Page 1

e TRIBIANO m e i ins sieme in

L’ARMA DEI CARABINIERI COMPIE 203 ANNI Grandi festeggiamenti per l’occasione A PAG. 4

POTENZIATA LA STAZIONE DELLA POLIZIA LOCALE Al comando va Federico Bevilacqua A PAG. 5

LAVORI IN CORSO DAVANTI AL MUNICIPIO La nuova piazza prende vita A PAG. 6

N. 30 - Luglio 2017 Periodico a cura dell’Amministrazione Comunale di Tribiano

IN QUESTO NUMERO: Editoriale......................................................pagina 3 Forze dell’ordine.......................................pagine 4 - 5 Dall’amministrazione................................pagine 6 - 8

Celebrazioni................................................pagina 10 Attività sul territorio....................................pagina 11 Sport e tempo libero......................pagine 12 - 13 - 14 Servizi al cittadino.......................................pagina 15


La buona estate passa dall’istituzione locale: i passi amministrativi compiuti prima della sospensione estiva Il Sindaco - Franco Lucente - sindaco@comune.tribiano.mi.it

Care concittadine e cari concittadini, con quest’ultimo numero di “Tribiano Insieme” ci avviamo al periodo più leggero dell’anno: le vacanze estive. Prima di abbandonarci tra sdraio e sabbia - o città d’arte o ancora vette alpine - mi preme anzitutto sottolineare quanto è stato realizzato nell’ultimo periodo e aggiornarvi sui passi compiuti dall’amministrazione comunale sui fronti in cui è impegnata. Relativamente alla sfera dei lavori pubblici di certo spicca la realizzazione di un campo al centro sportivo in erba sintetica a sostituzione di quella naturale, l’ampliamento del cimitero e la costruzione della nuova piazza, che assumerà una rilevanza strategica per la vita cittadina. Al momento, davanti al palazzo

municipale è un viavai di mezzi, attrezzi e operai che si danno un gran da fare per creare quanto auspicato da sempre: un luogo centrale, di aggregazione. All’ultimo è arrivata un’altra buona notizia: le macerie di una casa che giacevano da sette anni in via Roma, a Lanzano, e che non potevano essere toccate per una causa giudiziaria, sono state rimosse, consentendo una viabilità più fluida. Tra l’altro, a breve, sarà avviata l’asfaltatura della stessa. Altri piccoli ma significativi interventi riguardano l’abbattimento di un muretto in via XXIV Maggio e le operazioni di potatura e di abbellimento del verde, di cui abbiamo già dato informazione nei mesi precedenti. Un capitolo a parte ma sempre inerente al te-

ma interessa l’assessore Damiano Calzati che, con buona volontà, si è adoperato in prima persona per sistemare le strutture dei parchi usate dai bambini durante il gioco. Non posso esimermi in questo mio scritto dal dare il benvenuto al neo comandante della stazione di polizia locale Federico Bevilacqua che coordinerà il lavoro dei nostri due vigili. Avremo dunque un potenziamento d’organico che consentirà alle autorità di lavorare in efficienza e in maniera più capillare sul territorio, all’insegna di sicurezza, ordine e pulizia. Gli argomenti trattati sulle altre pagine del trimestrale comunale raccontano nei dettagli alcune celebrazioni solenni e diversi momenti ludico ricreativi di grande impatto, come il radu-

no degli appassionati di Group Cycling, quello delle Vespe Piaggio e lo stage con il caposcuola di Yawara Jitsu. Infine, è stato dato giustamente spazio alle meravigliose attività svolte alla Scuola Musica Pittura e alla Fiera del lavoro, organizzata dai comuni del Distretto Sociale Paullese in collaborazione con Afol Sud Milano. Insomma, una serie di approfondimenti che vi permetteranno di conoscere a 360 gradi le fasi di sviluppo del centro urbano, a cui corrisponde il quasi completamento del programma di governo prefissato con due anni d’anticipo. Un’ultima cosa, prima di addentrarvi nelle letture: voglio augurarvi, affiancato dall’intera squadra di governo, delle buonissime vacanze!

I bambini sulla spiaggia - Sally Swatland

Editoriale

3


Un momento della cerimonia. In tricolore il sindaco Franco Lucente e il vicesindaco di Paullo Marta Battioni

Grande festa per i 203 anni dell’Arma dei Carabinieri Il sindaco: «È fondamentale che carabinieri, amministrazioni e cittadini siano uniti nella lotta al crimine» L’Arma dei Carabinieri quest’anno ha spento ben 203 candeline. Anche Tribiano si è unita alla festa, organizzando una giornata a base di tricolore e sorrisi, che ha coinvolto sia attuali che passati esponenti dell’Arma, tribianesi compresi. Si è sottolineato così, ancora una volta, quel fondamentale legame che dovrebbe intercorrere tra le forze dell’ordine e i cittadini, al fine di garantire un’efficacie collaborazione sul territorio, e di conseguenza una maggiore sicurezza. Un concetto rimarcato dal presidente dell’Associazione Carabinieri di Paullo, Angelo Neri: «L’inquietudine dovuta al dilagare del rischio terroristico ci porta ad assumere un impegno crescente, e insie-

4

me nascono nuove esigenze. Per questo motivo è necessaria la sinergia con i cittadini, unitamente a maggiori investimenti da parte dello Stato». A fare gli onori di casa nella cornice della sede della Pro Loco di Tribiano, c’era il Sindaco Franco Lucente: «È importante continuare a celebrare i Carabinieri, richiamando alla memoria il loro grande apporto in termini di salvaguardia della sicurezza. Ringrazio i numerosi ex appartenenti alle forze dell’ordine oggi presenti, in rappresentanza dei comuni limitrofi: è grazie alle loro testimonianze che il ricordo può continuare a vivere. Siamo inoltre orgogliosi continua - di poter ospitare l’Arma dei Carabinieri pres-

so il vecchio municipio. I militari si troveranno in una posizione strategica, potendo infatti operare ad ampio raggio, e solamente ad un chilometro da Paullo. Il messaggio su cui si vuole far leva è la collaborazione, poiché è fondamentale che carabinieri, amministrazioni e cittadini costituiscano un tutt’uno - conclude - uniti nella lotta al crimine, guardando alla difesa del bene comune». La festa per la celebrazione dei 203 anni di storia della forza di Polizia, è stata un vero e proprio «momento di condivisione», come lo ha definito il vicesindaco di Paullo, Mar ta Battioni. Dopo la messa officiata da Don Davide Chioda, è seguita la toccante commemorazione

di tutte le vittime dell’Arma, con la deposizione della corona d’alloro al Monumento al Carabiniere, e infine si è fatto ritorno alla cascina Castellini per dar spazio all’allegria, tra spumante e buon cibo. I primi ad essere rimasti colpiti dall’affetto dimostrato dalla gente sono stati proprio i due Carabinieri in servizio presenti, ovvero il giovane maresciallo Manuel Romano e il comandante della stazione di Paullo, Roberto Mannucci: «Sono davvero felice per questa festa, sembra di trovarsi in famiglia, poiché sento l’affetto e la vicinanza delle persone. Significa che siamo riusciti a trasmettere alla popolazione sicurezza e fiducia».

Forze dell’ordine


Polizia locale rafforzata: doppio inserimento nell’organico per una vigilanza costante del territorio Ai due vigili si aggiungono un impiegato amministrativo e il comandante Federico Bevilacqua

Al centro il nuovo comandante Federico Bevilacqua

L’ufficio della polizia locale si allarga. Non solo è stato predisposto un luogo apposito all’interno del comune, bensì i due vigili già presenti sul territorio saranno affiancati durante il loro operato da un impiegato e dal comandante Federico Bevilacqua. Quest’ultimo, classe 1962, sposato e con due figli, è originario di Roma ma dal 1984 vive a San Donato Milanese, nel cui comando di polizia presta servizio. Resterà a Tribiano per un anno, con la finalità comunque di prolungare l’incarico. «La località da cui provengo - commenta Bevilacqua - è una realtà molto più grande, per cui ripartita in diversi settori; qui invece gestisco un gruppo ristretto, di conseguenza dobbiamo essere tutti preparati per affrontare da soli le pro-

Forze dell’ordine

blematiche che si presenteranno. Ho bisogno di tempo per conoscere il territorio, ma a primo impatto mi sembra un posto ordinato. L’intento è quello di essere vicini ai cittadini per comprendere le possibilità di intervento, e allo stesso tempo far rispettare la legge, andando a correggere con gradualità i compor tamenti sbagliati che possono creare danno sociale e trattando le novità con appositi avvisi». «Un significativo cambiamento - spiega il sindaco Franco Lucente - perché il comune non ha mai avuto un ufficio in tale ambito, e questo ci permette di non dover attuare altre convenzioni». Per provvedere infatti ad una completezza di organico, l’ente tribianese si appoggiava a Mediglia, tuttavia il servizio non poteva es-

sere continuativo. «Il comandante Roberto Cilano ha prestato un ottimo servizio da noi - dichiara l’assessore alla sicurezza Damiano Calzati - e spero che la collaborazione continui con la nostra squadra di polizia per un controllo congiunto dei due comuni contigui. La presenza fissa di Bevilacqua però fa la differenza. Con questo inserimento puntiamo a rendere l’ufficio più efficiente e ad avere una maggiore presenza sul territorio. Approfitteremo della sua esperienza e soprattutto del suo impegno full-time per una vigilanza costante, che garantisca sempre ordine e pulizia». Nello specifico, Calzati ha menzionato diversi servizi da ottimizzare e alcuni pronti per essere avviati dopo la supervisione attenta e pun-

tuale del comandante. «Sarà necessario un occhio di riguardo nella sorveglianza dei mezzi pesanti che vogliono attraversare il centro del paese - aggiunge -. Invece entro la fine dell’anno vogliamo che avvenga la verifica del sistema di allarmi così da ultimarlo. Inoltre chiederemo un censimento della segnaletica, sia verticale che orizzontale, per eventuali modifiche o sostituzioni. In ultimo, sarà nostra premura concludere il progetto della lettura targhe, ovvero le telecamere poste agli ingressi». Un’altra sostanziale novità sarà l’apertura al pubblico del nuovo ufficio durante gli orari di accesso al palazzo municipale, direttamente attraverso l’ingresso che dà su via Liberazione

5


Cantieri aperti: il nuovo centro cittadino prende vita Al momento gli operai stanno lavorando sul primo lotto, il cui costo ammonta a 280mila euro Tribiano avrà un suo centro. Le promesse dell’amministrazione comunale si fanno sempre più concrete da quando lo spazio antistante il municipio è diventato un cantiere. Concluso il bando e la conseguente assegnazione dell’appalto all’azienda aggiudicatrice, ai primi di giugno sono iniziati i lavori per la realizzazione della nuova piazza, che si estenderà da via Liberazione a via Monte Grappa. Pensata davanti al palazzo comunale, nel cuore del paese, vuole essere soprattutto un luogo di aggregazione. «Siamo orgogliosi - commenta il sinda-

co Franco Lucente - di riuscire a ultimare il progetto d’insieme che ci eravamo figurati nella mente e che avevamo annunciato con gioia ai cittadini. È un traguardo importante». Il significativo investimento economico e le complessità che si riscontrano durante una procedura di questa portata non hanno imbrigliato la caparbietà della squadra di governo, che consegnerà ai tribianesi una piazza bella e funzionale. Il valore complessivo si avvicina a 500mila euro, tuttavia è stato predisposto un piano suddiviso in due tempistiche: il primo lotto, che am-

monta a circa 280mila euro, è stato avviato, mentre il secondo, per cui verrà indetta una gara entro la fine dell’anno, si aggira a 150mila. La prima porzione di terreno che è stata interessata dai lavori è il lato destro, attualmente adibito a parcheggio per i dipendenti. Per non recare disagi eccessivi, verrà completata una sezione alla volta, così che si possa utilizzare il resto dell’area per sostare. «Per il momento si sta procedendo con gli scavi per allestire le condutture spiega il primo cittadino successivamente verrà alla luce l’opera nella sua totali-

tà, visibile e fruibile da chiunque». La pavimentazione ad uso pedonale, in pietra naturale, cubetti di beola grigia del Piemonte e lastre di Serizzo Antigorio, sarà interrotta da panchine e spazi verdi, nonché dai due silos che già occupano lo spiazzo. L’auspicio è che diventi il nucleo dell’ente, punto nevralgico in cui rilassarsi, incontrarsi, assistere ad eventi e manifestazioni. «Per questo vorremmo che l’inaugurazione avvenisse a settembre in vista della sagra cittadina. Speriamo che i lavori siano conclusi entro quel periodo di festa».

Nuova ala al camposanto: 40 loculi e spazio per creare cappelle gentilizie Sono quasi terminati i lavori di ampliamento del cimitero di Tribiano. All’interno del perimetro del camposanto, infatti, è stata aperta una nuova ala con 40 loculi, identici a quelli preesistenti, e lo spazio necessario per creare, in futuro, alcune cappelle gentilizie. Il cantiere è stato gestito dalla società appaltatrice Impianti Elettrici Sanval, e per il Co-

6

mune ha avuto un costo di 180mila euro. «Questo ampliamento - ha dichiarato il sindaco Franco Lucente era proprio necessario. Avremmo voluto farlo prima, ma eravamo condizionati dal patto di stabilità. Non appena svincolati i fondi necessari, abbiamo provveduto». Allo stato attuale, il cantiere è ancora aperto per alcune manutenzioni, in parti-

colare per completare la pulizia e la sistemazione degli spazi comuni e per il rifacimento dei servizi pubblici. «I lavori sono in dirittura d’arrivo - ha spiegato Rocco Torchia, assessore alla partita -. Per quanto riguarda i loculi, mancano solo le lastre di marmo di chiusura e si sta ultimando il vialetto davanti ad essi. Gli operai, inoltre, stanno piastrellando i ba-

gni. Dopodiché posizioneranno porte e sanitari. Entro la fine dell’estate, il tutto dovrebbe essere completato». A conferma della prossimità della chiusura del cantiere è già stato individuato il professionista per il collaudo statico delle opere, che sarà Alessandro Castelletta, incaricato di effettuare tali verifiche.

Dall’amministrazione


Separatati ideologicamente i due comuni nelle figure dei rispettivi rappresentanti amministrativi, concretamente per mezzo di barriere fisiche La battaglia che ha per protagonista la comunale 704 si origina per il malcontento espresso dagli abitanti dei due municipi coinvolti, Tribiano e Mulazzano, in seguito ad uno sbarramento, nella fattispecie un new jersey, posto a impedire la viabilità. Per venire incontro alle necessità dei passanti, che ad oggi devono fare un altro giro percorrendo alcuni chilometri in più per raggiungere le loro destinazioni, Franco Lucente si è fatto portavoce delle incongruenze riscontrate a livello burocratico. «La prima ordinanza per vietare il traffico - spiega - fu emessa dal comune di Mulazzano nel 2010 per ragioni di pericolosità della strada stessa, nel frattempo sono terminati i lavori per il cavalcavia della Tem ed è quindi scaduta. Ne è stata emessa un’altra il 27 aprile per mettere a tacere le

contestazioni sopraggiunte, ma l’impedimento fisico è abusivo, non è menzionato nei documenti, né tantomeno segnalato. Inoltre si parla di messa in sicurezza del percorso mentre vengono fatte eccezioni per alcuni residenti». Per tutte queste ragioni il primo cittadino di Tribiano, insieme a uno schieramento di cittadini, davanti alla polizia locale ha dapprima rimosso simbolicamente il new jersey, ponendo comunque un paracarro sostitutivo per non incorrere in irregolarità, e in seguito alla seconda ordinanza di aprile ha scritto al prefetto di Lodi e per conoscenza a quello di Milano. «Abbiamo atteso che Mulazzano ci concedesse una riunione per trovare un accordo - aggiunge - e soprattutto delle possibilità che incontrassero le esigenze di chi deve percorrere quotidia-

Piccole manutenzioni per i bimbi: ecco l’assessore “tuttofare” Damiano Calzati, titolare dell’assessorato a protezione civile, sicurezza, eventi e legalità, si sta dando un gran da fare per assolvere ai propri compiti istituzionali. Non soltanto. Il suo impegno infatti è andato oltre: negli ultimi mesi si è occupato di soddisfare le necessità della fascia più giovane della popolazione. Armato di avvitatore e martello, ha sostituito un gradino danneggiato dello scivolo al parco in via Fratelli Cervi e si è reso disponibile per sistemare la teleferica nel multisport in via Manzoni. Interventi minimi, certo, ma che accrescono la vivibilità del paese. namente quella via, ma in mancanza di riscontro ci siamo rivolti direttamente al Tar (Tribunale amministrativo regionale)». Un’apertura al dialogo auspicata e subito negata quindi, che ha costretto ad impugnare l’ordinanza. «Pretendiamo che, dopo sette an-

Damiano Calzati, l'assessore tuttofare

Una strada che divide: la Lanzano-Mulazzano

ni, vengano completati i lavori per mettere in sicurezza la strada - chiarisce, in conclusione - così che possa tornare ad essere percorribile e congiunga finalmente i due comuni».

Più agevole l’ingresso alla pista ciclabile in via XXIV Maggio

Il muretto sistemato

8

Negli ultimi mesi è stato eseguito un lavoro edile, che ha portato giovamento alla viabilità delle due ruote ma anche perdonale: in via XXIV Maggio gli operai hanno sezionato un muretto che praticamente impediva il passaggio dal marciapiede alla pista ciclabile. L’operazione

non ha avuto un grande impatto economico ma ci è voluta una certa attenzione poiché la proprietà non era del comune. Il varco, richiesto a gran voce dalla cittadinanza, permette dunque un collegamento tra le mobilità all’insegna della sicurezza e dell’accessibilità.

Dall’amministrazione


Tribiano celebra il 72° anniversario della Liberazione Il significato del 25 aprile: «Siamo tutti uniti sotto un unico colore, quello della bandiera italiana»

Alcuni momenti della ricorrenza

È il 25 aprile, e le note del “Silenzio” risuonano nella chiesa di Tribiano, per rendere onore a tutti coloro che combatterono e diedero la vita per la libertà. Un momento toccante in un giorno fondamentale per la democrazia, ma che purtroppo viene ormai ignorato da molte persone. Non a Tribiano, comune che ha deciso di ospitare rappresentanti sia dell’Anpi che dell’Associazione nazionale combattenti e reduci, per celebrare in modo significativo il giorno della Liberazione. La data del 25 aprile porta sempre con sé anche diverse polemiche, che sca-

10

dono per consuetudine nel dibattito sull’appartenenza politica di tale festa nazionale. Non mancano inoltre sterili discussioni su quanto sia rilevante continuare a commemorare la Liberazione del 1945. Tutte questioni che tendono ad oscurare l’essenzialità del 25 aprile per gli italiani. Il sindaco di Tribiano, Franco Lucente, era presente alle celebrazioni e ha così colto l’occasione per trasmettere un messaggio importante e di condivisione: «Oggi è il 72° anniversario della Liberazione, e vorrei ricordarlo in modo un po’ polemico. Si discute spesso del fatto che

questa festa appar tenga solamente a una parte della popolazione, ma non è così. Il 25 aprile è festa nazionale dal 1949, e celebrandola siamo tutti uniti sotto allo stesso colore, il tricolore della bandiera italiana. Rappresenta una ricorrenza, trasmessa anche alle generazioni future, per ricordare coloro che diedero la vita per liberare il Paese. Noi continuiamo a dividerci, e preoccupa vedere come non venga più tramandato il significato racchiuso in questa data». Il sindaco ha poi continuato su come viene intesa oggi questa festa: «Oramai il 25 aprile è visto

dalla maggior par te delle persone come un giorno in cui si può restare a casa da scuola o dal lavoro, o grazie al quale fare ponte in qualche meta, ed è molto triste. Dobbiamo tornare a comunicare e ad insegnare nelle scuole l’importanza della Liberazione e del perché non bisogna ignorarla, ricordando gli uomini e le donne che hanno collaborato all’instaurarsi della democrazia, dando quella libertà agli italiani che è anche la nostra. Se siamo liberi dobbiamo ringraziare coloro che lo hanno reso possibile. È una festa senza colori politici, è la festa di tutti… viva l’Italia!». Successivamente è stata deposta una corona di fronte al monumento ai caduti. Tra i presenti c’erano Gianpier Picchì (Anpi), Daniele Gandini (Alpini), Salvatore Finita e Guido Bassi (Ancr), insieme all’assessore Rocco Torchia e al vicesindaco Pamela Delle Cave. All’unanimità hanno lanciato un appello: «Questi momenti di ricordo non devono essere dimenticati, ma valorizzati. Bisogna essere orgogliosi di chi si è sacrificato credendo nell’ideale della libertà».

Celebrazioni


Quadri cosmici e l’amore per gli strumenti musicali: la fioritura della Scuola Musica Pittura Alla fine dell’anno gli allievi hanno dato prova di quanto appreso durante l’anno con pennelli, sei corde e batteria

Nelle fotografie, la bellissima gioventu ̀ di Tribiano

Tempo di saggi finali per la Scuola Musica Pittura di Tribiano, tempo di tirare le somme dopo un anno di impegno. È toccato prima agli allievi del corso di chitarra, che si sono esibiti giovedì 18 maggio alle 18.00 presso l’aula musica e pittura, guidati dalla loro insegnante nonché coordinatrice della struttura Ilaria Modena. Lunedì 29 maggio alle 17.00, invece, in sala consigliare è stata inaugurata la mostra “Viaggio Cosmico”, frutto del lavoro degli allievi del corso di pittura e della loro insegnante, Sofia Peschiera, che con soddisfazione ha commentato: «Si tratta di un argomento scientifico-matematico che abbiamo affrontato da un punto di vista artistico, perché i fenomeni del cosmo sono anche belli da vedere

e da rappresentare». I bambini hanno dunque riprodotto il sistema solare mantenendo, su scala, le proporzioni reali tra un pianeta e l’altro; si sono inoltre impegnati nella riproduzione di alcuni quadri d’artista e in altre opere a tema libero. Dopo i ringraziamenti di Ilaria Modena all’amministrazione comunale per gli spazi concessi e alla Pro Loco, il sindaco Franco Lucente e il vice sindaco Pamela Delle Cave hanno premiato i presenti, consegnando gli attestati di partecipazione. «Ringrazio la Scuola Musica Pittura per la sua presenza a Tribiano da ben 13 anni e per questo bellissimo allestimento - ha dichiarato il primo cittadino -. Una sala consiliare non serve solo allo scontro politico, ma deve essere uno spazio aperto a

Attività sul territorio

tutti. Per questo, per il secondo anno, spalanchiamo le porte del municipio per esporre i lavori dei nostri ragazzi, e continueremo a farlo volentieri: avere sul territorio delle realtà che si occupano di attività diverse dal solito gioco è una risorsa importante per il nostro paese». La mostra è rimasta aperta al pubblico fino a lunedì 5 giugno alle 17.30, quando ad essere premiati sono stati i batteristi, guidati da Daniele Frati, alla presenza del sindaco e del presidente della Pro Loco, Luciano Mita. Dopo questo momento, i batteristi si sono trasferiti nell’aula musica e pittura per il loro saggio, in cui hanno mostrato una grande capacità tecnica dettata da ben otto anni consecutivi di studio.

11


Group Cycling, oltre 300 appassionati sul sellino delle biciclette stazionarie in una domenica di maggio Grande successo e tante pedalate alla seconda edizione del “Freewheeling Area 2.0”

Per il secondo anno consecutivo il centro urbano ha ospitato un evento molto sentito e partecipato a livello nazionale: il raduno degli appassionati di Group Cycling. Si tratta di un’attività di indoor cycling, ovvero che prevede l’utilizzo di una bicicletta stazionaria al chiuso, con un programma interamente sviluppato in Italia e insegnato all’interno di molte palestre. Tale tipo di allenamento viene promosso e diffuso dalla ICYFF, federazione nazionale con sede a Sasso Marconi (Bologna), che coordina la formazione di nuovi istruttori, si occupa di tutti i corsi presenti sul

territorio italiano e organizza numerosi eventi in diverse città. Domenica 7 maggio, una grande famiglia è giunta a Tribiano per il “Freewheeling Area 2.0”: oltre 300 appassionati e istruttori provenienti da ogni angolo d’Italia hanno peda-

lato durante quattro diverse fasce orarie, a partire dalle 10.45. L’evento è stato predisposto da Giuseppe Ajera e da Stefania Baraiolo, trainer nazionali e insegnanti del corso presso la palestra Pentagym di Paullo, e patrocinato dal comune e dalla

Pro Loco. Le istituzioni locali erano rappresentate dal sindaco Franco Lucente, il vice sindaco Pamela Delle Cave, l’assessore allo sport Roberto Gabriele e il presidente della Pro Loco Luciano Mita. La location doveva essere il parco di via Fratelli Cervi; tuttavia, a causa del maltempo, le stazionarie targate Technogym - sponsor dell’evento - sono state allestite all’interno della palestra comunale, ma questo non ha di certo scoraggiato i partecipanti, abituati a macinare chilometri, appunto, indoor. Il primo cittadino, intervenuto poco prima della sessione pomeridiana, si è detto molto soddisfatto: «Sono davvero contento che Tribiano ospiti nuovamente questa bellissima manifestazione, che ancora una volta si rivela un successo». Giuseppe Ajera ha ringraziato i partecipanti, gli istruttori presenti e tutti coloro che hanno reso possibile l’ottima riuscita dell’evento, tra cui l’amministrazione comunale e la Pro Loco. Si è quindi continuato a pedalare, quasi ininterrottamente, fino alle 18 circa.

Gli atleti sui sellini

Le partite di calcio si giocheranno, a breve, sull’erba sintetica Assegnato il bando per i lavori al centro sportivo. Entro luglio apriranno i cantieri per trasformare il manto erboso del campo a 11 in erba sintetica, per la gioia

12

dei giocatori dell’U.S.D. Tribiano; restano solamente da chiudersi le normali procedure di accertamento relative all’azienda aggiudicataria. Ma per gli appassio-

nati del pallone non è finita qui: è previsto un altro bando, più avanti, che riguarderà la realizzazione di un campetto a cinque, sempre in erba sintetica, ma anche

l’ampliamento degli spogliatoi e la sistemazione degli impianti dell’intero complesso.

Sport e tempo libero


L’oceano di vespe e premiazioni

Ma come è bello andare in Vespa sulle strade tribianesi: al raduno accorrono oltre 120 mezzi Un successo al di là delle aspettative per l’appuntamento degli appassionati della due ruote Piaggio Domenica 14 maggio presso il parcheggio dei giardini di via F.lli Cervi ha preso il via il consueto appuntamento annuale che il Vespa Club di Vizzolo Predabissi organizza per gli appassionati degli scooter Piaggio. Un mezzo che ormai è diventato icona popolare e che si identifica nel periodo del boom economico, dove la due ruote di Pontedera divenne il sogno realizzato di moltissimi italiani. L’evento promosso dall’assessorato agli eventi guidato da Damiano Calzati è cominciato di buon’ora. Amici e appassionati si sono trovati per l’iscrizione e la colazione al chiosco nel parco; alla fine

sono stati più di 120 i mezzi registrati. Ovviamente ce n’erano di tutte le tipologie: da alcuni esemplari datati degli anni ‘70, ai modelli più diffusi come il “Vespone Px “, ma anche autentiche chicche come la Vespa 50 Special con il faro rettangolare. Verso le ore 11.00 il sindaco Franco Lucente ha simbolicamente dato il via al tour turistico attraverso il territorio. Tutti insieme appassionatamente, per un percorso di 57 km a cavallo delle province di Milano e Lodi: Cassino d’Alberi, Mulazzano, Quartiano, Modignano, Villavesco, Casalmaiocco, San Zenone al Lambro, Santa Maria in Prato,

Sport e tempo libero

Salerano, Lodi Vecchio, San Grato, Arcagna, Casolta, Quartiano, Cervignano, Dresano (pit stop per l’aperitivo), Balbiano, Mediglia, Bustighera, Zoate e arrivo al Parco Freud per il pranzo sociale preparato dalla Pro Loco. Gli organizzatori hanno espresso tutta la loro soddisfazione per l’alta adesione alla giornata di festa, il gruppo più numeroso è stato quello del Vespa Club di Piacenza con 19 iscritti, seguito dal Vespa Club di Milano con 18. Anche il primo cittadino ha confessato il suo amore per la Vespa: «Da ragazzo avevo una Vespa 125 Px che guidavo per le vie del mio paese - ha di-

chiarato -, sono molto contento dell’adesione dei tribianesi a questa iniziativa, che rientra in un programma di eventi che l’amministrazione comunale ha pianificato per la nostra bella cittadina». Fra gli spettatori più entusiasti, bambini, adolescenti e i loro genitori. I primi hanno potuto constatare con mano l’evoluzione negli anni di un marchio italiano famoso nel mondo, visionando dal vivo modelli fino a ora visti solo in fotografia; i secondi hanno aperto qualche cassettino della memoria, dove sono riaffiorati ricordi di gioventù lontani, passati a cavallo degli scooter Piaggio.

13


Gli amministratori presenti alla fiera del lavoro

Una due giorni per ricercare un’occupazione professionale Sinergia tra i comuni del Distretto Sociale Paullese e AFOL Sud Milano per organizzare la Fiera del lavoro Nelle giornate del 24 e 25 maggio, è stata proposta un’iniziativa di grande utilità, visto il momento di crisi che stiamo attraversando e la scarsità di posti di lavoro. Il Distretto Sociale Paullese, composto dai comuni di Mediglia, Pantigliate, Paullo, Peschiera Borromeo e Tribiano, in collaborazione con AFOL Sud Milano, hanno organizzato la “Fiera del Lavoro”: un momento di incontro tra amministrazioni locali, enti di orientamento, aziende e candidati. Per due giorni, presso l’NH Ho-

tel Linate di Peschiera Borromeo, alcune aziende del territorio hanno effettuato svariati colloqui; sono stati proposti, inoltre, diversi interessanti workshop, incentrati su come saper promuovere al meglio il proprio profilo professionale. Mercoledì 24 maggio, alle 9.30, sono intervenute le amministrazioni che hanno dato vita a questo progetto: i sindaci Caterina Molinari (Peschiera Borromeo), Paolo Bianchi (Mediglia) e Claudio Veneziano (Pantigliate), i vice sindaci Pamela Delle

Cave (Tribiano) e Marta Battioni (Paullo) e gli assessori ai servizi sociali Elisa Baeli (Mediglia), Antonella Parisotto (Peschiera Borromeo) e Irene Masiero (Pantigliate). Michele Cafagna, direttore di Afol Sud Milano, ha esordito ringraziando i presenti e sottolineando l’importanza dell’iniziativa, per poi lasciare la parola al sindaco di Peschiera Borromeo, comune capofila, soddisfatta di aver trovato, insieme alle altre amministrazioni, un approccio più proattivo nel supportare chi è

alla ricerca di lavoro. Dalle 10.00 hanno cominciato ad arrivare i primi candidati, ed è iniziato l’evento vero e proprio: una due giorni dedicata all’occupazione. «Tra i comuni del Distretto Sociale Paullese c’è stata una stretta collaborazione per creare e promuovere questa iniziativa - ha commentato Pamela Delle Cave -: speriamo che sia realmente utile, ovvero che i colloqui di questi giorni possano far trovare a molte persone un posto di lavoro».

Il caposcuola di Yawara Jitsu sbarca nella palestra comunale

La palestra comunale ha ospitato un evento dedicato a tutti i marzialisti. Domenica 21 maggio, infatti, è stato organizzato uno stage tenuto da Enrique Pérez-Carrillo De La Cueva, caposcuola

14

di Yawara Jitsu, disciplina spagnola che proprio a Tribiano ha la sua unica scuola in Italia, grazie all’Associazione Budokan Yawara Do guidata dai maestri Mauro Bonacci e Rita Quinteri. Il

maestro, arrivato da Madrid, nei giorni precedenti aveva già tenuto alcune lezioni dedicate ai praticanti della sua stessa arte marziale; domenica, invece, ha mostrato la sua esperienza e bravura, che lo hanno portato nel 2012 a vincere l’Oscar delle Arti Marziali, anche di fronte ad altri marzialisti, provenienti dal karate, dal judo e dal jiu-jitsu. Lo stage è iniziato alle 10, ed Enrique Pérez-Carrillo ha iniziato raccontando le basi

dello Yawara Jitsu, una disciplina basata sulla fisica e sulla biomeccanica del corpo umano. Successivamente, ha illustrato alcune tecniche utili a liberarsi da prese di vario tipo, aiutando poi i presenti a riprodurle. All’evento sono intervenuti il sindaco Franco Lucente e il vice sindaco Pamela Delle Cave, che hanno ringraziato l’ASD Budokan Yawara Do per il loro impegno e per aver portato in paese un ospite internazionale.

Sport e tempo libero


MUNICIPIO DI TRIBIANO

NUMERI DI EMERGENZA

Servizi Demografici Anagrafe Stato Civile-Elettorale Protocollo

Carabinieri Carabinieri - Caserma Polizia Provinciale Soccorso Pubblico d’emergenza Vigili del Fuoco Guardia di Finanza Emergenza Sanitaria Croce Bianca Paullo

Servizo Tecnico Tecnico Segreteria Responsabile Tecnico Ecologia

02/90.62.90.201 02/90.62.90.202 02/90.62.90.218 02/90.62.90.211 02/90.62.90.210 02/90.62.90.206

Servizio Affari Generali 02/90.62.90.216 Affari Generali Servizi alla Persona-Pubblica Istruzione 02/90.62.90.217 02/90.62.90.220 Resp. Servizi alla Persona 02/90.62.90.203 Messi 02/90.62.90.213 Assistente Sociale Servizi Finanziari 02/90.62.90.214 Economo 02/90.62.90.215 Responsabile Settore Tributi 02/90.62.90.222 Polizia Locale Pronto Intervento Distaccamento (Fax)

02/90.66.241 02/90.62.90.204 02/90.62.90.205

Biblioteca comunale Via della Liberazione n. 82

02/90.63.92.66

Palestra comunale Piazza Pertini n.1 Scuola elementare Scuola materna

02/90.63.93.40

Servizi al cittadino

02/90.64.081 02/90.63.24.16

Presidio Poliambulatoriale Polizia Stradale - S. Donato Servizio Antincendio Boschivo Acquedotto - Cap Elettricità - Guasti Gas - Guasti Direttore Responsabile Franco Lucente Caporedattore Maurizio Zanoni In Redazione Silvia Arrigoni, Francesca Tedeschi, Ilaria Patrian, Giulio Carnevale Stefania Accosa Fotografo Davide Ravera Progetto grafico e impaginazione 7giorni Sas di Bersani e Robecchi www.7giorni.info Tipografia COLORSHADE - Peschiera Borromeo (MI) Tel. 02 2847518 info@abbiatigrafiche.it

112 02.90.64.016 02.90.63.35.55 113 115 117 118 02.90.64.782 02.90.63.18.00 02.98.11.41.11 02.52.70.222 1515 02.89.520 800.900.800 800.901.050 800.998.998

Redazione Ufficio segreteria generale Palazzo Municipale 20067 Tribiano tel. 02.90.62.90.216 segreteria@comune.tribiano.mi.it tribianoinsieme@gmail.com Pubblicità 7 Giorni Sas - Via Dante 2 20068 - Peschiera Borromeo MI cell. 339.28.00.846 commerciale@7giorni.info Testata registrata presso il Tribunale di Lodi il 29/09/2010 Questo numero è stato chiuso in redazione il 03/07/2017

15


Tribiano Insieme - Luglio 2017  
Read more
Read more
Similar to
Popular now
Just for you