__MAIN_TEXT__
feature-image

Page 1


http://www.rockambula.com/the-crooksatomic-rock/


Atomic Rock – The Crooks: la recensione Pubblicato il 14 dicembre 2012 da Anji Prova Google  AdWords  ora www.google.it/adwords Raggiungi  i  tuoi  clienti  online  Registrati  oggi:  credito  di  €  75

Mi piace

12

Dopo 4 anni dal loro ultimo disco, tornano sulla scena musicale i Crooks. La band è la dimostrazione vivente del famoso detto latino Nemo propheta in patria (Nessuno è profeta in patria, N.d.R.). Infatti, nonostante la band sia originaria di Milano, è famosa soprattutto all’estero (in particolar modo in Germania), e nel corso della loro quindicennale storia, hanno calcato buona parte dei palchi europei con altre band del calibro degli Ash o di Eddie and the Hot Rods. Quest’ultimo album è composto da 10 tracce, tutte molto incalzanti, che svariano dal classico punk rock, (2nd Chance, Victim of the Circumstances) al più ruvido garage rock (F.F. R’n'R, Smash it up, Jupiter’s party), passando anche per l’hardcore anni ’80 (Kneel down). La sopracitata Victim of the Circumstances è anche il primo singolo estratto dall’album, il cui video è stato girato all’interno del locale milanese Surfer’s Den. La versione su cd (l’album è uscito anche su vinile, N.d.R) ha anche 3 bonus track, tra le quali Piccolo Uomo, unica traccia in italiano, cover di un pezzo fine anni ’60 di Paolo Ciarchi. Tutto sommato si tratta di un buon cd e merita di sicuro un ascolto.

" Andrea Bertocchi"


15/11/12

Reviews : CROOKS / Atomic Rock :: ox-‐‑fanzine.de

Reviews :  CROOKS  /  Atomic  Rock  ::  ox-­fanzine.de

REVIEWS

Home

Magazin

Consiglia

SUCHE

131 Tweet

CDs, LPs,  EPs,  Singles,  Demos Musik-­DVDs Filme Bücher Fanzines Comics Suche  im  Archiv DAS  AKTUELLE  OX

Suchbegriff

CDS/LPS/SINGLES -­  REVIEWS

CROOKS

Erweiterte Suche OX  PRÄSENTIERT

Atomic Rock Format:  CD Label:  Dischi  Vololibero Spielzeit:  42:52 Webseite Wertung:

Ox-­Fanzine #104 Jetzt  im  Handel  und  bei  uns erhältlich!

„New York,  New  York“,  wussten  schon  die  DICTATORS  zu  sagen  und  auch  die  CROOKS  folgen dem  Ruf  und  musikalischem  Erbe  des  großen  Apfels,  wobei  neben  den  Herren  um  Handsome  Dick Manitoba  vor  allem  aber  längst  vergessen  geglaubte  Tugenden  wieder  entdeckt  werden. Wer  erinnert  sich  nicht  mit  einer  Träne  im  Revers  der  speckigen  Lederjacke  an  ruhmreiche  Namen im  Zeichen  der  NEW  YORK  DOLLS-­Federboa  und  im  Gedächtnis  an  Johnny  Thunders  wie LIBERTINE,  REVOLVERS  oder  D-­GENERATION,  an  die  unzähligen  Inkarnationen  des  Sonny Vincent,  der  immer  und  wieder  und  noch  mal  hinterher  die  großen  Tugenden  des  Rock’n’Roll  ausrief.

MONSTERS OF LIEDERMACHING

THE CROOKS  jedenfalls  tun  es,  ohne  zuviel  Pose,  dafür  aber  mit  um  so  mehr  Substanz  und Begeisterung,  die  Gitarre  hängt  tief,  die  Schmalzlocke  kann  mit  den  DEVIL  DOGS  mithalten, gekämmt  wird  auss chließlich  53rd  &  3rd.

Die MONSTERS  OF LIEDERMACHING  sind  sechs autarke  Songschreiber  auf  der Bühne  im  Halbkreis  und  sorgen  mit Lust,  Laune  und  offenem  Horizont  für entfesselte  Konzerte.  Fünf Holzgitarren  und  zahllose Kleininstrumente  verwandeln kulturelle  Melting  Pots  in  ...   mehr

Rock’n’Roll is  the  answer  und  diese  wird  von  den  CROOKS  gegeben,  also  Lederjacke  raus,  du  alter Lonely  Planet  Boy,  Loch  in  die  zu  enge  Jeans  und  rein  in  die  käsigen  Treter,  denn  es  besteht dringender  Entdeckungsbedarf  bezüglich  dieser  Italiener! Dirk  Klotzbach zurück

© by  Ox-­Fanzine  /  Ausgabe  #103  (August/September  2012)  

im Archiv  suchen

BARRACUDAS BERNADETTE LA  HENGST

SITEMAP

KONTAKT

IMPRESSUM

DIE KASSIERER

DISCLAIMER

Zur Inhaltsübersicht

DROPKICK MURPHYS HOLOGRAMS

OX-­PDF-­SHOP

MISSION OF  BURMA MONSTERS  OF LIEDERMACHING

(Fast) alle  Ox-­Ausgaben von  1989  bis  2012  als  PDF

REDD KROSS TOY  DOLLS  

WELTUNTERGANG ABSCHAFFEN!!!

zum Shop  

Alle Präsentationen

KOCHEN OHNE  KNOCHEN

Das Ox-­Kochbuch  4  & Kochen  Ohne  Knochen  #8

NEWSLETTER

Das Ox-­Kochbuch  4:  Exklusiv  im Ox-­Shop  mit  zusätzlichem Siebdruck-­Schutzumschlag  (rotes Papier/schwarzer  Druck)!  Dazu  jede Menge  Merchandise  rund  ums Kochbuch:  Pizzamesser, Küchenmesser,  Hand-­  und Geschirrtuch,  Küchenschürze, Stofftasche,  Servietten-­Set,  Buttons, Geschenkkarton  ...

E-‐‑Mailadresse Ox-­News  als  RSS-­Feed

Kochen ohne  Knochen  #9:  Die neunte  Ausgabe  des  Magazins  für Menschen,  die  kein  Fleisch  essen, ist  jetzt  im  Handel  und  bei  uns erhältlich.

www.ox-‐‑fanzine.de/web/rev/83384/reviews.207.html

1/2


HOME

RECENSIONI

INTERVISTE

NEWS

CONCERTI

CONTATTI

Vai alla  lista  completa  delle  Recensioni!

Contest

The Crooks  –  Atomic  Rock  [recensione] [etichetta:  Dischi  Volo  Libero]

 

Nuova legge  sui  casinò  certificati AAMS:  da  oggi  potete  giocare  da casa  al  blackjack,  alla  roulette,  al video  poker  e,  tra  breve,  anche  alle slot  machine!  

Ultime Recensioni

Occhiali

Le Bugie  Di  Elisa  – S/t  [recensione] Gottardo  Project  – Credighe  Ai  Ufo [recensione]

Ultime news

The  Crooks  –  Atomic  Rock          (2012)

Blatha – Blathacadabra [recensione]

INDIEisPONENTE: al via  le  selezioni

 

Nuovo 7"  per  i Whales  Island  per Noreason  Records

Quarta fatica  discografica  per  i  Crooks,  band  cardine  della  scena  punk  italiana,  ma non  solo.  

North –  Differences [recensione]

“Atomic Rock”  contiene  dieci  (tredici,  se  consideriamo  la  versione  in  cd)  tracce  al fulmicotone,  che  pescano  nella  migliore  tradizione  del  rock'n'roll  più  lurido  e selvaggio:  il  blues-­rock  stonesiano  del  singolo  “Victim  Of  The  Circumstances”,  o  di “989”,  la  virata  hardcore  punk  di  “Kneel  Down”,  il  punk  newyorkese  dei  Ramones  in “Piccolo  Uomo”,  unico  brano  cantato  in  italiano,  o  quello  più  melodico  di  “All  Right!”, o  ancora  il  viaggio  nella  Detroit  degli  Mc5  in  “Second  Chance”,  batteria  pestona  e   riff  urticante  alla  “Kick  Out  The  Jams”,  o  il  raw  power  stoogesiano  di  “F.F.R'n'R”.

Frei –  2013:  Odissea Nello  Spiazzo [recensione] Controllo  Elettronico Della  Velocità  –  A Tutta  Birra [recensione]

Nasce ConcertOnTube, il canale  di  YouTube dedicato  alla  musica live! La  casa  del  vento  e Patti  Smith

“Atomic Rock”  è  un  disco  imperdibile  per  i  fans  della  band  milanese,  ma  anche  per tutti  coloro  che  amano  la  tradizione  del  rock  più  straccione  e  viscerale,  della  cui tradizione  i  Crooks,  sono  degni  depositari.  It's  only  rock  n'roll  but  I  like  it!

Penelope Sulla  Luna –  Superhumans [recensione]

Soundgarden: Classic Album  Selection

Trunera Rock  2012

Vanity –  Occult  You [recensione]

KeepOn 100%  Live Club  Festival  2012

Tracklist: 1.Second Chance 2.989 3.Smash  It  Up 4.Once  Twice  Millions  Of  Times 5.All  Right!

U.B. Dolls  –  Tornado [recensione] Grenouille  –  Il  Mondo Libero  [recensione]

6.Kneel Down 7.Opportunities 8.F.F.R'n'R 9.Jupiters  party 10.Victim  Of  The  Circumstances 11.Piccolo  Uomo  (bonus  track) 12.Smash  It  Up  –  vinyl  version  (bonus  track) 13.Victim  Of  The  Circumstances  –  single  edit  (bonus  track)

Day After  Rules  -­ Whatever  happens  no regrets  [recensione] Valentina  Gravili  – Arriviamo  Tardi Ovunque  [recensione]

-­  Sito  Ufficiale  The  Crooks -­  Sito  Ufficiale  Volo  Libero  Edizioni -­  Sito  Ufficiale  Alcor  Press Giacomo  Messina,  05/12/2012  

Login

Tutte le  recensioni

Contest

Copyright fracm.com.Tutti  i  diritti  riservati.

Emergenti

Forum

Contatti

Mappa Sito


http://snafurock.blogspot.it/2013/03/the-crooks-atomic-rock.html

12


Rockambula

Home Recensioni Interviste Articoli Live Report News Eventi Archivio Staff Cerca:

Cerca

The Crooks – Atomic Rock Pubblicato da Silvio Don Pizzica 7 gennaio, 2013 Scrivi un commento

Quello che avete davanti e spero tra le mani, non è certo il disco di una band esordiente in cerca di una fetta di pubblico disposta a seguirli in giro per l’Italia e fare guerrilla marketing nel ristretto giro di amici del paese. Loro sono The Crooks, formazione già nota al pubblico Punk’n Roll e Hard Core del tipo non troppo “incazzoso”. Nascono a Milano circa sedici anni fa, dalla mente di Fab O’ Loose che plasma l’asse portante della band, tra rimandi al punk newyorkese old school (New York Dolls, Johnny Thunders & The Heartbreakers, Ramones) ed echi di maleducato Rock’n Roll. Agli albori, la scelta principale ricade nell’esibizione live che regalerà loro la possibilità di condividere il palco e le esperienze, con Libertine, Happy Revolvers e Jackpot, e infine The Datsuns. Grazie alla loro voglia di esprimersi e di imparare, le diverse avventure con le band suddette diventano lo strumento migliore per la ricerca e il miglioramento dello stile del complesso lombardo. Da quel momento, i quattro sono pronti a incidere la propria vita e regalarvi la loro anima attraverso il quarantacinque giri You Make Me Feel So Sick, l’Ep The Dog, gli album Speed Kills, Nothing To Lose e High Society R’n’R, più diversi brani sparsi tra le più disparate compilation. Nel 2012 ecco arrivare il momento di una nuova svolta per Brix (drums and percussions), Ette (guitar, vocal and percussion), Fab o’Loose (vocals and guitar) e Cool J Piteco (bass) che si manifesta con la realizzazione del loro quarto album, il lavoro che avrà l’obiettivo di consacrarne la maturità compositiva.


Ancora una volta tra le loro influenze troviamo il punk a stelle e strisce di 2nd Chance, Victim Of The Circumstances ma il sound, particolarmente ammorbidito in alcuni passaggi, non disdegna rimandi a mostri sacri del Pop e del Blues come Beatles e Rolling Stones. Anche se non espressamente citata dagli stessi The Crooks, particolarmente evidente è anche la similitudine con un’altra grande band del passato, i Social Distorsion di Mike Ness, specie nei canali del Rock’n Roll. In realtà, più che il sound nel suo insieme che avrete capito essere notevolmente derivativo, quello che piace è l’idea di inserire strumenti solitamente non troppo congeniali al genere come fiati, pianoforte e maracas e farlo con naturalezza, senza ridondanti e cacofoniche forzature. Atomic Rock è disponibile nel formato Lp e Cd. In quest’ultimo troverete le versioni Cd e vinile di “Smash It Up”, due versioni di “Victim Of The Circumstances” e l’unica traccia in lingua italiana “Piccolo Uomo”. L’album parte a mille con “2nd Chance”, brano di Punk’n Roll della specie più classica, carico di riff mozzafiato, voce da inni generazionali e coretti coinvolgenti, del tipo che sta facendo la fortuna di un’altra band italiana che possiamo accostare per sonorità e non certo per collocazione territoriale, ai milanesi, gli One Trax Minds di Alex Maiorano, dei quali potete leggere, proprio su rockambula, la recensione al loro ultimo lavoro. In “989”, brano che allenta un po’ il ritmo rispetto all’inizio, ci manteniamo sempre su binari particolarmente classici, evidenziati anche da alcuni piccolissimi omaggi chitarristici ai Sex Pistols. Con “Smash It Up” fa la sua comparsa, il primo ritornello veramente azzeccato di questa prima parte d’album. Poche parole e cori a fare da contraltare bastano a creare un inno garage punk che si rispetti. Passando per “Once Twice Millions Of Times”, ancora carica di distorsioni sociali, ci troviamo nella bellissima e irriverente “It’s Allright”, brano di Ettore ETTE Gilardoni (è lui che si divide con Fabrizio Cimolino per la stesura dei pezzi), che rimanda in alcuni passaggi anche ai padri del Punk Rock, i Ramones. Di forte matrice Hardcore anni ’80 e anche un po’, specie nel cantato, stile Guttermouth, è la feroce “Kneel Down”. Il primo vero gioiello è invece “Opportunities” nel quale si può notare tutta l’influenza del proto punk newyorkese, grazie al sensazionale e preciso inserto del sassofono di Dario Guidotti. Ancora Guidotti, stavolta con l’arpa, è protagonista, nonostante lo spazio limitato, del brano “F.F. R’n R”. Anche qui, è riproposto in maniera originale, un pezzo di storia della musica, che va dal CBGB’s fino alla City. Chitarre taglienti e voce acida, rullate potenti e giri di basso rancidi (in alcuni passaggi, l’accostamento con la band di Tim Armstrong e Lars Frederiksen non è per nulla azzardato). Dopo “Jupiter’s Party” arriviamo all’ultimo brano in scaletta, “Victim Of The Circumstances”, senza ombra di dubbio il massimo dell’intera proposta. Dopo l’intro triste, malinconico che sembra presagire note deprimenti, il Sax di Guidotti inizia un assolo da paura, che in una manciata di secondi riporta i ricordi indietro di decenni. Grazie all’accompagnamento perfetto di tutta la band, il sound spazia dal Glam Rock e il Proto Punk di New York Dolls, T.Rex, Roxy Music, fino al Punk più classico, fatto di jeans e chiodo, e ancora ai più attuali Rancid e Social Distorsion. Il disco sarebbe finito. C’è spazio ancora per le già citate altre due versione di “Smash It Up” e “Victim Of Circumstance” che non aggiungono molto all’opera e l’unica traccia cantata in lingua italiana, “Piccolo Uomo”, che sembra più un semplice divertissement. Oltretutto, se nel complesso il brano potrebbe benissimo essere stato scritto dai primi Punkreas, all’interno troviamo due inserti che non capisco se voluti omaggi o riflessi incondizionati. Al secondo quarantotto (Sex Pistols – Anarchy In The U.K.) e al minuto uno e trentuno secondi e nel finale (Ramones – The K.K.K. Took My Baby Away). Nonostante la natura di The Crooks, il suo habitat, la sua massima espressione sia ancora rappresentata dalle esibizioni live, dove ovviamente meglio si riesce a caricare e coinvolgere il pubblico, devo ammettere che il loro quarto disco, Atomic Rock, è in grado di creare con efficacia la stessa atmosfera di sudore e grida che si respira sotto il palco. Ha un solo enorme difetto, che nulla ha a che vedere con il fatto che ci sia un’infinità di palesi influenze. Esclusa la sola “Smash It Up” nessuno dei brani riesce a mantenere la melodia valida e avvincente per tutta la sua durata. Dove il ritornello è spettacolare, il resto è piatto e viceversa. La stessa “Victim Of The Circumstances”, che per tre quarti non continuativi adoro, presenta strappi che sono addirittura fastidiosi, inseriti nel contesto del pezzo. Senza di questo, sarebbe stato un grandissimo disco Punk’n Roll. Per ora è solo una bellissima conferma. Be Rock, Share!


1

http://www.kdcobain.it/tutte-le-recensioni/403-the-crooks--atomic-rock-recensione-.html


6

http://www.lamusicarock.com/cantanti-italiani/atomic-rock-the-crooks-la-recensione/


8

Guitar Club – Dicembre 2012


48

http://www.sound36.com/crooks-atomic-rock/


42

http://www.loudvision.it/musica-news-the-crooks-live-a-milano-il-20-aprile--5959.html


39

http://www.punkadeka.it/crooks-versione-acustica/


35

http://www.xtm.it/Detta glioEmergenti.aspx?ID= 14145


http://highwayitaly.blogspot.it/


Profile for Vololibero

Atomic Rock - The Crooks  

Anno 2012. Per il calendario dei Maya anno di cambiamento...beh lo è anche per i CROOKS che con questo ATOMIC ROCK, il loro quarto album sul...

Atomic Rock - The Crooks  

Anno 2012. Per il calendario dei Maya anno di cambiamento...beh lo è anche per i CROOKS che con questo ATOMIC ROCK, il loro quarto album sul...

Advertisement