Page 1

QUINDICINALE COPIA GRATUITA TIRATURA 40.000 COPIE

INDIPENDENTE DI COMMERCIO E ATTUALITÀ COMPRENDO NUMERO 17

WWW.COMPRENDO-ONLINE.IT SFOGLIA COMPRENDO ANCHE SU INTERNET

ANNO II - NUMERO 16 - 23/08/2011

QUALI SONO LE VERE BESTIE?

IL SINDACO RISPONDE AI COMMERCIANTI

I telegiornali estivi ci hanno abituato a sentire parlare sempre degli stessi argomenti. Caldo killer, traffico e code nel weekend, animali abbandonati. Ed è con uno certo sgomento che mi accorgo che le cronache del Medio Campidano, negli ultimi tempi, si sono più volte occupate di poveri animali vittime della crudeltà degli uomini. Senza voler analizzare caso per caso tutte le brutalità commesse da persone senza un briciolo di cuore e - diciamolo pure senza remore - di cervello, è chiaro che siamo di fronte ad un problema sociale spesso sottovalutato. Qualcuno potrebbe dire “Ma sono soltanto animali!“. Queste persone si sbagliano. Sono molto di più: sono fedeli compagni di vita, spesso costituiscono l’unica compagnia per anziani che vivono da soli; sono picco-

SAN GAVINO Gentile direttore, leggo, sul vostro periodico, nonché sul sito web del Centro Commerciale Naturale del nostro paese,

DRAMMA EMIGRAZIONE

Una generazione in fuga dal Medio Campidano. Così i gioservizio a pagina 8 vani cercano fortuna altrove.

segue a pagina 2

segue a pagina 4

DISCARICA A CIELO APERTO SERRAMANNA Vorrei segnalare una situazione, a mio parere intollerabile, che si verifica ormai da più di tre anni nella via Crispi di Serramanna. Quesegue a pagina 6

PROVINCIA NELLA RETE SITI UNESCO Il Consiglio Provinciale del Medio Campidano ha approvato il Progetto “Rete Siti Unesco Percorsi innovativi per l’accesso personalizzato ai territori segue a pagina 11


L’editoriale QUALI SONO LE VERE BESTIE? 2. SAN GAVINO La compagnia Muredda

4. SAN GAVINO Il Sindaco risponde ai commercianti

5. LUNAMATRONA Calcetto alle finali nazionali

6. PAULI ARBAREI Itinerari nel tempo

6. SERRAMANNA Discarica a cielo aperto

7. ARBUS Il Festival Canoro 7. ARBUS Multa con il sorriso

8. MEDIO CAMPIDANO Dramma emigrazione

9. GONNOSFANADIGA Eraviamo

9. GONNOSFANADIGA Il romanzo della vita

10. BARUMINI Il nuovo ponte anti alluvioni

10. SANTA GIUSTA L’anguilla della discordia

11. MEDIO CAMPIDANO Provincia nella rete Siti Unesco 12. SIDDI Il museo ornitologico 12. SPORT Una stagione per la rinascita 13. L’amore ai tempi del caos 14. Compro-Vendo 14. SAN GAVINO I numeri vincenti di Santa Chiara 15. Comprendo sei tu!

segue dalla copertina

li amici che rendono meno grigia la vita di tante persone. Non dimentichiamoci poi di come siano anche utili all’uomo, dai cani-guida per i non vedenti a quelli utilizzati per la cosiddetta pet therapy. Sapere che degli uomini (e non dei ragazzini, la cui giovane età potrebbe

anche suscitare indulgenza, ma parliamo di persone adulte che dovrebbero avere un po’ di sale in zucca) possano arrivare, per noia, a cospargere di benzina un gatto e bruciarlo vivo... mi mette una rabbia immensa. Luca Laurenti, il noto comico, poneva ironicamente la domanda “Ma se gli animali non hanno l’anima, perché si chiamano animali?“. In effetti viene da chiedersi chi sia

l’uomo e chi sia la bestia, in questi casi. Volendo innalzare il livello delle citazioni, mi piace ricordare una massima di Gandhi, forse la mia preferita. La celeberrima guida spirituale indiana affermava infatti che “la civiltà di un popolo si misura dal rispetto che esso nutre nei confronti degli animali“. Sicuramente nel Medio Campidano abbiamo ancora molta strada da fare. Simone Usai

San Gavino LA COMPAGNIA MUREDDA SAN GAVINO È stato un sucesso la Prima Rassegna teatrale in lingua sarda città di San gavino Monreale, grande pubblico e grande spettacolo nelle sei rappresentazioni teatrali che ha visto l’esibizione nel museo Dona Maxima delle compagnie teatrali di Ussaramanna, Guspini, Sanluri, Gonnosfanadiga, Arbus e a chiudere, la compagnia Muredda di San Gavino con la commedia “S’ultimu Cantu” di Gigi Tatti che ha entusiasmato oltre trecento spettatori. Da parte

I componenti della compagnia Muredda

della compagnia Muredda un grazie all’Assessore alla Cultura e all’associazione Sa Moba Sarda per aver creduto in questa rassegna in lingua sarda e per aver dato la possibilità ad un numero-

sissimo pubblico attento, di trascorrere sei serate nel divertimento e in su spassiu. Ci diamo appuntamento al 2012 per la Seconda Rassegna teatrale Città di San Gavino Monreale. Marco Ennas

Questa è “sa panchina“

2


Cosa succede nel Medio Campidano? APERTURA ISCRIZIONI ITALPIOMBO SAN GAVINO - DA AGOSTO 2O11 La società sportiva A.S.D. Italpiombo Santa Teresa di San Gavino Monreale informa che sono aperte le iscrizioni per le categorie: Piccoli Amici; Pulcini Primo, Secondo e Terzo anno; Esordienti; Giovanissimi; Allievi e Squadra Femminile. Informazioni: Luca 3496309827, Gianni 3496710271. (l.f.)

TORNEO DI MINIGOLF BARUMINI - FINO AL 25 AGOSTO 2O11 Fino al 25 agosto sono aperte le adesioni al torneo di minigolf nei nuovissimi percorsi de “Il Cavallino della Giara“ a Barumini. Le adesioni devono essere consegnate alla cassa del minigolf. (g.m.)

RASSEGNA CINEMATOGRAFICA VILLACIDRO - DAL 25 AGOSTO AL 6 SETTEMBRE 2011 Prosegue la rassegna di Cinema d’Autore presso Casa Dessì: il 30 Agosto Miral, il 4 Settembre I Fiori di Kirkuk. Prosegue anche il Cinema all’aperto presso il Parco n°2: il 25 Agosto Che bella giornata, il 27 Agosto Cars2, il 1 Settembre La versione di Barney, il 5 Settembre Stanno tutti bene, il 6 Settembre Incontrerai l’uomo dei tuoi sogni. Organizzazione a cura di P.E.I., inizio proiezioni ore 21:30, ingresso libero e gratuito. (l.f.)

OK IL GUSTO É GIUSTO SERRENTI - 27 AGOSTO 2O11- ORE 18:30 Genitori, nonni e nipoti sono invitati a partecipare per una serata in allegria e tante cose buone da imparare e da degustare. Manifestazione con giochi, premi e piacevoli rinfreschi dedicati al cibo genuino della nostra terra. Appuntamento all’ex mattatoio, in via Nazionale 270. (l.f.)

KENEMUSICFEST 2011 SAN GAVINO - 27 AGOSTO 2O11- ORE 20:00 L’Associazione culturale Kenemèri vi invita alla seconda edizione del KeneMusicFest! In piazza Melas si esibiranno Terrorway, BlackOut, Dr.Paskin, Giulio Salis & Zighet Quartet e Manie di Persecussione. Saranno presenti gli stand di numerose associazioni, tra le quali Chine Vaganti, Delfino, (S)cambiare in Ghana, Emergency. (s.u.)

FESTEGGIAMENTI E SAGRA DELLA PECORA PAULI ARBAREI - DAL 27 AL 29 AGOSTO 2O11 Da sabato 27 a lunedì 29 Agosto 2011 si terranno a Pauli Arbarei i festeggiamenti in onore di Sant’Agostino e San Giovani Battista. Inoltre si svolgerà la Sagra della Pecora. In questa occasione si svolgeranno numerose attività di spettacolo e intrattenimento con musica, gruppi folk, degustazioni, esposizioni d’arte e mostre mercato di produzioni artigianali e agroalimentari. (s.u.)

FESTA DEMOCRATICA SAN GAVINO - DAL 1° AL 4 SETTEMBRE 2O11 Al Parco Comunale “Rolandi” in viale Rinascita si terrà la Festa Democratica. Musica, mostre, stand, dibattiti politici e tantissimi altre iniziative in questa quattro giorni del Partito Democratico. (s.m.)

SAGRA DEL GRANO SARDARA - 3 E 4 SETTEMBRE 2O11 Sabato 3 e domenica 4 Settembre 2011, si terrà a Sardara la “Sagra del Grano”. La Sagra, inserita all’interno del programma “Le giornate dell’AgriCultura della Provincia Verde – 2011 VI Edizione”, elaborato dalla Provincia del Medio Campidano, è organizzata dal Comune di Sardara in collaborazione con la Pro Loco. (s.u.)

MERCATO DEL MELONE LUNAMATRONA - 3 E 4 SETTEMBRE 2O11 Sabato 3 e domenica 4 Settembre 2011 si terrà a Lunamatrona un doppio appuntamento con la “XV Mostra mercato del melone coltivato in asciutto e della malvasia. Appuntamento anche con la XIX Sagra della pecora”. (e.m.)

3


San Gavino

IL SINDACO RISPONDE AI COMMERCIANTI segue dalla copertina

alcune considerazioni in merito all’Ordinanza Sindacale n. 15 del 10 giugno 2011 relativa all’apertura domenicale e festiva degli esercizi commerciali sangavinesi, che è stata emanata unicamente per rendere un servizio ai cittadini, dando loro la possibilità di scegliere il luogo dei loro acquisti e non obbligarli a rivolgersi all’unico negozio aperto. A queste considerazioni, alcune delle quali rasentano la calunnia e di cui mi riservo comunque di tutelare la mia onorabilità in altre sedi, voglio rispondere nel merito. Viene affermato, dagli estensori del comunicato (pubblicato su Comprendo Numero 14 dell’08/07/2011, ndr), che

4

loro non si ritengono campanilisti (anche se un sano campanilismo non lo ritengo negativo, anzi) dimenticando che in occasione del primo incontro mi fu proposto di fare da apripista in Sardegna per contrastare la grande distribuzione organizzata con l’obiettivo di far chiudere i grandi supermercati nei giorni festivi ed in particolare uno a noi vicino. Personalmente, ma non ritengo di essere il solo a pensarla così, ritengo impossibile questo obiettivo da parte di un Sindaco, fosse pure quello di Cagliari, per il potere assoluto che queste grandi catene di distribuzione commerciale detengono, non solo nel nostro Paese ma in tutta Europa. Ma vi pare che un Sindaco disponga di questo potere o opera di convincimento nei

confronti dei colleghi sardi o della politica regionale? E il servizio ai cittadini? C’è qualcosa che non torna… Si dice che la decisione dell’apertura facoltativa contribuirà a mettere in crisi la già precaria situazione economica di molti commercianti come se finora, con le chiusure domenicali, le cose funzionassero meglio. Ora, se l’apertura fosse obbligatoria, questa affermazione avrebbe un fondamento, ma così non è perché l’apertura facoltativa non costringe, chi non è favorevole, a tenere le serrande aperte. Mi permetto di far notare, inoltre, che la tanto decantata turnazione non era accolta di buon grado dagli stessi commercianti che sono contrari all’apertura facoltativa, giacchè anche nell’articolo su Comprendo lo fanno capire bene con

l’espressione “loro malgrado”. L’affermazione poi che acquistando nei supermercati i soldi dei sangavinesi non rimangono sul territorio non convince e non viene confermata dall’atteggiamento degli stessi commercianti che protestano, essendo loro i primi a violare questo comportamento recandosi a fare la spesa in quelle strutture. Qualcuno mi sa dire perché hanno chiuso i battenti i piccoli commercianti di San Gavino Monreale? Eppure Billa, Iper Pan, Eurospin e Lidl non c’erano ancora! Infine voglio augurarmi che qualsiasi decisione, ancorchè in contrasto con l’altrui pensiero, venga valutata e anche criticata, ma con buonsenso e senza offendere le persone. Gianni Cruccu


Foto di Toto Casu

San Gavino

Centro Museale vivente di farfalle tropicali VISITE SU PRENOTAZIONE 349 35 79 791

A SANTA CHIARA

Una bancarella con i gadget di Comprendo è stata forse la vera novità della Festa di Santa Chiara. Tanti curiosi si sono avvicinati per vedere le magliette col pollicione giallo, i cappellini e i portachiavi... o magari per prendere una copia gratuita del giornale insieme ad un taccuino-omaggio. Un ringraziamento al negozio Vodafone, a Garau&Musca, a Toto Casu, a Non Solo Caramelle per la compagnia e l’ottimo mirto, a Emme Impianti per il supporto logistico e per l’aiuto durante i giorni di festa! Arrivederci... alla prossima occasione! (s.u.)

Lunamatrona CALCETTO ALLE FINALI NAZIONALI LUNAMATRONA La squadra di calcio a 5 del piccolo comune della Marmilla parteciperà alle finali nazionali che si svolgeranno a Bellaria-Igea Marina dal 1 a 5 Settembre 2011. Già tre

volte i ragazzi del circolo Don Milani hanno provato a conquistare il titolo nazionale, classificandosi terzi nel 2003, eliminati ai quarti nel 2008 (la squadra fu integrata da atleti della società sportiva Virtus Luna), e nel 2011 tentano un’altra volta l’impresa come Circolo Oratorio Don Milani. Dopo essersi qualificati secondi dietro il Curcuris nel girone di qualificazione, hanno poi avuto la meglio sul Guspini per 10 a 1, sul Curcuris per 9 a 6, vincendo in tal modo la semifinale; con un bellissimo 6 a 3 hanno conquistato il primo posto battendo l’Ales, diventando in questo modo campioni provinciali e regionali. Ma non è tutto oro quel che luccica… i ragazzi dovranno partire in

numero ridotto: infatti per motivi economici non tutti potranno giocare le finali. La nostra insularità penalizza fortemente gli spostamenti, e gli aiuti economici dai vari enti competenti a causa dei continui tagli sono davvero pochissimi o nulli. Facciamo un grande “in bocca al lupo” ai ragazzi che, seppur

con un po’ di difficoltà, andranno a onorare il nome di Lunamatrona anche nella penisola… forza ragazzi! Elena Mereu

5


Pauli Arbarei ITINERARI NEL TEMPO PAULI ARBAREI Quella che vi raccontiamo è la storia di Emanuele Secci, trentasettenne di Pauli Arbarei, che nonostante i diversi problemi causati dalla vita, è infatti non udente dalla nascita, da circa vent’anni ha trovato la propria forza nell’arte della fotografia. Gli piace essere definito “fotografo per hobby”, ma le sue foto trasmettono continue emozioni, e proprio dopo aver visto alcune sue foto ab-

biamo deciso di raccontarvi questa storia. Trasmettere emozioni con un articolo non è semplice, per questo vi invitiamo a visitare la mostra fotografica che si terrà dal 26 al 29 Agosto a Pauli Arbarei presso il Centro Sociale Comunale, in Piazza Europa. La formazione professionale di Emanuele ha coinciso con l’interesse per le strumentazioni fotografiche e la ricerca fotografica di foto antiche, iniziata come spesso accade con delle iniziative paesane. Nel 2010 è stato premia-

to in un concorso della Pro Loco del Comune di Pompu sulla libertà di espressione. La caratteristica principale di Emanuele è la continua ricerca di foto che rappresentino le tradizioni della Sardegna, il suo desiderio è infatti migliorare la sua professionalità in modo da fornire un contributo, sia pur minimo, a rendere più completa la divulgazione dei paesaggi e delle tradizioni sarde. La mostra si chiama “Itinerari nel tempo” ed è stata organizzata dallo stesso Emanuele con la colla-

matici, vasche da bagno, sanitari, imballaggi di ogni genere, televisori, materassi, mobili vari e in misura minima vetro e pannolini. I miei concittadini hanno deciso che la loro spazzatura debba essere smaltita in questo modo senza curarsi minimamente delle persone che vivono nei pressi di questa discarica. Nel 2008 chiesi per iscritto, all’allora Consorzio Intercomunale di Salvaguardia Ambientale, di spostare i cassonetti così da “allontanare” il problema perché, nei mesi precedenti, un violento acquazzone provocò l’allagamento del mio scantinato, invaso, oltreché dall’acqua, anche da ogni sorta di rifiuto. Tale situazione venne

constatata anche dal Sindaco in persona. Ma io e mia moglie abbiamo ripulito tutto da soli. Nel 2010, poiché la richiesta appena descritta non venne tenuta in considerazione, decisi di inoltrarne un’altra all’Ufficio Relazioni con il Pubblico del Comune di Serramanna, segnalando una situazione ancora peggiore della precedente perché, la mole di materiali inerti e/o ingombranti, è aumentata nel corso degli anni. Voglio precisare che le ditte incaricate della raccolta differenziata hanno sempre ripulito, in tempi più o meno brevi, la strada ma, ahimè, dopo alcuni minuti la discarica è di nuovo lì a generare ogni sorta di olezzo. Arriviamo al 2011, alcuni giorni orsono la corsia lato cantina era ricolma di rifiuti tra i quali pneumatici, materiali organici e di altra natura. Nel primo pomeriggio qualcuno ha intenzionalmente appiccato il fuoco a tale cumulo abusivo. Dalle fiamme si è sprigionata una coltre di fumo denso e scuro probabilmente dannoso per

borazione della Pro Loco di Pauli Arbarei. Luca Fois

Uno degli scatti preferiti di Emanuele

Serramanna DISCARICA A CIELO APERTO segue dalla copertina

sta via costeggia l’ex cantina sociale di Serramanna e, nel muro perimetrale esterno della stessa, il Comune di Serramanna, alcuni anni fa decise di posizionare i cassonetti per la raccolta differenziata. Vennero sistemati il cassonetto per la raccolta del vetro, di colore blu, e quello per la raccolta dei pannolini di colore rosa. Nel corso degli anni il luogo deputato alla raccolta di tali rifiuti è diventato una discarica a cielo aperto. Quotidianamente in tale sito vengono scaricati i più disparati oggetti: pneu-

Serramanna, la vergognosa situazione in via Crispi.

6

la nostra salute. Ormai stufo, ho chiamato l’Ufficio Tecnico del Comune di Serramanna e il mio interlocutore mi ha risposto dicendomi di scrivere. Gli ho spiegato che avevo già scritto in passato e che non era cambiato nulla ma non c’è stato verso. Il dipendente ha continuato dicendo candidamente che al termine della telefonata lui non avrebbe fatto nulla. E’ possibile vivere in una situazione simile? Non sarebbe più semplice creare un’apposita area verde dove poter smaltire questi rifiuti senza che il singolo sia costretto a viverci a stretto contatto? Spero che quanto esposto possa servire come esempio da non imitare per le altre comunità che compongono la nostra piccola e giovane Provincia. Alessandro Munzittu


Arbus IL FESTIVAL CANORO ARBUS Ad Arbus torna il tanto atteso W.R. Festival Canoro! Per tutti coloro interessati a partecipare sono aperte le iscrizioni presso gli studi della W.R. Recording di William Sardu ad Arbus. I candidati

Il logo del Festival Canoro

devono avere un’età minima di 13 anni, possono interpretare sia un brano inedito che edito e devono far pervenire le iscrizioni entro il 26 agosto. I primi tre classificati riceveranno in premio dei buoni di registrazione di diversa entità, per poter continuare a coltivare la passione della musica e del canto. La data è stata fissata per domenica 4 Settembre in occasione dei festeggiamenti della Beata Vergine Maria Regina ad Arbus, presso la Parrocchia

di Via Rinascita. L’organizzazione del Festival Canoro può essere contattata via mail all’indirizzo email:

i n fo @ w r- re co rd i n g. co m oppure chiamando telefonicamente lo 070.9753038. Roberta Pani

Arbus MULTA CON IL SORRISO ARBUS Ricordate la frase “Sorridi al turismo”, lo spot che qualche anno fa cam-

ARRIVA L’ESTATE... ARRIVANO I SOLARI E I PRODOTTI AVEENO BABY!

peggiava per promuovere la Sardegna? Quelli grandetti come me la ricorderanno senz’altro. Una frase che era tutto un programma: una strada a senso unico e due turisti che la percorrevano in senso contrario con la cartina in mano, il sardo di turno che risponde con un grande sorriso e che poi da indicazioni sulla meta da raggiungere. Insomma, uno spot straordinario che dovrebbe essere tenuto a mente da tutti perché solo con il sorriso si può accogliere un ospite. Ma accade sempre così? Diciamo che qualche volta capita e altre volte no. Nella nostra marina in particolare nelle spiagge di Pistis e Torre dei Corsari al turista non si può sorridere dato che nei fine settimana i vigili urbani di Arbus per far rispettare la legge sono obbligati a consumare interi taccuini di verbali. I turisti parcheggiano dappertutto e i vigili urbani scrivono e lasciano il ricordino di una giornata trascorsa nella nostra mari-

na. Premesso che le sanzioni vanno apposte ogni qual volta si commetta un’infrazione, c’è da chiedersi “non sarà il caso di realizzare parcheggi”? E dato che i posti auto sono insufficienti, non sarebbe meglio informare gli ospiti invitandoli a raggiungere un’altra spiaggia della marina, considerato che non si può parcheggiare? Il sindaco Franco Atzori si dice sconcertato e pensa di risolvere il problema in futuro come ha già fatto a Gutturu ‘e Flumini realizzando 400 nuovi posti auto. Di certo non può e non deve rimproverare i vi-

gili, considerato che fanno il loro lavoro e ovviamente lo fanno nell’interesse e nel rispetto delle norme. E allora cosa si può fare? Basterebbe utilizzare il buon senso: cartelli evidenti in cui si avvisano meglio i turisti dei rischi della giornata trascorsa in mare, perché il semplice cartello di divieto di sosta non sempre viene preso nella giusta considerazione. Una sanzione amministrativa fa sempre male, ma se la dai con uno spirito collaborativo be almeno hai tentato di non rovinare una giornata al mare. Fausto Orrù

Vigili all’opera nel litorale della Costa Verde

7


Medio Campidano DRAMMA EMIGRAZIONE Un treno, un fischio e si parte. Una nave, ancora un fischio e si parte. Un aereo, un girare veloce dei motori e si parte. Inizia così il viaggio di migliaia di ragazzi che lasciano la nostra terra per lavoro. Il Medio Campidano come del resto le altre Province della Sardegna, ogni anno fanno i conti con

i giovani che lasciano la propria terra alla ricerca di un lavoro. Si va in Germania, Olanda, Belgio, o nella riviera romagnola, o a Londra e Parigi. I numeri sono da brividi, ma ogni anno, solo nelle nostre comunità, si contano oltre duemila persone che vanno a lavorare fuori dalla Sardegna per fare le cosiddette “stagioni”. E’ evidente che il disagio è notevole dato che si sa quando si parte e non si sa quando si rientra; anzi l’augurio che si può fare è quello di non rientrare e di ritrovarsi per le prossime ferie. Ma anche loro sono così felici di lasciare l’isola? “La cosa che ancora ricordo è quando ho salutato i miei genitori 4 anni fa! Aeroporto di Cagliari ore 14,40 volo Cagliari-Roma, da Roma alle 17 volo per Londra. Mamma piangeva, babbo piangeva dentro. La laurea in tasca e la fortuna

di aver trovato lavoro a Londra per uno stage di 6 mesi con la speranza di rimanere a lungo. Sono ancora lì, ho una compagna, un bambino in arrivo e il sogno nel cassetto è quello di tornare in Sardegna ma so che non sarà facile. A Londra mi occupo di piattaforme petrolifere per conto di una multinazionale; ricopro un ruolo di primo piano in un’azienda che mi ha voluto bene e adottato fin dal primo giorno che sono arrivato”. La mancanza della Sardegna la sente anche Katiuscia Mameli che dice: “La mia isola mi manca moltissimo, anche perchè devi avere uno stacco molto forte da tutti i tuoi affetti, la tua famiglia, e per chi ha il ragazzo è dura perché se non sale lui noi non possiamo scendere, solo in caso di disgrazia. Quindi meglio non scendere. E mi scoccia lasciare l’isola, lì c’è il mare, ogni esta-

te da diversi anni la passiamo qua, ma almeno il lavoro non manca e qui in Germania si sta benissimo. Quest’anno siamo partite in duecento e siamo partite una settimana prima del dovuto perché c’e molto lavoro rispetto all’anno scorso.“ Insomma cambia il tempo ma non cambia la storia, quando i nostri nonni raggiungevano la penisola con la valigia di cartone in cerca di fortuna e anche oggi, davanti ad una Sardegna matrigna, si è costretti a raggiungere altre terre madri in grado di dare da mangiare ai propri figli e a quelli degli altri. Fausto Orrù

il Medio Campidano... secondo Silvio Casula

Siddi Capanna dei pastori

Chiesa di San Michele

Tomba dei giganti: Sa domu ‘e s’orcu

8

Orchidea selvatica della Giara


Amarcord Gonnosfanadiga

Eraviamo

Come eravamo e come siamo

Via Porru Bonelli (uno dei luoghi più conosciuti di Gonnosfanadiga) come si presentava alla fine degli anni ‘50 con la scuola elementare Giovanni Lecis rimessa a nuovo dopo la guerra e gli alberi nella zona della scalinata di fresca piantumatura. L’unica differenza tra ieri e oggi sembrano essere i soli alberi, fortunatamente cresciuti.

IERI

OGGI

Gonnosfanadiga IL ROMANZO DELLA VITA GONNOSFANADIGA E’ difficile che nei miei articoli io parli di libri. Ho sempre difficoltà a scrivere una mia opinione - che poi è anche il mio giudizio - e quest’ultimo, si sa, è sempre soggettivo. Ma questa estate mi è capitato tra le mani un libro che mi

La copertina del libro

ha prestato un conoscente. Arrivava direttamente dalla biblioteca. Mi sono interessato a questo volume rilegato alla bene e meglio e ho scoperto che era il più letto e trafficato della biblioteca di Gonnosfanadiga. Addiritura ha avuto molte più richieste di Pirandello e Verga, e per leggerlo dovevi prenotarlo per poi essere informato dal responsabile della biblioteca che potevi andare a prenderlo. In sintesi ho commesso un abuso, ho letto il libro facendo aspettare un altro e per questo mi scuso. Solo successivamente ho scoperto che l’autrice era di Gonnosfanadiga. Ho letto il libro tutto d’un fiato, forse perché non era molto lungo, ma più che un dettaglio è stata la storia ad avermi coinvolto, anzi rapito. Vi invito a leggerlo perché è un libro scritto con il cuore,

e nella storia del romanzo emerge fino a coinvolgerti il volere dell’autrice: portarti dentro una storia di tanti anni fa realmente accaduta. Il libro si intitola “Il romanzo della vita” ed è scritto da Marisa Fenu che è di Gonnosfanadiga ma che per lavoro vive a Roma. Non è la sua unica opera infatti ha pubblicato anche un libro di poesie che si intitola “Da quando sei partita”, all’inter-

no una poesia straordinaria dal titolo “Siamesi”. Se uno lo vuole reperire può farlo attraverso i numerosi siti internet specializzati. Fausto Orrù

9


Barumini IL NUOVO PONTE ANTI ALLUVIONI BARUMINI Dopo le due alluvioni che colpirono la nostra zona nel 2008, Barumini in particolare, l’arrivo della stagione autunnale fa un po’ paura. In alcune zone del paese l’acqua e il

fango raggiunsero il metro e ottanta di altezza. Il punto del paese più colpito fu probabilmente quello sottostante il ponte che collega Barumini al nuraghe. Ed è proprio in previsione di un’altra eventuale stagione particolarmente piovosa, che a breve il ponte verrà

Sotto il ponte si può ancora vedere il segno del livello raggiunto dall’acqua nel 2008

completamente ristrutturato. Le acque abbondanti che arrivano tramite il torrente “Canala Majore” defluiranno attraverso un’arcata molto più capiente che non dovrebbe creare pericoli di ingorgo di fango e altri detriti, causa di numerosi e gravissimi danni alle abitazioni e agli scantinati di quelle vie. Nel periodo in cui si svolgeranno i lavori, il traffico verrà deviato in una bretella laterale costruita appositamente. Quest’anno si è deciso di giocare d’anticipo, creando anche una nuova rete di raccolta per le acque bianche. Si spera in questo

modo di non arrivare impreparati ad eventuali piogge torrenziali che già hanno terrorizzato fin troppo la popolazione, e di allontanare definitivamente il fantasma delle alluvioni. Insieme alla nuova rete di raccolta, la ristrutturazione del ponte aiuterà di certo i baruminesi ad avvicinarsi alla stagione autunnale senza troppi timori. Giulia Mereu

Oltre il Medio Campidano L’ANGUILLA DELLA DISCORDIA SANTA GIUSTA Lo dicevano i Latini: Nemo propheta in patria. Forse in quel di Santa Giusta, paese lagunare noto anche per le sue anguille, non hanno capito che l’antico detto era la stigmatizzazione di un malcostume, non un insegnamento dei nostri avi romani. “Tu quoque” diceva Giulio Cesare al figlio Bruto, “Vos quoque” direbbe probabilmente Sal-

La scultura della discordia

10

vatore Garau ad alcuni suoi compaesani, che hanno fatto sconfinare la querelle sulla sua scultura dalla Svizzera al profondo sud italiano. Lo scontro fratricida sorto su “S’Anguidda” è un brutto capitolo per lo stesso centro urbano, che ha visto le logiche della campagna elettorale prevalere su discorsi razionali, con la nascita improvvisa di tanti critici d’arte. E mentre chi non sa neanche cos’è un pennello ha fatto sbellicare dalle risa mezza Sardegna, il Nostro, dopo aver esposto a New York, Londra, Washington, Lima, Milano e al parlamento di Strasburgo, quest’anno se ne va alla Biennale di Venezia. L’ha chiamata “Anguilla di Marte”, come se, caduta dallo spazio, si fosse conficcata direttamente nella piazza del Comune. È alta 12 metri, larga 1,1 e pesa cinque tonnellate. Un’opera in ferro, battuto centimetro per centimetro, con una struttura interna, frutto di dettagliati calcoli ingegne-

ristici, capace di resistere a qualsiasi tipo d’intemperie. Costo: 40 mila euro più le spese di scavo. Di questi, 30 mila son stati elargiti dalla Fondazione del Banco di Sardegna, e una parte del ferro è stata donata. Anche il progetto artistico è un regalo. Alla coda sarebbe dovuta seguire la testa in mezzo alla laguna, ma l’attuale amministrazione di Santa Giusta non sembra essere interessata. Almeno per coerenza, posto che la contrarietà all’opera è stata uno dei cardini della campagna elettorale dello scorso anno. “Parlare dell’opera, anche male, va bene, - dice l’artista - perché così vive, respira. Ciò che mi ha molto deluso è stato il nuovo sindaco (Angelo Pinna, nda) che, insediato da neanche un’ora, ha trovato il tempo di ironizzare sulla scultura a mezzo stampa. Tuttavia non abbandono l’idea della testa, che continua a scavare nel sottosuolo e prima o poi troverà uno sbocco”. Se ne fa un discorso di costi,

eppure Milo Goj, direttore di del periodico economico Espansione, nel febbraio 2009 consigliava a chi voleva investire economicamente sull’arte, proprio il nome di Salvatore Garau: un suo quadro di dimensioni comuni può costare da 8 mila a 45 mila euro. L’ex batterista dei Salis e degli Stormy Six di strada ne ha fatta, e da venticinque anni solca mari e oceani ma, purtroppo, a Santa Giusta non tutti se ne sono accorti e per solcare la laguna si rinvia a data da destinarsi. Pier Paolo Medda


Medio Campidano PROVINCIA NELLA RETE SITI UNESCO segue dalla copertina

dei siti Unesco del Sud Italia”. Il progetto intende sperimentare e mettere a punto un modello d’intervento volto a valorizzare il potenziale turistico dei siti UNESCO dell’Italia meridionale (Sardegna, Sicilia, Campania, Basilicata, Puglia). L’associazione riunisce gli enti nei cui territori ricadono i siti ufficiali iscritti come Patrimonio dell’Umanità al fine di garantire la cooperazione, il dialogo e l’aggregazione fra portatori di interessi dei territori coinvolti, basi essenziali per le reti inter-

è compreso nella lista dei beni dichiarati dall’Unesco Patrimonio Mondiale dell’Umanità - è possibile godere della particolare bellezza del sistema dunoso di Piscinas, delle aree minerarie dismesse di Monte Vecchio e Ingurtosu. A trenta minuti dal sito nuragico si trovano le Terme di Sardara e i beni culturali e artistici di Villanovafranca, Villanovaforru,

Villamar, Genuri, Tuili, Siddi, Ussaramanna, Turri, Las Plassas, Setzu e Gesturi. Inoltre, lo stesso comune di Barumini, dove ricade “Su Nuraxi”, fa parte dei 14 comuni che alla base racchiudono l’Altipiano della Giara ricco di biodiversità animali e vegetali di grande interesse scientifico, e anche regno indiscusso dei cavallini selvaggi.

I cavallini della Giara di Gesturi

regionali. Il progetto ha l’obiettivo di qualificare l’offerta turistica nazionale con servizi innovativi, facendo leva sulla valorizzazione del turismo culturale, soprattutto in una prospettiva di destagionalizzazione; sulla maggiore accessibilità del patrimonio culturale Unesco nelle aree di intervento del progetto; nonché sulla promozione delle opportunità che il territorio possiede in termini di offerta turistica: cultura, ambiente, natura, prodotti tipici, tradizioni, specificità sportive. Nel Medio Campidano l’iniziativa assume maggior significato in quanto le località sono circoscritte in un territorio ristretto e di facile accesso. Va ribadito che ad un’ora dal Nuraghe di Barumini - che

11


Siddi IL MUSEO ORNITOLOGICO Nato nel 2002, a seguito dell’evoluzione del Museo Civico Naturalistico e Mineralogico verso un’esposizione monotematica, il Museo Ornitologico della Sardegna offre la più completa collezione museale di uccelli dell’Isola, con una raccolta di circa 300 esemplari. Il museo, situato nel centro storico di Siddi, si compone di due sezioni differenti alle quali il visitatore può accedere seguendo un percorso preciso. La sezione espositiva-informativa permette di osservare diversi esemplari della collezione: dal fenicottero al tarabuso, dal gufo comune all’assiolo, dal picchio rosso minore al gabbiano corso, ecc. Il percorso si chiu-

de con una rappresentazione evolutiva degli uccelli: dal “dinosauro con le ali” Archeopteryx, ai resti di diverse specie odierne. La sezione ludicodidattica è caratterizzata da uno spazio “eco-ambiente attivo” in cui si possono apprezzare in senso visivo, sonoro, tattile e anche olfattivo diversi habitat della Sardegna. Schermi e PC permettono inoltre di svolgere attività didattiche e di monitorare 24 ore su 24 la vita di alcune rondini attraverso il collegamento con delle telecamere sistemate a scopo scientifico e divulgativo accanto ad alcuni nidi, all’interno di una casa tipica nel centro storico del Paese. La disposizione delle due sezioni è dinamica, nel senso che cambia insieme alle stagioni al fine di riflettere con mag-

giore esattezza i mutamenti della natura e le migrazioni degli uccelli durante l’anno. Oltre allo scopo didattico e informativo, il museo si pone l’obiettivo di sensibilizzare il visitatore al rispetto della fauna sarda. L’attività del Museo va oltre le mura dell’edificio che lo ospita, infatti i visitatori possono approfondire la loro visita con attività e laboratori scientifici a scopo didattico negli spazi

della giara di Siddi. L’obiettivo per il futuro è di completare la collezione museale al fine di includere tutte le specie di uccelli presenti in Sardegna e raggiungere quindi un’esposizione di circa 360 esemplari. Per ulteriori informazioni sulle iniziative museali e per le altre attività si consiglia la consultazione del sito internet www.villasilli.it.

un tecnico che già conosce la piazza, quell’Enzo Zottoli che non meno di tre anni fa fu autore di una stagione assolutamente da incorniciare e culminata con lo storico approdo in D. Ora però la musica è totalmente diversa, i tempi belli sono finiti, e lo stesso Zottoli è alla ricerca di un riscatto dopo l’infelice annata 2010/2011 col Samassi, retrocesso in Promozione. A Villacidro non si piange ma nemmeno si ride: l’assetto societario è stato cambiato, con Tonino Cabriolu che è subentrato alla presidenza ad Angelo Pistis. L’organico è stato to-

talmente rivoluzionato con l’innesto di diversi giovani, e nuovo è anche il tecnico, Mario Orrù, lo scorso anno alla guida del S. Elena Quartu. Riusciranno a mantenere la categoria? Staremo a vedere. Un gradino più giù in Promozione, il Samassi mira a riconquistare subito l’Eccellenza, e lo ha fatto capire ingaggiando diversi elementi di grande caratura tecnica, su tutti gli attaccanti Paolo Piludu e Federico Trogu. Il Serramanna dal canto suo mira a ripetere l’ottima annata 2010/2011 anzi se possibile a fare meglio, e magari puntare ad una po-

sizione ad immediato ridosso dei vertici della classifica. A tutte le rappresentanti calcistiche del Medio Campidano l’augurio che la stagione 2011/2012 possa riservare maggiori soddisfazioni rispetto a quella passata.

Una serie di esemplari conservati al Museo Ornitologico di Siddi

Alessandro Abis

Sport UNA STAGIONE PER LA RINASCITA Toccherà a Sanluri e Villacidro cercare di tenere a galla per quanto possibile la bandiera del Medio Campidano a livello calcistico, dopo la scomparsa della Villacidrese. Tutt’e due iscritte al campionato di Eccellenza regionale, la massima espressione calcistica a livello dilettante, ed entrambe alle prese con una grave crisi economica che non permette più di effettuare grandi investimenti. Il Sanluri, retrocesso dalla serie D non senza rimpianti, riparte con

12

Stefano Serra

A.S.D. Sanluri Calcio in campo


E’ il numero dell’arrivismo, della supremazia e dell’imposizione coercitiva, delle lotte per il successo e la carriera, anche per avere un aumento di stipendio. Rappresenta il padrone, il superiore, il capo, l’alta personalità religiosa che benedice ed assolve, il successo come coronazione finale. Rappresenta il marito, come colui che protegge la famiglia e la coppia. E’ anche il numero della chiesa come edificio sacro nel quale è depositato il comando spirituale, del campanaro inteso come il personaggio che chiama all’appello i fedeli con il suono della campana, della luna che nella notte appare in posizione di superiorità rispetto alla vita terrena, degli spiriti che incutono timore e generano disagio, dello specchio che con il suo responso implacabile incute timore, anche per motivi di superstizione. E’ il numero della moralità, della concordia e delle buone associazioni. Quando è presente questo numero gli avvenimenti tendono sempre a normalizzarsi, gli eventi e le cose in genere sono fondati su principi sani, su cause giuste. E’ anche il numero delle persone che danno consigli onesti e disinteressati, delle associazioni basate su principi sani e duraturi, dei sogni nei quali si ricevono buone azioni e buoni consigli, delle conclusioni sagge. A questo numero sono associati in senso positivo anche il sale, il sangue, la porta di ingresso, la religione in genere, gli oggetti utili, le fontane, l’acqua chiara, il ferro di cavallo, le stelle cadenti, gli oroscopi strani. E’ il numero delle persone dispotiche e prepotenti, della frode, dello sciacallaggio, dei soldati di ventura, dei mercenari. Questo numero si collega al sognare o al subire un’azione dispotica da parte del marito, della moglie, di un figlio, di un parente, dell’amante, di un insegnante, delle forze dell’ordine. E’ anche il numero del plagio, degli affari illeciti, dei profitti fraudolenti, delle truffe, dei giornali e dei giornalisti disonesti, della stampa diffamatoria, degli uccelli esoterici, degli eventi naturali eccessivi. Questo numero rappresenta anche la colomba, la civetta, il granchio, le alluvioni.

Comprendo si fa portavoce dell’iniziativa! E-mail: info@aib-condove.it

Gioca responsabilmente, solo se sei maggiorenne, nel rispetto delle norme e raccomandazioni AAMS

Il racconto... a puntate L’AMORE AI TEMPI DEL CAOS di Berardo Viola

Episodio 4 La mia, più che una ritirata strategica, è stata una fuga. Sono praticamente scappato dalla festa di compleanno di Caterina, evitando di incrociare gli sguardi dei presenti. Che cavolo mi è saltato in mente? Sono tornato a casa di corsa e mi sono chiuso in camera. Dopo qualche minuto sono stato raggiunto da Giovanni, ancora con la birra in mano. “Ma che cosa ti è preso?“ ha sbottato. Ma non ero in vena di discussioni, così gli ho chiesto di lasciarmi solo. Quella notte non ho dormito, in testa mi rimbalzavano mille pensieri. Caterina mi avrebbe odiato per averle rovinato la festa, Cristiano probabilmente mi avrebbe gonfiato di botte e tutti avrebbero riso di me per anni. La mattina seguente una notifica su facebook peg-

giorò la situazione. “Sei stato taggato in un video“. Orrore! Qualcuno aveva ripreso la mia esibizione con un cellulare e l’aveva pubblicato su internet! Il filmato aveva decine di commenti. Con lo stomaco annodato ho iniziato a leggerli: “Sfigato“, “Ahahah!

Ma che canzone è?!“, “Lui è pessimo ma la chitarra non è male“. Ecco, non avrei potuto mettere la faccia fuori di casa per secoli. Ho continuato a leggere, poi ho ricevuto una notifica: “Caterina ha lasciato un commento in un video in cui sei taggato“. Batticuore.

Click. “Siete cattivi, è stato... dolce. Buffo, ma dolce“. Sono seguiti diversi “mi piace“ da parte delle sue amiche. Mi sono ripreso parecchi minuti dopo, non credevo ai miei occhi. Ho letto e riletto quel commento tutto il giorno! Dolce! Sono stato... dolce! Ho preso a ballare nella mia stanza, attirando lo sguardo perplesso di mia madre, sicuramente preoccupata per la mia salute mentale. Sono uscito di buon umore, ero al settimo cielo. E’ durato poco, però. Alla fermata dell’autobus sono stato avvicinato da Cristiano, sempre lui, e i suoi tre “scagnozzi“. Il tipico animale da branco, che prende coraggio solo se è in gruppo. Si è avvicinato con aria minacciosa, e afferrandomi la maglietta ha sussurrato a denti stretti “Stai lontano da lei o ti gonfio“. Poi senza aggiungere altro è salito sul pullman. Alle sue spalle, Caterina aveva appena assistito a tutta la scena... ...continua?

13


Comprendo sei tu!

Compro

INVIA I TUOI ANNUNCI VIA SMS AL 346-0096265 Ottimo affare - Serramanna Loc. Is Terrisceddasa, ottimo affare. Vendo terreno 15.000mq coltivato a melograni e altri alberi da frutto, presente una piccola casa per attrezzi e sonda per l’acqua. Prezzo interessante da concordare. Tel 3492305808. Chiesa di Santa Teresa - San Gavino Cercasi materiale multimediale (foto, video) ma anche articoli o testi riguardanti la storia della Parrocchia S. Teresa di San Gavino per la realizzazione di alcuni video in occasione del 40° anniversario. Chi volesse contribuire è pregato di inviare un’email all’indirizzo quarantesimo.santateresa@live.​it Vendesi fabbricato - Arbus Via Repubblica vendesi fabbricato complessivi 290 mq calpestabili composto da Locale commerciale mq 51, dotato di doppio ingresso, vetrina, servizio igienico e magazzino seminterrato di 40 mq; n. 2 appartamenti sovrastanti con accesso Via Cavallotti, mq 65 ciascuno, composti da cucina abitabile, 2 camere letto, salotto, andito, bagno, balconi su due lati per 15 mq, terrazzino 6 mq, oltre mansarda al terzo piano mq 50, garage 18 mq, cortile interno 24 mq. Telefono 347/3005440. Terreno edificabile a Serrenti Serrenti Vendesi terreno edificabile mq 308 via alghero zona b . Tel 348 27 31546

Vendo

OPPURE A REDAZIONE@COMPRENDO-ONLINE.IT Selezione venditori, agenti, reti vendita Oggi il mercato delle energie rinnovabili è più che mai il settore su cui investire il proprio futuro. Per rispondere a queste esigenze, la M.S. GREEN POWER seleziona su tutto il territorio nazionale: Venditori, Agenti, Reti vendita per la vendita e la consulenza dei propri prodotti. Contatti: tel. 339-1333191 o memomascia@msgreenpower.net Vendesi obiettivo Vendo “obiettivo zoom autofocus pentax 50/200 mm da f 4/5.6 Ed wr”. Completo di tappo ant/post e paraluce originali di serie. Praticamente nuovo, vero affare. Per info 340/9273987. Vendesi Seat Toledo - San Gavino Vendo Seat Toledo anno 2005 euro 8.500. Chiamare Salvatore 3491074616. Collezionismo Acquisto fumetti, album, figurine e dischi sino al 1980. Tel 3333298476, email tonkas@tiscali.It Zafferano - San Gavino Zafferano in fili e bulbi di San Gavino vendo. 340 8501028 Frutta e verdura Commerciante acquista da privati frutta e verdura, tipo angurie, meloni, pesche, pomodori e altro. Telefonare al numero 334.9610332

Autista cerca lavoro Autista con patenti ce cqc scheda tachigrafica cerca lavoro ovunque anche come secondo autista per fare pratica con articolati. 3471952969

Appartamento - Montevecchio Vendo appartamento 100 mq ristrutturato 070973116 oppure 3402374287

Strass vendesi Vendo 1400 strass verdi e 1400 blue veri Swarovski telefonare ore pasti. 070 939700

Vendesi lotto - Sanluri Vendesi lotto area residenziale mq 500, mc 727 prezzo € 92500. Tel. 3336134971

SAN GAVINO - Festa di Santa Chiara 2011: numeri vincenti della sottoscrizione a premi N. 2322 N. 1980 N. 1175 N. 0867 N. 0259 N. 0103

N. 0375 N. 2445 N. 2466 N. 0120 N. 2435 N. 0709

N. 1053 N. 1792 N. 1752 N. 0109 N. 1638 N. 1675

N. 2215 N. 1974 N. 0939 N. 0386 N. 1240 N. 0643

N. 1062 N. 0367 N. 0885 N. 1408 N. 0723 N. 1344

N. 1360 N. 1847 N. 2079 N. 0399 N. 0388 N. 2046

N. 1566 N. 1405 N. 2335 N. 2239 N. 2306 N. 0457

I premi si possono ritirare dal martedì alla domenica presso il Pastificio Santa Lucia in via Matteotti 68 a San Gavino Monreale entro il 30 Settembre 2011

14


Comprendo sei tu! Comprendo sei tu! Scrivi a redazione@comprendo-online.it oppure invia un sms al 346-0096265 Vi invio un paio di foto riguardanti vico Sauro in modo che ci si possa rendere conto di quanta sporcizia ed erbacce vengono lasciate in una strada centrale di San Gavino. Email - Riccardo

n.17

Salve, mi piacerebbe che qualcuno spendesse due parole in merito a questa statua. Non ho trovato su internet alcuna traccia. Se poi c’è anche qualcuno che sa spiegare il perché dell’abbandono totale della stessa, sarei davvero grato. Saluti, un paesano.

Quindicinale indipendente di commercio e attualità

Anno II – Numero 16 23 Agosto 2011 Direttore Responsabile Fausto Orrù direttore@comprendo-online.it Responsabile pubblicitario Luca Fois pubblicita@comprendo-online.it 340-3432895 Web, grafica e impaginazione Simone Usai redazione@comprendo-online.it 349-5306966

Email - Lettera firmata

Gentile lettore, si tratta di una statua collocata in quello che era il vecchio monastero dei “paras arestis“, accessibile dalla strada che da San Gavino porta a Guspini. Invitiamo i lettori che conoscono la storia dei frati a raccontarcela! La Redazione

Ma è possibile che il comune di Arbus non ci faccia transitare per chi arriva da Gonnos nella strada della zona arti-

Redazione Loc. Grui Zona Artigianale P.I.P. sn presso G&M Arti Grafiche 09037 San Gavino Monreale

gianale per andare al mare? I divieti sono invisibili anche se presenti e poi ci sono gli sceriffi che sono pronti ad intervenire per i fatti loro speronando i veicoli. Anche domenica scorsa l’ennesimo episodio. Piuttosto che passare da Arbus per andare al mare preferisco passare da Sibiri. SMS - Lettera firmata

Il sindaco Franco Atzori ha spiegato che si tratta di una strada rurale e che quindi non può supportare un traffico intenso, essendo per altro ad una sola corsia. I cartelli invece farà di tutto affinchè siano più visibili. La Redazione

Succede a Pabillonis. Un privato cittadino richiede l’autorizza-

zione per la manutenzione e irrigazione gratuita delle piante di ontano, ma a distanza di otto giorni non ha avuto alcuna risposta. SMS - Lettera firmata

Da una lettura veloce del precedente numero relativamente alla conclusione del torneo notturno di Calcio a Gonnosfanadiga potrebbe sembrare che i vincitori del torneo e i ladri fossero gli stessi. In realtà I vincitori del torneo dal punto di vista agonistico sono “Elettro Orrù” nella categoria Open e de “Is amigus” negli over, i quali non hanno nulla a che vedere con i ladri delinquenti che hanno svaligiato il bar dell’U.S. Gonnosfanadiga. Una doverosa chiarezza per chi avesse frainteso. SMS - Lettera firmata

Stampa G&M Arti Grafiche Loc. Grui Zona Artigianale P.I.P. sn 09037 San Gavino Monreale Registrato presso il Tribunale di Cagliari Registrazione N. 23/010 del 01-12-2010 La direzione di Comprendo si riserva il diritto di rifiutare o sospendere una inserzione a proprio insindacabile giudizio. L’Editore non risponde di eventuali errori di stampa, ritardi o danni causati dalla non pubblicazione di inserzioni per qualsiasi motivo. È vietata ogni riproduzione, anche parziale, di questa copia di giornale. Ogni pubblicazione su Comprendo è da intendersi in forma gratuita. Il materiale consegnato alla redazione non sarà restituito. Con l’invio di lettere, e-mail, foto, sms e mms se ne autorizza la pubblicazione.

Comprendo è stampato con carta ecologica riciclata in 40.000 copie ed è distribuito in tutti i Comuni della Provincia del Medio Campidano Per la vostra pubblicità contattateci per un preventivo pubblicita@comprendo-online.it Tel. 340-3432895 http://www.comprendo-online.it

Ciao voglio salutare i miei nipotini Giorgio, Giorgia, Sara, Gabriele: sono tutta la mia vita. SMS - Gianluigi Sibiriu

15


www.comprendo-online.it

Profile for Redazione Comprendo

Comprendo 17  

Comprendo 17

Comprendo 17  

Comprendo 17

Profile for comprendo