Page 16

M A RK E TI N G Axel Lo Guzzo

Il mercato del turismo sta diventando sempre piÚ complesso e le sue caratteristiche appaiono ancor piÚ simili a quelle dei mercati di massa. Le aziende del settore devono abbandonare l’improvvisazione

Quello che si faceva una volta oggi non va piĂš bene

Marketing per il turismo a.loguzzo@fastwebnet.it

16

dm&c - nÂş4/5 - 2009

La crisi economica ha fatto sentire i suoi

 effetti anche sul comparto turistico, in Italia come in gran parte del mondo. Questo significa che le aziende che operano nel settore devono organizzarsi per agire secondo regole suggerite dalle ormai consolidate tecniche di marketing ed abbandonare definitivamente l’improvvisazione e la semplice ripetizione di comportamenti che appartengono ad un mondo di “turisti per casoâ€? che non esiste quasi piĂš. Se fino a poco tempo fa, il turismo, veniva considerato come un settore per molti aspetti marginale nella vita di un paese, in grado di avere un suo sistema economico indipendente dall’andamento nazionale di cui faceva parte, oggi, viene considerato come un’attivitĂ strategica capace di svolgere un ruolo concreto nello sviluppo economico del territorio. Se si prende in considerazione il ventennio degli anni Ottanta e Novanta, si può facilmente notare come fosse sufficiente per un territorio avere al suo interno la presenza di un tipica architettura urbana, di una spiaggia tranquilla o semplice-

mente di un particolare panorama per far si che tale località diventasse meta turistica preferita dai viaggiatori. Oggi le cose sono cambiate, il turista è diventato sempre piÚ esigente e la concorrenza tra le città e le regioni sia sul piano nazionale sia su quello internazionale è aumentata assumendo una dimensione paragonabile a quella dei mercati con prodotti di massa. Ma cosa è realmente cambiato? Nell’immaginario collettivo è cambiato il modo di pensare una destinazione turistica, e cioè come luoghi e sistemi integrati in cui si mettono in relazione risorse del territorio con le aziende locali capaci di fornire differenti tipologie di servizi di tipo diretto ed indiretto. Da qui l’aumento degli impegni da parte degli operatori pubblici locali nelle città per sviluppare attività promozionali e di co-marketing in grado di attrarre piÚ visitatori, in contrapposizione con la posizione delle imprese, che sovente sembrano impostate in modo da rendere piÚ difficile l’intervento del marketing territoriale. E’ possibile quindi imbattersi in situazio-

dm&c online - N. 4/5 2009  

La rivista dmc direct marketing e comunicazione d'impresa

Read more
Read more
Similar to
Popular now
Just for you