Page 4

4 --- CONCEPT MAGAZINE

INCONTRO CON

ABBIAMO INCONTRATO ROBERTO GIACOBBO, AUTORE E CONDUTTORE DEL PROGRAMMA DI RAI 2, DURANTE LE RIPRESE SULL’ANTICA REPUBBLICA ALTOTIBERINA. NELLO STAFF ANCHE IL BITURGENSE MICHELE ROSSI.

“Voyager” racconta le storie e i misteri dei luoghi più affascinanti d’Italia e del mondo. Cospaia è uno di questi.

Roberto Giacobbo è autore e conduttore di “Voyager”.

R

o tu ormai sei un volto noto della televisiooberto, ne italiana ma sei stato e sei ancora anche autore, scrittore e docente universitario. In quale ruolo ti riconosci maggiormente? Sicuramente in quello di autore. Sono nato autore e lo rimarrò per tutta la vita. Naturalmente mi piace fare anche altre cose, ma l’autore è la prima cosa che ho fatto e che mi ha dato modo di entrare a far parte di questo bellissimo mondo. E rimango autore tutt’ora, per tutte le cose che faccio, compreso Voyager.

Negli anni ’90 abbiamo potuto assistere ad alcune tue trasmissioni, nelle quali non hai “messo la faccia” ma che hanno dato il via ad un nuovo genere televisivo. Sto parlando di “Misteri”, “La macchina del tempo” e “Stargate”, ai quali è seguito poi, dal 2003 anche “Voyager”. In qualche modo il mistero è stato complice del tuo successo! Esatto. Il mistero e più che mai la curiosità. Non mi sono mai accontentato di ciò che mi veniva detto, della buccia… ho sempre voluto sapere cosa stava dentro il frutto. Pensa che da piccolo mi divertivo a smontare i miei giocattoli, non per romperli, ma per vedere come erano fatti dentro. Poi ovviamente li rimontavo e ci giocavo. Quello di capire come vanno le

cose è uno stimolo innato che poi, abbinato alla cultura, mi ha fatto rendere conto che tanti fatti, tante cose, tante storie, fanno parte o di scoperte di molti anni fa che, se fatte oggi sarebbero molto più complete, o addirittura di convenzioni: tante volte accade che non si sappia come siano andate le cose veramente e si decide che debbano essere andate in un certo modo. Invece le nuove tecnologie e i nuovi studi possono anche cambiare queste origini e ho visto che molte volte accade proprio questo. L’ho scoperto nella storia, nell’archeologia, ma ci sono degli scienziati che mi hanno fatto scoprire queste cose nella fisica: certezze che sembravano dei dogmi intoccabili possono essere smentite. Recentemente mi sono molto affascinato a scoprire quello che abbiamo sotto ai piedi, di fianco a noi; zone che pensiamo di conoscere perché le attraversiamo ogni giorno per andare in ufficio, ma che invece non conosciamo affatto. È stato bellissimo per esempio, nella prima puntata di questa stagione di Voyager, dedicata a Siena, ricevere telefonate di molti cittadini senesi che mi dicevano: “Abito qui da sempre ma in tv ho sempre visto parlare del Palio e di poche altre cose, mentre tu ci hai raccontato cose che ancora molti senesi non conoscono”.

Come fate a venire a conoscenza di particolari che neanche gli stessi cittadini sanno?

Lavoriamo moltissimo e non ci accontentiamo mai. Ma soprattutto andiamo a leggere i testi originali che parlano di un determinato luogo. Questo perché tante volte si legge l’ultimo libro scritto su una determinata cosa, che però magari è il riassunto del riassunto… così facendo ovviamente si possono perdere dei particolari che a volte contengono delle informazioni bellissime.

Oggi siete in Valtiberina per raccontare cosa?

Per raccontare Cospaia, la storia di questa Repubblica indipendente. Questa idea me l’ha data un amico che vive qui, Giovanni Giovagnini, che una volta mi ha parlato di questo luogo incredibile. Allora ho pensato di fare un pezzo del programma che raccontasse le micro-nazioni che ci sono in Italia e all’estero. Naturalmente tutto è nato da questa idea che mi ha dato Giovanni su Cospaia e quindi eccomi qui, a parlare di uno dei luoghi dell’Italia Straordinaria. Ma non posso svelarti altro, altrimenti non ci sarebbe sorpresa. Invito però i lettori di Concept a guardare la puntata di Voyager. Un saluto! Tamara Falaschi

L’Antica Repubblica di Cospaia (San Giustino - PG) ha una storia straordinaria e “Voyager” ne parlerà a fondo.

Gennaio 2017  
Gennaio 2017  
Advertisement