Page 1

Periodico d’informazione della Provincia di Caserta Direttore responsabile, Francesco Marino - Editore, PF edizioni srl, via Daniele, 45 - Caserta - Tipografia, Grafic Processing ACERRA (NA). Testata registrata presso il tribunale di Santa Maria Capua Vetere (CE) n. 771 del 30/09/2010 - Per informazioni: 328.3997148 - E-mail: casertafocus@gmail.com - www.casertafocus.net

ZULLO il cognato ‘rischia il posto’ Bufera sulla commissione edilizia: non ci sono i documenti di Pagano. Pag. 3

ANIMIC potere agli invalidi Intervista al segretario nazionale dell’associazione, il casertano NaPag.6 zaro Pagano.

PHOTORED Elpidio Russo si attrezza Il sindaco di Casagiove prepara la gara per i semafori vicino all’autostrada. Pag.8

AVVOCATI caos sulle parcelle Mario Melone contesta il fatto che il sindaco abbia raddoppiato il guadaPag.8 gno dei legali.

GASSIFICATORE subito i soldi Per il Comune di Capua pronti seicentomila euro dalla Gisec se arriva l’impianto. Pag.9

VERIFICA scoppia il toto-assessore Rischia Enzo Lerro. Tra i big dubbi solo su Nicola Corbo. Non si toccano gli eletti. Pag.10

SCUOLA lezioni di buona salute Il progetto per tutte le scuole di Marcianise su sport e sana alimentazione. Pag.11

Anno III n. 06 11/02/2012 distribuzione gratuita

Svolta riabilitazione Casale: accreditamento per tutti i centri CaSERTa. E’ impegnato in un’incisiva azione di ristrutturazione delle Politiche sociali l’assessore Emiliano Casale che si è messo di buona lena con l’obiettivo di offrire il maggior numero di servizi in un quadro di grandi difficoltà economiche per il Comune di Caserta. L’azione dell’esponente dell’Udc è cominciata dall’ambito C7 e dalle disponibilità economiche che ha il Comune. «Ho scritto una lettera ai commissari liquidatori per ottenere che fosse rimpinguato il fondo Fua (fondo unico d’ambito) sul quale ci sarebbero dovuti essere un milione e seicentomila euro indispensabili per portare avanti la nostra azione amministrativa in questo comparto - ha sottolineato l’assessore - si tratta di somme impignorabili da destinari ai servizi essenziali al pari di come avviene con il fondo sulla Tarsu». Casale sottolinea come, in occasione della riunione dell’ambito del prossimo 21 febbraio, quando siederanno interno al tavolo il sindaco di Casagiove Elpidio Russo, quello di San Nicola la Strada Pasquale Delli Paoli e quello di Castel Morrone Pietro Riello ha intenzione di avviare un piano di rientro dei debiti ed uno di programmazione delle attività del prossimo. «Allo stato attuale noi abbiamo un debito di circa ottocentomila euro con l’ambito che, da subito, non siamo in grado di coprire per via del

L’editoriale

Il gioco delle coppie che scoppiano... di Francesco Marino

Emiliano Casale

dissesto - ha sottolineato Casale vorrei capire, come, in questa materia, hanno intenzione di muoversi gli altri Comuni». Per questioni economiche, sarà ridotto in maniera sostanziale il numero dei servizi che il Comune erogherà per il prossimo anno. «Ci dedicheremo soprattutto all’assistenza agli anziani e ai disabili - ha spiegato - cercando, comunque, di venire incontro, nei limiti di bilancio, alle esigenze delle fasce più deboli». Casale chiarisce come, per quello che riguarda i servizi co-finanziati dalla Regione, il Comune di Caserta, almeno sino a quando non sarà approvato il bilancio stabilmente riequilibrato, non è in grado di mettere un centesimo. continua a pag.2

Nell’analizzare il quadro politico della provincia di Caserta, la domanda nasce spontanea: chi sta con chi? Non è uno scioglilingua né un gioco di parole né, tantomeno, un indovinello, o, almeno, si spera... Se il Pdl ha deciso di rompere con l’Udc perché, sul piano nazionale, il quadro delle alleanze è profondamente diverso, perché è infastidito dalla leadership di Zinzi o, per qualsiasi altro motivo, perché non lo sfiducia in Provincia e lo manda a casa? Perché non lo estromette dalla giunta del Comune di Caserta? Al contrario, se ritiene l’alleanza con l’Udc, perché il Pdl non rispetta i patti nella lottizzazione della sanità? Il metodo è deprecabile, ma è un metodo che, se vale per uno vale per tutti... Viceversa, se l’Udc ritiene superata l’alleanza con il Pdl, se immagina il proprio futuro politico come forza guida del Terzo Polo, continua a pag.2


2

11/02/2012

CASERTA

Piano per gli operatori 328 L’assessore al prefetto: dilazioni e mutui agevolati (segue dalla PrIma) «Coloro che hanno diritto a questi servizi a Caserta dovranno pagare sicuramente sino al prossimo mese di aprile, dopo chissà, l’altro cinquanta per cento - ha spiegato l’assessore - se questa cosa può determinare per noi la perdite di ruolo di Comune capofila dell’ambito, vuol dire che faremo un passo indietro, anche se non penso che ad altri convenga assumersi quest’onere vista l’importanza della popolazione di Caserta. Tra l’altro, se gli altri Comuni hanno la possibilità di coprire i servizi co-finanziati, lasciando solo somme residuali ai loro aventi diritto, possono farlo tranquillamente senza andare ad alterare gli equilibri dell’ambito». In relazione al discorso dell’assistenza, Casale spiega come abbia introdotto una vera e propria svolta nei confronti di quei centri che erogano servizi. «Abbiamo introdotto il sistema dell’accreditamento delle strutture che operano all’interno dei Comuni dell’ambito - ha spiegato l’assessore sino ad oggi esistevano delle strutture che operavano solo all’interno dell’ambito, noi abbiamo messo in condizione queste strutture di essere presenti e concorrenziali sul mercato. In questa maniera, ci riserviamo di andare a scegliere quella che offre il miglior servizio al costo

più conveniente per noi». Ma Casale non dimentica i lavoratori della 328. «Per me queste persone sono al pari dei dipendenti comunali - ha sottolineato l’assessore - sono vicino a loro per le difficoltà che sono stati costretti a sopportare nell’ultimo anno e, per questa ragione, mi sono fatto carico con il prefetto di ottenere degli interventi straordinari per cercare di contenere i disagi che sono stati costretti a scontare per via del mancato pagamento». Casale chiederà al rappresentante di governo di permettere agli operatori 328 di avere accesso a delle dilazioni nei pagamenti delle bollette e a dei mutui agevolati, in attesa che venga riconosciuto loro quello che gli spetta. Francesco Marino

continua da pag.1 perché non mette mano alla formazione della nuova coalizione ripianando i dissapori con l’Api e Futuro e Libertà? Perché non provvede a mettere in minoranza il Popolo delle Libertà in Provincia e a uscire dalla maggioranza del Comune di Caserta? Perché rivendica visibilità nell’ambito della sanità? Al contrario, se l’Udc considera imprescindibile l’alleanza con il Pdl perché non accelera i tempi per la

formazione della nuova giunta in Provincia? Insomma perché Udc e Pdl non dicono da che parte stanno e adottano i comportamenti conseguenziali? I tatticismi, i giochi di posizione, in una provincia sull’orlo del baratro per disoccupazione, emergenza rifiuti, criminalità organizzata non servono. Oggi la gente, ma anche le amministrazioni hanno bisogno di un quadro di riferimento chiaro entro il

Il prefetto Pagano

Impegno democratico, nuova area nel Pd caserta. Un luogo di discussione e di riflessione aperto al contributo di quanti vogliano partecipare alla crescita del Partito Democratico e più in generale, delle forze e della cultura progressista: nasce con questo scopo “Impegno Democratico”: iscritti, dirigenti e militanti del Partito Democratico che vogliono ribadire il loro Impegno per il Partito e, attraverso di esso, mettere in campo tutte le energie necessarie a dare prospettive e sviluppo alla provincia di Caserta. Nasce dunque un luogo di riflessione e proposta poli-

tica che si prefigge l’obiettivo di contribuire ad elevare il dibattito sui temi che attraversano i territori di questa provincia. La prima iniziativa di Impegno Democratico è già fissata per lunedì 13 alle ore 18 al Jolly Hotel con l’incontro pubblico "La politica bene comune. Un progetto delle forze democratiche per la provincia di Caserta". L’iniziativa, organizzata in collaborazione con l’associazione culturale Carta ‘48, vedrà la partecipazione anche di autorevoli esponenti del centrosinistra casertano e di tanti che si richiamano a quel progetto.

quale muoversi. C’è bisogno di capire se a Caserta e in Campania esiste ancora un asse Udc-Pdl. E’ necessario comprendere se questo asse permanga solo in determinate amministrazioni. Insomma è necessario capire che si operino delle scelte che siano conseguenziali alle posizioni che si assumono. La gente vuole capire se quello tra il Pdl e l’Udc è un amore che è finito o, solamente, il litigio tra due

innamorati capricciosi... Qualunque sia la soluzione, l’importante è che a pagare le spese non siano i casertani, per ora, solo spettatori di questa lunga, travagliata e morbosa storia d’amore politica.

Per informazioni 328.3997148 casertafocus@gmail.com casertafocus.blogspot.com


CASERTA

11/02/2012

3

bufera sul cognato di Zullo

L’ingegnere rischia di decadere dalla commissione edilizia CASERTA. Bufera sulla commissione edilizia del Comune di Caserta. L’architetto Elio Mungivera, infatti, ha presentato ricorso al Tar contro l’ingegnere Michele Pagano eletto con cinque voti all’interno dell’organismo. La prima sezione del tribunale amministrativo della Campania, giovedì, ha discusso l’istanza di sospensiva della delibera di consiglio comunale del 6 dicembre scorso presentata dall’avvocato Eliodoro Vagliviello contro il Comune e contro Pagano, rappresentato dall’avvocato Ubaldo De Vincentis. Nell’istanza dell’avvocato Vagliviello viene sottolineato come ci sia più di una motivazione per estromettere dalla commissione edilizia integrata del Comune di Caserta l’ingegnere. Dagli atti del consiglio comunale, infatti, non risulta che Pagano abbia ri-

sposto per tempo al bando presentato dall’assessore all’Urbanistica. Questa cosa ha impedito ai dirigenti del Comune di valutare se l’ingegnere avesse i requisiti per essere eletto in un organismo tecnico delicato come la commissione edilizia. Altro motivo ostativo all’elezione di Pagano è rappresentato dalla presenza in aula del consigliere del Pd Salvatore Zullo, cognato del professionista in quanto, quest’ultimo ha sposato la sorella Anna Zullo. Pur non potendo esser certi del fatto che il democratico abbia votato per il cognato perché lo scrutinio per la scelta della commissione è stato segreto, dagli atti del consiglio, risulta che Zullo ha partecipato alla votazione e questa cosa determina un fattore di incompatibilità. La prima sezione del Tar ha concesso dieci giorni al Comune di Caserta per depositare la

Eliodoro Vagliviello

documentazione richiesta e ha rinviato la trattazione del caso all’udienza del sette marzo. In quella sede, se dovessero trovare conferma le istanze dell’avvocato

Vagliviello, Michele Pagano decadrebbe come componente della commissione edilizia del Comune di Caserta a vantaggio di Mungivera. P.N.


4

11/02/2012

FOCUS BIMBI

meravilandia ecco i pirati

Al parco giochi di località Ponteselice il Carnevale piratesco A Meravilandia arrivano i pirati. Nuova attrazione al parco di divertimenti in via Appia Antica 15 in località Ponteselice nei pressi della Motorizzazione civile. Nello splendido parco giochi, infatti, sarà inaugurato il rifugio dei pirati per rendere ancora più divertente ed entusiasmante la permanenza dei piccoli ospiti all’interno del Parco. Le avventure dei sette mari non saranno più un sogno per i nostri bambini. E’ stato organizzato, infatti un vero e proprio Carnevale piratesco per i giorni 19, 20 e 21 febbraio con tanto di animazione a tema, spettacolo corsaro che regalerà ai bambini la sensazione di vivere le avventure degli uomini di Barbanera. Ma, si sa, il Carnevale è la festa più guascona e divertente che c’è e, ognuno ama festeggiarla in maniera diversa. L’importante è divertirsi... Meravilandia, questo lo sa e, come

al solito, si è attrezzato per non deludere i suoi ospiti. E’ stato, infatti anche organizzato un Carnevale on ice. Durante la tre giorni di festa, infatti, sono previste passeggiate sulla pista di ghiaccio presente nel parco molto particolari. Provare per credere. Meravilandia, cura, come al solito ogni dettaglio per fare in modo che la festa sia perfetta in tutto e per tutto. I titolari di Meravilandia, hanno pensato ad un gustosissimo menù di Carnevale preparato con cura dagli chef che operano nella fornitissima area ristorazione. A proposito di cibo, per festeggiare l’ultima attrazione, il rifugio dei pirati, gli chef hanno pensato anche ad una nuova pizza: il timone dei pirati,

vera e propria prelibatezza per lupi di mare e non. Presso Meravilandia è possibile organizzare feste di compleanno, comunioni, ecc.

Per ulteriori informazioni è possibile contattare Meravilandia allo 0823423156, al numero verde 800232771 o all’indirizzo email info@meravilandia.com.


AVEO 10 ANNI GRATIS DI FURTO E INCENDIO 5 ANNI A INTERESSI 0 SENZA ANTICIPO TAN 0% - TAEG 1,81%

5 PORTE, COMPLETA DI TUTTO DA

9.600 €

CON CHEVROLET FARE TUA LA CITTÀ COSTA MENO. SPARK LA CITYCAR 5 PORTE, 5 POSTI, 6 AIRBAG, EURO 5 PIÙ ECONOMICA DEL MERCATO DISPONIBILE ANCHE GPL, UN PIENO SOLO

19€

10 ANNI GRATIS DI FURTO E INCENDIO DA

6.950 €

ROBERTO CAPITELLI s.r.l. Via Galatina Est, 240 - S. Maria C.V. (CE) - Tel. 0823.810048

GIRGI 2 Via Nuova del Campo, 28 - NAPOLI - Tel. 081.7809050 M. da Caravaggio, 186 - NAPOLI - Tel. 081.623261 www.chevrolet.it | Call Center Clienti 800.011.943 Messaggio pubblicitario con finalità promozionali. Esempio finanz. Aveo LS 1.2 clima con prezzo speciale, chiavi in mano, IPT esclusa 9.600€. Importo tot. credito: 9.600€. Costo tot. credito: interessi 0€, spese istruttoria 300€, premio assicurazione Credit Protection (opzionale) 485,10€, imposta bollo 14,62€, spese incasso rata: 2,5€ per ogni RID. Importo tot. dovuto: 10.549,42 €. 60 rate mensili da 173,08 €; TAN fisso 0%, TAEG 1,81%. Info europee di base/fogli informativi presso Concessionarie aderenti. Salvo approvazione BBVA Finanzia SpA, proposta commercializzata da GMAC Italia SpA. Max. finanziabile 10.000 € escluso eventuale premio assicurativo CPI. Offerta valida presso le Concessionarie aderenti e per le sole Nuova Aveo benzina disponibili in stock. Spark benzina base prezzo speciale chiavi in mano, IPT esclusa. La citycar a prezzo di listino - chiavi in mano, IPT esclusa - più economica, a parità di equipaggiamenti (elencati sopra) rif. Quattroruote.it 03/01/2012. Pieno Spark 24,8 litri, prezzo calcolato in base al prezzo medio nazionale GPL 0,741 €/litro (fonte Min. Svil. Econ. al 26/12/11). Assicurazione Furto e Incendio gratis solo su Spark benzina. Condizioni di Polizza su chevrolet.it Offerta valida fino al 29.02.2012 Immagini inserite a scopo illustrativo.

Consumi (ciclo combinato l/100km): Spark da 5 a 7; Aveo da 3,6 a 6,8. Emissioni CO2 (g/km): Spark da 110 a 119; Aveo da 95 a 159.


6

11/02/2012

CASERTA

anmic potere agli invalidi

Dal ruolo dell’associazione, alle novità relative al contenzioso CASERTA. L’ANMIC, associazione nazionale mutilati invalidi civili, è l’organizzazione che rappresenta e tutela gli invalidi italiani. Svolge un ruolo centrale e strategico nella difesa e nella promozione dei diritti dei cittadini con disabilità tutelandone gli interessi presso la Pubblica Amministrazione, gli enti e le istituzioni che hanno per scopo l’educazione, il lavoro e l’assistenza degli invalidi. E’ casertano il cuore dell’Associazione con il segretario generale e presidente per la Campania Nazaro Pagano. Un significativo valore aggiunto per Terra di Lavoro e per la città di Caserta. L’ANMIC, infatti, vanta una lunga storia di impegno e un ruolo centrale su base nazionale. Costituita con legge 23 aprile 1965 n.458 come ente con personalità giuridica pubblica per l’assistenza morale e materiale degli invalidi civili, a seguito del D.P.R. 24 luglio 1977 n. 616 è stata trasformata in ente morale di diritto privato conservando la tutela e la rappresentanza degli invalidi ai sensi del D.P.R. 23/12/1978. Sono le parole di Nazaro Pagano, già direttore responsabile della rivista ufficiale dell’ANMIC Tempi Nuovi, nel corso dell’intervista che segue, a raccontare gli aspetti, gli impegni, la visione dell’ANMIC, organizzazione che in Italia sfiora i trecentomila iscritti e che conta quasi quattrocento delegazioni comunali, toccando anche temi di grande attualità come quello dei falsi invalidi che, si ricorda, non ha assolutamente riguardato la provincia di Caserta e delle trasformazioni normative in atto come quella del contenzioso previdenziale e assistenziale. Segretario generale, l’ANMIC, in qualità di associazione di rappresentanza e rappresentativa degli interessi generali degli invalidi, quando e come interviene interviene? «In sintesi, l’ANMIC esercita le fun-

Nazaro Pagano

zioni di tutela e rappresentanza in tutti i settori in cui siano coinvolti gli interessi morali e materiali degli invalidi ed è per questo motivo che partecipa con propri rappresentanti medici alle commissioni per l’accertamento dell’invalidità civile sia presso le ASL che presso l’INPS, nelle commissioni provinciali e regionali per il collocamento obbligatorio al lavoro e si inserisce nel confronto tra le forze politiche e sociali per la promozione di iniziative legislative che riguardano il mondo della disabilità». Conosciamo l’ANMIC, numeri e luoghi, gli iscritti e le sedi. «Il numero degli iscritti riferiti al 31 dicembre scorso è pari a 283.750 sull’intero territorio nazionale. In particolare, la provincia di Caserta annovera 4.274 iscritti mentre il dato regionale raggiunge i 22.677 associati. In riferimento all’organizzazione territoriale, l’ANMIC è presente in 104 capoluoghi di provincia con una struttura organizzativa denominata sede provinciale che sovraintende a quell’ambito territoriale, in 19 capoluoghi di regione con una struttura organizzativa denominata sede regionale che ha il compito di coordinamento delle sedi provinciali e, per rendere ancora più capillare la ramificazione sul territorio, sono state istituite 378 delegazioni comunali o intercomunali. Al vertice della piramide vi è la presidenza nazionale e la direzione generale che mi

pregio di governare nella qualità di segretario generale». Segretario, facciamo chiarezza sulla delicata ed attualissima questione dei falsi invalidi. «Questo è un problema molto delicato che deve essere affrontato con grande senso di responsabilità e con estrema accortezza. Premetto che, chi si è reso responsabile di azioni illegali ed in contrasto con la legge, deve essere perseguito e punito in modo esemplare per due sostanziali motivi. In primo luogo perché ha frodato lo Stato e, poi, perché ha danneggiato i veri invalidi. E’ altrettanto necessario, però, evitare di fare di tutta l’erba un sol fascio ed sfuggire al grave errore di dipingere l’intera categoria alla stregua dei bugiardi o degli imbroglioni. Questo fenomeno, per la verità, ha interessato un ambito territoriale ben individuato e non ha assolutamente riguardato la provincia di Caserta. Infatti, se qualche caso è venuto alla luce, lo possiamo definire più unico che raro. Ad onor del vero, bisogna sottolineare il buon lavoro svolto da chi è deputato al governo del sistema dell’accertamento dell’invalidità civile in provincia di Caserta ovvero le commissioni presso l’ASL, presso il MEF prima e l’INPS poi. Istituzioni di cui l’ANMIC è membro con i propri rappresentanti che hanno operato con trasparenza e legalità». Quasi trecentomila iscritti rappresentano una imponente base associativa. Come riesce l’ANMIC a

raggiungere e a dialogare con i propri iscritti? «Innanzitutto, quotidianamente le 104 strutture provinciali, le 19 regionali e le delegazioni comunali sono a disposizione di chi ne avesse necessità. Inoltre, il nostro sito nazionale è facilmente fruibile per tutti coloro che hanno bisogno di notizie ed informazioni. In più, l’ANMIC pubblica il mensile Tempi Nuovi, di cui mi onoro di essere direttore responsabile, che viene inviato gratuitamente a tutti gli associati». Il 1 gennaio 2012 sono state introdotte modifiche per quel che concerne la materia del contenzioso previdenziale e assistenziale. Di che cosa si tratta e a che punto siamo? «L’art. 38 del d.l. n.98 convertito con modificazioni della legge 111/11 ha introdotto una sostanziale modifica al codice di procedura civile facendo obbligo, nelle controversie di natura previdenziale, ad un preventivo accertamento tecnico (ATP). Di fronte all’impossibilità di individuare locali idonei nell’ambito della struttura giudiziaria e poiché i locali dell’ex caserma Fiore, già adoperati allo scopo, prossimamente dovranno essere ristrutturati, l’ANMIC ha inteso dare la piena disponibilità a titolo completamente gratuito di locali atti allo scopo». L’ANMIC che ruolo ricopre in tali controversie? «Nessuno. Il solo intendimento di ANMIC è quello di contribuire alla risoluzione di un problema che perdurando avrebbe penalizzato i cittadini in attesa di un giudizio. L’ANMIC non può e non vuole entrare in competenze che non sono di sua pertinenza e che vedono come attori il CTU, il cittadino in qualità di ricorrente e l’INPS in qualità di resistente. Ripeto con chiarezza: ANMIC ha solo messo a disposizione alcuni propri locali per lo svolgimento delle ATP.»


8

11/02/2012

APPIA

viabilità ecco i photored

Vertice con Ucciero per le strade in comune con Caserta CASAGIOVE. Nella mattinata di Mercoledì si è tenuto presso la Casa Comunale di Via Jovara a Casagiove l’incontro politico tra i rappresentanti del circolo cittadino dell’Idv ed il sindaco Elpidio Russo. Il colloquio era stato chiesto dal segretario Idv Vincenzo Impieri che in una lettera protocollata aveva evidenziato le problematicità della vita di alcuni nostri concittadini ed in particolare dei giovani. Impieri ha esordito evidenziando i nove punti del programma della lista Casagiove Futura, in gran parte da egli stesso redatto, constatando che la politica ha, di fatto, dimostrato di essere inadeguata ed inefficiente nel dare delle risposte ai tanti giovani che non hanno la benché minima opportunità di lavoro e alle crescenti nuove povertà che si aggiungono a quelle pregresse. Il Sindaco ha risposto di aver preso degli impegni con la cittadinanza attraverso il programma elettorale della lista, i primi nove punti hanno subito un rallentamento solo perché si è dovuto fare i conti con il patto di stabilità e con il federalismo fiscale che ha imposto un taglio di 800.000 euro. Per poter riuscire a risolvere tutte le problematiche di ogni zona della città si sta cercando di costituire dei comitati di quartiere composti da persone che abbiano a cuore la nostra cittadina e che siano davvero sensibili alle questioni, i comitati faranno da succedanei tra l’amministrazione ed i cittadini al fine di risolvere il gap esistente. Affinché finalmente si districhi la questione di alcune strade confinanti tra la nostra cittadina e la città capoluogo, quali ad esempio Via Passionisti e le strade adiacenti alla Clinica Villa del Sole, è stato chiesto un incontro con l’assessore comunale ai Lavori pubblici di Caserta Teresa Ucciero. Per quanto riguarda l’ex-Abetaia, il sindaco si è reso disponibile, qualora vi fossero le necessarie risorse e magari anche con l’aiuto di qualche sponsor, dopo aver avuto un

incontro con Don Stefano Giaquinto, che da alcuni anni ha una convenzione con il comune per la gestione del parco, alla realizzazione ed alla valorizzazione di un’area di verde attrezzato. L’Amministrazione ha ricevuto un finanziamento dalla Regione Campania di 27000 euro per bonificare e rendere vivibile l’area verde nella zona del Parco Merola, allo scopo di renderla attrattiva per i giovani e per i giovanissimi ma anche per gli anziani. Il segretario Idv Vincenzo Impieri ha ritenuto opportuno sollecitare una soluzione per quanto riguarda il problema traffico sulla via Nazionale Appia in quanto in alcune ore della giornata, e specialmente nei periodi festivi, l’aria diventa irrespirabile, crede che la soluzione possa essere il senso unico, già più volte messa in pratica ma poi subito accantonata a causa delle proteste dei commercianti. Ciò è già stato applicato in alcune altre città con enorme entusiasmo da parte degli esercenti che hanno visto accrescere le vendite

perché si sono adeguati al mercato proponendo prodotti di alta qualità e/o offrendo un buon prezzo. Ha chiesto altresì che per Casagiove vengano ampliate o costruite più zone pedonali al fine di rendere più vivibile la città. Per questa problematica ha voluto dare il suo parere Paolo Lagnena, assessore alla viabilità, che ha evidenziato che esiste un obbligo di svoltare all’incrocio da via Recalone sulla via Nazionale ma che sistematicamente viene ignorato, già in passato una pattuglia dei vigili era stata impiegata per multare i contravventori ma il compito di un’Amministrazione è di educare e di non penalizzare ulteriormente i cittadini che hanno già notevoli problemi con il ridottissimo bilancio familiare. Al fine di risolvere la questione del traffico si sta procedendo ad una gara per l’installazione di un Photored al semaforo dell’incrocio con l’uscita autostradale e di una telecamera sulla discesa del ponte sulla via Recalone. Impieri ha voluto concludere con una frase di Rosa Lu-

Elpidio Russo

xemburg: “La cosa più rivoluzionaria è dire la verità” ed ha messo in risalto che se gli amministratori opereranno in bene per la nostra comunità lui sarà pronto ad ammetterlo ed a riconoscerlo pubblicamente ma qualora ciò non fosse egli non farà altro che darne rilievo ogni volta ed a farne una battaglia politica. Luigi Di Costanzo

Avvocati, parcelle raddoppiate: Melone accusa CASAGIOVE. Affondo del consigliere d’opposizione Mario Melone contro la decisione del sindaco di Casagiove Elpidio Russo di modificare le tariffe per avvocati nominati dal Comune. “Ormai è impossibile seguire i comportamenti amministrativi targata Russo. Non ultimo è il caso della deliberazione GC nr. 11 del 24 gennaio 2012 avente ad oggetto "abrogazione della delibera nr. 131 del 23 ottobre 2007 con la rideterminazione dei compensi a favore dei legali incaricati della difesa dell'Ente nei giudizi pendenti davanti alla Magistratura" – si legge nella nota di Mario Melone - Questo deliberato non solo presente degli errori formali, quali la dichiarata abrogazione di un precedente deliberato, il cui dispositivo, invece, viene parzialmente modificato, ma vi sono errori sostanziali, laddove si dispone che le tariffe a suo tempo previste, risultano maggiorate del 50% fino a giudizi di 1° grado e addirittura del 100% per le Magistrature Superiori. L'immediata conseguenza di tale decisione comporterà come effetto ex tunc la formazione di debiti fuori bilancio e come ef-

fetto ex nunc la modifica della previsione della spesa prevista nel bilancio 2012, le cui competenze appartengono al Consiglio Comunale e non alla giunta (ex art. 42 TUEL). Ma v'è di più, proprio nella medesima data del 24 gennaio è stata pubblicata sulla Gazzetta Ufficiale il Decreto Legge nr. 1 recanti le disposizioni urgenti per la concorrenza, lo sviluppo delle infrastrutture e la competitività e che all'art. 9 comma 3 dispone "il compenso per le prestazioni professionali è pattuito al momento del conferimento dell'incarico professionale". È assurdo che un Sindaco che non ha voluto creare un albo professionale locale da cui attingere con imparzialità, in dispregio della stessa legge dello stato, vuole stabilire delle tariffe fisse, impedendo così il principio della concorrenza. Sicuramente, in questi giorni sarà presentata non solo una richiesta di chiarimenti all'Amministrazione Comunale ma saranno interessate le Autorità competenti per questo comportamento che si considera non regolare”.


CAPUA/S. MARIA

11/02/2012

9

rifiuti protocollo con Gisec

Il gassificatore porterà subito nelle casse 600mila euro CAPUA. Fare cassa e subito. E’ questo uno dei principali obiettivi, in questo momento, dell’amministrazione comunale di Carmine Antropoli e il gassificatore rappresenta una vera e propria manna dal cielo per le casse comunali. Non senza problemi però. La giunta guidata dal noto chirurgo ha approvato lo schema di convenzione con la Gisec, la società provinciale che dovrà gestire l’impiantistica, che dovrà regolamentare tutto quanto concerne l’allocazione in città del gassificatore. Lo schema è stato approvato con il voto favorevole del sindaco Antropoli, del vice sindaco Gaetano Ferraro e degli assessori Francesco Cembalo, Guglielmo Lima e Paolo Salzillo. In sosta all’unanimità dei presenti. Politicamente, però, la maggioranza si è sostanzialmente spaccata. Il Pdl, infatti, che in giunta ha l’assessore Antonio Minoja si è schierato da tempo contro l’impianto e Minoja ha dato “forfait” alla riunione dell’esecutivo. Una spaccatura tra la parte politica che fa riferimento al primo cittadino e quella che fa riferimento al presidente del consiglio regionale Paolo Romano che rischia di acuirsi in futuro con conseguenze inevitabili sull’amministrazione cittadina. Ma andiamo a vedere cosa prevede la “convenzione” con la Gisec. Uno dei punti principali della convenzione è l’impegno della società provinciale di versare nelle casse del Comune di Capua la somma di 600 mila euro, la metà del valore del terreno sul quale dovrebbe sorgere l’impianto, ubicato nel rione Porta Roma al confine con il comune di Vitulazio. La Gisec verserà la somma, una vera e propria boccata d’ossigeno per le casse in rosso, dopo l’esito positivo della verifica tecnica sulla idoneità del sito e dopo la predisposizione dello studio di fattibilità o del progetto preliminare dell'impianto.

Carmine Antropoli

L’amministrazione, con quest’atto, ha inteso dare un’accelerata all’iter molto probabilmente per andare ad inserire nel bilancio 2012 la somma che la Gisec dovrebbe versare. Il condizionale è d’obbligo anche perché non è detto che la Gisec lo faccia anche alla luce del recente emendamento al piano regionale ri-

Antonio Minoja

fiuti (condito da polemiche) che chiuderebbe ogni possibilità di allocare l’impianto a Capua. In questo caso la società provinciale potrebbe non essere più interessata all’acquisto del terreno. Ed infatti, sempre nello schema, c’è un altro punto che prevede la vendita ad altri soggetti nel caso in cui la Gisec non sia più

interessata da qui ai prossimi quattro anni con l’impegno a restituire l’acconto di 600 mila euro. Resta ora il nodo relativo alla possibilità di iscrivere a bilancio 2012 la somma che potrebbe essere incassata nel corso dell’anno ma questa è materia di cui si dovrà occupare il Collegio dei Revisori dei Conti presieduto da Michele Casuccio. Altri punti salienti della convenzione sono le royalty annuali, pari al 5% del fatturato che il gestore dovrà versare a favore del Comune di Capua per la vendita di energia elettrica. Royalty che potrà essere ridotta in caso che non sia compatibile con il piano economico finanziario presentato dal soggetto gestore. Il Comune, inoltre, sarà esonerato dal pagamento del costo di smaltimento dei rifiuti fino ad un quantitativo massimo di 5.000 tonnellate all'anno. Mimmo Luongo

Ex tabacchificio, caos 430 appartamenti tano Di Monaco, Arturo D’Addio, SANTA MARIA CAPUA VETERE. Martino Valiante (NPSI). “Dopo quasi un mese dall’approva“Non vogliamo nemmeno pensare – zione all’unanimità da parte dell’asproseguono i due pidiellini – che il sisise cittadina di un dettagliato odg lenzio che è calato sulla vicenda sucin merito alla spinosa vicenda dei cessivamente al consiglio dello 430 alloggi nell’ex tabacchificio, scorso 19 Gennaio possa far venire che tracciava un preciso indirizzo in mente a qualcuno che facendo fipolitico da applicare al caso in esame, nessuna informazione è nire l’argomento nel dimenticatoio si stata fornita al Consiglio Comunale possa poi proseguire come se nulla fosse accaduto. rispetto alle conseguenti decisioni Con questa richiesta di consiglio codegli uffici preposti”. Sono così inmunale l’Amministrazione nella sua tervenuti i vertici locali del PDL Salinterezza dovrà assumersi le proprie vatore Mastroianni, coordinatore Salvatore Mastroianni responsabilità: o si decide di dar secittadino, e Luigi Simonelli capoguito a quanto votato in consiglio comunale o lo gruppo consiliare in merito alla nuova iniziativa asstesso consiglio comunale risulterà svuotato e svilito sunta dall’intero centrodestra relativa agli atti di qualsiasi valenza. Fermo restando – concludono consequenziali che dovevano seguire la decisione Mastroianni e Simonelli - che medesimo atteggiadel consiglio comunale di unanime contrarietà alla mento di tutela urbanistica del territorio cittadino sarà realizzazione dei 430 alloggi. Una nuova richiesta di messo in campo dal PDL e dall’intero centrodestra consiglio comunale è stata promossa e firmata dai per altre zone che presentano molte analogie con consiglieri Luigi Simonelli, Federico Simoncelli e l’ex tabacchificio, come l’ex Mulino Parisi e l’ex FinGiovanni Campochiaro (PDL), Fabio Monaco e Vincenzo Valletta (UDC), Dino Capitelli (PID), Gae- mek”.


10

11/02/2012

MADDALONI

giunta ecco tutti i giochi

Cerreto blinda gli eletti, nel Pdl rischia Rispoli MADDALONI. E’ toto assessori al Comune di Maddaloni. Infatti il sindaco Antonio Cerreto sta ultimando il suo giro di consultazioni tra i vari consiglieri comunali, attualmente non in maggioranza, per poi chiudere il cerchio e nominare la nuova giunta. Nel frattempo, nella stessa maggioranza stanno cambiando i gruppi consiliari (alcuni erano nati proprio per appoggiare un determinato assessore): infatti a rischiare è innanzitutto l’attuale assessore alla Pubblica istruzione Nicola Corbo il quale prima era appoggiato dai consiglieri Sferragatta, Lombardi e Magliocca. Ora è sostenuto solo da Nunzio Sferragatta. Un altro delegato che rischia è quello ai servizi sociali, Enzo Lerro. La sua nomina era stata fortemente caldeggiata dal duo di consiglieri De Lucia e de Rosa ma ora la prima eletta, de Lucia, è stata nominata assessore e Lerro rischia di uscire dall’esecutivo. Debole è anche la posizione del leader di Uniti per Maddaloni, Enzo Bove assessore al cimitero il quale vede un solo consigliere comunale appoggiarlo, cioé Michele di Nuzzo anche se c’è da dire che la maggioranza, quando ha effettuato la nomina, sapeva quale fosse il peso dell’Upm in seno all’assemblea cittadina. E poi c’è Noi Sud che dovrebbe riconfermare l’assessore Enzo Santangelo e cercare il bis con un altro assessore. Forse Giuseppe Lutri o Nunzio Caiazzo, che andrebbe bene anche a Nunzio Sferragatta in modo tale da controbilanciare l’eventuale fuoriuscita di Nicola Corbo. E poi ci sono i Popolari liberali che attualmente hanno un assessore che corrisponde a Clemente Valentino. Non è dato sapere se il capogruppo Merola e il suo collega consigliere della Valle vorranno effettuare una sostituzione in tal senso o meno. E poi giungiamo al Pdl: attualmente gli asses-

sori sono Enzo Cerreto, Rosa de Lucia e Angelo Rispoli. I primi due sono stati eletti consiglieri comunali e poi divenuti assessori e pare, proprio, che il Pdl blindi i due eletti e quindi dovrebbero essere riconfermati. Mentre vacilla la posizione di Rispoli, uomo dell’ex Alleanza Nazionale ma non candidatosi alle ultime elezioni comunali. Nel Pdl scalcia il consigliere comunale Giovanni Ianniello il quale vorrebbe avere la possibilità di indicare un proprio rappresentante: o il fratello, commercialista, Michele oppure un tecnico di fiducia, l’ingegnere Eliseo. Ma in tutto questo c’è la posizione di Città democratica che vorrebbe tutti tecnici nella giunta: e il consigliere provinciale Antimo Caturano potrebbe optare per una donna come suo rappresentante in giunta. Ma staremo a vedere.

Antonio Cerreto

Lutto a Maddaloni, è morto Del Giudice MADDALONI. Sindacato e mondo della politica sono in lutto: è morto Vincenzo Del Giudice. L’ex consigliere comunale dei Ds ed ex segretario della Fillea-Cgil è stato stroncato da un infarto sabato pomeriggio nella sua abitazione di via Napoli. Comunista vero e sindacalista integerrimo è stato un punto di riferimento per diverse generazioni. Sotto la bandiera della Fillea, per anni, ha condotto la battaglia dei lavoratori della Cementir, portando a casa diversi risultati significativi. E’ stato consigliere comunale dei Ds nell’amministrazione Farina. Anche in questa esperienza si è distinto per impegno e dedizione confermandosi come vero baluardo dei valori della Sinistra. Proprio per il suo attaccamento ai valori della Sinistra, sul finire dell’esperienza diessina, aderì alla mozione ispirata da Fabio Mussi, quella contraria alla nascita del Partito democratico. Uscita sconfitta la sua posizione dal dibattito nazionale, si era fermato. Dopo una pausa di riflessione, nell’ultimo periodo aveva deciso di riprendere a fare politica attiva e si era iscritto al

Vincenzo Del Giudice

Partito democratico. Del Giudice è stato ricordato nel consiglio comunale di martedì con un minuto di silenzio prima che la seduta fosse sciolta a causa della protesta delle donne.


MARCIANISE

11/02/2012

11

scuola a lezioni di salute

Trombetta apre il dibattito sulla “casta” contrattualizzata MARCIANISE. La cultura dello sport e la sana alimentazione: è questo il tema conduttore del progetto “Cibo... sport... che passione” promosso dall’assessore Angelo Ricciardi in collaborazione con l’associazione Visconte per i ragazzi delle scuole di Marcianise. Il progetto prenderà il via il prossimo primo marzo e coinvolgerà tutti gli istituti sino al prossimo mese di maggio. «Lo sport e l’alimentazione sono due elementi fondamentali nell’educazione di un bambino spiega l’assessore Ricciardi - per questa ragione abbiamo deciso di abbinare le due cose per un sinolo imprescindibile». Il progetto prevede l’organizzazione di gare di calcio a otto, calcetto sprint, pallavolo maschile, pallavolo femminile, pallavolo sprint, pallacanestro maschile, pallacanestro femminile, pallacanestro sprint, atletica leggera e staffetta 4x80. «Le attività pratiche prevederanno anche vere e proprie gare con dei punteggi - ha sottolineato l’assessore - al termine del progetto le scuole che avranno raccolto il punteggio più alto riceveranno un premio». Alle attività fisiche si abineranno delle tavole rotonde nel corso delle quali gli esperti spiegheranno l’importanza dello sport e dell’alimentazione. «Oggi il cibo è un elemento di conoscenza e conversazione - ha spiegato l’assessore Ricciardi colazioni di lavoro, feste, sono tutte occasioni in cui l’interazione con l’altra persona si abbina all’alimentazione». Per non correre il rischio di avere un’alimentazione scorretta in queste circostanze è giusto seguire delle regole che aiutano a vivere meglio. «L’obiettivo del progetto è proprio quello di inculcare ai ragazzi delle scuole questo tipo di cultura - ha specificato l’assessore Ricciardi - la corretta limentazione è alla base di una vita sana». Il progetto prodotto dall’amministrazione guidata dal sindaco Antonio Tartaglione dimostra ancora una volta come questa giunta abbia una particolare sensibilità verso la crescita delle nuove leve di Marcianise.

Angelo Ricciardi

Antonio Tartaglione

Ampliamento giunta, paletto costi MARCIANISE. Nell’ambito degli ordinari vertici di maggioranza convocati ogni settimana dal sindaco Antonio Tartaglione per fare il punto della situazione amministrativa locale, presso la casa comunale, il primo cittadino ha tenuto un incontro con i capigruppo ed i segretari della coalizione che lo sostiene. Diverse sono state le questioni affrontate. Primo punto all’ordine del giorno: il possibile allargamento della giunta. Al tavolo si è unanimemente ribadito, in piena concordia con la posizione espressa dal sindaco, che il paventato ampliamento, qualora dovesse verificarsi, non dovrà comportare alcun aggravio per le casse comunali. In altri termini, se per l’esecutivo potrebbe esserci un ipotizzato aumento del numero degli assessori, la certezza è che ciò non comporterà in nessun modo una maggiore spesa per l’Ente, ma solo una nuova ripartizione delle risorse attualmente impiegate. L’assemblea si è poi concentrata sui progetti dell’amministrazione. Il sindaco ha illustrato l’avanzamento degli iter in corso e propedeutici alla realizzazione delle opere nel carniere, prime fra tutte, il completamento della riqualificazione della rete stradale, l’ampliamento del cimitero, il restyling della stazione ferroviaria e delle scuole del territorio, nonché la rivitalizzazione e l’apertura delle strutture sportive del territorio. I convenuti hanno poi avanzato le loro proposte per rendere maggiormente efficiente la macchina comunale, in modo da dare risposte più tempestive alla cittadinanza, con l’erogazione di nuovi servizi. L’incontro dello scorso 6 febbraio è propedeutico alla riunione settimanale tra primo cittadino e gli assessori, allargata anche ai dirigenti per concertare e seguire l’avanzamento delle fasi operative per il raggiungimento degli obiettivi fissati nel programma di governo. I.F.


12

11/02/2012

SPORT/Casertana

casertana torna a parlare

Gelo società-tifosi. Rossoblù a Grottaglie per sperare CASERTA. La Casertana non si ferma nonostante la sosta. I falchetti hanno svolto un periodo di preparazione intensa pur non essendo gravata dal peso della gara ufficiale in occasione dello scorso fine settimana. Sono stati giorni di lavoro molto importanti, a riflettori spenti, durante i quali Ferraro ha potuto ulteriormente diffondere il proprio credo tra i giocatori che lo seguono da qualche settimana. Dopo il successo contro il Nocera, il falchetti hanno ulteriormente corroborato la convinzione nei propri mezzi. La continuità di risultati potrebbe rappresentare l’arma in più in un finale di campionato che si preannuncia scoppiettante. Per poter puntare in alto è necessario continuare la scia di risultati positivi ma inserire qualche successo in più rispetto all’attuale andamento del gruppo. In casa del Grottaglie si attende la svolta del torneo per Majella e compagni. Ottenere i tre punti pieni in terra pu-

La tifoseria rossoblu

gliese rappresenterebbe un passaggio determinante nella consapevolezza di poter ancora sperare nella conquista della promozione in Seconda Divisione già a partire dalla stagione agonistica in corso. Resta ancora sospeso il rapporto tra stampa e società. La dirigenza rossoblù ritiene infatti opportuno continuare a preservare la tranquillità di

giocatori e tecnico. Si tratta di una decisione indubbiamente rispettabilissima ma della quale non si riesce a comprendere fino in fondo la reale utilità. La sensazione infatti è che la piazza abbia capito definitivamente che esiste una sola strada per ritornare al professionismo. La famiglia Verrazzo sta catturando l’attenzione e la bene-

CLASSIFICA Martina Franca Ischia Sarnese Ctl Campania CASERTANA Francavilla S. Nardò Turris Brindisi Casarano Trani Internapoli Irsinese Grottaglie Real Nocera S. Gaeta* Viribus U. Oppido L.

44 42 41 38 37 36 35 35 32 29 26 25 18 18 17 15 11 11

volenza del pubblico ma d’altra parte i casertani si aspettano un atteggiamento più morbido per continuare a viaggiare sulla stessa lunghezzad’orda e liberarsi finalmente dal peso di un incubo che dura ormai da quasi venti anni. Ricompattare l’intero ambiente è una priorità assoluta dalla quale nessuno può esimersi. Nicola Maiello

Chi l’ha visto

Accadde oggi... 1990

CVETKOVIC, DA ARIETE D’AREA A TECNICO DEL SOPOT Borislav Cvetkovic si afferma calcisticamente nella seconda metà degli anni 80’ con la casacca della Stella Rossa di Belgrado, formazione con la quale disputa sessantaquattro partite realizzando diciassette reti ed ottenendo la conquista del campionato jugoslavo nella stagione agonistica 1987/1988. L’anno scuccessivo gioca la Coppa dei Campioni e vince la Coppa dei Campioni. Nel 1988 viene ingaggiato dall’Ascoli di Costantino Rozzi. Nelle Marche veste per cinquantanove volte la maglia bianconera con tredici gol all’attivo. Nel 1991 subisce un gravissimo infortunio. L’anno successivo passa alla Maceratese. Il 1993 è l’anno dell’approdo in Terra di Lavoro. Con la Casertana gioca diciannove volte (sei marcature). Termina la propria carriera in terra madre al Borac Cacak. Dopo il ritiro comincia il percoso da allenatore sulla panchina dell’Obilic e nel 2005/2006 è assistente di Walter Zenga nella Stella Rossa di Belgrado. Dall’annata 2009/2010 ha assunto la guida tecnica della rappresentativa dell’Fk Sopot, squadra B della Stella Rossa, che partecipa alla Prva liga Srbija corrispondente alla Serie B italiana.

TESTA DI SERRA, LA SAMB AFFONDA IN CASA Ventesima giornata del campionato 1989/90, la Casertana cerca di continuare la scia di risultati utili consecutivi. I falchetti, reduci dalla brillante affermazione casalinga contro il Monopoli, partono con il piglio decisivo alla conquista dell’intera posta in palio. La Sambenedettese dimostra di temere le folate offensive della rappresentativa campana. I rossoblù riescono a sbloccare la situazione di stallo di partenza grazie ad un preciso colpo di testa di Serra, abile al 38’ ad infilarsi nella retroguardia dei locali. La prima frazione di gioco si chiude con Campilongo e soci avanti meritatamente di una segnatura. Nella ripresa il canovaccio tattico del match non cambia. Le due compagni si affrontano a viso aperto regalando al pubblico presente un degno spettacolo. La Samb si lancia disperatamente in avanti senza però riuscire a scardinare all’arcigno muro difensivo eretto della rappresentativa della provincia di Terra di Lavoro.


SPORT/Juvecaserta

11/02/2012

13

juve 2 punti per salvarsi Dopo la bella prova della Otto contro Siena, serve la vittoria CAsertA. La Otto Caserta si arrende alla Montepaschi Siena, ma esce tra gli applausi convinti di un Palamaggiò tornato ad essere una bolgia (oltre 4.300 spettatori per un incasso di quasi 30.000 euro). I bianconeri fanno sudare le proverbiali sette camicie alla corazzata toscana, che riesce a vendicare il k.o. dell'andata. Straordinaria, però, la Juve, che ancora una volta ha dimostrato di potersela giocare con chiunque. Avvio equilibrato con smith e Fletcher a rispondere alle fiammate di Mc Calebb e Aradori, che fanno volare gli ospiti sul 412 e costringono sacripanti al time out. La reazione è quella giusta, perchè la Juve fissa un break di 12-0 con Doornekamp, Collins e il rientrante righetti, con stipanovic che regala il massimo vantaggio, ai padroni di casa, sul 16-12. Lavrinovic, dalla lunga distanza, sveglia la Otto dal sogno, Moss fa 2/2 ai liberi e Siena chiude avanti (16-17) il primo periodo. In avvio di seconda frazione sale in cattedra Collins, che pesca due volte Stipanovic con due cioccolatini prelibati: il pivot di Mostar ringrazia e Caserta rimette il naso avanti. Pianigiani fa esordire nel match rakocevic, che con 4 canestri filati tiene a galla i "viaggianti", fin quando Doornekamp e Righetti impiombano due bombe la struttura di Pezza delle Noci esplode. E' una gioia che dura poco, perchè i campioni d'Italia tornano a scappare con Zisis e Andersen (30-38). La Juve non si arrende e mette sul parquet il suo cuore immenso, con Collins e Smith che non perdonano nel tiro da 3 punti. Il finale di secondo periodo è da ricordare: Moss prende d'infilata la linea di fondo e riporta i toscani avanti (40-41), Doornekamp riceve la rimessa e pesca il jolly da centrocampo sul filo della sirena, 43-41 all'intervallo lungo. Difese protagoniste nel terzo periodo: si segna col contagocce, il primo canestro (di Collins) arriva dopo ben quattro minuti di gioco. Si gioca in un girone dantesco, in campo ci sono botte da orbi, sugli spalti il sostegno non manca, in barba alle temperature polari che arrivano dall'esterno. I mensanini sono ancora costretti ad inseguire (51-47 col canestro di Smith), ma riemergono immediatamente con Lavrinovic e stonerook, che fissano il risultato sul 53-54 della penultima sirena. Il quarto periodo inizia clamorosamente in salita per la Juve: parziale di 0-9 per Siena condotto da Moss, Zisis e Rakocevic, con Sacripanti ancora costretto al time out, mentre Fletcher esce fuori da una partita in cui non è mai entrato e Bell è dimenticato in attacco, ma è volenteroso in difesa contro

Andre Collins

il fischiatissimo Moss. I bianconeri ritrovano la grinta e la voglia, sono consapevoli di potersela giocare fino alla fine, con Collins e Righetti che rispondono colpo su colpo all'infinito rooster senese. Sembra finita quando David Andersen segna il "jumper" che vale il nuovo +8 Siena (72-80). Caserta non molla, fissa un parziale di 5-0 coi liberi di Collins e la tripla di Smith (77-80). La Mens Sana sciupa il possesso della tranquillità, Collins va con la tripla del pareggio che si stampa sul ferro, il rimbalzo è conquistato da Smith che cerca anch'egli il tiro del pareggio, ma viene anticipato dal fallo di Carraretto, giudicato, dalla terna arbitrale, prima del tiro, quindi l'ex Izmir va in lunetta con due tiri liberi. Segna il primo, sbaglia il secondo, Mc Calebb prende il rimbalzo e fa scadere gli ultimi secondi difendendo palla e risultato, Caserta esce sconfitta, ma testa altissima, meritandosi gli applausi e i cori di ringraziamento del proprio pubblico. Peccato per quello che è avvenuto dopo la sirena finale, con un parapiglia senza senso nel settore occupato dai supporters senesi che, per tutto l'andamento della gara, hanno solo tifato per la loro squadra. Non è chiaro il motivo scatenante, ma i casertani della curva "4 stelle" e della tribuna hanno deciso di sfogare la propria rabbia sui tifosi ospiti che, va detto, non hanno neanche reagito all'insulso tentativo di aggressione, ma cercavano solo di ristabilire la calma. La Juve è ora attesa dallo scontro salvezza di Casale Monferrato, contro una squadra che viene da una settimana non semplice. L'incredibile sconfitta interna con Varese ha portato coach Crespi alle dimissioni, con la Novipiù che ha affidato la panchina al vice Andrea Valentini. In regia uno dei volti nuovi della squadra rossoblù,

Mustafa shakur: uscito dal college di Arizona State, con ben poco edificanti esperienze Nba a Sacramento e Oklahoma, ha una discreta esperienza europea maturata a Sopot e Vitoria, dove s'è messo in luce in Eurolega. E' un ottimo attaccante (attuale miglior realizzatore del campionato con quasi 18 punti a partita), bravo anche nel mettere in ritmo i compagni, predilige la penetrazione al tiro da fuori, che però non sdegna quando occorre. Al suo fianco non agirà Matt Janning, operato alla mano destra, infortunio che lo costringerà a stare fermo a lungo, ma Matteo Malaventura; 33 anni, 428 presenze in serie A divise tra Pesaro, Forlì, Biella, Roseto, Napoli, Bologna e Casale, è un ottimo difensore e buonissimo tiratore da 3 punti, sugli scarichi e in uscita dai blocchi. Garrett temple completa il back court: uscito da Lousiana State, ha avuto esperienze in NBDL e in NBA (Rockets, Kings, Spurs, Bucks e Bobcats), è un giocatore rapido, un realizzatore che sa anche passare bene la palla ma che, col trascorrere del tempo, s'è trasformato in ottimo difensore lontano e vicino alla palla. Dalla panchina abbiamo stefano Gentile, un play maker da ritmi alti, che ama correre e andare in contropiede, e simone Pierich, uomo simbolo di questa squadra, alla 6° stagione consecutiva a Casale, lui che è il classico collante tra attacco e difesa, ottimo difensore e discreto attaccante, soprattutto nel tiro da 3 punti. Sotto le plance non ci sarà Oluoma Nnamaka, infortunato al ginocchio sinistro. Lo svedese è stato rimpiazzato da Jasmin Hukic, ala slovena di 31 anni, con trascorsi italiani a Treviso nel 2009/2010. Hukic è un giocatore fisico, che però sa anche fare canestro dalla medio/lunga distanza essendo dotato di una discreta tecnica. In posizione di pivot la nota lieta del rooster piemontese, ovvero David Chiotti: 206 cm per 115 kg, ha avuto un buonissimo impatto sul campionato, lui che è esordiente nella massima serie; buon interprete del pick & roll, discreto in post basso, grande presenza a rimbalzo su ambo i lati del campo, è un lottatore vero. Il reparto vede anche la presenza del giovane Nicolò Martinoni, arrivato in prestito dalla Virtus Bologna, ed è completato dal centro serbo Oliver stevic, che ha iniziato la sua stagione a Bilbao; giocatore di grande sostanza, anch'egli molto attivo a rimbalzo, ottimi movimenti in post e buon intimoritore. Il rooster è completato da Giancarlo Ferrero, e in quintetto presenta Shakur, Malaventura, Temple, Hukic e Chiotti. Francesco Padula


Caserta&dintorni

I ritmi della cantina

Si suona e canta a Le Quattro fontane

CASAgIovE. Cosa c’è di più bello durante una mangiata con gli amici se non una bella cantata? Il ristorante Le Quattro fontane, in via Quartier vecchio a Casagiove, si è attrezzato per far rivivere il clima delle vecchie cantine ai suoi clienti. Il titolare, lo chef Michele, infatti, ha messo a disposizione di coloro che vorranno farlo, una chitarra per strimpellare e permettere a tutti coloro che ne hanno voglia di intonare, e in qualche casa, di stonare le loro canzoni preferite. Nessuna strumentazione particolare, nessun karaoke, nulla di assordante che impedisca di gustare, a chi ha voglia di fare solo quello, la propria cena. Come succedeva nelle vecchie cantine, i clienti de Le Quattro fontane si improvviseranno novelli menestrelli per allietare la loro serata e quella della loro comitiva. Un modo semplice per divertirsi che va ad arricchire la vera attrattiva de Le Quattro fontane: i piatti. Il punto di forza del locale, sono, infatti, i prodotti tutti di prima scelta garantiti dal marchio Slow food. Nessun ritrovato chimico, nessun cibo precotto, solo ingredienti di prima qualità amalgamati e preparati dalla mano magica dello chef Michele che riesce a trasformare cibi di prima scelta in pietanze da leccarsi i baffi. Non esistono menù fissi, le varie pietanze vengono pre-

CARnEvALE ISTAnTAnEo (Corso Trieste - 18 Febbraio ore 15.00). Lo spazio di Corso Trieste, completamente chiuso al traffico, sarà teatro di una mostra fotografica dal carattere estemporaneo in cui verranno esposte tutte le fotografie che immortaleranno i momenti più belli del nostro Carnevale. BALLo In mASChERA (Piazza Dante - 18 Febbraio ore 20.30). Primo concorso di ballo in maschera della città di Caserta che coinvolgerà coppie danzanti in una sfida ricca di sorprese e premi.

15

Gli appuntamenti... Al Comunale arrivano Pulcinella e i burattini Prosegue, con successo, la nona edizione della Rassegna domenicale “A Teatro con Mamma e Papà”, direzione artistica di Roberta Sandias. Domenica 12 febbraio, con inizio alle ore 11.00, il Teatro della Città , ospiterà La Carrozza d’Oro in “Pulcinella e Zeza”, di e con Alfredo Giraldi.Questo spettacolo vuole essere un omaggio alla “Canzone di Zeza”, rappresentazione teatrale popolare assai diffusa in Campania. In questo spettacolo si fondono due tradizioni tipicamente campane: quella delle guarattelle, strettamente legata alla città di Napoli, e quello del teatro “contadino”.

Carnevale atellano, ecco il programma dell’evento

parate sul momento dallo chef Michele per un’apoteosi del gusto senza eguali. Per evitare di restare all’impiedi, o per scegliere pietanze particolari da farsi cucinare con le sue sapienti mani dallo chef Michele, è consigliabile prenotare il proprio tavolo allo 0823468970 Il ristorante Le Quattro fontane è aperto dal lunedì al sabato a pranzo e a cena, con la grande novità dell’apertura della domenica solo a pranzo.

Balli, maschere e gastronomia:arriva Carnevale CASERTA. Anche a Caserta si festeggia il Carnevale. L'edizione 2012 è stata organizzata dal Comune in sinergia con Asips, Sintesi e Agrisviluppo (Aziende Speciali della Camera di Commercio, con la collaborazione di Casertaville. Si parte il 18 febbraio, di seguito il programma della manifestazione:

11/02/2012

FESTEggIAmo IL CARnEvALE (Piazza Dante - 18 Febbraio ore 22.30). Dopo i colori e le suggestive note del ballo in maschera, spazio ai dj in consolle che si alterneranno fino a notte fonda suonando i brani di maggior successo e le migliori hit di sempre. IL CoRSo mASChERATo (Corso Trieste - 19 Febbraio ore 15.00). Sfilata di carri e maschere che si snoderà a partire da via Unità d’Italia, all’altezza del Monumento ai Caduti, per tutto il Corso Trieste in un tripudio di musica, colori e coriandoli che animeranno e daranno vita al nostro Carnevale. Al termine della sfilata in P.zza Ruggiero si proclameranno i vincitori e si procederà con la loro premiazione. L'AngoLo EnogASTRonomICo (Corso Trieste - il tratto Reggia di Caserta - 18/19 Febbraio 2012). Allestimento di gazebo che esporranno prodotti enogastronomici tipici del periodo carnevalesco, sinolo perfetto di identità sapori e territorio.

Martedì grasso è sempre più vicino e comincia il conto alla rovescia per le manifestazioni clou del programma della III edizione del Carnevale Atellano. Un calendario ricco di eventi che dallo scorso mese di ottobre hanno regalato momenti di gioia e di allegria in attesa di una delle feste più belle dell'anno. E quella di sabato prossimo 11 febbraio sarà una giornata ricca di iniziative che cominceranno la mattina con l'attesissimo carnevale dei ragazzi per concludersi in serata con l'elezione di miss maschera atellana. Alle 9,30 si incontreranno presso la scuola media "V. Rocco" tutti i piccoli alunni delle scuole partecipanti. Il corteo colorato e festoso dei bambini in maschera partirà alle 10 e attraverserà le principali strade del paese per raggiungere Piazza Salvo D'acquisto. Lì, acrobati, saltimbanchi e giocolieri faranno divertire bambini e genitori con uno spettacolo che si concluderà alle 12,30. E grande novità di questa edizione, per l'occasione sarà anche ufficializzato e presentato alla comunità il gruppo di majorettes e tamburini, composto da 18 ragazze e 6 ragazzi giovanissimi scelti dallo staff.

La bambina senza stella, Catone presenta il suo libro La Giornata della Memoria, che è stata variamente commemorata anche in provincia di Caserta, avrà un significativo seguito lunedì 13 febbraio a Sessa Aurunca, dove verrà presentato il libro Non avevo la stella-La testimonianza di una bambina deportata per errore, scritto da Marisa Errico Catone, la cui famiglia è originaria dell'area aurunca, tra Sessa e Roccamonfina. Edito da Nuovadimensione a cura di Stefano Gambari, Direttore della Casa della Memoria di Roma, arricchito da una prefazione del giornalista Aldo Cazzullo del Corriere della Sera, il volume racconta la storia di una famiglia e di una bambina -appunto Marisa Errico Catone- deportata dai nazisti in giro per i lager di mezza Europa.


Casertafocus n.6  

settimanale a distribuzione gratuita di Caserta e Provincia