Page 1

UNIVERSITA’ DEL SALENTO DIPARTIMENTO DI SCIENZE ECONOMICHE E MATEMATICO – STATISTICHE

Associazione Italiana Insegnanti di Geografia Accreditata MIUR formazione personale docente Sezione Interprovinciale di Lecce-Brindisi Presidente: prof. Stefano De Rubertis

Corso di formazione “Sviluppo, sostenibilità e partecipazione”

OPEN SPACE TECHNOLOGY - Spazio Aperto di Discussione -

Sviluppo, sostenibilità e partecipazione. Quale unità di apprendimento? INSTANT REPORT LECCE, 25 novembre 2011

Via per Monteroni – ECOTEKNE – 73100 LECCE – Tel. 0832.298774 . Fax segretario amm.vo 0832.298757 Cod. Fisc. 80008870752 – P. IVA 00646640755


PARTECIPANTI

NOME ALBANESE BRUNO CALABRESE CAVALERA CLELIA DE MICHELE DONADEI FIORITO GRECO LOMBARDO MANCA MANTA MICCOLI PRETE SPAGNA ZENOBINI

COGNOME VALENTINA ANTONIA A. MARIA ANNA RAMPINO SERENELLA DANIELA MARILENA STEFANIA TERESA ALBERTINA COSIMA COSIMA PATRIZIA MARISA SEBASTIANO


RELAZIONI DEI GRUPPI


25 novembre 2011 Sviluppo, sostenibilità e pa rtecipazione. Quale unità di apprendimento? Su cosa vogliamo lavorare: Mezzo di trasporto alternativo all'automobile- motorino Di cosa abbiamo parlato / Cosa proponiamo (sintesi della discussione) Sensibilizzare i ragazzi all'uso della bici come mezzo di trasporto, come momento di aggregazione fra coetanei, come strumento per conoscere meglio la realtà locale divertendosi. Utilizzare il gioco per trasferire informazioni sul comportamento stradale corretto e contemporaneamente informazioni sulla fragilità della natura ed il necessario rispetto della stessa. Suscitare le emozioni primarie che un paesaggio naturalistico ti può trasmettere e riflettere su quanto si può fare per rispettarlo. Prossimi passi (il piano di lavoro per i prossimi mesi) Organizzazione di gite utilizzando la bici combinata con altri mezzi di trasporto e concorsi a premi finali. Referente: Nome Cognome Clelia Rampino

Email masseriacaracci@libero.it

Istituto Scolastico

Chi ha partecipato: Nome Cognome Annapaola Perrone

Email russo.afabio@libero.it

Istituto Scolastico


25/11/11 Sviluppo, sostenibilità e pa rtecipazione. Quale unità di apprendimento? Su cosa vogliamo lavorare: Terra, aria, acqua Di cosa abbiamo parlato / Cosa proponiamo (sintesi della discussione) Struttura di un'U. A. dal titolo “Acqua, aria, terra elementi primordiali da salvaguardare per le generazioni future”. Strutturazione di un percorso di lavoro interdisciplinare per il conseguimento di comportamenti responsabili e rispettosi dell'ambiente, del territorio e della salute. Individuazione delle metodologie didattiche idonee allo sviluppo del percorso (ricerca-azione); valutazione attraverso la socializzazione dei lavori dei diversi gruppi; relazioni individuali; questionari. Sintesi del percorso: − Analisi del territorio individuazione degli aspetti caratterizzanti: (si veda schema) Prossimi passi (il piano di lavoro per i prossimi mesi) Sviluppo di segmenti del percorso: Aradeo: acqua Galatina: agricoltura e imprese Torchiarolo: imprese ed aria San Donaci: terreno (paludi)


Referente: Nome Cognome Sebastiano Zenobini

Email sebastiano.zenobini@gmail.com

Istituto Scolastico Liceo Scientifico “A. Vallone”Galatina

Chi ha partecipato: Nome Cognome Antonia Bruno Marisa Spagna Albertina Manca

Email toniabruno@libero.it marisaspagna@gmail.com manca.rollo@libero.it

Istituto Scolastico Direzione didattica “Aradeo” Direzione didattica “Aradeo” Ist.Sc.Comprensivo “Valesium” Torchiarolo Ist. Comprensivo “Dante Alighieri” - San Donaci

A. Maria Calabrese

perrone.vin@tiscali.it


25/11/11 Sviluppo, sostenibilità e partecipazione. Quale unità di apprendimento? Su cosa vogliamo lavorare: Rafforzamento dell'identità e conoscenza del proprio territorio Di cosa abbiamo parlato / Cosa proponiamo (sintesi della discussione) Abbiamo notato un isolamento della persona che non riesce a relazionarsi e a condividere gli spazi sociali della città. Causa primaria di questo isolamento sembra essere, negli ultimi anni, la nuova modalità di relazione dei social network che omologa la personalità e allontana l'individuo dallo spazio pubblico. Proponiamo di lavorare lungo le seguenti direttrici principali: conoscenza e rivalutazione delle tradizioni locali, recupero di un rapporto dinamico con il territorio e rafforzamento dell'individualità. Portare alla progettazione di valorizzazione del territorio alle più diverse scale. Prossimi passi (il piano di lavoro per i prossimi mesi)  far fare una ricerca sulle caratteristiche del proprio territorio (tipicità enogastronomiche, folklore, storia, geologia, morfologia, beni architettonici.....)  attività di orienteering in città  proporre interviste al fine di conoscere le esigenze dei cittadini, scoprire cosa pensano del loro territorio e cosa vorrebbero farne (producendo una nostra con rappresentazione grafica)  individuazione e rivalutazione di spazi non utilizzati Referente: Nome Cognome Patrizia Prete

Email p.prete@hotmail.it

Istituto Scolastico Dir.Did. “A. Manzoni” (primaria)

Chi ha partecipato: Nome Cognome Valentina Albanese Daniela Donadei Cosima Manta

Email valentina.albanese@unipr.it daniela.donadei@istruzione.it cmmimina@gmail.com

Istituto Scolastico Università di Parma Dir.Did. “A. Manzoni” - Aradeo Dir.Did. “A. Manzoni” - Aradeo (primaria)

Clelia Rampino Anna Paola Perrone Anna Cavalera

masseriacaracci@libero.it russo.afabio@libero.it anna.cavalera@alice.it

Dir.Did. “A. Manzoni” - Aradeo

Aradeo


25/11/11 Sviluppo, sostenibilità e partecipazione. Quale unità di apprendimento? Su cosa vogliamo lavorare: Il riciclaggio (la carta) Di cosa abbiamo parlato / Cosa proponiamo (sintesi della discussione) Sensibilizzare gli alunni, le famiglie, le istituzioni presenti sul territorio (amministrazione comunale, UNITALSI....) sull'importanza del riciclaggio per uno sviluppo sostenibile del nostro territorio. Portare gli alunni alla consapevolezza di vivere in un mondo in cui la carta, bene preziosissimo, viene spesso sottovalutata e sprecata. Attraverso racconti, letture e studio del materiale da riciclare gli alunni saranno condotti dalla teoria alla pratica quotidiana. Raccogliere la carta, nei diversi ordini di scuola del nostro Istituto Comprensivo, per ricavarne proventi da destinare alla costruzione della “Casa Bernadette” che accoglierà persone diversamente abili. Incontro dell'Istituzione Scolastica con i responsabili dell'UNITALSI e degli Amministratori Comunali (settore ecologia) per comunicare e socializzare il Progetto. Organizzare laboratori di tecnologia ed educazione all'immagine in collaborazione con i diversamente abili dell'UNITALSI per la realizzazione di manufatti. Prossimi passi (il piano di lavoro per i prossimi mesi) Il Progetto “RICICLARE PER RICOSTRUIRE” sarà svolto a partire dal mese di dicembre e vedrà la sua conclusione a fine anno scolastico. Le classi interessate saranno tutte quelle presenti nel nostro Istituto Comprensivo attraverso la separazione della carta dagli altri rifiuti. Le classi della Scuola Primaria, oltre al riciclaggio, realizzeranno in occasione delle “Feste dell'Inverno e della Primavera”, manufatti, addobbi a tema, con la CARTA principale protagonista. Referente: Nome Cognome Teresa Lombardo

Email t.lombardo@virgilio.it

Istituto Scolastico Ist. Compr. “Dante Alighieri”- San Donaci

Chi ha partecipato: Nome Cognome Marilena Fiorito

Email marilenafiorito@live.it

Istituto Scolastico Ist. Compr. “Dante Alighieri”- San Donaci Ist. Compr. “Dante Alighieri”- San Donaci Ist. Compr. “Dante Alighieri”- San Donaci

Serenella De Michele

serenellademichele@libero.it

Cosima Miccoli

cosimamiccoli@libero.it


25/11/11 Sviluppo, sostenibilità e partecipazione. Quale unità di apprendimento? Su cosa vogliamo lavorare: Ecosistema Bosco Di cosa abbiamo parlato / Cosa proponiamo (sintesi della discussione) Il bosco come “riserva educativa” per educare all'ambiente. Imparare ad osservare e a leggere il sistema bosco consentirà di promuovere la conoscenza della complessità delle relazioni esistenti tra uomo e ambiente. Esplorare spazi, luoghi e problemi che legano l'uomo all'ambiente permetterà altresì di approfondire tutti gli elementi che ruotano intorno al tema delle risorse del pianeta. La visione prima della rappresentazione teatrale “L'uomo che piantava gli alberi” di Jean Jiano, l'uscita didattica dopo presso il bosco “Baden Powell” (Parco della Tagliata) presso Mesagne (BR) ha offerto agli alunni ed alunne del II Circolo Didattico di Mesagne plesso “G. Falcone” una prima occasione di essere coinvolti operativamente ed emotivamente in esperienze fortemente legate all'ambiente.

Prossimi passi (il piano di lavoro per i prossimi mesi)  Laboratori a cielo aperto  Coltivazione in aula di piante di quercia  Partecipazione attiva e diretta degli alunni ed alunne nella messa a dimora di 5 alberi di quercia e di mandorlo nel giardino della scuola con la collaborazione di AUCHAN (promotrice dell'iniziativa “Adotta con Auchan un'oasi del WWF”) e del WWF (Panda Explorer)  Osservazione diretta dell'ecosistema “Bosco” per comprendere gli equilibri eolici, amare, rispettare e tutelare il verde  Individuazione dei nodi problematici, dell'ambiente bosco. Referente: Nome Cognome Stefania Greco Chi ha partecipato: Nome Cognome

Email stefania.greco2@istruzione.it

Email

Istituto Scolastico Scuola primaria “G. Falcone”- II Circolo Didattico Mesagne Istituto Scolastico


25/11/11 Sviluppo, sostenibilità e partecipazione. Quale unità di apprendimento? Su cosa vogliamo lavorare: Ecologia nella letteratura. Ricerca e approfondimento di fiabe moderne in cui i cattivi non sono più i lupi e streghe ma chi oltraggia l'ambiente e priva adulti e bambini del godimento della natura. Di cosa abbiamo parlato / Cosa proponiamo (sintesi della discussione) Abbiamo parlato delle realtà degradate nel nostro territorio e di come fiabe moderne possano essere utilizzate in qualità di strumento didattico in grado sensibilizzare in modo accattivante i bambini al tema dello sviluppo sostenibile nelle sue molteplici sfaccettature. Ci si propone di educare lo studente al rispetto dell'ambiente calando la magia della fiaba nel contesto locale e problematico. I protagonisti della storia, realistici o fantastici, nascondono dietro di sé i problemi ecologici del nostro tempo: il rispetto per la natura, i suoi spazi, la raccolta differenziata, l'inquinamento ed il depauperamento naturalistico. Prossimi passi (il piano di lavoro per i prossimi mesi) − Lettura di racconti a sfondo ecologico − Sensibilizzazione ai problemi ambientali − Uscita sul territorio per individuare le problematiche della realtà locale − Produzione di una fiaba e/o di un manifesto rurale − Tentativo di coinvolgimento delle amministrazioni locali nel progetto. Referente: Nome Cognome Valentina Albanese

Email valentina.albanese@unipr.it

Istituto Scolastico Università degli Studi di Parma

Chi ha partecipato: Nome Cognome Anna Cavalera Cosima Manta Patrizia Prete Clelia Rampino Daniela Donadei

Email anna.cavalera@alice.it cmmimina@gmail.com p.prete@hotmail.it masseriacaracci@libero.it daniela.donadei@istruzione.it

Istituto Scolastico A. Manzoni Aradeo A. Manzoni Aradeo A. Manzoni Aradeo A. Manzoni Aradeo


CREDITI Organizzazione UNIVERSITA’ DEL SALENTO DIPARTIMENTO DI SCIENZE ECONOMICHE E MATEMATICO – STATISTICHE Associazione Italiana Insegnanti di Geografia Accreditata MIUR formazione personale docente Sezione Interprovinciale di Lecce-Brindisi Presidente: prof. Stefano De Rubertis

Prof. Stefano De Rubertis Professore straordinario Geografia economico politica Università del Salento stefanoderubertis@gmail.com Dott.ssa Marilena Labianca dottore di ricerca in Geografia economica labiancamarilena@libero.it

Metodologie partecipative Andrea Gelao +39 3284166893 andrea.gelao@conetica.it

OST Unisalento  

Istant Report Open Space Technology sul tema: Sviluppo, sostenibilità e partecipazione. Quale unità di apprendimento? Attività realizzata n...

Read more
Read more
Similar to
Popular now
Just for you