Page 1

N. 248 - GIUGNO 2014

Food Selection Il piacere di vivere e viaggiare la campagna

N. 248 - Giugno 2014 Mensile - Case&Country € 4,50

Spedizione in a.p. - 45% - art. 2, comma 20/b, legge 662/96 - Filiale di Milano - F � 8,00 - CH CT � 12,70 CHF

• SAPORE DI MARE • PANINI GOURMET • POLPETTA PARTY • FRUTTA GOLOSA • IL RE POMODORO

Design&Tech

Arredi per il giardino, art de la table e tutto per il picnic chic

55 deliziose ricette

Stefano Scatà

Il gusto dell’estate

000 Cover def_roc.indd 1

30/05/14 17.29


editoriale

Stefano Scatà

Il gusto dell’estate

U

na cena sotto un pergolato fiorito con gli amici, in collina. Oppure in riva al mare, con i piedi nella sabbia. Il profumo dei pomodori, quelli veri; le insalate fresche con la feta e la menta; le polpettine vegetariane per un garden party. Si aspetta l’estate e la si assapora anche attraverso la cucina di stagione. Case&Country, per festeggiare l’arrivo del periodo migliore e più spettacolare per vivere nel verde e all’aria aperta, presenta un numero tutto dedicato all’arte della tavola, ricco di deliziose sorprese. Per stupire gli amici, viziare la famiglia, ma anche divertirsi ai fornelli. I menù sono molti e ancor di più le ricette proposte: si parte con il re Pomodoro, abbinato alla pasta, regina della tavola mediterranea. Si sperimentano poi i sapori di mare, dalle linguine con i frutti di mare alle candele (maccheroni lisci spezzati) con i totani, dalla frittura classica al carpaccio di spigola. Si torna bambini con le patatine. Anzi, con le finte patatine, cioè verdure e ingredienti vari a sopresa (barbabietola, pane raffermo, polenta...), tagliati

a bastoncino e fritti come le classiche chips. Un’amica di Case&Country, Csaba dalla Zorza, foodwriter appassionata e sempre generosa nelle idee e nei consigli per i menù di casa, suggerisce un percorso gastronomico basato sulla spesa fatta al mercato, cioè sulla ricerca di cibi semplici e non costosi che, lavorati al meglio, regalano soddisfazioni al gusto e all’estetica, con belle mise en place. Csaba parte dall’insalata di ceci, feta e menta, segue con frittelle di zucchine e caprino, pollo alle verdure o maialino al curry, chiude con la torta di albicocche e una leggera e fresca limonata ai lamponi. L’elogio della polpetta (di manzo, tacchino, agnello, agrodolce, vegetariana, alla birra...); i panini d’autore, insoliti e ricchi di gusto; i piatti che hanno il colore del sole, il giallo, firmati dai grandi chef; i dolci alla frutta e i frullati completano questo numero da collezione, colorato e divertente. In più, tante idee per apparecchiare la tavola, organizzare un picnic chic, oziare all’ombra di una pianta e arredare la casa. Buona lettura e buon divertimento! (Giulia Pessani) 5


S o m m a r i o 45 sei fritto!

Verdure, formaggi, polenta e pane diventano protagonisti di golose ricette

50 il mercato delle meraviglie

La foodwriter Csaba dalla Zorza realizza menù raffinati low budget

56 elogio della polpetta

Di carne, verdura e alla birra: il piatto della tradizione da riscoprire

63 il sapore del sole

I consigli degli chef dell’Associazione Jeunes Restaurateurs d’Europe

68 mordi & gusta

36 wa n t e d

Food selection

8 aggiungi un posto...

30 il pomo della concordia

...a tavola. Le novità d’arredo per allestire pranzi e cene all’aperto

ca se&c o u n t ry awa rds

17 il premio all’eccellenza

I migliori prodotti, idee e servizi

appuntamenti

24 un’estate fiorita

A Forte dei Marmi, un nuovo evento per i cultori del gardening

26 irresistibile orticola

La mostra-mercato milanese ha fatto il pieno di visitatori

28 il verde della regina

A Londra, il Chelsea Flower Show e un giardino segreto da scoprire 6

Il pomodoro non ha rivali in cucina. Si abbina alla perfezione con il pesce ed è il condimento principe della pasta

36 capricci di mare

Gustosi e generosi, i piatti di pesce del ristorante Il Riccio di Anacapri

80

I panini gourmet di Veronica Paolillo

78 alla salute

Concentrati di vitamine nel bicchiere

80 stagione di dolcezze

Per concludere in bellezza, dessert alla frutta per chi è attento alla linea

s p i r i to c o u n t r y

90 portate i fiori in tavola

Dai nasturzi ai gelsomini, quelli eduli sono perfetti per le insalate


wanted

tradi z ioni romantiche

1

Il picnic non perde mai fascino se proposto secondo le regole inglesi. In un trionfo di porcellane, accessori di design e prelibatezze

P

icnic sì, ma con eleganza, come vuole la tradizione inglese. Per rivivere le atmosfere chic delle più classiche colazioni sull’erba, oltre al cestino in vimini ricco di prelibatezze, si imbandisce una vera e propria tavola all’aperto con stoviglie di porcellana, piatti, insalatiere, coppette ma anche zuppiere. Per un tocco in più, si scelgono servizi e accessori in tono con i fiori di stagione.

2

3

6 4

5 1. Cerchi concentrici. Set di insalatiere e piccoli contenitori Lastra in ceramica. Virginia Casa, da 10 euro. virginiacasa.it 2. Relax. Cestino in vimini da pic nic per due persone con piatti, posate e bicchieri. Mai Uguali, 68 euro. maiuguali.it 3. Dolce gusto. Stampi da forno Corolle. Emilie Henry, 30 euro. emiliehenry. com 4. Shabby Chic. Alzata Cake in acciaio (109 euro), portacandele

Mosaic in vetro a bolle (da 17 euro), vaso Coco (369 euro), copricuscino Birdy (29 euro), tavolo (999 euro) e poltroncina Matilda (490 euro). Sia, sia-homefashion.com 5. Forme perfette. Brocca Palla in materiale acrilico contiene 3 litri d’acqua. Mario Luca Giusti, 45 euro. mariolucagiusti.com 6. Old style. Zuppiera in porcellana Les Maisons Enchantées. Hermès, 745 euro, hermes.com


1

2

anni 60 in tavola

3

I colori pastello tornano in voga e definiscono l’art de la table. Ecco gli accessori per rivivere quel decennio

R

itornano gli anni 60 e l’art de la table reinterpreta in chiave contemporanea le linee e i colori di quel periodo. I toni pastello sono, infatti, protagonisti di servizi di piatti, bicchieri, vassoi. E poi due proposte straordinarie: un paio di posate da portata firmate da Gio Ponti e un carrello di design che fa rivivere il mito di uno dei complementi d’arredo più caratteristici dell’epoca.

4

7

5

6

1. Open air. In lino rustico, la collezione Kalahari propone tovaglioli, set americani e runner. Libeco, da 14 euro. libeco.com 2. Arte in tavola. Posate Pastille disegnate da Gio Ponti alla fine degli anni 50. Christofle, 460 euro. christofle.com 3. Sfumature pastello. Servizio di piatti Glamour. Bitossi, da 7,20 euro. bitossihome.it 4. Pregiata manifattura. Bicchieri in cristallo Grand Lieu.

St. Louis, 160 euro l’uno. saint-louis. com 5. Colors. Set di ciotole in melamina proposte in varie misure. Pantone, 55 euro. kunzi.it 6. Il design è servito. Vassoio Territorie esagonale in acciaio colorato disegnato da Matali Crasset. Alessi, 70 euro. alessi.it 7. Rivisitazioni. Carrello Sushi Kar di Lorenza Bozzoli in faggio con dettagli in Mdf, vetro e ottone. Colé, prezzo su richiesta. coleitalia.it

9


wanted

1

6

energia solare

2

Con il caldo esplode la voglia di vivere all’aperto. Invitando gli amici per una colazione a bordo piscina o in giardino

I

n un delicato gioco di contrasti, il colore del sole accende le giornate d’estate e si sposa con i toni dell’acqua. Così, la tavola si trasforma in una tavolozza per condividere con i propri ospiti il piacere della vita all’aria aperta. Tra porcellane tradizionali e oggetti di design che solitamente arredano gli ambienti interni, il giardino diventa un prolungamento della dimora di campagna.

3 5 4 1. Nel blu dipinto di blu. Della collezione Colonial Beach: tovagliette americane (10 euro), tovaglioli (15,50 euro), canovacci (21 euro), tovaglia (51,50 euro). Blanc Mariclò. blancmariclo.com 2. Darci un taglio. Tagliere Vege_Table di Alessandra Baldereschi, in legno con profilo a contrasto. Seletti, 50 euro. seletti.it 3. Geometrie. Marc Table è il tavolino d’appoggio in acciaio verniciato, disegnato da

10

Marc Thorpe. Moroso, 165 euro. moroso.it 4. Tête-à-tè. Teiera Azul in argilla con impugnatura in bambù. Altromercato, 25 euro. altromercato.it 5. Estate comodi. Poltroncina Kobi di Patrick Norguet con scocca in acciaio e gambe in alluminio. Alias, 518 euro. aliasdesign.it 6. Easy chic. Sono in materiale acrilico le coppe Martini della linea Decò. Sheratonn, 8,5 euro. sheratonn.com


2

1

ladeifesta colori

3

4

Per un pranzo più informale e in stile country, la tavola diventa fresca, allegra e profumata. E le porcellane si vestono di fiori

F

iori e tinte vivaci abbelliscono la tavola imbandita all’aperto nella bella stagione. La tovaglia è in puro lino; i piatti, in porcellana, sono ravvivati da freschi decori floreali; il servizio da tè è d’ispirazione orientale. E per servire, alzate e centrotavola colorati e versatili. Le fioriture, poi, sono protagoniste nei vasi in vetro soffiato a mano o decorati con elementi che richiamano la natura.

6 7

5 1. Tre in uno. Vaso, ciotola o centrotavola, Shibuya in PMMA trasparente e colorato prende il nome dal caratteristico quartiere di Tokyo. Kartell, 99 euro. kartell.it 2. Monofiori. Per abbellire la tavola, i vasi Balloton in vetro soffiato a mano. Venini. Da 200 euro. venini.com 3. La natura in casa. Farfalle in biscuit applicate a mano decorano i vasi Naturalia, in porcellana bianca. Henriette. Da 54 euro. marinocristal.com 4. Dolci pensieri. Ideale per un party in giardi-

no, l’alzata doppia con bordi traforati. Villa D’Este, su richiesta. villadestehometivoli.it. 5. Open air. La tovaglia Alain è in lino con bordo colorato (198 euro); tovaglioli Spencer (40 euro, il set da 4). Bellora. bellora.it 6. L’ora del tè. Tazza in porcellana della collezione Oriente Italiano. Richard Ginori, 115 euro. richardginori1735.com 7. Fiori in tavola. Piatto di portata Mariefleur con freschi decori floreali. Villeroy & Boch, da 54,90 euro. villeroy-boch.it

11


wanted

2

1

out ma non troppo

Colori vivaci, stampe floreali e luci che si mimetizzano nel giardino: ecco gli arredi d’ispirazione pop per ricreare un salotto open air

R

icreare un salotto all’esterno, che rispecchi il resto della casa, senza rinunciare al design e allo stile, ma anzi, dando un tocco di personalità in più, vivacizzando l’ambiente, con sedute dalle tonalità forti, che contrastano con il verde del prato, o che riescono a mimetizzarsi, grazie a tessuti fantasia floreale. Senza dimenticare la lampada che si inserisce sotto l’erba, per un effetto unico.

3 1. Fiat lux. Per illuminare il giardino, LAMPyris, la lampada a led in vetro e alluminio da inserire sotto il manto erboso. Panzeri, 348 euro. panzeri. it 2. Moda&Design. Kartell è Pop, con il divano modulare in policarbonato trasparente di Piero Lissoni con tessuti Missoni. 1.171 euro. kartell.com 3. Intrecci di stile. Pouf e tavolini in

4

tondino in ferro, legno e corda intrecciata. Saba, su richiesta. sabaitalia. it 4. Guarda come dondolo! Reinterpretazione della classica sedia a dondolo da regista in legno naturale o laccato. Swingdesign.eu, 220 euro. swingdesign.eu 5. Tip ton, la sedia in plastica di Edward Barber & Jay Osgerby per Vitra. Su richiesta. vitra.com

5

12


HOME COLLECTION 2014 | www.oasisgroup.it


Per gli amanti del giardinaggio facile.

Non complicarti la vita, al tuo giardino ci pensa Miimo. La novità Honda per chi desidera affidare la cura del proprio prato ad un rasaerba totalmente automatizzato di nuova generazione. Disponibile in due modelli, 300 e 500, Miimo è l’innovativo robot adatto a giardini con superficie fino a 3.000 m2.

Dove c’è Miimo, la vita è più semplice. INFO CONTACT CENTER 848.846.632 - power.hondaitalia.com


wanted

1 2

dialogo con la natura

Lettini, sdraio e sgabelli versatili: gli arredi per l’outdoor sono progettati per essere in sintonia con l’ambiente nei materiali e colori

T

eak, rattan, midollino e fibre sintetiche ecocompatibili intrecciate a mano sono tra i materiali protagonisti degli spazi da vivere all’aperto. I tessuti riprendono i toni della natura, il rosso dei papaveri o il verde degli ulivi, oppure si arricchiscono di fiori e persino pouf, sgabelli e tavolini s’ispirano, nel nome e nella forma, ai cestini utilizzati per raccogliere la frutta di stagione dagli alberi. 1. Tintarella di sole. Per il bordo piscina, il lettino prendisole Fiji è in legno e rattan intrecciato. Il Giardino di legno, su richiesta, ilgiardinodilegno.it 2. Un posto all’ombra. Rilassarsi in giardino sulla sdraio in teak con telo in tessuto acrilico in vari colori. Ethimo, 210 euro. ethimo.it 3. Relax tra i fiori. Tessuti Voyage of Discovery. Manila (90 euro al metro) e Floreanna (83 euro al metro). Sanderson, distribuiti da B&B.

3

6

bbdistribuzione.it 4. La tavola rotonda. Dal forte segno geometrico, il tavolo Brick è in teak e, al centro, ha un vassoio girevole in pietra. Roda, su richiesta. rodaonline.com 5. Comfort assoluto. La poltrona Dala è in fibra Dedon intrecciata a mano. Dedon, da 2.720 euro. dedon.com 6. Frutti di stagione. Fruit Bowl, pouf e tavolini in midollino, cuscini in tessuto e top in vetro. Yamakama Rattan, su richiesta. yamakama-rattan.com.jp

5 15

4


GE Appliances

NOVITA’ ESCLUSIVA GENERAL ELECTRIC:

Progettare a partire da un frigorifero, oggi è possibile! La designer reinterpreta il grande classico della refrigerazione americana GENERAL ELECTRIC - il modello senza dispenser GCE24KBFWW - dando ora la possibilità di personalizzarlo ed integrarlo con estrema facilità all'interno della vostra cucina. Scoprite la tecnologia, la qualità ed il design del nuovo kit cornici a scomparsa Monica Armani e dei frigoriferi americani GENERAL ELECTRIC sul nostro sito www.frigo2000.com per informazioni: FRIGO 2000 S.r.l. Tel. 0039 02 66047147 - Fax 0039 02 66047260 E-mail: info@frigo2000.it Web: www.frigo2000.com


∙ AZ

TI I RV IZ

I DE E

E PRODOT

∙SE

ND IE

per gli

am ic i della

vita in campagna Quando ha festeggiato i suoi primi 20 anni, Case&Country ha lanciato un grande progetto. In queste pagine trovate il primo passo di questa importante iniziativa: i Case&Country Awards, ovvero un’accurata selezione di prodotti, idee e servizi che migliorano, anzi rendono perfetta la vita in campagna, presentati ai lettori ciascuno con una pagina speciale dedicata. Vengono premiati protagonisti di vari settori, dal design all’arredo da esterni, ma anche cucine, wine&food, hi-tech, abbigliamento, automotive, vivai, attrezzature per il giardino, sementi, impianti antifurto, materiali innovativi per costruire o ristrutturare la casa, ristoranti e relais di campagna... Insomma, tutto quanto può rendere più bella, facilitare e rallegrare la vita in campagna. A cura di Ilaria De Bartolomeis, Sabrina Miglio, Ottaviano Nenti, Laura Pizzardello

17


∙ AZ

TI I RV IZ

I DE E

E PRODOT

∙SE

ND IE

percorsi a sorpresa Un campo da golf 18 buche, sentieri nel bosco alla scoperta del Gran Sasso e programmi personalizzati di benessere. Così il San Donato Golf Resort & Spa offre un’esperienza unica a contatto con la natura, per ritrovare se stessi

U

n angolo di Paradiso è sceso in terra d’Abruzzo per incastonarsi, come un gioiello, tra i monti del Gran Sasso. È il San Donato Golf Resort & Spa, il luogo ideale per soggiorni dedicati allo sport, al benessere e al relax. Il tutto all’insegna della natura e del green. Motivo per cui il centro merita a pieno titolo il Case&Country Award. L’attrattiva principale del resort, con 70 tra camere e suite, è uno splendido campo da golf a 18 buche, con sei postazioni coperte, sette scoperte, putting green e pitching green. L’offerta sportiva del San Donato Golf Resort & Spa comprende anche due piscine esterne, campo da tennis, campo da calcetto e noleggio mountain bike, per dare l’opportunità agli ospiti di scoprire boschi e sentieri della splendida Regione dei Parchi che cir-

18

conda il resort. E dopo una sana attività sportiva, che cosa c’è di meglio che rilassarsi in un ambiente armonioso e naturale con trattamenti dedicati alla rigenerazione del corpo e dello spirito? A questo pensa La Fonte Spa, che offre percorsi, anche personalizzati, tra cui il massaggio del Golfista o quello agli Oli essenziali. E dal momento che il vero benessere non può prescindere da una sana e gustosa alimentazione, ecco che il ristorante La Forcella del San Donato Golf Resort & Spa propone piatti tipici della cucina abruzzese, rivisitati dallo chef secondo le ultime tendenze gastronomiche. Insomma, tutto al San Donato Golf Resort & Spa è studiato nei minimi particolari e in modo armonioso perché la vacanza si trasformi in un’esperienza sensoriale unica e gratificante. www.sandonatoresort.it

Lambito dai boschi del Gran Sasso, il campo da golf 18 buche del San Donato Golf Resort & Spa. Sotto, gli ambienti della Spa La Fonte del resort che, su una superficie di 850 metri quadrati, offre percorsi benessere e cabine per i trattamenti. In basso, una camera dal design raffinato e accogliente.


∙ AZ

TI I RV IZ

I DE E

E PRODOT

∙SE

ND IE

destinazione da veri gentiluomini Al Grand Relais The Gentleman of Verona. In pieno centro storico, tra le mura del prestigioso Palazzo Trezza d’Acquarone. Un boutique hotel ristrutturato seguendo le regole dell’eco-compatibilità, location privilegiata per seguire il Festival Areniano

I

naugurato a dicembre, frutto della ristrutturazione di un palazzo del ’500 già rivisitato nel 1828 dall’architetto Francesco Ronzani, di cui mantiene la facciata rinascimentale, il Grand Relais The Gentleman of Verona, a due passi dall’Arena, è un indirizzo prezioso per un soggiorno nella città e per assistere all’Abc della grande Opera grazie al progetto Verso l’Opera: una guida alla conoscenza di partiture, libretti e allestimenti scenici lungo la loro storia, completata con l’accompagnamento al parterre degli spettacoli. L’albergo del Leoncino Hotels Luxury Experience è un vero boutique hotel con ampio giardino a vetrate, Spa, temporary gallery con oggetti di designer contemporanei e quadri del ’600-700

del pittore Andrea Porta, cigar room, il personal shopper e un ristorante capace di coniugare haute cousine con gli elementi più semplici offerti dalla natura. E poi, un concept diverso per ciascuna delle 14 stanze. E ancora: decori e affreschi dell’800, quadri e arredi scelti uno per uno dalla contitolare, antiquaria figlia d’arte, Federica Valbusa. «Non c’è materiale che non sia eco-compatibile», raccontano a Case&Country Federica e il marito Angelo Spinalbelli, imprenditori e project manager della riqualificazione. «Niente poliestere, solo vernici ad acqua, illuminazione a stringhe e led, colle ecologiche, ascensori oleodinamici, pannelli radianti, sistemi a infrarossi antifumo e completo isolamento acustico». Meritare il Case&Country Award è stato un gio-

co da bambini. «Il nostro è un concept pensato per offrire, nei materiali come nelle soluzioni d’arredo, la serenità e la sicurezza adatte anche a un bimbo», spiegano i due coniugi. www.thegentlemanofverona.com Sopra, a sinistra, un particolare del The Gentleman of Verona. A destra, la Stanza dell’Opera, omaggio alla tradizione inglese del teatro. Sotto, l’oasi benessere The Blue Spa.

19


∙ AZ

TI I RV IZ

I DE E

E PRODOT

∙SE

ND IE

rigenerarsi con famiglia o da single Luogo ideale per ritrovare l’equilibrio, l’Iberotel Apulia è un’oasi nel verde affacciata sullo Jonio. Punti forti: mare e buona cucina. E per chi ama tenersi in forma, Spa e lezioni di golf con Simon Elliott, International Golf Pro

U

n elegante eco-resort 4 stelle affacciato sul Mar Jonio. Iberotel Apulia è la location ideale per chi vuole trascorrere una vacanza con tutta la famiglia e pensato anche per chi cerca un soggiorno di sport e relax. Perfettamente inserita nell’ambiente naturale che la circonda, la struttura è caratterizzata da materiali tipici che richiamano la magica atmosfera del Salento, meritandosi a pieno il Case&Country Award. Dieci corti realizzate in tufo, una pietra unica che si trova solo in questa regione, ospitano 333 camere, spaziose e arredate con gusto, comode e fornite di ogni comfort. L’hotel si trova all’interno di una grande area protetta, circondata da un parco naturale attraverso cui si arriva alla spiaggia privata, di finissima sabbia bianca. Ci sono piscine disposte

20

su vari livelli, una vasca riscaldata con lettini idromassaggio, cascate d’acqua, sdraio, ombrelloni e teli mare a disposizione dei clienti. Tra i servizi esclusivi ci sono quelli offerti dalla Iberotel Spa, un’oasi di benessere di 800 mq ideale per rigenerarsi. Immerso nella macchia mediterranea nel Parco naturale Litorale di Ugento, Iberotel Apulia offre lezioni professionali di golf in un luogo ideale dove relax e natura si fondono in un’unica essenza. I neofiti potranno imparare a giocare nelle sessioni di prova gratuite o in singole lezioni private, con la speciale guida di Simon Elliott, International Golf Pro. La grande novità è l’Eco Golf. Oltre al tradizionale, ci sono due esclusive e divertenti varianti: Adventure Golf e Beach Golf, quest’ultimo da giocare con speciali palline biodegradabili. www.iberotelapulia.com

L’accogliente Iberotel Apulia si trova all’interno di una grande area protetta, circondata da una meravigliosa e unica pineta, parco naturale. Dispone di spiaggia privata (sotto) e di un ristorante centrale, il Via Appia (in basso), con isole di front cooking e barbecue esterno.


TI

I DE E

I RV IZ

∙ AZ

E PRODOT

∙SE

ND IE

il fior fiore della bellezza Dalla natura e dalla ricerca scientifica arrivano le materie prime più efficaci e sicure per la cura e l’equilibrio della pelle. Nature’s, il marchio di prestigio di Bios Line, presenta tre acque aromatizzate per viso e corpo. Un alleato per l’estate nato secondo principi di sostenibilità ambientale

«L

a natura non fa nulla di inutile», scriveva Aristotele nel IV secolo a.C. Oggi, su questo principio, grazie anche alla moderna ricerca scientifica, si è sviluppata la fitoterapia contemporanea, quella pratica che utilizza piante o estratti vegetali per la cura delle malattie, per la cosmesi o per il benessere psicofisico. Bios Line, azienda padovana fondata nel 1986, è protagonista di questo mondo naturale e con il marchio Nature’s si aggiudica il Case&Country Award di questo mese per la capacità di offrire prodotti sicuri, efficaci e in grado di soddisfare qualunque desiderio di benessere. Una gamma di referenze per corpo, viso e capelli, ma anche per bambino e solari formulati secondo principi di ecosostenibilità e privi di parabeni, paraffina, oli minerali e formaldeide. Lo stesso ap-

proccio all’insegna dell’equilibrio con cui Nature’s si rivolge all’individuo è il punto di partenza con cui l’azienda seleziona principi attivi naturali provenienti da tutto il mondo e lavorati con procedimenti che rispettano l’ambiente e le comunità locali impegnate nella coltivazione delle specie vegetali interessate. Queste piante straordinarie, spesso di origine biologica, diventano la materia prima per creare prodotti cosmetici e fragranze che aiutano a sentirsi più belli e in armonia con se stessi. L’aloe vera, regina dei lenitivi e dei calmanti naturali, è per esempio protaganista delle Acque Vitalizzanti per idratare e rinfrescare corpo e capelli. Arricchite di profumazioni naturali al gelsomino, lillà o muschio, tonificano la pelle regalando una sensazione di benessere e leggerezza. biosline.com, natures.it

Sopra, i fiori di lillà e di gelsomino il cui profumo inebriante e fresco arricchisce le Acque Vitalizzanti (12 euro; sotto, anche quella al muschio d’acqua) di Nature’s. Arricchite di aloe vera, sono un ottimo alleato per mantenere la pelle morbida e idratata.

21


∙ AZ

TI I RV IZ

I DE E

E PRODOT

∙SE

ND IE

comprare un sogno Milano Immobili di Prestigio segue la compravendita di palazzi d’epoca, residenze firmate da grandi architetti e dimore nelle località di vacanza più esclusive. Con attenzione rigorosa al rispetto per l’ambiente

Q

ualità, competenza, serietà e riservatezza. Sono queste le caratteristiche che contraddistinguono il core business di Milano Immobili di Prestigio, la società fondata da Luca Marotta, che tratta la compravendita di strutture residenziali e commerciali di pregio in città ed esclusive ville per vacanze nelle località turistiche più rinomate. Milano Immobili, con sede in corso Monforte, è un sistema integrato di professionisti e competenze, noti sul mercato per l’alto profilo della consulenza espressa. Il team della società è in grado di seguire ogni fase della trattativa e di accompagnare il cliente sino alla stipula del contratto, risolvendo qualsiasi problematica si dovesse presentare. Diverse le tipologie di immobili seguite dalla società: da splendidi pa-

22

lazzi d’epoca ristrutturati con finiture di alta qualità a mirabili esempi di architettura del nostro tempo (come, a Milano, le Residenze Leopardi 15-17, che portano la firma dell’architetto e urbanista Vico Magistretti). Fino a loft di nuovissima realizzazione da adibire a uffici di rappresentanza o ad abitazioni di stile. Milano Immobili si occupa anche della compravendita di interi stabili, grazie al ramo Milano Immobili Cantieri. Il tutto con un’attenzione rigorosa alle certificazioni energetiche degli immobili e all’assoluto rispetto per l’ambiente. Motivo per cui la società ha ottenuto l’ambito Case&Country Award. Inoltre chi è alla ricerca di seconde case, ville e appartamenti di prestigio nelle località turistiche più esclusive è sicuro di trovare nella società di Lu-

Sotto, a sinistra, una villa a Forte dei Marmi di 340 mq con giardino e piscina privata, che rientra in un’iniziativa di sviluppo immobiliare e di riqualificazione ambientale. Qui sotto, una villa a Porto Rotondo immersa in un parco di 9mila mq, affacciata sul mare, con piscina naturale e pontile.

ca Marotta consigli e proposte, frutto di una selezione attenta e accurata. Il team di Milano Immobili di Prestigio, oltre alla pubblicizzazione delle offerte sulle principali testate nazionali, offre anche un’attività di marketing e comunicazione mirata e personalizzata. Completa l’offerta, un nuovissimo sito con le migliori proposte e la sezione Mi News, un punto di osservazione privilegiato degli sviluppi del Real Estate a Milano. www.milanoimmobili.it


EvergreenForte

versilia evergreen

2014

L'arte del giardino, l'arte nel giardino

un’estate fiorita

Mostra Mercato FIORI & PIANTE INGRESSO LIBERO

Forte dei Marmi

Piazza dante

13 - 14 - 15

g iug no

www.evergreenforte.org

con il patrocinio del Comune di Forte dei Marmi

Per i cultori del verde, a Forte dei Marmi s’inaugura la prima edizione di una mostra-mercato dedicata alla nobile arte dei giardini. Tante le varietà di piante, tutte in fiore di alessandra oristano

A

Forte dei Marmi, cuore della Versilia artistica e mondana, dal 13 al 15 giugno, in piazza Dante, è di scena la prima edizione di EvergreenForte, mostra-mercato dedicata al giardino, alla sua cura e agli arredi. Coordinato dall’architetto paesaggista Filippo Pizzoni e promosso dall’Associazione culturale Utinam di Antonella Tonini, con la collaborazione di Stefania Cerlini, l’evento rientra nell’ambito delle celebrazioni per i 100 anni dalla costituzione del Comune autonomo di Forte dei Marmi. Oltre ai vivaisti,

Dall’alto, in senso orario: Filippo Pizzoni, architetto paesaggista, la locandina dell’evento EvergreenForte, Plumbago in fiore.

24

fondamentale, perché devono essere in grado di adattarsi agli estremi climatici della Versilia, molto caldo in estate e freddo umido d’inverno. L’idea è di proporre al pubblico piante fiorite in estate, la stagione in cui il Forte si popola di turisti e villeggianti, e che non richiedano cure eccessive», conclude. Qualche esempio? Le rampicanti, vigorose

e decorative, ideali per ornare muretti, portici e pergolati, come il Plumbago o gelsomino azzurro, oppure le tante varietà di Passiflora dai fiori spettacolari da luglio a settembre, ma anche specie tradizionali come la Gazania con i suoi coloratissimi fiori a margherita che abbelliscono le spiagge e i luoghi assolati del Forte. evergreenforte.org

Strauss/Van Kasteel

saranno presenti artigiani, scultori, artisti e lo stand di Case&Country e Class Editori. «La sfida è ritrovare la grande tradizione dei giardini che qui si sono creati dai primi decenni del Novecento», racconta Filippo Pizzoni. «Sono giardini d’ombra sobri, pacati, eleganti, con pergole, vasche e aiuole fiorite, dove la scelta delle piante è


Nei bagni piÚ belli d’Italia Decoratori Bassanesi srl via Vallina Orticella, 48 31030 Borso del Grappa (TV) tel. 0423 910076 - fax 0423 561188 www.decoratoribassanesi.it


fioriture social

5

2 1

fn.photo - Fabio Novelli

3

4

6

1. La fontana dei Giardini di via Palestro, a Milano. 2. Cordyline australis Southern Splendor. 3. Barbara Carli. 4. Francesca Marzotto Caotorta, vice presidente, e Gianluca Brivio Sforza, presidente di Orticola. 5. Giacomo e Paola Foglia. 6. Marta Brivio Sforza e Roberta Artom. 7. Peonie recise.

un’orticola irresistibile

7

Ha fatto il pieno di visitatori, quest’anno, la manifestazione organizzata ai Giardini Montanelli di Milano: 31mila visitatori in tre giorni, alla ricerca di fioriture affascinanti e piante introvabili di silvana casarotto

O

rticola di Lombardia ha fatto 31mila! Tanti sono stati i passaggi registrati nei tre giorni della manifestazione, dal 9 all’11 maggio, ai Giardini Montanelli di Milano. Un’Orticola particolarmente fiorita, dove il fascino delle rose (a quelle italiane era dedicato l’approfondimento di questa edizione) ha conquistato i visitatori insieme a quello delle peonie, dei garofani, delle clematidi, delle cosmea... come sempre proposti nelle declinazioni meno banali. La presenza di papaveri e fiordalisi ha fatto sognare, dimostrando che anche in giardino o in terrazza si

26

può evocare una parte di passato felice in cui, da bambini, si correva tra i campi; quella delle tante varietà di hoste e di felci ha restituito importanza all’ombra, importante e coltivabile. Le ninfee, di cui alcune fiorite, e le grandi foglie dei loto, con il loro corollario di piante amiche ossigenanti e il guizzo dei pesci gambusia (spietati mangia-larve di zanzare), hanno proposto un ecosistema perfetto, bellissimo e ludico. Le tante piante introvabili hanno soddisfatto gli appassionati più esigenti. Sedici dei 96 vivaisti d’eccellenza hanno presentato altrettanti mini-giardini

in collaborazione con giovani paesaggisti, tutti esempi cui ispirarsi. Ed è già stato firmato l’accordo per i prossimi tre an-

ni con il comune di Milano, cui Orticola cede, come sempre, i suoi introiti in favore del verde pubblico. ww.orticola.org

landriana spring

d

al 25 al 27 aprile si è svolta, nei pressi di ardea, sulla costa laziale, la 19ª edizione del più atteso dei flower show romani. primavera alla landriana, immensa distesa di fiori e piante che, con oltre 130 espositori provenienti da ogni parte d’europa, ha proposto consulenze singole e gratuite per progettare giardini, balconi e terrazze, nonché dispensato consigli sulla cura di piante e fiori. nel corso della manifestazione si è discusso anche di verde urbano e di piante carnivore. www.landriana.com


Nei bagni piÚ belli d’Italia Decoratori Bassanesi srl via Vallina Orticella, 48 31030 Borso del Grappa (TV) tel. 0423 910076 - fax 0423 561188 www.decoratoribassanesi.it


RHS / Tim Sandall

gardening all’inglese

ildella verde regina

Grande successo di pubblico al Chelsea Flower Show di Londra. E per gli appassionati, un prezioso garden center che vale il viaggio di martina malnati

A

Londra l’amore per il gardening è sempre vivissimo. Il Chelsea Flower Show, l’eccellenza tra le mostre di giardinaggio, che attira gli appassionati da tutto il mondo, si è svolto con il consueto successo nello spettacolare parco del Chelsea Royal Hospital, a Londra, dal 20 al 24 maggio, ed è stato inaugurato come da tradizione dalla regina Elisabetta. Come sempre, i primi due giorni della manifestazione sono dedicati esclusivamente ai soci della Royal Horticultural Society, l’ente organizzatore dell’evento, e i biglietti per il pubblico sono andati esauriti in breve tempo. Insolito lo stand di Guc-

28

ci, disegnato dalla garden designer Sarah Eberle, ispirato all’iconica stampa Flora, ideata nel 1966 in onore della principessa Grace di Monaco, sempre per restare in tema di reali. Chi si è perso il Chelsea Flower Show, e ha in programma un viaggio nella City, può sempre visitare Petersham Nurseries, nel quartiere Richmond, a soli 20 minuti di metropolitana dal centro di Londra. Una tenuta, un giardino segreto, un orto botanico con serre. Ma anche un ristorante stellato, una tea house, un negozio di arredamenti da giardino. Il proprietario Francesco Boglione, con la moglie Gael, ha realiz-

In alto, a sinistra, un tipico cottage all’ingese; a destra, l’ingresso del ristorante Petersham Nurseries Café, realizzato all’interno delle serre (qui sopra).

zato all’interno di una grande serra tutto ciò. I visitatori, dopo aver fatto shopping di piante (in particolare, specie adatte per le zone d’ombra e rose rarissime) e di oggetti per la casa, si possono fermare per un light lunch nella tea house, sotto il pergolato. Da prenotare per tempo, invece, il Petersham Nurseries Café, uno dei

ristoranti migliori di Londra, con chef stellato, dove si gusta solo cibo di stagione, biologico e a chilometro zero. Lo storico e caratteristico paesino di Petersham vale il viaggio, soprattutto in occasione del Petersham Village Open Gardens. rhs.org.uk/celsea, petershamopengardens.org, petershamnurseries.com


Nei bagni piÚ belli d’Italia Decoratori Bassanesi srl via Vallina Orticella, 48 31030 Borso del Grappa (TV) tel. 0423 910076 - fax 0423 561188 www.decoratoribassanesi.it


Fettuccine di Gragnano con alici, peperoni verdi e pomodorino Piennolo


l’oro rosso

Fresco e saporito, il pomodoro non ha rivali in cucina. Si abbina alla perfezione con il pesce, è il condimento principe della pasta. Purché conservi la purezza del frutto appena raccolto. Ecco le varietà più gustose e sei ricette di alessandra oristano foto di stefano scatà ha collaborato silva cavallin

il pomo della

concordia C

Pomodori confit all’aglio fresco

rudo o cotto, in insalata o come salsa, il pomodoro, principe della dieta mediterranea, mette d’accordo tutti o quasi. I salutisti lo elogiano per le sue proprietà nutrizionali e antiossidanti, fa bene al cuore, alla pelle, è ricco di vitamine e minerali, è ipocalorico, rinfrescante, depurativo. I grandi chef non potrebbero farne a meno: è perfetto per condire la pasta, necessario per impreziosire il pesce. Per chi è nato nel Meridione, come Gennaro Esposito, chef pluristellato della Torre del Saracino a Vico Equense, il pomodoro è un elemento essenziale della sua cucina. Fra tutti, esalta quelli del territorio campano: i San Marzano, i Corbara e i Piennolo del Vesuvio e, da qualche anno, li ha imbottigliati. «Per conservare tutta la purezza del pomodoro fresco appena raccolto», afferma, «perché si senta il sapore del frutto intero e la passione di chi lo produce, come mia madre».

31


l’oro rosso

Linguine con datterini, acciughe e olive taggiasche

pomodori confit all’aglio fresco ingredienti per 6 persone 12 pomodori ramati non troppo maturi di circa 150 g l’uno, 1 testa d’aglio fresco, 7 dl d’olio extravergine d’oliva, sale. Preparazione Mondare i pomodori, asciugarli e tagliarne il fondo in modo che rimangano ben stabili e fermi una volta adagiati nella teglia. aggiungere l’olio, la testa d’aglio intera e far cuocere con coperchio, a fuoco dolcissimo, per circa 40 minuti. l’olio non dovrà mai friggere; i pomodori a fine cottura saranno ben morbidi ma compatti. condire con sale e servire. linguine con datterini, acciughe e taggiasche ingredienti per 4 persone 400 g di linguine, 300 g di pomodori datterini, 1 piccola cipolla, 2

cucchiai di olive taggiasche, 5 acciughe sott’olio, 1 cucchiaio di capperi sotto sale, prezzemolo, olio extravergine d’oliva. Preparazione in una padella capiente, far imbiondire una piccola cipolla tritata finemente in due cucchiai di olio d’oliva. aggiungere, quindi, i pomodorini tagliati a pezzetti dopo averli privati dei semi. Quindi, unire i capperi precedentemente dissalati, le olive taggiasche e le acciughe e far cuocere il tutto a fuoco vivo per circa 10 minuti. Nel frattempo, far cuocere la pasta al dente in abbondante acqua salata. Scolarla, versarla nel sugo e mantecarla utilizzando, se necessario, un po’ di acqua di cottura. Spolverizzare con una manciata di prezzemolo tritato. impiattare e servire irrorando con un filo d’olio e una macinata di pepe a piacere.

Focaccia con i pomodori

fettuccine di gragnano con alici, peperoni verdi e pomodorino piennolo ingredienti per 4 persone 400 g di fettuccine di Gragnano, 600 g di alici fresche lavate e deliscate, 500 g di pomodorini Piennolo, 250 g di peperoncini verdi, 1 spicchio d’aglio, 1 cipollotto novello, qualche foglia di basilico per decorare, olio extravergine d’oliva, olio per friggere. Preparazione in un tegame, far soffriggere l’olio, l’aglio e il cipollotto tritato finemente. aggiungere 200 g di alici, dopo averle tagliate a pezzetti, e far cuocere per 5 minuti. Unire 50 g di peperoncini tagliati a rondelle, quindi i

32

pomodorini e le rimanenti alici intere avendo cura di non romperle per poi utilizzarle come decorazione nel piatto. Salare. lasciar cuocere il tutto per altri 10 minuti. a parte friggere per qualche minuto nell’olio i peperoncini verdi rimasti, scolarli e farli asciugare. Nel frattempo, cuocere la pasta in abbondante acqua salata. tenere da parte una tazza di acqua di cottura. Scolare la pasta al dente e terminare la cottura nel sugo di alici aggiungendo, se necessario, un po’ di acqua di cottura. impiattare e decorare con le alici intere, i peperoncini fritti e qualche foglia di basilico.


Bumble Bee Alba

Nero di Tula

Casady’s Folly

Medovaya Kaplya (Gocce di miele)

Zebra verde

Super Marmande


Salsa di pomodorini

l’oro rosso

paccheri di gragnano con calamaretti e datterini ingredienti 600 g di calamaretti spillo, 400 g di paccheri di Gragnano, 200 g di pomodorini datterini, 1 spicchio d’aglio, la scorza di 1 limone della Costiera, la scorza di 1/2 arancia, olio extravergine d’oliva. Preparazione in una padella capiente, far imbiondire l’aglio. aggiungere i pomodorini tagliati a metà e, dopo circa 5 minuti, i calamaretti. Salare. far cuocere per circa 5/6 minuti e aggiungere la scorza dell’arancia grattugiata e spegnere il fuoco. Nel frattempo, cuocere la pasta in abbondante acqua salata. Scolarla al dente e versarla nella padella terminando la cottura. impiattare e aggiungere le scorze di limone a filetti e irrorare con un filo d’olio.

salsa di pomodorini ingredienti 1 kg di pomodori Cencara, 1 cipolla piccola, 2 spicchi d’aglio, olio extravergine d’oliva, sale pepe. Preparazione tritare finemente la cipolla. in una padella, far scaldare un paio di cucchiai d’olio extravergine d’oliva, aggiungere la cipolla e gli spicchi d’aglio. lasciare imbiondire. aggiungere, quindi, i pomodorini tagliati a metà e condire con sale e pepe a piacere. lasciar cuocere per circa 15/20 minuti. Per ottenere una salsa, togliere gli spicchi d’aglio, passare il tutto al passaverdura e, volendo ottenere una consistenza più vellutata, passare ulteriormente con il frullatore a immersione. a piacere unire, infine, qualche foglia di basilico fresco.

Paccheri di Gragnano con calamaretti e datterini

spaghetti al pomodoro e scaglie di parmigiano ingredienti 600 g di pomodoro di Corbara, 2 spicchi d’aglio, 400 g di spaghetti, Parmigiano Reggiano q.b., qualche foglia di basilico, olio extravergine d’oliva. Preparazione Versare l’olio in una padella e farlo insaporire aggiungendo gli spicchi d’aglio. Unire i pomodori interi e spellati, condire con il sa-

le e lasciar cuocere per circa 10 minuti. Prima di spegnere il fuoco, aggiungere qualche foglia di basilico. Nel frattempo, far cuocere gli spaghetti in abbondante acqua salata. Scolarli al dente e versarli nella padella contenente il condimento, saltarli per circa un minuto e poi distribuirli nei piatti guarnendoli con le scaglie di Parmigiano, due foglie di basilico e irrorarando il tutto con un filo d’olio.

Spaghetti al pomodoro e scaglie di Parmigiano

35


mediterraneo nel piatto

capRicci di mare

Dalla frittura croccante ai polipetti affogati, dalle superbe linguine con vongole e astice alla pezzogna all’acqua pazza. Nove ricette del ristorante Il Riccio di Anacapri. Da cucinare anche a casa di alessandra oristano | foto di stefano scatĂ

Frittura di pesce 36


Decorata con le magnifiche maioliche di Vietri, la Sala delle tentazioni del ristorante Il Riccio di Anacapri offre ogni tipo di delizie.

37


Frittura di pesce ingredienti 30 g di alici in semolino, 30 g di pesce bandiera in tempura, 20 g di triglie in semolino, 20 g merluzzo in semolino, 20 g calamari in farina, 20 g gamberetti gobbetti in olio, 20 g cozze sgusciate in tempura, 1 limone naturale a stella. Per la tempura: 150 g di farina 00, 150 g di amido di mais, 200 g di farina di riso, 400 g di acqua frizzante, 20 g lievito, 15 g sale. Preparazione Preparare la tempura con acqua frizzante e le differenti farine e semole, lievito e sale, impanare il pesce e poi friggerlo in padella. L’importante è che la tempura sia croccante.

Gamberi rossi scottati con verdure marinate

A

l pesce si chiede solo che sappia di mare. Partendo da una materia prima impeccabile, dal pescato freschissimo, Salvatore Elefante, giovane chef stellato del Riccio di Anacapri, ristorante sul mare del Capri Palace Hotel (capripalace.com), sorprende con i suoi piatti semplici e generosi, che non alterano l’anima marinara del luogo. Qui si arriva da terra o direttamente dal mare e si mangia a picco sulla scogliera, vicino alla celebre Grotta azzurra, su tavoli di castagno dipinti di azzurro. Di fronte ci sono il Golfo di Napoli e la Penisola sorrentina e la cucina è essenzialmente partenopea: frutti di mare crudi, polipetti affogati, pescato del giorno (per esempio, la pezzogna, che si pesca solo in queste acque) e le tradizionali candele spezzate coi totani. Lo chef è originario di Gragnano e, quindi, i paccheri fritti sono un piatto forte. Circondati dalle maioliche di Vietri e da oggetti d’artigianato, si gode di una vista impagabile.

Gamberi rossi scottati con verdure marinate ingredienti 150 g di gamberi rossi, 10 g di zucchine, 10 g di carote, 10 g di fagiolini, 10 g di finocchi, 10 g di patate, 10 g di cipol-

la, 20 g di rucola, 100 g di aceto framboise, 50 g di zucchero. Preparazione Pulire i gamberi dalla carcassa, lasciando testa e coda. Tagliare le verdure a bastoncini. Lessare le patate e i fagiolini. Tagliare a listarelle le cipolle e metterle sottovuoto. Condire bene le verdure con olio, aceto di framboise, sale e pepe. In una padella, scottare i gamberi a fuoco vivace per pochi minuti. Servire.

pacchero Fritto ripieno di melanzane e mozzarella ingredienti per 4 persone 4 paccheri, 200 g di melanzane, 50 g di mozzarella, 20 g di basilico, 20 g di Parmigiano Reggiano, 200 g pomodorini datterino, sale, olio e aglio q.b., 200 g pane grattugiato, 5 uova, 1 l d’olio di semi. Preparazione Cuocere i Paccheri, lasciandoli leggermente al dente e farli raffreddare con un filo d’olio.

Pacchero fritto ripieno di melanzane e mozzarella


mediterraneo nel piatto

Linguine alla fradiavolo 39


mediterraneo nel piatto

Carpaccio di spigola con millefoglie di mela, zucchine e fiori di zucca

Polipetti affogati

Candele spezzate, totani, peperoncini verdi e datterini

Tagliare le melanzane a tocchetti e friggerle in olio di semi. Tagliare la mozzarella a dadini e il basilico a julienne. Unire le melanzane, le mozzarelle, il basilico e il parmigiano e formare un unico composto; poi farcire i paccheri con il composto e impanarli con uova e pane grattugiato. Nel frattempo, in una padella, rosolare l’olio con l’aglio e poi aggiungere i pomodorini tagliati in quattro pezzi. Lasciare cucinare a fuoco lento per circa 15/20 minuti. Friggere i paccheri in olio a 180° C. Mettere il ragù di pomodorini nel piatto e adagiare sopra il pacchero.

modorini del Vesuvio, 10 cozze, 7 tartufi, 7 vongole. Preparazione In una padella, far soffriggere aglio e peperoncino in olio extra vergine d’oliva. Tagliare l’astice a metà, togliere le interiora. Soffriggere l’astice nell’olio aromatizzato dalla parte della carcassa, aggiungere i frutti di mare e i pomodorini. Cuocere la pasta per 10 minuti in acqua salata. Togliere l’astice e i frutti di mare dal fondo, mantecare la pasta nel fondo per 1-2 minuti. Legare il tutto con un filo d’olio extravergine e un po’ di prezzemolo tritato. Aggiungere il sale e impiattare.

Linguine aLLa fradiavoLo ingredienti 100 g di linguine (Garofalo), 250 g di astice, olio extra vergine d’oliva q.b., 1 spicchio d’aglio, 1 peperoncino forte, 100 g di po-

poLipetti affogati ingredienti per i polipetti 150 g di polipetti, 50 g di passata di pomodoro, 30 g di vino bianco, 30 g di pomodorini freschi, 1 spicchio d’aglio, 1 scalogno, olio, peperoncino e alloro. Per


occhiello

Candele spezzate, totani, peperonCini verdi e datterini ingredienti 80 g di candele spezzate, 100 g di totani, 70 g di pomodorini, 40 g di peperoncini verdi. Preparazione Tagliare i totani a rondelle. In una padella calda, aggiungere olio, aglio e i peperoncini verdi e far rosolare leggermente. Alla fine, aggiungere i pomodorini e lasciare cucinare per 3/4 minuti. Cuocere la pasta in abbondante acqua salata per 8 minuti. Scolarla e spadellare il tutto aggiungendo basilico fresco.

Pesce bandiera alla pizzaiola

la scarola olive e capperi: 100 g di scarola, 10 di olive nere, 5 g di capperi, filettini di acciuga sotto sale. Preparazione Sbollentare la scarola in acqua salata. In una padella, far soffriggere aglio, olio e peperoncino, poi aggiungere le acciughe sotto sale e insaporire il tutto. Amalgamare la scarola al fondo con un po’ d’acqua e aggiungere il sale. Riscaldare una padella, salare e pepare i polipetti e farli soffriggere nella padella bollente. Toglierli dalla padella, versare aglio, olio, scalogno e peperoncino, imbiondire il tutto e rimettere i polipetti. Sfumare con il vino e aggiungere i pomodorini Corbara. Dopo 2 minuti aggiungere la passata di pomodoro, far cuocere per 15 minuti e impiattare.

42

pesCe bandiera alla pizzaiola ingredienti Olio extra vergine d’oliva q. b., 1 spicchio d’aglio, 1 peperoncino fresco, 120 g di pesce bandiera, 50 g di pomodorini datterini, 40 g di pane, origano q.b., basilico q.b. Preparazione Tagliare il pane a cubi piccoli e tostarli in padella con aglio

CarpaCCio di spigola Con millefoglie di mela, zuCChine e fiori di zuCCa ingredienti per 4 persone 1 spigola da 1 kg freschissima, 1 limone, 3 mele annurca, 3 zucchine, 8 fiori di zucca, olio q.b., pepe q.b., sale q.b. Preparazione Tagliare le mele annurca a fettine sottili e metterle a bagno in una ciotola con acqua e limone. Affettare le zucchine in modo trasversale. Sfilettare la spigola o farsi preparare dal pescivendolo due filetti di spigola freschissima da affettare con il coltello in maniera sottilissima. Disporre le fette tra due fogli di pellicola e batterla con un batticarne per creare uno strato omogeneo. Condire il carpaccio con olio, pepe e sale. Disporre sopra le fette di mela, zucchina e fiore di zucca in modo alternato.

Pezzogna all’acqua pazza

e timo. Sfilettare e incidere il pesce bandiera e tagliarlo a bastoncini. In una padella, far soffriggere olio, aglio e peperoncino, aggiungere i pomodorini datterini e far cuocere per 5 minuti. Aromatizzare il tutto con origano e basilico, salare e pepare il pesce e poi scottare i filetti di pesce dal lato della pelle. Impiattare i bastoncini di pesce e servire con basilico fresco.

pezzogna all’aCqua pazza ingredienti per 4 persone: 1 pezzogna da 800 g, 7-8 pomodorini, 1 bicchiere di vino bianco, peperoncino, 1 spicchio d’aglio, olio d’oliva q.b., prezzemolo. Preparazione Pulire e salare il pesce. In una padella grande, far imbiondire l’aglio con il peperoncino, aggiungere i pomodorini, il pesce, il vino bianco, un bicchiere d’acqua e cuocere con il coperchio per circa venti minuti. Servire subito e condire con il sugo filtrato.


LE TUE PIANTE

CRESCONO

E ONE SI RIDUCE. Arriva ONE Essence Gli stessi grandiosi risultati di ONE, da oggi, in una confezione più piccola, più pratica e più conveniente.

Provare per crescere. ONE, il concime concentrato per piante e fiori sani e rigogliosi, arricchisce la sua gamma con ONE Essence. Grazie alle sue dimensioni ridotte, ha la stessa efficacia di ONE ed è ancora più pratico da utilizzare e da conservare. Da oggi a uno straordinario prezzo lancio.

Scopri il rivenditore ONE più vicino a te sulla pagina Facebook ONEGiardinaggio (Utilizzo consigliato del sampling: ideale per pianta con vaso diametro 10 cm.)


peccati di gola

Seifritto!

Verdure, formaggi, polenta e pane raffermo diventano protagonisti di ricette originali, sfiziose e molto saporite. Veloci da preparare quanto da gustare di giada barbarani - foto di guillaume Czerw

S

e si parla di fritto, il pensiero dei più golosi non può che andare alle patatine o alla classica frittura di pesce. Non considerando, invece, che tanti altri prodotti possono essere adatti a questo tipo di preparazione, guadagnandoci in gusto. A partire dalla frutta e dalla verdura (l’importante è che siano a tubero o terrose). Ma anche formaggi, pane e polenta, che diventano protagonisti di ricette originali. Perfette anche per i più salutisti, che possono scegliere la cottura in forno per dorare molti alimenti semplicemente rivestendoli di olio, alleggerendo così il fritto.

Sorpresa, con il pane raffermo


peccati di gola

Le ricette di questo servizio sono tratte dal libro Non solo patatine, di Anne de la Forest (Guido Tommasi Editore, 22,50 euro): più di 30 idee per fritti tradizionali, di tendenza, creativi e dolci. Con i consigli per le salse da accompagnamento.

Fresca feta

Classica polenta

BASTONCINI DI PANE rAffErmO Ingredienti per 4 persone: 8 fette di pane in cassetta leggermente raffermo, 2 uova, 1 cucchiaino di sciroppo d’agave, 2 cucchiai di farina, 2 cucchiai di zucchero semolato, 3 cucchiai di cassonade, 2 l d’olio per friggere. Preparazione: tagliare a bastoncini le fette di pane in cassetta. Scaldare la friggitrice a 180 °C. Rompere le uova in un primo piatto fondo e sbatterle aggiungendo lo sciroppo d’agave. Mettere la farina e lo zucchero semolato in un secondo piatto fondo. Passare ogni bastoncino di pane nella miscela di uovo e sciroppo d’agave e poi in quella di farina e zucchero. Il pane deve essere completamente rivestito. Mettere i bastoncini di pane nel cestello della friggitrice e abbassarlo per 3 minuti di cottura. Estrarre il fritto e metterlo sulla carta assorbente. Servire subito, con una spolverata di cassonade. Il trucco: profumare i bastoncini di pain perdu: aggiungere all’uovo sbattuto 1 cucchiaino di Grand Marnier o di aroma naturale di vaniglia. Al momento di servire, spolverare di cannella, cacao o zucchero a velo. BASTONCINI DI fETA Ingredienti per 4 persone: 400 g di formaggio di pecora tipo feta, 2 cucchiai di farina, 2 uova, 3 cucchiai di pangrattato, 2 l d’olio per friggere, sale fino, pepe macinato al momento. Preparazione: togliere la feta dal frigorifero all’ultimo momento in modo che sia ben soda. Ta-

46

gliarla a bastoncini di 1 cm circa di larghezza. Mettere la farina in un piatto fondo, le uova sbattute in un altro piatto e il pangrattato con l’aggiunta di un pizzico di sale e una macinata di pepe in un terzo. Scaldare la friggitrice a 170 °C. Passare in successione i bastoncini di feta nella farina, nell’uovo e nel pangrattato. Mettere i bastoncini di formaggio nel cestello e abbassarlo. Cuocere per 3 minuti. Scolare i bastoncini di feta e trasferirli in un piatto rivestito di carta assorbente. Se necessario, regolate di sale e di pepe. Servire subito. Il trucco: per un pangrattato ultracroccante, aggiungere scaglie di mais soffiato schiacciate con il matterello o passate al mixer. Mescolarle al pangrattato prima di impanare la feta.

BASTONCINI DI POLENTA Ingredienti per 4 persone: 300 ml di latte, 300 ml d’acqua, 150 g di semola di mais, 1 cucchiaio di parmigiano, 20 g di burro fuso, 2 l d’olio per friggere, 1 cucchiaino di sale fino, 1/2 cucchiaino di fior di sale. Preparazione: portare a ebollizione il latte e l’acqua mescolati. Versare a pioggia la semola di mais e cuocere per 10 minuti mescolando finché si addensa. Aggiungere il parmigiano e il burro fuso. Salare abbondantemente e mescolare bene. Stendere la polenta in un piatto formando uno strato regolare di 2 o 3 cm di spessore e lasciare raffreddare. Mettere in frigorifero per 1 ora. Scaldare la friggitrice a 170 °C. Tagliare i bastoncini, lunghi 10 cm circa. Prenderli de-


R&D Bertolotto

COLLEZIONE

N AT U R A

Modello Soffi Design R&D Bertolotto

Le originali Bertolotto

Solo dai migliori rivenditori

www.bertolotto.com

Solo porte dal 1988


peccati di gola

licatamente con una pinza e disporli nel cestello della friggitrice, distanziandoli bene fra loro. Abbassare il cestello e friggere per 2 minuti. Sollevarlo, lasciare scolare i bastoncini e trasferirli delicatamente in un piatto fondo rivestito di carta assorbente. Salare leggermente con il fior di sale e servire ben caldi. Il trucco: questa ricetta si può realizzare anche in versione dolce. Basta sostituire il parmigiano e il sale con 1 cucchiaio di zucchero. Al momento di servire, spolverare di zucchero a velo o di cacao.

Morbida barbabietola

48

BASTONCINI DI BARBABIETOLE Ingredienti per 4 persone: 3 barbabietole rosse crude, 2 l d’olio per friggere, fior di sale, pepe macinato al momento. Preparazione: passare velocemente le barbabietole sotto l’acqua. Spuntare le estremità e sbucciarle con il pelapatate o il pelaverdure. Tagliarle a fette abbastanza spesse e ricavare bastoncini di 1,5 cm circa. Asciugarle bene con la carta assorbente per eliminare quanta più umidità possibile (attenzione perché le barbabietole macchiano le mani e gli abiti). Scaldare l’olio della friggitrice a 170 °C e mettere le barbabietole nel cestello. Abbassare il cestello e friggere per 8 minuti. Sollevare il cestello e fare scolare le barbabietole. Verificare la cottura con una forchetta: devono essere ancora un po’ sode, ma non troppo. Metterle in un piatto rivestito di carta assorbente. Togliere la carta. Salare e pepare subito e servire ben caldo. Il trucco: per impanarle, preparare in una ciotola 1 uovo sbattuto e, in un’altra, un po’ di pangrattato mescolato a 1 cucchiaio di gomasio (miscela di semi di sesamo dorato e sale marino). Dopo aver tagliato i bastoncini di barbabietola, immergerli nell’uovo e nella miscela di pangrattato e gomasio, quindi friggerli come indicato nella ricetta. Regolare di sale e pepe prima di gustare ben caldi questi bastoncini ultracroccanti.


www.chelini.it

Ag. Santi+Santi

Showroom Miami Wynwood Art District 2310 NW 2nd Avenue 33127 Miami (FL) - USA T +1 305 572 0990 Showroom London SoFarSoNear UK Ltd 19, Grosvenor Place, London SW1X 7HT United Kingdom T +44 207 235 7599


occhiello

Insalata di feta con ceci e menta fresca

50


buone sorprese

Csaba dalla Zorza e, sotto, la copertina del suo nuovo libro, Csaba Bon Marché, che ha conquistato il secondo posto come Best in the world nella categoria Easy recipes ai Gourmand Awards 2014.

il

mercato delle

meraviglie La foodwriter Csaba dalla Zorza, nel suo nuovo libro, realizza raffinati menù con ingredienti semplici e non costosi, offrendo suggerimenti preziosi per ricevere gli amici e consigli di mise en place. Ecco le scelte di Case&Country di Sabrina miglio

R

icevere amici a cena, magari nel verde rigoglioso di un giardino o fra i vasi fioriti di un terrazzo, è un piacere irrinunciabile. Come conciliare il desiderio di portare in tavola piatti appetitosi con il poco tempo che si ha a disposizione e senza spendere cifre importanti? Lo spiega Csaba dalla Zorza, foodwriter, esperta di savoir vivre, conduttrice tv, blogger e chef diplomata alla scuola parigina Le Cordon Bleu. In uno dei suoi ultimi libri, Csaba Bon Marché, pubblicato da Luxury Books, la casa editrice fondata da lei stessa, l’autrice si propone di dare utili indicazioni per trasformare la cucina di tutti i giorni in qualcosa di speciale.

«Ho realizzato 85 ricette per cucinare e ricevere a piccoli prezzi», racconta. «Il mio primo consiglio è quello di semplificare il menù: tre-quattro portate, magari in parte preparate il giorno prima. È fondamentale poi fare un giro al mercato, le materie prime devono essere freschissime. Si può anche puntare su ingredienti poveri, ma che, con un tocco di creatività, si trasformano in delicate leccornie: barbabietole, ceci, zucchine, patate, maiale, albicocce e limone». Le ricette sono tutte poco costose e facili da preparare. Ogni suggerimento è completato da un sofisticato tocco di stile parigino. Come la mise en place, che deve essere elegante e di buon gusto. 51


buone sorprese

gere a questo impasto l’uovo e un pizzico di sale, poi mescolare bene. Versare la farina a pioggia e incorporarla mescolando ancora. Trasferire questo impasto rosa intenso sul piano da lavoro infarinato. Tagliarlo in 4 pezzi e farne 4 salsicciotti, usando i palmi delle mani. Tagliare gli gnocchi con un coltello, sistemandoli su un piatto e dandogli una forma leggermente più tonda passandoli tra le mani infarinate. Mettere sul fuoco una grande pentola di acqua salata e portarla a ebollizione. Nel frattempo, scaldare in una padellina l’olio d’oliva. Tagliare a striscioline il cavolo nero e poi sminuzzarlo con il coltello. Metterlo nell’olio caldo insieme ai pinoli tritati. Far cuocere 2 minuti, poi togliere dal fuoco e mettere da parte. Far scivolare gli gnocchi nell’acqua bollente e cuocerli per 1/2 minuti, togliendoli dall’acqua con una schiumarola appena vengono a galla. Sistemarli in una ciotola,

Gnocchi rosa con cavolo nero

INSALATA DI FETA CON CECI E MENTA FRESCA Ingredienti per 2 porzioni 80 g di ceci secchi, 100 g di feta greca in panetto, 1 cetriolo, 2 pomodori pachino, 10 foglie di menta fresca, 2 cucchiai di olio d’oliva, 1 cucchiaio di aceto balsamico, sale. Preparazione Mettere i ceci in ammollo almeno 8 ore prima di cuocerli. Sistemarli in una ciotola e coprirli con acqua fredda, si gonfieranno durante il tempo di ammollo reidratandosi. Versare i ceci in una casseruola, coprirli d’acqua e portare a ebollizione. Cuocere per 35 minuti circa, scolarli e lasciarli intiepidire all’aria, nel colino. Mentre i ceci cuociono, pelare il cetriolo e tagliarlo a tocchetti. Tagliare i pomodori a spicchi, eliminando la base con il picciolo. Sgocciolare il panetto di feta dal suo liquido di conservazione, tagliarlo a cubetti. In una ciotola, unire gli ingredienti: ceci, pomodori, feta, cetriolo. Condire con l’olio, l’aceto balsamico e poco sale. Cospargere con le foglie di menta e tenere al fresco fino al momento della consumazione.

52

GNOCCHI ROSA CON CAVOLO NERO Ingredienti per 2 persone 300 g di patate farinose, 250 g di barbabietola cotta, 50/70 g di farina 00, farina extra per il piano da lavoro, 1 uovo, 2 foglie di cavolo nero, 20 g di pinoli, 5 cucchiai d’olio extravergine d’oliva, 1 cucchiaio di parmigiano reggiano, sale e pepe. Preparazione Sbucciare le patate e metterle in una pentola. Coprirle con acqua fredda e portare a ebollizione, poi farle cuocere per circa 20 minuti, fino a che saranno tenere dentro. Scolarle e metterle sopra una fonte di calore a perdere l’umido, anche nel forno appena caldo a 50 °C. Grattugiare la barbabietola bollita usando una grattugia da formaggio in modo da ottenere un impasto omogeneo (meglio indossare i guanti per non rischiare di pigmentare i polpastrelli e le unghie). In una ciotola, schiacciare le patate con un passino. Aggiungere la barbabietola grattugiata e mescolare bene con un cucchiaio. Quando avrà perso un po’ di calore, aggiun-

Frittelle di zucchine e caprino

condirli con l’olio e il cavolo nero, poi suddividerli nei due piatti da portata. Cospargerli con un po’ di parmigiano grattugiato, un pizzico di pepe e poi servire subito.

FRITTELLE DI ZUCCHINE E CAPRINO Ingredienti per 8 frittelle 4/5 zucchine; 50 ml di olio d’oliva, 2 cipollotti, 1 spicchio d’aglio (facoltativo), 2 uova, 150 g di caprino, 50 g di farina, 1 cucchiaio di prezzemolo tritato, sale, pepe macinato al momento. Preparazione Grattugiare le zucchine con una grattugia a fori grossi e tenerle da parte. Affettare i cipollotti a rondelle, eliminando le parti esterne e le cime verdi. In una padella, scaldare un po’ di olio e far saltare i cipollotti cuocendoli su fiamma bassa per qualche minuto insieme allo spicchio d’aglio. Mettere da parte e lasciare intiepidire. Nel frat-


tempo, sbattere le uova in una ciotola, aggiungere il caprino sbriciolato, la farina, un po’ di sale e pepe a piacere. Unire a questo composto le zucchine tritate e mescolare bene. In ultimo, aggiungere il prezzemolo e i cipollotti saltati. Scaldare la padella con l’olio rimasto. Versare 4 cucchiaiate di pastella di zucchine, appiattirle leggermente con il dorso del cucchiaio e cuocerle per 4 minuti per parte, girandole con una spatola. Proseguire con le altre 4 frittelle, poi scolarle su un po’ di carta da cucina e servirle tiepide.

INSALATA CON CHèVRE CHAUD Ingredienti per 4 persone 8 fette di pane, 200 g di insalatina mista tipo mesclun, 1 formaggio chèvre da 220 g circa, 1 manciata di gherigli di noce, 2 cucchiai di olio d’oliva, 1 cucchiaio di aceto balsamico, sale e pepe nero macinati al momento.

Insalata con chèvre chaud

Preparazione In una padella ampia, scaldare un cucchiaio di olio d’oliva, poi tostarvi all’interno le fette di pane, rosolandole bene per circa 2 minuti per lato. Metterle su un piatto e tenere la padella da parte per scaldare il formaggio. Si può utilizzare qualsiasi insalatina fresca e tenera sia disponibile in stagione. Sistemarla in quattro fondine o piatti, poi cospargerla con i gherigli di noce. Aspettare l’ultimo momento a condirla. Preparare la vinaigrette emulsionando insieme l’olio rimasto, il sale e l’aceto balsamico. Affettare lo chèvre a rondelle e scaldare la padella su fiamma media. Adagiare le rondelle di formaggio nella padella e cuocerle per 1 minuto su ciascun lato. Sistemarle direttamente sopra le fette di pane. Mettere il pane con il formaggio sopra l’insalata, condire con la vinaigrette, cospargere con una macinata di pepe e servire subito.

Maiale con curry di pisellini e menta

MAIALE CON CURRY DI PISELLINI E MENTA Ingredienti per 4 persone 15 g di burro, 4 piccoli filetti di maiale (400 g circa), 300 g di pisellini, 200 ml di latte di cocco, 50 ml di acqua, 2 cucchiaini di curry, 1 cucchiaio di olio di semi, 1 manciata di foglie di menta fresca, sale. Preparazione Pulire i filetti di maiale da eventuali parti troppo grasse. In una pentola abbastanza capiente scaldare il burro, poi rosolare i filetti, salandoli e pepandoli su entrambi i lati. Farli cuocere per circa 5 minuti, girandoli a metà cottura. Una volta rosolati, abbassare la fiamma al minimo, prelevare i filetti con una pinza e metterli a riposare su un piatto. Aggiungere nella pentola i pisellini dolci e bagnarli con il latte di cocco e l’acqua. Mescolare con un cucchiaio di legno, poi aggiungere il curry e un po’ di sale e mescolare ancora, sempre su fiamma bassa. Rimettere i filetti di maiale nella pentola, aggiungere l’olio di semi e continuare la cottura a fiamma moderata per circa 10

53


buone sorprese

Limonata rosa il tappo abbastanza grande da consentire di inserire all’interno qualche cubetto di ghiaccio e delle fettine di limone. Servire in bicchieri trasparenti, di plastica o di vetro, con cannucce colorate.

TARTE AUX ApRICOTS Ingredienti per 6 persone ½ dose di pasta sfoglia (già pronta), circa 10 albicocche ben mature, 2 cucchiai di latte, 50 g di marmellata di albicocche senza zucchero. Preparazione Stendere la pasta sfoglia, ricavare un cerchio largo circa 22 centimetri e spesso 3/4 millimetri e sistemarla sopra un foglio di carta da forno su una teglia. Preriscaldare il forno a 180 °C. Usando un coltellino molto affilato, incidere un cerchio all’interno del cerchio di pasta a circa a 2,5 centimetri dal bordo, senza tagliare la pasta, ma solo creando una piccola incisione. La parminuti. Il maiale deve risultare tenero, ma non troppo cotto. Durante la cottura la salsa al curry si ridurrà sensibilmente. Assaggiarla e aggiustarla di sale. Togliere la pentola dal fuoco e lasciare riposare il tutto per 2/3 minuti prima di preparare i piatti. Tagliare i filetti di maiale a fettine e sistemarli sui piatti di portata con i piselli, la loro salsina al curry e le foglie di menta fresca. Servire subito.

LIMONATA ROSA Ingredienti per 1 litro 650 ml di acqua minerale fredda, 4/5 limoni, 75 ml di succo di lampone, 4 cucchiai di zucchero, fettine di limone e, per decorare, cubetti di ghiaccio. Preparazione Spremere i limoni e filtrare il succo con un colino a maglia fine, fino a ottenere circa 200 ml di succo. Metterlo in una caraffa con l’acqua fredda, il succo di lamponi e lo zucchero. Mescolare bene, fino a che lo zucchero sarà completamente dissolto. Conservare la limonata in frigorifero. Metterla in una bottiglia con

54

te esterna di questo cerchio creerà il bordo della torta. Praticare diverse incisioni anche nella zona interna del cerchio, in modo da graffiare tutta la pasta, per evitare che si sollevi troppo in cottura. Spennellarla con il latte. Tagliare le albicocche a spicchi, eliminando i noccioli, poi sistemarle sulla pasta procedendo in modo concentrico. Infornare la torta a forno già caldo e cuocere per circa 25 minuti, fino a che la pasta sarà dorata e le albicocche leggermente raggrinzite. Mentre la torta cuoce, sciogliere la marmellata in un pentolino con 1 cucchiaio di acqua. Tenerla da parte. Togliere la torta dal forno e lasciarla raffreddare qualche minuto, poi spennellare la superficie delle albicocche con la marmellata, facendo attenzione a non staccarle troppo dalla base. Servire la tarte aux apricots fredda, con un buon tè oppure con una pallina di gelato alla crema.

Tarte aux apricots


CUCINE LUBE. PER TUTTE LE RAGIONI DEL MONDO.

Modello Immagina.


comfort food

Elogio della

Polpetta Il classico e semplice piatto della tradizione viene oggi consacrato anche dai grandi chef, attraverso ricette sfiziose e tutte da provare. A base di carne, di verdure e frutta. Ma anche alla birra: per accontentare i gusti di tutti di giada barbarani - Foto Seiffe/food Centrale/Van KaSteel

Di agnello, al curry

56


polpette al curry Ingredienti per 4 persone 1 panino raffermo, 1 spicchio d’aglio, 100 g di scalogni, 150 g di pomodorini ciliegia, 2 piccole mele (circa 100 g l’una), 500 g di carne di agnello macinata, 1 cucchiaino colmo di curry in pasta, 1 uovo medio, sale, pepe, 2-3 cucchiai d’olio, 3 cucchiai di zucchero di canna, 100 ml d’aceto di mele, 1 cucchiaio di grani di senape, 5 rametti di rosmarino, anche fioriti per decorare. Preparazione Ammollare il panino in acqua fredda. Pelare l’aglio e schiacciarlo con lo spremiaglio. Pelare gli scalogni, mondare i pomodorini e lavarli. Lavare le mele e, a piacere, tenerle intere o tagliarle a fettine. Impastare la carne macinata, il panino strizzato, l’aglio, il curry e l’uovo. Salare e pepare, quindi formare dall’impasto 8-10 polpette. Scaldare l’olio e rosolarvi le polpette per circa 3 minuti per lato, poi metterle da parte. Sciogliere lo zucchero di canna in questo fondo di cottura. Deglassarlo con ½ litro d’acqua e l’aceto, poi unire i grani di senape e gli scalogni. Portare a ebollizione a fuoco dolce, fino a quando il caramello sul fondo della padella si sarà sciolto. Unirvi polpette, mele, pomodori e rosmarino e cuocere per altri 10 minuti. Regolare ancora di sale e pepe e servire le polpette, decorandole con rametti di rosmarino fiorito.

Di tacchino, con panatura di arachidi e pere saltate

C

onsiderata la Cenerentola della cucina, un piatto semplice da preparare con gli avanzi del giorno prima, la polpetta oggi sta vivendo un momento di gloria. Il comfort food, che riporta in luce le antiche tradizioni culinarie della nonna, viene infatti celebrato in libri da grandi chef (Massimo Bottura e Gualtiero Marchesi sono solo alcuni dei nomi stellati che compaiono con le loro ricette nel volume Una polpetta ci salverà, di Giancarlo Roversi e

Anna Scafuri, Giunti Editori, 12 euro) e in locali che lo vedono protagonista indiscusso del menù (a partire da The Meatball Family, il ristorante di Diego Abatantuono a Milano, themeatballfamily.com). Riconquistato oggi il nobile significato originario, associato al concetto di polpa, e quindi di piatto che nasce dalla selezione di materie prime pregiate, la polpetta è protagonista di gustose ricette. Di carne, ma anche di verdure, per la gioia dei vegetariani.

polpette con panatura dI arachIdI e pere saltate Ingredienti per 4 persone 4 perine conservate (circa 200 g), ¼ di l di vino rosso, 40 g di anacardi, 100 g di arachidi salate, 500 g di carne di tacchino macinata, 1 cucchiaio + 50 g di pangrattato, 1 cucchiaino di mostarda di fichi, 1 uovo medio, pepe, zenzero in polvere, 1 cucchiaio di burro, ½ l d’olio per friggere, carta da cucina. Preparazione Lasciare insaporire le perine nel vino rosso per circa 30 minuti, poi scolarle. Nel frattempo, tritare finemente gli anacardi e le arachidi, tenendoli separati. Impastare la carne

57


comfort food

macinata, gli anacardi, 1 cucchiaio di pangrattato, la mostarda di fichi e l’uovo. Insaporire l’impasto con il pepe e lo zenzero. Formare con l’impasto 12 polpette, quindi passarle in una panatura preparata mescolando le arachidi tritate con 50 g di pangrattato. Friggere le polpette nell’olio molto caldo per circa 5 minuti, in più riprese. A mano a mano che sono pronte, porle sulla carta assorbente per eliminare il fritto in eccesso. Rosolare le pere intere o tagliate a metà nel burro fuso e servirle con le polpette, accompagnando a piacere con fette di baguette e mostarda di fichi.

polpette AllA birrA, con insAlAtA di pAtAte ingredienti per 4-6 persone 1 panino raffermo, circa 200 ml di birra, 400 g di patate bollite, 6 cucchiai di aceto di mele, 100 ml di brodo (istantaneo),

Vegetariane: con riso e verdure 58

Alla birra, accompagnate da insalata di patate sale, pepe, zucchero, 1 cipolla di media grandezza, 1 mazzetto di crescione, 500 g di carne macinata mista, 1 uovo medio, 1 cucchiaino di senape mediamente piccante, 6-7 cucchiai di olio, 3 cipollotti, 1 mazzetto di ravanelli. Preparazione Tagliare il panino a dadini e ammollarlo nella birra. Pelare le patate e tagliarle a fette. Scaldare l’aceto con il brodo, poi insaporirlo con sale, pepe e zucchero. Versare il tutto ancora caldo sulle patate e lasciarle riposare. Sbucciare la cipolla e tritarla finemente. Spezzettare il crescione. Impastare la carne tritata, i dadini di pane ben strizzati, la cipolla, l’uovo, metà del crescione e la senape. Salare e pepare l’impasto, poi formare 6 polpette. Scaldare 2-3 cucchiai d’olio in una padella e rosolarvi le polpette a fuoco medio per circa 12 minuti, mescolandole spesso. Nel frattempo, mondare i cipollotti e i ravanelli, e lavarli. Tagliare i ravanelli a fettine molto sottili e i cipollotti a rondelle fini. Riunire le patate, i porri, i ra-

vanelli, il crescione restante e 4 cucchiai d’olio, mescolare e regolare di sale e pepe. Servire le polpette accompagnandole con l’insalata di patate.

polpette vegetAriAne con riso e verdure ingredienti per 4 persone 200 g di riso per risotto (Carnaroli o Arborio), sale, 1 carota (circa 150 g), 2 cipollotti, fili di erba cipollina, 1 uovo medio, 50 g di fiocchi d’avena croccanti, 30 g di formaggio grattugiato (per esempio, Gouda di media stagionatura), pepe, origano essiccato. Farina (se necessario), 2-3 cucchiai d’olio. Preparazione: Versare il riso nell’acqua bollente salata e cuocerlo per circa 20 minuti, fino a quando sarà abbastanza morbido. Scolarlo e farlo intiepidire. Nel frattempo, pelare la carota e tagliarla a dadini, tuffarla in acqua bollente e scolarla. Mondare i cipollotti, lavarli e ridurli a rondelle sottili. Lavare l’erba cipollina e tagliarla a pezzettini. Impastare il riso con l’uovo, i fiocchi d’avena, l’erba cipollina, i dadini di carota e i cipollotti,


Al forno, con mozzarella e pomodoro, e focaccine carne di manzo macinata, 1-2 cucchiaini di senape di Digione, 2 uova medie, sale, pepe, circa 100 g di farina, circa 100 g di mandorle a lamelle, 3-4 cucchiai d’olio, 4 rametti di basilico, grani di pepe rosa. Preparazione Ammollare la baguette in acqua fredda. Tagliare il Brie in 8 pezzetti. Sbucciare gli scalogni e tritarli finemente. Impastare insieme la carne di manzo, la baguette ben strizzata, gli scalogni, la senape di Digione e 1 uovo. Insaporire di sale e pepe e formare 8 polpette tonde. Infilare al centro di ognuna un pezzetto di Brie, quindi passarle prima nella farina, poi nell’uovo sbattuto e infine nelle mandorle. Scaldare l’olio. Rosolarvi brevemente il basilico e tenerlo da parte. Cuocere le polpette per circa 10 minuti a fuoco medio, voltandole spesso. Insaporirle con il pepe rosa e servirle decorate con il basilico fritto. quindi incorporare anche il formaggio e insaporire con sale, pepe e origano. Con il composto, formare 8 polpette (se necessario aggiungere un poco di farina). Far riposare le polpette per 15 minuti, poi friggerle in olio molto caldo, per 4-5 minuti per parte a fuoco medio. Come contorno alle polpette di riso, si può servire un’insalata di bietole novelle con anelli di cipolla e olive.

polpette al forno con mozzarella e pomodoro e focaccine ingredienti per 4 persone 50 g di grissini, 1 cipolla di media grandezza, 1 spicchio d’aglio, ½ mazzetto di timo, 500 g di carne macinata mista, 1 uovo medio, sale, pepe, 2 pomodori (da 75 g l’uno), 150 g di mozzarella, 2 cucchiai d’olio per friggere, 2-3 rametti di salvia, 130 g di farina per pizza istantanea, 1 cucchiaio d’olio d’oliva, carta da forno, farina per la spianatoia. Preparazione Sminuzzare finemente i grissini. Sbucciare la cipolla e l’aglio e tritarli insieme. Lavare il timo, sgrondarlo e tritarlo. Mescola-

re gli ingredienti così preparati con la carne macinata e l’uovo. Salare e pepare. Con il composto ottenuto, preparare 8 polpette piatte. Mondare i pomodori, lavarli e tagliarli a fette. Scolare la mozzarella e tagliare anch’essa a fette. Scaldare l’olio per friggere in una padella e rosolarvi le polpette per 1-2 minuti per parte, quindi scolarle e porle su una placca foderata di carta da forno. Distribuire su ogni polpetta 1 foglia di salvia e le fette di pomodoro e mozzarella. Impastare la farina per pizza con 60 ml d’acqua tiepida e l’olio d’oliva ottenendo un impasto omogeneo. Stenderlo su una spianatoia infarinata preparando 8 focaccine tonde e sottili e incorporando in ognuna 1 foglia di salvia. Disporre le focaccine sulla stessa placca. Cuocere le polpette e le focaccine nel forno già portato a 200 °C per 10-12 minuti.

Queste polpette si accompagnano perfettamente a patate appena bollite, passate allo schiacciapatate e presentate dando loro la stessa forma delle polpette.

polpette ai crauti e ananas saltato ingredienti per 4 persone 1 panino raffermo, 1 cipolla media, 200 g di crauti ,1 ananas baby (circa 350 g), 500 g di carne macinata mista, 1 uovo medio, 1 cucchiaino di senape mediamente piccante, sale, peperoncino in polvere, 2-3 cucchiai di olio, 1-2 cucchiai di burro, peperoncino a julienne per decorare. Preparazione Ammollare il panino in acqua fredda. Pelare la cipolla e tagliarla a dadini. Scolare i crauti. Sbucciare l’ananas e tagliarlo a fette sottili. Impastare la carne macinata, il panino strizzato, i dadini di cipolla, l’uovo, la senape e i crauti.

Di manzo, con ripieno al Brie e panatura di mandorle

polpette al Brie e panatura di mandorle ingredienti per 4 persone 50 g di pane tipo baguette, 100 g di Brie (va bene anche il Camembert), 2 scalogni, 500 g di

59


comfort food

Insaporire con sale e peperoncino, poi formare 8 polpette. Scaldare l’olio in una padella e rosolarvi le polpette a fuoco medio, per circa 10 minuti, voltandole spesso. Nel frattempo, fondere il burro in un’altra padella e rosolarvi le fette di ananas. Servire le polpette e l’ananas decorandoli a piacere con la julienne finissima di peperoncino.

Con crauti e ananas saltato

polpette di agnello e albicocca ingredienti per 4 persone 1 cipolla di media grandezza, 1 spicchio d’aglio, 100 g di albicocche essiccate, 500 g di carne macinata di agnello, 4 cucchiai di cuscus, 1 uovo medio, sale, pepe, sambal oelek (salsa speziata piccante) a piacere, 400 g di ceci (265 g di peso sgocciolato), 200 g di peperoni piccoli di vari colori, 4 cucchiai d’olio d’oliva, 1 cucchiaio di concentrato di pomodoro, 40

Di agnello e albicocca

ml di vino bianco secco, 400 ml di brodo vegetale. Preparazione Pelare la cipolla e l’aglio e tritarli finemente. Tagliare 3 albicocche a piccoli dadini. Mescolare insieme gli ingredienti così preparati con la carne d’agnello macinata, 2 cucchiai di cuscus e l’uovo. Insaporire con sale, pepe e il sambal oelek. Formare con l’impasto 8-10 polpette. Scolare bene i ceci. Mondare i peperoni e lavarli. Scaldare 2 cucchiai d’olio in una padella e rosolarvi le polpette per circa 3 minuti per lato, quindi scolarle e tenerle da parte. Scaldare gli altri 2 cucchiai d’olio nel fondo di cottura delle polpette. Rosolarvi i peperoni, quindi unire le albicocche restanti e i ceci. Incorporare anche il concentrato di pomodoro e bagnare con il vino bianco e il brodo. Portare a ebollizione, poi unire anche le polpette e proseguire la cottura per 10 minuti. Insaporire con sale e pepe, incorporarvi il cuscus restante, mescolare e far riposare per qualche minuto, fino a quando il cuscus si sarà gonfiato.

61


menù a cinque stelle

Il sapore del

Un pranzo completo a più mani, realizzato dagli chef dell’Associazione Jeunes Restaurateurs d’Europe, festeggia l’estate. Tutto in giallo come gli ingredienti, dallo zafferano alle patate di cristina cimato - foto di massimo Pisati

sole

O

ltre ai girasoli, anche i cuochi voltano lo sguardo verso la stella che ci riscalda, per realizzare ricette che ne ricordano il colore, il calore e, perché no, la forma. Sono alcuni esponenti della dinamica Associazione Jeunes Restaurateurs d’Europe, che riunisce giovani chef talentuosi, presente in 13 paesi fra cui l’Italia, dove è attiva dal 1992 e annovera 81 cuochi (www.jre.it). Esercitano la loro creatività in angoli maestosi d’Italia, dall’antico palazzo nella campagna senese all’edificio storico in provincia di Torino; dal ristorante nel cuore dell’Irpinia a quello nel Golfo di Sorrento, fino a giungere a Roma, su una terrazza panoramica che si affaccia sulla città. Il sole evoca non solo una scelta cromatica, ma anche di ingredienti. Su tutti svetta il prezioso zafferano, a cui seguono le patate, le cozze... È arrivato dalla Sicilia con il sapore di agrumi nelle narici ed è approdato a Colle Val d’Elsa, sui declivi delle colline di Siena. Nel ristorante Arnolfo (arnolfo.com), un belvedere sulla natura, Gaetano Trovato prepara un menù basato sulla pasta fresca e sui prodotti che provengono dagli animali allevati sulle colline di Siena, mentre ara-

cosa ho trovato Sopra, Gaetano trovato, che, insieme al fratello Giovanni, è chef e patron di Arnolfo, ristorante sulle colline senesi. A sinistra, il suo piatto di scampi marinati nello zenzero, fegato d’oca e frutto della passione ridotto in sorbetto e in salsa.

goste e gamberi arrivano dalla costa tirrenica. Il fratello Giovanni offre una selezione di vini con 600 etichette provenienti dalla Toscana e da altri territori. L’estate, per Trovato, entra in un piatto che unisce il sapore dello scampo marinato in succo di zenzero, sale e olio, a quello del fegato d’oca marinato nel brandy e alla nota leggermente acidula del frutto della passione, ridotto in sorbetto e lavorato come una salsa. Il tondo del sole, con la sua perfezione, ha ispirato la zuppa con piovra di Alfonso Caputo, che al sole è molto legato perché lavora con la sorella Mariella, responsabile di sala, in un angolo di paradiso, a Marina del Cantone (Massalubrense, Napoli), una baia aperta cui si accede 63


menù a cinque stelle

percorrendo terrazze di agrumi e uliveti, e attraversando il piccolo borgo di Nerano. Alla Taverna del Capitano (tavernadelcapitano. it), Caputo reinterpreta la cucina regionale sorrentina senza dimenticare il prodotto di origine. Nelle sue ricette trionfa, com’è naturale, il pesce. Il piatto presentato in queste pagine unisce i calamaretti del Golfo, saltati con olio e peperoncino, con la cipolla caramellata con aceto, vino bianco, zucchero e sale grosso. Sulla cipolla viene adagiata la salsa di patate (bollite e poi passate al passaverdura) e su questa i calamari. Il tutto viene aromatizzato con foglie di menta. È la passione a dare vita al ristorante All’Oro (ristorantealloro.it), dove non c’è Riccardo senza Ramona, non c’è progetto senza amore, non c’è cucina senza Roma, la cui luce arriva in sala da un lucernario. La storia è iniziata nel quartiere Parioli e ha portato Riccardo Di Giacinto fino nel cuore della città, all’interno di The First Luxury Art Hotel, vicino a piazza del Popolo, locale che vanta anche una terrazza che guarda sul cen-

un amore grande Sopra, riccardo di giacinto, del ristorante All’Oro, gestito con la moglie Ramona e situato nel cuore di Roma, nel First Luxury Art Hotel, che vanta una terrazza panoramica. Accanto, il baccalà alla carbonara.

64

girotondo Sotto, alfonso Caputo, chef del ristorante Taverna del Capitano, a Marina del Cantone, nella Penisola sorrentina. Accanto, la sua ricetta di calamaretti del Golfo, cipolla caramellata, crema di patate e foglioline di menta.

tro storico. La cucina di Riccardo spazia dai cappelletti in brodo asciutto, con formaggio grana e zafferano, all’oro della tradizione laziale, ossia quello della pasta con uovo e pancetta, reinterpretata con il baccalà che si unisce alla carbonara, due sapori diversi che trovano un comune accordo, una melodia. Il baccalà si cuoce in forno, mentre l’uovo viene montato a bagnomaria con olio, brodo di pepe e un mestolino di acqua calda. Sullo zabaione così creato si grattugia il pecorino, poi si adagia il baccalà e intorno a questo il guanciale. Di storia in storia, di regione in regione, ci si sposta in un edificio del tardo Settecento a Pinerolo (Torino), che ospita la Trattoria Zappatori (telefono 0121/374158), dove, dal 2006, è ai fornelli Christian Milone, che è stato allievo di Enrico Crippa (chef del ristorante pluripremiato Piazza Duomo, ad Alba, Cuneo). L’insegnamento si vede nella ricerca e nella mano di questo cuoco di 35 anni, che non ha abbandonato specialità locali come la lingua in salsa verde e il riso, ma al


TUTTO SU UN SOLO CANALE

LE FICTION PIÙ AMATE, I FILM DI HOLLYWOOD, L’INFORMAZIONE UTILE PER LA TUA VITA

CANALE 27 DIGITALE TERRESTRE


menù a cinque stelle

Bob Noto

tempo stesso si lascia sedurre dalla sperimentazione. Ci sono, infatti, due sale in cui si può cenare: una dedicata ai classici della cucina piemontese, l’altra più innovativa (La Gastronavicella). Per l’estate, periodo in cui non mancano divagazioni nel mondo ittico, Milone prepara la ricetta delle cozze al nero di seppia con ostriche frullate e, insieme alla loro acqua, iniettate all’interno dei molluschi per un’esplosione di sapore. Le sacche di nero sono mescolate con succo di lime e adagiate sul piatto come un quadro di Jackson Pollock. Giù giù fino all’Irpinia, l’arte culinaria è declinata al femminile grazie a Maria Luisa e Michelina Fischetti, che lavorano piatti tipici di questa regione con un guizzo di cui solo le donne sono capaci. Il ristorante Oasis-Sapori antichi (oasissaporiantichi.it) non è lontano da Sant’Angelo dei Lombardi (Avellino), il paese più colpito dal violento terremoto del 1980, dalle vestigia dell’abbazia di Goleto, del XII secolo, e dal castello longobardo, con impianto del

lo cheF si Fa in due Sopra, christian Milone, cuoco della Trattoria Zappatori a Pinerolo, in provincia di Torino, dove ci sono due sale: una per menù classici, l’altra più sperimentale. Accanto, le cozze al nero di seppia e ostriche.

66

donne al vertice Sotto, una giocosa foto di Maria luisa e Michelina Fischetti, a capo del ristorante Oasis-Sapori antichi, in Irpinia, dove uniscono le tradizioni gastronomiche della zona all’inventiva. Qui, il loro dolce di ricotta e agrumi.

X secolo. Alle due chef spetta la ciliegina sulla torta. Anzi il limone e l’arancia sulla ricotta. La ricetta estiva che preparano, infatti, si chiama cestino di frolla con ricotta mantecata agli agrumi e infuso. Un dolce che profuma di Campania e di alcuni dei prodotti tipici di questa terra, realizzato con ricotta di fuscella (formaggio freschissimo di vacca, dove fuscella è l’antico cesto che serviva a trasportarla) e con un misto di agrumi: arance, limoni, mandarini e lime. La pasta frolla si realizza in modo classico, con farina, uova, burro e zucchero a velo, mentre la crema ha il suo cuore nella ricotta, cui vengono aggiunti zucchero, crema di latte e agrumi grattugiati. La ricetta può essere eseguita anche con ricotta di pecora o di bufala. Il piatto si presenta con al centro la tartella, nella quale si adagia la ricotta mantecata e, infine, zeste di agrumi e una spolverata di zucchero a velo. Si può accompagnare con un infuso agli agrumi ghiacciato. Il dessert perfetto per una giornata di sole.


Pane alle noci

con Brie e misticanza

68


il panino gourmet

mordi & gusta

Non chiamateli semplicemente panini: quelli d’autore valgono quanto un piatto stellato. Con la differenza che si possono preparare a casa. Con le ricette di Veronica Paolillo

di marianna corte • foto di stefano scatà

S

i fa presto a dire fast food: anche un panino, re indiscusso del mordi&fuggi, può diventare un piatto degno di una cucina gourmand. Succede quando la materia prima

è eccelsa e chi lo prepara è uno chef, ma il vero segreto è dimenticare la fretta, nemica dei cuochi e dei buongustai. Così, una semplice paninoteca si trasforma in un luogo eletto e un

panino diventa una sfida per chi lo prepara. A differenza dei piatti firmati dagli chef, perfetti al ristorante ma impossibili da ripetere, i panini possono essere preparati anche a casa, con grande sod69


il panino gourmet

Pane di segale e mele

con Foie gras e mosto d’uve bianche

La chef Veronica Paolillo, 35 anni, patron della paninoteca Tricolore, a Roma. Sue le ricette di queste pagine, realizzate con ingredienti agricoli biologici.

pasta madre: i trucchi della chef

i

disfazione per chi cucina e per chi li gusta. Come si diceva, contrariamente alla filosofia del fast food, l’ingrediente segreto, in cucina, è il tempo. Che è indispensabile a chi si occupa della ricerca di prodotti di qualità e poi realizza il panino partendo proprio dalla base: la preparazione della pasta madre per il pane fatto a mano in casa, infatti, è abbastanza lunga, ma dà molte soddisfazioni (vedere box a destra). Ma il tempo deve essere a di70

sposizione anche del consumatore finale, che non deve addentare il panino e via, ma assaporarlo con calma: solo così riconoscerà e apprezzerà la differenza tra un hamburger di controfiletto di Fassona piemontese e una sottile svizzera di banale macinato. Fra gli interpreti di questa nuova tendenza, si distingue Veronica Paolillo, 35 anni, romana, patron del Tricolore, paninoteca gourmet nel quartiere Monti di Roma (via Urbana 126, telefono

mpastare 1 kg di farina di grano tenero biologica tipo 0, 500 ml di acqua minerale naturale e 100 g di mela biologica matura frullata. porre il panetto in un contenitore, coprendolo con acqua a temperatura ambiente (per ogni litro, aggiungere 4 g di zucchero di canna) e lasciar fermentare per 7 giorni all’aria. scolare la pasta madre e impastarla, aggiungendo, per ogni chilo d’impasto, 1 kg di farina e circa 500 ml di acqua: questo procedimento si chiama rinfresco. lasciare la pasta, coperta con altra acqua e zucchero, in un contenitore scoperto per 7 giorni e far fermentare. scolare e rinfrescare (come descritto sopra). dopo averla fatta riposare per 24 ore in un recipiente di vetro coperto da un canovaccio, togliere la parte esterna e rinfrescare la massa centrale. Questa operazione di rinfresco dovrà essere ripetuta fino a quando il lievito non avrà la forza di sviluppare, nell’arco di circa 3/4 ore, un volume pari al doppio della massa iniziale. Conservazione: al fresco o in frigo, dentro un contenitore di vetro coperto da un panno e avvolto nella pellicola trasparente.


Pane di mais

con uovo pochĂŠ e tartufo

71


Baguette

con culatello di Zibello

Pane al cavolo nero

con zucca e cavolo nero

Pane di segale

con burro e acciughe

72

Hamburger

con controfiletto di Fassona piemontese


il panino gourmet

06.88976898, www.tricolorepanini.com). «Sono arrivata tardi al mestiere di chef», racconta Veronica, «fino ai 30 anni ho fatto la stylist di moda. Forse deriva da qui la mia attenzione maniacale per l’estetica...». Da due anni, Veronica si è trasferita in un casale in Umbria, circondata da ulivi e da un orto dove coltiva alcuni degli ingredienti che utilizza per i suoi panini. «Panini d’autore», come li definisce, «autentiche preparazioni cucinate, dove cerco di interpretare al meglio la tradizione italiana o regionale». Un esempio su tutti, il panino al pane al nero di sep-

Pane di grano saraceno con cotechino e mostarda

Pane di sedano e carote

con bollito

pia con hamburger di arzilla, ketchup e minipatatine di broccolo. «In questo piatto ho utilizzato l’arzilla, pesce molto amato nel Lazio, abbinandolo ai broccoli, proprio come accade nella classica pasta e broccoli in brodo di arzilla», spiega. «E il pane al nero di seppia rafforza il sapore di mare». Il suggerimento della cuoca-panettiera è di «pensare al panino come a un piatto e di usare materie prime coerenti per stagionalità, territorio e sapore». Non sempre, però, è possibile preparare pani diversi per panini differenti. In questi casi, allora, si può utilizzare un pane morbido, semplice, ma sempre fatto con

pasta madre. «Perché è naturale, digeribile, ha un sapore piacevolmente aspro e dà un tocco di personalità. E poi perché è proprio nella preparazione della pasta madre che si ritrova l’amore che la panificazione richiede». Tempo, tecnica e amore: queste le parole chiave per una panificazione domestica perfetta, la stessa che mette in pratica il panettiere quando diventa maestro di panificazione. E un maestro, anche in casa, è tale se riesce a trovare abbinamenti perfetti. Solo così anche un semplice panino diventa un vero piatto. Da provare con le ricette suggerite da Veronica Paolillo di questo servizio. 73


il panino gourmet

limone, sale grigio di Bretagna, insalata provenzale. Preparazione Battere al coltello il controfiletto di fassona piemontese riducendolo a tartare e con un coppa pasta formare 4 hamburger da 150 g l’uno. Montare i tuorli delle uova con un pizzico di sale e una spruzzata di limone, facendo scendere a filo prima l’olio di semi e poi quello extravergine d’oliva, fino a che la maionese non sarà ben fer-

tamente la scaloppa, finire con l’altra metà del mosto e chiudere. Servire ben caldo.

Pane aLLe noci con Brie e misticanZa ingredienti per 4 panini 4 panini alle noci, 200 g di brie, insalata misticanza, olio extravergine d’oliva. Preparazione Lavare la misticanza e metterla a bagno in acqua e ghiaccio per renderla croccante. Asciugare bene. tagliare il Brie a fettine. tagliare il pane a metà, adagiare le fettine di Brie, finire con la misticanza croccante e un filo d’olio extravergine d’oliva.

Pane Di seGaLe e meLe con foie Gras ingredienti per 4 panini 4 panini di segale e mele, 4 scaloppe di foie gras, 2 cucchiai di mosto di uve bianche, sale, pepe. Preparazione in una padella antiaderente ben calda cuocere il foie gras girandolo delicatamente da entrambi i lati per un paio di minuti. Salare e pepare. tagliare il pane a metà, bagnare con metà del mosto d’uve bianche e appoggiare delica-

74

Pane Di mais con UoVo PocHÉ e tartUfo ingredienti per 4 panini 4 panini di mais bramato, 4 uova di Paolo Parisi, olio extravergine d’oliva, fior di sale, tartufo. Preparazione in una pentola, portare a ebollizione acqua addizionata con l’aceto (un litro d’acqua e un bicchiere di aceto di vino bianco). Abbassare la fiamma e con una pinza formare un vortice al momento di versare il primo uovo. farvi quindi cadere di colpo l’uovo sgusciato e cuocere per 3 minuti finché l’albume si sarà avvolto intorno al tuorlo. far riprendere l’e-

Pane aL caVoLo nero con ZUcca e caVoLo nero ingredienti per 4 panini 4 panini di cavolo nero, 200 g di zucca, 100 g cavolo nero, 1 scalogno, olio extravergine d’oliva, brodo vegetale. Preparazione tagliare lo scalogno, la zucca a dadini e le foglie del cavolo nero grossolanamente. in una casseruola appassire lo scalogno con l’olio, versare le foglie di cavolo nero, i dadini di zucca, salare, pepare e aggiungere il brodo vegetale. Lasciare cuocere a fuoco lento per 30 minuti. tagliare il cappello dei panini, svuotare della mol lica e tostare nel forno. Riempire i panini con la zuppa, finire con un filo d’olio extravergine d’oliva e chiudere.

bollizione prima di aggiungere l’uovo successivo. Sgocciolare l’uovo con il mestolo forato e appoggiarlo su un canovaccio ad asciugare e pareggiare con un coltellino le frange. tagliare il cappello del pane e svuotare della mollica, inserire l’uovo pochè all’interno e incidere l’uovo con un piccolo coltello. Condire con del fior di sale, un filo d’olio extravergine d‘oliva e con scaglie di tartufo.

Pane Di seGaLe con BUrro e acciUGHe ingredienti per 4 panini 4 panini di segale, 70 g burro di Échiré, 16 alici di cetara. Preparazione Montare il burro con le fruste. tagliare il pane, spalmarlo con il burro e adagiare i filetti di alici. Chiudere e servire subito.

HamBUrGer ingredienti per 4 panini 4 panini morbidi con semi di sesamo, 600 g di controfiletto di Fassona piemontese pulito, 2 uova di Paolo Parisi, 80 ml d’olio di semi di girasole, 40 ml d’olio extravergine d’oliva, 1/2

ma. tagliare i panini a metà e passare su una piastra di ghisa precedentemente messa a scaldare sul fuoco. togliere il pane e tenerlo in caldo. Ungere con un filo d’olio la piastra e cucinare l’hamburger a livello di cottura desiderata. Mettere uno strato di maionese sul pane, su entrambi i lati, poi l’hambuger, salare con del sale grigio di Bretagna, aggiungere l’insalata e chiudere.

Hot DoG con ciPoLLe carameLLate e senaPe ingredienti per 4 panini 4 panini morbidi da hot dog di segale, 4 würstel di maiale di Cinta senese, 250 g di cipolle rosse di Cannara, 75 g di zucchero di canna, 60 g d’acqua, sale, senape in grani. Preparazione Affettare le cipolle non troppo finemente e metterle in una pentola con l’aggiunta di zucchero e acqua. Mescolare, copriree cuocere per circa un’ora a fuoco basso, mescolando delicatamente di tanto in tanto. Cuocere l’hot dog in acqua bollente. incidere il pane


EvergreenForte L'arte del giardino, l'arte nel giardino

2014

Mostra Mercato DI ECCELLEZE VIVAISTICHE E ARREDI PER SALOTTI ALL'APERTO INGRESSO LIBERO

Forte dei Marmi Piazza dante

13 - 14 - 15

PER INFORMAZIONI RELATIVE AGLI EVENTI CORRELATI ALLA MANIFESTAZIONE VISITATE IL SITO www.evergreenforte.org

giugn o con il patrocinio del Comune di Forte dei Marmi


il panino gourmet

zato. Unire l’olio a filo e frullare. Salare e pepare a piacere. Affettare il cotechino. tagliare il pane a metà, distribuire le fette di cotechino, guarnire con un cucchiaino di mostarda di frutta e finire con la salsa verde. Chiudere e servire caldo.

Pane aLL’UVetta con ricotta e sarDe marinate aLL’arancia ingredienti per 4 panini 4 panini con l’uvetta, 150 g di ricotta di pecora, 12 sarde, 2 arance, finocchietto selvatico, olio extravergine d’oliva, sale. Preparazione dopo aver pulito le sarde ed eliminato testa e lische, aprirle a libretto. Prelevare la scorza delle arance con un coltellino e tagliare a julienne. Spremere il polpo intero e finire con il restante olio aromatizzato. Chiudere e servire caldo.

orizzontalmente senza tagliarlo a metà, inserire il würstel nell’incavo, aggiungere nella parte bassa le cipolle e condire nella parte alta con la senape in grani. Servire caldo.

Pane ciaBatta con insaLata Di GaLLina LiVornese BoLLita ingredienti per 4 panini 4 panini tipo ciabatta, 1/2 gallina livornese, 1 cipolla, 2 carote, 2 coste di sedano, 2 uova di Paolo Parisi, 80 ml d’olio di semi di girasole, 40 ml d’olio extravergine d’oliva, 1/2 limone, sale. Preparazione Bollire per circa 90 minuti la gallina a pezzi in acqua leggermente salata con sedano, carota e cipolla. Montare i tuorli delle uova con un pizzico di sale e una spruzzata di limone, facendo scendere a filo prima l’olio di semi e poi quello extravergine d’oliva, fino a che la maionese non sarà ben ferma. Una volta cotta la gallina, sminuzzare la carne a julienne e unire la maionese. tagliare il pane a metà, farcire con l’insalata di gallina e chiudere.

il succo e tenere da parte. Marinare le sarde in un contenitore con il succo delle 2 arance, la scorza, 2 cucchiai d’olio e il finocchietto selvatico per almeno 3 ore. Scaldare una padella antiaderente e scottarvi le sarde marinate da entrambi i lati. tagliare il pane a metà, spalmare la ricotta e adagiare sopra le sarde, finendo con il liquido di marinatura ristretto e la scorza delle arance a decorare.

Pane Di Patate con PoLPo aL rosmarino ingredienti per 4 panini 4 panini con le patate e la loro buccia, 4 polpi da 200 g, 1 rametto di rosmarino, aglio, olio extravergine d’oliva, sale. Preparazione Bollire velocemente per 5 minuti i polpi. Scaldare leggermente l’olio in una padella e lasciare in infusione il rametto di rosmarino per qualche minuto. Passare i polpi nell’olio aromatizzato e poi passarli a fuoco vivace su di una piastra bollente per un paio di minuti. tagliare il pane a metà, adagiare

Pane Di Grano saraceno con cotecHino, saLsa VerDe e mostarDa ingredienti per 4 panini 4 panini di grano saraceno, 1 cotechino fresco di Cinta senese, 100 g di prezzemolo, 2 alici, 1 tuorlo d’uovo sodo, 50 g di pane raffermo, 30 g di aceto di vino bianco, 80 g d’olio extravergine d’oliva, 4 cucchiaini di una buona mostarda di frutta di Cremona, sale e pepe. Preparazione Bucare il cotechino con un coltello in vari punti per far sì che in cottura fuori escano i grassi in eccesso e il budello non si rompa. impacchettare il cotechino con la carta stagnola e cuocere in una casseruola, partendo da acqua fredda, per 2 ore dal momento del bollore. Per la salsa, mettere a bagno il pane raffermo nell’aceto, lavare il prezzemolo, asciugare bene e trasferire nel mixer. Aggiungere il tuorlo dell’uovo, le alici e il pane striz-

Pane aromatiZZato aL seDano e carote con BoLLito ingredienti per 4 panini 4 panini aromatizzati al sedano e carote, 250 g di muscolo di manzo piemontese, 250 g di tenerone di manzo piemontese, 2 carote, 2 gambi di sedano, 1 cipolla, 2 chiodi di garofano, 1 mazzetto di erbe aromatiche, 100 g di prezzemolo, 2 alici, 1 tuorlo d’uovo sodo. Per la salsa: 50 g di pane raffermo, 30 g d’aceto di vino bianco, 80 grd’olio extravergine d’oliva, sale, pepe. Preparazione in una casseruola, portare ad ebollizione l’acqua con il sedano, la carota, la cipolla, i chiodi di garofano e il mazzetto di erbe aromatiche. Salare, aggiungere la carne e far cuocere per un paio d’ore. durante la cottura, schiumare il bolli-

to all’occorrenza. Per la salsa: mettere a bagno il pane raffermo nell’aceto, lavare il prezzemolo, asciugare bene e trasferire nel mixer. Aggiungere il tuorlo dell’uovo, le alici, il pane strizzato e, unendo l’olio a filo, frullare. Salare e pepare a piacere. Affettare sottilmente il bollito, condire con sale e pepe. tagliare il pane a metà, farcire con il bollito e finire con la salsa verde. Chiudere e servire subito.

77


78

Getty


concentrato di benessere

Un bicchiere alla

Salute

Il più classico e ben augurante dei brindisi è perfetto quando si parla di smoothies, frullati, succhi e bubble tè realizzati con frutta e verdura fresca. Un mix di vitamine e di gusto, da bere in ogni momento della giornata: dalla colazione, con l’aggiunta di latte, all’aperitivo, con un tocco speziato di giada barbarani

C’

affinché non si attacchino. Una volta che galleggiano e sono diventate trasparenti, toglierle dal fuoco e metterle in un contenitore con lo sciroppo preparato nel frattempo (per la preparazione: sciogliere in un pentolino due bicchieri d’acqua e due di zucchero e amalgamarli fra loro). Preparare il tè e frullare i lamponi. Mischiare il tè con la purea di frutta. inserire il composto in un bic-

era una volta il classico succo di frutta e verdura: un concentrato di vitamine da consumare all’istante per godere appieno di tutte le proprietà nutritive contenute. Per dargli più appeal, agli ingredienti base si è poi aggiunto latte, yogurt, panna, ma anche bacche e perle di tapioca per un tocco di colore, finché il succo non si è trasformato in cremoso frullato o nel più trendy smoothie. Comunque lo si voglia chiamare, il risultato non cambia: si tratta sempre di una bevanda ricca di salute e gusto. Ecco alcune ricette: ogni ingrediente può essere sostituito a piacimento.

frullato di bacche e banana, con miele e fiori di borragine (foto a destra) ingredienti 1 banana, bacche di Goji, 200 ml di latte, 1 cucchiaino di miele. Preparazione inserire nel frullatore la banana tagliata a rondelle, le bacche di Goji, 200 ml di latte (per una ri-

cetta più light, si consiglia quello di soia) e il miele. Frullare il tutto e versare nei bicchieri. decorare con fiori di borragine.

Succo di pomodoro, Sedano e carota ingredienti 1 kg di carote, 3 gambi di sedano, 500 g di pomodori, sale e pepe in grani, salsa di tabasco. Preparazione inserire le carote pelate, il sedano e i pomodori lavati accuratamente nella centrifuga. Aggiungere sale, pepe e Tabasco nelle quantità desiderate. bubble tè al lampone ingredienti 2 cucchiai di perle di tapioca (si possono acquistare nei negozi bio), una bustina di tè ai lamponi, lamponi, due tazze di zucchero. Preparazione Mettere le perle di tapioca in una ciotola e ricoprirle di acqua per almeno 30 minuti. Scolarle e farle bollire in una pentola con acqua, mescolando con una forchetta

Olycom

Smoothie al kiwi con prezzemolo (foto a sinistra) ingredienti 1 kiwi, 1 mela, 40 grammi di yogurt, un mazzetto di prezzemolo, due bicchieri di latte. Preparazione Tagliare il kiwi e la mela a pezzetti. Lavare accuratamente il prezzemolo. inserire nel mixer i due bicchieri di latte, lo yogurt, il kiwi e la mela, il prezzemolo (non solo le foglie, ma anche il gambo che è la parte più profumata) e qualche cubetto di ghiaccio. Frullare il tutto. Versare il composto ottenuto nei bicchieri.

chiere e aggiungere un cucchiaio di perle di tapioca. Si può gustare al momento calda, ma anche fredda, aggiungendo dei cubetti di ghiaccio. da bere con una cannuccia per provare la sensazione prima del tè e poi delle perle che esploderanno in bocca. il consiglio: una volta preparate, le perle di tapioca si possono conservare in frigorifero. Prima di utilizzarle, riscaldarle leggermente.

79


occhiello

finire in bellezza

Stagione di

dolcezze

Buoni, profumati e colorati, i frutti estivi abbelliscono torte e bignè. Ecco cinque golose ricette tutte da provare. Con un’attenzione speciale alle calorie: per ogni dessert, qualche piccolo accorgimento per ridurre zuccheri e grassi di alessandra oristano - Foto: Wolfgang schardt/jalag/Van Kasteel

Torta di grano saraceno ai mirtilli

80


occhiello

Bigné ai lamponi

C

oncedersi un dolce non significa sempre dover fare i conti con le calorie: succosi frutti estivi, dalle albicocche alle fragole, e piccoli trucchi rendono il dessert molto più gustoso e leggero. La farina di grano saraceno, per esempio, ha un sapore di noce, è ricca di minerali e si sposa perfettamente con i mirtilli. Mentre un’alternativa alla pasta sfoglia, per le tortine ai frutti di bosco, è la

yufka, di origine turca, preparata con farina di frumento: facile da modellare, è totalmente priva di grassi. Per la torta di fragole e cocco, si può invece rinunciare alla gelatina e legare la frutta con l’agar-agar, un gelificante di origine naturale, derivato dalle alghe rosse. Ricchi di vitamine, i gherigli di noce tritati garantiscono una consistenza croccante al dolce di albicocche, ottimo anche con le ciliegie. 81


finire in bellezza

sta biscotto orizzontalmente in 2 o 3 dischi sottili. Su un disco, spalmare un po’ di crema, quindi coprire con un altro disco e proseguire in questo modo fino a esaurimento degli ingredienti, terminando con la crema. Distribuire su questa i mirtilli rimasti e le lamelle di mandorla.

Torta di albicocche e noci

BignÉ ai lamponi Ingredienti per 15 piccoli bignè: 50 g di burro, ½ cucchiaino di sale iodato, 150 g di farina tipo 00, 3 uova grandi, ½ cucchiaino di lievito in polvere, 250 ml di panna da montare a basso contenuto di grassi, 250 g di lamponi, 1 baccello di vaniglia, 1 cucchiaio di zucchero integrale di canna. Preparazione: portare il forno a 200 °C (se termoventilato, a 180 °C; se a gas al livello 4). Fare bollire ¼ di l di acqua, il burro e il sale. Unirvi la farina in una sola volta e mescolare con un cucchiaio di legno a fuoco moderato, fino a quando la pasta si stacca dalle pareti del recipiente di cottura. Aggiungere anche le uova, una alla volta. Infine, unire il lievito e mescolare. Su una placca foderata di car-

Le noci tritate garantiscono una consistenza croccante ai doLci. da utiLizzare con Le aLbicocche o con Le ciliegie TorTa di grano saraceno ai mirTilli Ingredienti per 12 fette: 4 uova, 80 g di zucchero integrale di canna, 70 g di farina di grano saraceno, 70 g di fecola di patate, 2 cucchiaini colmi di lievito in polvere, burro per lo stampo, 250 g di mirtilli, 250 g di mascarpone, 350 g di formaggio quark, 3 cucchiai di latte, 2 cucchiai di liquore all’amaretto, 3 cucchiai di mandorle a lamelle. Preparazione: portare il forno a 180 °C (se termoventilato, a 160 °C; se a gas, 82

al livello 3). Mescolare le uova e 70 g di zucchero fino a ottenere un composto schiumoso. Setacciare insieme farina, fecola e lievito, quindi incorporarli al composto. Imburrare il fondo di uno stampo a cerniera (di diametro di 24 cm). Versare l’impasto e cuocere in forno per 30 minuti. Sfornare la torta e farla raffreddare. Lavare i mirtilli. Mescolare insieme il mascarpone, il formaggio quark, il latte, lo zucchero restante, il liquore e 150 g di mirtilli, fino a ottenere una crema omogenea. Tagliare la pa-

ta da forno formare 15 piccoli bignè usando una tasca da pasticciere o due cucchiaini. Farli cuocere per circa 25 minuti (non aprire mai il forno durante la cottura). Montare la panna. Frullare 80 g di lamponi. Incidere il baccello di vaniglia e raschiare il midollo con i semi. Mescolare la panna, i lamponi frullati, la vaniglia e lo zucchero. Quando i bignè sono cotti, ancora caldi, incidere la calotta superiore e far raffreddare. Riempire i dolcetti con la crema e i lamponi rimasti. Servire i bignè ben freddi.


TorTa di albicocche e noci Ingredienti per 20 fette: 750 g di albicocche fresche, 250 g di burro morbido, 200 g di zucchero integrale di canna, 4 uova, 300 g di farina tipo 0, 3 cucchiaini colmi di lievito in polvere, 1 pizzico di sale iodato, 1 cucchiaio di scorza di limone grattugiata, 150 g di gherigli di noce tritati. Preparazione: portare il forno a 180 °C (se termoventilato, a 160 °C; se a gas, al livello 3). Lavare le albicocche e incidere la buccia a croce. Tuffare i frutti in acqua bollente per qualche istante, quindi privarli della buccia e dividerli a metà, privandoli del nocciolo. Montare il burro fino a ottenere un composto schiumoso. Unirvi zucchero, uova, farina, lievito, sale, scorza di limone e

100 g di noci, mescolando bene. Versare l’impasto in uno stampo imburrato, distribuirvi le albicocche e fare cuocere in forno per circa 25 minuti. Sfornare la torta e spargere sulla superficie il resto delle noci.

TorTa di fragole al cocco Ingredienti per 12 fette: 300 g di farina tipo 00, 150 g di burro, 150 g di zucchero integrale di canna, 3 uova, 1 pizzico di lievito in polvere, pellicola trasparente, 4 cucchiai di fiocchi di cocco, 200 g di formaggio fresco, 2 cucchiai di succo di lime, 2 cucchiai di fecola di patate, 500 g di fragole, 300 ml di succo di ciliegie, 1 cucchiaino di agar-agar. Preparazione: impastare farina, burro,

100 g di zucchero, 1 uovo e il lievito usando il gancio di uno sbattitore elettrico. Avvolgere la pasta nella pellicola trasparente e farla riposare in frigorifero per 30 minuti. Portare il forno a 180 °C (se termoventilato, 160 °C; se a gas, livello 3). Fare tostare il cocco in una padellina antiaderente. Mescolare insieme il formaggio fresco, il succo di lime, lo zucchero restante, le uova rimaste e la fecola. Stendere la pasta in un disco e premerla in uno stampo da crostata (26 cm di diametro) imburrato. Farla cuocere per circa 5 minuti. Sfornarla e distribuirvi 2 cucchiai di fiocchi di cocco. Versare la crema, livellarla e cuocere il dolce in forno per circa 20 minuti. Lasciarlo raffreddare. Lavare le fragole, mondarle, tagliarle a fette. Distribu-

per chi è attento alle calorie, il consiglio è di sostituire la gelatina con l’agar-agar, dolcificante di origine naturale in stile 100% vegetariano

Torta di fragole al cocco

83


finire in bellezza

irle sulla crema. Portare a ebollizione il succo di ciliegie con l’agar-agar, seguendo le indicazioni sulla confezione. Fare intiepidire il composto e distribuirlo sulle fragole. Lasciare che l’agar-agar si addensi (per circa 30 minuti), quindi decorare con il cocco restante.

TorTine di yufka ai fruTTi di bosco Ingredienti per 12 tortine: 300 ml di latte, 1 cucchiaio di mousse alle mandorle (nelle botteghe di prodotti dietetici), 40

g di zucchero integrale di canna, 1 tuorlo, 2-3 cucchiai di fecola di patate, 12 fogli di pasta yufka (nei negozi di specialità turche o asiatiche), burro per gli stampi, 400 g di frutti di bosco (lamponi, more, ribes rosso), 2 cucchiai di zucchero a velo. Preparazione: preriscaldare il forno a 200 °C (se termoventilato, a 180 °C; se a gas, al livello 4). Portare a ebollizione il latte con la mousse di mandorle, lo zucchero e il tuorlo. Mescolare la fecola con un poco di acqua fredda, unire il ri-

cavato al latte bollente, quindi riportare a ebollizione. Usando un coltello e uno stampo, ricavare dalla pasta 24 dischi (12 cm di diametro). Sovrapporli a due a due, quindi premerli in stampini da muffin imburrati. Farli cuocere in forno per circa 7 minuti, sfornarli e lasciarli raffreddare prima di toglierli dagli stampi. Lavare i frutti di bosco e farli scolare. Togliere i chicchi di ribes rosso dai raspi. Versare la crema di latte nei gusci di pasta e distribuire i frutti di bosco. Spolverizzare con lo zucchero a velo.

Un’alternativa golosa e leggera alla pasta sfoglia è la yufka tUrca. preparata con frUmento, è totalmente priva di

Tortine di yufka ai frutti di bosco 84

grassi


NUOVO

PRESTIGIOSO EDIFICIO V e N d e s i A P PA R TA M e N T i 3 - 4 - 5 L O C A L i TUTTi CON AMPi TeRRAZZi F i N i T U R e d i A LT i s s i M O P R e G i O

PeR iNFORMAZiONi www.residenzadegliorti.it - TeLeFONO 02-70.600.466 - CeLL. 338-29.65.620


Studiare in Svizzera: l’inizio di una carriera internazionale?

“I

mparare a vivere è il fine ultimo di ogni processo educativo” L’Institut auf dem Rosenberg (San Gallo, Svizzera) si sente impegnato al rispetto di questa filosofia di Heinrich Pestalozzi fin dalla sua fondazione nell’anno 1889. Crediamo che saper vivere significhi anche saper comunicare in diverse lingue, acquisire competenze sociali, senso del dovere, un alto livello di autodisciplina, saper risolvere conflitti nel pieno rispetto delle opinioni altrui e individuare i punti di incontro. Queste abilità, acquisite dai nostri allievi con naturalezza nella vita di tutti i giorni, sono senz’altro indispensabili per chi debba occupare future posizioni dirigenziali. Ma saper vivere significa anche avere interesse per il Grande e il Bello, guardare la meraviglia della creazione con profondo rispetto, imparare ad apprezzare gli ambienti curati e l’arte in tutte le sue manifestazioni. Nel corso di più di un secolo migliaia di giovani sono stati preparati in questa cornice al lavoro e alla vita.

La scuola e i suoi obiettivi L’offerta scolastica comprende i seguenti indirizzi: Sezione Italiana, comprendente Liceo Scientifico paritario Liceo Linguistico paritario Il diploma finale, conseguito in quattro anni, consente lo studio nelle università svizzere, in quelle italiane e naturalmente nelle università di tutto il mondo. Sezione internazionale Diplomi britannici (IGCSE/GCE), e diplomi di maturità americani (High School Diploma & AP examinations). Il nostro “College Counselling Service” offre

consulenza nella scelta dei College e nella presentazione delle relative domande. Sezione tedesca Deutsches Abitur e Schweizer Maturität Corsi di lingue estivi e invernali per giovani e adulti Gli allievi, parallelamente ai loro corsi di studi, possono conseguire le principali certificazioni linguistiche (Università di Cambridge, SAT, IELTS, Goethe, DELF). Organizziamo inoltre corsi di

Per informazioni Preside Camilla Cafagna Direttrice Monica A. Schmid Höhenweg 60 • 9000 St. Gallen - Switzerland Tel. +41 71 277 92 18 - Fax +41 71 277 92 32 www.instrosenberg.ch Corsi estivi: Tel. +41 71 277 92 91 www.ariana.ch

lingue estivi e invernali in Svizzera (San Gallo, Arosa) e Austria (Seefeld). Posizione Il campus del Rosenberg, ville in stile liberty circondate da centinaia di rose, si trova da oltre un secolo sulla collina più bella della città di San Gallo. Tutto il complesso, che comprende con i campi da tennis e quelli sportivi più di 100’000 m2 emana un’atmosfera di tranquillità e pace. La vicinanza di San Gallo all’aeroporto di Zurigo e il collegamento autostradale diretto permettono di raggiungere comodamente la città. Sport e tempo libero In inverno sci, snowboard, slitta e pattinaggio, in estate tennis (sui campi dell’istituto) e sci d’acqua (con imbarcazioni dell’istituto) e durante tutto l’anno, mountain bike, arrampicate, golf, nuoto, ballo, equitazione, scherma, ecc. Il teatro di San Gallo, l’auditorium, i musei, le gallerie d’arte sono alcune delle strutture a disposizione degli allievi. Completano l’offerta per il tempo libero le escursioni nelle principali capitali europee. Il tradizionale Ballo del Rosenberg, con le esibizioni degli allievi e con gli ospiti che provengono da ogni parte del mondo, è senza dubbio il momento culminante della vita sociale dell’istituto. UNESCO Associated Schools - Logo to be used by schools

United Nations Educational, Scientific and Cultural organization

Institut auf dem Rosenberg Member of UNESCO Associated Schools


le aziende informano il gelato griffato

Class Editori 02/582191 Paolo Panerai (02/58219209) Giulia Pessani (02/58219219, gpessani@class.it)

direttore ed editore: direttore:

Ufficio centrale

Stefano Ardemagni (art director, 02/58219266, sardemagni@class.it), Marco Mereghetti (caporedattore centrale, 02/58219272, mmereghetti@class.it) Unità

organizzativa redazionale

redazione gentleman - ladies&g - mf/Personal - case&coUntry

Gioia Carozzi (fashion editor, 02/58219270, gcarozzi@class.it), Cristina Cimato (02/58219566, ccimato@class.it), Nicoletta Costa Novaro (02/58219210, ncostanovaro@class.it), Ilaria De Bartolomeis (02/58219722, idebartolomeis@class.it), Giuliana Di Paola (magazine editor, 02/58219473, gdipaola@class.it), Alessandra Oristano (02/58219242, aoristano@class.it) grafica

Cinzia Minafra (02/58219295, cminafra@class.it), Consuelo Ogueta (02/582192760, cogueta@class.it), Loredana Poggi (02/58219262, lpoggi@class.it)

Dolce&Gabbana e Magnum, aziende simbolo del made in Italy nel mondo, si uniscono in un progetto unico per festeggiare i 25 anni dell’iconico gelato che, per l’estate 2014, si presenterà in una veste totalmente inedita e creata appositamente da Domenico Dolce e Stefano Gabbana. Piacere, sensualità e italianità sono gli elementi distintivi di questa collaborazione che nasce dalla condivisione profonda di valori e filosofia e che hanno portato alla nascita di una nuova esperienza del gusto all’italiana. Il soffice gelato alla vaniglia è ricoperto da uno strato di cioccolato bianco che ne esalta il sapore e la voluttuosità. Un

morso e il croccante guscio esterno si spezza, svelando pepite di cioccolato fondente e granella di pistacchio. Questa Limited Edition s’ispira ai profumi e ai gusti della Sicilia. magnumalgida.it

segreteria

Alba Pedata (ricerca iconografica, 02/58219375, apedata@class.it), Paola Pigozzi (02/58219278, ppigozzi@class.it) Unità

organizzativa redazionale mUltimedia

gentleman - ladies&g - class

Giada Barbarani (02/58219330, gbarbarani@class.it), Laura Pizzardello (02/58219364, lpizzardello@class.it), Samantha Primati (02/58219489, sprimati@class.it), Lorenzo Sesini (grafica, 02/58219768, lsesini@class.it) Hanno collaborato: Silvana Casarotto, Carla Cerutti, Andrea Conti (revisore), Marianna Corte, Martina Malnati, Sabrina Miglio, Ottaviano Nenti, Cristina Pradella (traduzioni). immagini: Guillaume Czerw, Getty, Bob Noto, Fabio Novelli, Olycom, Massimo Pisati, RHS/Tim Sandall, Seiffe/Food Centrale/Van Kasteel, Stefano Scatà, Strauss/Van Kasteel, Wolfgang Schardt/Jalag/Van Kasteel

gestione

editoriale:

Carlo Parpinelli

Class Editori spa Presidente: Victor Uckmar vice Presidente e amministratore delegato:

Paolo Panerai vice Presidenti: Pierluigi Magnaschi, Luca Panerai consiglieri delegati: Gabriele Capolino, Andrea Mattei consigliere Per le strategie e lo svilUPPo: Angelo Sajeva

Responsabile dati personali: Class Editori spa - via M. Burigozzo 5 - 20122 Milano Concessionaria pubblicità Class Pubblicità spa

direzione generale: Milano - via M. Burigozzo 8 - tel. 02/58219522 - fax 02/58219560 sede legale e amministrativa: Milano - via M. Burigozzo 5 - tel. 02/58219.1 class roma: Roma - via Santa Maria in Via 12 - tel. 06/69760855 - fax 06/6781314 Presidente: Angelo Sajeva vP sales: Gianalberto Zapponini cHief marketing officer: Domenico Ioppolo direttore commerciale: Stefano Maggini Per informazioni commerciali: mprestileo@class.it Class Editori spa - Direzione, redazione: 20122 Milano - via M. Burigozzo 5 - Tel. 02/58219.1 (30 linee) - telefax 02/58317429 - Amministrazione, abbonamenti: 20122 Milano - via M. Burigozzo 5 - Numero verde 800/822195 - fax verde 800/822196 - Prezzo per copia: Italia euro 4,50 - Svizzera ital. franchi sv. 7 - Spedizione: Abbonamento postale comma 26, art. 2, legge 549/95 - Milano

Copie arretrate: comporre il numero verde 800 822195. Risponderà la nostra segreteria telefonica dedicata esclusivamente a questo servizio. Ai non abbonati è richiesto l’invio anticipato del doppio del prezzo di copertina a Class Editori, preferibilmente mediante francobolli, o a mezzo assegno. La richiesta sarà evasa entro 30 giorni. Tariffe abbonamenti: Italia, annuale (12 numeri) euro 39,66. Se interessati a ricevere Case&Country in abbonamento consultare le pagine del giornale con le offerte speciali. Estero, via superficie, annuale, euro 72,30. Registrazione al Tribunale di Milano n. 437 del 9/10/1993. Fotolito: Adda Officine Grafiche spa - via delle Industrie 18 - 24040 Filago (Bg) - Telefono 035/4651011. Stampa: Mondadori Printing spa - via Luigi e Pietro Pozzoni 11 - 24034 Cisano Bergamasco (Bg). Distribuzione Italia: Erinne srl - via Marco Burigozzo 5 - 20122 Milano - tel. 02/58219.1 - Sole Agent for Distribution Abroad: Johnsons International News Italia spa - via Valparaiso 4 - 20144 Milano. Direttore responsabile: Paolo Panerai È un giornale

un matrimonio supremo Un matrimonio che funziona ha pochi ingredienti fondamentali: amore, complicità, intimità ma anche sogni e desideri comuni da realizzare in coppia. Magniflex pensa a rendere speciale questo giorno con la collezione Supremo, il materasso d’eccellenza, abbinato a Magnigel Memoform Standard, il cuscino che assicura il doppio del comfort. Magnifico Dual 14 della collezione Supremo è un materasso elegante e sofisticato per chi cerca il massimo del relax senza scendere a compromessi. Questo materasso multistrato offre un comfort inimitabile grazie alla combinazione dei materiali in Memoform, Magnigel Foam, Elioform ed Eliosoft. magniflex.com/italy/

sneakers alla francese Petit Bateau e Spring Court insieme per tre nuovi modelli di sneakers. C’è naturalmente la classica Spring Court a righe marinière, la tennis total white con profili blu e stringhe rosse e un modello più alto con stampa floreale vintage. A testimonianza di questo inedito matrimonio alla francese è stato creato uno speciale logo dal gusto rétro e le immagini per la campagna sono state realizzate dal fotografo Quentin Bertoux. Ma non finisce qui. Petit Bateau ha realizzato anche un mini-film, un divertente corto in cui le sneakers a cura di Class Pubblicità

ballerine invitano gli adulti a riscoprire l’innocenza dell’infanzia. I tre modelli di sneakers Spring Court sono in vendita in tutte le boutique Petit Bateau (75 euro). petitbateau.com


spirito country

Portate i fiori in

tavola

Si possono raccogliere nei prati, coltivare in giardino o acquistare via internet. I fiori eduli sono protagonisti dei piatti estivi. Dai nasturzi ai gelsomini di silvana casarotto

Il nasturzio è una pianta facile da coltivare, i suoi fiori hanno il colore del sole, dal giallo vivo al rosso del tramonto, e sono commestibili. Hanno un sapore pepato, ideali per insaporire una fresca insalata estiva (in basso).

A

l grido di «siamo quello che mangiamo» assistiamo al sopravvento dei pomodori sulle rose, dell’orto sul giardino. Il must attuale è dettato dal tema di Expo 2015 (Nutrire il pianeta) e il mondo del verde non si sottrae a questo imperativo categorico, anzi ne diventa protagonista. Il circuito Grandi Giardini Italiani (grandigiardini.it) ha presentato il suo progetto 100 Giardini per Expo 2015, un itinerario tra orti, giardini, vigneti e frutteti. Ma i fiori si prendono la loro rivincita e passano dal centrotavola (anche da lì sono stati spodestati da mazzi di carciofi e trionfi di fagiolini), direttamente al piatto. Non tutti, ovviamente, perché non sempre ciò che è bello è anche buono. Largo ai fiori eduli, dunque, che si possono raccogliere nei prati, come quelli della malva o della borragine; com-

90

perare, ma anche coltivare. Per gli acquisti su internet un riferimento è Flower to eat (www.flowertoeat.com). Questa azienda florovivaistica che si trova a Torre del Lago (Lu), tra tante varietà di piante fiorite in vaso, ha una linea di produzione specializzata in fiori commestibili bio. Vengono spediti appena colti in una vaschetta per alimenti che viene sistemata in un contenitore di polistirolo con ghiaccio secco. Il prodotto, tenuto in frigo, è garantito fresco per 10 giorni dal raccolto. Costo? 10 euro la vaschetta (contiene circa 120 fiori di viola cornuta o 25/30 nasturzi, ma si possono avere anche miste), più le spese di spedizione. «Prima la richiesta era limitata a garofanini e violette, ora vendiamo dalla begonia al gelsomino», spiega Silvia Paradisi, che segue questo settore. «Visto che coltiviamo

in serra, la stagionalità è più lunga, esclusi rose, gelsomini, calendule, borragine che vengono coltivate in terra, sempre bio». Per l’estate, chi vuole provare a fare un mini raccolto può scegliere di coltivare il nasturzio (Tropeolum majus). È una pianta coltivata come annuale che ama il sole e i suoi fiori hanno il colore del sole, compreso il rosso del tramonto. La varietà sarmentosa ha bisogno di un sostegno, a meno che non la si voglia far ricadere posizionando il vaso in alto. I fiori hanno un sapore pepato e possono insaporire un’insalata. Dalle foglie si può ottenere un buon pesto. I fiori che non finiscono nel piatto, a fine vegetazione producono un seme piuttosto grosso, da piantare la prossima primavera con ottime percentuali di riuscita. Per i nasturzi: Maian, Bosia (Cn), tel. 329/8406778.


January 18 - 23 gennaio per operatori / for trade + January 18 - 23 gennaio per operatori / for trade +

HUNTING + PESCARE February 8 - 10 febbraio per operatori e pubblico / for trade and public +

VICENZA NUMISMATICA

February 14 - 15 febbraio per il pubblico / for public +

ABILMENTE primavera February 20 - 23 febbraio per il pubblico / for public +

MONDOMOTORI

March 1 - 2 marzo per il pubblico / for public +

VICENZAORO SPRING

March 15 - 16 marzo + March 20 - 23 marzo per il pubblico / for public

May 10 - 13 maggio per operatori / for trade

+

VICENZAORO FALL

GITANDO.ALL

April 3 - 6 aprile per operatori e pubblico / for trade and public +

MED.IT

April 10 - 11 aprile per operatori / for trade +

PHARMA.IT

April 11 - 13 aprile per operatori / for trade +

ORIGIN PASSION AND BELIEFS

May 8 - 10 maggio per operatori / for trade May 11 maggio per operatori e pubblico / for trade and public +

+ September 6 - 10 settembre per operatori / for trade +

ABILMENTE autunno October 16 - 19 ottobre per il pubblico / for public +

VICENZAORO WINTER January 23 - 28 gennaio per operatori / for trade +

MONDOMOTORI

February 28 - March 1 28 febbraio – 1 marzo per il pubblico / for public

CONNECTING THE WORLD

CONNECTING THE WORLD

T-GOLD

SPAZIOCASA SPOSIAMOCI

CONNECTING THE WORLD

VICENZAORO WINTER

2014 2015

DATE SOGGETTE A POSSIBILI VARIAZIONI

CONNECTING THE WORLD


Case country giugno 2014  

Il piacere di vivere e viaggiare la campagna

Case country giugno 2014  

Il piacere di vivere e viaggiare la campagna

Advertisement