Page 17

Fisco Scopriamo il nuovo redditometro Il nuovo redditometro dopo una fase di sperimentazione, verrà applicato per l’attività di accertamento relativamente alle annualità d’imposta successive al 2008. E’ bene precisare che il nuovo redditometro non sarà uno strumento automatico di accertamento, ma verrà utilizzato esclusivamente per orientare i contribuenti (con finalità di compliance) e per potenziare l’analisi di rischio di evasione dell’Agenzia delle Entrate. Il nuovo redditometro potrà quindi essere utilizzato anche da parte di ogni persona fisica per valutare la propria situazione, attraverso un software di analisi disponibile gratuitamente. Non è previsto l’adeguamento volontario come sussiste invece per gli studi di settore. D’altra parte, nel Modello Unico non sarà previsto alcun obbligo di compilazione di specifici modelli o quadri informativi legati al redditometro in quanto il flusso delle informazioni è gestito direttamente dall’anagrafe tributaria; a quello già presente si aggiungerà a breve il flusso informativo del cosiddetto “spesometro”. L’agenzia delle entrate ha spiegato che, secondo l’ampiezza della distanza tra reddito dichiarato della famiglia e reddito di coerenza che emerge dall’applicazione del software, si potrebbero presentare tre diverse tipologie di rischio: - Rischio alto in presenza di scostamenti molto elevati e di altri indicatori di rischio di conferma. In questo caso si andrà incontro a controlli ordinari più approfonditi. - Rischio medio con uno scostamento elevato e altri indicatori di conferma. In questo caso si verrà selezionati per metodi di accertamento induttivi. - Rischio basso con scostamenti di lieve entità. Non si verrà comunque selezionati per l’accertamento. il nuovo redditometro si baserà sui seguenti elementi di spesa: - Abitazione principale, altre abitazioni, mutui, ristrutturazioni, intermediazioni immobiliari, collaboratori domestici, elettrodomestici, apparecchiature elettroniche, arredi, energia elettrica, telefonia fissa e mobile, gas;

- Automobili, minicar, caravan, moto, natanti ed imbarcazioni, aeromobili, leasing o noleggio; - Assicurazioni e Contributi previdenziali Responsabilità civile, incendio e furto, vita, danni, infortuni, malattia, altro. Contributi obbligatori, volontari, previdenza complementare - Istruzione asili nido, scuola per l’infanzia, scuola primaria e secondaria, corsi di lingue straniere, soggiorni di studio all’estero, corsi universitari, tutoraggio e corsi di preparazione agli esami, scuole di specializzazione, master, canoni di locazione per studenti universitari. - Attività sportive e ricreative e cura della persona, abbonamenti pay-tv, giochi on-line, abbonamenti eventi sportivi e culturali, viaggi organizzati, alberghi, centri benessere. - Altre spese significative come oggetti d’arte o di antiquariato, gioielli e preziosi, veterinarie, donazioni in denaro a favore di onlus, assegni periodici corrisposti al coniuge, donazioni effettuate. - Investimenti immobiliari e mobiliari netti su fabbricati, terreni, natanti ed imbarcazioni, autoveicoli, motoveicoli, caravan, minicar, aeromobili, azioni, obbligazioni, conferimenti, quote di partecipazione, fondi d’investimento, derivati, certificati di deposito, pronti contro termine, buoni postali fruttiferi, conti di deposito vincolati, altri prodotti finanziari, valuta estera, oro, numismatica. Il contribuente sarà inserito in uno dei 55 gruppi omogenei individuati sulla base del nucleo famigliare e dell’area geografica. Lo strumento subirà una prima fase di sperimentazione: al riguardo l’agenzia delle entrate ha chiesto a tutte le associazioni e ordini professionali di inviare casistiche al fine di monitorare l’efficacia del prototipo prima della sua ufficializzazione, prevista per i primi mesi del 2012. Entro la prima decade di novembre l’Agenzia renderà disponibile sul proprio sito l’applicativo di acquisizione dei dati per l’effettuazione della verifica di congruità del reddito complessivo dichiarato. 15

Block Notes Dicembre 2011  

Occhi puntati sulla “manovra Monti”: da CNA e Rete Imprese Italia fiducia e aspettative di crescita -“Incentiviamo”: il nuovo motto di CNA p...

Advertisement