Issuu on Google+

Periodico d’informazione della Provincia di Caserta Direttore responsabile, Francesco Marino - Editore, PF edizioni srl, via Daniele, 45 - Caserta - Tipografia, Grafic Processing ACERRA (NA). Testata registrata presso il tribunale di Santa Maria Capua Vetere (CE) n. 771 del 30/09/2010 - Per informazioni: 328.3997148 - E-mail: casertafocus@gmail.com - www.casertafocus.net

ASCOM minacce dagli avellinesi Stella vorrebbe la guida del sodalizio nonostante di D’Anna abbia sanato i debiti. Pag. 2

OPERATORI 328 arrivano i salari Entro Pasqua saranno pagate tre delle quindici mensilità arretrate che Pag.3 avanzano gli operatori.

BIBLIOTECA addio progetto Non ci sono i soldi per realizzare una casa della cultura nel quartiere borbonico. Pag.6

TERZO POLO Ricci vuole il repulisti Dopo il manifesto la maggioranza si stringe intorno all’assessore. DelePag.8 ghe revocate.

LA CORAZZATA Pdl in Consiglio Con il gruppo Lombardi-Magliocca sale a undici il numero dei consiglieri del Pdl. Pag.10

LA CASA delle associazioni Trenta associazioni alla manifestazione organizzata dall’assessore Trombetta. Pag.11

SPARTACO griffe della cultura La libreria e casa editrice di Santa Maria Capua Vetere ha tante iniziative in cantiere. Pag.15

Anno III n. 13 31/03/2012 distribuzione gratuita

‘Silurato’ Crispino Il costruttore cerca asilo nell’Api per la Camera CaSERTa. Tira area di cambiamento nella Camera di commercio di Caserta. L’ente di via Roma, infatti, si appresta a rinnovare il consiglio entro il prossimo mese di giugno, in modo da arrivare per fine anno alla definizione del nuovo quadro dirigente. Partendo dalla componente degli industriali, il presidente di Confindustria Caserta antonio Della gatta pare intenzionato a rinnovare completamente la delegazione in seno alla Camera di commercio. Del nuovo gruppo, sicuramente non farà parte l’ex presidente dell’Unione industriali antonio Crispino, in rotta da tempo con il costruttore di San Cipriano d’Aversa. Crispino, consapevole di questa situazione, sta lavorando ad un piano di riserva per poter entrare a far parte, comunque, del nuovo consiglio della Camera di commercio. Il costruttore, titolare di diverse attività non solo nel campo dell’edilizia, sta cercando di farsi delegare da un’altra associazione, l’indiziata numero uno è l’Api, per poter, poi, far valere il suo peso personale nel nuovo consiglio camerale. Dopo tantissimi anni, l’Api non sarà più rappresentata in seno alla Camera di commercio, dal suo storico presidente Salvatore De Biasio, che sarà sostituito da Domenico Orabona. Passaggio di consegne, invece, all’interno della Confcoperative tra lo storico presi-

L’editoriale

Ora speriamo nell’effetto Napolitano di Francesco Marino

antonio Crispino

dente guido Civitillo e la figlia giada Civitillo che dovrebbe fare il suo esordio all’interno dell’organismo camerale. Non cambia il delegato della Cia Salvatore Ciardiello, così come quello del Cna Francesco geremia che saranno punti fermi della Camera di commercio anche nel prossimo quadriennio. Qualche novità, invece, ci potrebbe essere nella delegazione della Confesercenti. Confermatissimi Maurizio Pollini e Pasquale giglio, l’uomo nuovo potrebbe essere Lello Valentino che andrebbe a prendere il posto dell’attuale delegato di Sessa Aurunca. La stessa tranquillità non vive, invece, nell’altro organizzazione dei commercianti, l’Ascom. continua a pag.2

La visita del presidente della Repubblica Giorgio Napolitano, ha rappresentato per Caserta, un appuntamento di grande importanza perché ha permesso a Terra di Lavoro di poter uscire, per una giornata dalla sua condizione di mediocrità generale, ed elevarsi a rango di provincia con la P maiuscola. L’inaugurazione del Museo Campano, ha dato quel tocco di cultura e di eleganza ad una giornata che, altrimenti, sarebbe stata comunque perfetta. Policlinico, Università, emergenza lavoro, il rilancio dell’industria serica, sono stati declinati tutti i problemi alla presenza del presidente da parte di amministratori locali e organizzazioni di categoria. E ora? Cosa succede? Speriamo che lo spirito dimostrato in occasione della visita del presidente un po’ da tutti non vada sfumando man mano che l’evento si allontana nel tempo. Sarebbe grave che quel continua a pag.2


2

31/03/2012

CASERTA

ascom l’avanzata di stella L’avellinese vorrebbe mettere le mani sull’associazione (SeGue DAllA PriMA) Dopo la bufera che ha colpito l’associazione ad inizio anno, con il rischio scongiurato da Mario D’Anna dello scioglimento, sono in corso tutta una serie di operazioni per rilanciare il sindacato. Ovviamente, problemi ci sono a causa della massa debitoria, solo parzialmente risanata. Oltre a pensare alla Camera di commercio, l’Ascom deve guardarsi dal tentativo di Stella di Avellino di mettere mano nell’associazione di Caserta. In questo contesto, nei prossimi giorni, partirà la discussione per definire quale debba essere la delegazione in seno all’ente di via Roma. Il quadro delle grandi associazioni si chiude con la Coldiretti dove, invece, regna la più totale tranquillità. La squadra costruita intorno a Generoso Marrandino e a Tommaso De Simone, attuale presidente della Camera di commercio dovrebbe essere confermata in blocco. Quanto alla nuova presidenza, De Simone sembra proiettato sernamente verso il bis. In questi tre anni, ha operato bene e si è fatto apprezzare dalle varie categorie che, oggi, sono pronte a sostenerlo in questo suo secondo mandato. Per quello che riguarda il sindacato, invece, nell’ambito del turn-over che

c’è tra Cgil, Cisl e Uil, il nome sul quale dovrebbe puntare la Triplice è quello del portacolori della Cgil Camilla Bernabei. Sul piano formale, le varie associa-

zioni, debbono provvedere a comunicare alla Regione il numero degli iscritti in modo che quest’ultima possa fissare le quote in seno all’assemblea di via Roma.

Effettuata tale operazione, si provvederà ad indicare i nominativi che avranno, a loro volta, il compito di eleggere il presidente e la giunta. Francesco Marino

continua da pag.1 dinamismo culturale ostentato in occasione della venuta del presidente vada scemando tra il silenzio e il disinteresse generale. C’è bisogno di cambiare rotta, di voltare pagina, di cominciare ad affrontare i problemi di mettere in campo delle soluzioni. Caserta farebbe quel salto in avanti che noi tutti auspichiamo anche solo cominciando a lavorare ad una delle questioni messe sul campo alla presenza di Napolitano.

Ovviamente, per ottenere questo risultato, è necessario che la si smetta di accapigliarsi per piccoli spazi di agibilità politica. Caserta ha bisogno di un fronte Comune, non di fronti contrapposti che lottano per una medaglietta da attaccare sulla spallina... In una provincia in cui tutti si ergono a generali, non ci sono più eserciti da comandare... Non c’è più nessuno che, in prima persona, cerchi di risolvere un piccolo grande problema.

Lo stupore con cui viene salutato il fatto che il presidente ricordi dell’industria serica casertana, avrebbe dovuto fare il paio con l’indignazione per la sparizione della stessa dal nostro tessuto produttivo in pochissimi anni. E, invece, l’immobilismo generale ha fatto in modo che questa cosa accadesse senza che nessuno dicesse nulla. Speriamo che il senso dello Stato, delle istituzioni, dell’impegno collettivo trasmesso dal presidente

serva per svoltare in questo territorio. Caro presidente Napolitano, da uomo delle istituzioni, da napoletano, da ex segretario del Pci di Caserta, dacci una mano. Ne abbiamo tantissimo bisogno...

Antonio Della Gatta

Maurizio Pollini

Giada Civitillo

Mario D’Anna

Generoso Marrandino

Tommaso De Simone

Per informazioni 328.3997148 casertafocus@gmail.com www.casertafocus.net


CASERTA

31/03/2012

3

operatori 328 tre stipendi

Predisposti i mandati, gli stipendi prima di Pasqua CASERTA. Il pagamento di tre mensilità arretrate: è questo il regalo che farà il Comune di Caserta agli operatori della 328 che, al momento, vantano un ritardo nei pagamenti rispetto all’amministrazione di Palazzo Castropignano di quindici stipendi. L’ufficio ragioneria, infatti, sta già predisponendo i mandati di pagamento che dovrebbero essere pronti prima di Pasqua, con le maestranze che potranno avere una piccola boccata d’ossigeno. «Sappiamo che la situazione è difficile e siamo vicini ai lavoratori, ma da parte nostra per il momento, più di così non possiamo fare». Non regala illusioni l’assessore alle Politiche sociali del Comune di Caserta Emiliano Casale alle maestranze. «Abbiamo dirottato duecentomila euro di rimesse statali sulle politiche sociali per dare la possibilità ai lavoratori di respirare - ha detto Casale

- da quando ci siamo insediati come amministrazione, in effetti, i lavoratori avrebbero un paio di mesi di arretrati. E’ chiaro che il problema è il pregresso, ma deve essere anche chiaro che, su due piedi, non è possibile saldare tutto il debito». Le parole di Casale non rappresentano un volersi lavare le mani da parte del Comune, ma, al contrario sono un invito ai lavoratori ad avere pazienza. «Abbiamo detto che ci saremo accollati gli arretrati e lo faremo - ha spiegato senza giri di parole Casale - non ci piace fare a scaricabarile e ricordare episodi del passato, ma i lavoratori ci devono dare il tempo di operare. Abbiamo dimostrato con i fatti di essere dalla loro parte». Casale ricorda come, a rendere tutto più difficile ci si è messa la Regione Campania che ha ulteriormente ridotto i contributi per le politiche so-

Emiliano Casale

ciali. Prima di sbilanciarsi sul futuro, l’assessore attende che il ministero degli interni si esprima sull’ipotesi di bilancio stabilmente riequilibrato che il consiglio comunale di Caserta ha approvato ad inizio settimana. Nella

manovra, infatti, ci sono dei fondi che l’assessore è riuscito a farsi appostare per le politiche sociali. Bisogna vedere, per capire se si può avviare un certo tipo di programmazione, se il ministero darà l’ok a questa operazione.


4

31/03/2012

FOCUS SALUTE

laser k la forza terapeutica

A Villa dei Cedri nuove tecniche di riabilitazione Ci sono due nuovi fiore all’occhiello per il centro di riabilitazione fisioterapica accreditato Villa dei Cedri a Lusciano che opera nel comparto da venticinque anni. Si chiamano laser K e onda d’urto radiale, e rappresentano l’ultima novità in termini di tecnologie nell’ambito della fisioterapia. In un paio di settimane, sottoponendosi a questi nuovi trattamenti, infatti sarà possibile risolvere tutti i problemi di lombosciatalgia, stiramenti muscolari, edemi post trauma, distorsioni, borsiti, cervicalgia. E non finisce qui. Grazie alla potenza del laser K sarà possibile eliminare tutti i dolori alla spalla, al torace, al gomito, al polso, alla mano, al tunnel carpale, alla parte inferiore del dorso, all’anca. E, ancora, sarà possibile cancellare i problemi al piede, al ginocchio, al tallone, alla caviglia. Dopo poche sedute, la fascite plantare sarà solo un ricordo. Attraverso la forza del laser, i pazienti ritroveranno la piena funzionalità dei loro arti, gettandosi alle spalle tanti dolori fastidiosi. Attraverso l’onda d’urto radiale, poi, la periartrite, i dolori al collo, il gomito del tennista, l’ostioartrite non saranno più un ostacolo alla vita di tutti i giorni. Sono tantissimi, comunque, i problemi che si possono risolvere con queste nuove tecnologie. Per ulteriori informazioni, è possibile recarsi presso la struttura Villa dei

Cedri in via Di Vittorio 30 a Lusciano. Oppure inviare un’email a villadeicedri@libero.it o, ancora, telefonare allo 0818142812 o allo 0818142956. Personale qualificato saprà indicare le migliori cure per i vari disturbi in modo da rimettere in sesto tutti i pazienti in pochissimo tempo e senza do-


6

31/03/2012

APPIA

biblioteca addio progetto

Il sogno del compianto Santoro sembra irrealizzabile CASAGIOVE. Perché un uomo possa essere libero

ISBN con varie postazioni internet, un ar-

ed indipendente, in grado di decidere in maniera au-

chivio ben fornito, un sistema di interscam-

tonoma e di giocare un ruolo attivo nella società ha

bio bibliotecario ed una biblioteca arricchita

bisogno di studiare e per poterlo fare occorre che

da varie donazioni, anche dai libri della Col-

abbia libero accesso, senza alcuna limitazione, alla

lezione privata della famiglia Perrotta, che

conoscenza, al pensiero, alla cultura ed all’informa-

ora sono deposti nei locali dell’ente in

zione.

Piazza degli Eroi. C’era persino stata la di-

Di ciò ne era ben consapevole il compianto dott. Mi-

sponibilità del dott. Massimo Sgroi di do-

chele Santoro che, prima della sua dipartita, aveva

nare i libri del padre, grande figura

messo in cantiere un suo ultimo progetto in grado di

letteraria, offrendosi come uno dei membri

poter portare la città di Casagiove ad un livello cul-

fondatori del progetto.

turale elevato, questo riguardava l’istituzione di una

Il tutto però non ha avuto alcun seguito, cadendo nel-

Borbonico.

nuova biblioteca comunale all’interno del Quartiere

l’oblio dopo le elezioni, perché oggi il comune non

Oggi invece si preferisce utilizzare i fondi disponibili

Quartiere Militare Borbonico

Militare Borbonico ed aveva calamitato anche l’at-

ha i fondi necessari per finanziarlo e tutti coloro che

per altre questioni considerate più urgenti e si trala-

tenzione di quelle persone che di lì a breve hanno

si erano dimostrati interessati, tra i quali anche il dott.

sciano la scuola ed i servizi pubblici, non si investe

preso in mano l’amministrazione della città, tanto che

Sgroi, a cedere a titolo gratuito i propri libri di grande

nella cultura che è un bene indispensabile, almeno

essi lo avevano posto tra le prerogative del pro-

valore hanno lasciato il progetto. Tra le idee iniziali

quanto l’acqua, in una società come la nostra colpita

gramma elettorale della lista civica Casagiove Fu-

c’era quella di potenziare la biblioteca comunale at-

da una profonda crisi sociale, economica e politica,

tura. L’idea del presidente della Pro loco, cosciente

tuale già accessibile nella sala consiliare del munici-

la formazione è una risorsa per i cittadini, sempre più

che la biblioteca sarebbe stata un centro per lo svi-

pio di via Jovara con le nuove donazioni nel

deboli e costantemente in difficoltà con il lavoro.

luppo delle idee ed il soddisfacimento delle curiosità,

frattempo che fossero arrivati i finanziamenti neces-

La cultura è l’urgente infrastruttura per un Paese che

era quella di creare un luogo di studio messo in co-

sari che avrebbero consentito l’allestimento della

voglia ancora dirsi democratico.

municazione con il sistema bibliotecario nazionale

nuova biblioteca in alcuni locali del Quartiere Militare

Luigi Di Costanzo

Traffico, novità in via Milano Anfiteatro, ecco i bus turistici SAN NICOLA LA STRADA. Sino a qualche anno fa l’isola spartitraffico, costruita all’incrocio di Via Milano – Via Benevento e Via Firenze, nella cosiddetta Zona Michitto, a seguito dell’Ordinanza sindacale numero undici del 16 marzo 2000, fungeva egregiamente al suo scopo che era quello di evitare collisioni fra le autovetture. Poi, improvvisamente, visto che la zona Michitto, da decenni al centro di aspre lotte per la sua lottizzazione, aveva ottenuto la possibilità di costruire mega alloggi, facendo affogare tutto la zona in un mare di cemento, innalzando anche l’indice di sovraffollamento urbano a livelli delle metropoli cinesi, l’isola spartitraffico è stata eliminata anche per consentire ai camion ampia possibilità di manovra. Tutto ciò non ha fatto altro che far ritornare gli incidenti, data anche la particolare conformazione delle predette arterie stradali. Con l’Ordinanza sindacale nr. 23 del 22 marzo scorso, il Sindaco Pasquale Delli Paoli ha ordinato il ripristino dell’isola spartitraffico permanente realizzata mediante getto di calcestruzzo e mediante cordolatura in calcestruzzo, con divisione dell’unica carreggiata in due carreggiate separate che saranno impegnate dai veicoli in direzione Piazza della Repubblica e dai veicoli in uscita da Via Firenze e dirette in via Cairoli o tramite successiva svolta a sinistra in via Benevento, nonché la posa in opera della relativa segnaletica orizzontale e verticale. Nunzio De Pinto

SANTA MARIA CAPUA VETERE. Via libera all’area di sosta attrezzata gratuita per camper e pullman turistici nella zona adiacente l’anfiteatro. L’amministrazione comunale, guidata dal sindaco Biagio Di Muro, ha infatti portato a termine la sistemazione dell’area, installando le colonnine per lo scarico delle acque e per il rifornimento idrico. Il parcheggio è diviso in undici posti riservati ai camper, novanta alle auto e dieci ai pullman turistici (utilizzabili all’occorrenza anche dagli stessi camper), tutti immediatamente fruibili. E’ stata inoltre predisposta la segnaletica di accesso nei quattro punti di ingresso della città, nonché la segnaletica interna con indicazione dei siti da visitare a Santa Maria Capua Vetere e dei numeri utili. L’iniziativa è stata promossa dall’assessore all’Ambiente Donato Di Rienzo e dall’assessore al Verde pubblico Carlo Russo, che si è impegnato per la sistemazione delle piante e delle aree verdi del parcheggio. Decisiva la collaborazione dell’associazione Amici Eurocamperisti, con il presidente Carlo Tondi e il vicepresidente Fernando Altobelli. “Abbiamo finalmente ottenuto – afferma Tondi – un risultato importante per lo sviluppo del turismo a Santa Maria Capua Vetere. Da oltre dieci anni ci stavamo battendo per la realizzazione di questa area attrezzata, che rappresenta un presidio fondamentale per accogliere i camperisti oltre ai visitatori in pullman. Ora sarà cura anche degli Amici Eurocamperisti promuovere la conoscenza di questa possibilità sui siti e sulle riviste specializzate. Nel frattempo, comunque, sul nostro portale web (www.amicieurocamperisti.it) abbiamo inserito tre percorsi di visita della città con tutte le informazioni utili”.


8

CAPUA

31/03/2012

terzo polo via al repulisti

Ricci non fa sconti: fuori i responsabili del manifesto CAPUA. Sono giorni difficili per Carmine Antropoli che ad un anno dalla strepitosa vittoria alle elezione deve fare i conti con la prima vera crisi che ha investito la sua maggioranza. Tutto è nato con l’affissione, da parte del Terzo Polo (presente in consiglio con Gaetano Caputo, Fabio Buglione e Guido Taglialatela e in giunta con Gaetano Ferraro) di un manifesto, dai toni particolarmente duri, nei confronti di quello che è considerato l’uomo “forte” dell’amministrazione, il consigliere e delegato all’ambiente Marco Ricci. Nel manifesto i centristi hanno sollevato il problema della mancanza di condivisione sul problema della gestione dei rifiuti e della crisi che si è registrata in città. Il Nuovo Psi, con Carmela Ragozzino, Gianfranco Vinciguerra e Anna Maria Fusco, si è chiuso a riccio a difesa di Ricci e ha chiesto al sindaco di fare una scelta precisa per il prosieguo della consigliatura, tra loro e il Terzo Polo. Antropoli si è subito schierato con Ricci ed ha immediatamente revocato le deleghe e gli incarichi a Gaetano Ferraro e Guido Taglialatela. «Sottolineo – ha detto il sindaco che il conferimento di incarichi è esclusivo atto fiduciario e che, pertanto, è da ritenersi che siano venute meno le condizioni a supporto di tale fiducia». Una fase di chiarimento tra Ricci e alcuni esponenti del Terzo Polo, seguita alla sortita del manifesto, non ha dato i frutti sperati. «Vogliamo precisare – affermano compatti i centristi - che i toni contenuti nel manifesto in alcuni “passaggi” sono apparsi eccessivi soprattutto perché sembrerebbero configurare un attacco personale nei confronti del delegato al settore ecologia. Se tanto è apparso siamo dispiaciuti con il diretto interessato ma non era nelle nostre intenzioni, così come non era

Marco Ricci

Giuseppe Chillemi

nelle nostre intenzioni venir meno al vincolo di lealtà nei confronti del Sindaco e dell’Amministrazione. Lo abbiamo sempre dimostrato ora e nel passato». Futuro e Libertà e l’Udc rimarcano come l’intento politico era diretto ed è diretto, a sollecitare un confronto costante e costruttivo sulla questione dei rifiuti e su tutte le problematiche di rilievo della Città. I centristi non mancano però di sottolineare come è stata gestita, da parte del primo cittadino, tutta la vicenda con l’adozione di provvedimenti molto duri. Il riferimento è alla revoca delle de-

leghe e degli incarichi. Il Terzo Polo evidenzia come, in altre circostanze, che hanno visto coinvolte altre forze politiche del centrodestra che si sono espresse diversamente dall’indirizzo della maggioranza, il primo cittadino ha adottato un diverso comportamento. Continua, invece, la netta chiusura da parte dei socialisti come spiega a CasertaFocus, Marco Ricci. «Sono stati fatti attacchi personali – afferma - e il nostro partito è chiaro, preciso e inamovibile da questa posizione. Ho apprezzato la scelta fatta dal sindaco al quale ho ribadito, anche dopo la revoca degli incarichi ai componenti

del Terzo Polo, che noi non siamo assolutamente attaccati alle poltrone e che non abbiamo alcun problema ad andare all’opposizione». E’ molto probabile che nei prossimi giorni le forze di maggioranza si riuniscano per affrontare la delicata situazione. «In quella sede – fa sapere Ricci – ribadiremo la nostra posizione. Non abbiamo nulla contro il Terzo Polo ma lo stesso deve “scaricare” i responsabili di quel vergognoso attacco. Ad oggi c’è una nuova e leale maggioranza che sostiene Antropoli». In merito a questa vicenda all’interno del centrodestra Capua Fidelis e Capua per La Libertà si sono schierate con il Nuovo Psi mentre il Pdl con Carmela Del Basso, Salvatore Caruso e Giuseppe Chillemi, pur esprimendo solidarietà al consigliere Ricci, ha assunto una posizione politica equidistante dai due gruppi “contrapposti”. Come dire, un colpo al cerchio e l’altro alla botte, in attesa, forse, di ulteriori sviluppi della querelle. Mimmo Luongo

Il sindaco Antropoli guarda già al futuro CAPUA. Con la revoca delle deleghe e degli incarichi agli esponenti del Terzo Polo il sindaco, se non ci saranno eclatanti marce indietro, dovrà procedere alla relativa ridistribuzione delle stesse tra gli altri partiti della maggioranza. I centristi, infatti, avevano un pacchetto di deleghe particolarmente consistente costituito da trasporti (metropolitana leggera e aeroporto) – Programmazione impianti produttivi – Piani Insediamenti Produttivi e SUAP – Cartellonistica pubblicitaria e relativo piano - Bilancio e Finanze - Programmazione Negoziata e Fondi Europei - Eventi – Spettacolo - Turismo e Villa Comunale - Lavori Pubblici - Promozione dei mercati rionali - Programmazione viabilità e grande viabilità - Riqualificazione del percorso fluviale e delle relative sponde - Grandi Eventi - Informatizzazione dell’Ente e nuove tecnologie - Politiche del Lavoro Pari Opportunità. Ed ancora, tutela e riqualificazione dei beni culturali e demaniali, anagrafe e stato civile, urbanistica, legalità e trasparenza e vi-

sione sui contratti. Nel caso in cui si configuri un Terzo polo all’opposizione, la nuova geografia, sulla carta, del consiglio risulterebbe così composta: Maggioranza: Nuovo Psi (Ricci, Ragozzino, Fusco e Vinciguerra); Capua per la Libertà (Valletta, Caruso P., Brogna); Pdl (Chillemi, Del Basso, Caruso S.); Capua Fidelis (Morlando); Gruppo Misto Carmine Antropoli (Frattasi). Minoranza: Terzo Polo (Buglione, Taglialatela, Caruso); Centrosinistra (Gucchierato).


10

31/03/2012

MADDALONI

corazzata Pdl in consiglio

Il gruppo sale a undici consiglieri dopo la crisi MADDALONI. Nasce la federazione tra il Pdl di Maddaloni e il gruppo politico che si rivede nei consiglieri comunali Giuseppe Magliocca e Giacomo Lombardi, attuale presidente del consiglio comunale. Con un documento firmato dal coordinatore cittadino del Pdl Giuseppe Procino e il responsabile politico dei due consiglieri, Angelo Cafarrelli, si ufficializza quindi un rapporto politico che vede il partito del sindaco Cerreto raggiungere, in maniera schiacciante, la maggioranza relativa sia in consiglio comunale e sia in seno alla maggioranza. Il Pdl quindi può contare, tra gruppo ufficiale e federati, su ben 11 consiglieri comunali. Il gruppo ufficiale è composto da: Giovanni Ianniello, Giuseppe di Nuzzo, Antonio Tramontano, Gino Verderame, Angelo Procino e il rientrante Antonio de Rosa il quale, dopo un periodo di permanenza nel gruppo misto (ma solo per ragioni tecniche) torna nella casa madre. Confluisce nel partito anche il consigliere comunale Michele di Nuzzo di Uniti per Maddaloni il cui movimento, al momento, non scomparirà. Federati, per statuto, con il Pdl, sono anche i Popolari liberali che annoverano due consiglieri: Franco Merola e Antonio della Valle. E poi giunge la federazione con Magliocca e Lombardi, per un totale di ben 11 consiglieri comunali più il sindaco Cerreto che è uomo di punta del Pdl locale e provinciale. Giacomo Lombardi e Giuseppe Magliocca, quindi, smantellano politicamente il gruppo dei Cristiani democratici che era nato da una fuoriuscita di massa dall’Udc e che aveva indicato, insieme al consigliere comunale Nunzio Sferragatta, l’assessore in giunta nella persona di Nicola Corbo. Al momento a sostenere Corbo resta solo Sferragatta, ma è difficile che le cose, al momento, in giunta possano cambiare. Tuttavia, cresce il Pdl con un mega gruppo consiliare, fatto di gruppi e federazioni varie. Pertanto questi 11 consiglieri comunali, al momento, esprimono i seguenti assessori comunali: Rosa de Lucia al contenzioso; Luigi Bove alle attività produttive e Vincenzo Cerreto al personale. Si tratta dei primi tre eletti del Pdl; poi: Vincenzo Lerro alle politiche sociali; Clemente Valentino all’ecologia; Vincenzo Bove al cimitero. Insomma sei assessori comunali su ben 8 delegati di giunta. Una giusta proporzione tra il gruppo che conta 11 consiglieri comunali e 6 membri di giunta. Entusiasmo è stato posto anche dal coordinatore cittadino Giuseppe Procino che vede il partito proiettarsi verso le sfide provinciali e non che seguiranno.

Giacomo Lombardi e Vincenzo Bove

Stazione, ok all’interramento MADDALONI. Una seduta di giunta molto importante quella che si è tenuta ad inizio della settimana, a Maddaloni, per l’amministrazione comunale guidata dal Sindaco Antonio Cerreto. Infatti l’esecutivo Cerreto ha approvato, tra i vari atti, due delibere molto significative: una riguarda l’interramento della linea ferroviaria Napoli – Bari che tocca quindi la strada ferrata di Maddaloni e praticamente il tratto Cancello. A tal proposito, già c’è stato un incontro presso la Regione Campania, a cui ha preso parte il Sindaco Cerreto e i tecnici del Comune e la Regione ha accolto la proposta dell’amministrazione comunale consistente nell’interramento della strada ferrata di Maddaloni. La delibera di giunta, approvata oggi, costituisce quindi un gruppo di lavoro costituito dai tecnici comunali: l’ingegnere Stefano Piscopo, l’architetto Pellegrino responsabile dell’ufficio tecnico e potranno avvalersi di professionalità esterne i cui costi non ricadranno sul Comune di Maddaloni. Poi è stata approvata anche una delibera di indirizzo che affida ad un comodato e/ o contratto di locazione all’Asl parte dei locali del riqualifi-

cante ex liceo classico Giordano Bruno per insediarvi una facoltà universitaria del campo sanitario. Una situazione che porterebbe Vincenzo Santangelo un grosso indotto in termini produttivi ed economici a Maddaloni. «Finalmente il Giordano Bruno tornerà ad essere la casa della cultura». E’ soddisfatto il vicesindaco di Maddaloni Vincenzo Santangelo alla luce delle decisioni assunte negli ultimi giorni. «Tra non molto, presso la struttura sarà sistemata anche la biblioteca comunale che avrà, finalmente la cornice che compete ad un luogo di cultura – ha sottolineato il consigliere provinciale di Noi Sud – è, infatti, già stato programmato il trasloco presso i locali dell’ex liceo classico da parte dell’amministrazione di tutti i volumi della biblioteca».


MARCIANISE

31/03/2012

11

La casa delle associazioni

Successo per l’iniziativa al palazzo Monte dei pegni Marcianise. Successo oltre le più rosee aspettative ha riscosso la riunione di giovedì 21 marzo scorso organizzata dall'assessorato alla cultura con le associazioni cittadine presso il rinnovato palazzo Monte dei pegni. Erano presenti i rappresentanti di circa 30 associazioni culturali che hanno dato vita ad un dibattito sereno e costruttivo circa il futuro di questa bella e prestigiosa struttura che l'amministrazione ha fortemente voluto riconsegnare alla città di marcianise. Alla presenza del Sindaco antonio Tartaglione, l'assessore Gerardo Trombetta, i consiglieri Pierluigi salzillo, presidente della commissione al ramo, Giuseppe Tartaglione e Tommaso acconcia hanno coordinato i lavori dell'assemblea dando anche le necessarie informazioni sulla struttura e su quelle

che sono le aspettative e le intenzioni dell'Amministrazione. E' emersa da più parti la necessità di dotare la città di un riferimento qualificato per le tante iniziative culturali che da sempre caratterizzano la nostra comunità, patria dell'associazonismo cercando di rendere fruibile il palazzo Monte dei pegni, ipotizzando anche il trasferimento della biblioteca in questi locali, sarà allestita una sala conferenze ospitale, un piccolo salone per proiezioni cinematografiche dotandolo di sistema audiovisivo. In programma una serie di manifestazioni all'aperto che caratterizzeranno l'estate prossima. Intanto, si è già materializzato il trasferimento dell'ufficio informagiovani nella nuova prestigiosa sede di via duomo. Sembra che la cosa sia nata sotto buoni auspici così come l'ammini-

Velodromo, canoni alle società Marcianise. «Sebbene sia difficile calcolare con esattezza quale sia la percentuale di energia elettrica consumata dai singoli utenti del velodromo Capone, gli uffici competenti, dopo un’accurata analisi, hanno comunque determinato un canone fisso che le associazioni affidatarie della struttura dovranno corrispondere mensilmente. Ulteriore elemento di difficoltà scaturisce dal fatto che da ormai sette anni l’impianto ospita una famiglia il cui costo è totalmente a carico del Comune». Ha esordito così l’assessore alle Politiche Sportive, Gerardo Trombetta, in risposta all’interrogazione consiliare con la quale si chiedeva al sindaco, o ad un suo delegato quali fossero gli oneri per i consumi a carico della società calcistica che fruisce dell’impianto. Il quesito ha permesso all’assessore di fare anche una digressione sull’iter procedurale espletato per trasformare il velodromo da cattedrale nel deserto a centro di riferimento dello sport locale. «Insieme al sindaco antonio Tartaglione, – ha proseguito l’assessore Trombetta – abbiamo iniziato nell’anno 2009/2010, posando al centro della struttura un tappetino in erba sintetica in occasione di una manifestazione a carattere nazionale che il Comune aveva ospitato. Per volontà unanime dell’esecutivo allora in carica, che contava esponenti dei gruppi estensori dell’attuale interrogazione, con apposita delibera di giunta, abbiamo avviato lo sviluppo della vocazione polisportiva dell’impianto. Attualmente il velodromo, che conserva la sua prioritaria destinazione di polo ciclistico, oltre al calcetto, accoglie una palestra di brazilian ju jitsu, ed ospita tornei di basket, pallavolo, nonché saggi di danza».

L’assessore Gerardo Trombetta

strazione si è impegnata ad istituire la consulta delle associazioni per avere con questa bellissiam realtà associativa una interlocuzione più

frequente e costruttiva. La nascita della consulta è stata salutata positivamente dal mondo delle associazioni.

COMUNICATO PREVENTIVO Ai sensi della legge n. 28 del 22 febbraio 2000 contenente le “Disposizioni per la parità di accesso ai mezzi di informazione durante le campagne elettorali e referendarie e per la comunicazione politica”, della delibera dell’Autorità per le Garanzie nella Comunicazione n. 80/11/CSP concernente le “Disposizioni di Attuazione della disciplina in materia di comunicazione politica e di parità di accesso ai mezzi di informazione relative alle campagne per le elezioni comunali previste per i giorni 6 e 7 maggio 2012, nel periodo compreso tra la data di convocazione dei comizi elettorali e il termine di presentazione delle candidature”.

SI COMUNICA Che per le campagne relative alle elezioni dei Sindaci e dei consiglieri comunali indette per i giorni 6 e 7 maggio 2011, ed eventuale ballottaggio per i giorni 20 e 21 maggio 2012, PF edizioni s.r.l. mette a disposizione li spazi pubblicitari su questa testata per la diffusione di messaggi politi elettorali nelle forme consentite dall’art. 7 della legge n. 28 del febbraio 2000 e successive modifiche e dalla delibera dell’Autorità per le Garanzie nelle Comunicazioni n. 80/11/CSP. L’accesso agli spazi su “CasertaFocus” è consentito a tutti i candidati ed i partiti che ne facciano richiesta, nel pieno rispetto del principio della parità di trattamento. Le condizioni temporali di prenotazione e le tariffe sono quelle previste nel documento analitico depositato presso la sede della “PF edizioni s.r.l.” Via Daniele, 45 Caserta, tel. 328.3997148.


12

31/03/2012

SPORT/Casertana

casertana il sogno continua

Ridotto a 5 punti lo svantaggio dal Martina, al Pinto l’Ischia CASERTA. La Casertana continua a far sognare i propri tifosi. Il gol dell’ormai indescrivibile bomber Majella che ha permesso di espugnare il fortino della Viribus Unitis ha prodotto un entusiasmo sopito da tempo. Il successo a Somma Vesuviana ha di fatto ridato energia all’intero ambiente, che ha ricominciato a sognare in grande. La concomitante battuta d’arresto dell’Ischia e l’inaspettato pareggio casalingo del Martina hanno permesso a Mortellitti e compagni di ridurre le distanze dal podio ed iniziare a fantasticare su un finale di stagione ancora aperto a tante soluzioni. Per una questione di scaramanzia, riteniamo opportuno non sottoporre i calciatori a pressione. Attualmente la gente di Caserta deve essere entusiasta e soddisfatta rispetto a quello che la squadra sta facendo e pensare al prossimo futuro con serenità. Que-

Il bomber Majella

sto atteggiamento ha portato i falchetti a ridosso delle primissime posizioni ed occorre continuare con questa politica. E’ chiaro che tre punti contro l’Ischia domani al Pinto ed un concomitante passo falso della capolista pugliese sul caldissimo terreno di gioco di Nocera innescherebbe un seguito difficilmente gestibile tenendo conto

della fame di gloria della torcida rossoblu. E’ evidente comunque che la Casertana si troverà ad affrontare le ultime sei gare con una tranquillità e con uno stato di forma psico-fisico superiore rispetto alla coppia di vertice, che sembra ormai logorata da un torneo lungo e giocato costantemente a ritmi alti. Questa arma in più degli uomini di

CLASSIFICA Martina Franca Sarnese Ischia CASERTANA Brindisi Francavilla S. Turris Ctl Campania Nardò Casarano Trani Internapoli Grottaglie Irsinese Real Nocera S. Viribus U. Oppido L. Gaeta

58 56 55 53 48 47 45 44 42 40 35 34 26 25 23 19 17 16

mister Ferraro potrebbe costituire la pozione magica per un’impresa che avrebbe un valore simile, forse superiore, a quelle del passato quando il club militava tra i professionisti. Ora non possiamo fare altro che goderci un finale di campionato a testa alta. Il resto lo scopriremo tra un mese e mezzo. Nicola Maiello

Chi l’ha visto

Accadde oggi... 1968

MARCO SERRA, DA DIFENSORE AD IMPRENDITORE Il leggendario capitano della seconda promozione in Serie B Marco Serra esordisce calcisticamente nella formazione del Lecce, squadra della propria città. Successivamente si trasferisce a Martina Franca dove colleziona cinquanta presenze in due stagioni. Dopo una breve parentesi a Rende, ritorna al Martina per poi passare al Taranto, dove resta per tre annate fino al 1988. In seguito al brillante campionato al Brindisi, veste la casacca della Casertana. All’ombra della Reggia raggiunge l’apice della carriera ottenendo l’accesso tra i cadetti e realizzando ben nove rete in occasione delle ottantadue partite giocate. Lascia Terra di Lavoro per Palermo e chiude la carriera a Casarano nel 1995. Appesi le scarpe al chiodo, ha intrapreso la carriera di imprenditore nell’ambito delle telefonia.

I FALCHETTI IMPATTANO A L’AQUILA La Casertana scende in campo sul campo de L’Aquila con la chiara intenzione di portare a casa l’intera posta in palio. I padroni di casa si arroccano in difesa cercando di arginare alla meglio le folate offensive della compagine campana maggiormente accreditata. Nonostante la grossa mole di gioco prodotta, Anghilleri e compagni sono costretti a chiudere la prima frazione di gioco col parziale di zero a zero di partenza. Nella ripresa il canovaccio tattico del match non cambia. Sono sempre gli ospiti a detenere le redini del gioco. La Casertana passa in vantaggio al 65’ grazie ad una brillante azione corale magistralmente conclusa da Agnoletto. I locali non ci stanno e cercando di riscattarsi attraverso veloci azioni di ripartenza. Il punto del pari giunge proprio con un contropiede al 73’ con Rigo, abile a scattare sul filo del fuorigioco e a depositare la sfera alle spalle di Recchia. La partita si chiude con il punteggio di uno ad uno.


SPORT/Juvecaserta

31/03/2012

13

juve tabù PalaMaggiò

Contro Cremona per sperare ancora nel sogno play-off CASERTA. Si allunga la serie nera casalinga della Otto Caserta (quarta sconfitta interna consecutiva), battuta 80-90 da un'Acea Roma brava ad approfittare della stanchezza di un avversario che resiste 35 minuti prima di alzare bandiera bianca. Il lumicino play off sembra spegnersi nuovamente (ottavo posto distante 6 punti), ma la salvezza resta in tasca visti gli 8 punti di vantaggio sull'ultimo posto, occupato da Casale Monferrato, squadra contro cui la Juve conserva anche un prezioso vantaggio negli scontri diretti. Caserta parte bene con i canestri di Stipanovic, ma Roma risponde con la fisicità di Varnado e la tripla di Gordic. I bianconeri affrettano troppo il tiro e subiscono dagli avversari che, con la bomba di Tucker, raggiungono il +7 (10-17). La tripla di Doornekamp e i liberi dell'ex Righetti ricuciono lo strappo fino al 15-18 della prima sirena. Calvani perde Datome che in un amen si fa fischiare tre falli, Kudlacek impatta a quota 18 e Collins trasforma i due liberi del fallo tecnico sanzionato a Varnado. La Juve approfitta di un'Acea smarrita e tocca il massimo vantaggio (23-18) con il missile di Smith al 14'. La partita è equilibrata, Djedovic e Mordente consentono, agli ospiti, di rimettere il naso avanti e chiudere, all'intervallo lungo, sul 3541. Il terzo periodo vede un buon avvio dei padroni di casa, nonostante un Varnado ancora dominante in vernice; il pivot di Brownsville stoppa qualunque cosa gli capiti a tiro. Ci pensa Collins a rimettere tutto in parità (45-45). Sulle ali dell'entusiasmo Smith prima apre il fuoco dai 6.75 m, poi segna il 50-45 a completamento di un'azione che manda in visibilio il Palamaggiò. Lo show è concluso da Collins che impiomba il siluro del 53-45. I giallorossi pasticciano, perdono una marea di palloni e soffrono nonostante un netto dominio a rimbalzo (che alla sirena finale vedrà un eloquente 50-25 per Roma). Smith prima porta i suoi sul 60-51, poi commette fallo su Maestranzi, che segna 5 punti filati che scrivono il 62-56 dell'ultimo intervallo. La partita non è segnata: Roma non molla e piazza un break di 9-0 firmato da Maestranzi, Djedovic e da un semigancio di un positivo Slokar. Il redivivo Datome infila 6 punti consecutivi che permettono ai capitolini di allungare sul 69-74. Bell prova a svegliarsi dal torpore con un'iniziativa tutto talento, ma Tucker e Djedovic ricacciano indietro le velleità bianconere. Roma domina nel pitturato con Slokar e Varnado che fanno man bassa, tornano in campo Smith e Stipanovic ma la storia non cambia. Gordic e Ri-

Doornekamp

ghetti si sfidano a suon di bombe, ma Caserta è al capolinea. Vince Roma, con un tremendo parziale di 18-34 nell'ultimo periodo, Caserta, domenica, giocherà nuovamente in casa contro una Vanoli Cremona lanciatissima dall'importante successo casalingo contro Milano, e in piena lotta per non retrocedere. La Juve ha l'occasione di sfatare quello che sta diventando il tabù Palamaggiò. Da quando Attilio Caja è subentrato, alla 6° giornata, all'esonerato Tomo Mahoric, la squadra lombarda s'è trasformata in positivo, anche grazie ai nuovi innesti di un rooster quasi, del tutto, rivoluzionato. In regia troviamo Jonathan Tabu, play maker belga prelevato, in prestito, da Cantù dove ha mosso i primi passi in Italia: giocatore definitivamente esploso, è un buon attaccante del canestro e discreto passatore, bravo anche in difesa e in contropiede. Al suo fianco Jason Rich, che sostituisce Terrence Roderick, tagliato per motivi disciplinari; guardia dalle grandi qualità fisiche, prodotto di Florida State University, trascorsi in Italia a Cantù, è il giocatore che ha dato la definitiva scossa alla Vanoli. Da quanto è arrivato lui, i cremonesi hanno trovato il bandolo della matassa e trovato vittorie importanti. Come detto in precedenza, giocatore molto fisico, bravo in penetrazione, non sdegna la conclusione pesante, ma è prettamente un attaccante del ferro. Completa il perimetro David Lighty, anch'egli arrivato da Cantù, dove ha iniziato questa stagione. Ha già fatto male alla Juve lo scorso 20 Novembre (16 punti, 8 rimbalzi e 4 assist), classica ala piccola americana, che predilige la penetrazione ma tende anche a prendere tiri dalla lunga distanza. Dalla

panchina escono Lorenzo D'Ercole, play maker di scuola senese classe 1988, che è ancora alla ricerca di una dimensione in serie A, e Daniele Cinciarini, cambio di entrambi gli esterni, molto temibile per il suo ottimo tiro dai 6.75 m e per l'impatto che ha entrando a gara in corso. Sotto le plance Marko Milic: giocatore dalla grande esperienza (trascorsi europei a Real Madrid, Olimpia Lubiana e Fenerbache, in NBA coi Phoenix Suns, in Italia con Pesaro, Fortiduo, Roseto e Virtus Bologna), 34 anni, molto duttile perchè capace di giocare anche in 3 ruoli. Giocatore che fa dell'intensità e del contatto fisico la sua principale prerogativa, ma è da tenere d'occhio anche per le importanti qualità tecniche di cui è dotato, come il tiro da fuori e una buona varietà di movimenti vicino a canestro. In posizione di centro il tuttofare della Vanoli, Jasmin Perkovic: croato, 31 anni, è uno di quei giocatori che ogni allenatore vorrebbe avere, perchè difende, combatte e si adatta ad ogni situazione si venga a creare ed è abbastanza completo offensivamente. L'ex Marko Tusek completa il reparto lunghi: giocatore visto a Caserta, quest'anno, dove ha giocato 4 partite in sostituzione dell'infortunato Stipanovic, 36 anni, grande esperienza, utilizzabile sia da ala che da centro, è dotato di un ottimo tiro dalla medio/lunga distanza e di una buona presenza a rimbalzo e in difesa. I giovani Armin Mazic, Matteo Lottici, Francesco Belloni e Riccardo Antonelli completano un rooster che, in quintetto, inizia con Tabu, Rich, Lighty, Milic e Perkovic. Francesco Padula


14

31/03/2012

Gli appuntamenti... Gran finale al Comunale con lo show di Sal da Vinci Uno spettacolo ricco non solo di canzoni, ma anche di sentiment, di emozioni e di ironia, in cui Sal Da Vinci amplia il suo repertorio musicale, rielaborando anche successi internazionali, e coinvolgendo direttamente il pubblico, che diventa coprotagonista della serata. Il vero segreto per un buona riuscita di uno spettacolo è quando si abbatte ogni barriera tra palcoscenico e platea, da cui il titolo: “io“, Sal Da Vinci, piu’ “voi” in sala, insieme siamo “noi“, ossia due facce della stessa medaglia, che e’ quella dell’emozione e del piacere di stare insieme. ad arricchire il tutto sei musicisti, otto ballerini, l’accuratezza della scenografia affidata a Luigi Ferrigno, le coreografie e la regia di un maestro del teatro italiano come Gino Landi, costumi Bledy Bleqo e Nicola Sulla.

Al Civico 14 arriva Capitan Spaventa Il palco del Teatro Civico 14 di Caserta ospita questo weekend (sabato 31 marzo alle ore 21.00 e domenica 1 aprile alle ore 19.00) la compagnia Teatri 35 con "Le rodomontate di Capitan Spaventa". Lo spettacolo, coprodotto da Teatri 35 e Festival Troia Teatro è liberamente tratto dalla storia di Capitan Fracassa scritta da Théophile Gautier. L'azione scenica si svolge in una notte di tempesta. Scapino e il suo padrone, il Barone di Sigognac, viaggiano verso Parigi. Il primo è alla ricerca del successo, il secondo di Isabella, suo perduto amore. Tutti gli avvenimenti della storia sono "architettati" da Scapino, maschera della commedia dell'arte che rappresenta il servitore imbroglione, furbissimo e vigliacco. E allora cosa succede in questa storia inventata da un servitore imbroglione e furbo se giunge d'improvviso un vento fortissimo che si porta via le nuvole sulle quali si hanno i piedi ben piantati? Si cade a terra e forse si scopre che tutto è un sogno, ma si aspetta un nuovo libeccio, uno scirocco o una tramontana per tornare a volare sopra il cielo. "Lo spettacolo è ispirato all'opera di Gautier ma il testo dello scrittore francese morto nel 1872 non è l'unica ispirazione di questo nostro lavoro" dichiara Gaetano Coccia, che si è occupato della drammaturgia dello spettacolo che vede in scena insieme allo stesso Coccia anche Francesco O. De Sanctis.

Emergency, incontro con Vallante alla Libreria 80mq La Piccola Libreria 80mq di Calvi Risorta invita tutti, domenica 1 aprile alle 18, ad un incontro con Emergency, curato da Fabio Vallante; il volontario dell'ONG racconterà documentario "Life in Italy is Ok", il progetto di polibus del "Programma Italia" di Emergency, che si occupa di garantire cure gratuite ai migranti.

Caserta&dintorni

La tavola di Pasqua Menù ricchissimo a Le Quattro fontane

CASAGiovE. Minestra maritata, ragù di maialino nero, agnello al forno, pizza piena, affettata di salumi di maialino nero: cosa chiedere di più al pranzo di Pasqua? Beh, la possibilità di potersi accomodare a tavola senza grande fatica e mangiare... Al ristorante Le Quattro fontane, in via Quartier vecchio a Casagiove, questo è possibile. Lo chef Michele, infatti, pressato dalle richieste dei suoi amici-clienti ha deciso di accontentarli e di aprire lo storico locale di Casagiove anche nel giorno di Pasqua e di cucinare per loro. Presso Le Quattro fontane sarà possibile gustare il classico menù pasquale con prodotti di prima qualità garantiti dal merchio Slow food impreziositi dalla mano magica dello chef Michele. Nemmeno per il giorno di Pasqua, infatti, cambia la filosofia de Le Quattro fontane: nessun cibo precotto, nessun preparato chimico, solo pietanze di prima scelta preparate sul momento dalla mano sapiente dello chef Michele. Per chi volesse trascorrere con la propria famiglia o i propri amici il giorno di festa presso il ristorante di Casagiove, è consigliabile preno-

tare allo 0823468970 o all’indirizzo email lequattrofontane@hotmail.it. Il rischio che si corre, infatti, è quello di rimanere a bocca asciutta. Sarebbe un vero peccato non poter partecipare a questa festa di sapori che il ristorante Le Quattro fontane sta organizzando per il giorno di Pasqua.

Followflowers, raccontarsi attraverso i fiori CASERTA. Raccontare se stessi attraverso la passione per la natura, le piante, i fiori. E' questa l'idea che sta dietro "#followflowers", l'iniziativa lanciata da Alfonsina Tartaglione autrice di "Delizie in Giardino" (www.delizieingiardino.it), blog dedicato alle esperienze sensoriali legate al giardinaggio ed alla passione per il verde. Un'iniziativa, quella di #followflowers, che sta entusiasmando e coinvolgendo blogger lungo tutto lo stivale oltre alla comunità dei social network facebook e twitter. "Un modo - spiega Alfonsina Tartaglione - di stilare una lista dei desideri in tema di piante, che possa a sua volta suscitare sogni in chi la legge, alimentando così una cultura del verde che non può che far bene oltre che a se stessi e a chi ci vive accanto, alle nostre città e all'intera comunità. Così sulla scia del "Follow Friday (#followfriday)" in uso dalla comunità Twitter, che consiste nel suggerire nella giornata del venerdì, utenti del social network che troviamo interessanti, ecco che ho pensato di chiamare quest'iniziativa Follow Flowers (#followflowers) che dovrebbe suggerire invece acquisti in tema di piante legati alla nostra personalissima esperienza. Non è affatto un caso che questo

evento sia capitato proprio in primavera, stagione ideale per suscitare 'verdi voglie' (per dirla alla Laetitia Maklouf), di modo che possa diventare quest'anno più verde che mai". Ecco come partecipare. Per chi ha un blog, basta: pubblicare un post in cui si racconta di un verde desiderio; utilizzare nel titolo l'hashtag #followflowers in modo da consentire l'indicizzazione del post su Twitter; se si vuole, inserire nell'articolo uno o più link ai post già dedicati all'iniziativa (è possibile travare l'elenco, aggiornato di volta in volta, cliccando sull'icona #followflowers sulla sidebar di Delizie in Giardino); scrivere nell'articolo la frase: Con questo articolo aderisco all'iniziativa #followflowers di Delizie in Giardino, se si vuole partecipare scrivere a alfonsina.tartaglione@gmail.com. E per chi non ha un blog? E' possibile in questo caso esprimere i propri verdi desideri commentando i vari articoli dedicati all'iniziativa (www.delizieingiardino.it) e utilizzare i social network (Facebook e Twitter, in particolare) rivelando i propri desideri, ricordando di inserire nei commenti l'hashtag #followflowers per fare in modo che tutti possano scoprirli.


Caserta&dintorni

La griffe della cultura I successi della libreria e casa editrice Spartaco

SANTA MARIA CAPUA VETERE. «La fabbrica delle parole». Così Ugo e Tiziana Di Monaco, titolari della libreria e casa editrice Spartaco definiscono la loro attività. E, in effetti, miglior immagine non si può dare per il lavoro di una piccola grande realtà culturale del patrimonio nostrano. La casa editrice ha cominciato a muovere i suoi primi passi nel lontano 1995 e, dal 2003, ha ottenuto la promozione e la distribuzione nazionale. La libreria, invece, ha aperto il 29 dicembre del 2006 in via Martucci 18 a Santa Maria Capua Vetere. «Il nostro obiettivo era quello di aprire prima di Natale - raccontano con il sorriso sulle labbra Ugo e Tiziana Di Monaco - ma, non ci siamo riusciti per piccoli problemini. Abbiamo inaugurato la nostra attività il 29 dicembre e, da allora, tutti gli anni, in quella data organizziamo una grande festa all’interno della libreria per celebrarne il compleanno». Il dinamismo delle attività che c’è all’interno della libreria, fa in modo però, che non sia solo il 29 dicembre, l’unico giorno di festa per la famiglia di Spartaco. «Ogni venerdì abbiamo un appuntamento fisso con un autore che presenta il suo libro - riprendono i titolari della libreria - Durante la settimana, poi, mettiamo a disposizione i locali a tutti coloro hanno voglia di realizzare un momento di cultura. Ci sono degli studenti che, hanno accompagnato anche con la musica questi loro incontri». Tante le firme di primo livello intervenute alla libreria Spartaco. Da Diego De Silva, ad Antonio Menna, passando per Pino Imperatore: tutti gli autori del momento hanno accolto con grande favore l’invito della libreria Spartaco. Quello con la scuola è un rapporto particolare che ha la libreria Spartaco. «Crediamo che sia giusto formare i lettori di domani spiegano Ugo e Tiziana - per fare ciò è necessario partire dalla scuola». Per Ugo e Tiziana Di Monaco, la scuola non è solo quella dei ragazzi più grandi. Enorme successo, infatti, ha riscosso l’iniziativa delle fiabe di nonna Bartolina. I bimbi dell’asilo o dei primi anni delle elementari, infatti, si ritrovano ciclicamente per ascoltare le fiabe selezionate per loro da nonna Bartolina, la quale, con la sua lettura, regala un momento di grande trasporto ai suoi piccoli uditori. L’universo della libreria Spartaco prevede anche un laboratorio di scrittura creativa curato da Gianpaolo Graziano. Quest’anno, al termine del corso, sarà realizzata una raccolta di racconti pubblicata da edizioni Spartaco in cui si potranno leggere i migliori lavori realizzati. L’altra faccia di Spartaco è proprio la casa editrice. Sono

31/03/2012

15

Gli appuntamenti... Aversa, da sabato si va “A spasso nella storia” E’ finalmente arrivato il momento di andare “A Spasso con la Storia”. Dopo una settimana di mattinate dedicate alle scuole, con la presenza di migliaia di studenti, iniziano ufficialmente le giornate aperte al pubblico, in programma sabato 31 marzo e domenica 1 aprile. Dalle 18 alle 21.40, saranno dodici gli spettacoli che si susseguiranno ogni 20 minuti, con la possibilità di una replica alle ore 22 qualora gli altri spettacoli dovessero registrare il tutto esaurito. E dalle prenotazioni ricevute finora, all’info point di Piazzetta Don Diana di Aversa, il tutto esaurito è quasi una certezza.

Corso di burlesque, tutto pronto al Jarmusch

tanti gli autori che hanno scelto di affidarsi alle edizioni Spartaco per le loro pubblicazioni. Grandissimo successo ha riscosso, ad esempio, il testo di Emilia Sarogni, autrice di “Carlo Pisacane. L’amore. L’Italia. Il socialismo”. Il volume che è andato a ruba nelle librerie, offre una rilettura di una pagina importantissima della nostra storia in cui si delinea anche il ruolo di una donna che diventa

Lunedì 2 Aprile, alle 17:00, presso il Jarmusch club si svolgerà la presentazione del corso di Burlesque, tenuto da Fanny Damour, anch'esso programmato all'interno del suddetto locale. L'appuntamento è dedicato a chi fosse interessata a partecipare al corso, e/o ne volesse avere maggiori informazioni

Gli appuntamenti di aprile della Libreria Spartaco Ecco gli appuntamenti di aprile della libreria Spartaco: Venerdì 13 aprile (ore 18.00): presentazione del libro “Se Steve Jobs fosse nato a Napoli” (ed. Sperling & Kupfer) con l’autore Antonio Menna. - Mercoledì 18 aprile 2012 (ore 18.00): presentazione del libro “Alfabetando” (ed. L’Aperia) con l’autrice Stella Eisenberg. Presenta Arianna Sacerdoti. - Venerdì 20 aprile 2012 (ore 18.00): presentazione del libro “Benvenuti in casa Esposito” (ed. Giunti) con l’autore Pino Imperatore. - Sabato 28 aprile 2012 (ore 17.30): presentazione del libro “Ho una storia per te” (ed. Spartaco) con l’autore Attilio Coco. I.F.

La magia degli infusi a Palazzo Lanza

perno di alcune scelte importanti. Grande attesa, poi c’è per l’uscita del libro griffato Spartaco “Ho una storia per te” di Attilio Coco. La presentazione è prevista per sabato 28 aprile dalle 17.30 presso la libreria di via Martucci alla presenza dell’autore.

Prende il nome da un film del 1956 diretto da Vincente Minnelli, tratto dall’omonima commedia teatrale, l’appuntamento della domenica pomeriggio di Palazzo Lanza. Miscele, sapori e profumi raffinati, si dischiudono dinnanzi a noi nell'esatto momento in cui ci affacciamo sullo sconfinato mondo degli infusi, in un'articolata schiera che spazia dal mediterraneo rito del caffè al più complesso, ma altrettanto raffinato rituale del tè che ci porta a sfiorare una filosofia tutta orientale fatta di piccoli gesti garbati e di paziente attesa. Un momento di pausa, un'atmosfera accogliente dove si possono gustare ottimi dolci preparati ogni giorno con ingredienti di pregio e qualità. G.L.



casertafocus 13