Page 81

81

7)Quiddhra foe na cosa brutta, ca ciuveddhri ìa bbutu fare, e cinca sta’ cosa l’àve fatta a l’infiernu àve scì’ spicciare.

Anche Collepasso imboccò un percorso: fu speculazione perniciosa, senza rimorso. Iniziò una fase molro cattiva, brutta, l’ambiente, la natura venne distrutta.

8)Moi cu sti tiempi nosci, ca nu nc’è postu pe’ ciuveddhri, tutti sta’ se nde vannu susu,(al nord) cagnulasthri e vagnuneddhri.

Ora i tempi sono assai cambiati, son più neri, son tanto peggiorati;

E su’ rimasti sulu ci tene tanti anni, e su’ chini te quai, chini te malanni. 9)Perciò, moi gghè rrivata l’ora bbona pe’ tutti li ‘nfermieri, prima ciuveddhri l’ìa mai pensati, finu a l’addhru ieri. 10)E li vecchiareddhri nosci se li tènene bboni tutti quanti, percè osci suntu l’infermieri ca fannu miraculi, nu su’ li santi. 11)Li santi? Li poti precare osci e li prechi puru crai, ma ci t’ài fare li raggi, nu te càcciane te i quai. 12)Mannaggia a mìe! Aggiu sbajiatu mestiere, ìa bbutu fare lu ‘nfermiere!!! 13)Però, nu facimu te tutte l’erbe nu mazzu, ca nc’è ‘nfermieri bboni puru a Culupazzu.

i giovani son costretti ad emigrare, genitori e nonni devono abbandonare. Così son rimasti solo chi ha tanti anni, pieni di acciacchi, pieni di malanni. E tra una cura, lastre, analisi e affini, han bisogno di cure più dei bambini. Ora è la volta buona degli infermieri nessuno ci pensava fino all’altro ieri. Così il villaggio è quasi un dormitorio, mentre di bambini resta vuoto l’oratorio; e siccome i santi si fan troppo pregare, chiamano l’infermiere che il miracolo sa fare. L’infermiere in cambio il voto chiederà, è così la politica a mignotte se ne andrà. C’era una volta un po’ di democrazia, ora siamo approdati alla mignottocrazia. Però, non tutti hanno queste ambizioni, ci sono, e son tanti, gli infermieri buoni!

81

Quell'autunno di quarant'anni fa copia 2°Ed  

Quell'autunno di quaranta anni fa

Quell'autunno di quarant'anni fa copia 2°Ed  

Quell'autunno di quaranta anni fa

Advertisement