Issuu on Google+

Capitolo Uno


DA-DADA DUM DA DI DI DA DI DA, DA-DADA DUM DA DI DI DAA!

ERA LA PICCOLA, GRAZIOSA POLLY PERKINS DI PADDINGTON GREEN!

ERA BELLA COME UNA FARFALLA, MAESTOSA COME UNA REGINA.

PIKE! PIKEY! DOVE CAVOLO SEI?

CHE HAI TROVATO? ANCORA SORCI PER COLAZIONE, EH! BRAVA BESTIA!

E LEVATI, CAZZO! FA’ UN PO’ VEDERE.

GUARDA GUARDA, QUESTO È BUONO QUESTO DA FARCI IL FUOCO, ALTROCHÉ… ORA CI PREPARIAMO UNA COLAZIONE COI FIOCCHI, VERO PIKEY?

A-DA DUMDIDUM DI DI DA DAA DI PADDINGTON GREEN!

NNNG! SARÀ MEGLIO CHE NE VALGA LA PENA, PICCOLO BASTARDO, SENNÒ TI TAGLIO LE PALLE!

NNNGAAAH! ECCO FATTO!

E ADESSO VEDIAMO PER COS’ERA TUTTO ’STO CASINO!

AAAAAH!

6

7


Mi manca lo scalpiccìo dei cavalli.

ODDIO! È TORNATO! È TORNATO!

Non posso impedirmi di pensare che, nell’impazienza di sfruttare i vantaggi della tecnologia rimasta in nostro possesso in seguito alla fallimentare invasione marziana di dieci anni fa, non abbiamo ancora valutato le conseguenze dell’impatto che essa ha avuto sulle nostre vite. GAAHH!!

AAAAAH! VIA, ANDIAMOCENE VIA!

La nostra valorosa Isola doveva fare da testa di ponte niente meno che per un sogno alieno di conquista mondiale. Siamo stati gli unici a tenere duro, mentre le potenze di Prussia, delle Russie e degli Stati Uniti restavano a guardare senza far nulla.

AAAH!

BLEEEEAH! COS…?

Da soli abbiamo affrontato il terrore di quei giorni, combattendo con proiettili e granate, determinazione e coraggio contro i terribili raggi termici dei marziani e il micidiale Fumo Nero.

Fu evidente che non avevamo bisogno di alleati tanto inaffidabili. Secondo alcuni siamo stati aiutati da un Potere con mire e progetti di gran lunga superiori. Non tutti la pensano così. Comunque sia, abbiamo vinto.

I marziani, che ci consideravano microbi insignificanti, a loro volta, ironia della sorte, sono stati spazzati via da micro-organismi ai quali noi siamo immuni da secoli.

AAH!

8

9


L’involontario lascito dei marziani ai loro schiavi mancati è una forma di tecnologia talmente avanzata da non poter essere, al tempo, nemmeno concepita dall’umanità.

Nel giro di una decina d’anni le nostre menti più eccelse ne hanno decifrato i segreti, consentendoci di trasformare le loro macchine di guerra e sopraffazione in strumenti di uso quotidiano.

Dopo tutto la nostra gente ha trionfato sulle avversità, e ottenuto una ricompensa inattesa, di cui tutti possiamo godere.

Tuttavia, anche se abbiamo sconfitto i marziani, ci siamo lasciati pericolosamente asservire da una forma di conquista più subdola…

MALEDIZIONE…

Il fiero destriero, nostro compagno e mezzo di trasporto per millenni, sostituito da un giocattolo meccanico! Le case sono ora riscaldate e illuminate da una variante del raggio termico, un tempo tanto temuto. I grandi mulini e le fabbriche del Nord sono diventati enormi stabilimenti automatizzati.

AVANTI.

GIÀ. NON HA DORMITO NEPPURE STANOTTE?

BUONGIORNO, SIGNORE.

HA LAVORATO ANCHE A QUALCOS’ALTRO, EH?

BIGLIET

Oggi l’Impero Britannico è una potenza mondiale senza pari, ma non posso fare a meno di chiedermi se nel processo non abbiamo smarrito qualcosa.

10

Abbiamo salvato il mondo, e oggi tutti ci invidiano… o piuttosto ci temono.

AH, SERGENTE. È GIÀ MATTINA?

AAAAHHHWWN… NO, NO… CERCAVO DI LAVORARE A QUELLA MALEDETTA AUTOBIOGRAFIA… INVANO.

11

DICIAMO COSÌ. PENSAVO POTESSE STIMOLARE IL MIO FLUSSO CREATIVO E INVECE HA FINITO PER INTORPIDIRLO.


HO FATTO UN PO’ DI CAFFÈ TURCO, PER STARE DALLA PARTE DEI BOTTONI.

SIGNORE, CON TUTTO IL RISPETTO, MAGARI DOVREBBE PIANTARLA PER UN PO’ DI SCRIVERE. SONO SETTIMANE CHE CI LAVORA E… BE’, NON È ARRIVATO DA NESSUNA PARTE, O SBAGLIO?

IL TEMPO CI HA MESSO DA PARTE, VECCHIO MIO. IL FUTURO CI HA SORPASSATO E NOI SIAMO RIMASTI INDIETRO A MANGIARE LA SUA POLVERE.

EPPURE È COME SE DA QUALCHE ANNO FOSSIMO TAGLIATI FUORI.

CHE BRAVO!

LEI CREDE?

QUESTA PANZANA DELL’AUTOBIOGRAFIA È UN PASSATEMPO DA VECCHIETTI. VOGLIO DIRE, CHE SENSO HA SCRIVERE DI TUTTO QUELLO CHE SI È FATTO SE NON SI HA ANCORA FINITO DI FARLO? NON SO SE MI SPIEGO.

CHI MAI VORREBBE LEGGERE LE MEMORIE DI UN SOLDATO, QUANDO GLI BASTA APRIRE LA PORTA DI CASA? ADDIRITTURA?

SERGENTE, IO L’HO VISTA ANNIENTARE UNA TIGRE DEL BENGALA A MANI NUDE. RIDURRE IN LACRIME UN COSACCO ENORME COL SOLO AIUTO DI UNA RISATA DI CUORE E UN PAIO DI FORBICINE.

EPPURE LA COSA CHE PIÙ MI SCONCERTA DI LEI È LA SUA INECCEPIBILE LOGICA SCOZZESE.

NELLE PRIME ORE DEL MATTINO UN UOMO È IN GRADO DI INTERROGARE LA PROPRIA ANIMA MEGLIO CHE IN QUALUNQUE ALTRO MOMENTO.

E MI SONO CHIESTO: PERCHÉ LO STO FACENDO? PERCHÉ SCRIVO DI UNA VITA VISSUTA A METÀ? E HO SCOPERTO CHE LA RISPOSTA NON MI PIACE.

VA BENE, VA BENE! UN ATTIMO DI PAZIENZA!

AH! TEMPISMO PERFETTO!

NON MI PRENDE PER IL CULO, VERO, SIGNORE?

LUNGI DA ME IL PENSIERO! COMUNQUE, SCHERZI A PARTE, SONO GIUNTO A UNA CONCLUSIONE SIMILE ANCH’IO.

IO E LEI ABBIAMO SERVITO LA REGINA E LA PATRIA CON GENEROSA DEVOZIONE. SUL CAMPO COME NEI GIOCHI DI POTERE DIETRO LE QUINTE.

TUTTO SI RICONDUCE A VANITÀ E NECESSITÀ DI CONFERME.

MAGARI È IL POSTINO.

BUONGIORNO, SIGNORI. COME POSSO…

ARCHIBALD SOLOMON CURRIE?

SÌ. POSSO AIUTARVI?

SIGNORE?

12

13

QUESTO LO DECIDO IO, GIOVANOTTO.

AH, DAVVERO? E TU CHI SARESTI, AMICO?


ISPETTORE GIUDIZIARIO DERBYSHIRE. QUESTO È IL SERGENTE CHIPS. PRENDA IL CAPPOTTO. VENGA CON NOI.

TU NON PREOCCUPARTI, RAZZA DI BAST…

MOTIVO?

EHM, POSSIAMO ENTRARE, SIGNORE?

E LEI CHI SAREBBE?

SONO IL MAGGIORE ROBERT AUTUMN. QUESTA È CASA MIA. QUESTO SIGNORE È AL MIO SERVIZIO. LEI INVECE PER QUALE RAGIONE SI TROVA QUI, ISPETTORE?

UNO SCOZZESE. INSOMMA, CONSIDERATO QUELLO CHE SUCCEDE SU AL NORD, SOPRATTUTTO CON LE TESTE CALDE, QUA BISOGNA STARE IN CAMPANA.

LO RICONOSCO SÌ…

EHM, NO.

SONO QUESTI I MODI DELLA POLIZIA, OGGIGIORNO? SI PRELEVA LA GENTE SULLA SOGLIA DI CASA SENZA UNO STRACCIO DI SPIEGAZIONE?

BE’, PRESTO DETTO, SIGNORE. IERI IN TARDA SERATA ABBIAMO BECCATO UN INDIVIDUO CHE SI ERA INTRUFOLATO IN UN UFFICIO NEI PRESSI DI DEAN STREET.

ALLORA RIMARRETE DOVE SIETE FINO A CHE NON AVRETE FORNITO DELLE SPIEGAZIONI.

AVETE UN MANDATO?

QUELLO HA OPPOSTO UNA CERTA RESISTENZA. CONTINUAVA A RIPETERE CHE ERA QUI PER CERCARE LA FIGLIA, CHE SECONDO LUI LAVORAVA NELL’EDIFICIO IN CUI SI ERA INTRODOTTO… PECCATO CHE SONO SECOLI CHE L’EDIFICIO È ABBANDONATO.

ABBIAMO PENSATO CHE FOSSE UNO SQUILIBRATO, E STAVAMO PER PORTARLO DENTRO, QUANDO LUI HA NOMINATO QUESTO INDIRIZZO E IL SUO UOMO, QUI.

AVEVA QUESTA FOTOGRAFIA. LO RICONOSCE, SIGNORE?

…SONO MIO FRATELLO DAVID E LA SUA FAMIGLIA!

SERGENTE?

14

15


Tracce di rosso