Issuu on Google+

Voci Corridoio di

Numero 56—Anno III

settimanale fraccarotto

16 gennaio 2007

PARTENZA GIUSTA: LA STORIA CI ATTENDE VARIAZIONI SUL TEMA Elia Ferrari E cosi eccoci ancora qui. Ogni volta che si torna da una vacanza , sempre la stessa sensazione. È come se non ce ne fossimo mai andati. Il tempo qui al Fraccaro si ferma, qualcuno disse di una bolla temporale che ingloba il collegio. Comincio a pensare che sia proprio così. Guardatevi intorno, di cambiamenti dal vostro primo anno ne sono avvenuti, eppure sembra ieri quando eravate costretti dai più anziani a flettere. Adesso siete voi ad imbastire quelle serate memorabili destinate a rimanere impresse nella mente di tutte le matricole. I giorni bruciano in fretta uno dopo l’altro e presto mie care matricole vi ritroverete alla guida del Plinio, il collegio che “ormai è un modello”, il collegio che ha una tradizione da portare avanti, un collegio che riesce a distinguersi dagli altri. Cominciate dunque ad assorbire le nostre abitudini, la routine fraccarotta. Il lavoro per il giornalino, le prove del coro e poi gli allenamenti negli sport, il summer party. Cosa credevate, di aver finito?La routine è la preparazione alla guerra. L’addestramento è andato, ma il bello comincia adesso cari i miei inconsapevoli novizi. Un tantino filo militari? Il fatto è che riusciamo a prenderci sul serio qualsiasi cosa facciamo, a volte anche troppo sul serio. Cosa volete farci…pregi e difetti di una collegialità dura a morire, ai limiti del credibile. Noi ci teniamo, più passa il tempo e più ci teniamo, siamo dei bastardi megalomani a volte autolesionisti, testoni, orgogliosi, istrionici, cazzuti fraccarotti. Il vero fraccarotto è pronto a tutto, il vero fraccarotto fa poche domande e si butta a capofitto nelle imprese che ai più possono sembrare impossibili, il vero fraccarotto sa come uscire dai guai, ma il vero fraccarotto è anche un pò incosciente, uno che se c’è da menar le mani non ci pensa due volte. Segue a pag. 8

http://www.collegiofraccaro.it/ STUPIDA CHIMICA IL FLAMBE’ Dexter a pag.10

Partenza positiva per i nostri colori al torneo di basket. Infatti al termine di una partita tirata e molto intensa siamo riusciti a spuntarla 52-39 contro il Borromeo, una delle squadre più temibili del nostro girone nonchè una delle favorite per la vittoria finale. Chiave della partita l'intensità difensiva e il dominio a rimbalzo, che ci hanno permesso di gestire I punti di vantaggio accumulati nei primi minuti di gioco. Spiccano inoltre i 20 punti di Franz e 12 di Rizzi

veri leader in campo della squadra che a suon di canestri hanno trascinato il Plinio alla vittoria finale. Eccezionale il pubblico che ci ha letteralmente trascinato e sostenuto con un’intensità difficilmente paragonabile alla tifoseria avversaria. Vero sesto uomo in campo! Adesso ci aspettano due settimane di soli allenamenti, le prossime partite si disputeranno il 28 gennaio alle 20.45 contro il Don Bosco e il 30 Gennaio alle 22.45 contro il cairolimerda. Due incontri importanti in chiave qualificazione. Noi squadra ce la metteremo tutta per arrivare pronti e preparati al meglio ai prossimi incontri, e confidiamo nel vostro tifo per riuscire a centrare tutti insieme la qualificazione alla seconda fase con un turno di anticipo (possibile in caso di doppietta...ma è meglio non gufarsela). Quindi se Idem Velle è il nostro motto non possiamo esimerci dall’accorrere e tifare i nostri alfieri…ma anche le nostre torri, e perché no i nostri cavalli!

Un’azione che vede il nostro immenso Franz ricevere un pallone da un compagno. Nella prima partita del torneo la guardia della squadra biancorossa ha già dimostrato di essere in formissima

Quindici Righe Ci siamo, anzi, ci risiamo. un enigma proposto dalla Gennaio è il mese che apre il redazione? Non vi preoccupanuovo anno ma è anche il te, sono quasi impossibili da mese che apre il periodo, in risolvere. I concorsi, però, teoria, più bello della vita hanno dei veri premi: ACcollegiale e universitaria. CHIAPPA LA PASTA vi premia Certo ci sono gli esami e con la pasta! bisogna studiare, ma noi di Intanto riprendono gli allenaVdC siamo sempre qui a menti di calcio e la squadra ricordarvi che la vita univer- di basket ci fa sognare disitaria può essere diversa, struggendo il Borromeo. Che infatti noi ci divertiamo a sia davvero l’anno buono per confezionare queste pagine vincere tutto questo 2008? ogni settimana. Il giornalino Noi intanto ci prepariamo a vi propone nuovi spazi e viverlo nel migliore dei modi, nuove rubriche, nuovi con- sempre sotto le torri, sempre corsi e nuove pazzie. Non insieme a voi. Ma voi siete mai riusciti a risolvere l’almanacco 2007 lo volete? vdc

Ostrega mqm

ALMANACCHI: IMPORTANTE, IMPORTANTE, IMPORTANTISSIMO Giratela come volete, ma l’Almanacco del Collegio è una cosa stupenda, che tutti sognano di sfogliare un giorno lontano con nipoti e amici. Però quest’anno, questa bella cosa, ha bisogno del sostegno di tutti. In sintesi, intendiamo affidarci alla copisteria: questo comporta però una spesa “pesante”, finanziabile in parte con i ricavi della Festa. Però serve URGENTEMENTE sapere chi lo desidera: servono nominativi in fretta. IN CAMERA DI MASON N° 53 C’E’ UN FOGLIO APPOSTA Chiunque volesse l’Almanacco è pregato di andare a confermarsi entro la Riunione di lunedì a proporre a tutti quantità e costi eventuali. vocidicorri-

GLOBETROTTING PAROLE & PAROLE Deba senior a pag.8

LA CUCINA PER TUTTI PASTA ZUCCHINE E GAMBERETTI Giuliano a pag.8


ABBIAMO SOLO LA MENSA

Interni

Sono le 12.30, sarà meglio cercar Tinelli. In gnori, non ci dobbiamo perdere. La mensa è il crediti e tesserini vari. Loro sono scusati. sala comune non ci si trova più. Qualcuno è naturale luogo di incontro del Fraccarotto me- Ma noialtri, noi consumatori accaniti di pagià seduto in fondo al tavolone quando sti caldi stiamo per caso diventando entriamo di norma all’una. Si vedono solitari? Non facciamo quest’errore: facce note, altre meno, quei collegiali non perdiamoci le canaline, il sale che studiano tanto o girano poco. Siaovunque, i furti di gelato! Quel che è mo io e Tinelli (e Francesca), poi fila di rimasto è solo il pari e dispari per il sconosciuti. Sembra ci sia un’epidemia, vassoio: non si può fare così … Oin mensa c’è gente, ma non ci sono gnuno avrà i suoi impegni ma non quelli che ti aspetti di vedere. Io, Tinelfatemi credere che non riusciamo ad li e la Lola; Io, Tinelli e il risotto con la accordarci per andare al tavolone rucola; Io, Tinelli e la lonza; Io, Tinelli e tutti insieme? Quella, ricordate, è la la mousse al melone. nostra zona. Dove parlare, ridere e Per carità la gente c’è: là in fondo vescherzare come tante formiche dadiamo spesso Toz, Turker, Violenza e vanti ad un cestino da picnic. Quanventordici matricole; poi magari arriva do c’era lui (Marcello Macchi ndr) Tony; poi forse anche Rizzi e Longobequeste cose non succedevano! Nel ach. Ma se di tanti altri ci avevamo senso che ogni giorno riempivamo fatto l’abitudine a non vederli più, tre tavoli: adunate oceaniche. Come come Giuliano, Uzzino o Brad, altri farebbe una famiglia, come faremmo sono spariti all’improvviso: vedi Elia, noi se volessimo stare tutti un po’ Giovanni, Como, Mason, Sars e chissà più insieme. quanti altri. Che peccato! A parte alcu- Belli i tempi quando in mensa si andava in tanti e Marcello ci tediava con i Non che stia male solo con il buon ni fortunati (?) in molti non ci vengono suoi puerili scherzi... Tinelli, ma forse potrebbe essere più in menzah (per dirlo come le ragaztutto più divertente… la butto lì: ze del Valla). Quanti però ci vanno ancora e dio. 12.45 sala comune? magari in coppia o addirittura da soli? Nossi- Lasciamo stare chi ha problemi con redditi, PampaNatale

COMPLEANNO DI SPLENDID… AUGURI ADOLFINO! 15 Gennaio - 1.00 di notte. Tutto tace al Frac- poter sfamare quelle povere M.Q.M. che così caro… questo direi se il Fraccaro fosse un mo- tanto ambivano ad assaggiare quel prelibato nastero, ma per fortuna non è così. L’aria di spuntino. Ma Splendid, in tutto il suo egoifesta circola sempre, soprattutto se si trova smo, aveva deciso che nessuno a parte lui una buona scusa per festeggiare. Ebbene il avrebbe potuto avere più di un cucchiaio di quella divina pietanza! Aiucompleanno di Splendid semtandosi con 2-3 litri d’acqua brava un ottimo motivo per (svuotando ogni riserva richiamare una buona parte idrica del povero Adolfino) del collegio (non quella dei Splendid era riuscito a inletargici) e recarsi in modo gurgitare tutta quella roba alquanto rumoroso in camera assistendo intanto alla sfidi Adolfino. L’ignaro Adolfino lata di alta moda di Hallostava in quel mentre riposanween: questo infatti, incondo tranquillamente, quando tentabile modello, si era alla sua porta giunsero una appropriato di tutti gli indudecina di simpatici collegiali menti presenti nell’armadio con in mano un piatto pieno di Adolfino e aveva deciso di pandoro natalizio. Un po’ di mostrare la nuova colleconfuso, addormentato, e zione Inverno-Inverno del soprattutto con ancora Gatello. Infagotato come un l’apparecchio in bocca, Adolfieschimese ma travestito da no aveva cercato di farfugliamessicano, Halloween cerre qualcosa, prima che i collecava assetato dell’Estathè, giali prendessero la decisione pensando di trovarlo in che quello sarebbe stato il camera di Tinelli. Purtropluogo della festa. po, quest’ultimo gli aveva La festa cominciò a moviEcco il messicano che quella notte si risposto: mentarsi con l’arrivo delle aggirava per i corridoi disturbando il son- gentilmente altre matricole, ma il vero no di alcuni, permalosissimi collegiali! “Halloween che cazzo hai da rompere i coglioni?! Vai un polo attrattivo era già diventato Splendid, entrato nel Guinnes World Re- po’ a cagare!!”. Afflitto e turbato Gatelli ritencord per il peggior spuntino di mezzanotte tò ai piani più alti con Sarcinelli. Quest’ultimo, mai visto: antipasto di pandoro alla panna probabilmente non molto abile nel parlare lo (circa metà di un intero pandoro!!!), contorno spagnolo, alla domanda del povero Messicano di olio piccante, ma la portata principale era sperduto:”Endo es las stradas por la Califorsicuramente un intero barattolo di peperona- nias??” aveva tentato una vaga risposta: “Che ta!!! Il buon Messina aveva gentilmente offer- cazzo vuoi?! Devo farti flettere???”. to la peperonata della mamma in modo da Nel frattempo Adolfino, stanco e spossato,

2

stava realmente impazzendo, al che gli anziani, per contenere la sua incredibile follia, avevano delegato Uzzino (ormai esperto di fisiologia neurocerebrale per il profondo interesse verso i canali sodio-potassio) affinché questo imponesse la camicia di forza alla matricola. Ma ormai la degenerazione cerebrale di Adolfino era all’ultimo stadio e la sua instabilità mentale lo portò a correre urlando per i corridoi, sbattendo violentemente contro i muri e la porta di Jshuin. Le telecamere di sorveglianza dotate di microfono (il cellulare di Uzzino) avevano ripreso quelle immagini, in modo da immortalare quel puro momento di follia. Nel rivedere la scena qualcuno si meravigliò della sua voce registrata esclamando: “Ma io parlo così cazzo?!” (meglio non fare nomi altrimenti Uzzino si arrabbia… ops), e il buon Moreno ripetè la frase a pappagallo, dimostrandosi più abile di Uzzino nel simulare la sua stessa voce (per questo suo particolare talento si ritrovò a picchiare la testa sulla porta del corridoio…). Dopo ore di puro divertimento, l’anima della festa stava svanendo lasciando però le sue tracce indelebili nei collegiali (tra le quali ricordiamo la 42 tutta da rimettere a posto, una quindicina di indumenti che avevano assorbito ogni traccia di liquido dal corpo di Halloween, un bernoccolo sulla capoccia di moreno, e lascio immaginare a voi la dolce fragranza che ancora permane nella stanza di Splendid…). Adolfino e Halloween… M.Q.M.


CAM. 53 Il luogo che descriverò non può essere paragonato a nessun altro luogo. Che il Fraccaro non sia un collegio come tutti gli altri questo è risaputo. C’è chi dice, fra gli esterni residenti a Pavia e facenti parte della studentaglia universitaria, che il Plinio sia addirittura un modello. Abitualmente gli articoli di carattere “generale” sul collegio vanno a finire nelle

Marcone era molto più tranquillo, mettiamola così. Per fortuna alla 54 c’è il Toz che però ha solo il letto e l’armadio nella sua stanza. La porta è sempre aperta, la luce è sempre accesa, o quasi. Per farvi solo un esempio di quanto sia strana e insolita la vita di chi è coinvolto in questa stanza posso dirvi che mentre sto scrivendo questo articolo sul

solite autocelebrazioni che piacciono tanto a noi, ma non sarà il caso di questo. Oggi vi parlerò in particolare di un ambiente che non è propriamente classificabile come normale camera del Fraccaro, figuriamoci come classica cameretta di collegio. Il legittimo “proprietario” di questo spazio felice è un uomo austero, distinto, stimato e temuto allo stesso tempo. Egli cela le proprie emozioni dietro una folta capigliatura e una grande, smisurata, sorprendente pazienza e disponibilità. Qualità che messe insieme rasentano il puro autolesionismo. Forse non avrete ancora capito di chi e di cosa voglia parlarvi. Quasi impossibile per un buon fraccarotto medio non intuire subito di cosa si tratti. Chi all’interno delle mura non ne è a conoscenza, o venendo dall’esterno si trova per la prima volta coinvolto anche di passaggio, non può fare a meno di interrogarsi sulla natura di questa camera. Il numero è il 53, fu di Maldini, poi di Marcone, ora è di Mason. E’ stata una trasformazione lenta e sconvolgente.

notebook di Mason in camera mia, mio fratello e Toz stanno discutendo di argomenti di alto livello culturale prendendo un thè alla 53, che servirà a digerire il lauto pranzetto consumato nella stessa camera con Como e Tinelli. Se ci si incontra in giro per il collegio spesso ci si saluta con: ”Ci vediamo da Mason?” , Violetto quando deve giocare o ruolare on line si rifugia volentieri nei meandri della meravigliosa stanza che era stata proposta anche come sala d’incisione per diverse band emergenti in ambito collegiale. Un bonsai di susine è praticamente resuscitato nel tepore della 53. C’è un’aria diversa, non c’è niente da fare. Nella 53 si fa di tutto e di più. Dalla matricola alle partite di Age of empires in rete lan, dai festini alle conferenze del PD. L’aula

Interni Porro in confronto è ormai solo un ripostiglio che usa solo il Rettore. Toz semplicemente lo considera suolo marchigiano, noialtri ci mangiamo, lasciamo la spesa quindi nel frigo “comune”, giochiamo, e mentre tutto sembra la normalità, Mason se la spassa a Granada con la fidanzata. Non si tratta solo di fiducia, ma di qualcosa che ha a che fare in un certo senso con la comodità. Tra collegiali si usa: la mia camera oggi fa da cucina, la tua da camera studio, domani si fa al contrario, ti lascio le chiavi, usa il mio fornello e così via. Alla 53 non è proprio così. Durante l’arco della giornata chi ne è abituale fruitore non può farne a meno. Si passa, per vedere chi c’è, soprattutto si chiede dov’è Mason. Alcuni hanno confessato di sentirsi a proprio agio solo all’interno di quelle quattro mura, altri si rilassano in compagnia delle pulzelle che di tanto in tanto la abitano. Noi vogliamo tutti bene al nostro amico e ogni tanto ci viene da pensare: come farà il povero Mason? Ci viene da pensare che se tutto questo succederebbe nelle nostre camere noi probabilmente impazziremmo, e non avremmo più nessun amico in collegio. Certo è che se analizzassimo Mason, la sua indole pacifista, la sua provenienza, il suo carattere, la sua ideologia politica e filosofica capiremmo perché non ci sbatte fuori a calci in culo come farebbe Rizzi. Kapa

Acchiappa la Pasta…! Ragazzi, ne abbiamo pensata un’altra. Quei ragazzi problematici di VdC hanno trovato un altro modo per complicarvi la vita. Un concorso, un concorso a premi. Oh madonna! Si, ma di più…questo concorso è una vera e propria raccolta punti, come quella della Divella o della Barilla, con tanto di estrazione finale. Il concorso consiste in questo: I concorrenti dovranno raccogliere e ritagliare venti marche diverse di pasta italiana (il logo della marca deve essere ritagliato ben benino) e consegnare il tutto in busta chiusa alla redazione entro il 19 febbraio a mezzanotte. Il 20 febbraio si terrà l’estrazione del vincitore. Il fortunato estratto si porterà a casa una fornitura di dieci chili di pasta. Ogni chilo una marca diversa, ogni marca un tipo diverso di pasta. Semplice, semplice. Affrettatevi, la caccia alla pasta è già iniziata! Il concorso è aperto a tutti i lettori di VdC…

R O! E V O T T U T ’ E ED

3


Interni

DA GRAND

Siamo ormai verso la fine del nostro intenso viaggio, mancano pochissimi personaggi con i loro lavori e presto questa rubrica chiuderà i battenti, ma non posso tralasciare gli ultimi superstiti che ancora mi chiamano per sapere cosa farne della loro vita e di trovargli un lavoro. Ripartiamo così da dove ci eravamo lasciati, dal paradiso, con Gamba che lascerà la sua attività di doppiatore di film porno comunisti per dedicarsi a tempo pieno nella sua attività di domatore di leoni, d’altronde in politica bisogna saper usare la frusta… Finendo così i collegiali non matricole mi concentrerò sulle altre figure in collegio, partendo appunto dalla portineria. Il primo è sicuramente Emilio, che lascerà il suo status di lord inglese, per diventare imbalsamatore, imbalsamando le teste delle sue conquiste e appendendole in giro per il colle-

E

gio. La seconda è Adelaide che lascerà la sua divisa per intraprendere una carriera mistica, diverrà infatti una suora. Per ultima c’è Livia, dove il suo futuro la terrà

come Emilio era difficile che potessero fare qualcosa d’altro. Per ultimi non potevo che prendere in considerazione le due cariche più alte in collegio: la nostra cara economa dovrebbe la-

sciare numeri, cifre e quant’altro per dedilontana da noi carsi alla più che remunerativa vita di ladro per dedicarsi anche lei alla nuova attività di d’auto, per questo le consiglio un ottimo suora. insegnante che si chiama Tinelli Stefano; il Infatti stando a contatto con Adelaide si è rettore lascerà tutto per fare il suonatore lasciata incantare dalle parole divine e ha mendicante, almeno sappiamo a chi chiedeavuto anche lei l’illuminazione, d’altronde re la prossima volta per la questua. Gugu tutte due vicino ad una persona così santa

IL MONDO AL CONTRARIO Il mondo è si è rigirato… tutto va al contrario o, quanto meno, in modo strano e ambiguo. Ormai sono ben convinto che quando si dice “eh prima era meglio” è solo perché noi prima eravamo meglio, o pensiamo che prima ci sentivamo meglio, la realtà dei fatti è diversa però… Però… PERO’. Però la gente sembra impazzire di prima mattina ormai, Emilio che telefona a mezzo Collegio (me compreso) alle 8 e mezza per dire “Sai se qualcuno ha un DVD?” e non per film porno!!! Un essere umano, che parole può proferire davanti ad una situazione simile? Molti smadonnerebbero, Napo metterebbe giu e basta… io rimango talmente esterefatto da dargli retta. E poi ho scoperto che i Pugliesi o per la precisione i Salentini non sono Terroni, sono finti Terroni. Quale terrone si sveglia alle 9 e comincia a gridare per i corridoi? O torna con valigetta e occhiale stile “Nobis MCC” (Dio quanto mi manchi) da lezione puntuale sempre alla stessa ora? O fa la massaia in cucina tutti i giorni ligio come neanche il Monto dei tempi migliori? Enno… il Terrone

4

vero si sveglia all’una e un quarto addentando pane e mortadella, la donna la prende a calci e a rutti e il mangiare deve comprendere SEMPRE i peperoni, in enormi quantità, possibilmente cucinata da mammà, da mangiare anche freddi e sul pavimento, basta non faticare. Alla Messina, che la sera vaga per i cor-

ridoi con in mano un vasetto di peperonata scaldata al microonde così, direttamente in vetro, lasciando dietro di se una scia inconfondibile. E così AJ che alle 9 e mezza sveglia tutti gridando come la Iervolino sotto stupro e

condendo tutto con un “Meeeeerde” che neanche al Porto di Sampierdarena lo dicono così bene, e Geusa che tira rutti come se “più forti li fai più ti si allunga il pisello”, Italo che si chiama da solo, Pasqualino che corre urla e salta pure quando dorme nel letto che neanche Macaulay Culkin di Mamma ho perso l’Aereo… E poi Toz che va ad appuntamenti vari con donne semi sconosciute, Borserio sempre con Vipiteno, Dantuono che non è tra le palle, i Teutoni che cucinano spaghetti, Bosurgio che mangia polenta… Un brivido mi corre lungo la schiena al solo pensarci. Meno male che c’è VdC che porta le cose al loro posto: i Ferrari con i loro rifornimenti TANTI, l’onnipotente Mason e Panda sempre Panda. E via un po’ di Amarcord pensando ai mitici “Soliti Sospetti”. The Show Must Go On. E così sia… meno male che c’è VdC. Violenza #45


BIDELLO E’ PIU’ VECCHIO DI PATO A gennaio ricomincia sempre qualcosa, anzi, la maggior parte delle cose. In questi giorni sono ricominciati gli allenamenti della squadra di calcio del Plinio. Gli allenamenti sul campo si svolgeranno ogni martedi sera, mentre quelli di corsa il giovedì. Il gruppo si sta rinsaldando anche con nuovi elementi ed mqm varie. L’unica cosa sicura è che quest’anno per fare una figura decente all’intercollegiale dobbiamo allenarci, allenarci, allenarci. Mister Tinelli è ottimista ma non scrive niente per i lettori di VdC. La redazione, quindi, ha affidato ad una volenterosa mqm l’intervista della settimana e questi sono i risultati…

D: A tuo avviso la squadra di quest’anno sarà in grado di vincere il torneo?non rispondere solo si. R: Non lo so.. dipende… non sono abbastanza informato sulle squadre.. comunque la nostra forza è nel gruppo. D: Gli allenamenti ti sembrano duri? R:Si,inizialmente a causa della mia forma fisica,ma sono sicuro che si riveleranno utili in vista delle partite

D: Cosa pensi dell’esclusione di Rosario? R: Secondo me, per quanti eravamo all’ultimo allenamento uno in più non farebbe male.. e comunque Rosario è all’altezza.

D: Ma Tozz quanto è forte? R: Fisicamente è il più dotato: corre da matti.. vorrei essere come lui.. gli manca solo l’esperienza da calciatore che acquisirà con il tempo… è una risorsa importantissima per la squadra. D: Perché Dio non ti ha fatto le braccia corte come le gambe? R: E poi come avrei fatto a farmi le seghe?

Calcio IL FRACCARO CALCIO SI VESTE DI NUOVO Come sapete è ricominciata la preparazione di calcio in vista del torneo intercollegiale. Il nostro mister Stefaõ Francisco Lima Tornidor Tinëo, che vanta tra le altre cose di avere giocato con Cassano, è ottimista sulla capacità della squadra di affrontare il torneo anche se risulta pesante la mancanza di elementi importanti. Visto che Pato è già stato preso dal Milan, abbiamo pensato di consolarci rifacendo le divise dei giocatori. L’occasione si è presentata valutando con attenzione la proposta di uno sponsor ( bar Bistrot-tre torri ) che si offriva volontariamente di finanziare la causa bianco-rossa. Nei prossimi giorni si spera di chiudere la trattativa, nel frattempo abbiamo selezionato alcuni completi da calcio ( maglia e pantaloncino ) che rappresentano bene i colori del collegio. Cercheremo di trovare le migliori condizioni economiche per realizzare l’accordo senza però svendere l’immagine del collegio. Al momento la migliore soluzione sembra essere un completo della Mass che potremmo avere al costo di 16.50 € cadauno tutto incluso ( sponsor, logo e numero dietro ). Il mio augurio è che il Fraccaro possa esprimere un gioco degno del simbolo che porta sulle maglie. Il simbolo sarà come sempre posizionato all’altezza del cuore ma spero che all’occorrenza oltre questo i giocatori possano metterci anche qualcos’altro.

Tony ( senza Luca che somiglia a Grosso ).

Parte oggi il world tour dell’artista venetoamericano. Prima tappa Granada, Spagna. Il tour prevede anche una tappa qui a Pavia! I BIGLIETTI PER LA DATA PAVESE (31 FEBBRAIO) SONO DISPONIBILI IN PORTINERIA AGLI ORARI DEL TINIVELLA!

5


Rubriche

MY TUBE FINANZA € MERCATI

Da questo numero di VdC in poi youtube non avrà più segreti per voi: ogni settimana verranno segnalati in questa nuova rubrica cinque video estrapolati dal grande database del web. Gli argomenti saranno i più disparati, quindi preparatevi al peggio…

A CURA DI

La crisi di Starbucks e la guerra dei McCafè, Il mercato dei giganti del Fast-food. Finanza e mercati su VdC ha anticipato La Repubblica di oltre un mese.

I video di Elia 1 – AC/DC live at Donington. Se avete voglia di rock duro sparato ad un volume clamoroso, allora siete sulla strada giusta. Il miglior live della band australiana al top della forma. Imperdibile per gli appassionati. C’ho anche il poster in camera. 2 – Diu Carogna. Filmato amatoriale effettuato con un telefonino. Un muratore di Alezio (LE) si reca sul posto di lavoro e scopre che qualcuno gli ha rubato la cinghia dell’ impastatrice. Bestemmie e ingiurie a più non posso in dialetto salentino (non siamo ai livelli di Mosconi) e picchi di rabbia elevatissimi. Eccezionale, miglior incazzatura 2007!!!

Da Voci di Corridoio n. 54 pag. 11 del 13 dicembre 2007

3 – Pesca marlin – carp fishing. Digitando queste parole potrete visionare la cattura di veri e propri mostri marini, video molto interessanti per qualsiasi appassionato di pesca e per gli amanti del mare. 4 – Manualist plays. Gerry Phillips suona con le mani da 38 anni!! Si, avete letto bene, con le mani. Questo simpatico signore si siede sul suo divano e suona con le sue mani qualsiasi song. Divertentissimo video da vedere con gli amici.

Da “la Repubblica”, inserto affari e finanza del 14 gennaio 2008

ALMANACCHI: AVVISO IMPORTANTISSIMO 5 – Tutti i gol del Giratela come volete, ma l’Almanacco del Collegio è una cosa stupenda, che Lecce 2007/2008 La raccolta di tutti i tutti sognano di sfogliare un giorno lontano con nipoti e amici. Però goals segnati dall’ quest’anno, questa bella cosa, ha bisogno del sostegno di tutti. In sintesi, U.S. Lecce per VdC creare l’Almanacco richiede pochissimo sbattimento, perché l’unico dall’inizio della modo è affidarsi alla copisteria. Questo comporta però una spesa “pesante”, stagione ad adesfinanziabile con gli stantii ricavi della Festa. Per fare ciò però serve URGENTEso. Video chiaraMENTE di sapere chi lo vorrebbe: servono nominativi, e servono in fretta. mente di parte e di IN CAMERA DI MASON N° 53 C’E’ UN FOGLIO APPOSTA scarso interesse per i non tifosi giallorossi, ma Siccome ormai è un luogo di passaggio comune, chiunque volesse se vi dicessi che lo stesso è stato montato e l’Almanacco è pregato di recervisi (o telefonare) e farsi marcare, in modo mixato da Giovakapa in persona? Non ve ne tale che noi di VdC riusciamo per la Riunione di lunedì a proporre a tutti frega una sega ugualmente vero? Va beh, se quantità e costi eventuali. doveste inciamparvi, votatelo, votatelo, votateFALLO SUBITO, E SUBITO VUOL DIRE ORA. NON DOPO. ORA! lo.

6


PROPOSTA POPOLARE: NO AL RICICLO, SI Attualità ALL’INCENERIMENTO DELLA CLASSE DIRIGENTE! Basta! È ora di smetterla di pensare che in Campania il problema riguarda solo i rifiuti urbani. Quello che si vede nei tg è solo la punta dell’iceberg. L’iceberg è sotto terra. Sono i rifiuti tossici che per anni sono stati ammassati nelle campagne campane, che continuano a mietere vittime con tumori e disintegrano l’economia di una regione famosa per l’esportazione di prodotti alimentari di alta qualità. L’immagine della Campania è a pezzi, con effetti negativi anche sul turismo, altro grande pilastro dell’economia regionale per le svariate bellezze storiche e artistiche di questa terra. Il vero problema è il sodalizio criminale realizzato in questa regione da parte di ambienti politicilocalinazionali-camorraaziendeproduttricidirifiutitossicimagistraturadormiente. La Campania per anni ha accolto rifiuti tossici che la camorra smaltiva a basso costo per aziende complici, nella totale indifferenza delle istituzioni. Questo a portato ad un enorme aumento dell’incidenza di tumori nella popolazione, che ormai esausta di questi soprusi, non può che battersi contro la totale deturpazione di aree già a rischio. “A monnezza è oro” diceva un noto camorrista. E’ chi ha gestito i rifiuti fino ad oggi, di oro ne ha accumulato tanto, visto che le passate emergenze non hanno fatto altro che incrementare i budget da gestire-rubare. La cosa più intollerante più che il danno, è la beffa. Dopo vent’anni di emergenza non c’è uno che si sia dimesso, nessun responsabile politico. Al contrario da più persone partono le accuse rivolte ad altrettanti politici, tra cui qualcuno, che tra questi non dovrebbe proprio starci. Mi riferisco a chi, senza vergogna alcuna si è permesso di accusare il presidente della federazione dei verdi e ministro dell’ambiente Pecoraro Scanio. E’ lui il colpevole! Non Bassolino, non la Jervolino, non i presidenti del Consiglio degli ultimi quindici anni, non la Camorra, non le imprese del Nord che hanno smaltito i rifiuti tossici in Campania per risparmiare, non chi ha preso i miliardi di euro dalla Comunità Europea per opere mai realizzate, non le municipalizzate politicizzate, non i partiti, non la giunta regionale, non le giunte provinciali, non i sindaci contigui alla criminalità organizzata, non chi non ha permesso la raccolta differenziata, non i magistrati che non hanno indagato, non i giornalisti che non hanno denunciato, non i parlamentari campani che stanno a Roma,

non le ASL, non chi deve controllare i prodotti alimentari, non chi deve controllare l’inquinamento dell’aria. La colpa è dei Verdi, di chi vuole acqua pulita, aria pulita, carne, uova e mozzarella senza diossina. La colpa è di chi vuole un parco, un albero, una spiaggia senza liquami, depuratori funzionanti. La colpa è di chi vuole la raccolta differenzia-

ta, rifiuti zero.La colpa è di chi pensa che i campani siano una popolazione civile come le altre che può ottenere gli stessi risultati per l’ambiente dei danesi o dei californiani. La colpa è di chi dice la verità sugli inceneritori e sul Cip6, la tassa sulla nostra bolletta dell’Enel, che ha sottratto miliardi di euro alle energie rinnovabili per regalarli ai petrolieri. Uno dei più grandi fallimenti politici della Repubblica Italiana è stato trasformato in un problema di ordine pubblico. Bassolino regna con De Gennaro alla sua destra. I colpevoli sono Pecoraro e tutti gli abitanti di Pianura ai quali era stato promesso che la discarica non sarebbe più stata riaperta. Con questo articolo voglio semplicemente mettervi in guardia di fronte al tentativo di una parte della nostra classe politica, quella che da anni mente sulla dannosità degli inceneritori (ai quali hanno persino cambiato il nome in termovalorizzatori) , delle centrali nucleari, ecc.. ecc.. Voglio mettervi in guardia perché è chiara la strumentalizzazione dell’emergenza rifiuti nel tentativo di delegittimare chi da sempre si batte contro l’inquinamento, limitando gli affari di queste persone, che sono le stesse che investono proprio in questi settori nel totale disinteresse dei danni provocati alle popolazioni. Con questa emergenza e la successiva strumentalizzazione queste persone

avranno più consensi nella costruzione di sistemi apparentemente poco inquinanti, ma la cui pericolosità è stata scoperta da poco. Ci sarà pure un motivo se in Europa più nessuno costruisce inceneritori? Nei paesi che ci fanno vedere al tg gli inceneritori sono stati costruiti in passato quando la loro pericolosità ancora non era nota. Stiamo assistendo a una campagna proinceneritore in ogni tg su ogni giornale non fanno che esaltare i vantaggi ottenuti da questi sistemi, elencando tra i lati negativi, solo quelli noti qualche decennio fa e ignorando completamente il discorso nanoparticelle. Nessun tg le ha nominate! Sarà un caso? La verità è che i rifiuti non scompaiono per miracolo, questi sistemi li scompongono talmente tanto, bruciandoli,in modo da ottenere particelle piccolissime che non vengono rilevate dai sensori antinquinanti, così piccole da arrivare facilmente dentro il nucleo delle cellule e causare tumori. Ma secondo voi veramente pensate che si possa salvare un territorio, pieno zeppo di discariche abusive, dal proliferare di tumori costruendo un inceneritore? Con gli inceneritori rimandano il problema e ingrassano i portafogli. Dal punto di vista economico poi, i termovalorizzatori non sono nemmeno così vantaggiosi come vorrebbero farci credere i piazzisti di inceneritori. Il loro vantaggio economico deriva solo dalla possibilità di ottenere enormi finanziamenti pubblici, sottratti impropriamente a tecnologie che producono energia rinnovabile. Si chiamano Cip6 e sono il 7% della nostra bolletta della luce che l’enel dovrebbe investire per produrre energia da sole vento e acqua. Quindi il sindaco che riesce a costruire un termovalorizzatore può attingere a questi fonti che rendono il bilancio dell’inceneritore da passivo ad attivo, altrimenti costi di lavorazione e di combustione dei rifiuti sarebbero maggiori del profitto ricavato sottoforma di energia prodotta che si attesta attorno al 10-15% dei costi. Pensate che la Lombardia ha 13 inceneritori, e si parla di farne un altro, che producono “in perdita” solo il 2% dell’energia necessaria alla regione. Vi sembra così vantaggioso?? Di mio faccio solo un grosso in bocca al lupo a chi si beccherà il prossimo vicino casa. Longobeach PS Alcune delle parti proposte in questo articolo sono prese dal blog di Beppe Grillo

7


Viaggi

GLOBE TROTTING Parole & parole

Sicuramente per andare in giro per il mondo di parole bisogna impararne tante ma accadono spesso delle cose veramente curiose, talvolta imbarazzanti. La prima volta che arrivai in Mozambico fummo invitati a cena nell`ambasciata Italiana. Volevo farmi stirare il vestito, che rimasto in valigia era un po` stropicciato, ma non sapevo come dirlo in portoghese., andai a vedere sul vocabolario e scoprii che si dice come in genovese “ pasa au feru “, fu la prima di altre liete scoperte come “ La in simma, la in fundu, u pavimentu, tutu ben, etc. ......” che indubbiamente mi fecero sentire subito a casa. Ma non e` sempre cosi` semplice, ogni tanto bisogna stare attenti. Se in italiano diciamo mettere la “ la pasta nella gavetta “ pensiamo subito ai muratori, in portoghese invece vuol dire mettere la cartella nel cassetto. Quando arrivato in Brasile raccontai la storiella del vestito stirato, si affrettarono subito a spiegarmi che in Brasile si dice solo “ pasa “ perche` “ pasa au feru “ vuol dire far sesso. In spagnolo ci sono due parole che indicano prendere, tomar e coquer, in argentina solo la prima e` valida perche` la seconda vuol dire fare sesso, e dire “ voi a coquer un taxi “ potrebbe essere interpretato non come la necessita` di trovare un mezzo di trasposrto ma una nuova deviazione sessuale. Una volta raccontai al fratello di mia suocera, allo zio Piero, che ero andato al supermercato ed avevo chiesto nel mio malfermo brasiliano “ uma borseta de plastica “, e non avevo capito bene perche` la ragazza mi aveva guardato male, mi racconto` che la stessa cosa era capitata alla zia Adriana i primi tempi che si trovava a San Paolo quando volendo essere gentile ad una signora disse “ten a borseta abierta “, in brasiliano borseta non indica la stessa cosa che da noi, una parola molto simile indica l`organo genitale femminile per cui in entrambi i casi la parola era stata fraintesa ed ovviamente non gradita. D`altra parte quando i nostri installatori arrivarono in Brasile lessero sull`insegna di molte

di Enzo De Barbieri

farmacie “ fica abierta 24 horas” gia` pensavano che in Brasile i casini fossero con le farmacie, forse per facilitare l`approvigionamento dei preservativi e garantire sesso sicuro a tutti, sino a quando qualcuno spiego` loro che ficar in portoghese vuol dire “rimanere”, cioe` la farmacia rimane aperta 24 ore. I primi giorni a Buenos Aires andavamo a mangiare sotto l`ufficio in un bar che preparava cose semplici. Ordinai pollo con insalata ma la ragazza non portava niente ed io avevo tanta fame, allora chiamai la ragazza e le chiesi se l`insalata era ancora nell`orto. Imparai subito da uno dei miei colleghi che orto in spagnolo si dice huerta mentre se si traduce in italiano la parola spagnola orto viene fuori buco del c......Spesso mi diverto a cercare quanta genovesita` c`e` nel paese in cui vivo. Nelle Filippine, grazie agli spagnoli c`e` un pesce che si chiama come da noi, e` il Besugo, che a Genova indica anche una persona con la faccia poco intelligente. In Turchia

Voci di Corridoio Direttore responsabile Simone Pellegrin Vice Direttori Elia Ferrari Giovanni Ferrari Art Director Giovanni Mason Redattore Andrea Violetto Ultimo arrivato Luca Rebecchi

ci sono parole come Bacan che indica capo o ministro, a Genova indica il vecchio padre, fazzoletto che in Turchia e` mendil, a Genova e` mandillu, le amarene qui` si chiamano visne, a Genova viscue, d`altra parte se i Genovesi sono rimasti qui` tanti anni qualche cosa doveva pur accadere. In Mozambico c`era una ragazza che lavorava all`hotel Polana dove vivevamo, ed una sera ci confido` che volela vendere una “ geleira “ un mio amico pensava di comprarla per portarsi a casa una bella Gilera anni `60, imparo` per tempo che la ragazza intendeva vendere un frigorifero. Certe volte costa cosi` tanta fatica ritrovare una parola che poi uno non se la dimentica piu`. La prima volta che vissi ad Ankara cercavo il pan grattato ero per strada e non sapevo come dirlo. Andai dal panettiere e gli feci vedere le bricciole di pane ma quello non era in vena di collaborare, rinunciai ed andai a casa a cercare nel vocabolario. Si dice “galeta unu”, unu vuol dire farina quindi farina di galetta, facile mo?!!!!!!

Segue dalla prima

I tornei sportivi si avvicinano e con loro le numerose coreografie da preparare in curva, cori da imparare, striscioni da creare e /o coriandoli da ritagliare. La pioggia continua a cadere e noi nella nostra bolla, perché uscire? Ci avete mai fatto caso? Un buon fraccarotto potrebbe rimanere senza alcun problema all’interno delle mura per3 -4 settimane di filato. Il nostro mini universo ci fornisce ogni comfort, perché scomodarsi. Forse è vero, il nostro è uno strano mondo ed è difficile capire il senso di quello che facciamo se non ci sei dentro. No, non potete capirlo. Ora però non andiamo fuori tema…volevo solo dire che sta per cominciare il periodo cool del collegio. Ok,ok lo sapevate già, ma a noi di VdC piace essere ripetitivi e soprattutto autocelebrativi. Sbattetevi fraccarotti, sbattetevi e sbattetevi, (non contro i muri come fa Tozz) perche Tinelli ha detto che quest’anno vinceremo tutto…e che Dio ce la mandi buona…rigori permettendo! Elia Ferrari

8


LA CUCINA PER TUTTI Questa settimana vi propongo una ricetta che presenta qualche difficoltà in più rispetto a quelle che vi ho sempre proposto, ma è la ricetta che vi assicura un’ottima base da cui partire se puntate ad ottenere un posto nel cuore di vostri commensali. È sempre un primo ed è la ormai famosa pasta gamberi e zucchine. Faccio riferimento ad una cena molto intima, quindi gli ingredienti si riferiscono a 2 persone. Ingredienti: una zucchina una decina di gamberi già sgusciati olio sale mezzo bicchiere di rum 200g pasta

Mangia&bevi di Giuliano Macchi

Preparazione: prendete una padella antiaderente e metteteci un filo d’olio a scaldare. Tagliate intanto la zucchina a fiammifero, quando l’olio è ben caldo metterci la zucchina a cuocere. Intanto lavate i gamberi sgusciati ed eventualmente toglierci quella specie di filo nero che si intravede sul dorso. Una volta che le zucchine avranno preso un colore dorato aggiungere i gamberi. Dopo un paio di minuti sfumare con mezzo bicchiere di rum e lasciare evaporare. Così il sugo è belle che fatto, basta solo aspettare che cuocia la pasta ed unirli insieme nella padella e in bocca al lupo.

Costo Tempo Utensili Odore

La cucina on line! A partire da oggi 17 gennaio 2008 le ricette dello chef Giuliano autore della rubrica “La cucina per tutti” saranno on-line sul sito di youtube. Per visualizzarle cercate il video: La cucina di VdC: pasta gamberi e zucchine. E imparerete anche voi le ricette della rubrica dalle più semplici alle più complesse. Vi aspettiamo on-line...

FRAMMENTI BALCANICI: il Montenegro Estate: tempo per approfondire temi cari e boom economico con entusiasmo, guardando “approfondarsi” in territori che hanno una alla modernità occidentale senza remore e sua verginità. Wellcome to Montenegro: il far- con ammirazione. west vicino a casa. Questa è l’impressione Montenegro come spigoli rocciosi aspri che si che ho avuto almeno a livello architettonico e gettano in mare per lenire le sofferenze del anche aneddotico. Auto vecchissime, case pericolanti in fase di riparazione, gente che si volta e ti guarda stupito con una certa simpatia. Il Montenegro è appena entrato (1 anno) in zona euro nell’ambito della politica di “deserbizzazione” dei Balcani: punta quindi dritto a Bruxelles, nonostante abbia un rapporto tuttora comunque privilegiato coi Serbi e anche con i Russi, i quali popolano le coste d’estate, facendo lievitare i prezzi per ora irrisori e riempiendo l’atmosfera di “quel taglio putinianoarrogante” che proprio Quando si parla di Serbia e di Montenegro abbiamo tutti le idee un po’ confuse e non ci voleva. Inoltre sem- noi di VdC non facciamo che confondervele ulteriormente. In alto la squadra della Serbia, la squadra preferita dagli appassionati di amaro Montenegro, l’amaro bra che tra le sue dolci, ufficiale della nazionale del Montenegro . selvagge vallate si nascondano di tanto in tanto i criminali più acclarati caldo secco che porta a bruciare aree vastissidel conflitto bosniaco degli anni ’90: Karadzic, me; come le bocche di Cattaro, Kotor, il fiordo leader politico dei serbo-bosniaci, e Mladic, più meridionale d’Europa, una versione mersuo leader militare, ricercati dal tribunale dionale e brulla di un corrispettivo norvegese; dell’Aia da anni per con l’accusa di genocidio. come il clima di festa mobile e continua che Il “pentolone balcanico” riguarda quindi da si respira a Budva e nelle altre località della vicino anche questo Paese di 600mila abitanti costa; come vallate inesplorate, abitate da che vanta tradizioni cristiano ortodosse molto pastori, patrimonio dell’UNESCO e ricche in salde, è passato sotto la dittatura socialista monasteri ortodossi dalla storia millenaria. Titina, ma che vive il proprio momento di Montenegro come intreccio con la storia italia-

na: Elena, consorte di Vittorio Emanuele III, figlia di Re Nicola di Montenegro era infatti nata a Cettigne, autentico nido d’aquile o modesto paesello di montagna, dove si notano le ambasciate, palazzine mignon e ancora abbandonate che danno un tono fiabesco al tutto. Cettigne dove il lavoro più frequente è il rivenditore d’auto, a decine, ravvicinati, a testimonianza del boom dell’economia di mercato e di un certo benessere crescente e anche di una certa crescita del mito dell’automobile di classe, finora là un miraggio. Sullo sfondo l’enigmatica Albania e Podgorica, ex-Titograd, città socialista dominata da un’imponente quanto abominevole industria siderurgica, da case popolari agghiaccianti, da un centro scarno di storia, ma ricco in moderni palazzi delle società di telecomunicazioni che crescono nel Paese. Montenegro come luogo culturalmente e istintivamente molto lontano da noi, ma allo stesso tempo tappa simpatica e interessante in un viaggio lungo le strade ferite dei Balcani. Michele Rizzi

9


STUPIDA CHIMICA A CURA DI S5 Avete mai provato durante una romantica cenetta al lume di candela, a stupire la vostra bella con un colpo a sorpresa che riesce solo ai migliori chef: il flambè??? E quale è stato il vostro risultato??? a) non ci ho mai provato ma mi piacerebbe tanto… b) era tutto perfetto ma il mio flambè non ha preso fuoco… c) era tutto perfetto, e il flambè ha preso fuoco benissimo… ma dopo un attimo ha preso fuoco anche la tovaglia, il tavolo, la tenda, la mia ragazza, la mia collezione segreta di hentai e soprattutto il poster ufficiale dell’ultima coppa dei campioni vinta dall’inter (1283 a.C)… A seconda della risposta potete guardare l’esito del test: a) prima di tutto trovati una tipa che accetti il tuo invito a cena e poi leggi l’articolo con i consigli del chimico per il flambè perfetto… b) trovati un’altra ragazza visto che la precedente ti ha mollato dopo la figura di merda col flambè e poi leggi l’articolo con i consigli del chimico per il flambè perfetto…. c) trovati un’altra ragazza visto che la precedente ha ustioni sul 90% del corpo (però il tuo poster è salvo…) e poi leggi l’articolo con i consigli del chimico per il flambè perfetto…

serve un liquore con almeno 40 gradi, tipo whisky, rum o cognac. Vino e birra non sono abbastanza alcoolici per bruciare (oltre al fatto che se avevate intenzione di servire una banana flambè alla birra ad una cenetta romantica siete proprio dei cairolotti…) Il secondo segreto per un buon flambè è che si deve riscaldare sia il liquore che la pietanza assieme. E poi bisogna accendere il flambè solo quando sulla superficie del liquore iniziano a formarsi delle bollicine… se non ci sono bollicine=non c’è vapore a l c o l i c o nell’aria=niente fuoco=figuraccia… La reazione poi è molto semplice di per sé: l’etanolo (l’alcol del liquore) brucia dando acqua e anidride carbonica: C2H5OH + 3O2 -> 3H2O + 2CO2. Inoltre si caramella lo zucchero eventualmente presente. Infine bisogna spegnere il fuoco prima che tutto l’alcol bruci, sennò il flambè non sa di niente: a questo scopo basta coprire il contenitore con un coperchio per qualche secondo… Servire quindi alla propria bella un perfetto flambè… Buon appetito e buona serata a tutti!!!

Prima di tutto per un flambè che bruci bene

Sua maestà Dexter Gran Cavaliere del Fraccaro al Potere Chimico

Avviso a tutti gli abbonati: Come avrete notato la conclusione dello scorso anno ci ha scombussolato un po’ il VdC...l’ultimo numero, uscito il 19 dicembre on-line è stato stampato nelle versioni cartacee giovedì scorso. Lo troverete in casella insieme al numero odierno. Per quanto riguarda il numero precedente, uscito il 13 dicembre non è stato distribuito a tutti: chi non l’avesse ricevuto e lo volesse è pregato di richiederlo al direttore entro la fine della settimana. PS: abbiamo ancora alcuni fatidici giornalino numero 50...ritirateli!

10

UNA PAGNOTTA D’ESTINTORE CONTRO IL GENIO PERICOLOSO DI DEXTER Perché c’è un estintore sulla parete che separa la stanza 3 dalla 5? E soprattutto perché solo lì? Perché non dal Tozz direte voi? Perché ho paura vi rispondo io. Da qualche mese il vicino di stanza, tale Dexter, si trastulla con materiale infiammabile fino a tarda ora la sera e così ho dovuto chiamare papà. Lui mi ha subito promesso un estintore, dicendomi: “Quando vedi che traffica con quelle miccette lì, tu glielo tiri in testa e bon! Già nei Collegi dove ero Rettore prima questa tecnica di dissuasione ha funzionato. E’ molto più efficace che il getto d’acqua e poi in realtà sono vuoti, fanno bella figura, costano meno e basta tirarli. Pensa che coi soldi della schiuma ho piantato i bulbi per i fiori del giardino! Questa è economia degli investimenti!” Grazie papà, sei un genio. Ora non temo più Dexter.

MAGGIANATE Le migliori dal WEB Una vecchietta passeggia con una gallina sotto il braccio. Un tipo la vede e le fa: “Oh bella! Me la darebbe per 10 euro?“ E la vecchietta: “Un attimo che poso la gallina…” L' appuntato al maresciallo : 'per fare un po' di spazio in archivio possiamo bruciare i fascicoli più vecchi di 10 anni? Il Maresciallo: 'Ottima idea, ma per sicurezza fai prima le fotocopie....'

Paris-Paris


Avvisi

RESOCONTO DEL PRESEPE VIVENTE Dal presepe vivente dell’anno passato non abbiamo pubblicato il conto consuntivo consueto conclusivo contanti con spese annesse che puntualmente pubblichiamo puntigliosamente pur essendo trascorso abbastanza tempo. Le spese sono le solite, potete prenderne visione per poi poter contestare le decisioni degli organizzatori Romano, Tinelli, Macchi e Pampanatale. Non perdetevi il giornalino della prossima settimana sul quale verrà pubblicato il resoconto del concerto di Natale, con i rimborsi spese e le somme e cazzi mazzi e Turconi...

Uscite reali 

Spese Alimentari 

 

1,50 €  Vino  3,66 €  Castagne 

Parcheggio  Eurospin1 

100,00 €  86,00 € 

108,59 €  Salame  4,80 €  Pane 

Eurospin2  Scotch 

148,48 €  41,30 € 

60,00 €  Formaggio  11,98 €  Pandoro 

Mondo della carta  Cartoleria 

53,16 €  30,87 € 

100,00 €  Panettone  105,40 €  Mascarpone 

Vino  Grembiuli  Frutta  Culla  Eurospin 3  Carrefour 

87,21 €  19,80 € 

110,00 €  Uova  31,60 €  Zucchero 

3,96 € 

24,72 €  Liquore  165,93 €  Cioccolata 

17,85 € 

8,20 €  12,87 € 

117,59 €  panna  10,00 €  Tavolette cioccolato 

Esselunga  ricarica 

20,00 €  Arance  4,00 €  Limoni 

Berrettini  Guanti 

Esselunga 

88,80 € 

Galline 

10,00 €    

 

 

TOT. 

1,92 €  14,00 € 

Collana 

  

19,80 €  10,00 € 

31,00 €  Cannella  2,00 €  Chiodi di garofano 

piatti 

 

8,10 €  4,04 € 

Latte 

15,64 € 

Spumante 

17,25 € 

Acqua 

1,14 € 

Caramelle 

6,47 € 

1.011,57 € 

ANNUNCI VIOLENTI Come sempre il vostro Violenza vi offre i migliori affari delle Torri. In attesa dell’arrivo del caldo e quindi delle casse di Red Bull indispensabili a raggiungere i crediti, oltre a rinnovarvi l’invito per gli (ormai) collaudatissimi DUREX, ecco la nuova imperdibile offerta. Al vero spacciatore non può mancare:

* Tv: PALcolor A14MC 15”, con tanti ricordi sopra ma perfettamente funzionante (vendo causa cambio con super tv da super spacciatore) Antenna: PHILIPS super figa, quella che si muove da sola si! Le manca un baffo perché così è più bella… Telecomando: NUOVO Meliconi Speedy Plus, appena comprato (porca la troia 15 euro solo lui) Affrettatevi, anche perché sta televisione è proprio tra le palle… grazie! *alcune immagini potrebbero non rispecchiare perfettamente la realtà.

Sempre vostro, Violenza #45

11


Numero56