made in Italy" rappresentano, nel quadro complessivo e generale dell'attività promozionale dell'ICE, la parte rivolta a sostenere e rafforzare il Sistema Italia, che comprende sia la creatività, la progettualità, le competenze e le specializzazioni delle imprese, sia la promozione dell'immagine dell'Italia nella sua più complessiva dimensione culturale, frutto di storia, arte e tradizione. I NOSTRI RISULTATI 2018 • Finanziate iniziative promozionali dedicate a Confartigianato: vedi Progetti, iniziative ed eventi STIAMO LAVORANDO PER...

/////////////////////////////////////////

• Ottenere il finanziamento del progetto di valorizzazione della settimana della moda uomo di Milano gennaio 2019 • Ottenere il finanziamento Progetto White 2018-2019 • Definire il nuovo Programma promozionale Confartigianato ICE 2019.

133

TUTTE LE ACCOGLIENZA DI CATEGORIE DELEGAZIONI ISTITUZIONALI ESTERE Nell’ambito delle attività istituzionali, le attività di accoglienza promuovono la conoscenza del Sistema Confartigianato presso le delegazioni straniere, al fine di valorizzare le potenzialità commerciali. I NOSTRI RISULTATI 2018 Accolte due delegazioni: • Delegazione istituzionale panamense Milano 23 gennaio 2018 • Conferenza delegazione istituzionale Corea del Sud Roma 17 ottobre 2018


CONFARTIGIANATO IMPRESE

BILANCIO SOCIALE 2018

O B I E T T I V I , AT T I V I TÀ , R I S U LTAT I

3.4

I RISULTATI DELL’AZIONE PER TEMI CHIAVE

COMPETITIVITÀ Internazionalizzazione Attività e servizi per i soggetti del Sistema Confartigianato, le imprese e le persone INFORMAZIONE E COMUNICAZIONE

PROGETTI, INIZIATIVE ED EVENTI

• Segnalazione agli uffici territoriali preposti alla promozione export le opportunità legate agli strumenti nazionali di finanziamento e supporto all’internazionalizzazione.

• Progetto la “Filiera del Made in Italy per il rilancio e consolidamento della presenza delle MPMI sui mercati esteri” 8 incoming settoriali (Puglia, 2 Marche, Umbria, Calabria, Lombardia, Veneto, Campania); • Progetto “Italian experience” finalizzato alla realizzazione di un percorso formativo per chefs esteri: Seconda fase 2 incoming (Umbria e Piemonte); • Progetto Piano Sud: 1 incoming (Sardegna) • Progetto di potenziamento del Salone White: edizioni febbraio e settembre

25 circolari informative diffuse al Sistema Confederale 35 comunicazioni al Gruppo internazionalizzazione FORMAZIONE La formazione specifica sull’internazionalizzazione ha l’obiettivo di fornire strumenti e competenze di base ai funzionari delle associazioni territoriali addetti all’export e alla promozione internazionale. Parte delle attività formative sono state svolte all’interno della Scuola di Sistema. Realizzati seminari informativi alle imprese nell’ambito del progetto “La Filiera del Made in Italy” • Lecce, 9 gennaio 2018: seminario formativo “Comunicare il Made in Italy (18 imprese); • Perugia, 26 gennaio 2018: seminario formativo su “Le tecniche di base del commercio estero” (20 imprese); • Ancona, 9 febbraio 2018: seminario formativo su “Export now” (27 imprese) • Genova, 12 febbraio 2018: seminario formativo “Made in Italy e-digitale” (30 imprese) • Treviso, 20 febbraio 2018: seminario formativo “Strumenti e le metodologie di analisi necessarie per la costruzione di un business plan” ( 20 imprese); • Bari, 12 settembre 2018: seminario formativo “Web marketing” (65 imprese) • Salerno, 23 novembre 2018: Workshop “Coaching settore abbigliamento” (25 imprese).. ACCORDI E CONVENZIONI • Sottoscritto accordo quadro con Fiera Milano, per il tramite di Confexport, per favorire e promuovere la partecipazione delle imprese del nostro Sistema alle seguenti fiere: Tutto Food, Host, Homi e Sisposaitalia. • Rinnovati gli accordi con il Gruppo IEG per la Fiera Origin Passion and Beliefs (OPB) e con Fiera di Milano per The One 2019. 134

135

LE COLLETTIVE ORGANIZZATE PRESSO FIERE IN ITALIA E ALL’ESTERO • • • • • • • • • •

Fiera Maison et Objet Parigi edizione del 19-23 gennaio 2018 - 16 imprese Fiera BIT Milano 11-13 febbraio 2018 area di immagine con TuttoFood - 10 imprese Salone White Milano 23-26 febbraio 2018 - 40 imprese Milano 22-24 settembre 2018 - 30 imprese Fiera Tempo di Libri Milano 8-12 marzo 2018 - 8 imprese Fiera ICFF di NY “Italian Luxury Interiors” New York 20-23 maggio 2018 - 25 imprese Fiera Big Sight di Tokio “Interior Lifestyle” Tokyo 30 maggio - 1 giugno 2018 - 15 imprese Roadshow per l’internazionalizzazione ICE Cagliari 20 giugno 2018 - 250 imprese Style Routes to Shanghai 11-14 ottobre 2018 - 19 imprese CIIE (China International Import Expo) Shanghai 5-10 novembre 2018 - 15 imprese Design Week di Dubai “Italian Luxury Interiors” 13-16 novembre 2018 - 20 imprese

LE MISSIONI INCOMING DI OPERATORI ESTERI ORGANIZZATE PRESSO I TERRITORI • • • • • • • • • • • •

29-31 gennaio Puglia (Lecce) - 20 imprese 30 gennaio - 2 febbraio Marche (Macerata) - 30 imprese 30 gennaio- 2 febbraio Umbria (Perugia) - 25 imprese 21-23 febbraio Calabria (Lamezia Terme) - 25 imprese 14-16 marzo Sardegna (Oristano) - 30 imprese 7-9 maggio Lombardia (Varese) - 15 imprese 9-12 maggio Veneto (Treviso) - 15 imprese 14-16 maggio Marche (Fano) - 25 imprese 16-19 maggio Veneto (Vicenza) - 35 imprese 17-19 giugno Piemonte (Novara) - 35 imprese 20-22 giugno Umbria (Terni) - 35 imprese 23-26 novembre Campania (Salerno) - 25 imprese


BILANCIO SOCIALE 2018

CONFARTIGIANATO IMPRESE

O B I E T T I V I , AT T I V I TÀ , R I S U LTAT I

3.4

I RISULTATI DELL’AZIONE PER TEMI CHIAVE

COMPETITIVITÀ Standardizzazione Rappresentanza istituzionale e lobbying

PARTECIPAZIONE A ORGANISMI ESTERNI E TAVOLI UNI. Ente di Normazione Italiano che elabora e pubblica norme tecniche volontarie - le norme UNI - in tutti i settori industriali, commerciali e del terziario 11 RIUNIONI

Tavolo per le Politiche della Qualità. Tavolo interconfederale, composto da tutte le Organizzazioni datoriali, da Unioncamere e da Organismi di certificazione 7 RIUNIONI

ACCREDIA

Consiglio Direttivo ACCREDIA. Ente Italiano di Accreditamento, l’unico Organismo nazionale autorizzato dallo Stato a svolgere attività di accreditamento degli Organismi di certificazione e ispezione, dei laboratori di prova, anche per la sicurezza alimentare, e dei laboratori di taratura. Partecipazione all’ Assemblea di Accredia 6 RIUNIONI

Comitato di Indirizzo e Garanzia. Organo cui spetta il compito di esprimere il contributo dei Soci, nonché le proposte di altri soggetti eventualmente interessati alle attività di accreditamento, alla formulazione degli indirizzi operativi e al buon funzionamento dell'Ente, onde assicurare la competenza, la trasparenza e l'imparzialità del suo operato 5 RIUNIONI

CABINA DI REGIA UNI SULLE PROFESSIONI - Tavolo politico di CERT’Ing - Agenzia per la certificazione volontaria delle raccordo e coordinamento tra la dirigenza UNI e gli Organi competenze per gli ingegneri - Partecipazione al “Comitato Tecnici in merito alle professioni non regolamentate presie- di Controllo” della procedura di certificazione: duto dal Direttore di UNI 2 RIUNIONI 2 RIUNIONI

INTERVENTI A INIZIATIVE E SEMINARI • Convegno presentazione dell’Osservatorio Nazionale delle Professioni 2018 • Convegno Professionisti per l’Italia: presentazione documento • Convegno dell’Osservatorio di Accredia • Seminario presso il CNR "Marcatura CE dei prodotti da Costruzione: nuove norme ed obblighi per professionisti ed imprese" • Seminario Norme Tecniche Costruzioni • Seminario “Il buon governo del territorio” presso il Consiglio Superiore dei Lavori Pubblici

Promuovere l’internazionalizzazione delle MPMI sui mercati globali, implementando specifiche politiche di supporto e fornendo alle imprese associate opportunità di business e alle Associazioni territoriali strumenti a valore aggiunto //////////////////////////////////////////////////

SBS - Small Business Standards

Partecipazione diretta ai Tavoli di lavoro degli esperti nella normalizzazione provenienti dal mondo delle MPMI, per la promozione dello sviluppo di standard che incontrino i bisogni e le aspettative delle MPMI.

136

137

TUTTE LE CATEGORIE Ente di Normazione Italiano che elabora e pubblica norme tecniche volontarie - le norme UNI - in tutti i settori industriali, commerciali e del terziario.

UNI

I NOSTRI RISULTATI 2018 • Adesione alla campagna associativa 2018, tramite richiesta alle Associazioni territoriali di aderire all’Ente in forma di aggregazione inter-associativa tramite multiquota - formula che consente di aderire con uno sconto - in applicazione dell’Accordo di Associazione UNI-Confartigianato. STIAMO LAVORANDO PER...

/////////////////////////////////////////

• Proporre nuove e più convenienti modalità per attivare abbonamenti che consentano ai nostri associati l’acquisto di norme a prezzi vantaggiosi. • Veicolare esigenze e risolvere criticità nei rapporti tra Associazioni territoriali e UNI in relazione alla gestione della politica associativa.

TUTTE LE CATEGORIE Curati i rapporti con le Istituzioni italiane - Parlamento, Ministeri, Consiglio Superiore Lavori Pubblici, Servizio Tecnico Centrale, … - per specifiche norme tecniche di interesse del Sistema Confederale quali ad esempio la UNI EN 1090, il Regolamento Europeo Prodotti da Costruzione, le Norme Tecniche per le Costruzioni, il monitoraggio delle norme tecniche europee armonizzate riguardanti la marcatura CE.

NORME TECNICHE SPECIFICHE

I NOSTRI RISULTATI 2018 • Una volta emanate le nuove norme tecniche, si è lavorato sulla circolare interpretativa con incontri con il Ministero delle infrastrutture. Le specifiche norme tecniche sono rendicontate nella sezione dedicata alle Categorie.


CONFARTIGIANATO IMPRESE

BILANCIO SOCIALE 2018

COMPETITIVITÀ Standardizzazione Altre azioni TUTTE LE COMMISSIONE NAZIONALE CATEGORIE ATTIVITÀ PROFESSIONALI NON REGOLAMENTATE La Commissione, a cui partecipa Confartigianato, si occupa di definire terminologia, principi, caratteristiche e requisiti relativi alla qualificazione di attività professionali e/o professioni non regolamentate e non rientranti nelle competenze di altre commissioni tecniche ed Enti Federati. Confartigianato mantiene rapporti con le Categorie coinvolte anche ai fini della loro partecipazione nei Gruppi di Lavoro. I NOSTRI RISULTATI 2018 • 9 riunioni ufficiali della Commissione oltre a incontri informali; ad alcuni incontri ha partecipato l’ ISFOL per continuare ad esaminare e approfondire le correlazioni con l’Atlante del Lavoro iniziate lo scorso anno • Sono stati nominati 2 nuovi imprenditori nel Gruppi di lavoro STIAMO LAVORANDO PER...

/////////////////////////////////////////

• Emanare nuove norme tecniche per alcune professioni non regolamentate

138

AZIONE

SEZIONE DI RENDICONTAZIONE

APPARECCHIATURE ELETTRONICHE A USO DOMESTICO E PROFESSIONALE

Vedi categoria riparatori elettrodomestici (p. 220)

Attività e servizi per i soggetti del Sistema Confartigianato, le imprese e le persone INFORMAZIONE E COMUNICAZIONE • Invio alle associazioni aderente al Multiquota della newsletter settimanale UNlNotizie, riportante informazioni inerenti l'attività sulla normazione tecnica e relative notizie istituzionali. ACCORDI E CONVENZIONI • Rinnovo dell’Accordo di Associazione UNI-Confartigianato • Rinnovo Multiquota UNI 2018


CONFARTIGIANATO IMPRESE

BILANCIO SOCIALE 2018

O B I E T T I V I , AT T I V I TÀ , R I S U LTAT I

3.4

I RISULTATI DELL’AZIONE PER TEMI CHIAVE

CREDITO Rappresentanza istituzionale e lobbying

PARTECIPAZIONE A ORGANISMI ESTERNI E TAVOLI Comitato Pagamenti Italia Banca d’Italia (CPI) Forum di cooperazione per il sostegno allo sviluppo di un mercato dei pagamenti sicuro, innovativo e competitivo, in grado di rispondere alle sfide globali e alle esigenze degli utilizzatori (imprese, famiglie, Pubbliche Amministrazioni) Linee guida agli operator e incontri 2 INCONTRI

Fondo Centrale di Garanzia Partecipazione a tavoli e gruppi di lavoro presso il Ministero dello Sviluppo Economico, per seguire e orientare i lavori relativi alla riforma del Fondo Predisposizione azioni post riforma. Nuovo sistema di accreditamento dei Confidi autorizzati. Partecipazione al Comitato di Gestione 3 INCONTRI

Partecipazione alle attività di Artigiancassa e presidio del Comitato tecnico Adeguamento delle linee di intervento verso il sistema 3 INCONTRI

140

Presidio della Federazione di rappresentanza dei Confidi Artigiani FedartFidi Predisposizione riforma Federazione e Assoconfidi, Associazione di rappresentanza di secondo livello.

INTERVENTI A INIZIATIVE E SEMINARI Convegni sui pagamenti della P.A. organizzati da Banca IFIS Convegno su Politiche Monetarie UE – CNEL

Agevolare l’accesso al credito delle MPMI, quale fattore imprescindibile per il rilancio del sistema produttivo e del Paese //////////////////////////////////////////////////

10 INCONTRI

Partecipazione insediamento tavolo ABI/Associazioni di impresa in attuazione di quanto concordato in sede di Accordo per il credito 2019 (Cd. Tavolo C.I.R.I. - Condivisione interassociativa sulle Iniziative Regolamentari Internazionali) 1 INCONTRO

FONDO CENTRALE DI GARANZIA

TUTTE LE CATEGORIE

L’attività di presidio del Fondo Centrale di Garanzia nel 2018 è consistita in: • presidio del Comitato di Gestione del FCG in rappresentanza di Rete Imprese Italia; • partecipazione a tutti gli incontri di preparazione della Riforma del FCG e predisposizione delle Nuove Disposizioni Operative. I NOSTRI RISULTATI 2018 • Incremento di 735 milioni di euro per il 2019 della dotazione del Fondo Centrale di Garanzia, di cui 300 milioni di euro provengono dalle risorse del Fondo per lo sviluppo e la coesione. • Ingresso del rappresentante di Confartigianato all’interno del Comitato di Gestione, in rappresentanza di Rete Imprese Italia. STIAMO LAVORANDO PER...

/////////////////////////////////////////

• Preparare il sistema alla implementazione della riforma. • Attuare la Sezione Speciale Fondo di Garanzia, con una dotazione finanziaria iniziale di 50 milioni di euro, a sostegno delle PMI creditrici della Pubblica amministrazione, in ritardo con la restituzione dei prestiti alle Banche. • Monitorare lo stato di applicazione della riserva regionale di accesso al FCG per i Confidi.

141


CONFARTIGIANATO IMPRESE

TUTTE LE ACCORDO PER LA CATEGORIE MORATORIA DEI CREDITI L’ABI e le Associazioni di rappresentanza delle imprese hanno sottoscritto il 15 novembre 2018 un nuovo Accordo per il credito, che prevede in particolare le seguenti iniziative: • il rafforzamento della collaborazione tra l’ABI e le Associazioni imprenditoriali per svolgere un’azione comune per l’analisi e la definizione di posizioni condivise su iniziative normative e regolamentari di matrice europea e internazionale che impattano sull’accesso al credito per le imprese. In particolare, è costituto uno specifico tavolo di condivisione interassociativo sulla regolamentazione internazionale (CIRI); • l’introduzione di alcuni adeguamenti alla misura “Impresa in Ripresa”, relativa alla sospensione e allungamento dei finanziamenti alle PMI, prevista dall’Accordo per il credito 2015 (c.d. “Imprese in Ripresa 2.0”). I NOSTRI RISULTATI 2018 • Conseguito il rinnovo dell’accordo per il credito per il 2019 STIAMO LAVORANDO PER...

/////////////////////////////////////////

• Predisporre la posizione di Confartigianato sui dossier più rilevanti in materia di regolamentazione europea e internazionale per la vigilanza finanziaria (Finanzia Sostenibile – Nuova definizione di “default”)

142

BILANCIO SOCIALE 2018

O B I E T T I V I , AT T I V I TÀ , R I S U LTAT I

TUTTE LE CATEGORIE Presidio delle attività di rappresentanza dei Confidi appartenenti all’Artigianato e della Federazione Fedart Fidi, attraverso la partecipazione agli organismi di governance della stessa.

CONFIDI

I NOSTRI RISULTATI 2018

I RISULTATI DELL’AZIONE PER TEMI CHIAVE

TUTTE LE CATEGORIE La nuova Sabatini è una norma di agevolazione per investimenti in beni strumentali attraverso un contributo a copertura degli interessi sui finanziamenti bancari.

NUOVA SABATINI

I NOSTRI RISULTATI 2018

• Patrimonializzazione Confidi: seguite presso il Ministero dello Sviluppo Economico le attività di assegnazione dei fondi destinati ai Confidi. • Destinazione fondi residui per la patrimonializzazione dei Confidi per un nuovo programma a favore di Confidi stessi (residuo circa 50 milioni) per sostenere operazioni di aggregazione, processi di digitalizzazione o percorsi di efficientamento gestionale, da utilizzare per la concessione di garanzie alle MPMI. • Venture Capital: creazione di un Fondo di sostegno al Venture Capital presso il Ministero dello Sviluppo Economico per investimenti - con modalità da individuare con decreto attuativo - in fondi di venture capital, ovvero in fondi che investano in fondi di venture capital. • Crowdfunding: rafforzato lo strumento per il finanziamento delle MPMI alternativo al credito bancario, prevedendo la possibilità per le MPMI di finanziarsi attraverso portali per la raccolta di capitali, con l’emissione di obbligazioni o strumenti finanziari di debito, la cui sottoscrizione è riservata agli investitori professionali e a particolari categorie di investitori individuate dalla Consob. STIAMO LAVORANDO PER...

• Conseguito il rifinanziamento dello strumento agevolativo “Beni strumentali – Nuova Sabatini”, finalizzato ad accrescere la competitività del sistema produttivo del Paese e migliorare l’accesso al credito per l’acquisto di nuovi macchinari, impianti e attrezzature delle micro, piccole e medie imprese. STIAMO LAVORANDO PER...

/////////////////////////////////////////

• Assistere le Associazioni territoriali e le imprese nell’accesso allo strumento e studio della casistica per orientamento applicativo del Ministero dello Sviluppo economico. TUTTE LE CATEGORIE Analisi e studio del Programma Resto al Sud, misure di agevolazione a fondo perduto per l’imprenditoria giovanile.

MEZZOGIORNO

I NOSTRI RISULTATI 2018

/////////////////////////////////////////

• Predisporre la posizione di Confartigianato sugli atti per l’istituzione dell’Organismo per la tenuta dell’elenco dei confidi. OBBLIGO DI ADOZIONE DEI SERVIZI DI PAGAMENTO POS

3.4

• Proroga a tutto il 2019 del Programma Resto al Sud con potenziamento dello strumento mediante l’ampliamento dei beneficiari per limite di età e accesso per i liberi professionisti.

TUTTE LE CATEGORIE

Effettuata una valutazione di impatto e perimetrazione delle ricadute delle relative norme di adozione.

TUTTE LE RITARDI DI PAGAMENTO CATEGORIE NELLE TRANSAZIONI COMMERCIALI La Commissione Europea deve presentare periodicamente al Parlamento europeo e al Consiglio una relazione sull’attuazione della Direttiva 7/2011 in materia di ritardi di pagamento, corredata di eventuali proposte idonee a renderla pienamente applicabile. Il Parlamento Europeo ha avviato nel 2018 una valutazione sull’attuazione della Direttiva sui ritardi di pagamento. I NOSTRI RISULTATI 2018 Accolte le istanze di Confartigianato, proposte anche insieme a SME United tese a: • introdurre l’obbligo di pubblicazione delle informazioni in banche dati e registri specifici riguardanti il comportamento in materia di pagamento; • promuovere una cultura di pagamenti rapidi e corretti nei rapporti commerciali; • garantire l’applicazione della legislazione nazionale, promuovere e migliorare lo svolgimento di controlli più rigorosi, in particolare nei confronti delle grandi imprese (relazioni B2B); • considerare l’introduzione di forme obbligatorie e adeguate di compensazione o risarcimento per le imprese che vantano crediti nei confronti della PA.

STIAMO LAVORANDO PER...

/////////////////////////////////////////

STIAMO LAVORANDO PER...

• Sulla base delle attività di monitoraggio dell’impatto sulle MPMI stiamo verificando le condizioni di riduzione del costo per l’adozione del POS.

/////////////////////////////////////////

• Far approvare le proposte nella relazione del Parlamento Europeo sull’attuazione della Direttiva 7/2011.

143


CONFARTIGIANATO IMPRESE

BILANCIO SOCIALE 2018

CREDITO Attività e servizi per i soggetti del Sistema Confartigianato, le imprese e le persone

PROGETTI, INIZIATIVE ED EVENTI • Implementazione della piattaforma FidinreteWeb e progettazione/implementazione nuovo sistema gestionale ACCORDI E CONVENZIONI • Rinnovato l’accordo per l’utilizzo della piattaforma “TROVABANDO” da parte delle Associazioni territoriali di Confartigianato, integrando i contenuti dell’accordo quadro precedente a seguito della conclusione della prima fase di sperimentazione pilota e della implementazione di tutte le funzioni della piattaforma. • Studiata ipotesi di accordo Quadro con Banca IFIS per Leasing

O B I E T T I V I , AT T I V I TÀ , R I S U LTAT I

3.4

I RISULTATI DELL’AZIONE PER TEMI CHIAVE

WELFARE Rappresentanza istituzionale e lobbying

PARTECIPAZIONE A ORGANISMI ESTERNI E TAVOLI Comitato Amministratore della Gestione dei contributi e delle prestazioni previdenziali degli artigiani presso INPS

9 INCONTRI Consiglio direttivo e Assemblea FSBA 10 INCONTRI

144

Comitato Amministratore del Fondo per la Gestione speciale dei lavoratori autonomi ex L. 335/95

10 INCONTRI

Consiglio di indirizzo e vigilanza dell’INPS 6 incontri CIV 9 incontri Commissione Entrate 6 incontri Commissioni Congiunte (Entrate, Prestazioni, Istituzionale ed Economico – Finanziaria) 21 INCONTRI

Consiglio di amministrazione e Assemblea EBNA 10 INCONTRI

Commissione Tecnica sulle Lavorazioni Gravose ex L. 205/2017 presso ISTAT 3 INCONTRI


CONFARTIGIANATO IMPRESE

Favorire una legislazione compatibile con il settore e la tipologia di imprese rappresentate, nelle materie che riguardano gli ammortizzatori sociali, le diverse gestioni previdenziali, i profili della contribuzione e delle prestazioni //////////////////////////////////////////////////

BILANCIO SOCIALE 2018

O B I E T T I V I , AT T I V I TÀ , R I S U LTAT I

TUTTE LE CATEGORIE Nell’ambito della riforma degli ammortizzatori sociali, sono state seguite le attività tecnico-sindacali per l’avvio di FSBA, il Fondo di solidarietà Bilaterale dell’Artigianato che eroga prestazioni di sostegno al reddito per i lavoratori in caso di sospensione o riduzione dell’attività lavorativa nelle modalità dell’assegno ordinario e dell’assegno di solidarietà. In tale ambito, sono state seguite anche per il 2018 l’attuazione della Convenzione tra FSBA e INPS sottoscritta in data 15 dicembre 2016 e l’iscrizione a FSBA delle Associazioni di categoria e delle strutture associative di servizio alle imprese.

3.4

I RISULTATI DELL’AZIONE PER TEMI CHIAVE

TUTTE LE CATEGORIE Con riferimento alla criticità emersa in materia di contributi, è proseguita l’azione di Confartigianato sull’istituto contrattuale della trasferta.

RIFORMA DEGLI AMMORTIZZATORI SOCIALI

NORMATIVA IN MATERIA DI TRASFERTA

I NOSTRI RISULTATI 2018 • Mantenuta la riduzione della metà dell’aliquota contributiva ristabilendo la prassi amministrativa consolidata, più favorevole per le imprese, tramite un’apposita disposizione di legge interpretativa confermata dalla ulteriore giurisprudenza di Cassazione del 2018

I NOSTRI RISULTATI 2018 • Portate a regime nel 2018 le prestazioni di FSBA. • Chiariti con Accordo Interconfederale del 7 febbraio 2018 gli obblighi contributivi delle imprese non artigiane sotto i 6 dipendenti nei confronti degli Enti Bilaterali Territoriali e del Fondo Inps (FIS) di quelle superiori alla stessa soglia. • Confermata anche per il 2018 la codicistica per la contribuzione a EBNA e FSBA e le modalità con cui l l’INPS mette a disposizione del Fondo i dati estratti dai modelli UNIEMENS per la verifica della regolarità contributiva delle imprese ai fini dell’erogazione delle prestazioni. • Escluse dall’obbligo di contribuzione al Fondo di Integrazione Salariale (FIS) le Associazioni di categoria e le strutture associative di servizio alle imprese che aderiscono a FSBA, tramite l’inserimento in un elenco formale registrato presso l’INPS e aggiornato nel 2018.

STIAMO LAVORANDO PER...

/////////////////////////////////////////

• L’emanazione delle istruzioni attuative della norma interpretativa da parte dell’INPS. TUTTE LE CATEGORIE In questi anni, Confartigianato ha portato avanti una forte azione finalizzata ad ottenere una revisione tariffaria a favore delle imprese artigiane che tenesse conto dei reali andamenti infortunistici e dei rilevanti avanzi della Gestione Artigiani registrati a partire dalla prima riforma del sistema tariffario introdotta dal D.lgs. n. 38/2000.

TARIFFE DEI PREMI INAIL

STIAMO LAVORANDO PER...

/////////////////////////////////////////

• Incrementare le prestazioni FSBA come stabilito dall’Accordo Interconfederale del 17/12/2018 • Attivare modalità congrue di versamento della contribuzione correlata tramite il confronto con l’INPS

I NOSTRI RISULTATI 2018 • Ottenuto un risultato storico con la riduzione dei premi INAIL pagati dalle aziende artigiane. Si tratta di un risultato importante che consentirà ad ogni lavorazione di pagare un premio proporzionato agli oneri prodotti all’INAIL con una riduzione dei tassi medi per le imprese del 32,72%. Inoltre, è previsto un periodico aggiornamento delle tariffe e dei premi in relazione all’andamento infortunistico OBIETTIVO 2017

RAGGIUNTO NEL 2018!

• L’INAIL ha approvato una determina presidenziale preliminare all’emanazione dei Decreti attuativi della riforma. STIAMO LAVORANDO PER...

/////////////////////////////////////////

• Definire gli indirizzi attuativi della riforma nell’ambito del confronto avviato nel tavolo tecnico presso l’Inail. 146

147


CONFARTIGIANATO IMPRESE

BILANCIO SOCIALE 2018

O B I E T T I V I , AT T I V I TÀ , R I S U LTAT I

CONSULENZA

Redatte e pubblicate, sull’intranet di Confartigianato, circolari informative, interpretative e di supporto all’attività delle Associazioni territoriali relative a previdenza, assistenza e welfare.

• Fornite risposte ai quesiti interpretativi posti da Federazioni, Associazioni e Società di servizio, tramite il confronto con INPS e INAIL.

24 circolari pubblicate

36 risposte a quesiti interpretativi fornite • Seguiti i lavori del Tavolo tecnico - istituito nel 2017 su richiesta di Confartigianato con gli uffici della Direzione informatica dell’INAIL - per il monitoraggio, la manutenzione e il miglioramento dell’efficienza delle procedure informatiche dell’Istituto. • Aggiornate le posizioni previdenziali dei responsabili associativi (imprenditori di imprese artigiane e collaboratori) censite nel Cassetto previdenziale Artigiani - istituito dall’INPS - per mantenere la continuità e la funzionalità della comunicazione ordinaria con l’Istituto. 11 variazioni di responsabili associativi operate per altrettante Associazioni territoriali • Effettuata attività consulenziale e specialistica - integrativa rispetto al Cassetto previdenziale - tra le Associazioni e le Società di servizio di Confartigianato e le sedi territoriali INPS. 19 interventi richiesti ai servizi informatici dell’INPS per difficoltà di accesso, visualizzazione deleghe, caricamenti massivi e profilazioni complesse • Monitorato, su tutte le materie di competenza INPS, il mantenimento dell’efficienza dei canali di comunicazione istituzionali. • Sostenuta, su richiesta delle Associazioni Territoriali, l’istruzione INPS che richiede alle sedi territoriali di riservare appuntamenti dedicati alle Associazioni. • Seguite le operazioni annuali relative all’autoliquidazione dei premi e alle denunce di infortunio INAIL, assicurando una tempestiva informazione e mantenendo in efficienza i canali di accesso alle procedure. • Seguite, nell’ambito dell’iter di concessione presso il Ministero del Lavoro, le pratiche di richiesta dei trattamenti straordinari di integrazione salariale e di contratto di solidarietà in materia di Cassa integrazione guadagni (CIG) - sia per le imprese artigiane che industriali - e i ricorsi presentati dalle aziende. 2 richieste di trattamento straordinario di Cassa integrazione guadagni e di contratti di solidarietà seguite e regolarmente liquidate

148

I RISULTATI DELL’AZIONE PER TEMI CHIAVE

SEMPLIFICAZIONE PUBBLICA AMMINISTRAZIONE Rappresentanza istituzionale e lobbying

WELFARE Attività e servizi per i soggetti del Sistema Confartigianato, le imprese e le persone INFORMAZIONE e COMUNICAZIONE

3.4

PARTECIPAZIONE A ORGANISMI ESTERNI E TAVOLI Agenzia per la coesione territoriale Comitato di Sorveglianza PON Governance e Capacità Istituzionale (FSE-FSER) 2014-2020 Ha l’obiettivo di valutare l’avanzamento del Programma Operativo e il raggiungimento degli obiettivi per una crescita intelligente, sostenibile e inclusiva tramite interventi di rafforzamento della capacità amministrativa e istituzionale e di digitalizzazione della Pubblica Amministrazione

Ministero per la semplificazione e la Pubblica Amministrazione Tavolo di monitoraggio Attuazione “Agenda per la Semplificazione 2015-2017”

1 INCONTRO

16 INCONTRI

Agenzia per la coesione territoriale Comitato di Sorveglianza PON Governance e Capacità Istituzionale (FSE-FSER) 2014-2020 Progetto “Delivery Unit” (nell’ambito dell’obiettivo specifico 1.2 del Pon Governance) per la riduzione degli oneri regolatori e dei tempi attraverso la semplificazione delle procedure, l’implementazione delle misure di semplificazione e potenziamento dell’attuazione dell’Agenda per la semplificazione 2015-2017, in raccordo con Regioni ed Enti locali. 1 INCONTRO

Ministero dello Sviluppo Economico - Tavolo PMI Il Tavolo di confronto con le Organizzazioni di rappresentanza delle micro, piccole e medie imprese previsto dallo Statuto delle Imprese è stato convocato sui temi della semplificazione e delle misure per le imprese contenute nella Legge di Bilancio per il 2019. 3 INCONTRI (1 POLITICO, 2 TECNICI)

149

Ministero per la semplificazione e la Pubblica Amministrazione Forum della società civile sul nuovo Piano d’Azione per l’Open Government 2019-2021 Piano di azione e cronoprogramma in materia di trasparenza, open data, partecipazione, accountability, cittadinanza e competenze digitale 1 INCONTRO Ministero per la semplificazione e la Pubblica Amministrazione Tavolo semplificazione con il Ministro presentazione di proposte di semplificazione da parte delle organizzazioni imprenditoriali

1 INCONTRO

INTERVENTI A INIZIATIVE E SEMINARI • ForumPa 2018 - TAVOLA ROTONDA - Semplificazione e digitalizzazione: il fascicolo informatico di impresa Attuazione del Fascicolo informatico di impresa quale “ambiente virtuale” per i rapporti con la PA e l’intero ciclo di vita dell’impresa • Convention - AGID - “Dal processo di semplificazione amministrativa alla costruzione di un Sistema di Servizi per le Imprese” - Condivisione dei risultati del Progetto di interoperabilità tra soggetti pubblici per arrivare alla semplificazione e digitalizzazione dei i procedimenti amministrativi e servizi per le Imprese. Focus su applicazione interoperabilità alle procedure amministrative - ad esempio l’AUA (Autorizzazione Unica Ambientale). • Formazione nell’ambito del Progetto “Delivery Unit” (nell’ambito dell’obiettivo specifico 1.2 del Pon Governance # semplificazione) - 7 webinar cui ha partecipato Confartigianato con approfondimenti sulla nuova Conferenza di servizi, glossario edilizia libera, road map innovazione digitale, e-procurement, Riforma PA (riforma Madia).


CONFARTIGIANATO IMPRESE

Eliminare o ridurre gli oneri burocratici per le imprese, in modo da liberare risorse da destinare a investimenti e sviluppo //////////////////////////////////////////////////

BILANCIO SOCIALE 2018

TUTTE LE MODULISTICA SUAP – 5.1 CATEGORIE AGENDA PER LA SEMPLIFICAZIONE Standardizzazione dei moduli edilizia: Comunicazione di fine lavori (CIL), Comunicazione di inizio lavori asseverata (CILA), Segnalazione certificata di inizio attività (SCIA) alternativa al permesso di costruire. Standardizzazione dei moduli attività produttive: panificatori, tintolavanderie, somministrazione di alimenti e bevande, autoriparatori, autorimesse, commercio all’ingrosso, facchinaggio, imprese di pulizia, disinfezione, disinfestazione, derattizzazione e sanificazione. I NOSTRI RISULTATI 2018 • Approvati - con l’Accordo in Conferenza Unificata tra Stato e Regioni - i moduli standardizzati per le imprese di pulizia, disinfezione, disinfestazione, derattizzazione e sanificazione, facchinaggio, agenzie di affari di competenza del Comune e commercio all’ingrosso (alimentare e non alimentare), anche grazie al contributo di Confartigianato. • La verifica della adozione e dell’impatto della modulistica standardizzata già adottata è stata realizzata anche in collaborazione con Confartigianato. STIAMO LAVORANDO PER...

/////////////////////////////////////////

• Standardizzare – nell’ambito degli incontri con le Regioni, il Governo e Anci - i contenuti della modulistica SUAP riguardo le attività di: somministrazione in circoli privati aderenti, impianti gestione rifiuti, attività di spettacolo e spettacolo viaggiante, strutture ricettive all’aria aperta e non • Aggiornare - in tutti i moduli, sia quelli già approvati sia quelli ancora in corso di analisi - la sezione riguardante la privacy alla luce della recente riforma.

O B I E T T I V I , AT T I V I TÀ , R I S U LTAT I

EDILIZIA, IMPIANTI LEGGE IMPRESE IMPRESE DEL VERDE ARTIGIANALI (LIA) Canton Ticino Richiesta la soppressione della Legge Imprese Artigianali (LIA), che ha istituito l’obbligo di ottenere un’autorizzazione cantonale per l’esercizio di 13 professioni nel ramo dell’artigianato.

3.4

I RISULTATI DELL’AZIONE PER TEMI CHIAVE

TUTTE LE CATEGORIE Il Dipartimento della Funzione Pubblica previa consultazione delle Associazioni imprenditoriali, predispone, entro il 31 marzo di ciascun anno, una relazione annuale su: • lo stato di attuazione dell’obbligo in capo ai Ministeri di pubblicazione dell’elenco degli oneri introdotti o eliminati allegati agli atti amministrativi pubblicati. • l’impatto degli adempimenti amministrativi sulle imprese emanati nell’anno precedente. La relazione, indirizzata al Dipartimento per gli affari giuridici e legislativi (DAGL) della Presidenza del Consiglio dei Ministri ha funzione di indirizzo nella fase di adozione degli atti normativi in materia di semplificazione amministrativa.

BILANCIO DEGLI ONERI EX ART. 7 e 8 STATUTO DELLE IMPRESE

I NOSTRI RISULTATI 2018 • Abrogata dal Gran Consiglio del Canton Ticino, ovvero il Parlamento ticinese, la legge sulle imprese artigiane (LIA), introdotta nel 2016 per regolamentare l’attività di tutte le aziende attive nel settore “casa” entro i confini del cantone elvetico di lingua Italiana”, che risultava fortemente lesiva delle norme sul mercato interno. OBIETTIVO 2017

RAGGIUNTO NEL 2018!

• Sospeso l’incasso forzato di tutti gli emolumenti, come pure il perseguimento delle contravvenzioni. STIAMO LAVORANDO PER...

/////////////////////////////////////////

• Ottenere la modifica della norma del Canton Ticino del 6 novembre 2018 che prevede la restituzione della tassa di iscrizione alla Lia solo per le imprese svizzere.

I NOSTRI RISULTATI 2018 Recepite, nella relazione annuale del Dipartimento della Funzione Pubblica le proposte di Confartigianato tese a: • estendere l’ambito di applicazione del bilancio degli oneri anche ai provvedimenti in materia fiscale e creditizia e quelli verso terzi , a forte impatto sui destinatari (ad esempio le etichettature) • dedicare maggiore attenzione alle “filiere dei provvedimenti”: estendere il monitoraggio sugli oneri introdotti ed eliminati anche all’attività di regolamentazione delle amministrazioni diverse da quelle centrali • applicare il principio di proporzionalità, prevedendo maggiore selettività nel processo di individuazione degli oneri, al fine di concentrare la quantificazione degli stessi sugli adempimenti più rilevanti • dare specifica evidenza al gold plating, dedicando maggiore attenzione all’introduzione, in sede di recepimento di direttive europee, di adempimenti ed oneri ulteriori rispetto a quelli definiti dal regolatore europeo. STIAMO LAVORANDO PER...

/////////////////////////////////////////

• Elaborare le osservazioni e le proposte per le consultazioni relative alla relazione annuale del 2019. TUTTE LE AGENZIA PER LA COESIONE TERRITORIALE COMITATO DI SORVEGLIANZA CATEGORIE PON GOVERNANCE E CAPACITÀ ISTITUZIONALE (FSE-FSER) 2014-2020 Progetto “Delivery Unit” (nell’ambito dell’obiettivo specifico 1.2 del Pon Governance # semplificazione) per la riduzione degli oneri regolatori e dei tempi attraverso la semplificazione delle procedure, l’implementazione delle misure di semplificazione e il potenziamento dell’attuazione dell’Agenda per la semplificazione 2015-2017, in raccordo con Regioni ed Enti locali. I NOSTRI RISULTATI 2018 • Formulate le proposte di Confartigianato per il nuovo Programma di misurazione degli oneri 2018-2023 , tese a dare maggiore rilevanza agli oneri che gravano sulle micro imprese. STIAMO LAVORANDO PER...

/////////////////////////////////////////

• Pianificare la misurazione degli oneri 2018-2023 con le istituzioni nazionali e regionali 150

151

TUTTE LE CRISI D’IMPRESA E CREDITO CATEGORIE PRIVILEGIATO ARTIGIANO Il Governo, in attuazione della delega sulla crisi di impresa, ha elaborato lo schema del nuovo “Codice della crisi e dell’Insolvenza” (di modifica alla Legge fallimentare del 1942). I NOSTRI RISULTATI 2018 • Sostituzione del termine “fallimento” con l’espressione “liquidazione giudiziale”, al fine di evitare il discredito sociale collegato al termine “fallito” e in linea con il principio europeo della seconda chance; • Superamento della crisi assicurando la continuità aziendale, pur nel rispetto delle ragioni dei creditori e riservando la liquidazione giudiziale ai casi nei quali manchi un’idonea soluzione alternativa. • Limitazione del cd. concordato in bianco. STIAMO LAVORANDO PER...

/////////////////////////////////////////

• Applicare il principio di proporzionalità alla procedura di allerta della crisi • Ridurre i costi per le imprese dovuti ai nuovi obblighi di nomina degli organismi di controllo introdotti dal Codice della crisi d’impresa e dell’insolvenza


CONFARTIGIANATO IMPRESE

BILANCIO SOCIALE 2018

O B I E T T I V I , AT T I V I TÀ , R I S U LTAT I

I NOSTRI RISULTATI 2018

TUTTE LE CATEGORIE Il 6 febbraio 2018 è stata lanciata una consultazione della Commissione Europea sulla Definizione di PMI (contenuta nella Raccomandazione 2003/361) alla quale Confartigianato ha partecipato. Successivamente il Parlamento Europeo ha approvato una proposta di Risoluzione su questo tema.

DEFINIZIONE PMI

AZIONE

SEZIONE DI RENDICONTAZIONE

• REGOLAMENTO TIPO - 4.6 AGENDA PER LA SEMPLIFICAZIONE

Vedi categoria EDILIZIA (p. 197)

I NOSTRI RISULTATI 2018 Nella Risoluzione è stato previsto: • il riconoscimento del criterio dei dipendenti quale criterio principale; • il riconoscimento dell’acronimo MPMI e quindi un’attenzione particolare per le micro imprese all’interno della definizione PMI; • un periodo transitorio di due anni durante il quale le imprese ad alta crescita mantengono lo status di PMI; • una definizione ad hoc per le mid-caps diversa rispetto a quella per le PMI; • maggiori risorse per il sostegno per le PMI nel futuro programma COSME, Horizon Europe e fondi strutturali; • una valutazione di impatto che attui il principio Think Small First (Pensare innanzitutto al piccolo) obbligatoria per tutte le proposte dell’UE; • un aggiornamento dello SBA che lo riporti nella sua accezione iniziale prevedendone anche un suo aggiornamento.

152

I RISULTATI DELL’AZIONE PER TEMI CHIAVE

SEMPLIFICAZIONE PUBBLICA AMMINISTRAZIONE Altre azioni

TUTTE LE CATEGORIE Nel 2018 è entrato in vigore il Regolamento Privacy (GDPR Reg. 2016/679) e il decreto legislativo n. 101/18 di adeguamento della normativa nazionale a quella europea, che prevede un approccio volto a privilegiare l’aspetto sostanziale della tutela dei dati personali, basato sul principio dell’accountability.

PRIVACY

Il decreto legislativo di adeguamento della normativa italiana al Regolamento europeo, grazie anche all’azione di Confartigianato, ha: • affidato al Garante privacy italiano il compito di adottare le linee guida che tengano conto delle esigenze di semplificazione delle MPMI; • previsto una fase transitoria di 8 mesi per limitare le sanzioni alle imprese (periodo di grazia) • garantito la compatibilità con il nuovo Regolamento dell’autorizzazione generale al trattamento di dati sensibili nel rapporto di lavoro.

3.4

153

STATI GENERALI DELLA MONTAGNA Il 16 ottobre 2018, il Ministro per gli Affari Regionali e le Autonomie ha convocato il primo incontro degli Stati Generali della Montagna. Confartigianato Imprese ha partecipato alla riunione di insediamento. Nel corso dell’incontro Confartigianato ha rappresentato le proprie posizioni e proposto al tavolo una agenda in 10 punti che tocca le principali questioni rilevanti per il rilancio della montagna e delle aree interne: • Chiara definizione di montanità. Oggi la “montagna italiana” è troppo ampia e indifferenziata. • Fiscalità di vantaggio, quali detrazioni di imposta per i territori montani, che prevedano una premialità con abbattimento delle imposte dirette, a fronte dei maggiori costi e oneri sostenuti quali: riscaldamento, disagi viabilità, delocalizzazione degli Uffici amministrativi. • Semplificazione del Codice degli Appalti pubblici, accompagnata da ulteriori misure finalizzate al raggiungimento di una “burocrazia zero” soprattutto per le attività svolte in condizioni di svantaggio strutturale. • Valorizzazione con strumenti plurimi delle capacità di autogoverno dei territori montani. • Più incisiva remunerazione dell’uso delle risorse naturali a cominciare dall’acqua. • Riconoscimento di tutti i servizi ecosistemici resi dai territori montani. • Rinegoziazione della partita idroelettrica (a prescindere dalla scadenza delle concessioni). • Focalizzazione della Strategia nazionale per le aree interne su tutte le aree montane delle Regioni a statuto ordinario (oltre che sulle risorse endogene) sui servizi alle PMI. • Sviluppo delle intese Stato Regioni per l’autonomia differenziata (ex art. 116, Cost.) con attenzione anche alle esigenze dei territori di montagna. • Un “Libro verde” (per superare il deficit informativo) su costi e sovraccosti del vivere e operare in montagna. I lavori degli Stati Generali sono proseguiti nel 2019 con l’approfondimento di alcune specifiche aree tematiche nell’ambito di appositi 11 Tavoli Permanenti in 10 dei quali ha inviato i propri delegati, designati dalle associazioni territoriali e federazioni regionali.


CONFARTIGIANATO IMPRESE

BILANCIO SOCIALE 2018

O B I E T T I V I , AT T I V I TÀ , R I S U LTAT I

SEMPLIFICAZIONE PUBBLICA AMMINISTRAZIONE Attività e servizi per i soggetti del Sistema Confartigianato, le imprese e le persone CONSULENZA

PROGETTI, INIZIATIVE ED EVENTI

7 pareri alle Associazioni territoriali su alcuni temi di interesse tra cui “Regolamento dehors” del Comune di Taranto, computo dei lavoratori interinali nell’impresa artigiana, Privacy, Camere di commercio .

Gruppo di lavoro Privacy Per facilitare l’adeguamento delle micro e piccole imprese, è stato costituito un Gruppo di lavoro che ha coinvolto 56 tra Associazioni territoriali e Federazioni regionali, con la finalità di monitorare e gestire l’impatto del GDPR sulle imprese. Il Gruppo ha predisposto la “cassetta degli attrezzi” per semplificare la conformità alle nuove disposizioni per le imprese associate: • modulistica aggiornata • check-list di valutazione aziendale • registro dei trattamenti • FAQ • Vademecum per le imprese. Tali strumenti sono stati oggetto di confronto e condivisione con gli Uffici del Garante italiano della privacy. Sezione “Focus on” Attivata una sezione del sito della Direzione Relazioni istituzionali dedicata alla privacy e alle risposte ai quesiti provenienti dal Territorio Cassetto digitale per l’imprenditore Sessione di approfondimento dello strumento il “cassetto digitale per l’imprenditore” all’interno del sito: impresa.italia.it che reca informazioni della pubblica amministrazione – SUAP e camerali del Registro delle Imprese Autonomia Regionale Differenziata Confronto tecnico – politico, con l’intervento del Ministro per gli Affari Regionali e con il coinvolgimento delle Federazioni Regionali del Sistema per analizzare e approfondire gli aspetti di diretto interesse delle imprese ed il relativo impatto, presenti nelle prime bozze di intese (Lombardia e Veneto)

INFORMAZIONE e COMUNICAZIONE • Pubblicate sulla Intranet confederale circolari informative, interpretative e di supporto alle attvità delle Associazioni territoriali. 24 circolari pubblicate su diversi temi (Privacy, Riforma delle Camere di commercio, Crisi d’impresa, credito privilegiato artigiano, Agenda per la semplificazione e Glossario unico per l’edilizia libera)

I RISULTATI DELL’AZIONE PER TEMI CHIAVE

TERRITORIO E AMBIENTE Rappresentanza istituzionale e lobbying

PARTECIPAZIONE A ORGANISMI ESTERNI E TAVOLI Consiglio di Amministrazione e Assemblea COBAT (Consiglio Nazionale Raccolta e Riciclo)

Tavolo del Ministero dell’Ambiente in materia di digitalizzazione degli adempimenti di contabilità ambientale (registro carico e scarico e formulario di identificazione rifiuti).

8 RIUNIONI

1 RIUNIONE

Gruppi di lavoro del Ministero dell’Ambiente in materia di recepimento delle nuove Direttive europee sui rifiuti, che interessano i seguenti temi: Imballaggi; Responsabilità estesa del produttore; Tracciabilità dei rifiuti; Tariffe; Incentivi finanziari; Rifiuti organici; Rifiuti marittimi; Recupero e smaltimento; Reporting; RAEE, pile, veicoli fuori uso. Assemblea dei soci CONAI (consorzio nazionale imballaggi) 1 RIUNIONE

4 riunioni del Gruppo di lavoro Privacy 2 riunioni del Gruppo di lavoro sul fallimento e i mancati pagamenti

154

3.4

155

Assemblea dei soci CONOE (consorzio nazionale olii e grassi vegetali ed animali esausti) 1 RIUNIONE


CONFARTIGIANATO IMPRESE

BILANCIO SOCIALE 2018

O B I E T T I V I , AT T I V I TÀ , R I S U LTAT I

3.4

I RISULTATI DELL’AZIONE PER TEMI CHIAVE

TERRITORIO E AMBIENTE Rappresentanza istituzionale e lobbying Favorire la semplificazione degli adempimenti burocratici in materia ambientale a carico delle imprese e promuovere opportunità di crescita e competitività in linea con i paradigmi dello sviluppo sostenibile //////////////////////////////////////////////////

TUTTE LE SISTEMA ELETTRONICO CATEGORIE DI TRACCIABILITÀ DEI RIFIUTI (SISTRI) Proseguita l’azione di rappresentanza riguardante la richiesta di abrogazione del Sistema elettronico di tracciabilità dei rifiuti SISTRI e sua sostituzione con un sistema semplice, gratuito ed efficiente, a misura di micro e PMI che confermi il ruolo centrale di assistenza e consulenza alle imprese da parte del Sistema associativo. I NOSTRI RISULTATI 2018 • Ottenuta l’abrogazione del Sistema SISTRI (decreto legge “semplificazioni”). OBIETTIVO 2017

RAGGIUNTO NEL 2018!

STIAMO LAVORANDO PER...

/////////////////////////////////////////

• Fornire contributi al Tavolo avviato presso il Ministro dell’Ambiente in materia di digitalizzazione degli adempimenti di contabilità ambientale (registro carico e scarico e formulario di identificazione rifiuti): registro telematico dei rifiuti che sostituirà l’abrogato Sistema SISTRI • Fornire contributi al Tavolo ministeriale per il recepimento del pacchetto di Direttive europee sull’economia circolare che interessano i seguenti temi: End of waste, Sottoprodotti, Imballaggi; Responsabilità estesa del produttore; Tracciabilità dei rifiuti; Tariffe; Incentivi finanziari; Rifiuti organici; Rifiuti marittimi; Recupero e smaltimento; Reporting; RAEE, pile, veicoli fuori uso. 156

IMPIANTI , AUTORIPRAZIONE, REGOLAMENTO SERVIZI E TERZIARIO GAS FLUORURATI AD EFFETTO SERRA (F-GAS) Ottenimento di un provvedimento che unisca alle istanze di tutela ambientale le necessarie semplificazioni adempimentali per le categorie tenute all’utilizzo e smaltimento di gas fluorurati ad effetto serra. I NOSTRI RISULTATI 2018 • Emanato il nuovo DPR 146/2018: modalità di attuazione del Regolamento (UE) n. 517/2014 in materia di gas fluorurati ad effetto serra. OBIETTIVO 2017

RAGGIUNTO NEL 2018!

• Definito lo schema di certificazione sui gas fluorurati a effetto serra per la categoria degli impianti STIAMO LAVORANDO PER...

/////////////////////////////////////////

• Monitorare gli aspetti applicativi del DPR 146/2018 tramite la partecipazione – a supporto di Confartigianato Impianti ed Autoriparazione- agli incontri presso ACCREDIA. • Ottenere un decreto in materia di sanzioni relativo al DPR 146/2018 che riguardi gli inadempimen7 sostanziali e non meramente formali. • Definire gli schemi di certificazione sui gas fluorurati a effetto serra tramite la partecipazione – insieme a Confartigianato Impianti e Autoriparazione- agli incontri presso ACCREDIA

TUTTE LE SOSTENIBILITÀ AMBIENTALE CATEGORIE E RESPONSABILITÀ SOCIALE Garantire la sostenibilità economica, sociale ed ambientale trasformandola da vincolo ad opportunità di crescita e sviluppo per le imprese del Sistema associativo. I NOSTRI RISULTATI 2018 • Rinnovata l’adesione all’ASviS – Alleanza Italiana per lo Sviluppo Sostenibile. In qualità di socio aderente Confartigianato è presente nella lista pubblicata sul sito web dell’Alleanza. • Rinnovata l’adesione agli Stati Generali della Green Economy presso il Ministero dell’Ambiente. STIAMO LAVORANDO PER...

/////////////////////////////////////////

• Elaborare e sottoscrivere, assieme a tutte le Organizzazioni datoriali italiane, una “CARTA PER LA SOSTENIBILITA’ E LA COMPETITIVITÀ DELLE IMPRESE NELL’ECONOMIA CIRCOLARE”, all’interno della quale si individueranno 10 linee di intervento e punti programmatici su cui intraprendere un confronto fattivo con i diversi interlocutori istituzionali, che si sviluppi attraverso un percorso di impegni concreti per coniugare sviluppo economico e sostenibilità ambientale.

157

In caso di calamità naturali, evitare adempimenti e versamenti tributari per un congruo lasso temporale, assicurando che al termine della sospensione i soggetti siano in grado di assolvere il pagamento anche tramite finanziamenti e rateizzazioni //////////////////////////////////////////////////

TUTTE LE CATEGORIE Confartigianato si è attivata per assicurare che, anche dopo la fase di prima emergenza, sia riconosciuta una ulteriore sospensione dei versamenti e adempimenti tributari, se necessaria. La ripresa dei versamenti ed adempimenti sospesi, inoltre, deve avvenire in modo graduale e con congrue rateizzazioni.

SISMA ITALIA CENTRALE

I NOSTRI RISULTATI 2018 • Ottenuta la proroga e la maggiore rateizzazione per il versamento dei tributi sospesi, compresi quelli dovuti dagli altri soggetti diversi dai titolari di partita IVA (legge 145/2018 e DL 55/2018). • Ottenuta la proroga dal 2018 al 2020 per l’esclusione del reddito dei fabbricati distrutti o inagibili ai fini IRPEF e IRES.


CONFARTIGIANATO IMPRESE

BILANCIO SOCIALE 2018

O B I E T T I V I , AT T I V I TÀ , R I S U LTAT I

3.4

I RISULTATI DELL’AZIONE PER TEMI CHIAVE

TERRITORIO E AMBIENTE Altre azioni

NORMATIVA SULLE EMERGENZE

TUTTE LE CATEGORIE

Confartigianato ha rappresentato la necessità di introdurre una sistematica normativa di emergenza. STIAMO LAVORANDO PER...

TUTTE LE SISMA EMILIA CATEGORIE DEL MAGGIO 2012 L’esenzione IMU per i fabbricati distrutti o inagibili a causa del sisma del maggio 2012 scade a fine 2018.

AZIONE

SEZIONE DI RENDICONTAZIONE

INFORMAZIONE E COMUNICAZIONE

• RACCOLTA DEGLI PNEUMATICI FUORI USO (PFU) STRADALE

Vedi categoria autoriparatori (p. 187)

Redatte e pubblicate circolari informative, interpretative e di supporto all’attività delle Associazioni territoriali relative, in particolare, ai diversi adempimenti in materia ambientale.

/////////////////////////////////////////

• Far sì che vengano previste in modo certo e inequivocabile le misure da adottare nell’immediato, individuando i tributi che rientrano nella sospensione. • Disciplinare le sospensioni dei termini di versamenti e adempimenti in modo unitario, sia in campo fiscale che contributivo. • Non penalizzare i contribuenti che incorrono in eventi calamitosi a fine anno, anche creando un apposito fondo dedicato, superando il limite della non fruibilità della sospensione oltre l’anno in corso. • Consentire, superata l’emergenza iniziale, di graduare la sospensione dei termini in base al danno effettivo. • Garantire sempre una congrua rateizzazione dei tributi sospesi. • Disciplinare le procedure per la comunicazione della perdita delle scritture contabili e dei documenti fiscali o la distruzione dei beni, introducendo procedure sostitutive semplificate. • Eliminare, per un congruo lasso temporale, l’applicazione di sanzioni per tardiva presentazione (oltre i 30 giorni) delle cancellazioni e modifiche delle posizioni aziendali presso l’Agenzia delle Entrate, oltre che presso Registro Imprese, INAIL, etc...

I NOSTRI RISULTATI 2018

4 circolari pubblicate

• Ottenuta la proroga di un ulteriore anno (2019) dell’esenzione IMU dei fabbricati inagibili a seguito del sisma (legge n. 145 del 30 dicembre 2018)

CONSULENZA Sono state fornite risposte a quesiti tecnico giuridici in materia di adempimenti ambientali.

TUTTE LE GENOVA – CROLLO CATEGORIE PONTE “MORANDI” A causa delle ripercussioni negative sul fatturato delle imprese provocato dal crollo del ponte, è stata istituita una ZFU nella città di Genova per il 2018 (D.L. 109/2018).

20 risposte a quesiti delle Associazioni territoriali ACCORDI E CONVENZIONI Rinnovate le convenzioni per le Federazioni e Associazioni del Sistema Confederale con Il Sole 24 Ore per la banca dati online sulla sicurezza e con EPC editore per pubblicazioni e formazione in materia di sicurezza.

I NOSTRI RISULTATI 2018 • Ottenuta la proroga della Zona Franca Urbana di un ulteriore anno, ricomprendendovi tutto il 2019 (legge n. 145 del 30 dicembre 2018) 158

TERRITORIO E AMBIENTE Attività e servizi per i soggetti del Sistema Confartigianato, le imprese e le persone

2 convenzioni rinnovate

159


CONFARTIGIANATO IMPRESE

BILANCIO SOCIALE 2018

O B I E T T I V I , AT T I V I TÀ , R I S U LTAT I

* PER SAPERNE DI PIÙ "Impresa Diretta" è la modalità di comunicazione in diretta, via streaming, promossa dalla Direzione Politiche Economiche e dalla Direzione Politiche Fiscali, volta a favorire l’organizzazione di momenti di incontro sul territorio nei quali coinvolgere, di volta in volta, su argomenti di diretto interesse, le imprese delle diverse Categorie. Si tratta di uno strumento con cui viene realizzata in diretta-web, una “trasmissione” in streaming con la Sede nazionale che consente alle Associazioni di invitare presso le proprie sedi gli artigiani delle Categorie di volta in volta coinvolte. L’obiettivo è fornire aggiornamenti su argomenti di immediato interesse, sulle iniziative sindacali prese dalla Confederazione e le indicazioni operative connesse agli adempimenti specifici. Con Impresa Diretta si intende offrire una opportunità di coinvolgimento delle imprese, direttamente e sui rispettivi territori, per allargare la base di conoscenza delle iniziative sindacali svolte a servizio delle Categorie da parte del Sistema Confederale.

• 2 eventi “Impresa diretta” • “Monitoraggio per le detrazioni del 50% e le agevolazioni per gli interventi sulla casa” Lunedì 10 dicembre 2018 - con 70 Associazioni territoriali e 300 aziende partecipanti • “La Fatturazione elettronica: quali impatti organizzativi per le imprese” Mercoledì 27 giugno 2018 - con 60 Associazioni territoriali e 1.039 aziende

160

161

3.1

STRUTTURA E CONTENUTI


BILANCIO SOCIALE 2018

CONFARTIGIANATO IMPRESE

O B I E T T I V I , AT T I V I TÀ , R I S U LTAT I

3.4.2 L’AZIONE DELLE CATEGORIE

ALIMENTAZIONE

ARTISTICO

AUTORIPARAZIONE

BENESSERE

COMUNICAZIONE

EDILIZIA

trasversalmente tutte le categorie è

Dolciario, Alimentari vari, Panificatori, Pastai, Caseari

Restauro, Orafi, Ceramica

ANARA-Confartigianato (Centri revisione veicoli), Carrozzieri, Meccatronici

Acconciatori, Odontotecnici, Estetisti

Fotografi, Grafici, ICT

Confartigianato Edilizia, Imprese di Pulizia,Marmisti, Imprese del verde

IMPIANTI

LEGNO E ARREDO

MODA

MECCANICA

SERVIZI E TERZIARIO

TRASPORTI

Antennisti, Bruciatoristi Manutentori, Termoidraulici, Elettricisti

Legno, Arredo, Tappezzeria

Tessili, Sarti e Stilisti, Abbigliamento, Pulitintolavanderie, Calzaturieri

Meccanica e subfornitura, Carpenteria meccanica

Riparatori elettrodomestici, OASI Confartigianato

Trasporto merci conto terzi, Autobus operator, Taxi

Affidabilità Fiscale (ISA) di Settore. La rendicontazione degli aspetti validi per tutte le categorie viene riportata di seguito, mentre le specificità relative alle singole categorie saranno illustrate in

L’AZIONE DELLE CATEGORIE

ALIMENTAZIONE

Un’azione che ha riguardato quella relativa agli Indici Sintetici di

3.4

schede dedicate. ISA DI SETTORE Confartigianato partecipa ai Gruppi di lavoro di SOSE - Soluzioni per il Sistema Economico – per la definizione degli ISA di settore. È stata segnalata una criticità di carattere generale che riguarda l’apporto di lavoro delle figure non dipendenti, in quanto i valori minimi, stabiliti in misura fissa, potrebbero penalizzare alcune realtà aziendali, in particolare quelle con numero limitato di soci e le imprese a conduzione familiare, in cui l’apporto lavorativo di alcune figure potrebbe essere inferiore alle percentuali minime stabilite. Confartigianato ritiene che occorra graduare i valori della soglia minima in funzione della percentuale reale di apporto lavorativo, introducendo maggiore flessibilità.

MESTIERI

ATTIVITÀ DEGLI ORGANI

Dolciario; Alimentari vari; Panificatori; Pastai; Caseari

5 riunioni di Consiglio Direttivo e Assemblee

Rappresentanza istituzionale e lobbying Rappresentare, tutelare e promuovere gli interessi dell’intero comparto agro-alimentare, salvaguardando e valorizzando l’eccellenza, l’origine e il patrimonio culturale, economico e sociale rappresentato dalle produzioni tipiche e tradizionali dell’artigianato agroalimentare nazionale ////////////////////////////////////////////////

Si rileva, inoltre, in caso di apporto lavorativo femminile che si possono verificare situazioni nelle quali l’apporto di lavoro prestato sia ridotto per diverse cause quali gravidanza, maternità, accudimento familiari disabili, ecc.

PARTECIPAZIONE A ORGANISMI ESTERNI E TAVOLI Comitato nazionale per la sicurezza alimentare - Sezione consultiva delle associazioni dei consumatori e dei produttori presso il Ministero della Salute Attività del Tavolo: Elaborazione di un documento sulle metodologie di comunicazione del rischio ed di un questionario sulle esigenze in materia di valutazione e comunicazione del rischio; Confronto e aggiornamento: • sulla nuova area tematica del sito web del Ministero dedicata alla valutazione e comunicazione del rischio che divulga l’attività tecnico scientifica di EFSA – European Food Safety Authority • in materia di etichettatura (scelta tra Termine Minimo di Conservazione e data di scadenza); • sul sistema di richiamo degli alimenti non conformi.

Tavolo Agroalimentare E’ stato costituito un gruppo di lavoro per la proposta italiana di una etichettatura nutrizionale supplementare aderente al modello della dieta alimentare mediterranea. Confronto e aggiornamento sull’applicazione del Decreto legislativo di indicazione obbligatoria della sede dello stabilimento produzione o confezionamento e sul Regolamento UE 2018/775 relativo all’indicazione del Paese origine o luogo provenienza dell’ingrediente primario dell’alimento alla luce della normativa nazionale di riferimento.

2 riunioni

5 riunioni

Tavolo tecnico del settore luppolo presso il Ministero delle Politiche Agricole, Alimentari, Forestali e del Turismo Gruppo di lavoro sull’Osservatorio Economico e statistico per la redazione del Piano di settore (mappatura delle varietà d’interesse per i birrifici artigianali; possibilità di progetto di filiera per la produzione di luppolo italiano con finanziamento MISE all’80%)

Tavolo per la lotta agli sprechi e per l’assistenza alimentare presso il Ministero delle Politiche Agricole, Alimentari, Forestali e del Turismo E’ stato attivato un gruppo di lavoro che ha elaborato il documento sulle perdite e gli sprechi alimentari per implementazione dei principi donazioni da inoltrare alla Piattaforma europea Confronto sul rifinanziamento (700 milioni di euro) del bando con Fondo di cui alla legge 166/2016 per progetti innovativi per la lotta agli sprechi alimentari individuazione dei prodotti oggetto delle risorse del Fondo indigenti (1 milione di euro) per una migliore fruibilità degli aventi diritto.

1 riunione

1 riunione

Food Forum presso UEAPME/SME United - Forum settoriale dedicato al confronto sulle problematiche dell’alimentazione a livello europeo tra le aderenti ad UEAPME/SME United. Tra i temi oggetto di confronto: Direttiva su pratiche commerciali sleali B2B; applicazione del Regolamento per la riduzione dell’acrilammide negli alimenti; Regolamento per ridurre l’assunzione di acidi grassi trans. 1 riunione

162

163


CONFARTIGIANATO IMPRESE

BILANCIO SOCIALE 2018

O B I E T T I V I , AT T I V I TÀ , R I S U LTAT I

3.4

L’AZIONE DELLE CATEGORIE

ALIMENTAZIONE INFORMAZIONI SUGLI ALIMENTI

OSSERVATORIO ALIMENTARE

ACRILAMMIDE NEGLI ALIMENTI

CONTROLLI ALIMENTARI

In Parlamento è stata avviata la discussione di diverse proposte di legge di interesse della categoria su: • prodotti alimentari da filiera corta e a Km zero; • valorizzazione delle piccole produzioni di origine locale; • indicazione obbligatoria della sede dello stabilimento di produzione o confezionamento degli alimenti; • tracciabilità dei prodotti. A livello europeo è stato approvato il Regolamento UE/2018/775 sull’indicazione dell’ingrediente primario, quanto diverso da quello dell’alimento.

Insediato l’Osservatorio alimentare previsto dal CCNL alimentazione e panificazione artigiana, per il monitoraggio degli andamenti del settore e della sua evoluzione. Partecipazione di Confartigianato a incontri su Formazione continua e aggiornamento professionale sui seguenti temi: Integrazione della filiera agroalimentare; Politica degli appalti e contoterzismo.

Confartigianato, insieme a SME United, ha espresso una valutazione positiva del Regolamento (UE) 2017/2158 contenente misure per ridurre la presenza di acrilammide (quale sostanza cancerogena che si forma in alcuni alimenti durante il processo di cottura, ad esempio: pane, patate fritte, pizza, ecc) negli alimenti, con esenzione delle analisi per le imprese che vendono direttamente o tramite altre imprese locali. Elaborato un Position paper SME United sul progetto di guida sul regolamento (UE).

Regolamento 625/2017 relativo ai controlli ufficiali in materia alimentare, che abroga il Reg. 882/2004. La parte relativa alle norme alimentari oggetto dei controlli entra in applicazione a partire da dicembre 2019.

STIAMO LAVORANDO PER...

/////////////////////////////////////////

• Estendere la definizione relativa ai prodotti alimentari da filiera corta e a Km zero anche ai prodotti alimentari realizzati da operatori non agricoli con l’utilizzo di materia prima agricola del territorio. La finalità è di valorizzare presso i consumatori tali prodotti con caratteristiche di maggiore sostenibilità ambientale e quindi di maggior pregio e qualità. La proposta di legge, sulla quale è stato elaborato un documento di osservazioni con proposte di modifica, è ancora all’esame del Parlamento. • Elaborato e presentato un documento sul Disegno di Legge contenente norme per la valorizzazione delle piccole produzioni di origine locale con proposte di modifica per inserire tra gli operatori di queste “ piccole produzioni locali” anche la figura dell’artigiano, in modo da poter utilizzare un apposito marchio istituito dal MIPAAFT per rendere meglio identificabile per i consumatori tale produzione. Il Disegno di Legge è ancora all’esame del Parlamento. • Ottenere chiarimenti dai Ministeri competenti sull’applicazione del decreto legislativo n. 145/2017 sull’indicazione obbligatoria della sede dello stabilimento di produzione o confezionamento degli alimenti. Al riguardo, data la pronuncia della Commissione Europea sull'inapplicabilità del decreto, il Ministero dello Sviluppo Economico valuterà l'emanazione di una circolare solo nel caso in cui il problema sia sollevato dalle Organizzazioni di rappresentanza. • Rendere non obbligatoria la certificazione della tracciabilità e la possibilità di allargare le informazioni ai consumatori sul processo produttivo tramite interventi per la modifica del DDL sulla tracciabilità dei prodotti. • Arrivare alla corretta interpretazione delle norme relative al Regolamento UE per l’indicazione dell’ingrediente primario, quando diverso da quello dell’alimento, tramite un confronto con MISE.

164

STIAMO LAVORANDO PER...

/////////////////////////////////////////

• Valutare i corsi di formazione per la specializzazione, finanziabili dagli Enti Bilaterali o da Fondartigianato nell’ambito dei piani formativi settoriali. • Verificare la responsabilizzazione del lavoratore su comportamenti tesi a preservare la sua salute e nel contempo a garantire la sicurezza del prodotto tramite un questionario da sottoporre alle aziende.

FIGURE DI RIFERIMENTO DEI PERCORSI ITS IN AMBITO AGROLIMENTARE Confartigianato ha partecipato agli incontri per il progetto di revisione delle figure nazionali di riferimento dei percorsi di Istruzione tecnica superiore (ITS), segnalando i reali bisogni formativi delle imprese artigiane e delle MPMI.

STIAMO LAVORANDO PER...

/////////////////////////////////////////

• Definire i criteri di identificazione delle imprese che vendono direttamente e/o riforniscono esercizi locali di vendita al dettaglio ai fini dell’esenzione dall’effettuare campionatura e analisi del tenore di acrilammide.

I NOSTRI RISULTATI 2018 • Approvata la figura del Tecnico superiore per la promozione e la comunicazione ai fini commerciali delle produzioni tradizionali legate ai territori ed alle filiere.

STIAMO LAVORANDO PER...

/////////////////////////////////////////

• Valutare i corsi di formazione per la specializzazione, finanziabili dagli Enti Bilaterali o da Fondartigianato nell’ambito dei piani formativi settoriali. • Verificare la responsabilizzazione del lavoratore su comportamenti tesi a preservare la sua salute e nel contempo a garantire la sicurezza del prodotto tramite un questionario da sottoporre alle aziende.

165

STIAMO LAVORANDO PER...

/////////////////////////////////////////

• Inserire - nella delega al Governo per adeguamento normativa nazionale al Reg. 2017/625 sui controlli ufficiali tra i criteri relativi alla fissazione delle tariffe dei controlli quelli • della dimensione delle imprese, • della capacità produttiva, • del grado limitato di rischio, • della relativa posizione geografica.

IGIENE DEGLI ALIMENTI – HACCP E MATERIALI A CONTATTO CON GLI ALIMENTI (MOCA) Confartigianato ha valutato positivamente l’adozione di schemi di diagrammi di flusso per l’analisi del rischio in modo da consentire una maggiore fruibilità dell’approccio HACCP da parte delle PMI nell’ambito del progetto di revisione del Regolamento sull’igiene degli alimenti per l’implementazione generale delle procedure basate sull’HACCP - Hazard Analysis Critical Control Point. Contributo all’elaborazione di un position paper SME United riguardo a una consultazione della Commissione UE per valutare l’efficacia del Regolamento 1935/2014 sui materiali a contatto con gli alimenti al fine di assicurare un livello elevato di protezione della salute umana e di garantire il migliore funzionamento del mercato interno.

STIAMO LAVORANDO PER...

/////////////////////////////////////////

• Analizzare in sede SME United il documento della Commissione sull’adeguatezza del Reg. UE 178/2002, legge generale sull’alimentazione, in termini di trasparenza e indipendenza del sistema di valutazione dei rischi e capacità dell’EFSA - Autorità europea per la sicurezza alimentare - di mantenere un elevato livello di competenza scientifica e un livello contenuto di oneri amministrativi per le piccole imprese.


CONFARTIGIANATO IMPRESE

BILANCIO SOCIALE 2018

O B I E T T I V I , AT T I V I TÀ , R I S U LTAT I

3.4

L’AZIONE DELLE CATEGORIE

ALIMENTAZIONE DONAZIONE E MISURAZIONE ALIMENTARE Sono state adottate le Linee guida europee per la donazione e la misurazione alimentare. Sono state fornite informazioni a SME United in merito all’uso in Italia della data di scadenza o del Termine minimo di conservazione per consentire di rispondere alla richiesta della Commissione di disporre di un quadro delle pratiche di marcatura in UE onde sostenere quelle più coerenti per la sostenibilità e l’eliminazione degli sprechi alimentari. È stato espresso auspicio che possa essere ricalcata la normativa italiana in materia e diventare punto di riferimento per una normativa europea armonizzata essendo una regolamentazione più avanzata e già applicata con esperienze positive STIAMO LAVORANDO PER...

/////////////////////////////////////////

• Ottenere l’armonizzazione della definizione europea di “rifiuti alimentari” e ridurre le tasse sulle donazioni alimentari, tramite una proposta presentata da SME United alla Commissione Europea.

166

CLASSIFICAZIONE DEI PROBIOTICI

ETICHETTATURA NUTRIZIONALE

CLAIM NUTRIZIONALI E SALUTISTICI

Redatto, da parte di EHPM - European Federation of Health Products Manufacturers Associations, membro di UEAPME/ SME United – un documento sui probiotici contenente una proposta di classificazione dei probiotici come indicazione nutrizionale, per sbloccare le domande di riconoscimento dei claim salutistici sui probiotici.

Confartigianato ha valutato negativamente – in quanto semplicistico e fuorviante - il sistema di etichettatura nutrizionale “Nutriscore” adottato dalla Francia che, sulla base del valore nutrizionale attribuito, classifica gli alimenti in categorie rappresentate da colori diversi. È stata inviata una lettera al MISE di conferma e appoggio alla linea alternativa al Nutriscore rappresentata dalla proposta nazionale di una etichetta nutrizionale supplementare, basata sul contributo energetico e nutrizionale di ogni prodotto nel quadro delle assunzioni giornaliere, anche per tutelare le produzioni italiane tipiche a denominazione certificata.

Proseguite le azioni, a livello europeo, per contrastare la predisposizione di profili nutrizionali per cui gli alimenti vengono classificati solo in base alla loro composizione nutrizionale senza tener conto del loro specifico apporto nella dieta generale. Non ci sono cibi “buoni” o “cattivi”, ma solo diete equilibrate o squilibrate a seconda di come sono combinati gli alimenti e della frequenza di consumo.

STIAMO LAVORANDO PER...

/////////////////////////////////////////

• Seguire l’evoluzione della classificazione in quanto nuova frontiera della produzione alimentare.

STIAMO LAVORANDO PER...

/////////////////////////////////////////

• Evitare il potenziale utilizzo discriminatorio dei profili nutrizionali, da parte degli Stati membri.

STIAMO LAVORANDO PER...

/////////////////////////////////////////

• Contribuire ha contribuito, nel Gruppo di Lavoro, alla elaborazione della proposta sulla etichettatura nutrizionale supplementare che è stata inviata alla Commissione Europea per la valutazione.

ISA DI SETTORE Confartigianato partecipa ai Gruppi di lavoro di SOSE - Soluzioni per il Sistema Economico – per la definizione degli ISA di settore relativi a Panificatori, Pastai, Caseari, Olio e Ristorazione. In particolare, è stato presentato un parere sul prototipo dell’ISA relativo al settore dolciario nel quale si dichiara di valutare a posteriori l’applicazione dell’ISA con verifica della corretta assegnazione dei singoli contribuenti ai diversi Modelli di Business e del rispetto agli indicatori di affidabilità che individuano l’attendibilità di relazioni e rapporti tra grandezze di natura contabile e strutturale tipici del settore e/o del modello organizzativo di riferimento

167

PRATICHE COMMERCIALI SLEALI NELLA FILIERA AGROALIMENTARE Proposta di Direttiva UE sulle pratiche commerciali sleali nelle relazioni B2B nella catena di approvvigionamento alimentare. Sono state portate avanti azioni - sia in SMEUnited e sia nei confronti del Parlamento Europeo - per applicare la direttiva a chiunque viene coinvolto nella filiera alimentare, come richiesto dalla categoria.

ORARI ESERCIZI COMMERCIALI Esaminate proposte di legge relative alla disciplina degli orari di esercizio delle attività commerciali, in seguito sintetizzate in un testo unico. Sulla proposta di regolamentazione è stata espressa la posizione della categoria nell’ambito delle valutazioni da sostenere nell’audizione alla Camera dei deputati STIAMO LAVORANDO PER...

I NOSTRI RISULTATI 2018 • Il Parlamento Europeo nel corso dell’esame della proposta di Direttiva ha espresso una posizione in linea con le richieste della categoria prevedendo una elencazione delle tipologie di fornitura dei prodotti coperte dal provvedimento nella quale l’impresa acquirente può essere anche una PMI.

/////////////////////////////////////////

• Rimettere in discussione la liberalizzazione del regime degli orari di apertura e chiusura degli esercizi commerciali, ripristinando una disciplina che sia più equilibrata tra i piccoli ed i grandi operatori e rispondente alle esigenze dei territori, tutelando il lavoro autonomo e quello dipendente e nel contempo salvaguardando i diritti dei consumatori.


CONFARTIGIANATO IMPRESE

ALIMENTARI VARI

BILANCIO SOCIALE 2018

O B I E T T I V I , AT T I V I TÀ , R I S U LTAT I

DOLCIARIO

3.4

L’AZIONE DELLE CATEGORIE

PANIFICATORI

PASTAI

BIRRIFICI ARTIGIANALI

GELATO

ORARI ESERCIZI COMMERCIALI

PRODUZIONE E VENDITA DEL PANE

ORIGINE DELLE FARINE

Richiesta di intervento normativo per un regime agevolato di accisa e di una modifica della metodologia di accertamento del pagamento della stessa per i piccoli birrifici indipendenti.

Confartigianato lavora a diverse proposte di legge - nazionali e regionali - e partecipa a incontri presso il SIGEP - Salone internazionale Gelateria e Pasticceria - e la MIG - Mostra Internazionale del Gelato artigianale - con altre organizzazioni di categoria per un confronto sulle politiche del settore. Ha esaminato le due proposte di legge su “Norme in materia di requisiti del gelato artigianale di alta qualità” e “Introduzione della denominazione di gelato artigianale di tradizione italiana e disposizioni concernenti la sua produzione”.

Esaminate proposte di legge relative alla disciplina degli orari di esercizio delle attività commerciali, in seguito sintetizzate in un testo unico. Sulla proposta di regolamentazione è stata espressa la posizione della categoria nell’ambito delle valutazioni da sostenere nell’audizione alla Camera dei deputati

Il 19 dicembre è entrato in vigore il Decreto interministeriale n. 131 del 2018, recante il Regolamento sulla disciplina della denominazione di «panificio», di «pane fresco» e l’adozione della dicitura «pane conservato». Al fine di tutelare e garantire la qualità della produzione artigiana, Confartigianato ha proseguito l’azione decennale volta a introdurre e disciplinare le denominazioni di panificio, pane fresco e dell’adozione della dicitura “pane conservato", sia nell’ambito dell’emanazione del Regolamento, sia nell’ambito dell’esame in Parlamento della proposta di legge sull’attività di produzione e vendita del pane e della relativa audizione.

Confartigianato ha partecipato agli incontri preparatori per la definizione del testo del Decreto interministeriale che introduce l’obbligo di indicare l’origine del grano sulle etichette della pasta.

I NOSTRI RISULTATI 2018 • Prevista una riduzione del 40% delle accise per i microbirrifici nonché la possibilità di optare per una diversa modalità di tassazione (Legge di bilancio2019)

I NOSTRI RISULTATI 2018 • Adottata la proposta di legge regionale - elaborata nel 2017 - da parte del gruppo dolciario del Friuli Venezia Giulia e condivisa con altre organizzazione di categoria in funzione della presentazione al Consiglio regionale del Friuli Venezia Giulia.

168

STIAMO LAVORANDO PER...

/////////////////////////////////////////

• Rimettere in discussione la liberalizzazione del regime degli orari di apertura e chiusura degli esercizi commerciali, ripristinando una disciplina che sia più equilibrata tra i piccoli ed i grandi operatori e rispondente alle esigenze dei territori, tutelando il lavoro autonomo e quello dipendente e nel contempo salvaguardando i diritti dei consumatori.

I NOSTRI RISULTATI 2018 • Ottenuta, nel Decreto interministeriale, l’introduzione della definizione di «panificio», di «pane fresco» e l’adozione della dicitura «pane conservato»

STIAMO LAVORANDO PER...

/////////////////////////////////////////

• Ribadire la necessità di coordinare e unificare la proposta di legge e il Decreto interministeriale, per evitare sovrapposizioni e confusioni e definire in modo inequivocabile le caratteristiche del pane fresco • Evidenziare la necessità di: • definire le caratteristiche del forno di qualità, in modo da renderle chiaramente riconoscibili, • prevedere un preciso quadro di controlli e di sanzioni • armonizzare i corsi regionali di formazione professionale per i responsabili dell’attività produttiva

169

STIAMO LAVORANDO PER...

/////////////////////////////////////////

• Ottenere chiarimenti dal MISE su come affrontare la fase transitoria, in vista della entrata in vigore, aprile 2020, del Reg. UE 2018/775 sull’indicazione dell’ingrediente primario dell’alimento, in ordine agli aspetti applicativi sulla corretta predisposizione delle etichette, in modo da evitare costi aggiuntivi per le imprese.


CONFARTIGIANATO IMPRESE

CASEARI

BILANCIO SOCIALE 2018

O B I E T T I V I , AT T I V I TÀ , R I S U LTAT I

ALIMENTAZIONE Attività e servizi per i soggetti del Sistema Confartigianato, le imprese e le persone

ORIGINE DEL LATTE Nonostante la mancata emanazione della circolare applicativa, sollecitata nel 2017, il Decreto interministeriale relativo all’origine del latte e dei prodotti derivati, è in piena applicazione. STIAMO LAVORANDO PER...

/////////////////////////////////////////

• Ottenere chiarimenti dal MISE su come affrontare la fase transitoria, in vista della entrata in vigore, aprile 2020, del Reg. UE 2018/775 sull’indicazione dell’ingrediente primario dell’alimento, in ordine agli aspetti applicativi sulla corretta predisposizione delle etichette, in modo da evitare costi aggiuntivi per le imprese.

BURRO – CONTRIBUTO AMBIENTALE Per i produttori di burro è dovuto un contributo al CONOE pari a 0,0005 euro/KG.

STIAMO LAVORANDO PER...

/////////////////////////////////////////

• Verificare la possibilità di prevedere una modifica legislativa volta a esentare dal contributo ambientale il burro in quanto è irrisorio il residuo dal suo utilizzo in cottura dei cibi.

PANIFICATORI E PASTAI

• Collaborazione per la redazione di interventi sulla rivista “Pasta&Pastai”. 3 articoli pubblicati 38 comunicazioni diffuse al Sistema Confederale

PROGETTI, INIZIATIVE ED EVENTI • Comprartigiano - Definizione e firma dell’accordo Confartigianato - Made in Italy slc per dare esecuzione al progetto Comprartigiano, dedicato al settore Alimentare, con l’obbiettivo di creare un sistema a brand Confartigianato Imprese, che integri le esperienze online e offline per la promozione, la distribuzione e la vendita di prodotti alimentari artigianali italiani di alta qualità in tutto il mondo. È costituito da un sistema di e-commerce per la vendita dei propri prodotti sul web, in modalità B2B e B2C. e l’apertura di Comprartigiano – store sul territorio nazionale, il primo dei quali è su Roma, in cui si realizzerà un’integrazione dei servizi offline ed online con la realizzazione anche di un laboratorio di preparazione e cottura di cibi con annessa somministrazione degli stessi.

DOLCIARIO

• Organizzazione di eventi per la celebrazione della Giornata Europea del gelato artigianale (24 marzo) in 3 città d’Italia. • Realizzazione dei Piani formativi nazionali per i settori delle bevande artigianali, dolciario e conserviero con aggiornamento dell’accordo sugli studi di settore per l’analisi delle necessità settoriali in termini di formazione ed aggiornamento professionale e l’individuazione delle azioni d’intervento formativo.

ACCORDI E CONVENZIONI • Aggiornati i servizi offerti da Primo Label - software per la predisposizione di etichette alimentari, in particolare per l’indicazione dei valori nutrizionali - estendendo ulteriormente le informazioni contenute in etichetta.

L’AZIONE DELLE CATEGORIE

ARTISTICO MESTIERI

ATTIVITÀ DEGLI ORGANI

Restauro; Orafi; Ceramica

5 riunioni di Consiglio Direttivo e Assemblee

Rappresentanza istituzionale e lobbying e rappresentanza sindacale e contrattazione Rappresentare e tutelare le imprese che operano nel campo dell’arte, del restauro e della produzione di manufatti artistici, valorizzando l’imprenditorialità degli operatori anche tramite l’aumento della qualità della produzione e dei servizi e la promozione sui mercati interni e internazionali ////////////////////////////////////////////////

9 servizi, convenzioni, progetti, iniziative realizzati o avviati

170

3.4

171

PARTECIPAZIONE A ORGANISMI ESTERNI E TAVOLI Consiglio Nazionale Ceramico presso MISE Il Tavolo nazionale ceramico presso il MISE ha deliberato l’ingresso tra le Città della Ceramica di altri Comuni di interesse strategico per il comparto. 1 incontro

INTERVENTI A INIZIATIVE E SEMINARI Patrocinio all’iniziativa “Buongiorno Ceramica”


CONFARTIGIANATO IMPRESE

BILANCIO SOCIALE 2018

RESTAURO

ELENCO RESTAURATORI BENI CULTURALI Nel corso del 2018 si sono succeduti numerosi incontri con la DG Educazione e Ricerca del MIBAC al fine di monitorare i passaggi per addivenire alla chiusura del lungo percorso di qualificazione. A dicembre 2018 sono stati pubblicati gli elenchi definitivi dei restauratori di Beni Culturali. I NOSTRI RISULTATI 2018 • Pubblicati gli elenchi definitivi dei restauratori di Beni Culturali, al termine di un percorso lungo quasi 20 anni e che ha visto la valorizzazione della professionalità delle imprese artigiane del restauro, alle quali è stato riconosciuto il titolo abilitante a seguito della presentazione di lavori eseguiti su beni culturali e relativi buon esiti da parte delle Soprintendenze. L’elenco conta oltre 6.000 nominativi.

STIAMO LAVORANDO PER...

/////////////////////////////////////////

• Analizzare i Decreti che hanno pubblicato gli elenchi dei restauratori per verificare la corretta corrispondenza dei settori di appartenenza. • Verificare le motivazioni che hanno portato il MIBAC a produrre due elenchi distinti, quello relativo ai restauratori per crediti professionali e quello per restauratori diplomati/ laureati presso le scuole di restauro.

172

O B I E T T I V I , AT T I V I TÀ , R I S U LTAT I

ORAFI

APPALTI PUBBLICI

DECRETO COMPRO ORO

Seguiti gli sviluppi delle azioni messe in campo per salvaguardare la figura del restauratore di beni culturali nell’ambito degli appalti pubblici di lavori su beni tutelati.

La normativa del decreto compro oro comporta oneri gravosi per le imprese artigiane che non svolgono in via esclusiva l'attività di compro oro. In tal senso è necessario escludere tali imprese dalla normativa.

STIAMO LAVORANDO PER...

/////////////////////////////////////////

• Monitorare la situazione del ricorso al TAR, presentato nel 2017, avverso il DM su appalti di lavori di beni culturali tutelati, alla luce del ricorso ad opponendum, presentato da parte dell’Associazione dei restauratori provenienti dalle scuole di alta formazione (ORA).

CCNL Richiesta l’apertura del tavolo di negoziato per un CCNL nel settore del restauro.

STIAMO LAVORANDO PER...

/////////////////////////////////////////

• Nel corso del 2018 sono proseguiti i contatti con il sindacato per verificare le condizioni per l’apertura del negoziato per il CCNL restauro

NUOVI INDICI SINTETICI DI AFFIDABILITÀ FISCALE – ISA

STIAMO LAVORANDO PER...

/////////////////////////////////////////

• Richiedere l’applicazione della normativa contenuta nel Decreto Legislativo 25 luglio 2017 nr. 92 solo alle imprese che svolgono in via esclusiva l’attività di compro oro anche attraverso proposte di emendamento al DL semplificazione

NUOVO INDICE SINTETICO DI AFFIDABILITÀ È stata segnalata una criticità di carattere generale, significativa ai fini applicazione di tutti gli ISA relativa all’apporto di lavoro delle figure non dipendenti e dell’apporto lavorativo femminile (vedi pagina introduttiva al capitolo 4.2).

3.4

L’AZIONE DELLE CATEGORIE

CERAMICA

MINERALI PROVENIENTI DA ZONE DI GUERRA

MATERIALI A CONTATTO CON ALIMENTI (MOCA)

Entrato in vigore il Regolamento Europeo per l’adozione di procedure di “dovuta diligenza” per le imprese che introducono nel mercato oro e altri metalli preziosi provenienti da zone di conflitto.

Mitigazione per le imprese artigiane degli adempimenti contenuti nel Decreto Legislativo n. 29 del 10 febbraio 2017.

STIAMO LAVORANDO PER...

/////////////////////////////////////////

• Monitorare le azioni successive all’entrata in vigore, in particolare sul recepimento dei termini da parte del Ministero dello Sviluppo Economico .

I NOSTRI RISULTATI 2018 Ottenuta nel “Decreto legge proroghe termini” la riapertura dei termini a fine 2018 dell’obbligo di comunicazione all’ASL per i produttori artigiani di MOCA che già operano. OBIETTIVO 2017

MATERIALI A CONTATTO CON ALIMENTI (MOCA) Mitigazione per le imprese artigiane degli adempimenti contenuti nel Decreto Legislativo n. 29 del 10 febbraio 2017.

STIAMO LAVORANDO PER...

/////////////////////////////////////////

• Monitorare le azioni successive all’entrata in vigore, in particolare sul recepimento dei termini da parte del Ministero dello Sviluppo Economico .

È stata segnalata una criticità di carattere generale, significativa ai fini applicazione di tutti gli ISA relativa all’apporto di lavoro delle figure non dipendenti e dell’apporto lavorativo femminile (vedi pagina introduttiva al capitolo 4.2). 173

RAGGIUNTO NEL 2018!

OSSERVATORIO E COMITATO PARITETICO CCNL TESSILE MODA CERAMICA CHIMICA Nel 2018 sono stati costituiti - dalle parti che hanno sottoscritto il CCNL di settore l’Osservatorio e il Comitato Paritetico con il compito di monitorare l’andamento dei settori afferenti la sfera di applicazione del contratto e proporre iniziative comuni per la salvaguardia della filiera italiana, anche attraverso progetti concreti (ad. es Etichetta parlante) sulla tracciabilità e sostenibilità. STIAMO LAVORANDO PER...

/////////////////////////////////////////

STIAMO LAVORANDO PER...

/////////////////////////////////////////

• Monitorare la proposta UE di diminuire i limiti di piombo e cadmio nei prodotti ceramici proposti nella bozza di modifica della Direttiva 84/500/CEE.

• Programmare iniziative da presentare ai Ministeri competenti in appositi incontri.


CONFARTIGIANATO IMPRESE

BILANCIO SOCIALE 2018

CERAMICA

O B I E T T I V I , AT T I V I TÀ , R I S U LTAT I

ARTISTICO Attività e servizi per i soggetti del Sistema Confartigianato, le imprese e le persone

PIANI FORMATIVI SETTORIALI FONDARTIGIANATO Nel 2018 abbiamo partecipato alla fase di revisione dei Piani Formativi Settoriali di Fondartigianato.

I NOSTRI RISULTATI 2018 • Redazione del piano formativo settoriale del settore ceramica, in collaborazione con un consulente. Sono stati evidenziati le nuove metodologie di lavoro, i nuovi macchinari e in generale le tecniche innovative e ad essi sono stati correlati i nuovi fabbisogni formativi del personale dipendente. • Contributo all’aggiornamento dell’ASSET per il settore ceramica grazie alla collaborazione di consulente esperto che ha rimodulato il precedente adeguandolo al quadro economico e finanziario derivante dagli ultimi studi di settore e dall’attuale congiuntura.

INFORMAZIONE e COMUNICAZIONE

RESTAURO

Definita la road map per una serie di incontri sul territorio su temi quali pubblicazione elenco restauratori, appalti, salute e sicurezza nei laboratori e cantieri di restauro. Convegno nazionale in occasione del Salone Internazionale del Restauro di Firenze, dal titolo “La salute del restauratore”. Il convegno ha visto la partecipazione di imprese associate, esperti del settore e il gruppo dirigente nazionale (maggio 2018) Partecipazione al Convegno “Regolamento appalti pubblici di lavori su beni culturali tutelati (Decreto 22 agosto 2017, n. 154): che cosa cambia per le imprese di restauro?”. Il convegno, organizzato dalla federazione del Piemonte, ha visto la collaborazione della categoria con alcuni relatori e la presenza del Presidente nazionale.

ORAFI

Prosegue la collaborazione con la rivista 18 Karati. 18 articoli redatti 10 comunicazioni per Restauro, Orafi e Ceramica

NUOVO INDICE SINTETICO DI AFFIDABILITÀ Presentazione dei documenti di osservazione sull’ISA ceramico e del restauro con le evidenze delle categorie. Il settore è caratterizzato da annualità sempre più altalenanti in termini di risultati economici spesso legati all’andamento delle commesse. Inoltre, le imprese che si affacciano sui mercati esteri sono esposte all’applicazione di sanzioni all’importazione da parte di alcuni Paesi che influenzano negativamente l’andamento del fatturato. DURATA DELLE SCORTE Il magazzino è spesso gravato dalle rimanenze di prodotti con logo personalizzato che diventano di fatto incedibili ad altri clienti: questo potrebbe determinare eventuali anomalie sull’indicatore relativo alla durata delle scorte se i giorni di giacenza superano le soglie massime previste nell’ISA.

PROGETTI, INIZIATIVE ED EVENTI

CERAMICA

• Partecipazione alle assemblee e agli incontri dell’Associazione italiana Città della Ceramica (AICC) e rinnovato il patrocinio dell’iniziativa “Buongiorno ceramica”. • Definita una road map per i convegni nelle Città della ceramica sul tema dei MOCA (Materiali e oggetti a contatto con gli alimenti). Nel corso del 2018 si sono svolti gli incontri in sinergia con AICC a Deruta, Montelupo Fiorentino, Grottaglie e Nove 6 servizi, progetti e iniziative realizzate tra Orafi (2) e Ceramica (4)

L’AZIONE DELLE CATEGORIE

AUTORIPARAZIONE MESTIERI

ATTIVITÀ DEGLI ORGANI

ANARA Confartigianato (Centri revisione veicoli); Carrozzieri; Meccatronici

10 riunioni di Consiglio Direttivo e Assemblee

Rappresentanza istituzionale e lobbying e rappresentanza sindacale e contrattazione Rappresentare e tutelare le imprese del settore autoriparazione e promuovere la crescita del comparto, cogliendo le esigenze e le opportunità del mercato, sostenendo e accrescendo la qualificazione professionale e la capacità imprenditoriale, sviluppando l’offerta di servizi innovativi e strategici e concorrendo all’aumento della sicurezza stradale ////////////////////////////////////////////////

174

3.4

175

PARTECIPAZIONE A ORGANISMI ESTERNI E TAVOLI

Tavolo ANIA/ Organizzazioni Artgiane (OOAA) per un nuovo protocollo di cooperazione per interventi riparativi coperti da garanzia assicurativa 4 incontri

Conferenza dei Servizi presso il MISE per l’esame del riconoscimento di titoli di qualificazione professionale conseguiti nei Paesi Membri dell’Unione Europea ed extracomunitari

CUNA - Commissione Tecnica di Unificazione dell’Autoveicolo Contribuisce alle appropriate soluzioni per gli argomenti di unificazione tecnica nel campo delle macchine mobili (esclusi i veicoli su rotaia, gli aeromobili, le imbarcazioni in genere), loro componentistica e prodotti affini o connessi anche per i temi di qualità per aziende di produzione, di distribuzione e di servizi

Tavolo Legalità ambientale e fiscale nella filiera di pneumatici e di PFU (Pneumatici Fuori Uso)

3 incontri

4 incontri

4 incontri

Tavolo Associazioni maggiormente rappresentative Autoriparatori, Associazioni Consumatori iscritte al CNCU (Consiglio Nazionale Consumatori e Utenti) e ANIA per la definizione di linee guida per le riparazioni a regola d’arte, in attuazione dell’articolo 1, comma 10, Legge 124/2017 4 incontri

INTERVENTI A INIZIATIVE E SEMINARI • 36° Edizione Premio Confartigianato Motori, in occasione del Gran Premio di Formula 1 (Monza 30 e 31.8.2018) - Organizzazione, in collaborazione con APA Confartigianato Milano-Monza e Brianza, e partecipazione all’evento, con area hospitality all’interno dell’Autodromo di Monza e varie iniziative improntate sul tema “dalle corse alla strada”, culminate con le premiazioni ai protagonisti del mondo della Formula 1. L’evento ha avuto l’obiettivo di portare alla ribalta e valorizzare il ruolo attivo e strategico dell’autoriparazione, sinonimo di eccellenza perfettamente coniugata con la sofisticazione delle auto da competizione. • 1° Edizione Premio Confartigianato E-Motion Motori, in occasione dell’E-Prix di Roma (Roma, 12.4.2018) - Organizzazione, in collaborazione con APA Confartigianato Milano-Monza e Brianza, e partecipazione all’evento. In tale occasione si è tenuto il Convegno “Nuove tecnologie: dalla Formula E alla strada – l’autoriparazione verso l’elettrico” incentrato su iniziative e progetti innovativi e qualificati sviluppati dal sistema confederale nel campo della mobilità elettrica, ponendo al centro la tutela degli utenti e la salvaguardia dell’ambiente. L’evento si è concluso con l’inaugurazione e il conferimento del Premio Confartigianato Motori Formula E a piloti e manager individuati dall’apposita giuria.


CONFARTIGIANATO IMPRESE

BILANCIO SOCIALE 2018

O B I E T T I V I , AT T I V I TÀ , R I S U LTAT I

3.4

L’AZIONE DELLE CATEGORIE

AUTORIPARAZIONE ABILITAZIONE PROFESSIONALE PER L’ESERCIZIO DELL’ATTIVITÀ DI AUTORIPARAZIONE Svolte azioni nei confronti del Ministero dello Sviluppo Economico e della Conferenza Stato Regioni per favorire il recepimento delle istanze della categoria all’interno degli standard formativi per carrozzieri e gommisti, in attuazione della Legge di Bilancio 205/2017. Successivamente sono stati realizzati nuovi interventi per sollecitare correttivi agli standard formativi approvati il 12-7-2018, non in linea con le istanze accolte in sede di Coordinamento tecnico della Conferenza Regioni, chiedendo in particolare l’eliminazione dello stage per le imprese in attività. I NOSTRI RISULTATI 2018 • Riconfermati, da parte del Ministero dello Sviluppo Economico, i criteri di flessibilità per il conseguimento dell’abilitazione professionale previsti dalla Legge 224/2012, ora aggiornati alle novità introdotte dalla Legge di Bilancio 205/2017 • Accolte le istanze della categoria da parte del Coordinamento tecnico della Conferenza Regioni (14.6.2018): eliminazione dello stage per le imprese già attive; possibilità di far valere l’avvenuta attività svolta nel mestiere di cui si chiede l’abilitazione; accesso ai requisiti di qualificazione professionale a personale e collaboratori familiari con esperienza assimilabile agli stessi requisiti • Accolta dal Ministero Sviluppo Economico la richiesta di eliminazione dello stage per le imprese in attività

STIAMO LAVORANDO PER...

/////////////////////////////////////////

• Ottenere che l’eliminazione dello stage per le imprese in attività trovi effettiva applicazione e si traduca in un adeguamento degli standard formativi, approvati il 12.7.2018, indispensabile per uniformare i corsi regionali di qualificazione al programma stabilito a livello nazionale.

RIFORMA RC AUTO

LINEE GUIDA PER LE RIPARAZIONI A REGOLA D’ARTE

Proseguita l’azione per favorire la concreta applicazione delle norme contenute nella Riforma della RC Auto, principalmente tramite il confronto con ANIA, aperto successivamente alle Associazioni dei Consumatori.

Proseguita anche nel 2018 la trattativa con ANIA per la messa a punto di una bozza di protocollo per la definizione di un sistema di regole comuni su interventi riparativi e liquidativi dei sinistri, volte a: • migliorare e sveltire le procedure per la liquidazione dei sinistri • garantire modalità e tempi certi di pagamento delle carrozzerie associate • superare le attuali distorsioni e criticità presenti sul mercato • prevenire ed evitare situazioni di contenzioso. È stata promossa la concertazione tra le parti chiamate a definire le linee guida per le riparazioni a regola d’arte dalla Legge 124/2017 (Legge annuale per il mercato e la concorrenza).

STIAMO LAVORANDO PER...

/////////////////////////////////////////

• Arrivare a un accordo tra le parti per la definizione di un sistema di regole e buone prassi di riferimento per determinare dinamiche di mercato corrette e concorrenziali.

I NOSTRI RISULTATI 2018 • Istituito e avviato il Tavolo tra le Associazioni maggiormente rappresentative degli Autoriparatori, le Associazioni iscritte al CNCU (Consiglio Nazionale Consumatori e Utenti) e ANIA per la definizione delle linee guida sulle riparazioni a regola d’arte, tramite le seguenti tappe: • incontro con le Associazioni Consumatori per un primo confronto sul tema della qualità e della trasparenza dei servizi di riparazione (11.9.2018) • incontro istitutivo Tavolo per declinare le linee guida prescritte dalla norma della Legge 124/2017 (22-10-2018) • primo incontro del Tavolo per la definizione dell’ambito di azione, delle linee guida, non solo per la codifica di parametri tecnici ma come strumento per correggere le distorsioni del mercato e creare condizioni regolari e positive per l’utente (20.11.2018) • secondo incontro del Tavolo per esaminare la prima stesura delle linee guida sui temi condivisi, come base di discussione per arrivare all’elaborazione del documento finale (18.12.2018).

STIAMO LAVORANDO PER...

/////////////////////////////////////////

• Mettere a punto le linee guida per le riparazioni a regola d’arte e sottoscrivere l’accordo tra le parti, dando attuazione alla norma della Legge n. 124/2017 (articolo 1, comma 10).

176

177

PROCEDURE OPERATIVE E INFORMATICHE PER LE REVISIONI DI VEICOLI >3,5 TONNELLATE E AUTOBUS Emanate dal Ministero dei Trasporti le indicazioni in materia di revisione autocaravan con massa massima superiore a 3,5 t che ha previsto un nuovo calendario per l’effettuazione dei controlli tecnici su tali veicoli. I NOSTRI RISULTATI 2018 Esteso alle officine private il servizio di revisione sui veicoli superiori a 3,5 t, grazie alla modifica dell’articolo 80 del Codice della Strada ottenuto con Legge di Bilancio 145/2018. È ancora da attuare con specifico decreto.


CONFARTIGIANATO IMPRESE

BILANCIO SOCIALE 2018

O B I E T T I V I , AT T I V I TÀ , R I S U LTAT I

3.4

L’AZIONE DELLE CATEGORIE

AUTORIPARAZIONE CENTRI REVISIONE: RECEPIMENTO DELLA DIRETTIVA EUROPEA E ADEGUAMENTO TARIFFA Proseguite le azioni nei confronti del Ministero dei Trasporti per sollecitare misure urgenti e rispondenti alle istanze della categoria, in materia di adeguamento della tariffa e per le problematiche legate al decreto di recepimento della Direttiva 2014/45/UE (disciplina ispettore, capacità finanziaria, periodicità verifica metrologica attrezzature, etc.). Sono stati presentati documenti, rinnovata la richiesta di riavviare il confronto e richiesti chiarimenti al MIT sulla figura del sostituto ispettore. Svolte azioni a livello legislativo per promuovere la proroga del nuovo regime dell’ispettore del centro di controllo, in assenza dei decreti attuativi previsti dal decreto di recepimento della Direttiva 2014/45/UE. Richiesta la complessiva rivisitazione del programma di formazione per ispettore del centro di controllo proposto dalla Direzione Generale Motorizzazione, non in linea con le richieste della categoria. È stato presentato un documento dettagliato di osservazioni, sollecitata la consultazione della categoria e realizzato un incontro per rinnovare le istanze della categoria stessa. Richiesti correttivi alla circolare del Ministero Trasporti in ordine alla dichiarazione dei chilometri rilevati in sede di revisione, per evitare appesantimenti burocratici-operativi alle imprese. Sollecitate le istanze della categoria al Capo Dipartimento Trasporti, Navigazione, Affari Generali e Personale del Ministero Infrastrutture e Trasporti. I NOSTRI RISULTATI 2018 dal decreto di recepimento della Direttiva 2014/45/UE, superando • Attivato un Tavolo tecnico su “Ispettore e formazione” per definire anche il problema dell’ispettore supplente, figura non più prevista il profilo dell’ispettore del centro di controllo, conformemente dalla Direttiva, ma che può continuare ad essere utilizzata fino alla Direttiva 2014/45/UE, da sottoporre all’approvazione della all’approvazione dei decreti attuativi. Conferenza Stato Regioni. Il tavolo si è riunito 2 volte. • Ottenute indicazioni operative dalla Direzione Generale Motorizzazione • Rinviato - a seguito delle sollecitazioni della categoria - l’esame del programma di formazione per ispettore centro di controllo posto sul decreto di recepimento della Direttiva 2014/45/UE. all’ordine del giorno della Conferenza Stato Regioni del 20.12.2018. • Ottenuta - nell’ambito del DL “proroga termini” approvato il 20.9.2018 - la proroga delle disposizioni sul nuovo regime dell’ispettore del • Accolte le proposte di semplificazione delle procedure per certificare i dati chilometrici del veicolo sottoposto a revisione controllo, rinviate fino all’emanazione dei decreti attuativi previsti

ABILITAZIONE PROFESSIONALE PER L’ESERCIZIO DELL’ATTIVITÀ DI AUTORIPARAZIONE Svolte azioni nei confronti del Ministero dello Sviluppo Economico e della Conferenza Stato Regioni per favorire il recepimento delle istanze della categoria all’interno degli standard formativi per carrozzieri e gommisti, in attuazione della Legge di Bilancio 205/2017. Successivamente sono stati realizzati nuovi interventi per sollecitare correttivi agli standard formativi approvati il 12-7-2018, non in linea con le istanze accolte in sede di Coordinamento tecnico della Conferenza Regioni, chiedendo in particolare l’eliminazione dello stage per le imprese in attività. I NOSTRI RISULTATI 2018 • Riconfermati, da parte del Ministero dello Sviluppo Economico, i criteri di flessibilità per il conseguimento dell’abilitazione professionale previsti dalla Legge 224/2012, ora aggiornati alle novità introdotte dalla Legge di Bilancio 205/2017 • Accolte le istanze della categoria da parte del Coordinamento tecnico della Conferenza Regioni (14.6.2018): eliminazione dello stage per le imprese già attive; possibilità di far valere l’avvenuta attività svolta nel mestiere di cui si chiede l’abilitazione; accesso ai requisiti di qualificazione professionale a personale e collaboratori familiari con esperienza assimilabile agli stessi requisiti • Accolta dal Ministero Sviluppo Economico la richiesta di eliminazione dello stage per le imprese in attività

STIAMO LAVORANDO PER...

/////////////////////////////////////////

• Ottenere che l’eliminazione dello stage per le imprese in attività trovi effettiva applicazione e si traduca in un adeguamento degli standard formativi, approvati il 12.7.2018, indispensabile per uniformare i corsi regionali di qualificazione al programma stabilito a livello nazionale.

STIAMO LAVORANDO PER...

/////////////////////////////////////////

• Sostenere la validità e la vigenza della tariffa revisioni - imprescindibile per l’assolvimento del servizio affidato dallo Stato ai centri revisione - contro la pronuncia sfavorevole dell’Autorità Garante Concorrenza e Mercato del 14.11.2018 che la considera, invece, abrogata per effetto delle misure di liberalizzazione del 2011.

178

179

LINEE GUIDA PER LE RIPARAZIONI A REGOLA D’ARTE Proseguita anche nel 2018 la trattativa con ANIA per la messa a punto di una bozza di protocollo per la definizione di un sistema di regole comuni su interventi riparativi e liquidativi dei sinistri, volte a: • migliorare e sveltire le procedure per la liquidazione dei sinistri • garantire modalità e tempi certi di pagamento delle carrozzerie associate • superare le attuali distorsioni e criticità presenti sul mercato • prevenire ed evitare situazioni di contenzioso. È stata promossa la concertazione tra le parti chiamate a definire le linee guida per le riparazioni a regola d’arte dalla Legge 124/2017 (Legge annuale per il mercato e la concorrenza). I NOSTRI RISULTATI 2018 Istituito e avviato il Tavolo tra le Associazioni maggiormente rappresentative degli Autoriparatori, le Associazioni iscritte al CNCU (Consiglio Nazionale Consumatori e Utenti) e ANIA per la definizione delle linee guida sulle riparazioni a regola d’arte, tramite le seguenti tappe: • incontro con le Associazioni Consumatori per un primo confronto sul tema della qualità e della trasparenza dei servizi di riparazione (11.9.2018) • incontro istitutivo Tavolo per declinare le linee guida prescritte dalla norma della Legge 124/2017 (22-10-2018) • primo incontro del Tavolo per la definizione dell’ambito di azione, delle linee guida, non solo per la codifica di parametri tecnici ma come strumento per correggere le distorsioni del mercato e creare condizioni regolari e positive per l’utente (20.11.2018) • secondo incontro del Tavolo per esaminare la prima stesura delle linee guida sui temi condivisi, come base di discussione per arrivare all’elaborazione del documento finale (18.12.2018).

STIAMO LAVORANDO PER...

/////////////////////////////////////////

• Mettere a punto le linee guida per le riparazioni a regola d’arte e sottoscrivere l’accordo tra le parti, dando attuazione alla norma della Legge n. 124/2017 (articolo 1, comma 10).


CONFARTIGIANATO IMPRESE

BILANCIO SOCIALE 2018

O B I E T T I V I , AT T I V I TÀ , R I S U LTAT I

3.4

L’AZIONE DELLE CATEGORIE

AUTORIPARAZIONE PROCEDURE OPERATIVE E INFORMATICHE PER LE REVISIONI DI VEICOLI >3,5 TONNELLATE E AUTOBUS

SOCCORSO STRADALE E RIMOZIONE DEI VEICOLI DA PARTE DEI VIGILI DEL FUOCO

RADIAZIONE DAL PRA DI VEICOLI FUORI USO IN PRESENZA DI FERMO AMMINISTRATIVO

GPL-METANO: INCENTIVI “INIZIATIVA CARBURANTI A BASSO IMPATTO” (I.C.B.I.)

LEGALITÀ AMBIENTALE E FISCALE NELLA FILIERA DI PNEUMATICI E PFU (PNEUMATICI FUORI USO)

Emanate dal Ministero dei Trasporti le indicazioni in materia di revisione autocaravan con massa massima superiore a 3,5 t che ha previsto un nuovo calendario per l’effettuazione dei controlli tecnici su tali veicoli.

In tema di soccorso stradale e rimozione dei veicoli si rilevano problematiche riguardanti l’ambito di operatività dei soccorritori stradali.

Attivato intervento nei confronti dell’Agenzia delle Entrate, chiedendo di rendere possibile il rilascio del nulla osta alla radiazione dal PRA - Pubblico Registro Automobilistico - dei veicoli sottoposti al fermo amministrativo.

Proseguite azioni nei confronti del Ministero dei Trasporti e in sede Tavoli tecnici CUNA per risolvere il problema del cedimento delle bombole a metano, con elaborazione di una relazione dettagliata sui rischi (pericolosità per la sicurezza stradale, soprattutto in caso di incidente grave, e responsabilità anche per chi effettua le revisioni, etc.). Svolti interventi a livello ministeriale per salvaguardare l’ambito di operatività delle imprese artigiane nel campo degli interventi di installazione delle bombole a metano.

Proseguite azioni, anche nell’ambito del Tavolo per la legalità ambientale e fiscale della filiera degli pneumatici e PFU (pneumatici fuori uso), volte a garantire trasparenza, tracciabilità e regolarità nell’intero ciclo di vita degli pneumatici, nonché un sistema permanente ed efficace di raccolta per le nostre imprese associate, superando le attuali criticità che hanno gravi ripercussioni sia di natura operativa che economica per le aziende.

STIAMO LAVORANDO PER...

/////////////////////////////////////////

I NOSTRI RISULTATI 2018 • Esteso alle officine private il servizio di revisione sui veicoli superiori a 3,5 t, grazie alla modifica dell’articolo 80 del Codice della Strada ottenuto con Legge di Bilancio 145/2018. È ancora da attuare con specifico decreto.

• Monitorare la situazione sul territorio, per risolvere – in collaborazione con la Direzione Centrale Vigili del Fuoco – ove segnalato, i casi specifici di sovrapposizioni di ruoli nelle operazioni di emergenza su strada.

I NOSTRI RISULTATI 2018 • Accolte le istanze della categoria da parte Agenzia delle Entrate che ha stabilito - previo parere definitivo del MEF di codificare a livello nazionale la procedura adottata dalla Direzione Regionale del Friuli Venezia Giulia (Agenzia Entrate e Riscossione) che prevede il rilascio del nulla osta, a fronte della dichiarazione da parte di pubblico ufficiale attestante l’inutilizzabilità del veicolo.

STIAMO LAVORANDO PER...

/////////////////////////////////////////

• Ottenere la formalizzazione della procedura da parte dell’Agenzia delle Entrate, per il rilascio del nulla osta alla radiazione dal Pubblico Registro Automobilistico (PRA) dei veicoli fuori uso, con il supporto della Direzione Politiche Fiscali di Confartigianato

I NOSTRI RISULTATI 2018 • Prorogati gli incentivi I.C.B.I. (Iniziativa carburanti a basso impatto) fino al 31-12-2018 • Assunte iniziative a livello ministeriale per ridefinire i requisiti di ricollaudo delle bombole, a seguito delle segnalazioni sui rischi delle bombole stesse • Mantenuta l’operatività delle imprese artigiane di installazione di bombole a metano

I NOSTRI RISULTATI 2018 • Ottenuto un extra target di raccolta PFU da parte dei Consorzi Ecopneus e Ecotyre per far fronte alle esigenze delle imprese • Ottenuto l’aumento della percentuale obbligatoria di recupero di PFU, prevedendo una razionalizzazione degli avanzi di gestione derivanti dal contributo ambientale sugli pneumatici, al fine di superare le criticità ambientali e sanitarie dovute alla presenza di PFU sul territorio nazionale (Legge di Bilancio 145/2018). Viene stabilito che un quantitativo di pneumatici nuovi pari in peso a cento equivale a un quantitativo di pneumatici fuori uso pari in peso a novantacinque.

STIAMO LAVORANDO PER...

/////////////////////////////////////////

• Estendere l’operatività di COBAT - Consorzio Nazionale Raccolta e Riciclo - al servizio di ritiro di PFU a beneficio delle imprese associate, per risolvere le criticità del sistema di raccolta.

180

181


CONFARTIGIANATO IMPRESE

BILANCIO SOCIALE 2018

O B I E T T I V I , AT T I V I TÀ , R I S U LTAT I

3.4

L’AZIONE DELLE CATEGORIE

AUTORIPARAZIONE F – GAS FLUORURATI A EFFETTO SERRA Proseguite azioni - nei confronti del Ministero dell’Ambiente e in sede ACCREDIA - per correggere il testo del DPR di recepimento del Regolamento UE 517/2014, evitando impatti penalizzanti sulle imprese associate in termini economici e burocratici e ottenere le massime semplificazioni. Proseguita la consultazione della categoria da parte di ACCREDIA. Nel 2018, è stato emanato, con Decreto del Presidente della Repubblica 16 novembre 2018, n. 146, il Regolamento di esecuzione del regolamento UE n.157/2014 sui gas fluorurati a effetto serra e che abroga il regolamento CE n.842/2006 I NOSTRI RISULTATI 2018 • Mitigato l’impatto a favore delle imprese associate delle disposizioni contenute nel DPR di recepimento del Regolamento UE 517/2014 sia sul piano degli oneri economici che sul piano degli adempimenti burocratici: • agevolazioni per le imprese individuali mediante unificazione della procedura di certificazione; • prevista una procedura semplificata con l’eliminazione di un Piano di Qualità per le imprese, così come definito dalla norma UNI/ISO 10005; • introduzione di una Banca Dati dei gas fluorurati a effetto serra e apparecchiature contenenti gas fluorurati presso il Ministero dell’Ambiente, gestita dalle Camere di Commercio competenti, e di un Registro telematico, a cui dovranno essere comunicate le vendite di F-gas, delle apparecchiature che li contengono e le attività di assistenza, manutenzione, installazione, riparazione e smantellamento delle stesse; • definizione delle modalità per tracciare gli F-gas e le attività di chi installa impianti che li contengono, etc.. • Confermata l’agevolazione per gli autoriparatori: se l’autoriparatore si limita ad interventi di rabbocco senza operazioni di recupero gas non necessita di nessun attestato.

NUOVI INDICI SINTETICI DI AFFIDABILITÀ FISCALE – ISA È stata segnalata una criticità di carattere generale che riguarda l’apporto di lavoro delle figure non dipendenti e l’apporto lavorativo femminile. STIAMO LAVORANDO PER...

/////////////////////////////////////////

• Monitorare la fase applicativa dell’ISA AG31U, al fine di proporre eventuali correttivi necessari per superare le criticità rilevate e rendere lo strumento rispondente alla realtà delle imprese del settore

REVISIONE DEI PERCORSI DI FORMAZIONE E ISTRUZIONE PROFESSIONALE Aggiornato il profilo professionale e il percorso formativo dell’autoriparatore, in funzione dell’evoluzione tecnologica nel campo automobilistico e colmando le carenze attuali. STIAMO LAVORANDO PER...

/////////////////////////////////////////

• Ottenere l’effettivo adeguamento dei percorsi formativi, sulla base delle richieste della categoria accolte dal Ministero Istruzione, Università e Ricerca.

STIAMO LAVORANDO PER...

/////////////////////////////////////////

• Monitorare gli aspetti applicativi del DPR - anche in sede ACCREDIA -per la messa a punto degli schemi di certificazione, nonché l’emanazione del decreto sanzioni che completerà il quadro normativo in materia.

182

183

ACCESSO INFORMAZIONI TECNICHE

UTILIZZO DELLA TARGA DI PROVA

Proseguite le azioni di presidio - anche in sinergia con gli altri partner interessati - per orientare le scelte a livello politico istituzionale, italiano ed europeo, a tutela della libera concorrenza e delle imprese indipendenti dell’autoriparazione che, per operare sui veicoli, devono poter disporre dei manuali con le specifiche tecniche dei costruttori.

Svolte azioni nei confronti del Ministero dei Trasposti e del Ministero dell’Interno per risolvere le criticità in materia di utilizzo della targa prova, anche alla luce delle disposizioni restrittive emanate dal Ministero Interno.

STIAMO LAVORANDO PER...

/////////////////////////////////////////

• Salvaguardare la libera concorrenza delle imprese indipendenti dell’autoriparazione, rendendo accessibili le informazioni tecniche che sono imprescindibili per svolgere attività di tutela degli automobilisti e della sicurezza stradale • Verificare se possibile evitare restrizioni da parte dei costruttori, in contrasto con le norme vigenti in materia di accesso alle informazioni tecniche

I NOSTRI RISULTATI 2018 • Riconfermate le disposizioni del Ministero dei Trasporti a favore dell’utilizzo della targa prova, in attesa del parere del Consiglio di Stato • Istituito un Tavolo tecnico, da parte dei Ministeri dei Trasporti e dell’Interno, per individuare soluzioni per il contrasto dei fenomeni di abuso nell’utilizzo della targa prova.


CONFARTIGIANATO IMPRESE

BILANCIO SOCIALE 2018

O B I E T T I V I , AT T I V I TÀ , R I S U LTAT I

AUTORIPARAZIONE

3.4

L’AZIONE DELLE CATEGORIE

AUTORIPARAZIONE Attività e servizi per i soggetti del Sistema Confartigianato, le imprese e le persone

RINNOVO DEL CCNL AREA MECCANICA

NUOVO STATUTO CONOUCONSORZIO OBBLIGATORIO OLI USATI

Partecipazione attiva alla trattativa per rendere coerente il contratto con l’evoluzione della normativa che disciplina il settore in funzione dell’innovazione tecnologica nel campo automobilistico.

Con Decreto del Ministero dell’Ambiente (7.11.2017) è stato approvato lo Statuto CONOU, che potenzia assetto consortile e campo di operatività dell’originario CONOU, includendo altre componenti della filiera, tra cui gli autoriparatori artigiani che effettuano la sostituzione dell’olio usato erogando il servizio e vendendo solo olio nuovo.

I NOSTRI RISULTATI 2018 • Ottenuto, nel rinnovo del CCNL Area Meccanica l’aggiornamento della figura del meccatronico.

I NOSTRI RISULTATI 2018 • Ottenere governance e modalità di partecipazione al Consorzio sostenibili e utili per le imprese associate, evitando un aggravio di oneri burocratici e costi per le stesse."

STIAMO LAVORANDO PER...

/////////////////////////////////////////

• Ottenere governance e modalità di partecipazione al Consorzio sostenibili e utili per le imprese associate, evitando un aggravio di oneri burocratici e costi per le stesse.".

184

FERMO AMMINISTRATIVO DEI VEICOLI ABBANDONATI NELLE DEPOSITERIE DELLE IMPRESE DI SOCCORSO STRADALE La categoria delle imprese di soccorso stradale ha segnalato l’abbandono presso le proprie depositerie dei veicoli sottoposti a fermo amministrativo e l’impossibilità di avviare tali mezzi alla demolizione, in assenza del nulla osta da parte dell’Agente della Riscossione. STIAMO LAVORANDO PER...

/////////////////////////////////////////

• Ottenere un’idonea soluzione alla problematica, rappresentata da Confartigianato all’Agenzia della Riscossione il 9 ottobre 2017.

RACCOLTA DEGLI PNEUMATICI FUORI USO (PFU) Proseguita l’azione di rappresentanza riguardante la raccolta degli pneumatici fuori uso (PFU) con benefici per le imprese di micro e piccola dimensione e la mitigazione di potenziali diseconomie ambientali. I NOSTRI RISULTATI 2018 • Riavviata, dalla fine del 2018, la raccolta dei PFU per le imprese del comparto, in particolare per le imprese di micro e piccola dimensione. • Costituitosi il Tavolo per la Legalità dei PFU, nell’ambito del Protocollo di intesa sulla legalità ambientale e fiscale nel settore, tra Confartigianato, Ecopneus, Federpneus, AIRP e Legambiente - altri due consorzi di riciclo.

STIAMO LAVORANDO PER...

/////////////////////////////////////////

• Individuare nell’ambito del Tavolo per la Legalità soluzioni concrete al tema della tracciabilità dei PFU • Organizzare per il 2019 di un evento nazionale con la collaborazione della Polizia Stradale e con il Ministero dell’Ambiente sul tema della legalità nei PFU.

185

INFORMAZIONE e COMUNICAZIONE • Collaborazione con la redazione della trasmissione “Mi manda RaiTre” sui temi della manutenzione e dell’efficienza dei veicoli per la sicurezza degli automobilisti, anche con interventi in trasmissione dei Dirigenti Nazionali Confartigianato Autoriparazione. Partecipazione a 3 puntate della trasmissione. • Collaborazione con Rivista “il Giornale del Meccanico” con la redazione di una rubrica dedicata all’attività di Confartigianato Autoriparazione. Redatti 12 articoli. 58 Comunicazioni diffuse ai soggetti del Sistema

PROGETTI, INIZIATIVE ED EVENTI • Progetto nazionale “Officina 4.0” – Avviato nel 2017 per lo sviluppo di iniziative di accompagnamento alle imprese dell’autoriparazione nel processo di innovazione e allineamento al mercato, anche in relazione al Piano Impresa 4.0. Nel 2018 sono stati attivati contatti con partner esterni per lo sviluppo di soluzioni personalizzate e innovative a supporto delle imprese associate • Autopromotec Conference 2018 – Stati Generali - partecipazione con un intervento al Convegno sul tema “Officina 4.0: digitalizzazione e nuovi trend, il futuro dell’autoriparazione”. Previste condizioni agevolate di partecipazione a favore degli associati (Bologna 13 e 14 giugno)


CONFARTIGIANATO IMPRESE

BILANCIO SOCIALE 2018

O B I E T T I V I , AT T I V I TÀ , R I S U LTAT I

MESTIERI

ATTIVITÀ DEGLI ORGANI

Acconciatori; Odontotecnici; Estetisti

3 riunioni di Consiglio Direttivo e Assemblee

Rappresentanza istituzionale e lobbying e rappresentanza sindacale e contrattazione

////////////////////////////////////////////////

RINNOVO CCNL SETTORE ACCONCIATURA, ESTETICA, TRICOLOGIA NON CURATIVA, TATUAGGI E PIERCING E CENTRI BENESSERE

PARTECIPAZIONE A ORGANISMI ESTERNI E TAVOLI FEPPD - European Federation of Dental Lab Owners and Dental Technicians - Organizzazione europea di rappresentanza del settore. Vice Presidenza 4 incontri

Coiffure EU - Organizzazione di rappresentanza degli interessi del settore nei Presidenza Camera Italiana confronti dell’Unione Europea dell’Acconciatura Organismo unitario di rappresentanza della - attraverso Camera Italiana dell’Acconciatura filiera dell’acconciatura 4 incontri

4 incontri

Partecipazione al Dialogo Sociale Europeo Servizi alla Persona attraverso Coiffure EU

La Categoria partecipa alle trattative per il rinnovo del CCNL. Avviato, ad aprile 2017, un confronto sulla piattaforma unitaria presentata dalle Organizzazioni Sindacali. Consegnato dalle Organizzazioni datoriali, in seguito alla ripresa di confronto a ottobre, un documento sui temi del lavoro intermittente e dell’apprendistato, volto a favorire il lavoro flessibile. È stata predisposta una bozza di accordo.

3 incontri

STIAMO LAVORANDO PER... Conferenza Servizi presso il Ministero Sviluppo Economico per il riconoscimento dei titoli professionali esteri, in coordinamento con Ministero del Lavoro, ai sensi D.Lgs. 206/07 di attuazione della Direttiva 2005/36/CE 2 incontri

INTERVENTI A INIZIATIVE E SEMINARI

/////////////////////////////////////////

• Rinnovare il CCNL di settore prevedendo l'ampliamento della sfera di applicazione ai centri nei quali si svolgono attività di tipo motorio e di diporto nonché ai servizi e attività di consulenza e supporto per eventi matrimoniali o eventi in genere (cd. wedding/event planning), nonché per gli acquisti e per l’immagine (cd. personal shopper/image)

• Seminario «Actions to improve Vocational Educational Training to attract new talents in the hairdressing sector», sede di confronto tra i modelli formativi delle diverse Organizzazioni europee di settore, finalizzato all’individuazione di uno standard per colmare il divario di competenze e alla promozione di innovazione, competitività ed eccellenza

RICONOSCIMENTO DEL PROFILO DELL’ODONTOTECNICO TRA LE PROFESSIONI SANITARIE Proseguiti gli interventi – anche tramite il sostegno di specifici emendamenti - per favorire il riconoscimento del profilo dell’odontotecnico nell’ambito delle professioni sanitarie con riferimento al DDL “Delega al Governo in materia di sperimentazione clinica di medicinali, nonché disposizioni per l’aggiornamento dei livelli essenziali di assistenza, per il riordino delle professioni sanitarie e per la dirigenza sanitaria del Ministero della salute”. A seguito dell’approvazione della Legge 3/2018, redazione e presentazione al Ministero della Salute dell’istanza motivata di riconoscimento della professione sanitaria dell’odontotecnico. STIAMO LAVORANDO PER...

/////////////////////////////////////////

• Impugnare la decisione di rigetto dell’istanza di riconoscimento della professione sanitaria dell'odontotecnico da parte del Ministero della Salute

NUOVI INDICI SINTETICI DI AFFIDABILITÀ FISCALE – ISA È stata segnalata una criticità di carattere generale, significativa ai fini applicazione di tutti gli ISA relativa all’apporto di lavoro delle figure non dipendenti e dell’apporto lavorativo femminile (vedi pagina introduttiva al capitolo 4.2).

• Assemblea annuale dell’European Federation of Dental Lab Owners and Dental Technicians 2018: partecipazione al confronto tra gli scenari di mercato dei Paesi aderenti e le azioni intraprese a supporto del settore, la Giornata Europea dell’Odontotecnico, la formazione sulle tecnologie CAD-CAM • Simposio FEPPD sulla situazione attuale e le prospettive future degli odontotecnici nel mercato europeo, con riferimento all’impatto del nuovo Regolamento Dispositivi Medici ed ai rischi e opportunità della stampa 3D nel settore dentale.

186

L’AZIONE DELLE CATEGORIE

ODONTOTECNICI

BENESSERE

Rappresentare e tutelare le imprese che operano nell’ambito della cura della persona, promuovere politiche a tutela del comparto a livello nazionale ed europeo e della qualificazione professionale degli operatori a beneficio dei consumatori

3.4

187

NUOVO REGOLAMENTO EUROPEO SUI DISPOSITIVI MEDICI A seguito dell’interpretazione della CE, è stato realizzato un confronto con la competente Direzione del Ministero della Salute sulla necessità della tracciabilità della protesi a garanzia della sicurezza e della qualità della stessa e per la difesa del “Sistema Italia”, attaccato da sistemi di produzione disinvolti che non tengono conto degli adempimenti prescritti, che vengono erroneamente ritenuti obblighi esclusivi degli odontotecnici. Avanzata la richiesta di coinvolgimento di Confartigianato Odontotecnici nell’attività relativa all’applicazione del Regolamento per quanto riguarda gli adempimenti in capo ai fabbricanti di dispositivi odontoiatrici su misura e nell’ambito dell’annuale Conferenza Nazionale sull’Odontoiatria. I NOSTRI RISULTATI 2018 • Prevista una sessione dedicata all'odontotecnica nell’ambito della Conferenza Nazionale sui Dispositivi Medici, oprganizzata tenendo conto delle proposte e dei contributi della Categoria.


CONFARTIGIANATO IMPRESE

ODONTOTECNICI

BILANCIO SOCIALE 2018

ESTETISTI

O B I E T T I V I , AT T I V I TÀ , R I S U LTAT I

ACCONCIATORI

3.4

L’AZIONE DELLE CATEGORIE

BENESSERE Attività e servizi per i soggetti del Sistema Confartigianato, le imprese e le persone

RINNOVO CCNL SETTORE MECCANICA

APPARECCHIATURE PER L’ESTETICA PROFESSIONALE

Confartigianato Odontotecnici ha partecipato alle trattative per il rinnovo del CCNL dell’area Meccanica, che si applica alle imprese del settore odontotecnico.

Regolamento di attuazione dell’art.10 comma 1 della Legge 1/90, relativo agli apparecchi elettromeccanici utilizzati per l’attività di estetista (Decreto Interministeriale 206/2015).

I NOSTRI RISULTATI 2018 • Sottoscritto l’accordo di rinnovo del CCNL. Condivise e siglate con verbale integrativo le relative tabelle salariali

STIAMO LAVORANDO PER...

/////////////////////////////////////////

• Monitorare - in collaborazione con FAPIB (Produttori di apparecchiature) - le tecnologie disponibili e individuare eventuali apparecchiature innovative da ricomprendere nell’elenco di cui al Decreto 205/2015

SALUTE E SICUREZZA

INFORMAZIONE e COMUNICAZIONE

PROGETTI, INIZIATIVE ED EVENTI

European Framework Agreement on the protection of occupational health and safety in the hairdressing sector sottoscritto da Coiffure EU ed UNI Europa nell’ambito del Dialogo Sociale servizi alla persona.

ODONTOTECNICI

• Cosmoprof 2018: organizzazione presenze e presidio stand. Collaborazione per favorire la partecipazione di estetiste e acconciatori associati e organizzazione del convegno. • Intervento di Confartigianato Acconciatori nel Convegno»Generazioni a confronto. Come guardare al futuro attingendo all’esperienza dei leader” che, in linea con il tema dell'Hair Ring, ha rappresentato un costruttivo momento di stimolo per i giovani a documentarsi sul «passato» per creare «acconciature del futuro» in grado di reggere all'impatto del tempo ed entrare, in prospettiva, nel vintage. • Intervento di Confartigianato Estetisti nella presentazione della ricerca: “ L’attenzione al benessere ed alla qualità di vita durante la terapia oncologica. Uno studio in estetica oncologica” realizzata da APEO in collaborazione con la Divisione di Psico-Oncologia dell’Istituto Oncologico Europeo di Milano. • Organizzata, in sinergia con Confartigianato Puglia, l’edizione 2018 di “Mediterranean Health & Beauty by Cosmoprof”, presso la Fiera del Levante di Bari.

ISA AG33U – INDICE SINTETICO DI AFFIDABILITÀ FISCALE La Categoria ha partecipato agli incontri presso SOSE - Soluzioni per il Sistema Economico - per l’esame e la valutazione dell’indice. Nell’ambito del parere reso all’Agenzia delle Entrate, sono stati evidenziati i seguenti aspetti: • perplessità sulla ricollocazione in 8 Modelli Organizzativi di Business di imprese che negli studi di settore erano precedentemente assegnate a 16 gruppi omogenei, in quanto le caratteristiche delle diverse imprese potrebbero non essere adeguatamente colte dall’ISA • le tariffe dei principali servizi dovrebbero essere indicate nell’ambito di un range min/max e i tempi utilizzati a riferimento per le principali tipologie di servizi non risultano attendibili • il possesso di alcuni beni non sempre produce maggiori ricavi e il consumo di energia elettrica risulta inattendibile se riferito ad apparecchiature che necessitano di una fase di riscaldamento ad alto consumo energetico • in un settore a grande prevalenza di gestione femminile, l’allontanamento forzato per gravidanza complicata e maternità può determinare coefficienti anomali nella gestione e potrebbe avere implicazioni anche sugli indicatori. Si è chiesto di introdurre una modalità di gestione di tale fenomeno all’interno dell’ISA affinché le imprese interessate non ne risultino penalizzate. 188

ESTETISTI

• Proseguita la collaborazione con la rivista Mabella per la pubblicazione di articoli su tematiche di interesse della Categoria. 3 articoli

STIAMO LAVORANDO PER...

/////////////////////////////////////////

• Monitorare l’applicazione dell’Accordo quadro europeo per la tutela di salute e sicurezza sul lavoro nel settore dell’acconciatura.

ATTIVITÀ EUROPEA NELL’AMBITO DI COIFFURE EU ////////////////////////////////////////////////

• Redatti articoli per la rivista di settore Odontoiatria 33. 2 articoli

Collaborazione alla stesura del progetto EUROHAIRVET della Camera Italiana dell’Acconciatura da presentare nel quadro del programma Erasmus+ ka2 – strategic partnerships in the field of educations training - per lo sviluppo dell’innovazione e l’innalzamento della qualità della formazione professionale attraverso la collaborazione tra aziende, scuole e imprese. STIAMO LAVORANDO PER...

/////////////////////////////////////////

• Realizzare il progetto per la creazione di una piattaforma europea online per lo scambio di idee e conoscenze innovative allo scopo di creare materiale didattico per hair & beauty nonché di uno strumento di misurazione del grado di integrazione tra i bisogni delle imprese e la loro traduzione in innovazione della proposta educativa e didattica.

20 circolari pubblicate sulla intranet confederale

CONSULENZA • Regolamento Europeo Privacy - Partecipazione di Confartigianato Odontotecnici all’attività svolta da Confartigianato con l'obiettivo di facilitare l'adeguamento ai nuovi obblighi da parte delle imprese. • Predisposto un fac-simile di modulo di nomina del responsabile del trattamento per gli odontotecnici da parte degli odontoiatri, al fine di semplificare i rapporti tra le parti con riferimento a tale adempimento.

ACCORDI E CONVENZIONI

ESTETISTI

• Confermata la partnership con l’Associazione Professionale di Estetica Oncologica (APEO) e individuate iniziative congiunte. • Diffuse al sistema Confartigianato le condizioni agevolate riservate agli associati per la partecipazione ai corsi in estetica oncologica realizzati da APEO e realizzati presso l’Ospedale Ca Granda - Policlinico di Milano, mirati a formare le competenze scientifiche necessarie alla comprensione delle patologie e terapie oncologiche, oltreché delle conseguenze da esse prodotte.

ACCONCIATORI

• Organizzata l’edizione 2018 di “HairRing”, la performance dedicata a giovani acconciatori emergenti. Curato il coordinamento della squadra di Confartigianato.

ODONTOTECNICI

• Si è svolta, con l’adesione di diverse realtà territoriali, l’edizione 2018 dell’European Dental Technicians Day. Particolare attenzione è stata rivolta all’importanza del nuovo Regolamento Dispositivi Medici che prevede la tracciabilità del dispositivo lungo tutta la catena di fornitura fino all’utente finale, a garanzia di sicurezza, qualità e tutela della salute dei cittadini. Al fine di dare la massima visibilità agli eventi organizzati in Italia dal sistema Confartigianato, è stata dedicata una pagina web del portale confederale a quanto realizzato tanto a livello nazionale che locale.

ESTETISTI

• Organizzazione - in collaborazione con Cosmoprof e con Confartigianato Bari - della presenza alla prima edizione Esthetiworld Bari, presso la Fiera del Levante ed intervento al Convegno “Il successo di un centro estetico si guadagna con competenza e strategie d’impresa” sul tema della preparazione dell’imprenditore sul piano gestionale ai fini della proficua gestione del centro estetico. 7 servizi, progetti e iniziative realizzate

189


CONFARTIGIANATO IMPRESE

BILANCIO SOCIALE 2018

O B I E T T I V I , AT T I V I TÀ , R I S U LTAT I

MESTIERI

ATTIVITÀ DEGLI ORGANI

Fotografi; grafici; ICT

4 riunioni di Consiglio Direttivo e Assemblee

Rappresentanza istituzionale e lobbying e rappresentanza sindacale e contrattazione

FOTOGRAFI

ETSI – INTELLIGENT TRASPORT SYSTEM Comitato Tecnico ETSI per lo sviluppo di sistemi di comunicazione nei veicoli, tra veicoli e tra veicoli e luoghi fissi. PARTECIPAZIONE A ORGANISMI ESTERNI E TAVOLI

Consiglio Direttivo FIOF - Fondo Internazionale per la Fotografia 1 incontro

Board FEP - Federation of European Photographers – Elezione nel board del Comitato ETSI TC ITS + WG1 +WG4 – Project rappresentante italiano designato da Intelligent Transport Systems in ambito SBS Confartigianato Fotografi 10 incontri tra riunioni tecniche, seminari e meetings esperti

3 incontri

I NOSTRI RISULTATI 2018 • Accettata la candidatura dell’esperto designato da Confartigiananto, che ha partecipato a 7 riunioni • Confermata la candidatura nell’ambito della call SBS 2019 per ETSI TC Intelligent Trasport System

CCNL COMUNICAZIONE Partecipazione alla stesura del CCNL.

////////////////////////////////////////////////

I NOSTRI RISULTATI 2018 • Sottoscritta la stesura del CCNL

ISA AG66U – ATTIVITA’ INFORMATICHE VARIE Confartigianato ICT ha partecipato agli incontri presso SOSE - Soluzioni per il Sistema Economico - per l’esame e la valutazione dell’Indice sintetico di affidabilità fiscale ISA AG66U. È stato elaborato un documento di osservazioni per la validazione del modello. Nella valutazione del modello, sono stati evidenziati inoltre i seguenti punti: • Attenzione in sede applicativa alla luce della ricollocazione in 15 Modelli Organizzativi di Business di imprese che negli studi di settore erano precedentemente assegnate a 19 gruppi omogenei, le caratteristiche delle diverse imprese potrebbero non essere adeguatamente colte dall’ISA. • Rispetto agli indicatori elementari di affidabilità è emersa come rilevante l’incidenza della territorialità sulle stime econometriche. • Nella funzione di stima del valore aggiunto è stata segnalata la non completa attendibilità della variabile relativa all’età professionale così come quella dell’effetto individuale, costruito sulla base dei dati delle nove annualità di imposta precedenti, in un settore spiccatamente dinamico. • Sollecitata la richiesta di nuove informazioni relative all’attività di formazione continua e di aggiornamento professionale ed evidenziata l’improduttività temporanea dei dipendenti con contratto di formazione nonché la rapida obsolescenza dei beni strumentali informatici. STIAMO LAVORANDO PER...

/////////////////////////////////////////

STIAMO LAVORANDO PER...

• Poter disporre di un applicativo di prova del nuovo strumento per poter testare gli esiti dei nuovi indicatori da approvare per il 2018.

/////////////////////////////////////////

Approfondire le attività dei Comitati Tecnici attivi nel settore ICT – Information and Communication Technologies al fine dell’eventuale segnalazione di esperti in occasione della call 2020.

190

L’AZIONE DELLE CATEGORIE

ICT

COMUNICAZIONE

Rappresentare e tutelare le imprese che operano nel campo della grafica e delle arti visive, un comparto articolato basato sul valore del “messaggio” sia strettamente artistico sia informativo o commerciale

3.4

191

QUALIFICHE QEP, MASTER QEP Sistema di qualifiche su base volontaria istituito per i videoperatori professionisti dalla Federation of European Photographer, alla quale Confartigianato Fotografi aderisce. I NOSTRI RISULTATI 2018 • Convocato il rappresentante di Confartigianato Fotografi in qualità di giudice per le Qualifiche europee QEP e MasterQEP (rilasciate dalla Federazione Europea Fotografi Professionisti)

STIAMO LAVORANDO PER...

/////////////////////////////////////////

• Valutare l’impatto applicativo del nuovo modello.


CONFARTIGIANATO IMPRESE

BILANCIO SOCIALE 2018

FOTOGRAFI

O B I E T T I V I , AT T I V I TÀ , R I S U LTAT I

GRAFICI

3.4

L’AZIONE DELLE CATEGORIE

COMUNICAZIONE Attività e servizi per i soggetti del Sistema Confartigianato, le imprese e le persone

QUALIFICHE EUROPEE QEV

STATI GENERALI DELLA FOTOGRAFIA

Sistema di qualifiche su base volontaria istituito per i videoperatori professionisti dalla Federation of European Photographer, alla quale Confartigianato Fotografi aderisce.

Confartigianato Fotografi ha partecipato alla sessione degli Stati Generali della Fotografia, convocati a Venezia il 18 ottobre 2018 sulla fotografia contemporanea e l’utilizzo nei Social e nella Pubblica amministrazione.

I NOSTRI RISULTATI 2018 • Convocato il rappresentante di Confartigianato Fotografi in qualità di giudice per le Qualifiche europee QEP e MasterQEP (rilasciate dalla Federazione Europea Fotografi Professionisti)

STIAMO LAVORANDO PER...

/////////////////////////////////////////

• Designare membri della Categoria tra i giudici per le Qualifiche QEP e MasterQEP (sistema di qualifiche volontario di livello europeo) 2019 e supportare la partecipazione dei fotografi associati alle sessioni di qualifica

ISA AG74U ATTIVITÀ FOTOGRAFICHE Confartigianato ha partecipato agli incontri presso SOSE - Soluzioni per il Sistema Economico - per l’esame e la valutazione dell’Indice sintetico di affidabilità fiscale ISA AG74U. STIAMO LAVORANDO PER...

/////////////////////////////////////////

• Valutare l’impatto applicativo del nuovo modello.

STIAMO LAVORANDO PER...

/////////////////////////////////////////

• Elaborare un documento di proposte unitario condiviso da tutte le Associazioni di settore da veicolare nell’ambito dei lavori del “Mibact per la fotografia” ////////////////////////////////////////////////

RILANCIO DEL SETTORE DELLA TIPOGRAFIA Realizzazione di iniziative per il rilancio del settore della stampa.

STIAMO LAVORANDO PER...

/////////////////////////////////////////

• Realizzare un video informativo istituzionale per contrastare la scorretta massiccia informazione che scoraggia l'utilizzo della carta in favore dei supporti informatici e l’utilizzo della carta vergine rispetto a quella riciclata

/////////////////////////////////////////

• Valutare l’impatto applicativo del nuovo modello.

FORMAZIONE

• Grazie a un accordo con la rivista di settore “Fotonews”, prevista la pubblicazione di un articolo a cura di Confartigianato Fotografi su ogni numero. 7 articoli pubblicati

• Patrocinio nazionale al progetto formativo “click to click” di Confartigianato Vicenza. • Progettato il corso di formazione per “privacy specialist”.

14 circolari pubblicate sulla rete intranet confederale

ACCORDI E CONVENZIONI

PROGETTI, INIZIATIVE ED EVENTI

• Proseguita la partnership con FIOF - Fondo Internazionale per la Fotografia - per implementare il sistema volontario di qualifiche di livello nazionale QIP e la realizzazione di iniziative formative. Nel Consiglio Direttivo di FIOF è presente il Presidente di Categoria.

• Confermata la partnership per l’evento formativo Nikon Wedding Advanced Campus – con il coinvolgimento delle sedi territoriali per l’organizzazione e lo svolgimento delle giornate di presentazione itineranti. -25% il costo della partecipazione per i fotografi associati

ISA AD35U - ATTIVITÀ DI STAMPA

Confartigianato Grafici ha partecipato agli incontri presso SOSE - Soluzioni per il Sistema Economico - per l’esame e la valutazione dell’Indice sintetico di affidabilità fiscale ISA AD35U. Elaborazione documento di osservazioni per la validazione del modello. Nella valutazione del modello, in particolare sono state individuati i seguenti punti: • Necessità di verificare la rispondenza della collocazione delle imprese, in considerazione del fatto che sono confluite in 12 Modelli Organizzativi di Business le imprese che negli studi di settore erano precedentemente assegnate a 16 gruppi omogenei, il che potrebbe dar luogo ad improprie ricollocazioni. • Rispetto agli indicatori elementari di affidabilità, così come per gli indicatori elementari di anomalia, sono state espresse perplessità sulla capacità della funzione di regressione di cogliere le dinamiche del settore dovute alla massiccia riorganizzazione delle aziende. • Rispetto alla durata e decumulo delle scorte, è stato evidenziato il rischio che scatti l’anomalia dell’indicatore nel caso in cui la durata superi la soglia massima di riferimento per singolo Modello Organizzativo di Business a fronte di politiche di acquisto di grandi quantità di carta. STIAMO LAVORANDO PER...

INFORMAZIONE e COMUNICAZIONE

• Partecipazione alla Convention annuale di FIOF - di cui Confartigianato Fotografi è socio fondatore (9-11 marzo 2018). • Proseguita la partnership con FIOF - Fondo Internazionale per la Fotografia - per implementare il sistema volontario di qualifiche di livello nazionale QIP e la realizzazione di iniziative formative. Nel Consiglio Direttivo di FIOF è presente il Presidente di Categoria.

FOTOGRAFI

• Accordo di collaborazione tra Confartigianato Fotografi e Associazione Nazionale Fotografi Matrimonialisti mirato alla valorizzazione delle reciproche attività, nell’ottica della crescita e della visibilità della categoria attraverso un percorso di promozione delle iniziative messe in campo e la programmazione e realizzazione di attività congiunte nell’ambito di manifestazioni di settore, l’organizzazione di campagne informative nei confronti della categoria, lo sviluppo di attività promozionali. • Accordo di collaborazione con Nikon Wedding Advanced Campus, con supporto all’organizzazione del Nwac in Tour 2018 a fronte del quale è previsto per i fotografi associati un abbattimento del costo di partecipazione agli eventi formativi.

GRAFICI

• Accordo tra le Organizzazioni di rappresentanza degli Autori ed Editori e le Organizzazioni artigiane di rappresentanza delle aziende che utilizzano macchinari per la riproduzione di opere protette pubblicate per le stampe per il pagamento del diritto d’autore. 15 Progetti, iniziative, eventi , convenzioni realizzati

192

193

FOTOGRAFI

• Accordo di collaborazione tra Confartigianato Fotografi e Associazione Nazionale Fotografi Matrimonialisti mirato alla valorizzazione delle reciproche attività, nell’ottica della crescita e della visibilità della categoria attraverso un percorso di promozione delle iniziative messe in campo e la programmazione e realizzazione di attività congiunte nell’ambito di manifestazioni di settore, l’organizzazione di campagne informative nei confronti della categoria, lo sviluppo di attività promozionali. • Accordo di collaborazione con Nikon Wedding Advanced Campus, con supporto all’organizzazione del Nwac in Tour 2018 a fronte del quale è previsto per i fotografi associati un abbattimento del costo di partecipazione agli eventi formativi.

GRAFICI

• Accordo tra le Organizzazioni di rappresentanza degli Autori ed Editori e le Organizzazioni artigiane di rappresentanza delle aziende che utilizzano macchinari per la riproduzione di opere protette pubblicate per le stampe per il pagamento del diritto d’autore.


CONFARTIGIANATO IMPRESE

BILANCIO SOCIALE 2018

O B I E T T I V I , AT T I V I TÀ , R I S U LTAT I

3.4

L’AZIONE DELLE CATEGORIE

EDILIZIA MESTIERI

ATTIVITÀ DEGLI ORGANI

Confartigianato Edilizia; Imprese di pulizia; Marmisti; Imprese del verde

7 riunioni di Giunta Nazionale di Confartigianato Edilizia e 2 Assemblee 1 riunione di Consiglio Direttivo di Imprese di pulizia 1 riunione di Consiglio Direttivo e 1 Assemblea Elettiva di Imprese del verde ANZIANITÀ PROFESSIONALE EDILE Seguita l’attuazione dell’accordo dell’edilizia sull’armonizzazione contrattuale dell’Anzianità Professionale Edile (APE), sottoscritto dalle parti sociali, nel 2016.

Rappresentanza istituzionale e lobbying e rappresentanza sindacale e contrattazione Promuovere la coscienza organizzativa e sindacale degli artigiani del settore delle costruzioni, partecipando alla stipula dei CCNL, tutelando le imprese artigiane sul piano sindacale, economico, tecnico e professionale ////////////////////////////////////////////////

I NOSTRI RISULTATI 2018 PARTECIPAZIONE A ORGANISMI ESTERNI E TAVOLI European Builders Confederation (EBC) Confederazione Europea degli Artigiani e delle PMI del settore edile 4 incontri

FORMEDIL - Ente per la Formazione e l’addestramento professionale nell’edilizia

4 incontri

PREVEDI - Fondo Pensione dei lavoratori delle imprese industriali e artigiane edili e affini

CNCE - Commissione nazionale paritetica per le Casse Edili

CNCPT - Commissione nazionale per la prevenzione infortuni, l’igiene e l’ambiente di lavoro

6 incontri

1 incontro

ISTECO - Istituto di certificazione delle imprese di costruzione

Gruppo tecnico sul nuovo Codice degli appalti

STIAMO LAVORANDO PER...

/////////////////////////////////////////

2 incontri

Commissione tecnica APE 4 incontri

194

ITACA - Istituto per l’innovazione e trasparenza degli appalti e la compatibilità ambientale

• Accordo su Fondo nazionale APE del 31 gennaio 2018. • Accordo su Fondo di solidarietà APE del 25 luglio 2018. Si tratta di accordi sulle modalità di gestione dell’APE (Fondo Anzianità Professionale Edile) istituito dalle Parti sociali del comparto edile. La mutualizzazione delle prestazioni, avvenuta attraverso il Fondo Nazionale APE (FNAPE), ha consentito l’emersione delle posizioni di oltre 20 mila lavoratori e l’erogazione di prestazioni a favore dei dipendenti che, altrimenti, non sarebbero state liquidate, nonostante le relative contribuzioni da parte dei datori di lavoro. Gli accordi sono finalizzati alla sostenibilità del Fondo e, in prospettiva alla diminuzione delle aliquote contributive.

2 incontri

ANAC – Autorità Nazionale Anticorruzione Consultazioni in materia di appalti pubblici e CAM 2 incontri

3 incontri

UNI Organo Tecnico “Prodotti, processi e sistemi per l’organismo edilizio” 2 incontri

10 incontri

• Ridefinire le aliquote nel quadro di una sostenibilità dell’istituto.

Tavolo rinnovo CCNL artigiani edilizia 5 incontri

195

BILATERALITÀ NEL SETTORE DELLE COSTRUZIONI

IMPRESE DEI COMUNI TERREMOTATI

La costituzione del Sistema Bilaterale delle Costruzioni nazionale (SBC) - previsto dall’accordo sottoscritto dalle parti sociali nel 2016 - è stato sostituito dalla previsione di un costituendo Ente unico nazionale di Formazione e Sicurezza dei lavoratori che assumerà le funzioni attualmente svolte da FORMEDIL e CNCPT (Commissione nazionale per la prevenzione infortuni, l’igiene e l’ambiente di lavoro) e vedrà le Organizzazioni Artigiane (OOAA) quali parti costituenti.

I NOSTRI RISULTATI 2018

STIAMO LAVORANDO PER...

/////////////////////////////////////////

• Accelerare i tempi per la revisione del Protocollo del ’98 sulla Bilateralità riguardante i territori cosiddetti “ad unicità di sistema” che interessano la stragrande maggioranza delle imprese artigiane con dipendenti.

Modifica dell’accordo per la rateizzazione degli oneri contributivi ai fini del rilascio del DURC (Documento Unico di Regolarità Contributiva), sottoscritto dalle Parti Sociali nel 2016.

• Accordo DURC Congruità dell’8 febbraio 2018. L’accordo è finalizzato a garantire la regolarità delle imprese che eseguono lavori di ricostruzione dell’area cratere (Abruzzo, Lazio, Marche, Umbria). • Accordo costi manodopera nei lavori di ricostruzione area sisma dell’8 maggio 2018. L’accordo definisce i costi certi dei materiali e delle lavorazioni legati alle attività di ricostruzione.

STIAMO LAVORANDO PER...

/////////////////////////////////////////

• Revisionare l'accordo sulla congruità manodopera nei lavori di ricostruzione area sisma


CONFARTIGIANATO IMPRESE

BILANCIO SOCIALE 2018

3.4

O B I E T T I V I , AT T I V I TÀ , R I S U LTAT I

L’AZIONE DELLE CATEGORIE

EDILIZIA RAPPRESENTANZA DELL’ARTIGIANATO NELLE CASSE EDILI Salvaguardia dell’autonomia contrattuale del comparto artigiano a seguito dell’accordo ANCE/Sindacato. Nel 2018 si è svolto un serrato confronto tra le Organizzazioni artigiane e ANCE – Associazione Nazionale Costruttori Edili - al fine di un riequilibrio del peso politico e della rappresentanza dell’artigianato all’interno del sistema bilaterale nazionale delle costruzioni. STIAMO LAVORANDO PER...

/////////////////////////////////////////

• Impedire che si proceda con l’applicazione di altri contratti alle imprese che applicano il CCNL artigiano, tramite lettere di diffida delle Organizzazioni Artigiane (OOAA) dell’edilizia a tutte le Casse Edili e all’Ordine nazionale dei consulenti del lavoro. • Sottoscrivere un nuovo accordo in tema di bilateralità con ANCE, che veda il riconoscimento delle pari dignità e un rafforzamento dell’artigianato negli enti bilaterali nazionali e territoriali dell’azienda.

CODICE DEI CONTRATTI IN MATERIA DI LAVORI PUBBLICI A seguito dell’accordo nell’ambito del Tavolo di coordinamento delle organizzazioni della filiera delle costruzioni, che esplicita le principali criticità sul Codice dei contratti in materia di lavori pubblici sono state elaborate le proposte di modifica al Decreto Legislativo 19 aprile 2017, n. 56 - Disposizioni integrative e correttive al Decreto Legislativo 18 aprile 2016, n. 50. È stato elaborato un documento di posizionamento condiviso a livello di Confederazione e si è preso parte a una consultazione on line del Ministero delle Infrastrutture sulla riforma del Codice appalti. STIAMO LAVORANDO PER...

/////////////////////////////////////////

• Favorire le imprese di prossimità tramite la revisione dei CAM e la promozione di appalti a km 0.

CAMPAGNA MEF “CASA CONVIENE”

CONSULTAZIONI EBC

RINNOVO CCNL EDILIZIA ARTIGIANO

CASA CONVIENE è la campagna d’informazione avviata nel 2016 dal MEF per promuovere la massima diffusione su bonus e fondi pubblici per la casa previsti dalla legge. L’iniziativa ha l’obiettivo di stimolare famiglie, proprietari di immobili ad uso abitativo, locatari ed imprese, ad usufruire dei vantaggi derivanti dalle agevolazioni fiscali per gli interventi edilizi. Confartigianato aderisce al progetto in quanto occasione di sostegno indiretto delle imprese edili nei lavori di ristrutturazione di abitazioni. Seguita l’attuazione dell’accordo e proseguito il contributo a favore della campagna informativa lanciata dal Ministero dell’Economia e delle Finanze.

Partecipazione alle consultazioni EBC Confederazione europea dei costruttori - su: • Piano d’azione per i mutui legati all’efficienza energetica; • Iniziative e progetti dei Membri sull’apprendistato; • Manifesto sulla digitalizzazione; • Efficienza energetica degli edifici storici; • Bozza di posizione sulle aliquote IVA e regime speciale per le piccole imprese; • Revisione della Direttiva sui veicoli puliti.

Confronto tra rappresentanti delle Associazioni Artigiane e Sindacati per rinnovo del contratto di lavoro per i dipendenti delle imprese artigiane.

I NOSTRI RISULTATI 2018

Elaborazione di un glossario unico che contiene l’elenco delle principali opere edilizie, con l’individuazione della categoria di intervento cui appartengono e del conseguente regime giuridico cui sono sottoposte.

Riapertura tavolo contrattuale

STIAMO LAVORANDO PER...

/////////////////////////////////////////

• Concludere un contratto vantaggioso per il comparto artigiano, con particolare riferimento a bilateralità e apprendistato.

Adesione di dirigenti Confartigianato Edilizia al progetto BIM4REN, finanziato dall’UE, che mira a sviluppare strumenti e servizi di Building Information Modeling (BIM) per le piccole imprese.

I NOSTRI RISULTATI 2018 • Approvato, nella Conferenza Unificata del 22 febbraio 2018, l’elenco non esaustivo delle principali opere edilizie realizzabili in regime di attività edilizia libera, previste nel glossario unico • Pubblicato, nella Gazzetta Ufficiale del 7 aprile 2018, il Decreto del Ministero delle Infrastrutture e trasporti del 2 marzo 2018 recante l’elenco approvato in Conferenza Unificata.

ISA: AG69U COSTRUZIONI E AG50U INTONACATURA, RIVESTIMENTO, TINTEGGIATURA ED ALTRI LAVORI DI COMPLETAMENTO E FINITURA DEGLI EDIFICI Confartigianato ha partecipato agli incontri presso la SOSE - Soluzioni per il Sistema Economico - per l’esame e la valutazione dell’Indice sintetico di affidabilità fiscale specifico per il settore. Elaborato un documento di osservazioni puntuali per la validazione del modello in base alle evidenze della categoria. Nel dettaglio, per le costruzioni AG69U

196

I NOSTRI RISULTATI 2018

REGOLAMENTO EDILIZIO TIPO – 4.6 AGENDA PER LA SEMPLIFICAZIONE

197

sono state formulate diverse osservazioni volte a evitare penalizzazioni derivanti da un’applicazione meccanica di tali indici sulla universalità delle imprese, che non tengono conto di specifiche situazioni reali che, per effetto della crisi del settore, impediscono il raggiungimento dei livelli stimati. Anche per l’indice sintetico di affidabi-

lità AG50U per lavori di intonacatura, è stato evidenziato che occorre valutare in modo approfondito gli andamenti individuali delle imprese, evitando di penalizzare quelle che non riescono a raggiungere i livelli stimati per effetto della crisi del settore. Per entrambi gli ISA, si è segnalato che è opportuno considerare altre variabili

come il Reverse charge, lo Split payment e le ritenute, quali elementi correttivi nella stima dell’affidabilità. Infine, si è proposto di inserire nel modello anche le informazioni relative ai costi sostenuti per la formazione e la sicurezza, per lo smaltimento dei rifiuti speciali oltre che al numero dei cantieri gestiti nel corso dell’anno.


CONFARTIGIANATO IMPRESE

BILANCIO SOCIALE 2018

O B I E T T I V I , AT T I V I TÀ , R I S U LTAT I

3.4

L’AZIONE DELLE CATEGORIE

EDILIZIA

IMPRESE DI PULIZIA

Attività e servizi per i soggetti del Sistema Confartigianato, le imprese e le persone

Rappresentanza istituzionale e lobbying

INFORMAZIONE e COMUNICAZIONE

ACCORDI E CONVENZIONI

• Effettuati incontri tecnici informativi nei Comuni del sisma sulle misure per la ricostruzione. • Pubblicato il Rapporto annuale Confartigianato Edilizia 2018 sul comparto delle costruzioni. • Comunicazione continua e aggiornata sul sito web Confartigianato Edilizia tramite pubblicazione di news informative di settore, resoconti di incontri, accompagnati da invio di newsletter. • Indagine sulla gestione degli adempimenti sulla sicurezza dei lavoratori nelle imprese. Questionario di rilevazione delle competenze e dell’attitudine verso le tecnologie digitali.

• Siglato un accordo con il Commissario per la Ricostruzione sulla verifica della congruità della manodopera delle imprese operanti nell’area cratere. • Prosegue la convenzione con la startup “EDILMAG” per la realizzazione di un magazzino digitale delle imprese - sharing economy. Prosecuzione della convenzione. • Attiva una convenzione con il broker assicurativo Artigianbroker per le polizze delle imprese edili. • Diffusione di servizi legati alla declinazione dell’Accordo Fondo solidarietà sisma 2016 del 25 maggio 2018.

70 comunicazioni diffuse al Sistema Confederale

PROGETTI, INIZIATIVE ED EVENTI

FORMAZIONE • IMPRESA DIRETTA Monitoraggio per le detrazioni del 50% e le agevolazioni per gli interventi sulla casa (lunedì 10 dicembre 2018). 70 Associazioni territoriali e 300 aziende partecipanti.

• In corso l’implementazione del progetto “Edilizia Facile” legato alla gestione degli adempimenti per la sicurezza dei lavoratori delle imprese edili. • Proseguito il servizio appalti “Via alla Gara”, un database che consente la ricerca alle imprese delle gare di specifico interesse. Oltre 1.100 imprese iscritte. • Progetto servizio gestione sicurezza lavoratori. • Convegno su Riforma del Codice degli appalti pubblici presso il SAIE di Bologna. • Convegno sul recupero sostenibile a L’Aquila. • Convegno in collaborazione con ISTECO su “Linee guida anticorruzione per il settore delle costruzioni”. • Iniziativa sull’economia circolare con il Centro Materia Rinnovabile. 30 servizi, convenzioni, progetti e iniziative realizzati

Rappresentare e tutelare le imprese che operano nel settore dei servizi di pulizia e promuoverne la crescita ////////////////////////////////////////////////

AUDIZIONI E LETTERE

BANDO TIPO SUI SERVIZI DI PULIZIA

Consip SpA - Audizione del 25 settembre 2018 relativamente all’affidamento di servizi di pulizia e degli altri servizi ausiliari per le scuole, per le Università e gare di facility management per i grandi immobili. Per le tre tipologia di gare, che erano già state oggetto di una consultazione del mercato, è stato chiesto • quali erano i maggiori ostacoli per gli operatori economici alla partecipazione alle gare; • gli elementi di miglioramento per innalzare la qualità dei servizi, • quali azioni di controllo attuare per migliorare il servizio. La categoria ha avuto modo di ribadire la necessità di bandire gare di importi inferiori e di prevedere la suddivisione in lotti, la proporzionalità tra gli importi a base gare e i requisiti richiesti all’operatore economico, la congruità tra i prezzi e i servizi richiesti.

Predisposte osservazioni per introdurre elementi premianti di valutazione dell’offerta per favorire la partecipazione delle micro imprese e delle imprese di prossimità agli appalti.

ISA AG70U – SERVIZI DI PULIZIA E DI CURA E MANUTENZIONE DELLE AREE VERDI Confartigianato ha partecipato agli incontri presso la SOSE - Soluzioni per il Sistema Economico - per l’esame e la valutazione dell’Indice sintetico di affidabilità fiscale ISA AG70U. È stato elaborato un documento di osservazioni per la validazione del modello. Nello specifico, si è evidenziata la criticità della variabilità climatica nei servizi di disinfestazione per i quali la tempistica è fondamentale per il rispetto delle norme, ma è necessario tenere conto che il tempo meteorologico può inficiare l’efficacia dell’intervento stesso. Si è inoltre specificato come l’apporto di lavoro femminile, in particolari fasi della vita, sia ridotto a causa dell’impedimento a proseguire l’attività a causa dei rischi connessi ai prodotti utilizzati nel settore. STIAMO LAVORANDO PER...

/////////////////////////////////////////

• Valutare a posteriori l’applicazione dell’ISA con conseguente assegnazione dei singoli contribuenti ai diversi Modelli Organizzativi di Business (MOB). • Verificare che le imprese si riconoscano nel MOB cui sono assegnati.

198

199

STIAMO LAVORANDO PER...

/////////////////////////////////////////

• Individuare sistemi premianti per le imprese. • Favorire contesti di mercato favorevoli nel settore specifico delle imprese di pulizia nei contratti con la Pubblica Amministrazione.

IMPRESE DI PULIZIA Attività e servizi per i soggetti del Sistema Confartigianato, le imprese e le persone PROGETTI, INIZIATIVE ED EVENTI Forum Pulire – Milano 10,11 Ottobre 2018


BILANCIO SOCIALE 2018

CONFARTIGIANATO IMPRESE

MARMISTI

Rappresentanza istituzionale e lobbying

Rappresentare e tutelare le imprese che operano nel settore della lavorazione del marmo e promuoverne la crescita

O B I E T T I V I , AT T I V I TÀ , R I S U LTAT I

MARMISTI

3.4

L’AZIONE DELLE CATEGORIE

IMPRESE DEL VERDE

Attività e servizi per i soggetti del Sistema Confartigianato, le imprese e le persone

La categoria è stata formalmente costituita il 23 marzo 2018, assumendo la denominazione “Imprese del Verde”. Prima esisteva un Gruppo informale di categoria denominato “Florovivaisti”.

////////////////////////////////////////////////

PARTECIPAZIONE A ORGANISMI ESTERNI E TAVOLI

INFORMAZIONE E COMUNICAZIONE

Gruppo di lavoro UNI/CT 033/ GL 20 “Pavimenti e rivestimenti lapidei”

Rappresentanza istituzionale e lobbying

15 comunicazioni diffuse al Sistema Confederale

24 incontri territoriali

TERRE E ROCCE DA SCAVO A seguito dell’entrata in vigore del DPR 120/2017 sulle terre e rocce da scavo che riguarda principalmente le imprese nel settore della escavazione di sabbia e ghiaia, sono emersi alcuni elementi critici che permangono ancora nella normativa. STIAMO LAVORANDO PER...

/////////////////////////////////////////

• Monitorare l’applicazione sul territorio delle nuove disposizioni, in particolare sul riutilizzo delle terre e rocce da scavo e sul trasporto delle medesime in qualità di sottoprodotti.

NORME UNI

PROGETTI, INIZIATIVE ED EVENTI

Confartigianato partecipa al gruppo di normazione tecnica in UNI - Ente Nazionale Italiano di Unificazione. Prosegue proficuamente il lavoro del nostro esperto nel gruppo di normazione sulla posa dei materiali lapidei. Nel corso del 2018 si è tenuto un incontro con altre Associazioni del settore sul marchio “Pietra naturale”. Nell’incontro è stato approfondito il progetto di marchio di tutela e il costituendo nuovo soggetto di rete a cui verrà affidata la promozione.

Partecipazione della Delegazione di Confartigianato/Marmisti a Marmomacc 2018. Verona

ISA AG70U – SERVIZI DI PULIZIA E DI CURA E MANUTENZIONE DELLE AREE VERDI La categoria ha partecipato all’incontro di presentazione al SOSE del nuovo ISA marmisti. E’ stato presentato un documento di osservazioni con le evidenze della categoria. • Posizionamento geografico - Il posizionamento geografico della cava può influenzare l’attività in termini di produzione dei ricavi: un marmo di Carrara vale molto di più di un marmo del Trentino. Inoltre, risulta importante anche la qualità del materiale estratto: può accadere che in uno stesso sito si trovino cave da cui è possibile estrarre sempre materiale di qualità rispetto ad altre in cui non è possibile. Il settore è, infine, regolamentato con disciplinari a livello comunale in quanto le cave sono per la quasi totalità date in concessione. C’è quindi una varietà notevole di norme che regolano il settore. • Gestione del magazzino - In considerazione della non degradabilità del materiale lapideo molte imprese hanno accumulato negli anni lastre di vario genere che poi non riescono a vendere. Tale situazione potrebbe determinare una giacenza di magazzino molto alta. 200

1 evento

ATTIVITÀ FUNERARIE

PARTECIPAZIONE A ORGANISMI ESTERNI E TAVOLI Tavolo di coordinamento delle imprese della filiera florovivaistica. Nel corso del 2018 è proseguita la partecipazione al tavolo MISE di coordinamento delle imprese della filiera florovivaistica. 3 incontri

Rappresentare e tutelare le imprese della filiera florovivaistica e promuovere ogni attività volta a favorirne la crescita e la valorizzazione ////////////////////////////////////////////////

Gruppo di lavoro al ministero dell’Ambiente per la definizione dei CAM (Criteri Ambientali Minimi) nel settore della manutenzione del verde. 2 incontri

FILIERA FLOROVIVAISTICA Partecipazione attiva al Tavolo di coordinamento delle imprese della filiera florovivaistica, costituito nel 2016, con l’obiettivo di affrontare problematiche specifiche del settore relative all’applicazione del contratto di lavoro, agli appalti pubblici, al MEPA (Mercato Elettronico della PA), alla formazione professionale, all’applicazione delle norme ambientali e lo smaltimento dei rifiuti. A febbraio del 2018 la Conferenza Stato Regioni ha deliberato lo standard formativo e il profilo del manutentore del verde che era stato costruito nell’ambito del Tavolo di Coordinamento. I NOSTRI RISULTATI 2018 • Recepite nello standard formativo e nel profilo del manutentore del verde molte nostre proposte tese a salvaguardare le imprese in attività e introdurre maggiore professionalizzazione per le start up.

Tutela della figura dell’imprenditore nel settore della lavorazione della pietra e nella filiera funeraria.

STIAMO LAVORANDO PER...

/////////////////////////////////////////

• Monitorare l’applicazione dello standard formativo e del profilo del manutentore del verde nelle varie Regioni. Si sta interloquendo anche con la Tecnostruttura delle Regioni e con Unioncamere per garantire uniformità di applicazione sul territorio nazionale. • Segnalare al MISE e al MIPAAFT le difficoltà applicative sul territorio delle nuove disposizioni relative ai requisiti professionali alla luce dell’entrata in vigore della Legge n.154 del 28 luglio 2016 e dell’Accordo in Conferenza Stato Regioni sullo standard professionale del manutentore del verde del 22 febbraio scorso.

STIAMO LAVORANDO PER...

/////////////////////////////////////////

• Creare le condizioni affinche le imprese del settire funerario affidino alle imprese del settore funerario debbano necessariamente affidare alle imprese del settore lapideo tutti i lavori direttamente o indirettamente connessi alla fornitura e realizzazione di manufatti a corredo delle sepolture.

201


CONFARTIGIANATO IMPRESE

BILANCIO SOCIALE 2018

O B I E T T I V I , AT T I V I TÀ , R I S U LTAT I

3.4

L’AZIONE DELLE CATEGORIE

IMPIANTI ISA AG70U – SERVIZI DI PULIZIA E DI CURA E MANUTENZIONE DELLE AREE VERDI

MESTIERI

ATTIVITÀ DEGLI ORGANI

La categoria ha partecipato all’incontro alla SOSE per la presentazione del nuovo ISA per le imprese del verde. E’ stato presentato un documento di osservazioni con le evidenze della categoria. Nello specifico: • è stata segnalata un'osservazione in merito all’apporto di lavoro delle figure non dipendenti evidenziando, tra le situazioni che possono determinare un apporto lavorativo inferiore alle attese, lo stato di salute precario dei titolari e/o dei propri familiari che richiedono assistenza e possono determinare assenze prolungate. Nel caso di titolari/socie donne, si segnala che in caso di gravidanza, l’apporto lavorativo può risultare inferiore alle soglie minime fissate. • Il settore è caratterizzato dall’assenza di un CCNL specifico. Le imprese applicano diverse tipologie contrattuali diversificate tra loro che incidono a livello del costo del lavoro. • L’attività è fortemente influenzata dall’andamento meteorologico. Oltre a non poter esercitare l’attività durante i giorni di pioggia, la stessa è ferma anche durante i periodi particolarmente freddi o caldi. • Il settore è caratterizzato da grosse commesse private e/o pubbliche che determinano forte variabilità nei fatturati e influenzano i relativi ricarichi, in particolare negli appalti pubblici dove vige il criterio del massimo ribasso.

Antennisti; Bruciatoristi Manutentori; Termoidraulici; Elettricisti

13 riunioni di Consiglio Direttivo

Rappresentanza istituzionale e lobbying

CAM – CRITERI MINIMI AMBIENTALI SETTORE VERDE La categoria ha partecipato agli incontri presso il Ministero dell’Ambiente dando un contributo alla fase di definizione dei nuovi CAM del verde. I Criteri Ambientali Minimi contengono elementi premiali per le imprese che intendono partecipare ad appalti pubblici. Per le imprese del verde è richiesto il possesso della certificazione ISO 14001 e della registrazione EMAS che prevedono principi per la corretta gestione ambientale e la condivisione di responsabilità nella gestione delle problematiche ambientali nonché l’utilizzo di macchine operatrici a basso impatto ambientale con lubrificanti non derivanti da prodotti petroliferi . Attualmente il provvedimento è ancora in bozza. /////////////////////////////////////////

• È stato presentato un documento di osservazioni con le evidenze della categoria rimarcando la difficoltà da parte delle piccole imprese del settore ad adeguarsi ai criteri richiesti

IMPRESE DEL VERDE Attività e servizi per i soggetti del Sistema Confartigianato, le imprese e le persone

FORMAZIONE

202

8 comunicazioni diffuse al Sistema Confederale

Presso Flormart 2018 è stato organizzato un seminario dedicato alle imprese sul tema delle nuove regole per l’accesso alla professione, gli obblighi formativi e in generale il nuovo profilo del manutentore del verde deliberato con Accordo in Conferenza Stato Regioni il 22 febbraio 2018.

EFESME – European Federation for Elevator Small and Mediumsized Entreprises aisbl

1 incontro

CTI - Comitato Termotecnico Italiano, ente federato all’UNI Presidio dell’attività di definizione di norme tecniche: • CT 252 “Impianti di riscaldamento - Esercizio, conduzione, manutenzione, misure in campo e ispezioni”; • CT 253 “Componenti degli impianti di riscaldamento - Produzione del calore, generatori a combustibili liquidi, gassosi e solidi”; • CT 257 Stufe, caminetti e barbecue ad aria e acqua (con o senza caldaia incorporata); • CT 258 “Canne fumarie”

CIG – Comitato Italiano Gas - Presidio dell’attività di definizione di norme tecniche: GL 03 - REVISIONE UNI 11137: 2012 - Impianti a gas per uso domestico e similare - Linee guida per la verifica e per il ripristino della tenuta di impianti interni - Prescrizioni generali e requisiti per i gas della II e III famiglia

19 incontri

19 incontri

3 conferenze

PROGETTI, INIZIATIVE ED EVENTI • In occasione di Flormart Padova, la principale fiera nazionale nel settore florovivaistico, è stato organizzato uno stand istituzionale e una collettiva di imprese associate. La categoria, tramite il suo Presidente, ha partecipato al convegno inaugurale della fiera.

ACCORDI E CONVENZIONI • Stipulato accordo con Fiera Padova per la partecipazione della categoria a Flormart e l’organizzazione della collettiva delle imprese associate.

203

IMCQ – Istituto Certificazione e Marchio di Qualità

1 incontro

Conferenza dei Servizi Ministero dello Sviluppo Economico (MISE) per il riconoscimento dei titoli professionali esteri Partecipazione alle tre Conferenze dei Servizi convocate dal Mise per il Riconoscimento dei titoli professionali esteri richieste da cittadini comunitari ed extracomunitari

STIAMO LAVORANDO PER...

INFORMAZIONE E COMUNICAZIONE

PARTECIPAZIONE A ORGANISMI ESTERNI E TAVOLI

PROSIEL – Associazione per la promozione della cultura della sicurezza e dell’innovazione elettrica 21 incontri


CONFARTIGIANATO IMPRESE

BILANCIO SOCIALE 2018

O B I E T T I V I , AT T I V I TÀ , R I S U LTAT I

3.4

L’AZIONE DELLE CATEGORIE

IMPIANTI AUDIZIONI 14 marzo 2018

21 settembre 2018

CEI - Comitato Elettrotecnico Italiano - Presidio dell’attività di definizione di norme tecniche: Autorità per le Garanzie nelle Comunicazioni (AGCOM)

Audizione di Confartigianato Antennisti a seguito della partecipazione alla “Consultazione pubblica concernente possibili misure per la libera scelta di apparecchiature terminali - Delibera n. 35/2018”

ARERA

Consultazione “Bonifica delle colonne montanti vetuste della rete di distribuzione dell’energia elettrica nei condomìni”

CT320 “Corrente continua in bassa tensione (LVDC)” 1 riunione

Rappresentanza istituzionale e lobbying

CT321 “Smart Manufacturing – Industria 4.0” 1 riunione SC031J “Impianti elettrici nei luoghi con pericolo di esplosione” – 7 riunioni CT044 “Equipaggiamento elettrico delle macchine industriali” – 2 riunioni

QUALIFICAZIONE DEGLI INSTALLATORI DI IMPIANTI DI FONTI ENERGETICHE RINNOVABILI (FER) Interventi al Ministero Sviluppo Economico e in sede di Conferenza delle Regioni. Continuata l’attività di rappresentanza delle istanze in particolare nel richiedere la pubblicazione, in visura camerale, della formazione effettuata. Proseguite le azioni volte a superare le criticità circa il percorso formativo e i requisiti di abilitazione per gli installatori di impianti FER.

CT064 “Impianti elettrici utilizzatori di bassa tensione” – 18 riunioni

TAVOLI E NORME UNI • Revisione Norma UNI 8065 riguardante in particolar modo il trattamento acqua degli impianti alla luce anche del Decreto mille proroghe 2015, che ha reso cogente la norma • Revisione delle norme UNI 10845 sulla verifica dei sistemi fumari • Emanata la CSI EN 60204-1 (1/11/2018) la norma madre di tutti i quadri e gli impianti bordo macchina.

CT317 “Smart cities” - 2 rappresentanti 1 riunione

Rappresentare e tutelare le imprese del settore dell’installazione degli impianti, promuoverne e favorirne la crescita, cogliendo le esigenze e le opportunità del mercato

CT318 “Active Assisted Living (AAL)” 1 riunione

////////////////////////////////////////////////

SC064C “Protezione Contro i pericoli di incendio” – 3 riunioni SC100D “Sistemi di distribuzione via cavo (ex SC12G)” 1 riunione SC121B “Quadri protetti per bassa tensione” – 3 riunioni CT205 “Sistemi bus per edifici (ex CT 83)” - 1 riunione CT306 “Interconnessione di apparecchiature di telecomunicazione (ex SC 303L)” – 17 riunioni CT316 “Connessione alle reti elettriche di distribuzione Alta, Media e Bassa Tensione” - 1 riunione

/////////////////////////////////////////

• Chiarire i dubbi interpretativi a seguito delle modifiche successive introdotte al sistema di qualificazione degli installatori • Ottenere chiarimenti interpretativi e superare le criticità circa il percorso formativo e i requisiti di abilitazione per gli installatori di impianti FER. • Risolvere le disomogeneità nell’applicazione del decreto sul territorio nazionale • Ottenere l’scrizione in visura camerale dell’attività formativa

ISA AG75U INSTALLAZIONE IMPIANTI ELETTRICI, IDRAULICO SANITARI E ALTRI IMPIANTI È stata segnalata una criticità di carattere generale, significativa ai fini applicazione di tutti gli ISA relativa all’apporto di lavoro delle figure non dipendenti e dell’apporto lavorativo femminile (vedi pagina introduttiva al capitolo 3.4.2).

CT319 “Radio TV multimedia over broadband” 1 riunione CT086 “Fibre ottiche” 1 riunione SC86A “Fibre e cavi” 1 riunione SC86B “Dispositivi di connessione e componenti passivi per fibre ottiche” 1 riunione SC 86C “Sistemi ottici e dispositivi attivi” 1 riunione

204

STIAMO LAVORANDO PER...

205


CONFARTIGIANATO IMPRESE

BILANCIO SOCIALE 2018

BRUCIATORISTI E TERMOIDRAULICI MANUTENZIONE E CONTROLLO IMPIANTI TERMICI Proseguita l’azione di presidio dei tavoli e dell’iter di proposta di modifica del Dpr 74/2013. STIAMO LAVORANDO PER...

F-GAS EFFETTO SERRA Interventi presso il Ministero dell’Ambiente e presso ACCREDIA. Partecipazione alle riunioni e ai comitati per la definizione degli schemi di accreditamento necessari per la certificazione delle persone fisiche e delle imprese. Nel 2018 è stato emanato - con DECRETO DEL PRESIDENTE DELLA REPUBBLICA 16 novembre 2018, n. 146 – il “Regolamento di esecuzione del regolamento (UE) n. 517/2014 sui gas fluorurati a effetto serra e che abroga il regolamento (CE) n. 842/2006.”

/////////////////////////////////////////

• Semplificare gli adempimenti e rendere efficaci i controlli tramite il Catasto Unico Impianti.

I NOSTRI RISULTATI 2018 • Mitigato l’impatto a favore delle imprese associate delle disposizioni contenute nel DPR di recepimento del Regolamento UE 517/2014 sia sul piano degli oneri economici che sul piano degli adempimenti burocratici: • agevolazioni per le imprese individuali mediante unificazione della procedura di certificazione; • eliminazione di un Piano di Qualità per le imprese, così come definito dalla norma UNI/ISO 10005, con una procedura semplificata; • introduzione di una Banca Dati dei gas fluorurati a effetto serra e apparecchiature contenenti gas fluorurati presso il Ministero dell’Ambiente, gestita dalle Camere di Commercio competenti, e di un Registro telematico, a cui dovranno essere comunicate le vendite di F-gas, delle apparecchiature che li contengono e le attività di assistenza, manutenzione, installazione, riparazione e smantellamento delle stesse; • definizione delle modalità per tracciare gli F-gas e le attività di chi installa impianti che li contengono, etc..

STIAMO LAVORANDO PER...

/////////////////////////////////////////

Monitorare la fase di definizione del Decreto Sanzioni (che andrà a sostituire l’attuale d.lgs. 5 marzo 2013, n. 26). • Contribuire a metter fine alla vendita illegale di F-Gas a operatori non certificati, che contribuisce all’esercizio abusivo delle attività in danno delle imprese regolari.

206

O B I E T T I V I , AT T I V I TÀ , R I S U LTAT I

ELETTRICISTI SICUREZZA DEGLI IMPIANTI ELETTRICI Il D.M. 37/08 all’art. 8, comma 3, prevede l’obbligo per il committente - entro 30 giorni dall’allacciamento di una nuova fornitura di gas, energia elettrica, acqua, negli edifici di qualsiasi destinazione d’uso - di consegnare al distributore (DiCo) o al venditore copia della dichiarazione di conformità dell’impianto o copia della dichiarazione di rispondenza rilasciata dallo stesso. Ad oggi, però, questa prescrizione è attuata in modo uniforme e coerente solo per la fornitura del gas. La DiCo è una fase estremamente rilevante dell’attività dell’impiantista che si pone al termine del processo di realizzazione dell’impianto ed è quanto mai importante che venga valorizzata anche nell’ambito elettrico. STIAMO LAVORANDO PER...

/////////////////////////////////////////

• Ottenere per la Verifica Dichiarazione di Conformità, la regolamentazione della procedura operativa per l’attuazione del comma 3, art. 8 del D.M. 37/08, “Obblighi committente o del proprietario” dove si prevede l’obbligo di “consegna al distributore o al venditore di consegnare la documentazione” entro 30 giorni.

207

3.4

L’AZIONE DELLE CATEGORIE

ASCENSORISTI ABILITAZIONE ASCENSORISTI La Legge Europea 2017 ha previsto il ripristino delle Commissioni prefettizie di esame, permettendo la regolarizzazione degli apprendisti che hanno completato il periodo di formazione. STIAMO LAVORANDO PER...

/////////////////////////////////////////

• Attivare le Commissioni Prefettizie di esame, in collaborazione con alcune Regioni e su loro richiesta.

ANTENNISTI ELETTRONICI SICUREZZA DEGLI IMPIANTI ELETTRICI Dal 1° luglio 2015 (ai sensi dell’art. 135-bis del D.P.R. 380/2001) tutti gli edifici di nuova costruzione e quelli sottoposti a interventi di ristrutturazione che richiedano il rilascio di un permesso di costruire devono essere dotati di “un’infrastruttura fisica multiservizio passiva interna all’edificio, costituita da adeguati spazi installativi e da impianti di comunicazione ad alta velocità in fibra ottica fino ai punti terminali di rete” ed equipaggiati di un punto di accesso. Per agevolare l’acquirente nella scelta, il legislatore riconosce inoltre la possibilità di identificare con “bollino edificio” gli edifici equipaggiati della infrastruttura fisica multiservizi. La predisposizione degli spazi installativi multiservizi può generare per il condominio il diritto all’equo compenso dell’impianto multiservizi. Spetta all’AGCOM, la determinazione del prezzo inteso come condizione equa e non discriminatoria relativamente alla parte dell’impianto multiservizio che è utilizzata per la gestione delle telecomunicazioni in fibra ottica. STIAMO LAVORANDO PER...

/////////////////////////////////////////

• In tema di Infrastrutture fisiche multiservizi previste dal D.P.R. 380/2001, art. 135-bis › far rispettare l’adempimento previsto finalizzato alla predisposizione degli spazi installativi per l’infrastrutturazione digitale degli edifici › ottenere i chiarimenti sulla modalità di riconoscimento del bollino edificio predisposto ai sensi del comma 3, art. 135-bis. • Equo compenso › Ottenere la definizione di un quadro regolamentare di riferimento per l'utilizzo, da parte dei gestori di telecomunicazione, delle infrastrutture di rete all’interno dell’edificio (rif. articolo 135 bis della Legge 164/2014 e decreto legislativo 33/2016).


CONFARTIGIANATO IMPRESE

BILANCIO SOCIALE 2018

O B I E T T I V I , AT T I V I TÀ , R I S U LTAT I

IMPIANTI INFORMAZIONE e COMUNICAZIONE

PROGETTI, INIZIATIVE ED EVENTI

Partecipazione alle trasmissioni: • Rai 1 La Vita in Diretta – 22 ottobre 2018 • Rai 3 - Mi Manda Rai Tre – Accreditamento in qualità di consulente tecnico di un esperto di Confartigianato Elettricisti

• Implementato e aggiornato il Portale Impianti • Smart Building Levante – Bari, 22 e 23 novembre 2018 • 41a Mostra Convegno MCE Expocomfort – dal 13 al 16 marzo alla Fiera di Milano Rho. Fiera internazionale dedicata al comfort abitativo. Partecipazione con lo Stand e con il convegno dal titolo “L’installatore del Futuro”. L’ evento ha visto la partecipazione del Prof. Dipak Raj Pant, guru internazionale di Economia Sostenibile. • Patrocinato il tradizionale ciclo di convegni «Incontri Tecnici TuttoNorme 2019», organizzati da TuttoNormel, la rivista dedicata alla normativa tecnica e di legge nel settore elettrico, che ogni anno promuove 10 incontri tecnici per gli oltre 8.000 abbonati alla rivista, per informarli delle ultime novità normative e per dibattere le problematiche più controverse.

FORMAZIONE • IMPRESA DIRETTA Monitoraggio per le detrazioni del 50% e le agevolazioni per gli interventi sulla casa (lunedì 10 dicembre 2018) 70 Associazioni territoriali e 300 aziende partecipanti

ACCORDI E CONVENZIONI • Confartigianato Bruciatoristi e Confartigianato Termoidraulici hanno stipulato una convenzione con TECNICHE NUOVE, la casa editrice specializzata per le attività produttive e professionali, in particolare con la rivista GT, il Giornale del Termoidraulico, che da oltre 30 anni aggiorna installatori e manutentori.

MESTIERI

ATTIVITÀ DEGLI ORGANI

Meccanica e subfornitura; Carpenteria meccanica

2 riunioni di Consiglio Direttivo

Rappresentanza istituzionale e lobbying e rappresentanza sindacale e contrattazione

PARTECIPAZIONE A ORGANISMI ESTERNI E TAVOLI Comitato CEN TC 33, WG1 - Doors, windows, shutters, building hardware and curtain walling - in ambito SBS - Small Business Standard - Organismo europeo che rappresenta e difende gli interessi delle PMI nei processi di standardizzazione

3 incontri

Rappresentare e tutelare le imprese del comparto della meccanica e sviluppare attività finalizzate alla crescita, cogliendo le esigenze e le opportunità del mercato, promuovendo l’offerta di servizi volti a potenziare la qualificazione, la capacità imprenditoriale dell’azienda e l’innovazione tecnologica di processo e prodotto ////////////////////////////////////////////////

208

L’AZIONE DELLE CATEGORIE

MECCANICA

Attività e servizi per i soggetti del Sistema Confartigianato, le imprese e le persone

35 comunicazioni diffuse al Sistema Confartigianato

3.4

209

Comitato CEN/TC 121/WG 19-20-21 - Welding and allied processes – in ambito SBS – Small Business Standards – Organismo europeo che rappresenta e difende gli interessi delle PMI nei processi di standardizzazione. È stato nominato un nuovo esperto espressione della categoria della Carpenteria Meccanica. 5 incontri

RINNOVO CCNL Nel corso del 2018 si è svolto e concluso il negoziato per il rinnovo del CCNL area Meccanica.

I NOSTRI RISULTATI 2018 • Sottoscritto il CCNL artigianato

STIAMO LAVORANDO PER...

/////////////////////////////////////////

• Addivenire alla firma del CCNL per le PMI


CONFARTIGIANATO IMPRESE

BILANCIO SOCIALE 2018

O B I E T T I V I , AT T I V I TÀ , R I S U LTAT I

3.4

L’AZIONE DELLE CATEGORIE

MECCANICA ISA PER IL SETTORE MECCANICA

MATERIALI A CONTATTO CON ALIMENTI (MOCA)

TUTELA E VALORIZZAZIONE DEL SERRAMENTO IN PVC E ALLUMINIO

DIOSSIDO DI TITANIO

Confartigianato ha partecipato agli incontri presso la SOSE - Soluzioni per il Sistema Economico - per l’esame e la valutazione dell’Indice sintetico di affidabilità fiscale specifico per il settore. È stato elaborato un documento di osservazioni puntuali per la validazione del modello in base alle evidenze della categoria. In particolare: • Con riguardo ai coefficienti delle funzioni di stima dei ricavi e del valore aggiunto relativi all’andamento dell›ammontare dei costi delle materie prime metalliche al tempo T e all’andamento dell'ammontare dei costi delle materie prime metalliche al tempo T-1, si apprezza la previsione che in presenza di un aumento di queste variabili di ciclo economico si determina una flessione del ricavo stimato. Preoccupa, invece, un’eventuale ipotesi di un automatismo che possa agire in senso contrario, ossia l’introduzione di coefficienti per misurare una discesa dei prezzi che nella realtà non si tradurrebbe nella realizzazione di un maggior utile. • per l’ISA AD20U è emersa una elevata numerosità di imprese con l’anomalia dell’indicatore di copertura spese per dipendente. Ciò evidenzia una difficoltà da parte delle imprese del settore a realizzare marginalità, nonostante la crisi economica abbia fortemente ridimensionato il settore sia per numero di aziende e che di addetti.

Mitigazione per le imprese artigiane degli adempimenti contenuti nel Decreto Legislativo n. 29 del 10/02/2017.

Nel corso del 2018 è proseguita la sinergia con le altre Associazioni del settore per valorizzare la filiera italiana del serramento e fare fronte comune per la rappresentanza e la tutela del settore nei confronti del Legislatore e nell’interlocuzione con i Ministeri. Analoga azione è stata svolta per far si che nei criteri per l’ottenimento dell’ecobonus si tenga conto di un costo del serramento al metro quadro adeguato all’offerta di serramenti nazionali e di qualità. Diversamente si favorirebbe solo l’acquisto di prodotti provenienti dall’estero, di scarsa qualità e posati in maniera non professionale.

La Commissione Europea ha avviato la procedura di “Proposta di classificazione ed etichettatura relativa al processo di armonizzazione” per la sostanza diossido di titanio (TiO2). La procedura è volta a etichettare il TiO2 come cancerogeno di tipo 1B (categoria “corrosione della pelle”). Abbiamo sostenuto - appoggiando la posizione dell’Associazione tedesca dell’Artigianato - la non etichettatura della sostanza come cancerogeno proponendo la declassazione a sostanza pericolosa con mitigazione del suo utilizzo. Partecipazione alla redazione di un Position Paper a supporto della non etichettatura del diossido di titanio come sostanza cancerogena. Eliminarne l’utilizzo potrebbe pregiudicare la qualità del prodotto finale.

I NOSTRI RISULTATI 2018 • Ottenuta nel “Decreto proroghe” la riapertura dei termini a fine 2018 dell’obbligo di comunicazione all’ASL per i produttori artigiani di MOCA che già operano.

STIAMO LAVORANDO PER...

/////////////////////////////////////////

• Mitigare gli adempimenti previsti dal Decreto Legislativo n. 29 del 10.02.2017 che introduce la disciplina sanzionatoria per la violazione degli obblighi derivanti dai regolamenti UE sulla fabbricazione dei MOCA e l’obbligo di comunicazione all’ASL da parte del produttore, importatore e distributore.

I NOSTRI RISULTATI 2018 • Mantenuti gli ecobonus

STIAMO LAVORANDO PER...

/////////////////////////////////////////

• Rendere meno onerosa possibile la trasmissione all’Enea dei dati relativi agli interventi edilizi e tecnologici che accedono alle detrazioni fiscali per le ristrutturazioni edilizie che comportano risparmio energetico e/o l’utilizzo delle fonti rinnovabili di energia. È stata organizzata una puntata ad hoc di Impresa Diretta.

MARCATURA CE DEI SERRAMENTI

/////////////////////////////////////////

• Monitorare la situazione e definire prossime iniziative, visto l’impatto che la procedura può avere sulle MPMI

NORMA UNI EN 1090 Su proposta di SBS, a fine 2018, la categoria ha partecipato alla definizione di un position paper sulla proposta di revisione della norma armonizzata UNI EN 1090 che riguarda la produzione di elementi strutturali in metallo. I NOSTRI RISULTATI 2018

Prestata grande attenzione all’applicazione del Decreto che introduce il regime sanzionatorio per la marcatura CE dei serramenti, e monitoraggio dei primi effetti sulle imprese.

• Le nostre proposte sono state recepite nel Position Paper SBS che richiama l’attenzione sul mantenimento di elementi di semplificazione procedurale per le PMI.

STIAMO LAVORANDO PER...

STIAMO LAVORANDO PER...

/////////////////////////////////////////

/////////////////////////////////////////

• Favorire la conoscenza delle norme tramite seminari specifici sul territorio in collaborazione con le Associazioni.

210

STIAMO LAVORANDO PER...

• Monitorare la situazione e definire prossime iniziative, visto l’impatto che la procedura può avere sulle MPMI.

211


CONFARTIGIANATO IMPRESE

BILANCIO SOCIALE 2018

O B I E T T I V I , AT T I V I TÀ , R I S U LTAT I

MECCANICA

3.4

L’AZIONE DELLE CATEGORIE

MECCANICA Attività e servizi per i soggetti del Sistema Confartigianato, le imprese e le persone

OSSERVATORIO E COMITATO PARITETICO CCNL TESSILE MODA CERAMICA CHIMICA

PIANI FORMATIVI SETTORIALI - FONDARTIGIANATO

INFORMAZIONE E COMUNICAZIONE

Nel 2018 sono stati costituiti dalle parti che hanno sottoscritto il CCNL di settore l’Osservatorio e il Comitato Paritetico con il compito di monitorare l’andamento dei settori afferenti la sfera di applicazione del contratto e proporre iniziative comuni per la salvaguardia della filiera, anche attraverso progetti concreti (ad es. etichetta parlante) sulla tracciabilità e sostenibilità.

Nel 2018 abbiamo partecipato alla fase di revisione dei Piani Formativi Settoriali di Fondartigianato.

• Predisposto dall’Ufficio Studi il report “Le piccole imprese della Meccanica e il trend di produzione, made in Italy, innovazione Focus su domanda di investimenti e offerta di macchinari” aggiornato e implementato per la presentazione a MECSPE in occasione della riunione del Direttivo nazionale e del focus sugli strumenti per l’innovazione. 8 comunicazioni diffuse al Sistema Confederale

STIAMO LAVORANDO PER...

/////////////////////////////////////////

CONSULENZA

• Programmare iniziative e richiedere incontri ai Ministeri competenti per presentare la progettualità.

MARCHIO POSA QUALITÀ SERRAMENTI Nel 2018 è stato siglato l’accordo per la partecipazione al progetto Marchi Posa Qualità Serramenti, progetto teso alla tutela e alla valorizzazione della filiera italiana del serramento sia a livello nazionale che internazionale. STIAMO LAVORANDO PER...

/////////////////////////////////////////

• Promuovere a livello territoriale l’iniziativa e favorire l’organizzazione di corsi di formazione ad hoc.

I NOSTRI RISULTATI 2018 • Redazione del piano formativo settoriale del settore gomma-plastica. Sono stati evidenziati le nuove metodologie di lavoro, i nuovi macchinari e in generale le tecniche innovative e ad essi sono stati correlati i nuovi fabbisogni formativi del personale dipendente. • Contributo all’aggiornamento dell’ASSET per i settori chimica, vetro, gomma, plastica tramite la collaborazione di un consulente esperto che ha rimodulato l’Asset precedente adeguandolo al quadro economico e finanziario derivante dagli ultimi studi di settore e in generale dall’attuale congiuntura..

• Sono pervenute richieste di informazione e approfondimento in merito al progetto Marchio Posa Qualità Serramenti. Nel corso del 2018 è stato validato il format della formazione per gli addetti che è requisito fondamentale per l’ottenimento del marchio. 10 risposte elaborate

FORMAZIONE • Partecipazione a 5 seminari organizzati dalle Associazioni territoriali in tema di norme tecniche per la produzione e la posa dei serramenti e in generale dei prodotti da costruzione. • Partecipazione a incontri con le imprese, in alcuni territori, per la promozione del Marchio Posa Qualità Serramenti 10 incontri con le imprese per la promozione del Marchio Posa Qualità Serramenti

212

213

PROGETTI, INIZIATIVE ED EVENTI • Rinnovato l’accordo con SENAF per l’organizzazione dell’edizione 2018 del “Villaggio Confartigianato” che ha visto la partecipazione di 27 imprese provenienti da molte regioni italiane. Contestualmente è stata organizzata una riunione del Consiglio direttivo nazionale con un focus dedicato agli strumenti per l’innovazione. • Partecipazione ai seminari di avvicinamento a MECSPE organizzati da SENAF. I seminari riuniti sotto il titolo “laboratori MECSPE Fabbrica digitale” hanno sempre visto la partecipazione di un nostro rappresentante. In occasione del seminario tenutosi nel primo giorno di fiera siamo intervenuti con un relatore che ha trattato il tema dell’innovazione e digitalizzazione nelle imprese artigiane. 4 servizi, progetti e iniziative realizzati


CONFARTIGIANATO IMPRESE

BILANCIO SOCIALE 2018

O B I E T T I V I , AT T I V I TÀ , R I S U LTAT I

3.4

L’AZIONE DELLE CATEGORIE

MODA MESTIERI

ATTIVITÀ DEGLI ORGANI

Tessili; Sarti e stilisti; Abbigliamento; Pulitintolavanderie; calzaturieri

4 riunioni di Consiglio Direttivo

Rappresentanza istituzionale e lobbying

PARTECIPAZIONE A ORGANISMI ESTERNI E TAVOLI

2 incontri

1 incontro

Rappresentare, tutelare, promuovere e coordinare gli interessi del comparto TAC - tessile, abbigliamento, calzature - cogliendo le esigenze e le opportunità del mercato. Promuovere la difesa, il riconoscimento e la valorizzazione dei prodotti tessili e dell’abbigliamento italiani, tramite iniziative e campagne di sensibilizzazione per la tutela del made in Italy.

Tavolo nazionale della Moda e dell’Accessorio Italiano presso il MISE – Presenza del Presidente nazionale Contributo ai gruppi di lavoro su sostenibilità, formazione e millennials. Il nuovo Ministro ha insediato e convocato il Tavolo nell’autunno del 2018. La categoria è stata coinvolta con la partecipazione dei Dirigenti e funzionari interessati.

UNI Ente Italiano di Normazione Partecipazione ai Gruppi di Normazione Tecnica Nel corso del 2018 la Confederazione ha nominato un proprio esperto nel gruppo di normazione UNI sulla sostenibilità e tracciabilità nel settore tessile.

3 incontri

2 incontri

Tavolo imprese presso il MISE e UIBM per misure anticontraffazione Nel corso del 2018 si sono svolti incontri di aggiornamento al MISE in materia di anticontraffazione

Presenza in SBS per la CEN/TC 248/WG 30 -Composition Qualitative and quantitative analysis of fibres and fibre mixtures L’esperto ha partecipato a 1 riunione

ETICHETTATURA PRODOTTI TESSILI E CALZATURIERI

RINNOVO CCNL

Nel gennaio 2018 è entrato in vigore il Decreto legislativo che disciplina le sanzioni per la violazione delle disposizioni di cui alla Direttiva 94/11/CE e Reg. UE n. 1007/2011 che disciplinano l’etichettatura delle calzature e delle fibre tessili. Il Decreto tiene conto di alcune proposte della categoria, al fine di rafforzare la tutela del consumatore e di salvaguardare gli imprenditori nell’ottica delle produzioni made in Italy, ancorate alla valorizzazione e alla trasparenza delle caratteristiche produttive dei materiali impiegati.

A seguito della firma del contratto, avvenuta nel 2017, le parti firmatarie si sono attivate con i Ministeri competenti (Ministero Sviluppo Economico, Ministero del Lavoro e Ministero dell’Istruzione) per rappresentare i principali contenuti nell’avviso comune e nel protocollo sulla legalità firmati contestualmente al contratto. In particolare evidenziamo gli snodi riguardanti la legalità della filiera, i costi minimi del personale dipendente e l’ottimizzazione, l’armonizzazione dei percorsi formativi alle esigenze imprenditoriali e la concorrenza sleale posta in essere da operatori abusivi e attraverso un massiccio ricorso alla subfornitura distorta.

STIAMO LAVORANDO PER...

/////////////////////////////////////////

• Monitorare - attraverso le Associazioni territoriali - l’applicazione del Decreto con particolare riguardo alle sanzioni e alle fattispecie relative all’immissione nel mercato nazionale dei prodotti provenienti da Paesi extra UE.

CREDITO D’IMPOSTA PER RICERCA E SVILUPPO E’ stata accolta da parte del MISE la proposta di ampliare il credito d’imposta per ricerca e sviluppo anche ai settori della produzione creativa STIAMO LAVORANDO PER...

/////////////////////////////////////////

• Verificare la fruizione del beneficio da parte delle imprese tramite attività di monitoraggio sul territorio.

////////////////////////////////////////////////

214

215


CONFARTIGIANATO IMPRESE

BILANCIO SOCIALE 2018

MODA

3.4

L’AZIONE DELLE CATEGORIE

PULITINTOLAVANDERIE

ISA PER IL SETTORE CALZATURIERO

SCENARIO POST – PERCLOROETILENE

OSSERVATORIO E COMITATO PARITETICO CCNL TESSILE MODA CERAMICA CHIMICA

Confartigianato ha partecipato agli incontri presso la SOSE - Soluzioni per il Sistema Economico - per l’esame e la valutazione dell’Indice sintetico di affidabilità fiscale specifico per il settore tessile, abbigliamento e pulitintolavanderie. È stato predisposto un documento di osservazioni con le evidenze della categoria. In particolare: • un risultato anomalo dell’indicatore della copertura delle spese per dipendente. Dall’analisi statistica presentata, sono risultate “anomale” circa il 28% delle imprese in tutte le annualità analizzate. Ciò evidenzia una forte difficoltà da parte delle imprese del settore a realizzare marginalità pur in presenza di un ciclo economico complessivo in parziale ripresa. Si chiede di rendere meno penalizzante tale indicatore, eventualmente tenendo conto di correttivi individuali. • Attenzione dell’applicazione alle lavanderie self- service che, per le caratteristiche che le contraddistinguono, possono essere considerate attività commerciali. Sono imprese dotate esclusivamente di lavatrici professionali ad acqua ed essiccatori utilizzati direttamente dalla clientela. Le uniche attività che possono svolgere sono quelle relative alla ricarica delle gettoniere, ricarica dei distributori dei prodotti per il lavaggio ed eventuale verifica di funzionamento del/i macchinario/i presenti. • Coefficienti della funzione di stima del Valore aggiunto per addetto. Tra i coefficienti individuati nella funzione vi è quello riferito ai prezzi praticati che dovrebbe misurare l’aspetto qualitativo del servizio offerto in base alla tariffe applicate. Si solleva l’obiezione che non sempre, a fronte di prezzi alti, si consegue una maggiore marginalità, anzi può accadere il contrario, come ad esempio per canoni di affitto elevati. • Per i coefficienti relativi a spese sostenute per solventi per lavaggio a secco e spese sostenute per ausiliari di lavaggio ad acqua e rafforzatori per lavaggio a secco, si ritiene sia necessario definire meglio le voci che le compongono. A tal fine andrebbero ricomprese tutte le spese sostenute sui prodotti utilizzati per il lavaggio (ad acqua o a secco): non solo detergenti ma anche i prodotti chimici. Si osserva, infine, che esistono sul mercato solventi innovativi che richiedono poche quantità di utilizzo rispetto ad altri solventi più tradizionali: ciò potrebbe comportare il sostenimento di minori costi di produzione.

In occasione della riunione del Direttivo di Categoria svoltosi alla Fiera Expo Detergo 2018 è stata evidenziata la necessità di monitorare l’andamento dell’utilizzo di solventi alternativi al percloroetilene da parte delle imprese al fine di poter rappresentare una situazione aggiornata al Ministero dell’Ambiente.

Nel 2018 sono stati costituiti dalle parti che hanno sottoscritto il CCNL di settore l’Osservatorio e il Comitato Paritetico con il compito di monitorare l’andamento dei settori afferenti la sfera di applicazione del contratto e proporre iniziative comuni per la salvaguardia della filiera, anche attraverso progetti concreti (ad es. etichetta parlante) sulla tracciabilità e sostenibilità.

STIAMO LAVORANDO PER...

/////////////////////////////////////////

• Per le lavanderie self service, monitorare in sede applicativa i risultati degli ISA e le segnalazioni delle imprese per cogliere eventuali diverse caratteristiche e/o modalità di gestione dell’impresa e intervenire, nella differenziazione delle stime econometriche sulla base delle diversità riscontrate all’interno dei Modelli Organizzativi di Business.

216

O B I E T T I V I , AT T I V I TÀ , R I S U LTAT I

STIAMO LAVORANDO PER...

/////////////////////////////////////////

• Chiedere l’apertura di un tavolo interministeriale con il MISE per lo studio di incentivi per le imprese che decidono di investire in macchinari innovativi che utilizzano solventi ecologici.

CONTRASTO ALLE LAVANDERIE SELF SERVICE IRREGOLARI A seguito delle nostre sollecitazioni e della nota del Ministero Sviluppo Economico del dicembre 2017 è stato richiesto a Unioncamere di divulgare al Sistema camerale una circolare per fornire i chiarimenti resi dal Ministero e garantire l’uniforme applicazione su tutto il territorio della normativa e indicare le linee di demarcazione tra l’attività artigiana di pulitintolavanderia e l’attività commerciale di lavanderia self service.

I NOSTRI RISULTATI 2018 • Presentata al MISE la tabella sul costo minimo del lavoro dipendente nel settore tessile abbigliamento.

STIAMO LAVORANDO PER...

/////////////////////////////////////////

• Programmare iniziative e presentarle ai Ministeri competenti in appositi incontri.

PIANI FORMATIVI SETTORIALI FONDARTIGIANATO Nel 2018 abbiamo partecipato alla fase di revisione dei Piani Formativi Settoriali di Fondartigianato.

STIAMO LAVORANDO PER...

/////////////////////////////////////////

• Verificare la corretta applicazione della circolare ministeriale e l’efficacia dei controlli tramite attività di monitoraggio sui territori • Sollecitare a Unioncamere la predisposizione di un sistema di alert nei software a disposizione dei Registri Imprese sul territorio al fine di segnalare le variazioni innestate su attività di lavanderia self service con l’aggiunta di singole attività inerenti alla sfera normativa delle pulitintolavanderie artigiane e conseguente richiesta di presenza del responsabile tecnico.

217

I NOSTRI RISULTATI 2018 • Redatto il piano formativo settoriale del settore pulitintolavanderie grazie alla collaborazione di un consulente. Sono stati evidenziati le nuove metodologie di lavoro, i nuovi macchinari e in generale le tecniche innovative e ad essi sono stati correlati i nuovi fabbisogni formativi del personale dipendente. • Contributo all’aggiornamento dell’ASSET per i settori TAC, OCCHIALERIA, PULITINTOLAVANDERIE attraverso la collaborazione di un consulente esperto che lo ha rimodulato adeguandolo al quadro economico e finanziario derivante dagli ultimi studi di settore e in generale dall’attuale congiuntura.


CONFARTIGIANATO IMPRESE

BILANCIO SOCIALE 2018

O B I E T T I V I , AT T I V I TÀ , R I S U LTAT I

MODA INFORMAZIONE E COMUNICAZIONE

PROGETTI, INIZIATIVE ED EVENTI

MODA

MODA

PULITINTOLAVANDERIE • Prosegue la collaborazione con la rivista DETERGO, con la fornitura mensile di comunicati e notizie confederali e di settore. Redatti 36 articoli. 19 comunicazioni diffuse al Sistema tra moda e pulitintolavanderie

ACCORDI E CONVENZIONI • E’ stato rinnovato l’accordo con IEG -Italian Exibition Group - per l’iniziativa fieristica Origin Passion & Beliefs, con scontistica dedicata alle imprese associate. E’ stato riconosciuto a Confartigianato il ruolo di partner strategico. • Win Project con l’Associazione Sarti Cinesi per la promozione in Cina dell’alta sartoria maschile - Proseguono i rapporti per il tramite del nostro contatto e referente del progetto. A seguito della firma del protocollo è stata attivata, da parte di Win Project, con la nostra collaborazione un’attività di scouting di sarti disponibili a svolgere attività formativa a favore di giovani designer cinesi.

• Organizzazione - in occasione della fiera Origin Passion & Beliefs - del convegno “ETICHETTA PARLANTE: da progetto pilota a “standard” italiano” e della tavola rotonda “FASHION 4.0 Le tecnologie per l’economia del “su misura”. Presenza con stand istituzionale e supporto al territorio nell’organizzazione della presenza delle imprese al Salone. • Supporto al territorio nell’organizzazione della presenza delle imprese e presenza con stand istituzionale al Salone White e al Salone The One, nell’ambito delle settimane della moda milanesi, e alla fiera The Micam Milano. • Italian Fashion Talents Award - Salerno • Moda sotto le stelle - Ascoli Piceno

PULITINTOLAVANDERIE • Il portale “Lo Sportello del Pulitintore” è stato implementato grazie al contributo dei colleghi del territorio e a un consulente legale. L’implementazione ha riguardato l’aggiornamento del portale con le ultime circolari del MISE, di Unioncamere e l’aggiornamento delle FAQ. Queste novità sono state presentate a Milano in un Seminario a EXPO DETERGO 2018. • Partecipazione ad Expodetergo International 2018 con stand istituzionale e l’organizzazione di due eventi molto partecipati. Un convegno di promozione dello Sportello del Pulitintore alla presenza del nostro consulente legale e uno spettacolo teatrale sulla falsariga di “Forum” per replicare alcune tipiche situazioni derivanti nel rapporto tra pulitintore e cliente.

MESTIERI

ATTIVITÀ DEGLI ORGANI

Riparatori elettrodomestici; OASI Confartigianato

2 riunioni di Consiglio Direttivo

Rappresentanza istituzionale e lobbying e rappresentanza sindacale e contrattazione Rappresentare e tutelare le imprese del comparto, valorizzando il ruolo economico-sociale delle associate, sviluppandone le potenzialità e favorendo le opportunità di crescita e di competitività sul mercato. Far crescere i livelli di formazione e qualificazione professionale degli operatori del settore per migliorare il servizio offerto, con particolare riguardo alla tutela della sicurezza e alla salvaguardia dell’ambiente ////////////////////////////////////////////////

218

L’AZIONE DELLE CATEGORIE

SERVIZI E TERZIARIO

Attività e servizi per i soggetti del Sistema Confartigianato, le imprese e le persone • In occasione della fiera Origin Passion & Beliefs sono stati organizzati due convegni: • “Le imprese della Moda nell’economia ibrida: innovazione e investimenti digitali”. • "Impresa 4.0: soluzioni su misura per l’innovazione" Per l’occasione è stato presentato il report 2018 su Moda e Innovazione realizzato a cura dell’Ufficio Studi.

3.4

219

RIPARATORI ELETTRODOMESTICI QUALIFICAZIONE PROFESSIONALE RIPARATORI ELETTRODOMESTICI Partecipazione, presso la sede UNI di Milano, alla prima riunione pre-normativa inerente alla figura professionale dei riparatori di elettrodomestici, nell’ambito delle attività della Commissione Tecnica (CT) UNI “Attività professionali non regolamentate”. La riunione è stata finalizzata alla condivisione della scheda pre-normativa, documento indispensabile per istruire la fase di Inchiesta Pubblica Preliminare (IPP) del futuro progetto di norma. Il format della richiamata scheda dovrà essere revisionato dalla categoria sulla base delle indicazioni che sono state fornite nel corso della riunione. STIAMO LAVORANDO PER...

/////////////////////////////////////////

• Definire la norma tecnica di riferimento per l’attività di riparazione e collocazione di apparecchiature elettroniche a uso domestico e professionale, tenendo conto delle indicazioni che sono state fornite nel corso della riunione pre-normativa.

NUOVI INDICI DI AFFIDABILITÀ FISCALE - ISA AG48U RIPARAZIONE ELETTRODOMESTICI E PRODOTTI DI CONSUMO AUDIO E VIDEO Partecipazione agli incontri presso la SOSE - Soluzioni per il Sistema Economico - per l’esame e la valutazione dell’Indice Sintetico di Affidabilità Fiscale AG48U. È stato elaborato un documento di osservazioni per la validazione del modello. Nel dettaglio dell’ISA, la categoria ha formulato le seguenti osservazioni: • Indicatori elementari di affidabilità - Le riparazioni in garanzia non concorrono a elevare il fatturato, ma lo abbattono e quindi vanno considerate come mancato ricavo, anche tenendo conto del trend di progressiva contrazione delle tariffe corrisposte dalle case costruttrici, non sufficienti neanche a coprire i costi sostenuti dai riparatori. • Indicatori elementari di anomalia - È stata segnalata la criticità relativa al collaboratore familiare che svolge mansioni puramente amministrative dedicando spesso all’attività percentuali inferiori a quelle fissate ed è stata proposta una diminuzione delle soglie minime previste per una maggiore aderenza alla realtà del settore. • Proposto un aggiornamento dell’elenco dei beni strumentali, tenendo conto dell’evoluzione della tecnologia e delle nuove modalità di svolgimento dell’attività dei riparatori, per una maggiore aderenza alla realtà del settore.


CONFARTIGIANATO IMPRESE

BILANCIO SOCIALE 2018

O B I E T T I V I , AT T I V I TÀ , R I S U LTAT I

3.4

L’AZIONE DELLE CATEGORIE

STABILIMENTI BALNEARI

SERVIZI E TERZIARIO RINNOVO CCNL AREA MECCANICA

APPARECCHIATURE ELETTRONICHE A USO DOMESTICO E PROFESSIONALE

REVISIONE E RIORDINO DELLE CONCESSIONI DEMANIALI MARITTIME

Partecipazione alla trattativa per il rinnovo del contratto.

Progetto di qualificazione professionale del settore in ambito UNI. Proposta una norma nell’ambito delle attività di riparazione e collocazione di apparecchiature elettroniche a uso domestico e professionale.

Proseguita l’azione incessante - a livello nazionale ed europeo - per favorire l’approvazione del DDL di riordino della materia che fissi principi uguali per tutti e restituisca prospettive di stabilità al settore, prevendendo in particolare il riconoscimento del valore economico/commerciale dell’impresa e la valorizzazione della competenza e professionalità degli operatori balneari italiani che rappresentano un modello di eccellenza unico al mondo. Nel quadro degli interventi svolti, è ricompresa anche la nuova riparametrazione dei canoni balneari fondata su principi di equità, che tengano conto delle diverse fattispecie concessorie e delle peculiarità delle imprese associate.

I NOSTRI RISULTATI 2018 • Presentata al MISE la tabella sul costo minimo del lavoro dipendente nel settore tessile abbigliamento

STIAMO LAVORANDO PER...

/////////////////////////////////////////

• Definire la norma tecnica di riferimento per l’attività di riparazione e collocazione di apparecchiature elettroniche a uso domestico e professionale.

I NOSTRI RISULTATI 2018 F-GAS FLUORURATI A EFFETTO SERRA Proseguite azioni nei confronti del Ministero dell’Ambiente e in sede ACCREDIA per correggere il testo del DPR di recepimento del Regolamento UE 517/2014, evitando impatti penalizzanti sulle imprese associate, in termini economici e burocratici, e ottenere le massime semplificazioni. Proseguita consultazione della categoria da parte di ACCREDIA. I NOSTRI RISULTATI 2018 • Mitigato l’impatto a favore delle imprese associate delle disposizioni contenute nel DPR di recepimento del Regolamento UE 517/2014 sia sul piano degli oneri economici che sul piano degli adempimenti burocratici: • agevolazioni per le imprese individuali mediante unificazione della procedura di certificazione; • eliminazione di un Piano di Qualità per le imprese così come “definito dalla norma UNI/ISO 10005” con una procedura semplificata; • introduzione della Banca Dati gas fluorurati a effetto serra e apparecchiature contenenti gas fluorurati, istituita presso il Ministero dell’ambiente e gestita dalle Camere di commercio competenti, così come il Registro telematico, alla quale dovranno essere comunicate le vendite di f-gas, delle apparecchiature che li contengono e le attività di assistenza, manutenzione, installazione, riparazione e smantellamento delle stesse: • definizione delle modalità per “tracciare” meglio gli F-Gas e le attività di chi installa impianti che li contengono.

STIAMO LAVORANDO PER...

/////////////////////////////////////////

• Monitorare gli aspetti applicativi del DPR, anche in sede Accredia per la messa a punto degli schemi di certificazione, nonché l’emanazione del decreto sanzioni che completerà il quadro normativo in materia.

• Ottenuta l’approvazione di misure importanti a tutela delle imprese balneari (Legge di Bilancio 145/2018): • proroga di 15 anni della scadenza delle concessioni demaniali marittime già in essere; • revisione complessiva delle concessioni balneari da adottare con decreto del Presidente Consiglio Ministri, di concerto con i Ministeri competenti, che ne stabilirà condizioni e modalità attuative; • possibilità per i titolari delle concessioni balneari di mantenere fino al 31.12.2020 i manufatti amovibili; • a tutela delle attività danneggiate dagli eventi atmosferici di ottobre e novembre 2018, è sospeso, quale anticipazione risarcitoria in favore delle imprese balneari, il canone demaniale fino all’avvenuta erogazione del risarcimento o comunque nel limite massimo di 5 anni.

STIAMO LAVORANDO PER...

/////////////////////////////////////////

• Ottenere l’applicazione effettiva delle norme contenute nella Legge di Bilancio per l’adeguamento formale della durata degli atti concessori esistenti. • Ottenere l’approvazione di una legge nazionale in grado di ripristinare le garanzie essenziali per garantire la continuità delle concessioni e il futuro delle imprese balneari. • Ottenere una nuova riparametrazione dei canoni balneari fondata su principi di equità, che tengano conto delle diverse fattispecie concessorie e delle peculiarità delle imprese associate.

SERVIZI E SICUREZZA DELLA BALNEAZIONE Collaborazione con il Comando Generale delle Capitanerie di Porto per una disamina congiunta delle problematiche in materia di salvamento, pulizia, abusivismo commerciale, etc STIAMO LAVORANDO PER...

/////////////////////////////////////////

• Migliorare lo standard di servizio delle imprese balneari verso la clientela.

220

221


CONFARTIGIANATO IMPRESE

BILANCIO SOCIALE 2018

O B I E T T I V I , AT T I V I TÀ , R I S U LTAT I

SERVIZI E TERZIARIO

3.4

L’AZIONE DELLE CATEGORIE

SERVIZI E TERZIARIO Attività e servizi per i soggetti del Sistema Confartigianato, le imprese e le persone

NUOVI INDICI DI AFFIDABILITÀ FISCALE – ISA AG60U GESTIONE STABILIMENTI BALNEARI, LACUALI E FLUVIALI È stata segnalata una criticità di carattere generale che riguarda l’apporto di lavoro delle figure non dipendenti, in quanto valori minimi e l’apporto lavorativo femminile.

CONVENZIONE SCF PER GLI STABILIMENTI BALNEARI

INFORMAZIONE E COMUNICAZIONE

Rinnovo della Convenzione SCF (giugno 2017) per gli stabilimenti balneari. Con la convenzione vengono riservate agli associati di Confartigianato condizioni agevolate per attività di animazione sulla spiaggia, in base ai parametri della superficie degli stabilimenti balneari e della frequenza degli eventi.

8 comunicazioni diffuse al Sistema Confederale

STIAMO LAVORANDO PER...

/////////////////////////////////////////

• Monitorare la fase applicativa dell’ISA AG60U, al fine di proporre eventuali correttivi necessari per superare le criticità segnalate e rendere lo strumento rispondente alla realtà delle imprese del settore.

I NOSTRI RISULTATI 2018 • Rinnovata la Convenzione SCF per gli stabilimenti balneari.

CONVENZIONE SIAE PER GLI STABILIMENTI BALNEARI Partecipazione a incontri presso SIAE per aggiornamenti sulla revisione delle convenzioni, a seguito del processo di attuazione della Direttiva 2014/26/UE riguardante la gestione collettiva del diritto d’autore e dei diritti connessi. Riaffermata, da parte di Confartigianato, la rilevante attività di divulgazione nei confronti degli associati sul tema del diritto d’autore e SUl ruolo della SIAE, che dovrà trovare adeguata valorizzazione anche nei futuri accordi, in un’ottica di congrua percentuale di sconto riservata alle imprese aderenti e di massima semplificazione delle procedure. I NOSTRI RISULTATI 2018 • Prorogato fino al 31.3.2018, l’Accordo Confartigianato Imprese–OASI per musica d’ambiente e animazione sulle spiagge in stabilimenti balneari, in attesa del completamento da parte di SIAE della fase di revisione delle convenzioni secondo le previsioni contenute nel Decreto Legislativo 35/2017.

ACCORDI E CONVENZIONI • Rinnovata la Convenzione SCF per gli stabilimenti balneari. Con la convenzione vengono riservate agli associati di Confartigianato condizioni agevolate per attività di animazione sulla spiaggia, in base ai parametri della superficie degli stabilimenti balneari e della frequenza degli eventi.

PROGETTI, INIZIATIVE ED EVENTI PROBLEMATICA ACCASTAMENTO STABILIMENTI BALNEARI Svolte azioni nei confronti della competente Direzione dell’Agenzia delle Entrate per rappresentare la problematica relativa ai criteri di accatastamento applicati agli stabilimenti associati. È stato presentato un documento di osservazioni e ottenuto un incontro con la Direzione dell’Agenzia delle Entrate che si è riservata una valutazione approfondita, anche sotto il profilo della metodologia applicata, per poter esprimere un parere definitivo sulla problematica e indicare eventuali soluzioni.

• Partecipazione a SUN – Salone Internazionale all’Estero - evento di particolare interesse per gli operatori associati (Fiera di Rimini, 11 ottobre 2018) sia per le novità in tema di attrezzature balneari sia per il consueto convegno promosso e organizzato dalla categoria. • Anche per il 2018 il Convegno, organizzato congiuntamente alle altre Organizzazioni del comparto, è stato dedicato al tema cruciale del rinnovo delle concessioni demaniali marittime e del futuro del settore balneare ed ha avuto come titolo “Salvaguardia delle imprese balneari: dalle parole ai fatti!”

STIAMO LAVORANDO PER...

/////////////////////////////////////////

• Ottenere una positiva definizione della problematica da parte della Direzione dell’Agenzia delle Entrate, in collaborazione con la Direzione Politiche Fiscali.

STIAMO LAVORANDO PER...

/////////////////////////////////////////

• Concludere il rinnovo della convenzione.

222

223


CONFARTIGIANATO IMPRESE

BILANCIO SOCIALE 2018

O B I E T T I V I , AT T I V I TÀ , R I S U LTAT I

3.4

L’AZIONE DELLE CATEGORIE

TRASPORTI MESTIERI

ATTIVITÀ DEGLI ORGANI

Trasporto merci conto terzi; Autobus operator; Taxi

8 riunioni di Consiglio Direttivo - 1 Assemblea

PARTECIPAZIONE A ORGANISMI ESTERNI E TAVOLI Partecipazione costante ai tavoli di confronto politico-sindacale e tecnico-operativi con gli interlocutori istituzionali – nazionali e internazionali - di riferimento, tra cui: UIRNET S.p.a. (Società pubblica per la realizzazione e la gestione della Piattaforma Logistica Nazionale Digitale), Comitato Centrale Albo Autotrasportatori e relative Commissioni interne istituite (Rivista TIR, “Regolarità imprese”, Progetto Guida Sicura ed Ecoguida), Autostrade per l’Italia S.p.a., ANAS S.p.a., ILVA S.p.a., Autorità per la Regolazione dei Trasporti, PON Infrastrutture e Reti, PON Città Metropolitane, Autorità di Sistema Portuale ed Organismi di Partenariato. Nell’ambito dei rapporti interassociativi Confartigianato Trasporti ha partecipato alle riunioni di Unatras (Unione Nazionale delle Associazioni dell’Autotrasporto merci) di cui detiene la Presidenza e dell’UETR (Unione Europea dei Trasportatori su strada) per la discussione e l’elaborazione di proposte finalizzate al miglioramento delle normative inerenti l’autotrasporto merci.

PARTECIPAZIONE A ORGANISMI ESTERNI E TAVOLI

Ministero delle Infrastrutture e dei Trasporti Costante confronto finalizzato a illustrare le posizioni di Confartigianato Trasporti relative a incentivi formazione ed investimenti, trasporti eccezionali, revisione dei veicoli pesanti, trasporto combinato (ferro e mare), riforma delle autorità portuali e collegamento infrastrutturale tra porti ed interporti, calendario dei divieti di circolazione e le deroghe per l’attraversamento dello Stretto di Messina. 33 incontri

224

Comitato Centrale Albo nazionale degli Autotrasportatori. Riunioni ed incontri di confronto per la risoluzione delle principali problematiche inerenti i pedaggi autostradali, la riforma della modalità e delle procedure per la riforma dei pedaggi autostradali, l’avvio alla professione ed al mercato di giovani conducenti, lo sviluppo delle attività di comunicazione, la definizione e chiusura delle convenzioni relative alle Aree di Sosta.

Altri tavoli di lavoro ministeriali tecnico-operativi, in cui sono state raggiunti gli obiettivi di semplificazione e contenimento dei costi operativi per le imprese rappresentate, hanno riguardato: • la definizione della Direttiva ministeriale sulle riduzioni compensate dei pedaggi autostradali per l’anno 2017 e conseguenti incontri per le problematiche relative al nuovo sistema informatico di domanda rimborsi; • la politica di incentivi al settore; • la presentazione del Calendario dei divieti mezzi pesanti per 2019; • le procedure per la formazione e qualificazione professionale; • le normative tecniche relative a: • trasporto merci pericolose (ADR), • trasporto temperatura controllata (ATP)

20 incontri

30 incontri

Ministero del Lavoro e delle Politiche Sociali Confronto costante sulla tematica della decontribuzione per i conducenti dei servizi di trasporto all’estero e le problematiche derivanti dall’uso distorto del distacco transnazionale e della somministrazione dei conducenti.

Ministero dello Sviluppo Economico Affrontate le problematiche relative agli incentivi per il settore nel rispetto del Regolamento sugli aiuti di Stato, Legge Sabatini, Legge Artigiancassa.

5 incontri

10 incontri

Comitato Centrale Albo nazionale degli Autotrasportatori. Riunioni ed incontri di confronto per la risoluzione delle principali problematiche inerenti i pedaggi autostradali, la riforma della modalità e delle procedure per la riforma dei pedaggi autostra Ministero degli Interni Riunioni della Commissione Sicurezza stradale e confronto sulle criticità riscontrate per la gestione del piano neve, la razionalizzazione del calendario annuale dei divieti di circolazione, i trasporti eccezionali nonché la prevenzione ed il contrasto dei fenomeni incidentali stradali e di furti e rapine nel settore dell’autotrasporto. dali, l’avvio alla professione ed al mercato di giovani conducenti, lo sviluppo delle attività di comunicazione, la definizione e chiusura delle convenzioni relative alle Aree di Sosta.

Tavolo studio e ricerca per l’organizzazione di un’azione risarcitoria collettiva contro il cartello dei produttori di camion (Class Action), L’attività preparatoria è consistita nell’attivazione di contatti ed incontri con primari studi legali italiani finalizzati alla efficace organizzazione dell’azione, attraverso la ricerca a livello europeo di un litigation found e l’implementazione di un piattaforma online dedicata per la raccolta dei dati inerenti l’azione collettiva.

9 incontri

12 incontri

Partecipazione ad Assemblee, convegni, seminari territoriali organizzati dalle Associazioni Confartigianato: Arezzo, Bergamo, Bologna, Bolzano, Firenze, La Spezia, Lomellina, Macerata, Modena, Novara, Palermo, Parma, Pesaro, Ravenna, Trento, Udine, Verona, Lombardia, Puglia, Toscana. 24 incontri territoriali

225


CONFARTIGIANATO IMPRESE

BILANCIO SOCIALE 2018

O B I E T T I V I , AT T I V I TÀ , R I S U LTAT I

3.4

L’AZIONE DELLE CATEGORIE

TRASPORTI Rappresentanza istituzionale e lobbying e rappresentanza sindacale e contrattazione Rappresentare e tutelare le imprese del settore dei trasporti - persone e merci - e favorire la crescita, la valorizzazione e una maggiore competitività del comparto, promuovendo l’aumento dei livelli di sicurezza delle strade e il miglioramento della qualità dei servizi di mobilità ////////////////////////////////////////////////

INTERCONNESSIONE MODALITÀ DI TRASPORTO

MISURE SULL’AUTOTRASPORTO IN MANOVRA DI BILANCIO

Proposizione delle problematiche relative all’interconnessione di diverse modalità di trasporto - mare, ferro e strada - a livello regionale per la definizione dei piani-programma degli Enti territoriali intermedi. Su impulso delle Associazioni territoriali sono monitorati gli sviluppi dei progetti messi in campo dagli Enti locali. È in fase di discussione il nuovo assetto delle portualità a seguito della riforma con particolare riferimento alle aree dei sistemi portuali, agli interporti nonché alle piastre logistiche di interscambio merci.

Le agevolazioni normative e fiscali per il settore dell’autotrasporto rappresentano uno strumento essenziale per l’attività delle imprese più piccole.

STIAMO LAVORANDO PER...

/////////////////////////////////////////

• Approfondire e valutare l’impatto dei piani urbani della mobilità e dell’Istituzione del sistema di flussi di trasporti intelligenti (ITS).

PACCHETTO EUROPA IN MOVIMENTO DI TRASPORTO Analisi e monitoraggio dei lavori parlamentari sulle tematiche di stretto interesse per il settore, in attesa dell’approvazione dei vari provvedimenti facenti parte del corpus normativo presentato dalla Commissione UE. In particolare si è intervenuto sul distacco conducenti, tempi di riposo e di guida, sedi fittizie all’estero, applicazione tachigrafo digitale, accesso al mercato piccoli trasportatori, modalità cabotaggio, con emendamenti presentati promossi presso la Commissione Trasporti del Parlamento Europeo tramite l’Associazione Europea UETR. STIAMO LAVORANDO PER...

/////////////////////////////////////////

• Rendere le proposte normative inerenti la regolamentazione delle condizioni di vita e lavoro degli autotrasportatori e le politiche ambientali più favorevoli e meno gravose, tenuto conto della consistenza del tessuto imprenditoriale dell’autotrasporto a livello europeo, composto prevalentemente da artigiani e piccole imprese.

CCNL Tavoli di confronto e trattativa con le organizzazioni sindacali dei lavoratori (FILTCgil, FITCisl e UILTrasporti) per la piena applicazione del Contratto Collettivo Nazionale di Lavoro “Logistica Trasporto merci e Spedizione” e la definizione degli accordi di 2° livello per la costituzione delle Commissioni bilaterali Autotrasporto all’interno degli Enti Bilaterali regionali, così da attuare le previsioni della Sezione Artigiana dello stesso CCNL. (14 incontri)

I NOSTRI RISULTATI 2018 • Confermate le risorse strutturali per il settore: 240 milioni per il triennio 2019-2021 (agevolazioni per l’acquisto dei veicoli di nuova generazione, pedaggi autostradali, formazione, SSN, deduzioni forfetarie spese non documentate) • Sterilizzazione aumenti accise • Eliminazione riduzione 15% rimborso accise gasolio per autotrazione • Affidamento delle revisioni dei mezzi pesanti ai privati • Incentivi giovani conducenti settore autotrasporto merci 2019-2020

STIAMO LAVORANDO PER...

/////////////////////////////////////////

• Seguire l’iter per l’emanazione dei relativi decreti attuativi.

DEDUZIONI FORFETARIE AUTOTRASPORTO Definire in misura più elevata gli importi delle deduzioni forfetarie ordinariamente riconosciute agli autotrasportatori per conto terzi per i trasporti effettuati personalmente.

I NOSTRI RISULTATI 2018 • Ottenuto uno stanziamento suppletivo che ha permesso di incrementare la dotazione finanziaria della misura, che ha raggiunto il livello dell’anno precedente (da 38 euro a 51 euro per ogni giornata di trasferta del titolare conducente). • Far definire dal Dipartimento delle Finanze e dell’Agenzia delle Entrate la misura più elevata riconosciuta a titolo di deduzioni forfetarie relative al 2017 in tempi utili per la determinazione delle imposte dovute a saldo (comunicato stampa 16 luglio 2018)

I NOSTRI RISULTATI 2018 • Firmate le Linee Guida per la Costituzione del 2° livello delle Commissioni Bilaterali Autotrasporto.

226

227


CONFARTIGIANATO IMPRESE

TRASPORTI

BILANCIO SOCIALE 2018

O B I E T T I V I , AT T I V I TÀ , R I S U LTAT I

3.4

L’AZIONE DELLE CATEGORIE

TAXI - NOLEGGIO CON CONDUCENTE (NCC VETTURE E BUS)

FERMATE DI LINEA

PROBLEMATICA ESTINTORI SU BUS

La Commissione ministeriale istituita presso i Dipartimenti della Motorizzazione e la Direzione Generale Trasporto Stradale e Intermodalità del MIT ha l’obiettivo di individuare le fermate di linea sul territorio nazionale che necessitano di interventi per garantire la sicurezza dei passeggeri e l’agibilità del carico e scarico degli stessi.

La norma sulla dotazione degli estintori sui veicoli per il trasporto passeggeri risale al 1977 e dopo alcune modifiche introdotte attraverso le norme tecniche internazionali (EN) ed i procedimenti per l’omologazione è stato necessario pubblicare una circolare congiunta dei Ministeri dell’Interno e dei Trasporti con disposizioni specifiche. La circolare congiunta del Marzo 2018 aveva creato negli operatori del settore degli equivoci applicativi. Confartigianato Auto-Bus operator è immediatamente intervenuta presso il Dipartimento della Sicurezza della Polizia Stradale.

I NOSTRI RISULTATI 2018 • Avviato il procedimento per la risistemazione dei manufatti ( asfalti, cordoli, segnaletica e attrezzature ) dell’area di fermata della stazione delle autocorriere di Verona centrale d’intesa con le Autorità Locali

STIAMO LAVORANDO PER...

/////////////////////////////////////////

• Aumentare la sicurezza dei passeggeri e l’agibilità del carico e scarico degli stessi in altri territori del SUD che necessitano di interventi

ACCORDI BILATERALI TRANSFRONTALIERI I trasporti passeggeri effettuati con veicoli autorizzati NCC tra il territorio italiano e alcuni Stati confinanti - come Francia, Austria, Croazia, specie in relazione alla destinazione Germania - non sono particolarmente normati e le disposizioni generali europee trovano difficile attuazione. Si è aperto un confronto sia con la competente Direzione del Ministero dei Trasporti sia con il Ministero degli Esteri.

I NOSTRI RISULTATI 2018 • Ottenuti i chiarimenti richiesti al Dipartimento della Pubblica Sicurezza della Polizia Stradale, risolvendo in particolare la modalità di dotazione, l’impiego, la sostituzione nonché l’uso degli estintori a polvere equivalenti.

STIAMO LAVORANDO PER...

/////////////////////////////////////////

• Razionalizzare le norme tecniche sia internazionali sia nazionali al fine di programmare gli interventi tecnici a carico degli operatori che l’innovazione tecnologica rende sempre più cogenti ed indifferibili.

RIFORMA LEGGE QUADRO 21/1992 AUTOSERVIZI PUBBLICI NON DI LINEA, TAXI E NCC Nel corso della precedente legislatura, sono state perseguite azioni legislative finalizzate alla riforma complessiva della Legge quadro di settore, al fine di impedire le pratiche di esercizio abusivo nel servizio Taxi e NCC. E’ stato ripreso il confronto tra MIT e Associazioni di Categoria sui principi della riforma e in particolare la regolamentazione delle piattaforme on-line di interconnessione e intermediazione tra domanda e offerta dei servizi. Con il rinnovo del Parlamento, il dialogo per la riforma del trasporto pubblico non di linea si è evoluto sui principi di riforma: territorialità, registro degli operatori, foglio di servizio, piattaforme, a cui seguiranno provvedimenti regolatori. I NOSTRI RISULTATI 2018

STIAMO LAVORANDO PER...

/////////////////////////////////////////

• Garantire la libertà di circolazione dei veicoli italiani nei Paesi confinanti e nello stesso tempo la corretta esecuzione di un trasporto passeggeri internazionale nel nostro Paese al fine di contrastare l’esercizio abusivo del trasporto passeggeri dei vettori esteri.

• Accolti a fine 2018 dal legislatore diversi concetti articolati in proposte emendative dall’Associazione, tra cui la sostituzione alla guida dei titolari di licenza e/o autorizzazione in caso di malattia, invalidità o sospensione della patente. Il rapporto del sostituto alla guida potrà essere regolato anche con un contratto di gestione. Il rientro in rimessa viene assimilato al rientro presso la sede operativa dell’impresa. Il periodo di tempo per l’istituzione del registro dei titolari di licenza e/o di autorizzazione e dei relativi veicoli viene ridotto ad un anno. Accanto ai veicoli a ruote si è sempre affiancato il “natante”.

STIAMO LAVORANDO PER...

/////////////////////////////////////////

• Attuare con provvedimenti regolatori i principi del Decreto Legge 135 del 2018 convertito in legge n. 12 del Febbraio 2019 monitorando i relativi decreti e le circolari interministeriali necessari a tal fine.

228

229


CONFARTIGIANATO IMPRESE

BILANCIO SOCIALE 2018

TRASPORTI ISA PER IL SETTORE TRASPORTO TERRESTRE DI PASSEGGERI – AG72U Confartigianato ha partecipato agli incontri presso la SOSE - Soluzioni per il Sistema Economico - per l’esame e la valutazione dell’Indice sintetico di affidabilità fiscale specifico per il settore. È stato elaborato un documento di osservazioni puntuali per la validazione del modello in base alla evidenze della categoria. Nel dettaglio dell’ISA, la categoria è intervenuta in modo particolare sui seguenti ambiti: • Modelli Organizzativi di Business (MOB) - Con l’attuale ISA sono stati unificati due studi di settore, ricollocando le imprese in 9 MOB complessivi con caratteristiche di gestione dell’impresa che potrebbero non essere adeguatamente colte dall’ISA. • È stato segnalato che è in atto un’evoluzione tecnologica rilevante che non è colta dall’analisi dei MOB. Occorre tenere conto anche della tipologia di impresa che non appartiene solo ai radiotaxi, ma utilizzi altre piattaforme tecnologiche (app) per le quali non sono sostenuti costi fissi o di struttura, ottenendo comunque i benefici dell’appartenenza ad una “rete” di contatti. • ATI – Sub-appalti (indicatori elementari di affidabilità) - Si sottolinea la necessità di prevedere la rilevazione del fenomeno del sub-appalto o interscambio di lavoro, spesso elemento di criticità negli indicatori e nelle stime come nel caso di servizi bus in cui, grazie all’assegnazione di lavori ottenuti mediante gare d’appalto a cui si è partecipato in ATI, vedono il capofila che fattura in prima persona tutte le prestazioni redistribuite tra i soggetti componenti l’associazione temporanea d’imprese. • Apporto lavorativo dei collaboratori familiari (Indicatori elementari di anomalia) - Nell’indicatore relativo all’apporto lavorativo delle figure non dipendenti, per i collaboratori familiari è presunta una percentuale minima del 50% che risulta eccessiva, in quanto deriva da particolari modalità di svolgimento dell’attività delle imprese del settore. Infatti, il tassista è, per norma, monoveicolare e per regolamento comunale ha una produttività massima consentita nell’ambito del turno di servizio assegnato. La presenza del collaboratore non può accrescere il totale delle ore lavorate, ma è finalizzata solamente alla possibilità di ricorrere a sostituzioni o riduzioni di orario di lavoro pro-capite. E’ stato proposto quindi di rilevare solo ai fini statistici la presenza del collaboratore, ma di non utilizzarlo nell’analisi dell’indicatore dell’apporto lavorativo. • Utilizzo del carburante GPL/Metano - Anche se non è risultato significativo ai fini delle stime econometriche l’utilizzo del GPL/Metano, si ritiene occorra verificare l’effetto dell’utilizzo di tali carburanti nell’indicatore relativo al costo del carburante per km. L’indice minimo utilizzato nell’indicatore non tiene conto infatti del tipo di carburante e il contribuente che utilizza GPL o metano potrebbe risultare anomalo. • Velocità commerciale o di “esercizio” - Sarebbe opportuno rilevare il dato per il trasporto pubblico locale. Con specifico riferimento alla stima della c.d. “velocità commerciale” dei mezzi pubblici su gomma, la stessa muta da città a città, in funzione anche di eventi quali manifestazioni e manutenzioni stradali. 230

O B I E T T I V I , AT T I V I TÀ , R I S U LTAT I

3.4

L’AZIONE DELLE CATEGORIE

TRASPORTI Attività e servizi per i soggetti del Sistema Confartigianato, le imprese e le persone INFORMAZIONE E COMUNICAZIONE

PROGETTI, INIZIATIVE ED EVENTI

Comunicazione continua e aggiornata sul sito web Confartigianato Trasporti tramite pubblicazione di news informative di settore, resoconti di incontri, accompagnati da invio di newsletter a tutti i dirigenti e segretari/funzionari territoriali del Sistema tramite apposita mailing list.

• La Convention nazionale di Confartigianato Trasporti dal titolo “Innovazione tecnologica e normativa per un moderno assetto dell’impresa di autotrasporto” si è svolta a Roma il 14 settembre. La Convention ha rappresentato un momento di confronto sul patto per un autotrasporto merci sicuro, competitivo, meno inquinante e più efficiente, al quale è intervenuto il Ministro delle Infrastrutture e dei Trasporti ed esponenti del mondo accademico ed imprenditoriale.  Obiettivo della Convention è stato : fare il punto sulle prospettive del settore e sulle proposte di Confartigianato Trasporti per individuare nuovi strumenti a sostegno della competitività delle aziende di autotrasporto merci. • Organizzazione dell’Assemblea Nazionale dei Delegati, preceduta da tre tavoli di lavoro sulle tematiche di settore: “Innovazione, Sostenibilità ed Incentivi”, “Normative e Semplificazione”, “Europa in Movimento”. • Consistente Apporto al progetto “Giovani Autisti” - iniziativa dell’Albo Autotrasporto - tramite la disponibilità delle imprese di trasporto, delle sezioni territoriali nonché delle autoscuole aderenti al fine di concludere il percorso formativo con il lavoro nelle aziende di autotrasporto. Particolari e specifici contributi sono stati forniti per l’attuazione sul territorio dei corsi tachigrafo • Progetti APP ANAS, Guida autonoma e Platoonig, Guida Sicura e Ecosostenibile • Servizi specifici (pratiche Legge Macron, salario minimo Germania, tutor fiscali, domande esonero divieti di circolazione, etc.) per trasporti internazionali in Francia, Spagna, Germania e altri Paesi

200 comunicazioni diffuse al Sistema

FORMAZIONE Elaborate proposte e realizzati programmi da parte del soggetto attuatore CTS - Confartigianato Trasporti Servizi - allargando sia il numero dei territori interessati che delle imprese che hanno usufruito dei progetti formativi con il contributo del Ministero delle Infrastrutture e dei Trasporti.

ACCORDI E CONVENZIONI • Partnership con l’Associazione di rappresentanza degli esperti ATP (Trasporto di Merci in Temperatura protetta) (ANEA) al fine di semplificare e razionalizzare le procedure operative degli uffici centrali della motorizzazione in tema di rinnovi delle autorizzazioni dei mezzi in regime ATP. • Partnership con ThinkforLife, associazione di autoscuole e servizi correlati, che promuove progetti di sicurezza stradale nelle scuole e negli istituti formativi. • Convenzione SIDA Autosoft Multimedia per prodotti e programmi editoriali di supporto alle attività formative di settore. • Convenzione VDO Continental per fornitura prodotti inerenti lo scarico e la gestione dei dati tachigrafici.

231


O B I E T T I V I , AT T I V I TÀ , R I S U LTAT I

3.4.3

3.4

L'AZIONE DI CONFARTIGIANATO PERSONE

L’AZIONE DI CONFARTIGIANATO PERSONE

Si presentano di seguito le principali attività e i risultati di Confartigianato Persone - ANAP, INAPA, CAAF e ANCoS - che intercettano principalmente i temi chiave fisco e welfare. ANAP ASSOCIAZIONE NAZIONALE ANZIANI E PENSIONATI

ATTIVITÀ DI RAPPRESENTANZA Grazie all’azione sindacale dell’ANAP e all’iniziativa del CUPLA – Coordinamento Unitario dei Pensionati del Lavoro Autonomo – è proseguita l’azione politico-sindacale volta a tutelare gli anziani e i pensionati sul piano sociale e delle difesa dei diritti. Inoltre, si è sviluppata l’attività di tutela a livello Europeo. /////////////////////////////////////////////////////////////////

233

I NOSTRI RISULTATI 2018 Elaborato un manifesto sulle esigenze degli anziani in vista delle elezioni politiche italiane, proposto ai candidati al Parlamento per l’assunzione di un impegno formale ai fini della realizzazione del programma proposto. In particolare si è chiesto: - in tema di salute, considerato che le attuali generazioni hanno una traiettoria di vita di oltre 20 anni maggiore delle precedenti, una politica più attenta alla prevenzione dell’autonomia personale e della non-autosufficienza; - in tema di sicurezza, l’impegno di arrivare a una Legge che inasprisca le pene per crimini nei confronti di persone vulnerabili come gli anziani; - in tema di livelli reddituali, un adeguamento delle pensioni basse al costo della vita. Proposta di Legge con aggravante per truffe agli anziani – anche a seguito dell’annuale Campagna contro le Truffe agli Anziani dell’ANAP e delle richieste specifiche - che prevede un’aggravante del reato se commesso nei confronti di un anziano. Proposta di legge sull’invecchiamento attivo, sollecitata dall’ANAP e dal CUPLA, per la diffusione di iniziative per l’integrazione e la partecipazione attiva degli anziani nella società. Adottate diverse Leggi regionali sull’invecchiamento attivo, anche con l’inserimento del CUPLA tra i soggetti che partecipano agli Organismi regionali di consultazione predisposti. Approvata con la Legge di Bilancio la pensione di cittadinanza, che va nella direzione sollecitata dall’ANAP di aumentare le pensioni più basse, anche se la soluzione adottata dal Governo presenta rilevanti profili di criticità e di inadeguatezza.


CONFARTIGIANATO IMPRESE

INCONTRI ISTITUZIONALI A LIVELLO INTERNAZIONALE • Partecipazione all’Assemblea di Age Platform Europe - rete europea di organizzazioni non-profit e per le persone anziane – Presentato e approvato un documento sul futuro dell’Europa elaborato dall’ANAP unitamente ad Age Italia. L’intervento di ANAP ha posto con forza la questione delle truffe agli anziani, divenuta materia di approfondimento e di iniziativa in ambito europeo. Nominato nel nuovo Consiglio di Amministrazione di Age Platform Europe un membro dell’Associazione. • Partecipazione all’Annuale Conferenza di AGE Platform Europe con all’ordine del giorno le politiche per il supporto del diritto delle persone anziane all’autodeterminazione. • Partecipazione a Seminari via Web organizzati da AGE Platform Europe su importanti argomenti, quali il Semestre Europeo, con la predisposizione da parte di ANAP di documenti sul Piano Nazionale delle Riforme, fatti propri da AGE Europe e integrati in un documento riguardante tutti i Paesi dell’UE trasmesso al Parlamen234

BILANCIO SOCIALE 2018

to Europeo. • Incontro con il Segretario della Rappre-

O B I E T T I V I , AT T I V I TÀ , R I S U LTAT I

sta attenzione alla gestione dello stress post-traumatico, nonostante si moltipli-

per presentare le proposte della no-

chino, a seguito di eventi catastrofici, gli

stra Associazione in tema di Terza Età

stati di disorientamento, depressione ed

e stabilire una collaborazione efficace

esclusione sociale della popolazione an-

e duratura. Gli sforzi congiunti delle

ziana. • Inoltre, con l’occasione dell’Assemblea Ge-

il riconoscimento del giusto rilievo ai

nerale dell’ECOSOC di febbraio 2018 si è ri-

fenomeni di invecchiamento demografi-

chiesta la realizzazione di un programma

co e del conseguente adattamento delle

di intervento in caso di emergenze ge-

società, compresa la necessità di tutelare

rontologiche, ispirandosi all’osservazione

le persone anziane ha condotto al ricono-

delle buone pratiche attuate in varie parti

scimento, da parte dell’ONU, di una gior-

del mondo.

nata – il 15 giugno di ogni anno - dedicata

L'AZIONE DI CONFARTIGIANATO PERSONE

turali e fatti di guerra. Inoltre, non si pre-

sentanza permanente d’Italia all’ONU

Associazioni, che da anni premono per

3.4

• Presentazione lavori FIAPA (Federazione

• Incontro FIAPAM (Federazione Internazionale delle Associazioni delle Persone Anziane dei Paesi del Mediterraneo e

• specifica attenzione alle persone anziane e alla loro integrazione con i giovani; e al lavoro intergenerazionale con il

stati affrontati temi quali:

coinvolgimento delle istituzioni; • rafforzamento dell’associazionismo

dell’anziano e dei rapporti in ambito

come strumento di difesa dei diritti

familiare;

degli anziani e della promozione

ATTIVITÀ ISTITUZIONALI A LIVELLO NAZIONALE

OSSERVATORIO SULLA SANITÀ

Incontro con il Presidente della Commis-

di misurazione e valutazione sulla real-

L’Osservatorio si pone come strumento

alla lotta contro i maltrattamenti e gli

Internazionale delle Associazioni delle

sione Welfare dell’ANCI e firma del pro-

tà della salute nei suoi aspetti sanitari,

abusi agli anziani.

Persone Anziane) al Ministero della Sa-

tocollo d’intesa che ha posto le basi per

sociali e organizzativi del nostro Paese.

nità Francese sul tema della Tutela degli

un progressivo impegno comune volto

I dati, che provengono da fonti quali Istat

and Social Council), Commissione per lo

Anziani contro ogni forma di abuso. Tut-

alla definizione di politiche e servizi più

e Servizio Sanitario Nazionale, andranno

Sviluppo Sociale - Presentato dal Segre-

te le associazioni, compresa l’ANAP, han-

avanzati e mirati alle necessità degli an-

ad analizzare l’andamento socio sanita-

tario ANAP il documento “Le emergenze

no presentato le principali attività svolte

ziani (in particolare non-autosufficienti).

rio negli anni più significativi, mostrando

gerontologiche: una priorità per il mon-

negli ultimi 12 mesi a tutela degli anziani.

Il documento prevede la consultazione

pregi e difetti nazionali e territoriali e

do” in qualità di delegato della FIAPA all’O-

Numerose sono le azioni comuni, coe-

dell’ANAP su argomenti trattati dall’AN-

avviare, ove necessario, azioni di rivendi-

NU. Il documento ha posto la massima

rentemente con le linee programmatiche

CI che interessano gli anziani. Inoltre,

cazione sindacale. Grazie a questo nuovo

attenzione sulla condizione dell’anziano

e strategiche dettate dalla Federazione,

il Segretario dell’ANAP è stato chiamato

strumento, verranno organizzati conve-

in presenza di particolari eventi. Si è

così come gli obiettivi previsti per il 2019,

a partecipare permanentemente alla

gni, rassegne stampa, progetti per divul-

osservato che gli anziani soffrono più del-

in vista dei festeggiamenti per il quaran-

Commissione Welfare e Politiche Sociali

gare il lavoro svolto sul territorio.

le altre categorie della popolazione delle

tennale della fondazione della Fiapa nel

dell’ANCI.

conseguenze di pandemie, catastrofi na-

2020.

• Partecipazione all’ECOSOC (Economic

235

senso di dignità della persona.

• incentivi alla ricerca, alla creatività

dell’America Latina) durante il quale sono • rafforzamento e valorizzazione del ruolo

dell’autostima, dell’autonomia e del

I NOSTRI RISULTATI 2018 Riconosciuta, da parte dell’ONU, una giornata – il 15 giugno di ogni anno - dedicata alla lotta contro i maltrattamenti e gli abusi agli anziani //////////////////////////////////////////////////

I NOSTRI RISULTATI 2018 • Nuova area dedicata all’Osservatorio sul portale dell’ANAP (www.anap.it) • 2 corsi di formazione realizzati, a Roma e Bologna, dal Nazionale con il nuovo gruppo “Osservatorio” STIAMO LAVORANDO PER...

/////////////////////////////////////////

Nuovo Osservatorio Salute che verrà suddiviso in dieci aree tematiche: Popolazione, Condizioni di Salute, Risorse Sanitarie, Cause di Morte, Assistenza Domiciliare, Limitazioni Funzionali, Prevenzione, Assistenza Sanitaria, Malattie Croniche, Attività Ospedaliera Specifica per Patologia.


CONFARTIGIANATO IMPRESE

BILANCIO SOCIALE 2018

O B I E T T I V I , AT T I V I TÀ , R I S U LTAT I

3.4

L’AZIONE DI CONFARTIGIANATO PERSONE

CAMPAGNA NAZIONALE CONTRO LE TRUFFE AGLI ANZIANI

CAMPAGNA NAZIONALE DI PREDIZIONE E PREVENZIONE DELL’ALZHEIMER

CAMPAGNA NAZIONALE “MANTENIAMO IL PASSO"

ALBO DEI MAESTRI D’OPERA E D’ESPERIENZA

INIZIATIVE NAZIONALI DI SOCIALIZZAZIONE

Promossa negli ultimi anni - in occasione

L’albo è un’iniziativa utile per

Realizzata la tradizionale Festa dei

Proseguita anche per il 2018 - in

Realizzata anche nel 2018 la campagna

della Giornata Nazionale di prevenzione

riconoscere l’importanza della cultura

nonni e nipoti per favorire il rapporto

collaborazione con il Ministero

in collaborazione con l’Università la

dell’Alzheimer - una campagna di

e dell’esperienza artigiana, oltre che

intergenerazionale (9 - 16 giugno 2018, Isola

dell’Interno, Dipartimento Pubblica

Sapienza di Roma, la Croce Rossa e

prevenzione e sensibilizzazione a

per valorizzare l’impegno profuso e

d’Elba ).

Sicurezza con il contributo della Polizia

l’Istituto De Ritis.

favore degli anziani e delle famiglie, con

il contributo offerto dai pensionati

Realizzata la Festa del Socio per

di Stato, dell’Arma dei Carabinieri e della Guardia di Finanza - la campagna consente di avvicinare, sensibilizzare e informare anziani e famiglie sul tema degli abusi nei confronti delle persone anziane fragili.

I NOSTRI RISULTATI 2018 420.000 circa vademecum e brochure distribuiti con le tipologie di reato più diffuse e consigli su come comportarsi per evitare di esserne vittime.

236

I NOSTRI RISULTATI 2018 25.000 questionari raccolti e trasmessi ai partner dell’Università. L’elaborazione consentirà di effettuare importanti comparazioni con i dati già disponibili, per costruire un quadro sempre più chiaro e definito dello stato attuale dell’evoluzione del fenomeno dell’Alzheimer in Italia

l’obiettivo di diffondere la cultura della

dell’ANAP all’economia e alla crescita del

promuovere la socializzazione degli

corretta alimentazione e del movimento

Paese. L’Albo costituisce un importante

anziani, spesso soli ed esposti al pericolo

a tutte le età per favorire il benessere

archivio da cui attingere per la

della “depressione”. La festa è anche

della persona a 360 gradi. La Campagna è

realizzazione dei progetti sociali con

un momento di incontro a sfondo

stata adottata anche come tema di fondo

cui i pensionati trasmettono la propria

politico sociale (9 – 19 settembre 2018,

di un progetto di servizio civile.

esperienza e il proprio sapere alle nuove

Castellaneta Marina).

generazioni. I NOSTRI RISULTATI 2018 30 scuole coinvolte 4.000 circa questionari somministrati e raccolti 100 libretti informativi distribuiti per ogni Sede Confartigianato

I NOSTRI RISULTATI 2018 I NOSTRI RISULTATI 2018 283 nuovi maestri d’opera e d’esperienza, provenienti da 21 province, iscritti all’albo nel 2018 con oltre un migliaio di riconoscimenti dalla sua istituzione

237

1.200 soci provenienti da diverse province hanno partecipato alla Festa del Socio

200.000

COPIE DI “PERSONE E SOCIETÀ” PER OGNUNA DELLE 3 SPEDIZIONI ANNUALI

68.400

ACCESSI AL PORTALE ANAP SU BASE ANNUA

748

UTENTI ISCRITTI ALLA NEWSLETTER E 19 NUMERI PUBBLICATI

27

CIRCOLARI INFORMATIVE PUBBLICATE


CONFARTIGIANATO IMPRESE

BILANCIO SOCIALE 2018

O B I E T T I V I , AT T I V I TÀ , R I S U LTAT I

3.4

L’AZIONE DI CONFARTIGIANATO PERSONE

INAPA – ISTITUTO NAZIONALE DI ASSISTENZA E DI PATRONATO PER L’ARTIGIANATO

INAIL - Ha affrontato le numerose e com-

ha coniugato la formazione a distanza con

assistenziale, di immigrazione di organizza-

punteggio previsto di un quarto di punto.

Operatore della Famiglia”, per rilevare che

plesse tematiche legate all’infortunio e agli

quella in presenza.

zione degli uffici e aggiornamenti telematici

La possibilità concessa ai patronati si in-

le nuove attività e il nuovo ruolo del Patro-

aspetti controversi dell’occasione di lavoro

quadra in un contesto più generale che ha

nato affiancano quelli tradizionali. Hanno

e alle malattie professionali. Il seminario ha

aperto le porte a un finanziamento misto

partecipato oltre 100 operatori compresi i

rappresentato il primo richiamo in aula di

pubblico e privato. In questo contesto,

responsabili territoriali.

un percorso formativo a distanza tramite la

Responsabili territoriali INAPA - È stata

La scelta dell’oggetto del primo percorso

ne che ha consentito, a partire dal 1 maggio

l’occasione per affrontare tematiche lega-

sulla nuova piattaforma risponde all’esigen-

2018, di incassare 24 euro a fronte delle

te al ruolo del Responsabile territoriale. Il

za di raggiungere l’obiettivo di incrementa-

prestazioni individuate nel decreto del 2013.

percorso, accessibile a tutti i Responsabili,

re l’attività di tutela in ambito INAIL.

Le somme ricevute direttamente dagli

è stato dedicato a quelli di nuova nomina,

Uffici INAPA sul territorio restano nella

per far comprendere a fondo l’importanza

piena disponibilità delle Associazioni terri-

e le funzioni del ruolo rivestito. Sono stati

toriali aderenti a Confartigianato.

esaminati argomenti diversi e complessi

238

stero del Lavoro, la statisticazione delle pratiche e, infine, le nuove attività in con-

55.560

posizioni contributive di lavoratori autonomi e dipendenti gestite

Pensioni di vecchiaia

venzione, le tematiche relative alla nuova 239

Pensioni di anzianità e anticipate

Assegni di invalidità e pensioni di inabilità

2017

Pensioni ai superstiti

Ricostituzioni di pensione

Indennità di disoccupazione, NASpI, ecc

Indennità per maternità

Prestazioni per invalidi civili

Assegno sociale

2018

665

1.184

308

781

847.000 euro per 46.319 pratiche svolte

l’attività ispettiva e i rapporti con il Mini-

57

messaggi

11.080

punti per ciascuna pratica presentata con

ni del Patronato, il mandato di assistenza,

191.862

persone che si sono rivolte a INAPA per domande di prestazioni previdenziali e sociali nel 2018

33

circolari

PRINCIPALI TIPOLOGIE DI PRATICHE ANDATE A BUON FINE E LIQUIDATE DAGLI ENTI DI PREVIDENZA

quali la natura giuridica, struttura e funzio-

zero, almeno tramite l’attribuzione di 0,25

pubblico anche per le pratiche a punteggio

nuova piattaforma per la formazione online.

INAPA e Ministero del Lavoro la Convenzio-

Dal 1° maggio 2018 il Patronato è stato autorizzato ad operare sul mercato, per un importo non superiore a 24 euro, per le prestazioni non rientranti in quelle coperte da finanziamento pubblico. Sono stati versati dagli utenti del servizio circa

Lavoro ha riconosciuto il finanziamento

• Seminario dedicato alla formazione dei

420

partecipanti complessivi a tutti i seminari

12.403

dopo un lungo iter, è stata sottoscritta da

per le sedi periferiche in Italia e all’Estero.

6.456

Solo a partire dal 2013, il Ministero del

nominato: “Da Operatore di Patronato ad

8.732

gli infortuni, le malattie professionali, ecc.).

dell’utente avrebbero dovuto rinunciare al

21.801

differenza che per le domande di pensione,

lari e messaggi in materia previdenziale e

il Nuovo Welfare. Il Seminario è stato de-

22.693

le quali non è attribuito alcun punteggio (a

Questa esperienza è la prima in cui l’INAPA

• Seminario dedicato alla Tutela in ambito

richiesta del contributo diretto da parte

14.670

Patronato ha l’obbligo di svolgere ma per

Elaborate dalla sede Nazionale INAPA circo-

23.047

Si tratta di tutte quelle pratiche che il

zionale INAPA per l’ultimo richiamo in aula.

5.753

presentate con modalità telematica.

ta degli archivi.

6.047

non rientranti nel finanziamento pubblico e

• Seminario Nazionale INAPA per illustrare

1.370

non superiore a 24 euro per le prestazioni

chiarisce che i patronati che optano per la

5.363

dagli utenti o dagli Enti pubblici un importo

COMUNICAZIONE

6.494

tà per i Patronati di ricevere direttamente

A Novembre si è svolto un Seminario Na-

3.241

decreto del 16 settembre 2015 - la possibili-

normativa in materia di Privacy e alla tenu-

3.273

Il Ministero del Lavoro ha stabilito - con

SEMINARI

2.340

CONTRIBUTO DIRETTO DA PARTE DEGLI UTENTI PER PRESTAZIONI NON COPERTE DA FINANZIAMENTO PUBBLICO, PRESENTATE IN VIA TELEMATICA

modalità telematiche. Il decreto del 2015

Immigrazione


CONFARTIGIANATO IMPRESE

CAAF PENSIONATI E DIPENDENTI

BILANCIO SOCIALE 2018

di creare un’unica banca dati delle anagra-

ATTIVITÀ DI FORMAZIONE DEGLI OPERATORI

fiche relative ai clienti del CAAF, utile anche

La professionalità degli operatori e il conti-

CONTROLLI INTERNI E QUALITÀ SERVIZIO

per aumentare la personalizzazione dei

nuo aggiornamento normativo e operativo

servizi oltre che migliorare le azioni di co-

sono garantiti tramite eventi formativi in

Al fine di adeguare il CAAF Confartigianato ai para-

municazione e informazione.

aula e in diretta web streaming, oltre che

L’utilizzo del software unico ha consentito

per l’innalzamento dei livelli di servizio richiesti dalla normativa vigente, sono state intraprese le seguenti azioni: • erogazione dei servizi agli utenti mediante un’unica piattaforma informatica per tutte le società di servizi, al fine di ottenere maggiore uniformità ed efficacia. • archiviazione digitale di tutta la documentazione soggetta al visto di conformità oltre ai Mo-

I NOSTRI RISULTATI 2018 Il CAAF Confartigianato ha consolidato la propria posizione (16° posto) tra i CAF, per numero di Modelli 730 elaborati 4.779 pratiche - controllate (circa il 2% del totale) per la riduzione di errori e relative sanzioni. Il controllo ha coinvolto le società di servizi ed è stato volto a ridurre le pratiche assoggettate, successivamente, al controllo da parte dell’Agenzia delle Entrate: 1.456 le dichiarazioni selezionate per il controllo documentale

salienti anche al fine di raccogliere le adesioni

Nel corso del 2018 il CAAF Confartigianato ha

al progetto da parte delle società di servizi.

promosso lo sviluppo del servizio di consulen-

I NOSTRI RISULTATI 2018

za ed elaborazione della pratica di successio-

PRATICHE ELABORATE SULLA BASE DI APPOSITE AUTORIZZAZIONI MINISTERIALI E CONVENZIONI DI SERVIZIO CON INPS1

Nel 2018 la formazione agli operatori ha previsto la realizzazione di due corsi sul

I NOSTRI RISULTATI 2018

ne ereditaria, anche in forza del fatto che per quest’anno è stata introdotta la modalità tele-

51 società di servizi hanno aderito al progetto “Successioni e Volture” nominando uno o più referenti del servizio per l’obbligo formativo 7 eventi organizzati per la formazione tecnico - operativa e civilistica, ai quali hanno partecipato 148 operatori idonei a erogare il servizio 1.527 pratiche relative al servizio successioni e volture nel 2018

matica di presentazione della dichiarazione. Il progetto proposto alle sedi territoriali prevede la possibilità di fruire della formazione specifica, della consulenza dell’esperto sui quesiti inoltrati, mediante l’utilizzo del software messo

di esperienza e l’altro rivolto agli operatori

2016

esperti.

• 1 diretta streaming,

nazionale;

• 10 incontri con docenti in aula a cui hanno

32.101

300.396 306.656 310.779

La formazione e l’aggiornamento degli ope-

un’unica banca dati, accessibile anche dalla sede

64.619

73.417

• l’invio di circolari e manuali operativi SEAC,

tà, anche tramite corsi online, con la possibilità

• l’utilizzo della “Guida al visto di conformità” redatta sotto forma di circolare dell’ammi-

2017

2018

30.175

75.257

26.130 20.393 8.315

partecipato 560 operatori,

operatori per innalzare il livello di professionali-

240

fondimenti periodici.

circolari specifiche sono stati illustrati i punti

volto agli operatori con meno di due anni

CAAF Confartigianato.

ratori si è svolta anche tramite:

di ottenere l’attestato di superamento del corso.

• l’invio di circolari esplicative e di appro-

a disposizione dal CAAF Confartigianato. Con

NUOVI SERVIZI ALLA PERSONA SUCCESSIONI E VOLTURE

Modello 730/2018: il primo - di base - ri-

formazione a distanza personalizzata per il

delli 730/2018 elaborati, in modo da disporre di

• razionalizzazione dell’offerta formativa agli

nistrazione finanziaria,

L’AZIONE DI CONFARTIGIANATO PERSONE

35 ore di formazione erogate in 23 moduli didattici per il corso di base 10 ore di formazione erogate in 8 moduli didattici per il secondo corso 1.182 operatori iscritti alla piattaforma informatica della formazione 410 operatori hanno completato i corsi, con rilascio dell’attestato di partecipazione a seguito dell’esame finale 772 operatori hanno registrato l’accesso ad alcuni moduli didattici.

l’utilizzo di una piattaforma informatica di

metri di qualità e idoneità tecnico – organizzativa

3.4

O B I E T T I V I , AT T I V I TÀ , R I S U LTAT I

1.527

0 Modelli 730 1

Modelli ISEE

Modello RED

Modello INVCIV

Successioni

Si evidenza per le pratiche RED e INVCIV che la "campagna 2018" è stata avviata, su indicazione dell'INPS, a dicembre 2018. Nel 2018 è stato avviato il servizio di consulenza ed elaborazione pratiche di successione ereditaria (v. infra)

241


CONFARTIGIANATO IMPRESE

BILANCIO SOCIALE 2018

O B I E T T I V I , AT T I V I TÀ , R I S U LTAT I

3.4

L’AZIONE DI CONFARTIGIANATO PERSONE

ANCoS - ASSOCIAZIONE NAZIONALE

A dicembre 2018 si sono conclusi due pro-

Nel corso del 2018, inoltre, sono state rac-

I due progetti sono in fase di valutazione da

PROGETTO DEFIBRILLATORI

PROGETTO SOS TRUFFE

COMUNITÀ SOCIALI E SPORTIVE

getti avviati a dicembre 2017:

colte le candidature relative al progetto

parte delle commissioni nominate dal Di-

Il successo della prima edizione del proget-

Il progetto prevede l’attivazione nel 2019 di

• Orientati all’assistenza: volontari per le

Orientati all’assistenza: volontari per le fa-

partimento competente.

to (nel 2017) e la necessità di dotare centri

un servizio telefonico, tramite numero ver-

famiglie - Progetto per la mappatura dei

miglie – Seconda campagna nazionale - che

sportivi e aree ricreative di defibrillatori a

de, per ascoltare e raccogliere le richieste

servizi alla famiglia presenti nei terri-

ha portato alla selezione di 30 giovani tra 18

norma, ha determinato, nel 2018, l’avvio della

e le denunce degli anziani, dei loro familiari

tori convolti e la raccolta dei fabbisogni

e 28 anni da avviare a gennaio 2019 al servi-

seconda edizione.

o dei conoscenti in merito a truffe, raggiri,

espressi dall’utenza, distinti per categoria,

zio civile.

genere e classe d’età, al fine di compren-

Infine, a seguito della pubblicazione dell’Av-

dere l’efficacia delle risposte già presenti

viso pubblico del 16 ottobre 2018, l’ANCoS

e la necessità di colmare eventuali lacune.

ha presentato due nuovi progetti nazionali:

• Manteniamo il Passo, seconda campagna

“Più sicuri insieme: terza campagna nazio-

nazionale - Progetto rivolto a bambini e

nale contro le truffe e gli abusi agli anzia-

ragazzi di età compresa fra i 9 e i 16 anni,

ni” – con il coinvolgimento di 22 sedi e 44

volto a raccogliere dati e informazioni

potenziali volontari - e “Maestri si diventa:

sulle abitudini alimentari dei ragazzi e sui

giovani per i giovani contro l’esclusione so-

loro stili di vita. All’attività di raccolta dati è

ciale e la povertà educativa” per la diffusio-

stata affiancata un’attività di informazione

ne della cultura del lavoro e dell’artigianato

e sensibilizzazione, mediante la distribu-

fra i NEET e i giovani disoccupati, l’inclusio-

zione di materiale informativo e l’organiz-

ne e la partecipazione alla vita sociale delle

zazione di eventi a tema alla presenza di

categorie svantaggiate e la promozione

esperti del settore.

della solidarietà intergenerazionale, che

SERVIZIO CIVILE Le iniziative, della durata di 12 mesi, hanno impegnato i volontari - affiancati da operatori locali - in attività di sensibilizzazione, informazione e ricerca in diversi ambiti: sanità e prevenzione, sicurezza e tutela delle categorie più fragili, assistenza e informazione alle famiglie, diffusione di stili di vita attivi e abitudini alimentari corrette. Con la Riforma del Terzo Settore, l’introduzione del Servizio Civile Universale e l’istituzione di un Nuovo Registro Nazionale degli Enti di Servizio Civile Universale, è stato necessario adattarsi ai nuovi requisiti, con l’accreditamento di più di 100 sedi locali e di una sede estera oltre che dei sistemi autonomi di formazione, selezione, monitoraggio e certificazione delle competenze e di specifiche figure di riferimento per ogni servizio. 242

I NOSTRI RISULTATI 2018 2 progetti di servizio civile conclusi nel 2018 45 volontari impegnati in altrettante sedi territoriali 13 Regioni contemporaneamente coinvolte

PROGETTO TRASPORTABILE Nel corso del 2018 si è concluso il progetto plu-

I NOSTRI RISULTATI 2018 40 ulteriori defibrillatori acquistati e distribuiti nel 2018, per un totale di 85 defibrillatori, consegnati a Comitati provinciali, Associazioni Dilettantistiche Sportive (ASD) o Enti Locali

dei disabili, grazie all’acquisto, con l’impiego del

PROGETTO SOLLEVATORI PER DISABILI

contributo 5 per mille, di ulteriori 5 mezzi.

Acquistati e donati 21 sollevatori per disabili

I NOSTRI RISULTATI 2018 5 furgoni attrezzati acquistati e consegnati per il trasporto dei disabili nel 2018, per un totale complessivo di 62 mezzi

coinvolge 21 sedi che potranno accogliere 39 volontari in servizio civile.

243

fornire in tempo utile informazioni e suggerimenti sulle azioni da intraprendere. Il servizio sarà operativo 10 ore al giorno (dalle ore 9 alle 14 e dalle ore 14 alle 19) grazie all’ausilio di 2 operatori formati.

riennale finalizzato a dotare tutti i Comitati provinciali di un furgone attrezzato per il trasporto

abusi o tentativi subiti dagli interessati, e

(fissi, mobili o per piscina) destinati a strutture di accoglienza. I NOSTRI RISULTATI 2018 21 sollevatori per disabili acquistati e donati contro l’isolamento e per alleviare il lavoro degli assistenti

Il progetto rappresenta l’evoluzione della campagna nazionale di sensibilizzazione e informazione “Più sicuri insieme”, realizzata da ANCoS, ANAP e Confartigianato in collaborazione con il Ministero dell’Interno e con le Forze dell’Ordine.


CONFARTIGIANATO IMPRESE

BILANCIO SOCIALE 2018

O B I E T T I V I , AT T I V I TÀ , R I S U LTAT I

3.4

L’AZIONE DI CONFARTIGIANATO PERSONE

PROGETTI REALIZZATI ALL’ESTERO GRAZIE AL CONTRIBUTO 5 PER MILLE PROGETTO LIM: LA SCUOLA DIGITALE

INTERVENTI POST SISMA PROGETTO “CASA AMATRICE”

PROGETTO OSSERVATORIO SOCIALE

Il progetto ha l’obiettivo di rispondere alle

ANCoS, di concerto con l’amministrazione

L’Osservatorio della Terza Età è uno stru-

SMILING CHILDREN TOWN (ETIOPIA)

necessità degli studenti di avere accesso ad

comunale del centro colpito dal sisma, ha

mento flessibile e valido scientificamente per

L’ANCoS ha voluto continuare a finanziare,

REALIZZAZIONE PIZZERIE, CASEIFICIO, PASTIFICIO (GIORDANIA)

attività educative digitali al passo con la tec-

destinato una parte del contributo 5 per mil-

leggere la realtà della terza età, capirne i

un piccolo ma importante progetto volto alla

Visto il grande successo della pizzeria di

nologia. Questa iniziativa intende fornire un

le all’acquisto di un prefabbricato in legno di

bisogni e le tendenze e offrire possibili so-

gestione di un centro di accoglienza per

Jabal Amman, avviata negli scorsi anni con

aiuto concreto, donando le attrezzature ne-

pino con il sistema block-house da destinare

luzioni. Della terza età si è cercato di rilevare

bambini di strada nella città di Soddo, nella

l’impegno del Patriarcato Latino di Gerusa-

cessarie per la realizzazione di spazi cogni-

a centro di aggregazione, sala riunioni, an-

soprattutto lo stato di salute inteso come

regione del Wolayta, in Etiopia.

lemme, l’ANCoS ha voluto contribuire a ri-

tivi ed emozionali che coadiuvino la didattica

golo cinema e teatro, per offrire uno spazio

valutazione che gli stessi anziani danno - tra-

Il progetto ha permesso ai bambini di fre-

proporre il progetto anche nelle parrocchie

e incentivino l’incontro (anche online) con le

comune di incontro, aggregazione, dialogo,

mite questionari sottoposti con frequenza

quentare la scuola continuativamente, ac-

di Anjara, MAR YOUSEF e Ader in Giordania, a

imprese del territorio.

oltre che per lo svolgimento di attività ludiche

annuale a centinaia di cittadini - al proprio

cedendo all’istruzione primaria in maniera

servizio anche della casa dei bambini che ac-

Le sedi territoriali stanno provvedendo ad

nel tempo libero di bambini, adulti e anziani.

tempo di vita e al mondo che li circonda,

più semplice, organizzata e dignitosa, oltre

coglie minori orfani con disagi e problemati-

dalla pubblica amministrazione al medico di

che di beneficiare di servizi fondamentali

che psico-fisiche.

medicina generale.

di assistenza sanitaria, alimentare, sociale

Il progetto prevede l’acquisto di un forno

L’ANCoS ha contribuito al finanziamento di

ed educativa, restituendo dignità alle popo-

elettrico, di una impastatrice e della minima

una parte del progetto attraverso l’impiego

lazioni dei territori coinvolti e consentendo

attrezzatura necessaria per preparare piz-

del contributo 5 per mille, in particolare so-

alle fasce più fragili e vulnerabili di uscire

za e pane per gli ospiti della casa famiglia.

stenendo le spese relative alla formazione

dalla condizione di estremo disagio con cui si

Nella parrocchia di Jabal Amman, in Giorda-

degli operatori coinvolti.

confrontano quotidianamente.

nia, il Patriarcato ha avviato una piccola pro-

individuare le scuole e gli enti di formazione a cui assegnare le attrezzature. In alcuni casi si prevede la realizzazione di un concorso di idee con il coinvolgimento degli alunni di diverse scuole per l’assegnazione del Kit all’istituto che risulterà più meritevole. I NOSTRI RISULTATI 2018

I NOSTRI RISULTATI 2018 La consegna è già avvenuta e si sta procedendo all’allestimento e alla sistemazione del prefabbricato, in modo da renderlo fruibile nel più breve tempo possibile.

I NOSTRI RISULTATI 2018

34 kit LIM consegnati ad altrettante sedi territoriali. Il kit comprende LIM, videoproiettore, casse e notebook

1.400 circa i bambini coinvolti ogni anno nell’iniziativa

duzione di pasta fresca ed è stato effettuato un mini corso di formazione per profughi iracheni. L’idea è quella di acquistare qualche macchinario artigianale per poter aumentare la produzione. Il contributo concesso da ANCoS permetterà anche di poter sostenere almeno per i primi mesi lo stipendio di alcuni rifugiati coinvolti in questo nuovo progetto.

244

245


CONFARTIGIANATO IMPRESE

HOGAR NINO DIOS A BETLEMME (PALESTINA)

BILANCIO SOCIALE 2018

lica della Natività. La struttura che si occupa

6

progetti realizzati con il contributo del 5 per mille nell’ambito della Cooperazione internazionale allo sviluppo in Etiopia, Palestina e Giordania

di bambini con disabilità diverse, abbandonati e in stato di grave necessità, può accogliere fino a 50 bambini. È un centro vivo e attivo, che ospita una scuola interna per

16

progetti realizzati con l’impiego del contributo del 5 per mille in Italia

740

mila euro l’importo complessivo dei progetti finanziati

minori con disabilità, laboratori di apprendimento e un centro di fisioterapia. L’Opera accoglie bimbi cristiani e musulmani ed è totalmente gratuita per chi vi abita. Il contributo di ANCOS rappresenta per il centro un aiuto concreto per gestire e portare avanti le attività quotidiane. I NOSTRI RISULTATI 2018 2.000 copie di “nuovi percorsi” per ognuna delle 3 spedizioni annuali

1.300 accessi al portale ancos 456 utenti iscritti alla newsletter

L’AZIONE DI CONFARTIGIANATO PERSONE

Dal 2016, l’ANCoS è stata ammessa al riparto del contributo 2 per mil-

Le iniziative, che verranno realizzate da restauratori esperti con il

le alle associazioni culturali. La commissione di valutazione delle pro-

supporto delle Diocesi e delle Amministrazioni comunali di compe-

poste progettuali giunte dal territorio e promosse a livello nazionale,

tenza a seguito delle autorizzazioni rilasciate dagli uffici di Soprin-

ha stabilito di impiegare l’intero ammontare del contributo liquidato

tendenza competenti, dimostrano l’attenzione che l’associazione

nel 2018 per la realizzazione dei seguenti progetti:

rivolge alla tutela dei territori, anche tramite la promozione e il recupero del patrimonio storico e artistico locale.

NOVARA

Restauro monumenti ai caduti Stadio Pioli e Patti

L’ANCoS, inoltre, ha destinato una porzione del contributo al progetto

PADOVA

Restauro trittici Madonna con bambino

“Percorsi accoglienti”, che propone una nuova modalità di organiz-

Restauro decori abside san Clemente

zazione e gestione dell’accoglienza che vede protagoniste le piccole

Valorizzazione patrimonio culturale e antichi mestieri

botteghe artigiane. Grazie ad apposite guide predisposte da esperti

Restauro Laboratorio San Bartolomeo

del settore, a un marchio riconoscibile e a percorsi formativi, le bot-

Restauro dipinti murali Chiesa Santa Maria in Valleverde - Celano

teghe diverranno vere e proprie “porte del territorio”, “mestieri nar-

RAVENNA

Progetti ANCoS in Italia per ambito

20082016

2017

2018

Cultura e musica

9

5

2

PRATO

Tempo libero e sport

7

2

3

AVEZZANO

Solidarietà, emergenze sociali e salute

15

6

10

VITERBO

Restauro dipinti altare maggiore

ranti” capaci di attrarre chiunque desideri entrare in contatto con le

FOLIGNO

Restauro Sala Zuccari Comune di Spello

realtà territoriali coinvolte, sia dal punto di vista storico e artistico,

SAVONA

Realizzazione Laboratorio ceramiche Fossato S. Anna

sia in ambito enogastronomico, paesaggistico e dell’accoglienza a

IMPERIA

Ripristino Polittico Sacra Famiglia

360 gradi.

PALERMO

Restauro Leoni Bronzei e portone d’ingresso Foyer Teatro Massimo

AREZZO

ENNA

Restauro Pala d’altare Chiesa dei Cappuccini

SIRACUSA

Restauro macchinari Museo della mandorla di Avola

MESSINA

Recupero ciborio e tabernacolo cattedrale 1500

LECCE

246

3.4

CONTRIBUTO 2 PER MILLE ALLE ASSOCIAZIONI CULTURALI

I PROGETTI

L’ANCoS ha finanziato il centro di accoglienza “Hogar Nino Dios”, a pochi metri dalla Basi-

O B I E T T I V I , AT T I V I TÀ , R I S U LTAT I

247

Restauro Portone Ligneo Cattedrale


BILANCIO SOCIALE 2018

CONFARTIGIANATO IMPRESE

O B I E T T I V I , AT T I V I TÀ , R I S U LTAT I

3.5

LE ATTIVITÀ TRASVERSALI

3.5 LE AT TIVITÀ TRASVERSALI

3.5.1 ATTIVITÀ DI STUDIO E ANALISI 85

pubblicazioni

762

tweet su contenuti e analisi dell’Ufficio Studi

30

presentazioni a eventi, convegni, seminari

553.100

visualizzazioni dei tweet pubblicati

248

news a cura dell’Ufficio Studi per il portale Confartigianato

75

newsletter di segnalazione pubblicazioni e news studi

istituzionali, giunto alla 13° edizione, ha pro-

della rendicontazione: Fisco, Lavoro e forma-

l’Italia - il 95,2% delle imprese e la metà degli

Presentato in occasione dell’Assemblea

posto analisi che sintetizzano il percorso di

zione, Competitività, Credito, Welfare, Sem-

addetti (45,3%).

di metà anno, aperta a tutti gli stakeholder

ricerca svolto in relazione ai 7 temi chiave

plificazione, Territorio e Ambiente.

Nella realizzazione delle sue attività l’Ufficio Studi si relaziona prevalentemente con: Istat,

44

uscite sulla rubrica settimanale di QE - Quotidiano Energia

IL RAPPORTO ANNUALE

284

pubblicazioni realizzate dagli Osservatori in rete

Banca d’Italia, Uffici statistici di Enti della PA, Università, Uffici studi degli istituti di credito, altri centri di ricerca pubblici e privati.

Le analisi dell’Ufficio Studi costituiscono un

di servizio. Analogamente, le analisi di con-

Nell’ambito dell’elaborazione di dati da fonti

esclusivo strumento di lavoro per le Orga-

testo e di finanza pubblica intrecciano ele-

statistiche ufficiali l’Ufficio Studi e gli Osser-

nizzazioni del Sistema Confartigianato un

menti informativi della rappresentanza con

vatori in rete hanno effettuato cinque segna-

punto di riferimento per lo studio dell’e-

evidenze indispensabili per la progettazione

lazioni a primarie istituzioni produttrici di

conomia della piccola impresa per tutti gli

e l’offerta di servizi da parte del Sistema Con-

statistiche - nazionali ed internazionali - che

altri stakeholder. Nelle pubblicazioni sono

fartigianato.

hanno portato a successive revisioni da par-

presenti numerosi dati su scala regionale

I lavori dell’Ufficio Studi presentano una par-

te degli enti interessati, contribuendo al mi-

e provinciale, utilizzati con frequenza dalle

ticolare attenzione ai settori a maggiore pre-

glioramento della qualità dell’informazione

Organizzazioni territoriali per la valutazione

senza di imprese artigiane e in generale alle

statistica pubblica.

degli effetti delle politiche sul sistema delle

micro e piccole imprese.

imprese, in particolare su quelle di piccola

Le chiavi di lettura proposte acquistano valo-

dimensione.

re in un contesto in cui regolamenti comuni-

In generale, le analisi sulle imprese esamina-

tari sulla produzione di statistiche in diversi

no i mercati di sbocco, la produzione e i mer-

ambiti dispongono l’obbligo di rilevazione

cati dei fattori di produzione, elaborando dati

solo per le imprese con 10 addetti e oltre,

a supporto delle attività di rappresentanza e

escludendo dal campo di osservazione - per

248

GLI AMBITI SCIENTIFICI DELLE ANALISI STRUTTURA DELLE IMPRESE, DEI SISTEMI PRODUTTIVI E DEI MERCATI

EFFETTI DELLE POLICY SUL SISTEMA DELLE IMPRESE, IN PARTICOLARE DI QUELLE DI MINORE DIMENSIONE

ECONOMIA TERRITORIALE

MERCATO DEL LAVORO

ANALISI DELLA CONGIUNTURA

COMMERCIO ESTERO E INTERNAZIONALIZZAZIONE

POLITICA DELLA CONCORRENZA

FINANZA PUBBLICA

FISCALITÀ DI IMPRESA ED EFFICACIA DELLA SPESA PUBBLICA

WELFARE

SERVIZI PUBBLICI LOCALI

INNOVAZIONE

DIGITALIZZAZIONE DELL’ECONOMIA

DISTRETTI, RETI E RELAZIONI DI SUBFORNITURA

GREEN ECONOMY ED ECONOMIA CIRCOLARE

RELAZIONI TRA IMPRESE, CITTADINI E PA

MERCATO DEL CREDITO

ENERGIA

249


BILANCIO SOCIALE 2018

CONFARTIGIANATO IMPRESE

O B I E T T I V I , AT T I V I TÀ , R I S U LTAT I

3.5

LE ATTIVITÀ TRASVERSALI

LE PUBBLICAZIONI

pubblicazioni propone analisi con dati regio-

mici a supporto dell’attività delle Categorie:

GLI OSSERVATORI IN RETE

network degli Osservatori sono fonte di dati,

Tra le pubblicazioni dell’Ufficio Studi sono fre-

nali e il 72% propone anche dati provinciali; in

l’81% delle pubblicazioni contiene analisi set-

L’analisi territoriale viene focalizzata, perso-

elaborazioni e analisi per tutte le Regioni e

quenti le analisi territoriali, messe a disposi-

sette pubblicazioni su dieci (71%) le analisi pro-

toriali e nel dettaglio; il 24% sono centrate su

nalizzata e approfondita grazie a 8 Osserva-

le Provincie italiane, con ricadute favorevoli

zione delle Organizzazioni confederate, che in

pongono comparazioni a livello internazionale.

uno specifico settore e un ulteriore 58% con-

tori in rete che cooperano con la Direzione

per le Organizzazioni confederate che non

EVENTI, SEMINARI E CONVEGNIDI CONFARTIGIANATO E DELLE ASSOCIAZIONI DEL SISTEMA CONFARTIGIANATO

molti casi le utilizzano nei confronti dei rispet-

L’attività dell’Ufficio Studi propone in modo

tiene elaborazione di dati settoriali.

scientifica del Responsabile dell’Ufficio Studi.

appartengono alla rete degli Osservatori.

L’Ufficio Studi ha svolto presentazioni di ana-

tivi stakeholder locali. Nel dettaglio l’87% delle

diffuso chiavi di lettura di fenomeni econo-

Nel corso del 2018 gli Osservatori hanno rea-

lisi e dati nel corso di 30 eventi (seminari,

lizzato 284 pubblicazioni diffuse e comunica-

webinar e convegni) di Confartigianato e del-

te agli stakeholder di ciascuna Organizzazione

le Associazioni del Sistema, anche con la par-

aderente che gestisce l’Osservatorio in rete.

tecipazione dei principali stakeholder locali.

PUBBLICAZIONI PER TEMA 2017 37%

2018

35% 19

21 12

15

Lavoro e formazione

Fisco

GLI UFFICI STUDI DI:

•C  onfartigianato

• Confartigianato Veneto

Lombardia •C  onfartigianato Emilia Romagna

• Confartigianato Marche • Confartigianato Vicenza

• Confartigianato Sicilia

10

10

9

8

8

6

5

5

Competitività

GLI OSSERVATORI MPI DI:

Credito

Territorio e ambiente

Semplificazione PPAA

Welfare

•C  onfartigianato

Sardegna •C  onfartigianato Piemonte

Nell’ambito dei seminari e convegni sul terri-

RUBRICA SETTIMANALE “IMPRESE ED ENERGIA” DI QE-QUOTIDIANO ENERGIA Un filone specifico di analisi è dedicato agli stakeholder nell’ambito dell’energia e dei servizi pubblici locali.

DIFFUSIONE E COMUNICAZIONE DELLE PUBBLICAZIONI

e ai giornalisti per l’attività di comunicazione.

Studi sono utilizzati per analisi e approfondi-

L’Ufficio Studi guida il lavoro di analisi e ri-

Dal 2009, l’Ufficio ha pubblicato oltre quattro-

Inoltre, alcuni lavori dell’Ufficio Studi vengono

menti da parte dei principali media nazionali.

cerca che risponde alle sollecitazioni prove-

cento articoli nella rubrica settimanale “Im-

utilizzati per integrare position paper predi-

Nel corso del 2018 si è consolidato l’utilizzo

nienti dagli stakeholder delle Organizzazioni

prese ed Energia” di QE-Quotidiano Energia,

La policy di diffusione dei lavori, esclusiva-

sposti dalle Direzioni competenti e diffusi agli

dei dati territoriali prodotti dall’Ufficio Stu-

confederate degli Osservatori in rete.

quotidiano specializzato del settore. Numerosi

mente accessibili dalla Intranet Confederale

stakeholder interessati ai differenti temi.

di e dagli Osservatori in rete da parte delle

Gli Osservatori - che mettono a sistema il ca-

articoli sono stati ripresi in rassegne stampa

riservata alle Organizzazioni aderenti a Con-

I principali lavori dell’Ufficio hanno determi-

Organizzazioni confederate a supporto delle

pitale umano e le competenze di 3 statistici

da imprese operanti nel settore delle utilities e

fartigianato, prevede che gli altri soggetti ed

nato un impatto sociale sul piano culturale

attività di comunicazione.

e 5 economisti - realizzano significative eco-

utilizzati, con la citazione della fonte, per analisi

Enti interessati possano richiedere i docu-

e della conoscenza, diffondendo il punto di

nomie di rete: numerosi lavori realizzati nel

da parte di altre Organizzazioni ed Enti.

menti. In particolare, le elaborazioni vengono

vista e la chiave di lettura di Confartigianato

messe a disposizione dei ricercatori e dei do-

sui fenomeni economici e sociali analizzati.

centi universitari per le loro attività di ricerca

Dati e analisi provenienti dai lavori dell’Ufficio

250

251

torio sono state rilasciate interviste ai media locali, selezionando i contenuti più adatti alla comunicazione.


CONFARTIGIANATO IMPRESE

BILANCIO SOCIALE 2018

O B I E T T I V I , AT T I V I TÀ , R I S U LTAT I

3.5

LE ATTIVITÀ TRASVERSALI

3.5.2 FORMAZIONE DI SISTEMA

raccordo con le linee di politica confederale

LA SCUOLA DI SISTEMA

Tramite la Scuola di Sistema, Confartigianato realizza e gestisce tutte

valorizzare, sia pure nell’ambito di un progetto comune, gli specifici

riguardanti l’ambito della formazione profes-

La Formazione di Sistema centra la sua azio-

le iniziative formative e di sviluppo organizzativo di carattere interno:

fabbisogni formativi.

L’attività di formazione del Sistema Confede-

sionale rivolta alle imprese, coordina il Tavo-

ne sullo sviluppo della capacità competitiva

• corsi di formazione per lo sviluppo delle competenze di ruolo e delle

Anche nel corso del 2018, il tema delle relazioni industriali è stato cen-

rale presiede i processi di sviluppo profes-

lo degli Enti di Formazione del Sistema Con-

del Sistema Confartigianato, coniugando ef-

sionale del gruppo dirigente e del personale

fartigianato per l’elaborazione di strategie

ficacia, efficienza organizzativa e benessere

interno, in coerenza con le linee strategiche

di azione comuni, l’identificazione delle aree

personale in un contesto in continuo e rapi-

e gli obiettivi definiti dalla Confederazione.

di intervento e la realizzazione di progetti a

do cambiamento.

La formazione è caratterizzata da un approc-

valore aggiunto di carattere nazionale.

cio di collaborazione e trasversalità tra tutte

Nel 2018, sono state coinvolte nelle attività di

le realtà del Sistema Confederale. Si estende, inoltre, a tutte le realtà esterne che contribuiscono alla riuscita delle diverse iniziative tra cui Università, liberi professionisti e società di consulenza. Questa sinergia garantisce un alto livello di innovatività e corrispondenza con le reali necessità organizzative, fonda-

13*

aree professionali a livello nazionale e territoriale2

21

Federazioni regionali

105

Associazioni territoriali

• seminari di formazione e informazione su temi cardine del contesto e argomenti centrali della realtà economica, politica e sociale; • attività di formazione su valori, cultura dell’organizzazione e strategia del Sistema;

639

ore di formazione erogate di cui 579 in presenza e 60 online 52,7 3 ore in media di formazione procapite

formazione:

aree professionali;

1.114

partecipanti alle iniziative formative, 1.087 in presenza e 27 on line +14% rispetto al 2017

92

sessioni formative totali, tra corsi in presenza, online, workshop, attività seminariali e di approfondimento

• attività di consulenza e progetti di sviluppo organizzativo per le diverse realtà del Sistema Confartigianato. riali organizzati per le Associazioni territoriali e per le aziende associate. La Scuola di Sistema ha voluto aumentare la propria capacità e forza disseminativa tramite laboratori di carattere territoriale, sperimentando partnership con soggetti esterni per la condivisione di percorsi di azione comuni.

elevatissimo grado di complessità a livello

Nel 2018, sulla base delle linee trasversali di interesse dell’intero Si-

economico, politico e sociale.

stema, sono stati organizzati 16 seminari territoriali nell’ambito dell’a-

La Formazione di Sistema, inoltre, in stretto

rea professionale di Europrogettazione in partnership con AssoEpi (Associazione degli Euro Progettisti Italiani) e la Direzione Relazioni

3 Le ore medie pro-capite rappresentano una media statistica.

252

tà, corporate governance, welfare privato e regolazione nel Sistema dell’Artigianato”. Il percorso, organizzato con la Direzione Politiche Sindacali e del Lavoro, ha visto la docenza dei massimi esperti del settore. Sono proseguiti anche i corsi residenziali standard della Scuola di Sistema.

• attività di supporto alla realizzazione di percorsi formativi territo-

mentali in un contesto caratterizzato da un

2 Le Aree professionali coinvolte nel 2018 hanno riguardato: Ambiente e Sicurezza; Europrogettazione; Fiscale; Mercato del Lavoro; Formazione Professionale; Formazione Settore restauro; Formazione Settore moda; Sindacale; Turismo, Innovazione; Reti e Strategie Digitali; Internazionalizzazione; CAAF

trale e ha visto la realizzazione di un percorso formativo su “Bilaterali-

Istituzionali. La scelta di realizzare i seminari a livello territoriale ha consentito di ampliare sempre più la platea dei destinatari della formazione e di 253

LE PRINCIPALI ATTIVITÀ 2018 FORMAZIONE ONLINE – PIATTAFORMA CONFARTIGIANATO È proseguita, in affiancamento alla formazione tradizionale, la formazione a distanza, grazie all’utilizzo della piattaforma on line.

27

utenti hanno effettuato l’accesso alla piattaforma

1.620

ore di formazione complessive più del doppio rispetto al 2017


CONFARTIGIANATO IMPRESE

BILANCIO SOCIALE 2018

Sulla scorta delle possibilità legislative introdotte dalla tematica riguardante Impresa 4.0, è stato organizzato e concluso il progetto

O B I E T T I V I , AT T I V I TÀ , R I S U LTAT I

“Le competenze digitali per il lavoro che cambia” in partnership con CINI - Consorzio InterUniversitario per l’Informatica - la Direzione Politiche Economiche e con il Settore Mercato del Lavoro e Formazione Professionale. L’attività di formazione è stata effettuata in modalità ‘blended’ (sia formazione a distanza che in presenza) e ha visto la partecipazione dei funzionari Confartigianato specializzati nel settore innovazione e strategie digitali. Accanto all’attività di formazione, a partire da ottobre 2018, la Scuola

Corso di formazione “Safety Coaching” per formatori (2 edizioni da 12 ore ciascuna) rivolto al personale delle Associazioni territoriali e delle Società di servizio che svolge i compiti di docente nei corsi in materia di salute e sicurezza sul lavoro (valido per l’aggiornamento quinquennale di ASPP/RSPP ex art. 32 D.lgs. 81/08). Il corso rivolto a 30 partecipanti vale anche come aggiornamento professionale ASPP/RSPP Percorso iniziale dedicato al tema “Aiuti di stato alla formazione” (8 ore). Primo seminario applicativo a cui, nel 2019, seguirà un secondo momento di formazione nell’ambito del quale sarà presentato un manuale operativo (copyright Scuola di Sistema) che costituirà la base interpretativa per le operazioni inerenti questo delicato settore di attività.

di Sistema si è dotata di uno strumento informatico di anagrafica online che, nel corso del 2019, entrerà a regime e consentirà di gestire tutte le attività organizzative delle sessioni formative in modalità informatica (a partire dalle iscrizioni).

WORKSHOP

Alcune iniziative di formazione specifiche

Attività di formazione specifica su temi inerenti la materia fiscale (24 ore). Percorsi formativi in materia di ravvedimento operoso in regime di IVA e imposte dirette e sul tema delle operazioni straordinarie e riorganizzazione aziendale.

workshop realizzati più che quadruplicati dal 2017

407

funzionari del Sistema Confederale coinvolti più che raddoppiati dal 2017

335

ore di formazione complessive più che triplicate dal 2017

In particolare, sono stati realizzati: • 16 workshop territoriali, organizzati in 32 giornate formative, sulle Metodologie e Tecniche dell’Europrogettazione, in collaborazione con la Direzione Relazioni istitu-

Percorso formativo riguardante l’Export Management. Formazione Specialistica in Materia Doganale (16 ore). Percorso formativo riguardante il settore Turismo (24 ore). Valorizzazione turistica del genius loci e del turismo enogastronomico.

zionali; • 5 Workshop, di cui 4 territoriali e 1 nazionale, sul tema delle successioni, in collaborazione con CAAF Nazionale; • 4 workshop, organizzati in 8 sessioni formative per totale di 36 ore, su Bilateralità, Corporate Governance, Welfare privato e Regolazione nel Sistema dell’Artigianato,

254

255

LE ATTIVITÀ TRASVERSALI

in collaborazione con la Direzione Politiche

Realizzati, dalla Scuola di Sistema, workshop su temi di interesse specifico, con una forte componente di impatto nell’ambito applicativo.

36

3.5

Sindacali e del Lavoro; • 5 workshop nazionali riguardanti “Le competenze digitali per il lavoro che cambia”, collocati nell’ambito del progetto CINI-Confartigianato. Sono state organizzate, specificatamente per le imprese associate, le seguenti attività informative/formative: • 1 Workshop territoriale sul tema “Europa: le opportunità come crescita competitiva”, in partnership con Direzione Relazioni Istituzionali; • 2 workshop territoriali basati sulle Tecniche di Export, in partnership con Direzione Politiche Economiche - Settore Internazionalizzazione • 1 workshop nazionale dedicato al Settore restauro, organizzato con Direzione Politiche Economiche e la Categoria.

CONSULENZA AL SISTEMA CONFEDERALE IN MATERIA DI FORMAZIONEE Sono proseguite diverse attività di consulenza e supporto alle realtà Confederali, con l’obiettivo di innescare processi di miglioramento continuo, sia tramite il supporto alla ricerca dei docenti sia tramite la scelta delle modalità più efficaci di intervento nell’area della formazione. Nel quadro delle competenze della Direzione Politiche Sindacali e del Lavoro – Settore Mercato del Lavoro e Formazione Professionale, è stato coordinato un gruppo di lavoro per la presentazione di un progetto sul Dialogo Sociale, a valere su un Avviso ANPAL, finalizzato alla realizzazione di formazione specialistica in materia di dialogo sociale per l’aumento delle competenze e delle abilità professionali dei delegati/operatori delle parti sociali.


CONFARTIGIANATO IMPRESE

3.5.3 INFORMAZIONE, COMUNICAZIONE E MARKETING ASSOCIATIVO INFORMAZIONE E COMUNICAZIONE

BILANCIO SOCIALE 2018

iniziative dell’Ufficio stampa che hanno riscosso l’attenzione dei media.

O B I E T T I V I , AT T I V I TÀ , R I S U LTAT I

e 28 servizi radio-televisivi; • La Summer School del 10 e 11 settembre, è

Tra queste si segnalano:

stata annunciata il 9 settembre sul Corrie-

• la Campagna stampa “Fateci una bella sor-

re della Sera e ripresa con 66 articoli sui

presa: non fateci sorprese” lanciata il 30

quotidiani e 33 servizi radio-televisivi.

gennaio e condivisa con il Sistema Confar-

• La Convention Mezzogiorno, del 4 e 5 ot-

tigianato per presentare ai candidati alle

tobre a Palermo, è stata rilanciata con 17

Confartigianato svolge attività di comunica-

consultazioni elettorali del 4 marzo le pro-

articoli sui quotidiani e la Convention Tra-

zione e informazione nei confronti del Siste-

poste della Confederazione;

sporti del 14 settembre è stata seguita con

ma Associativo, dei media, dell’opinione pub-

• la Campagna stampa e radiofonica “Quelli

dirette di Sky Tg24 e RaiNews24.

blica e, in generale, dei propri stakeholder.

del sì” a supporto della manifestazione del

Le iniziative e gli strumenti di comunicazione

13 dicembre a Milano con la partecipazione

PORTALE CONFARTIGIANATO.IT

utilizzati sono molteplici e mirati ai diversi

di 2000 imprenditori: Articolata dal 4 al 13

Il portale si rivolge a tutti gli stakeholder

destinatari.

dicembre con 36 pagine su 11 quotidiani

di Confartigianato: sistema associativo, im-

nazionali e locali e trasmessa dall’8 al 13

prenditori, istituzioni, opinion leader, gior-

dicembre con spot di 30 secondi su 11 cir-

nalisti.

cuiti radiofonici nazionali per un totale di

Con le sue oltre 240 pagine permette di

oltre 500 passaggi. La manifestazione del

condividere contenuti multimediali e notizie

13 dicembre ha avuto risonanza su tutti i

e rappresenta per il Sistema un potente ag-

media con 199 articoli sui quotidiani (16

gregatore di informazioni legate all’identità

soltanto sul Corriere della Sera) e 35 ser-

della Confederazione e delle piccole imprese.

vizi radio-televisivi;

I preziosi “Ritratti del lavoro”, che presenta-

UFFICIO STAMPA 58 comunicati stampa nel 2018

63

interviste ai vertici di Confartigianato su testate di rilievo nazionale quasi il doppio del 2017

Nel 2018 le elezioni politiche e l’attività di Confartigianato nei confronti del nuovo Parlamento e del Governo hanno scandito molte 256

• l’Assemblea nazionale del 26 giugno cui sono stati dedicati 96 articoli sui quotidiani

3.5

LE ATTIVITÀ TRASVERSALI

volti e alle storie degli imprenditori associati.

CONFAPP

TG@ CONFARTIGIANATO

L’area Intranet, il Confartigianato Workpla-

Nel 2018, prosegue l’utilizzo di ConfApp,

Con il Tg@ Confartigianato ha continuato, nel

ce ha ricevuto oltre 147.000 visite.

la prima applicazione mobile dedicata in

2018, a documentare l’attività quotidiana al

esclusiva agli associati del Sistema Confar-

servizio e in rappresentanza degli artigiani

tigianato. Uno strumento dinamico e coin-

e delle piccole imprese.

246.703

utenti +8,5% rispetto al 2017

67.068 contatti effettuati

1.029.414

pagine visualizzate nel corso di 470.124 sessioni

724

articoli pubblicati

46

edizioni della newsletter “ImpresaArtigiana Online”

810

fotografie pubblicate

volgente che consente agli imprenditori di essere informati in tempo reale sulle novità che li riguardano, dai corsi alle iniziative, dai servizi alle notizie profilate per categorie di utenti, dagli eventi alle convenzioni, alla rassegna stampa.

724

funzionari del Sistema Confartigianato iscritti a ConfApp

1.132

servizi associativi pubblicati

no un artigianato italiano sempre più evoluto, caratterizzano la home page dedicata ai 257

45

edizioni nel 2018

12

minuti la durata media del TG

Pubblicato sul portale confartigianato.it e sul canale YouTube di Confartigianato, il Tg@

4.542

articoli pubblicati

420

eventi pubblicati

offre ogni settimana visibilità alle iniziative confederali con servizi di attualità, approfondimenti, focus sulle Categorie e sulle Associazioni territoriali, interviste ai vertici della Confederazione e ai suoi interlocutori.

4.830

convenzioni pubblicate

Edizioni speciali sono dedicate a eventi e iniziative di particolare rilievo e alle storie degli imprenditori.


BILANCIO SOCIALE 2018

CONFARTIGIANATO IMPRESE

O B I E T T I V I , AT T I V I TÀ , R I S U LTAT I

SOCIAL MEDIA FOLLOWER AI SOCIAL DI CONFARTIGIANATO IMPRESE 2016

2017

2018

10.504

0

543

1.133

2.011

Instagram

91

album su Flickr +18 dal 2017

2.388 3.229 Twitter

776

iscritti al canale Youtube +42% dal 2017

256.739

visualizzazioni su Youtube +27% dal 2017

Oltre al rafforzamento della presenza social, la novità principale di quest’anno è stata la campagna per la manifestazione “Quelli del Sì”, la prima crossmediale e pianificata su tutte le piattaforme social, che ci ha permesso di raggiungere importanti risultati. • Instagram e Facebook La campagna #Quellidelsì ha permesso di raggiungere 479.462 persone, 704.645 impressions (il numero di volte in cui un 258

2.582

3.197

PAGINA FACEBOOK CONFARTIGIANATO IMPRESE* 10.504 301 891.992 like alla pagina post pubblicati 2.016.721

visualizzazioni totali

64.419

interazioni

persone che hanno visualizzato un post

MARKETING ASSOCIATIVO CAMPAGNA DI TESSERAMENTO Come per il 2017, la tessera 2018 ha conser-

nostro contenuto è stato visualizzato da una persona), e 14.969 interazioni con un nostro post, con l’evento ufficiale o con la fan page di Confartigianato. • Twitter

PAGINA FACEBOOK GIOVANI IMPRENDITORI* 1.931 158 like alla pagina post pubblicati 188.122 300.930

visualizzazioni totali

11.469

interazioni

persone che hanno visualizzato un post

Tra le ore 12 e le ore 15 del 13 dicembre 2019, e grazie all’azione coordinata con tutte le Associazioni del territorio, l’hashtag ufficiale della manifestazione [#QuellidelSi] è stato il 5° più utilizzato di tutta la giornata. Su Twitter abbiamo superato due milioni di impression [2.094.918] e coinvolto più di 780 mila persone [781.207].

PAGINA FACEBOOK DONNE IMPRESA* 706 79 31.795 like alla pagina post pubblicati 16.459

visualizzazioni totali

4.509

interazioni

persone che hanno visualizzato un post

LE ATTIVITÀ TRASVERSALI

9

352.500

circolari inviate alle Associazioni territoriali e Federazioni regionali

tessere e lettere di accompagnamento di cui 110 personalizzate

vato la particolarità del supporto trasparente, quale primo passo verso l’obiettivo della tessera integralmente digitale. Il claim della campagna associativa “Ritratto di Impresa”, accompagnato dal “segno” di un

Facebook

3.5

tratto di pennello, sottolinea lo stretto rap-

10.000

1.500

manifesti di supporto alla campagna inviati ad Associazioni territoriali e Federazioni regionali

totem con l’immagine della campagna installati su tutto il territorio e distribuiti alle Associazioni confederate in base agli associati

le convenzioni è stato superiore a 22.000. Il vantaggio economico e competitivo in favore delle stesse imprese - anche a seguito di un’attività di affinamento dei risultati rispetto al 2017 - è più che raddoppiato, superando, complessivamente, i 90 milioni di Euro. Il vantaggio economico si concentra in particolare sull’area Automotive, nella quale per 11.423 associati si è generato un vantaggio

porto fra la piccola impresa italiana e il suo

50.000

medio stimato in circa 8 mila euro per ac-

territorio, in un legame in cui il fare impresa

vetrofanie adesive

quisto. La domanda più rilevante è stata rivolta all’acquisto dei veicoli commerciali, che

è tutt’uno col tessuto connettivo del Paese.

hanno pesato per il 42% circa sul totale degli

“carta di identità” degli associati, offre loro

CONVENZIONI PER GLI ASSOCIATI

l’opportunità di scaricare l’App dedicata Con-

Le Convenzioni agevolano gli acquisti degli

denza è stata superiore all’89%.

fApp. La tessera 2018 è stata affiancata da

associati, in un contesto che vede la spesa

Questa focalizzazione dei vantaggi delle Con-

altri strumenti di comunicazione (manifesti,

delle micro e piccole imprese in beni e servi-

venzioni Confartigianato, diventate, ormai, un

totem, vetrofanie) volti a diffondere e unifor-

zi pari a 1.037 miliardi di Euro all’anno.

fondamentale strumento di acquisizione di

mare l’immagine e il brand Confartigianato

Nel 2018 si rileva un importante aumento

nuovi soci a disposizione di tutte le Associa-

Imprese sull’intero territorio nazionale.

dell’utilizzo delle Convenzioni offerte da

zioni territoriali, avviene in un contesto in cui,

Confartigianato - invariate in numero rispet-

sulla base dei dati Istat, nel 2017 la dotazione

to al 2017 – segno di apprezzamento da parte

di capitale delle imprese in mezzi di trasporto

delle imprese associate.

ammonta a 98 miliardi di Euro, pari al 17,5%

Il numero delle imprese che hanno utilizzato

dello stock in macchinari e attrezzature.

Anche nel 2018 la tessera, oltre ad essere la

*Dati frutto di misurazione interna

259

acquisti, mentre in relazione al valore l’inci-


BILANCIO SOCIALE 2018

CONFARTIGIANATO IMPRESE

22.000

imprese associate beneficiarie delle riduzioni di prezzo più che raddoppiate rispetto al 2017

O B I E T T I V I , AT T I V I TÀ , R I S U LTAT I

AZIENDE CONVENZIONATE

90 milioni di euro

Da 6 a 8 mila euro

il vantaggio complessivo stimato per gli associati

il vantaggio economico medio generato per acquisto

+50 milioni dal 2017

CONVENZIONI ATTIVE 47

VIAGGI E SOGGIORNI • ACCORHOTELS • ALITALIA – CATHAY • ARTQUICK • ITALO • MAGGIA PARKING • STARHOTELS • TRENITALIA

46

38

30

ACQUISTO AUTOMEZZI • FCA – Fiat, Lancia, Alfa Romeo, Abarth e Jeep • FORD • HYUNDAI • MERCEDES • PEUGEOT • PIAGGIO V. C • VOLKSWAGEN

3.6 LE CONVENTION E LE INIZIATIVE DI SISTEMA SUMMER SCHOOL “CHE FARE? IL CONTESTO, LE ATTESE, I VINCOLI”

10 e 11 settembre 2018

La Summer School rappresenta l’incontro an-

SERVIZI IMPRESE • ACI • POSTE ITALIANE • SIAE • SCF • TICKET RESTAURANT

NOLEGGIO AUTOMEZZI • ALD – Noleggio a lungo termine • AVIS – AMICO BLU – EUROPCAR – HERTZ - MAGGIORE

nuale dedicato ai Dirigenti artigiani, Segretari

CARBURANTI • TAMOIL

ICT • EOLO • SAMSUNG • VODAFONE • UNIEURO

contesto economico globale, delle attese inge-

e Direttori delle realtà territoriali, per attivare un confronto con le principali voci del panorama economico, politico e sociale italiano. L’edizione 2018 è stata incentrata sull’analisi del

26

2014

2015

2016

2017

Roma

Auditorium Antonianum

2018

nerate a seguito di taluni cambiamenti di scenario in atto e dei vincoli derivanti. Una riflessione attenta è stata dedicata al “nuovo mondo della politica” ed è stata approfondita la struttura e

CONVENZIONI PER AMBITO

la genesi dei nuovi mercati globali, lo sviluppo 2016

15 11

10

10

13

11

7

260

Acquisto automezzi

2018

delle nuove tecnologie digitali e il tema della terziarizzazione.

13

Il dibattito ha interessato anche temi politici in agenda quali le pensioni, il reddito di citta6

5

6

6 6

Viaggi e soggiorni

2017

Servizi imprese

Noleggio automezzi

3 Carburanti

2

3

4

dinanza e la flat tax. Infine, sono stati trattati il

4

“problema” delle classi dirigenti e la questione europea dopo il quantitative easing.

ICT

261

195 dirigenti e 15 ospiti La due giorni ha messo a confronto numerosi dirigenti apicali del Sistema Confartigianato provenienti da tutta Italia con esponenti politici, rappresentanti del Governo, giornalisti, accademici ed esperti di fama internazionale.


CONFARTIGIANATO IMPRESE

BILANCIO SOCIALE 2018

3.6

O B I E T T I V I , AT T I V I TÀ , R I S U LTAT I

LE CONVENTION E LE INIZIATIVE DI SISTEMA

CONVENTION DONNE IMPRESA 2018 "DiamoCi Credito"

25 settembre 2018

Roma

Sala del Tempio Adriano

100 partecipanti

CONVENTION DEI SERVIZI 2018 “DIGITO ERGO SUM”

10 e 11 maggio 2018

Roma

Auditorium Antonianum

600 partecipanti

Alla due giorni di lavoro hanno preso parte 600

zi nei confronti degli imprenditori associati.

ziali e strettamente interconnessi: tecnologia, com-

tra funzionari, dirigenti e collaboratori di Con-

Al dibattito hanno preso parte gli esperti italiani di

petenze e relazioni. La tecnologia è lo strumento, le

fartigianato, per declinare il valore della relazio-

tecnologia digitale declinata in ognuna delle attivi-

competenze il mezzo e le relazioni l’obiettivo finale.

ne nell’era digitale. La Convention si è incentrata

tà di Confartigianato: dagli strumenti 4.0 della Pub-

Nelle relazioni, si nasconde il valore aggiunto della

sulla relazione tra tecnologia digitale e nuovi mo-

blica Amministrazione all’approfondimento sulle

rappresentanza imprenditoriale, anche nell’era di-

delli organizzativi. Soluzioni tecniche impensabili

blockchain, dalla cultura digitale alle intelligenze

gitale. La Convention è stata l’occasione anche per

fino a pochi anni fa sono oggi a portata di mano

artificiali che oggi sostengono le attività d’impresa.

approfondire anche alcuni temi di stringente attua-

grazie alla rivoluzione digitale che abilita a nuove

La Convention ha tracciato la strada del futuro di

lità, su tutti il nuovo regolamento europeo sulla pri-

scelte di rappresentanza e di erogazione di servi-

Confartigianato che si fonda su tre fattori essen-

vacy e la tutela dei dati personali.

Imprenditrici informate e consapevoli nella gestione finanziaria della propria azienda: è l’obiettivo che Donne Impresa Confartigianato si è posta con la Convention nel 2018 dedicata ad analizzare le nuove regole del sistema del credito, gli effetti sull’attività d’impresa e le novità sul fronte degli strumenti digitali. Nel mese dedicato all’educazione finanziaria la Convention è stata anche l’occasione per presentare un progetto formativo proprio su questo tema che vedrà il prossimo anno il coinvolgimento di tutti i Gruppi del Movimento sul territorio. È stato, infine, avviato il progetto di una community dedicata alle associate di Confartigianato in possesso di specifici requisiti per consentire loro di relazionarsi con il credito con iniziative differenziate, sia per nuovi progetti d’impresa sia per nuove modalità di comunicazione e relazione veloci ed inclusive.

MEETING FORMATIVO DONNE IMPRESA

“Sostenibilità: cultura e strumenti per un modello di piccola impresa femminile”

24 e 26 febbraio 2018

Roma

Hotel Le Meridienne Visconti

l meeting si è focalizzato sull’analisi dei diver-

dell’equilibrio tra vita lavorativa e privata.

si aspetti dell’impresa sostenibile: dallo studio

Nel corso del meeting le imprenditrici hanno

del capitale relazionale e alla sua valorizzazione

messo a confronto le proprie esperienze e i loro

nell’impresa femminile, all’approfondimento di

progetti di crescita personale e imprenditoriale.

un modello di impresa femminile che tenga conto

262

70 partecipanti

263


CONFARTIGIANATO IMPRESE

BILANCIO SOCIALE 2018

O B I E T T I V I , AT T I V I TÀ , R I S U LTAT I

CONVENTION GIOVANI IMPRENDITORI 2018

Roma

The Church Palace, Roma

LE CONVENTION E LE INIZIATIVE DI SISTEMA

CONVENTION DEL MEZZOGIORNO 2018

“We Know How - Prevedere e modellare il cambiamento”

18 e 19 maggio 2018

3.6

“Coltivare l’impresa di Confartigianato”

140 partecipanti

4 e 5 ottobre 2018

Palermo

300 partecipanti

“We Know How. Prevedere e modellare il cam-

za Scuola-Lavoro e Welfare .

La Convention del Mezzogiorno ha dato avvio al

di competenze, bellezza, cultura, arte, storia e

di partenza per una ritrovata crescita economica

biamento”, vuole rappresentare la sintesi dell’i-

La Convention è stata l’occasione per presentare

progetto di Confartigianato “Percorsi accoglien-

identità territoriale rappresentato dalle piccole

di stabile durata..

dea dei giovani imprenditori di Confartigianato sul

le proposte del Movimento, a partire dalla proroga

ti” e “Botteghe accoglienti”, incentrato sui temi

imprese come locomotiva per far ripartire l’eco-

La Convention del Mezzogiorno è stata caratte-

presente e sul futuro del Paese, delle imprese e su

del Piano Impresa 4.0, da un accesso al credito a

del turismo e dei beni culturali come motore per

nomia e la capacità attrattiva del Mezzogiorno. Il

rizzata da un percorso di avvicinamento, artico-

cosa significhi fare impresa oggi in Italia per i gio-

dimensione di piccola impresa giovanile, a investi-

lo sviluppo delle imprese del Sud e per la ripresa

progetto è allineato alla formula proposta anche

lato in tre eventi, per approfondire i temi specifici

vani under 40.

menti in formazione (voucher che gli imprenditori

economica del Paese, facendo leva sul “bello e ben

da Confartigianato Sicilia per il rilancio dell’eco-

legati alla valorizzazione del territorio e dell’arti-

I giovani imprenditori hanno focalizzato l’attenzio-

possano usare per investire nella propria forma-

fatto” in Italia.

nomia, attraverso il connubio Beni culturali e Tu-

gianato:

ne su 3 temi in particolare: Impresa 4.0, Alternan-

zione e nelle competenze dei propri collaboratori).

L’obiettivo è quello di valorizzare il patrimonio

rismo, chiave su cui puntare per il futuro e punto

• la tappa de L’Aquila, 8 giugno, dedicata al tema “Fragilità dei luoghi e opportunità per il recupero sostenibile”

MEETING FORMATIVO GIOVANI IMPRENDITORI

“Competenze per competere - Digital Business Strategy”

27 e 28 ottobre 2018

strutture materiali e immateriali che permet-

145 partecipanti

tono al luogo e alla collettività il collegamento

Il meeting si è focalizzato sull’analisi degli stru-

Obiettivo del meeting è stato quello di:

verso l’esterno e la realizzazione di una rete

menti indispensabili per migliorare la competiti-

• fornire una sorta di ‘cassetta degli attrezzi’ ai

connettiva interna

vità della propria azienda e sono state approfon-

giovani imprenditori, per farli crescere profes-

• la tappa di Napoli, il 14 settembre, sul tema

dite le opportunità e i segreti per promuoverla:

sionalmente sotto il profilo della comunicazione

della legalità, declinato in termini di norma-

dall’email marketing, all’ottimizzazione dell’utiliz-

e trovare nuovi modi per comunicare ai clienti

lità, vale a dire come valore di base sul quale

zo dei motori di ricerca, dai social media al con-

prodotti, servizi e il proprio ‘saper fare’;

innestare tutte le attività imprenditoriali e

tent marketing fino alla web analytics. 264

Milano

Star Business Hotel

• la tappa di Bari, il 13 luglio, sul tema delle infra-

come scelta di vita

• crescere come dirigenti dell'associazione. 265


CONFARTIGIANATO IMPRESE

BILANCIO SOCIALE 2018

O B I E T T I V I , AT T I V I TÀ , R I S U LTAT I

3.7

I PROGETTI SPECIALI

3.7. I PROGET TI SPECIALI PROGETTO PER IL “NUOVO SOCIALE” gianato Imprese hanno messo a punto un àmbito chiamato “Società

a. assistere e affiancare soggetti pubblici e privati - inclusi gli

traverso meccanismi raccolta di risorse economiche pubbliche e

PERCORSO "FAMIGLIA, PRIMA PIATTAFORMA DI OGNI BENE COMUNE"

Welfare di sistema”, uno degli esiti del Progetto per il “Nuovo Sociale”,

imprenditori in qualità di datori di lavoro - nella promozione,

private, di iniziative, anche innovative, finalizzate allo svolgimento

Per il triennio 2018-2020 la Direzione Generale dell’INAPA ha promos-

che ha consentito di costituire:

sensibilizzazione e informazione, nonché nella successiva pre-

nelle varie realtà locali di servizi del Sociale/welfare;

so un Percorso per la ri-valorizzazione delle finalità, degli obiettivi,

• Associazione Confartigianato Imprese Nuovo Sociale”

disposizione di programmi per servizi per il Sociale/welfare

e. organizzare e/o coordinare iniziative economiche e sociali per

delle linee di attività e della funzionalità operativa sintetizzabile come

• la “Fondazione per il Nuovo Sociale”

- ad esempio, anche sotto forma di piani di welfare aziendale,

lo studio e lo sviluppo di servizi del Sociale/welfare, anche attraver-

“Percorso progettuale di Riposizionamento dell’INAPA per la Rige-

• l’impresa sociale “WelFare Insieme”, emanazione operativa della

da trasformarsi comunque nel più ampio welfare territoriale

so, da una parte, il coinvolgimento di Enti pubblici e privati - inclusi

nerazione di Valore Sociale”.

Fondazione, costituita il 7 Settembre 2018, con sede a Milano presso

- idonei ad incrementare il benessere delle persone, della fa-

gli imprenditori in qualità di datori di lavoro - e, dall’altra, di uno o

Questo percorso è stato diffuso nel Sistema Confartigianato anche

“Confartigianato Lombardia”.

miglia e delle comunità locali, prevedendo adeguati strumenti,

più operatori, pubblici e/o privati, impegnati nello svolgimento di

con l’espressione “da operatore di Patronato a operatore per la Fa-

anche tecnologici, per la loro attuazione in modo integrato e

servizi del Sociale/welfare, inclusi Enti non commerciali.

miglia”.

Nel corso del 2018 il Patronato INAPA, l’Associazione ANAP e Confarti-

L’Impresa Sociale “WelFare Insieme” ha il fine di:

d. ricercare, progettare e sostenere la messa in atto, anche at-

La mission del progetto nazionale PER il ‘Nuovo Sociale’ è quella di

innovativo.

Nel 2018, è stata avviata la fase formativa del percorso progettuale

Contribuire a ri-generare un nuovo “Sociale – una nuova apparte-

b. ricercare e promuovere l’affiliazione di altri promotori, gestori

di riposizionamento, con le prime due Lezioni e varie riunioni/work-

nenza comunitaria e civile – tramite la rifinalizzazione e riorganiz-

ed erogatori di servizi sociali, socio-sanitari ed educativi, che si

shop formative ad hoc..

zazione del Patronato, dell’ambito del Sociale/welfare e di ogni altro

riconoscano in un modello di welfare generativo, partecipativo e

Complessivamente sono state svolte, nel 2018, 75 ore di formazio-

soggetto di Confartigianato Persone e Confartigianato Imprese in-

redistributivo;

ne d’aula, con la partecipazione di oltre 95 persone, iscritte dalle

teressato, che assuma come interpretazione e criterio-guida di ogni

c. costituire e successivamente coordinare reti di imprese, incluse

Strutture, territoriali e regionali, aderenti al percorso progettuale di

servizio il contesto di vita della persona, intervenendo su fabbisogni

le imprese sociali, impegnate a livello territoriale nello svolgimento di

riposizionamento dell’INAPA e di chiunque interessato dai temi del

e relazioni per servirli e indirizzarli verso un nuovo benessere.”.

servizi del Sociale/welfare di alta qualità;

Sociale e welfare, persone con ruoli diversi nonché operanti in ambiti tematici e unità organizzative diverse.

266

267


CONFARTIGIANATO IMPRESE

BILANCIO SOCIALE 2018

PERSONA

O B I E T T I V I , AT T I V I TÀ , R I S U LTAT I

IMPRESA

I NUOVI SERVIZI DI WELFARE WELFARE AZIENDALE, O WELFARE TERRITORIALE E COMUNITARIO PER LE IMPRESE

• Previdenza e risparmio• • Accesso al credito • Gestione del patrimonio immobiliare

• Formazione didattica • Formazione di avviamento al lavoro • Prevenzione • Cura e assistenza ospedaliera • Assistenzasanitaria specializzata • Finanziamento alle cure

268

I PROGETTI SPECIALI

• R iqualificazione del patrimonio culturale • Promozione del tursmo

• Accesso al mercato del lavoro • Inclusione lavorativa soggetti svantaggiati (disabili, emarginati, svantaggiati economicamente, immigrati)

• Assistenza di base ad anziani e non autosufficienti • Assistenza in casa • Assistenza a famiglie con bambini • sostegno economico per l'assistenza

3.7

• Utilizzo energie rinnovabili • Ottimizzazione degli sprechi • Cura e bonifica dei territori

Offre soluzioni integrate di comunicazione, consulenza giuslavoristica e servizi di welfare alle imprese, famiglie degli imprenditori e dei loro dipendenti, alle persone e alle famiglie in generale, facendo leva sui benefici derivanti dalla deducibilità e dalla defiscalizzazione previsti per i piani di welfare aziendale. In tal modo, si intende: assistere l’impresa nell’attivazione di piani di welfare che siano integrabili con il tema del welfare territoriale (senza il quale il welfare aziendale nelle piccole imprese ha poca rilevanza) • garantire l’accessibilità alle MPMI interessate che non riuscissero ad accedere all’offerta di altri attori del mercato; • fornire un accompagnamento qualificato ai datori di lavoro, soprattutto evitando le tendenze a fare del welfare un “servizificio” e non una partecipazione alla vita e alle decisioni aziendali; • stimolare lo sviluppo di altri servizi di welfare. È previsto l’utilizzo di una piattaforma digitale per la gestione degli acquisti e dei rimborsi di beni e servizi a favore dei dipendenti.

269

ASSISTENZA SANITARIA PER FAMIGLIE

ASSISTENZA IN LOCO PER FAMIGLIE ( NON SANITARIA)

Consente la prenotazione online di visite sanitarie - presso uno studio medico o ambulatorio e a domicilio - tramite la costruzione di un network locale di medici e professionisti collegato a una piattaforma digitale. L’Associazione fornirà supporto per la ricerca di medici in tempi rapidi -a condizioni agevolate e si farà promotrice di una cultura orientata alla prevenzione e alla cura della salute.

Servizio sostenibile ed efficace, supporta la famiglia nell’orientamento, nella gestione e nella risoluzione di problematiche di ogni genere - tra cui anche difficoltà economica, disagio sociale, marginalizzazione, etc. – legate a situazioni di familiari a carico, tramite: • supporto nella ricerca di un assistente familiare, inclusa la sostituzione temporanea; • formazione dell’assistente familiare; • gestione contrattuale, amministrativa e fiscale del rapporto di collaborazione tra famiglia e assistente; • ascolto e rilevazione di preoccupazioni, esigenze, rischi e problematiche in divenire, che strutturino proposte di resilienza e accompagnamento in percorsi di sostegno e maturazione di soluzioni sostenibili.


CONFARTIGIANATO IMPRESE

BILANCIO SOCIALE 2018

O B I E T T I V I , AT T I V I TÀ , R I S U LTAT I

3.7

I PROGETTI SPECIALI

CONFEXPORT

DIGITAL INNOVATION HUB (DIH)

Confexport è la società di Sistema di Confarti-

FORMAZIONE ALLE IMPRESE

Nel corso del 2018 è stata avviata una intensa

La rete dei Digital Innovation Hub di Confar-

sfide dell’economia digitale, vede da tempo

trasformazione digitale. Si parla di trasfor-

tigianato e le azioni a sostegno

impegnate tutte le Associazione territoriali

mazione digitale perché lo scopo del proget-

della digitalizzazione delle imprese associa-

in stretta collaborazione con il livello Confe-

to travalica sia la tipologia di imprese coinvol-

te e della transizione alla Manifattura 4.0

derale, che garantisce un’azione di coordina-

te (la rete dei DIH di Confartigianato riguarda

mento delle iniziative e di messa in rete delle

sia le imprese manifatturiere che le imprese

dei servizi di base offerti sul territorio.

di servizi), sia i confini tematici (non solo Im-

La missione di Confexport consiste nella crea-

presa 4.0 ma tutto il tema del digitale).

zione di opportunità di business per le impre-

La Rete dei Digital Innovation Hub di Confar-

se. Confexport – le cui attività sono sviluppate

tigianato, che ha una presenza digitale attra-

secondo l’offerta di servizi e prodotti condivisa

OBIETTIVO:

verso la piattaforma www.quattropuntozero.

dalla compagine sociale – intende rendere più

collettiva, nonché di condizioni economiche di

previsto nel cosiddetto Piano Calenda o “In-

confartigianato.it, sistematizza e potenzia le

competitiva l’offerta tramite soluzioni di rete,

Supportare la partecipazione delle imprese mediante servizi ante e post fiera

dustria 4.0” (poi Impresa 4.0), che identifica

attività svolte dalle Associazioni territoriali

capitalizzando competenze e relazioni, aggre-

RISULTATI 2018 207 imprese coinvolte

Inoltre, è siglato l’accordo di cooperazione con

nelle Associazioni di rappresentanza uno dei

nel sostegno alla trasformazione digitale

Confartigianato si impegna da anni a fornire

soggetti fondamentali del network che par-

delle imprese associate sfruttando le poten-

un sostegno concreto - informativo, for-

tecipa al progetto di trasformazione digitale

zialità della struttura a rete, la quale per-

mativo, strategico, legale, fiscale, creditizio

delle imprese italiane secondo la visione di

mette anche di avere un ritorno in termini di

- alle imprese associate, tanto in ambito ma-

Impresa 4.0.

domanda delle imprese e di grado di utilizzo

nifatturiero che dei servizi, che intendono

Da qui la scelta di denominare Digital Inno-

operare per la trasformazione digitale dei

vation Hub la rete di front office - capillar-

e soddisfazione delle politiche pubbliche in

nalizzazione di Confartigianato Imprese, al

loro prodotti e dei loro processi.

mente diffusa sul territorio nazionale e in

materia che agevolano l’efficacia dell’attività

supporto di ICE – Agenzia e con la collabora-

RISULTATI 2018

Questo sforzo, che nasce dall’esigenza di

costante crescita - dedicati a informazione,

Confederale.

zione di qualificati partner di settore – diver-

295 imprese partecipanti 1.500 incontri B2B

accompagnare le imprese associate alle

formazione e consulenza alle imprese sulla

esperienze. A partire da luglio 2016, in concomitanza con il lancio del Piano “Impresa 4.0” da parte del Governo, si è dato vita a un progetto spe-

35

Digital Innovation Hub diffusi sul territorio

270

15.000

imprese coinvolte, oltre a tutte le Associazioni locali

Oltre 100 incontri informativi e formativi realizzati

ciale: la “Rete dei Digital Innovation Hub di Confartigianato”. Il progetto nasce da quanto

gianato che promuove l’internazionalizzazione delle MPI e dell’artigianato tramite progetti e servizi ad alto valore aggiunto, supporto e sinergia con le Associazioni socie, ottimizzazione

gando imprese attorno a progetti di presenza fieristica, valorizzando l’eccellenza del “saper fare “e del Made in Italy. Coerentemente con la propria missione la società nel 2018 ha sviluppato - anche grazie all’affiancamento con l’Ufficio Internazio-

se azioni su tre principali filoni. 271

OBIETTIVO: Accrescere le competenze

RISULTATI 2018 58 imprese coinvolte in tre percorsi formativi

attività di relazioni e contatti per la realizzazione di prossime azioni e sono stati definiti nuovi accordi con Enti fieristici e partner. In particolare è stata rinforzata la partnership con l’Ente Fiera Milano: il nuovo accordo, siglato a dicembre 2018, riconosce a Con-

EVENTI FIERISTICI NAZIONALI E INTERNAZIONALI

INCOMING DI SETTORE OBIETTIVO: Consolidare - tramite l’organizzazione di giornate dedicate ai B2B con operatori esteri e visite aziendali - i rapporti con i buyers già esistenti e avviare relazioni commerciali con nuovi operatori

fexport un ruolo primario per la promozione degli eventi fieristici Host, Si Sposa Italia, Homi e Tutto Food per la realizzazione della vantaggio per le imprese di Confartigianato. l’ente fieristico Mifur per incentivare la partecipazione delle imprese alla manifestazione The One (settore moda) e confermato l’accordo con la Società M. Seventy (settore moda e accessori), depositario del marchio White.


CONFARTIGIANATO IMPRESE

WELFARE INDEX PMI Confartigianato Imprese è tra i promotori di “Welfare Index PMI”, iniziativa organizzata da Generali Italia con la partecipazione di Con-

BILANCIO SOCIALE 2018

SIROPACK ITALIA SRL

di Cesenatico (FC) L’Università entra in azienda.

O B I E T T I V I , AT T I V I TÀ , R I S U LTAT I

EQUILIBRIO E BENESSERE SRL

di Villa Poma (MN) La formazione continua è la formula del successo.

findustria, Confagricoltura e Confprofessioni. Alla sua terza edizione nel 2018, l’iniziativa

Un’azienda giovane, con bassissimo turnover, che pone

Un centro estetico nel quale l’aggiornamento

ha l’obiettivo di diffondere tra le piccole e

massima attenzione al capitale umano e all’innovazione,

professionale e la formazione continua sono alla base

medie imprese la cultura del welfare azien-

come dimostrano i laboratori creati in partnership con

della filosofia aziendale, ma che non tralascia aspetti come

dale, tramite il Rating Welfare Index PMI. Il

l’Università di Bologna. Fondamentale la formazione,

la salute delle dipendenti, le loro esigenze di gestione

Rating è uno strumento di misurazione che

anche personalizzata per i singoli dipendenti, così come

dell’orario di lavoro e il sostegno economico alle spese

raggruppa tutte le aziende in 5 classi con un

l’impegno verso la comunità locale.

scolastiche dei figli.

valore crescente da 1W a 5 W, con lo scopo di permettere alle imprese di comunicare il proprio livello di welfare in modo riconoscibile, stimolando all’interno un percorso di

di una strategia di marketing e di un piano di

Confartigianato Academy è un corso, riserva-

nato Academy progredito - per gli impren-

comunicazione, dalla valutazione delle perfor-

to in esclusiva per gli associati a Confartigia-

ditori artigiani associati a Confartigianato

mance economico-finanziarie e dei risultati

nato e creato su misura per gli imprenditori

che avevano già partecipato alle precedenti

aziendali alla definizione dei budget e dei piani

associati, promosso da Confartigianato e

edizioni di Confartigianato Academy. A questo

di sviluppo a breve e medio termine. Una ses-

organizzato da SDA Bocconi - School of Ma-

secondo corso hanno partecipato 40 impren-

sione ad hoc è stata dedicata alla rappresen-

nagement dell’Università Bocconi, la Scuola

ditori artigiani.

tanza.

di Direzione aziendale dell’Ateneo milanese –

Obiettivo del corso è permettere agli impren-

L’iniziativa trae ulteriore valore dall’incontro

svolto tra settembre 2018 e aprile 2019.

ditori che partecipano di portare in azienda

tra l’eccellenza dell’associazionismo e della

logiche nuove e immediatamente spendibili

cultura imprenditoriale artigiana e l’eccel-

che sono il frutto non solo dei metodi e degli

lenza della formazione manageriale univer-

strumenti specifici per la gestione di micro

sitaria, con l’obiettivo di potenziare e dare

e piccole imprese acquisite nel corso delle

concretezza al valore artigiano.

65

partecipanti

5

vincitori di una borsa di studio

9

moduli formativi di cui 6 del modulo classico e 3 del modulo progredito

lezioni in aula, ma anche del confronto con i docenti e con gli altri imprenditori artigiani sui problemi e sulle possibili soluzioni.

Piccola azienda che realizza arredi su misura, si è sempre distinta sul fronte del welfare: flessibilità oraria,

ricevuto il Premio Welfare Index PMI nel 2018

formazione professionale e linguistica ma soprattutto

nella categoria artigianato per le loro iniziative

una particolare attenzione alla salute dei dipendenti, che

di welfare aziendale e i progetti per la tutela

effettuano regolarmente check-up gratuiti per verificare

272

dio, è stato previsto un modulo - Confartigia-

di Pierino Bellasio & C. Snc di Cantù (CO) Check up gratuito e Benefit Salute.

Tre aziende associate a Confartigianato hanno

della sicurezza e del benessere dei dipendenti.

I PROGETTI SPECIALI

CONFARTIGIANATO ACADEMY 2018

EFFEBI ARREDAMENTI

crescita e valorizzando all’esterno il rating in una logica di vantaggio competitivo.

3.7

le loro condizioni fisiche.

La quarta edizione di Confartigianato Aca-

Nel corso delle diverse sessioni sono affron-

demy ha visto la partecipazione di un totale di

tati i temi più rilevanti per il potenziamento

65 imprenditori in due corsi.

e la gestione di una piccola impresa: dalle

È stato pensato un doppio modulo formativo.

scelte strategiche e dalle decisioni organiz-

Accanto al modulo classico, ormai alla quarta

zative, all’organizzazione e alle persone come

edizione e che ha visto la partecipazione di 25

elemento di vantaggio competitivo, dalla

imprenditori di cui 5 vincitori di borsa di stu-

gestione dei collaboratori alla formulazione

273


VERIFICA DEL RAPPORTO DI SOSTENIBILITÀ DICHIARAZIONE DI VERIFICA VERIFICATION OF SUSTAINABILITY REPORT VERIFICATION STATEMENT RINA SERVICES S.p.A., sulla base delle valutazioni condotte dai suoi tecnici, dichiara che il Rapporto di Sostenibilità, per l’anno 2019, dal titolo RINA SERVICES S.p.A., on the basis of the assessments carried out by its technical personnel, declares that the Sustainability Report, for the year 2019, named

Bilancio Sociale 2018 Revisione 31 maggio 2019 Revision 31 may 2019 predisposto dall’Organizzazione drawn up by the Organisation

Confartigianato Imprese Via San Giovanni in Laterano, 152 – 00184 Roma E’ sostanzialmente corretto ed è una giusta rappresentazione dei dati e delle Informazioni sulla sostenibilità presenti all’interno dell’Organizzazione. Is essentially correct and a fair representation of the sustainability data and information available in the Organisation. .

La verifica del rapporto di sostenibilità è stata effettuata secondo le modalità descritte nel documento RINA “Regolamento per la verifica dei rapporti di sostenibilità” disponibile sul sito RINA www.rina.org. Verification of sustainability report has been performed in accordance with the methods described in the RINA document “Rules for the verification of sustainability reports” available from the RINA site www.rina.org. Nel rapporto di verifica sono riportati i risultati della verifica e una sintesi delle attività svolte e delle evidenze oggettive acquisite. The verification report contains the results of the verification and a summary of the activities carried out and of the objective evidence acquired. Data di rilascio/Date of issue: 03/06/2019

Laura Severino Head of Sustainability & Food Certification Compliance

Form: SR_STM-G4 (02-2018)

275


Profile for Confartigianato Imprese

Bilancio sociale 2018 - Confartigianato Imprese  

Bilancio sociale 2018 - Confartigianato Imprese  

Advertisement