Issuu on Google+

TRIBIANO e m e i s in DA UN TRIENNIO ALLA GUIDA DEL COMUNE Il cambio di marcia amministrativo A PAG. 4

QUELLO CHE C’È DA SAPERE SULL’IMU L’approfondimento di Martino Gola A PAG. 5

VIABILITÀ URBANA MIGLIORATA Strade più sicure e agevoli A PAG. 6

N. 11 - Giugno 2012

Periodico a cura dell’Amministrazione comunale di Tribiano

IN QUESTO NUMERO: Editoriale................................................................pagina 3 Dall’Amministrazione............................................pagina 4 Approfondimenti....................................................pagina 5 Progetti per la Comunità.......................................pagina 6 Brevi dal Territorio.................................................pagina 8

Lavori Pubblici............................................pagina 10 e 11 Sport e Tempo Libero.........................................pagina 13 News & Sociale...................................................pagina 14 Servizi al Cittadino..............................................pagina 15


La politica al collasso. Precipita la fiducia nei confronti dei rappresentanti politici, c’è bisogno di un cambiamento radicale Il Sindaco - Franco Lucente - sindaco@comune.tribiano.mi.it

olitica, antipolitica. Bene e male. Sembra proprio che la figura dell’uomo politico italiano – se non altro in una accezione generalizzata – sia precipitata in una voragine dalla quale non riuscirà più ad uscirne. Il sistema è guasto, è corrotto, a volte addirittura colluso e va quindi modificato radicalmente. Le consuetudini all'”italiana” o malaffare – chiamatele come volete – hanno portato al collasso della fiducia del popolo verso quelle Istituzioni rappresentate da taluni che bramavano unicamente alla spartizione di posti e incarichi dai compensi sonanti. A questo punto è presumibile che molti esponenti politici – ai quali poco si addice il decoroso titolo che spetta a chi è chiamato a governare – che per anni hanno anteposto al beneficio pubblico il proprio tornaconto personale usciranno di scena. Questo è un bene. Ma il momento antipolitico delineatosi negli ultimi tempi non dovreb-

P

Editoriale

be essere considerato come una rivalsa dei cittadini sulla politica bensì un problema. Problema sul quale riflettere e dal quale risorgere nelle mani di quei rappresentanti, fino ad oggi ostracizzati dalla vecchia politica, che negli anni non hanno tradito la fiducia che il Paese gli ha concesso. Nel nostro piccolo, anche noi amministratori comunali continuiamo a fare la nostra parte, estirpando quella stessa “erbaccia” che cresce in ogni dove. La nostra crociata nasce da lontano, nel profondo della moralità della quale i componenti della squadra di Governo vanno fieri, e proseguirà all'insegna dell'irreprensibilità e trasparenza. Valori, viene da dire ormai quasi secolarizzati, soppressi ai più, che imprescindibilmente caratterizzano il nostro lavoro. E se nella nostra realtà siamo riusciti a cambiare, forse allora non è utopia credere in qualche cosa di migliore. La possibilità di poter sperare in una mutazio-

ne evolutiva della politica del Paese persiste fortemente; noi ne siamo l'esempio, o almeno ci proviamo con tutte le forze. Basti volgere lo sguardo indietro per accorgersi quanto il rinnovamento che abbiamo portato, adottando strumenti e inflessibili accorgimenti, a dispetto dei nostri predecessori, non lasci dubbi. Questo non significa che il retaggio lasciatoci in eredità sia stato “macchiato”, ma sicuramente che non gode della stessa nitidezza che contraddistingue il nostro incarico. Esempio ne è l’istituzione dell'albo fornitori e l'albo delle cooperative sociali. Ma la dimostrazione esemplare è proprio quella che mi ha interessato in prima persona: il Comune ha avuto in essere una collaborazione professionale con la dottoressa Carmela Anzelmo – prima che divenisse mia consorte in qualità di membro costituente il nucleo di valutazione permanente del Comune di Tribiano per il quinquennio

2009-2014. La professionista in questione, dall'indubbia congruità curriculare che la mansione richiedeva e con una remunerazione minimale, rassegnò le proprie dimissioni in data 02-05-2011 per ragioni di carattere personale che adducevano appunto alla questione del conflitto di interesse che si sarebbe potuto ingenerare una volta contratto il matrimonio con il sottoscritto. Abbiamo preferito evitare dunque qualsiasi incompatibilità e soprattutto polemica – che a onor del vero avrei considerato legittima se non avessimo operato questa scelta in virtù dei principi di trasparenza e correttezza ai quali ci ispiriamo –, privandoci purtroppo dei servigi e delle competenze di una professionista, per mantenere alta la stima nei nostri confronti. Ho voluto quindi mostrare lo spessore che sussiste in ogni nostra azione e decisione. Non tutti i politici sono uguali.

3


2009-2012, un triennio alla guida di Tribiano L’Amministrazione taglia il traguardo dei tre anni di mandato e ne ripercorre i momenti salienti Una serata che ha tratto un bilancio del passato, ragionato sul presente e illustrato i progetti per il futuro: questo l’esito dell’incontro “Un triennio alla guida di Tribiano – I traguardi dell’Amministrazione Lucente”, tenutosi mercoledì 6 giugno presso la sala consiliare Falcone-Borsellino, giorno in cui il sindaco Franco Lucente ha incontrato la cittadinanza per festeggiare e ripercorrere gli anni 2009-2012. Organizzatori della serata sono stati Maurizio Zanoni e Silvia Arrigoni, entrambi dello staff del giornale comunale Tribiano Insieme e del periodico locale 7giorni. La giornalista ha intervistato il Primo cittadino, ponendo domande riguardanti tutti gli aspetti dell’Amministrazione comunale. Su un maxischermo sono state proiettate le immagini significative e in conclusione è stato lasciato uno spazio per le domande dei cittadini presenti. Il primo argomento trattato nella panoramica a

4

360° è stato il PGT: «Non ci si metteva mano dal ’98. In un anno e mezzo l’abbiamo completato, dando spazio a realizzazioni residenziali, strutture e servizi, sempre nel rispetto dei canoni, e abbiamo abolito norme che impedivano di costruire anche semplici recinzioni; il PGT è visionabile a tutti sul sito del Comune». Un problema molto sentito in un piccolo paese è quello di avere un punto di ritrovo per i cittadini: «Stiamo lavorando su una piazza centrale su cui sorgerà la nuova sede del municipio e una chiesa. Purtroppo la burocrazia allunga i tempi. La chiesa non è di competenza comunale, mentre per la nuova sede del Comune abbiamo avuto problemi: la sovrintendenza e la commissione paesistica avevano dato l’ok per trasferirlo nella Cascina Castellini, non riconoscendole valore artistico. Avevamo già appaltato l’opera quando, per la presenza di uno stemma antico, il be-

ne è stato classificato come di interesse pubblico» e, a dimostrazione di ciò, il Sindaco ha esposto ai cittadini i documenti originali. Il tutto è stato quindi traslato nella piazza di fronte alla scuola: il progetto esecutivo è consegnato, va solo ufficializzato il parere ASL. Nel frattempo però l’attuale municipio è stato ammodernato poiché in pessime condizioni: «Diventerà un centro medico polifunzionale: non è stato uno spreco ristrutturarlo ma un investimento». Si è proseguito parlando del parco Freud e della Sala consiliare al suo interno, un’area verde diventata punto di riferimento per attività ricreative e ludiche, teatro di corsi di ballo e serate culturali. Per quanto riguarda la scuola dell’infanzia Bruno Munari, il Sindaco ha dichiarato: «Non è stata progettata dalla nostra Giunta ma l’abbiamo portata avanti, investendo molto più di quanto preventivato». È seguito un discorso sulla sicu-

rezza con l’importante patto tra le polizie locali di Mediglia e Tribiano, il servizio di vigilanza privata attivato per 2 anni e l’idea di fornire agli anziani un telecomando con servizio di aiuto. «Abbiamo inoltre realizzato grandi opere, come la riqualificazione stradale: il primo lotto è terminato con il rifacimento di manti stradali e la sistemazione e posa di dossi rallentatori. Dopo l’estate daremo il via al secondo. Ma c’è attenzione anche ai piccoli dettagli: la navetta gratuita che porta gli anziani a fare la spesa, uno scuolabus in dirittura di arrivo con pedana per disabili, la casetta dei fiori davanti al cimitero». Con i ringraziamenti alla Giunta e ai sostenitori, il Sindaco ha concluso con il tema della comunicazione: «Dopo il tg e il giornalino comunale, le aggiornate pagine facebook e twitter, questa serata è stata l’ennesima dimostrazione di un’Amministrazione trasparente e vicina ai cittadini».

Dall’Amministrazione


Tutto quello che bisogna sapere sull’IMU (imposta municipale unica). L’approfondimento di Martino Gola Le domande sull'IMU (Imposta Municipale Unica), da parte dei cittadini, sono tante; per cercare di aiutare i contribuenti, a dipanare l'ingarbugliata matassa impositiva, abbiamo chiesto l'aiuto del Dott. Martino Bruno Gola, assessore con delega alle Finanze e

Martino Gola

Approfondimenti

al Bilancio, Patrimonio, Attività Produttive e Commercio. Partendo dall'aspetto nozionistico è bene sottolineare che nonostante il fatto che l'Imu comporti un forte aumento del prelievo patrimoniale sugli immobili (pari al 233% dell'Ici, secondo i dati forniti dalla Fondazione Anci), gran parte della somma andrà a beneficio dello Stato. È riservata allo Stato, infatti, la quota di imposta pari alla metà dell'importo, calcolato applicando l'aliquota di base alla base imponibile, di tutti gli immobili, ad eccezione dell'abitazione principale e delle relative pertinenze, nonché dei fabbricati rurali ad uso strumentale. La legge prevede, inoltre, che tutto il gettito comunale “in eccesso” rispetto a quanto incassato con l'Ici, sia recuperato dallo Stato attraverso drastiche riduzioni dei trasferimenti. Il presupposto dell'imposta, naturalmente, è il possesso di fabbricati, aree fabbricabili e terreni agricoli che si trovano nel territorio del Comune. I soggetti chiamati a pagare non sono solo i proprietari degli immobili, terreni e fabbricati ma anche coloro i quali risultino titolari di diritti reali di abitazione, usufrutto, uso, enfiteusi, superficie sugli stessi, anche non residenti nel territorio dello Stato. Dal 1 gennaio 2012 è cessata, inoltre, la possibilità, data precedentemente ai Comuni, di assimilare all'abitazione principale, con conseguente applicazione dell'aliquota ridotta, le unità immobiliari concesse in uso gratuito ai parenti in linea retta o collaterale (genitori, figli…). Per calcolare la base

imponibile dell'Imu bisogna definire il valore dell'immobile; per procedere a questo calcolo è necessario, prima, operare una distinzione sull'immobile: per le aree edificabili ci si deve riferire al valore di mercato, per quanto riguarda i fabbricati la base imponibile è costituita da un valore convenzionale che si ottiene moltiplicando la rendita iscritta in catasto, da rivalutare del 5%, per i nuovi coefficienti; nel caso di terreni agricoli o incolti, infine, la base è costituita dal valore convenzionale ottenuto moltiplicando il reddito dominicale del terreno, risultante dal catasto, da rivalutare del 25%, per i coefficienti previsti. Se consideriamo, ad esempio l'abitazione principale il calcolo verrà effettuato nel modo seguente: Rendita catastale (5%) x 160 x 0.4% Bisogna anche considerare che, per l'abitazione principale, è prevista una detrazione di 200 euro e, per gli anni 2012 e 2013, tale detrazione è maggiorata di 50 euro per ciascun figlio di età inferiore a ventisei anni. Sul sito del comune di Tribiano (www.comune.tribiano.mi.it) è possibile verificare la rendita catastale dei propri immobili collegandosi al link diretto dell'Agenzia del Territorio. Per quanto concerne il pagamento, per il 2012 è previsto un regime speciale con la suddivisione in rate; da considerare che nel caso dell'abitazione principale il contribuente potrà decidere di pagare in tre trance. La prima rata dovrà essere calcolata applicando le aliquote di base, senza tener conto delle eventuali variazioni deliberate dal Comune. La prima deve essere, quindi, versata entro il 18 giugno in misura pari al 50% dell'importo ottenuto applicando le aliquote di base.

Con la seconda rata, da versare entro il 16 dicembre, il contribuente dovrà rivedere i propri calcoli e rideterminare l'imposta complessivamente dovuta sulla base delle aliquote deliberate dal Comune ed effettuare, eventualmente, il conguaglio anche sulla prima rata. Nel caso in cui il contribuente scelga di pagare in tre rate (la prima entro il 18/06, la seconda entro il 17/09 e la terza entro il 17/12), le prime due rate dovranno essere corrisposte in misura ciascuna pari a un terzo e la terza, a saldo, dovrà essere versata a conguaglio delle prime due. Il Comune di Tribiano ha mantenuto l'aliquota del 0,4% sulla prima casa, aumentando, invece a 0,95% quella sulla seconda casa. Il Consiglio Comunale ha deciso l'aumento dell'aliquota base poiché, a differenza dell'Ici, l’Imu sulla seconda casa viene condivisa con lo Stato che ne esige la metà dell'importo. A fronte di questa scelta e dei sempre minori trasferimenti governativi, a favore del Comune, al fine di mantenere gli alti standard qualitativi, il Comune di Tribiano ha dovuto operare questa scelta. L'Imu si paga esclusivamente attraverso il modello F24. L'Agenzia delle Entrate ha previsto, inoltre, che nell'indicazione delle somme versate, il contribuente dovrà indicare in modo distinto la parte dell'imposta dovuta al Comune e quella di pertinenza statale. Per avere informazioni circa i codici tributo e il codice ente è possibile consultare il sito internet www.agenziaentrate.gov.it o rivolgersi all'Ufficio Tributi durante gli orari di apertura al pubblico (lunedì e giovedì dalle ore 9 alle ore 12 e dalle ore 16.30 alle ore 18.20; martedì, mercoledì e venerdì dalle ore 8.30 alle 12.00).

5


L’estate è ormai arrivata, le scuole sono chiuse… e i bambini? Tutti al centro estivo per trascorrere il mese di luglio in compagnia

Stipulata l’alleanza tra le Polizie Locali di Tribiano e Mediglia Il sodalizio incrementerà il controllo territoriale con meno spreco di risorse Le ultime settimane di marzo è stata approvata un’importante convenzione tra il Comune di Mediglia e quello di Tribiano: gli agenti della Polizia Locale dei due paesi hanno iniziato a collaborare al fine di migliorare la sicurezza, consentire una maggiore efficacia nell’utilizzo delle risorse dei due Enti e ovviare i problemi di competenza territoriale e giurisdizionale che si presentano negli interventi presso i punti di confine tra i due Comuni. Sono il sindaco di Tribiano, Franco Lucente, e il vicesindaco ed assessore con delega alla Sicurezza, Fabrizio Castoldi, a spiegare in cosa consiste l’accordo: «Durante l’ultimo Consiglio comunale – dichiarano – abbiamo finalmente siglato questo patto di cui si parlava da mesi; il ritardo è stato causato dai cambi amministrativi del Comune di Mediglia. La convezione prevede il pattugliamento reciproco sui territori dei due Comuni, per mezzo Vittorio Ferrari di 2 pattuglie che

6

svolgono orari di servizio (6 ore continuate) e straordinari, gestiti in base alle necessità del territorio. Questa sinergia porterà più alti livelli di sicurezza per i cittadini e una lotta continua contro episodi di piccola delinquenza; fortunatamente la macrocriminalità non è diffusa». «Abbiamo diviso il territorio dei Comuni in due ambiti – spiega Vittorio Ferrari, comandante della Polizia Locale di Tribiano –: l’ambito A sarà controllato da una pattuglia con due agenti di Mediglia, l’ambito B prevede la presenza sull’automobile di un agente di Mediglia e uno di Tribiano». «Infatti – conclude il comandante della Polizia Locale di Mediglia, Roberto Cilano – l’ambito A copre la zona nord del nostro Comune con le frazioni di Mombretto, Bettolino e Robbiano. L’ambito B invece comprende il centro di Mediglia, Bustighera, Triginto, il Comune di Tribiano e le sue frazioni». Le uscite congiunte hanno già dato i primi frutti: sono stati effettuati controlli sulla viabilità, è stata debellata la piaga della sosta selvaggia in via Pertini a Tribiano, e si stanno cercando soluzioni per il problema dell’alta velocità in alcune vie del paese. Inoltre, in collaborazione con i Carabinieri di San Donato Milanese, venerdì 25 maggio, le due Polizie Locali hanno allestito dei posti di blocco tra Mombretto, Tribiano e Peschiera Borromeo.

Con la chiusura delle scuole, molti genitori si trovano in difficoltà perché, costretti dal lavoro, non sanno a chi affidare i bambini. Il Comune di Tribiano viene loro incontro con il Centro Ricreativo Diurno Estivo Comunale: bambini e ragazzi si potranno divertire tra giochi e attività a partire dal 2 luglio fino al 27 dello stesso mese. L’iscrizione è obbligatoria per un periodo di almeno due settimane ed è rivolta agli alunni di scuole dell’infanzia, elementari e medie. Se verrà raggiunto il numero minimo degli iscritti, i più piccoli della scuola dell’infanzia potranno usufruire anche del periodo 27-31 agosto e gli altri della settimana che va dal 3 al 7 settembre. L’ingresso è previsto dalle 8.30 alle 9.00 e l’uscita a partire dalle 17 fino alle 17.30. Oltre ai giochi e le attività all’insegna del tema dell’anno “Viaggio in Italia”, due giorni della settimana verranno trascorsi nella piscina di Paullo ed è prevista un’uscita settimanale sul territorio; alla fine del periodo ci sarà una gita fuori dal territorio comunale e una grande festa. La quota settimanale per i residenti (e per i non residenti che però frequentano durante l’anno il plesso scolastico di Tribiano) è di 50 euro e comprende l’utilizzo di materiali e impianti sportivi, il trasporto per le uscite, il servizio di animazione con personale qualificato e l’assicurazione; rimane esclusa la mensa (4,32 € a pasto). «Il Centro Estivo, organizzato dalla nostra Amministrazione – spiega l’assessore alla partita, Pamela Delle Cave –, sarà affidato per la prima volta alla Cooperativa sociale “Il Melograno”, una Onlus di Segrate che progetta e gestisce servizi educativi e socio-assistenziali, e attività di formazione».

Pamela Delle Cave

Progetti per la comunità


Notizie in breve, flash e

ultimi aggiornamenti Abusi sessuali in giovane età, parliamone assieme 20 aprile 2012 – La sala consigliare del Parco Freud ha ospitato la presentazione del libro autobiografico “La bambina che beveva cioccolata” scritto da Laura Monticelli Conetta. L’autrice, vittima di abusi sessuali in giovanissima età che l’hanno brutalmente strappata all’infanzia prima e all’adolescenza poi, ha ripercorso la sua traumatica esperienza con l’ausilio di musica, letture e immagini. Successivamente è seguito un dibattito sul tema della pedofilia nel quale sono state osservate le statiche e i relativi dati in materia attraverso il contributo della dottoressa Laura Emiletti del centro C.I.P.M. (Centro Italiano per la Promozione della Mediazione ) di Milano. Alla serata hanno preso parte anche il primo cittadino Franco Lucente e l’assessore con delega ai Servizi alla Persona Sara Dedè.

beniamini dei cartoni animati) si sono radunati sotto i portici, all’altezza dell’edicola cartolibreria di Giovanna Pili, in via Liberazione, per dare spazio alla fantasie e curiose trattative per accaparrarsi la figurina “mancante”.

Un dono simbolico per accogliere i nascituri

Nel mese di Aprile – Sono stati elargiti i primi sette diari alle altrettante famiglie che nell’ultimo periodo sono state interessate dalla nascita di un figlio. Per dare quindi un caro saluto di benvenuto ai nascituri, venuti alla luce di recente, il Comune ha offerto simbolicamente in dono un diario sul quale ogni puerpera potrà annotare il primo anno di vita della piccola creatura che ha dato alla luce.

hanno addotto all’annullamento dell’insediamento di una scuola media in paese per il prossimo anno. Nonostante l’impegno profuso sia risultato vano, l’Amministrazione è fermamente decisa a proseguire in questa direzione e pertanto, durante il medesimo incontro, si è voluta confrontare con i papà e le mamme degli scolari frequentanti le classi terza e quarta elementare dell’istituto Don Milani per comprendere le loro intenzioni future. «Una struttura scolastica interna al paese comporterebbe solo benefici – spiega il Sindaco –. Noi abbiamo fatto tutto il possibile, ora spetta ai genitori comprendere e soprattutto condividere la proposta». Sono di fatto questi ultimi che, attraverso le iscrizioni dei propri figli, decreteranno o meno la riuscita del progetto negli anni a venire. «Noi – aggiunge – siamo fiduciosi».

“Salgo” sul piedibus e vado a scuola. E non serve nemmeno il biglietto! Nel viaggio casa-scuola si apprendono le norme basilari del codice della strada

Dal 16 aprile all’8 giugno – Successo per il progetto Piedibus. Il servizio di “trasporto” in questione, ormai ampiamente diffuso su larga scala, è quello che antepone all’utilizzo dei tradizionali veicoli un modo più salutare, sicuro, gradevole ed ecologico per andare a scuola: la camminata. Gli alunni delle classi terza, quarta e quinta dell’istituto primario di primo grado Don Milani hanno quindi avuto modo di raggiungere l’edificio scolastico con le proprie gambe, sotto la supervisione e il controllo di appositi accompagnatori. I benefici che ne hanno ricavato sono stati molteplici: promozione di un ulteriore momento di socializzazione, interiorizzazione delle più comuni norme stradali, esplorazione del territorio circostante; il tutto in movimento. A contribuire in maniera determinante alla riuscita del progetto sono stati, ciascuno per rispettive competenze: Polizia Locale, Protezione Civile Paullo-Tribiano, insegnanti, genitori e Amministrazione comunale.

Tribiano capitale Niente scuola delle figurine media anche per un giorno per l’anno 2013 01 maggio – Si è tenuto un simpatico appuntamento ludico-ricreativo: il consueto scambio di figurine. Piccoli collezionisti delle più svariate raccolte (dai Calciatori Panini agli Amici a quattro zampe fino ai

8

19 aprile 2012 – In una riunione il Sindaco e l’assessore alla Istruzione, Pamela Delle Cave, hanno incontrato i cittadini, genitori dei discenti tribianesi, spiegando loro i motivi che

Brevi dal Territorio


Una casetta di legno ricolma di fiori Da oggi, al Cimitero, si potranno acquistare composizioni floreali La piccola casetta di legno, illuminata dal sole mattutino, sembra quasi uscire da una favola dei Fratelli Grimm. Se si parcheggia la macchina, nello spiazzo attiguo al Cimitero, e ci si avvicina alla casupola, si rimane stupiti, infatti, dal vederla traboccante di fiori di ogni tipo e misura, come se centinaia di farfalle colorate avessero deciso di riposarsi lì, per poi ripartire proseguendo il loro viaggio. La Signora Linda Borghi sorride accogliendo i clienti che, stupiti, si avvicinano per capire se si tratta di sogno o realtà. «Tutto vero – gioisce –, qui potete trovare fiori freschi recisi, piantine, composizioni floreali per matrimoni, compleanni, feste… insomma per ogni occasione. Rimarrò qui, a disposizione degli abitanti di Tribiano per i mesi di giugno e luglio, tutti i sabati e le domeniche dalle ore 9.00 alle ore 12.30. Ad agosto saremo chiusi, ma

a Settembre stiamo pensando di aprire anche il sabato pomeriggio». La Signora Linda adora i suoi fiori, infatti, oltre alla gestione della casetta dei fiori di Tribiano, segue, con passione, anche le vendite presso il suo negozio a Paullo in via Matteotti 2. Mentre ammiriamo le tante varietà fiorite arriva, per l’inaugurazione del chiosco dei “Messaggi fioriti” anche il primo cittadino, Franco Lucente, che con orgoglio spiega di aver voluto fortemente questa casetta che spera possa diventare un punto di riferimento per tutto il paese. «Come Amministratore avevo il preciso

compito di dare una pronta risposta ad una esigenza manifestatami dai miei cittadini; devo anche confessare che sarò un fedele cliente poiché ogni settimana sono qui a trovare i miei cari – rivela –. Per i collegamenti dal centro al cimitero esiste già una navetta gratuita, messa a disposizione nelle giornate del lunedì e del giovedì mattina; adesso cercheremo di implementare il servizio in modo da consentire anche ai nostri anziani di Tribiano di poter acquistare i fiori per i loro cari».

Linda Borghi e i colori di Messaggi Fioriti

Non vi sono irregolarità: il reticolato idrico è ok «L’Amministrazione comunale ha operato nel pieno della legalità e nel rispetto delle normative vigenti». Con queste parole, estrapolate dalla missiva che recava come mittenti i componenti dell’opposizione di Tribiano, il Primo cittadino Franco Lucente ha chiuso la vicenda relativa ai chiarimenti circa le presunte illegittimità del Pgt. La contestazione, levata dai banchi dell’opposizione in sede di Consiglio comunale, riguardava l’approvazione del reticolato idrico minore perché presentato a posteriori dalla convalida del Piano di Governo del Territorio. Manovra però risultata del tutto lecita, ribadita altresì dalla Provincia di Milano. A Palazzo Isimbardi, infatti, chiamato in causa con tanto di lettera protocollata n. 73066, era stata imputata la responsabilità di aver convalidato lo strumento urbanistico tribianese sprovvisto di un requisito, il reticolato idrico. La replica ufficiale non si è fatta attendere: il fatto accennato non presenta alcun vizio né di forma né di sostanza, non sussiste dunque illegittimità negli atti comunali.

Sarà completata e messa a norma la rete fognaria locale Sistemato anche l’ultimo tratto tra il Municipio e via Puccini Lungo la Strada Comunale 705 di Tribiano, partendo dal palazzo del Municipio fino ad arrivare al vicino angolo con via Puccini, si stanno svolgendo alcuni lavori fognari. Il piccolo cantiere è stato aperto nelle ultime settimane di maggio e il termine delle operazioni è previsto per la metà di giugno. I lavori in corso riguardano il completamento della rete di fognatura della città, perfettamente funzionante eccetto che in quel

10

tratto ancora non coperto: rimanevano, infatti, senza un’adeguata forma di scarico proprio l’edificio comunale e il condominio di via Puccini, più volte multato dalla Provincia di Milano per gli scarichi non regolari delle acque direttamente nei canali limitrofi. «È da oltre un anno – spiega il sindaco Franco Lucente – che spingiamo per realizzare l’opera. Ciò che mi preme segnalare non è tanto che l’attuale Amministrazione si

sia adoperata per risolvere questa situazione, quanto il fatto che da anni si era a conoscenza del problema, così vicino al nostro Comune, e nessuno si è mai mosso per risolverlo; proprio dal Municipio, invece, dovrebbe partire il buon esempio!». Una volta conclusi i lavori, si provvederà a riasfaltare la strada e ripristinare la

pista ciclabile, momentaneamente interrotta in un tratto: «Questo a completamento delle altre opere di riqualificazione stradale che hanno vista protagonista la nostra città» conclude il Sindaco.

Lavori Pubblici


Le tante attività in programma per l’estate 2012

Riasfaltatura in via Trento

Viabilità migliorata. ll primo lotto dei lavori di riqualificazione è concluso Interventi strategici, in più punti, fanno progredire il sistema stradale Il primo lotto di riqualificazione della viabilità urbana si è concluso: diverse le opere che sono state completate in poco più di due mesi. La strada che porta a Lanzano, che aveva un’agibilità problematica, è stata riasfaltata, e le sue banchine sono state allargate. Manto stradale nuovo anche in via Trieste, opera ultimata al fine di garantire più sicurezza agli automobilisti attraverso una maggiore aderenza. In via Liberazione, invece, è stato rimosso il dosso rallentatore, la cui altezza non era a norma: ne è stato riposizionato uno più basso. Inoltre, all’intersezione con viale Piave, spesso teatro di sinistri, è stato realizzato un incrocio

stradale rialzato, che costringerà coloro che transiteranno a rallentare, e che contribuirà a dare una migliore visibilità. Terminata anche la riasfaltatura del ponte sull’Addetta, ai piedi del quale è stata posizionata anche una piccola rotonda per meglio gestire la circolazione in quella zona. Sono stati, inoltre, posizionati due dossi in via Tobagi: in tal modo, chi si troverà a percorrerla sarà costretto a rispettare i limiti di velocità. «Sono molto soddisfatto di aver portato a termine la prima parte dei lavori di riqualificazione stradale: a Tribiano non si interveniva da troppo tempo in questo senso, e ce n’era un grande bi-

Incrocio rialzato Liberazione-Piave

Lavori Pubblici

sogno – ha commentato il primo cittadino, Franco Lucente –. Ringrazio il nostro ex assessore Claudio Paulato, che ha dato il via al primo lotto di interventi; sono contento di averlo portato avanti e terminato, avendo assunto la delega ai Lavori Pubblici. Presto si darà il via al secondo lotto». A settembre, infatti, cominceranno i lavori che porteranno al collegamento, dal ponte di via Marconi a via Moro, tra le due piste ciclabili di Tribiano. «Perché gli altri interventi abbiano il miglior esito possibile – ha fatto sapere Lucente –, sarà invece necessario attendere nuovamente la bella stagione».

Ponte sull’Addetta

I tribianesi, per l’estate 2012, avranno solo l’imbarazzo della scelta, visto il nutrito calendario eventi per la stagione estiva. Si è partiti giovedì 7 giugno con un interessante seminario incentrato sulla famiglia dal titolo: “I figli raccontano ai genitori” presso la Sala consiliare “Falcone e Borsellino”, al Parco Freud. Sabato 9 giugno è stato il palato a trascinare i cittadini in piazza per la festa amata da grandi e piccini: la “Festa della Pizza in Piazza”. L’evento verrà, inoltre, replicato anche il 16, il 23 Giugno e il 7 luglio. Altro evento, altra tematica, quella ecologica, promossa, sempre dalla Pro Loco di Tribiano, con la “Seconda biciclettata ecologica”, saltata all’ultimo a causa delle incerte condizioni meteorologiche. Appuntamento quindi a domenica 17. Iscrizioni ancora aperte presso il bar “Cogli l’Attimo”. Gli appassionati di calcio non potranno invece perdere il Secondo Torneo di calcio a 9 “San Vito” che si terrà dal 13 al 29 giugno. Non si può mancare, poi, il 30 giugno e il 1 luglio, all’American Motorfest. L’estate tribianese chiude in bellezza sabato 15 settembre con la sagra del paese. Per tenersi sempre aggiornati sugli eventi in programma si può visitare il sito web del Comune (www.comune.tribiano.mi.it ) o la pagina facebook della Pro Loco Tribiano.

Dossi in via Tobagi

11


Il sogno di una bambina che è diventato realtà Carla Dell’Orti, fondatrice di Sport 2000, dedica anima e corpo alle attività sportive

La valorizzazione delle qualità fisiche e morali guida i corsi di Sport 2000 Le attività hanno il fine di infondere serenità, cooperazione e amicizia Fondatrice della associazione dilettantistica "Sport 2000" e insegnante di educazione fisica, Carla Dell'Orti ha sempre avuto il desiderio, insieme alla sorella Maria (preziosa aiutante in questa società), di poter offrire un'attività sportiva e ricreativa atta a migliorare non solo le qualità fisiche, ma anche quelle morali di tutti i partecipanti. «Il nostro intento commenta Carla - è quello di creare, all'interno dei nostri corsi, uno spirito di amicizia, serenità e cooperazione agonistica». Si tratta di una associazione senza scopo di lucro con finalità educative, mirate allo sviluppo globale del bambino e dell'adulto, impegnata ad operare nel settore sportivo e scolastico sul territorio della provincia di Milano (Paullo, Tribiano, Merlino) e Lodi (Comazzo). Le discipline offerte dall'as-

sociazione sportiva sono organizzate affinché possano praticare sport anche i bambini a partire dai 3 anni: per loro è stato organizzato un apposito corso baby-dance. Non solo, la variegata disponibilità di sport si estende anche alla ginnastica artistica e ritmica, al mini-basket, ai corsi di fitboxe (altrimenti detta aerobica boxata), di pilates, di ginnastica posturale, di aerobica e di step. Per il prossimo anno è in progetto la possibilità di offrire agli iscritti un corso di zumpa, disciplina che unisce un ritmo latino americano alla ginnastica aerobica. «Sarà un corso molto divertente e coinvolgente ma anche molto utile per tenersi in forma», commenta Carla. In merito alle attività messe a disposizione, Carla Dell'Orti ha voluto evidenziare la collaborazione in atto con la scuola di

Sport e Tempo Libero

Merlino. «Il 18 maggio - illustra - 78 bambini della scuola di Merlino hanno tenuto un meraviglioso saggio. Collaboriamo con questa scuola da ben 4 anni e con essa offriamo un corso di multisport molto interessante. Nella giornata di Domenica 20 maggio, invece, a Tribiano, tutti gli atleti della nostra associazione dilettantistica hanno tenuto il consueto saggio di fine anno. É stata una cerimonia molto tecnica, divertente e ben organizzata». I corsi di questa stagione sportiva sono ormai giunti in dirittura d'arrivo ma per i cinici appassionati sportivi a giugno partirà il corso di Summer fitness a Paullo. E alla prova costume, ormai inesorabilmente alle porte, se non in corso, ci si può far trovare puntualmente in forma!

Amante dello sport fin dalla tenera età, Carla dell'Orti, educatore di cultura fisica e fondatrice da ben 14 anni dell'associazione dilettantistica "Sport 2000", all'età di 4 anni ha avuto modo di approcciarsi alla ginnastica artistica, dedicando a questo sport gran parte della sua vita. «Da piccola – ricorda – ho sempre sognato di diventare un'insegnante di educazione fisica e così, anche la mia carriera scolastica è stata influenzata da questa mia ambizione». Dopo aver conseguito il diploma magistrale, Carla, spinta dal suo forte desiderio, si è iscritta alla facoltà Iseef dell'Università Cattolica di Milano conseguendo la laurea con il massimo dei voti. «Mi sono sempre dedicata al mondo sportivo – chiarisce – e credo di poter dire di aver avuto tanta passione e tanta voglia di fare». Oggi, Carla, grazie all'associazione sportiva "Sport 2000" organizza corsi in collaborazione con diverse amministrazioni comunali ed istituti comprensivi nei paesi di Tribiano e limitrofi. Il suo grande sogno si è dunque avverato e proseguirà nelle attività che verranno messe in piedi nel prossimo futuro.

Carla Dell’Orti

13


Quando le attività di una cooperativa sociale vanno dritte a “Segno” a favore della comunità La grande sfida per educare i ragazzi nel migliore dei modi seguendoli nel loro sviluppo “Il Segno” è una cooperativa sociale che si occupa dei minori e delle famiglie in difficoltà, in particolar modo a Tribiano e a Paullo, rivolgendo le sue attività alle scuole, agli oratori e alle associazioni di volontariato. Non solo: opera anche presso le scuole di Settala, Merlino, Gorgonzola, Cernusco sul Naviglio e Inzago. Dalla sua nascita, nel 2004, la Cooperativa è diventata sempre più presente sul territorio, promuovendo e lanciando inizia-

tive nella realtà locale in cui è attiva. La Trebianum Language School, ad esempio, divisione che si occupa dell’organizzazione di corsi di lingue straniere sul territorio di alcuni Comuni del Sud Milano. Ha collaborato come partner, inoltre, dal 2006 al 2009, con la Regione Lombardia per “Insieme si cresce”, progetto per le parrocchie di Tribiano e Paullo, rivolto ai minori e alle loro famiglie. A Tribiano “Il Segno” svolge, attualmente, nume-

rose attività: segue, infatti, la biblioteca, l’asilo nido aperto lo scorso novembre e il progetto di doposcuola “Genitori e figli – Istruzioni per l’uso”. L’obiettivo principale della Cooperativa è quello di prevenire il disagio minorile e l’abbandono scolastico, al fine di evitare situazioni di isolamento e solitudine, attraverso un sostegno quotidiano nello svolgimento dei compiti e favorendo l’aggregazione. «Lo sviluppo di Tribiano e Paullo

ha visto un notevole incremento demografico, insieme al costante aumento di cittadini immigrati – ha dichiarato Francesca Gandini, presidente de “Il Segno” –. La nuova sfida è proporre anche attività ludiche e ricreative, in parte autogestite e scelte dai ragazzi: crediamo, infatti, che educare alla condivisione e alla gestione del tempo libero possa essere un valido strumento di prevenzione».

La comunicazione pubblica locale Tra gli innumerevoli casi riportati vi è anche l’esempio di Tribiano È stato stampato, nel mese di maggio, il volume "La comunicazione pubblica locale", edizioni Guerini e Associati, relativo al concorso “Premio Comunicami”, rivolto alle Amministrazioni pubbliche locali, agli enti gestori di servizi e alle associazioni no-profit operanti sul territorio provinciale, che annualmente la Provincia di Milano indice. «Il libro – fanno sapere dall’ufficio comunicazione di Palazzo Isimbardi – oltre a raccontare l'edizione del 2010 del premio, tratta nel dettaglio i cambiamenti organizzativi nei proces-

14

si di comunicazione pubblica locale dalla legge 150 del 2000 al D.L. 78 del 2010». Al suo interno vi si possono trovare anche alcune pagine dedicate alla menzione speciale che l’anno scorso ha gratificato l’impegno del Comune di Tribiano circa l’ambito innovativo in materia di comunicazione attraverso “Tv Tribiano”, poiché “esempio ben riuscito di canale web, trasmesso su un social network, con una grafica chiara e ben definita, facile da intuire”.

News & Sociale


MUNICIPIO DI TRIBIANO Servizi Demografici Anagrafe 02/90.62.90.201 Stato Civile-Elettorale 02/90.62.90.202 Protocollo 02/90.62.90.218 Servizio Tecnico Tecnico Segreteria 02/90.62.90.207 Responsabile Tecnico 02/90.62.90.210 Ecologia 02/90.62.90.206 Servizio Affari Generali Affari Generali 02/90.62.90.216 Servizi alla Persona-Pubblica Istruzione 02/90.62.90.217 Eventi e Sport 02/90.62.90.221 Messi 02/90.62.90.220 Assistente Sociale 02/90.62.90.213 Servizi Finanziari Economo 02/90.62.90.214 Responsabile Settore 02/90.62.90.215 Tributi 02/90.62.90.222 Polizia Locale Comando 02/90.63.30.81- 02/90.63.29.43 Via della Liberazione n. 82 Biblioteca comunale 02/90.63.92.66 Via della Liberazione n. 64 Palestra comunale 02/90.63.93.40 Piazza Pertini n.1 Scuola elementare 02/90.64.081 Scuola materna 02/90.63.24.16

Servizi al Cittadino

NUMERI DI EMERGENZA Carabinieri Carabinieri - Caserma Polizia Provinciale Soccorso Pubblico d’Emergenza Vigili del Fuoco Guardia di Finanza Emergenza Sanitaria Croce Bianca Paullo

112 02/90.64.40.16 02/90.63.35.55 113 115 117 118 02/90.64.782 02/90.63.18.00 Presidio Poliambulatoriale 02/98.11.41.11 Polizia Stradale - S. Donato 02/52.70.222 Servizio antincendio boschivo 1515 Acquedotto - Cap 02/89.520 Elettricità - guasti 800.900.800 - 800.901.050 Gas - Guasti 800.998.998 Direttore Responsabile Franco Lucente Coordinatore Editoriale Maurizio Zanoni In Redazione Ilaria Piermatteo, Silvia Arrigoni, Giancarlo Capriglia, Francesca Tedeschi Grafica & Design Alex Marocchi Progetto grafico e impaginazione 7giorni Sas di Bersani e Robecchi www.7giorni.info Tipografia STILUX srl Via Atto Vannucci, 6/8 20135 Milano

Redazione Ufficio segreteria generale Palazzo Municipale 20067 Tribiano tel. 02.90.62.90.216 segreteria@comune.tribiano.mi.it tribianoinsieme@gmail.com Pubblicità 7 Giorni Sas - Via Dante 2 20068 - Peschiera Borromeo MI cell. 339.28.00.846 commerciale@7giorni.info Testata registrata presso il Tribunale di Lodi il 16/09/2010. Questo numero è stato chiuso in redazione il 12/06/2012

15



Tribiano Insieme Giugno 2012