Page 1

TRIBIANO e m e i ins IL PRIMO SINDACO DONNA NELLA STORIA LOCALE L'impegno profuso nei primi 6 mesi PAGINA 3

MAURIZIO MALVESTITI IN VISITA NEL TERRITORIO DI TRIBIANO Il Vescovo incontra l'Amministrazione PAGINA 4

ANCHE GLI STUDENTI ALLE CELEBRAZIONI STORICHE PAGINE 8 - 9

N. 36 - Dicembre 2018 Periodico a cura dell’Amministrazione Comunale di Tribiano

IN QUESTO NUMERO: Editoriale..........................................................pagina 3 Speciale Vescovo ............................................pagina 4 News.................................................................pagina 5 Lavori Pubblici .................................................pagina 6 Celebrazioni e Ricorrenze .........................pagine 8 - 9

Sicurezza .......................................................pagina 10 Scuola e Trasporti..........................................pagina 11 Educazione Civica ........................................pagina 13 Iniziative ed Eventi .......................................pagina 14 Servizi al Cittadino ........................................pagina 15


Sei mesi alla guida dell’Amministrazione Comunale e l’orgoglio di essere il primo sindaco donna della storia di Tribiano Il primo cittadino Pamela Delle Cave - sindaco@comune.tribiano.mi.it

È trascorso mezzo anno da quando ho assunto la guida dell’Amministrazione Comunale di Tribiano. In questo lasso di tempo ho preso decisioni e apportato modifiche anche significative per migliorare le progettualità presenti e future che interessano la nostra realtà urbana. Per riuscire al meglio in questo importante compito, mantenere fede alle responsabilità che derivano dal mandato da sindaco e far fronte agli innumerevoli impegni e appuntamenti, ho messo

in secondo piano la mia vita personale e professionale dando appunto priorità a quella istituzionale. Anche perché sono il primo sindaco donna nella storia tribianese e ne vado orgogliosa. Mi metto in gioco con onestà e dedizione, e con la voglia di dimostrare la forza, la grinta e la passione che contraddistinguono il mondo femminile, capace di fare bene in qualsiasi settore. Entrando nel dettaglio delle mansioni che mi competono posso dirvi che le attività e i programmi si svolgono puntualmente. Anzi, a dirla tutta, abbiamo cercato di accelerare i tempi di esecuzione di alcuni interventi, come ad esempio il tetto delle scuole in via Diaz, da diversi anni in attesa di una

vera riqualificazione (per scoprire di più, suggerisco di leggere le prossime pagine dove troverete un preciso resoconto). Un altro aspetto importante, a cui tengo particolarmente, riguarda la reintroduzione del servizio di trasporto gratuito per il cimitero e per il centro commerciale di Pantigliate, rivolto alle persone con qualche primavera sulle spalle o impossibilitate negli spostamenti. È compito dell’istituzione locale aiutare le fasce deboli e, nel caso specifico, ritengo che la macchina municipale abbia funzionato a dovere. L’ultimo argomento che mi preme anticiparvi riguarda la bellissima iniziativa promossa da Massimo Battaglia, assessore con delega alle politiche giovanili e agli eventi, il quale ha deciso di aprire le celebrazioni del 4 novembre e del centenario della fine della Prima Guerra Mondiale alle scuo-

le, unendo il mondo dei giovani a quello dei nonni e della memoria storica. Seppur neofita, ha già preso pienamente coscienza del suo incarico. A lui porgo i miei più sentiti ringraziamenti. Concedetemi ancora qualche parola per parlarvi del Natale. È un momento dell’anno speciale in cui ci si scambiano doni e dove i rapporti si riequilibrano. Nei giorni di festa fermatevi, ascoltatevi, date importanza alle persone care. In fin dei conti il Natale celebra proprio la sacralità della famiglia, in cui si ritrova l’amore e l’affetto. Questo è il mio augurio per voi. Buon Natale.

Daspo Urbano per tutelare la sicurezza. Previsto il rinnovo fino a fine mandato Tra gli strumenti che l’Amministrazione Comunale ha scelto di applicare per tutelare la sicurezza dei cittadini c’è il Daspo Urbano, ordinanza entrata in vigore lo scorso gennaio con l’allora primo cittadino Franco Lucente. Si tratta di un decreto che vieta di bivaccare, mendicare, chiedere denaro abusivamente, prostituirsi e in generale di tenere com-

Editoriale

portamenti contrari alla pubblica decenza - in prossimità di strade, parchi, piazze, esercizi commerciali o all’interno di proprietà private; in questi casi il Daspo Urbano consente alle forze dell’ordine di emettere sanzioni che vanno dai 100 ai 300 euro, nonché di allontanare il “disturbatore” dal luogo dove viene commessa la violazione. Inoltre,

qualora la stessa persona venisse trovata a ripetere gli stessi comportamenti, nei suoi confronti potrebbero scattare provvedimenti più severi. A Tribiano, nell’ultimo anno, tale decreto è stato applicato cinque volte dai Carabinieri, aiutando a contrastare il fenomeno della prostituzione. «Ritengo che il Daspo Urbano sia uno strumento molto vali-

do per aiutare tutte le forze dell’ordine a garantire la sicurezza dei cittadini e il decoro all’interno del nostro Comune. È nostra volontà continuare a metterlo a disposizione» ha fatto sapere Damiano Calzati, assessore alla sicurezza, riferendosi alla vicina scadenza prevista per gennaio 2019 - e alla volontà di rinnovo per altri sei mesi.

3


Il Vescovo Malvestiti a Tribiano

Monsignor Malvestiti, Vescovo di Lodi, in visita. Dopo le parrocchie incontra anche l’Amministrazione La visita pastorale del Vescovo della Curia di Lodi Maurizio Malvestiti è diventata una festa per la comunità cristiana e un momento di confronto con i rappresentanti dell’Amministrazione Comunale. Domenica 2 dicembre le parrocchie di S. Barbaziano Prete e Ss. Vito, Modesto e Crescenzia hanno dato una calorosa accoglienza a Maurizio Malvestiti, il quale ha riportato durante le due Sante Messe la parola di Dio tra la gente e i suoi insegnamenti, ricordando che «il vero tesoro, che nessuno può rubarci,

4

è la fede nel Signore». Il programma ha poi previsto la visita dell’uomo di chiesa all’interno della sede municipale dove, accompagnato dal parroco don Davide Chioda, ha avuto modo di conoscere e colloquiare con il primo cittadino Pamela Delle Cave, gli assessori Rocco Torchia, Damiano Calzati e Massimo Battaglia, il consigliere comunale Roberta Taccia e il comandante delle Polizia locale Federico Bevilacqua. Nella casa della cittadinanza ha preso per prima la parola il sindaco: «La ringrazio per la

visita, a nome di tutta l’Amministrazione - ha detto in sala consiliare, dopo aver seguito la funzione in chiesa -. Sono emozionata di averla qui, anche perché ho partecipato, in qualità di delegato del municipio, alla sua investitura nel 2014. Quello che posso dire su Tribiano è che è vivo un forte spirito di collaborazione tra la nostra istituzione, la parrocchia e le associazioni territoriali. Un rapporto stretto e consolidato ha aggiunto - che ci permette di trovare soluzioni a qualsiasi situazione o problematica

che si presenti». «Le parole che ho sentito sono una bella soddisfazione - ha risposto il Vescovo -. Sono positivamente impressionato dalla vitalità del territorio, che è un esempio di dialogo. Nell’ottica di una proficua collaborazione tra la pluralità di persone e delle religioni che coesistono in paese, invito a mantenere salde le proprie tradizioni. Con la consapevolezza del proprio amore e della propria fede si può riuscire nell’intento collaborativo». L’incontro si è concluso con uno scambio di doni.

Speciale Vescovo


Servizio civile: 12 mesi in municipio. La storia di Deborah Lionetto, volontaria presso l’ente tribianese La giovane: «Lo consiglio a chiunque perché fa crescere, rafforza il carattere e arricchisce umanamente» la prima giovanissima a usufruire di questa importante opportunità e a trascorrere dodici mesi esatti all’interno del municipio, tra molteplici incarichi. «Dopo la maturità mi sono dedicata al babysitting - racconta la ragazza -, tuttavia quando ho saputo Pamela Delle Cave e Deborah Lionetto del bando comunale A Tribiano si rinnovano le per il Servizio Civile ho penpossibilità per i giovani. sato potesse essere un’ocL’Amministrazione Comuna- casione irripetibile per fare le ha deciso di aderire an- un’esperienza formativa in che nel 2018 al bando na- un ambito diverso». Si dice zionale per il Servizio Civile molto soddisfatta Deborah, e, ad un anno di distanza che per un anno ha passato dalla prima ricerca di volon- le sue mattine in Comune, tari, tira le somme. Lo fa in- tra attività di segreteria e sieme a Deborah Lionetto, trasporti occasionali per an-

News

ziani e persone bisognose, e il pomeriggio impegnata nell’affiancamento di un’educatrice del doposcuola. Per quest’ultimo ruolo ha avuto delle dritte dalla mamma Giovanna, insegnante alla scuola dell’infanzia, mentre per tutte le altre mansioni che le sono state affidate è riuscita a cavarsela da sola, imparando giorno dopo giorno, anche affrontando problemi e difficoltà. «Mi piace paragonare la mia esperienza lavorativa qui a un viaggio, fatto di relazioni, emozioni, scoperte. È stato un percorso molto importante per il mio bagaglio personale, e nel contempo ho potuto constatare quanti servizi utili per il cittadino può offrire un Comune. Lo consiglio a chiunque perché fa cresce-

re, rafforza il carattere e arricchisce umanamente attraverso l’affinamento delle capacità relazionali. Colgo l’occasione per ringraziare tutte le persone che mi hanno affiancata, aiutata, supportata, trasmettendomi conoscenze in vari ambiti: l’Amministrazione Comunale, la mia tutor e i colleghi». Più determinata e sicura di sé, Deborah ha già trovato un altro lavoro. «È stata disponibile e collaborativa, inoltre ha seguito tutti i corsi previsti dal progetto. Quest’anno abbiamo avuto più domande, speriamo che i ragazzi siano propositivi e raccolgano nello stesso modo il beneficio del Servizio Civile», conclude il sindaco Pamela Delle Cave.

5


Le prove di carico realizzate sul ponte pedonale sopra l'Addetta

Prove sismiche: interessate le tribune al campo sportivo, il ponte pedonale sull’Addetta e la scuola Rocco Torchia, assessore ai lavori pubblici: «Questi interventi sono necessari per garantire l’incolumità della cittadinanza» Tra ottobre e novembre alcune strutture comunali sono state sottoposte a dei controlli statici. «In questo momento storico - ha fatto sapere Rocco Torchia, assessore ai lavori pubblici - Tribiano e buona parte della Lombardia si trovano in una zona sismica di terza categoria. Nonostante un evento sismico sia dunque poco probabile, la sicurezza dei nostri cittadini viene al primo posto e credo che ogni amministrazione debba periodicamente effettuare le opportune verifiche». A Tribiano - finora l’unico comune del Sud Est Milano ad

operare in tal senso - sono stati sottoposti ad alcune prove sismiche gli edifici più frequentati o datati. «Il verbale stilato dai tecnici che si sono occupati di effettuare i controlli non ha evidenziato alcun rischio per quanto riguarda la struttura scolastica - ha continuato l’assessore -. Ci è stato suggerito, per scrupolo e non perché necessario, di installare delle putrelle per sostenere ulteriormente la pensilina che permette il passaggio dalla scuola alla palestra: una cautela in più rispetto ai tiranti, che comunque risultano in buono stato». È toccato

anche agli spalti del campo sportivo, sottoposti a una verifica che non ha fatto riscontrare anomalie. Anche in questo caso è stato suggerito di intervenire - più che altro per favorire una maggiore durata - rinforzando i tiranti d’acciaio con dei tiranti di ferro. L’ufficio tecnico del municipio si è inoltre adoperato per far svolgere delle prove di carico sul ponte pedonale che scavalca l'Addetta; il manufatto è di recente realizzazione e l’esito ha restituito riscontri positivi. «Come per le precedenti strutture, anche per il ponte ci è stato consigliato un pic-

colo intervento di manutenzione - ha precisato -. Seguiremo senz’altro i suggerimenti ricevuti. Siamo in attesa dei dettagli tecnici per poter intervenire». Il check-up proseguirà nei prossimi mesi con l’accertamento della buona stabilità di altre costruzioni: toccherà anche al ponte carrabile sull’Addetta, a quello tra via Rossini e la strada comunale 705, da cui transitano molti mezzi pesanti, e agli spalti della palestra. «Questi interventi ha concluso l’assessore danno poca visibilità ma sono necessari per garantire l’incolumità dei cittadini».

Interventi e manutenzioni: asfalti sulle strade urbane e pavimentazione al cimitero In alcune zone del paese sono iniziati i lavori di rifacimento dell’asfalto. L’Amministrazione Comunale, infatti, ha ritenuto opportuno intervenire sulle strade che risultavano più usurate: il cantiere è stato avviato in Piazza Diaz, in una parte di via Liberazione e presso la rotonda tra via Paullo e via Trieste. «La sicurezza dei nostri cittadini e più in generale degli

6

automobilisti che si trovano a transitare per Tribiano è tra i nostri maggiori interessi: teniamo costantemente monitorata la situazione delle nostre strade e, a tal proposito, abbiamo deciso di svolgere operazioni di ripristino ove necessario» ha affermato Rocco Torchia, assessore alla partita. Si lavora anche all’interno del cimitero, dove verrà completata la

pavimentazione necessaria per accedere ai nuovi loculi e alle cappelle. In continuità con la parte precedentemente ultimata, anche questa verrà realizzata in massello autobloccante, materiale che permette di filtrare e far defluire l’acqua in caso di precipitazioni abbondanti. «In questo modo andremo a rivestire la parte di suolo nella quale è ancora presente

la ghiaia, garantendo un accesso agevole in tutte le zone del cimitero e con ogni condizione climatica», ha continuato Torchia. L’impresa che si è aggiudicata l’appalto, inoltre, si sta occupando di costruire la porzione di marciapiede mancante all’esterno del camposanto, sempre in corrispondenza dell’area relativa al recente ampliamento.

Lavori Pubblici


Le diverse fasi della giornata

Alle celebrazioni delle Forze Armate e del centenario della fine della Grande Guerra anche le scuole Gli alunni delle terze medie hanno letto stralci di diari e poesie. Inaugurata al contempo la mostra sul conflitto bellico Le celebrazioni per il 4 novembre dedicate alle Forze Armate e quelle per il centenario della fine della Prima Guerra Mondiale, si sono tenute martedì 13. La giornata è stata densa di eventi, a partire dalla Santa Messa e dal corteo, a cui hanno preso parte la sezione di Tribiano dell’Associazione Combattenti e Reduci, l’Associazione dei Carabinieri in pensione di Paullo, gli Alpini della sezione di Melegnano e i Carabinieri di Paullo. Giunto in piazza Giovanni Paolo II, il corteo ha alzato la bandiera italiana e reso omaggio ai caduti. Il sindaco Pamela Delle Cave ha dunque preso la parola: «Questo appuntamento ha

8

una duplice importanza: vogliamo celebrare le Forze Armate, che ogni giorno si occupano di far rispettare le regole che garantiscono la nostra libertà e la convivenza civile. Ricordiamo inoltre la fine del primo conflitto mondiale, una guerra di trincea che ha rovinato una generazione. Un buon Paese - ha aggiunto - deve conoscere le sue radici per poter costruire il proprio futuro in maniera consapevole». A tal proposito e per far comprendere ai più giovani il dolore vissuto dai loro antenati, si è deciso di far partecipare alle celebrazioni le terze medie dell’Istituto Comprensivo Curiel, le quali all’interno della sala

consigliare hanno messo in scena un piccolo spettacolo in cui sono state lette poesie e stralci di diari di alcuni soldati. E nel frattempo, altri

alunni marciavano e cadevano, per rappresentare l’alienante vita di trincea. Cristina Cuppi, dirigente scolastica, ha voluto sottolineare la buo-

Celebrazioni e Ricorrenze


na collaborazione tra la scuola e le istituzioni, sottolineando l’importanza di coinvolgere i più giovani in eventi dedicati alla memoria. Sempre all’interno dell’aula del Consiglio Comunale, è stata inaugurata la mostra “La Grande Guerra”, organizzata dallo storico locale Stefano Sportelli, che ha voluto raccogliere, con l’aiuto di alcuni studenti universitari, documenti e immagini dell’epoca. L’esposizione, già allestita la settimana precedente a San Giuliano Milanese, è rimasta aperta al pubblico fino a venerdì 16 novembre. Grazie alla sponsorizzazione da parte dell’Associazione no profit “Luci sull’Est”, è stato possibile stampare un libretto che raccoglie i documenti esposti nella mostra e che racconta le fasi della Grande Guerra, curato dallo stesso Sportelli e dal professor Giovanni Costanzo. Il testo in

questione è stato donato a tutti i presenti e agli studenti dell’Istituto Comprensivo. «Si è trattato del primo evento che ho avuto modo di organizzare e mi ritengo molto soddisfatto - ha dichiarato Massimo Battaglia, assessore agli eventi -. L’obiettivo era senz’altro raggiungere una buona partecipazione, risultato che è stato ottenuto. Voglio ringraziare i dipendenti comunali, la dirigente scolastica, i docenti e gli studenti, gli storici e gli universitari, le associazioni e le forze dell’ordine: tutti si sono dimostrati collaborativi, disponibili ed entusiasti. È stata una giornata speciale soprattutto per la partecipazione dei più giovani che devono quello che sono oggi anche ai loro nonni». La commemorazione si è conclusa con una cena organizzata dall’Associazione Combattenti e Reduci presso il ristorante San Carlo 4 Colonne.

A cena con i tesserati dell’Associazione Combattenti e Reduci dopo le celebrazioni del 4 novembre

Scatto ricordo della piacevole cena

Celebrazioni e Ricorrenze

In occasione della ricorrenza del 4 novembre, celebrata nella giornata di martedì 13 dello stesso mese, è stata organizzata una cena al ristorante “San Carlo 4 colonne”di Tribiano. L’Associazione Combattenti e Reduci, dopo aver dato la propria disponibilità e quindi il proprio contributo per la festa di commemorazione diurna, ha riunito tutti i tesserati per trascorrere una piacevole serata in compagnia. L’Amministrazione Comunale, su invito del presidente Guido Bassi, ha deciso di presenziare all’evento nelle persone del

sindaco Pamela Delle Cave e dell’assessore Rocco Torchia. «Siamo stati contenti di aver partecipato a un momento conviviale - hanno commentato - insieme a molti cittadini. I partecipanti, circa una trentina, compreso don Davide Chioda, sono quasi tutti del paese, perciò si è creata una situazione amichevole, in cui fare quattro chiacchiere e scambiarsi delle belle idee. Anche per gli iscritti all’associazione queste feste di commemorazione rappresentano un’opportunità per ritrovarsi».

9


L'ex municipio dove si insedieranno i Carabinieri

Il vecchio municipio sarà riconvertito a caserma dei Carabinieri. Incassato l’ok dal comando generale L’assessore alla sicurezza: «La nuova caserma garantirà maggiore controllo nei territori di Tribiano e di Paullo» In Comune è giunta una notizia sorprendente: il via libera allo spostamento della Caserma dei Carabinieri da Paullo a Tribiano. La volontà dell’Amministrazione di ospitare la sede dell’Arma nell’ex municipio ha finalmente ricevuto parere favorevole da parte del comando generale, e ora non resta che mettersi al lavoro per ultimare il tanto desiderato progetto. «Intorno al 20 di ottobre è arrivata la risposta che aspettavamo esordisce Damiano Calzati, assessore alla partita -. Per l’occasione ho ricevuto, insieme al sindaco Pamela Delle Cave, il colonnello Paolo Abrate, comandante provinciale dell'Arma dei Carabinieri, il capitano di compagnia di San Donato Milanese Antonio Ruotolo e il maresciallo della caserma di Paullo Roberto Manucci. Successivamente mi sono recato, insieme all’architetto che ha

10

curato la parte progettuale, all’ufficio logistico del comando milanese di Moscova, dove il luogotenente Pisano ci ha mostrato le modifiche da apportare per procedere con gli step seguenti». Conclusasi la fase progettuale, entro 60 giorni sarà consegnata la parte esecutiva per indire la gara d’appalto, che si aggira attorno ai 500mila euro. La cifra stanziata è notevole, ma tiene conto di una serie di interventi atti a migliorare la costruzione per quanto concerne il consolidamento (rinforzi, anche per normative sismiche) e per il rispetto delle prerogative proprie di una caserma dei Carabinieri (per esempio, alzare la recinzione e collocare vetri antisfondamento). L’assessore Calzati ha voluto dare un’anticipazione alla cittadinanza, illustrando l’organizzazione degli spazi. «La nuova caser-

ma dei Carabinieri sarà provvista di una zona operativa al piano terra così composta: sala deposito oggetti sequestrati, sala fermati, ufficio scrivani, sala ufficiale di servizio, armeria, bagno, due spogliatoi, due camere di sicurezza per i detenuti, ufficio del comandante, ufficio sottoufficiale in sottordine, archivio e locali tecnici (sala server e sala centrale termica). Il primo piano sarà invece riservato agli alloggi degli ufficiali più due camerate ciascuna con il proprio bagno. Inoltre dal vecchio locale adibito ad archivio, a pochi metri dalla struttura, sarà ricavata una mensa». Il prospetto, completo e preciso, vedrà la luce nel giro di un anno al massimo.

«I Carabinieri sono un’istituzione che ha il compito di garantire la sicurezza sul nostro territorio - chiarisce l’assessore - e noi abbiamo il compito di fare il possibile per metterli nelle condizioni migliori per lavorare in maniera efficiente e per salvaguardare i nostri cittadini. La nuova caserma - conclude garantirà un controllo maggiore di Tribiano e di Paullo. Ci tengo a precisare che il nostro intento è sempre stato questo, e non una mossa meramente politica».

Sicurezza


550mila euro per rimettere a nuovo il tetto delle scuole in via Diaz. I lavori dovrebbero partire nel 2019 Saranno posizionati dei moduli fotovoltaici che renderanno lo stabile autosufficiente dal punto di vista energetico

La scuola di via Diaz interessata dall'intervento

Le scuole di Tribiano avranno presto un nuovo tetto: il prossimo anno, infatti, la copertura dell’edificio di via Diaz sarà completamente rinnovata. Non solo verrà risolto definitivamente l’annoso problema delle infiltrazioni nei locali, ma vi sarà anche un risparmio per il Comune grazie alle scelte energetiche adottate; oltre alla ri-

strutturazione, sul tetto verranno infatti posati dei pannelli fotovoltaici, che contribuiranno a ridurre significativamente i costi ad oggi sostenuti dall’Amministrazione. Rocco Torchia, assessore a lavori pubblici, urbanistica, edilizia privata, ambiente e territorio ha spiegato: «L’edificio ha 25 anni di età e, nel corso del tempo, il

manto della vecchia copertura piana, seppur impermeabilizzata, si è compromesso irrimediabilmente, pertanto sono stati fatti più volte singoli interventi di riparazione». Ma i “rattoppi” non bastano più. «Da un punto di vista tecnico - spiega l’assessore - al posto della copertura attuale ne è stata prevista una a falde, composta da una struttura in ferro che sarà coperta con pannelli coibentati per l’isolamento termico», i cosiddetti “pannelli sandwich”. L’aggiunta dei moduli fotovoltaici renderà la scuola primaria e la secondaria di primo grado uno stabile pressoché autosufficiente dal punto di vista energetico. L’investimento per questo intervento è di 550mila euro. La spesa preventivata inizialmente di

450mila euro, infatti, ha visto un incremento a causa dell’adeguamento alle norme antisismiche e antincendio; una cifra che, grazie ai risparmi energetici e di manutenzione, verrà ammortizzata nel giro di qualche anno. Per quanto riguarda l’avanzamento dei lavori, dopo la consegna del progetto preliminare e di quello definitivo, pronti già da tempo, a metà novembre è stato consegnato anche il progetto esecutivo, dando così avvio all’iter per la gara d’appalto. Dopo il vaglio della Centrale Unica di Committenza (C.U.C.) dei comuni di Tribiano, Peschiera Borromeo e Segrate, di cui quest’ultimo è capofila, i lavori dovrebbero essere assegnati entro la fine del 2018 e partire l’anno prossimo.

Ripristinato il servizio di trasporto per recarsi al cimitero e al vicino centro commerciale di Pantigliate La navetta passa ogni martedì mattina, in tre orari differenti. Per prenotare il posto, contattare il municipio Il servizio navetta gratuito è attivo anche quest’anno. Risolte tutte le difficoltà che hanno accompagnato l’organizzazione annuale, finalmente a novembre è ripartito il trasporto che permette agli anziani di raggiungere con facilità i luoghi di maggior interesse: il cimitero di Tribiano e il centro commerciale di Pantigliate. Una garanzia per i cittadini a cui l’Amministrazione non voleva rinunciare: «Ci scusiamo per il ritardo ha ribadito il sindaco Pamela Delle Cave - ma si è prolun-

Scuola e Trasporti

gata la ricerca di disponibilità, attraverso la valutazione di preventivi e costi, poiché siamo soggetti al principio di rotazione, per cui ogni anno è obbligatorio cambiare la compagnia che eroga il servizio». Tutto risolto però attraverso la collaborazione con Auser di Paullo, che grazie all’intervento dei suoi volontari può permettersi di chiedere solo un rimborso spese, ovvero un piccolo contributo rispetto a cifre molto più alte degli altri preventivi pervenuti in municipio. «Ci siamo pre-

si del tempo per valutare con attenzione i costi - ha proseguito - in modo da non far ricadere spese sui cittadini. Siamo molto orgogliosi del risultato ottenuto e speriamo che il servizio sia efficace come si prospetta». La navetta passa una volta a settimana, il martedì, su tre turni: alle ore 9.00, 10.00, 11.00. Alle fermate già esistenti, in via Tobagi e via Diaz, si sono aggiunte ultimamente altre quattro strade in cui recarsi per usufruire del trasporto: Fratelli Cervi, Marconi, Edi-

son, Pertini. Al fine di facilitare il servizio e assicurare un posto a chi si reca alle fermate, è necessario prenotarsi in comune: «Cerchiamo di accontentare tutti, anche se la precedenza viene data prendendo in considerazione alcuni fattori, tra cui anzianità, impossibilità a farsi accompagnare/sostenere da familiari, assenza o sospensione (per motivi di salute) della patente. In caso di richiesta di coppie si dà priorità a un solo componente del nucleo familiare».

11


Educazione civica a scuola? Ecco cosa ne pensa la dirigente scolastica dell’IC Eugenio Curiel Cristina Cuppi posto a scuola. Le scuole inoltre condividono con i genitori e gli studenti un patto formativo che possiamo considerare lo strumento basilare per attuare un efficace dialogo educativo. (Per approfondimenti: www.icecuriel.gov.it/ricevimento-docenti).

La dirigente scolastica Cristina Cuppi

È stata depositata in Cassazione la proposta di legge per introdurre l’educazione civica nelle scuole. Molti Comuni come Tribiano stanno raccogliendo le firme a sostegno della stessa (fino al 15 dicembre). A tal proposito abbiamo chiesto a Cristina Cuppi, dirigente scolastico dell’istituto comprensivo Eugenio Curiel di Paullo e Tribiano, la sua opinione in merito. È una iniziativa che condivide? Gli obiettivi della proposta di legge sono tutti condivisibili perché da un lato rappresentano i cardini della convivenza civile, dall'altro rispecchiano l'evoluzione della società. Educare alla cittadinanza significa infatti educare al bene comune e alla partecipazione attiva, ma anche all'uso della rete contro hate speech, cyberbullismo e fake news o promuovere comportamenti e stili di vita sostenibili, lottare contro lo spreco alimentare e tutelare l’ambiente e gli spazi comuni. L'educazione alla cittadinanza richiama poi il concetto di competenze sociali e civiche, una delle otto compe-

Educazione civica

tenze chiave per l'apprendimento permanente emanate dal Parlamento Europeo e dal Consiglio, sulle quali abbiamo costruito i nostri curricoli, cioè i traguardi e gli obiettivi di apprendimento che gli studenti devono raggiungere come stabilito dalle Indicazioni Nazionali per il Curricolo, che sono il documento di riferimento per la progettazione curricolare di istituto. Quale sarà il ruolo della scuola? La scuola deve formare cittadini competenti: dato che la competenza è saper agire con responsabilità in una determinata situazione, occorre far sperimentare agli studenti attività nelle quali possano esercitare le abilità sociali utilizzando le conoscenze che stanno apprendendo. È a scuola che si apprendono le conoscenze di base per poter diventare da grandi cittadini in grado di partecipare consapevolmente alla vita civile. Genitori-figli: in che modo le famiglie possono partecipare a questo percorso? Dando valore e continuità a ciò che viene insegnato e pro-

Avete avuto modo di confrontarvi  con il corpo docente sull’argomento? Avete già previsto qualche iniziativa? Nella scuola secondaria di secondo grado “cittadinanza e costituzione” è una materia autonoma con voto indipendente. Anche se viene insegnata dal docente di lettere e quindi individua italiano, storia e geografia come le discipline di riferimento, viene richiamata in tutte le attività e i progetti dell'istituto e il suo  sviluppo è un compito trasversale che coinvolge l'intero consiglio di classe. Ogni momento della vita scolastica può essere considerato come educazione alla cittadinanza e ogni comportamento viene declinato in questa ottica: saper ascoltare, saper intervenire nel dialogo in classe rispettando le opinioni altrui, agire con autonomia e senso di responsabilità, accettare  le conseguenze dei propri comportamenti, senza

cercare giustificazioni dipendenti da fattori esterni, rispettare i luoghi pubblici e avere cura dell’ambiente e dei luoghi in cui viviamo. Possiamo considerare l’educazione alla cittadinanza una “materia trasversale” che promuoviamo anche attraverso attività e progetti verticali, che coinvolgono tutti gli ordini di scuola (dall’infanzia alla scuola secondaria), e progetti orizzontali multidisciplinari che coinvolgono gli alunni dello stesso ordine di scuola o delle stesse classi parallele.  Oltre alle attività progettate dai docenti nelle singole classi o a classi aperte, abbiamo numerose iniziative legate al “progetto cittadinanza” realizzate in collaborazione con associazioni e istituzioni presenti sul territorio: dallo studio della Costituzione alla riflessione sulla memoria e sui diritti umani.  Un’attività che riscuote sempre grande interesse e coinvolgimento è la lettura di brani sulla legalità e sulla Shoah, organizzata grazie alla collaborazione con il Gruppo di lettori volontari Voltapagina. Poniamo anche grande attenzione all’educazione civica digitale e all'uso consapevole della rete, attraverso un percorso articolato nell'arco del triennio che prevede, oltre al lavoro dei docenti nelle classi, l'intervento di esperti che svolgono laboratori specifici di prevenzione del cyberbullismo, la partecipazione a momenti di condivisione di buone pratiche e la visione di spettacoli teatrali sul tema. Questi sono solo alcuni esempi delle iniziative che portiamo avanti. 

13


Alcuni momenti della manifestazione

Dallo yoga alla danza, fino al basket: lo sport in mostra a 360° con le società del territorio Grande affluenza di pubblico per l’edizione d’esordio di “Tribiano per lo sport”, in scena a fine settembre La passione per il movimento, in ogni sua forma, trova terreno fertile al Parco di via Fratelli Cervi e alla palestra comunale dove, domenica 30 settembre, si è svolta la prima edizione della manifestazione “Tribiano per lo sport”, organizzata dalle molteplici società del territorio e dalla Pro Loco, con il sostegno dell’Amministrazione Comunale. Complice la bella giornata di sole e la temperatura gradevole, l’evento ha richiamato a sé tante persone, fin dal mattino: «I gruppi sportivi tribianesi spiega l’assessore con delega

alla partita Roberto Gabriele hanno manifestato il desiderio di dedicare un momento alla promozione delle proprie discipline al fine di farsi conoscere pubblicamente e spiegare agli intervenuti orari e modalità dei vari corsi. Ringrazio gli uffici comunali - aggiunge l’esponente della giunta che hanno fornito tutto il supporto necessario per adempiere alle severe e stringenti normative in vigore per le manifestazioni pubbliche. La burocrazia è tanta, ma grazie alla competenza e all’impegno dei funzionari non abbiamo

avuto problemi». Più nel dettaglio, all’appuntamento si sono alternate sedute di yoga nel parco, partitelle di basket tre contro tre in strada, calcetto in palestra, dimostrazioni di arti marziali ma anche di calcio, fitness, padel (una specie di tennis giocato in un campo rinchiuso da pareti), difesa personale. Senza tralasciare la danza, che si è ritagliata ampio spazio: sono andate, infatti, in scena performance di hip-hop, sfrenati balli caraibici e di gruppo, latino americano, liscio e molto altro. La giornata all’insegna dello

sport e del tempo libero ha interessato non soltanto la sfera agonistica, ma anche quella dei principianti che devono affrontare l’attività per la prima volta. «È stata una splendida manifestazione - sottolinea con soddisfazione il sindaco Pamela Delle Cave -. Già nelle prossime settimane saremo al lavoro per confrontarci insieme ai gruppi sportivi sullo svolgimento delle future edizioni. Stileremo - conclude una road map a mente fresca per arrivare alla prossima edizione ancora più propositivi e preparati di quest’anno».

Artisti circensi e bimbi in maschera per celebrare la festa di Halloween 2018

Le celebrazioni di Halloween 2018

14

Halloween, festa popolare di origine celtica, è diventata una ricorrenza molto sentita nella realtà tribianese, soprattutto per i più piccoli. Lo dimostrano i numeri della festa organizzata nella palestra cittadina dai volontari della Pro Loco in collaborazione con l’Amministrazione Comunale. Nel pomeriggio del 31 ottobre sono stati molteplici i bambini in co-

stume e con maschere orripilanti, accompagnati dai genitori, ad assistere allo spettacolo inscenato dalla coppia di artisti del circo “Clap”. Il duo, oltre ad occuparsi dell’animazione, ha mostrato il proprio repertorio di giocoleria con le clave, con il monociclo e con simpatici trucchetti con il fuoco che hanno saputo estasiare e contemporaneamente

coinvolgere il loro giovane pubblico. L’appuntamento festoso si è concluso con corse in lungo e in largo per gli spazi della struttura, scherzetti e giochi. «Ringrazio la Pro Loco per l’ottima organizzazione e per le gustose frittelle preparate per l’occasione», ha dichiarato il primo cittadino Pamela Delle Cave, presente all’evento.

Iniziative ed Eventi


MUNICIPIO DI TRIBIANO

NUMERI DI EMERGENZA

Servizi Demografici Anagrafe Stato Civile-Elettorale Protocollo

Carabinieri Carabinieri - Caserma Polizia Provinciale Soccorso Pubblico d’emergenza Vigili del Fuoco Guardia di Finanza Emergenza Sanitaria Croce Bianca Paullo

Servizo Tecnico Tecnico Segreteria Responsabile Tecnico Ecologia

02/90.62.90.201 02/90.62.90.202 02/90.62.90.218 02/90.62.90.211 02/90.62.90.210 02/90.62.90.206

Servizio Affari Generali 02/90.62.90.216 Affari Generali Servizi alla Persona-Pubblica Istruzione 02/90.62.90.217 02/90.62.90.220 Resp. Servizi alla Persona 02/90.62.90.203 Messi 02/90.62.90.213 Assistente Sociale Servizi Finanziari 02/90.62.90.214 Economo 02/90.62.90.215 Responsabile Settore Tributi 02/90.62.90.222 Polizia Locale Pronto Intervento Distaccamento (Fax)

02/90.66.241 02/90.62.90.204 02/90.62.90.205

Biblioteca comunale Via della Liberazione n. 82

02/90.63.92.66

Palestra comunale Piazza Pertini n.1 Scuola elementare Scuola materna

02/90.63.93.40

Servizi al Cittadino

02/90.64.081 02/90.63.24.16

Presidio Poliambulatoriale Polizia Stradale - S. Donato Servizio Antincendio Boschivo Acquedotto - Cap Elettricità - Guasti Gas - Guasti Direttore Responsabile Pamela Delle Cave Caporedattore Maurizio Zanoni In Redazione Silvia Arrigoni, Francesca Tedeschi, Ilaria Patrian, Giulio Carnevale Stefania Accosa Progetto grafico e impaginazione Erica Lampognani www.lampogani.it Tipografia COLORSHADE - Peschiera Borromeo (MI) Tel. 02 2847518 info@abbiatigrafiche.it

112 02.90.64.016 02.90.63.35.55 113 115 117 118 02.90.64.782 02.90.63.18.00 02.98.11.41.11 02.52.70.222 1515 02.89.520 800.900.800 800.901.050 800.998.998

Redazione Ufficio segreteria generale Palazzo Municipale 20067 Tribiano tel. 02.90.62.90.216 segreteria@comune.tribiano.mi.it tribianoinsieme@gmail.com Pubblicità 7giorni Sas di Bersani e Robecchi Via De Gasperi, 28 20090 Pantigliate MI cell. 339.28.00.846 commerciale@7giorni.info Testata registrata presso il Tribunale di Lodi il 29/09/2010 Questo numero è stato chiuso in redazione il 04/12/2018

15


Tribiano Insieme - Dicembre 2018  
Tribiano Insieme - Dicembre 2018  
Advertisement