Page 18

18

A Milano la fatica a ciuveddhri nde mancava! e a cinca nde piacìa puru te notte faticava. a chi il faticare non gli facea difetto, lavorava la notte e risparmiava il letto. Si, faticài, faticài, ma sordi picca nde vitìvi, e ci te cchiùi nde cercavi sulu fiatu sta’ perdìvi; te nde tine quantu basta cu pozzi campare, nu ca te vuline bene, ma percè crai ìvi faticare! La fatica era sì tanta, ma il salario era da strozzino, chi chiedeva aumenti era trattato da cretino. Ti davano quanto basta, giusto per poter campare, ma non per altruismo, per continuare a lavorare E te tuccava osci thrinchiare / e nghiuttire velenu crai, la tumenica tie ìvi spettare / pe’ i cazzi toi cu te nde vai. Te tumeniche cu lu sole / gherane picca ca ccappane, e n’azzane alle prim’ore / e nu passaggiu nui cercane. Subivi oggi, e domani pazientavi, solo la domenica libero diventavi. Di domeniche soleggiate poche se ne conttavano, arrivata quella giusta al Ticino tutti andavano Tandu ghera già te usu / ca se ccattàne lu moturinu, nchianàne thre a dhra ssusu / e ne nde scine a lu Ticinu. E ièu ca scìa a natare / allu mare nosciu salentinu, me sentìa nfrizzulare / cu dhr’acqua fridda te lu Ticinu. Eravamo almeno in tre a salir sul motorino, col rischio di farci male si andava al Ticino. E, abituato com’ero al nostro mare salentino, mi sentivo congelare con l’acqua fredda del Ticino 18

Quell'autunno di quarant'anni fa copia 2°Ed  

Quell'autunno di quaranta anni fa

Quell'autunno di quarant'anni fa copia 2°Ed  

Quell'autunno di quaranta anni fa

Advertisement