Page 1

FORLÌ-CESENA

IMPRESA ARTIGIANA & P.M.I - ANNO XVI – N. 6 DEL 28.03.2018 CON I.R. POSTE ITALIANE SPA - SPED. ABB. POST. D.L. 353/2003 (CONV. IN L. 27/02/2004 N. 46) ART. 1 COMMA 1, DCB PO – COPIA: 0,10

www.cnafc.it

MARZO 2018

CNA PAGA GLI INTERESSI ALLE NUOVE IMPRESE

Festeggiate le venti imprese che nel 2017 hanno beneficiato di Zero interessi. CNA dà continuità al progetto e rilancia con una nuova proposta dedicata alle imprese che investono in digitalizzazione

CITTADINI Le novità per la dichiarazione dei redditi

INDAGINE Turismo 2017: crescita, con qualche distinguo

SERVIZI Nuove regole per privacy e protezione dati

STORIE DI IMPRESE Riparare auto: una passione di famiglia!

OPPORTUNITÀ La Responsabilità Sociale d’Impresa nell’edilizia


INTERVENTO

PICCOLE IMPRESE, BUONA OCCUPAZIONE Il 50% delle imprese del campione ha usufruito di almeno un incentivo per l’occupazione, per un totale di 13 milioni di euro risparmiati sul costo del lavoro di Franco Napolitano - Direttore generale CNA Forlì-Cesena

Presentati i dati dell’Osservatorio lavoro CNA sul triennio 2015-2017, con un approfondimento sull’andamento dell’occupazione in provincia. Sulla base di un campione di 1.500 imprese, rappresentative del nostro tessuto economico, emerge che, nel triennio in esame, esattamente il 50% (750 imprese) ha usufruito di almeno un incentivo per assumere nuovi lavoratori, o stabilizzare l’occupazione. Per arrivare a un totale di 13 milioni di euro di risparmi sul costo del lavoro per le imprese; naturalmente garantendo stessa retribuzione ai dipendenti, con in più spesso il vantaggio della stabilizzazione del proprio posto di lavoro. L’importo medio annuo garantito a queste 750 imprese si attesta sui 5.800 euro. La tendenza, nell’arco del triennio, ha registrato una vera e propria corsa alle assunzioni nel 2015 (effetto degli incentivi del Jobs Act), con un importo medio annuo degli incentivi di 8.580 euro; un assestamento nel 2016, con 4.450 euro; e infine una forte ripresa nel 2017, sostenuta anche dall’andamento dell’economia, che riporta la media a 8.340 euro. I dati sono stati elaborati dal nostro Servizio Paghe, in collaborazione con l’Ufficio Studi.

Sul campione analizzato, il saldo tra assunti e cessati conferma il trend nazionale, ed è positivo nell’ultimo anno (2017 su 2016) di + 224 unità. Analizzando la suddivisione in settori, troviamo al primo posto la produzione (38%), poi l’autotrasporto (16%), i servizi (13%), le costruzioni (9%), l’impiantistica (8%), l’alimentare (5%). I risparmi sul costo del lavoro sono significativi, ma applicarli non è semplice. Sono numerose le condizioni da verificare e rispettare per poter accedere ai benefici. Per questo è stata notevole l’attività di consulenza e controllo da parte degli uffici CNA. Alcuni anni fa, come CNA Forlì-Cesena, lanciammo la campagna “Piccola impresa. Il più grande datore di lavoro in Italia”, basata sul fatto che oltre il 73% degli occupati in Italia lavora in una piccola impresa. Un dato quanto mai attuale che, sommato a quelli qui riportati, mostra come la piccola impresa, dopo aver preservato l’occupazione negli anni più terribili della crisi, spesso a costo di sacrifici personali da parte degli imprenditori, sia ora in prima fila nel creare buona occupazione, attraverso assunzioni, stabilizzazioni e inserimento di giovani.

Presentata una ricerca prodotta dal Servizio Paghe in collaborazione con l’Ufficio Studi di CNA Forlì-Cesena

IO L’IMPRESA | 3


SOMMARIO INTERVENTO Piccole imprese, buona occupazione

3

8

10

PUNTASPILLI

6 CNA Formazione investe sui giovani

CITTADINI

7 Le novità per la

dichiarazione dei redditi

PRIMO PIANO

12 14

8 CNA paga gli interessi alle nuove imprese

INDAGINE

10 Turismo 2017:

tendenza all’aumento, con qualche distinguo

SERVIZI

12 Nuove regole per privacy e protezione dei dati

16

STORIE DI IMPRESE

18

14 Riparare auto:

una passione di famiglia!

OPPORTUNITÀ

16 La Responsabilità Sociale

d’Impresa nel comparto edile

UNIONI

18 Autotrasporto: CNA FITA

contro la concorrenza sleale RICETTA DEL MESE

CONVENZIONI

20 Convenzioni CNA 2018 IMPRESA ARTIGIANA & P.M.I

Periodico – Aut. Trib. n° 6 del 25/06/04 Chiuso in redazione il 27 marzo 2018 Direttore responsabile: B. Lisei Coordinamento editoriale: Franco Napolitano

21 La ricetta di...

Pizza Planet Cesenatico

Redazione Forlì-Cesena: Veronica Bridi, Fatima Elghazioui, Sandro Fabbri, Fausto Folti, Silvia Foschi, Riccardo Guardigli, Marco Lucchi, Piergiorgio Matassoni, Massimo Montanari, Giovanni Montevecchi, Franco Napolitano, Davide Prati. Via Pelacano, 29 Forlì - Tel 0543 770200 e mail: redazione@cnafc.it

22 Annunci gratuiti Hanno collaborato a questo numero: Villiam Antonelli, Pier Giorgio Balzani, Marco Baroni, Daniele Battistini, Claudio Bellini, Davide Bellini, Fabio Bianchi, Gloria Campanini, Matteo Cecchini, Lorenzo Corallini, Francesco Ferro, Maurizio Garavini, Antonio Guardigli, Franca Guidi, Emilio Moffa, Giorgio Mortali, Carmine Napolitano, Simona Pasini, Laura Pedulli, Stefano Rossi, Mauro Turchi, Carmelo Salonia, Ivano Vestrucci, Lorenzo Zanotti.

Artwork e impaginazione:

www.cnafc.it

Menabò srl - Forlì - www.menabo.com

Seguici su http://www.facebook.com/cnaforlicesena

Stampa:

CILS - Cesena

http://www.youtube.com/user/cnafc

BACHECA

Fotografie: Archivio CNA e CNA Nazionale, Friendstudio di Parrinello Carlo (Forlì).

IO L’IMPRESA | 5


PUNTASPILLI CNA FORMAZIONE INVESTE SUI GIOVANI Un pacchetto di percorsi formativi gratuiti rivolto ai giovani non occupati, senza diploma o qualifiche e per l’avvio di una attività autonoma: questa è la proposta di CNA Formazione, per rispondere, da un lato, al fabbisogno delle imprese di reperire manodopera qualificata e, dall’altro, per accompagnare la propensione all’autoimprenditorialità. Accesso all’occupazione Alfabetizzazione informatica (pacchetti Word, Excel e nuovi linguaggi) Competenze trasversali (comunicare efficacemente, etc.)

LA FOTO

Alfabetizzazione linguistica (italiano per stranieri e inglese avanzato) Avvio d’Impresa e lavoro autonomo Se hai una motivazione per valutare di crearti un lavoro autonomo, ti proponiamo sette brevi corsi che ti aiuteranno a sviluppare e concretizzare il tuo progetto (Strumenti informatici, Gestione economico-finanziaria, Web marketing, Soft Skills per nuovi imprenditori, etc.) Per informazioni: CNA Formazione Forlì-Cesena: Federica De Magistris 0547 20592 – federica.demagistris@cnaformazionefc.it

CNA e l’approccio innovativo al mondo della scuola Per promuovere la cultura d’impresa e stimolare nei giovani l’orientamento al lavoro autonomo, CNA – attraverso CNA Formazione – lancia un percorso che attraversa ogni ordine scolastico, dalle primarie all’università. Con “Detto, fatto! A scuola con CNA” e “Detto fatto! Il Contest di CNA”, CNA valorizza il “saper fare” artigiano e fornisce la conoscenza del prodotto autentico italiano. Guarda la fotogallery sulla nostra pagina Facebook.

“Sono le azioni che contano. I nostri pensieri, per quanto buoni possano essere, sono perle false fintanto che non vengono trasformati in azioni.” Mahatma Gandhi

6 | IO L’IMPRESA


CITTADINI

di Fausto Folti

genzia

MODELLO 730/2018 Redditi 2017

MODELLO GRATUITO

CONTRIBUENTE

DICHIARANTE

COGNOME (per le donne indicare il cognome da nubile)

DATI DEL DI NASCITA CONTRIBUENTE DATA GIORNO MESE

LE NOVITÀ PER LA DICHIARAZIONE DEI REDDITI Le principali novità per i contribuenti, contenute nel modello 730/2018, spiegate dall’esperto

TELEFONO

CONTATTO Per il tuo 730 affidati ai professionisti del CAF CNA! Chiama il n° 0543 770125 per fissare l’appuntamento.

Come succede ogni anno all’approssimarsi della scadenza per la dichiarazione dei redditi, il contribuente si trova a doversi confrontare con le modifiche e le novità che le leggi di bilancio, ed i collegati fiscali, regolarmente introducono. Per aiutare i contribuenti nella procedura di compilazione della dichiarazione, l’Agenzia delle Entrate ha messo a disposizione, dal 2016, il modello 730 precompilato. Al suo interno vengono precompilati, ad esempio, i dati relativi a spese mediche e sanitarie, interessi passivi su mutui, premi assicurativi, contributi versati, etc.; i contribuenti possono accettare, modificare, integrare ed inviare autonomamente la dichiarazione dei redditi, aggiungendo le altre spese da scaricare. Siamo certi che il cittadino che non ha competenze specifiche, non incorra in controlli ed eventuali sanzioni, se riscontrate?

DATA DELLA VARIAZIONE

GIORNO

PREFISSO

MESE

ANNO

INDIRIZZO DI POSTA ELETTRONICA

CELLULARE

NUMERO

Dichiarazione presentata per la prima volta

COMUNE

PROVINCIA (sigla)

FUSIONE COMUNI

COMUNE

PROVINCIA (sigla)

FUSIONE COMUNI

FAMILIARI A CARICO C

CODICE FISCALE

MESI A

(Il codice del coniuge va indicato anche se non fiscalmente a carico) CARICO

1

1

2

F1 PRIMO D FIGLIO

3

F

A

D

4

F

A

D

5

F

A

D

5

4

CONIUGE

3

2

MINORE DI 3 ANNI

6

Casi particolari add.le regionale

DETRAZIONE 100% AFFIDAMENTO FIGLI

%

7

PERCENTUALE ULTERIORE DETRAZIONE PER FAMIGLIE CON ALMENO 4 FIGLI

8

NUMERO FIGLI IN AFFIDO PREADOTTIVO A CARICO DEL CONTRIBUENTE

DATI DEL SOSTITUTO DʼIMPOSTA CHE EFFETTUERA IL CONGUAGLIO CODICE FISCALE

COGNOME e NOME o DENOMINAZIONE TIPOLOGIA (Via, piazza, ecc.)

C.A.P. NUM. CIVICO

FRAZIONE

BARRARE LA CASELLA

PROV.

TUTELATO/A MINORE

INDIRIZZO

Dichiarazione congiunta: compilare solo nel modello del dichiarante COMUNE

INDIRIZZO

FRAZIONE

NUM. CIVICO NUMERO DI TELEFONO / FAX

MOD. 730 DIPENDENTI SENZA SOSTITUTO

C.A.P.

INDIRIZZO DI POSTA ELETTRONICA

CODICE SEDE

FIRMA DELLA DICHIARAZIONE N. modelli compilati

Barrare la casella per richiedere di essere informato direttamente dal soggetto che presta lʼassistenza fiscale di eventuali comunicazioni dellʼAgenzia delle Entrate

FIRMA DEL CONTRIBUENTE

Con lʼapposizione della firma si esprime anche il consenso al trattamento dei dati sensibili indicati nella dichiarazione

QUADRO A - Redditi dei terreni

Il CAF CNA garantisce correttezza e tranquillità al contribuente

SESSO (M o F) PROVINCIA (sigla)

PROVINCIA (sigla)

TELEFONO E POSTA ELETTRONICA

C = Coniuge F1 = Primo figlio F = Figlio A = Altro D = Figlio con disabilità

NOME

COMUNE TIPOLOGIA (Via, piazza, ecc.)

DOMICILIO FISCALE AL 01/01/2018

RAPPRESENTANTE O TUTORE

DICHIARAZIONE CONGIUNTA

COMUNE (o Stato estero) DI NASCITA

ANNO

Da compilare solo se variata dal 1/1/2017 alla data di presentazione della dichiarazione

DOMICILIO FISCALE AL 01/01/2017

Mod. N.

CONIUGE DICHIARANTE

Soggetto fiscalmente 730 integrativo 730 senza Situazioni CODICE FISCALE DEL RAPPRESENTANTE O TUTORE a carico di altri (vedere istruzioni) sostituto particolari Quadro K

CODICE FISCALE DEL CONTRIBUENTE (obbligatorio)

RESIDENZA ANAGRAFICA

ntrate

N. ORD.

1

2

REDDITO DOMINICALE

3

TITOLO

4

GIORNI

“Le novità rappresentano il , , terreno più minato – sostiene , , Fabio Bianchi, Responsabile di , , CNA Cittadini Forlì-Cesena – e , , tra queste spiccano il Sisma, , bonus, che prevede percentuali , , di detrazione più ampie per le spese sostenute in interventi antisismici e in quelli che comportano una riduzione del rischio sismico, l’Eco-bonus, con maggiorazioni di detrazioni su alcuni interventi di riqualificazione energetica di parti comuni, le Spese d’istruzione, con il limite incrementato a 717 euro per la frequenza delle scuole dell’infanzia e di altri ordini, le Spese sanitarie che consentono detraibilità per l’acquisto di alimenti a fini medici. Voglio anche ricordare le detrazioni fiscali per interventi di ristrutturazione edilizia, di riqualificazione energetica e il bonus mobili ed elettrodomestici”. Un altro esempio di “aggiunte” al precompilato, riguarda i dati relativi alle erogazioni libeA1 A2 A3 A4 A5 A6

6

POSSESSO

REDDITO AGRARIO

00

00

00

00

00

00

00

00

00

00

00

00

5

%

7

CANONE DI AFFITTO IN REGIME VINCOLISTICO

8

9

10

COLTIVATORE IMU CONTINUAZIONE CASI PARTICOLARI (stesso terreno NON DOVUTA DIRETTO rigo precedente) O IAP

rali a favore delle Onlus, delle , associazioni di promozione so, ciale, delle fondazioni e di ulte, riori associazioni. , “Viene da chiedersi – conclu, de Bianchi – chi, in autonomia, , possa garantirsi la correttezza e la conseguente tranquillità? Si ricorda che chi introduce nuove detrazioni, potrà essere chiamato a fornire prova del diritto, mentre se le modifiche sono introdotte a seguito dell’intervento di un CAF abilitato – come il CAF CNA – è questo organismo tenuto a conservare ed esibire, a richiesta, la documentazione e ad assumersi la responsabilità di quanto modificato”. Vale la pena fare da soli e dimenticare detrazioni eventualmente spettanti o commettere infrazioni evitabili? Gli uffici di CNA Forlì-Cesena sono a disposizione per l’assistenza nella compilazione della dichiarazione dei redditi, a partire dal 9 aprile 2018. 00 00 00 00 00 00

IO L’IMPRESA | 7


PRIMO PIANO

di Veronica Bridi

CNA PAGA GLI INTERESSI ALLE NUOVE IMPRESE Festeggiate le venti imprese che nel 2017 hanno beneficiato di Zero interessi. CNA dà continuità al progetto e rilancia con una nuova proposta Novità 2018: potranno beneficiare di Zero interessi anche le imprese già attive che investono in digitalizzazione

Nuove imprese con Zero interessi! Ecco chi sono: su FB e su YouTube, le interviste dei nuovi imprenditori

8 | IO L’IMPRESA

Nel 2017, venti nuove imprese sono partite usufruendo del progetto Zero interessi, grazie al quale CNA Forlì-Cesena le ha supportate pagando gli interessi bancari per i loro investimenti, fino a 25.000 euro. “Si tratta di un progetto fortemente voluto dal gruppo dirigente di CNA – spiega il presidente provinciale Lorenzo Zanotti – che ha inteso così dare un sostegno concreto alle nuove imprese. Anche a fronte dei dati allarmanti analizzati dall’Ufficio Studi di CNA, che mostrano come, rispetto al periodo pre-crisi, la vita media delle imprese sia più che dimezzata, essendo calata da 7 a 3 anni. Una vera e propria emergenza, che rischia di minare alla base il nostro tessuto imprenditoriale. Come CNA, la più grande associazione di imprese del territorio, abbiamo deciso di fare la nostra parte, stanziando un contributo straordinario a supporto delle nuove imprese per accompa-

gnarle nei primi anni di vita, che sono quelli più delicati e più rischiosi per la tenuta dell’impresa. Oltre al contributo, le imprese partite con CNA hanno potuto contare su consulenza e supporto nell’avvio di impresa, consulenza specifica di settore, tenuta della contabilità e una ampia gamma di servizi”. CNA dispone di un osservatorio privilegiato: ogni anno, infatti, circa 700 aspiranti imprenditrici e imprenditori si recano presso una delle 23 sedi CNA del territorio provinciale per chiedere informazioni e supporto. Un dato estremamente significativo è che l’85% di chi viene a chiedere informazioni e avvia effettivamente l’attività lo fa con CNA, conferma del fatto che l’associazione ha messo a punto nel corso degli anni un ventaglio di soluzioni interessanti e utili per le più varie esigenze. “Al termine del primo anno – afferma il direttore generale Franco Napolitano – il bilancio

del progetto Zero interessi è più che positivo: 20 ditte coinvolte per un totale di 700.750 euro di investimenti finanziati. Si confermano alcuni trend, come il particolare dinamismo negli ultimi anni del settore alimentare, compresi i pubblici esercizi”. Dati che sono stati presentati martedì 13 marzo presso la sede CNA in una conferenza stampa-evento, per festeggiare queste nuove imprese, che hanno ricevuto il contributo di CNA, a rimborso degli interessi pagati, e si è conclusa con un brindisi augurale con degustazione di prodotti di alcune delle nuove imprese. Presenti anche i rappresentati di tutti i principali istituti bancari del territorio: Cariromagna, Unicredit, BCC Ravennate Forlivese Imolese, Carisp Cesena, Banca Sviluppo, Cassa dei Risparmi di Ravenna, BPER, BCC Romagna Banca. Ricordiamo che Zero interessi vale per finanziamenti bancari,


CNA paga gli interessi alle nuove imprese

01

01. 02 Due momenti della conferenza stampa-evento che ha visto la consegna del contributo di CNA alle nuove imprese

dedicati prevalentemente a investimenti, fino a 25.000 euro. Il contributo è rivolto ad aspiranti imprenditori e nuove imprese in fase di costituzione/avviamento, compresi liberi professionisti e lavoratori atipici. “A partire dal 2018 – prosegue Napolitano – anche le imprese già attive potranno beneficiare

PRIMO PIANO

02

di questo supporto, alle stesse condizioni: visto il grande interesse dimostrato dalle imprese verso i voucher ministeriali per la digitalizzazione, CNA Forlì-Cesena ha deciso di rilanciare ora con una nuova azione, volta a supportare le imprese nel rinnovo delle infrastrutture informatiche,

sia hardware che software, e l’e-commerce. Un bisogno che interessa, come abbiamo visto, in maniera trasversale tutti i settori”. A conferma del fatto che “CNA investe sulla ripresa”, per riprendere lo slogan della campagna portata avanti negli ultimi anni, ed è in prima linea a fianco delle imprese.

MOFFAEMILIO

LAVORI EDILI & NUOVE COSTRUZIONI ECONATURALI

Attestazione n° 17247/11/00

Via Roma 128/A 47014 Meldola (FC) Cell. 347 3232057 moffa.emilio@virgilio.it IO L’IMPRESA | 9


INDAGINE

di Carmelo Salonia

1.600.000

1.400.000

1.305.236

1.187.006

1.200.000

1.000.000

TURISMO 2017: TENDENZA ALL’AUMENTO, CON QUALCHE DISTINGUO

777.508

800.000

600.000

362.372

400.000

198.033

Una stagione nel complesso soddisfacente, con margini di miglioramento in alcune località e in attesa di una programmazione uniforme Il mercato turistico: passare dalla risposta a una domanda alla creazione di una “nuova offerta”

10 | IO L’IMPRESA

La componente turistica rappresenta una parte importante dell’intero sistema economico provinciale e, dopo anni di difficoltà derivate dalla crisi e da una accentuata concorrenza soprattutto sui mercati internazionali, esprime un saldo positivo che, tuttavia, deve essere letto con attenzione e in prospettiva. Cosa ci dicono, in sintesi, le elaborazioni dell’Ufficio Studi di CNA Forlì-Cesena sui dati forniti dalla Regione Emilia-Romagna? In primo luogo che l’annata è andata bene: rispetto al 2016, si rileva un incremento negli arrivi pari al 3,8% e un aumento del 7,5% nelle presenze. Come al solito, occorre entrare nelle singole componenti, per ottenere una interpretazione puntuale e spunti di riflessione ragionati. Tre in particolare. Il primo è riferito alla città di Forlì, che cresce nelle presenze del 9,1% a dimostrazione della correttezza

200.000

0

63.086 21.396 10.066 G

F

M

84.272

A

31.203 38 13.682 M

G

L

A

S

O

2016

di puntare sulla “attrattività culturale” legata al San Domenico. Il secondo è legato a Cesenatico che, con il 13,3% di incremento, sempre per quanto concerne le presenze, la fa da padrone relativamente al “peso” sul totale del movimento turistico; unitamente a Gatteo, infatti, la componente balneare, si posiziona sul 75,2% di tutte le presenze registrate in Provincia. Infine, il turismo termale: con il 5,9% sul totale, esso rappresenta la seconda fonte di accoglienza, pur se in maniera disomogenea. Infatti, mentre Bagno di Romagna cresce del 4,8%, Castrocaro perde il 6,4% e la spiegazione di ciò non può risiedere solo nella sempre minore partecipazione pubblica alle spese termali private. Il modello del turismo provinciale, viene confermato anche prendendo in considerazione la “permanenza media”, con Cesenatico a 5,6 giorni, Gatteo a 6,1 e San Mauro con 6,5 gior-

ni; questi valori non si discostano in maniera significativa da quelli registrati nel 2016. È possibile sviluppare ulteriormente la nostra offerta? È cambiato il mercato del turismo? Se sì, come dobbiamo leggerlo e cosa possiamo imparare? “Lo sviluppo del turismo – afferma Francesco Ferro, vicepresidente di CNA Forlì-Cesena – da qualche tempo necessita di un approccio strategico: da una situazione di mercato dove per essere competitivi era sufficiente disporre del vantaggio posizionale conferito dalle risorse naturali, si è passati ad uno che deve creare una proposta, organizzarla, predisporre un’offerta e veicolarla. Le varie componenti, pertanto, quali cultura, gastronomia, etc. non sfuggono a queste dinamiche che spingono nella direzione di una offerta aggregata e a forte connotazione territoriale, anziché fondata su singoli elementi. Questi, indubbia-

N


Turismo 2017: tendenza all’aumento, con qualche distinguo

Rubicone e Mare

Valle savio

INDAGINE

Romagna forlivese

1.337.836 1.232.584

908.370

348.092 227.661 218.746

8.343 D

56.902

24.176 19.626 23.482

23.346 13.592 G

F

M

A

M

2017

01 L’andamento turistico nelle unioni dei comuni

G

L

A

S

O

N

D

01

mente, costituiscono un fattore attrattivo ma è il territorio nel suo complesso a garantire l’esperienza turistica”. Questa tendenza impone un diverso rapporto tra tutti i soggetti, pubblici e privati, che in un dato luogo si occupano di turismo: è terminato il tempo della concorrenza tra prodotti – mare,

terme, etc. - ed è iniziato quello del destination management in cui i privati, le associazioni delle imprese e il pubblico collaborano per organizzazione e promozione del territorio. “È un passaggio non semplice – prosegue Ferro – perché muta radicalmente decenni di esperienze consolidate e di successi: non esiste più solo una qualche eccellenza da valorizzare ma la calamita diventa un insieme, il territorio, che deve garantire esperienze. E la nostra Provincia è caratterizzata da due velocità: da un lato la costa, con un prodotto maturo, una grande esperienza, competenze e organizzazione; dall’altra l’entroterra che esprime una tendenza in forte crescita tra città d’arte, borghi e turismo slow, che tuttavia sconta una debolezza da colmare rapidamente sul fronte organizzativo e tecnico”. È una logica che trova appoggio anche nella nuova legge regionale, promossa dall’assessore Corsini, sulla promo-

zione turistica e nella istituzione delle “Destinazioni”, ossia di aree geografiche vaste che valorizzano il territorio di pertinenza; per noi, questo equivale alle Province di Forlì-Cesena, Ferrara, Rimini e Ravenna e l’auspicio è che questa nuova struttura riesca a definire piani promozionali coerenti con le diversità locali e con gli interessi di tutti i territori. Non conosciamo quale possa essere il “nucleo territoriale ottimale”, o se all’interno della Destinazione Romagna possano coesistere delle sub-destinazioni, ma quello che è certo è che la nuova attrattività turistica debba passare per una “offerta composita”, in grado di fare percepire il territorio come autentico, nel senso di non omologato, né standardizzato; unico, stabilendo per questo verso un livello comparativo con altri territori; distintivo, ossia percepito come ricco di esperienze e specializzazioni; consapevole delle proprie potenzialità; condensato di risorse e relazionato.

El s aRi s t or ant enasceaFor l ìdaunpr oget t oacuiRi ccar do Val mor il avor adat empo,mat ur at odur ant ei lper cor s o f or mat i vochel ohapor t at oas per i ment ar enumer os er eal t à gas t r onomi che. El s aèi lper s onal econnubi ot r apas s i oneedesper i enzadel s uochef . El s aof f r e,ol t r ealcons uet os er vi zi o,unapr opos t as peci al e pert ut t iipr anzif er i al i ,edunampi oecomodopar cheggi o.

Vi aB. B. Por r o,1 6( Fc) T. : 0543405504 www. el s ar i s t or ant e. i t

IO L’IMPRESA | 11


SERVIZI

di Maurizio Garavini

NUOVE REGOLE PER PRIVACY E PROTEZIONE DEI DATI Il 25 maggio 2018 entra in vigore il GDPR ma, ad oggi, molte imprese ed enti pubblici non sono pronti ad accogliere le novità contenute nel regolamento Positivo impatto per la sicurezza, l’organizzazione aziendale e la tutela legale

12 | IO L’IMPRESA

Manca davvero poco ma se ne parla tanto! A volte anche a sproposito, alimentando falsi allarmi relativi, ad esempio, agli investimenti necessari per adeguarsi, o al fatto che le disposizioni riguardino solo le grandi imprese. Facciamo un po’ di chiarezza, registrando il parere di tre esperti e sintetizzando le principali novità. “Mancano meno di 5 mesi – evidenzia Giorgio Mortali, portavoce di CNA Comunicazione e Terziario Avanzato – alla data in cui diventerà operativo il regolamento europeo sulla protezione dei dati (noto come GDPR) e, nonostante siano passati quasi due anni dalla sua pubblicazione sulla Gazzetta Ufficiale della UE, enti pubblici e aziende sembrano muoversi a rilento. Il nuovo regolamento obbliga le piccole e medie imprese, professionisti e pubblica amministrazione, a una sempre maggiore attenzione. Il GDPR avrà un impatto su enti e im-

prese, non solo dal punto di vista tecnologico ma anche, e soprattutto, dal punto di vista organizzativo e legale. Bisogna recuperare terreno, per arrivare pronti alla scadenza del prossimo maggio”. “Quella della sicurezza – rileva Matteo Cecchini, presidente di CNA Industria ed imprenditore del settore – è solo una delle sfide poste ma è forse quella più critica. Lo scenario attuale non è confortante: il 2016 è stato l’anno peggiore in termini di evoluzione delle minacce cyber e la tendenza non sembra migliorare se è vero che solo 2 aziende su 70 hanno un livello di sicurezza accettabile. L’adeguamento deve essere tecnologico ma anche nella struttura organizzativa, a partire dalla figura del DPO (Data Protector Officer) che deve avere competenze normative, tecniche, comunicative e conoscenze del settore in cui si trova ad operare; una figura nuova, ancora

poco diffusa, che a breve però diventerà molto richiesta. “Le aziende private – sottolinea Marco Baroni, responsabile area ICT di CNA – in particolare le piccole imprese, sono in forte ritardo: il 77% dei responsabili IT, non ha compreso in maniera chiara l’impatto della nuova normativa, o non ne è a conoscenza. Tra quelle che conoscono il GDPR, solo il 20% afferma di essere già conforme, mentre il 59% si sta adeguando ed il 21% dichiara di non essere a norma”. Il nuovo Regolamento UE sulla Privacy. Il GDPR è un testo particolarmente corposo, composto da 173 premesse esplicative e 99 articoli ed è l’acronimo di General Data Protection Regulation: rappresenta la nuova legge quadro in materia Privacy. Il nuovo regolamento, si pone come obiettivo quello di aggiornare i princìpi in materia di Tutela Dati Personali:


Nuove regole per privacy e protezione dei dati

- entrerà ufficialmente in vigore il 25 maggio 2018; - è applicabile direttamente in tutti gli Stati membri; - sostituisce il D. Lgs. 196/2003, Codice Privacy. Il GDPR riordina la materia Privacy e trasforma in legge molte di quelle che prima erano delle best practice, ovvero delle procedure di abitudine. Tra le novità più importanti troviamo: - nuovi diritti per gli utenti (portabilità e cancellazione); - il rafforzamento dei requisiti per ottenere il consenso; - l’introduzione del Data Protection Impact Assessment; - introduzione della figura del DPO, Data Protection Officer, e del Registro del Trattamento. Gli utenti possono ora richiedere che i loro dati in possesso del titolare vengano cancellati, o che siano loro consegnati per essere trasferiti ad altro titolare. La dimostrazione dell’ottenimento del consenso è raf-

SERVIZI

TECNOLOGIA E FUNZIONALITÀ D’AVANGUARDIA CON L’AREA INFORMATICA DI CNA

Business, il software gestionale consigliato da CNA, offre una ampia gamma di funzioni applicative, per gestire in modo integrato i processi di tutte le aziende. Il Gestionale è assistito direttamente da personale CNA in grado di adattarlo a ogni esigenza. Utilizzabile anche con Tablet e Smartphone, conforme alla nuova normativa Privacy e pronto per la Fatturazione Elettronica. Integrato con una soluzione di salvataggi in cloud ti garantisce una maggiore serenità nella protezione dei dati della tua azienda. La struttura ICT di CNA offre soluzioni informatiche agli associati da più di 30 anni.

forzata, comportando che non sarà sufficiente salvare l’IP, ovvero “l’indirizzo” da cui scrive l’utente, ma bisognerà adempiere ad alcuni obblighi specificati nella legge. Con l’introduzione del nuovo GDPR, la procedura della notificazione preventiva al Garante viene abolita. Viene introdotta la figura del DPO, o Responsabile della Protezione dei Dati. È una figura che costituisce il punto

di contatto privilegiato per la gestione delle problematiche legate alla protezione dei dati all’interno di un’organizzazione. Non è una figura certificata, non c’è albo ed è obbligatoria quando il trattamento è effettuato da autorità od organismo pubblico o in casi molto specifici. Il Registro sarà obbligatorio solo per le aziende con oltre 250 dipendenti. È previsto anche un sistema di sanzioni.

IO L’IMPRESA | 13


STORIE DI IMPRESE

di Veronica Bridi

RIPARARE AUTO: UNA PASSIONE DI FAMIGLIA! La carrozzeria Guardigli e Vestrucci di Castrocaro festeggia i 40 anni, con un bell’esempio di ricambio generazionale, dai due fondatori ai figli Premiate competenza, puntualità, precisione e affidabilità che caratterizzano questa bella azienda

14 | IO L’IMPRESA

Una fila di auto d’epoca cattura il nostro sguardo appena entrati: in bella vista una Jaguar spider del ’51, una Topolino bordeaux del ’46, una Praga (che deve il suo nome alla città di provenienza) del ’38. La passione per le auto si respira nell’aria dell’autocarrozzeria Guardigli e Vestrucci, in via Di Vittorio a Terra del Sole, insieme a una genuina accoglienza romagnola. Un’azienda storica, che festeggia quest’anno l’importante traguardo dei quarant’anni di attività. Ce lo raccontano con gli occhi pieni di giusta soddisfazione i due soci fondatori, Antonio Guardigli e Ivano Vestrucci, che cominciarono la loro avventura in una piccola officina di via Cesare Battisti, sempre a Terra del Sole, e partendo da subito col supporto della CNA. Erano anni in cui il mestiere si imparava facendo i ragazzi di bottega, le auto venivano aggiustate prevalentemente a martello, e ci

volevano giornate e giornate di lavoro, unite a grande maestria artigiana, per ridare vita alle auto danneggiate. Quarant’anni vissuti senza perdere l’entusiasmo: “in questi anni abbiamo sempre lavorato con passione – ci raccontano i due fondatori – costruendo con la nostra clientela rapporti continuativi di fiducia, che spesso si sono trasformati in vere e proprie amicizie. Questo ci ha aiutato molto, nell’evoluzione del nostro settore, siamo contenti di quello che abbiamo fatto e del clima in cui abbiamo lavorato”. Negli anni, la carrozzeria Guardigli e Vestrucci si è fatta conoscere sul territorio, fornendo i propri servizi a clienti provenienti da tutta la vallata, oltre che da Forlì e dal circondario, con qualche cliente affezionato che viene apposta da Bologna. Una particolarità di Antonio Guardigli e Ivano Vestrucci è il fatto che questa

loro grande passione l’hanno trasmessa ai figli, rispettivamente Marco e Andrea, che hanno imparato il mestiere nella carrozzeria di famiglia e proprio un anno fa hanno rilevato l’attività, completando un bell’esempio di passaggio generazionale. Nella carrozzeria si respira un’aria di famiglia, accolti dal bel sorriso di Graziella Cola, la moglie di Ivano, che per tanti anni ha seguito l’amministrazione della ditta. E anche i due storici dipendenti, Claudio Cappelli ancora in forze, e Vittorio Severi, ora in pensione, sono ormai considerati due persone di casa. Nel tempo, il lavoro è cambiato, la ditta ha modernizzato la propria attrezzatura e si è tenuta al passo coi tempi seguendo l’evoluzione del settore, come spiegano i nuovi titolari Marco e Andrea: “trent’anni fa la chiusura centralizzata o i vetri elettrici erano un lusso, ora si trovano


Riparare auto: una passione di famiglia!

STORIE DI IMPRESE

01

01 Il team Guardigli e Vestrucci al completo: fondatori, attuali soci, collaboratori

Ogni impresa ha una storia da raccontare e noi siamo pronti a condividere la tua! Scrivi a redazione@ cnafc.it

ovunque. Al contempo, dobbiamo guardare sempre avanti, alle evoluzioni future: abbiamo già frequentato il corso per riparare le macchine ibride, poi arriveranno quelle a idrogeno. Il nostro lavoro si evolve: se quarant’anni fa si aggiustava tutto e tutto era saldato, ora si tende a sostituire i pezzi, e si lavora molto con l’elettronica”. Ci spiegano che ora è aumentata la gamma dei servizi offerti: “i nostri clienti sanno di poter contare su di noi per reperibilità 24 ore, auto di cortesia, riparazione di tutti i tipi di auto, comprese le vetture d’epoca, supporto nella gestione dei sinistri, ricarica dell’aria condizionata… il tutto con la garanzia di puntualità, precisione e affidabilità”. Lavorare in questo ambito permette di avere un osservatorio privilegiato anche su quella che è la sicurezza stradale e i comportamenti degli automobilisti: “ora le vetture sono tanto

più sicure – ci spiega Andrea –, le strade sono molto più trafficate di una volta, ma c’è anche maggiore consapevolezza dei rischi e cultura della sicurezza stradale. I problemi, il più delle volte, derivano dalla fretta e dalla distrazione, soprattutto a causa del cellulare. Ma nel complesso la viabilità è migliorata, le gomme termiche riducono i rischi, come anche i limiti di velocità.” Una storia, in conclusione, che dà molta soddisfazione anche alla CNA, come spiega Mauro Turchi, presidente dell’area territoriale Colline forlivesi: “siamo orgogliosi di avere la carrozzeria Guardi-

gli e Vestrucci come nostra associata: si tratta di una realtà imprenditoriale gestita da belle persone oltre che grandi lavoratori e professionisti seri. Il fatto che entrambi i figli abbiano deciso di seguire le orme dei padri portando avanti la loro attività, e che il passaggio generazionale sia coinciso con il quarantennale dell’azienda, rende questa storia davvero eccezionale. Siamo molto felici di averli potuti supportare fin dalla nascita. Da parte di CNA le più vive congratulazioni per il percorso svolto e i risultati ottenuti, e un grosso in bocca al lupo per la prosecuzione di questa bella avventura!”

IO L’IMPRESA | 15


OPPORTUNITÀ

di Fausto Folti

LA RESPONSABILITÀ SOCIALE D’IMPRESA NEL COMPARTO EDILE Non solo nuovo strumento di marketing ma soprattutto volontà di trasparenza e di condivisione di buone prassi Le storie di cinque imprese associate a CNA che hanno conseguito la certificazione di impresa etica

16 | IO L’IMPRESA

Il comparto edile, in questi anni di crisi, si è ripensato, individuando nuovi spazi di intervento, investendo in formazione e innovazione e adottando anche modalità organizzative capaci sia di ottimizzare la gestione, sia di trasferire all’esterno messaggi positivi per una competizione trasparente e ricercare un rapporto più coeso con la società civile. In questo contesto, è significativo che cinque imprese edili associate a CNA Forlì-Cesena, abbiano partecipato a un percorso gestito dal CISE, azienda speciale della Camera di Commercio della Romagna, incentrato sulla Responsabilità Sociale e abbiano conseguito la Certificazione Impresa Etica assumendo, pertanto, impegni formalizzati. Di seguito, un sintetico parere espresso dagli imprenditori che hanno partecipato al percorso di certificazione. Cosa l’ha spinta ad affron-

tare il tema della Responsabilità Sociale e che valore attribuisce alla Certificazione “Impresa Etica” ottenuta? Villiam Antonelli (Antonelli Edilizia Srl) La responsabilità sociale è sempre stato un valore presente nella nostra attività di impresa, trasmessa nel passaggio generazionale dal fondatore. Il valore della certificazione ottenuta è quello di poter consolidare ed evidenziare verso l’esterno il modo di operare della nostra azienda. Non si tratta, pertanto, solo di provare un elemento differenziante nei confronti di altre imprese ma di possedere la necessaria sensibilità di sentirsi, in qualità di imprenditore, parte attiva di un sistema locale che chiunque dovrebbe cercare di migliorare. Pier Giovanni Balzani (Stylcasa Srl) In tema di responsabilità so-

ciale, tutti concordano sulla correttezza dei principi, salvo verificare che, nella pratica, pochissime imprese ne formalizzano il suo utilizzo. Credo che la propensione alla responsabilità e alla sostenibilità, non derivi da una moda o da una scelta di opportunismo di mercato ma da valori che si possiedono. Noi lo dimostriamo da tempo, mediante l’utilizzo di materiali ecosostenibili e nelle soluzioni che adottiamo per soddisfare sia le aspettative dei clienti, sia il controllo per un corretto impatto ambientale. La certificazione ottenuta rappresenta, quindi, un ulteriore tassello del valore attribuito alla sostenibilità, valore che vogliamo diffondere nei confronti di tutti gli stakeholder. Claudio Bellini (Edilesterni Srl) Il concetto di Impresa Etica, oggi definito da precise regole comportamentali e prassi


La Responsabilità Sociale d’Impresa nel comparto edile

da seguire, credo derivi dalla vecchia concezione in base alla quale si riteneva impresa seria qualsiasi azienda adottasse atteggiamenti legati al rispetto delle regole e delle relazioni tra soggetti economici. Ho sempre creduto in questo modo di operare e, quando si è prospettata l’occasione di iniziare il percorso che ci avrebbe portato alla certificazione Impresa Etica, non ho avuto esitazioni; rendere evidente e formalizzata a terze parti, quella che è una tua consuetudine consolidata, esprime un valore aggiunto al prodotto. Davide Bellini (AT.ED.2 Srl) I valori della nostra azienda sono sempre stati in linea con la responsabilità sociale, per cui riteniamo importante sostenerne i dettami che, di fatto, aiutano le imprese a migliorare, crescere e distinguersi sotto l’aspetto comportamentale.

Per questo, la partecipazione al percorso di certificazione ci ha aiutato a “ordinare” e “catalogare” i nostri atteggiamenti abituali, a renderli conosciuti all’esterno, guadagnando pertanto in immagine grazie alla “trasparenza” del rapporto con tutti i nostri interlocutori. Un altro valore aggiunto è legato all’auspicio che il messaggio etico si allarghi alla intera filiera, per costruire un percorso univoco di aziende che si riconoscono in questi valori. Emilio Moffa (Moffa Emilio) “Impresa Etica” rappresenta uno strumento finalizzato a governare la complessità delle imprese e dei mercati stabilendo, al contempo, il punto di incontro ottimale tra sostenibilità e business. Per noi rappresenta un modo vantaggioso di declinare e adottare i principi della responsabilità sociale, cui attribuiamo

OPPORTUNITÀ

significati che vanno dallo strumento di marketing, in grado di migliorare la reputazione, il valore aziendale e i prodotti, al contrasto della diffusione di pratiche illegali e non sostenibili, fino alla garanzia tra le parti, nelle relazioni economiche. Cinque belle storie, che possono essere d’esempio anche per altri. Le imprese stanno cambiando ma per agganciare stabilmente la debole ripresa in atto serve un cambio di rotta, un nuovo modello di sviluppo basato sulla sostenibilità ambientale, sulla riqualificazione urbana e servono imprese che ci credano. Serve, però, anche un nuovo indirizzo per la pianificazione pubblica, soprattutto su scala territoriale. Un passo ancora: perché, allora, non inserire tra gli elementi premianti nella aggiudicazione degli appalti pubblici, anche la variabile “etica”?

IO L’IMPRESA | 17


UNIONI

di Lorenzo Corallini

AUTOTRASPORTO: CNA FITA CONTRO LA CONCORRENZA SLEALE Lanciata la campagna #stopdumping per contrastare la concorrenza sleale nel settore dell’autotrasporto Imprese penalizzate da comportamenti illeciti che generano un “inquinamento del mercato”

18 | IO L’IMPRESA

CNA Fita Forlì-Cesena lancia l’allarme: il Governo e la politica devono bloccare il tentativo di apertura indiscriminata dei vettori esteri nel territorio nazionale, che praticano forme di concorrenza sleale nei confronti degli autotrasportatori italiani. I dati allarmanti forniti da CNA Fita parlano chiaro; negli ultimi anni l’autotrasporto italiano ha perso importanti quote di mercato, soprattutto per colpa di una concorrenza con la quale è impensabile poter competere. A farne le spese sono state soprattutto le Piccole e Medie Imprese Artigiane dell’autotrasporto che dal 2008 sono diminuite di 25.587 unità (fonte Movimprese – elaborazione dati CNA Fita). Sul fronte forlivese, il calo è stato del 17,8% negli ultimi dieci anni: siamo infatti passati dalle 1.653 aziende del 2010, alle 1.359 attuali. Le imprese di autotrasporto italiane, che fino al 2008 ave-

vano un ruolo importantissimo in Europa, in quasi dieci anni hanno visto perdere competitività e capacità di aggredire il mercato del trasporto internazionale, assistendo, anno dopo anno, a una vera e propria invasione. Sono operatori che stanno occupando importanti spazi nel mercato nazionale, attraverso forme di cabotaggio non sempre regolare e spesso effettuato dalle cosiddette imprese “estero vestite”, ossia imprese italiane che hanno delocalizzato la propria attività nei nuovi paesi emergenti dell’Est. In questi giorni, a Bruxelles, con il dibattito sulle norme contenute nel pacchetto mobilità, si stanno determinando le sorti ed il futuro delle imprese di autotrasporto: per la sopravvivenza delle imprese di un comparto strategico come quello del trasporto e della logistica è necessario che si adottino urgentemente misure in grado di arginare fenomeni distorsivi

della concorrenza. “Non intervenire – sottolinea Daniele Battistini, presidente di CNA Fita Forlì-Cesena – vuol dire mettere l’autotrasporto italiano nelle mani di altri: non possiamo competere con chi, in nome della libera circolazione delle merci, esegue trasporti con un costo del lavoro di 8 euro all’ora, con costi di gestione generalmente più bassi e una tassazione favorevole. Senza dimenticarci delle conseguenze, in termini di sicurezza, legate a questa liberalizzazione selvaggia”. Queste sono le principali ragioni di una mobilitazione nazionale, che coinvolgerà ovviamente anche l’autotrasporto forlivese e cesenate, con l’obiettivo di difendere un settore importante anche dal punto di vista dell’occupazione. Per maggiori informazioni: Lorenzo Corallini, tel. 0547 025429 – email lorenzo.corallini@cnafc.it


Personalizziamo il vostro nastro adesivo da 40 anni Produciamo piccole e grandi quantità Vendita e consulenza di tutti i materiali e le attrezzature per il vostro imballo Nastri adesivi PVC PPL Nastri speciali Nastro carta Pluriball Estensibile Polistirolo Sacchi e sacchetti in plastica Reggia Punti metallici Tendinastri Reggiatrici Carrelli

VEGEZIO SRL LABORATORIO ANALISI

Analisi Chimiche e Microbiologiche

laboratorio accreditato accredia n° 1029

Inserito nell’Elenco Regionale Emilia Romagna dei laboratori - N° iscrizione 008/CE/002 CESENA: Via Romea 1091 - Tel. 0547 332193 Fax. 0547 332134 - www.vegezio.com - vegezlab@tin.it

Analisi Cliniche Veterinarie

Microbiologia e chimica degli alimenti Analisi zootecniche - Analisi merceologiche Ricerca residui anabolizzanti, ormoni e chemioterapici Analisi ambientali Chimica clinica veterinaria Analisi di autocontrollo H.A.C.C.P. Igiene dei prodotti alimentari IO L’IMPRESA | 19


Convenzioni

CONTA SU CNA, CONVIENE.

CONVENZIONI CONVENZIONI CNA 2018 Contenere le spese e mantenere la qualità è la prima esigenza dell’impresa nei momenti di crisi. Per questo oggi, più che mai, le convenzioni di CNA rappresentano un’opportunità concreta. Anche quest’anno la selezione ruota attorno a beni e servizi essenziali per l’impresa, l’imprenditore e la famiglia: salute, benessere, assicurazioni, mobilità, turismo, cultura. E non solo: è ora possibile godere di nuove opportunità per il tempo libero e l’enogastronomia. Un’ampia scelta di vantaggiosi sconti dai migliori fornitori locali e nazionali. Allegata a questo numero di “IO L’impresa” si potrà consultare la guida alle convenzioni 2018, che contengono numerose conferme e alcune inte-

2018

Agevolazioni riservate agli associati.

ressanti novità. Si estende la gamma delle offerte per servizi mirati alla salute: il Centro Odontoiatrico DCC Dental Care Center di Santarcangelo di Romagna, il Laboratorio Analisi e Poliambulatorio Synlab Emilia-Romagna e TecnoAcustica, soluzioni per l’udito. Ma non basta: la Motonave Adriatic Princess III propone alternative per il tempo libero mentre il Caseificio l’Antica Cascina, il Caseificio Mambelli e il Caseificio Pascoli mettono a disposizione le rispettive eccellenze. Per maggiori informazioni è possibile rivolgersi a Veronica Bridi, responsabile comunicazione e marketing CNA ForlìCesena (0543 770317 – veronica. bridi@cnafc.it).

IMPRESA&SERVIZI - Artigiano UNIBOX L@VORO • Dispositivi mobili • Anticipo Indennizzo Elettricista, idraulico, imbianchino, installatore, lattoniere, piastrellista, tappezziere. Qualunque sia la tua attività, con UnipolSai Impresa&Servizi puoi tutelarla al meglio. Con garanzie su misura, assistenza h24 e servizi hi-tech.

rate mensili *

TASSO ZERO

TAN 0% TAEG 0%

TI ASPETTIAMO IN AGENZIA

HO LA SOLUZIONE PER OGNI IMPREVISTO. E I MIEI CLIENTI SONO CONTENTI.

Cerca il punto vendita più vicino a te sul sito www.assicoop.it/romagnafutura

@Romagnafutura @romagnafutura

Igor, tecnico installatore.

*

Pagamento del premio di polizza tramite finanziamento a tasso zero (TAN 0,00%, TAEG 0,00%) di Finitalia S.p.A., da restituire in 5 o 10 rate mensili in base all’importo del premio di polizza (minore o maggiore di € 240,00). Esempio: importo totale del premio € 500,00 – tan 0,00% - Commissioni di acquisto 0,00% - importo totale dovuto dal cliente € 500,00 in 10 rate mensili da € 50 cadauna. Tutti gli oneri del finanziamento saranno a carico di UnipolSai Assicurazioni S.p.A. Operazione

subordinata ad approvazione di Finitalia S.p.A. intermediario finanziario del Gruppo Unipol. Prima di aderire all’iniziativa, consultare le Informazioni europee di base sul credito ai consumatori (SECCI) e l’ulteriore documentazione prevista dalla legge disponibili in Agenzia e sul sito www.finitaliaspa. it. Offerta valida sino al 31.12.2017 soggetta a limitazioni. Per tutti i dettagli e per verificare quali sono le polizze disponibili con il finanziamento a tasso zero rivolgersi all’Agenzia. Messaggio pubblicitario. Prima della sottoscrizione della polizza leggere il Fascicolo Informativo disponibile in agenzia e sul sito www.unipolsai.it.

20 | IO L’IMPRESA


RICETTA DEL MESE

LA RICETTA DI… PIZZA PLANET CESENATICO Gusto ed esclusività con il pizzaiolo Carmine Napolitano PIZZA DELL’ARIETE CON CIPOLLA DI TROPEA Ingredienti • Base per pizza 250 g • Salsa di pomodori pelati • Olio marinato con aglio e prezzemolo

Procedimento Stendere la base della pizza, preparata e ben lievitata precedentemente, farcirla con una doppia razione di pomodoro condito con olio marinato con aglio e prezzemolo, aggiungere piccoli pezzi di salsiccia su un letto di cipolla rossa tagliata sottile e un pizzico di origano.

• Salsiccia fresca • Cipolla rossa di tropea • Bufala campana doc • Origano e basilico

Si può procedere ad infornarla. Quando la pizza è quasi a fine cottura, estrarla e farcirla con straccetti di mozzarella di bufala campana; infornare per circa 30 secondi e poi impiattare. Per terminare, 3 foglioline di basilico e la pizza è pronta.

PIZZA PLANET Una piccola catena di pizzerie d’asporto con quattro punti vendita gestite da Carmine, napoletano di nascita, che nel 2004 a 22 anni ha aperto la prima pizzeria a Cesenatico, in via Montaletto 155. Forte della propria esperienza e grazie a giovani collaboratori prosegue nella diffusione di passione e tradizione, freschezza e qualità del prodotto. Pizza planet si trova anche a: Cannucceto, Villalta, Villamarina e Calabrina Per informazioni: www.pizzaplanetdacarmine.it 054780620

IO L’IMPRESA | 21


BACHECA

Gli annunci vanno inviati a: redazione@cnafc.it

ANNUNCI GRATUITI VENDESI mobili antichi (comò, credenze, etc.) a modico prezzo. Per informazioni telefonare Prandini Alberto (cell. 346 3658356 – tel. 0543 33441). VENDESI bancone da lavoro in legno altezza cm. 90, lunghezza cm. 275, larghezza cm. 110, trovasi in zona Viserba. Per info 346 1864471 VENDESI negozio uso commerciale di mq. 50 + mq. 100 di magazzino seminterrato, Forlì, zona S. Maria Del Fiore, Via Ravegnana, 2 vetrine e impianti autonomi, classe energetica E. Euro 75.000,00. Telefono Ufficio 0543/795665. AFFITTASI negozio/laboratorio a Cesena, via Cesenatico 1691, di mq. 43. Chiamare Franco Valzania al numero 0547 30108 CERCASI NUOVO GERENTE per negozio di PARRUCCHIERA a Forlì in zona stadio. Già arredato. Per informazioni: 340 4003395 CEDESI per motivi personali negozio di parrucchiera a Cesena zona centro, attività ben avviata; locale arredato. Affitto ottimo. Contatto al numero 347 3105029

Sei interessato a promuovere la tua attività su IO L’Impresa? Chiedi informazioni a Sandro Fabbri sandro.fabbri@cnafc.it – 340 0615763

Servizi Forlì-Cesena CNA SERVIZI FORLÌ-CESENA: ATTESTAZIONE DI AVVENUTA REVISIONE

Ai sensi dell’art. 17 del Decreto Legislativo del 02.08.2002 n. 220 si provvede a comunicare ai Soci che, per il Bienno di Revisione 2017-2018, la Cooperativa è stata revisionata per l’anno 2017 in data 19.01.2018. In base alle risultanze delle verifiche, la Cooperativa deve considerarsi a Mutualità Prevalente, come risulta dall’Attestazione di Revisione datata 19.02.2018 e conservata agli atti della Cooperativa.

RISTORANTE

’ oro l

‘ da

Andrea Lombini

C

M

Y

CM

MY

Assistenza Tecnica su ogni marca e modello

Ricambi Originali disponibili sempre

Ti aspetta a Predappio!

CY

CMY

K

Se non lo provi non sai cosa ti perdi!

Via Roma, 51 - PRedaPPio (FC) (100 mt. prima del paese)

22 | IO L’IMPRESA

0543 922388 - 349 2855603 - da.loro.ristorante@gmail.com


Pest Control

Bonavita servizi è in grado di elaborare piani di gestione delle infestazioni nel pieno rispetto dei requisiti cogenti previsti dalla normativa vigente. Il servizio di Pest Control è così articolato:

Cleaning

Manutenzione del Verde Bonavita Servizi srl si occupa della manutenzione, progettazione e realizzazione delle aree verdi;

• POTATURA E ABBATTIMENTO di alberi con piattaforma aerea mt. 21 • SFALCIO ERBA anche con braccio idraulico dotato • Disinfestazione di insetti striscianti di trincia mt. 1,20 e volanti (blattoidei, mosche, moscerini, zanzare, vespe, ecc...) • DISERBO contro erbe infestanti • Derattizzazione (topi e ratti)

• Lotta biologica e integrata • Allontanamento volatili • Ispezioni e indagini approfondite • Redazione di manuali HACCP Le nostre certificazioni:

I nostri tecnici specializzati con l’ausilio di attrezzature all’avanguardia svolgono attività di pulizia civile ed industriale, lavaggio vetri nonchè sanificazione di: • uffici • capannoni • mostre e/o showroom • palazzi storici

• TRATTAMENTI FITOSANITARI per la tutela delle alberature da parassiti anche tramite ENDOTERAPIA per minor impatto ambientale

Via Monte del Pozzo n. 9 San Lorenzo in Noceto 47121 Forlì (FC)

• PROGETTAZIONE E REALIZZAZIONE di aree verdi, parchi, giardini e messa a dimora di piante anche ad alto fusto.

Tel: 0543/488533 Fax 0543/417098 Mail: info@bonavitaservizisrl.com

È la qualità che fa la differenza!

Oasi polifunzionale per la terza età

65 10

posti letto residenziali posti in centro diurno

ACCOGLIENZA • Anziani parzialmente o totalmente non autosufficienti • Pazienti dimessi da ospedale affetti da malattie invalidanti o da esiti da frattura • Pazienti che presentano problematiche afferenti alla demenza SERVIZI OFFERTI • Assistenza tutelare e infermieristica 24 ore su 24 • Assistenza giornaliera medica e riabilitativa • Terapia occupazionale PREDAPPIO: Via S. Demetrio, 35 Tel: 0543 921345 | Fax: 0543 921021 | info@residenzaigirasoli.com | www. residenzaigirasoli.com IO L’IMPRESA | 23


Scegli la nostra formula senza pensieri

Noleggia I nostri veicoli commerciali

GROUP

GRANDI PRESTAZIONI

La solida struttura e le ridotte dimensioni si adattano al trasporto di carichi pesanti anche per le strade cittadine. Disponibile nelle versioni con cassone ribaltabile, van, cella frigo e tanti allestimenti in base alle esigenze della tua azienda.

SENZA PENSIERI

Noleggiare significa abbattere costi d’acquisto e di gestione del veicolo. In più hai a disposizione l’assistenza continua da parte dei nostri uffici e la manutenzione per un mezzo sempre in ottime condizioni. Nessuna presa di RCA e nessun bollo, solo il canone di noleggio.

ELETTRICO

La versione elettrica dei nostri veicoli commerciali è la scelta più green per la tua azienda. Rispetti l’ambiente con zero emissioni e risparmi sul costo del carburante.

CONVENZIONI CNA

Per tutti i soci CNA agevolazioni e sconti su misura. Vieni a trovarci presso la nostra sede di Cesena e insieme studieremo la soluzione più adatta ai tuoi bisogni.

Vieni a trovarci presso la nostra sede di Cesena in via Mattioli 186 o chiama lo 0547 317634 www.ecolynecom.it

info@ecolynecom.it

IO L'Impresa - Marzo 2018  
IO L'Impresa - Marzo 2018  
Advertisement