Page 1

Pmi Edili News

  Settimanale Informativo Aniem   Associazione Nazionale Imprese Edili Manifatturiere - aderente alla Confapi        

Numero 6 2011

 

1 marzo     In  questo  numero    

    ECONOMIA  ......................................................................................................................................................  2 VIA  LIBERA  DEFINITIVO  AL  MILLEPROROGHE  ............................................................................  2 PATTO   DI   STABILITA’   :   IN   ARRIVO   IL   DPCM   SUGLI     SCONTI   AI   COMUNI   PIU’   PICCOLI  .........................................................................................................................................................  3 MSE  –  OBIETTIVI  PER  LE  PMI  ................................................................................................................  4   APPALTI  PUBBLICI  .......................................................................................................................................  5 IN  ARRIVO  SEMPLIFICAZIONI  SULLA  RICHIESTA  DEL  CIG  .....................................................  5 LIBRO   VERDE   SULLA   MODERNIZZAZIONE   DELLA   POLITICA   UE   SUGLI   APPALTI   PUBBLICI  .......................................................................................................................................................  6   FISCO  .................................................................................................................................................................  7 INTERPELLO:  IVA  RIDOTTA  PER  VARIANTI  PRIMA  CASA  ........................................................  7   LAVORO  ...........................................................................................................................................................  8 CIRCOLARE  INPS  N.  28  DELL’08/02/2011  SUGLI  ABILITATI  AGLI  ADEMPIMENTI    .............  8 OSSERVATORIO  PARLAMENTARE  .....................................................................................................  9 SCHEMA  DLGS  SUGLI  APPALTI  NEL  SETTORE  DELLA      DIFESA  .............................................  9 FOCUS  FEDERALISMO  FISCALE  ...........................................................................................................  9

Approfondimenti tematici ...................................................................................................... 11 Il DURC non vincola la decisione della stazione appaltante: è’ solo un atto di certificazione . 11 Partecipazione dei consorzi ordinari di imprese- Obbligo di partecipazione per tutte le imprese consorziate .................................................................................................................................... 12 In tema di mancato pagamento dei subappaltatori ....................................................................... 13        


PMI EDILI NEWS

 

                                                                                                                 ECONOMIA                                                                                                              VIA  LIBERA  DEFINITIVO  AL  MILLEPROROGHE       Con   159   voti   favorevoli,   126   contrari   e   2   astenuti,   sabato   26   febbraio   2011,   l'ʹAssemblea   ha   approvato   in   via   definitiva   il   disegno   di   legge   di   conversione   del   decreto-­‐‑legge   recante   “Proroga   di   termini   previsti   da   disposizioni   legislative   e   di   interventi  urgenti  in  materia  tributaria  e  di  sostegno  alle  imprese  e   alle  famiglie”  (DDL  2518-­‐‑B)  cd.  Decreto  Milleproroghe.       Il  testo  licenziato  ha  tenuto  conto  dei  rilievi  mossi  dal  Capo  dello   Prorogati  gli   incentivi  alla   Stato     che   aveva   sollevato   dei   dubbi   di   costituzionalità   su   alcune   qualificazione     norme  del  provvedimento.   Tra   le   disposizioni   si   segnalano   le   norme   sulla   vigilanza   per   i   contratti   pubblici   e   i   servizi:   estensione     anche   al   Presidente   dell`Autorita`   per   la   vigilanza   sui   contratti   pubblici   di   lavori,   servizi   e   forniture   della   norma   –   già   vigente     per   i   membri   della   medesima   Autorità   -­‐‑   della   norma   che   prevede   la   durata   in   carica   per  sette  anni  senza  possibilità  di  riconferma.       È   stata   inoltre   cancellata   la   norma   che   sospendeva   fino   al   31   dicembre   2011,   solo  in   Campania,   le   demolizioni   di   immobili   realizzati   in   violazione   dei   vincoli   paesaggistici,   utilizzati   come   prima   abitazione   da   soggetti   sforniti   di   un   altro   alloggio   a   causa   della   la   grave   situazione   abitativa     dovuta   alla   bocciatura   delle   leggi  regionali  sul  condono  da  parte  della  Consulta.     Tra   le   conferme,   è   presente   la   disposizione   -­‐‑   già   contenuta   nel   testo   originario   -­‐‑   che   proroga   i   termini   di   efficacia   delle   norme   transitorie   di   cui   all’art.   253   del   DLgs   163/2006   (Codice   degli   Appalti)   -­‐‑   scaduti   il   30   dicembre   2010   -­‐‑   che   consentono   alle   imprese   di   fare   riferimento   per   la   qualificazione   negli   appalti   pubblici   ai   migliori   5   anni   del   decennio   antecedente   per   comprovare   i   requisiti   di   capacità   economico-­‐‑finanziaria,   dotazione  di  attrezzature  tecniche,  organico  medio-­‐‑annuo  nonchè   a   tutto   il   decennio   antecedente   per   comprovare   il   requisito   di   idoneità  tecnica  mediante  i  lavori  eseguiti.     Tale   disposizione   rientra   nelle   proroghe   “non   onerose”,   previste   dal   provvedimento,   il   cui   termine   di   scadenza   viene   fissato   al   31   marzo   2011   con   la   previsione   di   un'ʹulteriore   proroga   fino   al   31   dicembre   2011,   da   adottarsi   con   uno   o   più   decreti   del   Presidente   del   Consiglio   dei   Ministri,   ai   sensi   dell’art.   17,   comma   3   della   L.  

Pagina 2 di 15


400/1988,   di   concerto   con   il   Ministro   dell’Economia   e   delle   Finanze.     E’   stata   infine   prorogata   di   un   mese   (dal   31   marzo   al   30   aprile   2011)   la   scadenza   per   la   presentazione   delle   istanze   di   aggiornamento   catastale   per   gli   immobili   non   dichiarati,   modificati  o  che  hanno  perso  il  requisito  di  ruralità.  Si  rammenta   che,   le   procedure   per   l’aggiornamento   del   Catasto   sono   state   introdotte  dall’articolo  19,  commi  8  e  seguenti,  del  DL  78/2010.   Dopo  la  scadenza  dei  termini,  sarà  applicata  una  rendita  presunta   che,   insieme   alla   rendita   definitiva,   produce   effetti   fiscali   dal   1°   gennaio  2007.        

  Previsto  uno  sconto   per  1400  Comuni    

  Introdotte  3  clausole   di  salvaguardia    

PATTO   DI   STABILITA’   :   IN   ARRIVO   IL   DPCM   SUGLI     SCONTI  AI  COMUNI  PIU’  PICCOLI     Sono   quasi   1400   i   Comuni   che,   grazie   alle   nuove   clausole   di   salvaguardia  varate  dalla  Conferenza  stato-­‐‑città,    beneficeranno  di   uno   ‘sconto’   sul   patto   di   stabilità   rispetto   alla   previsione   iniziale   della  legge  di  stabilità.     Il   nuovo   sistema,   che   troverà   un’applicazione   differenziata   a   seconda   della   dimensione   dei   municipi,   è   frutto   dell’intesa   raggiunta   la   settimana   scorsa   in     Conferenza   stato-­‐‑città,     utilizza   350   dei   480   milioni   di   «extra   dote»   per   gli   enti   locali   individuata   con   la   legge   di   stabilità,   mentre   gli   altri   130   milioni   vengono   assegnati  a  Milano  (110  al  comune  e  20  alla  provincia),  per  onorare   l'ʹimpegno   statale   ad   aiutare   la   città   impegnata   nelle   realizzazioni   per  l'ʹExpo.     In   pratica   il   meccanismo   introdotto   dal   Dpcm   introduce   tre   clausole   di   salvaguardia,   che   impediscono   all'ʹobiettivo   assegnato   a  ogni  Comune,  calcolato  come  previsto  dall’art.  1  comma  87  e  ss.   della   Legge   220/2010,     di   superare   una   percentuale   della   spesa   corrente.     Il   tetto   è   stato   fissato   al   10,5%   nei   comuni   sopra   i   200   mila   abitanti,   al   7%   in   quelli   fra   10   mila   e   200   mila,   fino   al   5,4%   nei   Comuni   più   piccoli   soggetti   al   patto,   quelli   fra   5mila   e   10mila   abitanti.   Un   sistema   che   ha   il   pregio   di   misurare   le   richieste   del   patto  sulle  forze  (e  le  dimensioni)  effettive  dei  bilanci  comunali  e   concentra  gli  sconti  sui  Comuni  più  piccoli.     Esempio:   Comune   piccolo   con   una   spesa   corrente   media   2006-­‐‑ 2008  di  3.500.000  curo  e  a  cui  la  legge  di  stabilità  abbia  assegnato   un  obiettivo  specifico  di  280.000  euro.  Il  rapporto  percentuale  fra  i  

Pagina 3 di 15  


PMI EDILI NEWS

 

due   valori   è   pari   all`8%   (280.000/3.500.000=0,08).   Scatta   quindi   il   tetto  (in  questo  caso  il  5,4%),  che  riduce  l’obiettivo  a  189.000  euro   (=3.500.000*0,054).                                                                                                              MSE  –  OBIETTIVI  PER  LE  PMI     Nella   seduta   del   1   febbraio   2011,   in   Commissione   Industria   del   Senato,   il   Ministro   dello   Sviluppo   Economico,   Paolo   Romani,   ha   presentato   alcuni   obiettivi   generali   che   il   suo   dicastero   è   intenzionato  a  realizzare.   In  particolare  si  segnalano,  tra  i  vari  argomenti  affrontati,    alcune   tematiche  fondamentali  per  le  PMI.         Strategia  per  le  PMI       Il   Ministro   si   è,   in   primo   luogo   soffermato,   sugli   strumenti   normativi  finora  posti  in  essere  quali:   -­‐‑                      l’attuazione  dello  Small  Business  Act;   -­‐‑                      la  proposta  di  legge  sullo  statuto  della  piccola  impresa;   -­‐‑                      la  legge  annuale  per  le  PMI.   Sul  tema  della  semplificazione  ha,  poi,  evidenziato  la  necessità  di   dare   attuazione   ad   una   serie   di   innovazioni   recentemente   introdotte,  sottolineando  che:   v  ``è  prossimo  l’avvio  delle  procedure  totalmente  telematizzate   Dal  1  aprile  utilizzo   che   consentirà   dal   1°   aprile   l’utilizzo   informatico   della   informatico  della   segnalazione   certificata   di   inizio   attività   (Scia),   mentre   l’avvio   SCIA     delle   procedure   che   richiedono   valutazioni   discrezionali   da   parte   degli  Enti  locali  è  stato  fissato  al  1°  ottobre``;   v ``partiranno   le   Agenzie   per   le   imprese,   che   dovranno   essere   accreditate,   e   le   cui   tariffe   stanno   per   essere   definite   con   un   decreto  di  concerto  con  il  Ministero  dell’economia  e  delle  finanze   (Mef)``;   v  ``partirà   la   procedura   abilitativa   semplificata   per   gli   impianti   di   produzione   delle   rinnovabili,   che   riduce   a   30   giorni   le  tempistiche  di  abilitazione``.             Politica  energetica     Il   Ministro   ha   evidenziato   che   per   lo   sviluppo   delle   fonti   rinnovabili,   con   il   recepimento   della   direttiva   europea   del   5   dicembre   2010,   si   stanno   predisponendo   gli   strumenti   per   conseguire   gli   obiettivi   del   piano   di   azione   nazionale,   con   la   razionalizzazione   del   sistema   per   la   relativa   promozione.   Ha,   inoltre,  sottolineato  che  ``la  definizione  di  un  piano  straordinario  

Pagina 4 di 15


Nei  prossimi  10   anni  l’apertura  di   cantieri  per  gli   impianti  di   produzione  energia   nucleare  

per  l’efficienza  ed  il  risparmio  energetico,  con  obiettivi  al  2020,   rappresenterà   anche   un`opportunita`   di   crescita   e   sviluppo   tecnologico  per  le  imprese,  che  continueranno  ad  essere  coinvolte   nella  realizzazione  delle  diverse  infrastrutture  energetiche``.   Nei   prossimi   dieci   anni   à   prevista,   altresì,   l’apertura   dei   cantieri   per   la   realizzazione   degli   impianti   di   produzione   di   energia   nucleare   e   la   realizzazione   del   progetto   che   assicuri   in   futuro   contrazioni  alla  spesa  energetica  a  favore  della  competitività  delle   imprese   che   potranno   da   un   lato   essere   coinvolte   nelle   attività   a   supporto   della   costruzione   delle   nuove   centrali   e   del   deposito   nazionale  dei  rifiuti  con  opportunità  di  crescita  industriale  e  da  un   altro,   attraverso   forme   consortili,   partecipare   alla   realizzazione   stessa  delle  nuove  centrali,  assicurandosi  la  fornitura  energetica.       Il   Ministro   Romani   ha,   infine,   concluso   l’intervento   con   un   breve   cenno   alla   banca   del   Mezzogiorno   evidenziando   che   nell’ambito   del  piano  Sud,  il  Ministero  dello  sviluppo  economico  partecipa  ai   lavori  per  la  costituzione  della  banca  del  Mezzogiorno,  che  dovrà   sostenere  gli  investimenti  produttivi  per  la  crescita  delle  piccole  e   medie  imprese  del  territorio,  e  la  creazione  di  nuove  imprese.    

                                                                                                             APPALTI  PUBBLICI                                                                                                          IN  ARRIVO  SEMPLIFICAZIONI  SULLA  RICHIESTA  DEL  CIG     Il   presidente   dell’Autorità   di   vigilanza   sui   contratti   pubblici,   Giuseppe   Brienza,   durante   un’audizione   alla   commissione   Ambiente   della   Camera   della   scorsa   settimana,   ha   annunciato   l’arrivo   a   breve   di   procedure   di   carattere   semplificativo   per   la   richiesta  dei  CIG  legati  alla  tracciabilità.   La  procedura  per  la  richiesta  da  parte  delle  stazioni  appaltanti  del   CIG   sarà   più   semplice:   non   più   42   campi   da   compilare   suddivisi   in   tre   fasi,   ma   un’unica   schermata   con   10   informazioni   fondamentali  raccolte  in  un’unica  sessione  di  lavoro.     Semplificazioni  per  la   L’Autorità   ha   spiegato   Brienza   ha   pensato   di   utilizzare   una   sorta   richiesta  di  CIG   di   ticket     preassegnato   di   Cig   da     consegnare   alla   stazione   appaltante   prima   che   questa   comunichi   i   dati   di   identificazione   del  contratto.  I  suddetti  CIG  potranno  essere  utilizzati  nei  contratti   e   nei   mandati   di   pagamento   anche   prima   della   comunicazione   all’Autorità  dei  dati  principali  che  caratterizzano  l’affidamento.   Brienza   ha   poi   evidenziato   gli   effetti   i   positivi   in   termini   di   trasparenza  del  CIG  rendendo  possibile  la  scoperta  di  un  numero   rilevante   di   contratti   e   di   stazioni   appaltanti,   in   precedenza   del  

Pagina 5 di 15  


PMI EDILI NEWS

  tutto   sconosciuti   all’Autorità   e,   conseguentemente,   esclusi   dal   monitoraggio.       In   ultimo   Brienza   ha   rilevato   i   problemi   che   tutt’ora   pone   la   norma   sulla   tracciabilità   soprattutto   in   ordine   all’esatta   individuazione   della   filiera   delle   imprese,   la   soluzione   di   alcuni   aspetti   tecnici(come   quelli   legati   ai   sistemi   informatici   delle   banche,   ad   esempio)   e   la   messa   a   punto   di   regole   comuni   condivise   sulla   gestione   dei   diversi   flussi   finanziari   generati   dall’attività  di  impresa.   Per  tali  questioni  che  esulano  dalla  vigilanza  e  dall’interpretazione   dell’AVCP,   Brienza   ha   chiesto   l’intervento   del   ministero   degli   Interni.  

 

Richieste  misure  per   agevolare  la   partecipazione  delle   PMI    

LIBRO   VERDE   SULLA   MODERNIZZAZIONE   DELLA   POLITICA  UE  SUGLI  APPALTI  PUBBLICI     Per   una   maggiore   efficienza   del   mercato   europeo   degli   appalti   la   Commissione   Europea   intende   apportare   delle   modifiche   alle   norme  sugli  appalti  pubblici  entro  il  2012  per  cui  ha  reso  pubblico   il   "ʺLibro   verde   sulla   modernizzazione   della   politica   dell’UE   in   materia  di  appalti  pubblici."ʺ   Su   tale   tema   la   Commissione   ha   avviato   una   consultazione   pubblica   per   far   si   che   la   futura   legislazione   tenga   conto   delle   opinioni  e  dei  contributi  di  tutte  le  parti  interessate.   Tra  i  principali  obiettivi:   v rendere   più   facile   e   flessibile   la   procedura   di   aggiudicazione   degli  appalti  pubblici;   v facilitare   le   piccole   e   medie   imprese   europee   alla   partecipazione  degli  appalti  pubblici;     v consentire   che   gli   appalti   pubblici   possano   essere   utilizzati   meglio  anche  a  sostegno  di  altre  politiche;     v consentire   al   mercato   degli   appalti   di   contribuire   al   conseguimento  degli  obiettivi  comuni  della  strategia  Europa  2020:   promuovere   l'ʹinnovazione,   proteggere   l'ʹambiente,   lottare   contro   i   cambiamenti  climatici  e  l'ʹesclusione  sociale.   A   tal   proposito   l’AVCP   consente   agli   interessati   di     inviare   dei   contributi,  specificando  numero  e  quesito  del  Libro  verde  a  cui  si   riferiscono,   esclusivamente   mediante   la   compilazione   dell’apposito   modello   formato   .PDF   che,   unitamente   agli   estremi   identificativi  del  mittente,  consente  l’inserimento  di  un  testo  libero   fino  a  10.000  battute.    

Pagina 6 di 15


Il  modello  potrà  essere  inviato  entro  le  ore  16  del  7  marzo  2011.  I   contributi   pervenuti   saranno   pubblicati   sul   sito   dell’Autorità,   salvo  motivate  esigenze  di  riservatezza                                                                                                                      FISCO                                                                                                            INTERPELLO:  IVA  RIDOTTA  PER  VARIANTI  PRIMA  CASA         Applicazione   dell’IVA   ridotta   al   4%   per   le   varianti   ``extracapitolato``   richieste   dal   promissario   acquirente   di   una   ``prima  casa``  in  corso  di  costruzione.       E’  quanto  affermato  dall’Agenzia  delle  Entrate  con  la  Risoluzione   n.  22/E  del  22  febbraio  2011,  in  risposta  ad  un’istanza  di  interpello   proposta     da   un   socio   di   una   Cooperativa   edilizia   a   proprietà   divisa,  committente  dei  lavori  di  costruzione  di  abitazioni  ``non  di   lusso``,  affidati  in  appalto  ad  un’impresa  edile.   IVA  agevolata  al  4%   L’istante  rappresenta  di  aver  commissionato,  in  corso  d’opera,  alla   per  prima  casa  in   medesima  ditta  appaltatrice  interventi  edili  aggiuntivi  consistenti   costruzione     in   “migliorie”   sul   proprio   immobile   a   destinazione   abitativa   “prima  casa”.     In   particolare,   l’esecuzione   e   il   pagamento   di   tutte   le   opere   extracapitolato   sono   stati   gestiti   e   concordati   dall’istante   direttamente  con  l’impresa  costruttrice.     Chiede   quindi   di   conoscere   quale   sia   la   corretta   aliquota   applicabile   ai   corrispettivi   dei   lavori   in   questione   allo   stesso   direttamente  fatturati  dalla  ditta  costruttrice.     L’Agenzia,     riconosce   l’applicazione   dell’IVA   al   4%,   richiamando   le   disposizioni   del   n.39,   della   Tab.A,   parte   II,   allegata   al   D.P.R.   633/1972,   che   prevede   che   l’aliquota   IVA   del   4   per   cento   è   applicabile   alle   “prestazioni   di   servizi   dipendenti   da   contratti   di   appalto  relativi  alla  costruzione  dei  fabbricati  di  cui  all’articolo  13  della   Legge   2   luglio   1949,   n.   408,   e   successive   modificazioni,   effettuate   nei   confronti   di   soggetti   che   svolgono   l’attività   di   costruzione   di   immobili   per   la   successiva   rivendita,   ivi   comprese   le   cooperative   edilizie   e   loro   consorzi,  anche  se  a  proprietà  indivisa,  o  di  soggetti  per  i  quali  ricorrono   le   condizioni   richiamate   nel   numero   21),   nonché   alla   realizzazione   delle   costruzioni  rurali  di  cui  al  numero  21-­‐‑bis)”.   In   ragione   di   tale   disposizione,   l’Amministrazione   finanziaria   ammette   l’aliquota   ridotta   al   4%,   non   solo   per   i   lavori   di   costruzione   del   fabbricato   abitativo   oggetto   dell’appalto   principale  commissionato  dalla  Cooperativa,  ma  anche  alle  opere  

Pagina 7 di 15  


PMI EDILI NEWS

  ``aggiuntive``   richieste   direttamente   dal   singolo   socio   all’impresa   esecutrice  dei  lavori.   Ciò  in  considerazione  del  fatto  che:   v seppur   non   richieste   dal   committente   principale   dei   lavori   di   costruzione   (ossia   dalla   Cooperativa),   bensì   direttamente   da   un   singolo   socio,   gli   interventi   di   miglioria   ``extracapitolato``   si   inseriscono   comunque   nel   processo   di   costruzione   dell’immobile,   atteso  che  lo  stesso  non  è  ancora  ultimato;   v il   socio   che   ha   richiesto   e   commissionato   le   migliorie   è   in   possesso  dei  requisiti  ``prima  casa``   Naturalmente,   per   fruire   dell’IVA   al   4%   deve   essere   rispettata   l’ulteriore   condizione,   relativa   al   fatto   che   l’abitazione   conservi,   anche  dopo  l’esecuzione  delle  opere  di  miglioria,  le  caratteristiche   ``non  di  lusso``.   Infatti,   sia   l’ampliamento,   che   la   realizzazione   di   ``migliorie   costruttive``,  hanno  comunque  la  finalità  di  assicurare  una  migliore   idoneità   e   funzionalità   della   ``prima   casa``   e,   come   tali,   rientrano   nella  ``ratio``  agevolativa  delle  suddette  disposizioni  normative.          

                                                                                                                   LAVORO     CIRCOLARE   INPS   N.   28   DELL’08/02/2011   SUGLI   ABILITATI     AGLI  ADEMPIMENTI       La   Circolare   INPS   n.   28   del   08/02/2011,   avente   ad   oggetto   la   definizione   di   nuove   modalità   operative   per   la   trasmissione   telematica   della   documentazione   previdenziale,   introduce   innovative   applicazioni   informatiche,   finalizzate   da   una   parte   all’identificazione  univoca  degli  intermediari  abilitati,  e  dall’altra   alla   gestione   delle   deleghe   ad   operare   da   parte   dei   datori   di   lavori.       La   circolare   non   introduce   invece   alcuna   novità   per   quanto   Nuove  modalità  per   riguarda  i  soggetti  abilitati  a  svolgere  gli  adempimenti  in  materia   l’invio  telematico  della   di  lavoro  e  previdenza;  sono  esclusi,  infatti,  dalla  predisposizione   documentazione   e  trasmissione  della  documentazione  relativa  agli  adempimenti  di   previdenziale     previdenza   ed   assistenza   sociale   i   Centri   di   elaborazione   dati   (CED),   nonché   i   soggetti,   quali   i   tributaristi   e   gli   esperti   tributaristi,   i   consulenti   fiscali,   i   revisori   contabili,   che   possono   svolgere  solo  adempimenti  di  natura  fiscale.      

Pagina 8 di 15


OSSERVATORIO  PARLAMENTARE     SCHEMA   DLGS   SUGLI   APPALTI   NEL   SETTORE   DELLA       DIFESA     Il   CDM   ha   approvato   nei   scorsi   giorni   uno   schema   di   DLGS   che   dà  attuazione  alla  direttiva  europea  2009/81  per  un  nuovo  quadro   Nuove  regole  per  gli   legislativo  in  materia  di  aggiudicazione  degli  appalti  pubblici  nei   appalti  nei  settori  della   settori   della   difesa   e   della   sicurezza   per   una   maggiore   flessibilità   difesa  e  sicurezza     delle  procedure..   Il   settore,   a   lungo   escluso   dalla   disciplina   del   mercato   unico   europeo  per  la  riconosciuta  opportunità  di  consentire  deroghe  alle   regole   comunitarie   per   la   produzione   e   il   commercio   di   sistemi   d’arma  e  materiale  bellico,  diviene  una  disciplina  organica  in  virtù   della   consapevolezza   che   un   mercato   più   concorrenziale   per   la   difesa  possa  garantire  prodotti  più  sofisticati  a  prezzi  inferiori.                                                                                                              FOCUS  FEDERALISMO  FISCALE     In   questa   legislatura,   con   l'ʹattuale   governo,   il   cammino   del   federalismo  fiscale  inizia  con  l'ʹapprovazione  del  disegno  di  legge   delega,  da  parte  del  Consiglio  dei  ministri  dell'ʹ11  settembre  2008.   La  delega  diventerà  legge  l'ʹanno  successivo  (legge  delega  n.42  del   5  maggio  2009).     Dalla   legge   delega   sono   scaturiti   8   decreti   attuativi:       Otto  decreti   1.  Federalismo  demaniale   attuativi     2.  Roma  Capitale   3.  Fabbisogni  standard     4.  Federalismo  municipale    5.  Autonomia  tributaria  di  regioni  e  province   6.  Perequazione  e  rimozione  squilibri   7.  Sanzioni  e  premi  per  regioni,  province  e  comuni   8.  Armonizzazione  sistemi  contabili       Alcuni  di  questi  hanno  concluso  il  loro  iter  e  sono  già  operativi.  In   particolare,   il   federalismo   demaniale   (decreto   legislativo   n.85   del   28/5/2010),  Roma  Capitale  (decreto  legislativo  n.156  del  17/9/2010),   i  fabbisogni  standard  (decreto  legislativo  n.216  del  26/11/2010).        

Pagina 9 di 15  


PMI EDILI NEWS

2  anni  di  tempo  per   l’adozione  dei  decreti    

  Il  contesto  della  riforma     Il   federalismo   fiscale   mira   a   dare   attuazione   all'ʹart.119   della   Costituzione   che   sancisce   l'ʹautonomia   finanziaria   di   entrata   e   di   spesa   per   i   Comuni,   le   Province,   le   Città   metropolitane   e   le   Regioni.  L'ʹattuazione  dell'ʹart.119  completa  il  processo  di  revisione   costituzionale   contenuto   nella   legge   costituzionale   n.3   del   18   ottobre  2001  (riforma  del  Titolo  V  della  Costituzione)  che  ha  dato   un   nuovo   assetto   al   sistema   delle   autonomie   territoriali,   collocando   gli   enti   territoriali   al   fianco   dello   Stato   come   elementi   costitutivi   della   Repubblica   come   recita   l'ʹart.   114   della   Costituzione   (Comuni,   Province,   Città   metropolitane,   Regioni   e   Stato   hanno   pari   dignità,   pur   nella   diversità   delle   rispettive   competenze).     Il  federalismo  nel  programma  di  governo     Considerato  una  della  6  missioni  programmatiche,  l'ʹattuazione  del   federalismo  fiscale  viene  rilanciata  dal  discorso  del  presidente  del   Consiglio,   Silvio   Berlusconi,   nelle   comunicazioni   sulla   situazione   generale   del   paese,   tenuto   in   Parlamento   il   29   settembre   2010.   In   particolare,  ha  affermato  il  Presidente  del  Consiglio,  il  federalismo   fiscale   -­‐‑   che   rappresenta   uno   dei   cinque   punti   del   programma   di   governo   -­‐‑   "ʺa   regime   sarà   la   cerniera   unificante   del   Paese   e   un   vantaggio   per   tutte   le   aree   dell'ʹItalia,   soprattutto   per   il   Mezzogiorno"ʺ   (il   testo   del   discorso   si   trova   su   questo   sito   nella   sezione  del  presidente).   La  procedura  di  adozione  dei  decreti  attuativi   La   legge   n.   42/2009   delinea   la   procedura   di   adozione   ed   esame   parlamentare   dei   decreti   legislativi   attuativi,   fissando   il   termine   per  l’adozione  di  almeno  uno  di  essi  entro  dodici  mesi  dalla  data   di   entrata   in   vigore   della   legge   stessa   (21   maggio   2009)   e   in   ventiquattro   mesi   il   termine   generale   per   l’adozione   degli   altri   decreti.     Entro   il   30   giugno   2010,   il   Governo   è   chiamato   a   trasmettere   alle   Camere   la   relazione   contenente   dati   sulle   implicazioni   e   le   ricadute   di   carattere   finanziario   conseguenti   all’attuazione   della   delega,   nel   quale   fornire   un   quadro   generale   del   finanziamento   degli   enti   territoriali   e   sulla   struttura   dei   rapporti   finanziari   tra   i   diversi   livelli   di   governo.   La   Relazione   è   stata   presentata   alle   Camere  il  30  giugno  2010.   Gli  schemi  di  decreto,  ciascuno  dei  quali  deve  essere  corredato  di   una   relazione   tecnica   che   ne   evidenzi   gli   effetti   finanziari,   sono   adottati  dal  Governo,  previa  intesa  in  sede  di  Conferenza  unificata   Stato-­‐‑regioni-­‐‑autonomie   locali   e   successivamente   trasmessi   alle   Camere  per  l’espressione  del  parere  da  parte:  della  Commissione   bicamerale;   delle   Commissioni   parlamentari   competenti   per   i  

Pagina 10 di 15


profili   finanziari   (vale   a   dire   le   Commissioni   bilancio   delle   due   Camere).     All’adozione   dei   decreti   si   può   peraltro   procedere   anche   qualora   non  venga  raggiunta  l’intesa  in  sede  di  Conferenza  unificata:  in  tal   caso,  e  trascorsi  trenta  giorni  dalla  prima  seduta  della  Conferenza   in   cui   gli   schemi   di   decreto   legislativo   sono   posti   all’ordine   del   giorno,   il   Consiglio   dei   ministri   può   comunque   deliberare   la   trasmissione   alle   Camere,   approvando   contestualmente   una   relazione  in  cui  vengono  motivate  le  ragioni  per  cui  l’intesa  non  è   stata  raggiunta.     Sia  la  Commissione  bicamerale  che  le  Commissioni  bilancio  sono   chiamate   a   esprimersi   entro   60   giorni   (prorogabili   di   ulteriori   20   giorni)   dalla   trasmissione   dei   testi;   decorso   tale   termine,   i   decreti   possono  essere  comunque  adottati.     E’   inoltre   prevista   l'ʹipotesi   in   cui   il   Governo   non   intenda   conformarsi   ai   pareri   parlamentari:   in   tal   caso   esso   trasmette   nuovamente  gli  schemi  alle  Camere  con  le  relative  osservazioni  ed   eventuali   modificazioni,   rendendo   a   tal   fine   comunicazioni   davanti   a   ciascuna   Camera;   trascorsi   30   giorni   da   tale   trasmissione,  i  decreti  legislativi  possono  essere  adottati.    

Approfondimenti tematici Il DURC non vincola la decisione della stazione appaltante: è’ solo un atto di certificazione

  Consiglio  di  Stato  sez.  V  3/2/2011  n.  789   La   valutazione   circa   l’esistenza   di   gravi   violazioni   in   materia   contributiva   e   previdenziale,   come   requisito   generale   di   partecipazione   alle   gare,   costituisce   oggetto   di   autonoma   valutazione  da  parte  della  stazione  appaltante,  rispetto  alla  quale   le   risultanze   del   c.d.   d.u.r.c.   si   pongono   come   elementi   indiziari,   da   cui   non   può   prescindersi,   ma   che   comunque   non   esauriscono   l’ambito   di   accertamento   circa   la   sussistenza   di   una   violazione   grave  (cfr.  C.S.,  sezione  VI,  dec.  n.  4907/2009).  Quanto  al  discusso   d.u.r.c.,   le   risultanze   di   tale   documento   vincolano   la   p.a.   aggiudicatrice,   in   ragione   della   sua   natura   di   dichiarazione   di   scienza,  da  collocarsi  fra  gli  atti  di  certificazione  o  di  attestazione   redatti   da   un   pubblico   ufficiale   ed   aventi   carattere   meramente   dichiarativo  di  dati  in  possesso  dell’amministrazione,  atti  assistiti   da   pubblica   fede   ex   art.   2700   c.c.,   facente   pertanto   prova   fino   a   querela  di  falso  (cfr.  C.S.,  sezione  IV,  dec.  n.  1458/2009):  la  formale   regolarità   contributiva   è   rimessa   al   potere   di   accertamento   e   di   valutazione   dell’Istituto   previdenziale,   mentre   la   gravità   di   una  

Pagina 11 di 15  


PMI EDILI NEWS

  violazione   in   materia   contributiva   e   previdenziale,   ai   fini   della   partecipazione   ad   una   gara   pubblica,   impone   un’ulteriore   valutazione   affidata   alla   stazione   appaltante,   che   ben   potrà   avvalersi   del   citato   d.u.r.c.   nella   sua   valutazione   dell’attività   imprenditoriale.    

Partecipazione dei consorzi ordinari di imprese- Obbligo di partecipazione per tutte le imprese consorziate   TAR  Toscana  sez.  I  14/2/2011  n.  317   L’art.   34,   comma   1,   lett.   e),   del   d.lgs.   163/2006   rinvia,   in   tema   di   partecipazione  alle  procedure  di  affidamento  dei  consorzi  ordinari   di   imprese,   all’art.   37   del   medesimo   decreto   e   quest’ultimo,   al   comma   7,   stabilisce   che   solo   i   consorzi   di   cui   alla   lett.   d)   del   suddetto  art.  34  siano  obbligati  ad  indicare,  in  sede  di  offerta,  per   quali   consorziati   concorrono.   L’omissione   di   tale   previsione   riguardo  i  consorzi  ordinari  non  può  avere  altro  significato  se  non   quello   di   escludere   che   essi   possano   partecipare   solo   per   alcune   delle  imprese  consorziate,  con  la  conseguenza  che  sono  obbligati  a   partecipare  per  tutte.  L'ʹinterpretazione  si  giustifica,  oltre  che  sotto   il   profilo   letterale,   anche   sul   piano   sostanziale   una   volta   che   si   ponga   mente   alla   diversa   natura   del   consorzio   ordinario   rispetto   ai   consorzi   stabili   ed   ai   consorzi   tra   cooperative   di   produzione   e   lavoro  ed  imprese  artigiane.  I  primi  infatti  non  hanno  una  propria   struttura  aziendale  poiché  il  contratto  di  consorzio  ex  art.  2602  c.c.   istituisce   un'ʹorganizzazione   comune   per   il   coordinamento   di   determinate  fasi  dell'ʹimpresa  e  non  è  soggetto  ad  una  limitazione   temporale  minima  nella  sua  durata.  Il  consorzio  stabile  invece,  ex   art.  36,  d.lgs.  163/2006,  ha  una  durata  minima  temporale  di  cinque   anni   ed   una   comune   struttura   di   impresa   ed   anche   per   questa   figura  coerentemente,  ai  sensi  del  comma  5  del  medesimo  art.  36,   é  previsto  l'ʹobbligo  di  indicare  per  quale  dei  consorziati  concorre.   I  consorzi  di  cooperative  di  produzione  e  lavoro  sono  poi  regolati   da   una   normativa   speciale   che   li   qualifica   come   persone   giuridiche,  ed  ancor  più  palese  é  quindi  la  loro  differenza  rispetto   ai  consorzi  ordinari.                  

Pagina 12 di 15


In tema di mancato pagamento dei subappaltatori   Parere  AVCP  del    10/2/2011  n.  AG48/10   Di  seguito  si  propone  il  quesito  proposto  dalla  società  Italferr  del   Gruppo   Ferrovie   dello   Stato   presentato   all’AVCP   relativo   alla   sospensione   dei   pagamenti   all’appaltatore   nel   caso   di   mancata   dimostrazione  dei  pagamenti  ai  subappaltatori.   Al   fine   della   migliore   comprensione   degli   istituti   giuridici,   l’AVCP,  ha  ritenuto  opportuno  ricostruire,  anche  storicamente,  la   normativa   rilevante   fino   ad   approdare   alla   previsione   di   cui   all’art.  18,  co.  3  bis  della  legge  19  marzo  1990,  n.  55  (formulazione   poi   confluita   nel   codice),   secondo   cui   “è   fatto   obbligo   ai   soggetti   aggiudicatari   di   trasmettere,   entro   venti   giorni   dalla   data   di   ciascun  pagamento  effettuato  nei  loro  confronti,  copia  delle  fatture   quietanzate   relative   ai   pagamenti   da   essi   aggiudicatari   via   via   corrisposti   al   subappaltatore   o   cottimista,   con   l'ʹindicazione   delle   ritenute   di   garanzia   effettuate.”   Nella   vigenza   di   quest’ultima   disposizione,   l’Autorità   aveva   affermato   che   sospensione   dei   pagamenti   nei   confronti   dell’appaltatore   dovesse   ritenersi   illegittima   (in   quanto   non   espressamente   prevista)   e   che   l’inadempimento  dell’obbligo  di  che  trattasi  potesse  concretizzare   gli   estremi   di   un   grave   inadempimento   contrattuale   da   parte   dell’appaltatore   e   che   potesse   rappresentare   un   valido   presupposto   per   la   preventiva   risoluzione   del   contratto   e   la   successiva   escussione   della   garanzia   fideiussoria   (cfr.   determinazione  28  aprile  2004,  n.  7).   Il   secondo   decreto   correttivo   al   codice,   recependo   una   proposta   contenuta  nel  parere  consultivo  della  Camera  dei  Deputati  volta  a   tutelare   le   piccole   e   medie   imprese,   ha   modificato   l’art.   118   co.   3   nel   testo   tutt’ora   vigente,   mentre   il   terzo   decreto   correttivo   ha   provveduto  ad  abrogare  l’art.  351,  l.  2248/1865,  all.  F  (“Occorre  in   ogni   caso   rendere   effettivo,   attraverso   la   previsione   di   una   specifica   sanzione,   l'ʹobbligo   per   gli   appaltatori   -­‐‑   già   previsto   dal   testo   vigente   dell'ʹarticolo   118,   comma   3,   del   codice   -­‐‑   di   trasmettere,   entro   venti   giorni   dalla   data   di   ciascun   pagamento   effettuato   nei   loro   confronti,   copia   delle   fatture   quietanzate   relative   ai   pagamenti   corrisposti   ai   subappaltatori.”   Camera   dei   Deputati,  parere  sullo  schema  di  decreto  correttivo,  (Atto  n.  104)”.   In  tale  contesto  normativo  l’Autorità  si  è  pronunciata  con  il  parere   del  29  settembre  2008  –  AG  28/08,  nel  quale  è  stata  chiarità  l’esatta   portata   dell’obbligo   di   sospensione   dei   pagamenti,   nel   senso   che   la   mancata   presentazione   da   parte   dell’appaltatore   delle   fatture   quietanzate   determina   la   sospensione   di   tutti   i   successivi  

Pagina 13 di 15  


PMI EDILI NEWS

Prevale  l’interesse   superiore  al   completamento  delle   opere    

  pagamenti  da  parte  della  stazione  appaltante,  e  non  solamente  di   quelle  relative  ai  rapporti  appaltatore  –  subappaltatore.     Il   principio   generale   individuato   dall’Autorità   viene   implicitamente   confermato   dal   regolamento   di   attuazione   del   codice,   d.P.R.   5   ottobre   2010,   n.   207,   che   prevede,   allo   stesso   tempo,  un  eccezione  a  detto  principio.  L’art.  170  dispone:  “In  caso   di   mancato   rispetto   da   parte   dell'ʹesecutore   dell'ʹobbligo   di   cui   all'ʹarticolo  118,  comma  3,  del  codice,  qualora  l'ʹesecutore  motivi  il   mancato   pagamento   con   la   contestazione   della   regolarità   dei   lavori  eseguiti  dal  subappaltatore  e  sempre  che  quanto  contestato   dall'ʹesecutore   sia   accertato   dal   direttore   dei   lavori,   la   stazione   appaltante   sospende   i   pagamenti   in   favore   dell'ʹesecutore   limitatamente   alla   quota   corrispondente   alla   prestazione   oggetto   di   contestazione   nella   misura   accertata   dal   direttore   dei   lavori.”   Sebbene,   come   noto,   il   regolamento   sia   destinato   ad   entrare   in   vigore  a  giugno  di  questo  anno  e,  in  particolare  gli  articoli  di  cui   alla   parte   II,   Titoli   VIII,   IX   e   X   “non   si   applicano   all'ʹesecuzione,   contabilità  e  collaudo  dei  lavori  per  i  quali,  alla  data  di  entrata  in   vigore  del  regolamento,  siano  già  stati  stipulati  i  relativi  contratti”   (art.   357   del   regolamento),   si   ritiene   che   la   disposizione   in   commento   possa   essere   un   utile   strumento   ermeneutico   per   chiarire   l’esatta   portata   applicativa   della   norma,   rendendola   idonea   e   sufficiente   a   tutelare   la   posizione   del   subappaltatore,   senza   però   compromettere   la   realizzazione   delle   opere   e   l’equilibrio   economico   finanziario   degli   appaltatori.   Per  quanto  riguarda,  poi,  la  sorte  delle  somme  trattenute  nel  caso   in   cui   il   contenzioso   tra   le   parti   private   dovesse   protrarsi   fino   al   momento   del   collaudo   dell’opera,   si   ritiene   che   la   stazione   appaltante   non   possa   procedere   al   pagamento   integrale   dell’appaltatore   in   quanto   né   il   codice,   né   il   regolamento   di   attuazione   prevedono   un   termine   finale   alla   sospensione.   Il   pagamento   in   violazione   dell’obbligo   di   sospensione,   peraltro,   potrebbe   essere   inidoneo   a   liberare   la   stazione   appaltante   dall’obbligazione,   potendo   essere   gli   effetti   della   sospensione   sostanzialmente   assimilabili   a   quelli   del   sequestro   e   del   pignoramento.   Ai   sensi   dell’art.   225   del   d.P.R.   207/2010   (art.   195   d.P.R.   554/1999),   pertanto,   l’organo   di   collaudo   procederà   a   determinare  il  credito  liquido  dell’appaltatore.   L’obbligazione   così   sorta,   però,   non   potrà   essere   adempiuta   relativamente   alla   parte   necessaria   a   coprire   il   credito   del   subappaltatore  nei  confronti  dell’appaltatore.  Per  il  pagamento  di   tale  somma,  nel  caso  prospettato  dall’istante,  si  dovrà  attendere  le   determinazioni   del   giudice   investito   della   controversia.   Le   modalità  di  conservazione  delle  somme  trattenute  sono  rimesse  al  

Pagina 14 di 15


prudente   apprezzamento   delle   stazione   appaltante   (a   titolo   esemplificativo:  intervento  e  deposito  in  giudizio,  accantonamento   in  bilancio,  deposito  presso  un  notaio).    

Pagina 15 di 15  


/PMI_EDILI_NEWS_2011-6  

http://www.confapimatera.it/wp-content/uploads/downloads/2011/03/PMI_EDILI_NEWS_2011-6.pdf

Advertisement
Read more
Read more
Similar to
Popular now
Just for you