Page 1

COMMON

april2010

UNCOMMON

some private years

1짜


WORDS FROM THE EDITOR back to roots, no postproductions, no decorations, no anything else but this pure voice from fashion, graphics and


photography. For our 12th issue, on completion of our FIRST 1# anniversary we want to thank you personally by welcoming everybody at the party, in Milano, on friday 23rd, 2010, at sottomarino giallo http://www.sottomarinogiallo.it YOURSELF COMES FIRST, REMEMBER.


a streetcasting b

COLLECTIO http://www.collectionprivee.it


by

ON PRIVĂˆE Do I need something sweet? Are feelings private?


Everybody has happiness, may something that when you’re as true. Private an


s its own private ybe hidden, t you show sked to be nd fetish secrets.


why is everybody so nice all of a sudden?


Is the devil pleased with me?


Should I make myself available for research?


Should I shun the light of the day?


Truly why can’t I be really cheerful? Do I have to be cheerful?


Are they eating everything away from me?


Is happiness looking for me in the wrong place?


What are those gloomy figures doing in the twilight at the end of the street?


Do coziness and elegance go their separate ways?


Is there a mistake around today that is as big as the idea of the heart being flat?


Why do I live in an animal body?


Is my body a hotel?


Why do I fall out of my bed at night?


Should I crawl into my bed and stop producing things all the time?


Why can’t I sit still?


Could I have become something else?


Is it possible to live in a cave with a wild strange woman?


Does profound peace prevail home when I’m not there?


Was my bath too hot?


Is it possible to do everything wrong?


Shouldn’t I be ashamed of things that have nothing to do with me?


Does being tired help to understand secret messages?


Is it dangerous to dream of another life all the time? Am I needlessly torturing myself?


Is it okay for my feelings to ignore my reservations?


Should I take a walk outside at night in a storm in winter with a fever and wearing wet clothes?


Is Mr. Insanity at the door?


Should I paint a pyrate ship on my car with an armed woman on it holding a decapitated head by the hair?


Should I secretly in fairfield?


can truth do whatever it wants... get away with everything?


Should I invade Russia?


Why is the forest silent?


Is the realm of possibility getting smaller and smaller?


Is it hard to imagine an empty universe?


Is it hard to imagine an empty universe?


Should I take drugs on scientific grounds?


Is a ghost marching next to me?


Should I build myself a world of illusion?


Do galaxies separate me from the others?


Are there no limits to the impossible?


Does reality really deserve such distrust?


Is my soul the ghost that drives my car aroung at night?


Are there false feelings? Is there such a thing as bad music?


Is my mirror enough contact with the outside world?


What’s dozing in secret


Is the engine warming up to me?


Have I never been completely awake?


Was there someone in my room?


Am I a clean, well-oiled machine?


Photo by Giuseppe Va Vanessa Gar

questions by Peter Fischli / David Weiss taken from “Will Happiness Find Me?� Koening Books London


accaro rcia Sacristan


http://www.ilariamai.it/


Ilariamai è la creatrice di Comme l’oiseau. Una collezione di borse fresca, innovativa e futuristica: l’anima di ogni borsa è il manico che avvolge sacche di differenti tessuti, materiali e colori con un sistema di bottoni automatici. Il manico può essere in cuoio o in pvc trasparente mentre il tessuto della borsa può sceglierlo direttamente la cliente! Un occhio alla sostenibilità e alla voglia sempre di cambiare, di cambiarsi.


La rivoluzione è questione di stile (posa la pistola sul tavolo e urla:) La rivoluzione è questione di stile. (cambia la borsa) Bisogna vestirsi bene. È importante. Certe cose o le si fa vestiti bene o è inutile. Non funziona. È facile!

Non avere paura. È bene anche raccogliere le idee prima di agire. Prepararsi un paio di barzellette o un paio di aneddoti divertenti non bisogna mai fare ridere troppo. Solo quando occorre provocare una risata e poi scomparire.

hunk neo cons minimal chic wasp street style swinging london new biker new skate style brit style eco style nerd style metrosexual aprés-midi bimbo bo-bo BUM!

Intuire. Ragazzi. Bisogna intuire.

Il tessuto. Il colore.

lasciare soltanto di te (spruzza un profumo: ts ts) un sospetto.

Bisogna capire la situazione comprendere il luogo non dimenticare mai i dettagli. L’eleganza è una questione di presenza di congruenza fra il luogo e l’abito che si ha. Far sentire che ci sei anche se risulti invisibile. Conoscere tutti i locali più cool della tua città pentesilea plastìc il blanco il gold ma mai mai essere un habitué... che schifo. Bisogna scegliere. Essere precisi. È necessaria anche una certa dose di freddezza nella scelta dell’abito. Non lasciarsi trasportare non pensare troppo. Non è importante quello che si vuole comunicare nemmeno quello che si è bisogna solo badare alla situazione. A quello che sta intorno a noi. A chi ti guarderà a chi ci sarà con chi dovrai parlare a chi dovrai stringere la mano. Immaginarsi tutte le facce tutti i vestiti che saranno i tuoi calcolare i rischi gli imprevisti. I pericoli! E non dimenticare mai un fazzoletto. (tira fuori la muchina e si pulisce la mani)

Essere discreto veloce vedere al buio sapere sempre come comportarsi anche se la situazione può apparire imprevedibile. Mai lasciarsi sbalordire. Non bisogna mai farsi convincere. Non bisogna mai convincere nessuno. Scivolare, impercettibile da un vernissage all’altro

Bisogna analizzare, pensare come pensa la gente. Guardare un po’ di televisione leggere qualche giornale essere aggiornati. Fare un sacco di complimenti (si ferma e guarda la più bella fra il pubblico; dice: sei bellissima, davvero) I complimenti! alla gente piacciono i complimenti piace essere compiaciuti piace che si dica quella che loro pensano come a teatro. Sottintendere appartenenze politiche in base alla situazione ma non bisogna mai approfondire la politica è noiosa parlare d’altro, poi scomparire. (tira fuori il rossetto e se lo mette) Prepararsi. Allenarsi alla risata. Esercitarsi ogni giorno affinché le tue risate siano vere. Essere pronti a ridere a chiunque sinceramente fare finta di divertirsi e poi scomparire. Uno ti racconta che la moglie lo ha lasciato (si mette la parrucca) ma le donne sono donne! Uno ti racconta che si è appena sposato. Amico caro: una donna vicino è ciò che conta. Lo stesso arriva a confessarti che ama un uomo ma in confidenza: chi non ha mai amato un uomo! L’importante è vestirsi bene. Cercare che l’abito dica di più di quello che tu hai da dire. Non c’è più niente da dire non c’è più niente che convinca davvero la gente.


Bisogna solo agire. (si mette gli occhiali da sole) Allora è importante che l’abito dica di più dia l’illusione che ci sia qualcosa di più da dire. La gente non si convince con le idee. Un paio di scarpe di McQueen (che dio l’abbia in gloria) fanno di più che una vita intera. Bisogna sorridere. Va tutto bene. Dare l’impressione che tu sai che tu puoi... (indossa i guantini) farsi affidare compiti difficili compiti di potere decidere per gli altri rimanere a Milano ma oddio: tre giorni, non di più! Le responsabilità non ti spaventano avere soldi, credito, fiducia poi scomparire. E Bisogna anche saper ballare... Essere seducente dimagrire. Andare a dormire prima delle dieci alzarsi alle sei fare yoga, giocare a tennis andare in piscina alle nove essere in ufficio mangiare poco pochissimo! Non avere vizi (si accende una sigaretta) Il fumo uccide, ragazzi miei... Non leggere i libri avere amici che leggono i libri Avvelenare i pozzi. Per sabotare il sistema bisogna avere una borsa come questa (non come quella) Bisogna bere discretamente. Conoscere i vizi. (spegne la sigaretta) Non lasciarsi trasportare. Far comprendere che ti piace come l’altro è vestito. Non commentare mai. Lasciare intuire che sai di più di quello che sai ripeto: bisogna dimagrire poi agire. La rivoluzione è una questione di stile. Allacciare tutti i bottoni della camicia stringersi nella giacca badare che ci siano dettagli rari eleganti appena percepibili. Adesso avvicinatevi. Più vicini. Dai avvicinatevi! Dopo che avrete scelto i vestiti

dopo che avrete messo i vestiti dopo che tutti i dettagli saranno definiti quando avrete anche voi una borsa come questa... avvicinatevi. Vi voglio più vicini. E non fate quelle facce! Ho detto bisogna ridere. Sorridete! Dovete essere felici! Avvicinatevi! (si leva parrucca e occhiali, e dice:) Non volete darmi un ultimo bacio? (Prende la pistola e inizia a cantare...) Con un poco di zucchero la pillola va giù la pillola va giù va giù. Bisogna solo agire. (si mette gli occhiali da sole) ripeto: bisogna dimagrire poi agire. La rivoluzione è una questione di stile. Allacciare tutti i bottoni della camicia stringersi nella giacca badare che ci siano dettagli rari eleganti appena percepibili. Adesso avvicinatevi. Più vicini. Dai avvicinatevi! Dopo che avrete scelto i vestiti dopo che avrete messo i vestiti dopo che tutti i dettagli saranno definiti quando avrete anche voi una borsa come questa... avvicinatevi. Vi voglio più vicini. E non fate quelle facce! Ho detto bisogna ridere. Sorridete! Dovete essere felici! Avvicinatevi! (si leva parrucca e occhiali, e dice:) Non volete darmi un ultimo bacio? (Prende la pistola e inizia a cantare...) Con un poco di zucchero la pillola va giù la pillola va giù va giù.

Autore: Tommaso Di Dio Interprete: Eugenio Vaccaro Compagnia Esiba Arte


Happy birthday COMMONUNCOMMON Magazine http://www.commonuncommon.com

SPY - Some Private Years  

Spy and suspicious, for a very private collection... Am I somebody else in private?

Read more
Read more
Similar to
Popular now
Just for you