Page 1

N. 78 OTTOBRE 2014

WWW.SANGAVINOMONREALE.NET

PERIODICO

INDIPENDENTE DI COMMERCIO E ATTUALITÀ

IN CHE DIREZIONE VA SAN GAVINO Ripercorriamo insieme all’amministrazione comunale gli ultimi mesi di operato, un interessante viaggio tra decoro urbano, viabilità, nuovo ospedale e progetti futuri per la nostra cittadina. Uno sguardo al futuro, con la richiesta di partecipazione attiva di tutti i nostri lettori.

FACCIAMO IL PUNTO DELLA SITUAZIONE Intervista al sindaco Carlo Tomasi, che fissa i punti dell’operato della Giunta Comunale.

FLAVIO MOCCI, UN MAESTRO DI SPORT

da oggi vi offriamo un nuovo servizio!

Un ricordo di Flavio Mocci, maestro di vita e di sport per tante generazioni di sangavinesi.

DEIOLA BRILLA TRA I PROFESSIONISTI L’ascesa del giovane talento calcistico Alessandro Deiola, in forza al Tuttocuoio, in Lega Pro.


2

EDITORIALE

GLI AUTOVELOX SONO LA SOLUZIONE? È di questi ultimi giorni la notizia che a Cagliari e Quartu Sant’Elena verranno attivati i box per il rilevamento della velocità dei veicoli in transito sulla SS 554 e sulle principali dorsali del traffico dell’hinterland. Su giornali e televisioni locali si sono rincorsi avvertimenti ai pendolari e inviti da parte della Polizia Municipale a rallentare, per evitare multe salate. Ma che senso ha davvero tutto questo? Personalmente ho una tesi, contestabile ma supportata da fatti, che ora proverò a illustrare. Per legge gli autovelox dovrebbero fungere da deterrente all’alta velocità, ritenuta causa della maggior parte degli incidenti automobilistici. Per questo sono obbligatoriamente e opportunamente segnalati mediante cartelli e mappature sui siti istituzionali. Ma questo davvero contribuisce a far diminuire la velocità media degli automobilisti? La risposta è chiaramente, no. Chi conosce l’esatta locazione di un autovelox rallenterà solo nel punto in cui si trova il box o la pattuglia, per poi accelerare nuovamente. Quindi si avrebbe un aumento della sicurezza, diciamo, nel raggio di circa cinquecento metri dall’autovelox. Voglio ancora essere ottimista e pensare che, quindi, gli autovelox verranno piazzati in zone in cui sono frequenti gli incidenti

causati dall’alta velocità oppure in tratti di strada particolarmente pericolosi (svincoli, incroci a raso, prossimità di curve pericolose, attraversamenti pedonali, alta densità di traffico) . Ebbene, la risposta è ancora una volta no. Gli autovelox funzionano “bene” solo quando c’è poco traffico (perché se ci sono altre auto è impossibile stabilire chi ha commesso l’infrazione, e in caso di incertezza poi è facile vincere il ricorso presso un giudice di pace). È facile capire che, al contrario, l’alta velocità è più pericolosa nel traffico intenso rispetto a un rettilineo libero. Ed è qui che invece troviamo la maggiore concentrazione di dispositivi per il controllo. Pensate all’autovelox al chilometro 19,400 della SS 131 (il più conosciuto e odiato dai pendo-

lari verso Cagliari). Posizionato dal Comune di Monastir in modo da non “disturbare” i cittadini monastiresi (prima dell’uscita per Cagliari ma prima dell’entrata da Oristano) è in un tratto di rettilineo lontano dagli svincoli più pericolosi e trafficati (che si trovano qualche chilometro più a Sud). Lo stesso discorso vale per i velox mobili che si trovano ogni giorno sulle nostre strade. Oppure quello di Las Plassas, caso eclatante della giustizia all’italiana, in prima battuta posizionato (giustamente) nel centro abitato, poi spostato per ordine del prefetto all’entrata da Barumini. Risultato? Multe raddoppiate e auto che una volta dentro il paese, sfrecciavano a velocità pericolose per i pedoni. Ho citato i due esempi più vicini a casa, ma

in Italia i casi come questi sono centinaia. Ed ecco la tesi, nemmeno tanto originale, ma così palese da non essere presa in considerazione: gli autovelox servono esclusivamente a fare cassa, posizionati nei punti in cui è più semplice e redditizio multare, piuttosto che laddove sarebbe più utile per salvaguardare la sicurezza stradale. Molto più facile, per lo Stato, multare centinaia di vetture che sfrecciano in un rettilineo relativamente sicuro, rispetto a punire seriamente chi si comporta in maniera incivile e scriteriata in mezzo al traffico o in zone “sensibili”. E il pensiero non può che andare al tristemente famoso “incrocio della morte”, dove l’installazione di due semplici autovelox in entrambe le direzioni avrebbe potuto davvero salvare delle vite. In attesa della rotonda, abbiamo ricevuto un avviso dell’intensificazione dei controlli della velocità mediante telelaser nei pressi dell’incrocio per Villacidro. Un provvedimento doveroso che arriva con trent’anni di ritardo. L’autovelox, quindi, in alcuni casi potrebbe davvero essere un dispositivo salvavita. La realtà è però molto differente, in uno Stato in cui gli enti locali sono più interessati ai soldi in cassa che alla salute dei contribuenti. SIMONE USAI


SAN GAVINO MONREALE

3

IL PUNTO DELLA SITUAZIONE DEL PAESE Finite le ferie estive abbiamo incontrato il sindaco di San Gavino, Carlo Tomasi, per fare il punto sulla situazione del paese. Visto ciò che è successo a Genova, il timore di tanti sangavinesi è che succeda di nuovo anche da noi “capisco le preoccupazioni dei cittadini, si stanno pulendo cinque km di canali, si può fare di più, speriamo che la pulizia sia fatta anche dagli altri enti gestori a monte”. In che senso si può fare di più? “si può sempre fare di più ma purtroppo per questioni burocratiche e una serie di cose che riempirei il giornale a elencarle, non sempre tutto è possibile, vi informo però che è di questi giorni l’arrivo di un nuovo mezzo”. Concordo con lei, ma fosse vero ciò che anche la minoranza ha usato come cavallo di battaglia durante il periodo elettorale e non solo, sarebbe preoccupante. Ma quanto c’è di vero sul fatto che lei paghi le tasse in un altro comune? “Se lei ha dei dubbi su questo, sono pronto a mostrare la mia dichiarazione dei redditi”. Carlo Tomasi tira fuori la sua dichiarazione dei redditi e ci mostra il codice dell’addizionale comunale: H856, San Gavino Monreale. Parliamo poi di ospedale, quello nuovo, che tante polemiche ha

fatto nascere negli anni, e del ridimensionamento previsto in tutte le Aziende Sanitarie sarde. Temiamo i soliti problemi all’italiana che hanno

contraddistinto il nostro territorio, siamo convinti che se ci sarà un ridimensionamento delle ASL, quella n.6 sarà sicuramente interessata: “il nuovo ospedale sarà un’opera che permetterà a San Gavino di aumentare l’offerta di lavoro, anche e soprattutto per tutto l’indotto, ciò non potrà che far aumentare anche il numero di residenti nel paese. Spero che la Regione, come da mia richiesta, istituisca un commissario ad hoc per vigilare sull’appalto

e sui lavori, per evitare rallentamenti o blocchi che non farebbero del bene al nostro paese” e aggiunge “da sangavinese anch’io temo che possano ridimensionare le ASL e garantisco che mi batterò per tenerci la ASL data l’importanza della struttura”. Sul decoro urbano evidenziamo ciò che è stato realizzato qualche settimana fa da un gruppo di cittadini volontari in piazza Sanna “è un esempio di cittadinanza attiva, ciò che noi vorremo proporre alla popolazione sangavinese, quel principio di sussidiarietà regolato dall’articolo 118 della Costituzione . Il cittadino non più semplice soggetto passivo delle scelte politiche ma parte attiva della vita sociale del proprio paese. Ci son tante aree del paese in cui questa pratica si può riproporre e noi come amministrazione incentiveremo questa forma di attività” ci dice il sindaco che prosegue “per quanto

riguarda la pulizia del paese e altri argomenti, non abbiate problemi a pubblicare foto o altro, siate il collegamento tra i cittadini, che chiedono e l’amministrazione, che risponde”. Nasce l’idea del “Question Time”, cioè domande poste dai cittadini a cui l’amministrazione risponderà direttamente in consiglio comunale, e tut-

to ciò tramite la redazione di Comprendo. L’idea sarà sviluppata in breve tempo e permetterà ai sangavinesi di ottenere quelle risposte che spesso per burocrazia o quant’altro è difficile ricevere in breve tempo. Noi la curiosità ce la siamo tolta, presto potranno togliersele direttamente anche i cittadini. LUCA FOIS


4

SAN GAVINO MONREALE

LA NUOVA VIABILITÀ DI SAN GAVINO

Era l’8 Agosto scorso quando veniva pubblicato su Comprendo n.76 l’articolo “Viabilità, i problemi da risolvere”. Nell’articolo, grazie anche alla collaborazione dell’assessore ai lavori pubblici Stefano Musanti, evidenziavamo i punti cruciali del nostro paese che da troppo tempo erano stati dimenticati, per quanto riguarda la segnaletica. Stiamo parlando della zona artigianale e dalla zona delle scuole medie. Sono passati circa due mesi ed ecco che le risposte le abbiamo avute, non su carta o a voce ma coi fatti. Le risposte migliori. Fieri di aver

collaborato e aver stimolato la risoluzione di due problemi per noi importanti in quanto sentiti dai cittadini, andiamo a vedere come le due zone sono cambiate. Partiamo dal “nuovo” incrocio disegnato all’ingresso della zona artigianale. Finalmente un po’ di bianco in quel pezzo d’asfalto, finalmente una delimitazione per quella carreggiata che da larghissima è diventata normale, per abitudine potremo dire addirittura stretta. L’ingresso e l’uscita dalla zona PIP sono regolamentati dalla segnaletica orizzontale classica, con una via d’uscita

costituita da una corsia di accelerazione per chi va verso il paese e uno Stop per chi va verso Villacidro. Segnaliamo inoltre come anche gli altri incroci all’interno della zona artigianale sono stati attrezzati dell’opportuna segnaletica. Passando invece alla “zona scuole medie”, lì è stato definitivamente messo in sicurezza l’incrocio tra via Caddeo e via Dante, privato da quasi un anno dei due grandi massi di pietra che facevano da dissuasori di passaggio. È dell’11 Agosto scorso l’Ordinanza della Polizia Municipale con la quale si istituisce lo Stop

per chi va da via Caddeo a via Dante. La via Caddeo dal tratto che va da via Tiziano a via Dante diventa a senso unico (Ordinanza del Responsabile del Servizio Polizia Municipale N. 35 del 22.10.2013). Sono inoltre stati tracciati i parcheggi sul lato destro della strada, tutelando così il lato sinistro in cui possono camminare in maggiore sicurezza gli utenti che escono dalla scuola media, da un cancello a scarsa visibilità a differenza di quello presente sul lato opposto e facente parte del Centro di Salute Mentale. LUCA FOIS

w w w. t c m o n re a l e . i t TC MONREALE SCUOLA TENNIS

I

5€

dai 0 ai 18 anni, per le Donne e

10€ per Uomini dai 18 anni (previa iscrizione F.I.T.)

T

CAMPI VIA DANTE, N°4 SAN GAVINO MONREALE

3484218976


LAVORO

5

MOBILITÀ PER L’ORGANICO COMUNALE Scade il 14 novembre 2014 l’Avviso Pubblico per il reperimento di varie figure professionali pubblicato dal Comune di San Gavino Monreale a seguito della delibera di Giunta del 09.09.2014 con la quale è stata approvata la programmazione del fabbisogno del personale a tempo indeterminato per il triennio 2014/2016. Attraverso il seguente bando, il Comune intende valutare domande di trasferimento mediante mobilità esterna ai sensi dell’articolo 30 del decreto legislativo n. 165 del 2001 e successive modificazioni e del Regolamento Comunale di disciplina della mobilità interna ed esterna per la copertura dei seguenti posti: un posto di istruttore direttivo tecnico, ingegnere/ architetto categoria giuridica d1, a tempo pieno e indeterminato, settore di riferimento: ll.pp. pianificazioni territoriali, espropriazioni e arredo urba-

no; un posto di collaboratore amministrativo, categoria giuridica b3 a tempo pieno e indeterminato, settore di riferimento: demografico e elettorale; due posti di istruttore amministrativo e/o contabile, categoria giuridica c1 a tempo pieno e indeterminato, settore di riferimento: finanziario, tributi, inventario ed economato. Per poter presentare la domanda di selezione bisogna essere dipendenti di altra Amministrazione Pubblica del comparto nella medesima categoria, profilo professionale e non saranno ammesse le domande pervenute da dipendenti cessati o comunque fuoriusciti volontariamente dall’organico dell’amministrazione di San Gavino Monreale. Coloro che eventualmente avessero presentato domanda di mobilità verso questo Comune prima del presente avviso, se ancora interessati, sono invitati a ripresentare

detta domanda con le modalità sopra previste. A cura della Commissione esaminatrice appositamente costituita sarà effettuata la valutazione delle domande pervenute, tenuto conto del curriculum formativo-professionale posseduto e in base all’esperienza maturata e/o attitudine allo svolgimento delle attività inerenti il posto che si intende ricoprire, all’anzianità di servizio e al rispetto delle esigenze familiari adeguatamente documentate. La valutazione sarà effettuata, inoltre, mediante colloquio cui saranno sottoposti i candidati rivolto ad accertare le conoscenze teoriche e pratiche sulle funzioni inerenti il posto da ricoprire. Ulteriori informazioni si possono ottenere scaricando il bando di concorso dal sito del Comune di San Gavino Monreale www.comune. sangavinomonreale.vs.it alla sezione Amministrazione

Trasparente, sezione Bandi di concorso. Si può presentare domanda entro il termine perentorio del 14.11.2014 con una delle seguenti modalità: pec all’indirizzo protocollo. sangavino@pec.comunas.it; a mezzo “raccomandata del servizio postale con avviso di ricevimento” all’indirizzo: Comune di San Gavino Monreale, Via Trento n° 2, 09037 San Gavino Monreale (VS); direttamente all’Ufficio Protocollo del Comune in Via Trento n° 2 negli orari di apertura. Non saranno prese in considerazione quelle inoltrate tramite posta elettronica ordinaria.


6

AMICI ANIMALI

UNA MOSTRA DI CANARINI A TERRALBA Si terrà a Terralba nel weekend di sabato 25 e domenica 26 ottobre 2014 la “Mostra Ornitologica Città di Terralba”. I locali che ospiteranno l’evento saranno quelli di via Napoli presso l’ex palestra della Ragioneria. La mostra è ovviamente aperta a tutti i cittadini, compresi naturalmente i migliaia di appassionati ornicoltori che si trovano in Sardegna. L’ingresso sarà gratuito e secondo quelle che sono le aspettative degli organizzatori, la speranza è quella di poter raggiungere e superare quota quattrocento soggetti in esposizione. I soggetti saranno per la maggior parte uccellini a concorso, canarini, esotici, ibridi e pappagalli. Tutti i soggetti a

concorso saranno valutati da giudici appartenenti alla F.O.I., la Federazione Ornicoltori Italiani, e provenienti da diverse regioni d’Italia. L’evento è organizzato dall’ “Associazione Ornitologica Arborense”, una delle associazioni facenti capo alla F.O.I. e operanti nel territorio sardo. Nata negli anni ‘80 per iniziativa di un gruppo di appassionati allevatori ornicoltori dell’oristanese, attualmente comprende una trentina di soci dei quali alcuni provenienti da San Gavino Monreale e Villacidro. Proprio grazie all’impulso dato dai soci provenienti da questi due paesi, nel gennaio 2015 l’Asssociazione Ornitologica Arborense organizzerà per

la prima volta una mostra ornitologica nel Medio Campidano. Da quest’anno l’Associazione ha dato vita ad un progetto didattico divulgativo che coinvolge le scuole elementari di Terralba, in particolare gli alunni delle classi terza, quarta e quinta elementare degli Istituti Comprensivi di via Roma e di via Eleonora D’Arborea. Nella mattinata di martedì 14 ottobre oltre 200 bambini sono stati coinvolti in una discussione illustrata dal tema “Alla scoperta del canarino” alla quale ha fatto seguito un concorso di disegno che si concluderà sabato 25 ottobre con le premiazioni degli elaborati più originali presso il locale della “Mostra Ornitologica Città

UN EVENTO APERTO A TUTTI GLI APPASSIONATI SARDI DI ORNITOLOGIA

Allevamento Pier Franco Spada

di Terralba”. Un’iniziativa alla quale l’Associazione Ornitologica Arborense crede con convinzione, che possa servire come mezzo per far avvicinare tante persone a questo singolare e impegnativo hobbie, per far conoscere alle giovani generazioni una passione alternativa ad altre che purtroppo in questi tempi dilagano e che hanno spesso il nome di social network e videogames.

OCCHIO AI BOCCONCINI AVVELENATI Avviso a tutta la popolazione! Nelle giornate dal 3 al 6 ottobre, nella zona di via Bernini, a San Gavino Monreale, sono stati ritrovati dei bocconcini avvelenati, sia per strada che dentro alcune abitazioni. Io sono stato fortunato che il mio cane Missy (un meticcio di 14 anni) ha solo tenuto in bocca il boc-

concino e noi, accorgendocene, glielo abbiamo tolto di bocca prima che fosse troppo tardi. Anche quel semplice assaggio gli ha causato dei malori nei due giorni successivi. Io non so quale persona malata vada in giro a fare queste cose, spero che legga queste poche righe. Chiunque sia stato, sappia

che è già stata fatta denuncia. Ma dico io che problemi avete? Che vi hanno fatto gli animali? Pensateci, e se qualche bambino avesse preso il bocconcino e l’avesse portato alla bocca? Ma in che mondo viviamo! Sperate solo una cosa, che nessuno vi veda quando lo fate, perché passereste guai! Ci sia-

mo attrezzati e la prossima volta verreste colti sul fatto, con tanto di prove da consegnare alle forze dell’ordine. Spero di essere stato utile a tutti quelli che amano gli animali. Fate attenzione se venite in questa zona del paese con i vostri amici a quattro zampe! GIANLUCA DESSÌ


PUBBLICITÀ

7


8

LA FESTA DEI TRENTENNI

I sangavinesi classe 1984 si riuniscono a distanza di cinque anni dalla “festa dei venticinquenni” per festeggiare i trent’anni. La “festa dei trentenni” si terrà durante il periodo natalizio, il 27 dicembre 2014. Gli ulteriori dettagli sono ancora da ufficializzare. Per tenersi in contatto e rimanere informati sugli sviluppi della festa ci si può iscrivere al gruppo Facebook “Festa dei trentenni – 1984 San Gavino Monreale” oppure si può contattare Sara su WhatsApp al numero 347.3102856.

COMMERCIO

TUTTI UNITI PER IL RILANCIO Da qualche settimana il l’Associazione Commercianti – Centro Commerciale Naturale di San Gavino, è nuovamente operativa. Dopo tutta una serie di scogli burocratici necessari al fine di considerare l’associazione ufficialmente riaperta, si è composto il nuovo direttivo che ha eletto presidente Carlo Sanna, vicepresidente Jessica Fais, tesoriere Stefano Putzu e segretario Luca Fois. L’Associazione attualmente conta poco più di cinquanta associati, la speranza è quella di incrementare al più presto questo numero affinché la voce dei commercianti sia il più forte possibile. Ci si può iscrivere all’Associazione compilando il modulo d’adesione e versando la quota associativa di dieci euro. Il modulo può essere richiesto all’indirizzo email foisluca1984@gmail.com oppure presso l’Ufficio Postale

di Mauro Vacca in via Roma n. 123, tel. 348.7299236. L’Associazione si è posta fin da subito come obiettivo principale quello di dare i giusti impulsi al sistema sangavinese affinché possano risolversi alcune situazioni che da tempo non agevolano la vita di commercianti e attività produttive, e perché no dare i giusti impulsi anche all’amministrazione comunale affinché il rapporto tra quest’ultima e i commercianti

porti benefici alla comunità. I temi principali affrontati nelle prime riunioni sono stati la raccolta differenziata, il decoro urbano, un riordino dei parcheggi nelle vie più trafficate del paese, una nuova sistemazione del mercatino e la riqualificazione della zona della vecchia stazione. Ovviamente l’Associazione è aperta a chiunque voglia, nell’ambito del commercio, svolgere una funzione positiva verso San Gavino.


FOLKLORE

9

birre artigianali salumi

prodotti tipici

vini in bottiglia

da Gomez

vini sfusi

formaggi

zafferano

di Mario Virdis Via Dante, 39a 09037 San Gavino Monreale VS

tel. 347 0632319

IL VERO BALLO SARDO CAMPIDANESE Il ballo sardo campidanese si balla con la musica delle “launeddas” (solo dopo il 1930 si diffusero in Sardegna l’organetto e la fisarmonica), insostituibili per ballare il vero ballo campidanese. Senza questo strumento i piedi dei ballerini si spengono, e i movimenti diventano impacciati e senza vitalità. I ballerini devono essere giovani in piena forma fisica, particolarmente portati per questo ballo ed essere seguiti da un esperto insegnante. Si svolge in tre tempi, normalmente si inizia col piede sinistro e si chiude il tempo col destro, tranne in due casi in cui si inizia col destro e si chiude sempre col destro. I passi sono i seguenti: Passu in tresi (con inizio sinistro o destro), Passu torrau (con inizio sinistro o destro), Passu andai e torrai, Passu andai e torrai incrociau, Passu incrociau, Passu laterali,

Passu appuntau e Marghinesa ( questi ultimi due solo per i più bravi). Il ballo si esegue in punta di piedi, i tacchi non devono mai toccare per terra, i passi devono essere stretti, i piedi si devono sfiorare uno con l’altro (e per questo le scarpe devono essere leggere col tacco basso per l’uomo, senza tacco per la donna). Durante l’esecuzione, l’impegno e la concentrazione devono essere tali che tutta l’energia posseduta deve essere ceduta in circa dieci minuti. Ciò significa che questo ballo non si può ballare per ore come talvolta accade perché in questo caso più che di ballo campidanese si tratta di “passeggiata” campidanese. I movimenti devono essere senza scossoni seguendo il ritmo e la melodia, in questo modo i piedi vibreranno insieme a tutto il corpo (che deve essere rigido e vibran-

te, inoltre i piedi devono dare la sensazione di sfiorare il pavimento in modo che chi balla sembri quasi privo di peso cioè leggerissimo). Nel caso di un gruppo folk è indispensabile che il talento lo possiedano almeno i componenti della coppia principale in quanto tutto ruota intorno a loro. I movimenti dei passi sopra elencati sono schematici, ripetibili (non casuali) quindi ne risulta una sincronia perfetta tra tutti i ballerini. Il numero ideale per eseguire le variazioni coreografiche è di otto coppie. Sul finire le coppie si trovano tutte in riga sulla parte centrale del palco, la prima coppia di sinistra quella che ha condotto il ballo fino a quel momento (i due ballerini più bravi) si staccano dal gruppo e con dei passi particolari raggiungono il centro della parte anteriore del palco (la parte più vicina

al pubblico) ed eseguono i passi più complessi e per finire “sa marghinesa” (movimenti presi dalla danza campidanese che normalmente viene eseguita in sei tempi) quindi eseguendola in tre tempi raddoppia la velocità rendendo il tutto molto spettacolare. Come avrete capito solo nella parte finale con “sa marghinesa” i due ballerini principali eseguono dei passi diversi rispetto agli altri, che nel frattempo continuano con passi normali. Se siete interessati e volete contribuire a questo progetto potete contattare Renato Cogoni al numero 338.8216282 oppure alla mail scivoo@gmail.com.


10

FILO DIRETTO CON IL COMUNE Assessorato Pubblica Istruzione Assessore di Riferimento: Alberto Casu

Settore Servizi Generali, Personale e Pubblica istruzione

ESTRATTO DEL BANDO DI CONCORSO PER L’ASSEGNAZIONE DEI CONTRIBUTI SPESE DI VIAGGIO AGLI STUDENTI PENDOLARI DELLE SCUOLE SECONDARIESUPERIORI – ANNO SCOLASTICO: 2013/14. IL RESPONSABILE DEL SERVIZIO RENDE NOTO REQUISITI DI PARTECIPAZIONE:

Hanno titolo a concorrere all’assegnazione del contributo tutti gli studenti pendolari frequentanti le Scuole Secondarie Superiori sia statali sia paritarie (compresi gli studenti che effettuano viaggi dalla Scuola con cadenza settimanale, quindicinale o mensile) che siano nelle condizioni di cui al bando integrale, pubblicato sul sito istituzionale (sito internet: www.comune.sangavinomonreale.vs.it) e i criteri di assegnazione contributi in esso contenuti. DECORRENZA DEI TERMINI E MODALITA’ DI PRESENTAZIONE DELLA DOCUMENTAZIONE: − Le domande e le dichiarazioni sostitutive per partecipare al concorso, disponibili presso l’Uffcio Centralino del Comune o scaricabili dal sito www.comune.sangavinomonreale.vs.it, vanno compilate dai richiedenti con la massima cura e attenzione secondo le indicazioni contenute nel Bando di gara integrale; − I termini di presentazione delle domande di partecipazione al concorso per il contributo spese viaggio decorrono dal 15.10.2014 al 13.11.2014 per 30 gg. consecutivi; − Alle domande protocollate nel periodo dal 14.11.2014 al 28.11.2014 verrà applicata una riduzione del contributo pari a €. 25,00; − Le domande protocollate oltre il 28.11.2014 non avranno diritto ad alcun contributo; San Gavino Monreale, 15 Ottobre 2014 IL RESPONSABILE DEL SERVIZIO PUBBLICA ISTRUZIONE F.to Davide Uras


EVENTI

“A TUTTA BANDA!”

L’Associazione Musicale “Città di San Gavino Monreale”, in occasione del 25° anno di Fondazione della Banda Mu-

sicale organizzerà durante l’anno scolastico 2014 - 2015 una serie di iniziative appositamente dedicate a bambini e ragazzi sangavinesi, a partire dalla manifestazione “Una settimana a tutta banda – Open week 2014”, che si svolgerà in orario scolastico nei giorni compresi tra il 20 e il 26 ottobre 2014, e dove sarà possibile conoscere più da vicino la Banda Musicale e le numerose attività musicali proposte dall’Associazione.

SPORT E SALUTE

Continua il corso informativo “Prevenzione, Salute e Sport”: Lunedì 20 ottobre si terrà la lezione “Prevenzione delle Malattie Cardiovascolari

- Abitudini e Stili di Vita” con il medico cardiologo Pisano Lorella, lunedì 27 Ottobre si terrà la lezione “Integratori Alimentari e Sport - Perché e come integrarsi” col farmacista Perrier Riccardo e lo specialista in terapia manuale Sini Pietro. Le lezioni si terranno alle 17:00 presso l’aula magna delle Scuole Medie a San Gavino. Ingresso gratuito. Referente Gianluca Vaccargiu 349.6309827

ECCO “SA BESTIA”

Il Piccolo Teatro Umoristico torna in scena domenica 19 ottobre alle ore 18:00 presentando la nuova commedia intitolata “Sa Bestia”. La “prima” dello spettacolo si svolgerà come di consueto presso il teatro-salone della chiesa di Santa Lucia, in via Convento. Dopo aver preso parte alla rassegna teatrale “Giovani a teatro” con lo spettacolo “Un bacio per il paradiso”, tornano sul palco gli attori che negli

ultimi anni hanno fatto divertire il pubblico sangavinese e quello del circondario. Ecco, in breve, la trama di “Sa Bestia”. In un paesino di malati più o meno reali, l’arrivo del nuovo medico generico sconvolge gli equilibri di quasi tutta la popolazione. Ma non solo... dal momento del suo arrivo a Villa Mobadìa, accadono alcune aggressioni e omicidi che portano il paese in uno stato di paura. Si scatena una caccia a Sa Bestia che riempie il finale di inaspettate sorprese. La commedia è stata scritta in italiano da Gian Franco Serra, ma la narrazione viene spesso “arricchita” dal sardo, che a livello linguistico impreziosisce e modifica, non di poco, i dialoghi.

11


12

CULTURA

ECCO COM’ERA SAN GAVINO NELL’800 A metà dell’800 furono due gli autori che parlarono di San Gavino: il Reverendo Raimondo Porru e Padre Vittorio Angius. Il Porru scriveva che l’abitato del villaggio aveva una figura tendente all’ovale da levante verso ponente con quattro strade principali – dette rugas. Ogni casa aveva la sua piazza o cortile, con qualche albero da frutta; le case più importanti erano quelle Rettorali e quella di Don Antonio Diana. Il villaggio, a causa della sua posizione, subiva un clima spesso freddo, umido e nebbioso – l’Angius sosteneva che era uno dei luoghi più insalubri; le malattie che colpivano i suoi abitanti erano i catarri polmonari. Porru affermava che il carattere dei sangavinesi era generalmente pacifico e quasi tut-

to intento al lavoro, e non si faceva nulla di particolare in occasione di nascite, nozze o funerali; si divertivano con il ballo a suon di zampogna, specie a carnevale. Il vestiario era sobrio: si portava il giubbone nero d’orbacci e di panno. Angius sosteneva invece che gli abitanti avevano un arte poco illuminata, con la volontà di fare solo ciò che era utile; si facevano le cose nello stesso modo degli antichi. Erano un popolo di superstiziosi, che si portavano addosso certi scrittus di alcuni sacerdoti come monili porta fortuna; avevano l’abitudine a tardare ad agire e con pochissima vivacità. Notava ancora un elevato numero di accattoni, i quali piuttosto che lavorare si affidavano alla beneficenza. L’abitato aveva

Foto di Diego Cotza

tutto intorno delle paludi, con le principali di Santu Baingiu e quella di sa piscina de sa terra bianca. Inoltre erano innumerevoli le piscine usate come abbeveratoi per gli animali, così come i siti pantanosi; per attraversare queste zone vennero costruiti nel corso dei secoli diversi ponti, uno sul rio Marianna Garau, uno in zona del Convento e uno sul Flumini Mannnu. Le feste caratteristiche erano: Santissima Vergine delle Meraviglie, Santa Severa, Santa Chiara, San Gimiliano Vescovo e Santa Lucia. Nel 1812 ci fu una terribile carestia, tanto da farla entrare nel modo di dire: “S’ànnu dòxi”; nel 1816 ci fu un’altra carestia, e un attacco di malattie epidemiche a cau-

IL CARATTERE DEI SANGAVINESI ERA PACIFICO E INTENTO AL LAVORO

sa dei cibi insalubri: a San Gavino morirono 128 adulti e 130 bambini. Nel 1818 altra piccola carestia che causò la morte di 158 adulti e 160 bambini; nel 1828-29 ci fu una inondazione e l’anno dopo il paese venne colpito dal vaiolo e da febbri putride. Nel 1842 un’altra epidemia di vaiolo e un’altra inondazione causarono morti e scarso raccolto. Nel 1846 una terribile inondazione causò gravi danni all’abitato e alle persone: molti sfollati furono accolti nella case dei nobili. Queste alluvioni trasformavano le strade in veri e propri pantani. A partire da quegli anni si iniziarono a bonificare alcune zone, come lo staini de Santu ‘Angiu nel 1838, e nel 1881 venne inaugurata la ferrovia. Nel 1863 con il Regio Decreto venne formalizzato il nome del Comune in San Gavino Monreale. ALBERTO SERRA


SOCIETÀ

13

“AUTUNNO INSIEME” AL LIONS CLUB Sarà la splendida e accogliente cornice di Campu Linus ad ospitare il primo novembre l’evento “Autunno insieme” organizzato dai Lions Club di Villacidro. L’incontro è previsto per le ore 9:30, un piacevole rinfresco d’accoglienza per poi proseguire con la visita guidata all’interno della storica fonderia Italpiombo di San Gavino Monreale. Successivamente si visiterà la casa-museo del noto artista sangavinese Sergio Putzu, all’interno della quale sono

esposte le sue stupende opere. Alle ore 13 circa è previsto il pranzo denominato “Alla riscoperta dei piatti antichi”. Il costo della partecipazione è di 25 euro, mentre per i bambini sotto i dieci anni il costo è di 10 euro. La presidente del Lions Club di Villacidro, Tonina Fois, ci fa sapere che “tutto il ricavato dell’evento sarà devoluto in beneficenza e in particolare una parte sarà devoluta alla casa Lions di accoglienza per malati oncologici, sita a Cagliari, che

ospita parenti e malati che necessitano di ospitalità”. Dopo il successo di giugno con “Su Fari Fari”, una nuo-

va iniziativa del Lions Club all’insegna dell’arte, della cultura, dei sapori antichi e della beneficienza.

FLAVIO MOCCI, UN MAESTRO DI SPORT La scomparsa di Flavio Mocci, un carissimo amico, dolorosa è giunta inaspettata e lascia un vuoto incolmabile nella nostra comunità. Di assoluta integrità morale e civile, è stato un esempio, un maestro di scuola, di sport e di vita insegnando a intere generazioni di sangavinesi; umile e cordiale, mai fuori le righe, sempre disponibile a organizzare, collaborare e dare consigli. Sin da giovanissimo è stato un promotore del CSI a San Gavino Monreale, collaborando con il fondatore Don Lisci,

diventandone col tempo la colonna portante: prima atleta, poi arbitro, allenatore, dirigente, presidente e ricoprendo importanti incarichi a

livello regionale e nazionale, raccogliendo sempre importanti riconoscimenti; sino alla sua scomparsa ricopriva la carica di vice-presidente del

comitato provinciale del CSI. Nel corso della sua carriera ha organizzato innumerevoli manifestazioni, promuovendo l’incontro e la socializzazione tra giovani e meno giovani. Nella sua persona si è identificata la storia sportiva e professionale nella didattica degli ultimi 60 anni di San Gavino Monreale: per ripagare la sua immensa opera, sarebbe positivo che la nostra comunità gli intitolasse una scuola, una piazza, una via oppure un impianto sportivo. MARCO DEMELAS


14

SPORT

DEIOLA BRILLA TRA I PROFESSIONISTI Un giovane sangavinese emigrato per scelta, per crescere, per tornare ancora più forte. Stiamo parlando di Alessandro Deiola, diciannove anni, calciatore professionista. Sì, Alessandro dalla stagione 2014-2015 veste la maglia nero-verde del Tuttocuoio, società calcistica militante in Lega Pro (la vecchia serie C) con sede a Ponte a Egola, frazione di San Miniato in provincia di Pisa. Nessuna presenza col Cagliari in serie A nelle ultime stagioni in cui è stato aggregato in prima squadra ma ben due gol all’attivo in questo primo scorcio di campio-

nato con la società toscana. Uno alla sesta giornata, una girata al volo da dentro l’area contro la celebre Pistoiese, e l’altro invece contro il Santarcangelo, un gol splendido, un pallonetto degno dei grandi numeri dieci in cui si può

notare tutta la freddezza e la maturità di Alessandro, nonostante la giovanissima età. Da quest’anno Deiola è tornato al suo ruolo originario quello forse più congeniale alle sue caratteristiche, la mezzala, dopo diversi anni in cui il suo

ruolo era quello di difensore nella Primavera del Cagliari, squadra di cui era diventato il leader. Cresciuto nella Sangavinese di signor Giovanni Zucca, a nove anni passa alla Santa Teresa per poi entrare a far parte delle giovanili del Cagliari dopo appena un anno, prima a Palmas Arborea, dove ha sede la scuola calcio di Gianfranco Matteoli, e poi ad Assemini, dove il Cagliari coccola e allena le nuove promesse del calcio isolano. Questa la storia calcistica di Alessandro, sperando sia solo l’inizia di una bella fiaba. LUCA FOIS

IL TORNEO “IL CUORE NEL PALLONE” Si è svolto nel weekend dell’11 e 12 Ottobre il primo torneo internazionale “Il Cuore nel Pallone” organizzato dalla Polisportiva Frontera Onlus di Villacidro in collaborazione col Centro Sportivo del Medio Campidano. Il torneo si è svolto attraverso la formula del triangolare che ha visto vincitori i ragazzi danesi del BK Enghaven di Odense, che hanno battuto nella finalissima i padroni di casa della Frontera Onlus per 4-3. Una partita emozionante che ha visto la rimonta da parte degli scandinavi dallo 0-3 del primo tempo al 4-3 finale. Terzi classificati i sangavinesi dell’Associazione Delfino

Onlus. Ma parlare di vincitori in una manifestazione del genere è alquanto scontato, tutti hanno vinto, visto che si trattava di un torneo aperto ai ragazzi disabili. Nel pomeriggio di sabato 11 Ottobre, per suggellare l’amicizia che ha contraddistinto tutto

il torneo, si è svolta un’amichevole tra il gruppo “Matti di Calcio” di cui vi abbiamo parlato nel numero scorso e le squadre partecipanti al torneo. Due squadre miste a cui hanno preso parte anche i tecnici danesi, desiderosi di una sgambata dopo il lungo

viaggio di venerdì sera. Una festa durata due giornate in cui non è mancato ovviamente, far assaggiare agli ospiti stranieri la buona e apprezzatissima cucina italiana. La seconda edizione de “il Cuore nel Pallone” si terrà nell’Ottobre 2015, la prima invece si è conclusa domenica 12 Ottobre poco prima di pranzo con le premiazioni e i ringraziamenti verso chi ha collaborato alla buona riuscita dell’evento: il Centro Sportivo Italiano, il Comune di Villacidro, l’Associazione di Volantariato “Euro 2001” di San Gavino e chiunque si sia reso disponibile durante questa bellissima “due giorni” di sport e solidarietà.


ANNUNCI E LETTERE

15

Per le vostre inserzioni scrivere a annunci@comprendo-online.it oppure sms al 340.3432895. Si avvisano i gentili inserzionisti che l’inserimento degli annunci è gratuito per beni di modesto valore. Per la vendita di immobili, terreni o beni di notevole valore, potrebbe essere richiesto un piccolo contributo economico. Vendo a 340 € iPhone 5 da 16GB originale Apple nero con tutti gli accessori, come nuovo, ancora in garanzia. La batteria è stata mantenuta benissimo ed ha ancora oggi prestazioni invidiabili rispetto ad altri iPhone 5. 348.7162217

Signora di San Gavino dà assistenza a signore anziane, anche allettate o per compagnia (solo donne) anche solo per qualche ora. Chiamare al numero 340.9694737

Affittasi in via E. D’Arborea locale commerciale di mq 40 circa. 347.9273013

Ragazza, 20 anni, cerca lavoro come baby sitter la sera,dopo la scuola e il sabato mattina. Se siete interessati contattare il numero: 3490865694

OCCASIONISSIMA DA NON PERDERE Vendesi a San Gavino, in via Caprera n.11, casa con piano terra e primo piano, balcone, cortile e posto auto. Abitabile da subito. Per informazioni e per poter visitare la casa contattare 388.7570076

Vendesi avviata attività commerciale edicola cartolibreria sita in posizione centrale a San Gavino Monreale, ottimo prezzo, cedesi per motivi familiari. Chiamare i numeri 340.3327848 o 347.8203421

San Gavino. Ragazza 27enne, diplomata in ragioneria, seria e con esperienza, impartisce ripetizioni in tutte le materie scolastiche a studenti di scuole elementari o medie. 348.9725114

Vendesi quattro cerchi in ferro Alfa 147, completi di copertoni usati. 40 €. 349.5306966 San Gavino. Vendo run-step, ottimo condizioni € 30 cel. 349.8782621

Vendo passeggino ”Trio Giordano” anno 2008 al prezzo di euro 130 in ottimo stato. Chi fosse interessato chiami il 340.3836542. Signora 45enne auto munita cera lavoro come compagnia anziani o persone non autosufficienti, anche la notte a San Gavino e paesi limitrofi. Chi fosse interessato può chiamare al 349.0865694 dalle 18 alle 21. Vendesi cucina a legna completa di tubi e gomiti, perfettamente funzionante. € 400. Per informazioni chiamare il 349.7828714 Vendo Nokia Lumia 610, ottime condizioni, 60 euro. Giacomo 349.6737424 Comprendo - Periodico indipendente di commercio e attualità - Anno V - Numero 8 - Settembre 2014

Per la serie “101 modi di riutilizzare Comprendo“, pubblichiamo con piacere il messaggio di Roberto, un nostro lettore cagliaritano, che ha rispolverato una vecchia copia del giornale. Ha mandato una foto al nostro Whatsapp 349.5306966, scrivendoci “Comprendo, ottimo come suladori di emergenza”. Beh, Roberto... buon appetito!

n. 78

Direttore Responsabile Fausto Orrù direttore@comprendo-online.it - Amministrazione Luca Fois amministrazione@comprendo-online.it 340.3432895 - Redattore editoriale Simone Usai redazione@ comprendo-online.it 349.5306966 - Redazione Viale Rinascita 38, presso Maura Editrice, 09037 San Gavino Monreale - Stampa Grafiche Ghiani S.r.l. Industria Grafica S.S. 131 km 17,450 09023 Monastir (CA) - Registrato presso il Tribunale di Cagliari - Registrazione N. 23/010 del 01-12-2010. La direzione di Comprendo si riserva il diritto di rifiutare o sospendere una inserzione a proprio insindacabile giudizio. L’Editore non risponde di eventuali errori di stampa, ritardi o danni causati dalla non pubblicazione di inserzioni per qualsiasi motivo. Quest'opera è distribuita con Licenza Creative Commons Attribuzione - Non commerciale - Non opere derivate 2.5 Italia. Ogni pubblicazione su Comprendo è da intendersi in forma gratuita. Il materiale consegnato alla redazione non sarà restituito. Con l’invio di lettere, e-mail, foto, sms e mms se ne autorizza la pubblicazione. Le lettere non dovranno superare le 900 battute, spazi compresi.


16

Profile for Redazione Comprendo

Comprendo 78  

Comprendo 78

Comprendo 78  

Comprendo 78

Profile for comprendo
Advertisement