Page 22

22

Poi suonò la sveglia e il “rincoglionimento” passò… N’addhra cosa ca a mìe tantu me piacìa, ghera la crande Inter ca sempre me vitìa; a lu campu te San Siru nu mmancava mai, spendìa i meiju sordi e me mintìa inthra li quai. Un’altra cosa che mi attrasse assai, fu la grande Inter, e dietro gli andai. Allo stadio di San Siro non mancavo mai, spendendo troppi soldi e finendo poi nei guai. Se vincìne li scutetti e le coppe te campiuni, cantane e zumpane comu tanti pampasciuni. Nu giurnu quarche cosa, però, nu me quathràu; pensai e ripensai, dopu nu picca me rrivàu: vincevamo gli scudetti e le coppe dei campioni, cantavamo e saltavamo come tanti bei coglioni. Ma un giorno qualcosa in mente mi sovvenne: e mi sentì un pollo che perde le sue penne. Ièu comu nu fessa inthra la frabbica a faticare, e, ci me scia bona, putìa turmire e mangiare; i sciocatori, cu na partita scema ca sciucàne, macchine, palazzi, ccinca ulìne se ccattàne Io per dieci ore al giorno dovevo lavorare, per un letto e na minestra da poter mangiare. Mentre i giocatori con una partita che giocavano, macchine palazzi e miliardi accumulavano

Cusì me vinne a ‘ncapu ca pe’ fessa sta me pijàne, e zziccai a pensare: sordi picca sta’ me nde tàne. Così mi venne in mente che per scemo mi trattavano, ed iniziai a pensare al poco salario che mi davano.

22

Quell'autunno di quarant'anni fa copia 2°Ed  

Quell'autunno di quaranta anni fa

Quell'autunno di quarant'anni fa copia 2°Ed  

Quell'autunno di quaranta anni fa

Advertisement