Page 1

IMPRESA ARTIGIANA & P.M.I - ANNO XV – 1° SUPPLEMENTO AL N. 16/2017 POSTE ITALIANE SPA - SPED. ABB. POST. D.L. 353/2003 (CONV. IN L. 27/02/2004 N. 46) ART. 1 COMMA 1, DCB PO – COPIA: 0,10

www.cnafc.it

FORLÌ-CESENA

MAGGIO 2017

FACCIAMO IL PUNTO SULLO SVILUPPO LOCALE

I temi dell’assemblea di CNA Forlì-Cesena, che ha confermato Lorenzo Zanotti presidente territoriale

OPPORTUNITÀ Zero interessi: con CNA partono nuove attività

PROFESSIONI Jobs act delle professioni: via libera al DDL

STORIE DI IMPRESE Battistini: artigiani di motori e carrozzerie

UNIONI Class action FIta: adesioni per il 2° blocco

TERRITORIO Le assemblee delle aree territoriali


INTERVENTO

OSSERVATORIO CNA: TUTTI I MALI DEL FISCO A Forlì e Cesena nel 2017 si lavorerà un giorno in più per pagare le tasse. I dati del Rapporto di CNA Nazionale: tax free day dopo ferragosto di Sandro Siboni - Vicepresidente CNA Forlì-Cesena

Anche quest’anno nella nostra Provincia si lavorerà fino a dopo Ferragosto per pagare le tasse. Sono appena usciti i dati dell’Osservatorio di CNA Nazionale, “Rapporto 2017 – Comune che vai fisco che trovi”, che fissa tra le altre cose il tax free day, cioè il giorno dell’anno nel quale una piccola impresa smette di lavorare per pagare tasse, imposte e contributi, e comincia a produrre reddito disponibile per il titolare e per la sua famiglia. Ci sono purtroppo brutte notizie per noi: sia a Forlì che a Cesena si prevede, nel 2017, di lavorare per il fisco un giorno in più rispetto al 2016. L’Osservatorio CNA, infatti, calcola che quest’anno le imprese cesenati lavoreranno 230 giorni per pagare i tributi, ossia fino al 17 agosto, mentre ne resteranno liberi solo 135 per i loro consumi personali. A Forlì i giorni di lavoro per pagare le tasse saranno uno in più, sia arriverà cioè fino al 18 agosto. Peggioramento che trova conferma anche nell’incidenza totale della tassazione, il cosiddetto total tax rate, che a Forlì sale dal 63% al 63,2% e a Cesena dal 62,8% al 63%. Aumenti minimi, ma che vanno in senso negativo.

Un altro tasto dolente è quello della semplificazione degli adempimenti fiscali. Nonostante gli impegni e le norme degli ultimi anni, l’Italia mantiene il record negativo nell’UE per la burocrazia fiscale: per pagare le tasse servono 240 ore all’anno, 85 ore in più rispetto alla media dei Paesi dell’area euro. CNA, con Rete imprese Italia, ha chiesto alla Commissione Parlamentare della Camera per la semplificazione una strategia di ampio respiro per semplificare la vita delle imprese. A partire da quattro linee guida: 1) il riordino in testi unici delle disposizioni fiscali, 2) la stabilità nelle disposizioni che impongono gli adempimenti fiscali, 3) la non retroattività delle disposizioni tributarie e il rispetto dello Statuto del contribuente, 4) i controlli fiscali non devono incrementare gli oneri burocratici delle imprese e deve essere introdotta una reale valutazione d’impatto preventiva delle nuove disposizioni, come pure una verifica periodica sull’efficacia delle norme stesse spesso introdotte per finalità di contrasto all’evasione. Perché le imprese hanno bisogno di liberare tempo e risorse per poter lavorare!

Fisco troppo burocratico: 240 ore all’anno per pagare le tasse

IO L’IMPRESA | 3


MANIFESTO DELLA CNA CHI SIAMO

COSA VOGLIAMO

SIAMO GLI IMPRENDITORI dell’artigianato, dell’industria, del commercio e del turismo; siamo i lavoratori autonomi e i professionisti

VOGLIAMO un Paese in cui fare impresa sia facile e gratificante

SIAMO GLI IMPRENDITORI che operano sul mercato concorrenziale, senza privilegi, sussidi, protezioni SIAMO GLI IMPRENDITORI che rischiano, investono e lavorano nelle proprie imprese, animati da una profonda etica del lavoro SIAMO GLI IMPRENDITORI che sostengono la legalità, la professionalità e la competenza. Disponibili e corretti nei rapporti con clienti e fornitori SIAMO GLI IMPRENDITORI del territorio che animano e rendono attrattive le città e consentono di godere delle bellezze artistiche e paesaggistiche dell’Italia SIAMO GLI IMPRENDITORI che conoscono il valore del territorio e rispettano l’ambiente SIAMO GLI IMPRENDITORI dell’economia reale che creano valore attraverso la qualità e la bellezza dei loro prodotti e fanno grande il Made in Italy nel mondo SIAMO GLI IMPRENDITORI che creano occupazione, integrano i lavoratori stranieri, trasmettono arti e mestieri e valorizzano le capacità e l’impegno dei propri collaboratori SIAMO GLI IMPRENDITORI che sostengono l’economia e lo sviluppo del Paese, adattandosi con flessibilità ai cicli economici, attraverso l’innovazione tecnologica diffusa SIAMO GLI IMPRENDITORI che si riconoscono in CNA, una grande rete di imprese italiane

VOGLIAMO ottenere le migliori condizioni per lo sviluppo delle nostre imprese: fisco, credito, energia, lavoro, semplificazione della burocrazia VOGLIAMO operare a condizioni di parità nei mercati senza rendite, monopoli, imprese assistite, abusivi e contraffattori VOGLIAMO essere riconosciuti dalle istituzioni e dai sindacati per la specificità dell’artigianato e delle nostre imprese, leve fondamentali dello sviluppo economico, della creazione di occupazione e di ricchezza VOGLIAMO collaborare con i governi locali, regionali, nazionali ed europei per la ripresa dell’economia, lo sviluppo dell’occupazione, la rigenerazione delle città, il rilancio del turismo, l’innovazione VOGLIAMO uno Stato moderno, democratico, inclusivo, snello, efficace, efficiente, che investe nello sviluppo e nella formazione VOGLIAMO essere in Europa e nel mondo con la nostra intelligenza, creatività, passione VOGLIAMO valorizzare nei giovani spirito imprenditoriale, competenze, professionalità, idee, creatività VOGLIAMO rafforzare la connessione tra imprese e cittadini, ripensando un nuovo modello di welfare VOGLIAMO essere, NOI CNA, il futuro dell’Italia che lavora, produce, innova, investe, crea ricchezza e bellezza

CNA e le IMPRESE CONNESSI AL CAMBIAMENTO


SOMMARIO INTERVENTO Osservatorio CNA: tutti i mali del fisco

3

8

12

PUNTASPILLI

6 Forlimpopoli: il “Cuore buono d’Italia” alla festa Artusiana

OPPORTUNITÀ

7 Grazie a CNA, con Zero

interessi aprono nuove attività

14

PRIMO PIANO

8 Facciamo il punto

sullo sviluppo locale

PROFESSIONI

12 Jobs Act delle professioni: via libera al DDL

STORIE DI IMPRESE

19 18

14 Battistini: artigiani di tutto ciò che è motore e carrozzeria

OPPORTUNITÀ

16 Progetto “TEM Temporary Export Manager”

16 Premio alla nascita di 800 euro 16 L’assistenza ai familiari disabili gravi è estesa a unioni civili e convivenze di fatto

17 Start-up innovative:

aperto il bando regionale

TERRITORIO

18 A Brescia, America Graffiti fa il bis

18 Alla scoperta dei papillon di legno IMPRESA ARTIGIANA & P.M.I

UNIONI

19 Class action CNA Fita:

richiesti 250 milioni di euro

TERRITORIO

Direttore responsabile: Barbara Lisei Direzione e amministrazione: Media Srl www.cnafc.it

Nonsolopasta Ristorante

BACHECA

22 Annunci gratuiti

Coordinamento editoriale: Franco Napolitano

Hanno collaborato a questo numero: Barbara e Alberto Battistini, Daniele Battistini, Fabio Bianchi, Roberto Casadei Menghi, Manuel Ceccaroni, Lorenzo Corallini, Werter Corvi, Paola Fava, Maurizio Garavini, Marco Gasperini, Massimo Grandi, Samuele Lunardelli, Giovanni Mantini, Katia Maraldi, Asia Orlando, Luca Ottaviani, Danila Padovani, Laura Pedulli, Stefano Rossi, Monica Sartini, Paola Scalzotto, Oscar Sedioli, Sandro Siboni, Mauro Turchi, Lorenzo Zanotti

elettivi 2017

Redazione Forlì-Cesena: Marco Boscherini, Veronica Bridi, Fatima Elghazioui, Fausto Folti, Silvia Foschi, Riccardo Guardigli, Marco Lucchi, Piergiorgio Matassoni, Massimo Montanari, Franco Napolitano, Davide Prati. Via Pelacano, 29 Forlì - Tel 0543 770200 e mail: redazione@cnafc.it Artwork e impaginazione: Menabò srl - Forlì - www.menabo.com

Seguici su http://www.facebook.com/cnaforlicesena

Stampa:

CILS - Cesena

http://www.youtube.com/user/cnafc

21 La ricetta di...

20 Rinnovo degli organi

Periodico – Aut. Trib. Prato n° 6 del 25/06/04 Chiuso in redazione il 6 giugno 2017

RICETTA DEL MESE

Fotografie: Archivio CNA, Friend Studio di Carlo Parrinello (Forlì), Fotogiornale di Sabatini Giorgio (Forlì), Alessandro Mazza (Cesenatico), Master Foto di Mirco Ricci (Cesena), Stignani Foto di Andrea Stignani (Cesenatico).

IO L’IMPRESA | 5


PUNTASPILLI FORLIMPOPOLI: IL “CUORE BUONO D’ITALIA” ALLA FESTA ARTUSIANA Ritorna lo stand di CNA, Confcooperative e Confagricoltura alla Festa Artusiana tutte le sere dal 24 giugno al 2 luglio in Piazza Garibaldi a Forlimpopoli, contrassegnato dall’immagine e dal simbolo “Forlì-Cesena cuore buono d’Italia”. Si conferma anche quest’anno la formula, molto apprezzata, secondo la quale ogni sera un ristoratore metterà in scena il proprio “menù del cuore”, con piatti che evocheranno emozioni, oltre che solleticare il palato. Come è ormai tradizione, tutte le materie prime provengono da produttori selezionati del territorio. “Il nostro stand – spiegano gli organizzatori – è dedicato non solo all’enogastromia italiana e locale, ma vuole anche valorizzare il territorio della Provincia di Forlì-Cesena, luogo privilegiato per i valori, le eccellenze, le tipicità locali riconosciute.

Una Stella al merito per Paola Fava

LA FOTO

Con alle spalle 40 anni di servizio alla CNA di ForlìCesena, Paola Fava si è aggiudicata la più alta onorificenza per i lavoratori dipendenti: la Stella al merito del lavoro. Entra così a far parte dei “Maestri del lavoro”. Come responsabile del Patronato Epasa e di CNA Pensionati, è stata attiva nella promozione di importanti iniziative sindacali tramite incontri pubblici e attività culturali, nonché di numerose iniziative di socializzazione, La Stella è stata conferita nell’aula magna di Santa Lucia a Bologna in occasione della festa dei lavoratori.

“Se davanti a te vedi tutto griglio, sposta l’elefante” Proverbio indiano

6 | IO L’IMPRESA


A TI PAGA INTERESSI. OPPORTUNITÀ

di Veronica Bridi

GRAZIE A CNA, CON ZERO INTERESSI APRONO NUOVE ATTIVITÀ A Cesenatico partono in una settimana un laboratorio di pasta fresca e una gastronomiahamburgheria. Pronti per la stagione estiva, da provare! Cesenatico si prepara per la

soia ed erba cipollina, ma an-

ERESSI? CNA investe sulla tua impresa.

stagione estiva, anche con l’av- che le tagliatelle alla curcuma Laboratorio “Le vio di nuove interessanti attivi- o la panna cotta vegana. Non mani in pasta” tà: due imprese sono partite in dimentico poi tutta la nostra e gastronomia una settimana, grazie al pro- tradizione: sono una dei pohamburgeria getto Zero interessi di CNA, che chissimi nel nostro territorio a “Antichi sapori”: paga gli interessi alle nuove produrre la pasta trafilata al guarda su impresebancario che fannoper un investimenti prestito bronzo, spaghetti mpresaFacebook hai bisogno di un prestito non come preoccuparti deialla la bancario per aprire l’attività. Il chitarra, fusilli, maccheroni. E gallerylecon CNA sostiene nuove imprese si associano consiunpoi contributo settoreche dell’enogastronomia i manfrigolistraordinario. da abbinare con i piatti più conferma particolarmente vi- le seppie”. gustosi! vace. Katia ha anche un gusto cro-

STI PER PRESTITI FINO A 25.000 €

e supporto nell’avvio di impresa. a specifica per il tuo settore. to riguarda la contabilità.

Katia Maraldi ha aperto il la- matico spiccato: le piace colo• Ti paghiamo gli interessi sulintuo finanziamento bancario a di boratorio “Le mani in pasta” rare le sue paste confino farine viale25.000 Trento. il bancone barbabietola rossa,pagati. carota, ol€, Dietro con contributo massimo 4% sugli interessi troviamo in bella mostra tan- tre che con le spezie e le erbe Questo contributo è soggetto a limitazioni, verifica di avere i requisiti di ammissibilità presso le sedi CNA. te farine particolari: “mi piace aromatiche di stagione, con le sperimentare – ci racconta – quali realizza anche interescon grano saraceno, Senatore santi pesti freddi. Cappelli, farro e poi farine anSpostandoci verso Ponente, tiche macinate a pietra come in viale Caboto, troviamo poi la quella della Verna o la Tum- gastronomia hamburgheria minia siciliana”. Per soddisfare “Antichi sapori”, nata dalla i clienti più attenti ed esigenti, passione e dalla simpatia di due Katia ha studiato la cucina ve- cuochi: Roberto Casadei Mengana, che non è detto sia meno ghi e Luca Ottaviani. Il menù gustosa: “sono molto apprezza- propone pasta fatta in casa e ti i ravioli rossi ripieni di patate, hamburger artigianali, fritto da formaggio di ceci, mozzarella di passeggio e, per i mesi di luglio

Forlì-Cesena

e agosto, brunch americano. “Il nostro è un menù stagionale – ci racconta Roberto – che si basa sui prodotti tipici della zona. Ogni mattina vado al porto, a 300 metri da qui, e costruisco i piatti in base al pescato. Noi usiamo al 95% pesce fresco.” Oltre ai classici hamburger di carne, è possibile assaggiare anche quelli di pesce, come tonno e gamberi, oppure vegetariani. La musica nel locale è allegra come i titolari, e diversi tavolini all’aperto invitano la sosta: “abbiamo scelto di aprire qui a Ponente – spiega Roberto – perché è una zona che ha un bel potenziale, collaboriamo con gli altri locali e negozi del quartiere e stiamo organizzando diversi eventi per rilanciarla”. Ricordiamo che possono accedere a Zero interessi le nuove imprese che si associano a CNA. Per avere maggiori informazioni è possibile rivolgersi ai responsabili marketing nelle sedi CNA.

IO L’IMPRESA | 7


PRIMO PIANO

di Fausto Folti

FACCIAMO IL PUNTO SULLO SVILUPPO LOCALE I temi dell’assemblea di CNA Forlì-Cesena, che ha concluso il rinnovo degli organi. Confermato Lorenzo Zanotti presidente territoriale È necessario individuare le variabili che influenzano lo sviluppo locale

Rivivi l’evento in soli 10 minuti

8 | IO L’IMPRESA

Legalità, appalti pubblici e marketing territoriale: questi i temi al centro dell’assemblea di CNA Forlì-Cesena, che si è svolta lunedì 15 maggio, presso il Padiglione delle Feste di Castrocaro. Appuntamento che ha concluso il percorso del rinnovo degli organi dirigenti di CNA Forlì-Cesena, per il quadriennio 2017-2021, ma che è stato anche l’occasione per affrontare, in un incontro pubblico, il tema dello sviluppo locale e della promozione territoriale, confrontandosi con interlocutori qualificati, come il presidente della Provincia di Forlì-Cesena Davide Drei, il presidente della Camera di Commercio della Romagna Fabrizio Moretti e il presidente nazionale di CNA Daniele Vaccarino. Una serata molto partecipata: oltre 200 i presenti, tra i quali gli onorevoli Enzo Lattuca, Marco Di Maio e Bruno Molea, i consiglieri regionali Valentina Ravaioli e Paolo Zoffoli, nume-

rosi sindaci e altri rappresentanti di istituzioni, istituti bancari, associazioni di categoria, GAL, Unioni camere Fondazione Carisp Forlì. “La globalizzazione sta ancora permeando il mercato – ha sottolineato il presidente Zanotti nella sua introduzione – ma stiamo assistendo a un ritorno di importanza, nell’analisi economica, dei sistemi territoriali. Pensiamo che il tema dello sviluppo locale debba tornare al centro delle riflessioni di tutti gli attori che hanno un ruolo nella gestione del territorio e che lo si debba fare con approccio proattivo, basato sulla massimizzazione delle risorse endogene e sullo sfruttamento delle opportunità che possono desumersi dall’economia esterna. Per questo CNA crede nella rappresentanza, perché apporta valore e conoscenza sulle scelte che occorre compiere e che, se espressa come noi la intendiamo, si traduce in

concretezza operativa”. Le richieste dell’associazione sono molto chiare, come ha puntualizzato Zanotti: “proposte concrete in materia di fiscalità e servizi, per riequilibrare le situazioni differenziate nelle varie realtà, quali le altalene sull’Imu produttiva, così come la variabilità riscontrata nei servizi legati alla Tari e Tasi ed in tema di nuova imprenditoria. A tal proposito, vorrei sottolineare che fenomeni come la disoccupazione e l’inoccupazione, debbano essere ridefiniti in funzione, non esclusiva, di un mercato del lavoro che non riesce ad assorbire la domanda ma anche di un mercato che possa accogliere nuova imprenditoria. Dobbiamo porre molta attenzione al fatto che la nascita e la crescita di nuove imprese non dipende solo dalla necessità di risorse finanziarie, peraltro scarse, ma anche dal bisogno di competenze gestionali e relazioni che devono


Facciamo il punto sullo sviluppo locale

PRIMO PIANO

02 01

01 I componenti della nuova direzione territoriale di CNA Forlì-Cesena

essere ricercate all’interno del contesto locale. Siamo convinti che nella nostra realtà, esistano tutte le componenti necessarie per programmare, e consolidare, percorsi di sostegno alla nuova imprenditoria”. La riflessione è proseguita sul tema dello sviluppo locale, che impone di andare oltre il contingente, per proporre soluzioni che si caratterizzino come strutturali e vere e proprie linee di politica economi-

ca. CNA di Forlì-Cesena è impegnata da tempo e continuerà a farlo, in tre direttrici ritenute determinanti per sostenere l’economia locale. Normalizzazione del mercato L’obiettivo a cui punta CNA è quello di un mercato “libero da condizionamenti e ostacoli”, all’interno del quale le imprese abbiano piena facoltà di competere facendo valere le proprie capacità e valori distintivi; un mercato in cui non siano

CNA FORLÌ-CESENA: ELETTI I NUOVI ORGANI DIRIGENTI L’assemblea del 15 maggio ha rinnovato presidenza e direzione di CNA Forlì-Cesena per il mandato 2017-2021, confermando Lorenzo Zanotti come presidente territoriale. Con lui nella nuova presidenza i vice Roberta Alessandri (San Mauro Pascoli), Daniele Battistini (Cesena), Matteo Cecchini (Forlì), Francesco Ferro (Castrocaro Terme), Monica Sartini (Forlì) e Sandro Siboni (Cesena). Confermato nell’incarico di direttore generale Franco Napolitano. Eletta anche la direzione territoriale di CNA, con 31 componenti rappresentativi del ramificato sistema della rappresentanza di CNA: aree territoriali, unioni di mestiere, raggruppamenti di interesse, pensionati.

presenti forme di abusivismo e altre illegalità, a drogarne gli effetti. Un’economia sconosciuta che pesa 200 miliardi (13% del Pil), che produce un’evasione fiscale pari a quattro leggi di bilancio (100 miliardi di euro) e che diffonde un senso di totale impunità e sfiducia nelle istituzioni, oltre a provocare un impoverimento del tessuto produttivo, rischi per il consumatore ed eventuali collegamenti con la criminalità organizzata. Possiamo pensare che tali valori non generino effetti distorsivi? La legalità è un valore fondante della nostra associazione e per questo saremo sempre in prima fila per difenderla. Appalti pubblici e volano economico CNA Forlì-Cesena, nella logica di sostenere il comparto delle costruzioni e relativo indotto, da qualche anno è impegnata nella diffusione della pratica della rigenerazione urbana e

IO L’IMPRESA | 9


PRIMO PIANO cnafc_calzaturiero_poster.pdf

4

19/11/10

17.05

NON FACCIAMOCI FARE LE SCARPE.

www.kitchencoop.it

02

C

M

Y

CM

MY

CY

CMY

K

Il valore degli artigiani italiani per il futuro del Made in Italy. 03 LUNEDÌ 29 NOVEMBRE ORE 18.30 SALA ALLENDE, CORSO VENDEMINI 18, SAVIGNANO SUL RUBICONE

10 | IO L’IMPRESA

con medesima motivazione, è impegnata anche sul terreno degli appalti. I lavori pubblici locali hanno più di una ragione per restare sul territorio, in quanto le imprese appaltatrici sono imprese residenti che ci mettono la faccia, sono qualificate, sono immediatamente reperibili e, non da ultimo, possono rimettersi in moto dopo il lungo periodo di stasi. In aggiunta, sembrano giungere notizie positive per le piccole imprese dal correttivo al nuovo codice degli appalti; un provvedimento atteso per rendere più trasparente, semplice e accessibile il mercato degli appalti pubblici. Marketing territoriale Per CNA il marketing territoriale rappresenta uno strumento analitico con il quale definire cosa serve per rilanciare un territorio. Non esiste, in questo senso, materia più efficace del turismo. Ricordiamo, a tal fine, il cambio di indirizzo nella politica regionale che ha spostato l’interesse dai singoli prodotti al territorio che li contiene e che diventa, pertanto, il “nuovo fattore di valorizzazione”. Nelle sue conclusioni, il presidente Zanotti ha affermato proprio questo: “crediamo sia possibile applicare questo modello anche ad altre programmazioni, perché quello che ci manca non è la materia prima su cui lavorare, quanto piuttosto un metodo di lavoro: CNA ha individuato nel marketing territoriale questo metodo”. Per completare il quadro, manca il soggetto che assume il ruolo di coordinamento per la programmazione strategica delle politiche di sviluppo locale. Abbiamo detto che il ritorno del valore del localismo è un


Facciamo il punto sullo sviluppo locale

Occorre prevedere un momento formalizzato di confronto sulle politiche locali

02 Campagna sulla legalità per il settore calzaturiero 03 Appalti: firma del protocollo CNA per favorire l’accesso delle piccole imprese 04 Cuore buono d’Italia: marchio CNA di qualità territoriale per promuovere imprese ed eccellenze del territorio 05 Lorenzo Zanotti, presidente territoriale di CNA Forlì-Cesena 06 Roberta Alessandri e Francesco Ferro presentano il manifesto CNA

dato assodato e che questo valore aumenta al crescere della dimensione territoriale; allora, ragionare per macro aree, come si fa per il turismo – una unica promozione per un territorio vasto quanto le Province di Ferrara, Ravenna, Forlì-Cesena e Rimini – è un indirizzo corretto e lo è tanto più quanto sia la parte pubblica che quella privata collaborano ed accantonano campanili e posizioni di rendita personale. “Questo chiediamo – conclude Zanotti – alla politica locale: un momento di confronto istituzionalizzato all’interno del quale si pianifichino gli interventi e si destinino le risorse con il presupposto, ovvio, che si identifichi chi conduce e governa il processo”. Drei e Moretti hanno sostenuto l’importanza della creazione di un tessuto produttivo sano e di un clima di legalità, necessario per non creare distorsioni sul mercato, e che occorre puntare alla nascita di nuove imprese. Inoltre, i due ospiti hanno rimarcato la necessità che sia le amministrazioni pubbliche, che le Camere di commercio, operino in collaborazione con i rappresentanti delle imprese per concordare linee programmatiche condivise. Molto apprezzato, infine, l’intervento del presidente nazionale di CNA Daniele Vaccarino che si è detto “molto preoccupato in merito alla governabilità, che è una condizione indispensabile per il rilancio del Paese. Le imprese sono disorientate per l’instabilità istituzionale che genera confusione, soprattutto in materia di fisco, lavoro e investimenti e che impedisce la definizione di una chiara e duratura linea di

PRIMO PIANO

04

05

06

politica economica. Ho sentito parlare di mercato corretto e condizioni paritarie per la competizione ma i livelli differenziati di imposizioni fiscali tra territori contigui, non sono anch’essi fattori discriminanti? Voglio

chiudere, auspicando un sempre maggiore coinvolgimento delle organizzazioni economiche, perché conoscono le imprese e possono continuare a rappresentare un interlocutore privilegiato per i decisori locali”.

IO L’IMPRESA | 11


PROFESSIONI

di Maurizio Garavini

JOBS ACT DELLE PROFESSIONI: VIA LIBERA AL DDL CNA accoglie con favore, il via libera al disegno di legge 2233 che riconosce gli autonomi come lavoratori, con doveri ma anche diritti Un grande passo per riconoscere e tutelare il lavoro dei professionisti

12 | IO L’IMPRESA

Finalmente un provvedimento che rappresenta un passo in avanti molto importante per il lavoro autonomo, con l’obiettivo di costruire un sistema di diritti e di welfare moderno, capace di sostenere il presente e di tutelare il futuro di questi lavoratori. Il “Jobs act delle professioni” e il provvedimento inserito nella Legge di Bilancio 2017 che riduce l’aliquota contributiva per gli iscritti alla gestione separata sono gli strumenti di legge che maggiormente toccano il mondo dei professionisti individuati dalla legge 4/2013 e che contribuiscono a migliorare il loro futuro. Un nuovo sistema di regole e di disposizioni che rappresenta un grande passo in avanti e risponde al primo, grande, obiettivo che CNA si era posta: rendere visibile e riconosciuta questa realtà, farne capire e conoscere le peculiarità e l’importanza economico/ sociale per porla all’attenzione

del legislatore fino ad inserire richieste e necessità nell’agenda di Governo. Le principali novità del provvedimento Se ne è parlato tanto e per molto tempo ma adesso anche i lavoratori autonomi potranno godere di diritti; vediamo quali sono le principali novità che riguardano due milioni e mezzo di lavoratori. • Pagamento fatture Non sarà possibile saldare le fatture oltre i 60 giorni e qualunque clausola lo preveda, sarà considerata nulla. Saranno, inoltre, abusive le clausole con il quale il committente cambia unilateralmente le condizioni del contratto, che dovrà essere obbligatoriamente in forma scritta. • Spese per aggiornamento professionale ed orientamento Vengono estese a 10.000 e

5.000 euro le spese deducibili per corsi di aggiornamento professionale. Nello specifico, sarà possibile dedurre integralmente le spese per master, corsi di formazione e convegni, entro un tetto annuo di 10.000 euro e le spese per servizi personalizzati di certificazione delle competenze, orientamento e sostegno all’autoimprenditorialità, entro un tetto annuo di 5.000 euro. • Maternità Durante la maternità non scatterà più l’astensione obbligatoria e sarà pertanto possibile ricevere l’indennità di maternità pur continuando a lavorare. Per gli iscritti alla gestione separata Inps, i congedi parentali saliranno da tre a sei mesi e dovranno essere sfruttati entri i primi tre anni di vita del bambino. • Malattia e infortunio In caso di malattia o infortunio, il rapporto di lavoro con il committente non sarà estinto


Jobs Act delle professioni: via libera al DDL

ma sospeso per un massimo di cinque mesi. Chi fosse costretto a sospendere il suo rapporto di collaborazione per più di 60 giorni, potrà interrompere il versamento dei contributi e dei premi assicurativi per un massimo di due anni. • Indennità di disoccupazione L’indennità di disoccupazione (Dis-Coll) diventerà un istituto permanente per i lavoratori con contratto di collaborazione continuativa iscritti alla gestione separata Inps, non pensionati e privi di partita Iva. Dal 1° luglio 2017, verrà estesa anche agli assegnisti e ai dottorandi di ricerca con borsa di studio. • Appalti per prestazione di servizi Le amministrazioni pubbliche devono promuovere, in qualità di stazioni appaltanti, la partecipazione dei lavoratori autonomi agli appalti pubblici per la prestazione di servizi o ai bandi

per l’assegnazione di incarichi personali di consulenza o ricerca, in particolare favorendo il loro accesso alle informazioni relative alle gare pubbliche. • Sportello per il lavoro autonomo I centri per l’impiego ed altri soggetti intermediari in materia di lavoro devono dotarsi, in ogni sede aperta al pubblico, di uno sportello dedicato al lavoro autonomo, anche stipulando convenzioni, non onerose, con ordini e associazioni imprenditoriali. “Dopo anni di discussioni – afferma Paola Scalzotto, alla guida del coordinamento territoriale di CNA Professioni Forlì-Cesena – e di rimpalli tra le commissioni lavoro di Camera e Senato, finalmente è stato approvato lo statuto del lavoratore autonomo. Si tratta di un avvenimento epocale per noi professioni-

PROFESSIONI

sti. Intanto siamo riconosciuti come lavoratori a cui spettano non solo doveri ma anche diritti, soprattutto in capo a malattia, maternità e congedi parentali.” “Sono, inoltre, state inserite – prosegue Scalzotto – tutele commerciali in quanto, sempre più spesso, il professionista si trova ad essere l’anello debole delle parti negoziali. Ora ci attende, come professionisti e come Associazione, una fase di lavoro sul campo per fare in modo che ritardi di pagamenti e clausole vessatorie diventino solo un ricordo. Ci sono, poi, altre questioni fondamentali che riguardano questa folta schiera di cittadini – solo in CNA Forlì-Cesena troviamo 365 associati – che svolge un lavoro autonomo, quali la semplificazione amministrativa, la previdenza e il fisco.” Per ogni approfondimento, rivolgersi a Maurizio Garavini 0543 770346 cell. 348 2489293 e.mail maurizio.garavini@cnafc.it.

IO L’IMPRESA | 13


STORIE DI IMPRESE

di Veronica Bridi

BATTISTINI: ARTIGIANI DI TUTTO CIÒ CHE È MOTORE E CARROZZERIA Nuova sede per le Officine Battistini, storica azienda cesenate celebre per la riparazione di mezzi militari, sempre più apprezzata anche dai privati “Se sappiamo riparare un carro armato non abbiamo problemi a riparare qualsiasi tipo di vettura!”

14 | IO L’IMPRESA

Una Gilera d’epoca in perfette condizioni, con sullo sfondo lo storico logo giallo della ditta e le immagini della prima officina. Questo è lo scorcio che ci accoglie varcando la soglia delle Officine Battistini, nella nuova grande sede di Case Missiroli, zona industriale di Cesena. Un tributo alla storia della ditta, fondata nel 1959 da Ezio Battistini, che ben si armonizza con la reception moderna e curata nei minimi particolari. Ci accolgono i fratelli Barbara e Alberto, titolari dell’attività oltre che reduci dai festeggiamenti per l’inaugurazione del nuovo stabilimento: “abbiamo tagliato il nastro il 22 maggio – raccontano – il giorno in cui nostro padre avrebbe compiuto gli anni. È stato lui a fondare l’azienda, originariamente come carrozzeria in via Piave a Cesena, accompagnato in seguito dai suoi due fratelli. Progressivamente, anche noi siamo entrati in azienda, e ora la por-

tiamo avanti. L’inaugurazione è stata una bella festa, a cui hanno partecipato tanti amici, clienti, colleghi, oltre ai rappresentati di tutte le case costruttrici con cui collaboriamo”. Dal 1976 le Officine Battistini forniscono revisioni meccaniche, elettriche e di carrozzeria per apparati militari e della pubblica amministrazione. “Questo è un ambito che si è molto evoluto negli anni – ci spiega Alberto, che si occupa della parte tecnica dell’attività – mentre all’inizio ci occupavamo solo di vetture di derivazione civile, a partire dalla guerra del Golfo interveniamo anche sui mezzi da combattimento. Siamo, infatti, tra le cinque aziende in Italia autorizzate a riparare mezzi blindati e sistemi d’arma dell’esercito.” Un primato che presuppone un percorso aziendale caratterizzato da requisiti organizzativi e tecnici non comuni, oltre che da serietà e qualità certificata.

“Con le nostre apparecchiature – continua Alberto – interveniamo su mezzi blindati dotati di sistemi estremamente sofisticati, quelli che vengono impiegati dall’esercito in territori operativi, nelle missioni all’estero. A volte infatti ci arrivano da riparare mezzi danneggiati durante operazioni, non è raro vedere i fori delle pallottole.” Un’attività che richiede attrezzature specializzate, ma anche grandi competenze: “siamo molto orgogliosi della nostra squadra – racconta Barbara, che segue l’amministrazione della ditta – siamo 34 in totale, con molti collaboratori giovani, che oltretutto sono bravissimi. È uno dei motivi che ci ha spinto, alcuni anni fa, a rilanciare col progetto della nuova sede”. Circa 6.000 mq coperti, con tre forni per la verniciatura di cui uno in grado di verniciare perfino un pullman, tre ponti fissi con una portata fino a


Battistini: artigiani di tutto ciò che è motore e carrozzeria

STORIE DI IMPRESE

02

01

01 L‘affiatato gruppo di collaboratori e titolari delle Officine Battistini 02 La delegazione di CNA Cesena Val Savio, col direttore generale, festeggia i fratelli Battistini 03 Taglio del nastro col sindaco Lucchi, Barbara e Alberto Battistini

35 quintali e due ponti mobili per portate superiori, e poi due centri revisioni, uno dedicato ai mezzi leggeri e uno ai mezzi pesanti. E, soprattutto, 25 tecnici, tra verniciatori, meccanici e carrozzieri specializzati in mezzi leggeri o pesanti. “Questa nuova sede – ci spiega Alberto – ci permette di dare risalto a un settore di attività che stiamo sviluppando, ossia quello rivolto ai privati, che sempre più apprezzano la nostra qualità. Del resto, se sappiamo riparare un carro armato, non abbiamo problemi a riparare qualsiasi tipo di vettura!” Le Officine Battistini, oltre a essere certificate in qualità e convenzionate con le principali assicurazioni, sono autorizzate Fiat, Fiat Professional, Alfa Romeo e Iveco. Tra i servizi di particolare interesse tecnico: garanzia sul lavoro eseguito; centro revisioni per veicoli leggeri e pesanti; carrozzeria,

03

officina, meccatronica e gommista; tagliandi certificati; riparazioni parabrezza; lucidatura. Con al centro le esigenze dei clienti: “ci prendiamo cura sia delle vetture che dei loro proprietari – racconta Barbara – con servizi attenti quali il ritiro e la riconsegna del veicolo presso il domicilio del cliente, oppure mettendo a disposizione uno dei cinque automezzi sostitutivi o di cortesia”. Nell’officina, dove regnano ordine e pulizia, i tecnici specializzati sono alle prese con autovetture civili, ma anche mezzi blindati, ambulanze e altri automezzi. La parte degli uffici e delle

sale riunioni è arredata con molta raffinatezza, mescolando con equilibrio pezzi storici con mobili moderni: “volevamo un ambiente accogliente, per chi ci viene a visitare e anche per noi che ci lavoriamo – spiega Barbara – lo studio di architettura che ci ha seguiti si è ispirato al feng shui, l’antica arte cinese di organizzare lo spazio in modo armonico, che fa bene alla salute fisica e mentale. Per questo abbiamo voluto una zona relax, con anche una cucina per chi si ferma qui a pranzo”. Una qualità e una cura che si notano anche nei piccoli particolari.

IO L’IMPRESA | 15


OPPORTUNITÀ PROGETTO “TEM TEMPORARY EXPORT MANAGER” Dopo il successo delle prime due edizioni, a luglio partirà il terzo progetto di CNA Romagna Estero, volto a supportare i percorsi di internazionalizzazione delle imprese interessate. L’obiettivo è quello di fare acquisire alle imprese le competenze necessarie per affrontare i mercati esteri, mediante la collaborazione con figure junior e professionisti senior. Il progetto TEM prevede sostanzialmente: • un esperto di marketing internazionale presente in azienda con cadenza settimanale; • l’inserimento in azienda per un periodo iniziale di sei mesi di una risorsa Junior (tirocinante), che opererà a tempo pieno per il progetto; • il coordinamento e la supervisione di CNA Romagna Estero. La durata del corso sarà di 80 ore, suddivise in 20 ore settimanali, con docenza tenuta dal TEM Senior. Per 6 mesi il TEM Junior opererà in azienda in maniera continuativa con modalità di tirocinio formativo, mentre il TEM Senior garantirà la presenza per 4 ore a settimana.

PREMIO ALLA NASCITA DI 800 EURO

Il sostegno è riconosciuto alle donne gestanti o alle madri residenti in Italia: • cittadine italiane o comunitarie, • cittadine non comunitarie con permesso di soggiorno UE per lungo periodo, in relazione ad ogni figlio nato, adottato o affidato dal 1° gennaio 2017. Casistiche: • compimento del settimo mese di gravidanza; • nascita, anche se antecedente all’inizio dell’ottavo mese di gravidanza; • adozione del minore, nazionale o internazionale, disposta con sentenza definitiva; • affidamento preadottivo nazionale disposto con ordinanza o affidamento preadottivo internazionale. La domanda deve essere presentata dopo il compimento del settimo mese di gravidanza e comunque entro un anno dal verificarsi dell’evento. Per i soli eventi verificatisi dal 01.01.17 al 04.05.17, il termine di un anno decorre dal 04.05.17. Il Patronato EPASA/ITACO è a disposizione per la compilazione della domanda.

16 | IO L’IMPRESA

Per ulteriori informazioni e/o manifestare il proprio interesse, contattare Danila Padovani 0543 770104, danila.padovani@cnafc.it.

L’ASSISTENZA AI FAMILIARI DISABILI GRAVI È ESTESA A UNIONI CIVILI E CONVIVENZE DI FATTO

Permessi e congedo straordinario in base alla legge 104 sono estesi anche a partner e conviventi, cioè a chi appartiene alle nuove formazioni sociali. Il partner di una unione civile, che presta assistenza al proprio convivente, può usufruire sia dei permessi per assistere un familiare in condizioni di disabilità grave, sia del congedo straordinario retribuito (fino a un massimo di due anni). Il convivente di fatto, può richiedere solo i tre giorni di permessi mensili per l’assistenza al proprio partner; i permessi non possono essere estesi per l’assistenza ai parenti del partner, poiché tra una parte dell’unione civile e i parenti dell’altra non si costituisce alcun rapporto di affinità. La domanda per fruire dei permessi va inoltrata, con modalità telematica, all’INPS. Per l’invio delle domande rivolgiti al Patronato EPASA/ITACO.


START-UP INNOVATIVE: APERTO IL BANDO REGIONALE Le piccole e medie imprese costituite come società di capitali ed iscritte alla Sezione Speciale del Registro delle Imprese dedicata alle start-up innovative sono le destinatarie dei contributi messi a disposizione dalla Regione EmiliaRomagna, per progetti che abbiano una ricaduta innovativa su uno dei seguenti ambiti produttivi: • sistema agroalimentare, • sistema dell’edilizia e delle costruzioni, • meccatronica e motoristica, • industrie della salute e del benessere, • industrie culturali e creative, • innovazione nei servizi. Il bando prevede due tipologie di progetti: a. avvio di una nuova start-up (costituita dopo l’1/1/2014); b. espansione e sviluppo di start-up già avviate (costituite dopo l’1/4/2012). Queste le principali spese ammissibili: • attrezzature, impianti, arredi, hardware, software…; • affitto e noleggio laboratori; • promozione per fiere; • consulenze esterne. Il contributo varia dal 60% al 70%, a seconda del progetto.

Per maggiori informazioni e/o per la redazione delle domande, rivolgersi a: Massimo Grandi | 0543770218 | 3483913620 massimo.grandi@cnaformazionefc.it Maurizio Garavini | 0543770346 | 3482489293 maurizio.garavini@cnafc.it

MOFFAEMILIO LAVORI EDILI & NUOVE COSTRUZIONI ECONATURALI

Via Roma 128/A 47014 Meldola (FC)

Cell. 347 3232057 moffa.emilio@virgilio.it

Attestazione n° 17247/11/00

IO L’IMPRESA | 17


TERRITORIO A BRESCIA, AMERICA GRAFFITI FA IL BIS America Graffiti porta in Italia la tradizione dei diner americani degli intramontabili anni ‘50 proponendo i menù delle tavole calde statunitensi. Dopo aver aperto a fine 2015 un nuovo ristorante nel comune di Brescia, i soci Manuel Ceccaroni, Nicola Conficoni, Oscar Sedioli e Giovanni Mantini hanno deciso di raddoppiare proprio in città. Avevano già parlato di progetti per il futuro e ora il sogno è diventato realtà. Quest’anno è stato inaugurato il 62° America Graffiti, nelle vicinanze del centro storico in via Oberdan 6, con un grande party e la partecipazione esclusiva dei “The good fellas” che hanno fatto scatenare i presenti a colpi di swing e rock’n’roll.

ALLA SCOPERTA DEI PAPILLON DI LEGNO Un nostro associato forlivese, Werter Corvi, ha un hobby: creare accessori in legno, papillon fermacravatta e gemelli fatti a mano assemblando legni provenienti da tutto il mondo (ebano, amaranto, bois de rose, acero, ecc.), realizzando così pezzi unici con un effetto visivo e al tatto estremamente naturale. L’idea dei papillon nasce da un’altra passione, il ballo Swing, dove negli anni 20/30 il papillon veniva utilizzato molto come accessorio. Utilizzando i suoi accessori in prima persona a eventi internazionali di ballo Swing, si è creato subito in poco tempo curiosità e interesse anche da parte di ballerini professionisti internazionali di Lindy Hop. A loro ha poi fornito i suoi accessori spedendoli in tutta Europa e America. I Papillon sono stati indossati anche in occasione del festival di Sanremo flowers e recentemente i WTwerter Wooden Accessories sono approdati in una delle aziende più blasonate nel mondo della nautica mondiale.

18 | IO L’IMPRESA


UNIONI

di Lorenzo Corallini

CLASS ACTION CNA FITA: RICHIESTI 250 MILIONI DI EURO Procede l’azione collettiva risarcitoria, a cui hanno aderito in provincia 1.302 camion. Riaperte le adesioni fino al 31 luglio per il 2° blocco Gli interessati potranno rivolgersi alle sedi territoriali di CNA - Uffici Creaimpresa

01 Il lancio della class action Fita: Daniele Battistini (a sinistra) col presidente territoriale Lorenzo Zanotti

Continua a marce serrate la battaglia degli autotrasportatori di CNA contro la lobby dei costruttori di camion. Ricordiamo che nella nostra provincia sono 1.302 i camion inseriti nell’azione collettiva risarcitoria da CNA Forlì-Cesena, con 296 imprese coinvolte per un valore complessivo di oltre 104 milioni di euro. “Grazie alle sollecitazioni di CNA – spiega Daniele Battistini, presidente di CNA Fita Forlì-Cesena – la Commissione europea ha finalmente pubblicato la decisione con cui ha accertato l’esistenza del cartello dei costruttori di autocarri. Tale documento contiene l’ammissione di colpevolezza da parte delle case costruttrici Man, Mercedes, Iveco, Daf e Volvo/ Renault, le quali hanno dichiarato che l’unico scopo delle pratiche collusive era quello di distorcere i prezzi dei camion e il loro normale andamento”. Queste informazioni sono ser-

vite allo studio legale che supporta gli associati a CNA, per predisporre e inviare la lettera di diffida per conto delle 2.902 imprese che aderiscono a livello nazionale al 1° gruppo dell’azione risarcitoria. “In totale – prosegue Battistini – è stato richiesto un risarcimento di 250 milioni di euro alle case costruttrici, le quali avranno 30 giorni dal ricevimento della diffida per aderire alla procedura di composizione amichevole della controversia. Dato l’interesse che sta riscuotendo la nostra class action, abbiamo deciso di riaprire le adesioni per un 2° gruppo di aziende. Tutti gli acquirenti di camion dal 1997 al 2011 possono ancora partecipare all’azione risarcitoria, aderendo entro il 31 luglio 2017.” Si tratta, perlopiù, di tantissimi artigiani autotrasportatori ma hanno aderito anche molte imprese strutturate, provenienti anche al di fuori del mondo

dell’autotrasporto. Imprese che operano nell’ambito dell’edilizia e dell’impiantistica che, nel periodo di vigenza del cartello, hanno acquistato gli autocarri. Ricordiamo che le principali case produttrici di autocarri hanno fatto “cartello”, concordando ingiustamente un aumento dei prezzi ai danni dei loro clienti finali. CNA Fita si è attivata tempestivamente per promuovere un’azione legale collettiva al fine di far risarcire tutti gli associati coinvolti, con la campagna “Insieme per una giusta causa”. Sono interessati tutti coloro che hanno acquistato, preso in leasing o noleggiato a lungo termine un camion di medie o grandi dimensioni (oltre le 6 tonnellate), immatricolato tra il 1997 e il 2011. Il risarcimento si aggira intorno al 20% del prezzo del camion e non occorre anticipare spese legali. Gli interessati possono rivolgersi alle sedi territoriali CNA – Uffici Creaimpresa.

IO L’IMPRESA | 19


TERRITORIO

RINNOVO DEGLI ORGANI ELETTIVI 2017 I presidenti e i numeri delle aree territoriali di CNA Forlì-Cesena Forlì città CNA Forlì città è una realtà che associa 3.335 imprenditori, tra i quali 607 giovani e circa 900 donne, 974 contabilità, quasi 4.000 cedolini elaborati mensilmente e 4.300 dichiarazioni dei redditi. Monica Sartini è stata confermata nella carica di presidente.

Cesena Val Savio L’area CNA Cesena Val Savio conta quasi 3.330 imprenditori associati, tra i quali 670 giovani e circa 820 donne, quasi 1.050 contabilità, oltre 2.730 cedolini elaborati mensilmente e circa 3.900 dichiarazioni dei redditi. Confermato nel ruolo di presidente Sandro Siboni.

Colline forlivesi L’area CNA Colline forlivesi è una realtà significativa: 2.134 imprenditori associati, tra i quali 486 giovani e circa 600 donne, 700 contabilità, quasi 1.700 cedolini elaborati mensilmente e 2.750 dichiarazioni dei redditi. Confermato alla guida Mauro Turchi.

Est Romagna L’area territoriale CNA Est Romagna è particolarmente significativa: 1.932 imprenditori associati, tra i quali 403 giovani e 517 donne, 675 contabilità, oltre 1.900 cedolini elaborati mensilmente e 2.520 dichiarazioni dei redditi. Marco Gasperini confermato presidente.

20 | IO L’IMPRESA


RICETTA DEL MESE

LA RICETTA DI… NONSOLOPASTA RISTORANTE PICCIONE IN DUE COTTURE CON GEL DI MELOGRANO E LA SUA SALSA AL PEPE NERO Ingredienti • 1 piccione da circa 400 gr (giovane che ancora non sia abile al volo, altrimenti le carni risultano troppo coriacee) • 1 melograno • pepe nero in grani • 1 noce di burro chiarificato • 50 gr di pangrattato • 1/4 di bicchiere di vino bianco • 1 uovo • 1 bustina di agar-agar • 1 patata • 1 ciuffo di valeriana fresca

Procedimento: Disossare il piccione mantenendo il petto e la pelle ancora attaccati, disossare le cosce e le ali lasciando solo l’estremità con l’osso. Con la carcassa preparare una salsa con sale e pepe in grani schiacciato e sfumare col vino bianco. Passare i chicchi del melograno nell’estrattore e mischiare il succo all’agar-agar portandolo ad ebollizione, raffreddare. Sbucciare la patata, tagliarla a cubetti, sbianchirla e cuocerla al forno. Panare con l’uovo sbattuto e pangrattato le cosce e le ali, poi friggerle in olio ben caldo. Sciogliere in una padella il burro chiarifica-

to, adagiare i petti dal lato della pelle finché non sarà ben croccante, girarli e cuocerli per altri 2/3 minuti. Impiattamento: Dividendo idealmente in tre il piatto: stendiamo un cucchiaio di gel di melograno e sopra appoggiamo le cosce e le ali; creiamo una striscia con la salsa al pepe nero, scaloppiamo i petti e adagiamoli sulla salsa; nel terzo ed ultimo spazio mettiamo i cubetti di patata e le foglie di valeriana.

NONSOLOPASTA RISTORANTE In fondo alla valle del Bidente, c’è un ristorantino adiacente al Teatro Mentore di Santa Sofia, intimo e accogliente, che propone piatti della tradizione romagnola e delle altre Regioni d’Italia, interpretandoli in chiave moderna e personale, nel rispetto dei sapori originali. I menù sono studiati ricercando i prodotti di stagione, che si trovano numerosi nel nostro territorio, e alcuni presidi slow-food italiani. Nel 2017 è stato selezionato dal Touring Club Italiano e dalle Guide di Repubblica. https://www.facebook.com/nonsolopasta.fc

IO L’IMPRESA | 21


BACHECA

Gli annunci vanno inviati a: redazione@cnafc.it

ANNUNCI GRATUITI VENDESI a Meldola capannone artigianale in buone condizioni di mq 380 causa raggiunti limiti pensionistici dei titolari. Trattative riservate per informazioni tel. 349 5080127. VENDESI a Cesena scaffalatura componibile di varie metrature in acciaio per magazzino/garage, come nuova. Per informazioni tel. 338 171250. VENDO/AFFITTO studio/ufficio zona centro storico a Forlì situato al piano terra. Entrata indipendente, riscaldamento autonomo, spese condominiali minime. Particolarmente adatto per attività libero professionale, composto da 3 stanze uso ufficio, ingresso/sala d’attesa, bagno con antibagno, ripostiglio. Comodo parcheggio nelle vicinanze. Per info. tel. 328 8313372 (o.p.), e-mail: mariaelisadefi@gmail.com. VENDESI attività in zona Forlì di rosticceria, pasta fresca e piadineria con possibilità di espansione nel settore della ristorazione, pasticceria, bar, pizzeria, panificazione, gelateria e tavola calda. Per informazioni tel. 347 3179725. VENDESI negozio uso commerciale di mq. 50 + mq. 100 di magazzino seminterrato, Forlì, zona S. Maria Del Fiore, Via Ravegnana, 2 vetrine e impianti autonomi, classe energetica E. € 105.000,00. Telefono Ufficio 0543/795665. CEDESI a Cesena attività pluridecennale di officina elettrauto con clientela acquisita, causa pensionamento. Per informazioni tel. 335 5321261. CEDESI attività ultratrentennale di serigrafia causa raggiunti limiti pensionistici. Trattative riservate, astenersi perditempo.Tel 349 8630277. CEDESI IN COMODATO (anche separatamente) CANTINA e STANZA USO STUDIO/ARCHIVIO a Forlì Viale Matteotti. Per informazioni tel. 393 0019866.

Occhiale da vista completo con lenti antiriflesso € 110,00

Occhiale da vista completo con lenti senza antiriflesso € 60,00

CONSEGNA RAPIDA

OCCHIALI VISTA/SOLE RIPARAZIONI LENTI A CONTATTO CONTROLLO DELLA VISTA GRATUITO

CEDESI avviata attività di piadineria e pasta fresca in zona di forte passaggio a Forlì. Per informazioni tel. 327 1881750 (classe energetica in corso di definizione). AFFITTASI struttura commerciale, artigianale, suddiviso in 3 unità (mq 520, mq 380, mq 220) fabbricato nuovo con ottime rifiniture interne ed esterne compreso di servizi ed uffici. Zona artigianale a Gatteo Mare (trecento metri da centro commerciale Romagna Shopping Valley-Iper), via O. Respighi 12. Per informazioni tel. 335 1362276. AFFITTASI Laboratorio artigianale a Forlì Via Castello 6 (dietro alla Questura di Corso Garibaldi) di circa mq. 103 con due ingressi a vetrata indipendenti anche per autocarri, a € 500 (no spese di condominio). Per informazioni tel. 329 6487777 o inviare e-mail: gibymeris@hotmail.it. Libero da subito (classe energetica N.D.). CEDESI avviata attività di agenzia di affari e commercio auto usate in Meldola. Prezzo interessante. Per informazioni tel. 338 6519135. AFFITTASI laboratorio artigianale a Forlì in via Monte Santo 16, mq. 140, altezza mt. 5 (classe energetica in corso di definizione). Per info: dott. Giorgio Olivieri 0543 33105. CEDESI avviata attività (esperienza pluriennale con clientela acquisita) di noleggio con conducente causa pensionamento del titolare. Licenza più automezzo (autobus 55 posti in ottime condizioni). Per informazioni tel. 3356159277.

DA NOI PUOI TROVARE

CASQUO’

IL PROGRAMMA CHE ASSICURA I TUOI OCCHIALI CONTRO I RISCHI DEL FURTO E DI ROTTURA DELL’OCCHIALE CENTRO SPECIALIZZATO LENTI PROGRESSIVE

OCCHIALI DA SOLE

SCONTO 20% TUTTO L’ANNO

22 | IO L’IMPRESA

Sei interessato a promuovere la tua attività su IO L’Impresa? Chiedi informazioni a Sandro Fabbri sandro.fabbri@cnafc.it – 340 0615763

Chiuso il Lunedì - Giovedì Aperto tutto il giorno

VIA MATTEOTTI 28/F - FORLIMPOPOLI

TEL . 0543 744126


CONVENZIONE CNA · UNIPOLSAI Insieme hai più vantaggi!

Un-costi prestito fino a 25.000 € +servizi -25% -20% per la tua nuova attività? fino al

fino al

-25%

-costi

CNA TI PAGA GLI INTERESSI.

www.assicoop.it/romagnafutura

ZERO INTERESSI? CNA investe sulla tua impresa.

GIÙ I COSTI PER PRESTITI FINO A 25.000 €

Se per aprire la tua impresa hai bisogno di un prestito bancario per investimenti non preoccuparti dei costi che crescono. CNA sostiene le nuove imprese che si associano con un contributo straordinario. Cosa ti offriamo: • Ti diamo consulenza e supporto nell’avvio di impresa. • Ti offriamo consulenza specifica per il tuo settore. • Ti seguiamo per quanto riguarda la contabilità.

• Ti paghiamo gli interessi sul tuo finanziamento bancario fino a 25.000 €, con contributo massimo 4% sugli interessi pagati. Questo contributo è soggetto a limitazioni, verifica di avere i requisiti di ammissibilità presso le sedi CNA.

Forlì-Cesena IO L’IMPRESA | 23


I 18 I 18 I 18 uffci uffci uffci CAF-CNA CAF-CNA CAF-CNA Servizi Servizi Servizi I 18 I 18 I 18 uffci uffci uffci CAF-CNA CAF-CNA CAF-CNA Servizi Servizi Servizi Forlì-Cesena Forlì-Cesena Forlì-Cesena sono sono sono a tua a tua a disposizione! tua disposizione! disposizione! Forlì-Cesena Forlì-Cesena Forlì-Cesena sono sono sono a tua a tua a disposizione! tua disposizione! disposizione!

CAF CAF CAF CNA CNA CNA Servizi Servizi Servizi Forlì-Cesena: Forlì-Cesena: Forlì-Cesena: 0543 0543 0543 770111/0547 770111/0547 770111/0547 365611 365611 365611 | cna@cnafc.it | cna@cnafc.it | cna@cnafc.it | www.cnafc.it | www.cnafc.it | www.cnafc.it | seguici | seguici | seguici sususu CAF CAF CAF CNA CNA CNA Servizi Servizi Servizi Forlì-Cesena: Forlì-Cesena: Forlì-Cesena: 0543 0543 0543 770111/0547 770111/0547 770111/0547 365611 365611 365611 | cna@cnafc.it | cna@cnafc.it | cna@cnafc.it | www.cnafc.it | www.cnafc.it | www.cnafc.it | seguici | seguici | seguici sususu

IO L'impresa - Maggio 2017  
Read more
Read more
Similar to
Popular now
Just for you