Page 1

Polistena sta cambiando L’Amministrazione Comunale al lavoro per l’attuazione del programma

BOLLETTINO DI INFORMAZIONE DEL COMUNE DI POLISTENA

Ottobre 2012


POLISTENA STA CAMBIANDO

AMMINISTRATORI GIOVANI ED ONESTI AL SERVIZIO DEL POPOLO, NEL MOMENTO DI PIENA CRISI ECONOMICA L’esperienza di governo di Polistena nasce da giovani mova, dispos a meersi in gioco per la propria cià, nonostante il momento drammaco, e determina ad andare avan, con sacrifici, a rare su per i capelli una situazione veramente difficile. E’ una grande fortuna per la cià di Polistena e per il suo popolo verso il quale l’Amministrazione Comunale intende relazionarsi con grande umiltà e spirito di servizio. Sindaco e Assessori hanno un’indennità di carica ridoa del 35% ed hanno rinunciato con deliberazione n. 16/2012 del Consiglio Comunale ai telefonini di servizio. Ciò significa che per fare una telefonata anche nell’interesse del Comune, Sindaco e Assessori, Presidente del Consiglio Comunale, consiglieri, pagano di tasca propria. L’opposto della gesone allegra della precedente Amministrazione. Solo per fare un esempio i preceden spendevano per viaggi e missioni 15 volte in più di oggi. Tali scelte che puntano a ridurre i cos della polica, sia pure in ambito locale, qualificano la diversità polica e il nuovo modo di essere degli auali amministratori che operano nell’esclusivo interesse di Polistena lontano da forme di speculazione ed affarismo prima assai diffuse.

Primo Consiglio Comunale Giuramento del Sindaco

Il Municipio

Il nodo dei tagli dello Stato e i debiti lasciati dalla precedente Amministrazione I comuni italiani si preparano al peggio. La crisi democratica rischia di trasformarsi in crisi economica per molti comuni indebitati fino al collo. L’Amministrazione Comunale rispetto all’ultimo anno della precedente amministrazione (2009) sta gestendo il bilancio 2012 con 1.000.000 di Euro in meno di trasferimen statali (Fondo trasferimen statali: anno 2009 € 3.495.000 - anno 2012 € 2.500.000). Un’enormità di soldi non recuperabili se non in parte. La lotta agli sprechi non basta a bilanciare il taglio, né l’incremento dell’addizionale comunale IRPEF. Pesano i debiti accumulati, le cui responsabilità ricadono interamente sul passato, in particolare sulle bollette dell’energia elettrica non pagate nel quinquennio 2005-2010, di cui si è assunta cognizione reale e piena solo dopo la notifica delle fatture avvenuta durante l’anno 2011, tra agosto e settembre, quantificate in un totale spaventoso: 800 mila Euro. Una parte di queste somme sono state pagate, perché somme iscrie in bilancio nell’anno 2011 dall’auale Amministrazione Comunale. Rimangono da saldare all’ENEL e per essa al gruppo Unicredit, ora tolare del credito, circa 620.000 Euro, oltre altri debi pregressi e corren rimas all’ENEL ed in via di precisa quanficazione (circa 185.000 Euro). Taglio del nastro sala conferenze A tuo questo si sommano i debi fuori bilancio accumula da gesoni precePalazzo Sigillò (febbraio 2012) den che sfiorano i 200.000 Euro. In entrambi i casi si sta cercando di venirne fuori con piani di ammortamento e richieste di dilazione pure per le parcelle non pagate dei professionis, avvoca, archite, ingegneri con incarichi vari. Già da quest’anno dovremmo pagare 106.000 Euro circa (su 200.000 da corrispondere complessivamente nel triennio 2012-2014) da defalcare dal bilancio corrente 2012 e circa 84.000 Euro iscri in bilancio per far fronte a passività pregresse e impegni corren. Ma è un sacrificio ulteriore che si chiede al bilancio, e dunque alla casse comunali, e cioè ai ciadini obbliga, di conseguenza, a rinunciare ad alcuni servizi, per ripianare un debito di 1 milione di euro. SALVARE IL COMUNE

2

PER SALVARE I CITTADINI


L’Amministrazione Comunale al lavoro per l’attuazione del programma

Cifre e numeri del faticoso programma di risanamento delle casse comunali per evitare il “default” Quando un Comune va in “default” significa che fallisce e se fallisce economicamente la prima cosa è la mancata garanzia dello spendio ai dipenden. Se si dovesse giungere a tanto sarebbe la fine dei servizi comunali. Per ques movi è stato un bene arrivare, grazie al consenso popolare, al Comune, prendere in tempo la situazione ed adoare le giuste e opportune contromisure PER SALVARE IL COMUNE dal sicuro fallimento. Chi ci ha preceduto, pur conoscendo bene la grave situazione, ha preferito tacere e rimandare il problema al futuro, oggi accelerato dalla crisi e dallo Stato “che prende e non da nulla” ai Comuni. PRIMA SCELTA POLITICA: L’Amministrazione Comunale recupererà il taglio dello Stato di 1 milione di Euro, non aumentando le tasse. Da IMU, TARSU e Acquedoo, il Comune non incasserà maggiori somme. A parte una maggiore entrata di 380.000 dall’addizionale comunale legata al reddito delle persone fisiche, tasse e tribu comuni rimangono invaria. Ovviamente è necessario che tu i Ciadini paghino regolarmente i tribu SECONDA SCELTA POLITICA: Invesre sul risparmio. I PROVVEDIMENTI GIA’ ADOTTATI:  Avazione dei pozzi comunali. Si risparmieranno circa 200.000 Euro di spese di fornitura idrica sulla cifra annualmente pagata fino ad oggi alla Sorical di 400.000 Euro, con un abbamento del 50%.  Internalizzazione del servizio di raccolta differenziata. L’Amministrazione Comunale ha migliorato il servizio con l’avazione del porta a porta, verrà risparmiato il costo di una convenzione con priva di circa 180.000 Euro all’anno. L’estensione del porta a porta consenrà di conferire meno rifiu in discarica e,quindi, di risparmiare. Quest’anno il risparmio previsto è di circa 50.000 euro.  Istuzione dei parcheggi orari e a pagamento. E’ prevista la maggiore entrata di almeno 30.000 Euro all’anno.  Riduzione delle spese per speacoli e manifestazioni culturali. Già da quest’anno il risparmio è di almeno 50.000 Euro sul corrente bilancio.  Dismissione di alcune polizze assicurave e la gesone direa dei sinistri. L’Amministrazione sta risparmiando notevoli somme, così come con la gesone centralizzata del magazzino. Solo in un anno il risparmio è stato di 40.000 euro. Con alla mano il taglio alle spese corren è stato recuperato. Se non vi saranno ulteriori tagli dello stato con la spending review, (che purtroppo sembrano profilarsi) il vero problema del Comune di Polistena per la gesone corrente rimangono i debi pregressi.

Ruoli dei tributi comunali indietro di 2 ANNI! E’ paradossale insediarsi in Comune e scoprire che i tribu venivano incassa con due anni di ritardo! Per fare un esempio la TARSU del 2008 veniva pagata nel 2010 perchè i ruoli venivano invia con due anni di ritardo. Tale squilibrio oggi pesa perchè il Commissario per l’Emergenza Rifiu fa sapere di voler incassare i credi degli En quasi in tempo reale. Stessa cosa vale per la Sorical, società che ci rifornisce in parte dell’acqua. La maggioranza comunale ha, opportunamente, con deliberazione n. 3 del 25/02/2012, dato indirizzo all’ufficio tribu di incassare entro il 31 dicembre 2012 i tribu dovu per l’anno precedente, recuperando così almeno 1 anno solare. Con questa operazione si è evitato di appesanre i tribu, con un ingiusto inasprimento delle bollee.

Partecipazione, condivisione, trasparenza. Senza questa Amministrazione dove saremmo andati a finire? Perché se non ci fosse stata questa Amministrazione al Comune animata da grande senso di responsabilità, capacità di leura dei problemi, e soprauo autocontrollo nella spesa, dove mai Polistena sarebbe andata a finire? Questa è la domanda che tu i ciadini si dovrebbero autoproporre nella loro coscienza. E la risposta è anche essa scontata. Se al governo di Polistena ci fossero sta gli affaris e gli speculatori, notoriamente conosciu, in questo momento nemmeno gli spendi dei dipenden sarebbero sta garan. In una fase di crisi di lavoro e di disoccupazione crescente, con 20.000 esuberi annuncia anche nel pubblico impiego, qualche dipendente dedito a fare polica all’interno del comune dovrebbe rispeare il proprio ruolo di servizio ai ciadini che occupa, anche perchè molte persone il lavoro lo hanno perso o addiriura non lo hanno mai avuto. Ogni scelta compiuta dalla maggioranza è improntata al buon senso, alla partecipazione ed alla condivisione con i ciadini. Non a caso l’Amministrazione Comunale organizza nel corso dell’anno assemblee in piazza e manifestazioni dove il confronto con i ciadini eleva la cultura della democrazia e della partecipazione vera alla vita pubblica ed istuzionale.

SALVARE IL COMUNE

3

PER SALVARE I CITTADINI


POLISTENA STA CAMBIANDO

REALIZZARE LE OPERE PUBBLICHE GIÀ PROGRAMMATE E FINANZIATE PER SPINGERE L’ECONOMIA ED IL LAVORO Una delle conseguenze del “patto di stabilità” è quella di abbattere le spese in conto capitale, tra cui sono incluse le opere pubbliche. Il primo grande lavoro pubblico programmato dall’Amministrazione è stato avviato. Si tratta del progetto di PARCO JUVENILIA su cui si stanno investendo 530mila Euro. I lavori sono in fase di realizzazione e prevedono la riqualificazione di un’area ampia lasciata al degrado per lungo tempo dalla vecchia Amministrazione, con la costruzione di un campo di calcio ad 11 in erba sintetica e la sistemazione dell’area a verde. Sempre nell’anno 2012 si è proceduto a portare a compimento un’altra opera pubblica, collaudata in aprile, il ponte di collegamento tra via Esperia e via Turati, che ha assorbito buona parte delle risorse utili ai fini del calcolo sul patto di stabilità. Per tale ragione e per dare respiro alla cassa comunale, l’Amministrazione è obbligata a limitare gli investimenti in opere pubbliche per l’anno in corso. Tuttavia stiamo cercando di sfruttare i margini consentiti dalla legge per l’indebitamento attraverso la contrazione di nuovi mutui con la Cassa Depositi e Prestiti. Nel 2014 infatti è previsto il limite del 4% per la capacità d’indebitamento, soglia questa già raggiunta nella maggior parte dei comuni italiani e quindi, il divieto di contrarre mutui. Sarà già tanto, in questo complicato contesto socio-economico avviare e completare gli interventi inseriti nel programma amministrativo.

Investimenti sulle scuole per rendere nuovi e più sicuri gli edifici scolastici

Scuola “Trieste” (Ottenuto finanziamento di 350.000 Euro per la ristrutturazione)

• Ammodernamento e ristrutturazione scuola media Jerace 408.320 Euro (marzo 2011); REALIZZATO • Completamento asilo-scuola Villa Maria circa 300.000 Euro (aprile 2011); REALIZZATO • Ristrutturazione asilo-scuola Risorgimento circa 275.000 Euro successivo completamento mediante installazione degli infissi e sistemazione refettorio ed area esterna (2° stralcio) circa 20.000 Euro; REALIZZATO • Manutenzione ordinaria scuola Belà con la collaborazione di privati (giugno 2012); REALIZZATO • Realizzazione e completamento istituto scolastico G. Renda 5.000.000 di Euro (investimento provinciale); IN FASE DI ULTIMAZIONE • Ristrutturazione edilizia ed ammoder-namento funzionale con sostituzione degli infissi ed Il nuovo Istituto Scolastico “G. Renda” pronto per essere utilizzato eliminazione delle barriere architettoniche dell’edificio scolastico Trieste 350.000 Euro (finanziamento ministeriale già ottenuto da parte del MIUR); • Messa in sicurezza ed adeguamento sismico Scuola Custodia 220.000 Euro (finanziamento regionale 130.000 + 90.000 di finanziamento con fondi di bilancio comunale); IN FASE DI PROGETTAZIONE • Messa in sicurezza ed adeguamento sismico Scuola Brogna 200.000 Euro (cofinanziamento regionale); IN FASE DI ESECUZIONE LAVORI PUBBLICI

4

Scuola “Belà” (Ristrutturata)


L’Amministrazione Comunale al lavoro per l’attuazione del programma

Investimenti su strade, impianti, strutture, parchi e quartieri per migliorare la qualità della vita • Realizzazione ponte di collegamento via Esperia-via Tura 400.000 Euro (aprile 2012); COMPLETATO • Rifacimento illuminazione ciadina in diversi quareri C/da Alessi, parco Gagarin, villea Padre Pio (gennaiofebbraio 2011); COMPLETATO • Estensione elerificazione rurale C/da Giuseppina ponte San Rocco e via Parma 20.000 Euro (aprile-luglio 2012); Scuola “Villa Maria” (Ristrutturata) COMPLETATA • Installazione di 12 videocamere di cui 4 a parco Juvenilia a spese di Sindaco e Assessori comunali per l’importo di Euro 1.000 (novembre 2011) ed 8 a parco Diaz per l’importo di Euro 2.000 (giugno 2012); COMPLETATA • Installazione e riordino impian di pubblicità (giugno-luglio 2012); COMPLETATO • 33 pali Illuminazione strada provinciale Polistena-Melicucco 80.000 Euro (giugno 2011); COMPLETATO • Sistemazione passerella araversamento torrente Jerapotamo (località Monte) COMPLETATA; • Bitumazione strade via Zaccagnini-C/da Barlee, via F. Nicola Sacco (ex C/da San Giovanni) trao Strada Vicinale Vioria 26.000 Euro LAVORO APPALTATO IN CORSO DI ESECUZIONE; • Bitumazione, scarificazione asfalto in diverse strade ciadine € 200.000 (1°stralcio) tra cui tra di Via V. Morabito, Via Montegrappa, Via On. Luigi Longo, Via F. Seminara, Via P. Nenni, Via Macallè, Villa Italia, Via F. Jerace, Via Catena, Via Pitagora, Via Karl Marx, Zona Strada adiacente Torrente Vacale, Zona Grecà, strada interna Contrada Primogenito (via Paolo Suraci); LAVORO IN FASE DI APPALTO • Ristruurazione e riapertura del mercato coperto di via Trinità 45.000 Euro con ricavo di n. 10 box da affiare a fini commerciali; LAVORO IN FASE DI APPALTO • Ristruurazione interna dei locali comunali, saccheggia e sabota di recente, di Via Tura da adibire a servizi sanitari 40.000 Euro dove saranno ricolloca: farmacia comunale, Suem 118 e poliambulatori; LAVORO APPALTATO • Rifacimento di fognature e la regimentazione delle acque bianche in diverse aree della città 200.000 Euro circa, tra cui realizzazione nuova fognatura in C/da Santa Maria La Vecchia- Russo, in C/da Villa; LAVORO IN FASE DI APPALTO • Manutenzione straordinaria con asfalto tra C/da Baldassarre 30.000 Euro; LAVORO IN FASE DI APPALTO • Costruzione di n. 199 nuovi loculi cimiteriali, la cui copertura in bilancio è garanta dalla vendita degli stessi importo 270.000 Euro circa AUTO-FINANZIATO; IN FASE DI PROGETTAZIONE • Estensione dell’elerificazione rurale in C/da Don Domenico/Villa 20.000 Euro FINANZIATO (bilancio comunale); • Realizzazione e riapertura del maatoio comunale per un invesmento di circa 1.000.000 di Euro (400.000 Euro soldi già stanzia dal Comune, per il resto si aende risposta da parte del Diparmento Regionale dei Lavori Pubblici investo dell’istanza araverso bando pubblico); Scuola “Risorgimento” (Ristrutturata) • Realizzazione in C/da Grecà della bretella di collegamento alla Pedemontana con funzione di tangenziale a nord (opera programmata dalla Provincia di Reggio Calabria anno 2009). • Auazione piano di recupero quarere Immacolata (fondi ministeriali decreto sviluppo con invesmento misto pubblico-privato); • Completamento sistema di videosorveglianza in mol quareri ciadini nell’ambito del PON Sicurezza. RICHIESTO FINANZIAMENTO • Realizzazione sala mortuaria di uso pubblico (fondi priva). 5

LAVORI PUBBLICI


POLISTENA STA CAMBIANDO

Investimenti per l’ambiente, l’ecologia, la raccolta differenziata e le energie alternative per risparmiare e crescere in civiltà • Realizzazione di n. 4 impian fotovoltaici nelle scuole Belà, Catena, Villa, Risorgimento 135.000 Euro (novembre 2011); REALIZZATO • Realizzazione piaaforma di stoccaggio per la raccolta differenziata in C/da Russo 55.000 Nuova illuminazione Euro (gennaio-febbraio 2012); REALIZZATO Ponte San Rocco • Pulizia torrente Jerapotamo 10.000 località San Rocco (giugno 2012), torrente Jerulli località San Biagio 10.000 Euro (giugno 2012), torrente Jerapotamo località MonteFontanelle 10.000 Euro (giugno 2012); REALIZZATI • Passerella di araversamento ponte Vacale 150.000 Euro (maggio 2011); REALIZZATA • Messa in sicurezza idrogeologica del torrente Jerulli per un invesmento di 2.500.000 Euro (finanziamento provinciale anno 2009) che prevede la costruzione di un bacino di rallentamento e di muri d’argine C/da San Biagio, con la deviazione Il nuovo ponte di collegamento Via Turati-Via Esperia dell’alveo nel fiume Jerapotamo presso località San Giovanni e l’allargamento della sezione del torrente lungo la strada Guzzella per 500 mt circa (quest’ulma variazione al progeo è stata compiuta dietro prescrizione dell’Autorità di bacino Regionale che ha formalmente espresso parere favorevole in data 3/09/2012); IN FASE DI APPALTO • Bonifica del torrente Vacale con pulitura e caraerizzazione dei Torrente Jerapotamo rifiu 567.000 Euro (finanziamento regionale DGR 253/2012); IN Torrente Jerulli FASE DI APPALTO • Riqualificazione area Gaetanello (residuo finanziamento viale Rivoluzione d’Oobre pari a 179.000 Euro circa) per la quale l’Amministrazione sta predisponendo in collaborazione con l’ordine degli Archite un concorso di idee per la progeazione; • Realizzazione pannelli fotovoltaici su lastrico solare del Palazzo Particolare progettuale Municipale, in area ex depuratore, e su lastrico solare palazzeo messa in sicurezza Torrente Jerulli dello Sport (fondi priva); DA METTERE A BANDO DEVIAZIONE

Investimenti sugli immobili comunali per incentivare l’offerta culturale e turistica • Ristruurazione Sala Convegni Palazzo Sigillò ed apertura all’uso pubblico 380.000 Palazzo Sigillò - Sala conferenze Euro (febbraio 2012). Tale opera è stata portata a termine solo oggi grazie all’impegno dell’auale Amministrazione, dopo uno stop della Soprintendenza iniziato nel 2007; REALIZZATO • Recupero e ristruurazione facciata palazzo Andriello 22.000 Euro (dicembre 2010) dopo decenni di degrado ed abbandono; REALIZZATO • Rifacimento toponomasca ed installazione targhe nel centro storico ed in diversi quareri comunali (novembre 2011-marzo 2012); REALIZZATO - Tra breve si installeranno altre targhe nel centro storico. • Rifacimento pavimentazione via Domenicani, via Valensise, Piazzea Garibaldi e arredi casa naa scultore F. Jerace 400.000 Euro; LAVORO IN CORSO IN ATTESA DI COMPLETAMENTO; • Completamento ripristino strutturale casa natìa scultore Francesco Jerace 90.000 Euro; LAVORI APPALTATI • Riqualificazione e recupero vie centrali del Centro Storico: corso Mazzini, scalinata Chiesa Immacolata, Villea Padre Pio, Villea delle Papere (500.000 Euro circa); SI ATTENDE L’OK DALLA REGIONE PER L’APPALTO • “Sulle vie di Altanum” progeo associato che prevede a Polistena il riprisno dell’anca fontana di Villa Italia (80.000 Euro quota nostro comune); SI ATTENDE L’OK DALLA REGIONE PER L’APPALTO • Ristruurazione Palazzo Sigillò da adibire a Casa della Cultura intercomunale (fondi PISL); RICHIESTO IL FINANZIAMENTO LAVORI PUBBLICI

6


L’Amministrazione Comunale al lavoro per l’attuazione del programma

Investimenti per l’ospedale di Polistena per migliorare la sanità pubblica della Piana • Nuovo pronto soccorso e sala morgue dell’ospedale di Polistena 220.000 Euro (marzo 2011); REALIZZATO • Bitumazione area esterna all’ospedale; REALIZZATO • Costruzione pista di aerraggio per l’elisoccorso (invesmento totale: 530.000 Euro di cui 200.000 finanziamento provinciale anno 2009 + 330.000 bilancio comunale) nel piazzale anstante l’ospedale di Polistena; solo poche semane addietro è giunto il parere favorevole dell’ENAC sul progeo preliminare. In fase di progeazione definiva-esecuva. Il decreto 94/2012 ha assegnato l’elisuperficie all’ospedale di Polistena. Localizzazione elisuperficie H24

Investimenti per i giovani e lo sport per dare alle nuove generazioni ed alle associazioni strutture efficienti e punti di riferimento

Parco Juvenilia

• Realizzazione PARCO JUVENILIA con la costruzione di un campo di calcio ad 11 in erba sinteca e la sistemazione dell’area a verde ludica per bambini 530.000 Euro; LAVORI IN CORSO IN ATTESA DI COMPLETAMENTO

PLANIMETRIA DI PROGETTO 2,50

56,00

• Realizzazione nuovo impianto di irrigazione campo sporvo con irrigatori sommersi (giugno 2012); COMPLETATO

Via dello Sport

51,00

97,00

90,00

area per tribuna e spogliatoi da realizzare in futuro

• Manutenzione straordinaria Palazzeo dello Sport 85.000 Euro (bilancio comunale); IN FASE DI PROGETTAZIONE • Realizzazione della piscina coperta provinciale nel loo di via Fausto Gullo per la quale si aende il secondo bando di gara per un invesmento di oltre 2.200.000,00 di Euro (finanziamento provinciale anno 2007 + fondi priva);

7

LAVORI PUBBLICI


POLISTENA STA CAMBIANDO

POLITICHE SOCIALI - Trasparenza ed equità per una nuova giustizia sociale L’Amministrazione Comunale ha restuito dignità ai servizi ed al lavoro e giusta remunerazione, sperimentando un MODELLO DI EQUITA’ E GIUSTIZIA SOCIALE unico ed irripebile per la Calabria, che consente a turno di impiegare il numero maggiore di persone nei servizi affida a Cooperave sociali o Associazioni di volontariato. Sono sta incrementa i livelli di occupazione ed altri pos di lavoro saranno crea tra breve con l’avvio dei servizi a domicilio desna ai diversamente abili ed agli anziani non autosufficien. Le short lists pubbliche hanno consento di rompere con le clientele del passato e di sospingere la pubblica amministrazione verso azioni trasparen e di giuszia sociale, per l’applicazione in concreto del principio “Lavorare meno, lavorare tu”. In passato era un miraggio trovare operatori impegna nei servizi comunali, con Asilo Nido Distrettuale (ex Scuola Villa) un con contrao di lavoro a tempo determinato ed una busta paga dignitosa. Solo per fare un esempio nel corso dell’ulmo dell’ulmo anno solare, lavorano o hanno lavorato a turno con regolare contrao 72 operatori impegna nei vari servizi e proge a cui vanno aggiun i 16 del servizio civile che sarà avviato il 3 seembre.

ASSEGNATE LE CASE POPOLARI A VILLA ITALIA Un altro impegno programmaco è stato mantenuto. A Polistena da almeno 10 anni non si assegnava una casa popolare agli aven dirio. L’Amministrazione Comunale ha ristabilito anche in questo seore il principio del dirio alla casa, pur non essendoci grande disponibilità di alloggi. Ne sono sta assegna see. Entro qualche mese si assegneranno altri sei alloggi a Villa Italia e comunque subito dopo il trasferimento dei poliambulatori presso la struura di via Tura che ospiterà anche la farmacia comunale ed il SUEM 118. L’obievo è però quello di recuperare altri alloggi, specie quelli chiusi o ancora non assegna dall’ATERP, per desnarli agli aven dirio ed ai ciadini più bisognosi.

CONTRO LA CRISI PIÙ POSTI DI LAVORO A ROTAZIONE: Ecco i numeri e le differenze rispetto al passato MENSA SCOLASTICA = OGGI lavorano 20 operatori con contrao, PRIMA ne lavoravano 12. AIUTO ALLA PERSONA NELLE SCUOLE DELL’OBBLIGO = OGGI 22 operatori con contrao, PRIMA 12 senza alcun contrao; ASILO NIDO DISTRETTUALE. La nuova Amministrazione ha collocato l’asilo nella struura che prima ospitava la scuola Villa, oggi ristruurata e riadaata per i bambini. Un vero gioiello per Polistena. OGGI 20 operatori con contrao, PRIMA ne lavoravano 8. PROGETTO INTEGRAZIONE BAMBINI STRANIERI che ha sostuito il centro minori. Il progeo si è concluso e hanno lavorato 10 operatori con contrao, PRIMA 4 senza contrao. SERVIZIO CIVILE. 16 operatori impegna in due proge. P.U.A. (PUNTO UNICO DI ACCESSO) E SERVIZI A DOMICILIO A NON AUTOSUFFICIENTI. Di prossima istuzione con la previsione di circa 12 nuovi pos di lavoro a rotazione in un anno. Anche quest’anno sono state garante le VACANZE MARINE PER GLI ANZIANI, e contribu assistenziali alle famiglie più indigen. Rimane tuavia un interrogavo sul futuro dei servizi sociali. Con i tagli ai Comuni purtroppo non è certo il mantenimento di tu i servizi eroga in precedenza. E’ stato presentato un progeo per la riqualificazione dell’ASILO NIDO DISTRETTUALE di C/da Villa in collaborazione con una Cooperava Sociale, che sembra abbia superato la prima selezione regionale in vista del finanziamento. POLITICHE SOCIALI

8


L’Amministrazione Comunale al lavoro per l’attuazione del programma A mensa con i bambini del plesso “Catena”

Gita in montagna con gli anziani (settembre 2012)

DIFENDIAMO L’OSPEDALE DI POLISTENA Salviamo il reparto OTORINO Troppe volte questo territorio il suo popolo subiscono ingiuszie e soprusi. La Piana di Gioia Tauro in parcolare, spesso racconta storie di diri nega, abusi, violenze, prevaricazioni. La sanità pubblica ad esempio è una bomba ad orologeria. Per una decisione assurda ed inspiegabile della Regione Calabria e dell’Azienda Sanitaria dal 1° agosto sono sta blocca i ricoveri nel reparto otorino. E’ l’ancamera della sua chiusura. Ma un reparto con una media annua di 15.000 prestazioni e 210 interven chirurgici non può essere chiuso, perché significherebbe cancellare un pezzo di sanità che funziona. Il Parto dei Comunis Italiani ha promosso una pezione popolare alla quale tanssime persone, operatori sanitari, medici di base, istuzioni locali hanno aderito, in quanto riconoscono all’ospedale di Polistena un ruolo indispensabile nella sanità pubblica calabrese. Sono state raccolte 10.000 firme.

UN CENTRO SANITA’ NEI LOCALI COMUNALI DI VIA TURATI

Progetto di ristrutturazione del Centro (Appaltato - 40.000 euro)

Insieme alla previsione di costruire la pista di elisoccorso nel piazzale anstante l’ospedale con un invesmento senza oneri per la Regione Calabria, l’Amministrazione Comunale si bae per la centralità dell’ospedale di Polistena e della sanità pubblica nella Piana. Tra i tan obievi vi è quello di trasferire a breve i poliambulatori ed il servizio SUEM 118, nella struura comunale di via Tura, che diventerà un CENTRO SANITA’, con il suo punto di forza nel trasferimento della farmacia comunale anche al fine di segnare una svolta nella sua gesone economica.

9

POLITICHE SOCIALI


POLISTENA STA CAMBIANDO

to nel 1947 o di Taranto, fonda del giornale storic imposta iniqua» Edizione digitale ggio contro «un’ aco un atto di cora e chiede al sind i: ’Ap Il fatto/Mangion posta dell

Abbattuta l’IMU sulla prima casa

San Giorgio, pro a casa allo 0,2% sulla prim dell’Imu sulla prima casa”. abbattere l’Imu dell’aliquota

È 0,2% abbattimento allo CO – “Proposta di pi di San Giorgio. Francesco Iacovelli, SAN GIORGIO JONI corso di un incontro organizzato dall’A ri segretario organizzativo o nel Venne one,il trattat Pietro Mangi mento o, stato l’argo no, Baldassare di San Giorgi coordinatore cittadi io CalaFinanze al Comune Sono intervenuti il ia, l’assessore alle ne di Polistena (Regg ciale Emanuele Papal io Muscherà del Comu il coordinatore provin re alle Finanze Anton delegata dall’assesso ata alla rivicolleg se e Rosanna Iusco, iniqua più iniqua. Ed ancora iva propobria). «l’Imu è un’imposta Con questa iniziat per i contribuenti. ra ha affermato che Mangione in apertu anno anche più salata casa». icatastali che la render economico per i proprietari di prima il peso fiscale incent sitazione delle rendite l’esborso e dovuto alleggerire ridurre al minimo uto Iacovelli – si sarebb niamo al sindaco di sosten ha – casa». atico prima dramm dotto l’Ici sulla T. F. «In un momento così fatto è stato reintro stipendi, ma ha di vandone invece gli 2012 - 16:39 Mercoledì, 25 apr

POLISTENA non

pagherà l’IMU (ex

ICI)

Sconvolgente, coragg non pagheranno l’IMU iosa la decisione del Sindaco di Poliste na (RC) dove il sindac , la nuova tassa del governo Monti, nel maggioranza, ha preso o ha dichiarato che passato chiamata IcI. i cittadini posizione in merito Il sindaco, appoggiato alla situazione venuta Questo si legge nel dalla sua si a creare. Ecco quanto documento: da lui dichiarato: “La prima abitazione è sempr e un qualco che non è giusto tassar sa costruito dopo sacrifi e. ci di lavoro e sudore da parte di genitori NON PAGHERA’ NULL e figli, A sulla prima casa circa il 90% dei cittadi La maggioranza comun ni ale ha approvato la sione storica, esemp definizione delle aliquo lare e coraggiosa te della nuova impos di non ffar pagare ppotranno ridurre a p ta, assumendo sulla prima casa la zero il dovuto grazie la decia che reputia maggi mo alla “Prop ingius or di 50 Euro per parte dei polistenesi,ta ed inidetraz rio ogni in unfifiglio mome glio anto drammatico per le ione fissa di €. 200,00 prevista dalla i quali avrebb sotto di ventise famigl legge ed a quella aggiun dovuto alleggerirecarico al di ie, dove – conenucleo i anni. il disagi Infatti la pressio familia compo spesso solooper tiva ne fiscale fare sfocia nonA2 sto anche qualchin tragedio solo cittadi non e’ avvenure e esemp ia,reale: da unsui il Governo Monti ni incent solo (abita compo nente ivando civilitar - contin ua la nota - ma pr i piuttosto salari e stipendi. id nostra contrazioni la reintroduzione dell’IC rieta’, e’ un atto Cosa che invece I sulla prima casa, che colpisce uno dei un qualcosa costru sulla quale ribadiamo diritti fondamentali ito dopo sacrifici di la del cittadino. La prima lavoro e sudore da abitazione e’ sempr “La maggioranza parte di genito e ri e figli, che non e’ comunale ha approv giusto tassare”. cisione storica, esemp ato la definizione delle aliquote della lare e coraggiosa nuova imposta, assum di non far pagare potranno ridurre a sulla prima casa la endo la dezero il dovuto grazie maggior parte dei alla detrazione fissa tiva di 50 Euro per polistenesi, i quali di Euro. 200,00 previs ogni figlio a carico al di sotto di ventise ta dalla legge ed a “A Polistena, dunqu quella aggiuni anni”. e, a differenza di altri cassa- conclude il comuni italiani che comunicato - l’Amm stanno cogliendo inistra difficile momento di l’occasione dell’Im u per fare disagio sociale, stavol zione Comunale ha come sempre saputo ta tutelando il diritto distinguersi ed interp alla prima casa per retare il tutti”. http://atestaalta-vo

x.blogspot.it

, abbattiamo l’IMU Sindaco, faccia un gesto di coraggio

ABBATTIAMO L’IMU e di Polistena Sindaco: prenda esempio dal Comun

Una decisione importante, storica, originale, dall’abbattimento dell’IMU nasce un nuovo modello Il riconoscimento del lavoro dell’Amministrazione Comunale è avvenuto da ogni parte. In mol Consigli Comunali, dal Veneto alla Sicilia, dalla Puglia alla Toscana, Polistena è diventato il modello da seguire. Tan par polici, dal Movimento5stelle all’Api, da SEL addiriura a Forza Nuova, tante organizzazioni come la Coldire o coalizioni civiche, l’Unione Italiana dei Piccoli Proprietari, riconoscono sull’IMU il “Modello Polistena”. Riporamo qui di seguito solo alcune delle migliaia di tesmonianze pubbliche da tua Italia che elogiano l’operato della nostra Amministrazione proponendo in mol altri comuni italiani l’abbamento dell’IMU sulla prima casa allo 0,2% e le altre aliquote adoate sugli altri immobili. Solo a Polistena l’opposizione, formata da SEL, PD, e PDL dopo avere votato contro l’abbamento dell’IMU sulla prima casa, ha tentato di delegimare la scelta dell’Amministrazione Comunale apprezzata anche da testate televisive come La7, dove il Sindaco è stato ospite.

di Polistena (Reggio Calabria), in essere dall’amministrazione comunale Le recenti azioni amministrative poste stragrande maggioranza della popoin maniera decisa a sostegno della dimostrano come sia possibile intervenire lazione. non pagherà l’IMU sulla prima casa. Il 90% circa delle famiglie Polistenesi doveroso da parte di ogni Amcrisi economica ed occupazionale è In questo particolare momento di diffusa le azioni da realizzare per gli interessi dei propri cittadini, valutando ministrazione Comunale provare a difendere e giustizia sociale. garantire il rispetto dei principi di equità con le componenti politiche della magLangella e la sua Giunta, in accordo A tal proposito invitiamo il Sindaco a sostenere questa iniziativa. gioranza e della minoranza consiliare, e quella aggiuntiva di 50€ per 0,2% oltre alla detrazione fissa di 200€ Abbattendo l’aliquota applicabile allo case sfitte, anche i Boschesi veanni; aumentando l’aliquota sulle seconde ogni figlio a carico al di sotto dei 26 esercizi commerciali e sulle attività odioso balzello sulla prima casa, sugli drebbero praticamente eliminato questo produttive. in un comune che elargisce ci alle già tartassate famiglie Boschesi, Non si devono chiedere ancora sacrifi vedi dislocazione degli uffici A.S.L di problemi solo mettendo “pezze” solo servizi primari risicati e risoluzioni popolazione aspettava da trent’anni. nell’asilo nido, una struttura che la ioni Comunali, tagliando Amministraz già con successo da numerose Allora faccia un gesto di coraggio! Provato sulla collettività: piuttosto i costi inutili che gravano consulenze, ecc… staff, auto di servizio, assessorati inutili Direttore generale, ufficio stampa e Boscoreale 6 maggio 2012

729681505673

http://www.blogger.com/profile/17743304

LETTERA

ABBATTE L’IMU POLISTENA: L’AMMINISTRAZIONE SULLA PRIMA CASA

http://www.la7.it

27/04/2012

Il comune di Polistena mitiga l’impatto dell’I mu sul settore agricolo:

esempio da seguire Con Deliberazione n.11 del 12 aprile u.s. il Consiglio Comunale di Polistena (Rc) in modo favorevole ai cittadini fa da apripista intervenendo ed alle imprese agricole sulla riduzione dell’IMU Pietro Molinaro presiden . “Di grande rilevanza te di Coldiretti Calabria sottolinea – è la riduzione effettuata ed in particolare per i terreni delle aliquote IMU nel settore agricoli e i fabbricati rurali agricolo aliquote sono state abbattut dove accogliendo la proposta e anche del 50%. Ci auguriam di Coldiretti Calabria le o sottolinea l’organizzazione Comune di Polistena, possa agricola che quanto fatto essere replicato in altri comuni, dal stagione di difficoltà, per anche perché, il settore i prezzi di vendita dei prodotti, agricolo, oltre a vivere una si trova a dover fare i conti gravosa ma nello stesso tempo con è impegnato negli investim una manovra economica enti in direzione della filiera ramificazione del progetto economico e sociale “Campa tutta agricola e in una ampia gna Amica” e quindi la nistratori di Polistena assume sensibilità dimostrata dagli una grande rilevanza. La amminostra – prosegue Molinar rilancio dell’economia ha o – è una regione agricola come fulcro l’agricoltura e l’agroalimentare; evitare ed il che già incidono notevolm di appesantire i costi di produzio ente sulle imprese agricole ne significa riaffermare il dell’agroalimentare, determin ruolo strategico dell’agri ante per la crescita e l’occupa coltura e zione nelle nostre realtà locali”. http://www.calabriaecono

I I.M.U. VIMENTO ANT NO AL MO INO PIRONE ANNI DOTTI e MART di GIOV

Con una risposta del

mia.it

direttore

pagamento e al boicottaggio del come vuole - ma istigar SED LEX diceEgregio Direttore, è libero di pensarla ttuale. DURA LEX iniqua - ciascuno nel caos e e di disonestà intelle cade nel disordine, sarà pure una tassa è indice di inciviltà arla, altrimenti si ) e nei disobbedienza fiscale sono tenuti a rispett luoghi (Parlamento tutti nei della stessa ed alla ma faccia si legge la la e, pure dura e contestazion vano i Romani: sarà muovere una qualch anche è consentito loro confronti i nella barbarie. Se i e ad aprire nei riottos i ettare (vedi vilipena bacch modi dovuti. e come in passato nga la Magistratura correr interve lascia non si Se in che varie Non capiamo perché dove andremo a finire? quio e offese pubbli giudiziari. Altrimenti e istituzionali, turpilo irresponsabili dovuti procedimenti uzione e ad alte carich emo questo povero Paese in balia di oltraggio alla Costit questi meschini strationale e lascer dio del Tricolore, dono di risorgere con ro all’anarchia istituz preten incont o ora che e andrem nto al fallime circostanze) ci hanno portato quasi e facinorosi che già democrazia! za di questa povera tagemmi. tratura, ultima speran Affidiamoci alla Magis Martino Pirone Giovanni Dotti e 2012 o maggi 26 VARESE, TTORE RISPONDE IL DIRE le forze policia. E questo perchè ricevere una denun sabilità scacorre il rischio di assumersi le loro respon per non far Chi non paga l’IMU IMU non vogliono tamente Concordo con voi. il movimento anti tando o invece agire concre fomen che stanno che proclami ed i sindaci posson tiche ed i sindacli cose concrete invece Le forze politiche fatto mi. ha proble che i ria tutti ni ale che ha cono della Calab ricando sui cittadi are in consiglio comun C’è stato un sindac ni. approv cittadi fatta propri l’ha legge. Si tratta una delibera e pagare l’IMU ai simo utilizzando la uere. Ha predisposto o di pagare pochis questione di o istigazioni a delinq i. E’ una semplice di non pagare un euro della popolazione dei Comunisti Italian sentito al 90% circa un iscritto al Partito na ed il sindaco è Poliste di e comun del a. responsabilità politic Giovanni Sarubbi Cordiali saluti o.org http://www.ildialog Ore: 17:13 Lunedì 28 Maggio,2012

tena del comune di Polis Imu, seguire l’esempio a’ dal suo Sindaco, ale di Belvedere, ‘guidat L’Amministrazione comun

are i ‘soliti noti’!

deve tartass ento non perde tempo quando azione e di garanzia di funzionam svolgere i compiti di programm comuni del meriinfatti, lenta e indecisa a Irpef e risulta oggi tra i 138 L’Amministrazione Granata, razioni are l’addizionale comunale di soggiorno (le amminist ha perso tempo nel raddoppi e ad avere introdotto la tassa dei servizi ai cittadini, non legge dalla massima consentita i dione ad aver applicato l’aliquota i turisti sono solo circa 480). tartassati caso questo in anche di tassare , il ‘Regolamento IMU’: saranno comunali che hanno deciso deve ora stabilire, e applicare L’Amministrazione Granata l’ammiMonti sulla finanza locale, soliti noti? applicativo delle leggi Tremontidel Comune di in questo delicato momento calabrese e non padano – – esempio buon il Il Laboratorio chiede che, seguire Marittimo possa e debba nistrazione comunale di Belvedere di equità e Reggio Calabria! potrebbe stabilire un principio Polistena, in provincia di l’Amministrazione Granata dei cittadini si appresta a deliberare, la stragrande maggioranza Nel Regolamento IMU che casa, sgravando in tal modo p per p la prima famiglie. aliquota allorio0,2% sociale delle famigli o ll’aliquota di disagio per la sociale abbattend cile momento giustizia za. e diffi grave di Marittimo – il eLaborato to e trasparensulle sfitte, anche perché sugli ndo cosìza,il parità case trattamen ne di Belvedere interpreta seconde iniqua ed ingiusta di concorren l’aliquota massima dell’1,06% una tassasenza daincarichi rispettare i principi Stato il 50% dell’aliversare allo si potrebbe eapplicare morale? No, non solo. passato, saranno costretti iacittadini contribuenti (che non siano giaree gli incassi pareggiar Per P È un ordine solo legale problema di i Comuni, a differenza del poi alla fine lo pagano la Giunta Granata diversi dalla prima casa,finanziario in quanto lo spreco l i i È unbili la «batosta» IMU, che certo problema di ordine anche 2012 andrà ad aggiungersi tariffe locali, a cui a fine evasori) attraverso le varie scadente e del Giunta Granata sia lacunosa, della rativa amminist applicherà con zelo! dunque, riteniamo che l’attività Anche per tali motivazioni, domanintercettare e veicolare la di lungo periodo. di soggetti politici che sappiano tutto priva di una visione riteniamo necessaria la presenza bistrattata città. Anche per tali motivazioni appropriato, conofuori dal guado questa nostra servizio portare a un riesca cittadini che garantire ai propri da di una «buona politica», amministratore è quello di e assumendosene le respono buon un di presentan si compito che e alle necessità Il primo dovere loro grata se ne , rispondendo conseguentemente fallito. Belvedere sarebbe scendo e affrontando le situazioni i nostri attuali amministratori hanno miseramente tutto ciò sabilità. Riteniamo che in azia nze. Laboratorio per la Democr traessero le dovute consegue ltrasinistra/index.php http://lnx.icomadv.com/la 2012 Ap Lunedì 30 Aprile

Forza Nuova, appello ai sindac

i: “Abbat

tere l’Imu” Vito Cantacessi riporta l’esempio di Polistena, dove la tassa è stata portata allo 0,2% Comunicato Stampa inviato da Forza Nuova 17/04/2012

Abbattere l’IMU grazie all’impegno delle amministrazioni comunali. Ne sono convinti gli esponenti di Forza Nuova che riportano una notizia che arriva da Polistena, in provincia di Reggio Calabria. Il giovane sindaco Tripodi (Pdci) avrebbe abbattuto l’IMU per il 90% delle prime case del paese. Con un complicato calcolo è stato messo punto un sistema per pagare le aliquote apallo stato, permettendo a molte famiglie di non pagare questa tassa ingiusta per chi possiede solo un immobile ad uso abitativo. “Invitiamo anche i Sindaci della Provincia di Bari ad abbattere l’IMU sulla prima casa. A primo impatto verrebbe da sorridere, ma è possibile – scrive in una nota stampa Vito Cantacessi segretario regionale di Forza Nuova - ricordiamo alle giunte comunali della Provincia di Bari che è una ottima occasione per dimostrare di meritare i voti ricevuti e che Polistena, essendo comune non capoluogo ha entrate economiche come i nostri Paesi, quindi se ha potuto questa piccola realtà calabrese, possiamo ancora meglio noi”. Questo il comunicato stampa diffuso in merito dall’amministrazione comunale di Polistena: “L’Amministrazione Comunale di Polistena sta dimostrando in concreto con il schierata al fianco del popolo, evitando proprio operato, di rimanere di mettere le mani in tasca ai cittadini sulla nuova ICI prevista per la prima casa. Pur non potendo sottrarci all’imposizio ne della legge, abbiamo stabilito nell’ultimo principio di equità e giustizia sociale Consiglio Comunale un abbattendo l’IMU (così si chiama la nuova ICI) allo 0,2% per la prima casa, sgravando in tal modo la stragrande maggioranza della popolazione da una tassa che reputiamo ingiusta ed qua”. ini“Proprio in un momento drammatico per le famiglie, dove il disagio spesso sfocia in tragedia, il Governo Monti avrebbe dovuto alleggerire la pressione fiscale sui cittadini incentivando piuttosto salari e stipendi. Cosa che invece non solo non è avvenuta - continua la nota - ma la reintroduzione dell’ICI sulla prima casa, sulla quale ribadiamo nostra contrarietà, è un atto che colpisce la uno dei diritti fondamentali del cittadino. La prima abitazione è sempre un qualcosa costruito dopo sacrifici di lavoro e sudore da parte di genitori e figli, che non è giusto tassare’’. ‘’La gioranza comunale ha approvato la magdefinizione delle aliquote della nuova imposta, assumendo la decisione storica, esemplare e coraggiosa di non far pagare sulla prima casa la maggior parte dei polistenesi, i quali potranno ridurre a zero il dovuto grazie alla detrazione fissa di Euro. 200,00 prevista dalla legge ed a quella aggiuntiva di 50 Euro per ogni figlio a carico al di sotto di ventisei anni”. “A Polistena, dunque, a differenza di altri comuni italiani che stanno cogliendo cassa- conclude il comunicato - l’Amministr l’occasione dell’Imu per fare azione Comunale ha come sempre saputo difficile momento di disagio sociale, distinguersi ed interpretare il stavolta tutelando il diritto alla prima casa per tutti.

«Il Comune

può evitare l’im CHIOGGIA. «Il Comu posta Imu» ne ha la possibilità Polistena». di non far pagare l’Imu sulla prima casa, basta seguir Lo suggerisce Rifond e l’esempio di azione con una richies (11.000 abitanti), in ta-appello al sindac provincia di Reggio o Giuseppe Casso Calab di prima casa. «Non n. Il comune di Poliste servono rivolte fiscali» ria, ha trovato un escamotage per non na tassare con l’Imu i l’Imu esiste anche , applicando alla lettera spiega la segretaria di Rc, Inessa Baldin proprietari la normativa. , «la soluzione per Il sindaco comunista non pagare sgravando in tal modo del comune calabro infatti ha stabili to di applicare l’Imu il 90% dei residenti all’aliquota minim ndr). Si può fare lo (una cifra così bassa a dello 0.2% stesso a Chioggia». non supera le detraz La soluzione appare ioni previste per la tali mancano all’ap però difficile al mome prima casa pello nto dato rebbe un atto di giustiz 5 milioni di euro che dovranno essere bilanciati da una maggi che a causa dei tagli staia sociale», aggiun ge la Baldin, «in un si potrebbero alzare or imposizione fiscale. momento già difficile le altre aliquote».(e. «Satassare la prima casa b.a.) è ingiusto, http://nuovavenezi a.gelocal.it

Andiamo tutti ad abitare a TULA (SS) e POLISTENA (RC) !! Ci arrivano segnalazioni che in detti Comuni l’aliquota IMU per la prima casa è al 2 per mille, e che, quindi, di fatto viene praticamente annullata l’imposta dalle rispettive detrazioni! Tula, grazie al Parco Eolico è in grado di azzerare l’IMU!! Polistena ha applicato l’aliquota minima IMU (si legge dal sito del Comune) “...consentendo di fatto alla quasi totalità dei cittadini di non pagare una tassa ingiusta ed iniqua...” . Questi sono Comuni virtuosi!

17/04/2012

By Andrea - Posted on 19 April 2012 http://www.baritoday.it

I.M.U. - Polistena esempio nazionale

http://www.uppi.it

10


L’Amministrazione Comunale al lavoro per l’attuazione del programma

a: POLISTENA ESEMPIO NAZIONALE Esplosione mediatica di Polistena in tutta Italia La decisione dell’Amministrazione Comunale di abbaere l’aliquota sulla prima casa allo 0,2%, il minimo consento per legge, è stata una scelta storica. Polistena è stato il primo comune in Italia a compiere un ao di coraggio dinanzi all’introduzione di una tassa ingiusta che colpisce tu e soprauo trasforma i comuni in esaori per conto dello Stato, nel momento di crisi più disperato. La maggioranza comunale di Polistena rivendicando principi di equità e giuszia sociale ha di fao cancellato la tassa sulla prima casa per il 90% dei ciadini. L’IMU rimane comunque un tributo ingiusto, appesantito da una quota da versare allo Stato su tutti gli immobili diversi dalla prima abitazione che prima non esisteva, generando nei contribuenti una percezione più onerosa e gravosa della tassa.

Nessuna sorpresa dagli incassi della prima rata dell’IMU a Polistena. Smentite le fandonie dell’opposizione I da diffusi dal Ministero delle Finanze e dell’Economia fanno registrare un versamento dei ciadini polistenesi di una somma totale pari a 673.747 Euro. Di questa somma, che prima con la vecchia ICI veniva incassata esclusivamente dal Comune, oggi solo una parte rimane nelle casse comunali ovvero 352.000 Euro. La differenza pari a 322.000 Euro circa è stata incassata dallo Stato. Ci sorprende la quasi coincidenza delle quote, probabilmente perché mol professionis incarica nel calcolo dell’Imu non hanno considerato le aliquote comunali, definite abbondantemente anzitempo, con ao deliberavo del Consiglio Comunale, preferendo applicare le aliquote medie dello Stato sugli immobili diversi dalla prima abitazione. Ciò determinerà a dicembre una differenza sostanziale in aumento per i contribuen con versamen più onerosi per i ciadini che potevano essere distribui meglio nel tempo e dunque apparire meno onerosi.

Imu: Del Gaudio

prenda esempio da Polis Alla ribalta nazionale tena la decisione del sindac o della cittadina calabre di rendere pressoché se Michele Tripodi nulla la nuova impost Caserta - C’è un oasi felice a sulla casa in che in tempo di crisi è possibile quest’Italia ormai al collasso in cui un sindaco è riuscito a dimostrare come dare un segnale forte e concreto andi Polistena (Reggio Calabria ), guidata dal sindaco Michele ai propri cittadini. Stiamo parlando della cittadina giunta, è riuscito infatti Tripodi in quota Pdci. Quest’u ad affrontare di petto una ltimo, insieme alla sua delle problematiche più tassa Imu. Al termine dell’ulti sentite ultimamente dagli mo consiglio comunale, italiani: la infatti, l’amministrazion suddetta imposta allo 0,2 e ha deciso per l’abbatt per cento sulla prima casa. imento della “Una decisione storica stesso Tripodi - che consenti e coraggiosa - come l’ha rà alla definita lo Una scelta, questa, che potrebbe quasi totalità dei cittadini di Polistena di non pagare l’IMU sulla prima fungere da esempio per casa”. tanti altri comuni a partire città dalle tasse più elevate da quello di Caserta, una in assoluto a fronte di servizi delle sindaco Del Gaudio... pressoché inesistenti. Chissà cosa penserà al riguardo il 21/04/2012

Francesco Meola http://www.tuttiinpiazza

.it

Polistena, l’amministrazione abbatte

l’Imu sulla prima casa

e per l’incidenza della nuova sull’Imu, per l’aumento della tariffa Mentre in tutta Italia impazza la polemica – in Calabria, a Polistena (Rc), l’amche hanno una sola casa di proprietà l’ultimo consiglio comunale, tassa sui singoli cittadini – anche quelli con uno spirito del tutto diverso. Durante ministrazione comunale affronta il problema Tripodi, attua un provvedimento esemun giovane sindaco del Pdci, Michele infatti, l’amministrazione guidata da cento dei cittadini non paghi per 90 il cento sulla prima casa, in modo tale che già non arrivano a plare: abbattendo l’Imu allo 0,2 per famiglie le agevolare trovare una soluzione che possa nulla. Il sindaco ha pensato bene di e giustizia sociale. fine mese. Il principio è quello di equità tassa imposta dal governo to così importante, quando l’Imu è una Ma come è possibile attuare un provvedimen L’amministrazione ha dimostrato Stato? allo entrate delle una percentuale e i comuni dovranno comunque versare imposta. È opportuno fare subito degli definizione delle aliquote della nuova di una casa classificata nel di avere le idee chiare anche nella anche da un solo componente proprietario esempi: con un nucleo familiare composto 3 (massima) e rendita catastale di , con 7,5 vani (120 mq circa), classe 26 anni e genitori gruppo A2 (abitazioni civili residenziali) da almeno un figlio a carico sotto i composto f familiare nucleo u un con paga; 561,25 euro, non si ditte(180 mq circa) ficlasse massima e 10 vani alcune allontanate, con subitoresidenziali) civili venivano (abitazioni A2 Tripodi, da gruppo nel ione fudila guidata cata zione proprietario classifi solo propri da un amministraz una casa la stessa dil’amministra anche dei Longo, composto cosca familiare della locale con un nucleo gli esponenti si paga; matto” euro euro, non 8one86“Scacco di 748, nell’operazi catastale circa), classe massima e clan. arrestati rendita delmq 5 vani (120 con 7esponenti sbarra diversi conomico) ti alla i divede b i che ha votato contro prima a costituirsi parte civile nel processo che ione dunque, e nonostante la retorica dell’opposiz di diversi smo Il sindaco ha le idee abbastanza chiare, dall’entusia supportato o dell’Imu, va avanti per la sua strada pure sul provvedimento di abbattiment amministrativa. giovani, assieme a lui in questa esperienza (l’introduzione dell’Imu), nella le parti d’Italia è visto come un problema le strategie trovano si Ecco che anche quello che in tutte che Tanto governa. chi di di analisi e riflessione da parte cittadina pianigiana diventa spunto per tutti. A meno che anche la tassa Polistena potrebbe essere da empio già per agevolare il più possibile i cittadini. per cercare di fare quadrare i bilanci per gli altri Comuni, per fare cassa e sulla prima casa non diventi un alibi precari. 15 aprile 2012 dall’Italia by Angela Corica · in News, Notizie http://www.malitalia.it

Polistena (RC): Coldiretti, comune mitiga l’impat to dell’IMU sul settore agricolo Con Deliberazione n.11 del 12 aprile u.s. il Consiglio Comunale di Polistena fa da apripista intervenendo in modo favorevole ai cittadini ed alle imprese agricole sulla riduzione dell’IMU. Di grande rilevanza – sottolinea Pietro Molinaro presidente di Coldiretti Calabria delle aliquote IMU nel settore agricolo – è la riduzione effettuata ed in particolare per i terreni agricoli e i fabbricati rurali dove accogliendo la proposta di Coldiretti Calabria le aliquote sono state abbattute anche del 50%. Ci auguriamo sottolinea l’organizzaz ione agricola che quanto fatto dal Comune di Polistena, possa essere replicato in altri comuni, anche perché, il settore agricolo, oltre a vivere una stagione di difficoltà, per i prezzi di vendita dei prodotti, si trova a dover fare i conti con una manovra economica gravosa ma nello stesso tempo è impegnato negli investimenti in direzione della filiera tutta agricola e in una ampia ramificazione del progetto economico sociale “Campagna Amica” e quindi e la sensibilità dimostrata dagli amministrat ori di Polistena assume una grande rilevanza. La nostra – prosegue Molinaro – è una regione agricola ed il rilancio dell’econom ia ha come fulcro l’agricoltura e l’agroalimentare; evitare di appesantire i costi di produzione che già incidono notevolmente sulle imprese agricole significa riaffermare il ruolo strategico dell’agricoltura e dell’agroalimentare, determinante per la crescita e l’occupazione nelle nostre realtà locali. Venerdì 27 Aprile 2012 http://www.febearadio.it

SULLA PRIMA CASA

ABBATTIAMO L’IMU Il Comune di Polistena

(Rc) sia da esempio

per Ceglie Messapica

l’Imu sulla prima casa ca l’aliquota minima per avanzata dal Cohiamo anche a Ceglie Messapi a”. È questa la proposta Ceglie Messapica - “Applic di Polistena in Calabri e a tutte le forze politiche già deciso dal Comune messapica, Luigi Caroli, sull’esempio di quanto al sindaco della cittadina le sull’Imu (la nuova tassa Cuore” nel comuna ota “Ceglie o all’aliqu mitato Cittadin Ceglie riguardo decisione del comune di della vigilia alla città, della Zerbi e grazie a lui abbiamo sugli immobili). assessore di Polistena Norman sindaco di conoscere il giovane le polistenese guidata dal “Abbiamo avuto modo dall’amministrazione comuna abbiamo ntissima decisione presa ‘Ceglie nel Cuore’ – Subito appreso questa importa coordinatore cittadino di o Consiglio Comunale Antonello Laveneziana, nostri amministratori e all’inter . ai Michele Tripodi – ha esordito a Polisten di e del Comune sociale” deciso di riproporre la decision anche per i cegliesi un principio di equità e giustizia in tasca mani le di mettere g Messapica per stabilire gg Calabria, evitando Reggio di Ceglie ha stabilito, Polistena, in provincia di e e, legge, della le dimass sizione categori classe comuna onecirca) alle altre inistrazi (120mq inferioreall’impo “L’amm 7,5 vani con e è assaisottrarsi non potendo catastal per la prima Ici), pur la rendita la nuova chiamadove olarisi- rurali) abbattendo l’Imu allo 0,2% Imu (così ultrapop cittadinii -sull’ aipopolar di ‘Ceche tore zioni di equità e giustizia sociale o coordina principi agevola un vice il le le, alcune e – hatàspiegato di effettuar possibili nell’ulti totali”.mo Consiglio Comuna tragrandeha care la ione nulla o anza verifipopolaz o didella pagherà contratt non suggerit regolare i ittadini ttate con d l nel Cuore’ maggior cased affi Inoltre il gruppo ‘Ceglie ad esempio per le seconde le botteghe e in altre situazioni come le attività produttive e per potrebbero essere applicat e i fabbricati rurali; per figli; per i terreni agricoli ai to comoda in o concesse Messapica ad appliConsiglio Comunale di Ceglie e i negozi. purtroppo, istrazione Comunale e l’intero economico e sociale che, “Invitiamo pertanto l’Ammin sensibilità verso il disagio – E se agevolata, dimostrando a nome di ‘Ceglie nel Cuore’ care questo tipo di aliquota Laveneziana e Dematteis cerchi di fare e famiglie – hanno concluso di Polistena, almeno si Comune del sta investendo moltissim positiva e , così, una ‘boccata di e integralmente la decision la pressione fiscale, offrendo ente non si riuscisse a ricalcar ulteriorm tire per non appesan il massimo sforzo possibile dini”. ossigeno’ ai nostri concitta alle ore 13:54:53 a.it redatto da Comunicato Stampa http://www.brindisiliber Articolo del 04/05/2012

Catania vs Polistena: modelli di

Imu a confro

nto Stancanelli torna a battere cassa. L’assist glielo serve il governo Monti: l’Imu (Imposta Municipale Unica). A Catania infatti l’aliquota sarà applicata al massimo. L’assessore Roberto Bonaccorsi termini: “L’Imposta municipale unica lo dice senza mezzi deve essere applicata al massimo, se vogliamo far quadrare i conti e pareggiare il Bilancio”. Praticamente nulli i margini per le detrazioni. La ricetta dell’ammini ministrazion risaputa: piuttosto che cercare soluzioni strazionee comunale è quella per evitare disagi ai catanesi,massima; in via G. di Giovanni, Palermo-viale Rapisarda, un appartamen nella zona di via prendiamo tutto il possibile e tappiamo che noi stessi abbiamo contribuito a creare. buchi creare to di 5 vani catastali pagherebbe 112 euro con la massima. Sono numeri l’aliquota minima,i268 che con rendono perfettamente l’idea”. Eppure i disagi esistono e non sono pochi. primo luogo per le fasce più deboli: una strada alternativa a CataniaInsembra sionatiCercare o giovani con redditi bassi, penuna cosa impossibile. Diverso famiglie che pagano ancora il mutuo. Insomma invece il caso del Comune listena (Reggio Calabria), chiunque si può ritrovare proprietario di Poa guida comunista, lasciatagli di in eredità, e ritrovarsi nei guai. E se che ha deciso di abbattere l’Imu sulla casa, magari i proprietari di casa piangono gli affi prima casa.una in contro tendenza che Un provvedimento si basa un principio chiaro ttuari quota di massima ancora più certo non ridono. L’aliche hanno spiegato gli stessi amministrat sulle seconde abitazioni Comunale di Polistena è salata ori. “L’Amministrazione con ogni probabilità avrà ripercussion sensibile al disagio economico sugli inquilini. e sociale cifreitaliane. purtroppo sta investendoicentinaia illustrate dal consigliere ia Alcune di famiglie D’Agata possono servire a che di migliaProprio in un momento chiarezza drammatico , dove fare .“Abbiamo suGoverno tre zone della città, mettendo il disagio una simulazione spesso sfocia infatto confronto l’Imu calcolata con dramma Monti avrebbe dovutoa alleggerire tragedie, il minima pressione fiscalel’aliquota e con quella massima:eun tamento di invece sui cittadini 7 vani catastali in piazza AbramolaLincoln, incentivando Cosa che salari e apparnon solo non è avvenuta, ma la reintroduzio stipendi. se prima casa, pagherebbe 431 europiuttosto delsta4 eper mille 747 eur ne con dell’ICI l’aliquota sulla prima mi ingiui casa, ci appare un’imposta li ad iniqua perché colpisce ill’diritto avere una sola casa. La prima abitazione è sempre un qualcosa guadagnato spesso dopo sacrifici di lavoro e sudore da parte di genitori e figli”. La giunta ha così deciso, non potendosi sottrarre all’applicazione della legge, di abbattere al minimo l’aliquota consentendo a circa il 90% dei cittadini di Polistena, che sull’abitazione principale minima di 200 Euro, di non pagare l’ICI godranno di una detrazione sulla prima casa. Volere è potere, Stancanelli prenda nota.

abbattere L’IMU si può L’ABBATE di GIUSEPPE

federalismo casa? con il decreto sul l’IMU sulla prima rno Berlusconi e dal decreto si può abolire dotta dal Gove (D.L. 201/2011) Ma davvero non municipale intro decreto Salva Italia l’IMU è l’imposta e ridefinita dal Ricordiamo che ha dichia11) e poi ripresa e (D. Lgs. 23/20 recente intervista rno Monti. un una cipal cip Gov Gove in ) muni del C 12) Mare imp im scale no cenze. fi pertin 16/20o saran nanoglia ni sue e tutti e minim (D.L. e le Polig ditte, (limit i Comu fiscale nesfi case casa casa Comu allone0,2% del de primaprima lificazio secon sempsino dallasulla dicasa pio lecio al bilan tto all’aliquota 4 persimille esem sore del diver a bili Assesad immo (excome e minim la to ” e riduzioni rispe reddi niii.” ntualaltri Colel é sugli Mont lazio perce no areoun la NTEai perch Matte e agevo to comodato arrec gover o in anch dal lascia sadend LUTAME mo preve ASSOsse a prete o conce residenza, noi abbia Il tutto PUÒ fa .minim no prima U SIatto Stato Tarif are contr uiscol’Imu l’IM allo “Per stena, bili. a regol che costit rato: (Poli con medi immo atori ta ltri ttate altri Italia li liquo affiinistr per gli i Amm azioni in de case 7,60dell’a del50% hi a quest re il le secon e sarà spieg con Amministr a versa IInvec unoper qualcpio ad esem to che t o in contatto re. lita, come ordinaria stabi native è un dove organi di icati rurali. alter agli e fabbr e e oli strad ziaria re agric Finan possibile e cerca figli, per terreni ente dell’Area ttere l’IMU è atori, al Dirig Secondo noi, abba to agli Amministr per l’abbattimento dell’IMU. essere abbato, abbiamo invia che l’IMU può di Polistena Convinti di quest nuto con forza legalità di tto il Comune abbiamo soste re a rischio la era che ha reda siose e di mette agna elettorale ne che ha stampa la delib 5 Stelle in camp di proposte fanta , o tra le mani), Comu be stata ment gogia era MoVi dema ati di Noi del tanto di delib delibera sareb Siamo stati accus la Polistena (con che case. di e le caso prime il le tuzionale. ostituziona tuta per anche citato o la Corte Costi che il tutto è antic ione. Abbiamo press sto so istraz rispo ricor o mmin alcun un’A Ci hann più deboli ed tiva e non c’è stato le fasce sociali sulla prima casa. isce opera l’Imu e favor ato ment che azzer ento la delibera è piena e un provvedim ione seriament annullata. Ad oggi, Comune di ere in consideraz dell’IMU del citato nto ttime Invitiamo a prend abba la delibera di olite dalla crisi. a disposizione fine. Voi ancora più indeb e righe mettiamo e tutto ha una Sotto queste poch a tutto ha un inizio ra e nella Stori tocrazia: “In Natu Polistena. anente alla parti Comunicato perm io.” l’iniz siamo mento siete la fine, noi pegrillo.it/movi http://www.bep , 21 Giugno 2012 Polignano a Mare

Scritto da Roberta Fuschi il 18 aprile 2012 in Catania e Provincia, Politica, Primo

Piano http://www.zenzeroquotidiano.it

Stelle Conselve contro l’IMU

Il Movimento 5 nel caso fosse eletto ad amministrare rimanere dalla parte dei CITTADINI, Il MOVIMENTO 5 STELLE, fedele a in tasca. di Conselve, eviterà di mettere le mani C il Comune dello 0,2% sulla PRIMA CASA. (RC) infatti, applicheremo l’aliquota Dall’esempio del Comune di Polistena di 200,00 € e dei 50€ per ogni fidetrazioni alle grazie principali, In tal modo, la quasi totalità delle abitazioni l’IMU una tassa INGIUSTA ! a non pagare la tanto odiata tassa. Riteniamo glio gli a carico fino a 26 anni, verrebbero l’Italia. salvare E’ stata imposta dal governo Monti per di sacrifici. vita una con pagato italiane, famiglie La CASA è il bene più prezioso per le RISPARMI dei CITTADINI ! dai pagato verrà Pubblico Debito che il Oggi si sta avverando la previsione nostri risparmi con la patrimoniale, beni, a partire dalla prima casa e dai Il governo Monti sta divorando i nostri e i soldi prestati alle Banche per salvarle. per pe pagare gli interessi sul Debito Pubblico !! A pagare siamo sempre noi CITTADINI la politica dei PARTITI!! economica: CRISI QUESTA E’ ora di FAR PAGARE CHI HA CREATO sbaglia paga. A casa nostra, nel nostro piccolo, chi i del proprio e non affamando sbaglia, ripiani i suoi errori rimettendoc E’ ora che la politica dei PARTITI, quando il popolo.

11

Politica & Società » Caserta & Provincia »

press.com

http://movimento5stelleconselve.word

I.M.U. - Polistena esempio nazionale


POLISTENA STA CAMBIANDO

AVVIATA LA RACCOLTA DIFFERENZIATA PORTA A PORTA Altro punto del programma rispettato. Da aprile 2012 è parta a regime la raccolta differenziata porta a porta in una larga area del centro urbano. Ciò è stato possibile a seguito della realizzazione della piaaforma di stoccaggio in C/da Russo dove sono sta spesi complessivamente 55mila Euro, che dovrà essere ampliata nel corso dell’anno, anche perché l’obievo è quello di estendere la raccolta differenziata a tua la cià. Il progeo della raccolta differenziata è stato avviato grazie alla contrazione di un mutuo presso la Cassa Deposi e Pres, per l’importo di 70.000 Euro con cui, oltre ad essere acquistate le arezzature necessarie, è stato già acquistata una cisterna per la raccolta dell’umido. Inoltre sarà acquistata una piaaforma con gru per la raccolta degli ingombran che ci consenrà di prelevare direamente i rifiu e di svuotare i cassone del vetro facendoci risparmiare il costo del servizio al momento gesto da un privato.

POLISTENA: UNA VOCE FUORI DAL CORO Gli altri privatizzano, l’Amministrazione Comunale NO.

Centro raccolta differenziata di viale Giovanni Falcone (ex C.da Russo)

Il servizio è gesto direamente dagli operai del Comune che con propri mezzi e secondo un calendario prestabilito prelevano i rifiu a domicilio. Nelle zone servite sono sta rimossi i cassone, mentre bar, avità e condomini, sono sta dota gratuitamente di contenitori per differenziare i rifiu, per le famiglie singole sono state consegnate buste colorate fornite dal Comune che vengono ulizzate per collocare i rifiu dinanzi la propria abitazione. Da una prima sma è stato ridoo il conferimento di rifiuto “tal quale” del 30%, importante risultato che oltre a farci risparmiare sui cos di gesone, in quanto il servizio è stato come deo “internalizzato”, il risparmio reale è sul costo a tonnellata del conferimento vero e proprio in discarica (oltre 50.000 Euro all’anno). È stato avato il servizio di smalmento degli olii esaus, dotando ogni famiglia che ne faccia richiesta, di piccoli bidoncini per la raccolta.

DAL 2013 “PORTA A PORTA” OVUNQUE VIA I CASSONETTI DALLE STRADE Sui rifiu, l’obievo è quello di estendere la raccolta differenziata porta a porta a tuo il territorio comunale. La raccolta differenziata è l’unica possibile via da seguire, anche perchè bisogna evitare che si ripetano in casi di emergenza, ormai troppo frequen, spiacevoli situazioni ove i rifiu possano essere abbandona per strada. Grazie all’impegno dell’Amministrazione Comunale, la cià di Polistena ha sempre mantenuto anche durante le emergenze più gravi un minimo di decoro. La pulizia della cià è un aspeo di primaria importanza perché contribuisce a rendere posiva l’immagine di Polistena. Con l’avvio della raccolta differenziata gesta direamente da personale comunale si pone il problema di come sostuire i neurbini impegna nel servizio che prima comunque erano impiega nelle strade. Per tali ragioni l’Amministrazione Comunale ha previsto la contrazione di un mutuo di 75.000 Euro per l’acquisto di una nuova auto-spazzatrice di dimensioni ridoe, da affiancare all’auale, per garanre l’accesso anche alle vie del centro storico, allo scopo di garanre la pulizia su tue le strade. L’autospazzatrice di cui il Comune è in possesso, non riesce infa per le sue dimensioni a penetrare nelle vie più stree. Inoltre si sta lavorando per un programma di gesone di parchi ed aree verdi a priva che potranno fornire la garanzia di massima pulizia dei giardini pubblici a bassi cos. ECOLOGIA

12


L’Amministrazione Comunale al lavoro per l’attuazione del programma

GRANDE SUCCESSO PER IL PIEDIBUS I bambini che frequentano la scuola Trieste sono sta coinvol nell’iniziava del Piedibus, ideata dall’Amministrazione Comunale, per offrire un servizio ai genitori che a volte rimangono imboglia nel traffico. Il Piedibus è gesto dagli operatori del Servizio Civile Nazionale che, per conto del Comune negli orari di entrata e di uscita da scuola, accolgono i bambini presso le due fermate di via Santa Marina e via Trinità per poi accompagnarli fino all’ingresso della scuola. Tuo questo, al fine di facilitare la gesone del traffico con gli obievi di diminuire il numero di auto in circolazione, ridurre il tasso di inquinamento e restuire ai ragazzi gli spazi stradali araverso la smolazione dell’apparato fisicomotorio.

Inaugurazione Piedibus (Anno 2011)

PARCO DELLA LIBERAZIONE Affidato in gestione con gara di evidenza pubblica Con gara d’appalto è stato affidato ad una cooperava la gesone del Parco della Liberazione. Collaborando con i priva e i gestori di avità commerciali si possono tenere puli angoli caraerisci ed aree verdi a costo zero per la pubblica amministrazione. Videosorveglianza Telecamere installate di recente a Piazza Giovanni Paolo II (ex Diaz)

Stadio “Elvio Guida” Il prato ha un nuovo impianto d’irrigazione, installato di recente

13

ECOLOGIA


POLISTENA STA CAMBIANDO

TRAFFICO “ZERO” A COSTO “ZERO” FINALMENTE POLISTENA È UNA CITTÀ ORDINATA Le perplessità iniziali spesso strumentali, per i parcheggi orari a pagamento nel centro di Polistena sono sta supera. I primi a rendersi conto dell’importanza di tale iniziava sono sta i ciadini che finalmente si ritengono soddisfa per i notevoli miglioramen alla circolazione veicolare, poi i commercian, i quali araverso la Confesercen addiriura hanno prodoo istanza formale per aumentarne il numero e le vie. Grazie al nuovo piano del traffico ormai definivo, concepito ed auato a costo zero da parte della nostra Amministrazione, Polistena é oggi una cià più vivibile, ordinata, migliore. E’ finita l’era del parcheggio selvaggio, delle infrazioni impunite, del disordine generale.

La nuova viabilità come risorsa per tutti. Parcheggi blu gratis per 15 minuti col disco orario. Ma le strisce blu non sono solo questo. Significano occupazione e lavoro regolare per diversi giovani, significano maggiori incassi per il Comune. Solo per il 2012 abbiamo smato quale incasso da sanzioni di codice della strada e conciliazioni, una somma di 30mila Euro che saranno integralmente distribui per l’installazione di nuova segnaleca, per il rifacimento delle strisce orizzontali, per l’arredo urbano. Dalla segnaleca stradale e dai, anche piccoli, accorgimen di arredo urbano, si misura infa il tasso di accoglienza e vivibilità nonché il primo impao che turis e visitatori hanno, una volta a contao con la nostra cià. Presto realizzeremo totalmente la nuova segnaleca, sia vercale che orizzontale. Così come di grande pregio riteniamo sia stata l’iniziava di installare pale salva pedoni in ferro che evitano il parcheggio selvaggio sui marciapiedi tutelandone la loro integrità.

VIABILITA’ A CONFRONTO

Prima

Dopo

VIA COMM. GRIO

Prima

VIA VI A TR TRIESTE IEE SST IES STEE

Dopo

VIA PIETRO NENNI VIA MONTEGRAPPA Prima

Prima Dopo Dopo

VIABILITA’ A CONFRONTO

14


L’Amministrazione Comunale al lavoro per l’attuazione del programma

Prima

Dopo

VIA SANTA MARINA

Prima

CENTRO CITTADINO

Dopo

15

VIABILITA’ A CONFRONTO


POLISTENA STA CAMBIANDO

MERCATO SETTIMANALE E URBANISTICA IL MERCATO SETTIMANALE È TORNATO SUL PONTE COPERTO Altro impegno programmatico mantenuto. Il riposizionamento del mercato sul ponte coperto, ha consento di rilanciare lo stesso, prima troppo dispersivo per i ciadini, aneconomico per mol ambulan, come pure per i commercian in sede fissa di via Santa Marina. Dopo l’apertura al traffico del ponte di via Tura, che rappresenta la viabilità alternava al mercato collocato sul ponte coperto, come l’Amministrazione Comunale aveva annunciato, si è lavorato per riposizionare il mercato al suo posto, seppure i luoghi fossero profondamente modifica. Questo ha certamente reso tuo più difficile, ma grazie alla collaborazione del Comando dei Vigili Urbani, si è riusci a raggiungere l’obievo.

PRESTO IL PSC IN CONSIGLIO COMUNALE Verso un nuovo assetto di città sostenibile e vivibile. No ad abusi e speculazioni edilizie! L’era dell’urbanisca ad personam della passata amministrazione è stata soerrata e travolta da un nuovo modo di interpretare la cosa pubblica al servizio del ciadino. I piani di recupero “abusivi” e le concessioni facili non esistono più. La Commissione edilizia garansce maggiore controllo sui procedimen in materia edilizia ed urbanisca. L’Amministrazione Comunale ha concluso la “fase partecipata” registrando una larga adesione con proposte e contribu collaboravi da parte dei ciadini. Ora si passa alla fase preparatoria per l’adozione del documento di piano e per la Conferenza di Pianificazione. Dotarsi di un nuovo Piano Struurale, significa costruire un nuovo modello di asseo del territorio, su cui far muovere i processi produvi, l’edilizia, l’economia, i servizi, le imprese e su cui ricostruire un nuovo tessuto sociale alla ricerca di migliori condizioni di vivibilità. Nelle linee-guida del PSC, l’Amministrazione ha lavorato su alcune idee forza tra cui il recupero degli immobili nel centro storico, con messa in sicurezza, consolidamento staco e protezione dal rischio sismico delle case anche per riprisnarle a fini abitavi e residenziali, il centro commerciale naturale, l’orto sociale, il recupero delle aree degradate con insediamen urbani. In parcolare è stato individuato nel quarere Immacolata un punto di forza per il ripopolamento a fini residenziali e turisco-commerciali. Araverso lo sviluppo di conce come il riuso del patrimonio storico esistente, è possibile evitare consumo di suolo laddove non sia streamente necessario per eviden dinamiche insediave.

MERCATI E URBANISTICA

16


L’Amministrazione Comunale al lavoro per l’attuazione del programma

NUOVA TOPONOMASTICA E NUOVE TARGHE Ecco tutte le nuove vie intitolate a polistenesi illustri, vittime di mafia, personaggi della storia, della cultura e della politica italiana, luoghi, date ed eventi significativi. On.le Umberto Terracini, Don Pino Puglisi, Marri di Marzaboo, On.le Sandro Perni, Fortunato Seminara, XX Seembre 1870, On.le Eugenio Musolino, Giacomo Puccini, Madre Teresa di Calcutta, Viale Giovanni Falcone, Viale degli Argiani, Viale Gugliemo Marconi, Viale Enrico Maei, Viale Enzo Ferrari, Albert Einstein, Viale Paolo Borsellino, Giuseppe Impastato, Salvo D’Acquisto, Ernesto Che Guevara, Ferdinando Nicola Sacco, Bartolomeo Vanze, Corrado Alvaro, Antonio Piromalli, Leonida Repaci, Rosario Livano, On.le Giacomo Mancini, On.le Nilde Io, Duccio Galimber, Antonino Cassarà, On.le Francesco Fortugno,Via XXV Aprile, Massimo Troisi, Cadu sul Lavoro (Palazzeo dello Sport), Piazzea della Costuzione, Prof. Bartolomeo Daniele, Prof.Angelo Daniele, Giuseppe Pesa, On.le Paolo Suraci, Marino Rodinò di Miglione, Vincenzo Jerace, Avv. Giorgio Ambrosoli, Giuseppe Alfano, Ilaria Alpi, Rocco Chinnici, Mahatma Gandhi, scriore Pier Paolo Pasolini, Portella della Ginestra, Parco On. Raffaele Valensise, Stadio Comunale Elvio Guida, Piazzea Giudice Scopelli, Parco Giovanni Paolo II. Altre iniziave sono in inere.

Impianti pubblicitari rinnovati e ricollocati Sono sta sposta e riordina i pannelli pubblicitari in origine dissemina senza logica anche in luoghi di pregio storico (piazza del Popolo, muro in pietra via Comm. Grio) o in prossimità di incroci pericolosi (angolo via Montegrappa ed angolo villea Padre Pio). Con la nuova collocazione dei pannelli l’Amministrazione Comunale punta a rendere molto più agevole e ordinata l’affissione dei manifes murari, in passato oggeo di fenomeni di affissione abusiva e selvaggia su intere facciate di immobili.

17

MERCATI E URBANISTICA


POLISTENA STA CAMBIANDO

CULTURA E GIOVANI: MOTORI DEL CAMBIAMENTO L’organizzazione di even culturali sia durante l’inverno che specialmente durante il periodo esvo, consentono di portare tanta gente a Polistena. Quest’anno si è dovuto tagliare ma l’Amministrazione ha comunque raggiunto l’obievo di realizzare un programma culturale esvo ricco di appuntamen di alta qualità. La spinta al cambiamento passa da una svolta culturale e generazionale. L’Amministrazione Comunale insiste molto sul tema della loa alle mafie, quale necessaria presa di coscienza per costruire una resistenza innanzituo culturale alla ndrangheta araverso iniziave come la Stagione dell’Anmafia.

I più importanti eventi culturali svolti a Polistena nel 2012: – CAPODANNO IN PIAZZA (dicembre-gennaio); – Fiera della Candelora (febbraio);

La “Fortuna” di Giuseppe Renda L’opera in bronzo è proprietà della Banca Monte dei Paschi

– Cor aperte (luglio); – Noe dei Gigan (luglio);

Capodanno in piazza 2011

– Stagione lirica (luglio-agosto); – Festa dell’emigrato (agosto); – Rassegna di teatro popolare in vernacolo (luglio-agosto); – Festa di Santa Marina (agosto); – Stagione dell’Anmafia (tuo l’anno). La cià di Polistena sarà RESIDENZA TEATRALE REGIONALE. L’auditorium Comunale sarà il motore ed il luogo fisico della residenza gesta dal Centro Teatrale Dracma. L’obievo è quello di avere a Polistena in pianta stabile per il prossimo triennio ulizzando le struure esisten che sono invidiate da tu (AUDITORIUM ed ANFITEATRO) ed avvalendosi di finanziamen regionali finalizza, saranno ave con even per 270 giorni all’anno.

Riconoscimento pubblico allo Storico Complesso Bandistico “Città di Polistena”

L’Amministrazione Comunale è impegnata inoltre a promuovere l’immagine di Polistena Cià d’Arte, valorizzando i beni culturali, il turismo e lo speacolo e come deo valorizzando la biblioteca, gli autori locali, seppure la RegioSalone delle Feste, dicembre 2011 Premio cinematografico ne Calabria in modo arbitrario con Barbara De Rossi e Ivan Zazzaroni ed incomprensibile ha escluso Polistena dalle desnazioni turische. Ancora non si conosce l’esito del bando regionale collegato al POR 2007-2013 per gli even di ARTE CONTEMPORANEA, al quale l’Amministrazione Comunale ha partecipato in partenariato con l’Università Tor Vergata di Roma con un temasmo legato agli scultori polistenesi: Renda, F.lli Ierace, Niglia, Morani, Parlato, Genova, 21 Marzo 2012 giornata della Memoria promossa da “Libera” Tigani ecc. CULTURA E GIOVANI

18


L’Amministrazione Comunale al lavoro per l’attuazione del programma Rappresentativa calcistica del Comune in una partita di solidarietà

Piazza della Repubblica Premio Elvio Guida 2012 con il giornalista Tonino Raffa

19

CULTURA E GIOVANI

Costo stampa: € 1.390,00 + IVA

SINDACO: Michele Tripodi GIUNTA COMUNALE: Michele Tripodi - Sindaco - Gruppo Rilanciamo Polistena; Marco Policaro - Vicesindaco - consigliere comunale - Rilanciamo Polistena; Giuseppe Arevole - Assessore - consigliere comunale Rilanciamo Polistena; Domenico Muià - Assessore - consigliere comunale - Rilanciamo Polistena; Antonio Muscherà Assessore - consigliere comunale - Rilanciamo Polistena; Norman Zerbi - Assessore - consigliere comunale - Rilanciamo Polistena; Salvatore Marafioti - Assessore - consigliere comunale - Rilanciamo Polistena. CONSIGLIO COMUNALE: (oltre il Sindaco e la Giunta) Laura Scali - Presidente del Consiglio - Rilanciamo Polistena; Francesco Mammola - vicepresidente del Consiglio - Rilanciamo Polistena; Fabio Racobaldo - capogruppo - Rilanciamo Polistena; Francesco Galatà - Rilanciamo Polistena; Giuseppe Cordì - Rilanciamo Polistena; Giovanni Laruffa - capogruppo - Polistena nel cuore; Giuseppe Giancotta - vicepresidente del Consiglio - Polistena nel cuore; Pasquale Iannello - Polistena nel cuore; Antonio Baglio - Polistena nel cuore; Giancarlo Sanò - Polistena nel cuore; Vincenzo Pisano - capogruppo - Polistena per la libertà; Pietro De Pasquale - Polistena per la Libertà; Rosario Roselli - Gruppo misto; Giorgia Sorace - Gruppo misto.

Impaginazione e stampa: Arti Poligrafiche VARAMO srl - Polistena

ORGANI DI GOVERNO DEL COMUNE


POLISTENA STA CAMBIANDO  

Bollettino di informazione - Ottobre 2012

Read more
Read more
Similar to
Popular now
Just for you