Page 80

80

VOTA ANTONIO NTONIO

VOTA ANTONIO

1)Na fiata, tantu tiempu rretu, lu Pippi Rricu, quetu quetu, nu chilu te pasta nde bastava e nu beddhru votu se bbuscava.

Tanto tempo fa, nella nostra Collepasso, Giuseppe Errico, senza fare il gradasso, “arricchiva” la tavola della povera gente, chiedendo un voto, a volte quasi niente!

2)E nc’era puru la Bbunnanzia, na cristiana ca se tìa te fare; e ci cchiùi nde purtava crianza, percé nu postu nd’ìa thruare.

E con stile, con educazione e creanza, insieme a una signora, di nome Abbondanza, oltre a spaghetti e scatole di pomodoro, procuravano anche buoni posti di lavoro.

3)Ci tenivi nu fiju sfurtunatu, ca i cuncorsi nu vincìa mai, pensava iddhra cu te lu sistema a nu postu statale, ci nu osci crai.

4)Sta’ cristiana, jata iddhra, a mparatisu a forza àve stare, ghera già santa cquài a ‘nterra, percè i miraculi sapìa fare.

Quella donna, quella signora, certo tra i santi deve albergare, perché sulla terra, a quel tempo, già i miracoli sapeva realizzare. Sindaco e sindachessa, eletti e acclamati, governarono Collepasso, furono omaggiati. Arrivato il giorno che contaron poco o niente, nessuno ricordò più dell’aiuto a tanta gente.

5)Cusì li visciu jèu, a mparatisu: la Bbunnanzia e lu Pippi Rricu ca passèggiane e cu la ucca a risu quàrdane quiddhri ca sistemara e ca recumaterna nu nde rrecitara.

Or li vedo in alto, sereni a passeggiare, e dall’alto osservano chi vollero aiutare, con lo sguardo dolce e la bocca a riso, scrollano il capo, passeggiando in paradiso.

6)Poi vinne n’addhru longu longu ca tuttu l’oscu fice scappare, e a ogni argulu ca scappava fierru e cimentu fice chiantare.

Poi arrivò un altro stile clientelare, che il bosco un dì fece sradicare, e ad ogni albero che si spiantava, con ferro e cemento si edificava.

80

Quell'autunno di quarant'anni fa copia 2°Ed  

Quell'autunno di quaranta anni fa

Quell'autunno di quarant'anni fa copia 2°Ed  

Quell'autunno di quaranta anni fa

Advertisement