Page 1

PRESENTAZIONE DEL PROGETTO

Livorno, Luglio 2011


Associazione “Amici della Zizzi” Onlus

Indice 1 Chi Siamo……………. ……………………………………………………. Pag. 3 1.1 L’Associazione e le Attività …………………………………………… Pag. 3 1.2 Filosofia di Intervento………………………………………………… Pag. 4 1.3 Dati e numeri……………………………………………………………Pag. 5

2 CASA ZIZZI 2.1 Il Progetto……………………………………………………………… Pag. 7 2.2 Stato attuale e fasi future…………………………………………….. Pag. 8 2.3 I beneficiari……………………………………………………….……. Pag. 10 3 Come essere Partner……………………………………………………… Pag. 11 3.1 Perché essere partner……. …………………………………………... Pag. 11 3.2 L’impegno economico………………………………………………….Pag. 11 3.3 Modalità di collaborazione…………………………………………… Pag. 13 3.4 Diritti e Benefici per l’azienda partner……………………………….Pag.13

5 Contatti e Link Utili………….…………………………………………….. Pag. 15

2


Associazione “Amici della Zizzi” Onlus

1. Chi siamo 1.1 L’Associazione e le Attività L’Associazione ‘Amici della Zizzi’ Onlus di Livorno, fondata nel 1987 da Riccardo Ripoli a seguito della morte della madre (il cui soprannome era appunto ‘Zizzi’), opera nel campo del recupero di bambini con problematiche familiari e sociali, occupandosi principalmente di AFFIDO. In 24 anni sono stati accuditi oltre 500 minori in difficoltà (pedofilia, abusi, adozioni fallite, povertà), ai quali i volontari cercano di dare l’affetto e le cure di una famiglia. Oltre ai minori in affido all’Associazione, tantissimi sono i ragazzini che sono inviati dai Servizi Sociali, Tribunali dei Minori e famiglie per trascorrere brevi soggiorni lontani dal proprio ambiente. Attualmente l’Associazione accoglie 9 tra bambini e ragazzi, offrendo loro di età compresa tra i 6 e i 22 anni in maniera residenziale, fornendo loro assistenza genitoriale ma soprattutto l’affetto di una Famiglia. L’Associazione dispone di 4 strutture: - due case-accoglienza a Livorno, dove al momento 9 ragazzi in affido risiedono stabilmente, frequentano la scuola, partecipano alle attività sportive e ricreative, incontrano gli psicologi e assistenti sociali di riferimento. Durante i fine settimana e le vacanze scolastiche, - una struttura residenziale nella campagna fuori Orentano, nel Comune di Castelfranco di Sotto (PI), dove i bambini possono stare a contatto con la natura, fare ippoterapia, passeggiate nel bosco e altre attività all’aria aperta che ne favoriscono il recupero e l’inserimento sociale. - Grazie ad un’eredità è stato acquistato un fabbricato rurale ad Orentano confinante con la casa che l’Associazione già possedeva. Il progetto è ambizioso: creare una struttura in grado di accogliere i ragazzi in difficoltà, con particolare riguardo a quelli più grandi (che difficilmente qualcuno desidera accogliere) per insegnare loro un mestiere legato alla vita contadina, al vivaismo, all’allevamento, alla floricultura.

Lo staff educativo è composto da: - Riccardo e Roberta, i volontari responsabili dell’Associazione che si occupano dell’ educazione e della crescita dei ragazzi in affido, senza però sostituirsi ai genitori. - un’educatrice professionale ed una psicologa , che coadiuvano i responsabili e, con la loro professionalità, contribuiscono allo svolgimento delle attività, come

3


Associazione “Amici della Zizzi” Onlus

L’ASSOCIAZIONE porta avanti anche: una campagna di sensibilizzazione attraverso il sito www.sos-affido.it (creato nel 2001, è stato il primo portale in Italia esclusivamente dedicato all’affido), conferenze, incontri e altre iniziative su questo tema. Progetto di punta della campagna di sensibilizzazione sul tema dell’Affido è il calendario benefico: molti i testimonial di eccezione come Marcello Lippi nel 2009, Antonio Rossi per il 2010 e la prestigiosa Accademia Navale di Livorno per i 12 scatti dell’anno in corso. L’Associazione, soprattutto attraverso il forum, offre un servizio di supporto e consulenza a famiglie e persone che hanno intrapreso il percorso dell’affido o sono interessate a farlo. Infine, per tutte le persone interessate ad avere maggiori informazioni, c’è la possibilità di trascorrere un periodo nelle case dell’Associazione insieme ai volontari e ai bambini per toccare con mano le difficoltà e le gioie di questo percorso. L’Associazione, perseguendo da sempre l’ottica della trasparenza, ha recentemente pubblicato il suo primo Bilancio Sociale, riferito all’anno 2010. Questo è stato quindi sottoposto alla valutazione di qualità del Cesvot (Centro Servizi Volontariato della Toscana) ed ha ottenuto la certificazione con attestato di qualità.

1.2 Filosofia di Intervento L’Associazione Amici della Zizzi Onlus ha come scopo principale quello di compiere prevenzione ed accoglienza nei confronti dei minori a rischio. Parallelamente, la stessa si impegna a promuovere la cultura dell’Affido affinché sempre più bambini possano essere aiutati. Al centro di tutte le attività sociali portate avanti dall’Associazione c’è il bambino o il giovane proveniente da una situazione familiare disagiata. L’Associazione attua in prima persona il percorso dell’affido, accogliendo presso le proprie strutture ragazzi in difficoltà segnalati da servizi sociali, tribunali e dalle famiglie stesse. L’assistenza può essere residenziale o diurna, a lungo termine oppure temporanea.

4


Associazione “Amici della Zizzi” Onlus

La mission è declinabile in questi punti:  soddisfare i bisogni primari del minore, riguardanti la salute, la cura della persona, l’istruzione, il recupero delle autonomie di base e sociali, secondo un’ottica proiettata verso l’autonomia del soggetto;  prevenire il disagio, dalle forme più lievi a quelle più estreme di rischio di devianza e criminalità, non solo in un’ottica protettiva ma anche e soprattutto per favorire l’autonomia nelle scelte e la progettazione individuale verso il futuro, favorendo così l’orientamento e l’avviamento al lavoro;  promuovere la cultura dell’affidamento familiare, attraverso l’organizzazione di iniziative volte a informare l’opinione pubblica;  fornire assistenza materiale e psicologica alle famiglie affidatarie e potenziali tali;  incentivare la tutela e la valorizzazione dell’ambiente.

1.3 Dati del bisogno che l’Associazione soddisfa I dati più aggiornati nel campo dell'affido familiare in Italia sono relativi al monitoraggio al 31 dicembre 2008 promosso dal Ministero del lavoro e delle politiche sociali, in collaborazione con le Regioni e le Province autonome e realizzato dal Centro nazionale. Il dato complessivo è di poco più di 30mila bambini e adolescenti che vivono fuori dalla famiglia d'origine, tra famiglie affidatarie e servizi residenziali. Più nello specifico, gli affidamenti familiari (intesi almeno come affidamenti per almeno cinque notti alla settimana), sono risultati 15.200, con un incremento notevole rispetto alla precedente rilevazione del 1999: si è passati infatti da 10.200 affidamenti ai 15mila attuali (+ 49%). Nei servizi residenziali invece vengono accolti 15.500 bambini e ragazzi: un numero stabile rispetto al 1999, quando erano 14.945. Molto significativa la crescita del numero dei bambini stranieri: tra il 1999 e il 2008 si è passati dal 5,6% del totale al 16,4%. Le differenze regionali sono molto forti, in questo caso: si va da situazioni come quelle di Toscana (35%), Emilia-Romagna (30%), Veneto (28%), Umbria (23%) a quelle di Campania (6,6%) e Sicilia (3,7%). Per quanto riguarda la Toscana. I dati del 2008 parlano di 1.319 bambini e adolescenti in affidamento familiare e di 685 accolti nei servizi residenziale, per un totale di 2004. Da molti anni, in Toscana, si stanno trattando i temi del disagio e del disadattamento con politiche, interventi e metodologie nuove in alternativa ai vecchi modelli che utilizzavano la segregazione e l’allontanamento delle persone in difficoltà dal loro contesto di vita. In particolare gli anni Settanta furono caratterizzati dall’esigenza di sviluppare forme alternative di gestione della devianza e del disagio. Furono infatti gli anni della chiusura degli istituti, del decentramento e della costruzione tra Regioni e Comuni di un sistema 5


Associazione “Amici della Zizzi” Onlus

di servizi saldamente ancorato alla comunità locale, con attività rivolte non a particolari categorie di cittadini, ma onnicomprensive, aperte a tutti. Gli anni Ottanta furono caratterizzati dalla dimensione territoriale, dagli interventi di prevenzione/cura, reinserimento/riabilitazione, dall’attenzione alla unitarietà dei bisogni e alle risposte differenziate e diversificate. Le prime esperienze di affidamento familiare sono iniziate fin dal 1975. La Regione ha riconosciuto questa forma di intervento con la LR 28/1980, anticipando la legge nazionale 184/1983, rafforzandola successivamente attraverso la Direttiva su criteri e modalità di sostegno economico per l’affidamento familiare (delibera del Consiglio regionale 21 settembre 1993, n. 364). Alla luce l’attenzione posta dalle politiche regionali al percorso dell’Affidamento Familiare e, più in generale, alle politiche di sostegno nei confronti dei minori disagiati, il progetto presentato dalla nostra Associazione, si pone quindi come ulteriore strumento utile al raggiungimento degli obiettivi di sostegno perseguiti dalla regione Toscana.

6


Associazione “Amici della Zizzi” Onlus

2. IL PROGETTO: CASA ZIZZI 2.1 Il Progetto

Il progetto prevede la costruzione e l’apertura a Livorno, nel quartiere di Coteto, di due strutture residenziali per l’accoglienza e di un centro diurno per lo svolgimento di attività ludico ricreative, destinati a bambini e ragazzi a rischio di disagio sociale. Il progetto è stato approvato dalla Conferenza dei Servizi il 20 Novembre 2009 e, conseguentemente, dal Comune di Livorno in data 29 Aprile 2010 con il quale l’Associazione ha stipulato lo scorso gennaio una convenzione per il funzionamento della struttura.

In particolare si realizzazione di una:

prevede

la

COMUNITA’ RESIDENZIALE A DIMENSIONE FAMILIARE per l’accoglienza massima di 10 bambini e ragazzi, oltre a due posti per la pronta accoglienza. Potrà ospitare minori, maschi e femmine, che provengono da nuclei familiari con problemi legati alla pedofilia, prostituzione, spaccio, carenze psichiche gravi, inviati dai tribunali dei minori o dai servizi sociali di tutta Italia.

GRUPPO FAMILIARE PER ADOLESCENTI E GIOVANI Il gruppo familiare avrà una capacità ricettiva massima di 4 adolescenti di età compresa tra i 16 ed i 21 anni che non possono rimanere o tornare nella propria famiglia, già accolti in affidamento, inseriti nella struttura sulla base di provvedimento e/o intervento disposto dall’autorità giudiziaria, o dai servizi sociali del comune competente. Tale struttura, piuttosto innovativa e di cui si sente un gran

7


Associazione “Amici della Zizzi” Onlus

bisogno, sarà molto utile ai ragazzi per emanciparsi e capire come potersi autogestire in un prossimo futuro. CENTRO DIURNO Il centro diurno rappresenta una possibilità che l’Associazione Amici della Zizzi Onlus vuole offrire al territorio. In particolare sarà una struttura dove i bambini potranno venire liberamente nelle ore diurne e socializzare, un’alternativa alla strada, specie in quelle situazioni di degrado familiare non così grave da prevederne l’allontanamento. Sempre nell’ambito del centro diurno, è prevista la costruzione di una palestra che prevede lo svolgimento di tutta una serie di attività:

 attività ricreative e di educazione fisica dedicate ai 16 ragazzi accolti nel centro residenziale adiacente;  attività ludiche e ricreative dedicate ai ragazzi in difficoltà familiare e sociale che usufruiranno dell’aiuto del supporto del centro diurno. In questo caso, in particolare, si tratterà di ragazzi, prevalentemente residenti nel comune di Livorno, provenienti da situazioni particolarmente disagiate (povertà, violenza, immigrazione);  svolgimento delle ore di educazione fisica per gli studenti delle scuole che vorranno utilizzare la nuova struttura come palestra. In questo modo, questa assumerà ancora di più un valore di servizio pubblico per la collettività.

8


Associazione “Amici della Zizzi” Onlus

2.2 Stato attuale del progetto e fasi future Allo stato attuale siamo in fase di realizzazione dei primi lavori di analisi del terreno. Sono già stati presi accordi anche con l’azienda che si occuperà delle indagini ambientali e, nel particolare, di quella geotecnica e sismica. Entro il mese di agosto 2011 questa prima fase di analisi del terreno verrò ultimata. Sono quindi individuate le seguenti fasi progettuali*: SOTTO OBIETTIVO

PERIODO DI

ATTIVITA’

REALIZZAZIONE*

Realizzare progettazione esecutiva

Gennaio 2012 – marzo 2012

Stesura progetto definitivo Contatto con i fornitori Approvazione finale materiali Disbrigo ultime pratiche burocratiche

Costruire la struttura fisica ed allestirla

Aprile 2012 – Settembre 2014

Lavori edili di costruzione e di arredamento

Programmare l’inizio delle attività

Gennaio 2013 – settembre 2014

Promuovere la nuova struttura

Gennaio 2013 – settembre 2014

Aprire la struttura al pubblico Svolgere attività di accoglienza e recupero

Settembre 2014

Riunioni con educatori, insegnanti, psicologi Selezione personale dipendente (istruttore e assistente) Presentazione nuova struttura a istituzioni, enti, scuole del territorio Stipula convenzioni per accoglienza minori e ragazzi Realizzazione materiale cartaceo Promozione web Organizzazione eventi sul territorio Evento inugurale

Effettuare valutazione attività svolte

Giugno 2015

Da Settembre 2014

Inizio e svolgimento attività di accoglienza, recupero e socializzazione Colloqui individuali Focus group con psicologi e educatori Questionari di valutazione Osservazione Relazione finale 9


Associazione “Amici della Zizzi” Onlus

*date indicative 2.3 I beneficiari

Il progetto avrà beneficiari sia diretti che indiretti. Beneficiari diretti:  Minori e giovani con problemi sociali e familiari, per i quali la permanenza nella famiglia di origine sia temporaneamente impossibile, accolti nelle strutture residenziali sulla base di provvedimento e/o intervento disposta dall’autorità giudiziaria, o dai servizi sociali del comune competente.  I ragazzi a rischio devianza che usufruiranno del servizio del centro diurno e del relativo sostegno nel processo di socializzazione. Beneficiari indiretti:  Le famiglie dei ragazzi a rischio, che potranno contare su di un nuovo luogo di aggregazione, recupero e socializzazione.  I Servizi Sociali, cittadini, regionali, nazionali, che avranno a disposizione una nuova struttura professionale per l’accoglienza di minori e ragazzi.  La popolazione della città di Livorno, in particolare del quartiere di Coteto, che potrà beneficiare di una nuova struttura che, con le sue attività sociali, è in grado di qualificare e dare lustro al territorio di riferimento.

10


Associazione “Amici della Zizzi” Onlus

3 Come essere Partner

3.1 Perché essere partner Sostenere Casa Zizzi significa: -

Partecipare alla realizzazione di un progetto importante a favore di tanti bambini e ragazzi in difficoltà, con la costruzione un luogo sicuro dove essi possano crescere, imparare e prepararsi alla vita.

-

Offrire a ragazzi in difficoltà un futuro più sicuro, autonomo

-

Offrire uno strumento concreto per la prevenzione del disagio sociale giovanile.

-

Legare il proprio marchio a un’Associazione che da quasi 25 anni si impegna quotidianamente a favore di bambini e ragazzi in difficoltà.

-

Aumentare l’impegno sociale della vostra azienda, rafforzando le relazioni con i diversi stakeholders.

3.2 L’impegno economico Casa Zizzi è un progetto che richiede delle ampie risorse finanziarie. Il costo totale del progetto, infatti, è di € 6.039.260,00, dal quale si deve togliere il valore del terreno (€ 935.000,00) , già di proprietà dell’Associazione, per un totale ancora da reperire di € 5.104.260,00.

Per raggiungere la raccolta dei 5 milioni mancanti, l’Associazione ha attivato una Campagna articolata di raccolta fondi e di coinvolgimento di diverse personalità sia istituzionali che artistiche. Questo il piano dei costi del progetto, diviso per le diverse strutture da realizzare.

11


Associazione “Amici della Zizzi” Onlus

PIANO DEI COSTI FABBRICATO A Piano terra mq.386 ad €/mq.1.450,00 Piano primo mq.386 ad €/mq.1.450,00 Piano secondo mq.113 ad €/mq.1.450,00

€ 559.700,00 € 559.700,00 € 163.850,00

IVA € 111.940,00 € 111.940,00 € 32.770,00

FABBRICATO C Piano terra mq.231 ad €/mq 1.300,00 Piano primo mq.154 ad €/mq.1300,00 Piano secondo mq.113 ad €/mq.1.300,00

€ 303.300,00 € 202.200,00 € 202.200,00

€ 60.660,00 € 40.440,00 € 40.440,00

FABBRICATO B Piano terra mq.341 ad €/mq.1.000,00

€ 341.000,00

€ 68.200,00

SEMINTERRATO mq.927 ad €/mq.800,00

€ 741.600,00

€ 148.320,00

OPERE ESTERNE a corpo

€ 250.000,00

€ 50.000,00

SPESE TECNICHE (8%) SPESE VARIE (5%) ARREDAMENTO

€ 265.000,00 € 165.000,00 € 500.000,00

€ 53.000,00 € 33.000,00 € 100.000,00

€ 4.253.550,00

€ 850.710,00

TOTALE

TERRENO (GIA' DI PROPRIETA' DELL'ASSOCIAZIONE)

COSTO TOTALE PROGETTO FONDI DA REPERIRE

€ 935.000,00

€ 6.039.260,00 € 5.104.260,00

12


Associazione “Amici della Zizzi” Onlus

3.3 Modalità di collaborazione L’azienda ha diverse modalità per contribuire al progetto: -

donazione in denaro donazione in beni necessari alla costruzione (da concordare in conformità alle necessità del progetto approvato) operazioni di Cause Related marketing realizzazione di eventi di comunicazione e raccolta fondi che coinvolgano pubblici di interesse comune

3.4 Diritti e Benefici per l’azienda partner Di seguito elenchiamo alcuni vantaggi per l’azienda. A seconda del tipo di coinvolgimento dell’Azienda e delle sue necessità, potranno essere definiti insieme i possibili ritorni. -

Visibilità dello sponsor all’interno della nuova struttura: le aziende coinvolte nel progetto saranno presenti nella nuova struttura attraverso targhe/pannelli, in modo da offrire la maggiore visibilità possibile.

-

Impatto mediatico: Le attività dell’Associazione suscitano da molti anni un elevatissimo interesse mediatico da parte di televisioni, giornali, radio, il tutto a vantaggio dello sponsor, il quale ne ha un immediato beneficio promozionale a costo zero. E’ sufficiente visionare il materiale che è stato prodotto sia da stampa e giornali locali, sulle varie iniziative realizzate negli ultimi anni (Calendario con Marcello Lippi, Antonio Rossi, Accademia Navale e Veronica Maya; Festa dell’Estate con i Lions di Livorno, Marcia della Zizzi etc.) per rendersi conto del beneficio diretto che potrà avere l’inserimento del proprio logo e nome affiancato a quello di CASA ZIZZI. Moltissimi i passaggi televisivi e le interviste sui canali nazionali Rai e Mediaset. Ultimamente il nostro Presidente, Riccardo Ripoli, è stato chiamato anche come opinion leader sul tema dell’affido. Negli ultimi quattro mesi l’Associazione ha partecipato a quattro trasmissioni nazionali, due delle quali relative a due nostri eventi: la Cena per la presentazione di CASA ZIZZI e al Festa di Anniversario del 28 maggio 2011. 13


Associazione “Amici della Zizzi” Onlus

-

Altissima visibilità nel materiale prodotto dall’Associazione: ringraziamento nelle nostre newsletter elettroniche, che inviamo a circa n. 22.000 utenti via internet; ringraziamento nelle nostre newsletter cartacee;

-

Posizionamento strategico sui nostri siti: Verrà fatta menzione del vostro nome sul nostro sito www.zizzi.org - presto completamente rinnovato nella sua veste grafica - nella pagina dedicata alle Aziende Amiche (accanto ai nomi di Luna Rossa, Valtur, MSC Crociere, Autogrill, Sapori, Fondazione Unicredit, Philips, Zanussi, Dole e tantissime altre che hanno avuto fiducia in noi e ci hanno aiutato a crescere). Il sito ufficiale è www.zizzi.org realizzato dai volontari dell’Associazione, ed essendo il primo totalmente “home made”, racchiude in sé tutte le informazioni possibili ed immaginabili riguardanti questi 24 anni degli Amici della Zizzi. Data la grande quantità di dati può risultare un po’ dispersivo e per questo stiamo già lavorando al nuovo www.amicidellazizzi.it che disporrà degli stessi contenuti aggiornati, inseriti in una nuova bellissima veste grafica e dotato dei più moderni strumenti di comunicazione. Altro sito importante è quello legato al progetto CASA ZIZZI www.casazizzi.it di cui è possibile vedere qui a destra lo screen shot. All’interno di questo sito si avranno tutti gli aggiornamenti sulla costruzione del complesso, con foto, ringraziamenti per gli sponsor e le aziende amiche. Molto visitata è anche la pagina dell’Associazione su Facebook, con più di 1700 amici, sulla quale vengono riportati i vari eventi, le pagine delle nostre iniziative e le foto aggiornatissime. Molti utenti di facebook entrano in contatto diretto con il Presidente dell’Associazione che può contare su una rete di 3000 contatti ai quali vengono inviate tutte le informazioni e le richieste dell’Associazione.

14


Associazione “Amici della Zizzi” Onlus

5. Contatti e Link utili Per soddisfare subito la curiosità sulle nostre iniziative ecco qui una serie di link al nostro sito dei progetti più importanti: Calendari degli anni passati: www.zizzi.org/calendari.htm Calendario 2012 (in fase di elaborazione finale): www.zizzi.org/amicizizzicalendario4.pdf Progetto “CASA ZIZZI”: www.casazizzi.it Sito Ufficiale: www.zizzi.org Sito in fase di ultimazione: www.amicidellazizzi.it Portale sull’affidamento: www.sos-affido.it Pagina Facebook: www.facebook.com/pages/Associazione-Amici-della-Zizzi-Onlus/50229321107 Mosaico d’Emozioni: www.facebook.com/pages/Mosaico-dEmozioni-un-Libro-fatto-date/193765198465 Bilancio Sociale: http://www.zizzi.org/bs.htm Noi in TV: http://www.zizzi.org/canali.htm

Per ogni altra informazione a seguire sono riportati i dati dell’Associazione:

Associazione “Amici della Zizzi Onlus” - Presidente Riccardo Ripoli Via Piemonte, 52 57124 Livorno Tel: 0586.85.22.54 Cell: 347.184.185.0 Fax: 0586.48.59.37 Email: info@zizzi.org

Codice Fiscale: 920.180.40.490 Conto Corrente Postale: n° 13152574 intestato ad Associazione "Amici della Zizzi", Via Piemonte 52 - Livorno Conto Corrente Bancario: 1946127 c/o Unicredit Cogorano Filiale di Livorno Codice IBAN: IT 57 M 03002 13905 000001946127 15

Presentazione Casa Zizzi - Agosto 2011  

Documento di presentazione dettagliata del progetto di realizzazione di Casa Zizzi

Read more
Read more
Similar to
Popular now
Just for you