__MAIN_TEXT__
feature-image

Page 1

OV

NU

Domenica NET - MENSILE - ANNO V – N. 10/2020 - Reg. Trib. di Roma nr. 182/2015 del 20 ottobre 2015

Nr. 71 Ottobre 2020

A SERIE

IL BOSCO dEI 100 GUFI > Beato Pino Puglisi

Il Vangelo della domenica a fumetti 11


IL VANGELO dELLA dOMENICA 4 ottobre 4 Domenica Siamo i contadini della tua vigna, Gesù!

11 ottobre 7 Domenica Invitati al matrimonio da Gesù

Cari ragazzi! Siete pronti a ripartire per un nuovo anno? Noi sì e abbiamo preparato per voi tantissime novità, a cominciare dalla nuova serie a fumetti de La Banda di NET! I ragazzi questo mese capiranno quanto importante sia la virtù della prudenza. In un’avventura nel bosco infatti conosceranno nuovi amici e impareranno che è importante essere prudenti. Anche il beato Pino Puglisi, di cui vi racconteremo la storia, ha qualcosa da insegnarci in tema di prudenza. E poi ovviamente, non serve dirlo, mi raccomando di non mancare mai all’appuntamento con la Santa Messa della domenica; come sempre troverete all’inizio di Domenica NET tutti i Vangeli del mese a fumetti e una spiegazione ricca di curiosità e qualche test/missione da compiere. Che dire… ricordate che prego sempre per voi e per le vostre famiglie!

18 ottobre 9 Domenica A Cesare quel che è di Cesare! 25 ottobre 11 Domenica Con Gesù, ogni enigma è risolto La virtù del mese è la

PRUDENZA

IL PROGRAMMA dELLE VIRTÙ Banda di NET 13 La Il bosco dei 100 gufi Virtù 18 Obiettivo I segreti del bosco di Grace 22 IlSeitest prudente?

Con affetto,

Padre T.

della Fede 23 Supereroi Beato Pino Puglisi

Illustrazioni copertina: Cristiano Marchesi Illustrazioni Vangeli: Marco Stefanni Domenica NET Nr. 71 - Ottobre 2020

Pubblicità Luca Trentin

Direttore responsabile: P. Andrea Giustiniani, LC

Editore: Territorio d’Italia della Congregazione dei Legionari di Cristo

Coordinatore editoriale: Emanuele Pica Redazione: Marco Sonseri, Valentina Raffa, Daniele Pisu Impaginazione e grafica: Jacopo Masiero

2

Reg.Trib. di Roma n.182/2015 del 20 ottobre 2015. Associazione Mission Network © Tutti i diritti riservati. Seguici su:

Club NET Corso Vittorio Emanuele II, 126 35123 Padova Tel. 371 1469344 info@amicidinet.it www.amicidinet.it Abbonamento annuale: 24,00 € (10 numeri) Costo copia singola: 2,50 € Per abbonamenti multipli a partire da 11 copie al mese: 1,50 € cad. I prezzi riportati sono da intendersi come contributi volti all’associazione Mission Network.


PADRE T. ANNA

TOMMY LUCY

DIEGO ALEX

MAPPY

Siamo un gruppo di amici uniti dalla passione per la musica e dalla fede. Giriamo l’Italia facendo concerti e le nostre canzoni hanno come tema la gioia di essere amici di Gesù. Ci impegniamo ogni giorno nelle virtù per crescere nell’amore fra di noi e con Lui. ACCOMPAGNANO LE AVVENTURE DELLA BANDA DI NET GRACY

SPARK

VIZ

33


IL VANGELO DELLA DOMENICA

• MATTEO 21,33-43 •

4 ottobre 2020

In quel tempo, Gesù disse ai capi dei sacerdoti e agli anziani del popolo: Ascoltate un’altra parabola: c’era un uomo, che possedeva un terreno e vi piantò una vigna. La circondò con una siepe, vi scavò una buca per il torchio e costruì una torre. La diede in affitto a dei contadini e se ne andò lontano.

Quando arrivò il tempo di raccogliere i frutti, mandò i suoi servi dai contadini a ritirare il raccolto. Ma i contadini presero i servi e uno lo bastonarono, un altro lo uccisero, un altro lo lapidarono.

Mandò di nuovo altri servi, più numerosi dei primi, ma li trattarono allo stesso modo. Da ultimo mandò loro il proprio figlio dicendo:

Avranno rispetto per mio figlio!

4


Ma i contadini, visto il figlio, dissero tra loro:

Costui è l’erede. Su, uccidiamolo e avremo noi la sua eredità!

Lo presero, lo cacciarono fuori dalla vigna e lo uccisero.

Quando verrà dunque il padrone della vigna, che cosa farà a quei contadini?

Quei malvagi, li farà morire miseramente e darà in affitto la vigna ad altri contadini, che gli consegneranno i frutti a suo tempo.

Non avete mai letto nelle Scritture: “La pietra che i costruttori hanno scartato è diventata la pietra d’angolo; questo è stato fatto dal Signore

ed è una meraviglia ai nostri occhi”? Perciò io vi dico: a voi sarà tolto il regno di Dio e sarà dato a un popolo che ne produca i frutti.

55


SIAMO I CONTADINI DELLA TUA VIGNA, GESÙ! Oggi festeggiamo san Francesco d'Assisi che insieme a santa Caterina da Siena è patrono d'Italia. Francesco ha fatto una scelta radicale e profetica per la Chiesa e la società del suo tempo: si è spogliato, sull'esempio di Cristo, di tutto ciò che possedeva, perfino dei vestiti, per vivere in povertà, in un momento storico in cui nella Chiesa c'era un attaccamento esagerato ai beni terreni. La sua festa, ogni anno, è per noi un richiamo a vivere la povertà in senso evangelico. Che cosa vuol dire? Ci dice il Vangelo di Matteo che il Regno di Dio appartiene ai poveri in spirito: poveri sono coloro che si fidano totalmente di Dio, che sanno riconoscere i segni della sua presenza nel mondo. Poveri sono quelli che non si attaccano alle cose: sei povero, in senso evangelico, quando sei pronto a prestare il tuo pallone, il tuo libro preferito, il tuo tempo a un amico che ne ha bisogno! Sei povero quando inviti i compagni di scuola nella tua cameretta e sai che la lasceranno un po' in disordine! Sei povero quando rinunci alla fetta di torta più grossa per lasciarla prendere a tua sorella, quando offri l'ultima caramella che hai in tasca.

Prova a pensare alle scelte di povertà evangelica che puoi fare anche adesso: c'è una cosa cuipuoi rinunciare, solo per oggi? C'è un gioco che puoi condividere con qualcuno?

Affidiamo a san Francesco questo nuovo anno di catechismo!

LO SAPEVI CHE… ? Il Papa attuale è stato il primo a scegliere il nome di Francesco e si chiama così proprio in onore di san Francesco d’Assisi. Nei suoi discorsi, nei suoi scritti, infatti, riprende spesso i temi che erano cari anche a san Francesco: la povertà, la pace (il Papa prega spesso per la fine delle guerre), l’amore e il rispetto per la natura, per il creato in cui Dio ha messo l’uomo come custode.

6


IL VANGELO DELLA DOMENICA In quel tempo, Gesù, riprese a parlare con parabole [ai capi dei sacerdoti e ai farisei] e disse:

• MATTEO 22,1-14 •

11 ottobre 2020

Mandò di nuovo altri servi con quest’ordine:

Il regno dei cieli è simile a un re, che fece una festa di nozze per suo figlio. Egli mandò i suoi servi a chiamare gli invitati alle nozze, ma questi non volevano venire.

Dite agli invitati: Ecco, ho preparato il mio pranzo; i miei buoi e gli animali ingrassati sono già uccisi e tutto è pronto; venite alle nozze!

Ma quelli non se ne curarono e andarono chi al proprio campo, chi ai propri affari; altri poi presero i suoi servi, li insultarono e li uccisero.

Allora il re si indignò: mandò le sue truppe, fece uccidere quegli assassini e diede alle fiamme la loro città.

Poi disse ai suoi servi: La festa di nozze è pronta, ma gli invitati non erano degni; andate ora ai crocicchi delle strade e tutti quelli che troverete, chiamateli alle nozze.

Usciti per le strade, quei servi radunarono tutti quelli che trovarono, cattivi e buoni, e la sala delle nozze si riempì di commensali.

77


INVITATI AL MATRIMONIO DA GESÙ Sappiamo che le parabole sono esempi semplici che Gesù usa per spiegare argomenti molto più grandi. Nella parabola della vigna, è Gesù il padrone che parte; nella parabola di oggi, è Gesù il re che invita al banchetto di nozze. È sempre Gesù che ci chiama, ci invita a stare con lui! Ma perché se la prende tanto con quello che arriva senza il vestito elegante e addirittura lo fa cacciare via? Ecco, quello vestito male a volte siamo noi, quando partecipiamo ma non ci crediamo fino in fondo. A volte andiamo a Messa, al catechismo, anche al campo estivo ma nel nostro cuore non crediamo ancora davvero che Gesù è morto anche per noi; si vede dal “vestito che indossiamo” cioè dalla faccia che abbiamo, dal nostro comportamento.

Hai mai pensato a quanto è importante il tuo atteggiamento? A quante cose dice di te? Quanto può aiutare gli altri o scoraggiarli? Vestirsi bene per andare a una festa significa che per te i festeggiati sono importanti, indossare la tuta per andare al campetto dice che sei pronto a giocare con gli altri. Indossare un sorriso e un atteggiamento di apertura dice che hai capito chi ti ha chiamato e anche che sei contento di essere li'!

TEST

SAI VESTIRTI SECONDO LE OCCASIONI?

Guarda come sono vestiti questi bambini: dove stanno andando, secondo te?

8


IL VANGELO DELLA DOMENICA

• MATTEO 22,15-21 •

18 ottobre 2020

In quel tempo, i farisei se ne andarono e tennero consiglio per vedere come cogliere in fallo Gesù nei suoi discorsi. Mandarono dunque da lui i propri discepoli, con gli erodiani, a dirgli:

Maestro, sappiamo che sei veritiero e insegni la via di Dio secondo verità. Tu non hai soggezione di alcuno, perché non guardi in faccia a nessuno. Dunque, dì a noi il tuo parere: è lecito, o no, pagare il tributo a Cesare?

Ma Gesù, conoscendo la loro malizia, rispose:

Ipocriti, perché volete mettermi alla prova? Mostratemi la moneta del tributo.

Ed essi gli presentarono un denaro. Egli domandò loro:

di Cesare Questa immagine e l’iscrizione, di chi sono?

Rendete dunque a Cesare quello che è di Cesare e a Dio quello che è di Dio

99


A CESARE QUEL CHE È DI CESARE! Quando si parla dei farisei, nel Vangelo, la storia va sempre a finire male per loro! Il fatto è che avevano studiato cosi' nel dettaglio la legge che erano sicuri di essere sempre nel giusto e quando si trovano di fronte a Gesù che afferma di essere Lui la Verità, invece di ascoltarlo e di riconoscere i segni del suo operare, gli vanno contro, cercano di farlo contraddire quando è nella sinagoga a predicare. Loro sono colti, sono i dottori della Legge, sanno molte cose ma Gesù è la Verità in persona, è impossibile ingannarlo con un indovinello! C'è poco da ridere però, perché quello che fanno i farisei con Gesù, lo facciamo tante volte anche noi, a casa, con i compagni di scuola, di catechismo. Crediamo di sapere tutto noi, ci sentiamo più intelligenti, più scaltri e allora cerchiamo il modo di mettere gli altri in difficoltà e gli tendiamo i tranelli!

Tutte le volte che ci sembra di aver capito come stanno le cose, di essere dalla parte della ragione, ricordiamoci dei farisei, che erano convinti di conoscere la legge meglio del Figlio di Dio.

LO SAPEVI CHE… ? Al tempo di Gesù in Palestina c’erano diversi gruppi che avevano diverse interpretazioni delle Scrittura. I farisei erano chiamati dottori della Legge: conoscevano e rispettavano una serie di tradizioni cui erano legati fino a farne una regola di vita, per cui ogni atto quotidiano era ritualizzato e sacralizzato. Tra i farisei c’era un gruppo detto degli zeloti che erano invece particolarmente legati alla legge, fino a credere che la salvezza potesse dipendere dal rispetto della Legge e non fosse solo un dono della misericordia divina. Un altro gruppo è quello dei sadducei: erano famiglie molto ricche e importanti dalle quali quasi sempre venivano scelti i sommi sacerdoti che avevano in mano il potere politico e religioso.

10


IL VANGELO DELLA DOMENICA

• MATTEO 22,34-40 •

25 ottobre 2020

In quel tempo, i farisei, avendo udito che Gesù aveva chiuso la bocca ai sadducèi, si riunirono insieme e uno di loro, un dottore della Legge, lo interrogò per metterlo alla prova:

Maestro, nella Legge, qual è il grande comandamento?

Amerai il Signore tuo Dio con tutto il tuo cuore, con tutta la tua anima e con tutta la tua mente”. Questo è il grande e primo comandamento.

Il secondo poi è simile a quello: “Amerai il tuo prossimo come te stesso”. Da questi due comandamenti dipendono tutta la Legge e i Profeti.

111111


CON GESÙ, OGNI ENIGMA È RISOLTO Se hai mai fatto i giochi di enigmistica, come “Trova l'intruso” o “Le parole nascoste” sai che richiedono tanta concentrazione. C'è un enigma che a prima vista ti sfugge. Per risolvere il gioco, devi prestare attenzione ai dettagli nei disegni o nella descrizione della scena.

Succede qualcosa di simile tra i farisei e Gesù: loro vogliono trarlo in inganno e gli fanno una domanda che sembra semplice ma nasconde un trabocchetto. Se guardi con attenzione i dettagli della scena descritta dal Vangelo vedrai che presenta alcune incongruenze: per esempio, i farisei fanno a Gesù una domanda la cui risposta è scontata. Tu perderesti del tempo per chiedere una cosa che sanno già tutti?

Oppure, i farisei si rivolgono a Gesù, per interrogarlo, solo davanti a tante persone che ascoltano. Ma, quando tu vuoi sapere una cosa dalla mamma, prima di chiedergliela aspetti che ci sia tutta la famiglia ad ascoltare?

Gesù no, non fa cosi'. Lui ci parla nel cuore, senza ridicolizzarci davanti agli altri, non fa domande a trabocchetto, Lui ha predicato sempre e solo la verità, senza enigmi, anzi proprio al contrario, ha portato la luce, ha fatto chiarezza anche nei ragionamenti di quelli che pensano sempre di sapere tutto.

12


IL BOSCO dEI 100 GUFI!

Soggetto e sceneggiatura: Marco Sonseri

Illustrazioni: Cristiano Marchesi

È qui che andremo ed è qui che campeggeremo una notte. Il bosco dei 100 gufi …. …un vero angolo di paradiso. E potremo andare a funghi!

Padre T, non sapevo che fosse un esperto!

puntuali “…alle otto. Siate nulla.” e non dimenticate

Non lo sono, infatti. Ci accompagnerà una guida del posto. Si parte tra due giorni dall’oratorio…

e che “… si parte. Vedret i!” spettacolo, ragazz

Wow! Siamo pronti. Quando dice lei possiamo muoverci.

Strepitoso! E allora…

13 13


Buongiorno.

E così, un’ora dopo…

Eccoci arrivati. Vi presento il signor Tronchetti. Sarà la nostra guida.

Piacere.

Ehi, salve.

Buongiorno a voi e benvenuti. …apprenderete il segreto che governa questo bosco. Siete curiosi? Beh, che aspettate, dunque?

Tra poco entreremo nel bosco dei cento gufi.

. “Diamoci una mossa C’è da camminare.”

Daremo un nome a molte delle piante che incontreremo e soprattutto…

…finalmente…

di strada… Infatti, dopo due ore e di incontri unici…

Questi sono i fiori penduli del Carpino, con l’accento sulla a, mi raccomando.

Ecco, è qui che ci fermeremo per la notte.

Particolari!

Più che altro stranissimi!

14


i, qualche uccello “…ospitano scoiattol E stanotte…” i. guf to ma soprattut

Una sequoia. Bella, vero? Unica nel suo genere. I suoi rami… sto che “…sarà proprio di que anti.” e inc parleremo, di gufi

Beh… sarebbe bello crederci, però, Alex.

Gufi che si incontrano ogni mese quando c’è la luna piena per parlare di chi si è avventurato nel bosco? È solo fantasia.

Già, fantasia o no. Nei boschi bisogna stare sempre attenti.

Ma questa storia è incredibile!

Tommy, guarda che è solo… una storia, appunto. Non dirmi che ci credi?

Parlano degli imprudenti, Alex. E si fanno quattro risate. C’è da riflettere, comunque.

È tutto molto interessante ma possiamo approfondire il discorso anche domani. Che ne dite…

“…se andiamo a dormire?”

Diego… svegliati… Tommy si è rivestito… c’è qui il suo pigiama… ed è andato fuori…

Cosa? Ma che dici?

15 15


ri. “…avvisiamo gli alt Faremo due gruppi.”

“…dobbiamo andare a cercarlo...”

Sopra di me… aiuto! Quella storia sui gufi…. è vero… stanno parlando tra di loro… senti che versi che fanno!

Ragazzi, Mappy ha fiutato qualcosa!

Che pessima idea… avventurarmi da solo… di notte…

Sono stato imprudente… aiuto… dietro di me…

VIA! VOLA VIA!

Avete sentito? Sembrava la voce di Tommy… veniva di là…

Ahhh!

16


I gufi si racconteranno questa storia per mesi e mesi.

Siamo noi, cuor di leone!

Ah ah ah ah

Grazie a Dio… l’hanno trovato.

Il giorno dopo…

Eccoci arrivati alla meta, ragazzi. Ne avete di funghi da raccogliere. Attenzione a quelli rossi. Sono velenosi.

Allora, che vogliamo fare? A chi ne raccoglie di più?

Arriviamo tra un minuto. Padre T vuole parlarmi.

Io ci sto.

E ti dico che non è un rimprovero. Però ieri notte hai rischiato parecchio. Si, adesso si. Quella storia sui gufi… volevo capire se fosse tutto vero…

La prudenza è quella virtù che ci permette di agire con saggezza. Lo capisci questo?

L’unica cosa vera è che se non si è prudenti ci si può fare del male.

Vi straccio. Avete già perso.

…tutto è bene ciò che finisce bene. Giusto Mappy?

Già. In ogni caso…

Wof Wof

FINE

17 17


I SEGRETI DEL BOSCO

OBIETTIVO VIRTU Credo di avere dimenticato il kway e sta per piovere!

Oh no, ma da che parte si va, adesso?

Per seguire le orme della volpe mi sono fatto male!

Alex ha proposto di fare una gita nel bosco alla ricerca di funghi e ha raccomandato di portare il necessario per l’escursione. Ma non è stato ascoltato!!

18


Eppure se avessero usato un atteggiamento PRUDENTE avrebbero saputo che bastano pochi accorgimenti per rendere il cammino … …più facile… Questo ti farà stare meglio!

…chiaro…

Con il navigatore non possiamo sbagliare.

Ne avevo uno di scorta!

… e sicuro.

19 19


La virtù della PRUDENZA ci insegna a pensare prima di agire, a organizzarci… …per evitare di trovarci nei guai.

20

Questo libro che ho portato ci dirà quali funghi prendere e quali no.


La prudenza ci trasforma in persone SAGGE per poter vivere al meglio le esperienze della vita.

21 21


Il TEST di Grace

SEI PRUDENTE? 1

Se il tempo è un po’ nuvoloso e devi uscire di casa porti l’ombrello anche se non piove ancora?

2

No

Prima di attraversare le strada vai in corrispondenza delle strisce pedonali e guardi a destra e a sinistra prima di attraversare?

No

3

Se con i tuoi amici state giocando a palla e ti rendi conto che siete vicini ad una casa con delle vetrate, proponi loro di andare a giocare da qualche altra parte?

4

No

Quando la maestra assegna qualche compito, li scrivi sul diario per non dimenticartene?

No Verifica le tue risposte con il tuo catechista!

22


LA SERIE

I LORO POTERI: LE VIRTÙ. LE LORO VITE: GRANDI AVVENTURE.

BEATO PINO PUGLISI > Don Giuseppe Puglisi nasce a Brancaccio, quartiere periferico di Palermo, il 15 settembre del 1937. > Il suo papà è un bravo calzolaio mentre sua mamma fa la sarta. > Giuseppe è un ragazzino tranquillo che riceve la chiamata dal Signore in giovane età. > E infatti, cari miei, entra in seminario nel 1953 e il 2 luglio del 1960 diventa sacerdote. > È da subito molto amato. Ascolta i problemi di tutti e dà consigli utili alla prima occasione. > Non guarda mai l’orologio. Infatti è… un gran ritardatario. Ma non perché dormiva molto… ma perché cercava di aiutare più persone possibile. > A Brancaccio fonda il Centro Padre Nostro, un luogo di aggregazione a indirizzo cristiano. > Cosa dite? Perché l’aveva chiamato Centro Padre Nostro? Secondo voi? > Perché il Padre Nostro era la sua preghiera preferita! > Si è opposto ai poteri criminali con grande coraggio e senso della misericordia. > È stato beatificato il 25 maggio 2013.

23 23


LA CATECHESI DI DON PUGLISI Beato Pino Puglisi

Sceneggiatura: Marco Sonseri Illustrazioni: Cristiano Marchesi

Mi sento privilegiato. Non concede un’intervista a tutti…

…don Pino. Da giornalista mi ritengo fortunato.

Mah, se lo dice lei!

Voi della stampa mi avete soprannominato “il prete antimafia.” Ma io sono solo un prete che segue il Vangelo di Gesù.

Non sono miei nemici. Sono persone che si sono allontanante dalla strada del bene.

Ma per seguirlo si è fatto tanti nemici. E adesso… la mafia vuole ucciderla!

Ma chi segue Cristo deve provare a camminare nella luce, c’è poco da fare. È così.

Anche a costo della stessa vita?

24


“… ed è così che deve essere. Abbiamo fatto studiare i bambini di questo quartiere, Brancaccio…”

Ho cercato di fare il mio dovere seguendo l’esempio di Cristo…

“… e abbiamo cercato di dare delle alternative alla cultura della mafia.”

“Siamo stati vicini ai poveri e adesso…”

…voglio rimanere da solo per evitare che altre persone restino coinvolte dalla brutalità della mafia.

È prudenza cristiana, questa. È analisi attenta del mio cammino da discepolo di Cristo.

Sono colpito dalle sue parole, Don Pino.

Senza di essa non possiamo prendere le giuste decisioni.

Se coltiveremo la virtù della prudenza… il Signore ci farà conoscere le altre virtù. Basta soltanto volerlo veramente! Gesù farà il resto.

FINE 25 25


Conosciamo meglio i santi in vista della loro festa prevista il 1 del prossimo mese!

IL CRUCIVERBA DEI SANTI

ORIZZONTALI 1. Ragazza che ha dato la vita per la purezza, nata a Corinaldo 3. Ha scritto il Cantico delle Creature 4. Patrono dei banchieri 6. Il santo della notte delle stelle cadenti 10. Patrona della musica 14. Lo sposo di Maria, madre di Gesù 15. La fondatrice delle Orsoline 17. I 4 evangelisti 18. Santo Papa dei nostri giorni 20. Non credeva che Gesù risorto fosse apparso agli apostoli

26 26

VERTICALI 2. Ha battezzato Gesù nel fiume Giordano 5. Arcangelo che ha portato l’annuncio a Maria 6. La protettrice della vista 7. Come S. Francesco ha scelto di seguire Gesù nella povertà 8. Nella sua festa, la rondine è sotto il tetto 9. La Mamma di Gesù 11. Il capo degli Apostoli 12. Ha dato metà del suo mantello a un povero 13. Il santo degli innamorati 16. Si è convertito sulla via di Damasco 19. La nonna di Gesù


ABBONAMENTO ANNUALE

371 14 69 344 www.amicidinet.it

DALLE 11 COPIE AL MESE IN POI, PAGHI OGNI RIVISTA 1,50€ INVECE CHE 2,50€ E PUOI ABBONARTI SOLO PER I MESI CHE VUOI!

IL CRUCIVERBA DEI SANTI

contattaci per informazioni:

SUPER SCONTI PER ABBONAMENTI MULTIPLI!

27 27


LA PRIMA COMUNIONE La catechesi a fumetti! Per accompagnare i bambini a scoprire il tesoro dell’Eucaristia attraverso catechesi e fumetti. Con un linguaggio adatto ai bambini di oggi!

SUSSIDIO

QUADERNO OPERATIVO

Tra gli argomenti: L’istituzione dell’Eucaristia Il pane nell’Antico Testamento La Chiesa La Santa Messa I miracoli eucaristici

Scopri di più:

www.amicidinet.it 28

371 14 69 344 - info@amicidinet.it

I SACRAMENTI

Profile for Club NET

Domenica NET - Nr. 71 (Ottobre 2020)  

Advertisement

Recommendations could not be loaded

Recommendations could not be loaded

Recommendations could not be loaded

Recommendations could not be loaded