Page 1

An unusual story and project /Una storia e un’opera inusuali Industrial worlds from the MAST photography collection /I mondi dell’industria dalla collezione di fotografia del MAST G.D celebrates its 90th annniversary while looking towards the future /G.D compie 90 anni guardando al futuro


Only those who dare to go a little further discover how far they can go. Sergio Bambarèn

Soltanto chi osa spingersi un po’ più in là scopre quanto può andare lontano. Sergio Bambarèn


14

ONC U LT U RE

62

ONC U LT U RE

o.n

46

ONT EC H N O L O G Y


ON EDITORIAL

THE VALUES OF INDUSTRIAL CULTURE AS A STIMULUS FOR PLANNING THE FUTURE /I VALORI DELLA CULTURA INDUSTRIALE COME STIMOLO PER PROGETTARE IL FUTURO he year 2013 was a very important one for the Coesia Group. Past and future came together for the 90th anniversary of G.D and the inauguration of an innovative welfare project involving the company, its employees and the local community. The project took shape in the 25,000square-meter multifunctional “citadel” that has risen alongside the historic headquarters of G.D and the Coesia Group, a site inaugurated in the same year the Group’s first company — at the time a small machine shop for building motorcycles — was created. Founded in 1923, G.D became a reference point for motor enthusiasts and a hotbed for technicians and entrepreneurs who created important enterprises in the motorcycle industry. My father bought the company in the 1940s and, after the war, with his cousin Ariosto, converted it for the production of automatic machines to wrap chocolate bars and other sweets. G.D’s first machine, built in 1946, was an automatic hydraulic wrapper, one of the company’s early successes. The packaging strategy turned out to be particularly successful and a few years later the company expanded internationally by introducing fully mechanical machines, such as the 2500 and the 5000, which not only wrapped the sweets but also packaged them into sticks. During the “economic miracle” of the early 1960s, the company’s growth was marked by great dynamism and successful strategic choices that placed it at the top of the global highly automated machine sector. As part of this remarkable development, G.D entered the production of shrink-wrapping machines and cigarette packers. The company grew and expanded its product range and its business to all continents, also thanks to the virtuous relationship it succeeded in establishing between customer, technician and designer. As G.D developed into an international player, it launched a strategy of progressive acquisitions that led to the formation of the Coesia Group, now represented by 14 companies among which G.D remains the central driving force. The Group is a unique integrated example of innovative know-how and technological excellence. These 90 years of company success have made it possible for us to set up MAST, an innovative centre that began as a project to transform an abandoned industrial area. The advanced services it offers to the people who work within our companies can also be shared by the local neighbourhood and the city. Run by a non-profit organization that co-ordinates its operations, MAST was built upon several integrated project objectives. The first was that of creating common areas such as the crèche which opened a year ago and which is organised according to the most modern educational principles, in partnership with Reggio Children. Not only does the school allow Coesia employees to reconcile their family

T

o.n

l 2013 è stato un anno molto importante per il Gruppo Coesia. Passato e futuro si sono intrecciati con la celebrazione del novantesimo anniversario di G.D e l’inaugurazione di un innovativo progetto di welfare che coinvolge l’azienda, i suoi collaboratori e il territorio. Il progetto si concretizza nella “cittadella” polifunzionale di 25 mila metri quadrati che sorge oggi di fianco alla sede storica di G.D e del Gruppo Coesia inaugurata nello stesso anno in cui nasceva, come piccola officina meccanica per la costruzione di motocicli, la prima azienda del Gruppo. Fondata nel 1923, G.D divenne negli anni un punto di riferimento per gli appassionati di motori e una delle principali fucine di tecnici e imprenditori che diedero vita a importanti imprese nel settore delle motociclette. Intorno agli anni Quaranta fu acquisita da mio padre che nel dopoguerra insieme a suo cugino Ariosto riconvertirono l’azienda, avviando la produzione di macchine automatiche per il confezionamento di tavolette di cioccolato e altri prodotti dolciari. La prima macchina prodotta da G.D fu nel 1946 un'incartatrice automatica idraulica che iniziò a segnare il successo dell’azienda. La strategia del packaging si rivelò particolarmente felice e in pochi anni l’azienda si affermò anche sul mercato internazionale con la presentazione di macchine completamente meccaniche, come la 2500 e la 5000, destinate non solo a incartare le caramelle, ma anche a impacchettarle nello stick. Il periodo del cosiddetto “miracolo economico” all’inizio degli anni ’60 fece da sfondo a una crescita aziendale contrassegnata da grande dinamismo e felici scelte strategiche che posero la G.D ai vertici del comparto delle macchine ad alto contenuto di automazione a livello internazionale. Uno sviluppo notevole, segnato dall’entrata di G.D nella produzione di macchine cellofanatrici e impacchettatrici di sigarette, con un percorso che ha visto crescere l'azienda e allargare la gamma di produzione raggiungendo importantissimi risultati in tutti i continenti, anche grazie a un virtuoso rapporto tra committente, montatore, progettista che l’impresa è stata capace di consolidare. Con lo sviluppo e l'affermazione di G.D quale attore internazionale si è potuta avviare una strategia di progressive acquisizioni che ha portato alla costituzione di un gruppo come Coesia, oggi rappresentato da quattordici aziende, di cui G.D rimane comunque il centro motore, costituendo un unicum integrato di know-how innovativo ed eccellenza tecnologica. Ed è grazie a questi novant’anni di successi aziendali che abbiamo potuto inaugurare MAST, un centro innovativo, iniziato da un progetto di trasformazione di un’area industriale dismessa, che offre servizi avanzati per le persone che lavorano nelle nostre imprese e possono essere condivisi con il quartiere e la città. MAST, gestito da un ente no profit che ne coordina le attività, è stato costruito su più obiettivi progettuali integrati. Il primo è quello di realizzare

I


and work lives but it also extends this opportunity to the public. Other spaces where interconnectedness and collective sharing are possible include the Cafeteria, the Wellness Centre, the Auditorium, the Restaurant, the Academy, and the Gallery, reflecting an innovative approach to reconciling company welfare with the non-profit initiatives of the MAST Foundation. The second objective was to promote a cultural process that motivates young people to embrace innovation, technology and entrepreneurship through both experience and play, by developing the distinctive features of companies in the EmiliaRomagna region. An abstraction of mechanical technology in the Gallery, inspired by the manufacturing companies of the Coesia Group, details the unique and excellent qualities of the machine industry through visual culture, multimedia installations and mechanical exhibits. The exhibition itinerary continues in the industrial photography area, with images that contribute to our knowledge of the world of work in all its expressions. In the Academy, we intend to launch training sessions in technical culture, in partnership with local institutions, that also create synergies with the training needs of the Coesia Group. Refresher courses will be offered for both our customers and our employees. Our third objective was to improve the lifestyles not only of our employees but also of those who use our services, by managing the company restaurant in a modern, healthconscious way and tying it to the gym — a project that encourages a culture of health and well-being by uniting nutrition with physical activity. These various company and community goals are represented by the architecturally “open” structure of the building whose large entrance ramp creates a bridge between the company and the city, between the entrepreneur and the citizens. MAST is thus meant to be a visible and forward-looking sign that aims to stimulate a climate of solidarity and trust within the community, in accordance with those original values that continue to characterise our company and entrepreneurial activity. Investing in people, choosing talented managers and technicians, promoting personal customer relations, and interweaving business with the duties of the enterprise and the entrepreneur to promote civic values and the common good, especially among our own workers, are in our DNA. Our respect for these principles has allowed us to celebrate 90 years of exciting company history while looking towards the future.

spazi comuni di aggregazione come il Nido già aperto un anno fa, organizzato secondo i più moderni principi pedagogici in collaborazione con Reggio Children che permette ai collaboratori di Coesia di conciliare la vita familiare con la vita lavorativa e allo stesso tempo estende questa iniziativa al pubblico. Altri luoghi dove la connessione e la condivisione sono possibili, come la Caffetteria, il Wellness, l’Auditorium, il Ristorante aziendale, l’Academy, la Gallery, rispecchiano un modo innovativo di conciliare il welfare aziendale con forme di liberalità portate avanti dalla Fondazione MAST. Il secondo obiettivo è di promuovere, attraverso percorsi esperienziali e ludici, un processo culturale che stimoli nei giovani la motivazione verso l’innovazione, la tecnologia e l’imprenditorialità sviluppando i tratti distintivi delle imprese della Regione Emilia-Romagna. Nella Gallery viene rappresentata un’astrazione della tecnologia meccanica che parte dalle realtà produttive del gruppo Coesia per narrare le peculiarità virtuose dell’industria meccanica stessa, mediante cultura visuale, installazioni multimediali e exhibits meccanici. Il percorso espositivo continua nell’area della fotografia industriale, dove immagini fotografiche contribuiscono alla conoscenza del mondo del lavoro in tutte le sue espressioni. Con l’Academy ci si propone di avviare progetti formativi su temi di cultura tecnica in collaborazione con le istituzioni, oltre a stimolare sinergie con le esigenze formative del Gruppo Coesia, rivolte sia ai nostri clienti per l’aggiornamento tecnico sia ai nostri collaboratori. Il terzo obiettivo è quello di promuovere un miglioramento delle condizioni della vita dei nostri collaboratori ma anche di chi usufruirà dei nostri servizi, gestendo in maniera moderna e attenta ai principi salutisti il ristorante aziendale, in collegamento con la palestra e prestando attenzione al benessere e alla salute attraverso un progetto che unisce la cultura della nutrizione all’attività fisica. Questa molteplicità di obiettivi che interessano l’azienda e il territorio sono rappresentati dalla stessa struttura architettonica “aperta” dell’edificio, dove la grande rampa di ingresso crea un ponte tra l’impresa e la città, tra imprenditore e cittadini. MAST vuole quindi essere un segno tangibile e rivolto al futuro che mira a stimolare nella comunità un clima di solidarietà e fiducia, nel rispetto di quei valori originali che tuttora connotano il nostro agire aziendale e imprenditoriale. Investire nelle persone, scegliere manager e tecnici di talento, valorizzare il rapporto personale con i clienti, intrecciare il business con i doveri dell'impresa e dell'imprenditore verso i valori civili e il bene comune, specie dei propri lavoratori, è nel nostro DNA. È grazie al rispetto di questi principi che abbiamo celebrato novant’anni di entusiasmante storia aziendale guardando al futuro.

Isabella Seràgnoli President of G.D and of Coesia Group /Presidente di G.D e del Gruppo Coesia

COESIA REVIEW 4|5


ON CULTURE MAST. ARTS, EXPERIENCE AND TECHNOLOGY /MAST. MANIFATTURA DI ARTI, SPERIMENTAZIONE E TECNOLOGIA

AN UNUSUAL STORY AND PROJECT /UNA STORIA E UN’OPERA INUSUALI

o.n

CULTURE


A magnificent architectural work dedicated to social and cultural activities created in Bologna alongside the historically renowned G.D plant and the Coesia Group headquarters with various spaces destined for different purposes: a gallery, an auditorium, an academy for innovation and entrepreneurial activities, a crèche, a wellness centre, a company restaurant and a cafeteria /Una grandiosa opera architettonica a sfondo culturale e sociale realizzata a Bologna accanto alla storica fabbrica di G.D e alla sede centrale del Gruppo Coesia con ambienti destinati a vari usi: uno spazio espositivo, un auditorium, un’accademia per l’innovazione e l’imprenditorialità, un nido per l’infanzia, un wellness, un ristorante aziendale e una caffetteria Francesco Dal Co

COESIA REVIEW 6|7


The volume of the Auditorium and the exterior of the Cafeteria and company Restaurant /Il volume dell’Auditorium e l’esterno della Caffetteria e del Ristorante aziendale

o.n

CULTURE

MAST is, in many ways, an exemplary building, the result of an equally exemplary story. This story, which began in the early 2000s has now, after not so short a period of time, happily reached its conclusion, having overcome more than a few difficulties. One of the most recent chapters in this story was the call for tender. Announced in 2005 by G.D and managed in person by the president of the company, Isabella Seràgnoli, the call for tender, a rather unusual event for Italy, reached a satisfying conclusion. This was a demonstration that even private clients, as in our case, can profitably use this means to select reliable designers, thus helping to raise the general quality of projects carried out in our country, and help develop the professional skills that in Italy often find an insurmountable obstacle in the indolence of the client. In the case of MAST however, when the bidding was completed, the project was developed by the winning architects, Claudia Clemente and

MAST è un edificio per molti versi esemplare, risultato di una vicenda altrettanto esemplare. Questa vicenda è iniziata nei primi anni 2000 e ora, trascorso un non breve lasso di tempo, è giunta felicemente a conclusione dopo avere superato non poche traversie. Tra i passaggi più prossimi di questa vicenda vi è un concorso. Bandito nel 2005 da G.D e gestito in prima persona dal presidente di questa società, Isabella Seràgnoli, il concorso, fatto piuttosto inusuale in Italia, è andato a buon fine. È, questa, una dimostrazione che anche i committenti privati, come nel nostro caso, potrebbero proficuamente utilizzare questo strumento per selezionare i progettisti ai quali affidarsi, così contribuendo a innalzare la qualità media delle opere realizzate nel nostro paese e alla crescita delle competenze professionali che in Italia trova un ostacolo spesso insormontabile anche nella pigrizia della committenza. Nel caso di MAST, invece, una volta espletato il concorso, gli architetti risultati vincitori, Claudia


Francesco Isodori, the driving force behind Studio Labics. During the development stages and early construction work, the client adjusted the various objectives of the project to a large extent, finally deciding on a plan that did not involve a radical transformation of the design presented in the bidding, but that greatly expanded the areas dedicated to the building’s functions. The result is a building which combines and overlaps spaces for very different uses. This can be seen on the ground floor where MAST houses a restaurant, an exhibition space, service areas, a wellness centre and a large crèche with its own garden. Upstairs there are two exhibition halls with annexes and a cafeteria, while on the top floor, there are several classrooms, a spacious foyer and an auditorium designed to accommodate 410 people. Lastly, below ground are three floors of parking. The complex can be reached by visitors and staff, mainly Coesia Group employees, through the three entrances set in the two largest walls. A portico

Clemente e Francesco Isodori animatori dello studio Labics, hanno sviluppato il progetto. Durante le fasi di sviluppo e dell’iniziale cantierizzazione dei lavori, la committenza ha affinato sensibilmente i propri obiettivi, giungendo alla fine a definire un programma che non ha comportato la radicale trasformazione dell’ipotesi presentata al concorso, ma ha notevolmente ampliato le superfici destinate ad accogliere le funzioni ospitate nell’edificio. Ne è derivata una costruzione in cui si mescolano, accoppiandosi e sovrapponendosi, spazi destinati a usi molto diversi. A partire dal piano terreno, infatti, MAST ospita un ristorante aziendale, una sala espositiva, ambienti di servizio, una palestra e un vasto nido dotato di un proprio giardino. Al piano superiore si trovano due sale per esposizioni con annessi e una caffetteria, mentre l’ultimo piano è in parte occupato da una serie di aule, da un ampio foyer e da un auditorium destinato ad accogliere 410 persone. Sotto quota zero, infine, si trovano tre piani di parcheggi. Il complesso può essere raggiunto dai visitatori e

Atrium /Atrio Olafur Eliasson, Collective Movement Sphere Créche facade /Facciata del Nido

COESIA REVIEW 8|9


Facade detail /Particolare della facciata


Mark di Suvero, Old Grey Beam

welcomes those coming from the G.D plant, while a long staircase, protected by the corner of the overhanging upper floor, can be used by those who want direct access to the cafeteria and the large covered terrace in front of the cafeteria. The entrance that is most emblematic of the complex is set in the main façade on the floor which leads into the exhibition halls. This faces a garden dominated by the Old Grey Beam, a striking sculpture as tall as the building, the work of one of the world’s most famous contemporary artists, Mark di Suvero. Two ramps of grey gneiss lead up to the façade, and follow on at the same angle from the lawn to the covered terrace where a double door gives access to the second and third floors. From the foot of the ramp, it is not difficult for visitors to see the characteristic features of the Labics design. From one side, visitors are confronted by the full impact of the very long, continuous, screen-printed glass-panelled façade, which forms an outer shell surrounding the inner glass casing walls of the structure that protects all the internal spaces; from the other side, at the base of the sloping ramps, there is a view of the

dai fruitori, primi tra i quali i collaboratori del Gruppo Coesia, grazie a tre accessi ricavati nei due fronti più estesi. Un portico accoglie quanti provengono dallo stabilimento di G.D, mentre una lunga scalinata, protetta dall’angolo aggettante del piano superiore, può essere utilizzata da coloro che vorranno raggiungere direttamente la caffetteria e l’ampio terrazzo coperto che la precede. Nel prospetto principale, aperto su un giardino dominato dalla presenza dell’Old Grey Beam, una ardita scultura alta quanto l’edificio, opera di uno dei più celebri artisti contemporanei, Mark di Suvero, è stato ricavato l’ingresso più rappresentativo, collocato alla quota che consente di accedere alle sale per le esposizioni. Questo fronte è preceduto da due rampe rivestite di beola grigia che, con la medesima inclinazione, salgono dal prato al terrazzo coperto ove è inserito il portale bipartito che porta al secondo e al terzo piano. Una volta giunti ai piedi delle rampe, non dovrebbe essere difficile per i visitatori cogliere le cifre che caratterizzano la costruzione progettata da Labics. Per un verso, infatti, è da questo punto di vista che si percepisce con agio la tesa continuità del rivestimento formato da pannelli di vetro serigrafati,

The shadows created by the projecting elements define, by playing with light, the complexity of the structural design, showing the contours and mass of the entire building as it was conceived by the designers: a squared block from which volumes were then subtracted /Giocando con la luce, gli aggetti assegnano alle ombre il compito di illustrare le complessioni dei volumi che scandiscono la massa e disegnano il profilo dell’intera costruzione, immaginata dai progettisti come un corpo squadrato sul quale hanno poi operato per successive sottrazioni

COESIA REVIEW 10|11


With a structure that recalls an engraving rather than a sculpture, MAST has an ever-changing quality created by the varying light patterns as they react with the deep slits that dissect the volume of the building /Risultato di un lavoro di incisione piuttosto che di un lavoro di modellazione, MAST ha un aspetto mutevole che gli è garantito dai modi in cui i profondi tagli che ne sezionano il volume reagiscono al mutare delle condizioni di illuminazione

o.n

CULTURE

suspended projecting structures that emphasize and lighten the volumetric combinations. Very strict geometry combined with restrained eloquence reveals the complexity of the building’s functions, ending with the trapezoidal section that projects out into the garden. The mass of the building is supported by a series of slender columns that are grouped and set in the expanse of water below, whose perimeter marks the footprint. This deliberately bold and striking structure houses the auditorium and shades the window of the ground floor restaurant, while giving direct views over the reflecting water in the lawn. The continuous and essentially monochrome surface of the adjoining volumes was sensibly abandoned when the designers planned the sheltered garden for the crèche. Now the long façade of the crèche is punctuated by thin, multicoloured, extruded ceramic pipes mounted a short distance outside the glass windows; this screening solution allows constantly changing and gently filtered light to penetrate the cleverly designed and welcoming rooms of the crèche. With a structure that recalls an engraving rather than a sculpture, MAST has an ever-changing quality created by the varying light patterns as they react with the deep slits that dissect the volume of the building. The shadows created by the projecting elements define, by playing with light, the complexity of the structural design, showing the contours and mass of the entire building as it was conceived by the designers: a squared block from which volumes were then subtracted. This play of light, shadow and colour is set against the green backdrop of the gardens visible through the transparent glass walls. The lighting effects seen at different moments of the day provide a constantly changing spectacle that we hope will engage and delight viewers and show what can be done to improve the appearance and the quality of life offered by our cities.

una seconda pelle sovrapposta all’involucro a sua volta vetrato che protegge tutti gli spazi; per l’altro è dall’inizio delle rampe che si può percepire la continuità degli aggetti che scandiscono e alleggeriscono le aggregazioni volumetriche. Queste ultime rivelano con precisione geometrica ma riluttante eloquenza la complessità delle funzioni accolte nel complesso, per poi concludersi nel volume a sezione trapezoidale che si protende verso il giardino. Questo corpo di fabbrica è sostenuto da una serie di esili colonne raggruppate e fondate nell’acqua dell’invaso sottostante, il cui perimetro ne trascrive l’impronta a terra. Questo volume ardito e volutamente eloquente ospita l’auditorium e ombreggia la vetrata che consente al ristorante ricavato al piano terra di affacciare direttamente sullo specchio d’acqua scavato a livello del prato. Intelligentemente il rivestimento continuo e tendenzialmente monocromatico dei volumi aggregati nella costruzione è stato abbandonato dai progettisti nel momento in cui hanno disegnato il prospetto del nido, prospiciente, si diceva, un giardino protetto. Il lungo fronte del nido, infatti, è scandito da sottili estrusi in ceramica di colori diversi; montata a una certa distanza dagli infissi vetrati retrostanti, questa schermatura diffonde negli ambienti quanto mai curati e accoglienti ove vengono ospitati i bambini una luce varia e dolcemente filtrata. Risultato di un lavoro di incisione piuttosto che di un lavoro di modellazione, MAST. ha un aspetto mutevole che gli è garantito dai modi in cui i profondi tagli che ne sezionano il volume reagiscono al mutare delle condizioni di illuminazione. Giocando con la luce, gli aggetti assegnano alle ombre il compito di illustrare le complessioni dei volumi che scandiscono la massa e disegnano il profilo dell’intera costruzione, immaginata dai progettisti come un corpo squadrato sul quale hanno poi operato per successive sottrazioni. Questo gioco di luci, ombre e colori ha come palcoscenico il verde dei giardini che si impone alla vista grazie alla trasparenza della recinzione. I diversi momenti di questo gioco si offrono come uno spettacolo, ci auguriamo, coinvolgente e inusuale, che si vorrebbe suggerisse a quanti lo osserveranno cosa è o sarebbe possibile fare per migliorare, insieme al loro aspetto, anche la qualità della vita offerta dalle nostre città.


o.n

CULTURE


GREAT EVENTS /GRANDI EVENTI

OPENING OF MAST, THE NEW CENTRE FOR ART, INNOVATION AND TECHNOLOGY /INAUGURA MAST, IL NUOVO CENTRO PER L’ARTE, L’INNOVAZIONE E LA TECNOLOGIA On October 4, the feast day of san Petronio, patron saint of Bologna, MAST opened its doors to the city with a three-day long inauguration. Company employees, representatives of public institutions and a selected number of guests were invited to enter the building by the long emblematic ramps that lead to the new multifunctional centre /Il 4 ottobre, giorno di san Petronio, patrono di Bologna, MAST ha aperto le porte alla città con una inaugurazione durata tre giorni. Collaboratori, rappresentanti delle istituzioni e una ristretta platea di invitati hanno avuto la possibilità di percorrere le grandi rampe che danno accesso al nuovo centro polifunzionale

“A micro-city dedicated to art, innovation and technology; the external design forms a unified structure, but internally the complex is composed of multiple functions and itineraries.” This was the concept presented by the architects, Claudia Clemente and Francesco Isidori, when proposing the new MAST multi-functional centre design to Coesia president, Isabella Seràgnoli, who had been strongly motivated for some time to build the centre; she opened the building, which is situated adjacent to local landmark, the G.D plant, and the headquarters of the Coesia Group, on October 4. On the feast day of san Petronio, patron saint of the city, the doors of the new and futuristic complex, which has enhanced the area on the outskirts of Bologna, were opened at mid-morning to welcome more than 2000 guests. The Coesia Italia employees, representatives of public institutions and numerous guests visited the spaces dedicated to the Gallery, the Academy, the Auditorium, the Restaurant, the Cafeteria, the Wellness centre, and the Créche. These form the main areas of the complex. During her presentation before the opening, Isabella Seràgnoli stated that her aim was to make MAST a “bridge between the company and the city” and that the huge access ramp leading into the building was the symbol of this link. “One of the main goals that we are aiming for is that the mechanics, technology, innovation, and entrepreneurial spirit that have always been the outstanding features of industry in our territory and our region can contribute towards making MAST the promoter of a cultural process that energizes and motivates young generations towards

“Una microcittà dedicata alle arti, all'innovazione e alla tecnologia, unitaria nell'immagine esterna ma articolata nei percorsi e nelle funzioni”. Così i due architetti Claudia Clemente e Francesco Isidori hanno presentato MAST, il nuovo centro polifunzionale, fortemente voluto e realizzato da Isabella Seràgnoli che ha inaugurato a Bologna il 4 ottobre scorso, accanto alla storica fabbrica di G.D e alla sede centrale del Gruppo Coesia. Il giorno di san Petronio, patrono della città, a partire da metà mattina, le porte di questo nuovo e futuristico edificio, che arricchisce una zona della prima periferia bolognese, sono rimaste aperte per oltre 2000 persone. I collaboratori di Coesia Italia, i rappresentanti delle istituzioni e i numerosi ospiti hanno affollato gli spazi della Gallery, dell’Academy, dell’Auditorium, del Ristorante, della Caffetteria, del Wellness e del Nido che compongono questa articolata struttura. MAST, ha detto Isabella Seràgnoli durante la presentazione che ha preceduto l’apertura, vuole essere un “ponte fra impresa e città” e la grande rampa di accesso all’edificio è il simbolo di questa congiunzione. “Uno degli obiettivi che ci siamo posti è che meccanica, tecnologia, innovazione, spirito imprenditoriale, che hanno da sempre caratterizzato le imprese del nostro territorio, contribuiscano a rendere MAST il promotore di un processo culturale che favorisca la motivazione delle giovani generazioni verso l'innovazione, il gusto di intraprendere, attraverso coinvolgenti percorsi esperienziali e anche ludici”. Ed ecco perché la struttura creata per i collaboratori del Gruppo Coesia sarà dal 2014 aperta anche alla città. “L’impresa industriale è uno

COESIA REVIEW 14|15


Gallery Area dedicated to innovation and mechanical technology /Area dedicata all’innovazione e alla tecnologia meccanica

innovation and towards the taste for entrepreneurial ideas, through engaging in experimental and even entertaining activities.” For this reason, the structure created for Coesia Group employees will also be open to the city from 2014. “Manufacturing companies are an instrument to be used for expansion and to implicitly create social values that are not simply economic”, continued Isabella Seràgnoli. “I believe that it is the duty and responsibility of entrepreneurs to assume a personal social role in the community even outside their own company. The idea of MAST was conceived in this spirit: a multifunctional centre to promote socially innovative projects and to offer company welfare services.” While several documentary videos on MAST filmed by Enza Negroni on the progress of the building construction were projected in the background together with shots of the installation of the work by Mark di Suvero by Gabriele Salvatores, and the artistic video by Ra Di Martino, the president of Coesia concluded by emphasising that “MAST also represented a challenge that aims at launching a positive message for the future”. The guided tour around the new “citadel” began with the Gallery and an initial immersion in the technology of automatic machinery produced by Coesia displayed on the “Inspiration Wall”: a large video wall created by Studio Azzurro. It showed a composition of images of moving mechanical parts, while overhead, above the visitors, a conveyor belt carried white cubes forming various words and messages. The journey inside Coesia’s mechanics continued

strumento di crescita che crea implicitamente valore sociale oltre che economico“, ha proseguito Isabella Seràgnoli. “Credo che sia un dovere e una responsabilità degli imprenditori assumersi un proprio ruolo sociale nella comunità anche al di fuori della propria azienda. Con questo spirito è stata concepita l’idea di MAST, un centro polifunzionale per promuovere progetti di innovazione sociale e offrire servizi di welfare aziendale”. Mentre sullo sfondo giravano i diversi filmati realizzati su MAST, il documentario girato da Enza Negroni sullo sviluppo del cantiere, le riprese dell’installazione dell’opera di Mark di Suvero firmate da Gabriele Salvatores e il video artistico di Ra Di Martino, il presidente di Coesia ha concluso, sottolineando che: “MAST rappresenta anche una sfida che vuole lanciare un clima di fiducia nel futuro”. La visita della nuova “cittadella” è iniziata dalla Gallery con una prima immersione nella tecnologia delle macchine automatiche che produce il Gruppo Coesia rappresentate sull’”Inspiration Wall”, una grande parete video realizzata da Studio Azzurro. Un gioco di immagini di parti meccaniche in movimento e in alto, sopra i visitatori, un nastro trasportatore con cubi bianchi che scorrendo compongono diverse parole. Il viaggio nella meccanica Coesia è proseguito all’interno del portale, in un corridoio le cui pereti sono realizzate da ingranaggi di precisione che muovendosi compongono i numeri di un conto alla rovescia segno dell’ingresso vero e proprio nella tecnologia del Gruppo. Terminato il passaggio infatti il visitatore si trova in una sala con diversi exhibits hands-on dove poter sperimentare i meccanismi e i


through a portal into a corridor whose walls were covered with precision gears that rotated to form countdown numbers, marking the entry into the sector of Coesia Group technology. Having passed through this corridor, visitors found themselves in a gallery containing a range of hands-on exhibits where it was possible to experiment and interact with mechanisms and industrial processes, from sweet wrapping to the gear change on vehicles. A multimedia installation by Studio Azzurro showed images of Coesia employees around the walls; the figures filed past, and when touched, became animated, speaking about their personal research and development experience in innovative and training projects. The tour continued through to the space dedicated to industrial photography, featuring the exhibition, “Worlds of Industry from the MAST photographic collection” curated by Urs Stahel, who was the director of Winthertur Photographic Museum for many years. At this point the abstract aspect of mechanical technology gave way to industrial photography, tracing the history of the world of work, with the black and white photos of Bernd and Hilla Becher right through to the ascetic uninhabited shots of Erick Spohler to describe the changes in industrial and productive processes. From the Gallery visitors walked through to the Academy, designed as a technical and managerial training centre for Coesia employees and also for schools, companies and the local community in the region. The Academy is furnished with the latest teaching equipment including multimedia technology

processi industriali, dall’incarto della caramella agli ingranaggi che compongono il cambio dei veicoli. Sulle pareti della sala intanto scorre l’installazione multimediale di Studio Azzurro, con le immagini di collaboratori di Coesia, che sfilano e si animano, se toccate, raccontando la propria esperienza di ricerca e sviluppo in progetti innovativi e di formazione. Il percorso è continuato nello spazio dedicato alla fotografia industriale con la mostra “I mondi dell’industria - dalla collezione di fotografia del MAST” a cura di Urs Stahel, per molti anni direttore del Museo di Fotografia di Winthertur. Qui l’astrazione della tecnologia meccanica lascia il posto alla fotografia industriale, con una narrazione sul mondo del lavoro con le immagini in bianco e nero di Bernd e Hilla Becher e arriva alle fotografie di spazi asettici e disabitati di Erick Spohler per raccontare il cambiamento nei processi industriali e produttivi. Dalla Gallery si passa all’Academy che si propone come centro di formazione tecnica e manageriale sia per i collaboratori di Coesia sia per il territorio (scuole, imprese, comunità). L’Academy è dotata della più moderna strumentazione didattica, che comprende attrezzature multimediali e un’aula allestita per sessioni in “Telepresence”. Segue il foyer con la scultura “Shine” di Anish Kapoor e l’Auditorium da 410 posti con un’acustica raffinata e modulabile progettata da Higini Arau. Attorno all’installazione sospesa di Olafur Eliasson gira la scala che porta ai piani inferiori dell’edificio dove gli ospiti hanno trovato la Caffetteria e il Ristorante aziendale per concludere la visita nel Nido realizzato in collaborazione con “Reggio Children” e aperto ai bambini dei collaboratori e della comunità.


‘‘

and a classroom set up for “Telepresence” sessions. The tour continued into the foyer that features the sculpture “Shine” by Anish Kapoor, and then on to the Auditorium with seating for 410 spectators, with the refined modulatable acoustics designed by Higini Arau. A curving staircase encircles the suspended installation by Olafur Eliasson leading to the lower floors where visitors were able to visit the cafeteria, the company restaurant concluding with a visit to the

Dislocate nei 25.000 metri quadrati della nuova “cittadella”, gli ospiti hanno incontrato 14 food e drink station allestite con le migliori specialità della tradizione emiliano-romagnola. A completare l’atmosfera di festa, ogni spazio di MAST accoglieva diversi gruppi musicali. Nel Ristorante si poteva ascoltare il jazz del trio del sassofonista Piero Odorici, nella Caffetteria il crossover di Carlo Maver, nell’Auditorium brani di classica eseguiti da

MAST also represented a challange that aims at launching a positive message for the future /MAST rappresenta anche una sfida che vuole lanciare un clima di fiducia nel futuro

crèche designed in collaboration with “Reggio Children” and which caters for the children of Coesia employees as well as those from the local community. Throughout the 25,000 square metres of the new “citadel”, visitors were able to stop and taste traditional dishes at 14 stations set up to present the finest traditional specialities from Emilia-Romagna. To complete the party atmosphere, each space in the MAST complex featured a different musical group. A jazz trio with saxophonist, Piero Odorici, played in the company restaurant; crossover music was played by Carlo Maver in the cafeteria, while visitors could listen to classical pieces by violin, pianoforte, harp and flute in the Auditorium. Vibrant flamenco music was played in the Academy, while in the Gallery; Paolo Borghi inspired listeners with the oriental notes of his hang playing. In the evening, MAST was lit up, taking on a totally different aspect, and the Auditorium was inaugurated with an extremely successful concert by Giovanni Allevi. The dinner was prepared by award-winning chefs from the association, “Cavalieri della Cucina Italiana”, established to defend and promote the profession of chef and to uphold the image of Italian cooking around the world, with Massimiliano Alajmo, Andrea Berton, Massimo Bottura, Chicco Cerea, Gennaro

o. n

C U LT U R E

Giovanni Allevi

violino, pianoforte, arpa e flauto, nell’Academy si era travolti dalla musica flamenca, mentre nella Gallery le note dell’hang suonato da Paolo Borghi coinvolgevano i presenti con sonorità orientali. A sera MAST si è acceso, prendendo nuove forme. Il concerto di Giovanni Allevi ha inaugurato alla musica con grande successo l’Auditorium. La cena è stata curata dagli chef stellati dell’associazione “Cavalieri della Cucina Italiana”, sorta per tutelare il mestiere di cuoco e salvaguardare l’immagine della nostra cucina nel mondo, con Massimiliano Alajmo, Andrea Berton, Massimo Bottura, Chicco Cerea, Gennaro Esposito, Ciccio Sultano e Massimo


Studio Labics Claudia Clemente, Francesco Isidori

Esposito, Ciccio Sultano, and Massimo Spigaroli who served guests with a top quality buffet at the food stations. The centre remained open for the following two days to welcome thousands of Coesia employees and their families who came from all over Italy to visit the “frontier building”. In addition to the buffets and musical groups who played in different areas of the complex, a series of sports demonstrations was organised in collaboration with LGS SportLab in the Wellness gym and the Gallery on the ground floor. These featured international athletes in different fields, such as fencers, Valerio Aspromonte and Rossella Fiamingo; the diver, Tommaso Rinaldi (exercises on the trampoline); and basketballers Giuseppe Poeta, Federico Lestini and Davide Lamma, accompanied by children from the “Scuola di tifo” project set up by Emanuele Maccaferri, who played an exhibition game for the public. A group of expert pizza chefs from Vico Equense, famous for its “pizza by the metre”, baked dozens of pizzas for the visitors. “A city continues to live if it keeps renewing itself, if it does not refuse the challenges of passing time,” said Francesco Dal Co during his presentation speech. “MAST will certainly help in preventing Bologna from becoming the “empty shell” which is the destiny of those cities that deny transformation.”

Enrico Letta

Spigaroli che hanno offerto nelle food station la loro ristorazione di alta gamma. Nelle due giornate successive il centro si è aperto per le famiglie dei collaboratori di Coesia arrivate in alcune migliaia da tutta Italia per visitare l’”edificio di frontiera”. Fra i punti ristoro e le diverse musicalità che hanno animato gli spazi, all’interno dell’area Wellness e nella Gallery al piano terra, si sono svolte dimostrazioni sportive organizzate in collaborazione con LGS SportLab. Atleti di livello internazionale di diverse discipline, come Valerio Aspromonte e Rossella Fiamingo per la scherma, Tommaso Rinaldi per i tuffi (salti sul tappeto elastico), Giuseppe Poeta, Federico Lestini e Davide Lamma per il basket accompagnati dai ragazzi del progetto “Scuola di tifo” di Emanuele Maccaferri, si sono esibiti in mezzo al pubblico. Un gruppo di pizzaioli giunti da Vico Equense, borgo della “pizza al metro”, ha sfornato decine di pizze per i visitatori. “Una città vive se si rinnova, se non rifiuta la sfida dei tempi”, ha detto Francesco Dal Co durante il discorso di presentazione, MAST certamente aiuterà Bologna a non diventare il “guscio vuoto” cui sono destinate “le città che rifiutano la trasformazione”.

C O E S I A R E V I E W 18 | 1 9


Isabella Seràgnoli

Angelos Papadimitriou

Luca Cordero di Montezemolo

ANNIVERSARIES /ANNIVERSARI

G.D CELEBRATES ITS 90TH ANNNIVERSARY WHILE LOOKING TOWARDS THE FUTURE /G.D COMPIE 90 ANNI GUARDANDO AL FUTURO Chiara Pilati - Davide Federici

G.D’s 90 years of business success were celebrated by customers from all over the world during a three-day event in Bologna and Venice. Following a guided tour of MAST and a conference entitled “Enterprise as an agent for welfare”, guests were taken on a tour of the magnificent sights of the “Serenissima” /Tre giorni tra Bologna e Venezia per festeggiare insieme ai clienti intervenuti da tutto il mondo 90 anni di successi aziendali. Dopo la visita a MAST con il convegno “L’impresa come motore del welfare”, un soggiorno tra gli splendori della Serenissima

o. n

C U LT U R E


Bill Emmott

To celebrate the 90th anniversary of its foundation, G.D organised a three-day event in Bologna and Venice. It shared with customers a visit to the new MAST centre, located alongside the historic headquarters of the company and the Coesia Group, followed by a trip to one of the most fascinating cities in the world. Guests from 31 countries were welcomed in Bologna with a gala dinner in the 13th century Palazzo Re Enzo in the heart of the city, followed by a jazz concert by the musician Paolo Fresu. The next day was spent on a guided tour of the new 25,000 square metre, multi-functional MAST centre, inaugurated only a few days earlier. A conference, “Enterprise as an agent for welfare”, was held in the Auditorium. The guest speakers included Tal Ben-Shahar, who was professor of positive psychology at Harvard, and Luca Cordero di Montezemolo, president of Ferrari; the conference was introduced and moderated by the journalist, Bill Emmott, for many years director of The Economist.

Tal Ben-Shahar

Per celebrare il novantesimo anniversario della fondazione, G.D ha organizzato un evento di tre giorni a Bologna e Venezia durante il quale i clienti hanno condiviso il nuovo edificio costruito accanto alla sede storica dell’azienda e del Gruppo Coesia e hanno poi proseguito visitando una delle più suggestive città del mondo. Gli ospiti intervenuti da 31 paesi sono stati accolti a Bologna con una cena di gala nel duecentesco Palazzo Re Enzo, nel cuore della città, a cui è seguito un concerto del jazzista Paolo Fresu. La giornata successiva si è aperta con la visita a MAST, il nuovo centro polifunzionale di 25.000 metri quadrati inaugurato da pochi giorni. Nell’Auditorium si è svolto il convegno “L’impresa come motore del welfare” a cui sono intervenuti Tal Ben-Shahar, che è stato professore di psicologia positiva ad Harvard, Luca Cordero di Montezemolo, presidente di Ferrari, introdotti e moderati dal giornalista Bill Emmott, per molti anni direttore dell’Economist. Isabella Seràgnoli, presidente di Coesia, salutando gli ospiti, ha raccontato lo spirito di MAST, “nato

COESIA REVIEW 20|21


G.D and Coesia aim to become a centre of excellence where the most talented minds from a range of different cultures can meet in a welcoming and vibrant work environment that will stimulate those involved to give their best efforts, both on a human and professional level /G.D e Coesia ambiscono a diventare un luogo di eccellenza in cui le menti piĂš dotate provenienti da culture diverse si incontrano in un ambiente lavorativo accogliente e vitale che stimola a dare il meglio di sĂŠ sul piano umano e professionale

o. n

C U LT U R E


Greeting her guests, Isabella Seràgnoli, president of Coesia, described the spirit that had inspired the MAST project as “born as an innovative company welfare project aimed at offering employees a range of services directed at improving quality of life and offering educational and training methods that will increase their professional knowledge and expertise. One of the most innovative aspects of the project is that these company services will be organised so that they can also be used by the members of the local community, thus creating a symbolic bridge between the company and the local territory to encourage a virtuous circle of reciprocal exchange.” For example, the Academy, equipped with the latest cutting-edge teaching instruments and open to Coesia employees and customers’ technicians for training and refresher courses, is also open to local schools and institutes in the region. Angelos Papadimitriou, CEO of G.D, continued with the observation that for the leading company and for the whole Coesia Group, corporate welfare “is not simply a program but rather a way of life that has been characteristic of our president Isabella Seràgnoli and her whole family,” because “G.D and Coesia aim to become a centre of excellence where the most talented minds from a range of different cultures can meet in a welcoming and vibrant work environment that will stimulate those involved to give their best efforts, both on a human and professional level. Looking towards the future, we feel that this is the best guarantee for long-lasting success. It is the only way to become global.” Bill Emmott stressed the importance of addressing the issue of corporate social responsibility, given that businesses nowadays often find themselves going down two apparently divergent paths. The first values knowledge as the main driving force behind economic development, and the second promotes flexibility with a view to cutting costs. To reconcile these two opposites, Emmott sustained that “the concept of corporate social responsibility needs rethinking and deepening, as it is the primary interest of companies to develop their own human assets. This is the context of the forum.” The address by Tal Ben-Shahar was centred on the subject of happiness inside and outside the workplace. Introducing entertaining psychological “experiments”, the speaker quoted the economist, Peter Drucker, who noted that at work, as in life, “the most common source of error in making decisions is the emphasis placed on finding the right answer, rather than searching for the right question.” Therefore, the correct question for resolving problems is not “What is wrong?” but “What works?” and focussing attention on the positive aspects of a situation in order to improve them.

G.D 90th ANNIVERSARY PROGRAMME /PROGRAMMA 90ESIMO ANNIVERSARIO G.D

10

OCTOBER /OTTOBRE Bologna PALAZZO RE ENZO

11

OCTOBER /OTTOBRE Bologna and Venice /Bologna e Venezia MAST, BOLOGNA ST MARK'S BASILICA, VENICE /BASILICA DI SAN MARCO, VENEZIA PALAZZO DUCALE

12

OCTOBER /OTTOBRE Venice /Venezia SIGHTSEEING /PERCORSI ARTISTICI FONDAZIONE CINI

13

OCTOBER /OTTOBRE Venice /Venezia HOTEL CIPRIANI

come un innovativo progetto di welfare aziendale per offrire ai collaboratori una serie di servizi finalizzati al miglioramento della qualità della vita e strumenti culturali per valorizzare ulteriormente il loro livello di competenza e conoscenza professionale. Uno degli aspetti più innovativi del progetto è che questi servizi aziendali saranno declinati in modo da poter essere usufruiti anche dalla comunità, creando così un ponte simbolico tra impresa e territorio per favorire uno scambio virtuoso”. Ad esempio, l’Academy, dotata della più moderna strumentazione didattica, è aperta ai collaboratori di Coesia, ai tecnici dei clienti a cui è offerto un servizio di formazione e aggiornamento, ma è anche a disposizione delle realtà scolastiche del territorio. Angelos Papadimitriou, CEO di G.D, ha proseguito osservando come per l’azienda capofila e per tutto il Gruppo Coesia, il welfare aziendale “non sia tanto un programma, quanto un modo di essere che ha caratterizzato il presidente Isabella Seràgnoli e tutta la sua famiglia”, perché “G.D e Coesia ambiscono a diventare un luogo di eccellenza in cui le menti più dotate provenienti da culture diverse si incontrano in un ambiente lavorativo accogliente e vitale che stimola a dare il meglio di sé sul piano umano e professionale. In un’ottica futura, questa per noi è la

COESIA REVIEW 22|23


Bill Emmott stressed the importance of addressing the issue of corporate social responsibility, given that businesses nowadays often find themselves going down two apparently divergent paths /Bill Emmott ha sottolineato l’importanza di affrontare il tema della responsabilità sociale d’impresa dal momento che oggi le aziende si trovano spesso a percorrere due strade apparentemente divergenti

Dinner at Palazzo Re Enzo, Bologna /Cena a Palazzo Re Enzo, Bologna Paolo Fresu

o. n

C U LT U R E

The closing address, given by Luca Cordero di Montezemolo, was also based on quality and excellence. He recalled the many similarities between G.D and Ferrari: two global companies based on technological innovation that placed their employees in prime position. The president explained that “The productive process in the automobile industry is in constant evolution and Ferrari represents something that is quite unique, a combination of manual work performed by humans, and the most sophisticated high-precision robots and machine tools, where the human role has become fundamental for its designing capacity, determination and commitment.” For this reason it is important to “focus all the attention on the greatest assets a company possesses: the men and women who work for the company” and to do everything possible to ensure that employees have the right conditions to be able to work well. After the conference, guests were given a guided tour of the MAST centre and a buffet to taste the specialities of the award-winning chef, Massimo Bottura. After arriving in Venice in the late afternoon, participants were taken to their various hotels, including the Molino Stucky on the island of the Giudecca with its spectacular and exclusive views of the city. As the sun set on the lagoon, guests were able to enjoy a private visit to view the wonders of St Mark’s Basilica. Small groups, led by expert guides, admired the basilica's splendid golden mosaics, dating back to the 12th century. Columns, friezes, marble, sculptures and gold brought back to Venice by merchant ships arriving from the East decorate the hidden corners of the basilica, for the pleasure of discerning visitors. Following the tour of the Basilica, guests were taken to the Palazzo Ducale, the famous seat of government, the Doge’s private apartments and the Venetian Council. After a tour of the many frescoed rooms, including the Great Council Chamber, recognised as one of the largest in the world at 53 metres in length, guests were offered cocktails on the covered terrace with its superb views overlooking St Mark’s Square. The gala dinner, magnificently prepared by award-winning chef, Massimiliano Alajmo, was served in the wonderful internal loggia on the ground floor of the Doge's Palace. The following day was dedicated to exploring Venice with four themed tours: historical Venice, 18th century Venice, a visit to the 55th edition of the Biennale, and for the golf aficionados, an opportunity to play at the fabulous and exclusive Lido Golf Club.

migliore garanzia per un duraturo successo. È l’unico modo per essere globali”. Bill Emmott ha sottolineato l’importanza di affrontare il tema della responsabilità sociale d’impresa dal momento che oggi le aziende si trovano spesso a percorrere due strade apparentemente divergenti. La prima valorizza la conoscenza quale principale motore dello sviluppo economico e la seconda promuove la flessibilità nell’ottica di un abbassamento dei costi. Per conciliare questi due opposti, Emmott sostiene che “il concetto di responsabilità sociale delle imprese deve essere ripensato e approfondito dal momento che è interesse primario delle aziende sviluppare il proprio patrimonio umano, ed è in questo contesto che si inserisce il forum”. Sul tema della felicità fuori e dentro il luogo di lavoro è ruotato l’intervento di Tal Ben-Shahar, che citando l’economista Peter Drucker ha spiegato che “la fonte più comune di errore nelle decisioni è l’enfasi posta nel trovare la giusta risposta, piuttosto che la giusta domanda”. Ecco allora che la domanda corretta per risolvere i problemi non è “che cosa non va” ma “cosa funziona”, concentrando l’attenzione sugli aspetti positivi delle situazioni per migliorarle. Su qualità ed eccellenza ha puntato il discorso conclusivo di Luca Cordero di Montezemolo, che ha richiamato le diverse analogie tra G.D e Ferrari: due aziende globali basate sull’innovazione tecnologica che mettono al primo posto i propri collaboratori. “Il processo produttivo, nel mestiere dell’automobile, è in continua evoluzione, e la Ferrari rappresenta qualcosa di abbastanza unico, un mix tra lavoro manuale, il lavoro dell’uomo, e le più sofisticate macchine di precisione, macchine utensili o robot”, ha spiegato il presidente, “dove il ruolo dell’uomo diventa fondamentale in termini di capacità progettuale, determinazione e impegno”. Per questo è importante “porre al centro dell’attenzione il più grande patrimonio di un imprenditore, le donne e gli uomini che lavorano nell’azienda”, e fare quanto possibile perché siano messi nelle condizioni di lavorare bene. A conclusione del forum, gli ospiti hanno visitato MAST e assaggiato le specialità dello chef stellato Massimo Bottura. Arrivati a Venezia nel tardo pomeriggio, i partecipanti hanno raggiunto i vari alberghi, tra cui il Molino Stucky sull’isola della Giudecca da cui si gode una vista spettacolare e privilegiata della città. Accompagnati dalle luci del tramonto sulla laguna, gli ospiti hanno avuto la possibilità di visitare in esclusiva le meraviglie della Basilica di San Marco. A piccoli gruppi condotti da guide esperte hanno ammirato le splendide decorazioni a mosaici dorati dell'interno della basilica risalenti al XII secolo.


COESIA REVIEW 24|25


o. n

C U LT U R E

Opening the first tour was the Scuola Grande di San Rocco, founded in 1478 and decorated with splendid paintings by Jacopo Robusti, better known as Tintoretto. The Scuola Grande di San Rocco was granted the title of Archconfraternity in 1789 by Pius VI, and has continued its activities without interruption till the present day. The second part of the tour was a visit to Burano, the island in the northern part of the lagoon famous for its hand-made lace and traditional fishermen’s houses painted in

Tra colonne, fregi, marmi, sculture e ori portati a Venezia sulle navi dei mercanti che arrivavano dall’Oriente, la basilica ha svelato i suoi angoli più nascosti ai partecipanti. Conclusa la visita, gli ospiti sono saliti all’interno di Palazzo Ducale, celeberrima sede dei Consigli di Governo, dell’appartamento del Doge e dei Tribunali. Visitate le numerose sale affrescate, tra cui la Sala del Maggior Consiglio, conosciuta come una delle più vaste del mondo con i suoi 53 metri di lunghezza, gli ospiti hanno

bright vibrant colours, although the original reason for this tradition is not known. One theory suggests that each colour identified a different family, although another, perhaps more credible, claims that the bright colours helped the boatmen find their way home in the fog which can be particularly thick around Burano. The same colours can be seen in paintings by Tiepolo inside the Burano Cathedral. The Cathedral of Santa Maria Assunta at Torcello, another island in the northern lagoon, contains magnificent mosaics in the bright colours used by Venetian painters. In the exarchal church is one of the most famous mosaics in the world, “The Last Judgement”; on the right, the

assaporato l’aperitivo sulla terrazza coperta che affaccia con una vista superba su Piazza San Marco. La cena di gala, preparata magistralmente dallo chef Massimiliano Alajmo, si è tenuta nello splendido scenario del loggiato interno al piano terra di Palazzo Ducale. La giornata successiva è stata dedicata alle visite di Venezia articolate in quattro percorsi diversificati: la Venezia storica, quella del diciottesimo secolo, la visita alla 55esima edizione della Biennale d’Arte e l’intrattenimento per gli appassionati di golf che al Lido hanno potuto gareggiare nel bellissimo ed esclusivo Golf Club.


faithful are warned against the dangers of a sinful life (according to a typically medieval concept). We see the circles of Hell and the seven deadly sins, while the left hand side shows the joys of Paradise. On the second tour, dedicated to 18th century Venice, another Scuola was visited. The Scuole, which were secular brotherhoods under the patronage of a patron saint, were supported by citizens from various social classes. The Scuola Grande dei Carmini was the last of the Scuole

Protagonista del primo itinerario, la Scuola Grande di San Rocco, fondata nel 1478, che conserva al suo interno la splendida decorazione pittorica di Jacopo Robusti, detto il Tintoretto. La Scuola Grande di San Rocco che ottenne nel 1789 da Pio VI il titolo di Arciconfraternita ha continuato ininterrottamente la sua attività fino ai tempi moderni. Burano, seconda tappa del tour, è un’isola della Laguna Nord nota per la lavorazione artigianale dei merletti, nonché per le sue tipiche

Grandi of Venice; it was designed by Baldassarre Longhena, and the interior was decorated with 17th and 18th century painted works including a series by Tiepolo. This tour could not fail to include a visit to the Ca’Rezzonico Museum, one of the main attractions of the 18th century itinerary. The museum visit began on the opposite side of the Grand Canal with the enormous staircase of honour designed by Giorgio Massari. On the first floor, 11 rooms display a wonderful collection of paintings, sculptures, 18th century furniture, and magnificent frescoed ceilings. The second floor opens with the “portego” containing a

case vivacemente colorate, sebbene il motivo e l'origine di questa usanza non sia ancora chiaro. Un’ipotesi suggerisce che ogni colore sarebbe semplicemente il simbolo di una determinata famiglia, un'altra supposizione, forse più fondata, afferma che i colori vivaci servirebbero ai barcaioli per ritrovare la propria casa in presenza della nebbia, che a Burano si presenta particolarmente fitta. Colori che si sono ritrovati nel Tiepolo all’interno del Duomo di Burano. A S.M. Assunta ubicata a Torcello, un’altra isola della Laguna Nord, si sono ammirati stupendi mosaici dai colori accesi presenti nelle opere dei pittori veneziani. Nella chiesa esarcale si può

COESIA REVIEW 26|27


collection of paintings dominated by two early works by Canaletto; not to be missed are the gallery dedicated to works by Longhi and the frescoes by Giandomenico Tiepolo moved from Villa Zianigo. Last of all on the third floor, as well as the three rooms that house the famous “Ai do San Marchi” Pharmacy, is the wonderful Egidio Martini art collection. The third tour included a visit to the 55th edition of the Biennale, described in the following pages by

o. n

C U LT U R E

osservare il Giudizio Universale, uno dei mosaici più famosi al mondo, che a destra ammonisce i fedeli, secondo un concetto tipicamente medioevale, sui pericoli rappresentati da una vita viziosa (e ben si vedono i gironi dell’Inferno con i vizi capitali), mentre a sinistra rappresenta le gioie del paradiso. Nel secondo itinerario, dedicato alla Venezia del XVIII secolo, troviamo un’altra Scuola. Le Scuole erano confraternite laiche, sotto il patrocinio di un santo protettore, a cui aderivano cittadini di diversi ceti sociali. La Scola Grande dei Carmini fu l’ultima delle


Pietromarchi Bartholomew, curator of the Italian pavilion. In the evening, having concluded the various tours, the guests left for the island of San Giorgio Maggiore, opposite St Mark’s Square, where a gala dinner was held at the Fondazione Cini. The guests were guided by flame torches from the boats to the ex-Benedictine monastery built in the 10th century and restored in 1951 by Vittorio Cini. They were served cocktails in the Palladian cloisters before sitting down to a dinner organised by famous Neapolitan chef, Gennaro Esposito, of the famous restaurant, Torre del Saracino, in the beautiful Sala degli Arazzi, with music by the pianist Stefano Bollani. On the Sunday, in the limpid light and pastel colours of the lagoon, the celebrations for the 90th anniversary of G.D came to a close with a meal at the Hotel Cipriani on the island of the Giudecca. A pleasant atmosphere of shared experiences and different cultures was enjoyed by all the participants during the three days of the event.

Scuole Grandi a Venezia, che conserva all’interno dell’edificio, architettato da Baldassarre Longhena, opere pittoriche sei-settecentesche, tra cui un complesso di tele, opera del Tiepolo. Questo itinerario non poteva mancare di includere la visita al Museo di Ca’ Rezzonico, luogo centrale del percorso dedicato al Settecento nella città lagunare. La visita al museo inizia dal grande scalone d’onore progettato da Giorgio Massari, sul lato opposto al Canal Grande. Al primo piano, attraverso 11 sale, è possibile ammirare dipinti, sculture e arredi settecenteschi, oltre ai preziosi affreschi decorativi dei soffitti. Al secondo piano, che si apre con il “portego” dei dipinti dominato da due tele giovanili del Canaletto, da non perdere sono la sala dedicata all’opera del Longhi e gli affreschi staccati dalla Villa Zianigo eseguiti da Giandomenico Tiepolo. Al terzo piano, infine, oltre ai tre ambienti della Farmacia “Ai do San Marchi”, è ospitata la preziosa Pinacoteca Egidio Martini. Il terzo itinerario prevedeva la visita della 55esima edizione della Biennale d’Arte illustrata nelle pagine che seguono da Bartolomeo Pietromarchi, curatore del Padiglione Italia. La sera, conclusi i diversi itinerari, gli ospiti sono partiti alla volta dell’isola di San Giorgio Maggiore di fronte a Piazza San Marco dove si svolgeva la cena di gala presso la Fondazione Cini. Un susseguirsi di fiaccole hanno guidato gli invitati, scesi dalle barche, verso l’ex monastero benedettino la cui costruzione risale al X secolo, restaurato da Vittorio Cini nel 1951, dove li aspettava un originale aperitivo nel chiostro palladiano. La cena organizzata dal famoso chef campano Gennaro Esposito del pluristellato ristorante Torre del Saracino si è svolta nell’accogliente Sala degli Arazzi dove gli ospiti hanno potuto ascoltare le note del pianista Stefano Bollani. In una luminosa domenica dai colori lagunari, le celebrazioni del novantesimo anniversario di G.D si sono concluse con il pranzo all’Hotel Cipriani sull’isola della Giudecca, accompagnate dalla piacevole atmosfera di condivisione di esperienze e culture diverse che ha animato tutti i partecipanti nei tre giorni dell’evento.

Following the tour of the Basilica, guests were taken to the Palazzo Ducale, the famous seat of government, the Doge’s private apartments and the Venetian Council /Conclusa la visita, gli ospiti sono saliti all’interno di Palazzo Ducale, celeberrima sede dei Consigli di Governo, dell’appartamento del Doge e dei Tribunali

COESIA REVIEW 28|29


ON CULTURE FOCUS ON: A MAJOR EXHIBITION AT THE 55TH VENICE BIENNALE /FOCUS ON: UNA GRANDE MOSTRA ALLA 55ESIMA EDIZIONE DELLA BIENNALE DI VENEZIA

“THE ENCYCLOPAEDIC PALACE”: THE UTOPIA OF ABSOLUTE KNOWLEDGE /IL “PALAZZO ENCICLOPEDICO”: L’UTOPIA DELLA CONOSCENZA ASSOLUTA An exhibition in the Gardens of the Palazzo delle Esposizioni has offered an intense reflection on the innermost nature of images and the human capacity to produce and interpret them. In a journey through time, works from different periods starting in the early 20th century were arranged with contemporary works along a path that sought to create a web of associations, contrasts, parallels, anachronisms and dissonances /Al Palazzo delle Esposizioni nei Giardini una intensa riflessione sulla più recondita natura delle immagini e sulla capacità dell’uomo di produrle e interpretarle. Un percorso attraverso il tempo dove opere di diversi periodi a partire dal primo Novecento dialogano con opere contemporanee lungo un itinerario che ha provato a creare un sistema di associazioni, contrasti, corrispondenze, anacronismi e dissonanze Bartolomeo Pietromarchi*

*Curator Italian Pavilion. 55th International Art Exhibition Venice Biennale /Curatore Padiglione Italia, 55. Esposizione Internazionale d’Arte La Biennale di Venezia

o.n

CULTURE


“The Encyclopaedic Palace is an exhibition about knowledge, the desire to know and see all that exists, and also about the point at which this desire is transformed into obsession and paranoia. So it is also an exhibition about the impossibility of knowing, the failure to attain universal knowledge and the sense of melancholy that engulfs us when confronted by the awareness that our efforts will be in vain.” With these words, Massimiliano Gioni introduced the exhibition of the 55th Venice Biennale; an exhibition that tried to reflect on the intimate nature of images and man’s capacity to produce and interpret them, starting from the depths of the unconscious mind. These images could be ‘ghosts’, obsessions, nightmares, flashbacks; everything that is linked with the psychoanalytic and psychotic nature of our imagination. So the exhibition in the Gardens of the Central Pavilion had been organised programmatically, beginning in the first room with the so-called Red Book by Carl Gustav Jung, an investigation of the dream dimension and the psychoanalytic roots of images, primordial images, which spring from the unconscious. These are deep personal experiences that speak of a collective dimension in which we recognise ourselves. The exhibition had been conceived as a path through time, but not in a linear sequence: works from different periods beginning from the early 20th century were displayed alongside contemporary pieces in a journey that tried to create a system of association, contrast, correspondence, anachronism and dissonance. Using the same method, works made from manufactured items and found objects by professional artists had been placed alongside pieces by amateurs and outsiders. It was with this perspective that visitors entered the exhibition to discover a circuit where they were confronted by blackboard diagrams from lectures by Rudolf Steiner, the father of modern theosophy and its esoteric aspects, close to amazing cosmographic paintings by Guo Fengyi and Emma Kunz; drawings by Pirinisau, a shaman from the Solomon Islands, acting as a counterpoint to the video by Arthur Zmijewski where a group of blind people painted the world as they imagined it; a dialogue between Maria Lassnig and Marisa Merz, two leaders in the world of contemporary art; then a large installation by Peter Fischli and David Weiss, peopled by dozens of small raw clay figures representing catchwords, memories and cultural references from the personal cosmography of the two artists. The Arsenale featured the work which had lent its name to the whole exhibition: The Encyclopaedic

“Il Palazzo Enciclopedico è una mostra sulla conoscenza, sul desiderio di sapere e vedere tutto e sul punto in cui questo desiderio si trasforma in ossessione e paranoia. Pertanto è anche una mostra sull’impossibilità di sapere, sul fallimento di una conoscenza totale e sulla malinconia che ci travolge di fronte all’evidente constatazione che i nostri sforzi saranno inutili”. Così Massimiliano Gioni ha introdotto la mostra della 55esima edizione della Biennale di Venezia. Una mostra che ha provato a riflettere sull’intima natura delle immagini e sulla capacità dell’uomo di produrle e interpretarle, a partire dalla testa nella sua dimensione più profonda e inconscia. Immagini intese dunque come ‘fantasmi’, ossessioni, incubi, flashback, tutto ciò che ha a che fare con la natura psicanalitica e psicotica della nostra immaginazione. In maniera programmatica, la mostra al Palazzo delle Esposizioni nei Giardini è iniziata nella prima sala con il cosiddetto Libro Rosso di Carl Gustav Jung che indaga la dimensione onirica e la radice psicoanalitica delle immagini, immagini primordiali, che provengono dall’inconscio e che dal profondo dell’esperienza personale sono in grado di parlarci di una dimensione collettiva dove ci riconosciamo. La mostra è stata concepita come un percorso nel tempo ma non in modo lineare: opere di diversi periodi a partire dal primo Novecento sono accostate a opere contemporanee in un itinerario che ha provato a creare un sistema di associazioni, contrasti, corrispondenze, anacronismi e dissonanze. Allo stesso modo sono affiancate opere di artisti con manufatti e oggetti trovati o con opere di dilettanti e di outsider. È con questa prospettiva che ci siamo addentrati

COESIA REVIEW 30|31


The exhibition had been conceived as a path through time, but not in a linear sequence: works from different periods beginning from the early 20th century were displayed alongside contemporary pieces in a journey that tried to create a system of association, contrast, correspondence, anachronism and dissonance /La mostra è stata concepita come un percorso nel tempo ma non in modo lineare: opere di diversi periodi a partire dal primo Novecento sono accostate a opere contemporanee in un itinerario che ha provato a creare un sistema di associazioni, contrasti, corrispondenze, anacronismi e dissonanze

o.n

CULTURE

Palace, a gigantic model of the utopian project by the self-taught architect/artist Marino Auriti who dreamt of building an enormous structure that could contain all the inventions in history, from the wheel to the satellite. Here too visitors were faced with the delirium of one man’s desire to classify and organise universal knowledge: an impossible and unfeasible project, an almost monstrous task. The project called for an arrangement of the space that seemed to echo the staging of the Corderie where, with the help of the architect Annabelle Selldorf, the curator wanted to redesign the space using a museum-layout approach, carving out rooms, corridors and circuits that do not normally exist in the otherwise fascinating space of the Arsenale. In the next room, as a counterpoint to the monumental work by Auriti, an enormous sculpture of an unknown biological species, by Roberto Cuoghi, appeared in dialogue with the vaguely anthropomorphic sculptures by Hans Josephsohn. Continuing through the Arsenale, visitors found what was surely one of the most interesting sections in the whole Encyclopedic Palace: the exhibition within the exhibition, curated by Cindy Sherman. Here the artist had chosen a range of works and materials that are linked with her imagination or that have been a source of inspiration for her art. For many years Sherman has been interested in research into the identity of self through the medium of masks and disguises and here she invited visitors to discover her obsessions among dolls, collections of period photographs, idols, and works by other artists such as Jimmie Durham, Paul McCarthy and Carol Rama. The theme was echoed, almost at the end of the exhibition, by the homage the curator wanted to pay to a great artist like Bruce Nauman, through a remote dialogue with the very controversial young artist Ryan Trecartin who, with his large installation of video projections and sculpted environments, investigated man’s new obsessions of hyperconsumerism and new technologies. The theme of the international exhibition was echoed in several of the national pavilions, including that of the United States, represented by Sarah Sze with her large-scale installation Triple Point. The complex structure invaded and transformed the architectural space, moving from interior to exterior and growing in height and length, discreetly infiltrating all the architectural space. The principle of organic growth could also be found in the Belgian pavilion where Berlinde De Bruyckere presented the sculpture of a gigantic tree trunk – created from wax, iron, fabric and leather – that invaded the space with its knots and twisted, tangled branches that represented the deformed and grotesque side of nature. Another close relationship with the

nella mostra scoprendo un percorso che ci ha posto di fronte i disegni sulle lavagne delle lezioni di Rudolf Steiner, padre della teosofia moderna e della relativa dimensione esoterica, messe vicino alle straordinarie pitture delle cosmografie di Guo Fengyi e di quelle di Emma Kunz, i disegni di Pirinisau, sciamano delle isole Salomone, hanno fatto da contrappunto al video di Arthur Zmijewski in cui un gruppo di non vedenti dipinge il mondo come se lo immagina o ancora il dialogo tra Maria Lassnig e Marisa Merz, due protagoniste assolute della pittura contemporanea, o la grande installazione di Peter Fischli e David Weiss con decine di piccole sculture in creta cruda che hanno rappresentato motti, ricordi, riferimenti culturali della personale cosmografia dei due artisti. All’Arsenale ha aperto l’esposizione il Palazzo Enciclopedico, l’opera che ha prestato il titolo all’intera mostra. Una gigantesca maquette del progetto utopico dell’architetto/artista autodidatta Marino Auriti che aveva immaginato di realizzare un edificio immenso che potesse contenere tutte le scoperte del mondo, dalla ruota al satellite. Anche qui siamo di fronte a un delirio della volontà dell’uomo di voler classificare e ordinare la conoscenza, un progetto impossibile e irrealizzabile, quasi mostruoso. Un progetto che prevedeva una disposizione che sembrava riecheggiare in tutto l’allestimento delle Corderie, dove, con l’aiuto dell’architetto Annabelle Selldorf, il curatore ha voluto ridisegnare lo spazio con un approccio museale, ricavando stanze, passaggi e percorsi altrimenti inesistenti nel pur affascinante spazio dell’Arsenale. A far da contrappunto all’opera monumentale di Auriti è collocata, nella stanza successiva, la gigantesca scultura di Roberto Cuoghi dalla forma biologica come di organismo di specie sconosciuta in dialogo con le sculture vagamente antropomorfe di Hans Josephsohn. Proseguendo il percorso nell’Arsenale ci siamo imbattuti in quella che è certamente una delle sezioni più interessanti dell’intero Palazzo Enciclopedico: la mostra nella mostra curata da Cindy Sherman. L’artista ha infatti selezionato una serie di opere e di materiali che fanno riferimento al suo immaginario o che sono state fonti di ispirazione per la sua arte. Da sempre interessata alla ricerca attorno all’identità personale in quanto maschera e travestimento, la Sherman ci ha invitato a scoprire le sue ossessioni tra bambole, collezioni di fotografie d’epoca, idoli e opere di altri artisti come Jimmie Durham, Paul McCarthy o Carol Rama. E tale anche è apparso l’omaggio che il curatore ha voluto tributare, quasi alla fine del percorso di tutta la mostra, a un grandissimo artista come Bruce Nauman che dialoga a distanza con un giovane artista molto controverso come Ryan Trecartin che con la sua grande installazione di proiezioni e ambienti video ha indagato le nuove ossessioni


architectural space could be found in the Dutch pavilion where Mark Manders had created an installation that linked his sculptures with the exhibition space designed by Gerrit Rietveld, a brilliant modernist architect, whose pavilion was one of the masterpieces in the Gardens. At the new Vatican pavilion at the Arsenale, the Holy See was participating for the first time at the Venice Biennale with a multimedia installation by Studio Azzurro, featuring photographs by Joseph Koudelka and paintings by Lawrence Carroll. Another impressively monumental installation by Alfredo Jaar in the Chilean pavilion displayed a giant model of all the buildings in the Biennale Gardens slowly sinking and rising from the Venetian lagoon.

dell’uomo tra iperconsumismo e nuove tecnologie. Il tema della mostra internazionale è apparso riecheggiare anche in alcuni dei padiglioni nazionali a partire da quello degli Stati Uniti d’America: rappresentato da Sarah Sze con la sua grande installazione Triple Point che ha invaso e trasformato lo spazio architettonico con una complessa installazione che passando dall’interno all’esterno si sviluppa in altezza e in lunghezza invadendo discretamente tutti gli spazi architettonici. Un principio di crescita organica presente anche nel padiglione del Belgio dove Berlinde De Bruyckere ha mostrato una scultura di un gigantesco tronco d’albero realizzato in cera, ferro, tessuto e cuoio che ha invaso gli spazi con i suoi nodi, le sue storture e tortuosità in una rappresentazione del lato mostruoso e deforme della natura. Uno stretto dialogo con lo spazio architettonico che è stato ritrovato anche nel padiglione dell’Olanda dove Mark Manders ha realizzato una installazione che ha messo in relazione le sue sculture con lo spazio disegnato da Gerrit Rietveld, geniale architetto modernista, il cui edificio del padiglione è stato uno dei capolavori dei Giardini. All’Arsenale, anche il nuovo padiglione del Vaticano, alla sua prima partecipazione alla Biennale di Venezia, con l’installazione multimediale di Studio Azzurro, le fotografie di Joseph Koudelka e i quadri di Lawrence Carroll e la grande e impressionante installazione di Alfredo Jaar nel padiglione del Cile composta da un gigantesco plastico di tutti gli edifici dei Giardini della Biennale che lentamente sprofondano e risorgono dalla laguna.

COESIA REVIEW 32|33


o.n

The Italian pavilion: a dialogue with 14 artists

Il Padiglione Italia: dialogo incrociato fra 14 artisti

Vice versa offered an idealistic voyage through the art of Italy today, a journey through identity, history and landscape, both real and imaginary, exploring the complexity and layers that characterise the artistic and cultural life of the country. It presented a portrait of recent art, no longer regarded as a conflict between movements and generations, but as an atlas of subjects and attitudes in a dialogue with historical legacy and current affairs, both local and international; a cross-dialogue of correspondence, derivation and difference between recognised masters and the artists of the following generation. The exhibition was composed of seven spaces – six rooms and a garden – each of which hosted two artists in a dialogue with each other. A crosscomparison arose from the discovery of affinities between their common interests in poetry and the themes, ideas and practices that have been an integral part of the critical and theoretical experience of art in Italy in recent decades. The seven pairs: body/history, view/place, sound/silence, perspective/surface, familiar/strange, system/fragment and tragedy/comedy – one subject for each “room” – were each described in the dialogue between the two artists in a free and stimulating manner. These pairs intersected in a network of dialectic communication among the works of the 14 artists on show: Francesco Arena, Massimo Bartolini, Gianfranco Baruchello, Elisabetta Benassi, Flavio Favelli, Luigi Ghirri, Piero Golia, Francesca Grilli, Marcello Maloberti, Fabio Mauri, Giulio Paolini, Marco Tirelli, Luca Vitone and Sislej Xhafa. In a dialogue between artist and artist, room and room, the exhibition formed a platform for reflection on the characteristics and contradictions of contemporary Italian culture. In this dialectic relationship, the borders between reality and makebelieve, original and copy, tragedy and comedy, author and actor, tend to disappear. Today, Italian culture is discovering its intimate raison d’être and producing art where landscape becomes the stage, history becomes performance, the work becomes theatre, and popular imagery becomes personal history.

Vice versa è stato un viaggio ideale nell’arte italiana di oggi, un itinerario che ha raccontato identità, storie e paesaggi – reali e immaginari – esplorando la complessità e le stratificazioni della vicenda artistica e culturale del paese. Un ritratto dell’arte recente non più letta come contrapposizione tra movimenti e generazioni, ma come un atlante di temi e di attitudini in dialogo con l’eredità storica e l’attualità, con la dimensione locale e quella internazionale. Un dialogo incrociato di corrispondenze, derivazioni e differenze tra figure di maestri riconosciuti e artisti delle generazioni successive. La mostra si è composta di sette ambienti – sei stanze e un giardino – che hanno ospitato ciascuno due artisti in dialogo tra loro. Un confronto incrociato nato dalla constatazione dell’affinità delle rispettive poetiche e dal comune interesse per temi, idee, pratiche, che sono parte integrante della vicenda critica e teorica dell’arte in Italia degli ultimi decenni. I sette binomi corpo/storia, veduta/luogo, suono/silenzio, prospettiva/superficie, familiare/estraneo, sistema/frammento e tragedia/commedia hanno descritto – uno per ogni “stanza” – l’ambito del dialogo tra i due artisti in modo libero e stimolante. Tali binomi si sono intrecciati così in una rete di relazioni dialettiche che sono intercorse tra le opere dei 14 artisti in mostra: Francesco Arena, Massimo Bartolini, Gianfranco Baruchello, Elisabetta Benassi, Flavio Favelli, Luigi Ghirri, Piero Golia, Francesca Grilli, Marcello Maloberti, Fabio Mauri, Giulio Paolini, Marco Tirelli, Luca Vitone e Sislej Xhafa. In un serrato dialogo tra artista e artista e tra stanza e stanza, la mostra si è proposta dunque come una piattaforma di riflessione intorno ai caratteri e alle contraddizioni della cultura italiana del nostro tempo. In questo rapporto dialettico – in cui tendono a scomparire i confini tra realtà e finzione, originale e copia, tragedia e commedia, autore e attore – la cultura italiana trova oggi la sua intima ragion d’essere e produce un’arte dove il paesaggio diviene palcoscenico, la storia performance, l’opera teatro, l’immaginario popolare storia personale.

CULTURE


Giulio Paolini

Massimo Bartolini

COESIA REVIEW 34|35


ON INTERVIEW FOCUS ON: WILLIAM LEdGER, SCA GLOBAL HyGIENE SUPPLy

“I THINK YOU NEED A SPECIAL TYPE OF ENGINEER TO BE ABLE TO DESIGN A MACHINE THAT CAN HANDLE PRODUCTS AT A FANTASTIC SPEED AND STILL MAKE THEM AT HIGH QUALITY” /“SOLO INGEGNERI SPECIALI POSSONO PROGETTARE MACCHINE COME LE VOSTRE IN GRADO DI REALIZZARE PRODOTTI DI ALTA QUALITÀ A VELOCITÀ ELEVATA...” The SCA group was founded in 1929 in Stockholm, Sweden, it has 36,000 employees and sells in about 100 countries. In 2012, its sales were worth about €9.8 billion, broken down as 49% tissue, 30% personal care and 21% forest products /Fondato nel 1929 a Stoccolma, il gruppo SCA conta circa 36.000 dipendenti ed esporta in un centinaio di paesi. Nel 2012 i ricavi si sono attestati sui 9,8 miliardi di euro derivanti per il 49% dal settore del tissue, per il 30% da quello della cura della persona e per il 21% dai prodotti del legno e della cellulosa Interview by /Intervista a cura di George Gay

You don’t need to be in the company of William Ledger for long to realise that he has a deep appreciation of well-engineered machinery – which is just as well. His job with SCA Global Hygiene Supply (SCA) involves what to many others would be a wearying schedule of international travel as he visits the company’s manufacturing sites around the world. But Ledger is able to take it all in his stride because be finds machines fascinating. “I can spend hours looking at them, understanding them and seeing how you can improve them – and talking with the engineers; it’s a lot of fun,” he said during an o.n

INTERVIEW

Non è necessario passare molto tempo con William Ledger per capire quanto apprezzi le macchine ben progettate, il che rappresenta un approccio molto positivo. Il suo lavoro in SCA Global Hygiene Supply (SCA) consiste in quello che per molti sarebbe un estenuante programma di viaggi internazionali per visitare i siti produttivi dell’azienda sparsi nel mondo. Ma Ledger non batte ciglio perché le macchine lo affascinano. “Posso passare ore a guardarle, a studiarle e a cercare di capire come migliorarle, a parlare con gli ingegneri. È molto divertente”, ha affermato in un’intervista rilasciata nei primi mesi


interview earlier this year at a plant in Stembert, Belgium, which is the nearest this globe-trotter comes to having a base. Much of the huge range of machinery employed by SCA is built by Offanengo-based GDM, part of Coesia, which Ledger described as a very interesting group with a high level of capability and skills. “The part of Italy where you’ve got these highly capable engineers is a brilliant place… I think you need a special type of engineer to be able to design a machine that can handle products at a fantastic speed and still make them at high quality,” he said. The SCA group, which was founded in 1929 and has its headquarters in Stockholm, Sweden, is a leading global hygiene and forest products company that, with about 36,000 employees, produces personal care, tissue and forest products, which it sells in about 100 countries. SCA develops and manufactures such strong global brands as TENA for incontinence care and Tork for the Away-from-Home sector. In Italy it is also known for its feminine hygiene brand Nuvenia as well as DEMAK’UP cotton pads, wipes and facial cleansing lotions. SCA sales, which last year were worth about €9.8 billion, broken down as 49% tissue, 30% personal care and 21% forest products; and by region as 72% Europe, 12% North America, 8% Latin America, 4% Asia and 4% other countries. As Europe’s largest private forest owner, SCA places considerable emphasis on sustainable forest management. The company has received much recognition for its strong overall sustainability agenda and is included in the Dow Jones Sustainability index, but has also been ranked as one of the world’s most ethical companies by the Ethisphere Institute in the UK. Ledger, an engineer, worked for 11 years with a Japanese automotive supplier based in Belgium before joining SCA in 2002 as site manager at the Stembert tissue mill. He was later made vicepresident supply chain tissue Europe, in which position he was responsible for everything to do with delivering to the end customer the products of the 27 manufacturing sites the company then had in Europe. His latest role, as president global hygiene supply, was created so that he would have indirect responsibility for all of the company’s global plants: its personal care (diapers, adult incontinence products and feminine hygiene products) factories and its tissue (toilet tissue, kitchen rolls and handkerchiefs) factories; 86 in all including 10 jointventure operations. But care is needed here. By emphasising Ledger’s love of engineering and machines there is a danger of making him out to be rather cold, and this would do him a disservice. Asked what he did when he wasn’t working; the second thing he mentioned was his involvement with yet more machinery – fast cars and

dell’anno in un impianto di produzione a Stembert, Belgio, che di fatto è il luogo che per questo viaggiatore si avvicina di più a una base stabile. Molte macchine della vasta gamma utilizzata da SCA sono realizzate da GDM, azienda con sede a Offanengo, parte di Coesia, che Ledger descrive come un Gruppo molto interessante, dotato di grande esperienza e capacità. “La parte dell’Italia in cui si trovano questi ingegneri, così capaci, è caratterizzata da una grande vivacità… Penso che solo ingegneri speciali possano progettare una macchina in grado di realizzare prodotti di alta qualità a velocità elevata”, afferma. Fondato nel 1929, il gruppo SCA ha sede a Stoccolma, Svezia, e con circa 36.000 dipendenti offre prodotti per la cura della persona, tissue, imballaggi, carta per pubblicazioni e legno pressato in un centinaio di paesi. SCA sviluppa e produce importanti marchi globali come TENA, per la cura dell’incontinenza, e Tork, dedicato all’igiene in viaggio. In Italia è inoltre noto per il marchio di prodotti per l’igiene femminile Nuvenia e per i dischetti struccanti, le salviette umidificate e i detergenti per il viso DEMAK’UP. I ricavi, che lo scorso anno si sono attestati intorno ai 9,8 miliardi di euro, provengono per il 49% dal settore del tissue, per il 30% da quello della cura della persona e per il 21% dai prodotti del legno e della cellulosa; su base regionale le vendite si concentrano in Europa (72%), seguono quindi l’America settentrionale (12%), l’America Latina (8%), l’Asia (4%) e le restanti aree del globo (4%). In qualità di maggiore proprietario privato di foreste in Europa, SCA pone molta enfasi sulla gestione sostenibile delle foreste. La società ha ricevuto un ampio riconoscimento per il suo forte impegno a riguardo, ed è annoverata nell’indice di sostenibilità Dow Jones nonché tra le società più etiche al mondo nella classifica del britannico Ethisphere Institute. Ledger, ingegnere, ha lavorato 11 anni per un fornitore dell’industria automobilistica giapponese prima di trasferirsi in SCA nel 2002 come site manager nello stabilimento di Stembert, dove si realizzano prodotti tissue. In seguito è stato nominato vicepresidente della catena di distribuzione tissue per l’Europa, divenendo responsabile di tutto ciò che riguarda la consegna al cliente finale dei prodotti usciti dai 27 siti produttivi che l’azienda aveva allora in Europa. E il suo ultimo ruolo, presidente dell’intero settore igiene, è stato creato appositamente perché assumesse la responsabilità indiretta di tutti gli 86 impianti dell’azienda – incluse dieci joint venture – nei settori della cura della persona (pannolini per bambini, prodotti per l’incontinenza e assorbenti igienici) e tissue (carta igienica e da cucina e fazzolettini di carta). Ma attenzione: sottolineando l’amore di Ledger per l’ingegneria e le macchine c’è il rischio di dipingerlo come una persona piuttosto fredda, e questo non risponde al vero. Alla domanda su cosa faccia quando non lavora, menziona ancora un certo tipo di macchine: COESIA REVIEW 36|37


motorbikes. But the first thing he mentioned was his wife and three children, and how he liked to spend as much time as possible with them, being a husband and father. And this empathy with people is clearly a genuine part of his approach to his job. This emphasis on people is one that seemed to chime with that of GDM and of Coesia Group. And Ledger agreed that this common focus was probably good for the relationship between SCA and GDM, which he described as “strong”. “We always look to work with suppliers that share our values, and there’s nothing more important than people for us; and people mean safety first of all,“ he said. “We’re extremely stringent when it comes to the safety standards which our machines must have but also the safety standards that companies must have when they’re erecting machines in our manufacturing sites. However, in line with SCA’s overall ambition to ‘care for people and nature’, the environmental aspect of our production is also extremely important for us: we're permanently trying to reduce waste; so we have some major programs that are successfully reducing waste, which is perfect for the environment but also good for our bottom line.” Asked whether GDM, which supplies machines for making personal care products, would be able to help SCA reduce waste, Ledger had no hesitation in o. n

I NT E RV I E W

auto veloci e motociclette. Ma prima di tutto vengono la moglie e i tre figli, e il piacere di trascorrere quanto più tempo possibile con loro, come marito e come padre. Questa empatia con le persone è chiaramente e realmente parte del suo approccio al lavoro. L’importanza data alle persone sembra accordarsi perfettamente con quanto avviene in GDM e nel Gruppo Coesia. E Ledger concorda nel sostenere che probabilmente proprio questo interesse comune ha favorito lo sviluppo di un rapporto che definisce “forte” tra le due aziende. “Cerchiamo sempre di lavorare con fornitori che condividono i nostri valori, e per noi niente è più importante delle persone. E quando si parla di persone, la prima cosa è la sicurezza”, dice. “Siamo estremamente severi in riferimento agli standard di sicurezza delle nostre macchine ma anche per quanto riguarda gli standard di sicurezza che le aziende devono rispettare quando installano nei nostri impianti. Tuttavia, in linea con l’ambizione di SCA di ‘occuparsi delle persone e della natura’, per noi è estremamente importante anche l’aspetto ambientale della produzione: siamo costantemente impegnati in una politica di riduzione degli scarti e abbiamo adottato importanti misure che ci consentono di raggiungere questo obiettivo, il che è un bene non solo per l’ambiente, ma anche per il nostro bilancio”. Alla domanda se GDM, che fornisce macchine impiegate nel settore della cura della persona, possa contribuire alla riduzione degli scarti, Ledger risponde senza esitazioni: “Assolutamente sì. GDM ha avviato e sta introducendo una serie di migliorie che ci permettono di essere più efficienti, e poi ci sono nuovi prodotti progettati da noi, per i quali abbiamo chiesto a GDM di realizzare i pezzi, che consentono un’ulteriore riduzione degli scarti”. Ci sono anche altri modi in cui GDM può fornire il proprio aiuto. SCA lavora in un settore che si muove così velocemente che le caratteristiche richieste alle macchine talvolta cambiano anche prima che un


saying, “Absolutely. There are different technological upgrades that GDM has done and does which allow us to be more efficient; and new products which we design and which we ask GDM to make the parts for, which definitely reduce waste,” he said. And there are other ways in which GDM helps. Ledger said that SCA worked in a business that was so fastmoving that its machinery requirements sometimes changed even before a project had been delivered. “I think one of the reasons why I like working with GDM is that it has been extremely flexible and understanding in these areas on a number of occasions,” he said. One example of this flexibility occurred earlier this year when SCA decided to undertake a machine rebuild on one line. Suddenly, for production capacity reasons, SCA found it necessary to ask GDM to undertake a rebuild on another line that presented different challenges. “GDM scratched their heads for a day and then turned around and made sure that the whole project worked on the other line,” said Ledger. “So that was amazing.” While both attitudes and machines have to be flexible in such an operational hot-house, machine reliability is also a must given that SCA runs its plants round the clock as a matter of course. In addition, machines have to be easy to repair and to be stable in operation after repairs. And they have to be easy to operate, also across shifts. In fact, like most people with responsibility for high-production factories, Ledger wants it all. He wants flexibility with reliability, and he wants high speeds and high efficiency levels, not least because worldwide population trends mean that SCA’s products are in increasing demand. And with this increasing demand seemingly set to continue, Ledger said that he wanted GDM to realise how much SCA was going to need its help in the near future and how it should adapt its resources to fit that need. “But also I think that if GDM could proactively work on the big issues in our industry and help us come up with a process or a product that gives us a significant competitive advantage: reducing waste, increasing speed, coming up with a new innovation that is much more reliable or something; then that of course would help us a lot,” he said. A process or a product? “For sure if you're making a machine designed for production you can also understand if the product is good or not,” Ledger said. “Or you could say: why don’t you do it this way – something we have not thought of. Of course, we also have a very clear view of what the market will or won’t take; so sometimes we might say that’s not useful for us. But maybe there'll be a situation where we’ll say wow! –this is something that will give us a big competitive advantage. Joint innovation is the direction in which I would like to see our collaboration with GDM move in the near future. And it is something I truly look forward to!”

progetto sia giunto a conclusione. “Penso che uno dei motivi per cui mi piace lavorare con GDM sia il fatto che quest’ultima si è dimostrata molto flessibile e disponibile in diverse occasioni”, commenta Ledger. Un esempio di questa flessibilità risale ai primi mesi di quest’anno, quando SCA ha deciso di rinnovare una delle sue linee. All’improvviso, per ragioni di capacità produttiva, SCA ha ritenuto necessario chiedere a GDM di procedere al rinnovamento di un’altra linea che presentava necessità diverse. “Inizialmente gli uomini di GDM erano perplessi ma poi si sono messi all’opera assicurandosi che il progetto funzionasse anche sull’altra linea”, racconta Ledger. “Strabiliante”. Se la flessibilità è un requisito indispensabile sia per quanto riguarda l’approccio sia riguardo alle macchine, la loro affidabilità è fondamentale, considerando che gli impianti di SCA sono in funzione 24 ore su 24, sette giorni su sette. Inoltre i macchinari devono poter essere regolati facilmente e ritornare in brevissimo tempo a operare in piena efficienza. Non solo: devono poter essere azionati agevolmente, anche tra un turno di lavoro e l’altro. In effetti, come molti che occupano posti di responsabilità negli impianti a elevata produzione, Ledger vuole tutto: flessibilità e affidabilità, velocità e un elevato grado di efficienza, anche perché i dati sulla popolazione mondiale dimostrano che la domanda del tipo di beni prodotti da SCA è in crescita. E siccome tutto fa pensare che la richiesta continuerà ad aumentare, per Ledger è importante che GDM sappia quanto SCA avrà bisogno del suo aiuto nel prossimo futuro e quanto dovrà andare incontro alle esigenze di SCA. “Penso che se GDM riuscirà a lavorare proattivamente nei punti chiave del nostro settore per aiutarci a realizzare un processo o un prodotto che ci dia un vantaggio significativo nei confronti della concorrenza in termini di riduzione dello scarto, velocità di produzione, innovazioni più affidabili e simili, ci sarà di grandissimo aiuto”, afferma Ledger. Un processo o un prodotto? “In realtà, quando si realizza una macchina per la produzione, si riesce anche a capire se il prodotto è valido o meno”, sostiene Ledger. “E allora si può anche procedere in una maniera diversa, a cui nessuno aveva pensato. Naturalmente abbiamo ben chiaro cosa può essere accolto bene dal mercato e quali prodotti non avranno successo; quindi talvolta possiamo anche ritenere che qualcosa non ci sia utile. Ma magari si presentano anche situazioni in cui si dice: ‘Wow! Ecco qualcosa che ci darà un grande vantaggio sulla concorrenza’. L’innovazione congiunta è la direzione verso cui vorrei andasse nel prossimo futuro la nostra collaborazione con GDM, obiettivo che non vedo l’ora di realizzare!”

While both attitudes and machines have to be flexible in such an operational hot-house, machine reliability is also a must given that SCA runs its plants round the clock as a matter of course /Se la flessibilità è un requisito indispensabile sia per quanto riguarda l’approccio sia riguardo alle macchine, la loro affidabilità è fondamentale, considerando che gli impianti di SCA sono in funzione 24 ore su 24, sette giorni su sette

COESIA REVIEW 38|39


ON TECHNOLOGy

o.n

TECHNOLOGy


FURTHER COESIA GROUP EXPANSION /IL GRUPPO COESIA CRESCE

R.A JONES: INCREASED MARKET PRESENCE AND GREATER BUSINESS OPPORTUNITIES IN NORTH AMERICA /R.A JONES: UNA MAGGIORE PRESENZA E PIÙ OPPORTUNITÀ IN AMERICA DEL NORD Established 105 years ago, the American company, R.A Jones, holds more than 70 worldwide patents across seven packaging machinery brands covering a wide range of solutions from fresh meat packaging to efficient pouch, jar and bottle filling systems, in perfect synergy with Coesia Group’s recognised innovation-based solutions /Fondata 105 anni fa, l’azienda americana detiene oltre 70 brevetti mondiali distribuiti su sette marchi di macchine per imballaggio che coprono un’ampia serie di soluzioni, dal confezionamento di carne fresca al riempimento efficiente di capsule, vasetti e flaconi, in perfetta sinergia con la capacità innovativa del Gruppo Coesia Steve Osborne

From the single-serve cup of coffee many people brew in the morning to the foods, beverages, cosmetics and pharmaceuticals used by millions throughout each week, hundreds of products you see and touch every day are efficiently and creatively packaged using the unmatched speed and flexibility of machinery designed and built by R.A Jones & Company. This North American company, acquired by the Coesia Group in October 2012, has a long and storied history. In fact, the century-long evolution of today’s recently re-branded R.A Jones involves a number of separate companies that grew to form two cornerstones of the American packaging industry. A brief history The original R.A Jones & Company, founded in Covington, Kentucky, in 1905, grew from humble beginnings as a soap packaging facility, primarily serving Procter & Gamble, into one of the world’s leading manufacturers of pouch filling and secondary packaging machinery. Nearly four decades later, in 1946, KartridgPak was founded in Davenport, Iowa, to serve the primary packaging needs of Oscar Meyer’s production of pork sausage. Over the next 50 years of corporate evolution, the KartridgPak chub-packaging brand was joined under the eventual corporate umbrella of Packaging Technologies, Inc. by five additional machinery brands with dominant positions in their segments of

Dalla capsula monodose che molti usano per farsi il primo caffè della mattina ai generi alimentari, le bevande, i cosmetici e i farmaci utilizzati da milioni di persone ogni settimana, centinaia di prodotti che vedete e toccate ogni giorno vengono confezionati in maniera efficiente usando la rapidità e la flessibilità senza uguali dei macchinari progettati e costruiti da R.A Jones & Company. L’azienda nordamericana, acquisita dal Gruppo Coesia nell’ottobre 2012, ha una storia lunga e articolata. In realtà, l’evoluzione che ormai dura da un secolo di R.A Jones, che solo di recente ha ripreso quello che era il suo nome originale, coinvolge una serie di aziende distinte che sono cresciute fino a formare le basi dell’industria americana dell’imballaggio. Breve storia La R.A Jones & Co. delle origini, fondata nel 1905 a Covington, nel Kentucky, crebbe dagli umili esordi di stabilimento per la produzione di confezioni per detersivi, il cui cliente più importante era Procter & Gamble, fino a diventare uno dei principali produttori a livello mondiale di macchine riempitrici e imballatrici. Quasi 40 anni dopo, nel 1946, a Davenport nello Iowa, fu fondata KartridgPak, che rispondeva alle necessità di imballaggi primari del produttore di salsicce di maiale Oscar Meyer. Nei successivi 50 anni di evoluzione aziendale, il marchio di involucri per insaccati KartridgPak fu accolto sotto la denominazione aziendale Packaging

COESIA REVIEW 40|41


the primary packaging industry. These companies include well-known names like Autoprod and Holmatic, leaders in cup filling and sealing equipment; Aerofill, the best-known name in aerosol machinery; Dawson for bottle filling; and MAP Systems for its patented modified atmosphere packaging solutions for extending product shelf life. Because the efficiencies of combining these dominant players in the primary and secondary packaging industries were too much to ignore, the two companies, R.A Jones and Packaging Technologies were acquired, merged and, after several ownership changes, eventually incorporated as Oystar North America. R.A Jones today In need of a new identity following Coesia’s acquisition from Oystar, the name R.A Jones & Company was selected for its long history of

o.n

TECHNOLOGy

Technologies, Inc. insieme ad altri cinque marchi di confezionatrici che detenevano posizioni dominanti nei loro segmenti di mercato per gli imballaggi primari. Fra quelle aziende c’erano nomi noti come Autoprod e Holmatic, leader nel settore del riempimento e chiusura di vasetti e capsule; Aerofill, il nome più noto per il riempimento aerosol; Dawson per il riempimento flaconi, e MAP Systems per le soluzioni brevettate di confezionamento in atmosfera modificata per una più lunga conservazione dei prodotti. Poiché non era possibile ignorare l’efficienza che scaturiva dalla combinazione di attori dominanti sul mercato degli imballaggi primari e secondari, le due aziende R.A Jones e Packaging Technologies furono acquisite, fuse e, dopo una serie di passaggi di proprietà, vennero integrate con il nome di Oystar North America.


continuous service and solid reputation in the marketplace. Today the newly rebranded company remains one of the world’s leading providers of packaging machinery to the food, pharmaceutical, dairy and consumer goods industries. Engineering superiority is a key advantage. In total, R.A Jones & Company holds more than 70 worldwide patents across seven machinery brands. These patents cover a wide range of solutions from packaging fresh meats to efficient filling of pouches, cups and bottles, as well as aerosol production and creative carton construction. R.A Jones’s worldwide operations include more than 540 employees, covering service and sales support personnel based in the United Kingdom, United Arab Emirates and other strategic locations. Two USbased manufacturing facilities are centrally located in Davenport, Iowa, and Covington, Kentucky. This assures full, North American control of all complete machines, as well as spare parts. Capabilities now also exist to manufacture parts for other machinery brands that are produced by members of the Coesia Group. It is also noteworthy that the 120-member R.A Jones engineering team is located within these two North American facilities, allowing customers convenient access to more than 1800 years of combined packaging specific design experience as they seek solutions to their latest packaging challenges and assistance with complete packaging line design, from beginning to end. With its vast portfolio of machinery and experience personnel, R.A Jones focuses on increasing the speed, flexibility and throughput of packaging machinery and lines, developing new machine formats to enable unique and innovative package designs and broadening product line families to address developing and emerging markets. Improving food quality, ensuring food safety and extending shelf-life are areas where R.A Jones has set a global pace among its competitors. R.A Jones is also the world leader in Modified Atmosphere Packaging (MAP) systems that preserve food quality and extend the shelf life of products such as coffee, infant formula and snack foods. R.A Jones: a natural fit for the Coesia Group Having earned a long-standing reputation for innovative designs, quality manufacturing and impeccable service, the six packaging machinery brands under the R.A Jones umbrella now fit seamlessly into the Coesia Group with whom they share the same policies for offering their customers “total quality” in production levels and delivery times. In addition, from a strategic viewpoint, the

R.A Jones oggi Per rispondere alla richiesta di dare una nuova identità all’azienda dopo l’acquisizione di Oystar da parte di Coesia, il nome R.A Jones & Company è stato selezionato per la lunga storia di attività ininterrotta e per la solida reputazione sul mercato. L’azienda, oggi con un marchio nuovo, è tuttora uno dei leader mondiali nella fornitura di macchine per il confezionamento all’industria alimentare, a quella farmaceutica, alla produzione casearia e a quella dei beni di consumo. La superiorità tecnica costituisce un vantaggio fondamentale. Nel complesso R.A Jones & Company detiene oltre 70 brevetti mondiali distribuiti su sette marchi di macchine. I brevetti coprono un’ampia serie di soluzioni, dal confezionamento di carne fresca al riempimento efficiente di capsule, vasetti e flaconi, come pure la produzione di aerosol e la fabbricazione di astucci creativi in cartone. Le attività su scala mondiale di R.A Jones impiegano oltre 540 dipendenti, compreso il personale di assistenza e quello di supporto alle vendite situato nel Regno Unito, negli Emirati Arabi Uniti e in altre sedi strategiche. Due impianti di produzione sono ubicati negli Stati Uniti in posizione centrale, a Davenport nello Iowa e a Covington nel Kentucky. Questo garantisce che sia sulle macchine sia sulle parti di ricambio sia esercitato un saldo controllo a livello di America del Nord. Attualmente è anche possibile produrre parti per altri marchi di confezionatrici, prodotte da aziende che fanno parte del Gruppo Coesia. Inoltre il nucleo tecnico di R.A Jones, costituito da 120 persone, opera all’interno dei due impianti americani, e questo consente ai clienti in cerca di soluzioni per le più recenti sfide in materia di imballaggi di avere accesso a oltre 1800 anni di esperienza specifica nella progettazione e un’assistenza totale per la produzione di linee complete di confezionamento, dall’inizio alla fine. Con la sua ampia disponibilità di macchine e di personale esperto, R.A Jones si dedica ad aumentare la rapidità, la flessibilità e la capacità di trattamento delle macchine e delle linee di imballaggio, allo sviluppo di macchine che supportino nuovi formati per consentire la realizzazione di modelli di imballaggio unici e innovativi, e all’ampliamento di famiglie di prodotti per rispondere a mercati emergenti e in via di sviluppo. Migliorare la qualità degli alimenti, garantirne la sicurezza e aumentarne la durata di conservazione sono campi in cui R.A Jones detta il passo a livello globale ai suoi competitor. L’azienda è inoltre leader mondiale nei sistemi di confezionamento in atmosfera modificata (MAP) che proteggono la

Engineering superiority is a key advantage. In total, R.A Jones & Company holds more than 70 worldwide patents across seven machinery brands /La superiorità tecnica costituisce un vantaggio fondamentale. Nel complesso R.A Jones & Company detiene oltre 70 brevetti mondiali distribuiti su sette marchi di macchine

COESIA REVIEW 42|43


G.d’S HIGH-SPEEd SIGNATURE LINE /L’ALTA VELOCITà FIRMATA G.d

UNSURPASSED TECHNOLOGY FOR TOP PERFORMANCE /UNA TECNOLOGIA INSUPERATA PER ALTISSIME PRESTAZIONI G.d has always been committed to the search for state-of-the-art technological solutions. Its high-speed cigarette making and packing lines represent the ideal choice for producers looking for both performance and flexibility from a single supplier /G.d è da sempre impegnata nella ricerca di tecniche all’avanguardia. Le sue linee superveloci per il confezionamento e impacchettamento di sigarette rappresentano la scelta ideale per i produttori che ricercano al contempo prestazioni e flessibilità da un unico interlocutore Riccardo Ceredi

o.n

TECHNOLOGy


G.D’s high-speed 121P cigarette-maker (20,000/min.) and H1000 (S1000)-W1000-BV packer (1,000/min.) have successfully operated for many years in the plants of major cigarette manufacturers around the world, and are still unsurpassed today. Despite this, G.D, which has always been committed to developing innovative solutions, has introduced constant improvements to its makingpacking equipment over the years to enhance product quality, the reliability and flexibility of its machines, and the versatility requested by the cigarette market. The recent introduction of an innovative operation system into the tobacco dosing and feeding unit has improved the specialisation of the different functions and product-flow continuity. Improvements have been made to the first machine section, where a wide hopper handles large volumes of tobacco with a slow, continuous process. The feeding system, based on a horizontal belt and mechanical drum, ensures uniform distribution and low tobacco degradation. In the second section, stem separation has been brought forward with respect to the tobacco dosing phase, so as to facilitate regulation and optimise performance. The stem removal system has always been one of the strong points of G.D cigarette makers: this latter innovation has maintained its advantages, because it continues to be based on the same physical principle, which is still the most efficient. The direct tobacco launching concept is totally innovative: the dosing and forming track has been optimised to avoid mechanical wear on the product, conserving tobacco flow regularity. Thanks to the use of a cutting head with independent motors and rotating rod guides in the packaging section, the 121P guarantees perfect cut quality and consequently a perfect cigarette. To reduce speed-induced mechanical stresses on both machine and product, the distance between the cigarettes on the filter tipper drums has been reduced, and the number of stations on the connecting unit between the maker and the filter tipper has been increased to 10, enabling increased production speed with lower product speed. Of the innovative aspects that distinguish the 121P, it is important to mention the new laser unit with a 1000W source, which makes it possible to achieve the highest degree of ventilation even with special filters. The same attention has been devoted to the H1000 (S1000) W1000 packing line: products and materials are subject to less stress throughout the wrapping cycle, giving a better final packet quality. Thanks to the continuous motion technology on which these

La tecnologia G.D dell’alta velocità, costituita dal complesso 121P a 20.000 sigarette al minuto e H1000 (S1000)-W1000-BV, a 1000 pacchetti, è presente con successo da anni negli stabilimenti dei maggiori produttori di sigarette nel mondo e rappresenta tuttora un primato assoluto. Nonostante ciò G.D, da sempre impegnata nella ricerca di soluzioni innovative, ha introdotto negli anni continui miglioramenti per aumentare la qualità del prodotto, l’affidabilità e flessibilità delle macchine, la versatilità richiesta dal mercato, cui sottoporre il proprio making-packing. Recentemente nella maker 121P è stato introdotto un innovativo principio di funzionamento nell’unità di alimentazione e dosaggio del tabacco caratterizzato dalla specializzazione delle diverse funzioni e dalla continuità di flusso del prodotto. In primo luogo, è stata migliorata la prima sezione di macchina dove l’ampia tramoggia tratta i grandi volumi di tabacco con un processo lento e continuo. Il sistema di alimentazione basato su un tappeto orizzontale e un rullo meccanico garantisce una distribuzione uniforme e una bassa degradazione del tabacco. Nella seconda sezione il processo di separazione delle coste è stato anticipato rispetto alla fase di dosatura del tabacco al fine di facilitarne le regolazioni e ottimizzarne le prestazioni. Il sistema di scarto coste è sempre stato un punto di forza delle maker G.D: quest’ultima innovazione ne ha conservato i vantaggi perché continua a essere basata sullo stesso principio fisico, che è tuttora il più performante. Assolutamente innovativo è il concetto di lancio diretto del tabacco: fra dosatura e formazione si è ottimizzato il percorso per evitare azioni meccaniche sul prodotto, conservando la regolarità di flusso del tabacco. Nella sezione di confezionamento la 121P, grazie all’impiego di una testa di taglio con motorizzazioni indipendenti e guide baco rotanti, garantisce una perfetta qualità di taglio e, conseguentemente, una perfetta sigaretta. Per ridurre gli stress meccanici dell’alta velocità sulla macchina e sul prodotto è stata ridotta la distanza delle sigarette sui tamburi della mettifiltro e aumentato a dieci il numero di stazioni dell’unità di collegamento tra maker e mettifiltro. Questo comporta un aumento di velocità di produzione con minori velocità del prodotto. Fra gli aspetti innovativi che caratterizzano la 121P è importante citare il nuovo gruppo laser con sorgente a 1000W che permette di raggiungere i più alti gradi di ventilazione anche con filtri speciali. Stessa attenzione è stata rivolta alla linea di packing H1000 (S1000) W1000: prodotti e materiali sono

COESIA REVIEW 46|47


machines are based, all operations (product and material transfer, folding of materials, etc.) are carried out in motion, with the result that the time available for each operation is greater than that of an alternative machine, even if the speed is greater. The keystone of high-speed machines (and of G.D production in general) lies today in versatility and flexibility. A whole high-speed line must, in fact,

o.n

TECHNOLOGy

soggetti a minore stress durante tutto il ciclo d’incarto con una migliore qualità finale del pacchetto. Grazie alla tecnologia a moto continuo su cui si basano queste macchine, tutte le operazioni (ad es. trasferimento dei prodotti e dei materiali, piega dei materiali, ecc.) vengono effettuate in movimento, così che il tempo a disposizione per ogni operazione è superiore a quello di una macchina alternata anche se la velocità è maggiore. La chiave di volta delle macchine ad alta velocità (e della produzione G.D in generale) è oggi nella versatilità e flessibilità. Un’intera linea ad alta velocità deve operare, infatti, con diversi formati, sigarette slim e superslim e pacchetti round corner e ottagonali. Il making-packing G.D ad alta capacità risponde anche alle nuove opportunità con i massimi livelli di performance. Per velocizzare le fasi di cambio brand completo e di cambio dimensioni, la 121P è equipaggiata di motori elettrici, al posto di ingranaggi meccanici, così da ridurre notevolmente sia i componenti sia il tempo impiegato per l’operazione. Nella H1000 (S1000)-W1000, invece, una procedura automatizzata facilita le operazioni di passaggio da un brand all’altro. Di conseguenza, se non c’è cambio dimensionale, sono sufficienti poche e semplici operazioni sull’HMI e sulla macchina per portarlo a termine in pochi minuti. Come estrema soluzione di flessibilità l’H1000 può essere convertita, nella S1000 o viceversa, qualora all’interno della manifattura sia richiesto un cambio di produzione da pacchetti rigidi a quelli soffici o da soffici a rigidi. Infine, l’intera linea maker-packer è dotata di un sistema di sensori per la misura costante degli assorbimenti delle utilities (aria compressa, vacuum e consumi elettrici). Questo consente allo stabilimento di produzione di ottimizzare i consumi energetici, verificare in tempo reale eventuali malfunzionamenti e ridurre di conseguenza le emissioni di CO2 nell’ambiente. La linea 121P H1000 W1000 BV alle eccellenti performance unisce il vantaggio di essere realizzata dallo stesso fornitore. Questo, oltre alla sicurezza di avere un prodotto in cui tutte le parti meccaniche ed elettroniche della linea sono meglio integrate fra loro, per il cliente significa fasi di assemblaggio e collaudo della linea più rapide e un minor tempo di formazione per il personale che opererà sulle macchine. Il rapporto con un interlocutore unico, inoltre, consente ai clienti di ottenere risposte efficaci in tempi brevi, di ricevere assistenza da un’unica filiale locale per l’intero impianto e infine – poiché tutte le


FOCUS ON: OUR PRODUCTS /FOCUS ON: I NOSTRI PRODOTTI

ACMA: SOLUTIONS FOR CONFECTIONERY… AND MUCH MORE /ACMA: SOLUZIONI PER IL CONFECTIONERY… E NON SOLO ACMA has become known as a leader in the development of advanced technological solutions for wrapping, for which it designs and produces high-performance machines. Following the recent reorganisation of the Coesia group that resulted in the creation of a strong synergy with Volpak, the company has decided to tackle the Fast Moving Consumer Goods market in an increasingly comprehensive manner /ACMA è conosciuta come realtà leader nello sviluppo di soluzioni tecnologiche avanzate nell’ambito del wrapping, per il quale progetta e realizza macchine ad alte performance. L’azienda, a seguito del recente processo di riorganizzazione avvenuto in seno al Gruppo Coesia, che l’ha portata a sviluppare una forte sinergia con Volpak, ha scelto di affrontare il mercato del Fast Moving Consumer Goods in maniera sempre più trasversale e completa Riccardo Ceredi

o.n

TECHNOLOGY


ACMAVOLPAK is now capable of delivering a wide variety of product packaging alternatives. For example, in the case of liquid soap, ACMAVOLPAK machines can package bottles with dispensers or in doypack-type stand-up pouches with pour caps. At the same time, the company offers complete solutions in packaging process terms. A product like a candy, for example, can first be wrapped in the desired style and then packaged in a bag, ready to go on display in sales points in the most appropriate manner (stand up, positioned in special display areas, etc). ACMA invests, from a technological point of view, in those sectors which, over the years, have enabled it to establish itself on the international scene; sectors such as confectionery, for which it has recently developed the M888 model, a high-speed multistyle wrapping machine. M888: one machine, many wrapping styles The M888 is the fastest and most flexible multistyle machine on the confectionery market. Suitable for wrapping a wide range of products – including hard boiled candies, toffees and chocolates in a wide variety of shapes and sizes – the M888 is designed to ensure maximum precision and care in conveying highly delicate products through the various wrapping stages. The ACMA machine combines the benefits of continuous motion in the feed system; that is, greater speed and gentleness in processing the still unwrapped product during the first stage of wrapping; and that of alternating movement, which permits maximum precision during the wrapping and folding process. Thanks to the versatility of the machine, when the product wrapping style needs to be changed, ACMA clients can count on an extremely rapid change-over process: this involves the substitution of a limited number of mechanical components and takes on average between 40 and 60 minutes, depending on the type of product. The flexibility of the M888 is such that chocolates and sweets can be wrapped in a wide range of different styles: Bon-bon Vennoise, fancy, portfolio, double or side twist and Boero. Finally, the M888 is fully accessible: specially designed to satisfy the high standards required by the food industry, the cantilever-type construction permits ease of access to the various mechanical parts, so as to simplify cleaning and maintenance. Reliability, speed and flexibility: a winning trio to earn market trust Rounding off the ACMA offer are dedicated distribution and in-feed systems for M888 lines,

ACMAVOLPAK è oggi in grado di fornire una grande varietà di alternative per il packaging di un prodotto. Per esempio, nel caso del sapone liquido, le macchine ACMAVOLPAK consentono il confezionamento di flaconi con dispenser oppure in buste stand-up tipo doypack con tappo erogatore. Allo stesso tempo, l’azienda offre soluzioni complete in termini di processo di confezionamento; basti pensare a un prodotto come una caramella, che può essere dapprima incartata nello stile desiderato e successivamente confezionata in busta, così da essere presentata nei punti di vendita nella maniera più adeguata (stand-up, collocata in apposite aree di esposizione, ecc). ACMA investe quindi, anche dal punto di vista tecnologico, in quei settori che nel corso degli anni ne hanno decretato l’affermazione in ambito internazionale, tra cui quello dei dolci alimentari, per il quale ha recentemente sviluppato il modello M888, confezionatrice multistile ad alta velocità. M888: tanti stili di incarto con una sola macchina M888 si presenta al settore dolciario come la più flessibile e veloce macchina multistile sul mercato. Adatta per il confezionamento di un’ampia varietà di prodotti – tra cui caramelle, mou e cioccolatini di svariate forme e dimensioni – M888 è progettata per garantire la massima precisione e cura nel trasferimento di prodotti molto delicati durante le diverse fasi di incarto. La macchina ACMA unisce infatti i benefici del movimento continuo in alimentazione, ossia una maggior velocità e delicatezza nel trattare il prodotto “nudo” durante la prima fase del confezionamento, a quelli del movimento alternato, che consente la massima precisione durante il processo d’incarto a piega. Grazie alla versatilità della macchina, i clienti di ACMA, quando si presenta la necessità di variare lo stile di incarto del prodotto, possono contare su di un processo di cambio formato estremamente rapido: tale operazione comporta infatti la sostituzione di un numero limitato di componenti meccaniche e richiede in media dai 40 ai 60 minuti, a seconda della tipologia di prodotto. A tal proposito, la flessibilità di M888 consente di incartare cioccolatini e caramelle in un’ampia serie di stili differenti: fancy, portfolio, doppio fiocco o fiocco di lato, Vienna, bonbon e Boero. M888 è infine una macchina completamente accessibile, studiata per soddisfare gli elevati standard richiesti dal settore alimentare; la costruzione di tipo cantilever garantisce infatti facilità di accesso ai vari organi meccanici, così da semplificare le operazioni di pulizia e manutenzione.

Thanks to the versatility of the machine, when the product wrapping style needs to be changed, ACMA clients can count on an extremely rapid change-over process /Grazie alla versatilità della macchina, i clienti di ACMA, quando si presenta la necessità di variare lo stile di incarto del prodotto, possono contare su di un processo di cambio formato estremamente rapido

COESIA REVIEW 50|51


Sweets and chocolates are transferred with maximum speed and efficiency to the packaging stations, and the phases of batch separation and correct alignment of the products fed into the wrappers are distinguished by great care /Caramelle e cioccolatini vengono infatti trasferiti con la massima velocitĂ ed efficienza alle stazioni di confezionamento, e una grande accuratezza contraddistingue tutte le fasi di separazione dei lotti e il corretto orientamento in ingresso alle incartatrici

o.n

TECHNOLOGY


which ensure efficient product management downstream of the manufacturing process. Sweets and chocolates are transferred with maximum speed and efficiency to the packaging stations, and the phases of batch separation and correct alignment of the products fed into the wrappers are distinguished by great care. The cantilever construction permits quick and easy belt change without the need for special equipment, while the pneumatic tighteners and automatic centering systems guarantee long conveyor belt life and low noise levels. All this results in extremely reliable automated production, as the high level of customer satisfaction shows. In fact, many of the big players in the confectionery trade have decided

Affidabilità, velocità e flessibilità: il tris vincente per conquistare la fiducia del mercato L’offerta di ACMA si completa con sistemi di distribuzione e alimentazione dedicati per linee M888, che garantiscono un’efficiente gestione del prodotto a valle del processo di produzione. Caramelle e cioccolatini vengono infatti trasferiti con la massima velocità ed efficienza alle stazioni di confezionamento, e una grande accuratezza contraddistingue tutte le fasi di separazione dei lotti e il corretto orientamento in ingresso alle incartatrici. La costruzione a sbalzo permette l'intercambiabilità dei nastri senza dover ricorrere ad attrezzature particolari, mentre i tenditori pneumatici e i sistemi di centratura automatici garantiscono lunga durata e

to adopt the new model. These include the Ukrainian company Roshen, which produces Krowka (a soft caramel wrapped in the Bon-bon Vennoise style), the German factory Tofeetech, which employs the M888 to wrap chocolates and toffees in the double twist and Bon-bon Vennoise styles, and Nestlè’s Dubai plant, which has recently installed a line for chocolates wrapped in the double end twist and fancy styles.

silenziosità dei nastri trasportatori. Il tutto si traduce in una produzione automatizzata estremamente affidabile, come testimonia l’alto livello di soddisfazione dei clienti. Infatti, molte delle principali realtà industriali nel settore del confectionery hanno deciso di dotarsi del nuovo modello. Tra queste l’azienda ucraina Roshen, che produce il prodotto “Krowka”, una caramella al latte mou incartata in stile viennese, l’impianto produttivo tedesco di Tofeetech, che impiega la M888 per confezionare cioccolatini e mou in stile doppio fiocco e viennese, e la sede di Dubai della Nestlé, che ha recentemente installato in produzione una linea per cioccolatini in formato “double end twist” e “fancy”.

COESIA REVIEW 52|53


CLOSE ENCOUNTERS: ERICH BERTSCHINGER, PRODUCTION TECHNICIAN FROM BELIMO /INCONTRI RAVVICINATI: ERICH BERTSCHINGER, TECNICO DI PRODUZIONE DI BELIMO

Redcube: AN INVESTMENT FOR THE FUTURE /Redcube: UN INVESTIMENTO PER IL FUTURO An innovative and compact digital printer for multiple and highly flexible applications has been developed by Hapa, a Coesia Group company. Headquartered near Zurich, Switzerland, Hapa is a leader in on-demand printing systems for the pharmaceutical, medical, food, and cosmetics packaging industries. /Una innovativa stampante digitale compatta e altamente versatile per una molteplicità di impieghi. È stata sviluppata da Hapa, azienda del Gruppo Coesia, con sede vicino a Zurigo, leader nei sistemi per la stampa on demand per le industrie produttrici di imballaggi nei settori farmaceutico, medico, alimentare e cosmetico Alex Kühn

At Belimo,in Hinwil, Switzerland, orange plastic shells flick rhythmically through Erich Bertschinger’s prototype production line. During their short journey, the square, hand-sized shells are marked in black with data, rapidly and permanently. The heart of the prototype on which Bertschinger’s production technician is working is bright red. Appropriately named redcube, the machine is a fullydigital DOD Piezo inkjet printer capable of printing codes, text and graphics with solvent-free UV curable inks in a single pass. The redcube is part of a portfolio of print systems designed and manufactured by Hapa, located in neighbouring Volketswil, Switzerland.

o.n

TECHNOLOGY

Nello stabilimento di Belimo a Hinwil, Svizzera, gusci di plastica arancione passano ritmicamente attraverso la nuova linea di produzione di Erich Bertschinger. Nel corso del loro breve viaggio sui gusci quadrati grandi quanto una mano vengono stampati dei dati in nero, rapidamente e in modo permanente. La parte centrale del prototipo a cui lavora il tecnico di produzione è rosso brillante. Opportunamente chiamata redcube, la macchina è una stampante digitale che utilizza la tecnologia a getto d’inchiostro DOD piezoelettrica per stampare in un solo passaggio codici, testi e disegni con inchiostro resistente ai raggi UV privo di solventi. Il dispositivo fa parte di una gamma di sistemi per la stampa progettati e prodotti da Hapa, situata nella vicina Volketswil, Svizzera. I template e i dati variabili necessari per la stampa sono memorizzati nel sistema SAP di Belimo. Per eseguire un ordine di stampa, si scansiona il codice a barre del batch di documenti; i template e i dati variabili vengono quindi estratti dal SAP e inviati alla redcube, che procede alla stampa. “I dati sono generati con l’ordine di produzione del relativo group manager”, spiega Bertschinger. “Quindi sono memorizzati nel sistema SAP, da cui possono essere estratti. Un gioco da ragazzi”. Qualsiasi richiesta di etichettura personalizzata viene soddisfatta facilmente e in tempi brevissimi. Sono stati necessari solo pochi mesi per installare il dispositivo: “La redcube è arrivata lo scorso mese di dicembre”, racconta Bertschinger. “La predisposizione della linea è stata completata a febbraio e la produzione è iniziata ad aprile. Hapa è riuscita a ottimizzare la redcube sulla base della


conveyor belt and then remove them after printing.” The outlay of the redcube was close to 40,000 Swiss Francs; but the printer has increased the efficiency of production, and reduced material, warehouse and operational costs. “The only consumables that we need for our prototype are cleaning cloths and a bottle of ink twice a year,” said Bertschinger. “Our expenditure runs at around 1,000 Francs.” Since its installation at Hinwil, the redcube has printed 3,000-4,000 orange shells a day. According to Bertschinger, this is just the beginning: “For Belimo, this technical innovation from Hapa is an investment in the future. We’re looking at using the same system for a new direct-printing project. For the new project, we will be able to save considerably on material outlay by eliminating labels, which cost between 10 and 20 Rappen (11 and 22 cents) per piece.” A robot will be integrated into the projected line’s design. The products will pass under the redcube, be flipped by the robot, and passed under the redcube a second time, so that both the front and the back of each product will be printed. Envisioned as a late stage customisation installation, the line will have the redcube placed at the end of production, for the printing of customer-specific data. Late stage customisation will allow Belimo the flexibility to produce even the smallest of batches cost-effectively. Direct printing onto plastics is but one of many potential applications for the redcube. The system

Secondo Bertschinger si tratta solo dell’inizio: “Per Belimo questa innovazione tecnica di Hapa rappresenta un investimento per il futuro. Stiamo pensando di usare lo stesso sistema per un nuovo progetto di stampa diretta, che grazie all’eliminazione delle etichette, che costano tra i 10 e i 20 Rappen (11 e 22 centesimi) al pezzo, porterà un notevole risparmio alla voce spese per materiale”. Il progetto prevede l’integrazione di un robot nella linea di produzione. I prodotti passeranno sotto la redcube, il robot li ruoterà per poi farli passare una seconda volta sotto la macchina, in modo da stampare sia la parte frontale che il retro della confezione. Pensata per l’applicazione in una fase avanzata della produzione, la redcube sarà posta al termine del processo per personalizzare le confezioni con dati specifici relativi ai singoli clienti. Posponendo la stampa alla fine del processo produttivo Belimo potrà produrre lotti più piccoli a costi ridotti. La stampa diretta su materiali plastici costituisce solo uno dei potenziali usi della redcube. La macchina è in grado di stampare su un’ampia gamma di materiali – cartone, carta, plastica e vetro – e su superfici laccate e non laccate, ruvide, lisce, porose e non porose. La stampa ad alto contrasto è durevole e resistente alle abrasioni, alle diverse temperature, all’umidità e ai solventi. Essendo un dispositivo contact-free, la redcube è la soluzione ideale per stampare su prodotti particolarmente delicati, ad esempio i blister.

COESIA REVIEW 56|57


Direct printing onto plastics is but one of many potential applications for the redcube. The system prints on a wide range of materials and substrates: carton, paper, plastics or glass, lacquered and un-lacquered, rough, smooth, porous or nonporous surfaces. The sharp-contrasting print is long lasting, abrasion resistant and resilient to temperature, moisture and solvents /La stampa diretta su materiali plastici costituisce solo uno dei potenziali usi della redcube. La macchina è in grado di stampare su un’ampia gamma di materiali – cartone, carta, plastica e vetro – e su superfici laccate e non laccate, ruvide, lisce, porose e non porose. La stampa ad alto contrasto è durevole e resistente alle abrasioni, alle diverse temperature, all’umidità e ai solventi

prints on a wide range of materials and substrates: carton, paper, plastics or glass, lacquered and unlacquered, rough, smooth, porous or non-porous surfaces. The sharp-contrasting print is long lasting, abrasion resistant and resilient to temperature, moisture and solvents. Because it is non-contact, the redcube is ideal for use on products that are pressuresensitive – on finished blister packs, for example. Direct printing dispenses with entire processes associated with labeling costs, from material procurement and warehousing to label application. The redcube prints product-specific and marketspecific text at a cost-effective price per unit, making it ideally suited to demands for serialisation and small batch production, at no loss of turnaround time. Redcube flexibility permits texts to be printed in the language of the market to which each product is being shipped. Products and packaging no longer need to be cluttered with text written in several languages.

o.n

TECHNOLOGY

La stampa diretta sui prodotti elimina una serie di passaggi che incidono sui costi di etichettatura, dalla necessità di procurarsi e immagazzinare il materiale fino all’effettiva applicazione delle etichette. La redcube permette di stampare testi specifici per i singoli prodotti e per i singoli mercati a costi per pezzo vantaggiosi ed è quindi la soluzione ideale per realizzare produzioni in serie e piccoli lotti senza effetti negativi sul tempo di completamento del ciclo. La flessibilità della redcube permette di stampare il testo unicamente nella lingua del paese di destinazione. Non ci sarà più bisogno di riempire gli imballaggi con indicazioni in diverse lingue.


ANOTHER STAGE OF THE GROUP’S GLOBAL ORGANISATIONAL MODEL /UN ALTRO TASSELLO DEL MODELLO ORGANIZZATIVO GLOBALE DEL GRUPPO

TOWARDS NEW HORIZONS: COESIA SOUTH EAST ASIA & PACIFIC REGION /VERSO NUOVI ORIZZONTI: COESIA SOUTH EAST ASIA & PACIFIC REGION Coesia’s structure includes Laos, Myanmar, Cambodia, Indonesia, the Philippines, Vietnam, Thailand, Malaysia, Australia, Singapore and New Zealand. As well as customer assistance provided by a workforce of over 180 technicians and sales personnel, the branch will deal with the future development of production and assembly plants able to improve technical assistance and to expand market potential, using cutting edge technological solutions /La recente struttura abbraccia Laos, Myanmar, Cambogia, Vietnam, Tailandia, Malesia, Indonesia, Filippine, Australia, Singapore e Nuova Zelanda. Oltre all’assistenza ai clienti, garantita da circa 180 addetti tra tecnici e forza vendita, è destinata a occuparsi in futuro dello sviluppo di centri di produzione e montaggio in grado sia di migliorare i servizi di assistenza tecnica sia di ampliare l’offerta grazie a soluzioni tecnologiche d’avanguardia Simona Poli

The creation of Coesia South East Asia & Pacific Region in October 2012 represents one of the latest steps in the new organisational model set up by the Coesia Group following the important acquisitions made in recent years. The enormous potential market in this area, with a population of over 550 million in Indonesia, Laos, Myanmar, Cambodia, the Philippines, Vietnam, Thailand, Malaysia, Australia, Singapore and New Zealand, offers a wide range of opportunities: on one hand, assistance for Coesia’s customers, strengthened by an increase in the local workforce

La creazione di Coesia South East Asia & Pacific Region, avvenuta in ottobre del 2012, rappresenta uno degli ultimi tasselli del nuovo modello organizzativo globale messo in atto dal Gruppo Coesia dopo le importanti acquisizioni degli ultimi anni. L’immenso bacino d’utenza di questa area, oltre 550 milioni di persone suddivise tra Laos, Myanmar, Cambogia, Vietnam, Tailandia, Malesia, Indonesia, Filippine, Australia, Singapore e Nuova Zelanda, offre diverse opportunità: da un lato l’assistenza ai nostri clienti, rafforzata dall’incremento della presenza

COESIA REVIEW 58|59


which now numbers about 180 technicians and sales personnel; and on the other, future development of production and assembly centres aimed at improving technical assistance services and at expanding markets by offering Coesia Group solutions to new customers. On this subject, Mattias Perjos, Managing Director Coesia South East Asia & Pacific Region, comments: “South East Asia & Pacific is a dynamic region and offers potential growth opportunities for Coesia. It is a sizeable area in terms of population, but

o.n

TECHNOLOGY

locale che oggi conta circa 180 persone tra tecnici e forza vendita, dall’altro lo sviluppo in futuro di centri di produzione e montaggio atti sia a migliorare i servizi di assistenza tecnica sia ad ampliare l’offerta proponendo le soluzioni del Gruppo Coesia a nuovi clienti. A tal proposito Mattias Perjos, Managing Director di Coesia South East Asia & Pacific Region, osserva: “Quest’area geografica è molto dinamica e offre grandi potenzialità di crescita per Coesia. È densamente popolata, con un profilo demografico


it also has favorable demographics that will drive growth within our focus areas in consumer goods packaging. As the middle class population grows and discretionary spending on consumer goods increases we will see not only product volume growth, but also changes in the types of packaging and formats used by our customers. This is an area where Coesia has a strong designated value position”. To increase its capacity in the area, the Coesia Group can also count on four FlexLink operating units in Indonesia, Thailand, Malaysia and Australia, in addition to the head office in Singapore. FlexLink, a Swedish company acquired by Coesia in 2012, specialises in improving production efficiency through innovation in modern industrial logistic systems and has consolidated experience in this area of the world. In the tobacco sector, Coesia has been present in the area since 1996 with its G.D branch in Singapore; the company has seen strong expansion in recent years in both structure and workforce. These countries represent a potential area for development in market segments where the other Coesia Group companies operate. As Mattias Perjos says: “Our main objective is to serve our existing customers in this market in a better way through a stronger local presence, but also to offer Coesia solutions to new customers that are already operational in the region. We have recently moved into a new regional head office in Singapore, and we will continue to develop the footprint we already had through G.D and FlexLink in Malaysia, Indonesia and Thailand, one of the main export countries for IPI, the company recently acquired by Coesia. Especially Malaysia and Indonesia will be important future hubs for Coesia when it comes to local service, manufacturing and assembly. Our combined facilities are already over 7,000 sq.m. in size and we are looking to expand this in the coming years, as more Coesia companies strengthen their presence in the Region”. Industrial development and the demographics of the South East Asia & Pacific area are likely to favour demand from multinational companies that operate in the consumer goods packaging sector; they will be looking for a single partner company with expertise and experience, able to fulfil their requirements in the packaging sector, as well as with industrial processing solutions. The Coesia Group offers the answer to these needs given its capacity for creating innovative solutions for a broad range of industries,including Consumer Goods, Tobacco, Healthcare, Aerospace, Racing & Automotive and Electronics.

estremamente favorevole nell’ambito delle nostre aree di business nel packaging dei beni di consumo. Il costante aumento della popolazione che appartiene alla middle class e il conseguente incremento nell’acquisto di beni di consumo, non solo avrà positive ricadute sul volume delle vendite, ma darà nuova spinta all’innovazione nel packaging e nei formati usati dai nostri clienti. È in sintesi un’area dove Coesia può esprimere una forte valenza propositiva”. A incrementare la capacità operativa nell’area, oltre alla sede centrale di Singapore, il Gruppo Coesia conta anche quattro sedi FlexLink in Indonesia, Tailandia, Malesia e Australia. L’azienda svedese, acquisita dal Gruppo Coesia nel 2012, è specializzata nel rendere più efficiente la produzione attraverso l’innovazione nei moderni sistemi di logistica industriale e vanta nell’area una presenza consolidata. Nel settore specifico del tabacco inoltre, il Gruppo è presente dal 1996 con la sede G.D di Singapore, che ha avuto negli anni una grande espansione sia in termini di strutture sia di personale. Questi paesi rappresentano una potenziale area di sviluppo per i settori produttivi in cui operano tutte le altre aziende del Gruppo come sostiene Mattias Perjos: “Il nostro obiettivo principale è assicurare l’assistenza ai nostri clienti già esistenti in questo mercato migliorando la qualità e l’efficienza attraverso una forte presenza locale, ma al contempo puntiamo anche a offrire le soluzioni Coesia ai nuovi clienti che operano nell’area. Con la recente sede regionale di Singapore intendiamo consolidare il cammino già intrapreso con G.D e FlexLink in Malesia, Indonesia e Tailandia, uno dei principali paesi in cui esporta IPI, ultima azienda acquisita dal Gruppo Coesia. Soprattutto la Malesia e l’Indonesia svolgeranno un ruolo chiave per Coesia in termini di attività terziarie, produzione e assemblaggio. La superficie complessiva dei nostri diversi stabilimenti ha già raggiunto i 7000 metri quadrati di estensione, e stiamo progettando di espanderci ulteriormente nei prossimi anni, anche per servire al meglio le sempre più numerose società del Gruppo Coesia che scelgono di rafforzare la loro presenza in quest’area”. Lo sviluppo industriale e il profilo demografico dell’area South East Asia & Pacific favoriranno la richiesta da parte delle multinazionali che operano nel “consumer goods” di un interlocutore unico con competenze ed esperienza in grado di provvedere a ogni esigenza nell’ambito del packaging e delle soluzioni di processo industriale. Il Gruppo Coesia rappresenta la risposta a questa necessità considerando la capacità di innovare nel campo delle soluzioni industriali in una ampia gamma di settori di mercato tra i quali Consumer Goods, Tobacco, Healthcare, Aerospace, Racing & Automotive, Electronics.

As the middle class population grows and discretionary spending on consumer goods increases we will see not only product volume growth, but also changes in the types of packaging and formats used by our customers /Il costante aumento della popolazione che appartiene alla middle class e il conseguente incremento nell’acquisto di beni di consumo, non solo avrà positive ricadute sul volume delle vendite, ma darà nuova spinta all’innovazione nel packaging e nei formati usati dai nostri clienti

COESIA REVIEW 60|61


ON CULTURE

BOLOGNA BIENNALE 01 IMPRESA LAVORO 1 /MAST GALLERY INDUSTRIAL WORLDS / I MONDI DELL’INDUSTRIA 2 /AULA PRODI, UNIVERSITÀ DI BOLOGNA CESARE COLOMBO 3 /EX OSPEDALE DEGLI INNOCENTI GABRIELE BASILICO 4 /SPAZIO CARBONESI BRIAN GRIFFIN 5 /PINACOTECA NAZIONALE DI BOLOGNA HARRY GRUYAERT 6 /EX OSPEDALE DEGLI INNOCENTI MASSIMO SIRAGUSA 7 /MUSEO CIVICO ARCHEOLOGICO DI BOLOGNA DAVID GOLDBLATT 8 /EX OSPEDALE DEGLI INNOCENTI MARK POWER 9 /EX OSPEDALE DEGLI INNOCENTI FREEK VAN ARKEL 10 /EX OSPEDALE DEGLI INNOCENTII SIOBHAN DORAN 11 /PALAZZO PEPOLI. MUSEO DELLA STORIA DI BOLOGNA HENRI CARTIER-BRESSON 12 /FONDAZIONE DEL MONTE DI BOLOGNA E RAVENNA ROBERT DOISNEAU 13 /UNICREDIT, PALAZZO MAGNANI ELLIOTT ERWITT 14 /MAMbo Museo d’Arte Moderna di Bologna JACQUELINE HASSINK 15 /SANTA MARIA DELLA VITA W. M. HUNT 16 /MUSEO CIVICO ARCHEOLOGICO DI BOLOGNA CLAUDE HUDELOT 17 /PINACOTECA NAZIONALE DI BOLOGNA MIRELLE THIJSSEN

o.n

CULTURE


THE FIRST BIENNALE OF INDUSTRIAL PHOTOGRAPHY /LA PRIMA BIENNALE DI FOTOGRAFIA INDUSTRIALE

A PHOTOGRAPHIC HISTORY OF INDUSTRY AND ITS KEY PLAYERS /GLI SCATTI CHE FANNO LA STORIA DELL’INDUSTRIA E DEI SUOI PROTAGONISTI The first FOTO/INDUSTRIA BOLOGNA BIENNALE 01 IMPRESA LAVORO exhibition, held from October 3-20, 2013, was promoted by the MAST Foundation in conjunction with Les Rencontres de la photographie d’Arles. The 17 exhibitions on show in 10 of Bologna’s most famous cultural landmarks and at the new MAST Gallery related history, recalled memories, and portrayed the reality of a world in constant evolution /Si è svolta a Bologna dal 3 al 20 ottobre FOTO/INDUSTRIA BOLOGNA BIENNALE 01 IMPRESA LAVORO promossa dalla Fondazione MAST con la collaborazione dei Rencontres de la photographie d’Arles. Diciassette esposizioni in dieci luoghi simbolo della cultura in città e presso MAST che narrano storie, creano emozioni, restituiscono la realtà di un mondo in continua evoluzione François Hébel*

Robert Doisneau Renault workers /Operaie della Renault, Boulogne Billancourt 1945

V. M. Hunt Miners, Milford Mines, Crosby, Minneapolis, by “Palmquist for Nelson Sisters”. Gelatin silver print /Minatori delle Milford Mines, Crosby, Minneapolis, siglata “Palmquist for Nelson Sisters”. Stampa alla gelatina d’argento

* Artistic Director, Foto Industria Bologna, Director, Les Rencontres de la photographie d’Arles /Direttore artistico, Foto Industria Bologna e Direttore, Les Rencontres de la photographie d’Arles COESIA REVIEW 62|63


Brian Griffin Natalie Gore, Chainmaker, The Solid Swivel Company Ltd, Cradley, England 2010, Courtesy of Birmingham Central Library /Natalie Gore, fabbricante di catene, The Solid Swivel Company Ltd, Cradley, Inghilterra 2010 Courtesy of Birmingham Central Library Liam, Steel Fixer St.Pancras, London 2005 /Liam, operaio metallurgico addetto al fissaggio St. Pancras, Londra 2005

o.n

CULTURE

FOTO/INDUSTRIA was the first world forum to explore the relationship between photography and industrial companies. Ever since photography was invented in the 19th century, companies have used it for the purposes of production, communication, identification and memory. Many photographers have been commissioned to take pictures for brochures, exhibitions or Internet sites with the aim of promoting a brand image, instilling employees with pride or making a portrait of the chairman. Photography has also spurred changes in production methods by showing the inhumanity of certain tasks.

FOTO/INDUSTRIA è stato il primo forum mondiale a esplorare il vasto mondo della fotografia nei suoi rapporti con l’impresa. Fin dalle sue origini nel XIX secolo, la fotografia è stata utilizzata dalle imprese al fine della produzione, della comunicazione, dell’identificazione e della memoria. La promozione del marchio, il ritratto del presidente e la valorizzazione dei volti dei collaboratori sono oggetto di tantissimi incarichi per brochure, mostre o siti internet. La fotografia ha contribuito anche a far evolvere i processi sociali, mostrando la disumanità di certi lavori. L’industria è spesso un grandioso spettacolo visivo, affascinante da fotografare; il fuoco come elemento,


Manufacturing, often already a visual spectacle, is especially photogenic, with its fire, transformative processes, impressive scales and, more recently, issues of security and the advent of high-tech. Administrative services pose a greater challenge to photographers; the only things to see being offices, phones, computers and extras in suits or uniforms, which amounts to the same thing. Many in-house or freelance photographers have had to surpass themselves in a world of limitations in order to tell stories, stir emotions and show how methods or attitudes have changed. Industrial photography relies more on the photographer's eye, creativity and perception of

l’idea della trasformazione, le dimensioni impressionanti, e più recentemente le tematiche della sicurezza e l’avvento dell’hi-tech. I servizi rappresentano una sfida ancora maggiore per il fotografo, costretto a muoversi fra scrivanie, telefoni e computer, alle prese con comparse in doppiopetto o in divisa. Tanti sono i fotografi, siano essi in un rapporto di lavoro stabile o meno, ad aver superato sé stessi in un mondo di limiti e ostacoli per raccontare storie, creare emozioni, restituire l’evoluzione di comportamenti e mentalità. Distante dalla pubblicità, le cui immagini sono pensate e concettualizzate prima a tavolino, la

Gabriele Basilico Ansaldo, Larderello 1986

Many in-house or freelance photographers have had to surpass themselves in a world of limitations in order to tell stories, stir emotions and show how methods or attitudes have changed /Tanti sono i fotografi, siano essi in un rapporto di lavoro stabile o meno, ad aver superato sé stessi in un mondo di limiti e ostacoli per raccontare storie, creare emozioni, restituire l’evoluzione di comportamenti e mentalità

places and people than does advertising, where images are conceptualised in advance. Great photographers have worked on specific projects, prestigious brochures, the illustration of annual financial reports and all sorts of in-house and external communication. They have often depended on these kinds of commissions for additional income but seldom boast about it, afraid it would harm the reputation of their personal work. And yet

fotografia d’impresa fa appello più che altro allo sguardo del suo autore, alla sua creatività, alla sua percezione dei luoghi e delle persone. Per questa ragione, grandi fotografi hanno lavorato a progetti specifici, a brochure di prestigio, all’illustrazione di un bilancio finanziario annuale, o a qualunque tipo di comunicazione interna ed esterna. Così facendo, hanno spesso arrotondato le loro entrate, cosa di cui non si vantano molto, temendo che possa

COESIA REVIEW 64|65


David Goldblatt Greaser, No. 2 North Winder, Randfontein Estates, 1965 /Lubrificatore, argano nord n. 2, Randfontein Estates, 1965 Jacqueline Hassink The meeting table of the Board of Directors of ArcelorMittal Luxembourg, 4 December 2009 /Tavolo da riunione del consiglio di amministrazione di ArcelorMittal Lussemburgo, 4 dicembre 2009

Next page /Pagina accanto Claude Hudelot Large meeting of graduate workers and peasants Banner in background :“Let us firmly take the shining road of the association between workers and peasants” Banner on the left :“Let us go where the motherland has most need of us” /Grande raduno di operai premiati e contadini Slogan sullo sfondo: “Percorriamo risolutamente il cammino radioso dell’unità tra operai e contadini” Slogan a sinistra: “Andiamo là dove la patria ha più bisogno di noi”

Harry Gruyaert Industrial site Boom. Belgium. 1988 /Sito industriale Boom, Belgio 1988 . Uranium ore mines Arlit. Niger. 1996 /Miniere di uranio, Arlit, Niger, 1996

o.n

CULTURE

they summon up and apply the same sensibility. With this first event, the MAST Foundation wished to stimulate reflection on the aesthetic and strategic uses companies make of photography and to create a private collection as well as archives concerning quality production. Although there is a steady increase in the number of events dealing with photography, it is paradoxical that this enormous sector funded by substantial production budgets, has never been the

nuocere all’immagine del loro lavoro personale. Eppure, anche in questo settore mettono in gioco la stessa sensibilità, lo stesso impegno. Dando vita a questo primo incontro, la Fondazione MAST ha voluto promuovere la riflessione estetica e strategica sull’uso della fotografia da parte delle imprese e istituire sia una collezione privata, sia un archivio delle produzioni di qualità. Mentre si assiste a un costante moltiplicarsi di eventi che ruotano intorno alla fotografia,

focus of an event showing the most noteworthy work. The first edition, an international event of 17 exhibitions accompanied by a catalogue and lectures, featured the work of photographers who have done brilliant work for companies, making it a significant part of their output. There were also remarkable collections of photographs and publications; and the work of two photographers with different areas of concentration: miners and places of corporate power. Bologna's outstanding historical heritage hosted the exhibitions, which included prints, books and projections. The chance to explore Bologna's magnificent art and architecture was alone worth the trip. The most important private and public institutions, including the university — the world's oldest — were associated with the project. Les Rencontres de la photographie d’Arles was

paradossalmente questo enorme settore, sostenuto da consistenti budget di produzione, non è mai stato oggetto di un incontro che permettesse di mostrarne le realizzazioni più interessanti. Per questa prima edizione di portata internazionale, articolata in 17 esposizioni corredate di catalogo e conferenze a margine, sono stati selezionati fotografi che hanno lavorato in quest’ambito in modo magistrale, basando su di esso gran parte della loro opera. Fra le tante, sono state scelte collezioni fotografiche e pubblicazioni di grande pregio, e infine si è dato spazio a due fotografi, che con occhio esterno hanno documentato due realtà molto diverse, l’uno concentrandosi sul lavoro di minatore e l’altro sui luoghi del potere imprenditoriale. Queste esposizioni, declinate in forme diverse – stampe fotografiche, libri e proiezioni pubbliche – si sono inserite nell’eccezionale patrimonio artistico di


COESIA REVIEW 66|67


Massimo Siragusa Agusta Westland. Interior of the helicopter AW139, assembly line, Vergiate, Varese, 2011 Italy /Agusta Westland. Interno dell’elicottero AW139, catena di montaggio, Vergiate, Varese, 2011 Siobhàn Doran Existing lettering that makes up the name of the Savoy Grill, June 2009 /I caratteri che compongono l’insegna del Savoy, Savoy Grill, giugno 2009

Freek Van Arkel The 396 metre wide container carrier, Estelle Maersk, enters the Maasvlakte Europort. Port of Rotterdam, 2011 /La Estelle Maersk, nave portacontainer larga 396 metri, in manovra di avvicinamento al Maasvlakte, porto di Rotterdam, 2011

o.n

CULTURE

delighted to contribute its festival design and organisational know-how on a city-wide scale for the first Foto Industria Bologna, an event that is bound to grow.

Bologna, la cui scoperta da parte di coloro che ancora non la conoscevano è stato un altro risultato di questa iniziativa. Le più importanti istituzioni pubbliche e private, fra cui l’Università di Bologna, la più antica del mondo, sono stati partner di questo progetto. Gli operatori dei Rencontres de la photographie d’Arles sono stati entusiasti di contribuire, con le loro competenze in materia di progettazione e organizzazione di festival su scala urbana, a questa prima edizione destinata a ripetersi e svilupparsi anche in futuro.


Henri Cartier-Bresson International Fair, Montreal, 1967 Silver gelatin print dated 1973, signed in ink on reverse side in lower margin /Fiera internazionale Montreal, 1967 Stampa in gelatina d’argento del 1973, firmata a inchiostro sul retro, nel margine inferiore

COESIA REVIEW 68|69


EXHIBITION PHOTOGRAPHERS /AUTORI IN MOSTRA Berenice Abbott Max Alpert Erich Angenendt George Barnard Bernd & Hilla Becher Kurt Blum Margaret Bourke-White Bill Brandt Franck Breuer Joachim Brohm Edward Burtynsky John Davies Shannon Ebner Vincent Fournuer Robert Frank Peter Fraser Emmet Gowin Guido Guidi Heinz Hajek-Halke Ruth Hallensleben Lewis Hine René Jacques Phillip Jones Peter Keetman André Kertész Torkel Korling Alvin Langdon Coburn Erich Lessing Sam Lewitt El Lissitzky Werner Mantz Doug Menuez Cas Oorthuys Timm Rautert Man Ray Albert Renger-Patzsch Thomas Ruff Arkadij Samojlovic Sajchet Toni Schneiders William Eugene Smith Henrik Spohler Thomas Struth Hiroshi Sugimoto George Tice Jakob Tuggener Ludwig Windstosser Reinhart Wolf Paul Wolf

Opening /In apertura Lewis Wickes Hine Spinner, Cotton Mill, Macon, Georgia, USA 1909 /Lavoratrice in una fabbrica di cotone, Macon, Georgia, USA 1909 Henrik Spohler From Global Soul, 2008 /Da Global Soul, 2008

We live in the western world, in what is generally referred to as the post-industrial era. Many factories have been closed and production processes delocalized. Europe is changing face, turning itself into a great service-providing continent. However the post-industrial concept is effective only if we relate it to the fact that, despite having moved many enterprises to Asia and delocalized production processes, we continue to derive profit from the economic results obtained. It is less fitting if we consider that the cardinal points are still those of an industrial type economy: inventiveness, investment, production. In the past, society often experienced a certain unease in its relationship with industry. It was clear right from the start, and continues to be so, that industry responds to our needs, brings enormous benefits, creates prosperity and makes our lives easier. But how do we talk about it? It is obvious to everyone how much the pleasure in beautiful things is strongly embedded in our society. We talk about the beauty of the landscape, of works of art, fashion, beautiful people, beautiful cars. In contrast, we speak much less willingly when referring to production processes. It is as if a recurring image, evoked by the heavy industry of the past, still looms over the entire sector of industrial production. So, if on the one hand we readily discuss extraordinary results and exceptional products, on the other we tend to overlook the difficulties production and producers encounter. And in some circumstances industry is alluded to as society’s grey area.

Viviamo nel mondo occidentale, in quella che viene comunemente definita era postindustriale. Molte fabbriche sono state chiuse e i processi produttivi delocalizzati. L’Europa sta cambiando volto, trasformandosi in un grande continente erogatore di servizi. Il concetto di postindustriale ha tuttavia valore solo se riferito al fatto che, pur avendo trasferito numerose imprese in Asia e delocalizzato i processi produttivi, continuiamo a trarre profitto dai risultati economici ottenuti. Meno calzante risulta invece se consideriamo che i punti cardine rimangono ancora quelli di un’economia di tipo industriale: ideazione, investimento, produzione. In passato la società ha sovente vissuto con un certo disagio il suo rapporto con l’industria. Era chiaro in origine, e lo è tuttora, che l’industria risponda a un nostro bisogno, rappresenti un enorme beneficio, crei prosperità e ci renda la vita più facile. Ma in quali termini ne parliamo? È evidente per tutti come il piacere per le cose belle sia fortemente radicato nella nostra società. Parliamo della bellezza del paesaggio, di belle arti, di moda, di bella gente, di belle auto. Al contrario si parla meno volentieri quando ci si riferisce ai processi di produzione. È come se un’immagine ricorrente, evocata dall’industria pesante di un tempo, incombesse ancora oggi sull’intera branca della produzione industriale. Così, se da un lato discutiamo di buon grado di risultati straordinari e prodotti eccezionali, dall’altro si tende a sorvolare sulle difficoltà a cui la produzione e i produttori vanno incontro.

COESIA REVIEW 70|71


Shannon Ebner Instrumentals, 2013 /Strumentali, 2013 Jacob Tuggener Worker, 1930 /Operaio, 1930

o.n

CULTURE

This can be seen in the controversial relationship with images of the industrial world. For decades, photos of factories have been treated with total indifference and it was not uncommon for them to be thrown away when a company moved site. It is only recently that we have started to reevaluate and retrieve them, thus realising we have eliminated the evidence of almost half of the world, the history, the universe of industrial production: a world that provides a valuable key to understanding our lives, our thoughts and our activities. The exhibition “Industrial Worlds” was created from a selection of works in the MAST Foundation’s collection of industrial photography and is divided into five thematic sections: the portrait of the worker and the image of the industrial landscape are presented over the course of time, from the early 20th Century to the present day. The theatre of industrial production is examined through pairs of contrasting images. “The past and now”: the black, sweltering factory of the past, crammed with workers, and the white, aseptic, empty pavilions of our own day. Then the contrast between the imposing, visibly decipherable machinery of the beginnings and the silent, enigmatic instruments of modern times. And concluding the itinerary, what no process of industrial production can do without: energy, transport and communication. With these five chapters and the works of 48 photographers, the exhibition forms the beginning of a documented history of industry and opens up a debate concerning industrial approaches based on our personal photographic heritage.

E in alcune circostanze si allude all’industria come alla zona d’ombra della società. Questo dato di fatto trova conferma nella controversa relazione con le immagini del mondo dell’industria. Per decenni le foto delle fabbriche sono state trattate con totale indifferenza e non di rado venivano gettate via quando un’impresa cambiava proprietà. È solo di recente che abbiamo cominciato a rivalutarle e recuperarle, rendendoci così conto di aver rimosso la testimonianza di quasi una metà del mondo, della storia, dell’universo della produzione industriale: un mondo che fornisce una chiave di lettura preziosa della nostra vita, del nostro pensiero e delle nostre attività. La mostra “I mondi dell’industria“ è nata da una selezione delle opere della collezione di fotografia industriale della Fondazione MAST e si è articolata in cinque sezioni tematiche: il ritratto del lavoratore e l’immagine del paesaggio industriale sono presentati nel mutare con il corso del tempo, dall’inizio del XX secolo ai giorni nostri. Il teatro della produzione industriale è discusso attraverso coppie d’immagini contrapposte. “Un tempo e oggi”: la fabbrica nera, infuocata, straripante di operai del passato e i padiglioni bianchi, asettici, vuoti dei giorni nostri. E ancora, il contrasto tra i macchinari imponenti, visivamente leggibili degli inizi e i muti, enigmatici strumenti moderni. Ha chiuso il percorso ciò di cui qualunque processo di produzione industriale non può mai fare a meno: energia, trasporti e comunicazione. Con questi cinque capitoli e le opere di 48 tra fotografi e fotografe, la mostra ha iniziato la scrittura di una storia dell’industria e aperto una discussione sull’industria stessa a partire dal proprio patrimonio fotografico.


Man Ray Rayogrammes Electricité, Le Souffle (Electricity, The breath), 1931 /Elettricità, Il soffio, 1931 Rayogrammes Electricité, Le Monde (Electricity, The World), 1931 /Elettricità, Il mondo, 1931

Rayogrammes Electricité, Salle a manger (Electricity, The dining room), 1931 /Elettricità, Sala da pranzo, 1931 Rayogrammes Electricité, La Maison (Electricity, The house), 1931 /Elettricità, La casa, 1931

Rayogrammes Electricité, La Ville (Electricity, The City), 1931 /Elettricità, La città, 1931 Rayogrammes Electricité, Salle de Bain (Electricity, Bathroom), 1931 /Elettricità, Bagno, 1931

COESIA REVIEW 72|73


ON CULTURE AT THE COURT OF THE GREAT ITALIAN WINES /ALLA CORTE DEI GRANDI VINI ITALIANI

BAROLO FROM THE LANGHE AND BRUNELLO DI MONTALCINO: KINGS OF WINE AND WINES OF KINGS /BAROLO DELLE LANGHE E BRUNELLO DI MONTALCINO: RE DEI VINI E VINI DA RE Roberto Rabachino*

The nectar of Bacchus produced in Italy is becoming increasingly more appreciated at an international level, encouraging a strong export trend. Among the oenological symbols of the Bel Paese are two great reds, one Tuscan and the other Piedmontese – Brunello and Barolo. They are the designer labels for those seeking wines that reflect a luxurious lifestyle, but with the authentic Italian flavour /I nettari di Bacco prodotti in Italia sono sempre più apprezzati a livello internazionale e alimentano una forte corrente di esportazione. Fra i simboli enologici del Bel Paese figurano due grandi rossi, uno toscano e l’altro piemontese, il Brunello e il Barolo. Due autentiche griffe per quanti ricercano nel vino l’idea di status symbol e lusso, ma anche del lifestyle italiano

*Roberto Rabachino, journalist, writer and sensory analyst, is president of the Associazione Stampa Agroalimentare Italiana and of the International Wine Tasters Organization (I.W.T.O.) /Roberto Rabachino, giornalista, scrittore e presidente dell’Associazione Stampa Agroalimentare Italiana, analista sensoriale e presidente dell’International Wine Tasters Organization (I.W.T.O.)

o.n

CULTURE


Barolo from the Langhe DOCG Piedmont is a great winemaking region, not so much for the quantity produced but for the proportion of DOC and DOCG wines. The main grape varieties are almost all red, but rising above them all is Nebbiolo. The name seems to derive from nebbia, “fog”, but it is not clear whether this is because of the appearance of the grape, dark but clouded or misted by abundant bloom, or whether it is due to the very late ripening of the grapes, which often means they are harvested during the period of the autumn mists. The first historic mentions for Nebbiolo date to the end of the 13th century (Pier Crescenzi, Liber dell'Agricoltura), where its presence was noted in various places, primarily in Piedmont, and above all in the Langhe. But it was not until the 19th century that Nebbiolo started to be mentioned frequently in the works of leading ampelographers. In 1431 it was mentioned in the statutes of La Morra together with Pignolo (Pinot). Barolo is one of Italy’s supreme wines. The close link between the intrinsic qualities of the wine and the tastes of the 19th-century nobility gave rise to the saying “the king of wines, the wine of kings”. Although it had been produced in the Barolo area for centuries, thanks to the dogged determination of Camillo Benso, Count of Cavour, and of Giulia Colbert Falletti, the last marchesa of Barolo, an exceptionally rich and harmonious wine began to be produced in the middle of the 19th century. The story goes that one day Marchesa Falletti offered King Charles Albert 300 carra (barrels containing about 600 litres) of Barolo. The king liked the wine so much that he decided to buy the estate of Verduno to start his own personal production. Barolo is made in the heart of the Langhe, not far south of the town of Alba, in an area divided into 11 municipalities (Barolo, La Morra, Monforte, Serralunga d’Alba, Castiglio Falletto, Novello, Grinzane Cavour, Verduno, Diano d’Alba, Cherasco and Roddi). These municipalities are set among evocative rolling hills shaped by expert human hands and guarded by imposing medieval castles, including that of Barolo, which gave its name to the wine that now enjoys worldwide fame. The procedure is underway for the Langhe to be recognised as a UNESCO World Heritage site. Barolo is aged for a minimum of three years, starting from the first day of January following the grape harvest, two years of which must be in chestnut or oak barrels. The specification “Riserva” can only be included on the label after five years in the cellar. Already pleasant to drink after 4–6 years, Barolo peaks after 10 years of ageing and remains

Il Barolo delle Langhe DOCG Il Piemonte è una grande regione vitivinicola, non tanto per la quantità prodotta ma per la percentuale di vini a denominazione d’origine dove i vitigni principali sono quasi tutti a bacca rossa, uno su tutti il Nebbiolo. Il termine nebbiolo pare derivare da “nebbia”, non è chiaro se per definire l'aspetto dell'acino, scuro, ma appannato (annebbiato) da abbondante pruina, o se dovuto alla maturazione molto tardiva delle uve, che porta spesso a vendemmiare nel periodo delle nebbie autunnali. Ha le sue prime citazioni storiche alla fine del Duecento (Pietro de’ Crescenzi, Liber dell’agricoltura), per la sua presenza in vari luoghi, primariamente in Piemonte, soprattutto nelle Langhe. Solo a partire dal XIX secolo il Nebbiolo viene frequentemente citato nelle opere dei più famosi ampelografi. Nel 1431 è nominato negli statuti di La Morra assieme al Pignolo (Pinot). Il Barolo è uno dei grandi vini italiani per eccellenza. Dallo stretto legame fra le caratteristiche intrinseche del vino e i gusti nobiliari del XIX secolo è nato il detto “il re dei vini, il vino dei re”. Viene coltivato nella zona del Barolo da tempo immemorabile, ma è grazie alla caparbietà di Camillo Benso Conte di Cavour e di Giulia Colbert Falletti, ultima marchesa di Barolo, che si cominciò a produrre, a metà dell’Ottocento un vino eccezionalmente ricco e armonioso. Si racconta che un giorno la marchesa Falletti offrì al re Carlo Alberto 300 carra (che sono botti da 600 litri circa) di Barolo. Carlo Alberto rimase così entusiasta del vino avuto in dono che decise di comprare la tenuta di Verduno per potervi avviare una sua produzione personale. Nasce nel cuore delle colline di Langa, a pochi chilometri a sud della città di Alba, nel territorio di 11 comuni (Barolo, La Morra, Monforte, Serralunga d’Alba, Castiglio Falletto, Novello, Grinzane Cavour, Verduno, Diano d’Alba, Cherasco e Roddi) che si inseguono in un suggestivo itinerario di colline, cesellate dalla mano esperta dell’uomo e sorvegliate da imponenti castelli medioevali, fra cui proprio quello di Barolo, che ha dato il nome al vino oggi celebre in tutto il mondo. Attualmente è in corso la procedura per ottenere per le Langhe il riconoscimento di Patrimonio dell’umanità Unesco. L’invecchiamento minimo è di tre anni a partire dal primo gennaio successivo alla raccolta delle uve, di cui due in botti di legno di castagno o di rovere. La specificazione “Riserva” può essere riportata in etichetta solo dopo cinque anni di conservazione in cantina. Già piacevole dopo quattro-sei anni arriva al culmine dopo dieci anni di invecchiamento e resta ottimo

COESIA REVIEW 76|77


o.n

CULTURE

excellent, even after 20 or more years. It has a deep, intense garnet red colour, with a fruity, spicy bouquet; on the nose and palate it recalls red berries, cherries preserved in alcohol and jammy flavours, but also has notes of dried rose and violet, cinnamon and pepper, nutmeg, vanilla and sometimes liquorice, cocoa, tobacco and leather.

anche dopo 20 o più anni. Ha colore granato pieno e intenso, profumo al contempo fruttato e speziato; sia al naso, sia in bocca ricorda i piccoli frutti rossi, le ciliegie sotto spirito e la confettura, ma regala anche suggestioni di rosa e viola appassita, cannella e pepe, noce moscata, vaniglia e talvolta liquirizia, cacao, tabacco e cuoio.

Brunello di Montalcino Montalcino is situated in Tuscany, in central Italy, about 40 km south of Siena, in a beautiful, unspoilt

Il Brunello di Montalcino Montalcino si trova in Toscana, nell’Italia centrale, a circa 40 chilometri a sud della città di Siena, in una

and historically rich hill area which, in 2004, was designated by UNESCO as a World Heritage site. The name “Montalcino” has uncertain origins: some claim that it derives from Mons Lucinus, a mount dedicated to the Roman goddess Lucina (Juno). Even in medieval times, the date for the start of the grape harvest was regulated by communal statutes. During the siege of 1553, there was no shortage of wine, and Blaise de Montluc wrote that in order to conceal their suffering while defending the walls of Montalcino, he and his troops “reddened” their faces “with red wine, the good local stuff”. The territory of Montalcino consists of a single large hill, much of which is covered by woods.

zona collinare dal paesaggio incontaminato di grande storia e di grande bellezza che, dal 2004, è iscritto dall’Unesco nel Patrimonio dell’umanità. Il nome “Montalcino” ha un’origine misteriosa: alcuni ritengono che derivi da Mons Lucinus, monte dedicato alla dea romana Lucina (Giunone). Già dal Medioevo gli statuti comunali regolavano la data di inizio della vendemmia mentre, durante l’assedio del 1553, il vino non mancò mai e Blaise de Montluc scrisse che nella difesa delle mura montalcinesi, per dissimulare le sofferenze, assieme alle truppe “si arrubinava il volto con il rosso vino, quello buono del posto”. Il territorio di Montalcino è costituito da una sola grande collina in gran parte coperta di boschi.


Vineyards, olive groves and sown crops alternate in the cultivated areas, together with a large number of stone buildings that show these lands have been cultivated for centuries. The wine production zone lies within the municipal boundaries, and forms an almost perfect square, the “sides” of which are delineated by the rivers Ombrone, Asso and Orcia. The quality of Brunello starts unquestionably with meticulous manual labour in the vineyard: from dry pruning to the choice of the most suitable bud, from the restriction of foliage growth to the thinning out of grape bunches, all operations designed to produce and select the best fruit. Some producers make a further selection at the moment of harvest, sending only perfect grapes to the winery. Montalcino also has an ideal microclimate, with the nearby sea acting as a balance to the Apennines. As for the more technical aspects, Brunello di Montalcino is obtained from the grapes of Sangiovese, a vine traditionally known in Montalcino as Brunello. The wine is released on to the market on the first day of January of the fifth year after harvest. During this long period, the wine must spend at least two years in wood barrels and be bottle-aged for a minimum of four months. The latter figure increases to six months for the Riserva, which goes on sale a year later. From an organoleptic point of view, Brunello is an exciting experience for both nose and palate. Visual analysis reveals a wine with a highly distinct ruby red colour, very satisfying for those looking for beauty. When the glass is raised, the characteristic Brunello bouquet of fruit, blackberry, currants and cherry strikes the senses with its well-rounded, full-bodied flavour and aroma. Incomparable and unique! In conclusion, Barolo and Brunello di Montalcino can be justifiably considered two of Italy's most prestigious wines, recognised and acclaimed around the world. And like all great wines, they have their ambassadors. For Barolo, this role is performed by Angelo Gaja, who is renowned and respected all over the world. For Brunello di Montalcino, it is a contest between Jacopo Biondi Santi and the “lady of Brunello”, Donatella Cinelli Colombini – two figures who successfully combine tradition and innovation, wine-making wisdom and intuition.

Le coltivazioni alternano vigneti, oliveti e seminativi con un gran numero di edifici in pietra che testimoniano la centenaria coltivazione di queste terre. La zona di produzione dei vini è all’interno del territorio del Comune di Montalcino. La zona ha una forma pressoché quadrata, i cui “lati” sono delimitati dai fiumi Ombrone, Asso e Orcia. La qualità del Brunello nasce indiscutibilmente in vigna, grazie a un meticoloso lavoro manuale, dalla potatura secca alla scelta del germoglio più idoneo, dal contenimento della vegetazione al diradamento dei grappoli, operazioni finalizzate a produrre e selezionare i migliori frutti. Alcuni produttori effettuano un'ulteriore scelta al momento della vendemmia in modo da mandare in cantina uva perfetta. Un microclima ideale dove il vicino mare fa da contraltare all’Appennino. Entriamo nella parte tecnica. Il Brunello di Montalcino è ottenuto da uve di Sangiovese, un vitigno chiamato tradizionalmente, a Montalcino, Brunello. L'immissione in commercio avviene il primo gennaio del quinto anno dopo la vendemmia. Durante questo lungo periodo, il vino deve trascorrere almeno due anni in botte di legno e almeno quattro mesi di affinamento in bottiglia. Il periodo di conservazione in bottiglia cresce fino a sei mesi per il tipo riserva che entra in commercio un anno dopo. Dal punto di vista organolettico, il Brunello è in grado di suscitare emozioni all'olfatto e al palato. L’esame visivo, poi, rivela un vino dal colore rosso rubino molto deciso, che esaudisce perfettamente il desiderio di chi cerca anche la bellezza. Accostando il calice, arrivano dirette al naso le fragranze tipiche del Brunello: frutta, more, ribes e ciliegie. Di gusto pieno e avvolgente. Unico e inimitabile! Concludiamo affermando che il Barolo e il Brunello di Montalcino rappresentano a pieno titolo due dei più prestigiosi vini italiani, conosciuti e riconosciuti nel mondo intero. Come tutti i grandi vini hanno il loro ambasciatore. Questo ruolo è ricoperto per il Barolo da Angelo Gaja, personaggio conosciuto e stimato nel mondo intero. Per il Brunello di Montalcino la palma del leader se la contengono Jacopo Biondi Santi e la “Signora del Brunello”, Donatella Cinelli Colombini. Due personaggi che hanno saputo coniugare la tradizione con l’innovazione, la saggezza con l’intuito.

Barolo is one of Italy’s supreme wines. The close link between the intrinsic qualities of the wine and the tastes of the 19th-century nobility gave rise to the saying “the king of wines, the wine of kings” /Il Barolo è uno dei grandi vini italiani per eccellenza. Dallo stretto legame fra le caratteristiche intrinseche del vino e i gusti nobiliari del XIX secolo è nato il detto “il re dei vini, il vino dei re”

COESIA REVIEW 78|79


www.acmavolpak.com www.admv.fr www.cimaingranaggi.it www.citus-kalix.fr www.coesia.com www.flexlink.com www.gidi.it www.gdm-spa.com www.hapa.ch www.ipi-srl.com www.laetus.com www.nordenmachinery.com www.rajones.com www.sacmo.com www.sasib.com

ON NETWORK

Coesia Group

Editorial Director /Direttore editoriale Isabella Seràgnoli Editorial committee /Comitato editoriale Angelos Papadimitriou, Paolo Cremonini, Mariella Criscuolo Editor in chief /Direttore responsabile Giancarlo Roversi Editorial coordinator /Coordinamento editoriale Simona Poli

4BDFPRO7RFLK (4BDFPRO7YFLKB Magazine registered with the court of Bologna: number 7662 dated 8/4/2006 /Periodico iscritto al tribunale di Bologna autorizzazione n. 7662 dell’8/4/2006

Technical coordinator /Coordinatore tecnico Stefano Chini Contributors to the present issue /Hanno collaborato a questo numero Riccardo Ceredi, Francesco Dal Co, Davide Federici, George Gay, François Hébel, Alan Kühn, Steve Osborne, Bartolomeo Pietromarchi, Chiara Pilati, Simona Poli, Roberto Rabachino, Urs Stahel.

Editor /Editore-Proprietà G.D S.p.A. Artwork /Progetto grafico Humus Design Art Director Massimiliano Sagrati Designers Emanuela Cappelli, Alfredo Laneve Photos /Foto a cura di Consorzio di Tutela del Barolo e Consorzio del vino Brunello di Montalcino, Roberto Galasso, Martino Lombezzi, Eva Othonen (Venezia), Andrea Testi, Christian Richters, Ugo Zamborlini. FOTO/INDUSTRIA: Gabriele Basilico, © Gabriele Basilico © HENRI CARTIER-BRESSON / MAGNUM PHOTOS © Siobhán Doran © Shannon Ebner © Lewis Wickes Hine Collection Claude Hudelot W.M.Hunt, Courtesy of Blind Pirate, NYC Courtesy David Goldblatt Brian Griffin, © Brian Griffin © Harry Gruyaert/Magnum Photos © Jacqueline Hassink © MassimoSiragusa/AgenziaContrasto © Henrik Spohler © Jakob Tuggener Courtesy: Jakob Tuggener Foundation, Uster © Freek van Arkel, Rotterdam © Man Ray Corbis Images Errebi foto Getty Images


Only those who dare to go a little further discover how far they can go. Sergio Bambarèn

Soltanto chi osa spingersi un po’ più in là scopre quanto può andare lontano. Sergio Bambarèn


ON THIS NUMBER

2/2013

14 Opening of the MAST, the new centre for art, innovation and technology /Inaugura MAST, il nuovo centro per l’arte, l’innovazione e la tecnologia

30

59

“The Encyclopaedic Palace”: the utopia of absolute knowledge /Il “Palazzo Enciclopedico”: l’utopia della conoscenza assoluta

Towards new horizons: Coesia South East Asia & Pacific Region /Verso nuovi orizzonti: Coesia South East Asia & Pacific Region

62 A photographic history of industry and its key players /Gli scatti che fanno la storia dell’industria e dei suoi protagonisti

Coesia review 2|2013  

COESIA REVIEW

Read more
Read more
Similar to
Popular now
Just for you