Page 1

www.pd.cna.it N. 12 - dicembre 2013

2013 insieme nelle difficoltà

2014 insieme per ripartire

CONVINTI

N° 12 dicembre 2013.

Sped. in abb. postale, quindicinale. Poste Italiane SpA Sped. in abb. postale D.L. 353/2003 (convertito in legge 27/02/2004 n°46) art. 1, comma 1, NE/PD, reg. Tib. Pd, 987/12.01.87


Il credito da chi vi dà credito

PERCHÉ È UN CREDITO FATTO A MISURA D’IMPRESA Chi siamo

I servizi

Sviluppo Artigiano è un Consorzio Fidi iscritto nell’elenco speciale degli Intermediari finanziari previsto dall’art. 107 del Testo unico Bancario (TUB). In quanto tale è soggetto alla vigilanza della Banca d’Italia. Per questo il sistema bancario e finanziario attribuisce valore alle garanzie rilasciate da Sviluppo Artigiano in quanto riconosciute valide ai fini di Basilea 2 e 3.

Le garanzie si applicano alle operazioni sia di breve (affidamento di conto corrente, sbf, anticipo fatture, ecc.) che di medio/lungo termine (mutui chirografari e ipotecari) e alle operazioni di leasing. La garanzia è concessa, di norma, nella misura del 50% del finanziamento concesso. Sviluppo Artigiano assiste le imprese nella prestazione di garanzie e nella predisposizione delle domande di accesso alle agevolazioni regionali.

Strada Battaglia 29 t. 049 686293

le nostre sedi di CNA

Via Versori t. 0429 2696

Roncaglia

Via Marconi 47 t. 049 719811

Cadoneghe

Monselice

S. Martino di Lupari

Camposampiero

Montagnana

Selvazzano Dentro

Casale di Scodosia

Padova Est

Solesino

Cittadella

Piove di Sacco

Conselve

Piombino Dese

Piazzale Castagnara 29 t. 049 702155

CONTATTA

Este

Borgo Padova 17 t. 049 5791600

Via Campolongo 72 t. 0429 87335 Via Palladio 32 t. 049 9402222

Via Castello (Mulini Center) t. 049 5385472-5352339

Via C. Colombo 75/D t. 0429 782222 Via San Zeno 13 t. 0429 82478 Via Savelli 128 t. 049 8071599

Via Gaspare Diziani 10/1 t. 049 5953042

Padova

Via Savelli 130 t. 049 8074662 f. 049 8073767 credito@pd.cna.it www.sviluppoartigiano.it

Via G. La Pira 12 t. 049 638754 Via Sottoprà 24 t. 0429 709888

Via Meucci 30 t. 049 5841300

Via Dante 17/III° t. 049 9366652

yges.com

Albignasego


{

}

EDITORIALE

Cari imprenditori,

Matteo Rettore

SOMMARIO

Segretario CNA Padova

③ Editoriale

2013 insieme nelle difficoltà 2014 insieme per ripartire Convinti!

④ Fisco&Co

Tante novità e quante complicazioni

⑥ Scuola&Lavoro

Portiamo le scuole nelle aziende

⑧ Imprenditrici IN ONDA

Da Mara a Mara ...

⑨ Unione Benessere

Abusivismo, nuove norme e nuove prassi...

⑩ Agevolazioni

SISTRI. Sanzioni sospese per 10 mesi Ambiente&Sicurezza

Emissioni in atsmosfera. Autorizazzioni entro il 31.12.2013 ⑪ PhotoGallery

Padova. CNA Eventi 2013 ⑭ Chi non sceglie il "regolare" fa un abuso... N° 8 giugno 2013.

Sped. in abb. postale, quindicinale. Poste Italiane SpA Sped. in abb. postale D.L. 353/2003 (convertito in legge 27/02/2004 n°46) art. 1, comma 1, NE/PD, reg. Tib. Pd, 987/12.01.87

Direttore Responsabile: Silvia Veronese. Editore: CNA Padova, via Croce Rossa 56, 35129 Padova, NUMERO REPERTORIO ROC, in attesa di registrazione. Redazione: via croce Rossa 56, 35129 Padova. t. 049 8062233. f. 049 8062200, ufficiostampa@pd.cna.it. Stampato da: Grafiche Corrà, Vr Impaginazione: YGES IT - yges.com

si sta per chiudere un anno molto difficile. Era iniziato con la speranza che potesse essere il primo anno di una ripresa economica necessaria al Paese e alle imprese. Avevamo auspicato si realizzasse un quadro istituzionale e politico più stabile, avevamo sperato nelle riforme del nostro sistema economico e politico. Poco o nulla di tutto questo si è realizzato. La ripresa non c’è stata e anzi è cresciuta in noi la consapevolezza che ci aspettano ancora lunghi mesi di difficoltà dettate dal debito pubblico che grava sul Paese e dalla difficile congiuntura internazionale. Il quadro politico permane instabile e questo non permette scelte strategiche e consolidate. I nodi del nostro sistema produttivo (credito, energia, costo del lavoro e tassazione) rimangono irrisolti. Si intravvedono dei timidi segnali che però non permettono un rilancio della nostra economia. Dobbiamo anche noi riflettere su come debba cambiare il tessuto produttivo dell’artigianato. Nel futuro ci sarà spazio per meno imprese, più robuste, più professionali e capaci di reggere una concorrenza sempre più forte. Dobbiamo capire che solo facendo rete, aggregazione e crescita dimensionale possiamo vincere le sfide del futuro. Vale per le imprese e anche per le associazioni. Il 2014 sarà un anno di ristrutturazione del nostro sistema e di scelte decisive. Auguro a tutti voi serene feste e un buon 2014.

Matteo Rettore

Il Segretario provinciale

Cari imprenditori, il 2013 si avvia a concludersi. È stato un anno importante per la nostra associazione provinciale che è stata impegnata nel rinnovo della Camera di Commercio che ha visto l’elezione di Zilio e il “nostro” Sergio Gelain diventare Vicepresidente. Si tratta di un importante successo per la nostra associazione che vede riconosciuta la propria rappresentanza nella casa delle imprese. L’anno che sta per finire è stato segnato da molte difficoltà delle nostre imprese associate. Difficoltà che a volte sono sfociate in drammatici gesti che ci invitano a ricordare alcuni colleghi che oggi non ci sono più. L’associazione sta cercando di difendere e sostenere il maggior numero di imprese, ma non è facile. Sta cambiando il mondo e molte delle nostre certezze vengono meno. Non vuole però venire meno il nostro lavoro e la passione che riponiamo nelle nostre aziende. In questo l’associazione ci deve essere vicina. Nel corso del 2013 abbiamo avviato molte importanti iniziative sul tema dell’energia, dell’edilizia e dell’impiantistica (la collaborazione con Casaclima), nella lotta all’abusivismo in estetica e acconciatura, sui temi dell’Europa e della futura programmazione comunitaria e tanto altro. Si tratta di iniziative che provano a segnare il futuro dell’associazione: capace di fare sindacato, ma anche di dare valore e utilità alle imprese associate; combattiva sul fronte istituzionale e capace di erogare servizi di qualità agli associati. Nel 2014 dovremo pensare a cambiamenti strutturali anche in CNA di Padova. Non possiamo pensare di funzionare come vent’anni fa. Il 2014 sarà anche l’anno del nostro congresso e di rinnovo della presidenza. Ci aspettano sfide importanti, cerchiamo di vincerle! Auguro a voi e alle vostre famiglie un buon Natale e un felice anno nuovo.

Guerrino Gastaldi

Il presidente provinciale PMI } giugno 2013

3


TANTE NOVITÀ E QUANTE COMPLICAZIONI!

}

Dall'imposta di registro all'Iva al 22%, dalla proroga dello “spesometro” al saldo IMU... Mettiamoci il cuore in pace e “impariamo” le novità fiscali entrate in vigore dal mese scorso. L’imposta di registro per i trasferimenti immobiliari dal 2014: A decorrere dal 2014 l’imposta di registro si applica nella misura del: ›› -2% sui trasferimenti a titolo oneroso di case di abitazione aventi i requisiti “prima casa” (ad eccezione di quelle considerate “di lusso” di cui alle categorie: A/1, A/8 e A/9); ›› -9% sugli altri atti di trasferimento a titolo oneroso della proprietà di beni immobili in genere, sugli atti traslativi o costitutivi di diritti reali immobiliari di godimento (esempio: usufrutto), compresi la rinuncia agli stessi. I trasferimenti a titolo oneroso di immobili (comprese le abitazioni) sono esenti da imposta di bollo, da tributi speciali catastali e tasse ipotecarie, mentre le imposte ipocatastali sono dovute nella misura fissa di € 50. Di conseguenza relativamente agli atti di trasferimento immobiliare soggetti all’imposta di registro nella misura proporzionale (2% - 9%) è dovuta l’imposta ipotecaria e catastale pari a € 50,00 ciascuna. Imposta di registro e ipocatastale “fissa” A decorrere dal 2014 “aumenta” invece l’imposta fissa di registro e ipocatastali che da € 168,00 passa a € 200,00. Tale aumento non riguarda solo gli atti di trasferimento immobiliare soggetti ad iva ma anche, ad esempio, gli atti societari (atto costituivo, modifiche di statuto, atti e contratti in genere as-

4

a cura di Giuliana Cappellesso Responsabile fiscale

soggettati a registrazione). Aliquota Iva al 22% da 1° ottobre 2013 Dal 1° ottobre 2013 l’imposta IVA ordinaria è aumentata dal 21% al 22%. A tal fine per determinare la corretta aliquota da applicare (21% o 22%) per le cessioni di beni o per le prestazioni di servizi, avvenute nel periodo di passaggio dell’aliquota, è necessario individuare con precisione il “momento” fiscalmente rilevante dell’operazione, ai fini iva. Per le cessioni di beni mobili il momento rilevante è “la consegna del bene” (il bene consegnato il 30 settembre è soggetto ad iva 21% ancorché la fattura venga emessa successivamente). Per le cessioni di beni immobili il momento rilevate ai fini iva è la data di stipulazione del contratto. Per le prestazioni di servizi il momento rilevante è il pagamento del corrispettivo, indipendentemente dal momento di ultimazione della prestazione stessa. Il pagamento di “acconti” comporta l’obbligo di emettere la fattura in quanto “sorge” il momento imponibile ai fini iva (limitatamente all’importo dell’acconto pagato). Qualora nella fase di prima applicazione, ragioni di ordine tecnico impediscano di adeguare in modo rapido i software per fatturazione e i misuratori fiscali, la regolarizzazione delle operazioni emesse con iva al 21% (anziché 22%) potrà avvenire entro i seguenti termini: ›› -se contribuente soggetto a liquidazione Iva mensile: ottobre/no-

vembre entro il 27.12; dicembre entro il 16.03.2014; ›› -se contribuente trimestrale: quarto trimestre entro il 16.03.2014. Entro tali termine sarà possibile “regolarizzare” versando la maggiore iva a debito incrementata degli interessi, senza applicazione di sanzioni. È utile ricordare che sono rimaste invariate le aliquote iva ridotte del 4% e del 10%. Cartelle di pagamento e rateizzazione straordinaria È stato pubblicato il DM 6.11.2013 (Gazzetta ufficiale dell’8.11.2013) che ha dato attuazione alla disposizione in materia di riscossione, introdotta dal “Decreto Del Fare”, sulla rateizzazione straordinaria delle cartelle di pagamento presso Equitalia. Il quadro della “rateizzazione” concessa al contribuente è ora il seguente: ›› fino ad un massimo di 72 rate mensili, in caso di temporanea situazione di obiettiva difficoltà; ›› fino ad ulteriori 72 rate mensili, in caso di comprovato peggioramento della situazione di obiettiva difficoltà posta a base della concessione della prima dilazione; può essere estesa fino a 120 rate mensili qualora lo stesso contribuente si trovi, per ragioni estranee alla propria responsabilità, in una comprovata e grave situazione di difficoltà legata alla congiuntura economica.

continua pag. 5

{ Fisco&Co


Cartelle di pagamento e le compensazioni “ammesse” dei crediti tributari e commerciali nei confronti della pubblica amministrazione I debiti tributari, previdenziali ed assistenziali, risultanti da cartelle di pagamento, già notificate, possono essere PAGATE interamente o parzialmente anche attraverso la cosiddetta “compensazione” con crediti tributari “disponibili” (esempio: credito IVA emergente da Dichiarazione IVA annuale già trasmessa all’Amministrazione Finanziaria; credito IRPEF emergente da UNICO già trasmesso all’Amministrazione Finanziaria; credito IRAP emergente da Dichiarazione Irap già trasmessa all’Amministrazione Finanziaria) seguendo le modalità operative indicate dall’apposito DM del 10.02.2011 (Presentazione modello F24 Accise utilizzando il codice tributo “RUOL”; se il credito utilizzato compensa parzialmente la cartella di pagamento notificata, è necessaria la preventiva comunicazione all’Agente della riscossione). Se la cartella di pagamento è stata notificata entro il 31.12.2012, il pagamento può avvenire anche attraverso la compensazione di: ›› crediti commerciali non prescritti, certi, liquidi ed esigibili relativi a somministrazioni, forniture ed appalti con lo Stato, gli enti pubblici nazionali, le regioni, gli

enti locali o gli entri del SSN; in tal caso il titolare del credito deve acquisire la certificazione del credito seguendo le modalità previste dal DM 25.06.2012). C’è da sottolineare che il debito erariale risultante da una cartella di pagamento è maggiorato, oltre che degli interessi, anche della specifica sanzione pari al 30% dell’ammontare dell’imposta non versata. La proroga della spedizione dello “Spesometro” (elenchi clienti e fornitori 2012) A pochi giorni dalla scadenza del primo termine di trasmissione telematico dello Spesometro 2012, prevista per: ›› 12 novembre 2013 (contribuenti con liquidazione iva mensile); ›› 21 novembre 2013 (per i contribuenti con liquidazione iva trimestrale). L’Agenzia delle Entrate comunica che l presentazione può essere effettuata entro il 31 gennaio 2014. Acconti di imposta del 30 novembre 2013 (scadenza 2 dicembre 2013) Entro Lunedì 2 Dicembre 2013 (il 30 novembre cade di sabato) va effettuato il versamento del secondo acconto delle imposte relative al reddito e all’irap e contributi, dovuti per l’anno di imposta 2013 (da dichiarare in Unico/Irap 2014). Il DL 76/2013 (cosiddetto Decreto lavoro) ha aumentato la misura degli acconti, che diventa: ›› per le persone fisiche, a decorrere dal 2013, l’acconto irepf (nonchè IRAP) passa dal 99% al 100%; ›› per i soggetti Ires, l’acconti Ires ed Irap, per il 2013 passa dal 100% al 101% (poi dal 2014 torna al 100%). Si ricorda che ai fini della determinazione dell’acconto dovuto è possibile utilizzare, alternativamente, il metodo storico o il metodo previsionale. Metodo storico: è determinato in base al risultato dell’ultima “Di-

chiarazione” presentata (Unico/ Irap 2013 anno di imposta 2012) . Metodo previsionale: se si presume di conseguire un reddito inferiore rispetto al 2012 è consentito di effettuare il versamento degli acconti in misura inferiore ovvero non effettuare alcun versamento. Se la previsione risultasse errata (reddito presunto inferiore al reddito effettivo) è applicabile la sanzione per insufficiente versamento (pari al 30%); l’insufficiente versamento è sanabile con l’istituto del ravvedimento operoso. Acconti cedolare secca 2013: l’acconto è dovuto nella misura del 95% dell’imposta dovuta per l’anno precedente. Possibile ulteriore incremento degli acconti 2013: la legge n. 124 del 28.10.2013 (legge di conversione del Decreto “IMU” 31.08.2013) ha previsto che “entro il mese di novembre 2013” il Ministero dell’Economia e Finanze (MEF) potrà stabilire l’aumento della misura degli acconti se con le misure finalizzate alla copertura finanziaria delle disposizioni introdotte dallo stesso Decreto non si raggiungono gli obiettivi previsti. Saldo IMU del 16 Dicembre 2013 E’ stata “abolita” la prima rata IMU 2013 per gli immobili adibiti ad abitazione principale e relative pertinenze (con eccezione per le case di lusso di cui alle categorie catastali: A/1 – A/8 – A/9), nonché per i terreni agricoli e fabbricati rurali. È stata abolita la seconda rata IMU 2013 relativamente ai cosiddetti “immobili merce” ossia ai fabbricati costruiti e destinati dall’impresa alla vendita, fintanto che permane tale destinazione e non siano in ogni caso locati (l’IMU resta comunque dovuta fino al 30.06.2013). Il possesso dei requisiti per l’agevolazione è subordinato alla presentazione , da parte del soggetto interessato, di una dichiarazione IMU con gli identificativi catastali degli immobili cui il be-

PMI } giugno 2013

continua pag. 6

continua da pag. 4

A tal fine la comprovata e grave situazione di difficoltà si verifica qualora ricorrano congiuntamente le seguenti due condizioni: 1. accertata impossibilità per il contribuente di assolvere il pagamento del credito tributario secondo un piano di rateazione ordinario; 2. solvibilità del contribuente, valutata in relazione al piano di rateazione concedibile. (si ricorda che la decadenza dal beneficio della rateazione è ora prevista in caso di omesso pagamento di 8 rate anche non consecutive, anziché 2).

5


{ continua da pag. 5

neficio si applica. La suddetta “dichiarazione” va presentata, a pena di decadenza dai benefici, entro il termine ordinario per la presentazione delle dichiarazioni di variazione relative all’IMU (ossia per il 2013 entro il 30 giungo 2014) utilizzando il modello di “Dichiarazione IMU” opportunamente adattato con apposito DM. Delibere IMU per il 2013: il Comune ha tempo fino al 30 novembre 2013 per l’approvazione del proprio bilancio di previsione 2013. Le delibere e i regolamenti comunali acquistano efficacia con la loro pubblicazione nel sito del Comune che potrà avvenire entro il 9 dicembre 2013. Il termine per il pagamento della saldo IMU 2013 è fissato entro il 16 dicembre 2013. Provvedimento Banca d’Italia: i controlli sulle operazioni effettuate impiegando denaro contante di importo superiore a € 2.500 Dal 1° gennaio 2014, gli intermediari finanziari (Banche/Poste) sono obbligate ad operare un’adeguata verifica nei confronti dei soggetti che effettuano: depositi / prelievi / ed operazioni di pagamento per importi unitari superiori a 2.500 euro a condizione che tale limite sia superato con l’impiego di banconote di taglio pari a € 200 o 500. L’utilizzo di banconote di “grosso taglio”, sostiene la Banca d’Italia, presenta un maggior rischio di riciclaggio e/o finanziamento al terrorismo poiché favorisce transazioni finanziarie che NON sono tracciabili. L’adeguata verifica che deve porre in essere la banca/posta consiste nelle seguenti attività: ›› identificazione del cliente e dell’eventuale esecutore; ›› identificazione dell’eventuale titolare effettivo; ›› verifica dell’identità del cliente, dell’eventuale esecutore e dell’eventuale titolare effettivo sulla base di documenti, dati o

6

informazioni ottenuti da una fonte affidabile ed indipendente; ›› acquisizione di informazioni sullo scopo e sulla natura prevista del rapporto continuativo e, quando rilevi secondo un approccio basato sul rischio dell’operazione occasionale; ›› esercizio di un controllo costante nel corso del rapporto continuativo. In particolare, gli intermediari finanziari devono approfondire le ragioni di tale operatività da parte del cliente, al fine di escludere la connessione con fenomeni di riciclaggio. In mancanza di ragionevoli motivazioni, gli intermediari possono astenersi dell’effettuazione dell’operazione e/o prosecuzione del rapporto continuativo già in essere, valutando se inviare una segnalazione di operazione sospetta. Dal 1° gennaio 2014 scatta l’attivazione del POS “generalizzato” Con il Decreto “Salva Italia” (n. 201/2011) è stato introdotto il divieto di effettuare pagamenti in denaro contante tra soggetti diversi in un’unica soluzione di importo pari o superiore a € 1.000. Con il Decreto Crescita n. 179/2012 è stata introdotta una specifica disposizione finalizzata alla diffusione dell’utilizzo degli strumenti elettronici di pagamento, che impone degli obblighi dal 1° gennaio 2014. Viene infatti previsto quanto segue: “a decorrere dal 1° gennaio 2014 i soggetti che effettuano l’attività di vendita di prodotti e di prestazione di servizi, anche professionali, sono tenuti ad accettare anche pagamenti effettuati attraverso carte di debito”. Per effetto di tale disposizione i commercianti, i prestatori di servizi (pubblici esercizi, carrozzieri, barbieri, saloni di bellezza, società di servizi, ecc….) e gli studi professionali (avvocati, ingegneri, geometri, ecc…) dovranno dotarsi dall’1.01.2014 del POS per consentire al cliente di pagare il bene

Scuola&Lavoro

}

CNA Padova. Lezioni d’impresa alla Don Milani

PORTIAMO LE SCUOLE NELLE AZIENDE Anche quest’anno grande successo per l’iniziativa organizzata dalla CNA di Cadoneghe che ha coinvolto gli allievi della scuola media Don Milani. Bellissime le relazioni degli alunni pervenute alla nostra redazione! Un immenso grazie a tutti gli studenti delle seconde della Don Milani e ai loro insegnanti. Vi diamo un assaggio pubblicando uno scritto estratto a sorte. Grazie anche al presidente Matteo Massarotto che da anni si impegna a ravvivare questa importante iniziativa. (vedi foto a pag 11) Don Milani, Seconda G Cadoneghe, 21 maggio 2013 visita all’azienda UNOX La visita all’azienda UNOX che produce forni per pasticcerie, bar e ristoranti, è stata molto interessante. Il luogo è semplice con un design impostato sui colori bianco e nero. Ricorda un po’ l’Ikea. Nello stesso tempo l’ho trovata interessante e affascinante. La facciata dell’edificio con gli uffici, è in vetro con una pavimentazione grigia. All’interno ci sono delle pareti di vetro e dei piedistalli su cui sono stati sistemati dei grandi forni protetti da una grande teca di vetro. Vicino ai forni c’erano dei cubi in gomma piuma rivestiti in pelle bianca. Alle pareti era attaccata una televisione. La guida che ci è stata assegnata, per prima cosa ci ha portato nella sala riunioni più grande e con il supporto di un proiettore ci ha fatto vedere come funzionava l’azienda. In seguito ci ha portato in fabbrica e ci ha mostrato i macchinari e ci ha fatto vedere la loro funzione. È stata un’esperienza entusiasmante e interessante.

acquistato/servizio ricevuto tramite bancomat (va detto che il Decreto non ha previsto alcun tipo di sanzione in capo ai soggetti he omettono di dotarsi di POS). L’utilizzo di detti strumenti è prassi consolidata in molti esercizi commerciali; la novità riguarda l’estensione generalizzata ai soggetti che prestano “servizi” ed in particolare ai professionisti. Va segnalato che il Decreto Crescita dispone espressamente che con “uno o più decreti” verranno disciplinate le modalità di attuazione di detto obbligo (anche in relazione agli eventuali importi minimi ed ai soggetti interessati). ●


{ Superata soglia di 100 aziende aderenti APE A TUTTO... "LUCE&GAS"

}

Campagna acquisto energia elettrica e gas naturale anno 2014 CNA Padova e il suo nuovo consorzio APE per la fornitura di gas&luce, tracciano un resoconto dei primi sei mesi di attività. Si è conclusa la fase del “bando di gara” cominciata all’inizio del mese di novembre con le richieste delle offerte ai principali operatori del mercato. Al termine delle trattative il fornitore scelto è stato AXPO ITALIA S.P.A. che ha fornito il miglior prezzo assoluto sia per l’Energia Elettrica che per il Gas e che ha credenziali di correttezza in merito al servizio reso. I contratti sottoscritti sono a PREZZO FISSO con valori stabili sulle due materie prime, per tutto il 2014 relativamente alla “componente energia” oggetto di trattativa (ovvero il 50/55% del costo totale sostenuto in bolletta). Non so-

no incluse in questi valori: -- le perdite di energia -- le componenti tariffarie stabilite dall’A.E.E.G. -- gli oneri di dispacciamento e trasporto -- l’IVA e le accise I prezzi applicati sono i seguenti:

-- Energia Elettrica P Ore F1 P Ore F2 P Ore F3 P F0

SCADENZA NUOVE ADESIONI 28/2/2014 Per aderire ci può contattare allo 049-8062211 o via mail a b.sartori@pd.cna.it L’adesione si formalizza con la compilazione e l’invio in originale degli allegati A, B, C, D che potrete scaricare all’indirizzo www.pd.cna.it/ape sezione (in fondo pagina web) “documenti”.

€/MWh 70,80 75,80 55,60 68,65

-- Gas Naturale TP

c€/Smc 32,64

IL CASO CONCRETO

COME EVITARE LE BRUTTE SORPRESE... IN BOLLETTA Un'importante azienda associata alla CNA, nel mandamento di PD Nord, che opera nel settore legno/ arredamento, è incappata nel corso del 2013 in un disservizio grave da parte del fornitore di energia elettrica. Il caso è semplice: per un anno il fornitore ha smesso mandare le fatture/bollette. L'imprenditore ha sollecitato più volte il fornitore richiedendo l'emissione delle fatture, per evitare soprese. Il fornitore ha sempre risposto che le bollette serebbero state inviate con un leggero ritardo ma che non avrebbe dovuto preoccuparsi.

Improvvisamente, l'altro ieri, l'imprenditore ha ricevuto una bolletta unica di 23.000 euro da pagare subito! Il Consorzio APE, nella scelta del fornitore di energia elettrica e gas, ha deciso di non contattare il fornitore in questione proprio perchè oltre al contenimento del prezzo, l'obiettivo di APE è di puntare sulla qualità del servizio, che significa tra le altre cose pretendere una fatturazione mensile e costante, con prezzo fisso, per evitare che le aziende possano incappare in disfuzioni e disagi che compromono

gravemente le possibilità di pagamento e la gestione della liquidità aziendale.

Il coordinatore di AP E, B oris Sart ori

PMI } giugno 2013

7


{ Imprenditrici IN ONDA

DA MARA A MARA…

L’abilità delle mani di Mara Zenna sulla testa della celebre Mara Maionchi. Il caso ha portato in “onda” su Mediaset due donne con lo stesso nome di battesimo e con due forti personalità.

S AR ANNO FAMOS I Diego Dalla Palma con Mara Zenna. Sopra: postazione di lavoro al salone di Mara

Mara Zenna Bella, affascinante, dall’età indefinibile (e ci piace rimanere nel dubbio) anche se quando sottolinea che fa la parrucchiera “regolare” da 40 anni, è intuibile l’età anagrafica…ma non fa testo per Mara Zenna. Lo spirito, l’energia sono davvero di un’altra età! Lei è un’associata storica di CNA. “Sono nata e cresciuta con la CNA sono quarant’anni di “matrimonio” e mi aspetto la medaglia d’oro per fedeltà!” Il 19 ottobre 2013, Mara è volata a Milano, agli studi di RETE 4, protagonista della trasmissione “Come si cambia - celebrity”, la trasmissione dello stilista Diego dalla Palma. A lei l’onore di sistemare la testa di Mara Maionchi. È stato un trionfo davvero. Mara Zenna, da quarant’anni parrucchiera a Tribano, da altrettanti associata CNA e imprenditrice impegnata sempre nell’attività dell’associazione come rappresentante del direttivo della sede Cna di Conselve e da molto attiva nel direttivo provinciale della categoria Benessere, ha fatto centro! Molti messaggi di congratulazione giunti in redazione delle colleghe associate che hanno saputo dell’impresa… quello più significativo: COMPLIMENTI ANCORA MARA! E VAI AVANTI COSÍ… MAGARI PRENDENDO PER MANO ANCHE NOI! SIAMO ORGOGLIOSE DI TE! Come è venuta in contatto con Diego dalla Palma? Da ventiquattro anni seguo la formazione proposta da Intercosmo, la ditta di rifermento dello stilista vicentino. Ci conosciamo da tempo. Giro l’Europa con loro e all’ultimo seminario ho ricevuto l’invito…. questa volta non mi sono potuta dispensare. Mara, lei oltre a corsi tecnicopratici, segue anche altra formazione? Sì, perché nel nostro lavoro non ba-

8

sta saper fare, ma dobbiamo imparare a come farlo e perché. Non basta saper fare benissimo l’ultimo taglio alla moda. Se non impariamo a essere “imprenditrici” vere, non andiamo lontano. L’imprenditrice si deve formare e oggi molte mie colleghe non sono preparate e ne avrebbero un gran bisogno… Da anni seguo corsi di psicologia, di comunicazione, di marketing legato ai servizi e ai prodotti. Non ho mai finito di imparare e devo rimanere aggiornata per capire come adeguare una nuova strategia efficace e soprattutto ATTUALE. Com’è stata la Maionchi? È stata dolcissima, meravigliosa. “Farmi bella e carina…. sarà difficile! Ha esordito quando mi ha vista. È stata soddisfatta e Diego ancora di più. Abbiamo fatto tutto in diretta. Non era ammesso l’errore! Quanto aiuta la professione partecipare a queste iniziative collaterali/formative? Aiuta nella vita, aiuta! Con il cliente perché ci dà valore aggiunto. Ci aiuta a tener duro per lavorare dodici ore senza perdere la pazienza… C’è anche l’altra faccia della medaglia. Soprattutto per noi professionisti che lavoriamo nei piccoli paesi dove la clientela non si è evoluta come nelle grandi città. Per cui la nostra crescita non è proporzionale alle richieste semplici dei paesini che sono rimasti ancorati alle loro origini e tradizioni. Per cui ti senti “di più” e poco valorizzata. Ma dobbiamo saperci gestire e con umiltà, adattarci alle esigenze della clientela abituale… So di certi colleghi in centro a Bologna… hanno gli stessi problemi nostri… tutto il mondo è paese! L’importante è essere diversi dalla massa e dare comunque valore aggiunto al nostro lavoro. Sarà il cliente poi a scegliere.

}


{ Unione Benessere

ABUSIVISMO, NUOVE NORME E BUONA PRASSI…

CNA Padova Unione sanità e benessere si distingue nel contrastare l’abusivismo e nell’offerta di una formazione di altissimo livello. Due anni di proposte, di protocolli d’intesa contro l’abusivismo in estetica/acconciatura, firmati ormai in sei comuni della nostra provincia. Quest’anno è entrata in vigore la nuova legge sui cosmetici. La crisi non dà tregua alle due categorie. La concorrenza sleale piega le nostre aziende. Allora si combattono alcuni fronti, si costruisce un programma per sostenere in questo momento difficile, centri estetici e saloni. Per una figu-

ra professionale qualificata che si distingua. Per formare centri estetici di "serie A"... ci vuole una formazione nuova, diversa, alta, continua. Da qui la collaborazione con l’Università di Padova, Dipartimento di scienze del farmaco e il primo corso che si concluderà a febbraio 2014. Ottanta ore per 14 estetiste tornate ai banchi di scuola. Grazie al TVS SKIN TEST E PROTOCOLLI COSMETICO-PRATICI (così si chiama il corso), si è appreso un nuovo

sistema per misurare in modo facile e non invasivo il valore energetico superficiale della pelle e di correlare questo valore alla funzionalità epidermica, all’indice di idratazione epidermico, alla reattività specifica della pelle e alla sua capacità di recupero dopo un trattamento estetico-cosmetologico e nel tempo. A marzo ne partiranno un secondo di primo livello e un altro avanzato.

Luglio 2013 Padova. La sala dell'incontro sulla nuova legge dei cosmetici. sul tavolo dei relatori da sx, Filippo D'Andrea, Nicoletta Luise, la dottoressa Camilla Dal Bosco e il professor Antonio Bettero del Dipartimento di scienza del farmaco, Università di Padova.

Buone Feste

Un augurio di pace e serenità per le vostre festività

}


{ Ambiente e sicurezza

SISTRI Sanzioni sospese per 10 mesi

La legge 125/2013 di conversione del DL 101/2013 recante “Disposizioni urgenti per il perseguimento di obiettivi di razionalizzazione nelle pubbliche amministrazioni” ha introdotto delle modifiche all’articolo 11 che tratta la Semplificazione e razionalizzazione del sistema di controllo della tracciabilità dei rifiuti (SISTRI). In particolare vengono confermati: 1. l’obbligo di adesione al SISTRI ai soli produttori e gestori di rifiuti pericolosi; 2. l’operatività nei termini già previsti: -- 1 ottobre 2013: enti o imprese che raccolgono o trasportano rifiuti speciali pericolosi a titolo professionale compresi i vettori esteri che effettuano trasporti

di rifiuti all'interno del territorio nazionale o trasporti transfrontalieri in partenza dal territorio; enti o imprese che effettuano operazioni di trattamento, recupero, smaltimento, commercio e intermediazione di rifiuti urbani e speciali pericolosi; nuovi produttori che trattano o producono rifiuti pericolosi (impianti di recupero o smaltimento); -- 3 marzo 2014: produttori iniziali di rifiuti speciali pericolosi nonchè i comuni e le imprese di trasporto dei rifiuti urbani del territorio della regione Campania. 3. la facoltà di aderire su base volontaria per i soggetti che producono o gestiscono rifiuti non pericolosi.

Inoltre viene previsto, in via transitoria, un doppio regime degli adempimenti e delle sanzioni ad essi collegate. Infatti per i primi 10 mesi successivi alla data del 1° ottobre 2013 non si applicano le sanzioni relative al SISTRI e gli operatori saranno tenuti, oltre ad effettuare gli adempimenti del SISTRI, a tenere il registro di carico e scarico, a redigere il formulario per il trasporto dei rifiuti ed a compilare il MUD con le relative sanzioni. •

Per info

ambiente@pd.cna.it t. 049 8062231

{ Ambiente e sicurezza

EMISSIONI IN ATMOSFERA. AUTORIZZAZIONE ENTRO IL 31.12.2013.

Si ricorda che tutti i gestori di impianti e stabilimenti esistenti al 2006, autorizzati ai sensi del D.P.R. 203/1988 e quindi in possesso di Autorizzazione “ordinaria” alle Emissioni in Atmosfera rilasciata in data anteriore al 1° gennaio 2000 (dal 01.07.1988 al 31.12.1999), devono presentare entro il 31.12.2013 domanda di RINNOVO della stessa in base all’art. 281 del D.Lgs 152/06. La mancata presentazione della domanda di adesione nei termini previsti, comporta la decadenza della precedente autorizzazione

10

e l’attività si considera in esercizio senza autorizzazione alle emissioni in atmosfera, con il rischio di pesanti sanzioni. Non devono presentare domanda di aggiornamento dell’autorizzazione le aziende: -- che rientrano nell’ambito dell’Autorizzazione Integrata Ambientale (Titolo II del D.Lgs 152/2006); -- che hanno aderito ad una qualsiasi delle autorizzazioni a carattere generale; -- che sono sottoposte a una modifica sostanziale prima del termine previsto per la presentazione

}

dell’aggiornamento in quanto l’autorità competente procede al rinnovo dell’autorizzazione secondo la normativa vigente; -- la cui autorizzazione è stata predisposta e/o rinnovata ai sensi del D. Lgs. 152/2006.

Per info

ambiente@pd.cna.it t. 049 8062231

}


{ PhotoGallery

}

PADOVA.

CNA EVENTI 2013 Abbiamo riempito le sale, le piazze, le fiere (anche le pagine dei giornali). Tutti i luoghi dove ci siamo presentati con le nostre iniziative 2013. Maggio 2013 Associazione e scuola.

Un binomio che a Cadoneghe sta diventando un appuntamento fisso. Il sindaco Mirko Gastaldon, il presidente Guerrino Gastaldi, il presidente Cna cadoneghe, Matteo Massarotto, il vicesindaco Giovanni Petrino e i ragazzi della Don Milani

Il 2014 dovrà essere anche di più! Non perdetevi nessun appuntamento! "ESSERCI VALE". Marzo 2013. In sede CNA Este

Cna Pensionati alle prese con il corso di computer “A tutto web”.

Tutto l’anno Cna Padova e i suoi imprenditori in prima fila alle conferenze stampa che ha organizzato l'associazione. Dicembre 2013 Il progetto “Costruire sostenibile” ha quest’anno affollato le aule dei nostri seminari.

PMI } giugno 2013

11


Diplomato più.

65 patentini di saldatori e brasatori consegnati nel 2013 nei diversi Istituti tecnici della nostra provincia.

Qui siamo a Este al “Fermi” con il sindaco Giancarlo Piva, il vicepresidente della CCIAA di Padova Sergio Gelain e il presidente della Cna di Este Fabio Vascon. Il preside Francesco Bussi e i docenti della scuola atestina. A destra il collega Federico Ambrosi.

Ottobre 2013

L’incontro EUROPA2020 Padova e il suo territorio nei programmi europei. Come diventare protagonisti della pianificazione comunitaria.

Aprile 2013

La tradizionale fiera padovana dedicata al settore termoidrauilico è stata realizzata in formato ridotto (un solo padiglione), complice la crisi. La competenza in materia di efficienza energetica - atttraverso la formazione professionale - diventa sempre più importante e ottiene la visibilità che negli anni scorsi era di prodotti e tecnologie.

Maggio 2013 Solesino. Iniziativa "Pane vero”


Giugno 2013. Al Centro Tecnologico Veneto con il professor Manuale Dabalà del dipartimento di ingegneria industriale dell’università di Padova i nostri imprenditori attenti alle nuove informazioni teoriche e… alle nuove tecniche di saldatura

Tutti in gara. Novembre 2013 a Solesino per la I Regolare d’auto d’epoca. Il presidente del CAPA Sergio Schiavon, il presidente della Cna di Solesino Giampaolo Longhin e il sindaco di Solesino Roberto Beggiato. Un applauso alle nostre associate inffreddolite ma sorridenti insieme alle colleghe Marina Magrin e Marilena.

APE

Maggio 2013. Il team del nostro consorzio APE: da sx l’ingegner Fabio Vazzola, il presidente Antonio Maniero, Il presiedente Gastaldi e il collega Boris Sartori Maggio 2013. Fuori dagli uffici. Colleghi e imprenditori che hanno aderito all’iniziativa “Camminando sui nostri Colli”. Laboratorio itinerante alla scoperta della storia e della natura dei Colli Euganei a cura del professor Toni Mazzetti

PMI } giugno 2013

13


CHI NON SCEGLIE IL "REGOLARE" FA UN ABUSO... APPROFFITARE DI CHI LAVORA IN MANIERA "SOTTERRANEA" SIGNIFICA DANNEGGIARE IL MERCATO E SCREDITARE LA PROFESSIONALITÀ DI CHI LAVORA RISPETTANDO REGOLE, LEGGI E PAGANDO LE IMPOSTE DOVUTE

Non mettete a rischio l'incolumità della vostra salute Siete sicuri che le persone a cui vi sottoponete per servizi di estetica o acconciatura abbiano i requisiti professionali richiesti dalla legge? Siete certi che i prodotti utilizzati dagli operatori siano a norma? L'11 luglio 2013 è entrata in vigore la nuova legge sui cosmetici che ha modificato le percentuali dei princi-

STOP Al lavoro abusivo in estetica e acconciatura!

pi attivi contenuti nei prodotti cosmetici e ne ha eliminati alcuni. Siete tranquilli che gli strumenti utilizzati siano sterilizzati, lavati o quantomeno monouso? Avete mai pensato che in caso di reazione allergica, danno a persone o cose, non potete rivalervi su nessuno? Siete consapevoli che non risparmiate pagando un servizio estetico o di acconciatura irregolare non tassato nè ivato, inferiore rispetto

ai listini delle attività regolari? Perchè una piega a 15 € o una cerretta a 20 € in negozio su prestazione regolare, lasciano un margine per l'attività stessa di un solo euro! A voi cittadini che versate regolarmente contributi e imposte pagare sottocosto non conviene. Nello stesso tempo sostenete il lavoro sotterraneo, rendendovi complici di evasione fiscale.

STOP

STOP

A coloro che lavorano A coloro che operano senza requisiti facendo servizio professionali e senza a domicilio a terzi rispettare le regole igienico oppure lavorano senza sanitarie autorizzazione nelle civili abitazioni private

ATTENZIONE! Grazie al protocollo di intesa con il comune di Este sarà possibile segnalare quanti operano in modo irregolare al locale Comando di Polizia Municipale personalmente o tramite CNA Padova scrivendo a benessere@pd.cna.it

CNA Padova

14

via Croce Rossa 56 - 35129 Padova t. 049 8062211 - info@pd.cna.it


Voglio gestire meglio la mia attività ma…

…cosa posso fare?

Per potermi regolare,…  Come faccio a sapere, giorno per giorno, se guadagno o perdo?  I prezzi che faccio sono remunerativi? Le promozioni rendono?  I miei costi sono alti? Qual è la produttività dei dipendenti?  Devo aumentare il mio giro d’affari? Come posso fare?  Posso assumere personale? Posso fare investimenti?

Queste ed altre risposte te le dà il servizio

prezioso supporto per le piccole medie aziende

Vuoi saperne di più? Chiamaci per un incontro senza impegno Tel. 0444 183 1238 STUDIO BARALE

Via Vicenza, 19 – Altavilla Vicentina – Tel. 0444 1831238 - vicenza@studiobarale.it - www.studiobarale.it


volantino 6/12:Layout 1

10-12-2013

16:46

Pagina 1

CONSORZIO

PREMIA l’IMPRESA

pubblylive@yahoo.it • este

AZIENDE PER L’ENERGIA

IL CONSORZIO che

ENERGIA...

elettrica e gas

a basso costo DIREZIONE PROVINCIALE 35129 Padova Via Croce Rossa 56 t. 049 8062211 f. 049 8062200 ape@pd.cna.it

www.pd.cna.it

La Piccola e Media Impresa Dicembre 2013  
Read more
Read more
Similar to
Popular now
Just for you