Page 1

PER RAGAZZI A SERVIZIO DI GESU’E DELLA COMUNITA’NELLA LITURGIA ANNO I I - N ° 2 - FEBBRAI O 2013

La fede? E’ una FESta!

D...come DOMENICA ed e… come eucaristia

Caro/a RAGAZZO/A, stiamo vivendo il Tempo Ordinario che precede la Quaresima e che vede i festeggiamenti per il carnevale. Maschere belle, golosi crostoli e frittelle ci vengono in qualche modo a ricordare la DIMENSIONE FESTOSA E GIOIOSA della nostra fede in Gesù… Ricordiamocene e non solo fino al martedì grasso! L’EUCARISTIA DOMENICALE, che vivi nel servizio all’altare e all’assemblea, sia davvero UNA FESTA che ti porta a dire «JUMP!», pensando allo slancio irrefrenabile di chi gioca, si diverte, non si ferma mai perché sta provando la bellezza dello stare insieme e si sente a casa, amato/a, accompagnato/a, spronato/a a fare sempre meglio e a dare di più… sull’esempio di Gesù!

A

d. Davide Frassetto

Il REBUS 4, 5, 5, 6, 6, 4, 5

GLIUO

ALLA

L’ABC della fede:

………………… ………………… ………………… ………………… ………………… ………………… …………………


L’ANGOLO DELL’ascolto Dal Vangelo secondo Luca 4, 21-30 In quel tempo, Gesù cominciò a dire nella sinagoga: «Oggi si è compiuta questa Scrittura che voi avete ascoltato». Tutti gli davano testimonianza ed erano meravigliati delle parole di grazia che uscivano dalla sua bocca e dicevano: «Non è costui il figlio di Giuseppe?». Ma egli rispose loro: «Certamente voi mi citerete questo proverbio: “Medico, cura te stesso. Quanto abbiamo udito che accadde a Cafàrnao, fallo anche qui, nella tua patria!”». Poi aggiunse: «In verità io vi dico: nessun profeta è bene accetto nella sua patria. Anzi, in verità io vi dico: c’erano molte vedove in Israele al tempo di Elìa, quando il cielo fu chiuso per tre anni e sei mesi e ci fu una grande carestia in tutto il paese; ma a nessuna di esse fu mandato Elìa, se non a una vedova a Sarèpta di Sidòne. C’erano molti lebbrosi in Israele al tempo del profeta Eliseo; ma nessuno di loro fu purificato, se non Naamàn, il Siro». All’udire queste cose, tutti nella sinagoga si riempirono di sdegno. Si alzarono e lo cacciarono fuori della città e lo condussero fin sul ciglio del monte, sul quale era costruita la loro città, per gettarlo giù. Ma egli, passando in mezzo a loro, si mise in cammino.

Per comprendere

Di questo brano del Vangelo prova a scrivere:

I personaggi: …....…………………………………. Il luogo:

……. ...………………………………….

Il tempo: ……. ...………………………………….

Per approfondire

Tante volte noi SIAMO CONVINTI DI CONOSCERE GESÙ, ma quanto lo conosciamo? Tra i compaesani di Gesù, nella sinagoga, dopo che Gesù ha parlato accade proprio questo: c’è chi pensa di conoscere già tutto su Dio. Ecco allora che si trovano a dire: “Non è il figlio di Giuseppe? Ma sì che è lui! E allora? Chi si crede di essere, noi conosciamo benissimo suo papà. Dove vuole andare questo qui?”. Credevano di non aver più niente da imparare, credevano di credere, per questo, quando vedono che Gesù non è come loro si aspettavano, LO RIFIUTANO. Avrebbero voluto un Gesù diverso, secondo le loro idee… e per questo lo cacciano via… e così si chiudono alla speranza e alla gioia. Può capitare anche a noi di chiudere fuori Gesù perché non è come noi lo pensiamo, o perché altri ci imbrogliano su di lui… Prova invece ad APRIRTI ALLA NOVITÀ DEL VANGELO! Gesù ti dice che oggi la novità di Dio può entrare nella tua vita! Il Dio di GESÙ È APERTO, SCONVOLGE: È AMORE! Ora, noi non andiamo in sinagoga… ma può capitare di sbattere fuori Gesù! Gesù entra nelle nostre vite, nelle nostre famiglie, nella nostra comunità, nella nostra chiesa, e noi cosa facciamo? Ci lasciamo incontrare da lui?

SCRIVI LA TUA PREGHIERA ………………………………………………… ………………………………………………… …………………………………………………

L’impegno Sii fedele alla messa domenicale: qui Gesù vuole incontrarti e, per questo, ti dona la sua Parola e il suo Corpo! Attenzione: c’è sempre... una novita!

ECCOCI QUI Ecco alcuni chierichetti e alcune ancelle (circa 50) del vicariato di Camposampiero! La foto li vede impegnati in un bel momento della proposta, durante la loro prima festa vicariale.

GIOCO ATTIVITA’ Che cosa ti interessa nella tua vita e di che cosa hai bisogno per essere felice? Diamo del tempo ai ragazzi per far scrivere ciò che viene loro in mente di fronte a queste domande. Dopo, chiedere a ciascuno di disegnare una piramide: alle base ognuno metterà le cose più importanti della lista e, più in alto, quelle meno significative. In gruppo (o a gruppetti) far spiegare ad ogni ragazzo/a le proprie scelte, infine si disegna insieme una piramide che contenga le “cose” irrinunciabili per la vita di ogni uomo… per essere felici!

NEWS Convegno Chierichetti e Ancelle 1° MAGGIO ‘13: il pro-

Manda anche tu la foto del tuo gruppo a mochi@diocesitv.it Supplemento a «Seminario Treviso. Rivista trimestrale», 52 (2012) n. 4.

gramma e le altre informazioni le trovi sul sito www.diocesitv.it/seminario cliccando sull’icona MOCHI. Puoi raggiungerlo visualizzando il qr-code. Chiedi aiuto ai tuoi genitori o al responsabile del tuo gruppo!

Eccomi Febbraio 2013  

Eccomi Febbraio 2013 Collaborazione Pastorale Musile di Piave

Eccomi Febbraio 2013  

Eccomi Febbraio 2013 Collaborazione Pastorale Musile di Piave

Advertisement