Page 1

Le produzioni, l’ambiente, l’alimentazione

Coldiretti Cremona Informa, Anno VII NewsLetter

Informazione online Venerdì 17/02/2012 – Anno VII, Numero 6 Suinicoltura. La produzione è in calo // In Italia il mangime più caro d’Europa UE. Ok al pacchetto latte // Quote latte, non c’era ragione per la proroga Ortofrutta. Coldiretti: nei campi verdure pagate meno di un anno fa PIL. Sale a 28 miliardi il valore aggiunto agricolo Oscar Green. Premio all’innovazione in agricoltura, nuova edizione Iniziative. Coldiretti alla “Settimana per il tuo Cuore a Cremona” Terranostra Cremona. Rinnovo cariche // Corso operatori agrituristici In agenda. Mercato di Campagna Amica // Agricoltura online e in tv …………………………………………………………………………

…………………

Suini, l’Italia ha il mangime più caro d’Europa: in un anno è aumentato di quasi il 30% Non solo benzina. L’Italia è il Paese più caro d’Europa anche per il mangime dei suini che, nel 2011, ha raggiunto il costo record di oltre 36 euro al quintale, contro i 28 euro circa di danesi e olandesi, i 26 euro di tedeschi e francesi, i 29 euro dei polacchi, i 27 euro degli ungheresi o i 29 euro degli spagnoli. Fra il 2010 e il 2011 – spiega Coldiretti Lombardia su dati Anas – i prezzi medi sono aumentai di 8 euro al quintale, con un aggravio di oltre il 29%. E’, in proporzione, come se nella spesa delle famiglie di tutti i giorni, nell’arco di un anno un chilo di petto di pollo aumentasse dagli attuali 8,90 euro (fonte smsconsumatori) a quasi 12 euro, oppure un kg di fettine di bovino passasse da 14,45 euro a quasi 19, oppure le arance da 1,75 a quasi 2,28 euro al chilo. “Sui costi del foraggio – spiega Andrea Cristini, allevatore di Isorella (Brescia) e presidente Anas – hanno influito: le quotazioni in crescita di mais e soia, il prezzo della benzina, visto che la maggior parte dei trasporti avviene su gomma, e infine la polverizzazione del mercato che non permette la movimentazione in blocco di grandi quantità di mangime con una maggiore economia sui costi finali”. All’estero invece molti trasporti avvengono per via fluviale, la benzina costa di meno e il pasto degli animali comprende anche scarti dell’industria agroalimentare, manioca, olio di frittura usato. “I suini in Italia sono alimentati con prodotti nobili e non con scarti di lavorazione di qualche industria – sottolineano gli allevatori di Coldiretti –. I foraggi che usiamo sono indicati dai disciplinari dei prosciutti Dop e garantiscono la massima qualità e sicurezza ai consumatori ed è anche per questo che da noi la razione alimentare degli animali costa di più”. Il ruolo dei Consorzi agrari d’Italia, spiega Coldiretti Lombardia, è quidi strategico per una miglior gestione del mercato e degli acquisti di sementi e foraggi, anche per il settore suinicolo, che in 5 anni ha perso 140mila scrofe e la capacità di allevare 3 milioni di suini all’anno a fronte di un aumento delle importazioni dall’estero.


L’Associazione Nazionale degli Allevatori di Suini ha pubblicato le prime stime sull’annata 2011

Cala la produzione suinicola, filiere corte per battere la crisi L’Associazione nazionale degli allevatori di suini ha recentemente pubblicato le prime stime sull’annata 2011. Sulla base dei dati Istat, lo scorso anno la produzione italiana è diminuita del 5,2% rispetto al 2010 per la diminuzione del numero delle scrofe, dovuta al prolungarsi della crisi del settore; di conseguenza, è diminuita anche l’attività di macellazione che, con 13.323.500 capi, ha fatto segnare un significativo arretramento (-3,2% rispetto al 2010). La mancanza del prodotto di origine italiana ha portato a una rilevante importazione di suini e suinetti esteri (+ 28,3% rispetto al 2010). Nel 2011 sono aumentate anche le importazioni di carni suine (in totale 1.036.066 tonnellate), corrispondenti ad un valore di 2.007,7 milioni di euro (+5,5% rispetto all’anno precedente). Positive le performance delle esportazioni, con circa 313.625 tonnellate (un balzo del 6,6% rispetto al 2010), per un valore di circa 1.219,4 milioni di euro (+ 9,5% rispetto al 2010). Calano invece i consumi di carne suina: rispetto al 2010 gli acquisti sono scesi dell’1,6%, con una diminuzione del consumo pro-capite del 2,1%. In ripresa i prezzi dei suini nazionali da macello, con + 12% per quelli leggeri e + 15,6% per quelli pesanti Dop 160/176 kg; in calo del 2,3% invece le quotazioni dei suinetti. Grazie al rafforzamento delle quotazioni, lo scorso anno il valore della produzione suinicola italiana è cresciuta del 9,6% (per un totale di 2.644,3 milioni di euro) nonostante la contrazione nelle produzioni. Il settore si trova ancora oggi a dover fronteggiare un notevole rincaro del prezzo delle materie prime per l’alimentazione degli animali, soprattutto per mais (+33,7%), orzo (35,9%) e crusca di frumento tenero (30,2%). Complessivamente, il costo di una razione standard è cresciuto del 24,3% rispetto al 2010. La crisi della suinicoltura italiana è aggravata dallo scarso potere contrattuale degli allevatori all’interno dell’intera filiera produttiva e nelle produzioni Dop. Coldiretti stima che nel 2011 le quote percentuali dei prodotti ottenuti dai suini pesanti italiani si ripartiscano in un 16% agli allevatori e un 10,5% ai macellatori contro il 23,5% dell’industria e il 50% alla distribuzione. In questo quadro diventa importante valorizzare tutte quelle iniziative che, come i mercati di Campagna Amica, accorciano la filiera offrendo la giusta remunerazione ai produttori e prezzi più convenienti ai consumatori.

www.ilpuntocoldiretti.it Il giornale online delle imprese del sistema agroalimentare Tutti gli approfondimenti in merito agli interventi e alle battaglie di Coldiretti sono su Il Punto Coldiretti, il giornale online rivolto alle imprese del sistema agroalimentare, creato dalla prima Organizzazione degli imprenditori agricoli del Paese. Il Punto Coldiretti assicura un costante aggiornamento su economia e settori produttivi, fisco, ambiente, lavoro, credito, energia, previdenza, formazione, qualità, innovazione e ricerca, scadenze e prezzi, previsioni meteo. L’indirizzo è: www.ilpuntocoldiretti.it.


UE. VOTO FAVOREVOLE AL PACCHETTO LATTE

COLDIRETTI: Possibilità di programmare le produzioni di 37 formaggi “Dop” per cinque miliardi di litri di latte Il pacchetto latte offre la possibilità di programmare le produzioni dei 37 formaggi nazionali a denominazione di origine (Dop) riconosciuti, ai quali in Italia sono destinati circa 5 miliardi di litri di latte, il quantitativo più elevato in Europa. E’ quanto afferma la Coldiretti nel commentare il voto favorevole al pacchetto latte da parte del Parlamento Europeo. Il provvedimento - conclude la Coldiretti - renderà maggiormente trasparenti le transazioni tra gli allevatori e le loro organizzazioni di prodotto con i trasformatori utilizzatori, prevedendo volumi di conferimento, tempi di pagamento e prezzi certi per un periodo temporale almeno di sei mesi, con la possibilità di renderli più adeguati al mercato sulla base dei costi di produzione del latte.

QUOTE LATTE. COLDIRETTI: NON C’ERA RAGIONE PER LA PROROGA Non c'era alcuna valida motivazione per una ulteriore proroga del pagamento delle multe, proroga che di fatto ha danneggiato gli allevatori che hanno creduto nello Stato e si sono messi in regola affrontando duri sacrifici economici. E' quanto afferma la Coldiretti nel commentare l’apertura da parte della Commissione Europea nei confronti dell'Italia di una procedura di indagine formale sugli aiuti di Stato, invitandola a fornire informazioni in relazione alla proroga di 6 mesi, al 30 giugno 2011, del pagamento della rata delle multe sul latte in scadenza al 31 dicembre 2010. Ci siamo duramente opposti ad quella proroga che – conclude la Coldiretti – ha danneggiato gli interessi degli allevatori italiani che hanno rispettato le regole e che negli anni, proprio per questo motivo, hanno acquistato o affittato quote per un valore complessivo di 2,42 miliardi di euro.

VIDEO NEWS - MALTEMPO: MENO LATTE NELLE STALLE, BOOM COSTI GASOLIO E FORAGGIO SU WWW.YOUTUBE.COM/COLDIRETTILOMBARDIA


UE-MAROCCO: ACCORDO SQUILIBRATO PER L’AGRICOLTURA Un accordo squilibrato che colpisce duramente l’agricoltura italiana In un contesto già particolarmente difficile dal punto di vista economico e sociale. E’ quanto afferma la Coldiretti nel commentare la votazione con 369 voti a favore e 225 contrari del Parlamento europeo, riunito in sessione plenaria a Strasburgo, che si è espresso a favore della conclusione dell’accordo tra l’Unione europea e il Regno del Marocco sulle misure di liberalizzazione reciproche per i prodotti agricoli, prodotti agricoli trasformati, il pesce ed i prodotti della pesca. L’accordo con il Marocco per i prodotti agricoli e della pesca dovrebbe entrare in vigore all’inizio di maggio del 2012 ed avrà - sottolinea la Coldiretti - un impatto pesante sulle imprese agricole italiane in particolare nel sensibile settore dell’ortofrutta. L’agricoltura ancora una volta conclude la Coldiretti - viene ingiustamente sacrificata per interessi diversi in considerazione del nuovo scenario politico emerso nei Paesi della sponda sud del bacino Mediterraneo a seguito dei recenti eventi della Primavera araba.

COLDIRETTI: NEI CAMPI VERDURE PAGATE MENO DI 1 ANNO FA (-5 %) Nonostante gli aumenti che si sono verificati per i consumatori nella prima metà del mese di febbraio 2012 i prezzi riconosciuti ai produttori agricoli per l’ortofrutta sono risultati complessivamente inferiori del 5 per cento rispetto a quelli dello stesso periodo dello scorso anno. E’ quanto emerge da una analisi della Coldiretti sulla base dei dati Ismea a febbraio, in occasione del tavolo sulle dinamiche dei prezzi del settore ortofrutticolo convocato dal garante al Ministero dello Sviluppo Economico. Un calo su base tendenziale che - sottolinea la Coldiretti - fa seguito a quello che si era già verificato a gennaio 2012 quando i prezzi alla produzione agricola per l’ortofrutta erano risultati addirittura in calo del 25 rispetto allo stesso periodo dell’anno precedente. I rincari che si sono verificati nei prezzi al consumo - sottolinea la Coldiretti - si sono solo marginalmente trasferiti alla produzione dove si sono verificati realmente i danni per un valore complessivo di 300 milioni di euro dovuti anche alla distruzione delle verdure in campo, nei magazzini o all’interno dei camion per effetto del gelo, ma anche del blocco dei trasporti a causa della neve. Secondo le elaborazioni della Coldiretti sulla base dei dati Ismea e Sms consumatori i prezzi al dettaglio sono aumentati del 32 per cento per i cavolfiori, del 27 per cento per le zucchine, del 13 per cento per le carote, del 12 per cento per le cipolle, ma sono diminuiti del 12 per cento per i finocchi e dello 0,5 per cento per le lattughe, nella seconda settimana di febbraio 2012 rispetto allo stesso periodo dello scorso anno. Per evitare di cadere nelle trappole del mercato il consiglio della Coldiretti è quello di tagliare quando è possibile le intermediazioni e di rivolgersi direttamente ai produttori nelle aziende e nei mercati di Campagna amica. Per verificare la congruità dei prezzi contro le speculazioni un aiuto viene dal servizio Sms consumatori che attraverso l’sms al numero 47947 fornisce i prezzi medi per i diversi prodotti al nord, al centro e al sud Italia.


PIL: SALE A 28 MILIARDI IL VALORE AGGIUNTO AGRICOLO L’Agricoltura in controtendenza: è cresciuta nell’ultimo quadrimestre e nell’anno In controtendenza rispetto all’andamento economico generale, il valore aggiunto dell’agricoltura cresce nel 2011 rispetto allo scorso anno e raggiunge un valore superiore ai 28 miliardi di euro grazie agli aumenti tendenziali fatti registrare nel primo, secondo e quarto trimestre dell’anno. E’ quanto emerge da un’analisi della Coldiretti sulla base dei dati Istat sulla stima preliminare del Pil nel 2011. Il leggero aumento del 2011 rischia di essere vanificato - sottolinea la Coldiretti - dalle perdite subite dal settore nell’anno in corso che è iniziato con un crollo dei prezzi pagati agli agricoltori e dai danni del maltempo che hanno tagliato le produzioni. Sulla base di un’analisi Coldiretti su dati Ismea a gennaio 2012 rispetto allo stesso periodo dello scorso anno si è verificata una flessione complessiva dei prezzi agricoli del 3 per cento, con un ribasso del 9 per cento per le coltivazioni e un aumento del 4 per cento delle produzioni da allevamento. Nell’intero comparto, gli ortaggi con il calo del 25 per cento sono quelli che hanno fatto segnare la peggiore performance, ma una flessione del 19 per cento si registra per l’olio di oliva, del 12 per cento per i cereali e dell’8 per cento per la frutta. Un crollo record del 25 per cento nei prezzi pagati agli imprenditori agricoli a gennaio 2012 è stato fatto registrare per gli ortaggi. A rendere più pesante il crollo dei prezzi alla produzione dell’inizio dell’anno sono stati i gravi danni subito dal settore agricolo a seguito dell’ondata di maltempo che ha procurato perdite stimate in mezzo miliardo per l’intera filiera. Ai danni immediati determinati dalla distruzione delle colture in campo nei magazzini o nei tir per il blocco delle attività vanno sommati - continua la Coldiretti - quelli strutturali con il crollo di intere strutture produttive, dai capannoni alle stalle con la distruzione di macchinari e la morte di migliaia di animali allevati, tra mucche, pecore, cavalli, conigli e polli. Il conto per l’agricoltura – conclude la Coldiretti – potrebbe salire in misura esponenziale, perché con le temperature al di sotto dei dieci gradi per più giorni rischiano di essere compromesse anche le circa 100 milioni di piante di ulivo coltivate nelle zone interessate dal maltempo, al pari di quanto è avvenuto con le gelate del 1985.

COLDIRETTI CREMONA – IMPRESA VERDE CREMONA SEDE PROVINCIALE Via Ala Ponzone, 8 III piano - Tel. 0372.499811 Fax 0372.499899 UFFICIO ZONA CREMONA Via Ruffini, 28 Tel. 0372.732930 - Fax 0372.732940 UFFICIO ZONA SORESINA Via Lombardia, 3 Tel. 0372.732990 - Fax 0372.732980 UFF. ZONA CASALMAGGIORE Via Cairoli, 3 Tel. 0372.732960 - Fax 0372.732970 UFF. ZONA DI CREMA Via del Macello, 34/36 - Tel. 0372.732900 - Fax 0372.732925


CON LA REGIA DI COLDIRETTI GIOVANI IMPRESA

Oscar Green 2012 Nuova edizione del Premio all’innovazione verde L’Oscar Green è il premio promosso da Coldiretti Giovani Impresa – con l’Alto Patronato del Presidente della Repubblica – per valorizzare e dare spazio all’innovazione in agricoltura. I giovani di Coldiretti premiano l’innovazione che sa mantenere le proprie radici, con lo sguardo rivolto al futuro. L’obiettivo è portare all’attenzione dei cittadini italiani e delle altre aziende agricole le esperienze vincenti di imprenditori che hanno saputo costruire progetti di impresa competitivi e sostenibili allo stesso tempo, rafforzando il legame con il loro territorio d’appartenenza. Con queste premesse, prende avvio l’edizione 2012 di Oscar Green: le iscrizioni sono già aperte (con termine ultimo fissato al 30 marzo 2012) e sono rivolte ad imprenditori agricoli con età fino ai 40 anni (ad eccezione della categoria In-filiera, che non prevede limiti d’età). Saranno premiate le esperienze più originali, che valorizzano il territorio e che lo fanno conoscere anche a livello internazionale. Il tutto seguendo sei “filoni”, o categorie:

Stile e cultura d'impresa. Si prenderanno in considerazione gli esempi/modelli che dimostrano come la cultura d’impresa, incanalata in progetti e strategie innovative, sia la vera spinta alla crescita e allo sviluppo dell’agricoltura italiana, sapendo coniugare la difesa delle tradizioni Made in Italy con l’innovazione.

Non solo agricoltura. Si confronteranno le esperienze di crescita e valorizzazione socio-economica del territorio a partire dalla produzione agricola e dalla multifunzionalità delle imprese. Inoltre, questa categoria evidenzierà la parte del settore agricolo che può giocare un ruolo importante nelle strategie di adattamento e mitigazione climatica.


Esportare il territorio. In questa categoria si valorizzano le imprese che, a partire dal proprio prodotto, hanno saputo proporsi e proporre il territorio che rappresentano a livello internazionale. Saranno presi in considerazione gli esempi/modelli di come il territorio diventa “il prodotto”, il vero valore aggiunto che rende unico il Made in Italy.

In-filiera. Premia esempi/modelli di cooperative e consorzi agrari capaci di massimizzare i vantaggi delle imprese agricole e agroalimentari e del consumatore finale. Una filiera agricola tutta italiana firmata dagli agricoltori costituisce un elemento essenziale per esprimere le potenzialità dell’impresa che rappresenta l’anima della filiera stessa.

Campagna Amica. Premia esempi/modelli di punti di vendita diretta che si distinguono per l’elevata propensione a mettere in relazione le esigenze dei consumatori e delle imprese agricole, rispondendo alla richiesta di trasparenza ed agevolando scelte di consumo consapevoli, secondo la logica della filiera agricola tutta italiana e firmata dagli agricoltori.

Ideando. Questa categoria è riservata ad imprese innovative che hanno al massimo 1 anno di vita o che sono in fase di realizzazione, e quindi hanno generato nuove idee o consolidato modelli già in uso nel settore agricolo. Si prenderanno in considerazione esempi di imprese che hanno i requisiti di una qualsiasi altra categoria del concorso, ma che hanno al massimo un anno di vita.

Paese Amico. E’ prevista anche la menzione speciale “Paese Amico” rivolta a tutte le strutture pubbliche (Comuni, Province, scuole, asl e altre) che si sono impegnate in una collaborazione per l'attuazione del Progetto di Coldiretti di una “Filiera Agricola tutta italiana”. Tutte le informazioni sull’iniziativa sono disponibili all’indirizzo www.oscargreen.it. E’ possibile rivolgersi alla Segreteria Provinciale Coldiretti Giovani Impresa (tel. 0372.499814, e.mail: mov-giovani.cr@coldiretti.it). Il regolamento dell’iniziativa è anche sul sito www.cremona.coldiretti.it.

VIDEONEWS - SPECIALE NITRATI: LE REGOLE PER LE AZIENDE AGRICOLE SU WWW.YOUTUBE.COM/COLDIRETTILOMBARDIA VIDEONEWS - NASCE IL COLOSSO DEL POMODORO LOMBARDO SU WWW.YOUTUBE.COM/COLDIRETTILOMBARDIA VIDEONEWS - MILANO, SCIOPERO DEI TIR: INSALATA E UOVA GRATIS AI CONSUMATORI ONLINE SU WWW.YOUTUBE.COM/COLDIRETTILOMBARDIA


Finanziamenti alle imprese BANDO ISI - INAIL 2011 - INCENTIVI ALLE AZIENDE PER LA SICUREZZA SUL LAVORO Anche quest’anno l’Inail ha aperto il bando per finanziare le imprese che investono sul miglioramento della sicurezza sui luoghi di lavoro. Di seguito riportiamo le caratteristiche fondamentali del bando. 1. OBIETTIVO. Incentivare le imprese a realizzare interventi finalizzati al miglioramento dei livelli di salute e sicurezza nei luoghi di lavoro. Possono essere presentati progetti di investimento e per l'adozione di modelli organizzativi e di responsabilità sociale. 2. DESTINATARI. Destinatari sono le imprese, anche individuali, iscritte alla Camera di Commercio Industria Artigianato ed Agricoltura, quindi la platea degli aventi diritto spazia dalla grande industrie al piccolo artigiano per arrivare al singolo coltivatore diretto. 3. AMMONTARE DEL CONTRIBUTO. L’incentivo è costituito da un contributo in conto capitale nella misura del 50% dei costi del progetto. Per le aziende agricole il contributo massimo è di 7500 euro perché riconducibile ai dettami del reg. CEE 1535/07 che disciplina gli aiuti “de minimis”; tale norma prevede che le aziende agricole possono percepire aiuti in regime de minimis a patto che gli stessi non superino l’ammontare di 7500 euro per triennio. Pertanto l’importo massimo che l’azienda agricola potrà percepire dall’adesione al presente bando sarà pari a 7500 euro decurtati di eventuali altri contributi percepiti nell’ultimo triennio all’interno del regime “de minimis”. Per tutti gli altri comparti produttivi (industri, artigianato, ecc.) il contributo massimo è pari a 100.000 euro. 4. RISORSE. Per l'anno 2011 l’INAIL ha stanziato 205 milioni di euro ripartiti in budget regionali, che per la Lombardia ammonta a 35,8 milioni di euro contro i 10,5 dello scorso anno. 5. MODALITÀ E TEMPI. Nel periodo dal 28 dicembre 2011 al 7 marzo 2012 sul sito www.inail.it Punto Cliente, le imprese, previa registrazione sul sito, avranno a disposizione una procedura informatica che consentirà l’inserimento della domanda, con la possibilità di effettuare tutte le simulazioni e modifiche necessarie, allo scopo di verificare che i parametri associati alle caratteristiche dell’impresa e del progetto siano tali da determinare il raggiungimento del punteggio minimo di ammissibilità, pari a 105 (punteggio soglia). I parametri da considerare per il raggiungimento del punteggio soglia attengono principalmente a: dimensione aziendale, rischiosità dell’attività di impresa, numero di destinatari, finalità, tipologia ed efficacia dell'intervento, con la ulteriore previsione di un bonus nel caso di collaborazione con le Parti sociali nella realizzazione dell’intervento. Al termine dell’inserimento della domanda nella procedura informatica, le imprese, la cui domanda salvata abbia raggiunto il punteggio soglia, riceveranno un codice che identificherà in maniera univoca la domanda. Le domande inserite, alle quali è stato attribuito il codice identificativo, ormai salvate e non più modificabili, potranno essere inoltrate on-line; la data e l’ora di apertura e di chiusura dello sportello informatico per l’inoltro delle domande saranno pubblicate sul sito www.inail.it a partire dal 14 marzo 2012. L’elenco in ordine cronologico di tutte le domande inoltrate sarà pubblicato sul sito Inail, con evidenza di quelle collocatesi in posizione utile per l’ammissibilità del contributo, ovvero fino alla capienza della dotazione finanziaria complessiva. Entro i 30 giorni successivi all’invio telematico, l’impresa deve trasmettere alla Sede Inail competente tutta la documentazione prevista, utilizzando la Posta Elettronica Certificata. In caso di ammissione all’incentivo, l'impresa ha un termine massimo di 12 mesi per realizzare e rendicontare il progetto. Entro 90 giorni dal ricevimento della rendicontazione, in caso di esito positivo delle verifiche, viene predisposto quanto necessario all’erogazione del contributo. ALCUNE CONSIDERAZIONI … Questo metodo di erogazione a sportello (chi primo arriva meglio si accomoda!) ha creato non pochi problemi durante le domande dello scorso anno, tant’è che nell’arco di 10 minuti sono stati assegnati 60 milioni di euro in Italia, con un intasamento delle linee di collegamento al sito Inail che impedivano di fatto l’accesso all’applicativo. I 10,5 milioni di euro a disposizione della Lombardia hanno finanziato 230 progetti di cui 6 in provincia di Cremona, e tra questi solamente 2 le aziende agricole: entrambe le domande presentate tramite i nostri uffici. Nonostante le risorse a disposizione per il nuovo bando si siano triplicate, crediamo che i problemi dello scorso anno si riproporranno anche quest’anno, anche perché non dimentichiamo che i progetti presentati dalle imprese non agricole erodono rapidamente il budget a disposizioni a colpi di 100 mila euro per domanda. I nostri uffici sono a disposizione per ogni eventuale chiarimento e per aiutare l’impresa nella presentazione della domanda.


Coldiretti Cremona alla settimana “Per il tuo cuore a Cremona” Un’occasione per ribadire che il Made in Italy fa bene al cuore Il Made in Italy fa bene al cuore: fa vivere più a lungo e fa innamorare. Con questo ‘slogan’ Coldiretti Cremona prende parte alla settimana “Per il tuo cuore a Cremona”, promossa dall’Azienda Istituti Ospitalieri di Cremona e dal Comune di Cremona, con partner quali l’Asl Cremona e l’Associazione Nazionale Medici Cardiologi Ospedalieri. “La dieta mediterranea fa bene alla salute. Studiosi ed esperti son d’accordo: il sistema dietetico mediterraneo tradizionale ha chiari effetti benefici sulla salute e la prevenzione di obesità e disagi correlati, a partire proprio dalle malattie cardiovascolari. Affermiamo, senza timore di smentita, che chi mangia italiano vive più a lungo. E vive meglio, scegliendo la genuinità, la stagionalità, il gusto e la salubrità dell’autentico made in Italy”. A parlare è il Delegato Confederale di Coldiretti Cremona, Eugenio Torchio, che motiva così l’adesione dell’Organizzazione degli agricoltori alla settimana “Per il tuo cuore a Cremona”. L’iniziativa ha preso avvio lunedì 13, con una serie di appuntamenti rivolti alla cittadinanza, a partire dal concerto “A tempo per il tuo cuore”, svoltosi lunedì presso il Teatro Ponchielli, e dagli incontri pubblici (come l’appuntamento “Dona per la vita”, tenutosi martedì nella sala Spazio Comune in piazza Stradivari, sul tema della medicina delle donazioni, e “Contrattacco cardiaco”, incontro svoltosi ieri pomeriggio presso il Teatro Monteverdi, sul tema del percorso del paziente colpito da infarto miocardico acuto), nonché vari momenti dedicati al tema del tabagismo, dal titolo “Non fumiamoci la vita”, rivolti agli studenti e proposti presso le scuole. Domani, sabato 18 febbraio, a partire dalle ore 9,00 presso l’U.O. di Cardiologia dell’Ospedale di Cremona si apre la “Giornata delle Cardiologie aperte”.

DOMENICA TUTTI IN PIAZZA, C’E’ LA MARATONINA DEL CUORE La partecipazione di Coldiretti Cremona alla settimana “Per il tuo cuore a Cremona” è in particolare legata all’iniziativa “Di corsa per il tuo cuore”, la corsa podistica non competitiva che attende famiglie, bambini e sportivi domenica 19 febbraio, dalle ore 9,00 in piazza Duomo. “Si tratterà di una camminata podistica non competitiva, aperta a tutti, per promuovere l’attività fisica come arma vincente contro le malattie cardiovascolari – spiegano dall’Unità di Cardiologia dell’Azienda Ospedaliera di Cremona –. E’ risaputo, infatti, che “un’attività fisica moderata, 30 minuti al giorno, è in grado di incidere positivamente sulla morbilità/mortalità di queste patologie, sia in soggetti sani che in quelli con malattia manifesta”. Al fine di facilitare la partecipazione di famiglie, bambini e sportivi, la camminata prevede la possibilità di fare da uno a tre “giri” di 2,5 Km ciascuno. Ecco il percorso: P.za Duomo, P.za Stradivari, via Beltrami, via Platina, via Ceresole, via Palatina, P.za S. Lorenzo, via Gerolamo da Cremona, via Pallavicino, C.so Matteotti, C.so Mazzini, P.za Roma, via Gramsci, P.za Stradivari. Coldiretti Cremona sarà in piazza Duomo, con il gazebo di Campagna Amica, per distribuire a tutti i partecipanti un dono buono e genuino: alcune mele, offerte dall’azienda agricola Banderini di Rivarolo del Re, insieme a materiale informativo legato all’impegno di Coldiretti a tutela dell’autentico Made in Italy. Sarà una ulteriore occasione per presentare alle famiglie l’iniziativa “Agribenessere…a Scuola di Salute”, il progetto didattico che sta conducendo Coldiretti nelle scuole del territorio con l’obiettivo di avvicinare i bimbi alla scelta di un’alimentazione buona, sana, genuina.


Terranostra Cremona, rinnovo cariche Martedì 14 febbraio si è tenuta l’Assemblea elettiva di Terranostra Cremona per rieleggere le cariche sociali. L’Assemblea è stata caratterizzata dall’intervento della Dr.ssa Valeria Sonvico, Responsabile area ambiente e territorio Coldiretti Lombardia, che ha presentato le modifiche al Regolamento 4/2008 sull’Agriturismo in Lombardia approvate il 14.12.2011. La relazione, oltre a delineare la riorganizzazione dell’attività alla luce delle nuove opportunità di sviluppo nell’ottica della multifunzionalità agricola, ha offerto una panoramica sulla normativa, gli adempimenti e le verifiche specifiche del settore. Al termine della mattinata i lavori sono proseguiti con il rinnovo delle cariche sociali che sono risultate le seguenti: Esterina Mariotti (Agriturismo Apiflor di Pescarolo) è stata riconfermata Presidente per il prossimo mandato quadriennale; Paola Caizzi (Agriturismo Locanda S. Martino di Grumello Cremonese), VicePresidente; Silvia Ramella (Agriturismo Fraccina, Spino d’Adda), Consigliere; Emanuela Dilda (Agriturismo Il Campagnino, Pessina Cremonese), Consigliere; Manuela Buoli (Agriturismo Torretta, Torricella del Pizzo), Consigliere; Francesca Zuccotti (Agriturismo S.Alessandro, Soncino), Consigliere. Riseri Paolo (Agriturismo La Sorgente di Montodine), Revisore dei conti Elisabetta De Grazia (Agriturismo Cascina Arcobaleno di Capergnanica), Revisore dei Conti; Damiano Talamazzini, Marco Benedini e Pietro Scolari sono stati eletti componenti il collegio dei probiviri.

Con gli “Agriturismi di Campagna Amica” Terranostra raddoppia Terranostra, l’associazione degli agriturismi promossa da Coldiretti, raddoppia. Fin dalla nascita del progetto di Coldiretti nella costituzione di una Filiera agricola tutta italiana il settore agrituristico, con in prima linea le aziende agrituristiche aventi anche uno spaccio aziendale, ha sostenuto la rete di Campagna Amica. Oggi, con il tesseramento Terranostra 2012, tutti gli agriturismi anche solo con offerta di pernottamento, prima colazione, con o senza somministrazione pasti, possono avere una maggior qualifica e connotazione nell’ambito di Campagna Amica, continuando al tempo stesso a godere del supporto tecnico sindacale che da sempre Terranostra offre ai propri associati. Gli agriturismi di Terranostra da quest’anno sono riconosciuti come Agriturismi di Campagna Amica: tutto il bello di un agriturismo più tutto il buono dei prodotti Campagna Amica! Un unico marchio che caratterizza l’appartenenza ad una filiera agricola tutta italiana, garantita dagli imprenditori agricoli. Segreteria di Terranostra presso: Giacomo Maghenzani, tel. 0372 499814.


CORSO OPERATORI AGRITURISTICI Terranostra Lombardia, l’Associazione Agrituristica promossa da Coldiretti, ha organizzato un corso per operatori agrituristici previsto dalla legge 31 del 5 dicembre 2008. Il corso è obbligatorio per chi vuole iscriversi all’elenco degli operatori agrituristici ed avviare un’attività agrituristica. Gli interessati possono rivolgersi alla Segreteria Terranostra Cremona (tel. 0372 499814), richiedendo il modulo di iscrizione (che può essere scaricato anche dal sito www.cremona.coldiretti.it – negli “avvisi alle imprese”) DOVE SI TIENE IL CORSO: MILANO via Filzi, 27 sede Coldiretti Lombardia (4° piano) – zona stazione centrale 5 minuti a piedi – DURATA DEL CORSO: 40 ore dal 24 febbraio al 13 marzo 2012 (24/02; 28/02; 01/03; 06/03; 08/03; 13/03) TEMPI DI INVIO MODULO DI ISCRIZIONE E PAGAMENTO: entro il giorno 22 febbraio 2012 inviando il modulo allegato – compilato in ogni sua parte-, copia del documento di identità e la copia del bonifico di pagamento alla segreteria di Terranostra Lombardia al fax 02 6704486. MODALITA’ DI PAGAMENTO: tramite bonifico bancario a Terranostra Lombardia Banca Popolare di Lodi, Agenzia 13, via Volturno 44, Milano IBAN IT78M051 6401 6230 0000 0126 995. Copia del bonifico è da allegare al modulo di iscrizione nei tempi previsti. Si precisa di indicare nella causale il cognome del partecipante e specificare corso operatore agrituristico (es. ROSSI- corso operatore agrituristico) per agevolare la verifica di pagamento. La ricevuta di pagamento non è riconosciuta ai fini delle detrazioni fiscali. COSTO DI PARTECIPAZIONE: 120,00 € soci Coldiretti; 150,00 € non soci Coldiretti. INFO: Valeria Sonvico Segreteria Terranostra Lombardia 02-97094511/02-97094531 mail terranostra.lombardia@coldiretti.it

MERCATO DI CAMPAGNA AMICA - GLI APPUNTAMENTI Segnaliamo il calendario del Mercato di Campagna Amica degli agricoltori di Coldiretti in provincia di Cremona. Eventuali aggiornamenti del calendario possono essere ricercati online, sul sito di Coldiretti Cremona (all’indirizzo www.cremona.coldiretti.it). CREMONA. Al Foro Boario ogni venerdì, dalle ore 8 alle 13 CASALMAGGIORE. In Piazza Turati, il sabato mattina SORESINA. Il lunedì, ore 8-13, davanti al Palazzo Comunale (riprende da marzo) PANDINO. In via Umberto I, prossimo appuntamento lunedì 27 febbraio VESCOVATO. Tutti i sabati, in piazza Roma CASTELLEONE. La mattina del sabato in via Garibaldi BAGNOLO CREMASCO. In piazza Aldo Moro, la seconda domenica del mese CREMA. In via Terni, prossimo appuntamento domenica 19 febbraio.


TUTTE le SETTIMANE l’AGRICOLTURA è in TV Segnaliamo che

W l’Agricoltura, la trasmissione a cura di Coldiretti Cremona, va in onda:

e -

su Telecolor e Primarete ogni giovedì alle 19.45 (subito dopo il tg) e e in replica la domenica, ore 13 circa, su Telecolor.

www.cremona.coldiretti.it il sito di Coldiretti Cremona Ricordiamo che tutti gli appuntamenti promossi da Coldiretti Cremona vengono puntualmente comunicati anche attraverso il nostro sito, all’indirizzo www.cremona.coldiretti.it (in particolare, per gli avvisi rivolti agli imprenditori agricoli, c’è lo spazio “avvisi alle imprese”). Il sito è uno strumento di informazione e comunicazione, aggiornato in tempo reale, rivolto agli imprenditori agricoli e a tutti i cittadini attenti ai temi della difesa e valorizzazione dell’agricoltura e alimentazione made in Italy, alla promozione del territorio, alla tutela dell’ambiente. Sul sito sono presenti tutti i comunicati stampa diffusi da Coldiretti Cremona, ci sono le pagine dedicate ai servizi garantiti dai vari uffici, tutte le iniziative sul territorio, accanto ad una serie di link e di indirizzi utili. Negli ultimi mesi il sito si è arricchito di una serie di video, che raccontano iniziative, azioni e imprese agricole di Coldiretti. Particolare risalto è dato alle ‘storie’ dei giovani imprenditori agricoli.


MERCATI – TABELLA AGGIORNATA AL 16 FEBBRAIO 2012

Unità di misura

CREMONA

MILANO

MANTOVA

MODENA

Tonn.

207-209

n.q.

221-226

(fino) 226-231

Tonn.

196-197

208-209

200,5-202,5

212-213

Tonn.

n.q.

398-400

385-390

Tonn.

n.q. n.q.

n.q. 232–234

n.q. 217-224

(p.spec. 63-65)

Tonn.

188–190

171–172

173-176

171-172

Tonn.

135 – 150 di erba med: 135-150

114-138 129-142

Mag. 1° t.

Medica fienata 1° t.

122-127

120,0-130,0

PAGLIA press. (rotoballe)

Tonn.

105 – 115

105-117

Erba med f. 1° t.

122-127

Paglia di frumento press. ball. 75-80

SUINI lattonzoli locali

15 kg

4,040

4,010

3,990

4,040

SUINI lattonzoli locali

25 kg

3,100

3,070

3,060

3,110

SUINI lattonzoli locali

30 kg

2,860

2,860

3,060

2, 870

SUINI lattonzoli locali

40 kg

2,340

2,360

2,330

2,340

SUINI da macello

156 kg

1,275

1,330

n.q.

SUINI da macello

176 kg

1,335

1,330

n.q.

1,305

1,305

n.q.

MONTICHIARI

da macello 1,220-1,320

PRODOTTO

FRUMENTO tenero buono mercantile

GRANOTURCO ibr. naz. 14% um.

SEMI di SOIA Nazionale ORZO naz. p.spec. 55-60 p.spec. 66-68

CRUSCA alla rinfusa FIENO Magg. Agostano

SUINI da macello VACCHE FRIS. 1° qualità (p.v.)

VACCHE FRIS. 2° qualità (p.v.)

MANZE scott. 24 mesi

Oltre 176 kg kg.

2,50-2,85

kg.

2,20-2,45

kg.

2,30-2,85

1,15-1,27 MONTICHIARI

0,80-0,95 Vitelloni da macello 24/30 mesi

1,30-1,45

Sorgo nazionale

210-213

234-237

(da 144 a 156 kg)

1,279 (da 156 a 176 kg)

1,333 (da 176 a 180 kg)

1,317

0,98-1,08

Vitelloni femm. da macello pezz. nere (kg. 450-500)

1,20-1,37

p.v. 1,22–1,37


PRODOTTO

Unità di misura

VITELLI baliotti

50-60

fris. (p.v.)

kg.

VITELLI baliotti

50-60

pie blu belga p.v

kg.

BURRO pastorizzato

kg.

2,85-2,90

past. 2,15 centr. 3,30

2,40

kg.

(dolce) 4,95-5,15

5,05-5,20

n.q.

kg.

(piccante) 5,10-5,50

5,25-5,50

n.q.

PROVOLONE VALPADANA fino a 3 mesi

PROVOLONE VALPADANA oltre 3 mesi

GRANA scelto stag. 9 mesi

kg.

CREMONA

MILANO

MANTOVA

1,00-1,10

MONTICHIARI (50/60 kg)

(da 46 a 55 kg)

(45-55 kg)

1,05-1,25

0,60-1,25

1,00-1,10 2,50-3,70

7,75-8,00

MONTICHIARI

3,80-4,00

3,80-4,30

MODENA

(pregiate 70 kg)

3,36-4,40 Zangolato di creme X burrificaz. 2,15

-PARM. REGGIANO 12 mesi

9,95-10,30

7,85-8,10

7,80-8,05

PARMIGIANO REGGIANO fino a 24 m

11,85-12,15 GRANA scelto stag. 12-15 mesi

kg.

8,45-8,65

8,75-9,15

8,78-9,03

PARMIG. REGG. 30 mesi e oltre

13,20-13,60

N.B. Le quotazioni del bestiame bovino e del foraggio sul mercato di Cremona avvengono il 1° e il 3° mercoledì del mese. Questo dato, conseguentemente, va letto ed interpretato con la dovuta attenzione rispetto agli altri dati pubblicati. Altra sottolineatura: i prezzi del mercato bovino di Cremona sono da considerarsi a peso morto. Le quotazioni del mercato di Milano avvengono in due giorni separati: il martedì per il comparto dei cereali e derivati, il lunedì per quello zootecnico che fa riferimento a Montichiari. Anche questo aspetto va tenuto in considerazione nel confronto dei dati qui riportati. Il mercato di Mantova avviene in un solo giorno e cioè il giovedì. Modena il lunedì.

TUTTI GLI AGGIORNAMENTI DELLA TABELLA MERCATI - INSIEME AI COLLEGAMENTI ALLE PRINCIPALI BORSE SONO SUL SITO www.cremona.coldiretti.it W l’Agricoltura – Coldiretti Cremona Informa Vi dà appuntamento alla prossima settimana

http://ec.europa.eu/agriculture/rurdev/index_it.htm

La newsletter di Coldiretti Cremona è nel sito www.cremona.coldiretti.it È


coldiretti cremona informa n.6/2012  

il diario in posta elettronica di coldiretti cremona

Advertisement
Read more
Read more
Similar to
Popular now
Just for you