Page 19

traghetti che dobbiamo utilizzare per salire verso Bodo. Il circolo è segnalato da un globo metallico visibile dal traghetto su una costa selvaggia.

Il globo stilizzato che indica la posizione geografica del circolo polare artico

Quando la geografia astronomica diventa realtà

Il fenomeno dell’ alternanza delle stagioni, e la conseguente importanza delle linee immaginarie dei circoli polari e dei tropici è una conseguenza del fatto che il nostro pianeta descrive nel corso di un anno un’orbita intorno al Sole con un asse di rotazione inclinato di corca 23 °. L’ alternanza delle stagioni, che ha un ruolo fondamentale per la vita sulla Terra, nelle regioni circumpolari assume toni veramente estremi. Il 21 di Giugno, giorno del Solstizio d’ Estate, a causa dell’ inclinazione dell’ asse terrestre, l’emisfero Nord presenta la massima esposizione al Sole. Quel giorno, a mezzogiorno, il Sole si trova esattamente perpendicolare al parallelo noto come tropico del cancro, 23 ° 27’ di latitudine Nord. Tutte le regioni del pianeta, comprese fra il polo Nord e il parallelo a 66 ° 33’ Nord, noto come circolo polare artico, sempre a causa dell’ inclinazione dell’ asse, nonostante la rotazione terrestre sono 24 ore su 24 sempre illuminate dal Sole, che produce il noto fenomeno del Sole di mezzanotte. Il contrario avviene all’emisfero Sud, dove tutte le regioni comprese fra il polo Sud e il parallelo a 66 ° 33’ Sud, noto come circolo polare antartico, nonostante la rotazione terrestre sono 24 ore su 24 sempre al buio. Dal 22 di giugno , proseguendo la Terra la suo orbita intorno al Sole, il circolo attorno al polo Nord in cui il Sole non tramonta mai e quello attorno al polo Sud in cui non sorge mai si vanno progressivamente restrigendo attorno ai poli. Il 21 marzo ( equinozio di primavera ) e il 23 settembre ( equinozio di autunno ) i raggi del Sole diventano perpendicolari all’ equatore, e su tutta il pianeta, poli compresi, il dì e la notte hanno uguale durata di 12 ore. Mentre per noi italiani tutto ciò si traduce in estati con le notti corte e i dì lunghi e in inverni in cui questo si verifica al contrario, qui il fenomeno diventa estremo. Vi garantisco che, per chi come noi non vi è abituato, tutto questo comporta uno stress notevole per l’organismo e i suoi ritmi biologici. 19

Norvegia2017  

Diario di viaggio verso la Norvegia, attraverso 10 Paesi

Norvegia2017  

Diario di viaggio verso la Norvegia, attraverso 10 Paesi

Advertisement